STUDIO DI FATTIBILITÀ FINALIZZATO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RETE NAZIONALE DI SISTEMI MUSEALI DI ATENEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO DI FATTIBILITÀ FINALIZZATO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RETE NAZIONALE DI SISTEMI MUSEALI DI ATENEO"

Transcript

1 STUDIO DI FATTIBILITÀ FINALIZZATO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RETE NAZIONALE DI SISTEMI MUSEALI DI ATENEO Accordo di Programma tra il Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane per la predisposizione di uno Studio di Fattibilità finalizzato alla realizzazione del progetto di rete nazionale di sistemi museali di ateneo (ratificato il 26 febbraio 2002). Responsabile scientifico: Giulio Peruzzi, Università di Padova.

2 SCHEMA PER UNO STUDIO DI FATTIBILITÀ PER IL PROGETTO RETE NAZIONALE DI SISTEMI MUSEALI DI ATENEO 1. PREMESSA Origine delle collezioni museali universitarie Stato delle collezioni e pericoli Doppio ruolo dei musei universitari: musei delle università e musei nelle u- niversità Futuro dei musei universitari Lavorare insieme: un imperativo per i musei 7 2. PANORAMA Il contesto dello studio Descrizione della problematica Rassegna normativa in materia di musei accademici Analisi del patrimonio attuale PROGETTO DI MASSIMA Obiettivi Attività Destinatari Ricadute attese Collegamento con altre iniziative Indicatori e standard per la valutazione del patrimonio museale ARCHITETTURA DELLA RETE L infrastruttura di rete Architettura applicativa Natura e caratteristiche dei dati da gestire Base informativa Dati gestionali Componenti dell architettura della applicazione di basi di dati Applicazione di base di dati locale o di polo Applicazione di base di dati per la cooperazione a livello nazionale Funzionalità di recupero dati e informazioni Ricerca per Immagini Copyright delle opere in formato digitale Watermarking Dati tridimensionali e musei virtuali FASI DEL PROGETTO La Fase zero La Fase La Fase La Fase pag.

3 pag. 6. ANALISI DEL RISCHIO e ANALISI COSTI-BENEFICI RACCOMANDAZIONI PER LE FASI REALIZZATIVE 57 Allegati: Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei Sistemi Museali di Ateneo SMA Conforme al D.M del Ministero per i beni e le attività culturali del 10 maggio 2001, in attuazione dell art. 150, comma 6, D.L. n. 112/1998 (G.U. n. 244, 19 ottobre 2001, Supplemento Ordinario) 3

4 1. PREMESSA Negli ultimi anni la realtà dei musei universitari sta ricevendo una crescente attenzione un po ovunque nel mondo. Risale al 2000 la costituzione presso l ICOM (International Council of Museums) di un comitato dedicato ai musei e alle collezioni universitarie. In diversi paesi (ad esempio Olanda, Regno Unito e Australia) già anni addietro si sono avviati tentativi di coordinamento e messa in rete di musei universitari di diversa natura. Sotto il patrocinio del Consiglio d Europa, e talvolta con il sostegno della Commissione Europea (programma Culture 2002), sono stati sviluppati alcuni progetti ed è stato portato avanti, in particolare, il tentativo di una rete europea per il patrimonio accademico (Universeum, 2000). Non risulta ancora un iniziativa in tal senso dell Associazione delle Università Europee (EUA, già CRE). In Italia la realtà dei musei universitari non è ancora pienamente conosciuta. Indagini preliminari condotte negli anni passati hanno messo in luce un mondo molto ricco e composito ma piuttosto disaggregato e in generale tenuto ai margini della vita quotidiana degli atenei. Era quindi essenziale, per l elaborazione dello studio di fattibilità, che la Conferenza dei Rettori italiani (CRUI) promuovesse una ricognizione del patrimonio museale universitario, stimolando la creazione di un catalogo, inventario o archivio unico, tale da favorire la progressiva integrazione dei sistemi museali di ateneo in un sistema nazionale. Oltre però a favorire l operazione necessaria di censimento e visibilità in rete, bisogna prestare attenzione alle difficoltà che i musei universitari sempre più incontrano per sopravvivere, anche a causa delle difficoltà di carattere finanziario, ma non solo, che le università stanno ultimamente affrontando. Se il museo universitario non è visto dentro l università come la vetrina dell università e, ancor più, se non è in grado di presentarsi come un museo nell università e non soltanto come un museo dell università a disposizione unicamente dei suoi studenti e ricercatori, allora il suo destino rischia di diventare drammatico. Alcune riflessioni preliminari sui musei universitari possono servire per inquadrare le questioni e indicare l articolazione del successivo studio. 1.1 ORIGINE DELLE COLLEZIONI MUSEALI UNIVERSITARIE Attendere alla istituzione e alla conservazione di collezioni museali non è mai stato uno scopo primario delle università e tuttavia quasi ogni università ha un museo. La stessa Magna Charta delle università, firmata a Bologna nel 1988, ha riconosciuto la responsabilità delle università, specialmente quelle di più antica tradizione, per la conservazione del patrimonio culturale che è testimoniato dalle collezioni che vi si sono andate formando. Pertanto le collezioni universitarie appaiono propriamente come incidental collections secondo la definizione del Consiglio d Europa, e cioè collezioni possedute da chi non ha come attività principale quella di collezionare. Del resto l origine delle collezioni museali universitarie è spesso legata a fatti occasionali quali l iniziativa del singolo professore che raccoglie per sé e per i suoi studenti, oppure l eredità di qualche collezionista (ente o persona) che desidera o è costretto a disfarsi della propria collezione assicurandone pubblica fruibilità, o infine la circostanza di qualche evento accademico o anniversario che produce una mostra poi destinata a durare. Di conseguenza le collezioni universitarie hanno le dimensioni più varie. Alcune, le più importanti, sono collocate in sedi prestigiose e hanno acquisito, più o meno formalmente, dignità di museo, mentre altre sono confinate in qualche armadio di corridoio o addirittura relegate in depositi. 4

5 Nel panorama mondiale della realtà dei musei universitari spiccano alcune marcate differenze tra l Europa e l America. La prima, che è stata la culla dell università in epoca medievale e la fucina della scienza in età moderna, presenta un prevalere di musei di scienze naturali e medicina. Per citare solo alcuni esempi, tra i più significativi, l Università di Bologna conserva in Palazzo Poggi le preziose collezioni di Ulisse Aldrovandi, Ferdinando Cospi e Luigi Ferdinando Marsili, i musei dell Università di Padova quelle di Giovanni Poleni e Antonio Vallisneri, mentre l Ashmolean Museum di Oxford rappresenta probabilmente il più antico museo universitario di Storia Naturale. Negli Stati Uniti, al contrario, c è una netta prevalenza di musei universitari di belle arti con collezioni di archeologia, gallerie di quadri e sculture, raccolte di etnografia. Qui la fruizione del pubblico esterno all università anche istituzionalmente appare più importante della fruizione interna all università; nella missione del museo la funzione di valorizzazione del patrimonio ha il sopravvento rispetto a quella della conservazione. 1.2 STATO DELLE COLLEZIONI E PERICOLI Poche collezioni museali universitarie godono dello stato di museo vero e proprio, sono cioè istituzioni autonome o quasi, con un proprio statuto e un proprio bilancio, dotate di personale specialistico strutturato, ospitate in edifici con accesso indipendente e normalmente aperte al pubblico. Esse non sono certo esenti da rischi anche di sopravvivenza, dovendo competere con altre strutture dell Ateneo per aumentare gli spazi, o anche solo per conservare quelli esistenti, per incrementare il bilancio, o anche solo per non vederlo decurtato, per una valorizzazione della loro missione, in generale. Ma, in un certo senso, queste poche collezioni museali sono privilegiate rispetto alla maggioranza delle altre che sono semplicemente collezioni che hanno sede presso Istituti o Dipartimenti. In molti casi esse sono state messe in piedi, curate e gestite per pura passione da un singolo professore e, se non sono state poi dimenticate, sono state conservate da qualche altro professore che ai suoi normali compiti accademici ha aggiunto anche la cura della collezione. Tali collezioni museali versano in condizioni molto precarie in quanto non hanno generalmente un proprio regolamento e bilancio, spesso non sono in grado di produrre un vero catalogo, non sono visitabili se non per appuntamento. Addirittura spesso non sono conosciute dagli stessi studenti universitari che perdono così un occasione preziosa non solo di formazione ma anche di identità culturale. Ma anche nei casi in cui la situazione non è così drammatica, si registrano spesso elementi di debolezza o di rischio per il futuro, per esempio quando il museo o la collezione non sono dotate di personale specialistico (curatore, direttore), o quando non hanno legami con altre simili istituzioni esterne, o quando non hanno voce nell organizzazione dell Ateneo. 1.3 DOPPIO RUOLO DEI MUSEI UNIVERSITARI: MUSEI DELLE UNIVERSITÀ E MUSEI NELLE UNIVERSITÀ Anche se nati nelle università e per le università a supporto della didattica e della ricerca, i musei universitari non possono, o non possono più, limitarsi a svolgere questo loro ruolo che è indubbiamente primario. Certamente devono continuare a svolgere questa funzione di servizio per ricercatori e studenti, rafforzandola. E anzi devono chiedere, se non è ancora così, che questo ruolo sia formalmente riconosciuto negli statuti delle università e nei documenti che illustrano le missioni di queste ultime. 5

6 Tuttavia oggi si avverte l opportunità, per non dire la necessità e l urgenza, che i musei nelle u- niversità si aprano al pubblico esterno alle università per contribuire a promuovere la cultura scientifica e umanistica di un pubblico generico. I musei dunque come strumento non solo dell educazione formale dentro le università, ma anche, insieme agli altri mezzi di comunicazione, per l educazione informale fuori di esse. D altra parte è un vero peccato che i tesori custoditi nei musei universitari, un patrimonio unico di reperti artistici o scientifici, non siano conosciuti dal largo pubblico. Le università dovrebbero perciò maggiormente utilizzare i loro musei quasi come vetrine qualificate di se stesse. Probabilmente non si è ancora valutata abbastanza l importanza dei musei nei campus universitari come luoghi di orientamento e di primo incontro dei giovani e delle loro famiglie con la realtà delle università e come strumenti per arricchire di vita i campus universitari che spesso appaiono deserti, o per lo meno non sono utilizzati, al di fuori degli orari delle attività accademiche. I musei universitari, in altri termini, dovrebbero acquisire maggiore visibilità dentro le università e, al contempo, servire per aumentare la visibilità delle università stesse all esterno. Questo è il loro doppio ruolo, impegnativo e importante, da opporre a quanti, e non sono pochi, talvolta obiettano a che cosa servono i musei universitari?. 1.4 FUTURO DEI MUSEI UNIVERSITARI Le sfide portate dai cambiamenti nell università e nella società in generale costringono sempre più i musei universitari a ripensare la propria missione, a rafforzarla e probabilmente estenderla. Da un lato, essi dovranno riaffermarsi come il luogo della conservazione del patrimonio di conoscenze scientifiche e della tradizione culturale. Dovranno anzi sempre più intensamente svolgere una funzione educativa, promovendo dentro le università e fuori di esse la cultura della conservazione delle testimonianze del progresso umano, cultura che oggi appare affievolirsi. I musei saranno vivi nella misura in cui sapranno estendersi e arricchirsi con le testimonianza più recenti; inoltre essi saranno vitali se svilupperanno ricerca sul patrimonio che custodiscono. Quale è il futuro dei musei che, una volta istituiti, non cambiano più, non presentano di tanto in tanto elementi di novità, non offrono per esempio mostre temporanee o non partecipano a iniziative integrate con altri musei? Ma adempiere a questa missione, per così dire interna, non basta probabilmente più per i nostri musei. Il patrimonio ingente custodito nei musei universitari, catalogato e gestito in maniera professionale, rappresenta un capitale che sarebbe insensato non sfruttare. Perciò essi possono, o devono, diventare lo strumento con il quale le università dialogano con il mondo esterno. E allora i musei universitari dovranno imparare a svolgere un altro servizio oltre a quello iniziale e fondamentale della conservazione, e cioè quello della educazione e persino del divertimento del pubblico generico. Che cosa si aspetta quest ultimo da un museo e, forse ancor di più, da un museo universitario? Di essere informato in maniera seria e rigorosa ma anche il più possibile interattiva e attraente. I musei universitari negli Stati Uniti sono particolarmente attenti a richiamare il vasto pubblico con elementi di attrazione, che vanno dall offerta di punti di ristoro e di vendita di libri e oggetti vari, fino all ospitalità di eventi come presentazioni commerciali o feste familiari. Se i musei u- niversitari potessero dotarsi di strutture adeguate, si aprirebbe la possibilità di molteplici attività rivolte al pubblico (punti di ristoro, punti di vendita di libri e oggetti relativi alle collezioni esposte, cicli di conferenze, ecc.) alle quali, tra l altro, enti pubblici e privati potrebbero essere interessati, intervenendo anche economicamente nella gestione dei musei e aiutandoli così a conso- 6

7 lidare i loro bilanci, spesso modesti. Questo senza tuttavia perdere di vista il fatto che esiste un contrasto per certi versi ineliminabile tra il ruolo sociale e culturale di un museo (sia questo civico, statale o universitario) e la sua rendita in termini economici. 1.5 LAVORARE INSIEME: UN IMPERATIVO PER I MUSEI In un epoca connotata da spinte sempre più forti verso la globalizzazione nei vari aspetti della vita pubblica e privata ogni realtà deve fare i conti con questo fenomeno. Collaborare oggi è un opportunità resa più facile dalla ampia disponibilità dei mezzi di comunicazione ma è anche una strada obbligata per realizzare economie di scala. La realtà dei musei, e dei musei universitari in particolare a livello sia nazionale sia internazionale, è rappresentata da una costellazione di un gran numero di unità, spesso isolate, alcune di dimensioni più grandi mentre altre di dimensioni piccole per non dire minime. Prese singolarmente, queste unità sono anche interessanti e a volte importanti, ma non hanno peso e soprattutto trovano generalmente difficoltà di gestione a causa della scarsità di risorse. Presentarsi insieme e, soprattutto, associarsi per condividere le risorse diventa pertanto un imperativo. La forma più semplice di collaborazione è quella di appartenere ad una rete più o meno vasta, conoscendosi reciprocamente, scambiandosi informazioni e sforzandosi di adottare standard comuni. Questo è un primo passo importante ma solo preliminare, per i musei universitari, passo già realizzato in alcuni paesi e in fase di avvio in Italia. Dallo stare insieme in rete possono nascere iniziative comuni come la partecipazione a progetti Europei, nei quali l Italia è attualmente marginale, la presenza collettiva ad un unico grande evento, la produzione di eventi itineranti, la redazione di un notiziario delle iniziative comuni e singole o quant altro. Un passo più avanzato, oggi sollecitato nei vari paesi dalle autorità preposte alla valorizzazione dei beni culturali, è l associazione di musei, specialmente quelli piccoli, su basi territoriali o tematiche. Per i musei universitari questo significa in ciascun ateneo creare un sistema museale di ateneo. Imparare a lavorare insieme non è sempre facile soprattutto in un campo come quello dei musei in cui il volontariato appassionato gioca un ruolo molto importante. Pertanto ogni iniziativa di associazione deve evitare forme di rigido burocraticismo per non mortificare lo spirito di volontariato che anima molti operatori museali e per non aumentare troppo le distanze, e quindi ridurre la fiducia, tra gli operatori dei musei e gli utenti o i possibili donatori. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 1. Managing University Museums, OECD Publication, Paris Luca Basso Peressut, Musei per la scienza Science Museums, edizioni Lybra Immagine, Milano Daniele Jalla, Il Museo Contemporaneo. Introduzione al sistema museale italiano, UTET, Torino Tommaso Alibrandi e Pier Giorgio Ferri, I beni culturali e ambientali, Giuffrè, Milano

8 2. PANORAMA 2.1 IL CONTESTO DELLO STUDIO In questa sezione si prende in esame il contesto nel quale si colloca lo studio di fattibilità con l obiettivo di costituire una rete nazionale dei sistemi museali di ateneo. Il progetto trae origine dal documento finale elaborato il 13 giugno 2000 dalla Commissione di delegati rettorali per i musei, gli archivi e i centri per le collezioni universitarie di interesse storico-scientifico (da ora in poi Commissione) della CRUI. In tale documento si proponeva un programma di interventi per la valorizzazione complessiva del patrimonio conservato negli atenei, e si prospettava la loro organizzazione in sistemi museali di ateneo e un efficace inserimento degli stessi in una rete nazionale. Il documento è stato presentato sia al Ministro per l Università, sia al Ministro per i Beni e la Attività Culturali. A quel documento, ancora preliminare e essenzialmente carente dal punto di vista sia della ricognizione sull esistente sia delle linee portanti del progetto, ha fatto seguito nel corso del 2001 la decisione della CRUI di richiedere un finanziamento al MIUR per predisporre un più organico e circostanziato studio di fattibilità per un progetto di rete museale accademica nazionale, nella consapevolezza della complessità e della criticità del progetto stesso e dall effettivo bisogno di definire con precisione gli obiettivi, i tempi e i costi della realizzazione. Il DM 10 maggio 2001, Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei, pubblicato sulla G.U. n. 244, 19 ottobre 2001, Supplemento Ordinario, ha permesso allo studio di fattibilità di muoversi in un ambito normativo più definito a livello nazionale per tutto quanto attiene alla definizione e alla gestione ordinaria dei musei, delle collezioni e delle raccolte 1. Le Università Italiane presenti nella CRUI sono 74, di queste 58 hanno un loro rappresentante nella Commissione della CRUI. Va da sé che alcune Università di nuova formazione non hanno patrimonio storico e tradizioni tali da permettergli il possesso di collezioni di carattere storicoscientifico, anche se molte delle nuove Università si stanno attrezzando di raccolte e collezioni a uso didattico e di ricerca. Grazie alla collaborazione dei delegati rettorali nella Commissione CRUI è stato possibile costituire una prima base dati on line, accessibile in rete all indirizzo che ha permesso per la prima volta nel nostro Paese di tracciare un primo quadro abbastanza esauriente della situazione in cui versano i musei universitari. Il totale degli atenei censiti è pari a 38, dei quali 32 con musei e 6 senza musei o con musei in via di attivazione. Il totale dei musei censiti nei 32 atenei è 178, mentre il totale delle collezioni è DESCRIZIONE DELLA PROBLEMATICA Questa parte dello studio di fattibilità identifica la problematica da cui scaturisce il progetto, ne indica la rilevanza e ne delinea i confini. Innanzitutto, come emerge chiaramente dalle tabelle presentate al successivo punto 2.4, ricavate da una analisi aggregata della base dati on line raccolta dalla CRUI, la gamma di aree tematiche (e quindi di tipologie di oggetti) rappresentate dai musei e dalle collezioni universitarie è assai 1 Cfr. all. 1, in cui si è elaborata una contestualizzazione del decreto in oggetto alla situazione dei sistemi museali di ateneo. 8

9 estesa. La distribuzione dei musei per area tematica è infatti la seguente: Agraria (1%), Anatomia (12%), Antropologia (4%), Archeologia (6,5%), Architettura (0,5%), Arte (0,5%), Astronomia (2%), Botanica (19%), Chimica (3,5%), Economia (0,5%), Fisica (12%), Geologia e Paleontologia (13,5%), Ingegneria (3%), Medicina (3,5%), Storia Naturale (7,5%), Zoologia (5%), Altro (6%). Questo da un lato rappresenta una notevole ricchezza e quindi rilevanza del patrimonio posseduto, dall altro crea una serie di problemi che vanno dalla definizione di standard condivisi per la catalogazione (non tutte le tipologie di oggetti trovano una schedatura nazionale definita nell ambito dell ICCD) alla irriducibile specificità delle esigenze di gestione delle diverse tipologie di oggetti. Per esempio, le esigenze gestionali di un Orto Botanico sono ben diverse da quelle relative a un Museo di Paleontologia o di Storia della Fisica. La definizione di standard di catalogazione condivisi e gestiti per via informatica assume importanza strategica sia per le Università sia per il MIUR e il MBAC. Infatti solo la costituzione di un opportuno catalogo di pubblico accesso in linea (Online public access catalog, OPAC) dei musei universitari può fornire la base dati per un portale nazionale, ausilio importante, se non indispensabile, per la ricerca, la didattica, la gestione, la valorizzazione e la fruizione del prezioso e ingente patrimonio storico-scientifico conservato dalle Università. Dell OPAC per i musei si parlerà più in dettaglio nella sezione 3.1. Per quanto poi riguarda la specificità delle esigenze di gestione delle diverse tipologie di oggetti, si possono individuare almeno due campi di intervento fondamentali: (1) la creazione di una rete di servizi come elemento di razionalizzazione degli investimenti e di coinvolgimento di Università che attualmente non dispongono di beni museali; (2) la formazione e/o riqualificazione del personale destinato ai musei universitari. Torneremo più ampiamente su questi campi di intervento nelle successive sezioni 3.1 e 3.2. Oltre alla grande varietà di aree tematiche, ciò che emerge ancora dalla ricognizione fatta è la scarsa tipizzazione dei musei universitari, essi cioè non risultano generalmente regolati da norme specifiche (del tipo di statuti, regolamenti o altri documenti scritti di pari valore). D altra parte, per vari musei universitari (cfr. tabelle della sezione 2.4) sembra anche difficile accertare la conformità alle principali definizioni, nazionali e internazionali, di museo: un istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo aperta al pubblico, che compie ricerche sulle testimonianze materiali dell uomo e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, le comunica e soprattutto le espone a fini di studio, di educazione e di diletto [I- COM, Codice di deontologia professionale, adottato dalla 15.a Assemblea generale dell ICOM riunita a Buenos Aires, Argentina, il 4 novembre 1986]; struttura comunque denominata organizzata per la conservazione, la valorizzazione e fruizione pubblica di raccolte di beni culturali [Testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali, D.Lgs. 29 ottobre 1999, n. 490, art. 99]. Può una raccolta di oggetti con un area espositiva pari a zero metri quadrati essere definita museo? Può altresì definirsi museo una raccolta di oggetti non aperta al pubblico, senza personale, senza catalogazione? In realtà molte di queste raccolte erano più vicine alle definizione di museo (o perfettamente pertinenti a quelle definizioni) prima di essere relegate in magazzini per cedere spazio ad altre esigenze di didattica e di ricerca dei dipartimenti, o di perdere personale assegnato, andato in pensione o destinato ad altri incarichi. Operando in una logica di Sistema Museale di Ateneo e di Rete di Sistemi Museali di Ateneo è possibile recuperare gran parte di quel patrimonio che rischia di andare disperso o di subire danni irreversibili, ottimizzando le risorse disponibili e attingendo a risorse nazionali e internazionali che il singolo museo o la singola collezione non possono pensare di ottenere. 2.3 RASSEGNA NORMATIVA IN MATERIA DI MUSEI ACCADEMICI 9

10 La situazione normativa dei musei scientifici universitari è estremamente varia. Si va da un vero e proprio Museo con gestione assolutamente autonoma, una consistenza patrimoniale di circa 8 milioni di reperti e molti tecnici, a semplici collezioni didattiche ad uso delle lezioni universitarie di un dipartimento. Fra questi due estremi tutta una serie di situazioni diverse, sia in termini di consistenza patrimoniale sia come tipo di gestione. In molte sedi importanti si è diffuso l istituzione di un Centro, il più delle volte di servizi, che opera un coordinamento fra le esistenti realtà museali, spesso dotate di un certo grado di autonomia entro i dipartimenti. È questo un tipico esempio di Sistema museale di Ateneo che però può risultare anche dalla semplice somma di modeste forme museali, talvolta spazianti dal piccolo museo zoologico a quello artistico. Per poter comprendere qualsiasi entità museale, grande media o piccola, naturalistica o storicoscientifica o artistica, la dizione Sistema Museale d Ateneo sembra preferibile e come tale è stata usata nei più recenti indirizzi normativi sui musei scientifici universitari presi da alcuni atenei (come Bologna, Napoli e Padova). Ferma restando l autonomia di ogni Università nel prefigurare il tipo di organizzazione locale, il Sistema museale d Ateneo dovrebbe fornire almeno un minimo di coordinamento nell attività di sede assicurando un minimo di autonomia gestionale (in termini di locali, personale, fondi) dai rispettivi dipartimenti. L indagine promossa dalla Commissione Musei della CRUI ha evidenziato che in molte sedi si può parlare di Centri e Sistemi museali (Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Calabria, Camerino, Ferrara, Firenze, Milano, Modena, Napoli Federico II, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Roma Sapienza, Sassari) e in altre ancora il problema va maturando. Sulla spinta delle indicazioni della Commissione CRUI molte altre Università, soprattutto di recente costituzione, potranno prefigurare iniziative di tipo museale, anche in assenza di collezioni storiche. Queste iniziative vanno comunque stimolate e lo saranno maggiormente con la realizzazione del progetto di rete nazionale di Sistemi Museali d Ateneo presentato nel presente studio di fattibilità. La CRUI potrebbe essere incaricata del coordinamento tramite un proprio delegato o tramite un gruppo di lavoro o Commissione ad hoc i Sistemi Museali di Ateneo istituiti nelle forme che ogni ateneo riterrà più consone. La CRUI procederà quindi a svolgere un compito di coordinamento nazionale delle iniziative che saranno prospettate dai Sistemi di Ateneo, a loro volta funzionanti da coordinatori locali. Per quanto concerne la normativa nazionale esistente, il primo riferimento di legge ai musei è quello dell art. 3 della legge 3 novembre 1961, n che istituì il ruolo dei conservatori di musei delle scienze e dei curatori degli orti botanici con le successive integrazioni e modifiche fino a che il ruolo è stato abolito col riordinamento del personale non docente delle Università. Si ha poi in tempi recenti un vago accenno a musei scientifici e orti botanici universitari nella legge 10 gennaio 2000, n. 6, ma solo ai fini della divulgazione della cultura scientifica. È pur vero che Musei ed Orti sono menzionati in numerosi circolari del Ministero della Pubblica Istruzione degli anni 80 auspicanti la costituzione, il potenziamento e l autonomia di questi istituti, sulla spinta di una Commissione Musei nominata dal Ministro su proposta dell ANMS (Associazione Nazionale Musei Scientifici). In quegli anni, è interessante segnalare, si verificò un caso importante a Torino dove la locale Università, impossibilitata a gestire al meglio le proprie importanti collezioni naturalistiche, le affidò in comodato alla Regione Piemonte che costituì il Museo Regionale di Scienze Naturali solo parzialmente attivo che ha promosso un impegnativo restauro di un grande complesso exospedaliero che ne diventerà la sede. 10

11 Non è escluso che qualche altra Università possa seguire strade analoghe, anche se non identiche. Ad esempio quella di passare le proprie collezioni o addirittura i musei a fondazioni private che possano ricevere sovvenzioni ad hoc, anche mantenendone la supervisione scientifica. Queste forme di abdicazione che nascondono una malintesa visione restrittiva dei compiti di un università, soprattutto in un momento in cui si pensa giustamente ad una educazione permanente, potrebbero essere comunque superate se le Università fossero messe in grado di sostenere il grande peso economico che le penalizza dal fatto di essere proprietaria di collezioni, magari antiche di secoli. Un iniziativa congiunta dei vari atenei per una normativa omogenea sui musei storico-scientifici universitari diventa sempre più necessaria. 2.4 ANALISI DEL PATRIMONIO ATTUALE Le tabelle che riportano aggregati i dati raccolti on line dalla CRUI non necessitano di particolari commenti. Ci limiteremo quindi ad alcune osservazioni su specifici punti. La carenza di risorse umane risulta particolarmente grave. Su 178 musei il personale presente è così distribuito: (a) I curatori sono nel complesso 90, cioè se ci fosse un unico curatore per museo soltanto il 50,6% dei musei avrebbe un curatore. In realtà la situazione è anche peggiore se si considerano le aree tematiche con più curatori, Botanica con 25, Geologia e Paleontologia con 13, Fisica con 10, Storia Naturale con 10, queste che nell insieme rappresentano circa il 52% dei musei censiti concentrano il 64% dei curatori complessivi. (b) I tecnici sono in tutto 77, se ci fosse un unico tecnico per museo soltanto il 43% dei musei avrebbe un tecnico. Ma, come al punto (a), Botanica con 25, Geologia e Paleontologia con 7, Fisica con 5, Storia Naturale con 11, concentrano circa il 64% dei tecnici. (c) Gli amministrativi sono in tutto 55, circa 31% rispetto al numero dei musei. Ancora, Botanica con 13, Geologia e Paleontologia con 6, Fisica con 5, Storia Naturale con 9, concentrano circa il 60% di tutti gli amministrativi. (d) I custodi sono 39, circa il 22% rispetto ai musei. In questo caso, Botanica con 9, Geologia e Paleontologia con 6, Fisica con 3, Storia Naturale con 3, concentrano circa il 54% di tutti i custodi vicino al 52% che le quattro aree rappresentano rispetto al totale dei musei censiti. (e) I borsisti sono 58, circa il 32,6% rispetto ai musei. Qui, Botanica con 11, Geologia e Paleontologia con 8, Fisica con 3, Storia Naturale con 7, raggiungono complessivamente il 50% allineandosi con le percentuali di area dei musei. Dati altrettanto significativi emergono per la superficie dedicata alle strutture museali, l apertura e accesso al pubblico e i finanziamenti. Superficie (hanno risposto 119 alla (1) e 101 alla (2), nei 119 sono compresi 7 che hanno dichiarato superficie pari a 0 mq, nei 101 sono compresi 10 che hanno dichiarato una superficie pari a 0 mq): (1) media della superficie totale dedicata a strutture museali 2814 mq (mediana 400 mq: il 50% di 119 ha sup. < di 400 mq) (2) media della superficie espositiva 2348 mq (mediana 240 mq: il 50% di 91 ha sup. < 240 mq) Alcuni campionamenti su strutture di singoli atenei indicano comunque un assoluta insufficienza di spazi, anche nei casi dove le superfici espositive sono di qualche migliaio di metri quadrati. 11

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO (Testo coordinato

Dettagli

CLASSIFICA RAGGRUPPAMENTO FACOLTA SCIENTIFICO-TECNICHE

CLASSIFICA RAGGRUPPAMENTO FACOLTA SCIENTIFICO-TECNICHE CLASSIFICA RAGGRUPPAMENTO FACOLTA SCIENTIFICO-TECNICHE N.B. per tutte le questioni di natura metodologica e la guida alle lettura si rinvia alla nota metodologica 2010 consultabile seguendo il link: http://www.censisguida.it/document/it/nota_metodologica/universita

Dettagli

Anno 2007 - dati aggiornati al 3 settembre 2008

Anno 2007 - dati aggiornati al 3 settembre 2008 IMT ALTI STUDI LUCCA ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/ISTITUTO DI ASTROFISICA SPAZIALE ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA SEDE BOLOGNA ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/OSSERVATORIO

Dettagli

L INTEGRAZIONE TRA TERRITORIO E CULTURA: IL CASO «HAPPY MUSEUM»

L INTEGRAZIONE TRA TERRITORIO E CULTURA: IL CASO «HAPPY MUSEUM» L INTEGRAZIONE TRA TERRITORIO E CULTURA: IL CASO «HAPPY MUSEUM» Dott.ssa Sara Grufi 1 INTRODUZIONE AL «MARKETING MUSEALE» Constatazione dei limiti delle politiche di management adottate dalle realtà museali.

Dettagli

Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario

Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario Contributi della Segreteria Tecnica Prime analisi sulle strutture disponibili

Dettagli

Il Percorso di orientamento

Il Percorso di orientamento Il Percorso di orientamento ALMALAUREAAUREA per il 200 Giancarlo Gasperoni Percorso di orientamento 200 Considerazioni emerse dall edizione 200 Comportamenti differenziati a seconda della sezione del Percorso

Dettagli

GRUPPO di FACOLTA BARI. Politecnico di BARI BASILICATA BERGAMO BOLOGNA BRESCIA CAGLIARI

GRUPPO di FACOLTA BARI. Politecnico di BARI BASILICATA BERGAMO BOLOGNA BRESCIA CAGLIARI BARI Politecnico di BARI BASILICATA BERGAMO BOLOGNA BRESCIA CAGLIARI Agraria 37 41 52 Economia 53 49 64 Farmacia 17 29 41 Giurisprudenza 49 32 82 Lettere e Filosofia 53 41 65 Lingue e Letterature straniere

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato n.4 Posti disponibili per l'accesso al corso di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia anno accademico 2013-2014 Comunitari e non comunitari residenti in Italia di cui alla legge 30 luglio

Dettagli

Anno accademico 1997/98 CORSI DI LAUREA:

Anno accademico 1997/98 CORSI DI LAUREA: ARCHITETTURA Anno accademico 1997/98 POSTI RESIDUI NEL CONTINGENTE PREVISTO PER GLI STUDENTI EXTRACOMUNITARI, UTILI ALLE RICHIESTE DI RIASSEGNAZIONE. CORSI DI LAUREA: BARI POLITECNICO 8 CAMERINO 4 CATANIA

Dettagli

CONVENZIONE Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

CONVENZIONE Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania CONVENZIONE tra LA DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLA CAMPANIA, LA SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI, PAESAGGISTICI, STORICI, ARTISTICI ED ETNOANTROPOLOGICI DI NAPOLI

Dettagli

DIPLOMI UNIVERSITARI DIVISI PER UNIVERSITA'

DIPLOMI UNIVERSITARI DIVISI PER UNIVERSITA' DIPLOMI UNIVERSITARI DIVISI PER UNIVERSITA' Nº DIPLOMA UNIVERSITARIO NOME UNIVERSITA' 1 ANCONA 2 Diploma Universitario in FISIOTERAPISTA ANCONA 3 Diploma Universitario in INFERMIERE ANCONA 4 Diploma Universitario

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 6 del 20/7/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione locale dei corsi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Decreto Rettorale n.3998 del 31 luglio 2014 Oggetto: Attivazione del Sistema Museale di Ateneo (SMA) quale Centro di servizi di interesse per l Ateneo, emanazione del Regolamento

Dettagli

CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI

CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5.

Dettagli

SERVIZIO PER L'AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI UFFICIO II

SERVIZIO PER L'AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI UFFICIO II SERVIZIO PER L'AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI UFFICIO II CONTINGENTE RESIDUO DEI POSTI RISERVATI AGLI STUDENTI NON COMUNITARI RESIDENTI ALL'ESTERO, PER L'ANNO ACCADEMICO 2000/2001. CORSI DI LAUREA:

Dettagli

LA RIFORMA DEI BENI CULTURALI E IL RAPPORTO STATO-AUTONOMIE LOCALI

LA RIFORMA DEI BENI CULTURALI E IL RAPPORTO STATO-AUTONOMIE LOCALI DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI E LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI LA RIFORMA DEI BENI CULTURALI E IL RAPPORTO STATO-AUTONOMIE LOCALI PROF. LORENZO CASINI UNIVERSITÀ

Dettagli

Categorie: Requisiti:

Categorie: Requisiti: Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Avviso pubblico per la selezione di soggetti e professionisti da inserire negli elenchi delle Società / Cooperative / Studi di professionisti,

Dettagli

Tav. 6.8b - Studenti della Valle d'aosta iscritti per ateneo, facoltà e genere - Anni accademici 2011/2012-2012/2013

Tav. 6.8b - Studenti della Valle d'aosta iscritti per ateneo, facoltà e genere - Anni accademici 2011/2012-2012/2013 Tav. 6.8b - Studenti della Valle d'aosta iscritti per ateneo, facoltà e genere - Anni accademici 2011/2012-2012/2013 ANNO ACCADEMICO 2012/2013 ATENEO FACOLTA' Maschi Femmine Totale Aosta Classe non richiesta

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Decreto Ministeriale 24 febbraio 2003

Decreto Ministeriale 24 febbraio 2003 Decreto Ministeriale 24 febbraio 2003 Ordinanza ministeriale 24 febbraio 2003 con la quale vengono indette per l'anno 2003 le sessioni di esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio delle professioni

Dettagli

TIPOLOGIA VALUTAZIONE DEGLI STANDARD TOTALE PRESENTI RICHIESTA CHIARIMENTI

TIPOLOGIA VALUTAZIONE DEGLI STANDARD TOTALE PRESENTI RICHIESTA CHIARIMENTI TIPOLOGIA VALUTAZIONE DEGLI STANDARD TOTALE PRESENTI RICHIESTA CHIARIMENTI CARENZE DI RILIEVO CHIRURGIA 28 7 4 39 GENERALE CHIRURGIA 18 7 6 31 TORACICA CARDIOCHIRURGIA 10 18 1 29 CHIRURGIA 13 7 4 24 APPARATO

Dettagli

MUSEsplorandO: processi e tecnologie per una didattica in ambiente museale IL PROGETTO. Flaviano Fanfani

MUSEsplorandO: processi e tecnologie per una didattica in ambiente museale IL PROGETTO. Flaviano Fanfani MUSEsplorandO: processi e tecnologie per una didattica in ambiente museale IL PROGETTO Flaviano Fanfani La Scienza in pochi click!! Tutte le opportunita o eventi che ti aiutano a viaggiare nel meraviglioso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

Università che hanno comunicato il numero complessivo dei posti disponibili per singola facoltà

Università che hanno comunicato il numero complessivo dei posti disponibili per singola facoltà Allegato 3 Contingente riservato agli studenti non comunitari residenti all'estero per l'anno accademico 2001/2002 per i corsi di laurea e di diplomi universitari attivati secondo l'ordinamento didattico

Dettagli

Risultati della ricerca Trovati 85 corsi di laurea in 52 Università:

Risultati della ricerca Trovati 85 corsi di laurea in 52 Università: Risultati della ricerca Trovati 85 corsi di laurea in 52 Università: Lista Università Università Politecnica delle MARCHE http://www.univpm.it Ingegneria Informatica e dell'automazione, ANCONA Università

Dettagli

Chimica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-27 - SCIENZE E TECNOLOGIE CHIMICHE

Chimica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-27 - SCIENZE E TECNOLOGIE CHIMICHE Chimica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) PER SINGOLI INDIRIZZI O CURRICULA CONSULTARE L INDIRIZZO INTERNET DELLE SINGOLE UNIVERSITA CLASSE DELLE LAUREE L-27 - SCIENZE E TECNOLOGIE CHIMICHE

Dettagli

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45 1. L indagine 2015 Il Profilo dei Laureati 2014 (indagine 2015) prende in considerazione quasi 230.000 laureati di 64 Atenei italiani. Cinque Atenei (Roma La Sapienza, Bologna, Napoli Federico II, Padova

Dettagli

L indagine 2014. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 59

L indagine 2014. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 59 1. L indagine 014 Il Profilo dei Laureati 013 (indagine 014) prende in considerazione quasi 30.000 laureati di 64 Atenei italiani (rispetto alla scorsa indagine partecipa per la prima volta anche l Ateneo

Dettagli

LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO

LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO La tanto attesa e temuta classifica Censis relativa alla valutazione degli Atenei italiani è stata di recente pubblicata

Dettagli

Dr. Ezio Casale Ordine medici e Odontoiatri- Chieti

Dr. Ezio Casale Ordine medici e Odontoiatri- Chieti Dr. Ezio Casale Ordine medici e Odontoiatri- Chieti Accesso al corso di laurea in medicina e chirurgia L. 264 / 1999 M.I.U.R. a) Numero programmato Offerta formativa Fabbisogno regionale b) Prove di ammissione

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA RICERCA NELLE 14 AREE: DIPARTIMENTI E SOTTOSTRUTTURE

LA QUALITÀ DELLA RICERCA NELLE 14 AREE: DIPARTIMENTI E SOTTOSTRUTTURE dipartimenti delle università e delle sottostrutture degli enti Salerno Informatica 1,49 78,9 Roma La Sapienza Informatica 1,39 68,8 Pavia Matematica F. Casorati 1,39 61,9 MEDIE Trieste SISSA *** n.d.

Dettagli

L indagine 2013. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 65

L indagine 2013. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 65 1. L indagine 2013 Il Profilo dei Laureati 2012 (indagine 2013) prende in considerazione quasi 227.000 laureati di 63 Atenei italiani, 2 dei quali partecipano per la prima volta (Roma Tor Vergata e Enna

Dettagli

Informatica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-31 - SCIENZE E TECNOLOGIE INFORMATICHE

Informatica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-31 - SCIENZE E TECNOLOGIE INFORMATICHE Informatica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) PER SINGOLI INDIRIZZI O CURRICULA CONSULTARE L INDIRIZZO INTERNET DELLE SINGOLE UNIVERSITA CLASSE DELLE LAUREE L-31 - SCIENZE E TECNOLOGIE INFORMATICHE

Dettagli

Nota Mastrillo. Alcuni dati sono stati elaborati da Angelo Mastrillo (mastrillo@aitn.it)

Nota Mastrillo. Alcuni dati sono stati elaborati da Angelo Mastrillo (mastrillo@aitn.it) Introduzione L'edizione 2011 dell'ammissione a Medicina e Odontoiatria ha visto alcune novità che hanno ripercussione su queste statistiche e sui raffronti storici. Le principali sono le seguenti: 1. Unica

Dettagli

«Tra centro e periferia: il ruolo dell'università per la rinascita delle aree interne e la coesione sociale» Gianmaria Palmieri

«Tra centro e periferia: il ruolo dell'università per la rinascita delle aree interne e la coesione sociale» Gianmaria Palmieri «Tra centro e periferia: il ruolo dell'università per la rinascita delle aree interne e la coesione sociale» Gianmaria Palmieri Aree interne del Paese Assegnazione FFO Università Aree interne Ateneo 2015

Dettagli

www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni

www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni il progetto La città di Mantova custodisce nei suoi

Dettagli

Biologia I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-13 - SCIENZE BIOLOGICHE

Biologia I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-13 - SCIENZE BIOLOGICHE Biologia I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) PER SINGOLI INDIRIZZI O CURRICULA CONSULTARE L INDIRIZZO INTERNET DELLE SINGOLE UNIVERSITA CLASSE DELLE LAUREE L-13 - SCIENZE BIOLOGICHE Università

Dettagli

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 e-learning PER LA CATALOGAZIONE 1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 1.1 GLI OBIETTIVI 2 1.2 I PERCORSI DIDATTICI 2 1.3 I CONTENUTI: LA CATALOGAZIONE 3 1.4 I CONTENUTI: GLI STANDARD CATALOGRAFICI 3 1.5 I CONTENUTI:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Prot. n.:485 Titolo VII/1 OGGETTO:Nomina commissioni procedure di valutazione comparativa per la copertura di n. 11 posti di Professore Ordinario di ruolo - IL RETTORE VISTA la legge 09.05.1989, n. 168;

Dettagli

Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli

Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli Risorse umane Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli Regione: MOLISE Provincia: CAMPOBASSO Le opere previste nel progetto generale riguardano

Dettagli

Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/ 2001

Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/ 2001 Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 P rofessioni regolamentate dal D.P.R. 328/ 2001 Allegati Ordinanza Ministeriale 22 gennaio 2007 Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 Professioni regolamentate

Dettagli

per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009

per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009 Bando di concorso per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009 1. COS È Made NEW in Italy? Il Premio Made NEW in Italy, promosso dal Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia

Dettagli

REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO. Maggio 2012

REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO. Maggio 2012 REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO Maggio 2012 Il museo denominato Museo Laboratorio della Mente (d ora in avanti MLM) con sede a Roma Piazza S. Maria della Pietà n.5, Padiglione

Dettagli

Statistiche Nazionali sull'ammissione a Medicina e Chirurgia 2012/2013

Statistiche Nazionali sull'ammissione a Medicina e Chirurgia 2012/2013 Statistiche Nazionali sull'ammissione a Medicina e Chirurgia 2012/2013 I valori sono ricavati dai dati pubblicati dal Miur (Ultima modifica 28/09/2012 ) L'edizione 2012 dell'ammissione a Medicina e Odontoiatria

Dettagli

VERSO UN NUOVO MIBACT LA RIORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

VERSO UN NUOVO MIBACT LA RIORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO VERSO UN NUOVO MIBACT LA RIORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO La riorganizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT) trae

Dettagli

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA Analisi dell offerta formativa di corsi di laurea universitari attivati in Italia sui temi di interesse della cooperazione internazionale allo sviluppo per l anno accademico 2007/2008 * Sommario 1 ANALISI

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÁ DEI SERVIZI

CARTA DELLA QUALITÁ DEI SERVIZI CARTA DELLA QUALITÁ DEI SERVIZI DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO GENNA MARIA DI VILLANOVAFORRU LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO GENNA MARIA DI VILLANOVAFORRU 1. PREMESSA La

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL MUSEO ARCHEOLOGICO DEL FINALE

REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL MUSEO ARCHEOLOGICO DEL FINALE Museo Archeologico del Finale Complesso Monumentale di Santa Caterina 17024 Finale Ligure Borgo (SV), Italia Tel. +39.019.690020 fax +39.019.681022 www.museoarcheofinale.it info@museoarcheofinale.it REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO Art. 1 Denominazione, definizione, sede Il Museo Civico di Bracciano è un organismo permanente, senza fini di lucro, istituito dal Comune di Bracciano con

Dettagli

TEST ECONOMIA 2014 Svilippo progetto TOLC-Economia

TEST ECONOMIA 2014 Svilippo progetto TOLC-Economia scienze www.cisiaonline.it TEST ECONOMIA 2014 Svilippo progetto TOLC-Economia Prof. Claudio Casarosa Direttore CISIA Roma, 3 ottobre 2014, Assemblea Conferenza Area 13 I CONSORZIATI Consorziate 40 Università

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

TABELLA DISPONIBILITA CORSI TFA DA ISTITUIRE PRESSO GLI ATENEI UNIVERSITARI D ITALIA

TABELLA DISPONIBILITA CORSI TFA DA ISTITUIRE PRESSO GLI ATENEI UNIVERSITARI D ITALIA TABELLA DISPONIBILITA CORSI TFA DA ISTITUIRE PRESSO GLI ATENEI UNIVERSITARI D ITALIA A013 Chimica e tecnologie chimiche A016 Costruzioni,tecnologie delle costruzioni e disegno tecnico A017 Discipline economico

Dettagli

CODICE ETICO DEGLI AMICI E VOLONTARI DEI MUSEI

CODICE ETICO DEGLI AMICI E VOLONTARI DEI MUSEI FMAM FEDERAZIONE MONDIALE DEGLI AMICI DEI MUSEI versione e traduzione italiana a cura di ICOM ITALIA COMITATO NAZIONALE ITALIANO DEL CONSIGLIO INTERNAZIONALE DEI MUSEI CODICE ETICO DEGLI AMICI E VOLONTARI

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

RAPPORTO SVIMEZ 2014 SULL ECONOMIA DEL MEZZOGIORNO PARTE SECONDA - EMERGENZA SOCIALE E DIRITTI DI CITTADINANZA

RAPPORTO SVIMEZ 2014 SULL ECONOMIA DEL MEZZOGIORNO PARTE SECONDA - EMERGENZA SOCIALE E DIRITTI DI CITTADINANZA RAPPORTO SVIMEZ 2014 SULL ECONOMIA DEL MEZZOGIORNO PARTE SECONDA - EMERGENZA SOCIALE E DIRITTI DI CITTADINANZA IX. Il sistema universitario del Mezzogiorno e gli interventi per la qualità e l'efficienza

Dettagli

Vivere il museo 2013

Vivere il museo 2013 OBIETTIVI DEL PROGETTO: 1. ACQUARIO CIVICO (Sede 91334) Scheda progetto Vivere il museo 2013 apporre migliorie alle vasche espositive del percorso interno supportando il lavoro dei biologi acquaristi nella

Dettagli

Linee guida della proposta di sottoscrizione ottobre 2004

Linee guida della proposta di sottoscrizione ottobre 2004 Linee guida della proposta di sottoscrizione ottobre 2004 Il presente documento rappresenta le linee guida proposte da Casalini Libri per la sottoscrizione alle proprie banche dati da parte degli atenei

Dettagli

Riconoscimenti Universitari in Italia

Riconoscimenti Universitari in Italia Riconoscimenti Universitari in Italia Di seguito riportiamo l elenco delle Università italiane che riconoscono le certificazioni rilasciate da English Speaking Board. Tale lista è il risultato di un indagine

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

POSTI RESIDUI NEL CONTINGENTE RISERVATO AGLI STUDENTI EXTRACOMUNITARI RESIDENTI ALL'ESTERO, PER L'ANNO ACCADEMICO 1999/2000.

POSTI RESIDUI NEL CONTINGENTE RISERVATO AGLI STUDENTI EXTRACOMUNITARI RESIDENTI ALL'ESTERO, PER L'ANNO ACCADEMICO 1999/2000. POSTI RESIDUI NEL CONTINGENTE RISERVATO AGLI STUDENTI EXTRACOMUNITARI RESIDENTI ALL'ESTERO, PER L'ANNO ACCADEMICO 1999/2000. TABELLA ALLEGATA CORSI DI LAUREA: ARCHITETTURA BARI Politecnico 8 CAMERINO 4

Dettagli

FFO 2014 Per troppi atenei un pessimo regalo La nostra scheda di approfondimento

FFO 2014 Per troppi atenei un pessimo regalo La nostra scheda di approfondimento FFO 2014 Per troppi atenei un pessimo regalo La nostra scheda di approfondimento Gennaio 2015 Cambiano i Ministri dei Governi, ma quelli destinati al MIUR, anche se sono ex Rettori di atenei, non riescono

Dettagli

sui criteri per la utilizzazione della quota di riequilibrio del fondo per il finanziamento ordinano delle università

sui criteri per la utilizzazione della quota di riequilibrio del fondo per il finanziamento ordinano delle università Il sistema universitario I principi costituzionali e fini dell'università La Costituzione della repubblica italiana afferma il principio che l'arte e la scienza sono 'bere ebbero ne è l'insegnamento A

Dettagli

DATI FINALI 1. UNIVERSITÀ DI BARI:

DATI FINALI 1. UNIVERSITÀ DI BARI: DATI FINALI. UNIVERSITÀ DI BARI: Agraria Farmacia Lettere e filosofia Lingue e lett. Straniere Medicina e Chirurgia Medicina veterinaria Biotecnologie Sc Formazione Sc Politiche Agraria: : Farmacia: :

Dettagli

Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive

Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive Fonte: Controcampus.it Per gli studenti che hanno sostenuto il test di Professioni Sanitarie

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Rivista di diritto finanziario e scienza delle finanze

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Rivista di diritto finanziario e scienza delle finanze BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Rivista di diritto finanziario e scienza delle finanze Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà di Economia - Università di Ancona

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Aree di ricerca CUN Area 1 - Scienze matematiche e informatiche Area 2 - Scienze fisiche Area 3 - Scienze chimiche Area 4 -Scienze della terra Area 5 - Scienze biologiche Area 6 - Scienze mediche Area

Dettagli

Il programma completo della manifestazione è visibile e costantemente aggiornato sul sito web dell Università di Parma. www.unipr.it/ope.

Il programma completo della manifestazione è visibile e costantemente aggiornato sul sito web dell Università di Parma. www.unipr.it/ope. MUOVERSI L Università mette a disposizione un bus-navetta gratuito ( sulla mappa) che parte dalla stazione ferroviaria (davanti alla biglietteria della TEP) alle ore 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17 e

Dettagli

Grafico 1: Immatricolati per ripartizione geografica, valori percentuali. Isole 11% Sud 23% Centro 24%

Grafico 1: Immatricolati per ripartizione geografica, valori percentuali. Isole 11% Sud 23% Centro 24% IMMATRICOLAZIONI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 1 Il numero complessivo degli immatricolati risulta pari a circa 312 mila unità e appare lievemente inferiore rispetto al passato anno accademico (-3%). Le Università

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Ricerca e Documentazione sulla Storia del 900 Relazione attività svolta nel 2010 e relazione programmatica 2011

Centro Interdipartimentale di Ricerca e Documentazione sulla Storia del 900 Relazione attività svolta nel 2010 e relazione programmatica 2011 Centro Interdipartimentale di Ricerca e Documentazione sulla Storia del 900 Relazione attività svolta nel 2010 e relazione programmatica 2011 Durante il 2010 ha preso avvio l attività editoriale del Centro

Dettagli

Esiti dei test preliminari

Esiti dei test preliminari Esiti dei test preliminari Per ogni classe sono evidenziati gli Atenei per i quali il numero di è inferiore al numero di posti. di A013 - CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE Prova sostenuta il 25/07/2012 - Valutati

Dettagli

Ciascun concorso si riferisce ad un singolo posto, salvo diversa, esplicita indicazione.

Ciascun concorso si riferisce ad un singolo posto, salvo diversa, esplicita indicazione. Ciascun concorso si riferisce ad un singolo posto, salvo diversa, esplicita indicazione. G.U. del Ateneo Facoltà Gruppo scadenza 11/08/98 scienze matematiche, 18/09/98 Roma "Tor " scienze matematiche,

Dettagli

CONFERMA DI INTERESSE

CONFERMA DI INTERESSE (nome e cognome) Codice prova: AVVISO 01/10/2014 Proroga del termine di chiusura delle graduatorie nazionali di cui ai DDMM n. 85/2014 e n. 140/2014 visualizza ATTENZIONE (avviso del 18/12/2014) E' stato

Dettagli

Banca dati dell offerta e verifica del possesso dei requisiti minimi

Banca dati dell offerta e verifica del possesso dei requisiti minimi Dal sito del Ministero dell'istruzione, Universita' e Ricerca Decreto Ministeriale 27 gennaio 2005 prot. n. 15/2005 Banca dati dell offerta e verifica del possesso dei requisiti minimi VISTO il decreto

Dettagli

TABELLA DELLE SEDI DI ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO PROFESSIONALE CHE SI SVOLGERANNO NELL ANNO

TABELLA DELLE SEDI DI ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO PROFESSIONALE CHE SI SVOLGERANNO NELL ANNO TABELLA DELLE SEDI DI ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO PROFESSIONALE CHE SI SVOLGERANNO NELL ANNO 2003 PROFESSIONE SEDI ATTUARIO e ATTUARIO IUNIOR CHIMICO e CHIMICO IUNIOR BARI CAMERINO CATANIA

Dettagli

La Ripartizione del Fondo Finanziamento Ordinario nell anno 2011

La Ripartizione del Fondo Finanziamento Ordinario nell anno 2011 Università degli Studi di Firenze Area Servizi Economici e Finanziari Ufficio Programmazione, Pianificazione Risorse Finanziarie e Controllo di Gestione a cura di Laura Bartolini La Ripartizione del Fondo

Dettagli

venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria Il Soprintendente per i Beni Archeologici della Calabria Simonetta Bonomi presenterà venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

Dettagli

LA DIDATTICA DEI MUSEI SCIENTIFICI IN ITALIA

LA DIDATTICA DEI MUSEI SCIENTIFICI IN ITALIA LA DIDATTICA DEI MUSEI SCIENTIFICI IN ITALIA Roberta Schiattarella Sono grata alla prof.ssa Maria Antonella Fusco per il ruolo di relatore e per le parole che ha riservato al lavoro in seduta di Laurea;

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L'UNIVERSITÀ, L'ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA E PER LA RICERCA

DIPARTIMENTO PER L'UNIVERSITÀ, L'ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA E PER LA RICERCA DIPARTIMENTO PER L'UNIVERSITÀ, L'ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA E PER LA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER L'UNIVERSITÀ, LO STUDENTE E IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO Al Rettore Al Direttore

Dettagli

SEZ.: DATI DI INSEGNAMENTO

SEZ.: DATI DI INSEGNAMENTO DOMANDA PER NOMINA IN COMMISSIONI DI ESAMI DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLE LIBERE PROFESSIONI DI: PERITO AGRARIO, PERITO INDUSTRIALE E GEOMETRA - SESSIONE 2015 - MODULO A/1 PER PROFESSORI UNIVERSITARI

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

http://www.miur.it/0006menu_c/0012docume/0015atti_m/7684ordina_cf2.htm

http://www.miur.it/0006menu_c/0012docume/0015atti_m/7684ordina_cf2.htm MIUR - Università Pagina 1 di 3 Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2009 Ordinanza esami di Stato abilitazione professionale sessioni anno 2009. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001 VISTA la legge

Dettagli

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA Analisi su base economico gestionale delle realtà museali provinciali, per una progettazione consapevole di sviluppo futuro del Sistema museale provinciale.

Dettagli

La città e gli studenti

La città e gli studenti La città e gli studenti S E S S I O N E T E M A T I C A 4 CO- C H A I R S P R O F. M I C H E L E B U G L I E S I R E T T O R E U N I V E R S I T À C À F O S C A R I, V E N E Z I A M A R Z I A F O R O N

Dettagli

Museo Archeologico Ambientale

Museo Archeologico Ambientale STATUTO del MUSEO ARCHEOLOGICO AMBIENTALE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO) Art. 1 Denominazione e sede Il Museo Archeologico Ambientale è una struttura di cui Ente titolare è il Comune di San Giovanni

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

ISTRUZIONE SCOLASTICA E ORIENTAMENTO PROFESSIONALE. Cap. I-2

ISTRUZIONE SCOLASTICA E ORIENTAMENTO PROFESSIONALE. Cap. I-2 International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 ISTRUZIONE SCOLASTICA E ORIENTAMENTO PROFESSIONALE Cap. I-2 Comitato Assise Italo Francesi Vademecum CONSIGLI PRATICI Giovani in cerca

Dettagli

CORSI PROMOSSI DAI COLLEGI E ACCREDITATI DALLE UNIVERSITÀ FRANCESE BASE INGLESE ADVANCED INGLESE INTERMEDIATE

CORSI PROMOSSI DAI COLLEGI E ACCREDITATI DALLE UNIVERSITÀ FRANCESE BASE INGLESE ADVANCED INGLESE INTERMEDIATE BOLOGNA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA DIFFERENZA CRISTIANA E NEUTRALIZZAZIONE DELLE DIFFERENZE GLOBALIZZAZIONE E RSI LA COMUNICAZIONE E IL PUBBLICO LA SUSSIDIARIETÀ COME PRINCIPIO DI REGOLAZIONE E

Dettagli

Oggetto: ORIENTAMENTO IN USCITA PER LA SCELTA STUDI POST DIPLOMA Università, Accademie e Formazione Professionale Post Diploma.

Oggetto: ORIENTAMENTO IN USCITA PER LA SCELTA STUDI POST DIPLOMA Università, Accademie e Formazione Professionale Post Diploma. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Artistico Statale Medardo Rosso via Calatafimi n 5-23900 Lecco Tel. 0341369278 Fax. 0341364378 email segreteria@artisticolecco.it Circ 153

Dettagli

Matematica Fisica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-35 - SCIENZE MATEMATICHE

Matematica Fisica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-35 - SCIENZE MATEMATICHE Matematica Fisica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) PER SINGOLI INDIRIZZI O CURRICULA CONSULTARE L INDIRIZZO INTERNET DELLE SINGOLE UNIVERSITA CLASSE DELLE LAUREE L-35 - SCIENZE MATEMATICHE

Dettagli

RICONOSCIMENTI NELLE UNIVERSITA ITALIANE

RICONOSCIMENTI NELLE UNIVERSITA ITALIANE RICONOSCIMENTI NELLE UNIVERSITA ITALIANE Questa è la lista dei riconoscimenti Universitari in Italia, aggiornato a Settembre 2013. Le informazioni riportate sono state reperite navigando sui siti internet

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO ASSISTENTE DI SCAVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI?

COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI? COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE ESIGENZA DI CONSERVARE E VALORIZZARE LE PRESENTI

Dettagli

Accademia G. Carrara di Belle Arti Bergamo Scheda informativa

Accademia G. Carrara di Belle Arti Bergamo Scheda informativa Accademia G. Carrara di Belle Arti Bergamo Scheda informativa Nata dalla volontà di Giacomo Carrara alla fine del Settecento come Scuola di Pittura, dal 1958 l Accademia di Belle Arti Giacomo Carrara è

Dettagli

AREA - USO. Valore nazionale degli indicatori

AREA - USO. Valore nazionale degli indicatori AREA - USO Valore nazionale degli indicatori N Nome 2010 2006 2002 11 (Prestiti + ILL passivi + DD passivi) / Utenti potenziali 2,5 2.63 2.42 13 Partecipanti ai corsi di formazione/ studenti iscritti *100

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE

INTRODUZIONE INTRODUZIONE 7 8 In anni recenti il mondo dell università si è trovato nella necessità di sviluppare temi e metodologie legate alla valutazione della qualità e al tema, strettamente collegato, dell accreditamento.

Dettagli