CORSO DI FORMAZIONE PER TUTOR AZIENDALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI FORMAZIONE PER TUTOR AZIENDALI"

Transcript

1 CORSO DI FORMAZIONE PER TUTOR AZIENDALI ANCONA 26 e 27 settembre 2012 A CURA DELLA Dott.ssa Maria Luisa Rodriguez Montalvo

2 Dott.ssa Maria Luisa Rodriguez Laureata in Graduado Social (esperti diritto del lavoro e organizzazione aziendale - Universidad di Zaragoza) Master in Cooperazione aziendale; Master Procedimiento Laboral nei Tribunali in Diritto del Lavoro; Master in Comunicazione; Master in Contratacion individual y colectiva; Master in selezione del personale. Consulente del lavoro e membro del Consejo General de Juntas de Gobierno de G.S. y Expertos de Derecho del Trabajo di Spagna dal CONSULENTE DEL LAVORO in Italia (Prov. Ancona n. 211 dal 1996) e titolare studio professionale dal Socia fondatrice del Club Europeo di Esperti in Diritto del Lavoro Socia fondatrice dell Associazione Internazionale de Expertos en derecho del trabajo -Manuel Alonso Olea- Premio Prever Internazionale 2004 (categoria oro) per la Diffusione della cultura della sicurezza in Europa. Mencion de Honor 2007 Consejo de Titulados Superiores en Relaciones Industriales. Pluriennale esperienza nelle seguenti aree di specializzazione: Consulenza Internazionale del Lavoro Ambiente, sicurezza sui luoghi di lavoro e qualità Tutela della privacy Selezione del personale e comunicazione Docente in corsi di formazione professionale Relatrice in diversi convegni internazionali in materia di diritto del lavoro. Numerose pubblicazioni in materia di sicurezza e n. 2 edizioni del Manuale Pratico sicurezza sul lavoro.

3 I criteri distintivi tra le diverse tipologie di rapporto di lavoro

4 Il lavoro parasubordinato, autonomo, subordinato

5 Il lavoro parasubordinato Per rapporti di lavoro parasubordinato si intendono quei rapporti aventi per oggetto prestazioni di fàcere riconducibili allo schema generale del lavoro autonomo, ancorché rientranti in figure contrattuali tipiche, non ostandovi il fatto che il prestatore d opera svolga le sua attività in autonomia e con responsabilità e rischio propri. Cassazione Civile sezione Lavoro, 4 Aprile 1992, n.4152

6 Una Prestazione di opera continuativa e coordinata e prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato (Art. 409 c. 3 c.p.c.) Rapporti di collaborazione aventi per oggetto la prestazione di attività svolte senza vincolo di subordinazione a favore di un determinato soggetto nel quadro di un rapporto unitario e continuativo senza impiego di mezzi organizzati e con retribuzione periodica prestabilita (Art. 50 c.1 lett. c bis T.U.I.R.)

7 Concetto e definizione di lavoro subordinato Art c.c. Prestatore di lavoro subordinato: E prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell ambito dell impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell imprenditore. L elemento qualificante del rapporto è la subordinazione intesa quale assoggettamento del lavoratore al potere direttivo, organizzativo e gerarchico del datore di lavoro.

8 Concetto e definizione di lavoro autonomo Art c.c. Contratto d operad opera: Quando una persona si obbliga a compiere verso un corrispettivo un opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente, [ ]. Il lavoro autonomo è, inoltre, caratterizzato dall assunzione del rischio a carico del lavoratore autonomo stesso. Il lavoro autonomo viene caratterizzato dalla mancanza degli elementi vincolanti indicati per il lavoro subordinato.

9 Elementi caratterizzanti del rapporto di lavoro subordinato la subordinazione del prestatore di lavoro al poter direttivo, disciplinare e di controllo del datore di lavoro; il lavoratore è soggetto al rispetto di un orario di lavoro fisso e predeterminato; la retribuzione è predeterminata, così come le modalità di erogazione della stessa, e viene definita dal CCNL; l assenza del rischio sul risultato della prestazione; il lavoratore è inserito stabilmente nell organizzazione aziendale (organigrammi e funzionigrammi); la prestazione lavorativa viene svolta in modo continuativo.

10 Il potere disciplinare del datore di lavoro Obblighi di diligenza e fedeltà Obblighi di obbedienza Il codice disciplinare

11 Rapporti di lavoro dipendente

12 Apprendistato D.Lgs.. n. 167/2011 (Testo Unico dell apprendistato) Così come modificato dalla L. n. 92/2012 (cd. Riforma Fornero )

13 La funzione del contratto di apprendistato L apprendistato rappresenta non solo uno strumento di promozione dell occupazione giovanile, ma anche un mezzo per l integrazione tra i sistemi scuola - lavoroformazione.

14 La storia del contratto di apprendistato. L. n. 25/1955. Il contratto di apprendistato è stato introdotto dall articolo 2 della legge 19 gennaio 1955, n. 25 Disciplina dell'apprendistato

15 La storia del contratto di apprendistato. L. n. 196/1997. Successivamente, ha subito nel corso degli anni numerose modificazioni, in particolare dalla legge 24 giugno 1997 n.196: Norme in materia di promozione dell'occupazione cosiddetta legge Treu che lo ha individuato come strumento per favorire l occupazione giovanile

16 La storia del contratto di apprendistato. D. Lgs. n. 276/2003. Con il decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 (Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla l. 14 febbraio 2003, n. 30), c.d. decreto Biagi, il contratto di apprendistato diventa il principale canale di ingresso dei giovani nel mercato del lavoro secondo percorsi di qualità necessari per lo sviluppo delle competenze del lavoratore e per la produttività del lavoro

17 L apprendistato nel Decreto Biagi il decreto Biagi aveva definito il contratto di apprendistato secondo tre tipologie: 1. apprendistato per l'espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione; 2. apprendistato professionalizzante per il conseguimento di una qualificazione; 3. apprendistato per l'acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione.

18 L apprendistato nel Decreto Biagi 1. apprendistato per l'espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione: finalizzato al conseguimento di una qualifica professionale, destinato ai giovani di età compresa tra 15 e 18 anni (successivamente, con l innalzamento dell obbligo scolastico, l età minima al lavoro è stata portata a 16 anni).

19 L apprendistato nel Decreto Biagi 2. apprendistato professionalizzante per il conseguimento di una qualificazione: per il conseguimento di una qualificazione attraverso una formazione sul lavoro e un apprendimento tecnicoprofessionale, destinato ai giovani di età compresa tra 18 e 29 anni.

20 L apprendistato nel Decreto Biagi 3. apprendistato per l'acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione destinato ai giovani di età compresa tra 18 anni e 29 anni e finalizzato al conseguimento di un titolo di studio di livello secondario, di titoli di studio universitari e dell alta formazione, compresi i dottorati di ricerca, nonché per la specializzazione tecnica superiore.

21 La storia del contratto di apprendistato. D. Lgs. n. 167/2011. Attualmente, la principale fonte normativa che disciplina il contratto di apprendistato è il D.Lgs. n. 167/2011, cd. Testo Unico dell apprendistato

22 La normativa regionale dell apprendistato

23 La normativa regionale dell apprendistato Per quanto riguarda la disciplina dell apprendistato nella Regione Marche, la fonte normativa principale è la Legge regionale n. 2/2005 (art. 17, come sostituito dall'art. 1, l.r. 17 maggio 2012, n. 14.)

24 DELIBERA GIUNTA DELLA REGIONE MARCHE N. 976/2005. DISCIPLINA APPLICATIVA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

25 Il piano formativo individuale Documento da allegare al contratto di assunzione, che descrive il percorso formativo che compierà l apprendista per tutta la durata del contratto, con la formazione formale e con la formazione non formale (da espletarsi sul luogo di lavoro).

26 Contenuto del piano formativo Dati anagrafici Titolo di studio Formazione extrascolastica Dati assunzione Nominativo tutor aziendale Descrizione progettazione del percorso formativo

27 Tutor aziendale Responsabile dell intero percorso formativo definito nel piano formativo individuale Garantisce il raccordo tra struttura formativa esterna e l attività di formazione formale e non formale sul luogo di lavoro Può essere svolto dallo stesso datore di lavoro in possesso delle competenze adeguate o da lavoratore inquadrato ad un livello pari o superiore rispetto alla qualifica che dovrà conseguire l apprendista al termine del periodo di apprendistato professionalizzante

28 La nuova normativa dell apprendistato Il Testo Unico dell apprendistato (D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167). Pubblicato G.U. 10 ottobre 2011

29 Entrata in vigore della norma Pubblicato in GU 10 ottobre 2011, n. 236, il Testo Unico entra in vigore il 25 ottobre 2011.

30 Periodo transitorio Come ricordato dal Ministero del Lavoro con nota del 13 luglio 2012, l art. 7, comma 7 del Testo Unico ha previsto un periodo transitorio, alla scadenza del quale non è più possibile stipulare nuovi contratti di apprendistato ai sensi della normativa previgente (anche se quest ultima continua a disciplinare i contratti conclusi sotto la sua vigenza)

31 Termine del periodo transitorio Al termine del periodo transitorio,per i contratti stipulati dal 26 aprile 2012, le previsioni del testo Unico sostituiscono integralmente la normativa previgente, che resta in vigore solo per i contratti di apprendistato già in essere al 25 aprile 2012 e fino alla loro naturale conclusione.

32 Il campo di applicazione del T.U.: Attività pubblica (per apprendistato di tipo b. e tipo c. è esplicitamente previsto dalla legge). Aziende private; Tutti i settori

33 L apprendistato nel pubblico impiego Il Testo Unico dell'apprendistato ha permesso, per la prima volta, l'estensione del suo campo di applicazione anche al settore del lavoro pubblico.

34 Definizione Il Testo Unico dell apprendistato, all art. 1, definisce l apprendistato come un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione ed alla occupazione dei giovani.

35 Definizione Il contratto di apprendistato, pertanto, è uno speciale rapporto di lavoro subordinato (a tempo indeterminato) in forza del quale l imprenditore, nell usufruire del lavoro dell apprendista, è obbligato a fornire a quest ultimo l insegnamento necessario al raggiungimento della capacità tecnica propria di un lavoratore qualificato.

36 Definizione Il contratto di apprendistato è, alla luce di tali elementi, un contratto a causa mista, poiché la prestazione di lavoro viene scambiata non soltanto con la retribuzione, ma anche con la formazione professionale obbligatoria.

37 Tipologie Il cit. Testo Unico prevede le seguenti tipologie di contratto di apprendistato: a)apprendistato per la qualifica professionale; b)apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere; c)apprendistato di alta formazione; Allo stato attuale, è soprattutto l apprendistato professionalizzante ad avere una concreta applicazione, rimanendo le due altre tipologie, a tutt oggi, meno praticate.

38 Tipologie del contratto di apprendistato a) Apprendistato per la qualifica professionale; b) Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere; c) Apprendistato di alta formazione. Le tipologie sono essenzialmente quelle previste dalla cd. Normativa Biagi

39 Requisiti soggettivi

40 Requisiti dell apprendista: Età dell apprendista Tipologia a): apprendistato per la qualifica professionale (anche per l assolvimento dell obbligo di istruzione): 15 anni - 25 anni ;

41 Età dell apprendista Tipologia b): apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere: età compresa tra i 18 (17, per i soggetti in possesso di una qualifica professionale, conseguita ai sensi del d.lgs. n. 226/2005) e i 29 anni;

42 Età dell apprendista Tipologia c): apprendistato di alta formazione e di ricerca: età compresa tra i 18 (17, per i soggetti in possesso di una qualifica professionale, conseguita ai sensi del d.lgs. n. 226/2005) e i 29 anni.

43 Alla luce della nuove disposizioni, la disciplina del contratto di apprendistato è prevalentemente rimessa agli accordi interconfederali ovvero alla contrattazione collettiva nazionale del lavoro. Il cit. Testo Unico affida alle Regioni per lo piu la regolamentazione della materia relativa ai profili formativi dell apprendistato.

44 Requisiti oggettivi

45 Limiti quantitativi fino al Il numero complessivo di apprendisti che un datore di lavoro può assumere con contratto di apprendistato fino al , direttamente o indirettamente per il tramite delle agenzie di somministrazione di lavoro non può superare il 100% delle maestranze specializzate e qualificate in servizio presso il datore di lavoro stesso.

46 Limiti quantitativi fino al Il datore di lavoro che non ha alle proprie dipendenze lavoratori qualificati o specializzati, o che comunque ne abbia in numero inferiore a tre, può assumere apprendisti in numero non superiore a tre.

47 Esclusioni Tali limitazioni non si applicano alle imprese artigiane per le quali trovano applicazione le disposizioni di cui all'art. 4 della legge n. 443/1985 (art. 2, comma 3, D.Lgs. n. 167/2011). Il datore di lavoro può diventare tutor aziendale (anche senza dipendenti)

48 Limiti quantitativi (per tutte le tipologie). Assunzioni dal Il numero complessivo di apprendisti che un datore di lavoro potrà assumere, direttamente o indirettamente per il tramite delle agenzie di somministrazione di lavoro, non può superare il rapporto di 3 a 2 rispetto alle maestranze specializzate e qualificate in servizio presso lo stesso datore di lavoro.

49 Limiti quantitativi (per tutte le tipologie). Assunzioni dal Questo rapporto non può superare il 100 per cento per i datori di lavoro che occupano un numero di lavoratori inferiore a dieci unità.

50 Limiti quantitativi (per tutte le tipologie). Assunzioni dal Il datore di lavoro che non abbia alle proprie dipendenze lavoratori qualificati o specializzati, o che comunque ne abbia in numero inferiore a tre, può assumere apprendisti in numero non superiore a tre.

51 Percentuali di stabilizzazione Imprese con almeno 10 dipendenti: L assunzione di nuovi apprendisti è subordinata alla prosecuzione del rapporto di lavoro al termine del periodo di apprendistato, nei 36 mesi precedenti la nuova assunzione, di almeno il 50 % (30% fino al 18 luglio 2015) degli apprendisti.

52 Forma e contenuti del contratto di apprendistato

53 Forma e contenuti del contratto I principi cui gli accordi interconfederali ovvero i contratti collettivi devono uniformarsi, alla luce anche delle disposizioni introdotte dal Testo Unico, sono forma scritta del contratto, del patto di prova e del piano formativo individuale (da definire entro trenta giorni dalla stipulazione del contratto); previsione di una durata minima del contratto non inferiore a sei mesi (salvo diversa previsione dei contratti collettivi, per i datori di lavoro che svolgono attività stagionale);

54 Forma e contenuti del contratto divieto di cottimo; possibile inquadramento del lavoratore fino a due livelli inferiori rispetto ai lavoratori qualificati, ovvero retribuzione in misura percentuale e graduale alla anzianità di servizio; presenza di un tutore o referente aziendale;

55 Forma e contenuti del contratto possibilità di finanziare i percorsi formativi aziendali degli apprendisti per il tramite dei fondi paritetici interprofessionali, anche attraverso accordi con le regioni;

56 Forma e contenuti del contratto possibilità di riconoscere, sulla base dei risultati conseguiti all'interno del percorso di formazione, esterna e interna alla impresa, la qualifica professionale ai fini contrattuali e le competenze acquisite ai fini del proseguimento degli studi nonché nei percorsi di istruzione degli adulti;

57 Forma e contenuti del contratto registrazione della formazione effettuata e della qualifica professionale nel libretto formativo del cittadino (art. 2, comma 1, lett. i), D.Lgs. n. 276/2003); possibilità di prolungare il periodo di apprendistato in caso di malattia, infortunio o altra causa di sospensione involontaria del rapporto, superiore a trenta giorni, secondo quanto previsto dai contratti collettivi;

58 Forma e contenuti del contratto possibilità di forme e modalità per la conferma in servizio, al termine del percorso formativo, al fine di ulteriori assunzioni con apprendistato; divieto per le parti di recedere dal contratto durante il periodo di formazione in assenza di una giusta causa o di un giustificato motivo;

59 Forma e contenuti del contratto possibilità per le parti di recedere dal contratto con preavviso decorrente dal termine del periodo di formazione ai sensi dell art del codice civile (contratto a tempo indeterminato); (nel periodo di preavviso continua a trovare applicazione la disciplina del contratto di apprendistato). Se nessuna delle parti esercita la facoltà di recesso al termine del periodo di formazione, il rapporto prosegue come ordinario rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato

60 La durata del contratto

61 Durata Tipologia a): in considerazione della qualifica o del diploma da conseguire. Per la parte formativa, in ogni caso, non può essere superiore a tre anni (quattro in caso di diploma quadriennale regionale).

62 Durata Tipologia b): in ragione dell età dell apprendista e del tipo di qualificazione contrattuale da conseguire, secondo le disposizioni di cui agli accordi interconfederali e i contratti collettivi. Per la sua componente formativa, non può comunque essere superiore a tre anni (cinque per i profili professionali caratterizzanti la figura dell artigiano individuati dalla contrattazione collettiva di riferimento);

63 Durata Tipologia c): legata ai percorsi formativi e rimessa alle regolamentazioni regionali, in accordo con le parti sociali e le istituzioni formative.

64 Le agevolazioni

65 Le agevolazioni In virtù dell onere formativo a favore dell apprendista, il datore di lavoro che ricorre al contratto di apprendistato può usufruire di 3 tipi di benefici: normativo: inquadramento dell apprendista due livelli sotto quello previsto dal CCNL di riferimento; contributivo: riduzione dei contributi obbligatori previdenziali; esclusione degli apprendisti, salvo diversa previsione del CCNL, dal computo dei limiti numerici previsti da leggi e da contratti collettivi. Con particolare riferimento ai benefici contributivi, essi sono mantenuti per un anno dalla prosecuzione del rapporto di lavoro al termine del periodo di formazione, con esclusione dei lavoratori in mobilità assunti con contratto di apprendistato (art. 7, comma 9, D.Lgs. n. 167/2011).

66 I benefici contributivi Il datore di lavoro che assume con contratto di apprendistato gode, come già detto, di sgravi contributivi. In caso di contratto di apprendistato la contribuzione è così determinata: Aziende fino a 9 addetti: Aliquota a carico dell azienda Aliquota a carico del lavoratore Aliquota totale 1 anno di apprendistato 1,5% 5,84% 7,34% 2 anno di apprendistato 3% 5,84% 8,84% Altri anni 10% 5,84% 15,84%

67 La legge di stabilità 2012 Per i contratti di apprendistato stipulati dal 1º gennaio 2012 al 31 dicembre 2016, i datori di lavoro che occupano fino a 9 dipendenti fruiscono dell'esonero della quota di contribuzione a loro carico per i primi 3 anni di durata del contratto di apprendistato. (art. 22, comma 1, L. n. 183/2011, "c.d. legge di stabilità 2012"). La contribuzione a carico dell'apprendista resta invariata.

68 Aziende con più di 9 addetti: Aliquota a carico dell azienda Aliquota a carico del lavoratore Aliquota totale Per tutto il periodo di apprendistato 10% 5,84% 15,84%

69 È da segnalare che la Riforma Fornero ha introdotto, a decorrere dal 1º gennaio 2013, un contributo addizionale per il finanziamento dell'aspi (Assicurazione sociale per l'impiego). Tale contributo, posto a carico dei datori di lavoro per gli apprendisti artigiani e non artigiani, è pari all'1,31% della retribuzione imponibile e non è oggetto dello sgravio contributivo introdotto dalla legge di stabilità 2012.

70 Disciplina previdenziale ed assistenziale Il comma 2 dell art. 2 del cit. Testo Unico esplicita le seguenti forme di assicurazione: 1. Contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali 2. Contro le malattie 3. Contro l invalidità e la vecchiaia 4. Per maternità 5. Assegno familiare 6. Assicurazione sociale per l impiego (dal 2013).

71 LA FORMAZIONE

72 La formazione Il datore di lavoro ha l obbligo di impartire o far impartire all apprendista l insegnamento necessario perché possa qualificarsi. La formazione consiste in: addestramento pratico in azienda, per l acquisizione dell abilità nel lavoro; formazione esterna, finalizzata all inquadramento teorico delle conoscenze acquisite durante l esperienza di lavoro.

73 La formazione nell apprendistato di tipo a) Come anticipato, il nuovo Testo Unico dell apprendistato rimette alle Regioni ed alle province autonome di Trento e Bolzano, previo accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome e sentite le parti sociali, la regolamentazione dei profili formativi dell apprendistato.

74 La formazione nell apprendistato di tipo a) Tale regolamentazione deve rispettare i seguenti principi: Definizione della qualifica o del diploma professionale ai sensi del d. lgs. n. 226/2005; Monte ore di formazione interna od esterna all azienda congruo alla qualifica o al diploma professionale da conseguire; Rinvio ai ccnl per la determinazione, anche in seno agli enti bilaterali, dell erogazione della formazione aziendale, nel rispetto degli standard regionali.

75 La formazione nell apprendistato di tipo b) Con particolare riferimento all apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere il Testo Unico rimette agli accordi interconfederali ed ai contratti collettivi la disciplina della durata e dell erogazione della formazione tecnico-professionale e specialistica.

76 La formazione nell apprendistato di tipo b) La formazione professionalizzante e di mestiere svolta sotto la responsabilità della azienda, è integrata dalla formazione pubblica, interna o esterna alla azienda, per le competenze di base e trasversali. Quest ultima è disciplinata dalle Regioni, sentite le parti sociali e tenuto conto dell età, del titolo di studio e delle competenze dell apprendista (art. 4, comma 3). La formazione pubblica è prevista per un monte complessivo non superiore a 120 ore per la durata del triennio formativo.

77 La formazione nell apprendistato di tipo c) (art. 5 c.2, T.U.) Il Testo Unico dell apprendistato rimette alle regioni, in accordo con le parti sociali, le università, gli istituti tecnici e professionali e gli altri istituti di formazione, la regolamentazione e la durata del periodo di formazione nell apprendistato

78 GLI ATTORI DELL APPRENDISTATO Il tutor aziendale Il tutor didattico L apprendista

79 Il tutor aziendale In via generale, il tutor è la figura che ha il compito di affiancare l apprendista durante il periodo di apprendistato e di trasmettergli le competenze necessarie all esercizio delle attività lavorative.

80 Il tutor La funzione di tutor può essere svolta soltanto da un lavoratore qualificato designato dal datore di lavoro, ovvero, nel caso di imprese con meno di 15 dipendenti e nelle imprese artigiane, dal titolare di impresa, da un socio o da un familiare coadiuvante.

81 Il tutor Il tutor deve: possedere un livello di inquadramento contrattuale pari o superiore a quello che l apprendista conseguirà al termine dell apprendistato; svolgere attività lavorative coerenti e correlate a quelle dell apprendista; possedere almeno tre anni di esperienza lavorativa nel settore in cui opera l apprendista, salvo il caso in cui si tratti di datore di lavoro.

82 Il tutor Il tutor: affianca l'apprendista durante il periodo di apprendistato; trasmette all'apprendista l'insegnamento necessario per lo svolgimento delle attività lavorative; Favorisce l accoglienza e l'integrazione tra le iniziative esterne all'azienda e la formazione sul luogo del lavoro; entra in contatto con la struttura di formazione esterna per valorizzare il percorso di apprendimento esterno ed interno all'azienda dell'apprendista; esprime le proprie valutazioni sulle competenze professionali acquisite dall'apprendista.

83 La figura del tutor aziendale nei contratti collettivi nazionali Tuttavia, abbiamo visto in apertura che tra i principi cui gli accordi interconfederali o i contratti collettivi devono uniformarsi vi è la presenza di un tutore o di un referente aziendale.

84 Previsioni della Regione Marche sulla figura del tutor aziendale Con la delibera n. 1196, la Regione Marche ha approvato gli schemi di accordo tra la Regione Marche e le associazioni dei datori di lavoro e dei prestatori di lavoro, Università, Fondazioni ITS e Ufficio scolastico regionale per la disciplina dell apprendistato ex D.Lgs 167/2011. Gli accordi contengono anche previsioni sulla figura del tutor.

85 La figura del Tutor Didattico Introduzione del tutor didattico, quale coordinatore e facilitatore del processo formativo; riconoscimento del tutore o del referente aziendale, come definito dal Testo Unico; valorizzazione del raccordo tra tutor didattico e tutore/referente aziendale

86 Tutor didattico garantisce il monitoraggio dell avanzamento del percorso formativo dell apprendista, secondo quanto definito nel Piano Formativo Individuale, con modalità di verifica definite ed effettuata in fase intermedia, al termine di ciascun anno ed a conclusione dell intero processo

87 La figura del Tutor Didattico Tutor didattico, in raccordo con tutore o referente aziendale: Attesterà il percorso formativo acquisito dall apprendista

88 Tutor. Disciplina regionale per l apprendistato professionalizzante o di mestiere di cui all art. 4 del T.U. Le province, dopo aver sentito le parti sociali, possono organizzare, interventi formativi per i tutors o referenti aziendali, per lo sviluppo delle seguenti competenze: Comprensione della funzione del tutor Comprensione degli elementi di contrattualistica di settore o aziendale in materia di formazione Gestione dell accoglienza e dell inserimento degli apprendisti in azienda

89 Tutor. Disciplina regionale per l apprendistato professionalizzante o di mestiere di cui all art. 4 del T.U. Gestione delle relazioni con i soggetti esterni all azienda coinvolti nel percorso formativo; Capacità di contribuire alla definizione del piano formativo individuale (di competenza del datore di lavoro); Capacità di pianificare ed accompagnare i percorsi di apprendimento; Capacità di valutarne i progressi ed i risultati

90 Tutor. Accordo per la regolamentazione e la durata del periodo di apprendistato per attivita di ricerca, per acquisizione di un diploma di laurea o per percorsi di alta formazione Valorizzazione : Della figura del tutor didattico, quale coordinatore e facilitatore del processo formativo; Del raccordo tra tutor didattico e tutor o referente aziendale, per il coordinamento e la realizzazione della attività previste dal Piano Formativo Individuale

91 I settori chiave della formazione professionale: - La sicurezza nei luoghi di lavoro - La normativa sulla privacy - La normativa in materia di sicurezza degli alimenti

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI 00179 Roma P.IVA 05009061002 Via Latina, 110 Fax. 06 78 08 383 Tel. 06 78 34 66 50 06 78 34 65 73 06 78 34 61

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Scheda di lettura del Capo V Apprendistato del decreto legislativo n. 81/15 recante Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni Premessa La parte relativa

Dettagli

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO:

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO: 1 Guida ALL APPRENDISTATO 2012 Il Testo Unico approvato dal Governo italiano con il Decreto Legislativo n. 167 del 14 settembre 2011 ed entrato effettivamente in vigore a partire dal 25 ottobre dello stesso

Dettagli

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI ARTT. 41 47 D.LGS 81/2015 L È UN CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALLA OCCUPAZIONE DEI GIOVANI. TRE TIPOLOGIE: A) PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE, IL

Dettagli

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012 L apprendistato Prof. Avv. Angelo Pandolfo Milano, ottobre 2012 Definizione Natura del contratto contratto di lavoro a tempo indeterminato contratto con contenuto formativo e di apprendimento volto all

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 49 del 17 novembre 2011 Il nuovo Testo unico

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.65 del 30 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Contratto di apprendistato: con l approvazione del Jobs Act si applica anche ai disoccupati Gentile cliente, con la

Dettagli

Capo V. Apprendistato. 1. L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani.

Capo V. Apprendistato. 1. L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. Art. 40. Sanzioni 1. La violazione degli obblighi e dei divieti di cui agli articoli 33, comma 1, nonché, per il solo utilizzatore, di cui agli articoli 31 e 32 e, per il solo somministratore, di cui all'articolo

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato di alta formazione e ricerca è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei

Dettagli

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di apprendistato: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore uno dei decreti attuativi del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015, di seguito Decreto

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2011, n. 167. Testo unico dell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n.

DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2011, n. 167. Testo unico dell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2011, n. 167 Testo unico dell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. 247 con le modifiche apportate: Legge 28 giugno 2012 n.

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE CCNL TURISMO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE CCNL TURISMO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE CCNL TURISMO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in tutti

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti

yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti 2013 yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti Forma.Lab, società di consulenza e formazione, specializzata in materia di apprendistato, organizza i corsi per l acquisizione di competenze di base e trasversali

Dettagli

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato L Apprendistato Breve guida sull apprendistato Aggiornata ai D.L. n. 69/2013 del 21.6.2013 e n. 76/2013 del 28.6.2013 Definizione Che cos è il contratto di apprendistato L apprendistato è un contratto

Dettagli

1 di 10 25/06/2015 09:08

1 di 10 25/06/2015 09:08 1 di 10 25/06/2015 09:08 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge

Dettagli

L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi

L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi Decreto Poletti e Jobs Act Lucca, 11 luglio 2014 Cos è? Canale privilegiato di ingresso dei giovani nel mercato del lavoro finalizzato a formare

Dettagli

LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO

LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO PREMESSA La disciplina dell apprendistato, contenuta nella legge 25/1955, è stata oggetto

Dettagli

2. APPRENDISTATO IN SOMMINISTRAZIONE di Andrea Morzenti

2. APPRENDISTATO IN SOMMINISTRAZIONE di Andrea Morzenti 2. di Andrea Morzenti CONTRATTO DI APPRENDISTATO Decreto Legislativo n. 167/2011 (Testo Unico Apprendistato) DEFINZIONE (art. 1, comma 1) L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato

Dettagli

GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015

GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015 GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015 Il contratto di apprendistato è un contratto che prevede un periodo di formazione iniziale al

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO

IL NUOVO APPRENDISTATO IL NUOVO APPRENDISTATO 1 MODULO 4 Disciplina del rapporto di lavoro APPRENDISTATO: Formazione di base e trasversale COME FUNZIONA http://www.nuovoapprendistato.gov.it/opencms/opencms/isfol-it/ 2 COME FUNZIONA

Dettagli

APPRENDISTATO. CORSO DI FORMAZIONE 16 ore TUTORI APPRENDISTI

APPRENDISTATO. CORSO DI FORMAZIONE 16 ore TUTORI APPRENDISTI APPRENDISTATO CORSO DI FORMAZIONE 16 ore TUTORI APPRENDISTI Argomenti oggetto del corso (16 ore) Contesto in cui avviene l apprendistato (tutore, apprendista, formazione) Cenni sulla normativa nazionale

Dettagli

IL NUOVO TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO Dlgs 167/2011: Una risposta efficace al precariato. Dott. CdL Paolo Stern

IL NUOVO TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO Dlgs 167/2011: Una risposta efficace al precariato. Dott. CdL Paolo Stern IL NUOVO TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO Dlgs 167/2011: Una risposta efficace al precariato Dott. CdL Paolo Stern C era una volta un contratto semplice L 25/1955 L 56/1987 3 leggi in 42 anni!!! L 196/1997

Dettagli

ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO di BERGAMO. Avv. Patrizia Tiraboschi Foro di Bergamo. segreteria@studiolegale1raboschi.it

ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO di BERGAMO. Avv. Patrizia Tiraboschi Foro di Bergamo. segreteria@studiolegale1raboschi.it L Apprendistato professionalizzante: quadro giuridico dell is7tuto ed adempimen7 forma7vi dopo la Sentenza della Corte Cos7tuzionale n. 176 del 10/05/2010 ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO di BERGAMO Avv.

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani, pertanto la formazione

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle norme

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Il 17 aprile 2012 è stato firmato l accordo per la disciplina contrattuale dell apprendistato nel settore turismo ai sensi ed in attuazione del Dlgs 14 settembre 2011

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO

IL NUOVO APPRENDISTATO IL NUOVO APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE & RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE Sapienza Università di Roma IL NUOVO APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE & RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE 1 Introduzione La

Dettagli

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi News Unione Artigiani Ciociari Frosinone Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi OGGETTO: violazioni in materia di apprendistato. Circolare Ministero del Lavoro. Con la circolare

Dettagli

Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione

Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione Incontro informativo Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione Milano, 2 dicembre 2010 1 Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione

Dettagli

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi DISCIPLINA DEI PROFILI FORMATIVI DELL'APPRENDISTATO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE E DEL DIPLOMA PROFESSIONALE AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 2 DEL D.LGS 167/2011

Dettagli

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL Visto il D.Lgs.14 settembre 2011, n. 167 Testo unico ell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. 247 le parti concordano che la normativa presente nel ccnl firmato

Dettagli

1. Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale (art.3 d. lgs 167/2011)

1. Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale (art.3 d. lgs 167/2011) LA FORMAZIONE NELL APPRENDISTATO Riferimento normativo T.U. Apprendistato D. lgs 167/2011 Riforma del lavoro Fornero L.n. 92/2012 D.M. 28/02/2000 abrogato Circolare del Ministero del Lavoro n.5/2013 Circolare

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Il nuovo apprendistato nel Testo Unico 2011

Il nuovo apprendistato nel Testo Unico 2011 1/2 Il nuovo apprendistato nel Testo Unico 2011 Il nuovo apprendistato contenuto nel d.lgs. n. 167/2011, noto come Testo Unico dell'apprendistato, si articola su tre livelli: - l apprendistato per la qualifica

Dettagli

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Roma, Dicembre 2006 CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Premessa. Le parti stipulanti si danno reciprocamente atto che la seguente

Dettagli

Il Dottorato industriale

Il Dottorato industriale Il Dottorato industriale Milano, 16 aprile 2014 Il quadro normativo Decreto ministeriale 8 febbraio 2013, n. 45, che disciplina: a) le modalità di accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato b)

Dettagli

APPRENDISTATO T R I F I R Ò & PA RT N E R S AV V O C AT I WWW.TRIFIRO.IT

APPRENDISTATO T R I F I R Ò & PA RT N E R S AV V O C AT I WWW.TRIFIRO.IT APPRENDISTATO TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI WWW.TRIFIRO.IT TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI APPRENDISTATO A cura di Damiana Lesce Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con la Circolare n. 5 del 21

Dettagli

Apprendistato professionalizzante

Apprendistato professionalizzante Apprendistato professionalizzante Formazione esclusivamente aziendale L esperienza del CCNL Terziario Michele Tamburrelli UILTuCS Lombardia micheletamburrelli@uiltucslombardia.it Percorso logico della

Dettagli

Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio SCHEMA DI DECRETO T.U. APPRENDISTATO

Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio SCHEMA DI DECRETO T.U. APPRENDISTATO Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio SCHEMA DI DECRETO T.U. APPRENDISTATO T.U. APPRENDISTATO Il 5 maggio 2011 il Ministero del Welfare ha presentato il nuovo Testo Unico dell apprendistato,

Dettagli

NUOVO APPRENDISTATO (DLgs 167/2011) Sintesi Informativa

NUOVO APPRENDISTATO (DLgs 167/2011) Sintesi Informativa NUOVO APPRENDISTATO (DLgs 167/2011) Sintesi Informativa NOVITA Entra in vigore il 25.10.2011 e dispone l abrogazione di tutta la normativa preesistente, salvo un periodo transitorio di sei mesi (dal 25/10/2011

Dettagli

L Apprendistato in Piemonte

L Apprendistato in Piemonte L Apprendistato in Piemonte Roberto Rinaldi Unione Industriale Torino Seminario formativo LA TRANSIZIONE SCUOLA-LAVORO Confindustria, 17 luglio 2012 1 APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE L APPRENDISTATO

Dettagli

CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Legge Regionale 19 febbraio 2008, n. 3: "Disciplina in materia di apprendistato" Pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Molise n. 5 del 1 marzo 2008 CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO A GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Apprendistato.

Art. 1 Finalità. Art. 2 Apprendistato. Regione Umbria LEGGE REGIONALE 30 maggio 2007, n. 18 Disciplina dell'apprendistato. Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 25 del 06/06/2007 Il Consiglio regionale ha approvato. La Presidente della Giunta

Dettagli

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative di Umberto Buratti Biella, 27 gennaio 2012 APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO PRIMA D. lgs. n. 276/2003, art. 48 DOPO D. lgs. n. 167/2011, art.

Dettagli

Apprendistato: opportunità da non sottovalutare

Apprendistato: opportunità da non sottovalutare A cura del dottor Erminio Di Nora Apprendistato: opportunità da non sottovalutare Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, dal 1 gennaio 2012 è stata modificata la misura dei contributi

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Legge Regionale n. 20/2005 Art. 49 D.lgs. n. 276/2003 D.G.R. N. 8/15 del 28.02.2006 DIRETTIVA 1 1. PRINCIPI GENERALI 1.1. Finalità L'apprendistato ha lo scopo di consentire

Dettagli

L'apprendistato. R.S.U. Siae Microelettronica

L'apprendistato. R.S.U. Siae Microelettronica R.S.U. Siae Microelettronica L'apprendistato La materia è regolata da leggi dello Stato e dal contratto nazionale di lavoro (Ccnl) dell'industria metalmeccanica (sia della grande che della piccola impresa).

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167 PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167 Tra LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO e LE ASSOCIAZIONI DEI

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato B Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato

Dettagli

Il contratto di apprendistato in Somministrazione

Il contratto di apprendistato in Somministrazione Il contratto di apprendistato in Somministrazione Indice Contesto legale Definizione Le Fonti normative e principali caratteristiche Il rapporto Agenzia-Lavoratore-Azienda Apprendistato in somministrazione

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L APPRENDISTATO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L APPRENDISTATO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L APPRENDISTATO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 DISCIPLINA COMUNE... 5 TIPOLOGIE E REQUISITI DI ACCESSO... 6 CONFRONTO TRA VECCHIO E

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 D.lgs. 167/2011) DISCIPLINA REGIONALE

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 D.lgs. 167/2011) DISCIPLINA REGIONALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 D.lgs. 167/2011) DISCIPLINA REGIONALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 D.lgs. 167/2011) TITOLI CONSEGUIBILI

Dettagli

IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO

IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO 1 IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO E un contratto di lavoro subordinato definito a causa mista poiché prevede che l impresa/azienda impartisca o faccia impartire all apprendista assunto alle proprie

Dettagli

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 N.55 del 04.02.2013 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DTL Modena (1) Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 Le sanzioni collegate al non corretto utilizzo del

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LE PRINCIPALI NOVITA Ancona, 9 luglio 202 Stefano Carotti Carotti Rodriguez Progetti Lavoro S.r.l. www.an.camcom.gov.it La riforma del lavoro (Riforma Fornero ) Legge

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

La disciplina comune si applica a tutte le tipologie di apprendistato contenute nel presente titolo.

La disciplina comune si applica a tutte le tipologie di apprendistato contenute nel presente titolo. TITOLO IX Apprendistato Articolo 26 DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO L apprendistato è disciplinato, nelle sue quattro articolazioni tipologiche, dal decreto legislativo n. 167/2011 e dalla normativa contenuta

Dettagli

Progetto PON Supporto alla Transnazionalità Azioni transnazionali in tema di qualità delle politiche attive del lavoro per i giovani

Progetto PON Supporto alla Transnazionalità Azioni transnazionali in tema di qualità delle politiche attive del lavoro per i giovani Progetto PON Supporto alla Transnazionalità Azioni transnazionali in tema di qualità delle politiche attive del lavoro per i giovani Il sistema dell apprendistato in Italia (Scheda di presentazione rivolta

Dettagli

ACCORDO NAZIONALE DI RIORDINO DELLA DISCIPLINA DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PER I DIPENDENTI DA IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA

ACCORDO NAZIONALE DI RIORDINO DELLA DISCIPLINA DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PER I DIPENDENTI DA IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA ACCORDO NAZIONALE DI RIORDINO DELLA DISCIPLINA DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PER I DIPENDENTI DA IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA Il giorno 13 giugno 2012 in Roma presso la sede di Lega Coop si

Dettagli

ART. 12 - APPRENDISTATO

ART. 12 - APPRENDISTATO ART. 12 - APPRENDISTATO In attesa che diventi esecutiva la nuova normativa sull apprendistato ai sensi del D. Lgs. n. 276/2003, continua ad applicarsi quanto previsto dall art. 12 del precedente C.C.N.L.

Dettagli

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie Piemonte di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 25/2013 la deliberazione della Giunta regionale n. 74 5911 del 3 giugno

Dettagli

Schema riepilogativo Linee guida contratto di apprendistato professionalizzante

Schema riepilogativo Linee guida contratto di apprendistato professionalizzante Trattamento economico e normativo La categoria di inquadramento non può essere inferiore, per più di 2 livelli, alla categoria spettante, in applicazione del CCNL, ai lavoratori addetti a mansioni o funzioni

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE. D. Lgs. 14 settembre 2011 n 167

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE. D. Lgs. 14 settembre 2011 n 167 PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE di cui all art. 3 del D. Lgs. 14 settembre 2011 n 167 1 TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO e Le associazioni

Dettagli

La Regione Toscana. Premesso che

La Regione Toscana. Premesso che Allegato A PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE TOSCANA, UNIVERSITA E PARTI SOCIALI PER DEFINIRE I PROFILI FORMATIVI NEI PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE FINALIZZATI AL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE DI RICERCA

Dettagli

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani Roma, 8 giugno 2005 Uff.-Prot.n UL-EG/ap/10137/273/F7/PE Oggetto: Accordo di Rinnovo CCNL dipendenti da farmacia Privata. federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani SOMMARIO:

Dettagli

CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE FAC SIMILE Tra le seguenti parti: CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE - Signor/signora, Codice fiscale [ ], nato/a a [ ] il [ ], residente in [ ], via [ ] (di seguito per brevità: il lavoratore

Dettagli

LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE. Laura Mengoni

LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE. Laura Mengoni LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE Laura Mengoni Roma, 17 Luglio 2012 LA TRANSIZIONE SCUOLA LAVORO Contratto di apprendistato (d.lgs. 14 settembre 2011, n. 167) Nome vecchio

Dettagli

Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini

Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini www.bollettinoadapt.it, 24 giugno 2013 Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione

Dettagli

Vademecum. Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca. (Agg. 18 marzo 2013)

Vademecum. Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca. (Agg. 18 marzo 2013) Programma Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Vademecum per la costruzione di Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca (Agg. 18 marzo

Dettagli

SOMMARIO. APPRENDISTATO4.indd 3 07/01/14 11:59

SOMMARIO. APPRENDISTATO4.indd 3 07/01/14 11:59 SOMMARIO 1. CHE COS È L APPRENDISTATO... 5 2. APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE... 7 2.1 I VANTAGGI... 7 Le imprese che possono assumere... 7 I vantaggi economici dell assunzione e gli sgravi contributivi...

Dettagli

ADOTTA UN APPRENDISTA!

ADOTTA UN APPRENDISTA! ADOTTA UN APPRENDISTA! Una guida sull Apprendistato, le tipologie e gli attori Regione Lombardia è da sempre attenta alle sfide che le giovani generazioni devono affrontare nei loro percorsi di vita professionale.

Dettagli

L APPRENDISTATO NEL NUOVO CCNL TURISMO

L APPRENDISTATO NEL NUOVO CCNL TURISMO Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 06-2010 L APPRENDISTATO NEL NUOVO CCNL TURISMO Area Lavoro a cura di : Area Lavoro Silvio Moretti con la

Dettagli

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia ACCORDO tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Regione Lombardia SPERIMENTAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI IN APPRENDISTATO PER L ESPLETAMENTO

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

TIROCINI E APPRENDISTATO LINEE GUIDA E ULTIME NOVITA

TIROCINI E APPRENDISTATO LINEE GUIDA E ULTIME NOVITA TIROCINI E APPRENDISTATO LINEE GUIDA E ULTIME NOVITA 1 L apprendistato e i tirocini formativi hanno in comune l obiettivo di facilitare l inserimento dei giovani nel mondo del lavoro mediante un esperienza

Dettagli

Apprendistato formazione e studi professionali

Apprendistato formazione e studi professionali Apprendistato formazione e studi professionali Danilo Papa La formazione in apprendistato costituisce un elemento fondamentale che, anche in relazione alla nuova disciplina contenuta nel D.Lgs. n. 167/2011,

Dettagli

ALLE UNIONI REGIONALI Arch. n. 4 / H

ALLE UNIONI REGIONALI Arch. n. 4 / H Roma, 26 febbraio 2013 Circ. n. 45 / 2013 ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI Prot. n. 111 / AS ALLE UNIONI REGIONALI Arch. n. 4 / H AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

Una sperimentazione di percorsi di apprendistato tra scuola e azienda Progetto Poiesis: il sapere produttivo

Una sperimentazione di percorsi di apprendistato tra scuola e azienda Progetto Poiesis: il sapere produttivo Una sperimentazione di percorsi di apprendistato tra scuola e azienda Progetto Poiesis: il sapere produttivo Prot. 3403/I1 Premessa La presente proposta intende qualificare la valenza formativa delle esperienze

Dettagli

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE A cura di Avv. Prof. Gabriele Fava Presidente Studio Legale FAVA&ASSOCIATI www.favalex.it 1 Introduzione L apprendistato è stato oggetto di numerose modifiche

Dettagli

L.R. 76/1982, art. 4, c. 1, lett. c) e art. 53 B.U.R. 23/5/2012, n. 21 L.R. 18/2005, art. 61

L.R. 76/1982, art. 4, c. 1, lett. c) e art. 53 B.U.R. 23/5/2012, n. 21 L.R. 18/2005, art. 61 L.R. 76/1982, art. 4, c. 1, lett. c) e art. 53 B.U.R. 23/5/2012, n. 21 L.R. 18/2005, art. 61 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 maggio 2012, n. 0101/Pres. Regolamento di disciplina dell offerta formativa

Dettagli

APPRENDISTATO DOMANDE PIÙ FREQUENTI FAQ

APPRENDISTATO DOMANDE PIÙ FREQUENTI FAQ APPRENDISTATO DOMANDE PIÙ FREQUENTI FAQ 2014 Indice 1. QUESITI NORMATIVI / CONTRATTUALI...6 1.1 Quale disciplina si applica al contratto di apprendistato?...6 1.2 Quali sono le differenze tra le tre tipologie

Dettagli

Prime osservazioni su: la Riforma del Lavoro

Prime osservazioni su: la Riforma del Lavoro Prime osservazioni su: la Riforma del Lavoro A cura di Luca Caratti Consulente del lavoro in Vercelli Obiettivi della riforma Macro: realizzare un mercato del lavoro dinamico, flessibile e inclusivo, capace

Dettagli

Modello di contratto. Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale

Modello di contratto. Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale Modello di contratto Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale MODELLO DI CONTRATTO DI APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE ex art. 3, d.lgs. n. 167/2011... [Datore

Dettagli

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato professionalizzante

Dettagli