Struttura logica di un programma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Struttura logica di un programma"

Transcript

1 Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati (cioè l elaborazione dei dati in input) la visualizzazione dei risultati dei calcoli in output In Visual Basic il primo e l ultimo dei tre passi indicati (l input e l output dei dati) sono eseguibili tramite l interfaccia utente. È quindi importante progettare un interfaccia che accetti i dati e restituisca i risultati. Il secondo compito (l elaborazione) viene in genere portato a termine da una serie di istruzioni in Visual Basic; la scelta e l ordine di tali istruzioni sono determinati da un appropriato algoritmo, ossia una strategia logica e d ordine per trasformare i dati in ingresso nei dati in output desiderati. Componenti di un programma Visual Basic In Visual Basic un programma viene indicato con il termine progetto. Ogni progetto consiste in almeno due file separati: un file di progetto(con estensione.vbp), e un file di form (con estensione.frm). Alcuni progetti contengono molti file di form e altri tipi di file, come i moduli di classe (estensione.cls), i moduli di codice standard (estensione.bas) e i controlli ActiveX (estensione.ocx). L ambiente Visual Basic Per entrare nell ambiente Visual Basic si deve fare clic con il mouse sull icona del programma presente sul desktop: verrà aperto il gruppo di finestre mostrato in figura ()

2 Si può quindi accedere all area di lavoro per iniziare un nuovo progetto confermando l opzione di default Nuovo/EXE standard, oppure selezionando Nuovo progetto dal menu File. In alternativa si può aprire un progetto esistente attivando la scheda Esistente o la scheda Recente, quindi selezionando il progetto desiderato. Un altro modo ancora di aprire un progetto esistente è di scegliere il comando Apri progetto dal menu File, quindi selezionare il file da aprire. Se si sceglie di creare un nuovo progetto, viene visualizzato il seguente gruppo di finestre Finestra del Form Barra dei menu Finestra Gestione progetti Barra del titolo Barra degli strumenti Standard Casella degli strumenti Finestra di progetto Finestra proprietà Finestra Disposizione Form Si focalizzi l attenzione sulla finestra del form. Il form è la vera e propria finestra del programma che si realizzerà; lo si può immaginare come un contenitore dentro cui si inseriscono tutti i controlli di cui il programmatore avrà bisogno, per esempio: Finestre di testo, utili sia per la fase di input sia per la fase di output Pulsanti di comando; facendo clic con il mouse su di essi si avvierà l elaborazione vera e propria dei dati Finestre grafiche (picture box), utili per la restituzione grafica della fase di output

3 Etichette (label), utili, per esempio, per individuare in quale casella di testo inserire lo specifico dato o per sapere che tipo di output verrà visualizzato in una casella di testo generica. Picture Box Etichetta Casella di testo Pulsante di comando Si può selezionare un controllo dalla Casella degli strumenti e disporlo nella finestra del form con un doppio clic sull icona (così facendo quest ultima viene posta nel centro del form), oppure con un singolo clic sull icona stessa, seguito da un clic sull area in cui la si vuole posizionare: le dimensioni sono attribuite per trascinamento. Esempio di programma in Visual Basic Si supponga di dover realizzare un programma che riceve in fase di input due numeri reali e restituisce in fase di output la loro media aritmetica; alla luce di quanto detto all inizio possiamo fare la seguente distinzione: Fase di input: occorrerà inserire nel form due caselle di testo, una per ogni numero in ingresso, nonché due etichette per distinguere una casella di testo dall altra Fase di elaborazione dati: occorrerà un pulsante di comando che, una volta fatto clic su di esso, calcoli la media dei due numeri Fase di output: occorrerà una casella di testo all interno della quale venga visualizzata la media aritmetica, nonché un etichetta per indicare all utente che in questa casella di testo ci sarà l output. Riepilogando, andranno inseriti nel form tre caselle di testo, tre etichette e un pulsante di comando; terminato l inserimento il form apparirà come in figura.

4 Si supponga che in text1 e in text2 si inseriscano i due numeri (fase di input): bisognerà per prima cosa eliminare le diciture text1 e text2 e sostituire alle espressioni label1 e label2 le espressioni input1 e input2. Tali operazioni si eseguono nel seguente modo: Selezionare la casella di testo text1 con il mouse Andare nella finestra proprietà, selezionare la proprietà text e cancellarne l espressione text1 Prima Dopo

5 Risultato Analogo ragionamento si può seguire per le caselle di testo Text2 e Text3. Per quanto riguarda le etichette, una volta selezionate occorre andare nella finestra proprietà, selezionare la proprietà caption (caption è il nome dell oggetto sulla schermata del form, mentre name è il nome dell oggetto all interno del codice di calcolo) e digitare input1 per la prima etichetta e input2 per la seconda. Prima Dopo

6 Risultato Ripetendo lo stesso procedimento per Label2, Label3 (si scriverà Media), e rinominando il pulsante di comando Calcola Media (sempre facendo clic su di esso, andando in finestra proprietà e scrivendo in corrispondenza di Caption Calcola Media), si otterrà la seguente schermata Naturalmente l interfaccia grafica si può ancora migliorare: per esempio le etichette si possono avvicinare ulteriormente alle caselle di testo corrispondenti (basta selezionarle con il mouse e ridimensionarle manualmente); inoltre la dicitura delle etichette può essere allineata in maniera centrata (basta scegliere per ogni etichetta selezionata dalla finestra proprietà Alignment e

7 selezionare Center). Inoltre si possono anche diminuire le altezze di ogni casella di testo (sempre manualmente una volta selezionate con il mouse); si possono avvicinare tutti gli oggetti tra di loro con la stessa tecnica di selezione e trascinamento con il mouse. Si può anche aggiungere un pulsante di comando che si chiamerà Esci (quindi la sua Caption sarà Esci, seguendo ovviamente la stessa procedura effettuata per il pulsante di comando Calcola Media). Tale pulsante avrà, ovviamente, la funzione di far uscire l utente dal programma. Infine si può ridimensionare il form stesso (sempre con la stessa tecnica di selezione con il mouse e di trascinamento del lato orizzontale in basso). A questo punto bisogna iniziare la fase di progettazione vera e propria: bisogna far capire al programma che premendo il tasto Calcola Media esso deve effettivamente calcolare la media aritmetica dei due numeri immessi): facendo doppio clic su Calcola Media apparirà il codice relativo a tale pulsante. All interno di questa finestra la prima e l ultima linea di codice sono fornite automaticamente, separate da una linea bianca di spazio: i comandi effettivi vanno inseriti fra queste due linee. Si focalizzi l attenzione sull intestazione Command1_Click: nonostante il pulsante abbia come caption Calcola Media (cioè sul pulsante di comando si legge Calcola Media) all interno del codice conserva ancora Command1 (questa è la proprietà Name, cioè come si chiama il pulsante all interno del codice; per modificare anche la Name basta andare nella finestra proprietà, selezionare Name e scrivere una dicitura nuova). Inoltre dopo Command1 c è _Click: questo significa che l elaborazione comincia quando si fa click con il mouse sul pulsante Calcola Media (o Command1 facendo riferimento alla Name).

8 A questo punto si può aggiungere il seguente codice: La prima linea di codice inserita è una dichiarazione di variabile, la quale afferma che a e b sono variabili reali a doppia precisione; le rimanenti quattro linee di codice sono istruzioni di assegnazione, con le quali l informazione rappresentata dall elemento a destra dell uguale viene assegnata all elemento a sinistra dell uguale. Nella prima istruzione alla variabile a viene assegnato il Valore numerico (Val) di ciò che viene scritto (.text) nella casella di testo input1 (la cui Name è Text1); poiché ciò che si scrive nella casella di testo è una stringa di caratteri la funzione Val converte tale stringa in un valore numerico. Analogo ragionamento vale per la seconda istruzione di assegnazione; nella terza si scrive la definizione di media aritmetica tra due punti, mentre nella quarta istruzione il valore c (convertito in stringa tramite la funzione Str) verrà visualizzato nella casella di testo Media (la cui Name è Text3). Resta da inserire il codice per il pulsante Esci: seguendo le stesse modalità del pulsante precedente, basta aggiungere la riga di comando End dopo aver fatto doppio clic su di esso. Per l esecuzione del programma basta fare clic sul pulsante Avvia della barra degli strumenti Standard)

9 Pulsante Avvia Moduli e Routine I grandi programmi sono molto più maneggevoli se suddivisi in moduli, ciascuno dei quali contiene parti del codice che copre l intero progetto. Visual Basic supporta diversi tipi di moduli, per esempio: Moduli di form: contengono dichiarazioni, routine di evento (verranno definite in seguito) e varie informazioni relative ai rispettivi form e controlli. Essi sono memorizzati in file identificati dall estensione.frm. ogni volta che si aggiunge un nuovo form a un progetto e lo si salva, si crea un modulo di form separato (cioè un nuovo file.frm). Un nuovo form può essere creato selezionando Inserisci form dal menu Progetto di Visual Basic Moduli standard: contengono dichiarazioni e routine cui si può accedere da altri moduli, e sono memorizzati in file identificati dall estensione.bas. Possono essere creati selezionando Inserisci modulo dal menu Progetto di Visual Basic. Una routine, o procedura, è un insieme di comandi, di istruzioni che fanno compiere al programma delle azioni specifiche. I moduli molto estesi vengono di solito suddivisi in più routine, per diverse ragioni. Innanzitutto esse eliminano la ridondanza (cioè la ripetizione di un medesimo gruppo di istruzioni in differenti punti del programma), inoltre migliorano la leggibilità del programma componendolo in parti più piccole, più concise dal punto di vista logico. In seguito si analizzeranno: subroutine routine di evento funzioni SubRoutine Nella sua forma più semplice, una subroutine è scritta nel seguente modo: Sub nome_routine (argomenti). istruzioni. End Sub Il nome della routine (nome_routine) non può essere uguale a un nome di una costante o variabile presenti nel medesimo modulo. L elenco degli argomenti è opzionale; essi rappresentano l informazione che è trasferita nella routine dall istruzione chiamante (si veda successivamente l esempio per chiarimenti). Ogni argomento è scritto come una dichiarazione di variabile:

10 nome_argomento As tipo di dato Il tipo di dato può essere omesso se l argomento è un variant; argomenti multipli devono essere separati da virgole. Se non sono presenti argomenti, nell istruzione Sub deve apparire una coppia di parentesi vuota. Esempio di definizione di una subroutine che determina il più piccolo tra due numeri. Sub smallest (a,b) Dim Min If (a <= b) Then Min = a Else Min = b End if Text3.text=str(Min) End Sub Questa routine possiede due argomenti, a e b, entrambi variant. La routine confronta i valori dei due argomenti,determina quale valore è più piccolo, quindi lo mostra in una casella di testo (Text3 lo si capirà successivamente). Si noti che la variabile Min è una variant definita localmente nella routine. A una subroutine si può accedere da un punto qualsiasi dentro al modulo attraverso l istruzione Call: Call nome_routine (argomenti) La lista degli argomenti Call deve accordarsi con la lista degli argomenti nella definizione di routine per numero, ordine e tipo di dati. Tuttavia i rispettivi nomi possono essere differenti. Quindi se la definizione di routine include tre argomenti i cui dati sono rispettivamente di tipo single e integer, l istruzione Call deve pure contenere tre argomenti i cui dati sono di tipo single e integer. Tuttavia non occorre che i nomi degli argomenti siano uguali ai nomi degli argomenti nell istruzione Call; per esempio gli argomenti nella definizione di routine chiamati a, b potrebbero, dentro l istruzione Call, essere chiamati x e y. Quando si accede alla subroutine, i valori degli argomenti all interno della parte chiamante (i valori a cui fa riferimento l istruzione Call nome_routine (x,y)) diventano disponibili agli argomenti appartenenti alla stessa subroutine; quindi, i valori degli argomenti sono trasferiti dalla parte chiamante del programma alla subroutine. Inoltre se il valore di un argomento della subroutine viene modificato all interno di essa, la variazione sarà riconosciuta nella parte chiamante del programma (si veda l esempio successivo per maggiori chiarimenti). Esempio Si consideri un programma Visual basic che utilizzi la subroutine vista in precedenza; il programma determina il più piccolo tra due numeri e visualizza il risultato

11 Il codice relativo è il seguente: Quando l utente clicca sul pulsante Calcola minimo, si attiva la routine di evento Command1_click(). Questo comporta che i due valori inseriti nelle caselle di testo siano convertiti in valori numerici e assegnati alle variabili x, y. Questi valori vengono trasferiti alla subroutine Smallest tramite l istruzione Call. Nella subroutine smallest gli argomenti (cioè i valori di x e y nella routine di evento) sono indicati come a e b. La subroutine determina quale argomento rappresenta il minimo e lo mostra nella casella di testo relativa.

12 Routine di evento Le routine di evento dovrebbero essere a questo punto familiari: una routine di evento è uno speciale tipo di subroutine. Ad essa si accede attraverso alcune specifiche azioni, come cliccare su un oggetto (come un pulsante di comando) Funzioni Una funzione è simile a una subroutine, con un importante differenza: una funzione deve restituire un singolo dato!!! Ogni nome di funzione perciò rappresenta un dato e ad esso è associato un tipo di dato. Nella definizione di una funzione, al nome della funzione deve essere assegnato il valore da restituire, come se il nome della funzione fosse una ordinaria variabile Function nome_funzione(argomenti) As tipo di dato istruzioni nome_funzione = End Function Come per una subroutine, l elenco degli argomenti rappresenta l informazione trasferita nella routine di funzione dall istruzione chiamante: ogni argomento è scritto come una dichiarazione di variabile: nome_argomento As tipo di dato Esempio Definizione della funzione Fattoriale Function Factorial (n As Integer) As Long Dim i As integer Factorial =1 For i =1 to n Factorial=Factorial * i Next i End Function Ad una funzione si accede nel medesimo modo di una funzione di libreria (viste prima), scrivendo cioè il nome della funzione e i suoi argomenti come espressione. Pertanto, il nome della funzione (e i suoi argomenti) possono assegnati a un altra variabile. La lista degli argomenti nell accesso alla funzione deve accordarsi con la lista degli argomenti nella definizione di funzione per numero, ordine e tipo di dato. Come con le subroutine i nomi degli argomenti nell accesso alla funzione possono essere differenti dai nomi degli argomenti usati nella definizione della funzione

13 Visibilità L ambito di visibilità si riferisce alla parte di programma in cui una routine (o una variabile o una costante) viene riconosciuta (cioè se una routine può essere usata da tutti i form oppure solo da quelli in cui essa è dichiarata a livello di codice, per esempio). La visibilità di una subroutine è determinata dall identificatore Public o Private che precede il nome della routine stessa: Public Sub nome_routine (argomenti) oppure Private Sub nome_routine (argomenti) Analogamente, la visibilità di una funzione è determinata tramite Public Function nome_routine (argomenti) As tipo di dato oppure Private Function nome_routine (argomenti) As tipo di dato A una routine Public si può accedere da qualsiasi modulo o form del programma, mentre una routine Private sarà riconosciuta solo all interno del modulo o del form in cui è definita. L impostazione predefinita è Public, quindi se una routine definita dal programmatore non include una specificazione Public/Private, si assume che sia Public. Occorre precisare che le routine di evento includono automaticamente la designazione Private quando sono create. Quando si accede a una routine Public da un modulo o form diverso da quello contenente la routine stessa, per accedere ad essa basta digitare nel codice: Call nome_form.nome_routine (argomenti) Analogamente si accede alle funzioni, con il nome del form contenente la definizione della funzione a precedere il nome della funzione: Variabile = nome_form.nome_funzione (argomenti) Le variabili e le costanti con nome che sono definite in una routine sono locali a quella routine. Tuttavia, le variabili e le costanti possono essere dichiarate dentro un modulo o form, esternamente a qualsiasi routine definita in quest ultimo (vedere esempio per maggiori chiarimenti). Tali variabili possono essere dichiarate Public o Private: Private nome_variabile As tipo di dato oppure Public nome_variabile As tipo di dato Nel primo esempio (Private), la variabile sarà riconosciuta in qualsiasi punto del modulo di form o standard in cui è dichiarata, ma non in altri moduli. A una variabile Public può essere fatto riferimento in altri moduli o form tramite : nome_form.nome_variabile Esempio Si voglia sempre costruire un programma che calcoli il minimo tra due numeri: questa volta si vogliono utilizzare due form, e si vuole dichiarare le variabili rappresentanti i due numeri in ingresso come Public. Inoltre si vuole utilizzare un modulo standard

14 Innanzitutto bisogna inserire il secondo form nel progetto: bisogna selezionare dal Menu Progetto Inserisci Form

15 A questo punto bisogna inserire anche il modulo standard (.bas) nel progetto. Tale modulo permette di riutilizzare il più possibile il codice già scritto, specie se i programmi si fanno più complessi. Per questo motivo spesso si memorizzano nei moduli le procedure e le funzioni, invece di lasciarle collegate a un form. Un modulo standard è il punto in cui si inserisce il codice che deve essere accessibile a tutte le parti di un progetto (come se fosse un form super partes ). Esso non ha componenti visive come i form e, come già detto, può essere sfruttato per riutilizzare il codice. Per l inserimento nel progetto di un modulo basta seguire la seguente procedura Si può notare come nei due menu a tendina ci sia la combinazione (generale)-(dichiarazioni): questa è la parte in cui bisogna dichiarare le variabili public; il codice completo è visualizzato nella pagina successiva.

16 Quando l utente preme su calcola minimo (una volta inseriti i dati) si avvia la routine di evento Command1_Click() del form1; essa tramite l istruzione Call richiama prima la routine di inserimento dati dal modulo1 e successivamente la routine smallest. Quest ultima, dopo aver calcolato il valore minimo, rende visibile il form2 tramite l istruzione form2.visibile=true e inserisce il valore del minimo nella casella di testo del form2. Se l utente preme nel form2 sul pulsante visualizza numeri si attiva la routine di evento Command2_Click(), la quale memorizza le variabili public sotto diverso nome per poi visualizzarle nelle due caselle di testo del form2. Il significato delle routine Command1_Click() del form2 e Command2_Click() del form1 appare ovvio!!! Lo studente verifichi per esercizio come la sostituzione del codice di Command2_Click() del form2 con: Form2.Text2.text=Str(x) Form2.Text3.text=Str(y) conduca allo stesso risultato!!!

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

1. Le macro in Access 2000/2003

1. Le macro in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 1. Le macro in Access 2000/2003 Per creare una macro, si deve aprire l elenco delle macro dalla finestra principale del database: facendo clic su Nuovo, si presenta la griglia che permette

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1 Lezione di Visual Basic Prof.ssa Paola Goi 1 VISUAL BASIC E un ambiente di programmazione che permette una programmazione: VISUALE AD EVENTI Per creare programmi applicativi nel sistema operativo Windows.

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

IL LINGUAGGIO Visual Basic

IL LINGUAGGIO Visual Basic Caratteristiche del linguaggio VB Linguaggio basato sugli eventi IL LINGUAGGI Visual Basic I programmi non sono procedurali, poiche non seguono una sequenza operativa. gni programma si basa infatti su

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic LIBRERIA WEB 6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic PROGETTO Il centro sportivo Olympic organizza corsi di tipo diverso: nuoto, danza, karate, ecc. Ogni corso ha un unico istruttore prevalente,

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti I

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera WORD per WINDOWS95 1.Introduzione Un word processor e` come una macchina da scrivere ma con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera ed appare sullo schermo. Per scrivere delle maiuscole

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel Esercitazione Exel: il foglio di lavoro B.1 Introduzione Exel è un applicazione che serve per la gestione dei fogli di calcolo. Questo programma fa parte del pacchetto OFFICE. Le applicazioni di Office

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite Microsoft Excel Corso presso la scuola G. Carducci E. Tramontana E. Tramontana - Excel - Settembre -2010 1 Apertura Excel Avviare tramite Avvio>Programmi>Microsoft Office>Microsoft Excel Oppure Cliccare

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 MANCA COPERTINA INDICE Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 epico! è distribuito nelle seguenti versioni: epico!

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico Parte 6 Fogli Elettronici: MS Excel Elementi di Informatica - AA. 2008/2009 - MS Excel 0 di 54 Foglio Elettronico Un foglio elettronico (o spreadsheet) è un software applicativo nato dall esigenza di:

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

Microsoft Access 2000

Microsoft Access 2000 Microsoft Access 2000 Corso introduttivo per l ECDL 2004 Pieralberto Boasso Indice Lezione 1: le basi Lezione 2: le tabelle Lezione 3: creazione di tabelle Lezione 4: le query Lezione 5: le maschere Lezione

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

MANUALE TECNICO n. 17.02 AGGIORNATO AL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE

MANUALE TECNICO n. 17.02 AGGIORNATO AL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE MANUALE TECNICO N.17.02 DEL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE Indice Impostazioni risoluzione scanner Canon (DR C125 e DR M140) Pag. 2 Premessa Pag. 5 Gestione Documentale in Suite Modello 730 Pag. 5 Gestione

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Aggiornamento programma da INTERNET

Aggiornamento programma da INTERNET Aggiornamento programma da INTERNET In questo documento sono riportate, nell ordine, tutte le operazioni da seguire per il corretto aggiornamento del ns. programma Metodo. Nel caso si debba aggiornare

Dettagli

CREARE UN JUKEBOX CON POWERPOINT

CREARE UN JUKEBOX CON POWERPOINT CREARE UN JUKEBOX CON POWERPOINT La creazione di un Jukebox con PowerPoint ti consentirà di sfruttare alcune interessanti funzioni di questo programma, che potrai riutilizzare in futuro anche per altri

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database Microsoft Access Introduzione alle basi di dati Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale limitato Meccanismi di sicurezza, protezione di dati e gestione

Dettagli

A. Carullo Introduzione a Visual Basic. Introduzione a

A. Carullo Introduzione a Visual Basic. Introduzione a Introduzione a Visual Basic 1 Indice degli argomenti trattati Cos è Visual Basic? L ambiente di sviluppo Visual Basic I passi per la creazione di un progetto VB Operazioni più comuni in un progetto VB

Dettagli

Corso base di informatica

Corso base di informatica Corso base di informatica AVVIARE IL COMPUTER Per accendere il computer devi premere il pulsante di accensione posto di norma nella parte frontale del personal computer. Vedrai apparire sul monitor delle

Dettagli

Archimede Beta 1. Manuale utente

Archimede Beta 1. Manuale utente Archimede Beta 1 Manuale utente Archimede (Beta 1) Antares I.T. s.r.l. Indice Prerequisiti... 3 Installazione... 3 Accesso... 4 Recupero password... 4 Scadenza password... 4 Gestione Clienti... 6 Ricerca

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

Introduzione al Foglio Elettronico

Introduzione al Foglio Elettronico Microsoft Excel Introduzione al Foglio Elettronico Il Foglio Elettronico Si presenta come una grande tabella su un foglio di carta Le celle contengono differenti dati Numeri Testo Date Ecc I dati possono

Dettagli

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010 Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003 Excel 2003 Excel 2010 INTRODUZIONE A EXCEL EXCEL è un programma di Microsoft Office che permette di analizzare grandi quantità di dati (database)

Dettagli

Uso del Computer. Per iniziare. Avvia il computer Premi il tasto di accensione: Windows si avvia automaticamente

Uso del Computer. Per iniziare. Avvia il computer Premi il tasto di accensione: Windows si avvia automaticamente Per iniziare Uso del Computer Avvia il computer Premi il tasto di accensione: Windows si avvia automaticamente Cliccando su START esce un menù a tendina in cui sono elencati i programmi e le varie opzioni

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul web

On-line Corsi d Informatica sul web On-line Corsi d Informatica sul web Corso base di FrontPage Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo1 CREARE UN NUOVO SITO INTERNET Aprire Microsoft FrontPage facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba

Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba Centro Servizi Informatici Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba La presente guida ha la finalità di fornire le indicazioni per: Esportare/Importare la rubrica Webmail di Horde pg.2 Rimuovere

Dettagli

GUIDA UTENTE WEB PROFILES

GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES... 1 Installazione... 2 Primo avvio e registrazione... 5 Utilizzo di web profiles... 6 Gestione dei profili... 8 Fasce orarie... 13 Log siti... 14 Pag.

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 5 Cortina d Ampezzo, 8 gennaio 2009 FOGLIO ELETTRONICO Il foglio elettronico può essere considerato come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico)

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) 1 Aprire Access Appare una finestra di dialogo Microsoft Access 2 Aprire un

Dettagli

Shop Remote Client. Manuale Utente

Shop Remote Client. Manuale Utente Shop Remote Client Manuale Utente Indice 1 Installazione del sistema Shop Remote Client... 2 1.1 Requisiti di base... 2 1.2 Installazione del client... 2 1.3 Impostazione stampante... 3 2 Utilizzo del

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL I fogli elettronici vengono utilizzati in moltissimi settori, per applicazioni di tipo economico, finanziario, scientifico, ingegneristico e sono chiamati in vari modi : fogli

Dettagli

TEST: Word & Excel. 2014 Tutti i diritti riservati. Computer Facile - www.computerfacile.webnode.it

TEST: Word & Excel. 2014 Tutti i diritti riservati. Computer Facile - www.computerfacile.webnode.it TEST: Word & Excel 1. Come viene detta la barra contenente il nome del documento? A. barra del titolo B. barra di stato C. barra del nome D. barra dei menu 2. A cosa serve la barra degli strumenti? A.

Dettagli

Capitolo IX Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Capitolo IX Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Capitolo IX Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione della biblioteca universitaria; il

Dettagli

Realizzare una presentazione con PowerPoint

Realizzare una presentazione con PowerPoint Realizzare una presentazione con PowerPoint Indice Interfaccia di PowerPoint... 1 Avvio di PowerPoint e creazione di una nuova presentazione... 2 Inserimento di titoli e immagini... 4 Inserimento di altre

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag