Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione"

Transcript

1 Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, DICEMBRE 2012

2 Le segnalazioni di Vigilanza e di Centrale Rischi rappresentano delle fonti di dati molto ricche che possono essere utilizzate per effettuare numerose tipologie di analisi sia di tipo gestionale che di controllo. La CO.BA.CO. grazie alle professionalità che ha a disposizione in materia di Vigilanza in generale, e di segnalazioni in particolare ha realizzato Sistemi Esperti che: verificano la correttezza delle informazioni contenute nelle Segnalazioni in andata; effettuano, utilizzando sia i flussi di andata che di ritorno dalla Banca d Italia, analisi gestionali e di performance, di monitoraggio.

3 Sistema di analisi aziendale (SAA) I dati e le informazioni: 1. relativi alla situazione aziendale sono forniti dagli intermediari alla Banca d Italia mediante la produzione - secondo definiti schemi e regole - della cosiddette basi matrici che nel loro insieme compongono le segnalazioni di Vigilanza; 2. relativi alla rischiosità creditizia sono forniti dagli intermediari alla Centrale dei Rischi mediante la segnalazione delle esposizioni verso la clientela, secondo definiti schemi e regole. Le segnalazioni di Vigilanza e della Centrale dei rischi vengono utilizzate: 1. dalla Banca d Italia per l analisi della situazione tecnica aziendale del singolo intermediario nell ambito del processo SREP che unitamente al processo ICAAP compongono il processo di controllo prudenziale (secondo pilastro Basilea II). L insieme delle procedure utilizzate dalla Banca d Italia per effettuare la predetta analisi costituisce il Sistema di Analisi Aziendale (SAA). Tali procedure sono disciplinate dalla circolare BI n. 263/2006 (disposizioni prudenziali per le banche); 2. dal singolo intermediario per l analisi della situazione tecnica aziendale sia secondo criteri interni sia secondo criteri disciplinati dalla Banca d Italia nella predetta circolare n. 263/2006 e cioè secondo i criteri impiegati nelle procedure che compongono il Sistema di Analisi Aziendale (SAA)

4 TITOLO INTERVENTO L analisi della situazione aziendale riguarda i singoli profili della medesima situazione (redditività; rischio di credito; rischio di liquidità; rischio di tasso; rischio di mercato; rischio operativo; patrimonio). Tale analisi necessita del supporto di specifiche procedure informatiche, considerato che le attività da svolgere per l applicazione dei criteri definiti sia a livello aziendale sia dalla Banca d Italia sono attività complesse. Pertanto, la Co.Ba.Co ha predisposto specifiche procedure che utilizzano esclusivamente i dati e le informazioni fornite e ricevute dalla Banca d Italia (segnalazioni di Vigilanza e segnalazioni alla CR) che consentono di esaminare i singoli profili e formulare il relativo giudizio. In sintesi, la Co.Ba.Co. ha predisposto: - una procedura (Xplora Modulo S) per la verifica dell attendibilità delle segnalazioni di Vigilanza da trasmettere alla Banca d Italia secondo le regole dalla stessa definite; - una procedura (Global Risk) per la rappresentazione dei singoli rischi di primo pilastro e per la misurazione dei rischi di secondo pilastro in termini attuali nonché per la misurazione dei complessivi rischi in termini prospettici ed in ipotesi di stress sia sui rischi attuali che su quelli prospettici; - una procedura (Global Analysis) per l analisi dei singolo profilo della situazione tecnica aziendale e per la formulazione del relativo giudizio su quattro livelli (favorevole, parzialmente favorevole, in prevalenza sfavorevole) mediante il confronto fra risultati aziendali e le esigenze espresse sia a livello interno sia dalla Banca d Italia.

5 Altre procedure che completano l analisi della situazione tecnica aziendale Oltre ai profili innanzi descritti la situazione tecnica aziendale è composta anche dal profilo organizzativo. Per l analisi del predetto profilo Co.Ba.Co. ha predisposto un apposita procedura (Global Control). La procedura recepisce la struttura dei singoli processi aziendali definiti secondo quanto al riguardo disciplinato dalle disposizioni di legge e di Vigilanza (cosiddette disposizioni esterne). In particolare: - sulla base dell indicazione delle attività dei processi regolamentate a livello interno (cosiddette disposizioni interne) la funzione di conformità formula un giudizio di rischio organizzativo di conformità normativa su quattro livelli con riferimento alla significatività degli scostamenti tra attività svolte ed attività riportate nella procedura Global Control; - sulla base dell indicazione delle attività concretamente svolte (a prescindere dalla loro regolamentazione interna) nei processi dalle funzioni responsabili (controlli di linea) la funzione di conformità formula un giudizio di rischio organizzativo di conformità operativa su quattro livelli (controllo di secondo livello) con riferimento alla significatività degli scostamenti tra attività svolte ed attività riportate nella procedura Global Control; - sulla base delle attività concretamente svolte nei processi e regolamentate la funzione Revisione Interna (controllo di terzo livello) formula un giudizio di adeguatezza dei processi stessi su quattro livelli con riferimento alla significatività degli scostamenti tra attività svolte ed attività riportate nella procedura Global Control.

6 Monitoraggio dei crediti I dati e le informazioni relativi ai crediti sono inviati (cosiddetto flusso di andata) dagli intermediari alla Centrale dei Rischi che provvede alla loro elaborazione e restituisce i risultati agli stessi Intermediari a livello di sistema (cosiddetto flusso di ritorno). L analisi dei predetti flussi al fine di determinare l anomalia tecnica delle singole esposizioni di credito necessita del supporto di una specifica procedura per l applicazione dei criteri definiti a livello aziendale coerentemente a quelli definiti dalla Banca d Italia. Pertanto, la Co.Ba.Co ha predisposto specifiche procedure che utilizzano esclusivamente i dati e le informazioni fornite e ricevute dalla Centrale dei Rischi che consentono di determinare la predetta anomalia con riferimento alle singole categorie di rischio. In sintesi, la Co.Ba.Co. ha predisposto: - una procedura (Xplora Modulo Cr) per la verifica dell attendibilità dei dati da trasmettere alla Centrale dei Rischi secondo le regole dalla stessa definite; - una procedura (GlobalCredit) per l analisi a livello di singola posizione delle forme tecniche di utilizzo dei crediti che compongono la posizione stessa e per l attribuzione di un punteggio di anomalia tecnica quale presupposto necessario (e non sufficiente) per la classificazione della posizione nelle categorie di rischio previste dalla Banca d Italia (sofferenze, incaglio).

7 Analisi del posizionamento aziendale L analisi del posizionamento aziendale rispetto al sistema nonché rispetto al gruppo di appartenenza dell intermediario e/o di altri gruppi prescelti dallo stesso intermediario è svolta attraverso il confronto tra i dati e le informazioni forniti e ricevuti rispettivamente alla e dalla Banca d Italia e Centrale dei Rischi. Pertanto, la Co.Ba.Co ha predisposto un sistema esperto (Xplora Modulo Q) che rappresenta un supporto nelle attività di analisi ed elaborazione dei dati sia di Sistema che aziendali per favorire un pieno ed efficace utilizzo di tutte le informazioni contenute nei vari flussi informativi. La possibilità di disporre di informazioni sintetiche, affidabili e frequenti, in relazione alle proprie performance gestionali confrontate con quelle dei principali competitors rappresenta da sempre una delle maggiori esigenze aziendali, in quanto tale informazioni costituiscono il presupposto per effettuare scelte consapevoli e mirate.

8 Il PORTALE CO.BA.CO.

9 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di verifica e controllo Verifica della correttezza delle informazioni contenute nelle Segnalazioni in andata Verifica della correttezza delle informazioni contenute nel flusso di andata Centrale Rischi Segnalazioni di Vigilanza A1 A2 A3 Y W M 1 EP CR Segnalazione mensile dei rischi

10 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. - Verifica della correttezza delle informazioni contenute nelle Segnalazioni di Vigilanza in andata. INPUT A1 A2 A3 Y W M 1 EP Controlli Formali Controlli Deterministici Controlli di Quadratura Controlli di Coerenza Controlli Andamentali Controlli Incrociati di coerenza e quadratura tra le varie Basi Nei controlli indicati sono anche compresi tutti i controlli della tabella di quadratura del PUMA2

11 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. - Verifica della correttezza delle informazioni contenute nelle Centrale Rischi in andata alla Banca d Italia. INPUT Segnalazione mensile dei rischi Controlli di dominio Controlli Deterministici Controlli di Quadratura con i dati Matrice Nei controlli indicati sono inclusi anche i controlli descritti nel dominio dei rilievi del doc. «Modalità di scambio delle informazioni concernenti il servizio centralizzato dei rischi».

12 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di analisi gestionali, di monitoraggio, di performance e di posizionamento. Segnalazioni in andata /Flusso di Ritorno BASTRA1/ Flusso di ritorno personalizzato CR Segnalazione mensile dei rischi - CR A1 A2 A3 Y W M 1 EP Bastra1 Flusso di ritorno CR

13 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di analisi - GlobalRisk Supporto del processo ICAAP per la misurazione dei rischi e dell adeguatezza del capitale Flusso di ritorno CR A1 A2 Y 1 INPUT Ricostruzione e rappresentazione dei rischi di primo pilastro (credito, controparte, cartolarizzazione, mercato e operativo) e del patrimonio con riferimento ai dati segnalati agli Organi di Vigilanza Misurazione dei rischi di secondo pilastro (concentrazione per controparti, tasso di interesse, liquidità, residuo e derivanti da cartolarizzazioni, rischio di concentrazione geo settoriale) in ottica attuale Misurazione del capitale interno complessivo, del capitale complessivo, del raccordo con i requisiti patrimoniali e del PV nonché valutazione dell adeguatezza patrimoniale e formulazione del relativo giudizio

14 Procedimento elaborativo del processo ICAAP Mappatura dei rischi Misurazione dei rischi e del capitale interno complessivo in ottica Attuale Misurazione dei rischi e del capitale interno complessivo in ottica Prospettica Misurazione dei rischi e del capitale interno complessivo in ipotesi di Stress Valutazione adeguatezza patrimoniale Sistema di Report Individuazione rischi rilevanti in ottica Attuale e Prospettica Scelta delle metodologie di misurazione Elaborazione basi informative Determinazione capitale interno I e II Pilastro Determinazione del capitale interno complessivo Integrazione dei dati di budget Determinazione capitale interno I e II Pilastro Determinazione del capitale interno complessivo Individuazione dei rischi da sottoporre a stress in ottica Attuale e Prospettica Determinazione capitale interno I e II Pilastro Determinazione del capitale interno complessivo Confronto tra capitale interno a fronte dei rischi e patrimonio Raccordo tra capitale interno e requisiti regolamentari Attribuzione del giudizio sull adeguatezza patrimoniale sulla base delle soglie di risk appetite Predisposizione del reporting direzionale per gli Organi aziendali e ai fini del resoconto ICAAP Predisposizione del reporting analitico per le funzioni aziendali

15 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di analisi - Global Analysis Analisi e valutazione dei profili tecnici della situazione aziendale. Flusso di ritorno CR A1 A2 Y W M 1 INPUT PROFILO PATRIMONIALE Valutazione dell adeguatezza, attuale e prospettica del patrimonio a fronteggiare tutti i rischi aziendali rilevanti. MODELLI per l analisi e per la valutazione del Profilo: Patrimonio di Vigilanza incluso quello di 3 livello Patrimonio di Base (Tier 1) Patrimonio Supplementare (Tier 2) Patrimonio di terzo livello (Tier 3) Elementi da dedurre dal Patrimonio di Base e Supplementare Posizione patrimoniale aziendale Margine di struttura patrimoniale Giudizio complessivo PROFILO DI REDDITIVITA Valutazione della capacità della banca di fronteggiare le esigenze di reddito definite dall Organo di Vigilanza (Rischio di credito dell esercizio e costo del capitale) MODELLI per l analisi e per la valutazione del Profilo: Quota rischio di competenza dell esercizio Costo del capitale Conto economico: valori assoluti / per indici Confronto capacità presuntiva di reddito con risultati di Bilancio Indici di redditività Indicatori di efficienza operativa e produttività del personale e della rete Altri modelli integrativi Giudizio complessivo

16 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di analisi - Global Analysis Rischiosità. Flusso di ritorno CR A1 A2 Y W M 1 INPUT PROFILO DEL RISCHIO DI CREDITO Valutazione dell esposizione al rischio di credito. MODELLI per l analisi e per la valutazione del Profilo: Concentrazione del credito - Sintesi - Dati di dettaglio dei Grandi Rischi Qualità del credito - Principali aggregati - Indicatori Dinamica delle partite deteriorate e delle rettifiche Giudizio complessivo PROFILO DEL RISCHIO DI MERCATO Valutazione dell esposizione al rischio di mercato. MODELLI per l analisi e per la valutazione del Profilo: Composizione del portafoglio di negoziazione Operatività in derivati Giudizio complessivo PROFILO DEL RISCHIO OPERATIVO Valutazione dell esposizione al rischio operativo. MODELLI per l analisi e per la valutazione del Profilo: Composizione degli aggregati che concorrono alla determinazione del rischio operativo Giudizio complessivo

17 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di analisi - Global Analysis Rischio di Tasso d interesse e Rischio di Liquidità Flusso di ritorno CR A1 A2 Y W M 1 INPUT PROFILO DI RISCHIO DI TASSO D INTERESSE Valutazione dell esposizione al rischio di tasso d interesse sul portafoglio bancario con riferimento alle attività ed alle passività. MODELLI per l analisi e per la valutazione del Profilo: Attività e passività sintesi - Euro - Valute rilevanti Attività distribuzione per vita residua - Euro - Valute rilevanti Passività distribuzione per vita residua - Euro - Valute rilevanti Giudizio complessivo PROFILO DI LIQUIDA Verifica circa l equilibrio nella struttura delle scadenze che faccia presumere che, su un orizzonte temporale breve, la banca sia in grado di fronteggiare efficacemente il potenziale deflusso di liquidità. MODELLI per l analisi e per la valutazione del Profilo: Attività prontamente liquidabili Dettaglio attività Dettaglio passività Giudizio complessivo

18 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di Monitoraggio - GlobalCr.Edit Monitoraggio della rischiosità della clientela Flusso di ritorno CR Flusso di andata CR Flusso personalizzato connessione clientela INPUT La procedura ha lo scopo di supportare la banca nel procedimento di classificazione dei crediti nelle categorie di rischio previste dalla Banca d Italia (sofferenze, incagli). Il sistema effettua un analisi dei rischi ad una determinata data di riferimento delle singole posizioni creditizie per verificare, tramite appositi test, la presenza o meno di un anomalia tecnica (scostamento dei valori di definiti indicatori dai valori di normalità). Il sistema di Alert presente nel software consente di attivare il controllo su determinati clienti che presentano a livello Sistema un andamento che può esprimere sintomi di difficoltà.

19 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di Monitoraggio - GlobalCr.Edit Criterio di attribuzione dei punteggi Flusso di ritorno CR Flusso di andata CR Flusso personalizzato connessione clientela INPUT Estratte le posizioni anomale il sistema determina i punteggi di anomalia della singola posizione a livello aziendale, di Sistema e complessivo. In sintesi, per ciascuna categoria di censimento della Centrale dei Rischi viene determinato un punteggio di anomalia considerando: la gravità dell anomalia al tempo T (in base all entità dello sconfinamento) la perseveranza dell anomalia nel tempo (si considerano i risultati dei 5 mesi precedenti) un effetto trascinamento derivante dal maggior punteggio tra quello acquisito per le altre categorie. I Punteggi determinati a livello di categoria vengono quindi sintetizzati in un punteggio a livello cliente. Per ciascun cliente si ottiene un punteggio aziendale dai dati del Flusso in andata ed un punteggio di Sistema dai dati del Flusso di ritorno (depurati da quelli aziendali), che vengono sintetizzati in un punteggio complessivo. Per i gruppi di clienti connessi viene determinato un punteggio a livello di gruppo.

20 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di Monitoraggio - GlobalCr.Edit Le Analisi Flusso di ritorno CR Flusso di andata CR Flusso personalizzato connessione clientela ANALISI AZIENDALE Sintesi dei rischi (Reticoli di rischio) per clienti singoli o gruppi di clienti connessi ANALISI CONSOLIDATA (GRUPPI BANCARI) Sintesi dei rischi (Reticoli di rischio) per clienti singoli o gruppi di clienti connessi Analisi clienti singoli (schede rischio) Analisi gruppi clienti connessi (schede rischio) Analisi clienti singoli consolidati (schede rischio) Analisi gruppi clienti connessi inter-gruppo (schede rischio) SISTEMA DI ALERT Determinati sui dati di Sistema Clienti singoli parte del gruppo di connessione (schede rischio) Dettaglio dei clienti singoli a livello aziendale (schede rischio) Clienti singoli parte del gruppo di connessione (schede rischio)

21 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di Monitoraggio - GlobalCr.Edit I reticoli di rischio Fasce d importo Qualità del credito N. Clienti Punteggio di anomalia Importo di rischio

22 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di Monitoraggio - GlobalCr.Edit La scheda Cliente Informazioni di sintesi Alert attivi Informazioni di dettaglio Azienda Informazioni di dettaglio Sistema

23 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di Monitoraggio - GlobalT.Dec Determinazione del Tasso di Decadimento a livello individuale e consolidato Flusso di ritorno CR La procedura ha lo scopo di determinare il Tasso di decadimento dei finanziamenti utilizzando la medesima metodologia utilizzata dalla Banca d Italia nella produzione del «Flusso di Ritorno sul decadimento dei finanziamenti per cassa». L esigenza di rilevare i flussi e gli stock delle Sofferenze Rettificate dal Flusso di Ritorno CR anziché dal «Flusso di Ritorno sul decadimento dei finanziamenti per cassa» nasce per: gestire il collegamento tra i dati statistici aggregati prodotti relativi al «decadimento dei crediti» e le posizioni analitiche che li hanno generati; ottenere, nei casi di cartolarizzazione, risultati che tenessero conto congiuntamente delle segnalazioni eseguite dalla Banca e quelle prodotte dalle relative Società Veicolo; produrre tassi di decadimento a livello consolidato.

24 Confronto Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di analisi di performance - Xplora Modulo Q Efficacia A1 A2 A3 Y W A4 Bastra1 Budget aziendale Analisi di EFFICACIA: Valutazione della capacità della banca di conseguire gli obiettivi prefissati coerentemente a quanto registrato dal Sistema (Competitors). Processi - Produttivo - Economico - Rischiosità - Patrimoniale Determinazione degli scostamenti tra le variazioni registrate tra previsioni e risultati al tempo T e le variazioni previste rispetto a T-12. Determinazione degli scostamenti tra le variazioni effettive tra T e T-12 della Banca e quelle registrate a livello Sistema. Soglie di confronto definite sulle serie storiche Soglie di confronto definite sulle serie storiche di Sistema Valutazione Efficacia GRAFICI REPORTING

25 Confronto Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di analisi di performance - Xplora Modulo Q Efficienza A1 A2 A3 Y W A4 Bastra1 Analisi di EFFICIENZA: capacità della banca di registrare, con riferimento al periodo considerato, costi, rischi, produttività, efficienza operativa ed un assetto patrimoniale coerenti con quelli espressi dal gruppo di aziende di credito scelto dalla Banca fra quelli definiti dalla Banca d Italia nel flusso di ritorno Bastra 1. Posizionamento rispetto al gruppo di confronto. Processi - Produttivo - Economico - Rischiosità - Patrimoniale Per ogni processo vengono considerati diversi profili di analisi, per ciascuno dei quali viene eseguita una valutazione alla data di riferimento sulla base dei valori assunti dagli indicatori di gestione che lo caratterizzano. Con riferimento a ciascun indicatore, l efficienza della Banca viene valutata confrontando il dato aziendale con il valore del Gruppo di riferimento. Gli indicatori utilizzati sono classificati sulla base delle seguenti tipologie: Tipologia 1 Indicatore con anomalia a destra delle soglie. Indicatori che vedono al numeratore i costi registrati (costi di struttura, costi del personale, interessi passivi). Tipologia 2 Indicatore con anomalia a sinistra delle soglie. Indicatori che vedono al numeratore gli utili e i ricavi registrati (utile di esercizio, margine di interesse, interessi attivi ecc.) e gli indici di produttività. Tipologia 3 Indicatore con anomalia da entrambi i lati delle soglie. Indicatori di struttura (impieghi/depositi; depositi/totale raccolta ecc.) Valutazione Efficienza

26 I Sistemi Esperti CO.BA.CO. di analisi di performance - Xplora Modulo Q Performance e posizionamento A1 A2 A3 Y W A4 Bastra1 Modelli di Analisi predefiniti (Modelli utilizzabili come traccia per analisi personalizzate) Definizione di Modelli di Analisi liberi (Modelli riutilizzabili per analisi successive) Modelli definiti sulla base della struttura del flusso BASTRA1 (SEZIONI) e modelli di analisi per settore ed area geografica a una o più date di riferimento (evoluzione). Costruzione dei dati della Banca (Segnalazioni di Vigilanza) Costruzione dinamica dei modelli con proposizione di tutti gli attributi disponibili (con i relativi domini) in funzione delle scelte di voci e sottovoci (raccolte per sezioni) a una o più date di riferimento (evoluzione). Costruzione dei dati di Sistema (Bastra1) Banca/Sistema Rilevazione delle performance e del posizionamento della Banca con riferimento al gruppo di confronto (Sistema) PIVOTING EXCEL GRAFICI REPORTING

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi Corso di Formazione Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica Padova, 04 Novembre 2014 Ore 09.30 11.00 Antiriciclaggio Antiterrorismo Monitoraggio fiscale Privacy La normativa primaria,

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Antonio De Martini Presidente Associazione Italiana per il Factoring (Assifact) Milano, 23 giugno 2009 Indice Le informazioni sulle abitudini di pagamento

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

ARISTIDE. Analisi del Rischio del portafoglio crediti e Tassi Interni di Decadimento

ARISTIDE. Analisi del Rischio del portafoglio crediti e Tassi Interni di Decadimento ARISTIDE Analisi del Rischio del portafoglio crediti e Tassi Interni di Decadimento Generalita... 2 Settori... 4 Territorio... 6 Regioni... 6 Provincie... 6 Classi di utilizzo... 7 ARISTIDE Analisi Rischio

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2013 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

RI.T.A. RIschiosità e Tassi Attivi

RI.T.A. RIschiosità e Tassi Attivi RI.T.A. RIschiosità e Tassi Attivi Generalita...2 Tassi di decadimento...3 Settori...4 Territorio...7 Classi di utilizzo...7 Tassi attivi...8 La correlazione rischio / rendimento...10 Analisi per settore...10

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

Segnalazioni di Vigilanza e Bilancio

Segnalazioni di Vigilanza e Bilancio Segnalazioni di Vigilanza e Bilancio Canali e Core Banking Finanza Crediti Sistemi Direzionali Smart Accounting Sistema di contabilità bancaria su piattaforma SAP Smart Invoice Gestione elettronica e workflow

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2012 0 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico 31 dicembre 2013 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

Informativa al pubblico Pillar 3

Informativa al pubblico Pillar 3 Informativa al pubblico Pillar 3 Situazione al 31-12-2012 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 2. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI... 9 3. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI E SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009 ICAAP Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 29 Perché l ICAAP? (Internal Convergence of Capital Measurament and Capital Standards) Il secondo pilastro di Basilea II non è pensato

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I rischi dell attività bancaria L ICAAP Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I limiti del primo Accordo di Basilea e il loro superamento La proposta di Direttiva di recepimento del nuovo Accordo di

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY Delibera C.d.A. n. 26 del 28 giugno 2012 1 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP»

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP» UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia Cattedra Strategia e Organizzazione degli Intermediari Finanziari Prof. Stefano Dell Atti Relazione di Tommaso Gozzetti Presidente di Imprebanca

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica Rossano Giuppa 9 aprile 2015 Giornata di Alto Aggiornamento UNIONE EUROPEA E BASILEA 3 Nuova Vigilanza Europea Le lezioni gestionali

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 (ai sensi della Circolare 216/1996 7 aggiornamento, Capitolo V, Sezione XII di Banca d Italia) Fidialtaitalia Società Cooperativa per Azioni Via Rovereto, 31 21052 Busto Arsizio

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2014 BCC di Ronciglione

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2014 BCC di Ronciglione III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2014 BCC di Ronciglione BCC DI RONCIGLIONE- Il contenuto del presente documento costituisce materiale riservato e soggetto a copyright. Ogni INDICE Premessa...

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alla circolare 272/08-5 aggiornamento luglio 2013 PROFILO GESTIONALE: RISCHIOSITA'

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Premessa Le Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale Circolare n. 216 del 5 Agosto 1996 e successivi aggiornamenti

Dettagli

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE in collaborazione con: Promem Sud Est S.p.A. Società per la Promozione dei Mercati Mobiliari Sud Est S.p.A. GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE a cura del Dott. Aurelio Valente Amministratore

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Finalità del processo di gestione del patrimonio Fondo stabilizzazione

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

LE ANALISI DI BILANCIO COMPLESSO DI TECNICHE DI TIPO QUANTITATIVO, BASATO SU UNO O PIÙ

LE ANALISI DI BILANCIO COMPLESSO DI TECNICHE DI TIPO QUANTITATIVO, BASATO SU UNO O PIÙ LE ANALISI DI BILANCIO COMPLESSO DI TECNICHE DI TIPO QUANTITATIVO, BASATO SU UNO O PIÙ BILANCI, VOLTO ALL INTERPRETAZIONE SISTEMATICA DEI DATI CONTABILI, AL FINE DI STUDIARE PARTICOLARI ASPETTI DELLA GESTIONE

Dettagli

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 anno 2011 Pagina 1

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 anno 2011 Pagina 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA 2 2011 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 anno 2011 Pagina 1 Situazione riferita al 31/12/2011 Indice TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al pubblico 31-Dicembre-2014 Artigianfidi Lombardia Società Cooperativa Viale Milano, 5-21100 Varese (VA) Tel.

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

Indice TAVOLA 5 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI TUTTE LE BANCHE...35

Indice TAVOLA 5 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI TUTTE LE BANCHE...35 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2009 1 Indice PREMESSA...3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...8 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...26 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...27

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012 Informativa al Pubblico Basilea 2 Terzo Pilastro 31 dicembre 2012 1 Indice Introduzione...3 Tavola 1 Requisito informativo generale...4 Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza......12 Tavola

Dettagli

Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2

Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 assolvimento degli obblighi informativi introdotti dal Regolamento n. 575/2013 (CRR), Parte 8 e Parte 10 (Titolo I, Capo 3), al quale la Circolare n.

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI (ex III Pilastro)

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI (ex III Pilastro) INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI (ex III Pilastro) Ai sensi delle Disposizioni di vigilanza per le banche (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013) Dati al 31 dicembre 2014 INF301_2014

Dettagli