Università degli Studi di Padova. La prognosi funzionale nelle paralisi periferiche del VII nervo cranico: proposta di una scheda di valutazione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Padova. La prognosi funzionale nelle paralisi periferiche del VII nervo cranico: proposta di una scheda di valutazione."

Transcript

1 Università degli Studi di Padova FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA PRESIDENTE: Ch.mo Prof. Claudio Ferraro TESI DI LAUREA La prognosi funzionale nelle paralisi periferiche del VII nervo cranico: proposta di una scheda di valutazione. RELATORE: Dott. Mag. Michele Lotter LAUREANDO: Alice Munari Anno Accademico

2

3 INDICE RIASSUNTO...1 IL PROBLEMA...2 L'IPOTESI...6 MATERIALI E METODI...9 LA SCHEDA...10 ANALISI MATEMATICA...13 GRAFICO "Confronto tra gli elementi predittivi"...15 GRAFICO "Elementi predittivi positivi"...17 GRAFICO "Elementi predittivi negativi e fortemente negativi"...18 DISCUSSIONE...20 DIAGNOSI EZIOLOGICA...20 MANIFESTAZIONI CLINICHE...22 COMPLICANZE...27 DIAGNOSI STRUMENTALE...28 GRADING...32 TRATTAMENTO...33 CONCLUSIONI...35 BIBLIOGRAFIA...39 APPENDICE I...41 APPENDICE II...43

4 RIASSUNTO La ricerca clinica sulle paralisi periferiche del facciale è, negli ultimi anni, un ambito che sta godendo di maggior interesse rispetto ai decenni precedenti. Sono stati soprattutto indagati gli aspetti concernenti l epidemiologia e l eziopatogenesi di questa patologia, senza tuttavia giungere, fin ora, a formulare un giudizio omogeneo. Si registrano inoltre continui progressi per quanto concerne le tecniche di diagnostica strumentale e di laboratorio, e lo stesso vale per il campo neurochirurgico. In Riabilitazione, sebbene questa abbia visto un maggior sviluppo negli ultimi anni soprattutto nella letteratura specialistica nazionale, non si è ancora riusciti ad ottenere un flusso costante di informazioni dall ambito medico a quello fisioterapico, che consenta di giungere, grazie alla conoscenza di una diagnosi medica precoce e precisa, all impostazione di adeguate condotte terapeutiche indirizzate al recupero della motricità dell emifaccia colpita, al meglio delle possibilità ipotizzabili per ciascun paziente. In particolare, i riabilitatori appaiono sprovvisti di uno strumento agile ma dettagliato che consenta loro di formulare una prognosi del recupero funzionale dei distretti interessati dalla paralisi. In questo lavoro, si propone una scheda originale, appositamente concepita per raccogliere gli elementi predittivi derivati dall esame obiettivo, strumentale e dai dati di laboratorio forniti dalla clinica medica e che, una volta compilata ed elaborata secondo un modello matematico, permetta al riabilitatore di formulare un giudizio prognostico funzionale del paziente colpito da paralisi del facciale, sulla quale impostare conseguentemente la terapia più adeguata. Ogni singolo elemento racchiuso nella scheda deriva da un complesso lavoro di ricerca effettuato nella letteratura nazionale, internazionale, sommato ai resoconti dei pazienti e di chi lavora nel campo da decenni ed è stato ponderato e studiato dal punto di vista clinico e matematico. Questo lavoro non può prescindere da una visione multifacetica della patologia in questione, che richiede un articolato lavoro d equipe tra le varie figure che sono coinvolte in questo ambito: medico di base, fisiatra, neurologo, ORL, fisioterapista e lo stesso paziente; lo strumento fornito rientra pertanto nella moderna concezione di Riabilitazione intesa come scienza interdisciplinare della complessità e può divenire un elemento importante da inserire nella cartella riabilitativa integrata. 1

5 IL PROBLEMA Attraverso i deficit possiamo conoscere i talenti, attraverso le eccezioni possiamo discernere le regole, attraverso lo studio della patologia possiamo elaborare un modello di salute. E, particolare più importante di tutti, da questo modello è possibile che nascano le teorie e gli strumenti necessari a plasmare la nostra vita, forgiare il nostro destino, cambiare noi stessi e la società in maniere che al momento siamo solo in grado di immaginare. Laurence Miller La ricerca nel campo della riabilitazione delle paralisi del VII n. cranico trova non poche difficoltà. Questo è un campo per alcuni versi ancora inesplorato, e ciò si rileva per prima cosa ricercando nell ambito della letteratura internazionale, che risulta essere carente e sommaria, per la verità non solo per quanto riguarda la riabilitazione, ma anche per la formulazione di un giudizio diagnostico basato su criteri eziopatogenetici. Infatti, in letteratura, si ritrovano moltissimi articoli dove si parla ancora di paralisi di Bell 1, termine che non identifica alcuna causa certa della patologia, e la ritiene pertanto idiopatica, ma che, in quanto ormai obsoleto, dovrebbe essere abbandonato. Nell attualità, il 75% di tutte le paralisi del VII nervo cranico viene abitualmente inquadrato tra le paralisi idiopatiche o di Bell. Ma secondo Formenti l entità nosologica definita come paralisi di Bell è probabilmente un eponimo che comprende patologie di diversa eziopatogenesi. 2 Vari studi italiani condotti in campo ORL hanno evidenziato la significativa importanza di una diagnosi certa, sottolineando che restando sconosciuta o comunque non accertata l eziologia di una malattia, anche la terapia si basa, a volte per decenni, più sulla consuetudine o su semplici ipotesi che su dati clinici e farmacologici corretti. 3 Quanto detto ha certamente una diretta ripercussione anche in ambito riabilitativo. 1 Il termine risale alla descrizione del neurologo scozzese Sir Charles Bell (1821). In realtà, il primo a descrivere la patologia fu il tedesco Nicolaus Anton Friedrich (1797). 2 Si possono ritrovare circa un centinaio di cause differenti di paralisi del nervo facciale, distinguibili tra forme traumatiche, infettive, neurologiche, congenite o da altra patologia. Vedi Appendice 1 3 Formenti A. [1998] 2

6 A livello nazionale il problema si evidenzia nel fatto che gli approfondimenti diagnostici auspicabili vengono spesso ignorati, proseguendo nella linea tradizionale che denomina una paralisi periferica del facciale idiopatica o paralisi di Bell, o tutt al più paralisi a frigore (secondo la definizione di Gowers), e di conseguenza non ricercando la reale eziopatogenesi, non inviando i pazienti da specialisti per esami specifici, e spesso non indirizzandoli verso una necessaria e corretta riabilitazione. L insieme di queste considerazioni, sommate ai resoconti di chi lavora nel campo da decenni e a ciò che i pazienti raccontano, fa emergere il problema nella sua entità: i riabilitatori non dispongono generalmente dei dati necessari per formulare una ipotesi prognostica funzionale, e di conseguenza impostare un adeguato trattamento della patologia in questione. I dati per lo più mancanti o carenti sono dunque: - la diagnosi eziopatogenetica (ad esempio test per la ricerca di anticorpi contro agenti virali, microbici, eccetera.) - esami strumentali eseguiti (EMG, ENoG) - eventuali referti di visite specialistiche eseguite (ORL, Neurologica) - la diagnosi del livello lesionale (basata su anamnesi ed esame obiettivo e confermata da adeguato Imaging) - la storia clinica del paziente (patologie concomitanti, eventuali episodi precedenti di paralisi periferiche del VII n. cranico ecc.) - l evoluzione e il decorso della patologia in atto - il vissuto del paziente e la sua condizione di disagio psico-sociale 4 - il Grading della patologia secondo scale standardizzate 5 - le terapie già somministrate (farmacologiche, riabilitative e altro) - le terapie attualmente in corso La mancata determinazione di molti degli elementi sopra citati non consente una previsione attendibile del recupero funzionale e rende l intervento riabilitativo vago e aspecifico. 4 E stato segnalato che praticamente in tutti i pazienti si riscontra una depressione del tono dell umore che si riflette negativamente nelle loro interazioni sociali. Farneti già nel 1965 sottolineava l importanza di un adeguata psicoterapia nei pazienti affetti da paralisi del facciale, date le implicazioni di natura psicologica che la patologia comporta. 5 In letteratura sono descritte numerose scale di valutazione per le paralisi del facciale. 3

7 A proposito dell eziopatogenesi, tenendo conto che le cause di paralisi periferica del facciale descritte in letteratura sono circa un centinaio, bisogna segnalare che vi sono non pochi casi di paralisi insorte in pieno benessere e improvvisamente. Sembra che l eziologia di queste possa essere annoverata tra le cause di origine virale 6, con percentuale peraltro non ben chiarita (dal 20 al 73%). Più recentemente si è registrata la frequenza di un infezione sostenuta da Borrelia burgdoferi, una spirocheta veicolata dalle punture di zecche (Neuroborreliosi in M. di Lyme). La patogenesi sembra essere quindi in senso lato di natura infiammatoria, anche se sono stati chiamati in causa meccanismi autoimmuni o vascolari. In molti casi l esame obiettivo sembra essere eseguito in maniera approssimativa e l EMG di routine prevede la registrazione di pochissimi muscoli (quasi sempre gli orbicolari dell occhio e della bocca, e a volte, lo zigomatico o il frontale) non tenendo conto della complessità dei muscoli mimici e della funzione mimica nella produzione delle espressioni. 7 Se a ciò aggiungiamo che i fisioterapisti: o sono spesso in possesso di protocolli di trattamento basati su conoscenze fisiopatologiche del sistema nervoso centrale e periferico datate e addirittura messe in discussione per questo tipo di patologia (come ad esempio la PNF con forti stretching o l elettrostimolazione 8 ) o frequentemente non dispongono di cicli di trattamento sufficientemente estesi, che tengano conto del tempo necessario al nervo leso per rigenerarsi 9 o non sono per lo più in grado di attribuire ai dati derivanti dall esame obiettivo specialistico, dagli esami strumentali e dalla diagnosi finale, valore di predittività circa il recupero funzionale si intuisce come il campo della diagnosi, cura e riabilitazione delle paralisi del facciale costituisca un argomento ancora aperto della neuroriabilitazione. 6 HV simplex di tipo I, Herpes zoster, Influenza A e B, Citomegalovirus e altri 7 Per maggiori approfondimenti Lotter M. e Quinci A. [1990] 8 Lotter M. e Quinci A. [1990], Baron M. R. [1997], e Lorigiola C. e Quinci A. [2000] 9 Lorigiola C. e Quinci A. [2000] 4

8 Date queste premesse, recenti studi hanno portato alla proposta di una cartella clinico-riabilitativa specificamente concepita per la raccolta dei dati anamnestici, dei rilievi semeiologici, delle ipotesi diagnostiche, delle scelte terapeutiche intraprese e, in particolare, della condotta riabilitativa. 10 Grazie a questo strumento chiaro e specifico, il fisioterapista può dotarsi di una raccolta dati standardizzata e facilmente trasmissibile, che sintetizzi i vari dati delle visite specialistiche (neurologica, fisiatrica, ORL) e indirizzi la diagnosi funzionale affinché si possa indirizzare la condotta terapeutica riabilitativa in modo adeguato e mirato. Affinché la condotta terapeutica riabilitativa del fisioterapista sia adeguata, è altresì necessario disporre di un ipotesi prognostica funzionale, che permetta di realizzare una previsione: 1. sull evoluzione naturale della malattia 2. sulle difficoltà che si incontreranno nel recupero funzionale 3. sulle modificazioni intermedie e finali attese 4. sul tempo previsto per ottenerle. Manca in particolare uno strumento che dia la possibilità al riabilitatore di formulare una prognosi concernente il recupero funzionale del paziente e di conseguenza manca la possibilità di controllare i risultati ottenuti ed, eventualmente, di falsificare l ipotesi di partenza, reimpostando così il ragionamento riabilitativo, elemento necessario e imprescindibile all interno di una riflessione metodologica clinico-riabilitativa. Pertanto, la mancanza di tale strumento che raccolga e ordini i vari elementi predittivi assegnando loro un punteggio in funzione di un valore di predittività, è, in senso metodologico, un aspettazione delusa per la quale diventa necessario un approfondimento. 10 M. Lotter [ ] 5

9 L IPOTESI Il dubbio cresce con la conoscenza Wolfgang Goethe Lo strumento da ideare per un ipotesi prognostica funzionale delle paralisi periferiche del facciale dovrebbe essere, in definitiva, una scheda che favorisca l individuazione delle modificazioni finali attese e la scelta della miglior strategia possibile in ambito terapeutico riabilitativo. Il modello dovrà, da un lato, essere basato sulla più aggiornata letteratura specialistica disponibile e non potrà prescindere, dall altro, dall esperienza decennale dei riabilitatori che hanno osservato e trattato questa patologia. È importante inoltre che disponga delle seguenti proprietà: I. Chiarezza II. Semplicità d uso e di compilazione III. Completezza IV. Rapidità nel fornire una situazione di prognosi funzionale Gli obiettivi che dovrebbe perseguire sono: I. Indirizzare il fisioterapista nel raccogliere i dati necessari per la definizione degli elementi predittivi, finalizzati alla formulazione della prognosi funzionale II. Permettere l applicazione di un ragionamento clinico-riabilitativo il più corretto possibile III. In base alla prognosi funzionale, indirizzare in maniera mirata la condotta terapeutica riabilitativa IV. Agevolare nel contempo la trasmissione dei dati e dei giudizi prognostici tra le diverse figure professionali. La prognosi funzionale Di fondamentale importanza dal punto di vista metodologico (oltre che per la relazione terapeutica), essa consiste in un giudizio predittivo che il riabilitatore formula, 6

10 in conformità alla presenza di elementi fattuali raccolti e alla diagnosi posta, sul futuro decorso della disfunzione del paziente. La prognosi funzionale è pertanto una prognosi fisiopatologica che deriva classicamente dalla combinazione di due elementi: 1) le alterazioni che la malattia del paziente produce su una o più funzioni; 2) la possibilità che la terapia instaurata possa modificare tali effetti. Dal punto di vista logico, il giudizio prognostico è frutto di un processo inferenziale complesso, ottenuto attraverso l identificazione, la classificazione, l interpretazione e la valutazione di elementi predittivi, cioè di fenomeni e dati che contribuiscono a gettare luce da un lato sull evoluzione spontanea (storia naturale) della funzione colpita e dall altro sulle possibilità di recupero, cioè le modificazioni attese (intermedie e finali) in relazione a una determinata condotta terapeutica. In questo senso, la prognosi funzionale del riabilitatore è l espressione delle sue aspettative rispetto al recupero funzionale del paziente. È importante che la prognosi sia funzionale, in quanto nessun trattamento riabilitativo avrebbe senso se non pensato in questa chiave, e questo diventa particolarmente significativo nell ambito delle paralisi del VII nervo cranico, dove si riabilitano i movimenti mimici complessi che non possono prescindere da una visione funzionale. Diagnosi (spiegazione) e prognosi (previsione), sul piano logico, sono strettamente imparentate tra di loro trattandosi in entrambi i casi di argomentazioni deduttive, per le quali è valido il modello nomologico-deduttivo di Popper-Hempel. L unica differenza consiste nel fatto che mentre nella prima le condizioni iniziali sono già avvenute, nella seconda devono ancora verificarsi. Prognosi e terapia sono, per quanto esposto in precedenza, temporalmente e metodologicamente legate tra loro. Sarebbe impensabile concepire e attuare un esercizio terapeutico senza che prima sia stata formulata una prognosi funzionale. Indubbiamente la conoscenza di molti degli elementi predittivi utili per la compilazione della scheda, richiede un complesso lavoro d équipe in cui sono implicati vari specialisti tra fisioterapista e medici specialisti (fisiatra, neurologo, ORL, ecc.) e il fisioterapista. Infatti, molti degli elementi che in seguito si riveleranno necessari per l emissione di una prognosi funzionale non possono prescindere da una comunicazione tra varie figure, 7

11 per quanto riguarda ad esempio l eziologia della paralisi, o ancora gli esami diagnostici (EMG, HRTC, RMN, ENoG) fondamentali per stabilire l entità del recupero possibile. L ideazione di questa scheda dovrà essere impostata su un lavoro di ricerca all interno della letteratura disponibile, al fine di individuare i vari segni che hanno una valenza tale da essere considerati elementi prognostici. La ricerca verterà su materiale fornito dalla letteratura internazionale, analizzando articoli e pubblicazioni in ambito neurologico, ORL e fisioterapico. Ci si soffermerà inoltre sui recenti studi condotti in ambito riabilitativo nella letteratura nazionale 11, non trascurando gli altri ambiti specialistici complementari per lo studio delle paralisi del VII nervo cranico. Questo lavoro di ricerca, tuttavia, non potrà come si è detto prescindere dall esperienza di chi lavora nel campo della riabilitazione delle paralisi periferiche del nervo facciale da anni, e che può, tramite l osservazione e la riflessione critica, apportare notevoli contributi a questo studio. Si ritiene opportuno, una volta individuati gli elementi predittivi, classificarli in positivi e negativi. Ad essi si dovrà poi attribuire un punteggio che sarà inserito nella scheda e che permetterà la trasformazione in valori numerici dei dati relativi alla prognosi del recupero funzionale, ottemperando così alle esigenze di quantificazione che il metodo delle scienze sperimentali considera fondamentali per l oggettivazione della ricerca. Il punteggio assegnato potrà essere infine analizzato dal punto di vista matematico. 11 Ad esempio M. Lotter e A. Quinci, M. R. Baron, C. Lorigiola e A. Quinci, ma anche A. Formenti e altri citati in bibliografia. 8

12 MATERIALI E METODI Perché il pensiero, che è solo una secrezione del cervello, è molto più affascinante della gravità, che è una proprietà della materia? Charles Darwin L emissione di una prognosi funzionale è imprescindibile per l impostazione di una condotta terapeutica adeguata fin dall inizio. È importante che il paziente possa dialogare con il fisioterapista al fine di ottenere dei suggerimenti riguardo al comportamento da seguire nelle prime fasi di insorgenza della paralisi. Si è visto infatti che i pazienti tendono spesso (autonomamente o in base a consigli forniti dai medici non riabilitatori) a sforzare in continuazione i distretti paretici di fronte allo specchio, eseguendo varie smorfie o espressioni facciali peraltro avulse da un contesto comunicativo. Studi recenti hanno dimostrato l inefficacia di questo comportamento in quanto non tiene in considerazione il tempo necessario per la rigenerazione del nervo leso. Non solo, ma si è visto che dal punto neurofisiologico, la riparazione del motoneurone leso è correlata con l attività muscolare. Il blocco della trasmissione neuromuscolare con farmaci come il curaro provoca un considerevole aumento del numero di motoneuroni che sopravvivono. Al contrario, la stimolazione diretta del muscolo aumenta il numero dei motoneuroni che vanno incontro a morte. Sono due le vie attraverso le quali l attività muscolare potrebbe influire sulla produzione del fattore trofico da parte del muscolo, vale a dire, il blocco dell attività aumenterebbe la produzione di fattore trofico, mentre l aumento ne ridurrebbe la produzione. 12 Infatti, come consiglia Cooksey, il paziente dovrebbe assumere l espressione da poker face, ossia un volto amimico o impassibile. Anche Quinci riprende e sottolinea questo concetto dicendo che si dovrà istruire il paziente, per la prima fase del trattamento, ad assumere un espressione da poker face, cioè un volto il più possibile amimico, che non lasci trasparire alcuna emozione. Si deve considerare inoltre che nelle paresi importanti del VII n.c., l inizio della ripresa funzionale non si verifica prima dei tre mesi Lorigiola C. e Quinci A. [2000] 13 A. Quinci, tesi di laurea in Fisioterapia, Anno Accademico

13 Proprio per questo motivo è importante che il paziente non si sforzi nell eseguire delle espressioni facciali, né con la parte paretica, né con quella sana, per evitare l apprendimento di meccanismi di compenso, difficilmente rieducabili una volta stabilitisi e che potrebbero modificare negativamente lo stesso decorso del recupero funzionale. Per quanto riguarda l aspetto prognostico delle paralisi periferiche del facciale in ambito riabilitativo, già Baron [1997] proponeva una cartella valutativa che raccoglieva dati clinici e individuava alcuni elementi prognostici positivi e negativi. Questo primo encomiabile lavoro è stato poi ripreso e sviluppato da Lotter 14 che ha proposto una cartella clinico-riabilitativa con una maggior razionalizzazione dell esame obiettivo e con un accurata individuazione di una serie numerosa di elementi predittivi. All interno di questo lavoro vi era già una prima scheda contenente i vari elementi predittivi e una primaria assegnazione di un punteggio, che però non veniva espresso in valori numerici e su cui non era pertanto ancora possibile un elaborazione matematica. LA SCHEDA La scheda proposta in questa tesi rivede e approfondisce quella proposta da Lotter. Essa riassume tutti gli elementi prognostici in un unica facciata suddivisa in 5 colonne, di cui: I. la prima contenente gli elementi predittivi generici II. la seconda con gli elementi positivi e loro relativo punteggio III. la terza contenente gli elementi negativi e loro relativo punteggio IV. la quarta con gli elementi fortemente negativi V. l ultima contenente i relativi punteggi Tale strumento è molto dettagliato e presuppone che il fisioterapista possa esaminare il paziente già nei primissimi tempi dall onset della paralisi, per valutare molti aspetti: ad esempio rilevare la comparsa di movimenti volontari già nelle prime due settimane o disporre di dati sulla positività dei test per l Herpes Virus. Si ribadisce a questo proposito la necessità di un lavoro d equipe (interdisciplinare) affinché il paziente venga indirizzato alla riabilitazione tempestivamente, in modo che il riabilitatore possa 14 M. Lotter, tesi di laurea in Fisioterapia, Anno Accademico

14 raccogliere gli elementi rilevanti e necessari per una conduzione adeguata del programma riabilitativo. Questa scheda potrà quindi essere inserita all interno della cartella integrata clinicoriabilitativa, o in altre cartelle in uso nelle varie strutture in modo che il fisioterapista possa consultarla ogni qualvolta ne abbia necessità, e che sia disponibile anche per altri professionisti in caso di passaggio di consegne o di trasmissione di informazioni sul paziente. Ecco a seguire, il modello della scheda proposta 11

15 La scheda ELEMENTO PREDITTIVO POSITIVO NEGATIVO FORTEM. NEGATIVO SCORE Diagnosi nosografica Paralisi idiopatica di Bell 2 Eziologia nota (altre forme) -2 Herpes zoster Obiettività negativa 1 Obiettività positiva -1 Test PCR H.zoster Negativo 2 Positivo -2 Herpes simplex Obiettività negativa 1 Obiettività positiva -1 Test HV Simplex Negativo 1 Positivo -1 Età Bambino 3 Anziano -3 Giovane 2 Tipo di lesione Neuroaprassia 2 Assonotmesi -2 Neurotmesi -3 Manifestazioni cliniche Primo episodio 2 Recidiva -2 Paralisi completa a insorg. immediata (decompress. chirurg.) -4 Estensione della paralisi Sup. o inf. o parcellare 2 Tutta l'emifaccia -2 Lato colpito Deficit a dx 1 Deficit a sx -1 Movimenti volontari Già nelle prime due settimane 3 Tardivi o assenti -3 Fascicolazioni/clonie Assenti 2 Presenti -2 Sensibilità No turbe 2 Presenti turbe -2 Lacrimazione No turbe 1 Secchezza dell'occhio -1 Diabete Assente 2 Presente -3 Motivazione del paziente Buona 2 Depresso -2 Sincinesie Assenti 3 Presenti -3 Emispasmo Assente 3 Presente -3 1 EMG attività a riposo Assente 3 Presente -3 2 EMG attività a riposo Scomparsa 2 Persistenza -3 EMG attività volontaria Risposte ad essa 2 No risposte -2 Potenziali polifasici Presenti 2 Assenti -2 ENoG, risposta Mantenuta oltre il 14 gg 3 < 10% entro il 5 gg -3 Degenerazione >95% entro il 15 gg con decompress. chirurgica -4 HRCT per lesioni ossee Negativa 3 Positiva -3 RMN, enhancement Negativo 2 Positivo -2 RMN, tratto della lesione Timpanico o mastoideo 2 Labirintico -2 Grading House-Brackmann II 2 IV -1 VI -3 III 1 V -2 Farmaci Prednisone e acyclovir 2 Solo prednisone/solo acyclovir -2 Rima palpebrale Libera 1 Precedente tarsorrafia -3 Trattam. con PNF o con elettrostimolaz. Mai 3 Già trattato solo con PNF o solo con elettrostimolaz -3 Trattato sia con PNF che con elettrostimolazione -4 TOTALE 12

16 La scheda in oggetto costituisce un modello che, una volta analizzato, può fornire una visione sull effettivo peso che ogni elemento prognostico, sia esso positivo o negativo, ha sul recupero del paziente. La schematicità di questo strumento comporta certamente pregi rispetto alla sua utilizzazione, ma determinerà probabilmente anche dei difetti che solo la sperimentazione nel tempo farà emergere. ANALISI MATEMATICA Per impostare lo studio della scheda elaborata per questa tesi, mi sono avvalsa della collaborazione di un professionista in Scienze Statistiche e Informatiche. Nello strutturare la scheda è stata presa la decisione metodologica di non ricercare 30 casi e valutare il peso di ogni elemento predittivo sulla prognosi funzionale, estrapolandone un modello statistico. Si è scelto invece di creare un modello matematico che assegni un punteggio ad ogni elemento predittivo, sulla base delle ricerche di letteratura nazionale, internazionale e grazie all esperienza decennale dei Professionisti che operano in questo settore. Si è deciso quindi di non effettuare uno studio puramente statistico, bensì di concentrarsi sui dati che emergeranno dalla clinica applicata all esperienza. Infatti già lo studio della scheda dal punto di vista meramente matematico ci poneva dei dubbi non indifferenti. In una visione matematica, avere più di due ricadute per uno stesso item (ad esempio un item che risulta avere elemento predittivo positivo, elemento predittivo negativo e elemento fortemente negativo, cioè tre ricadute) non apporta un significato strettamente matematico alla scheda. Sebbene quindi una visione matematica richiedesse due sole ricadute, una positiva e una negativa, la clinica non si riconosce in questa suddivisione dicotomica, in quanto gli elementi fortemente negativi, così come i fortemente positivi (quando presenti), comportano un peso e un significato clinico assolutamente non trascurabile nell ideazione e nella compilazione della scheda. 13

17 La scheda in questione per la valutazione ragionata sugli elementi predittivi è uno strumento di lavoro a determinazione di un punteggio, basato su alternative di tipo definito. Nel nostro caso si darà un punteggio o ad un elemento predittivo positivo, o ad uno negativo. Vi è però la possibilità che vi sia un elemento che risulti, ad esempio, tra i fortemente negativi. Anche in questo caso, sarà possibile la compilazione o dell elemento fortemente positivo, o di quello positivo, o di quello negativo, o ancora di quello fortemente negativo, procedendo quindi con una compilazione in maniera univoca 15. Si può giungere così allo studio del modello che ho estrapolato dalla letteratura nazionale e internazionale, dall esperienza medica e da quella in campo riabilitativo, intendendo come modello matematico la descrizione, tramite numeri semplici, dell incidenza che hanno i diversi fattori sulla prognosi di recupero. Il modello consente inoltre di elaborare dei grafici in grado di illustrare in maniera chiara il peso di ogni singolo elemento predittivo. Il grafico che descrive il modello di predittività è il seguente. 15 In matematica con il termine univoco si intende ammettere una unica soluzione al problema. 14

18 CONFRONTO TRA GLI ELEMENTI PREDITTIVI Tipo di lesione Manifestazioni cliniche Estensione della paralisi Lato colpito Movimenti volontari Fascicolazioni/clonie Lacrimazione Diabete Motivazione del paziente Sincinesie Emispasmo Potenziali polifasici ENoG, risposta HRCT per lesioni ossee RMN, enhancement RMN, tratto della lesione Grading House-Brackmann Farmaci Rima palpebrale Trattam. PNF o elettrostimolaz. 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 Positivo Negativo > Negativo 15 Herpes simplex Test HV Simplex Diagnosi nosografica Herpes zoster Test PCR H.zoster

19 Il grafico precedentemente esposto è stato estrapolato grazie a calcoli matematici che ci hanno consentito di avere una visuale globale del modello matematico di predittività ottenuto in base alla scheda sopra illustrata (pag. 13). Qualora la compilazione della scheda ci dia, per assurdo, tutti valori positivi, il totale risulterà essere In caso contrario, se i valori risultassero essere tutti negativi, il totale sarebbe 71. Nella somma degli elementi solo positivi o di quelli solo negativi, è importante ricordare che si somma in maniera univoca; nel caso quindi di un elemento predittivo che può essere sia negativo che fortemente negativo, esso va preso con il suo valore fortemente negativo. Questo perché il valore più alto contiene e supera quello più basso. Quindi se un elemento, sia esso positivo o negativo, presenta più ricadute, va calcolato col valore massimo che esso può assumere all interno di quell item. Quindi il range dei punteggi all interno del quale ci si muove si estende da 71 a + 62, contando quindi globalmente 133 possibili punteggi. Per poter vedere quanto ogni elemento incida sul recupero funzionale, si è cercato di rappresentare l incidenza percentuale di ogni valore, calcolando così il peso che ogni singolo elemento predittivo ha sulla prognosi finale. Per calcolare il peso di ogni elemento è stata applicata la seguente formula: peso = elem. predittivo È evidente che il valore risultante da questa formula esprimerà l incidenza percentuale del dato scelto. Si riportano qui sotto i pesi percentuali degli elementi predittivi positivi, che rappresentano quanto pesa ogni singolo elemento sul recupero totale. 16

20 1 Paralisi idiopatica di Bell 1,50 2 Herpes zoster obiettività negativa 0,75 3 Test PCR H.zoster negativo 1,50 4 Herpes simplex obiettività negativa 0,75 5 Test PCR H.simplex negativo 0,75 6 Bambino 2,26 7 Neuroaprassia 1,50 8 Primo episodio 1,50 9 Paralisi sup. o inf. o parcellare 1,50 10 Deficit a dx 0,75 11 Movimenti volontari già nelle prime due settimane 2,26 12 Fascicolazioni/clonie assenti 1,50 13 Sensibilità no turbe 1,50 14 Lacrimazione no turbe 0,75 15 Diabete assente 1,50 16 Motivazione del paziente buona 1,50 17 Sincinesie assenti 2,26 18 Emispasmo assente 2, EMG attività a riposo assente 2, EMG scomparsa attività a riposo 1,50 21 EMG attività volontaria, risposte ad essa 1,50 22 Potenziali polifasici presenti 1,50 23 ENoG, risposta mantenuta oltre il 14 gg 2,26 24 HRCT per lesioni ossee negativa 2,26 25 RMN, enhancement negativo 1,50 26 RMN, tratto della lesione timpanico o mastoideo 1,50 27 Grading House-Brackmann II 1,50 28 Prednisone e acyclovir 1,50 29 Rima palpebrale libera 0,75 30 Mai trattato con PNF o con elettrostimolazioni 2,26 E di seguito è possibile vedere il grafico corrispondente, che evidenzia l incidenza sulla prognosi dei vari elementi predittivi positivi. ELEMENTI PREDITTIVI POSITIVI 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0, Si riportano qui sotto i pesi percentuali degli elementi predittivi negativi e fortemente negativi, 17

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli