I controlli a distanza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I controlli a distanza"

Transcript

1 (atto del Governo n. 176 sottoposto a parere parlamentare il 16 giugno 2015) Art 23 (Modifiche all articolo 4 della legge 20 maggio 1970, n. 300 e all articolo 171 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196) L articolo 4 della legge 20 maggio 1970, n. 300 è sostituito dal seguente: Art. 4. Impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo. Gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell attività dei lavoratori possono essere impiegati esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale e possono essere installati previo accordo collettivo stipulato dalla rappresentanza sindacale unitaria o dalle rappresentanze sindacali aziendali. In alternativa, nel caso di imprese con unità produttive ubicate in diverse province della stessa regione ovvero in più regioni, tale accordo può essere stipulato dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. In mancanza di accordo gli impianti e gli strumenti di cui al periodo precedente possono essere installati previa autorizzazione della Direzione territoriale del lavoro o, in alternativa, nel caso di imprese con unità produttive dislocate negli ambiti di competenza di più Direzioni territoriali del lavoro, del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. La disposizione di cui al primo comma non si applica agli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa e agli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze. Le informazioni raccolte ai sensi del primo e del secondo comma sono utilizzabili a tutti i fini connessi al rapporto di lavoro a condizione che sia data al lavoratore adeguata informazione delle modalità d uso degli strumenti e di effettuazione dei controlli e nel rispetto di quanto disposto dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

2 Art. 4 stat. lav. (testo vigente) Impianti Audiovisivi E vietato l uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell attività dei lavoratori. Gli impianti e le apparecchiature di controllo che siano richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, ma dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali, oppure, in mancanza di queste, con la commissione interna. In difetto di accordo, su istanza del datore di lavoro, provvede l Ispettorato del lavoro, dettando, ove occorra, le modalità per l uso di tali impianti. Per gli impianti e le apparecchiature esistenti, che rispondano alle caratteristiche di cui al secondo comma del presente articolo, in mancanza di accordo con le rappresentanze sindacali aziendali o con la commissione interna, l Ispettorato del lavoro provvede entro un anno dall entrata in vigore della presente legge, dettando all occorrenza le prescrizioni per l adeguamento e le modalità d uso degli impianti suddetti. Contro i provvedimenti dell Ispettorato del lavoro, di cui ai precedenti secondo e terzo comma, il datore di lavoro, le rappresentanze sindacali aziendali o, in mancanza di queste, la commissione interna, oppure i sindacati dei lavoratori di cui al successivo articolo 19 possono ricorrere entro 30 giorni dalla comunicazione dei provvedimento, al Ministro per il lavoro e la previdenza sociale.

3 La relazione illustrativa all atto n. 176 L articolo 23 detta la nuova disciplina dei controlli a distanza del lavoratore. Le principali novità rispetto alla disciplina vigente, contenuta nell articolo 4 dello Statuto dei lavoratori, consistono nelle seguenti previsioni: - nel caso di imprese con unità produttive site in diverse province della stessa regione o in diverse regioni, gli accordi sindacali per l installazione degli impianti audiovisivi e degli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dei lavoratori, possono essere stipulati, anziché con le rappresentanze sindacali aziendali o le rappresentanze sindacali unitarie, con le associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale; per le medesime imprese è previsto, in difetto di accordo, che l autorizzazione ministeriale sia concessa dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali; - l accordo sindacale o l autorizzazione ministeriale non sono necessari per l assegnazione ai lavoratori degli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa, pur se dagli stessi derivi anche la possibilità di un controllo a distanza del lavoratore; - la possibilità che i dati che derivano dagli impianti audiovisivi e dagli altri strumenti di controllo siano utilizzati ad ogni fine connesso al rapporto di lavoro, purché sia data al lavoratore adeguata informazione circa le modalità d uso degli strumenti e l effettuazione dei controlli, sempre, comunque, nel rispetto del Codice privacy.

4 Nuovo testo dell art. 4 (atto n. 176/2015) Sono sottratti al regime autorizzatorio: gli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa gli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze

5 Il problema dei limiti al potere di controllo Nuove sfide Art. 8 stat. lav. persistenza del divieto di indagini sulle opinioni e su fatti non rilevanti ai fini della valutazione dell attitudine professionale del lavoratore e nuovo art. 4 stat. lav. Art. 9, comma 2, d.lgs. n. 196/2003: i diritti informatici e il ruolo delle organizzazioni sindacali: il diritto di accesso ai dati e delega o procura a persone fisiche, enti, associazioni ed organismi Compenetrazione fra professionalità e personalità della prestazione di lavoro determinate dalla rivoluzione digitale e sue connotazioni inedite Quando un controllo è a distanza? Nuove frontiere del contropotere sindacale da individuare mediante una lettura aggiornata del modello organizzativo dell impresa e delle modalità di esecuzione della prestazione di lavoro

6 Il problema dei limiti al potere di controllo Interrogativi Come distinguere il controllo a distanza lecito dalle indagini sulle opinioni e su fatti non rilevanti? Uso promiscuo o esclusivo degli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa? Gli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze riguardano anche la geolocalizzazione? Quale la sorte per gli accordi sindacali stipulati ai sensi dell art. 4 stat. lav. vigente dopo l entrata in vigore del nuovo testo? Dopo l entrata in vigore del nuovo art. 4 stat. lav. si potranno stipulare accordi sindacali sul tema dei controlli a distanza in funzione autorizzatoria?

IL CONTROLLO A DISTANZA DEI LAVORATORI

IL CONTROLLO A DISTANZA DEI LAVORATORI IL CONTROLLO A DISTANZA DEI LAVORATORI Laura Pozzi Consulente del lavoro 1 Fonti normative La disciplina attuale Jobs Act Art. 23, D.lgs. n. 23/2015 Art. 4 Statuto dei Lavoratori Legge 300/1970 Controlli

Dettagli

Riflessioni sulla riforma dei controlli a distanza nel decreto attuativo del Jobs Act. Massimo Malena & Associati 13 Maggio 2015

Riflessioni sulla riforma dei controlli a distanza nel decreto attuativo del Jobs Act. Massimo Malena & Associati 13 Maggio 2015 Riflessioni sulla riforma dei controlli a distanza nel decreto attuativo del Jobs Act Massimo Malena & Associati 1 Maggio 2015 L art. 2: Modifiche all art. 4 della legge 20 Maggio 1970 n. 00 ed all art.

Dettagli

Controlli in materia lavoro: il GPS necessita di accordo sindacale

Controlli in materia lavoro: il GPS necessita di accordo sindacale CIRCOLARE A.F. N. 172 del 13 Dicembre 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Controlli in materia lavoro: il GPS necessita di accordo sindacale Premessa Con la circolare n. 2 del 07.11.2016 l Ispettorato Nazionale

Dettagli

ART. 4 STATUTO DEI LAVORATORI ANTE JOBS ACT

ART. 4 STATUTO DEI LAVORATORI ANTE JOBS ACT ART. 4 STATUTO DEI LAVORATORI ANTE JOBS ACT (AVV. VELIA ADDONIZIO) 10 giugno 2016 LA NORMA Art. 4 St. Lav. (Impianti audiovisivi) E' vietato l'uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per

Dettagli

JOBS ACT 1 IL DECRETO POLETTI SUI CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO

JOBS ACT 1 IL DECRETO POLETTI SUI CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO ALBA 13 novembre 2015 Jobs Act Avv. Vincenzo Martino 1 JOBS ACT 1 IL DECRETO POLETTI SUI CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO D.L. 20 marzo 2014 n. 34, convertito in L. 16 maggio 2014 n. 78 Liberalizzazione assunzioni

Dettagli

Circolare N. 50 del 5 Aprile 2017

Circolare N. 50 del 5 Aprile 2017 Circolare N. 50 del 5 Aprile 2017 Videosorveglianza e sistemi di controllo a distanza: nuovi modelli di istanza di autorizzazione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Ispettorato

Dettagli

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 9. L uso di Internet sul luogo di lavoro

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 9. L uso di Internet sul luogo di lavoro Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 9. L uso di Internet sul luogo di lavoro Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 1 CRITICITA Conflitto lavoratore datore di lavoro Mutamento tecnologico Diversità tra

Dettagli

Privacy e protezione dei dati personali

Privacy e protezione dei dati personali Privacy e protezione dei dati personali Prof. Avv. Giusella Finocchiaro www.studiolegalefinocchiaro.it www.blogstudiolegalefinocchiaro.it Il quadro normativo Artt. 7 e 8 della Carta dei diritti fondamentali

Dettagli

CONTROLLI A DISTANZA: dopo lo jobs act, i primi accordi.

CONTROLLI A DISTANZA: dopo lo jobs act, i primi accordi. CONTROLLI A DISTANZA: dopo lo jobs act, i primi accordi. L ebook contiene una sintesi della nuova normativa (art.4 legge 300/70 come modificato dall art.23 del decreto legislativo n.151/2015, in attuazione

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81 G.U. 24 giugno 2015, n. 144 Entrata in vigore: giovedì 25 giugno 2015 Alberto Bosco 1 Testo organico delle tipologie contrattuali Articolo 51

Dettagli

Art. 4 Statuto dei Lavoratori (L. n. 300/1970): Controlli a Distanza

Art. 4 Statuto dei Lavoratori (L. n. 300/1970): Controlli a Distanza Art. 4 Statuto dei Lavoratori (L. n. 300/1970): Controlli a Distanza - Testo articolo modificato, da ultimo, dal D.Lgs. n. 151/2015 - Circ. n. 2/2016 INL - Nota n. 1004/2017 Con queste modifiche il Legislatore

Dettagli

Art. 4 Statuto dei Lavoratori (L. n. 300/1970): Controlli a Distanza

Art. 4 Statuto dei Lavoratori (L. n. 300/1970): Controlli a Distanza Art. 4 Statuto dei Lavoratori (L. n. 300/1970): Controlli a Distanza - Testo articolo modificato, da ultimo, dal D.Lgs. n. 151/2015 - Circ. n. 2/2016 INL - Nota n. 1004/2017 Con queste modifiche il Legislatore

Dettagli

Potere disciplinare e di controllo. Monica McBritton 30 marzo 2017

Potere disciplinare e di controllo. Monica McBritton 30 marzo 2017 Potere disciplinare e di controllo Monica McBritton 30 marzo 2017 L imprenditore dell impresa - art. 2086 cod. civ. O, comunque, il soggetto titolare dell organizzazione produttiva. Dunque, il

Dettagli

La nuova disciplina dei controlli a distanza del lavoratore. 5 Privacy Day Forum Roma, 21 ottobre 2015

La nuova disciplina dei controlli a distanza del lavoratore. 5 Privacy Day Forum Roma, 21 ottobre 2015 La nuova disciplina dei controlli a distanza del lavoratore 5 Privacy Day Forum Roma, 21 ottobre 2015 www.studiomarazza.it Studio Legale Marazza & Associati 2015 La previgente disciplina del 1970 Art.

Dettagli

La giurisprudenza sui controlli difensivi e la modifica legislativa del Jobs Act per la tutela del patrimonio aziendale

La giurisprudenza sui controlli difensivi e la modifica legislativa del Jobs Act per la tutela del patrimonio aziendale La giurisprudenza sui controlli difensivi e la modifica legislativa del Jobs Act per la tutela del patrimonio aziendale Avv. Susanna Carinci L. n. 300/1970 Art. 4 (Impianti audiovisivi e altri strumenti

Dettagli

JOBS ACT LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI E DEI CONTROLLI A DISTANZA

JOBS ACT LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI E DEI CONTROLLI A DISTANZA JOBS ACT LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI E DEI CONTROLLI A DISTANZA Porto San Giorgio 18 novembre 2015 Pesaro 27 novembre 2015 Avv. Alberto Piccinini LA DISCIPLINA DELLE MANSIONI PRIMA DELLA RIFORMA

Dettagli

NOVITÀ DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI DEL JOBS ACT COSTITUZIONE E GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

NOVITÀ DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI DEL JOBS ACT COSTITUZIONE E GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Circolare informativa n 6/2015 del 22 Ottobre 2015 Area di interesse: PAGHE E CONTRIBUTI Argomento: NOVITA DECRETO JOBS ACT NOVITÀ DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI DEL JOBS ACT D. Lgs. 14.09.2015, n. 151 -

Dettagli

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet L uso di Internet sul luogo di lavoro

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet L uso di Internet sul luogo di lavoro Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 L uso di Internet sul luogo di lavoro Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1 CRITICITA Conflitto lavoratore datore di lavoro Mutamento tecnologico

Dettagli

Impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo

Impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo 1 RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO Impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo di Emanuele Maestri 26 SETTEMBRE 2017 Nel quadro della riforma del mercato del lavoro (Jobs Act), il decreto legislativo

Dettagli

Prot. n 1220/22 Circolare N 10/GIUGNO 2016 GIUGNO 2016 A tutti i colleghi (*) I CONTROLLI A DISTANZA DEI LAVORATORI

Prot. n 1220/22 Circolare N 10/GIUGNO 2016 GIUGNO 2016 A tutti i colleghi (*) I CONTROLLI A DISTANZA DEI LAVORATORI Ordine dei Consulenti del Lavoro di Napoli Con il gradito contributo del Centro Studi di Diritto del Lavoro, Legislazione Sociale e Diritto Tributario RAFFAELLO RUSSO SPENA del CPO di Napoli Prot. n 1220/22

Dettagli

Art c.c. «PRESTAZIONE DEL LAVORO» (nuovo 2103) «MANSIONI DEL LAVORATORE» (vecchio 2103)

Art c.c. «PRESTAZIONE DEL LAVORO» (nuovo 2103) «MANSIONI DEL LAVORATORE» (vecchio 2103) Art. 2103 c.c. «PRESTAZIONE DEL LAVORO» (nuovo 2103) «MANSIONI DEL LAVORATORE» (vecchio 2103) L. delega 10 dicembre 2014, n. 183 Art. 1 7. Allo scopo di rafforzare le opportunità di ingresso nel mondo

Dettagli

Il controllo dei lavoratori alla luce del nuovo art. 4 dello Statuto dei Lavoratori

Il controllo dei lavoratori alla luce del nuovo art. 4 dello Statuto dei Lavoratori Il controllo dei lavoratori alla luce del nuovo art. 4 dello Statuto dei Lavoratori L entrata in vigore del D.Lgs. 151/2015 ha modificato, tra le altre cose, l art. 4 della legge 300/1970 che regola l

Dettagli

Indice. Controlli tecnologici e tutele del lavoratore nel nuovo art. 4 St. lav.

Indice. Controlli tecnologici e tutele del lavoratore nel nuovo art. 4 St. lav. Gli Autori XI Capitolo Primo Controlli tecnologici e tutele del lavoratore nel nuovo art. 4 St. lav. di Arturo Maresca 1. Il (mal)funzionamento dell art. 4 e le ipocrisie della tutela statutaria 1 2. Il

Dettagli

VENERDI 26 FEBBRAIO 2016 GESTIONE DEL RAPPORTO: MANSIONI E CONTROLLI

VENERDI 26 FEBBRAIO 2016 GESTIONE DEL RAPPORTO: MANSIONI E CONTROLLI VENERDI 26 FEBBRAIO 2016 GESTIONE DEL RAPPORTO: MANSIONI E CONTROLLI 1 POTERE DI CONTROLLO Per lungo tempo il potere di controllo del datore dei lavoro è stato considerato un corollario talmente naturale

Dettagli

ART. 4, 3CO., LEGGE 300/1970 NUOVI LIMITI AI POTERI DI CONTROLLO DEL DATORE DI LAVORO

ART. 4, 3CO., LEGGE 300/1970 NUOVI LIMITI AI POTERI DI CONTROLLO DEL DATORE DI LAVORO Perugia, 10 giugno 2016 ART. 4, 3CO., LEGGE 300/1970 NUOVI LIMITI AI POTERI DI CONTROLLO DEL DATORE DI LAVORO Giovanni Marcucci Studio Legale Gariboldi-Ghidoni-Marcucci Viale Montenero, 17 - Milano Art.

Dettagli

EZIO MORO 1. Controlli a distanza: l art. 4 dello Statuto di Lavoratori dopo il Jobs Act

EZIO MORO 1. Controlli a distanza: l art. 4 dello Statuto di Lavoratori dopo il Jobs Act EZIO MORO 1 Controlli a distanza: l art. 4 dello Statuto di Lavoratori dopo il Jobs Act SOMMARIO: 1. Introduzione; 2. I controlli preterintenzionali; 3. L accordo sindacale o l autorizzazione ministeriale;

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIR COLARE NUMERO 20 I CONTROLLI A DISTANZA DEI LAVORATORI Seconda parte dell analisi del decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 151 recante disposizioni

Dettagli

InPratica L adempimento che guida al rispetto delle principali scadenze

InPratica L adempimento che guida al rispetto delle principali scadenze InPratica L adempimento che guida al rispetto delle principali scadenze N. 7 17.10.2016 Controlli a distanza: come rispettare la normativa Limiti e modalità operative della normativa e modalità pratiche

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE ED ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO,

NUOVE TECNOLOGIE ED ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, NUOVE TECNOLOGIE ED ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, TRA TUTELE ED ESIGENZE PRODUTTIVE Milano, 14 ottobre 2016 Stefano Bottino Direzione Sindacale e del Lavoro IL FUTURO E OGGI? 2 LE NUOVE TECNOLOGIE ED IL "DIGITALE"

Dettagli

Controllo e videosorveglianza dei dipendenti

Controllo e videosorveglianza dei dipendenti VideoLavoro 16 aprile 2015 Controllo e videosorveglianza dei dipendenti rubrica: novità e piccoli focus di periodo A cura di Alessandro Ripa e Laurenzia Binda 1 Controllo e videosorveglianza dei dipendenti

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 133 16.07.2015 La nuova disciplina delle mansioni È legittimo adibire il lavoratore a mansioni inferiori, a determinate condizioni,

Dettagli

DECRETA Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente decreto si intende per:

DECRETA Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente decreto si intende per: VISTO l articolo 1, commi da 1180 a 1185 della legge 27 dicembre 2006, n.296 Legge Finanziaria 2007 ; VISTO l articolo 17, comma 3 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276; VISTO il decreto legislativo

Dettagli

Tutte le Novità sul sussidio di disoccupazione. Calcolo e durata Naspi 2016

Tutte le Novità sul sussidio di disoccupazione. Calcolo e durata Naspi 2016 Tutte le Novità sul sussidio di disoccupazione. Calcolo e durata Naspi 2016 Sulla Gazzetta Ufficiale sono stati pubblicati gli ultimi quattro decreti attuativi della riforma del lavoro che comportano una

Dettagli

Disciplina delle mansioni (D.Legisl. n. 81/2015 art.3)/1

Disciplina delle mansioni (D.Legisl. n. 81/2015 art.3)/1 Disciplina delle mansioni (D.Legisl. n. 81/2015 art.3)/1 Con l entrata in vigore del decreto legislativo n. 81/2015 (25 giugno 2015), è stata modificata la disciplina delle mansioni. L art 3, infatti,

Dettagli

per maggiori info vai su:

per maggiori info vai su: Il DPCM firmato ieri precisa che le somme erogate a titolo di retribuzione di produttività, in esecuzione di contratti collettivi di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale sono soggette

Dettagli

Disciplina in materia di controlli a distanza prima e dopo il recente intervento dei decreti attuativi del c.d. Jobs Act

Disciplina in materia di controlli a distanza prima e dopo il recente intervento dei decreti attuativi del c.d. Jobs Act SEGRETERIA NAZIONALE Aderente a UNI Global Union Protocollo: 119/15/dvg Roma,16 settembre 2015 Disciplina in materia di controlli a distanza prima e dopo il recente intervento dei decreti attuativi del

Dettagli

WELFARE AZIENDALE I BENEFITS DEL FUTURO

WELFARE AZIENDALE I BENEFITS DEL FUTURO WELFARE AZIENDALE I BENEFITS DEL FUTURO LE RILEVANTI NOVITÀ INTRODOTTE DALLA LEGGE DI BILANCIO 2017 ASPETTI CONTRATTUALI Relatore: Avv. Luciano Racchi ROMA PADOVA Milano, 11 aprile 2017 MILANO VERONA LA

Dettagli

JOBS ACT - IL CONTROLLO A DISTANZA DEI LAVORATORI. Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale dell Ordine di Milano. Milano, 16 FEBBRAIO 2016

JOBS ACT - IL CONTROLLO A DISTANZA DEI LAVORATORI. Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale dell Ordine di Milano. Milano, 16 FEBBRAIO 2016 JOBS ACT - IL CONTROLLO A DISTANZA DEI LAVORATORI Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale dell Ordine di Milano Milano, 16 FEBBRAIO 2016 Prof. Avv. Luca Failla Università Lum Jean Monnet Bari Founding

Dettagli

Contrattazione collettiva nella p.a. Monica McBritton

Contrattazione collettiva nella p.a. Monica McBritton Contrattazione collettiva nella p.a Monica McBritton La riforma del rapporto di pubblico impiego l Inizia nel 1992: l. delega n. 421 l Si concludeva con il d. lgs. n. 165/2001 l OGGI NOVELLATO DALLA L.

Dettagli

Le policy aziendali in materia di sicurezza informatica. Giuseppe Vaciago. Convegno di Studi La Criminalità Informatica e i Rischi per le Imprese

Le policy aziendali in materia di sicurezza informatica. Giuseppe Vaciago. Convegno di Studi La Criminalità Informatica e i Rischi per le Imprese Le policy aziendali in materia di sicurezza informatica Giuseppe Vaciago Convegno di Studi La Criminalità Informatica e i Rischi per le Imprese Università degli Studi di Torino - Scuola di Management ed

Dettagli

Il controllo dei lavoratori alla luce del nuovo art. 4 dello Statuto dei Lavoratori

Il controllo dei lavoratori alla luce del nuovo art. 4 dello Statuto dei Lavoratori Il controllo dei lavoratori alla luce del nuovo art. 4 dello Statuto dei Lavoratori L entrata in vigore del D.Lgs. 151/2015 ha modificato, tra le altre cose, l art. 4 della legge 300/1970 che regola l

Dettagli

Roma, 6 luglio 2012 ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Roma, 6 luglio 2012 ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI Roma, 6 luglio 2012 Circ. n. 167 / 2012 Prot. n. 554 / AGC Arch. n. 4 / ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 04/05/2016-0011471 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO A ^ Consiglio Regionale del Veneto N del 04/05/2016 Prot.: 0011471 Titolario 2.8 CRV CRV spc-upa Al Signor Presidente

Dettagli

Circolare N. 143 del 16 Ottobre 2015

Circolare N. 143 del 16 Ottobre 2015 Circolare N. 143 del 16 Ottobre 2015 Collaborazione coordinata: deroghe e possibilità di riqualificazione a fronte dell abrogazione dal 31.12.2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Decreto legislativo del 10 settembre 2003, n. 276 Gazzetta Ufficiale del 9 ottobre 2003, n. 235 S.O. n. 159

Decreto legislativo del 10 settembre 2003, n. 276 Gazzetta Ufficiale del 9 ottobre 2003, n. 235 S.O. n. 159 Decreto legislativo del 10 settembre 2003, n. 276 Gazzetta Ufficiale del 9 ottobre 2003, n. 235 S.O. n. 159 Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14

Dettagli

si provvede senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente

si provvede senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente A LLEGATO 1. INTRODUZIONE A. Contesto normativo Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato

Dettagli

PRIVACY E CONTROLLI Una storia infinita

PRIVACY E CONTROLLI Una storia infinita D.lgs 196/03 Privacy PRIVACY E CONTROLLI Una storia infinita Studio Legale Zallone Avv. Gianmario Elli Viale Premuda,7 Milano Tel 02 29013583 Copyright 2016 Data Privacy 1 IL TEMA ART 4 STATUTO DEI LAVORATORI

Dettagli

Gazzetta ufficiale 27 dicembre 2007, n. 299

Gazzetta ufficiale 27 dicembre 2007, n. 299 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale - Decreto 30 ottobre 2007 Gazzetta ufficiale 27 dicembre 2007, n. 299 Comunicazioni obbligatorie telematiche dovute dai datori di lavoro pubblici e privati

Dettagli

INDICE SOMMARIO GENERALITÀ

INDICE SOMMARIO GENERALITÀ INDICE SOMMARIO CAPITOLO I GENERALITÀ 1. Lo Statuto dei lavoratori nell ordinamento giuridico.................. 2. Legislazione di garanzia dei diritti dei singoli lavoratori e di sostegno dell attività

Dettagli

I LA PRIVATIZZAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

I LA PRIVATIZZAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Presentazione...................................... VII Capitolo I LA PRIVATIZZAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI 1.1. Il quadro normativo.............................

Dettagli

d iniziativa dei deputati BUSINAROLO, AGOSTINELLI, FERRARESI e SARTI (V. Stampato Camera n. 3365)

d iniziativa dei deputati BUSINAROLO, AGOSTINELLI, FERRARESI e SARTI (V. Stampato Camera n. 3365) Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2208 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei deputati BUSINAROLO, AGOSTINELLI, FERRARESI e SARTI (V. Stampato Camera n. 3365) approvato dalla Camera dei deputati il

Dettagli

INDICE IL DIRITTO DEL LAVORO

INDICE IL DIRITTO DEL LAVORO INDICE Prefazione alla prima edizione... Pag. XV Prefazione alla seconda edizione...» XIX Prefazione alla terza edizione...» XXI Prefazione alla quarta edizione...» XXIII Prefazione alla quinta edizione...»

Dettagli

Il ruolo della contrattazione collettiva dopo il Jobs Act e il nuovo ruolo delle Commissioni di Certificazione. Paolo Stern

Il ruolo della contrattazione collettiva dopo il Jobs Act e il nuovo ruolo delle Commissioni di Certificazione. Paolo Stern Il ruolo della contrattazione collettiva dopo il Jobs Act e il nuovo ruolo delle Commissioni di Certificazione Paolo Stern Contrattazione Collettiva - Art. 51 del D. Lgs. n. 81/2015 (..) salvo diversa

Dettagli

Videosorveglianza e Privacy

Videosorveglianza e Privacy Videosorveglianza e Privacy Fonti normative Codice della Privacy: il 4 maggio 2016 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea il Regolamento Europeo sul Trattamento dei dati personali.

Dettagli

Installazione GPS previa notifica al Garante della Privacy ed accordo sindacale/autorizzazione amministrativa dell Ispettorato del Lavoro

Installazione GPS previa notifica al Garante della Privacy ed accordo sindacale/autorizzazione amministrativa dell Ispettorato del Lavoro Installazione GPS previa notifica al Garante della Privacy ed accordo sindacale/autorizzazione amministrativa dell Ispettorato del Lavoro L installazione di un sistema di localizzazione GPS su un veicolo

Dettagli

Legge n. 92/2012, contenente le disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita

Legge n. 92/2012, contenente le disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita Legge n. 92/2012, contenente le disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita Previsione di un periodo di acausalità pari a 12 mesi in caso di primo contratto

Dettagli

GESTIRE I SOCIAL IN AZIENDA Social e web nel rapporto di lavoro: principi delle policy. Paola Borghi Direzione Sindacale e del Lavoro ABI

GESTIRE I SOCIAL IN AZIENDA Social e web nel rapporto di lavoro: principi delle policy. Paola Borghi Direzione Sindacale e del Lavoro ABI GESTIRE I SOCIAL IN AZIENDA Social e web nel rapporto di lavoro: principi delle policy Paola Borghi Direzione Sindacale e del Lavoro ABI Milano, 12 ottobre 2016 Social e web nel rapporto di lavoro 2 Social

Dettagli

Privacy e Controllo dei Lavoratori. Avv. Alessandro Cecchetti General Manager Colin & Partners

Privacy e Controllo dei Lavoratori. Avv. Alessandro Cecchetti General Manager Colin & Partners Privacy e Controllo dei Lavoratori Avv. Alessandro Cecchetti General Manager Colin & Partners Milano, 22 Marzo 2016 Gli impatti dell art. 4 S.L.: Casi pratici Videosorveglianza e droni; GPS sui mezzi assegnati

Dettagli

Rapporti di collaborazione post Dlgs. 81/2015

Rapporti di collaborazione post Dlgs. 81/2015 Rapporti di collaborazione post Dlgs. 81/2015 PREMESSA: la legge 10.12.2014, n. 183, che contiene deleghe al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle

Dettagli

Visto il regolamento (CE) n. 1493/1999 del Consiglio del 17 maggio 1999 relativo all organizzazione comune del mercato vitivinicolo;

Visto il regolamento (CE) n. 1493/1999 del Consiglio del 17 maggio 1999 relativo all organizzazione comune del mercato vitivinicolo; DECRETO 2 aprile 2009. Adeguamento dell incarico a svolgere le funzioni di controllo al Consorzio di tutela Barolo, Barbaresco, Alba, Langhe e Roero per le DOCG «Barbaresco», «Barolo» e «Dolcetto di Dogliani

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1/19 1) categorie di lavoratori c.d. salvaguardati rientranti nel limite numerico di

Dettagli

Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) L.R. 10 Agosto 2006, n. 9 Disposizioni in materia di formazione nell'apprendistato (1) SOMMARIO Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Definizione dei profili formativi Art. 3 Piano Formativo

Dettagli

INSTANT BOOK JOBS ACT: LA NUOVA DISCIPLINA SUI CONTROLLI A DISTANZA LE REGOLE SULLA PRIVACY

INSTANT BOOK JOBS ACT: LA NUOVA DISCIPLINA SUI CONTROLLI A DISTANZA LE REGOLE SULLA PRIVACY INSTANT BOOK JOBS ACT: LA NUOVA DISCIPLINA SUI CONTROLLI A DISTANZA LE REGOLE SULLA PRIVACY 1 INDICE Prefazione a cura di Gianroberto Costa Segretario Generale Unione Confcommercio MI-LO-MB a cura di Gabriele

Dettagli

DIRITTO DEL LAVORO. DIRITTO DEI RAPPORTI INDIVIDUALI DI LAVORO (Diritto del lavoro in senso stretto)

DIRITTO DEL LAVORO. DIRITTO DEI RAPPORTI INDIVIDUALI DI LAVORO (Diritto del lavoro in senso stretto) DIRITTO DEL LAVORO DIRITTO DEI RAPPORTI INDIVIDUALI DI LAVORO (Diritto del lavoro in senso stretto) DIRITTO DEI RAPPORTI COLLETTIVI (Diritto sindacale) Le fonti Costituzione Legge Contratto collettivo

Dettagli

Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato. Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato. Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) 1. La presente legge, ai sensi del Titolo VI, Capo I del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276

Dettagli

SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016

SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016 C P R P SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016 (Pubblicato G.U. N 193 DEL 19/08/2016, IN VIGORE DAL 03 SETTEMBRE 2016) SOGGETTI FORMATORI

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO MINISTERIALE 9 GENNAIO 2015, N

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO MINISTERIALE 9 GENNAIO 2015, N MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO MINISTERIALE 9 GENNAIO 2015, N. 86986 GAZZETTA UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA 9 MARZO 2015, N. 56 FONDO DI SOLIDARIETÀ BILATERALE ALTERNATIVO PER L'ARTIGIANATO.

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITÀ. (Art. 41 comma 2 L.R. 11/03/2005 n. 12)

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITÀ. (Art. 41 comma 2 L.R. 11/03/2005 n. 12) CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITÀ Dati del titolare Cognome Nome Codice fiscale Data di nascita Sesso Cittadinanza

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE

INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE 1. L articolo 19 dello Statuto dei Lavoratori e le Rappresentanze Sindacali aziendali

Dettagli

Apprendistato e Formazione interna all azienda: obbligo di Regolamentazione Regionale

Apprendistato e Formazione interna all azienda: obbligo di Regolamentazione Regionale Apprendistato e Formazione interna all azienda: obbligo di Regolamentazione Regionale pubblicato, il 20 maggio 2010, sulla rivista Guida Normativa de Il Sole 24 Ore La Corte Costituzionale ha dichiarato

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana ORIGINALE Registro Generale n. 294 DETERMINAZIONE AREA AMMINISTRAZIONE E RISORSE UMANE n. 190 del 26/10/2017 OGGETTO: SELEZIONE PUBBLICA PER L ACCESSO A N. 5 POSTAZIONI DI TELELAVORO E LAVORO AGILE RIVOLTA

Dettagli

Comune di BELLINZAGO LOMBARDO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di BELLINZAGO LOMBARDO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di BELLINZAGO LOMBARDO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 I N D I C E CAPO I : PRINCIPI GENERALI ART. 1 : Oggetto del presente Regolamento ART. 2 : Finalità del sistema

Dettagli

Progetto di legge su Riconoscimento e valorizzazione del lavoro di ricerca nel settore privato. Art. 1 Identificazione della figura del ricercatore

Progetto di legge su Riconoscimento e valorizzazione del lavoro di ricerca nel settore privato. Art. 1 Identificazione della figura del ricercatore Progetto di legge su Riconoscimento e valorizzazione del lavoro di ricerca nel settore privato Art. 1 Identificazione della figura del ricercatore 1. L articolo 2095 del Codice Civile è così modificato:

Dettagli

MANSIONI E IUS VARIANDI

MANSIONI E IUS VARIANDI MANSIONI E IUS VARIANDI Inquadramento dei lavoratori Categorie legali: Art. 2095 c.c. Categorie dei prestatori di lavoro. I prestatori di lavoro subordinato si distinguono in dirigenti, quadri, impiegati

Dettagli

MODULO ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI AUDIOVISIVI ai sensi dell art. 4 della legge 20 maggio 1970 n. 300

MODULO ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI AUDIOVISIVI ai sensi dell art. 4 della legge 20 maggio 1970 n. 300 MODULO ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI AUDIOVISIVI ai sensi dell art. 4 della legge 20 maggio 1970 n. 300 MARCA DA BOLLO 16,00 EUR All Ispettorato del Lavoro Via CAP Città Prov

Dettagli

Jobs Act: le novità del decreto semplificazione (d.lgs. n. 151/2015)

Jobs Act: le novità del decreto semplificazione (d.lgs. n. 151/2015) Jobs Act: le novità del decreto semplificazione (d.lgs. n. 151/2015) Argomento Descrizione Operatività Contratti collettivi di II livello Libro Unico del Lavoro Comunicazioni telematiche Lavoro accessorio

Dettagli

Circolare N. 53 del 8 Aprile 2015

Circolare N. 53 del 8 Aprile 2015 Circolare N. 53 del 8 Aprile 2015 Collaborazioni coordinate, a progetto e associazione in partecipazione: cosa viene previsto per il futuro? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Convegno 11 Luglio 2016 Studio Associato Barillari Lapolla Cavalleri

Convegno 11 Luglio 2016 Studio Associato Barillari Lapolla Cavalleri Convegno 11 Luglio 2016 Studio Associato Barillari Lapolla Cavalleri Il Nuovo Art. 4 Statuto dei Lavoratori MUNARI GIUDICI MANIGLIO PANFILI E ASSOCIATI 16121 GENOVA LARGO SAN GIUSEPPE 3/23B TEL. 010565529

Dettagli

GESTIONE ATTIVITÀ IN APPALTO RAAM SRL

GESTIONE ATTIVITÀ IN APPALTO RAAM SRL GESTIONE ATTIVITÀ IN APPALTO 1 I datori di lavoro che affidano l esecuzione di lavori, servizi e forniture ad un impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi all interno della propria azienda sono tenuti

Dettagli

LO STATUTO DEI LAVORATORI

LO STATUTO DEI LAVORATORI LO STATUTO DEI LAVORATORI Riportiamo uno stralcio della L. 20 maggio n. 300 del 1970 Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell attività sindacale, nei luoghi

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 11 Ottobre 2007 Istituzione della Cabina nazionale di regia sull'emersione del lavoro nero ed irregolare. (GU n. 286 del 10-12-2007 ) IL MINISTRO

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIR COLARE NUMERO 20 I CONTROLLI A DISTANZA DEI LAVORATORI Seconda parte dell analisi del decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 151 recante disposizioni

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia 1

Consiglio Regionale della Puglia 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia di formazione per il lavoro 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia di formazione per il lavoro Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 Principi generali

Dettagli

Jobs Act e la nuova contrattazione collettiva

Jobs Act e la nuova contrattazione collettiva Milano, 11 aprile 2016 Jobs Act e la nuova contrattazione collettiva Presentazione a «Tuttolavoro, Il Sole 24 Ore» Avv. Angelo Zambelli Le previsioni nella legge 10 dicembre 2014, n. 183 e nei decreti

Dettagli

L apprendistato: il quadro giuridico-istituzionale con particolare riferimento alle PMI. di Enrica Carminati

L apprendistato: il quadro giuridico-istituzionale con particolare riferimento alle PMI. di Enrica Carminati L apprendistato: il quadro giuridico-istituzionale con particolare riferimento alle PMI di Enrica Carminati TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO Riforma Biagi (d. lgs. n. 276 del 2003) 1) art. 48: apprendistato

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008. Modulo A

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008. Modulo A CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008 Accordo Stato Regioni del 26 gennaio 2006 Modulo A Le attrezzature di lavoro in collaborazione

Dettagli

C o n v e g n o 23 novembre 2015

C o n v e g n o 23 novembre 2015 C o n v e g n o 23 novembre 2015 Jobs act I nuovi decreti Le novità del D.lgs. n. 151/2015 Dott. ssa Ilaria Conte Studio Associato Barillari Lapolla Cavalleri Art. 14 Deposito contratti collettivi aziendali

Dettagli

Cambiamenti e opportunità per la gestione del personale nei contratti di lavoro subordinato

Cambiamenti e opportunità per la gestione del personale nei contratti di lavoro subordinato Cambiamenti e opportunità per la gestione del personale nei contratti di lavoro subordinato Le novità introdotte dal Jobs Act: Revisione della normativa in tema di Mansioni Avv. Giorgio Molteni 1 La nuova

Dettagli

Clausole e accordi nel contratto individuale di lavoro. 1. La certificazione dei contratti di lavoro

Clausole e accordi nel contratto individuale di lavoro. 1. La certificazione dei contratti di lavoro 1. La certificazione dei contratti di lavoro l attività di certificazione svolta dalle commissioni eventualmente istituite presso i Consigli provinciali degli ordini dei consulenti del lavoro possa essere

Dettagli

Modifiche al codice civile (7)

Modifiche al codice civile (7) Modifiche al codice civile (7) Art. 3 Revisione del titolo II del libro primo del codice civile in quanto compatibili, e in coerenza con quanto disposto all'articolo 9, comma 1, lettera e)* *e) razionalizzazione

Dettagli

LAVORO A PROgETTO E LAVORO OCCASIONALE D.L.vo 10 settembre 2003, n. 276

LAVORO A PROgETTO E LAVORO OCCASIONALE D.L.vo 10 settembre 2003, n. 276 Lavoro a progetto e lavoro occasionale 1. D.L.vo 10 settembre 2003, n. 276. Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30 (Suppl. ord.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BOCCUZZI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BOCCUZZI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BOCCUZZI Disposizioni per la prevenzione e il contrasto della violenza morale e della persecuzione

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Avv. Luca Negrini Torino, via Brofferio 1, 011/

CONTRATTO A TERMINE. Avv. Luca Negrini Torino, via Brofferio 1, 011/ Avv. Luca Negrini Torino, via Brofferio 1, 011/5612688 l.negrini@studionvn.it LA CAUSALE L apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro subordinato è possibile a fronte di ragioni di carattere

Dettagli

Le procedure conciliative in materia di lavoro con l introduzione delle tutele crescenti. (Roberto Camera)

Le procedure conciliative in materia di lavoro con l introduzione delle tutele crescenti. (Roberto Camera) Le procedure conciliative in materia di lavoro con l introduzione delle tutele crescenti (Roberto Camera) 1 ? Tentativo ordinario di conciliazione artt. 409 e ssdel c.p.c. Tentativo di conciliazione per

Dettagli

Formazione Continua Ordine degli Avvocati di Varese Varese, 23 ottobre 2015

Formazione Continua Ordine degli Avvocati di Varese Varese, 23 ottobre 2015 Avv. Antonella Negri BonelliErede Studio Legale Il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 81: focus su ius variandi, potere direttivo e collaborazioni autonome. Formazione Continua rdine degli Avvocati

Dettagli

DAL D.P.R. 547/55. AL NUOVO DLgs 81/08

DAL D.P.R. 547/55. AL NUOVO DLgs 81/08 DAL D.P.R. 547/55 AL NUOVO DLgs 81/08 DLgs del 9 / 4 / 08 n. 81 TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ART. 80. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 1) Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali,

Dettagli

ART. 1 Norme generali

ART. 1 Norme generali REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA ALL INTERNO DELLE STRUTTURE DEL POLITECNICO DI BARI ART. 1 Norme generali 1. L utilizzo dei sistemi di videosorveglianza è finalizzato alla protezione dei

Dettagli

DIRETTIVA n. 3/2017 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

DIRETTIVA n. 3/2017 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I Reparto Personale DIRETTIVA n. 3/2017 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE SCOPO Descrizione delle linee guida per

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Roma, 11 luglio 2005 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Alla Associazione Nazionale Costruttori Edili (ANCE) Prot. n 1006 e p.c. alle Direzioni regionali

Dettagli

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE. Raffaele De Luca Tamajo. ... Pag. 1

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE. Raffaele De Luca Tamajo. ... Pag. 1 INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE Raffaele De Luca Tamajo... Pag. 1 SEZIONE PRIMA TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE AZIENDALE E PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI DEL LAVORATORE CAPITOLO PRIMO E-MAIL E NAVIGAZIONE

Dettagli