L.A.S. A.MODIGLIANI PADOVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L.A.S. A.MODIGLIANI PADOVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMAZIONE"

Transcript

1 L.A.S. A.MODIGLIANI PADOVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMAZIONE Il Liceo Artistico Modigliani, dopo un primo biennio comune, si articola in due indirizzi: ARCHITETTURA E AMBIENTE e ARTI FIGURATIVE. I docenti del Dipartimento di Discipline Pittoriche sono coinvolti nelle seguenti discipline nel primo biennio: DISCIPLINE PITTORICHE LABORATORIO ARTISTICO nel secondo triennio dell'indirizzo Arti Figurative : DISCIPLINE PITTORICHE LABORATORIO DELLA FIGURAZIONE nel secondo triennio dell'indirizzo Architettura e Ambiente : LABORATORIO DELLA FIGURAZIONE Nei due indirizzi Il LABORATORIO DELLA FIGURAZIONE del secondo biennio è stato modulato secondo quanto deliberato dal Collegio Docenti, utilizzando la quota oraria prevista dall art.10 del DPR15/3/2010 n. 89 e opererà in sinergia con il LABORATORIO DI ARCHITETTURA costituendo un'area di Progetto la cui programmazione è allegata. Il LABORATORIO ARTISTICO nel primo biennio sarà assegnato a rotazione quadrimestrale alle tre discipline artistiche presenti nel Liceo. Il Dipartimento di Discipline Pittoriche individua le linee programmatiche al fine di favorire, da parte di studenti e famiglie, una scelta consapevole dell indirizzo Arti Figurative a partire dal terzo anno. A tal fine nel presente documento si danno le indicazioni per l elaborazione di una programmazione biennale, mentre si rimanda alla programmazione del DIPARTIMENTO DI LABORATORIO ARTISTICO per quanto riguarda gli obiettivi comuni alle tre discipline artistiche, i contenuti e le metodologie. Il Laboratorio Artistico si propone di sviluppare le seguenti competenze relative : all'utilizzo consapevole di materiali strumenti e supporti. all'utilizzo delle teorie compositive alla comunicazione attraverso le immagini bidimensionali, tridimensionali e in movimento. alla configurazione e strutturazione d insieme dell elaborato all iter progettuale La composizione in tutte le sue declinazioni sarà la base comune e trasversale su cui impostare, di concerto con l'insegnante dell'altro quadrimestre, la programmazione disciplinare. La capacità di lavorare in gruppo è una delle competenze fondamentali su cui impostare la programmazione. Il Dipartimento individua gli OBBIETTIVI MINIMI DEL BIENNIO, obiettivi che considera essenziali per il proseguimento degli studi qualsiasi sia l'indirizzo scelto dallo studente. Saper individuare la struttura di una forma o di un oggetto Saper individuare e rendere correttamente le proporzioni Saper individuare i rapporti spaziali e gli elementi di base della composizione visiva. Saper utilizzare le modulazioni del segno e del chiaroscuro Saper controllare e variare il grado di definizione dell immagine Conoscere gli elementi di base della fenomenologia del colore (Primarietà, complementarietà), degli gli attributi del colore (tinta, saturazione e luminosità), e le varianti percettive: (il fenomeno dei contrasti)

2 Al termine del Primo Biennio si certificano le competenze usando il seguente modulo: Certificazione delle competenze alla fine del biennio Asse dei Linguaggi non verbali Discipline Pittoriche alunna/o... classe... competenze competenza parzialmente acquisita competenza raggiunta competenza pienamente raggiunta Sviluppare l'osservazione come metodo di conoscenza del dato reale al fine di rappresentarlo e/o trasfigurarlo. Saper utilizzare le conoscenze tecniche e procedurali relative ai diversi modi e funzioni del disegnare e del dipingere Saper utilizzare consapevolmente gli elementi grammaticali di base della composizione visiva. La valutazione dell'acquisizione delle competenze del biennio avviene attraverso il controllo delle cartelline contenenti gli elaborati dell'anno. Un ciclo di elaborati contengono, infatti, informazioni valutabili sul grado di acquisizione delle competenze sopra descritte molto più complete ed attendibili di una prova singola Padova,... Prof

3 DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PRIMO BIENNIO Competenze Conoscenze Abilità Sviluppare il vedere come metodo di conoscenza del dato reale al fine di rappresentarlo e/o trasfigurarlo. Il concetto di proporzione Il valore del punto di vista e della distanza dal soggetto L illuminazione: fonti e incidenza Gli indizi di profondità Saper individuare e rendere correttamente le proporzioni Saper individuare la struttura di una forma o di un oggetto Saper individuare i rapporti spaziali, in particolare gli elementi di prospettiva intuitiva Saper utilizzare le conoscenze tecniche e procedurali relative ai diversi modi e funzioni del disegnare e del dipingere I materiali e supporti basilari del disegnare, dalla matita su carta al computer L'organizzazione d insieme dell elaborato La strutturazione dei segni nel campo : la configurazione e le sue regole Saper utilizzare le modulazioni del segno e del chiaroscuro Saper configurare velocemente e con sicurezza l immagine Utilizzare consapevolmente l inquadratura Modalità di stesura della materia colore anche in relazione ai supporti Saper utilizzare consapevolmente gli elementi grammaticali della composizione visiva La configurazione Le funzioni espressive dell inquadratura Le fondamentali regole della composizione La fenomenologia del colore Primarietà, complementarietà dei colori Attributi del colore: tinta, saturazione e luminosità. Varianti percettive: Introduzione al fenomeno dei contrasti. Utilizzare consapevolmente materiali e supporti convenzionali e non Saper controllare e variare il grado di definizione dell immagine Saper descrivere le fasi del percorso operativo facendo uso anche del linguaggio verbale Metodo Le lezioni avranno una trattazione teorica, pratica e laboratoriale, con lezioni frontali, descrizione di metodologie ed itinerari di lavoro, interventi esplicativi individuali nella fase operativa, esercitazioni grafiche e pittoriche, dialogo, discussione. Largo spazio sarà accordato all operatività in tutte le attività in modo da sottolineare costantemente l inscindibilità della elaborazione intellettuale da quella materiale. Le esercitazioni amplieranno il bagaglio di conoscenze dello studente sulle metodologie operative,

4 sulle tecniche e sull uso dei materiali. Sarà favorita la fruizione diretta dell opera originale in musei e mostre d arte, sia per agevolare il processo di apprendimento, sia per stimolare la sensibilità degli allievi nei confronti della cultura visiva e delle sue implicazioni conoscitive ed operative. Strumenti Saranno utilizzati: fogli di carta, matite, libri, film, video, materiali- stimolo, fotocopie, riviste, fotografie, diapositive, libri, computer, lavagna luminosa, episcopio, proiettore, calchi in gesso, oggetti di varia morfologia, apparecchi fotografici, videocamere e ogni altro strumento presente nei laboratori multimediali, biblioteca scolastica. Verifiche Le verifiche saranno basate sull analisi degli elaborati. Per la specificità della materia nonché per il tipo di insegnamento, la verifica è una pratica costante di tipo formativo. Ogni elaborato contiene, infatti, informazioni valutabili sia sul grado di acquisizione dei contenuti, sia sull impegno, l interesse, la precisione e la cura nella gestione e presentazione del proprio lavoro. A conclusione di ogni quadrimestre si valuteranno i progressi compiuti dall alunno esaminando anche la cartella contenente tutti gli elaborati prodotti. Valutazioni La valutazione terrà conto del raggiungimento degli obiettivi prefissati e dei progressi sia rispetto ai livelli di partenza individuali, sia rispetto al livello medio della classe. Si terrà conto, inoltre, del comportamento, inteso come interesse e partecipazione attiva al dialogo educativo e della modalità di presentazione del proprio lavoro. Schema per gli alunni sospesi del Biennio: DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMA RECUPERO ESTIVO ALUNNO:...CLASSE... Gli obiettivi minimi non completamente raggiunti sono: Saper individuare e rendere correttamente le proporzioni Saper individuare la struttura di una forma o di un oggetto Saper individuare i rapporti spaziali, in particolare gli elementi di prospettiva intuitiva Saper utilizzare le modulazioni del segno e del chiaroscuro. La prova di recupero consisterà in una copia dal vero con la matita (o con i pastelli colorati ). alla prova di recupero si porterà una cartellina con almeno venti disegni di oggetti semplici (ad esempio una bottiglia, una sedia, una caffettiera...) copiati dal vero a matita (o con pastelli colorati...) completi di chiaroscuro a tratteggio. Durata della prova: 2 ore.

5 DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE SECONDO BIENNIO Competenze Conoscenze Abilità Arricchire il proprio bagaglio visivo, sviluppare le capacità creative e immaginative. Conoscere gli elementi strutturali del linguaggio visivo Conoscere ed usare la terminologia specifica della disciplina. Conoscere e distinguere i principali contrasti cromatici Conoscere gli aspetti percettivi relativi al rapporto figura sfondo Conoscere le principali figure retoriche e le strategie comunicative mutuate dalle Avanguardie Storiche Saper usare il vedere come strumento di analisi e conoscenza Saper visualizzare le proprie immaginazioni attraverso schizzi e bozzetti. Saper visualizzare il percorso di sviluppo di elaborazione del pensiero. Saper descrivere e contestualizzare un'immagine individuarne la funzione, gli aspetti comunicativi o espressivi. Saper utilizzare consapevolmente le conoscenze tecniche e procedurali relative ai diversi modi e funzioni del linguaggio delle immagini fisse e in movimento. Acquisire la conoscenza di metodologie progettuali e tecnico- operative idonee alla composizione e realizzazione di elaborati grafici, pittorici e multimediali. Conoscere e saper utilizzare consapevolmente diversi registri espressivi Conoscere e saper utilizzare le principali tecniche e tecnologie relative alla creazione di immagini fisse e in movimento. Saper utilizzare le modulazioni del segno e del chiaroscuro Saper configurare velocemente e con sicurezza l immagine Utilizzare consapevolmente l inquadratura Modalità di stesura della materia colore anche in relazione ai supporti. Utilizzare autonomamente software per l'elaborazione di immagini e per il montaggio video.

6 Saper utilizzare, e adattare alle diverse funzioni, le complesse relazioni sottese alla composizione di ogni tipo di comunicazione visiva. Saper osservare e interpretare opere e immagini contemporanee Le regole e le caratteristiche della composizione e le loro funzioni comunicative ed espressive. Le funzioni espressive dell inquadratura dei colori e del grado di definizione dell'immagine. Il valore narrativo delle immagini in sequenza e in movimento. Conoscere le principali avanguardie artistiche del '900 Conoscere le pratiche e le prassi dell'operare artistico contemporaneo. Conoscere e saper utilizzare le principali strategie comunicative dei diversi ambiti in cui le immagini sono usate come veicoli di messaggi. Utilizzare consapevolmente materiali e supporti convenzionali e non Saper controllare e variare il grado di definizione dell immagine Saper utilizzare le caratteristiche e le regole compositive in rapporto alla funzione dell'immagine. Saper descrivere le fasi del percorso operativo facendo uso anche del linguaggio verbale Saper utilizzare software dedicati alle presentazioni Saper riconoscere, descrivere e confrontare valori formali di opere d'arte. Saper svolgere una lettura non solo iconografica e formale delle opere, individuandone il senso e le valenze comunicative. Metodo Le lezioni avranno una trattazione teorica, pratica e laboratoriale, con lezioni frontali, descrizione di metodologie ed itinerari di lavoro, interventi esplicativi individuali nella fase operativa, esercitazioni grafiche e pittoriche, dialogo, discussione. Largo spazio sarà accordato all operatività in tutte le attività in modo da sottolineare costantemente l inscindibilità della elaborazione intellettuale da quella materiale. Le esercitazioni amplieranno il bagaglio di conoscenze dello studente sulle metodologie operative, sulle tecniche e sull uso dei materiali. Sarà favorita la fruizione diretta dell opera originale in musei e mostre d arte, sia per agevolare il processo di apprendimento, sia per stimolare la sensibilità degli allievi nei confronti della cultura visiva e delle sue implicazioni conoscitive ed operative. Strumenti

7 Saranno utilizzati: fogli di carta, matite, libri, film, video, materiali- stimolo, fotocopie, riviste, fotografie, diapositive, libri, computer, lavagna luminosa, episcopio, proiettore, calchi in gesso, oggetti di varia morfologia, apparecchi fotografici, videocamere e ogni altro strumento presente nei laboratori multimediali, biblioteca scolastica. Verifiche Le verifiche saranno basate sull analisi degli elaborati. Per la specificità della materia nonché per il tipo di insegnamento, la verifica è una pratica costante di tipo formativo. Ogni elaborato contiene, infatti, informazioni valutabili sia sul grado di acquisizione dei contenuti, sia sull impegno, l interesse, la precisione e la cura nella gestione e presentazione del proprio lavoro. A conclusione di ogni quadrimestre si valuteranno i progressi compiuti dall alunno esaminando anche la cartella contenente tutti gli elaborati prodotti. Valutazioni La valutazione terrà conto del raggiungimento degli obiettivi prefissati e dei progressi sia rispetto ai livelli di partenza individuali, sia rispetto al livello medio della classe. Si terrà conto, inoltre, del comportamento, inteso come interesse e partecipazione attiva al dialogo educativo e della modalità di presentazione del proprio lavoro. DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE QUINTO ANNO Competenze Conoscenze Abilità Saper distinguere le diverse funzioni delle immagini destinate alla rappresentazione, alla comunicazione e all'espressione Utilizzare in modo originale e personale metodologie progettuali e tecniche realizzative idonee alla ideazione e produzione di un artefatto visivo. Conoscere le forme e le tecniche proprie della contemporaneità, sia come immagine statica sia come immagine in movimento. Conoscere le procedure per comporre un'immagine pubblicitaria. Conoscere le procedure per comporre un'immagine informativa. Conoscere diversi stili e modalità espressive. Sviluppare una propria modalità compositiva ed espressiva personale. Sperimentare e scegliere come più adatta alle proprie caratteristiche una tecnica, materia o procedura di composizione pittorica o grafica. Saper applicare la tecnica appropriata rispetto alla particolare funzione di un'immagine. Saper stilizzare una forma. Saper individuare le strategie comunicative più efficaci rispetto alla destinazione dell'immagine Saper sperimentare e reinventare di volta in volta una tecnica, adattandola alle proprie caratteristiche. Saper immaginare soluzione nuove e originali ai problemi proposti. Essere aggiornati sulle nuove Saper visitare una

8 Acquisire capacità di espressione e produzione grafica- pittorica e multimediale ed arricchirle attraverso la familiarità con la produzione contemporanea. Avere una attitudine alla sperimentazione e alla ricerca sia sul piano tecnico sia nell elaborazione creativa dell immagine. Acquisire la consapevolezza, nella produzione personale di immagini, l intrinseca relazione e sintesi fra teoria e prassi, fra ideazione e azione. tendenze dell'arte e della comunicazione commerciale e individuarne modalità e strategie. Conoscere le principali gallerie e musei del proprio territorio. Conoscere e padroneggiare strumenti e procedure idonei ad utilizzare le nuove forme di espressione e comunicazione. Conoscere le procedure di ricerca su internet. Conoscere e saper applicare tecniche, generi e procedure coerenti con la particolare funzione dell'immagine. Conoscere le varie funzioni dell'ex-tempore. mostra. Saper cogliere le innovazioni nel linguaggio artistico. Saper coniugare, nella propria produzione personale innovazione tecnica e di senso. Saper utilizzare software per l'elaborazione delle immagini e per l'editing video. Saper comporre oggetti ed immagini in uno spazio Saper ricomporre o rimontare immagini esistenti, per creare nuovi significati Saper descrivere, attraverso un testo visivo, il percorso di sviluppo di un'idea. Saper utilizzare, adattandolo di volta in volta agli scopi ed alle funzioni, le varie modalità di composizione dell'extempore. Padroneggiare il linguaggio delle immagini. Leggere e comprendere composizioni visive complesse di diversa Conoscere il disegno in tutti i suoi aspetti, da quelli rappresentativi a quelli espressivi, modulando tali funzioni a seconda dei diversi contesti e scopi comunicativi. Conoscere diverse procedure di produzione grafica e pittorica. Conoscere e aver familiarità con vari linguaggi e ambiti nel campo delle immagini. Sviluppare le capacità Saper prendere appunti visivi. Saper visualizzare velocemente le proprie immaginazioni. Saper inchiostrare un disegno (tecnica classica del fumetto). Saper colorare un disegno con tecniche digitali. Saper dare, di fronte ad un'opera artistica, una propria personale lettura di senso.

9 natura, cogliendo le implicazioni e le sfumature di significato proprie di ciascuna di esse, in rapporto con la tipologia e il relativo contesto storico e culturale. espositive - siano esse grafiche (manuale, digitale) o verbali - del proprio progetto, avendo cura dell aspetto esteticocomunicativo della propria produzione. Curare l esposizione orale e saperla adeguare ai diversi contesti. Saper utilizzare le diverse metodologie di presentazione: taccuino, carpetta con tavole, book cartaceo e digitale, fotomontaggi, slideshow, video, etc. Metodo Le lezioni avranno una trattazione teorica, pratica e laboratoriale, con lezioni frontali, descrizione di metodologie ed itinerari di lavoro, interventi esplicativi individuali nella fase operativa, esercitazioni grafiche e pittoriche, dialogo, discussione. Largo spazio sarà accordato all operatività in tutte le attività in modo da sottolineare costantemente l inscindibilità della elaborazione intellettuale da quella materiale. Le esercitazioni amplieranno il bagaglio di conoscenze dello studente sulle metodologie operative, sulle tecniche e sull uso dei materiali. Ampio spazio sarà dato all'iniziativa personale degli studenti, con lo scopo di renderli consapevoli del proprio potenziale creativo, anche in vista dell'esame di Stato. Sarà favorita la fruizione diretta dell opera originale in musei e mostre d arte, sia per agevolare il processo di apprendimento, sia per stimolare la sensibilità degli allievi nei confronti della cultura visiva e delle sue implicazioni conoscitive ed operative. Strumenti Saranno utilizzati: fogli di carta, matite, libri, film, video, materiali- stimolo, fotocopie, riviste, fotografie, diapositive, libri, computer, lavagna luminosa, episcopio, proiettore, calchi in gesso, oggetti di varia morfologia, apparecchi fotografici, videocamere e ogni altro strumento presente nei laboratori multimediali, biblioteca scolastica. Verifiche Le verifiche saranno basate sull analisi degli elaborati. Per la specificità della materia nonché per il tipo di insegnamento, la verifica è una pratica costante di tipo formativo. Ogni elaborato contiene, infatti, informazioni valutabili sia sul grado di acquisizione dei contenuti, sia sull impegno, l interesse, la precisione e la cura nella gestione e presentazione del proprio lavoro. A conclusione di ogni quadrimestre si valuteranno i progressi compiuti dall alunno esaminando anche la cartella contenente tutti gli elaborati prodotti. Valutazioni La valutazione terrà conto del raggiungimento degli obiettivi prefissati e dei progressi sia rispetto ai livelli di partenza individuali, sia rispetto al livello medio della classe. Si terrà conto, inoltre, del comportamento, inteso come interesse e partecipazione attiva al dialogo educativo e della modalità di presentazione del proprio lavoro.

10 Descrittori per la valutazione della terza prova negli Esami di Stato Descrittori punti Conoscenze: dei contenuti e delle metodologie operative Competenze: Padronanza delle tecniche espressive e della composizione Capacità: Elaborazione espressiva e personale GRIGLIA DI VALUTAZIONE Mancanza assoluta di impegno e preparazione. Incapace di costruire una qualsiasi procedura operativa, è totalmente carente sul piano tecnico-operativo l Totalmente insufficiente

11 Conosce in modo molto frammentario e applica solo se guidato, una procedura operativa elementare con numerosi errori particolarmente gravi. Molto carente sul piano tecnico esecutivo. Conoscenze lacunose e superficiali. Gravemente insufficiente Elaborazioni grafico-pittoriche approssimative con errori non particolarmente gravi e imprecisioni. Conosce e usa metodologie operative semplici, se guidato, e impiega tecniche e materiali in modo scolastico e con imprecisioni Conosce e usa procedure operative semplici. Utilizza tecniche e materiali in modo scolastico e applica le conoscenze acquisite con alcune Imprecisioni Conosce e utilizza procedure operative semplici usando tecniche e materiali con qualche abilità esecutiva Conosce e utilizza procedure operative appropriate usando tecniche e materiali in modo sostanzialmente efficace. Conosce e applica in modo personale le procedure tecniche e operative dimostrando la capacità di adattarle agli scopi comunicativi ed espressivi prefissati. Conosce e amplia con personalità e creatività metodologie progettuali e operative, dimostrando la capacità di adattarle ai scopi comunicativi ed espressivi prefissati. Applica in modo autonomo e critico le conoscenze acquisite con collegamenti interdisciplinari. Insufficiente Sufficiente Più che sufficiente Discreto Buono Distinto Ottimo (le Griglie di Valutazione per l'esame di Stato dell'ordinamento della riforma saranno approntate appena sarà resa nota la tipologia di esame prevista dalla riforma)

12 FASI DELL AREA PROGETTO-LABORATORIO Fasi dell area progetto Descrizione della fase Compiti dei docenti Definizione obiettivi Definizione del progetto da parte degli insegnanti di laboratorio: si individua un obiettivo, ossia un problema presente nella realtà e si stabiliscono i tempi e le tappe successive. Presentazione del progetto Osservazione e Analisi Studio/Ricerca Brainstorming L'obiettivo (o gli obiettivi) deve avere caratteristiche pluridisciplinari. Deve essere presentato dai docenti di laboratorio, discusso e fatto proprio dal consiglio di classe che individua i possibili contributi delle varie discipline. Presentazione del tema alla classe in modalità di briefing dai docenti che ne definiscono gli aspetti generali. Si pianificano con gli studenti tempi e modalità di lavoro. Individuazione del bisogno da soddisfare o del problema da risolvere Descrizione del profilo del consumatore/fruitore o dell'ambito nel quale si deve intervenire. Definizione dei limiti Raccolta dati Ricognizione storica delle strategie e procedure artistiche e di progettazione relative all'argomento Ricerca di prodotti o soluzioni già presenti sul mercato e valutazione dei punti di forza e di debolezza. Brainstorming/mappe concettuali (le cose che vengono in mente dopo aver I docenti pianificano i momenti di lezione e revisione comuni ed eventuali visite didattiche I docenti guidano l'osservazione, l'analisi e indicano le fonti per la raccolta dati. I docenti guidano gli studenti a saper riconoscere le strategie e le procedure artistiche, a saper cogliere gli aspetti principali in termini di funzionalità, materiali, struttura e processi costruttivi ; a saper rilevare, saper illustrare ed organizzare i dati raccolti I docenti sollecitano la discussione e il confronto, fanno emergere gli interventi

13 Valutazione intermedia (Griglia prima revisione) Organizzazione e agenda di lavoro Immaginazione/creatività Progettazione Valutazione primo quadrimestre (Griglia prima revisione) letto o analizzato il tema, riflessioni e immagini, abbozzi di idee e suggestioni. Questa fase non serve ancora ad individuare soluzioni, ma a costituire un deposito di materiali che serviranno a costruire e comporre la o le soluzioni. Si baserà sulle competenze relative al metodo di ricerca, raccolta dati e studio-analisi dei dati raccolti. Organizzazione del lavoro, definizione degli incarichi, formazione di gruppi per interesse o competenze che si occupino di una parte della progettazione o di un percorso da sviluppare. Pianificazione temporale. Ex tempore ipotesi tecniche, procedurali, estetiche per la soluzione/i del problema Progetto di massima della soluzione/i più efficaci Studio dei materiali e delle tecniche Si baserà sulle competenze acquisite dagli studenti sull utilizzo degli elementi essenziali che concorrono all elaborazione compositiva e progettuale più interessanti e gli obiettivi, I docenti coordinano la pianificazione in termini di attribuzioni, contenuti, tempi e metodi progettuali I docenti sollecitano la creatività dello studente a seguito delle analisi, mettendo in risalto in particolare gli aspetti funzionali, estetici, i vincoli legati ai materiali, alle tecniche, aiutano a ricercare la forma e ad utilizzare i sistemi e le tecniche di rappresentazione più appropriate e, in casi particolari,alle strategie di distribuzione, alle modalità di consumo, fino alla sua dismissione o riciclaggio. I docenti provvedono a revisioni comuni e periodiche dello stato dell'arte dei lavori, sollecitando il confronto delle ipotesi e delle soluzioni proposte.

14 Progetto esecutivo/ Realizzazione Valutazione intermedia (Griglia seconda revisione) Presentazione Valutazione finale (Griglia seconda revisione) Composizione del progetto o progetti conclusivi, realizzazione di manufatti ove richiesto. Si baserà sulle competenze acquisite dagli studenti sull utilizzo degli elementi essenziali che concorrono all elaborazione compositiva, progettuale e alla realizzazione. Gli studenti, utilizzando le metodologie di presentazione e comunicazione, illustrano il progetto mettendo in risalto l iter progettuale e l'interdisciplinarietà delle competenze. La presentazione sarà momento di discussione all interno della classe al fine di far emergere gli aspetti positivi e/o negativi del lavoro svolto. Gli studenti studiano le modalità di presentazione o esposizione del lavoro di laboratorio all'interno dell'istituto e/o ad un pubblico esterno Si baserà sulle competenze acquisite dagli studenti sull utilizzo degli elementi essenziali che concorrono all elaborazione compositiva e progettuale, e alla realizzazione, nonché sulla capacità di sostenere e argomentare le proprie scelte e di lavorare in gruppo. I docenti guidano alla scelta dei sistemi più appropriati di rappresentazione, alla scelta delle tecniche, strumenti e materiali per lo sviluppo e la realizzazione del progetto I docenti guidano gli studenti alla scelta di metodi di documentazione e presentazione del lavoro di laboratorio (si può creare un team dedicato che si occupi fin dall'inizio di questo attraverso foto, video, interviste ecc..)

15 AREA PROGETTO-LABORATORIO GRIGLIE DI VALUTAZIONE CRITERI Le griglie di valutazione sono strumenti che devono adeguarsi all oggetto da valutare. Per questa ragione si suddividono in due tipologie che rispondono alla necessità di fare all interno della scansione annuale dell attività didattica due momenti di revisione del lavoro. Qui per lavoro non si intende solo il risultato concreto in immagini e oggetti finiti ma anche il metodo seguito e l iter progettuale seguito nell elaborarli. A questo scopo si propongono due griglie in scala decimale che si riferiscono ai termini di valutazione appropriati alle fasi del lavoro. Questo risulta suddiviso in due grandi momenti: la prima di studio e di proposta di soluzioni del tema, la seconda più di ricerca di nuove soluzioni che si conclude con elaborati più definiti e con adeguata presentazione. Le griglie sono precedute dai termini di valutazione che vengono utilizzati per comporre il giudizio riferito al voto. Le presenti griglie possono essere semplificate riducendo le valutazioni a cinque adattando i giudizi ma rispettando i termini di valutazione già definiti: gravemente insufficiente insufficiente sufficiente buono eccellente Questa ultima soluzione è utile qualora si voglia semplificare la revisione e la valutazione degli elaborati e del metodo di lavoro.

16 AREA PROGETTO-LABORATORIO GRIGLIA DI VALUTAZIONE COMPETENZE - PRIMA REVISIONE - Termini di Valutazione Comprensione argomento Ricerca e raccolta dati Studio storico e di modelli Lavoro di extempore e bozzetto ed elaborazione di soluzioni MOTIVAZIONE GIUDIZIO 10i Totalmente Insufficiente 1-3 Lo studente dimostra di non comprendere l argomento e non partecipa al lavoro di ricerca e di raccolta dei dati e di studio dei modelli. Il metodo ed i risultati sono incongrui ed inefficaci. Lo studente dimostra di comprendere solo in parte l argomento e partecipa solo se guidato al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli. Il metodo ed i risultati sono scarsi e non rispettano i tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere solo superficialmente l argomento e partecipa al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli in modo lacunoso. Il metodo ed i risultati sono insufficienti e non sempre rispettano i tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere sufficientemente l argomento e partecipa al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli in modo corretto. Il metodo ed i risultati sono sufficienti e quasi sempre rispettano i tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere l argomento e partecipa al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli in modo abbastanza autonomo. Il metodo ed i risultati sono abbastanza precisi e rispettano i tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere l argomento con chiarezza e partecipa al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli con una certa autonomia. Il metodo ed i risultati sono abbastanza precisi e nei tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere bene l argomento e partecipa con impegno al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli. Il metodo ed i risultati sono precisi e nei tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere con sicurezza l argomento e dimostra autonomia nel lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli. Il metodo preciso porta a risultati efficaci ed originali. Lo studente dimostra di comprendere approfonditamente l argomento e dimostra creatività nel lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli. Il metodo usato porta a risultati personali ed efficaci che vanno oltre le richieste. Gravemente Insufficiente 4 Insufficiente 5 Sufficiente 6 Più che Sufficiente 6-7 Discreto 7 Buono 8 Distinto 9 Ottimo 10 AREA PROGETTO-LABORATORIO

17 GRIGLIA DI VALUTAZIONE COMPETENZE - SECONDA REVISIONE - Termini di Valutazione Elaborazione di nuove soluzioni del tema e loro sviluppo Iter ed elaborazione del progetto Realizzazione di modelli Collaborazione e lavoro di gruppo Presentazione e pubblicazione del lavoro MOTIVAZIONE GIUDIZIO 10i Lo studente dimostra di non elaborare nuove soluzioni del tema senza un iter progettuale e non partecipa al lavoro di gruppo, realizza in modo incongruo ed inefficace i modelli con metodo non corretto, presentando il lavoro in modo inappropriato. Lo studente elabora solo in parte nuove soluzioni del tema con un iter progettuale non corretto e partecipa solo se guidato al lavoro di gruppo; realizza dei modelli con risultati scarsi con un metodo inefficace ed una presentazione non appropriata. Lo studente non sempre elabora nuove soluzioni del tema con un iter progettuale conseguente e partecipa in modo non sempre attivo al lavoro di gruppo; realizza modelli non sempre corretti con metodo saltuario ed una presentazione non ancora appropriata. Lo studente sa elaborare nuove soluzioni del tema con un iter progettuale abbastanza adeguato e partecipa al lavoro di gruppo in modo abbastanza attivo; realizza modelli abbastanza corretti con metodo efficace ed una sufficiente presentazione. Lo studente elabora in modo abbastanza sicuro nuove soluzioni del tema con iter progettuale coerente e partecipa attivamente al lavoro in gruppo; realizza modelli corretti con metodo abbastanza efficace ed una adeguata presentazione Lo studente elabora in modo chiaro nuove soluzioni del tema con iter progettuale coerente e partecipa costruttivamente al lavoro in gruppo; realizza modelli discreti con metodo efficace ed una adeguata presentazione Lo studente elabora buone soluzioni del tema con iter progettuale molto coerente e partecipa con impegno al lavoro in gruppo; realizza modelli precisi con metodo buono ed una buona presentazione Lo studente si distingue per le sue capacità di elaborazione sviluppate con un iter progettuale molto coerente collaborando in modo intelligente al lavoro in gruppo; realizza modelli originali e precisi presentandoli in modo creativo e personale. Lo studente ha ottime capacità di elaborazione sviluppate con un iter progettuale impeccabile collaborando in modo determinante al lavoro di gruppo; realizza modelli originali ed esatti presentandoli in modo creativo e personale. Totalmente insufficiente Gravemente Insufficiente Insufficiente 5 Sufficiente 6 Più che Sufficiente 6-7 Discreto 7 Buono 8 Distinto 9 Ottimo 10

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli