L.A.S. A.MODIGLIANI PADOVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L.A.S. A.MODIGLIANI PADOVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMAZIONE"

Transcript

1 L.A.S. A.MODIGLIANI PADOVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMAZIONE Il Liceo Artistico Modigliani, dopo un primo biennio comune, si articola in due indirizzi: ARCHITETTURA E AMBIENTE e ARTI FIGURATIVE. I docenti del Dipartimento di Discipline Pittoriche sono coinvolti nelle seguenti discipline nel primo biennio: DISCIPLINE PITTORICHE LABORATORIO ARTISTICO nel secondo triennio dell'indirizzo Arti Figurative : DISCIPLINE PITTORICHE LABORATORIO DELLA FIGURAZIONE nel secondo triennio dell'indirizzo Architettura e Ambiente : LABORATORIO DELLA FIGURAZIONE Nei due indirizzi Il LABORATORIO DELLA FIGURAZIONE del secondo biennio è stato modulato secondo quanto deliberato dal Collegio Docenti, utilizzando la quota oraria prevista dall art.10 del DPR15/3/2010 n. 89 e opererà in sinergia con il LABORATORIO DI ARCHITETTURA costituendo un'area di Progetto la cui programmazione è allegata. Il LABORATORIO ARTISTICO nel primo biennio sarà assegnato a rotazione quadrimestrale alle tre discipline artistiche presenti nel Liceo. Il Dipartimento di Discipline Pittoriche individua le linee programmatiche al fine di favorire, da parte di studenti e famiglie, una scelta consapevole dell indirizzo Arti Figurative a partire dal terzo anno. A tal fine nel presente documento si danno le indicazioni per l elaborazione di una programmazione biennale, mentre si rimanda alla programmazione del DIPARTIMENTO DI LABORATORIO ARTISTICO per quanto riguarda gli obiettivi comuni alle tre discipline artistiche, i contenuti e le metodologie. Il Laboratorio Artistico si propone di sviluppare le seguenti competenze relative : all'utilizzo consapevole di materiali strumenti e supporti. all'utilizzo delle teorie compositive alla comunicazione attraverso le immagini bidimensionali, tridimensionali e in movimento. alla configurazione e strutturazione d insieme dell elaborato all iter progettuale La composizione in tutte le sue declinazioni sarà la base comune e trasversale su cui impostare, di concerto con l'insegnante dell'altro quadrimestre, la programmazione disciplinare. La capacità di lavorare in gruppo è una delle competenze fondamentali su cui impostare la programmazione. Il Dipartimento individua gli OBBIETTIVI MINIMI DEL BIENNIO, obiettivi che considera essenziali per il proseguimento degli studi qualsiasi sia l'indirizzo scelto dallo studente. Saper individuare la struttura di una forma o di un oggetto Saper individuare e rendere correttamente le proporzioni Saper individuare i rapporti spaziali e gli elementi di base della composizione visiva. Saper utilizzare le modulazioni del segno e del chiaroscuro Saper controllare e variare il grado di definizione dell immagine Conoscere gli elementi di base della fenomenologia del colore (Primarietà, complementarietà), degli gli attributi del colore (tinta, saturazione e luminosità), e le varianti percettive: (il fenomeno dei contrasti)

2 Al termine del Primo Biennio si certificano le competenze usando il seguente modulo: Certificazione delle competenze alla fine del biennio Asse dei Linguaggi non verbali Discipline Pittoriche alunna/o... classe... competenze competenza parzialmente acquisita competenza raggiunta competenza pienamente raggiunta Sviluppare l'osservazione come metodo di conoscenza del dato reale al fine di rappresentarlo e/o trasfigurarlo. Saper utilizzare le conoscenze tecniche e procedurali relative ai diversi modi e funzioni del disegnare e del dipingere Saper utilizzare consapevolmente gli elementi grammaticali di base della composizione visiva. La valutazione dell'acquisizione delle competenze del biennio avviene attraverso il controllo delle cartelline contenenti gli elaborati dell'anno. Un ciclo di elaborati contengono, infatti, informazioni valutabili sul grado di acquisizione delle competenze sopra descritte molto più complete ed attendibili di una prova singola Padova,... Prof

3 DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PRIMO BIENNIO Competenze Conoscenze Abilità Sviluppare il vedere come metodo di conoscenza del dato reale al fine di rappresentarlo e/o trasfigurarlo. Il concetto di proporzione Il valore del punto di vista e della distanza dal soggetto L illuminazione: fonti e incidenza Gli indizi di profondità Saper individuare e rendere correttamente le proporzioni Saper individuare la struttura di una forma o di un oggetto Saper individuare i rapporti spaziali, in particolare gli elementi di prospettiva intuitiva Saper utilizzare le conoscenze tecniche e procedurali relative ai diversi modi e funzioni del disegnare e del dipingere I materiali e supporti basilari del disegnare, dalla matita su carta al computer L'organizzazione d insieme dell elaborato La strutturazione dei segni nel campo : la configurazione e le sue regole Saper utilizzare le modulazioni del segno e del chiaroscuro Saper configurare velocemente e con sicurezza l immagine Utilizzare consapevolmente l inquadratura Modalità di stesura della materia colore anche in relazione ai supporti Saper utilizzare consapevolmente gli elementi grammaticali della composizione visiva La configurazione Le funzioni espressive dell inquadratura Le fondamentali regole della composizione La fenomenologia del colore Primarietà, complementarietà dei colori Attributi del colore: tinta, saturazione e luminosità. Varianti percettive: Introduzione al fenomeno dei contrasti. Utilizzare consapevolmente materiali e supporti convenzionali e non Saper controllare e variare il grado di definizione dell immagine Saper descrivere le fasi del percorso operativo facendo uso anche del linguaggio verbale Metodo Le lezioni avranno una trattazione teorica, pratica e laboratoriale, con lezioni frontali, descrizione di metodologie ed itinerari di lavoro, interventi esplicativi individuali nella fase operativa, esercitazioni grafiche e pittoriche, dialogo, discussione. Largo spazio sarà accordato all operatività in tutte le attività in modo da sottolineare costantemente l inscindibilità della elaborazione intellettuale da quella materiale. Le esercitazioni amplieranno il bagaglio di conoscenze dello studente sulle metodologie operative,

4 sulle tecniche e sull uso dei materiali. Sarà favorita la fruizione diretta dell opera originale in musei e mostre d arte, sia per agevolare il processo di apprendimento, sia per stimolare la sensibilità degli allievi nei confronti della cultura visiva e delle sue implicazioni conoscitive ed operative. Strumenti Saranno utilizzati: fogli di carta, matite, libri, film, video, materiali- stimolo, fotocopie, riviste, fotografie, diapositive, libri, computer, lavagna luminosa, episcopio, proiettore, calchi in gesso, oggetti di varia morfologia, apparecchi fotografici, videocamere e ogni altro strumento presente nei laboratori multimediali, biblioteca scolastica. Verifiche Le verifiche saranno basate sull analisi degli elaborati. Per la specificità della materia nonché per il tipo di insegnamento, la verifica è una pratica costante di tipo formativo. Ogni elaborato contiene, infatti, informazioni valutabili sia sul grado di acquisizione dei contenuti, sia sull impegno, l interesse, la precisione e la cura nella gestione e presentazione del proprio lavoro. A conclusione di ogni quadrimestre si valuteranno i progressi compiuti dall alunno esaminando anche la cartella contenente tutti gli elaborati prodotti. Valutazioni La valutazione terrà conto del raggiungimento degli obiettivi prefissati e dei progressi sia rispetto ai livelli di partenza individuali, sia rispetto al livello medio della classe. Si terrà conto, inoltre, del comportamento, inteso come interesse e partecipazione attiva al dialogo educativo e della modalità di presentazione del proprio lavoro. Schema per gli alunni sospesi del Biennio: DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMA RECUPERO ESTIVO ALUNNO:...CLASSE... Gli obiettivi minimi non completamente raggiunti sono: Saper individuare e rendere correttamente le proporzioni Saper individuare la struttura di una forma o di un oggetto Saper individuare i rapporti spaziali, in particolare gli elementi di prospettiva intuitiva Saper utilizzare le modulazioni del segno e del chiaroscuro. La prova di recupero consisterà in una copia dal vero con la matita (o con i pastelli colorati ). alla prova di recupero si porterà una cartellina con almeno venti disegni di oggetti semplici (ad esempio una bottiglia, una sedia, una caffettiera...) copiati dal vero a matita (o con pastelli colorati...) completi di chiaroscuro a tratteggio. Durata della prova: 2 ore.

5 DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE SECONDO BIENNIO Competenze Conoscenze Abilità Arricchire il proprio bagaglio visivo, sviluppare le capacità creative e immaginative. Conoscere gli elementi strutturali del linguaggio visivo Conoscere ed usare la terminologia specifica della disciplina. Conoscere e distinguere i principali contrasti cromatici Conoscere gli aspetti percettivi relativi al rapporto figura sfondo Conoscere le principali figure retoriche e le strategie comunicative mutuate dalle Avanguardie Storiche Saper usare il vedere come strumento di analisi e conoscenza Saper visualizzare le proprie immaginazioni attraverso schizzi e bozzetti. Saper visualizzare il percorso di sviluppo di elaborazione del pensiero. Saper descrivere e contestualizzare un'immagine individuarne la funzione, gli aspetti comunicativi o espressivi. Saper utilizzare consapevolmente le conoscenze tecniche e procedurali relative ai diversi modi e funzioni del linguaggio delle immagini fisse e in movimento. Acquisire la conoscenza di metodologie progettuali e tecnico- operative idonee alla composizione e realizzazione di elaborati grafici, pittorici e multimediali. Conoscere e saper utilizzare consapevolmente diversi registri espressivi Conoscere e saper utilizzare le principali tecniche e tecnologie relative alla creazione di immagini fisse e in movimento. Saper utilizzare le modulazioni del segno e del chiaroscuro Saper configurare velocemente e con sicurezza l immagine Utilizzare consapevolmente l inquadratura Modalità di stesura della materia colore anche in relazione ai supporti. Utilizzare autonomamente software per l'elaborazione di immagini e per il montaggio video.

6 Saper utilizzare, e adattare alle diverse funzioni, le complesse relazioni sottese alla composizione di ogni tipo di comunicazione visiva. Saper osservare e interpretare opere e immagini contemporanee Le regole e le caratteristiche della composizione e le loro funzioni comunicative ed espressive. Le funzioni espressive dell inquadratura dei colori e del grado di definizione dell'immagine. Il valore narrativo delle immagini in sequenza e in movimento. Conoscere le principali avanguardie artistiche del '900 Conoscere le pratiche e le prassi dell'operare artistico contemporaneo. Conoscere e saper utilizzare le principali strategie comunicative dei diversi ambiti in cui le immagini sono usate come veicoli di messaggi. Utilizzare consapevolmente materiali e supporti convenzionali e non Saper controllare e variare il grado di definizione dell immagine Saper utilizzare le caratteristiche e le regole compositive in rapporto alla funzione dell'immagine. Saper descrivere le fasi del percorso operativo facendo uso anche del linguaggio verbale Saper utilizzare software dedicati alle presentazioni Saper riconoscere, descrivere e confrontare valori formali di opere d'arte. Saper svolgere una lettura non solo iconografica e formale delle opere, individuandone il senso e le valenze comunicative. Metodo Le lezioni avranno una trattazione teorica, pratica e laboratoriale, con lezioni frontali, descrizione di metodologie ed itinerari di lavoro, interventi esplicativi individuali nella fase operativa, esercitazioni grafiche e pittoriche, dialogo, discussione. Largo spazio sarà accordato all operatività in tutte le attività in modo da sottolineare costantemente l inscindibilità della elaborazione intellettuale da quella materiale. Le esercitazioni amplieranno il bagaglio di conoscenze dello studente sulle metodologie operative, sulle tecniche e sull uso dei materiali. Sarà favorita la fruizione diretta dell opera originale in musei e mostre d arte, sia per agevolare il processo di apprendimento, sia per stimolare la sensibilità degli allievi nei confronti della cultura visiva e delle sue implicazioni conoscitive ed operative. Strumenti

7 Saranno utilizzati: fogli di carta, matite, libri, film, video, materiali- stimolo, fotocopie, riviste, fotografie, diapositive, libri, computer, lavagna luminosa, episcopio, proiettore, calchi in gesso, oggetti di varia morfologia, apparecchi fotografici, videocamere e ogni altro strumento presente nei laboratori multimediali, biblioteca scolastica. Verifiche Le verifiche saranno basate sull analisi degli elaborati. Per la specificità della materia nonché per il tipo di insegnamento, la verifica è una pratica costante di tipo formativo. Ogni elaborato contiene, infatti, informazioni valutabili sia sul grado di acquisizione dei contenuti, sia sull impegno, l interesse, la precisione e la cura nella gestione e presentazione del proprio lavoro. A conclusione di ogni quadrimestre si valuteranno i progressi compiuti dall alunno esaminando anche la cartella contenente tutti gli elaborati prodotti. Valutazioni La valutazione terrà conto del raggiungimento degli obiettivi prefissati e dei progressi sia rispetto ai livelli di partenza individuali, sia rispetto al livello medio della classe. Si terrà conto, inoltre, del comportamento, inteso come interesse e partecipazione attiva al dialogo educativo e della modalità di presentazione del proprio lavoro. DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE QUINTO ANNO Competenze Conoscenze Abilità Saper distinguere le diverse funzioni delle immagini destinate alla rappresentazione, alla comunicazione e all'espressione Utilizzare in modo originale e personale metodologie progettuali e tecniche realizzative idonee alla ideazione e produzione di un artefatto visivo. Conoscere le forme e le tecniche proprie della contemporaneità, sia come immagine statica sia come immagine in movimento. Conoscere le procedure per comporre un'immagine pubblicitaria. Conoscere le procedure per comporre un'immagine informativa. Conoscere diversi stili e modalità espressive. Sviluppare una propria modalità compositiva ed espressiva personale. Sperimentare e scegliere come più adatta alle proprie caratteristiche una tecnica, materia o procedura di composizione pittorica o grafica. Saper applicare la tecnica appropriata rispetto alla particolare funzione di un'immagine. Saper stilizzare una forma. Saper individuare le strategie comunicative più efficaci rispetto alla destinazione dell'immagine Saper sperimentare e reinventare di volta in volta una tecnica, adattandola alle proprie caratteristiche. Saper immaginare soluzione nuove e originali ai problemi proposti. Essere aggiornati sulle nuove Saper visitare una

8 Acquisire capacità di espressione e produzione grafica- pittorica e multimediale ed arricchirle attraverso la familiarità con la produzione contemporanea. Avere una attitudine alla sperimentazione e alla ricerca sia sul piano tecnico sia nell elaborazione creativa dell immagine. Acquisire la consapevolezza, nella produzione personale di immagini, l intrinseca relazione e sintesi fra teoria e prassi, fra ideazione e azione. tendenze dell'arte e della comunicazione commerciale e individuarne modalità e strategie. Conoscere le principali gallerie e musei del proprio territorio. Conoscere e padroneggiare strumenti e procedure idonei ad utilizzare le nuove forme di espressione e comunicazione. Conoscere le procedure di ricerca su internet. Conoscere e saper applicare tecniche, generi e procedure coerenti con la particolare funzione dell'immagine. Conoscere le varie funzioni dell'ex-tempore. mostra. Saper cogliere le innovazioni nel linguaggio artistico. Saper coniugare, nella propria produzione personale innovazione tecnica e di senso. Saper utilizzare software per l'elaborazione delle immagini e per l'editing video. Saper comporre oggetti ed immagini in uno spazio Saper ricomporre o rimontare immagini esistenti, per creare nuovi significati Saper descrivere, attraverso un testo visivo, il percorso di sviluppo di un'idea. Saper utilizzare, adattandolo di volta in volta agli scopi ed alle funzioni, le varie modalità di composizione dell'extempore. Padroneggiare il linguaggio delle immagini. Leggere e comprendere composizioni visive complesse di diversa Conoscere il disegno in tutti i suoi aspetti, da quelli rappresentativi a quelli espressivi, modulando tali funzioni a seconda dei diversi contesti e scopi comunicativi. Conoscere diverse procedure di produzione grafica e pittorica. Conoscere e aver familiarità con vari linguaggi e ambiti nel campo delle immagini. Sviluppare le capacità Saper prendere appunti visivi. Saper visualizzare velocemente le proprie immaginazioni. Saper inchiostrare un disegno (tecnica classica del fumetto). Saper colorare un disegno con tecniche digitali. Saper dare, di fronte ad un'opera artistica, una propria personale lettura di senso.

9 natura, cogliendo le implicazioni e le sfumature di significato proprie di ciascuna di esse, in rapporto con la tipologia e il relativo contesto storico e culturale. espositive - siano esse grafiche (manuale, digitale) o verbali - del proprio progetto, avendo cura dell aspetto esteticocomunicativo della propria produzione. Curare l esposizione orale e saperla adeguare ai diversi contesti. Saper utilizzare le diverse metodologie di presentazione: taccuino, carpetta con tavole, book cartaceo e digitale, fotomontaggi, slideshow, video, etc. Metodo Le lezioni avranno una trattazione teorica, pratica e laboratoriale, con lezioni frontali, descrizione di metodologie ed itinerari di lavoro, interventi esplicativi individuali nella fase operativa, esercitazioni grafiche e pittoriche, dialogo, discussione. Largo spazio sarà accordato all operatività in tutte le attività in modo da sottolineare costantemente l inscindibilità della elaborazione intellettuale da quella materiale. Le esercitazioni amplieranno il bagaglio di conoscenze dello studente sulle metodologie operative, sulle tecniche e sull uso dei materiali. Ampio spazio sarà dato all'iniziativa personale degli studenti, con lo scopo di renderli consapevoli del proprio potenziale creativo, anche in vista dell'esame di Stato. Sarà favorita la fruizione diretta dell opera originale in musei e mostre d arte, sia per agevolare il processo di apprendimento, sia per stimolare la sensibilità degli allievi nei confronti della cultura visiva e delle sue implicazioni conoscitive ed operative. Strumenti Saranno utilizzati: fogli di carta, matite, libri, film, video, materiali- stimolo, fotocopie, riviste, fotografie, diapositive, libri, computer, lavagna luminosa, episcopio, proiettore, calchi in gesso, oggetti di varia morfologia, apparecchi fotografici, videocamere e ogni altro strumento presente nei laboratori multimediali, biblioteca scolastica. Verifiche Le verifiche saranno basate sull analisi degli elaborati. Per la specificità della materia nonché per il tipo di insegnamento, la verifica è una pratica costante di tipo formativo. Ogni elaborato contiene, infatti, informazioni valutabili sia sul grado di acquisizione dei contenuti, sia sull impegno, l interesse, la precisione e la cura nella gestione e presentazione del proprio lavoro. A conclusione di ogni quadrimestre si valuteranno i progressi compiuti dall alunno esaminando anche la cartella contenente tutti gli elaborati prodotti. Valutazioni La valutazione terrà conto del raggiungimento degli obiettivi prefissati e dei progressi sia rispetto ai livelli di partenza individuali, sia rispetto al livello medio della classe. Si terrà conto, inoltre, del comportamento, inteso come interesse e partecipazione attiva al dialogo educativo e della modalità di presentazione del proprio lavoro.

10 Descrittori per la valutazione della terza prova negli Esami di Stato Descrittori punti Conoscenze: dei contenuti e delle metodologie operative Competenze: Padronanza delle tecniche espressive e della composizione Capacità: Elaborazione espressiva e personale GRIGLIA DI VALUTAZIONE Mancanza assoluta di impegno e preparazione. Incapace di costruire una qualsiasi procedura operativa, è totalmente carente sul piano tecnico-operativo l Totalmente insufficiente

11 Conosce in modo molto frammentario e applica solo se guidato, una procedura operativa elementare con numerosi errori particolarmente gravi. Molto carente sul piano tecnico esecutivo. Conoscenze lacunose e superficiali. Gravemente insufficiente Elaborazioni grafico-pittoriche approssimative con errori non particolarmente gravi e imprecisioni. Conosce e usa metodologie operative semplici, se guidato, e impiega tecniche e materiali in modo scolastico e con imprecisioni Conosce e usa procedure operative semplici. Utilizza tecniche e materiali in modo scolastico e applica le conoscenze acquisite con alcune Imprecisioni Conosce e utilizza procedure operative semplici usando tecniche e materiali con qualche abilità esecutiva Conosce e utilizza procedure operative appropriate usando tecniche e materiali in modo sostanzialmente efficace. Conosce e applica in modo personale le procedure tecniche e operative dimostrando la capacità di adattarle agli scopi comunicativi ed espressivi prefissati. Conosce e amplia con personalità e creatività metodologie progettuali e operative, dimostrando la capacità di adattarle ai scopi comunicativi ed espressivi prefissati. Applica in modo autonomo e critico le conoscenze acquisite con collegamenti interdisciplinari. Insufficiente Sufficiente Più che sufficiente Discreto Buono Distinto Ottimo (le Griglie di Valutazione per l'esame di Stato dell'ordinamento della riforma saranno approntate appena sarà resa nota la tipologia di esame prevista dalla riforma)

12 FASI DELL AREA PROGETTO-LABORATORIO Fasi dell area progetto Descrizione della fase Compiti dei docenti Definizione obiettivi Definizione del progetto da parte degli insegnanti di laboratorio: si individua un obiettivo, ossia un problema presente nella realtà e si stabiliscono i tempi e le tappe successive. Presentazione del progetto Osservazione e Analisi Studio/Ricerca Brainstorming L'obiettivo (o gli obiettivi) deve avere caratteristiche pluridisciplinari. Deve essere presentato dai docenti di laboratorio, discusso e fatto proprio dal consiglio di classe che individua i possibili contributi delle varie discipline. Presentazione del tema alla classe in modalità di briefing dai docenti che ne definiscono gli aspetti generali. Si pianificano con gli studenti tempi e modalità di lavoro. Individuazione del bisogno da soddisfare o del problema da risolvere Descrizione del profilo del consumatore/fruitore o dell'ambito nel quale si deve intervenire. Definizione dei limiti Raccolta dati Ricognizione storica delle strategie e procedure artistiche e di progettazione relative all'argomento Ricerca di prodotti o soluzioni già presenti sul mercato e valutazione dei punti di forza e di debolezza. Brainstorming/mappe concettuali (le cose che vengono in mente dopo aver I docenti pianificano i momenti di lezione e revisione comuni ed eventuali visite didattiche I docenti guidano l'osservazione, l'analisi e indicano le fonti per la raccolta dati. I docenti guidano gli studenti a saper riconoscere le strategie e le procedure artistiche, a saper cogliere gli aspetti principali in termini di funzionalità, materiali, struttura e processi costruttivi ; a saper rilevare, saper illustrare ed organizzare i dati raccolti I docenti sollecitano la discussione e il confronto, fanno emergere gli interventi

13 Valutazione intermedia (Griglia prima revisione) Organizzazione e agenda di lavoro Immaginazione/creatività Progettazione Valutazione primo quadrimestre (Griglia prima revisione) letto o analizzato il tema, riflessioni e immagini, abbozzi di idee e suggestioni. Questa fase non serve ancora ad individuare soluzioni, ma a costituire un deposito di materiali che serviranno a costruire e comporre la o le soluzioni. Si baserà sulle competenze relative al metodo di ricerca, raccolta dati e studio-analisi dei dati raccolti. Organizzazione del lavoro, definizione degli incarichi, formazione di gruppi per interesse o competenze che si occupino di una parte della progettazione o di un percorso da sviluppare. Pianificazione temporale. Ex tempore ipotesi tecniche, procedurali, estetiche per la soluzione/i del problema Progetto di massima della soluzione/i più efficaci Studio dei materiali e delle tecniche Si baserà sulle competenze acquisite dagli studenti sull utilizzo degli elementi essenziali che concorrono all elaborazione compositiva e progettuale più interessanti e gli obiettivi, I docenti coordinano la pianificazione in termini di attribuzioni, contenuti, tempi e metodi progettuali I docenti sollecitano la creatività dello studente a seguito delle analisi, mettendo in risalto in particolare gli aspetti funzionali, estetici, i vincoli legati ai materiali, alle tecniche, aiutano a ricercare la forma e ad utilizzare i sistemi e le tecniche di rappresentazione più appropriate e, in casi particolari,alle strategie di distribuzione, alle modalità di consumo, fino alla sua dismissione o riciclaggio. I docenti provvedono a revisioni comuni e periodiche dello stato dell'arte dei lavori, sollecitando il confronto delle ipotesi e delle soluzioni proposte.

14 Progetto esecutivo/ Realizzazione Valutazione intermedia (Griglia seconda revisione) Presentazione Valutazione finale (Griglia seconda revisione) Composizione del progetto o progetti conclusivi, realizzazione di manufatti ove richiesto. Si baserà sulle competenze acquisite dagli studenti sull utilizzo degli elementi essenziali che concorrono all elaborazione compositiva, progettuale e alla realizzazione. Gli studenti, utilizzando le metodologie di presentazione e comunicazione, illustrano il progetto mettendo in risalto l iter progettuale e l'interdisciplinarietà delle competenze. La presentazione sarà momento di discussione all interno della classe al fine di far emergere gli aspetti positivi e/o negativi del lavoro svolto. Gli studenti studiano le modalità di presentazione o esposizione del lavoro di laboratorio all'interno dell'istituto e/o ad un pubblico esterno Si baserà sulle competenze acquisite dagli studenti sull utilizzo degli elementi essenziali che concorrono all elaborazione compositiva e progettuale, e alla realizzazione, nonché sulla capacità di sostenere e argomentare le proprie scelte e di lavorare in gruppo. I docenti guidano alla scelta dei sistemi più appropriati di rappresentazione, alla scelta delle tecniche, strumenti e materiali per lo sviluppo e la realizzazione del progetto I docenti guidano gli studenti alla scelta di metodi di documentazione e presentazione del lavoro di laboratorio (si può creare un team dedicato che si occupi fin dall'inizio di questo attraverso foto, video, interviste ecc..)

15 AREA PROGETTO-LABORATORIO GRIGLIE DI VALUTAZIONE CRITERI Le griglie di valutazione sono strumenti che devono adeguarsi all oggetto da valutare. Per questa ragione si suddividono in due tipologie che rispondono alla necessità di fare all interno della scansione annuale dell attività didattica due momenti di revisione del lavoro. Qui per lavoro non si intende solo il risultato concreto in immagini e oggetti finiti ma anche il metodo seguito e l iter progettuale seguito nell elaborarli. A questo scopo si propongono due griglie in scala decimale che si riferiscono ai termini di valutazione appropriati alle fasi del lavoro. Questo risulta suddiviso in due grandi momenti: la prima di studio e di proposta di soluzioni del tema, la seconda più di ricerca di nuove soluzioni che si conclude con elaborati più definiti e con adeguata presentazione. Le griglie sono precedute dai termini di valutazione che vengono utilizzati per comporre il giudizio riferito al voto. Le presenti griglie possono essere semplificate riducendo le valutazioni a cinque adattando i giudizi ma rispettando i termini di valutazione già definiti: gravemente insufficiente insufficiente sufficiente buono eccellente Questa ultima soluzione è utile qualora si voglia semplificare la revisione e la valutazione degli elaborati e del metodo di lavoro.

16 AREA PROGETTO-LABORATORIO GRIGLIA DI VALUTAZIONE COMPETENZE - PRIMA REVISIONE - Termini di Valutazione Comprensione argomento Ricerca e raccolta dati Studio storico e di modelli Lavoro di extempore e bozzetto ed elaborazione di soluzioni MOTIVAZIONE GIUDIZIO 10i Totalmente Insufficiente 1-3 Lo studente dimostra di non comprendere l argomento e non partecipa al lavoro di ricerca e di raccolta dei dati e di studio dei modelli. Il metodo ed i risultati sono incongrui ed inefficaci. Lo studente dimostra di comprendere solo in parte l argomento e partecipa solo se guidato al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli. Il metodo ed i risultati sono scarsi e non rispettano i tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere solo superficialmente l argomento e partecipa al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli in modo lacunoso. Il metodo ed i risultati sono insufficienti e non sempre rispettano i tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere sufficientemente l argomento e partecipa al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli in modo corretto. Il metodo ed i risultati sono sufficienti e quasi sempre rispettano i tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere l argomento e partecipa al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli in modo abbastanza autonomo. Il metodo ed i risultati sono abbastanza precisi e rispettano i tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere l argomento con chiarezza e partecipa al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli con una certa autonomia. Il metodo ed i risultati sono abbastanza precisi e nei tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere bene l argomento e partecipa con impegno al lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli. Il metodo ed i risultati sono precisi e nei tempi stabiliti. Lo studente dimostra di comprendere con sicurezza l argomento e dimostra autonomia nel lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli. Il metodo preciso porta a risultati efficaci ed originali. Lo studente dimostra di comprendere approfonditamente l argomento e dimostra creatività nel lavoro di ricerca, di raccolta dei dati e di studio dei modelli. Il metodo usato porta a risultati personali ed efficaci che vanno oltre le richieste. Gravemente Insufficiente 4 Insufficiente 5 Sufficiente 6 Più che Sufficiente 6-7 Discreto 7 Buono 8 Distinto 9 Ottimo 10 AREA PROGETTO-LABORATORIO

17 GRIGLIA DI VALUTAZIONE COMPETENZE - SECONDA REVISIONE - Termini di Valutazione Elaborazione di nuove soluzioni del tema e loro sviluppo Iter ed elaborazione del progetto Realizzazione di modelli Collaborazione e lavoro di gruppo Presentazione e pubblicazione del lavoro MOTIVAZIONE GIUDIZIO 10i Lo studente dimostra di non elaborare nuove soluzioni del tema senza un iter progettuale e non partecipa al lavoro di gruppo, realizza in modo incongruo ed inefficace i modelli con metodo non corretto, presentando il lavoro in modo inappropriato. Lo studente elabora solo in parte nuove soluzioni del tema con un iter progettuale non corretto e partecipa solo se guidato al lavoro di gruppo; realizza dei modelli con risultati scarsi con un metodo inefficace ed una presentazione non appropriata. Lo studente non sempre elabora nuove soluzioni del tema con un iter progettuale conseguente e partecipa in modo non sempre attivo al lavoro di gruppo; realizza modelli non sempre corretti con metodo saltuario ed una presentazione non ancora appropriata. Lo studente sa elaborare nuove soluzioni del tema con un iter progettuale abbastanza adeguato e partecipa al lavoro di gruppo in modo abbastanza attivo; realizza modelli abbastanza corretti con metodo efficace ed una sufficiente presentazione. Lo studente elabora in modo abbastanza sicuro nuove soluzioni del tema con iter progettuale coerente e partecipa attivamente al lavoro in gruppo; realizza modelli corretti con metodo abbastanza efficace ed una adeguata presentazione Lo studente elabora in modo chiaro nuove soluzioni del tema con iter progettuale coerente e partecipa costruttivamente al lavoro in gruppo; realizza modelli discreti con metodo efficace ed una adeguata presentazione Lo studente elabora buone soluzioni del tema con iter progettuale molto coerente e partecipa con impegno al lavoro in gruppo; realizza modelli precisi con metodo buono ed una buona presentazione Lo studente si distingue per le sue capacità di elaborazione sviluppate con un iter progettuale molto coerente collaborando in modo intelligente al lavoro in gruppo; realizza modelli originali e precisi presentandoli in modo creativo e personale. Lo studente ha ottime capacità di elaborazione sviluppate con un iter progettuale impeccabile collaborando in modo determinante al lavoro di gruppo; realizza modelli originali ed esatti presentandoli in modo creativo e personale. Totalmente insufficiente Gravemente Insufficiente Insufficiente 5 Sufficiente 6 Più che Sufficiente 6-7 Discreto 7 Buono 8 Distinto 9 Ottimo 10

DISCIPLINE ARTISTICHE

DISCIPLINE ARTISTICHE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE GALILEI-CAMPAILLA Piazza Baden Powell, 10-97015 Modica RG - Tel. e Fax: 0932-764379 - Cell.: 335/5733543 E-mail: rgis01600a@istruzione.it - Web: http://www.galileicampaillamodica.it

Dettagli

DISCIPLINE PITTORICHE

DISCIPLINE PITTORICHE Anno Scolastico 2014-15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: ARTI FIGURATIVE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE PITTORICHE SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' - Educazione all

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RELATIVA ALLA DISCIPLINA: PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RELATIVA ALLA DISCIPLINA: PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura)

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) PROFILO GENERALE E COMPETENZE Pittura Al termine del percorso liceale lo studente conoscerà e saprà

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE GRAFICHE Prof. Paolo Maria Arosio Prof. Lorenzo Cazzaniga A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine AL TERMINE DEL PRIMO BIENNIO COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE L alunno è in grado di L alunno conosce Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA Anno Scolastico 2014/2015 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: GRAFICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA SECONDO BIENNIO/QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITÀ Conoscere

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) La disciplina arte e immagine ha la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

COMPETENZE (eventualmente associare le capacità ed abilità richieste) CONOSCENZE (moduli o unità didattiche o contenuti) NOTE OBIETTIVI MINIMI

COMPETENZE (eventualmente associare le capacità ed abilità richieste) CONOSCENZE (moduli o unità didattiche o contenuti) NOTE OBIETTIVI MINIMI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: Laboratorio grafico Prof. Milena Manigrasso Prof. Cristina Cingi A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 01/10/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI a.s.2013/2014 DISCIPLINE GEOMETRICHE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI L AMBITO DISCIPLINARE DI DISCIPLINE PITTORICHE, PLASTICHE E GEOMETRICHE STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA

LABORATORIO DI INFORMATICA - PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2015-2016 Corso: Liceo Linguistico Quadro orario Classe I II Laboratorio di 2 2 LABORATORIO DI INFORMATICA L insegnamento dell informatica nel liceo linguistici

Dettagli

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UNITÀ DIDATTICA DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE TESSILE- ABBIGLIAMENTO, MODA E COSTUME CLASSE: V A PTS RIF. COMPETENZA:1 A.S. 2015-2016 TITOLO: LA COLLEZIONE MODA COD. 01 A PRESENTAZIONE

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: DESIGN ARREDAMENTO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE E QUARTE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE. Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali)

LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE. Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali) LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali) La materia propone una formazione progettuale, nell ambito del communication design,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO AUDIOVISIVO MULTIMEDIALE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGETTAZIONE E LABORATORIO MULTIMEDIALE AUDIOVISIVI

DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO AUDIOVISIVO MULTIMEDIALE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGETTAZIONE E LABORATORIO MULTIMEDIALE AUDIOVISIVI DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO AUDIOVISIVO MULTIMEDIALE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 DISCIPLINA: CLASSE PROGETTAZIONE E LABORATORIO MULTIMEDIALE AUDIOVISIVI : 3^ - 4^ - 5^ 1. OBIETTIVI FORMATIVI/EDUCATIVI

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE PROGETTUALI SCENOGRAFICHE Prof. E.

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo Prof. E. Galimberti SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE PROGETTUALI SCENOGRAFICHE

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PIANO DI LAVORO

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PIANO DI LAVORO LICEO ARTISTICO P.GOBETTI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Secondaria Superiore di II^ Grado LICEO ARTISTICO P.GOBETTI OMEGNA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO

Dettagli

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: DIRITTO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1) http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 8 15/11/2013 154 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: ARCHITETTURA E AMBIENTE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA

PROGETTAZIONE DIDATTICA I.T.T.S. VITO VOLTERRA San Donà di Piave anno scolastico 2014-2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA Al Dirigente Scolastico INSEGNANTI prof. Massimo Mucci prof. Rino Zanchettin DISCIPLINA: TECNOLOGIE E TECNICHE

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

Competenze di riferimento: osservare, descrivere, conoscere, analizzare ed

Competenze di riferimento: osservare, descrivere, conoscere, analizzare ed PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2014.2015 Arte della Tipografia e della Grafica Pubblicitaria_D613 Classe 5D Prof.ssa Moira Piemonte 1. Obiettivi. Obiettivi disciplinari. Acquisire le competenze/conoscenze

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2013/2014 TECNOLOGIE MUSICALI A CURA DEL RESPONSABILE DELL AMBITO Prof.GLORIA MAZZI L ambito disciplinare TECNOLOGIE MUSICALI STABILISCE CHE: 1. i docenti prevedono un congruo numero di ore per il

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO TECNOLOGIA classe prima FINALITA OBIETTIVI GENERALI Le finalità educative (obiettivi

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 ARTE E IMMAGINE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 ARTE E IMMAGINE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 ARTE E IMMAGINE Arte e immagine ha la finalità di sviluppare nell alunno le capacità di osservare, esprimersi e comunicare, di leggere e comprendere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE Classi PRIME, SECONDE E TERZE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE Classi PRIME, SECONDE E TERZE PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE Classi PRIME, SECONDE E TERZE Anno scolastico 2014/2015 Scuola: Plesso di: Insegnanti: SECONDARIA DI 1 GRADO CERESARA-GAZOLDO D/IPPOLITI-PIUBEGA AMMIRATI ANTONELLA

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno LICEO A. MEUCCI - APRILIA (LT) Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno Le linee guida per la programmazione annuale si riferiscono al secondo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE PROGETTUALI di DESIGN legno e arredamento

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo Prof. E. Galimberti SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: Laboratorio della Scenografia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI Ministero dell Istruzione, dell Università, della Ricerca LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI di PISA e CASCINA Via San Frediano, 13 56126 PISA - Tel. 050 580501 - Fax 050 580601 Via Tosco Romagnola, 242 56021

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE PRIMA ARTE E IMMAGINE

PROGRAMMAZIONE di ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE PRIMA ARTE E IMMAGINE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DEL VENETO Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Degli Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780

Dettagli

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE PROGRAMMAZIONE CLASSI PRIME 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA ISTITUTO COMPRENSIVO CIRIE II SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO DI SAN CARLO C. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA Premessa Lo studio della disciplina

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Appunti e considerazioni sul corso di Arti Figurative al termine del primo triennio. Settembre 2015

Appunti e considerazioni sul corso di Arti Figurative al termine del primo triennio. Settembre 2015 Il corso di ARTI FIGURATIVE al Liceo Cottini Appunti e considerazioni sul corso di Arti Figurative al termine del primo triennio. Settembre 2015 Definizione del profilo in uscita - Arti Figurative Discipline

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: LABORATORIO di DESIGN legno e arredamento Prof.

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

LICEO ARTISTICO O. Metelli Terni

LICEO ARTISTICO O. Metelli Terni Laboratori aperti 2011-2012 Architettura e ambiente L indirizzo è finalizzato al conseguimento di una formazione di carattere teorico-pratico nel settore dell Architettura in rapporto alla specificità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE Programmazione didattica-educativa Bienno-triennio a.s. 2013/2014 Premessa Sulla base di una scelta didattica

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2008-09 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2008-09 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2008-09 Contratto Formativo Individuale Classe 5ª Sez. B Materia: Disegno Storia dell Arte 1 quadrimestre: Disegno- 2 quadrimestre: Storia dell arte

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO SCENOGRAFIA PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16

DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO SCENOGRAFIA PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO SCENOGRAFIA PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 Indicazioni Ministeriali Nel Liceo Artistico della nuova riforma si evidenzia una specificità basata sugli insegnamenti costituenti

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA SECONDA TERZA

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA SECONDA TERZA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1A Indirizzo di studio Scientifico Docente Monti Gabriella Silvana Disciplina Monte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013 / 2014. INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI Disegno professionale CLASSE V SEZ.

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013 / 2014. INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI Disegno professionale CLASSE V SEZ. Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 2 del : 08/10/2013 Anno scolastico 2013 / 2014 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI Disegno

Dettagli

Progettista della comunicazione web

Progettista della comunicazione web UDA Progettista della comunicazione web Responsabile grafico della comunicazione on-line Discipline Grafiche e Laboratorio Grafico CLASSE 3a GRAFICA A.S. 2015/16 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Responsabile

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: Laboratorio Multimediale Prof. Natalia Mazzoleni Prof. Daniela Giussani A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014

Dettagli

FISICA STANDARD MINIMI IN TERMINI DI CONOSCENZE E COMPENTENZE

FISICA STANDARD MINIMI IN TERMINI DI CONOSCENZE E COMPENTENZE FISICA Anno Scolastico 2013-2014 Classe II C Insegnante : Franco Cricenti OBIETTIVI GENERALI Nel II anno degli istituti professionali accanto agli insegnamenti dell area generale comuni a tutti gli indirizzi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE - CLASSE PRIMA ESPRIMERSI E COMUNICARE L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi. Rielabora

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio COMPETENZE PECUP COMPETENZE DISCIPLINA CONOSCENZE CONTENUTI TEMPI 1 Conoscere e saper applicare i principi della percezione e della composizione Sviluppare le capacità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: Discipline Audiovisive-Multimediali Prof.ssa Luisa SORRENTINO Prof.ssa Ornella SANVITO A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.:

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO per la scuola primaria Denominazione Che ora è? Il tempo e gli strumenti per misurarlo. Costruiamo ll orologio.

UNITA DI APPRENDIMENTO per la scuola primaria Denominazione Che ora è? Il tempo e gli strumenti per misurarlo. Costruiamo ll orologio. UNITA DI APPRENDIMENTO per la scuola primaria Denominazione Che ora è? Il tempo e gli strumenti per misurarlo. Costruiamo ll orologio. Prodotti Competenze mirate (Competenze chiave europee e competenze

Dettagli