Università degli Studi di Padova. La prognosi funzionale nelle paralisi periferiche del VII nervo cranico: proposta di una scheda di valutazione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Padova. La prognosi funzionale nelle paralisi periferiche del VII nervo cranico: proposta di una scheda di valutazione."

Transcript

1 Università degli Studi di Padova FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA PRESIDENTE: Ch.mo Prof. Claudio Ferraro TESI DI LAUREA La prognosi funzionale nelle paralisi periferiche del VII nervo cranico: proposta di una scheda di valutazione. RELATORE: Dott. Mag. Michele Lotter LAUREANDO: Alice Munari Anno Accademico

2

3 INDICE RIASSUNTO...1 IL PROBLEMA...2 L'IPOTESI...6 MATERIALI E METODI...9 LA SCHEDA...10 ANALISI MATEMATICA...13 GRAFICO "Confronto tra gli elementi predittivi"...15 GRAFICO "Elementi predittivi positivi"...17 GRAFICO "Elementi predittivi negativi e fortemente negativi"...18 DISCUSSIONE...20 DIAGNOSI EZIOLOGICA...20 MANIFESTAZIONI CLINICHE...22 COMPLICANZE...27 DIAGNOSI STRUMENTALE...28 GRADING...32 TRATTAMENTO...33 CONCLUSIONI...35 BIBLIOGRAFIA...39 APPENDICE I...41 APPENDICE II...43

4 RIASSUNTO La ricerca clinica sulle paralisi periferiche del facciale è, negli ultimi anni, un ambito che sta godendo di maggior interesse rispetto ai decenni precedenti. Sono stati soprattutto indagati gli aspetti concernenti l epidemiologia e l eziopatogenesi di questa patologia, senza tuttavia giungere, fin ora, a formulare un giudizio omogeneo. Si registrano inoltre continui progressi per quanto concerne le tecniche di diagnostica strumentale e di laboratorio, e lo stesso vale per il campo neurochirurgico. In Riabilitazione, sebbene questa abbia visto un maggior sviluppo negli ultimi anni soprattutto nella letteratura specialistica nazionale, non si è ancora riusciti ad ottenere un flusso costante di informazioni dall ambito medico a quello fisioterapico, che consenta di giungere, grazie alla conoscenza di una diagnosi medica precoce e precisa, all impostazione di adeguate condotte terapeutiche indirizzate al recupero della motricità dell emifaccia colpita, al meglio delle possibilità ipotizzabili per ciascun paziente. In particolare, i riabilitatori appaiono sprovvisti di uno strumento agile ma dettagliato che consenta loro di formulare una prognosi del recupero funzionale dei distretti interessati dalla paralisi. In questo lavoro, si propone una scheda originale, appositamente concepita per raccogliere gli elementi predittivi derivati dall esame obiettivo, strumentale e dai dati di laboratorio forniti dalla clinica medica e che, una volta compilata ed elaborata secondo un modello matematico, permetta al riabilitatore di formulare un giudizio prognostico funzionale del paziente colpito da paralisi del facciale, sulla quale impostare conseguentemente la terapia più adeguata. Ogni singolo elemento racchiuso nella scheda deriva da un complesso lavoro di ricerca effettuato nella letteratura nazionale, internazionale, sommato ai resoconti dei pazienti e di chi lavora nel campo da decenni ed è stato ponderato e studiato dal punto di vista clinico e matematico. Questo lavoro non può prescindere da una visione multifacetica della patologia in questione, che richiede un articolato lavoro d equipe tra le varie figure che sono coinvolte in questo ambito: medico di base, fisiatra, neurologo, ORL, fisioterapista e lo stesso paziente; lo strumento fornito rientra pertanto nella moderna concezione di Riabilitazione intesa come scienza interdisciplinare della complessità e può divenire un elemento importante da inserire nella cartella riabilitativa integrata. 1

5 IL PROBLEMA Attraverso i deficit possiamo conoscere i talenti, attraverso le eccezioni possiamo discernere le regole, attraverso lo studio della patologia possiamo elaborare un modello di salute. E, particolare più importante di tutti, da questo modello è possibile che nascano le teorie e gli strumenti necessari a plasmare la nostra vita, forgiare il nostro destino, cambiare noi stessi e la società in maniere che al momento siamo solo in grado di immaginare. Laurence Miller La ricerca nel campo della riabilitazione delle paralisi del VII n. cranico trova non poche difficoltà. Questo è un campo per alcuni versi ancora inesplorato, e ciò si rileva per prima cosa ricercando nell ambito della letteratura internazionale, che risulta essere carente e sommaria, per la verità non solo per quanto riguarda la riabilitazione, ma anche per la formulazione di un giudizio diagnostico basato su criteri eziopatogenetici. Infatti, in letteratura, si ritrovano moltissimi articoli dove si parla ancora di paralisi di Bell 1, termine che non identifica alcuna causa certa della patologia, e la ritiene pertanto idiopatica, ma che, in quanto ormai obsoleto, dovrebbe essere abbandonato. Nell attualità, il 75% di tutte le paralisi del VII nervo cranico viene abitualmente inquadrato tra le paralisi idiopatiche o di Bell. Ma secondo Formenti l entità nosologica definita come paralisi di Bell è probabilmente un eponimo che comprende patologie di diversa eziopatogenesi. 2 Vari studi italiani condotti in campo ORL hanno evidenziato la significativa importanza di una diagnosi certa, sottolineando che restando sconosciuta o comunque non accertata l eziologia di una malattia, anche la terapia si basa, a volte per decenni, più sulla consuetudine o su semplici ipotesi che su dati clinici e farmacologici corretti. 3 Quanto detto ha certamente una diretta ripercussione anche in ambito riabilitativo. 1 Il termine risale alla descrizione del neurologo scozzese Sir Charles Bell (1821). In realtà, il primo a descrivere la patologia fu il tedesco Nicolaus Anton Friedrich (1797). 2 Si possono ritrovare circa un centinaio di cause differenti di paralisi del nervo facciale, distinguibili tra forme traumatiche, infettive, neurologiche, congenite o da altra patologia. Vedi Appendice 1 3 Formenti A. [1998] 2

6 A livello nazionale il problema si evidenzia nel fatto che gli approfondimenti diagnostici auspicabili vengono spesso ignorati, proseguendo nella linea tradizionale che denomina una paralisi periferica del facciale idiopatica o paralisi di Bell, o tutt al più paralisi a frigore (secondo la definizione di Gowers), e di conseguenza non ricercando la reale eziopatogenesi, non inviando i pazienti da specialisti per esami specifici, e spesso non indirizzandoli verso una necessaria e corretta riabilitazione. L insieme di queste considerazioni, sommate ai resoconti di chi lavora nel campo da decenni e a ciò che i pazienti raccontano, fa emergere il problema nella sua entità: i riabilitatori non dispongono generalmente dei dati necessari per formulare una ipotesi prognostica funzionale, e di conseguenza impostare un adeguato trattamento della patologia in questione. I dati per lo più mancanti o carenti sono dunque: - la diagnosi eziopatogenetica (ad esempio test per la ricerca di anticorpi contro agenti virali, microbici, eccetera.) - esami strumentali eseguiti (EMG, ENoG) - eventuali referti di visite specialistiche eseguite (ORL, Neurologica) - la diagnosi del livello lesionale (basata su anamnesi ed esame obiettivo e confermata da adeguato Imaging) - la storia clinica del paziente (patologie concomitanti, eventuali episodi precedenti di paralisi periferiche del VII n. cranico ecc.) - l evoluzione e il decorso della patologia in atto - il vissuto del paziente e la sua condizione di disagio psico-sociale 4 - il Grading della patologia secondo scale standardizzate 5 - le terapie già somministrate (farmacologiche, riabilitative e altro) - le terapie attualmente in corso La mancata determinazione di molti degli elementi sopra citati non consente una previsione attendibile del recupero funzionale e rende l intervento riabilitativo vago e aspecifico. 4 E stato segnalato che praticamente in tutti i pazienti si riscontra una depressione del tono dell umore che si riflette negativamente nelle loro interazioni sociali. Farneti già nel 1965 sottolineava l importanza di un adeguata psicoterapia nei pazienti affetti da paralisi del facciale, date le implicazioni di natura psicologica che la patologia comporta. 5 In letteratura sono descritte numerose scale di valutazione per le paralisi del facciale. 3

7 A proposito dell eziopatogenesi, tenendo conto che le cause di paralisi periferica del facciale descritte in letteratura sono circa un centinaio, bisogna segnalare che vi sono non pochi casi di paralisi insorte in pieno benessere e improvvisamente. Sembra che l eziologia di queste possa essere annoverata tra le cause di origine virale 6, con percentuale peraltro non ben chiarita (dal 20 al 73%). Più recentemente si è registrata la frequenza di un infezione sostenuta da Borrelia burgdoferi, una spirocheta veicolata dalle punture di zecche (Neuroborreliosi in M. di Lyme). La patogenesi sembra essere quindi in senso lato di natura infiammatoria, anche se sono stati chiamati in causa meccanismi autoimmuni o vascolari. In molti casi l esame obiettivo sembra essere eseguito in maniera approssimativa e l EMG di routine prevede la registrazione di pochissimi muscoli (quasi sempre gli orbicolari dell occhio e della bocca, e a volte, lo zigomatico o il frontale) non tenendo conto della complessità dei muscoli mimici e della funzione mimica nella produzione delle espressioni. 7 Se a ciò aggiungiamo che i fisioterapisti: o sono spesso in possesso di protocolli di trattamento basati su conoscenze fisiopatologiche del sistema nervoso centrale e periferico datate e addirittura messe in discussione per questo tipo di patologia (come ad esempio la PNF con forti stretching o l elettrostimolazione 8 ) o frequentemente non dispongono di cicli di trattamento sufficientemente estesi, che tengano conto del tempo necessario al nervo leso per rigenerarsi 9 o non sono per lo più in grado di attribuire ai dati derivanti dall esame obiettivo specialistico, dagli esami strumentali e dalla diagnosi finale, valore di predittività circa il recupero funzionale si intuisce come il campo della diagnosi, cura e riabilitazione delle paralisi del facciale costituisca un argomento ancora aperto della neuroriabilitazione. 6 HV simplex di tipo I, Herpes zoster, Influenza A e B, Citomegalovirus e altri 7 Per maggiori approfondimenti Lotter M. e Quinci A. [1990] 8 Lotter M. e Quinci A. [1990], Baron M. R. [1997], e Lorigiola C. e Quinci A. [2000] 9 Lorigiola C. e Quinci A. [2000] 4

8 Date queste premesse, recenti studi hanno portato alla proposta di una cartella clinico-riabilitativa specificamente concepita per la raccolta dei dati anamnestici, dei rilievi semeiologici, delle ipotesi diagnostiche, delle scelte terapeutiche intraprese e, in particolare, della condotta riabilitativa. 10 Grazie a questo strumento chiaro e specifico, il fisioterapista può dotarsi di una raccolta dati standardizzata e facilmente trasmissibile, che sintetizzi i vari dati delle visite specialistiche (neurologica, fisiatrica, ORL) e indirizzi la diagnosi funzionale affinché si possa indirizzare la condotta terapeutica riabilitativa in modo adeguato e mirato. Affinché la condotta terapeutica riabilitativa del fisioterapista sia adeguata, è altresì necessario disporre di un ipotesi prognostica funzionale, che permetta di realizzare una previsione: 1. sull evoluzione naturale della malattia 2. sulle difficoltà che si incontreranno nel recupero funzionale 3. sulle modificazioni intermedie e finali attese 4. sul tempo previsto per ottenerle. Manca in particolare uno strumento che dia la possibilità al riabilitatore di formulare una prognosi concernente il recupero funzionale del paziente e di conseguenza manca la possibilità di controllare i risultati ottenuti ed, eventualmente, di falsificare l ipotesi di partenza, reimpostando così il ragionamento riabilitativo, elemento necessario e imprescindibile all interno di una riflessione metodologica clinico-riabilitativa. Pertanto, la mancanza di tale strumento che raccolga e ordini i vari elementi predittivi assegnando loro un punteggio in funzione di un valore di predittività, è, in senso metodologico, un aspettazione delusa per la quale diventa necessario un approfondimento. 10 M. Lotter [ ] 5

9 L IPOTESI Il dubbio cresce con la conoscenza Wolfgang Goethe Lo strumento da ideare per un ipotesi prognostica funzionale delle paralisi periferiche del facciale dovrebbe essere, in definitiva, una scheda che favorisca l individuazione delle modificazioni finali attese e la scelta della miglior strategia possibile in ambito terapeutico riabilitativo. Il modello dovrà, da un lato, essere basato sulla più aggiornata letteratura specialistica disponibile e non potrà prescindere, dall altro, dall esperienza decennale dei riabilitatori che hanno osservato e trattato questa patologia. È importante inoltre che disponga delle seguenti proprietà: I. Chiarezza II. Semplicità d uso e di compilazione III. Completezza IV. Rapidità nel fornire una situazione di prognosi funzionale Gli obiettivi che dovrebbe perseguire sono: I. Indirizzare il fisioterapista nel raccogliere i dati necessari per la definizione degli elementi predittivi, finalizzati alla formulazione della prognosi funzionale II. Permettere l applicazione di un ragionamento clinico-riabilitativo il più corretto possibile III. In base alla prognosi funzionale, indirizzare in maniera mirata la condotta terapeutica riabilitativa IV. Agevolare nel contempo la trasmissione dei dati e dei giudizi prognostici tra le diverse figure professionali. La prognosi funzionale Di fondamentale importanza dal punto di vista metodologico (oltre che per la relazione terapeutica), essa consiste in un giudizio predittivo che il riabilitatore formula, 6

10 in conformità alla presenza di elementi fattuali raccolti e alla diagnosi posta, sul futuro decorso della disfunzione del paziente. La prognosi funzionale è pertanto una prognosi fisiopatologica che deriva classicamente dalla combinazione di due elementi: 1) le alterazioni che la malattia del paziente produce su una o più funzioni; 2) la possibilità che la terapia instaurata possa modificare tali effetti. Dal punto di vista logico, il giudizio prognostico è frutto di un processo inferenziale complesso, ottenuto attraverso l identificazione, la classificazione, l interpretazione e la valutazione di elementi predittivi, cioè di fenomeni e dati che contribuiscono a gettare luce da un lato sull evoluzione spontanea (storia naturale) della funzione colpita e dall altro sulle possibilità di recupero, cioè le modificazioni attese (intermedie e finali) in relazione a una determinata condotta terapeutica. In questo senso, la prognosi funzionale del riabilitatore è l espressione delle sue aspettative rispetto al recupero funzionale del paziente. È importante che la prognosi sia funzionale, in quanto nessun trattamento riabilitativo avrebbe senso se non pensato in questa chiave, e questo diventa particolarmente significativo nell ambito delle paralisi del VII nervo cranico, dove si riabilitano i movimenti mimici complessi che non possono prescindere da una visione funzionale. Diagnosi (spiegazione) e prognosi (previsione), sul piano logico, sono strettamente imparentate tra di loro trattandosi in entrambi i casi di argomentazioni deduttive, per le quali è valido il modello nomologico-deduttivo di Popper-Hempel. L unica differenza consiste nel fatto che mentre nella prima le condizioni iniziali sono già avvenute, nella seconda devono ancora verificarsi. Prognosi e terapia sono, per quanto esposto in precedenza, temporalmente e metodologicamente legate tra loro. Sarebbe impensabile concepire e attuare un esercizio terapeutico senza che prima sia stata formulata una prognosi funzionale. Indubbiamente la conoscenza di molti degli elementi predittivi utili per la compilazione della scheda, richiede un complesso lavoro d équipe in cui sono implicati vari specialisti tra fisioterapista e medici specialisti (fisiatra, neurologo, ORL, ecc.) e il fisioterapista. Infatti, molti degli elementi che in seguito si riveleranno necessari per l emissione di una prognosi funzionale non possono prescindere da una comunicazione tra varie figure, 7

11 per quanto riguarda ad esempio l eziologia della paralisi, o ancora gli esami diagnostici (EMG, HRTC, RMN, ENoG) fondamentali per stabilire l entità del recupero possibile. L ideazione di questa scheda dovrà essere impostata su un lavoro di ricerca all interno della letteratura disponibile, al fine di individuare i vari segni che hanno una valenza tale da essere considerati elementi prognostici. La ricerca verterà su materiale fornito dalla letteratura internazionale, analizzando articoli e pubblicazioni in ambito neurologico, ORL e fisioterapico. Ci si soffermerà inoltre sui recenti studi condotti in ambito riabilitativo nella letteratura nazionale 11, non trascurando gli altri ambiti specialistici complementari per lo studio delle paralisi del VII nervo cranico. Questo lavoro di ricerca, tuttavia, non potrà come si è detto prescindere dall esperienza di chi lavora nel campo della riabilitazione delle paralisi periferiche del nervo facciale da anni, e che può, tramite l osservazione e la riflessione critica, apportare notevoli contributi a questo studio. Si ritiene opportuno, una volta individuati gli elementi predittivi, classificarli in positivi e negativi. Ad essi si dovrà poi attribuire un punteggio che sarà inserito nella scheda e che permetterà la trasformazione in valori numerici dei dati relativi alla prognosi del recupero funzionale, ottemperando così alle esigenze di quantificazione che il metodo delle scienze sperimentali considera fondamentali per l oggettivazione della ricerca. Il punteggio assegnato potrà essere infine analizzato dal punto di vista matematico. 11 Ad esempio M. Lotter e A. Quinci, M. R. Baron, C. Lorigiola e A. Quinci, ma anche A. Formenti e altri citati in bibliografia. 8

12 MATERIALI E METODI Perché il pensiero, che è solo una secrezione del cervello, è molto più affascinante della gravità, che è una proprietà della materia? Charles Darwin L emissione di una prognosi funzionale è imprescindibile per l impostazione di una condotta terapeutica adeguata fin dall inizio. È importante che il paziente possa dialogare con il fisioterapista al fine di ottenere dei suggerimenti riguardo al comportamento da seguire nelle prime fasi di insorgenza della paralisi. Si è visto infatti che i pazienti tendono spesso (autonomamente o in base a consigli forniti dai medici non riabilitatori) a sforzare in continuazione i distretti paretici di fronte allo specchio, eseguendo varie smorfie o espressioni facciali peraltro avulse da un contesto comunicativo. Studi recenti hanno dimostrato l inefficacia di questo comportamento in quanto non tiene in considerazione il tempo necessario per la rigenerazione del nervo leso. Non solo, ma si è visto che dal punto neurofisiologico, la riparazione del motoneurone leso è correlata con l attività muscolare. Il blocco della trasmissione neuromuscolare con farmaci come il curaro provoca un considerevole aumento del numero di motoneuroni che sopravvivono. Al contrario, la stimolazione diretta del muscolo aumenta il numero dei motoneuroni che vanno incontro a morte. Sono due le vie attraverso le quali l attività muscolare potrebbe influire sulla produzione del fattore trofico da parte del muscolo, vale a dire, il blocco dell attività aumenterebbe la produzione di fattore trofico, mentre l aumento ne ridurrebbe la produzione. 12 Infatti, come consiglia Cooksey, il paziente dovrebbe assumere l espressione da poker face, ossia un volto amimico o impassibile. Anche Quinci riprende e sottolinea questo concetto dicendo che si dovrà istruire il paziente, per la prima fase del trattamento, ad assumere un espressione da poker face, cioè un volto il più possibile amimico, che non lasci trasparire alcuna emozione. Si deve considerare inoltre che nelle paresi importanti del VII n.c., l inizio della ripresa funzionale non si verifica prima dei tre mesi Lorigiola C. e Quinci A. [2000] 13 A. Quinci, tesi di laurea in Fisioterapia, Anno Accademico

13 Proprio per questo motivo è importante che il paziente non si sforzi nell eseguire delle espressioni facciali, né con la parte paretica, né con quella sana, per evitare l apprendimento di meccanismi di compenso, difficilmente rieducabili una volta stabilitisi e che potrebbero modificare negativamente lo stesso decorso del recupero funzionale. Per quanto riguarda l aspetto prognostico delle paralisi periferiche del facciale in ambito riabilitativo, già Baron [1997] proponeva una cartella valutativa che raccoglieva dati clinici e individuava alcuni elementi prognostici positivi e negativi. Questo primo encomiabile lavoro è stato poi ripreso e sviluppato da Lotter 14 che ha proposto una cartella clinico-riabilitativa con una maggior razionalizzazione dell esame obiettivo e con un accurata individuazione di una serie numerosa di elementi predittivi. All interno di questo lavoro vi era già una prima scheda contenente i vari elementi predittivi e una primaria assegnazione di un punteggio, che però non veniva espresso in valori numerici e su cui non era pertanto ancora possibile un elaborazione matematica. LA SCHEDA La scheda proposta in questa tesi rivede e approfondisce quella proposta da Lotter. Essa riassume tutti gli elementi prognostici in un unica facciata suddivisa in 5 colonne, di cui: I. la prima contenente gli elementi predittivi generici II. la seconda con gli elementi positivi e loro relativo punteggio III. la terza contenente gli elementi negativi e loro relativo punteggio IV. la quarta con gli elementi fortemente negativi V. l ultima contenente i relativi punteggi Tale strumento è molto dettagliato e presuppone che il fisioterapista possa esaminare il paziente già nei primissimi tempi dall onset della paralisi, per valutare molti aspetti: ad esempio rilevare la comparsa di movimenti volontari già nelle prime due settimane o disporre di dati sulla positività dei test per l Herpes Virus. Si ribadisce a questo proposito la necessità di un lavoro d equipe (interdisciplinare) affinché il paziente venga indirizzato alla riabilitazione tempestivamente, in modo che il riabilitatore possa 14 M. Lotter, tesi di laurea in Fisioterapia, Anno Accademico

14 raccogliere gli elementi rilevanti e necessari per una conduzione adeguata del programma riabilitativo. Questa scheda potrà quindi essere inserita all interno della cartella integrata clinicoriabilitativa, o in altre cartelle in uso nelle varie strutture in modo che il fisioterapista possa consultarla ogni qualvolta ne abbia necessità, e che sia disponibile anche per altri professionisti in caso di passaggio di consegne o di trasmissione di informazioni sul paziente. Ecco a seguire, il modello della scheda proposta 11

15 La scheda ELEMENTO PREDITTIVO POSITIVO NEGATIVO FORTEM. NEGATIVO SCORE Diagnosi nosografica Paralisi idiopatica di Bell 2 Eziologia nota (altre forme) -2 Herpes zoster Obiettività negativa 1 Obiettività positiva -1 Test PCR H.zoster Negativo 2 Positivo -2 Herpes simplex Obiettività negativa 1 Obiettività positiva -1 Test HV Simplex Negativo 1 Positivo -1 Età Bambino 3 Anziano -3 Giovane 2 Tipo di lesione Neuroaprassia 2 Assonotmesi -2 Neurotmesi -3 Manifestazioni cliniche Primo episodio 2 Recidiva -2 Paralisi completa a insorg. immediata (decompress. chirurg.) -4 Estensione della paralisi Sup. o inf. o parcellare 2 Tutta l'emifaccia -2 Lato colpito Deficit a dx 1 Deficit a sx -1 Movimenti volontari Già nelle prime due settimane 3 Tardivi o assenti -3 Fascicolazioni/clonie Assenti 2 Presenti -2 Sensibilità No turbe 2 Presenti turbe -2 Lacrimazione No turbe 1 Secchezza dell'occhio -1 Diabete Assente 2 Presente -3 Motivazione del paziente Buona 2 Depresso -2 Sincinesie Assenti 3 Presenti -3 Emispasmo Assente 3 Presente -3 1 EMG attività a riposo Assente 3 Presente -3 2 EMG attività a riposo Scomparsa 2 Persistenza -3 EMG attività volontaria Risposte ad essa 2 No risposte -2 Potenziali polifasici Presenti 2 Assenti -2 ENoG, risposta Mantenuta oltre il 14 gg 3 < 10% entro il 5 gg -3 Degenerazione >95% entro il 15 gg con decompress. chirurgica -4 HRCT per lesioni ossee Negativa 3 Positiva -3 RMN, enhancement Negativo 2 Positivo -2 RMN, tratto della lesione Timpanico o mastoideo 2 Labirintico -2 Grading House-Brackmann II 2 IV -1 VI -3 III 1 V -2 Farmaci Prednisone e acyclovir 2 Solo prednisone/solo acyclovir -2 Rima palpebrale Libera 1 Precedente tarsorrafia -3 Trattam. con PNF o con elettrostimolaz. Mai 3 Già trattato solo con PNF o solo con elettrostimolaz -3 Trattato sia con PNF che con elettrostimolazione -4 TOTALE 12

16 La scheda in oggetto costituisce un modello che, una volta analizzato, può fornire una visione sull effettivo peso che ogni elemento prognostico, sia esso positivo o negativo, ha sul recupero del paziente. La schematicità di questo strumento comporta certamente pregi rispetto alla sua utilizzazione, ma determinerà probabilmente anche dei difetti che solo la sperimentazione nel tempo farà emergere. ANALISI MATEMATICA Per impostare lo studio della scheda elaborata per questa tesi, mi sono avvalsa della collaborazione di un professionista in Scienze Statistiche e Informatiche. Nello strutturare la scheda è stata presa la decisione metodologica di non ricercare 30 casi e valutare il peso di ogni elemento predittivo sulla prognosi funzionale, estrapolandone un modello statistico. Si è scelto invece di creare un modello matematico che assegni un punteggio ad ogni elemento predittivo, sulla base delle ricerche di letteratura nazionale, internazionale e grazie all esperienza decennale dei Professionisti che operano in questo settore. Si è deciso quindi di non effettuare uno studio puramente statistico, bensì di concentrarsi sui dati che emergeranno dalla clinica applicata all esperienza. Infatti già lo studio della scheda dal punto di vista meramente matematico ci poneva dei dubbi non indifferenti. In una visione matematica, avere più di due ricadute per uno stesso item (ad esempio un item che risulta avere elemento predittivo positivo, elemento predittivo negativo e elemento fortemente negativo, cioè tre ricadute) non apporta un significato strettamente matematico alla scheda. Sebbene quindi una visione matematica richiedesse due sole ricadute, una positiva e una negativa, la clinica non si riconosce in questa suddivisione dicotomica, in quanto gli elementi fortemente negativi, così come i fortemente positivi (quando presenti), comportano un peso e un significato clinico assolutamente non trascurabile nell ideazione e nella compilazione della scheda. 13

17 La scheda in questione per la valutazione ragionata sugli elementi predittivi è uno strumento di lavoro a determinazione di un punteggio, basato su alternative di tipo definito. Nel nostro caso si darà un punteggio o ad un elemento predittivo positivo, o ad uno negativo. Vi è però la possibilità che vi sia un elemento che risulti, ad esempio, tra i fortemente negativi. Anche in questo caso, sarà possibile la compilazione o dell elemento fortemente positivo, o di quello positivo, o di quello negativo, o ancora di quello fortemente negativo, procedendo quindi con una compilazione in maniera univoca 15. Si può giungere così allo studio del modello che ho estrapolato dalla letteratura nazionale e internazionale, dall esperienza medica e da quella in campo riabilitativo, intendendo come modello matematico la descrizione, tramite numeri semplici, dell incidenza che hanno i diversi fattori sulla prognosi di recupero. Il modello consente inoltre di elaborare dei grafici in grado di illustrare in maniera chiara il peso di ogni singolo elemento predittivo. Il grafico che descrive il modello di predittività è il seguente. 15 In matematica con il termine univoco si intende ammettere una unica soluzione al problema. 14

18 CONFRONTO TRA GLI ELEMENTI PREDITTIVI Tipo di lesione Manifestazioni cliniche Estensione della paralisi Lato colpito Movimenti volontari Fascicolazioni/clonie Lacrimazione Diabete Motivazione del paziente Sincinesie Emispasmo Potenziali polifasici ENoG, risposta HRCT per lesioni ossee RMN, enhancement RMN, tratto della lesione Grading House-Brackmann Farmaci Rima palpebrale Trattam. PNF o elettrostimolaz. 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 Positivo Negativo > Negativo 15 Herpes simplex Test HV Simplex Diagnosi nosografica Herpes zoster Test PCR H.zoster

19 Il grafico precedentemente esposto è stato estrapolato grazie a calcoli matematici che ci hanno consentito di avere una visuale globale del modello matematico di predittività ottenuto in base alla scheda sopra illustrata (pag. 13). Qualora la compilazione della scheda ci dia, per assurdo, tutti valori positivi, il totale risulterà essere In caso contrario, se i valori risultassero essere tutti negativi, il totale sarebbe 71. Nella somma degli elementi solo positivi o di quelli solo negativi, è importante ricordare che si somma in maniera univoca; nel caso quindi di un elemento predittivo che può essere sia negativo che fortemente negativo, esso va preso con il suo valore fortemente negativo. Questo perché il valore più alto contiene e supera quello più basso. Quindi se un elemento, sia esso positivo o negativo, presenta più ricadute, va calcolato col valore massimo che esso può assumere all interno di quell item. Quindi il range dei punteggi all interno del quale ci si muove si estende da 71 a + 62, contando quindi globalmente 133 possibili punteggi. Per poter vedere quanto ogni elemento incida sul recupero funzionale, si è cercato di rappresentare l incidenza percentuale di ogni valore, calcolando così il peso che ogni singolo elemento predittivo ha sulla prognosi finale. Per calcolare il peso di ogni elemento è stata applicata la seguente formula: peso = elem. predittivo È evidente che il valore risultante da questa formula esprimerà l incidenza percentuale del dato scelto. Si riportano qui sotto i pesi percentuali degli elementi predittivi positivi, che rappresentano quanto pesa ogni singolo elemento sul recupero totale. 16

20 1 Paralisi idiopatica di Bell 1,50 2 Herpes zoster obiettività negativa 0,75 3 Test PCR H.zoster negativo 1,50 4 Herpes simplex obiettività negativa 0,75 5 Test PCR H.simplex negativo 0,75 6 Bambino 2,26 7 Neuroaprassia 1,50 8 Primo episodio 1,50 9 Paralisi sup. o inf. o parcellare 1,50 10 Deficit a dx 0,75 11 Movimenti volontari già nelle prime due settimane 2,26 12 Fascicolazioni/clonie assenti 1,50 13 Sensibilità no turbe 1,50 14 Lacrimazione no turbe 0,75 15 Diabete assente 1,50 16 Motivazione del paziente buona 1,50 17 Sincinesie assenti 2,26 18 Emispasmo assente 2, EMG attività a riposo assente 2, EMG scomparsa attività a riposo 1,50 21 EMG attività volontaria, risposte ad essa 1,50 22 Potenziali polifasici presenti 1,50 23 ENoG, risposta mantenuta oltre il 14 gg 2,26 24 HRCT per lesioni ossee negativa 2,26 25 RMN, enhancement negativo 1,50 26 RMN, tratto della lesione timpanico o mastoideo 1,50 27 Grading House-Brackmann II 1,50 28 Prednisone e acyclovir 1,50 29 Rima palpebrale libera 0,75 30 Mai trattato con PNF o con elettrostimolazioni 2,26 E di seguito è possibile vedere il grafico corrispondente, che evidenzia l incidenza sulla prognosi dei vari elementi predittivi positivi. ELEMENTI PREDITTIVI POSITIVI 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0, Si riportano qui sotto i pesi percentuali degli elementi predittivi negativi e fortemente negativi, 17

Il Pronto Soccorso tra menù fisso e piatti di stagione La paralisi di Bell

Il Pronto Soccorso tra menù fisso e piatti di stagione La paralisi di Bell Società Medico Chirurgica di Ferrara Il Pronto Soccorso tra menù fisso e piatti di stagione La paralisi di Bell Roberto Melandri Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara r.melandri@ospfe.it Paralisi

Dettagli

Le patologie che possono interessare il nervo facciale possono essere suddivise in 5 gruppi principali:

Le patologie che possono interessare il nervo facciale possono essere suddivise in 5 gruppi principali: ..e quando ti viene negata la possibilità di sorridere. Ciò che a volte colpisce dei pazienti affetti da paralisi del nervo facciale è la loro profonda e triste rassegnazione. Si desume spesso dalla documentazione

Dettagli

Emispasmo del nervo facciale

Emispasmo del nervo facciale Emispasmo del nervo facciale Cos è l emispasmo del nervo facciale? L emispasmo del nervo facciale o emispasmo facciale (EF) è un disturbo caratterizzato da una contrazione unilaterale, involontaria ed

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEL DANNO ACUSTICO

Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEL DANNO ACUSTICO Universita degli Studi di Milano - Bicocca Facolta di Medicina e Chirurgia Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEL DANNO ACUSTICO 12 MARZO 2009 AUDIOMETRIA IN MDL L audiometro serve, in MdL,

Dettagli

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari NELL AMBITO DELLE SINDROMI DA DOLORE OROFACCIALE LA NEVRALGIA DEL DEL NERVO TRIGEMINO E UNA SINDROME NEUROOGICA

Dettagli

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Stefano Folzani Responsabile f.f. Servizio di Radiologia Ospedale di Suzzara Dott. Gianluca Castellarin Responsabile Ortopedia III Ospedale

Dettagli

CONOSCERE IL DOLORE NEUROPATICO (DI ORIGINE NEUROLOGICA)

CONOSCERE IL DOLORE NEUROPATICO (DI ORIGINE NEUROLOGICA) CONOSCERE IL DOLORE NEUROPATICO (DI ORIGINE NEUROLOGICA) CHE COS È Il dolore neuropatico insorge come diretta conseguenza di un danno o di una malattia che colpisce il sistema nervoso. Questo tipo di dolore

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

TRATTAMENTI DI OSTEOPATIA & FISIOTERAPIA in collaborazione con lo Studio Atollo

TRATTAMENTI DI OSTEOPATIA & FISIOTERAPIA in collaborazione con lo Studio Atollo TRATTAMENTI DI OSTEOPATIA & FISIOTERAPIA in collaborazione con lo Studio Atollo I TRATTAMENTI LA PROFESSIONALITÀ Lo studio Atollo si avvale di un equipe di professionisti nel settore della Fisioterapia

Dettagli

Orario disponibile nel calendario ufficiale del corso di Laurea di Fisioterapia ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI

Orario disponibile nel calendario ufficiale del corso di Laurea di Fisioterapia ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 201/2014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Laurea Fisioterapia MAGISTRALE) CORSO INTEGRATO Riabilitazione Fisioterapica in ambito pediatrico TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

SORDITA IMPROVVISE EZIOLOGIA

SORDITA IMPROVVISE EZIOLOGIA SORDITA IMPROVVISE Il termine sordità improvvisa indica una perdita uditiva ad insorgenza rapida e brusca, in un periodo non superiore alle 12 ore, a carico dell orecchio interno, uni- (85%) o bilaterale.

Dettagli

Che cos è la distonia?

Che cos è la distonia? La distonia Che cos è la distonia? Il termine distonia viene usato per un gruppo di malattie neurologiche, caratterizzate dalla presenza di spasmi muscolari involontari e protratti, che determinano posizioni

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7384 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA Istituzione di centri a carattere scientifico per la prevenzione

Dettagli

Il sistema immunitario reagisce contro la glia come se questa fosse estranea, aggredendola e distruggendola come farebbe con qualunque aggressore

Il sistema immunitario reagisce contro la glia come se questa fosse estranea, aggredendola e distruggendola come farebbe con qualunque aggressore SCLEROSI MULTIPLA Malattia autoimmune Colpisce in generale soggetti giovani: 15-35 anni Anticorpi contro le cellule gliali: i neuroni in linea di principio sono risparmiati Andamento a ricadute e remissioni

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE Capitolo 4 LE COMPETENZE La qualità principale che l osteopata professionista deve possedere e applicare nell approccio terapeutico è la competenza, caratteristica fondamentale dell iter formativo, dell

Dettagli

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale!

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale! Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale La malformazione di Chiari tipo I (CMI) è un alterazione della giunzione

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA. www.slidetube.it

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA. www.slidetube.it SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA Definizione di SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA (ALS) A- absence of myo- trophic Lateral muscle nourishment pertaining to side (of spinal cord) Sclerosis hardening of (lateral

Dettagli

REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA PER L EMERGENZA CANNIZZARO Via Messina, 829 95125 Catania

REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA PER L EMERGENZA CANNIZZARO Via Messina, 829 95125 Catania REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA PER L EMERGENZA CANNIZZARO Via Messina, 829 95125 Catania Unità Operativa Complessa di NEUROLOGIA info@neurologiacannizzaro.com Tel: 095-7264378, FAX: 095-7264373

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA. Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente:

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA. Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente: SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA Obiettivi della Scuola di Psicologia Clinica Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente: Lo specialista in Psicologia

Dettagli

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Il CMID, Centro di Ricerche di Immunopatologia e Documentazione su Malattie Rare Struttura Complessa a

Dettagli

INDICE 1. RINORREE 1 Cenni di anatomia e fisiologia delle fosse nasali 1 Cenni di anatomia e fisiologia dei seni paranasali 11 Rinorrea sierosa 15

INDICE 1. RINORREE 1 Cenni di anatomia e fisiologia delle fosse nasali 1 Cenni di anatomia e fisiologia dei seni paranasali 11 Rinorrea sierosa 15 INDICE 1. RINORREE 1 Cenni di anatomia e fisiologia delle fosse nasali 1 Cenni di anatomia e fisiologia dei seni paranasali 11 Rinorrea sierosa 15 Rinorrea purulenta 21 Rinorrea crotosa 30 LESIONI DELLA

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

IL PROBLEMA NON È MIO. È NOSTRO. OGGI, LA SOLUZIONE C È. UN NUOVO MODO DI PENSARE AL BENESSERE SESSUALE DI COPPIA

IL PROBLEMA NON È MIO. È NOSTRO. OGGI, LA SOLUZIONE C È. UN NUOVO MODO DI PENSARE AL BENESSERE SESSUALE DI COPPIA IL PROBLEMA NON È MIO. È NOSTRO. OGGI, LA SOLUZIONE C È. UN NUOVO MODO DI PENSARE AL BENESSERE SESSUALE DI COPPIA La nuova alleanza al servizio della coppia IMPARIAMO AD OCCUPARCI DELLA SALUTE SESSUALE

Dettagli

Disturbi ossessivi compulsivi? Sono disturbi invalidanti? Trattamento farmacologico?

Disturbi ossessivi compulsivi? Sono disturbi invalidanti? Trattamento farmacologico? ALCUNE DOMANDE DEL COMPITO SCRITTO DI NEUROLOGIA DEL 31 GENNAIO Mielite trasversa, caratteristiche cliniche. SLA Lobo più colpito nel morbo d Alzheimer Sede più frequente di emorragia intraparenchimale

Dettagli

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare Schede informative per il paziente Artriti della spalla Capsulite adesiva Lesioni della cuffia dei rotatori Instabilità e lussazione articolare Vi sono tre articolazioni nella spalla: la clavicola con

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

Strabismo Lo sviluppo della capacita' visiva Sistema sensoriale e sistema motorio

Strabismo Lo sviluppo della capacita' visiva Sistema sensoriale e sistema motorio Lo sviluppo della capacita' visiva: Il sistema visivo completa il proprio sviluppo nei primi anni di vita del bambino, grazie alla progressiva maturazione delle strutture che collegano occhio e cervello.

Dettagli

POLIRADICOLONEURITI L.PAVONE, F.GRECO. Dipartimento di Pediatria Università di Catania

POLIRADICOLONEURITI L.PAVONE, F.GRECO. Dipartimento di Pediatria Università di Catania POLIRADICOLONEURITI L.PAVONE, F.GRECO Dipartimento di Pediatria Università di Catania POLIRADICOLONEURITI Infiammazioni di alcune o anche di numerose radici dei nervi spinali e dei relativi tronchi nervosi

Dettagli

La Sindrome dell EGRESSO TORACICO. Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO

La Sindrome dell EGRESSO TORACICO. Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO La Sindrome dell EGRESSO TORACICO Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO Introduzione La Sindrome dell Egresso Toracico è una patologia che deriva dalla compressione di strutture nervose

Dettagli

2010 2013 PATOLOGIA DEL FILUM TERMINALE ESPERIENZE E PROSPETTIVE. Centro Medico Mantia Presidio Ambulatoriale di Recupero e Riabilitazione Funzionale

2010 2013 PATOLOGIA DEL FILUM TERMINALE ESPERIENZE E PROSPETTIVE. Centro Medico Mantia Presidio Ambulatoriale di Recupero e Riabilitazione Funzionale 2010 2013 PATOLOGIA DEL FILUM TERMINALE ESPERIENZE E PROSPETTIVE Centro Medico Mantia Presidio Ambulatoriale di Recupero e Riabilitazione Funzionale www.centromedicomantia.it DIPARTIMENTO STUDI. Il Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dipartimento di Neuroscienze Cattedra di Medicina Riabilitativa

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dipartimento di Neuroscienze Cattedra di Medicina Riabilitativa UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dipartimento di Neuroscienze Cattedra di Medicina Riabilitativa 1 Come integrare didattica frontale ed esperienza sul campo

Dettagli

Modulo di Patologia Generale

Modulo di Patologia Generale A.A. 2009/2010 Modulo di Patologia Generale dott.ssa Vanna Fierabracci ricevimento: su appuntamento Tel 050 2218533 e-mail: v.fierabracci@med fierabracci@med.unipi.itit Dipartimento di Patologia Sperimentale,

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE Corso di Laurea Magistrale in Farmacia A.A. 2013-2014 -seconda sessione: dal 16 giugno al 31 luglio 2014 -terza sessione: dal 1 al 30 settembre 2014 sessione

Dettagli

Patologie del Disco Intervertebrale

Patologie del Disco Intervertebrale Patologie del Disco Intervertebrale I dischi intervertebrali sono strutture normalmente presenti tra i corpi vertebrali per tutta la lunghezza della colonna. Il disco è formato da due componenti: una più

Dettagli

http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll

http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll link simulazione http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll username: studente bisazza password: bisazza La nocicezione, risultato di una somma algebrica L intensità dell informazione nocicettiva

Dettagli

Le Malattie rare in oftalmologia:dalla conoscenza del bisogno all innovazione

Le Malattie rare in oftalmologia:dalla conoscenza del bisogno all innovazione Le Malattie rare in oftalmologia:dalla conoscenza del bisogno all innovazione Associazione Dossetti Dr. Stefano Reggio Direttore Scientifico e Relazioni istituzionali Allergan S.p.A. Roma, 3 Come orientare

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO A cura di Dr. M. Brighenti * A. Cinì** S. Isoli** M. Maffei** * Neuropsichiatra Infantile, Primario del II Servizio NPI e PEE dell Azienda

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Regione Basilicata AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Ambito Territoriale Ex A.S.L. 3 LAGONEGRO. 85100 POTENZA Ospedale San Giovanni Lagonegro (PZ) U.O.C. di Medicina Interna, d Urgenza e PSA Direttore

Dettagli

Lesioni patognomonica della scabbia èil cunicolo, rilevato, bruno chiaro che si può osservare ai polsi, ai bordi delle dita e delle mani, e ai

Lesioni patognomonica della scabbia èil cunicolo, rilevato, bruno chiaro che si può osservare ai polsi, ai bordi delle dita e delle mani, e ai SCABBIA Causata dall acaro Sarcoptes Scabiei var. hominis Contagio interumano (contatti fisici, via indiretta mediante lenzuola o vestiti è più rara) Prurito peggiora di notte, risparmia volto e cuoio

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI

ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI Dipartimento di Scienze Medico Diagnostiche e Terapie Speciali Istituto di Radiologia Università di Padova ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI Riccardo Zanato Roberto Stramare

Dettagli

Otorinolaringoiatria. scheda 03.12 Poliambulatorio specialistico

Otorinolaringoiatria. scheda 03.12 Poliambulatorio specialistico scheda 03.12 Poliambulatorio specialistico Cos è L ambulatorio specialistico di (ORL) di MediClinic è una moderna struttura che si occupa di tutti 03.12 pag. 2 gli aspetti generali della disciplina, con

Dettagli

Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia. Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità

Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia. Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia Via Spagna, 5, 37123, Verona 1 Intervento sul bambino

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA

Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA Sommario Che cos'è la sclerosi multipla? Chi viene colpito? Che cosa causa la sclerosi multipla? La sclerosi multipla è ereditaria? Come progredisce la malattia? IMPORTANTE:

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA?

COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA? COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA? 1 COSA SIGNIFICA MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? Le patologie autoimmuni sistemiche rappresentano condizioni poco

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Risonanza Quantica Molecolare : la nostra esperienza clinica nella sua applicazione in Medicina Antalgico-Riabilitativa ed Estetica

Risonanza Quantica Molecolare : la nostra esperienza clinica nella sua applicazione in Medicina Antalgico-Riabilitativa ed Estetica Risonanza Quantica Molecolare : la nostra esperienza clinica nella sua applicazione in Medicina Antalgico-Riabilitativa ed Estetica Il Rexon-age è un apparecchiatura elettromedicale che ha nel cuore il

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LO STRABISMO Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione sino a provocare

Dettagli

MSKQ2014 - Versione B

MSKQ2014 - Versione B MSKQ2014 - Versione B 2014/B Edizione Originale Italiana MSKQ Versione B: Copyright 2009 - Alessandra Solari, Fondazione IRCCS Istituto Neurologico C. Besta, Via Celoria 11, 20133 Milano solari@istituto-besta.it

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

Recenti pubblicazioni scientifiche hanno confermato l incremento della. frequenza della Sindrome del tunnel carpale (STC) in molti settori lavorativi,

Recenti pubblicazioni scientifiche hanno confermato l incremento della. frequenza della Sindrome del tunnel carpale (STC) in molti settori lavorativi, SINDROME DEL TUNNEL CARPALE ED IMPRESE DI PULIZIA: UN BINOMIO DA NON TRASCURARE. D. di Carlo, G.Tangredi, M. Giudici, K. Papini Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro Azienda G. Salvini Garbagnate

Dettagli

A.I.FI. Piemonte Valle d'aosta. in collaborazione con ASSFER

A.I.FI. Piemonte Valle d'aosta. in collaborazione con ASSFER A.I.FI. Piemonte Valle d'aosta in collaborazione con ASSFER è lieta di organizzare per la prima volta a Torino (presso il Presidio Sanitario San Camillo, Strada Santa Margherita 136) il corso di: SMARTERehab

Dettagli

LA RICOSTRUZIONE MICROCHIRURGICA DEL NERVO PERIFERICO

LA RICOSTRUZIONE MICROCHIRURGICA DEL NERVO PERIFERICO Le Lesioni Nervose Periferiche dell Arto Superiore Peschiera del Garda 23 24 ottobre 2009 LA RICOSTRUZIONE MICROCHIRURGICA DEL NERVO PERIFERICO Ruggero Testoni CLASSIFICAZIONE DELLE LESIONI NERVOSE Lesioni

Dettagli

Nevralgia del Trigemino

Nevralgia del Trigemino Nevralgia del Trigemino Nevralgia del Trigemino Per alcuni, può voler dire brevi episodi di dolore facciale che arrivano come un fulmine a ciel sereno e scompaiono altrettanto rapidamente. Per altri, il

Dettagli

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE.

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. Premesse teoriche Nella letteratura recente si trovano

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna APPARATO NEUROLOGICO Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna OBIETTIVI Conoscere l anatomia e la fisiologia del sistema nervoso Riconoscere le principali patologie del Sistema nervoso Effettuare

Dettagli

Il trattamento. dell apprendimento scolastico

Il trattamento. dell apprendimento scolastico C o l l a n a d i P s i c o l o g i a Patrizio E. Tressoldi e Claudio Vio Il trattamento dei disturbi specifici dell apprendimento scolastico NUOVA EDIZIONE Erickson Indice 9 Presentazione prima PARTE

Dettagli

Caso di Paralisi del III n.c. S. D Amelio- L. Barbero- L. Indovina

Caso di Paralisi del III n.c. S. D Amelio- L. Barbero- L. Indovina Ospedale Oftalmico di Torino Dipartimento di Malattie Oculistiche Divisione di Oculistica A- Oftalmologia Infantile e Strabismo Direttore Dott. Savino D Amelio Caso di Paralisi del III n.c. S. D Amelio-

Dettagli

ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA

ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA Abbiamo sentito l esigenza di sottoporre alla vostra attenzione i risultati di questa ricerca

Dettagli

LA STABILOMETRIA (ANALISI POSTUROGRAFICA)

LA STABILOMETRIA (ANALISI POSTUROGRAFICA) Giovanni Magnani LA STABILOMETRIA (ANALISI POSTUROGRAFICA) La Stabilometria (analisi posturografica) è un esame che permette di valutare e misurare il controllo fine della postura. Il soggetto esaminato

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce il giovane adulto.

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce il giovane adulto. Sclerosi multipla FONTE : http://www.medicitalia.it/salute/sclerosi-multipla La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO Autori: Renato Frezzotti, Mauro Barni Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana - 2006 CODICE DELLO STUDIO: TITOLO DELLO STUDIO: {{ Genetica

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 2014/15 CORSO DI LAUREA (o LAUREA

MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 2014/15 CORSO DI LAUREA (o LAUREA FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 01/15 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Laurea in Fisioterapia MAGISTRALE) CORSO INTEGRATO PRINCIPI E METODI DI NEURORIABILITAZIONE TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

LA TERAPIA CON PLASMA-EXCHANGE NELLE POLINEUROPATIE DEMIELINIZZANTI

LA TERAPIA CON PLASMA-EXCHANGE NELLE POLINEUROPATIE DEMIELINIZZANTI Delegazione Regionale del Lazio LA TERAPIA CON PLASMA-EXCHANGE NELLE POLINEUROPATIE DEMIELINIZZANTI REFERENTI DEL PROGETTO Dr.ssa Simonetta Pupella, Dr.ssa Maria Gozzer - Sezione di Aferesi Terapeutica

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

RELAZIONE MEDICO-LEGALE SUL CASO CLINICO DI: M. I.

RELAZIONE MEDICO-LEGALE SUL CASO CLINICO DI: M. I. Dr. CARMELO GALIPO Medico-chirurgo Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni Via Appia Nuova, 153 00182 Roma Tel. 06/45654106-347/3589096 RELAZIONE MEDICO-LEGALE SUL CASO CLINICO DI: M. I. Ho

Dettagli

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica www.gstmonline.it La Scuola di Formazione Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica GSTM è un percorso quadriennale in Terapia Manuale e Fisioterapia

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

Metodo SaM (Sense and Mind)

Metodo SaM (Sense and Mind) Corso Base Metodo SaM (Sense and Mind) Intervento riabilitativo dei disturbi delle abilità spaziali Direzione scientifica: prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia cognitiva applicata presso

Dettagli

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità Valutare un test 9 Quando si sottopone una popolazione ad una procedura diagnostica, non tutti i soggetti malati risulteranno positivi al test, così come non tutti i soggetti sani risulteranno negativi.

Dettagli

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento Cos è L ambulatorio dedicato ai pazienti affetti da malattia di Parkinson e disordini del

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO Introduzione. Nel contesto lavorativo in cui mi trovo ad operare, mi sto riferendo ad un centro di rieducazione motoria, mi sono confrontata con le altre figure

Dettagli

CENTRO EUROPEO COLONNA

CENTRO EUROPEO COLONNA Apporto delle indagini elettrofisiologiche alle patologie del rachide Dr. Enrico Alfonsi IX Congresso Internazionale S.I.R.E.R. Il rachide lombare Cappella Ducale di Palazzo Farnese - Piacenza 30 settembre

Dettagli