Scheda informativa sull uso dell intonacatrice.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda informativa sull uso dell intonacatrice."

Transcript

1 Scheda informativa sull uso dell intonacatrice. L'intonacatrice è una macchina che serve a proiettare malta fluida di cemento sotto pressione per realizzare intonaci, iniezioni, massetti autolivellanti, riempimento di fughe ed altri lavori di finitura. In commercio esistono intonacatrici dotate di camera di miscelazione ed intonacatrici dove il materiale viene introdotto già impastato da betoniere, molazze o impastatrici. In questa scheda ci occuperemo dell intonacatrice con camera di miscelazione. La macchina è essenzialmente costituita da un telaio su ruote che supporta una tramoggia dove vengono introdotti i materiali asciutti premiscelati, una camera di miscelazione, un impianto acqua completo di pompa acqua autoadescante, un condotto di espulsione terminante in un ugello miscelatore (pistola), oltre alle parti elettriche (quadro di comando). Il materiale premiscelato secco viene versato in tramoggia all interno della quale vi è un dosatoreruota a celle azionato da un motoriduttore che trasporta il materiale all interno della camera di miscelazione, dove un miscelatore azionato da un motoriduttore impasta il materiale con l acqua inviata dalla pompa acqua. La portata d acqua è regolata per mezzo di un rubinetto micrometrico e visualizzata per mezzo di un flussimetro. Il miscelatore traina una pompa a vite eccentrica che pompa attraverso un tubo in gomma il materiale alla lancia spruzzatrice. Alla lancia spruzzatrice arriva anche l aria pompata dal compressore ed il materiale viene così spruzzato sulle pareti. Nomenclatura dell intonacatrice Legenda

2 Intonacatrice con camera di miscelazione Intonacatrice per intonaci preimpastati Prescrizioni preliminari. La macchina deve essere accompagnata da informazioni di carattere tecnico e soprattutto dal libretto di manutenzione e dalle istruzioni d'uso, riportanti le indicazioni necessarie per eseguire, senza alcun rischio, la messa in funzione, l'utilizzazione, il trasporto, l'eventuale installazione e/o montaggio (smontaggio), la regolazione, la manutenzione e le riparazioni della macchina stessa. Tale documentazione deve, inoltre, fornire i dati sull'emissioni sonore e sulle vibrazioni prodotte. Sono vietati la fabbricazione, la vendita, il noleggio e la concessione in uso di tale attrezzatura a motore qualora non rispondente alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di sicurezza. Prima dell'istallazione in cantiere dell intonacatrice dovranno essere eseguite periodicamente verifiche sullo stato manutentivo, ad opera di personale qualificato in grado di procedere alle eventuali necessarie riparazioni. Qualora vengano compiute operazioni di regolazione, riparazione o sostituzione di parti della macchina, bisognerà utilizzare solo ricambi ed accessori originali, come previsto nel libretto di manutenzione e non modificare alcuna parte della macchina. Istruzioni di carattere generale e norme di buona tecnica: è vietato apportare modifiche di qualsiasi natura alla struttura metallica o impiantistica della macchina; l'attrezzatura dovrà essere corredata da un libretto d'uso e manutenzione (Art. 71 del D.lgs. 81/08); utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti (Artt del D.lgs. 81/08); la macchina deve avere la marcatura CE (Art. 70 del D.lgs. 81/08); l'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza (Art del D.lgs. 81/08); l addetto all'intonacatrice deve essere adeguatamente istruito all uso corretto della macchina, dei dispositivi di protezione, degli

3 attrezzi ed accessori e alla manutenzione ordinaria (Art. 73 del D.lgs. 81/08); i punti pericolosi dell intonacatrice sono protetti mediante opportuni dispositivi di sicurezza, quali ad esempio la protezione della ventola di raffreddamento dei motori elettrici e la griglia della tramoggia che impedisce il contatto con la ruota a celle o con la vite elicoidale. Inoltre l apertura della camera di miscelazione (sia della sola flangia supporto motore che della camera di miscelazione completa) determina l arresto delle parti in rotazione della macchina. Per riavviare la macchina è necessario chiudere la camera di miscelazione e resettarla posizionando l interruttore generale su 0 ; mantenere sempre leggibili le avvertenze riportate sulla macchina; nella fase di organizzazione del cantiere prestare particolare attenzione nel collocare la macchina in posti facilmente raggiungibili dai mezzi di trasporto dei sacchi di materiale. In funzione della lunghezza del tubo che convoglia il materiale alla lancia spruzzatrice e delle dimensioni del cantiere, l intonacatrice può essere spostata al piano da intonacare. In tal caso occorre dotarsi di idonei mezzi di sollevamento dei sacchi al piano oppure di silo, munito inferiormente di un impianto di convogliamento pneumatico che consente di trasportare il prodotto ancora secco al punto di utilizzo; sia il tubo di adduzione dell acqua che quello di mandata dell aria alla lancia sono dotati di attacco rapido: controllare che l innesto alla macchina avvenga in maniera corretta; le operazioni di carico non devono comportare la movimentazione di carichi troppo pesanti e/o in condizioni disagiate: rispettare le istruzioni ricevute per un'esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Fare attenzione durante la manipolazione dei sacchi di materiale a non sollevare polvere per evitare di inalarne. In ogni caso è necessario indossare la mascherina per la protezione della bocca e del naso e gli occhiali contro gli schizzi; non utilizzare l attrezzo in ambienti ove esista pericolo di esplosioni di incendi o in ambienti di scavi sotterranei; provvedere ad una opportuna illuminazione del posto di lavoro; è vietato introdurre parti del corpo e/o utensili nella tramoggia o nella camera di miscelazione con macchina in funzione. Non manomettere i dispositivi di sicurezza in dotazione. La macchina è dotata di dispositivo di sicurezza a sensore magnetico che interviene per bloccare giunto a camme del tubo portaintonaco griglia con rompisacco ruota a celle camera di miscelazione Intonacatrice alimentata da silo trasportabilità dell intonacatrice e particolare della ruota con freno

4 il funzionamento non appena l operatore solleva la griglia di sicurezza; la macchina deve essere installata come previsto dal costruttore, in un ambiente dove non crei intralcio ne durante l utilizzo, ne per la pulizia a fine lavoro e in modo da utilizzare meno tubazioni possibili. Durante l uso e lo stazionamento frenare la macchina bloccando la ruota con freno; prima di spostare l intonacatrice è necessario interrompere l alimentazione di corrente, staccando la spina di pertinenza, scollegare il tubo di alimentazione dell acqua ed il tubo di mandata materiale. E opportuno inoltre che vi sia meno materiale possibile in tramoggia. Sbloccare la ruota dal freno e spostare la mescolatrice utilizzando le apposite maniglie; prima di sollevare l intonacatrice, controllare sempre che tutti i componenti della macchina siano correttamente bloccati e fissati. Per il sollevamento della macchina utilizzare i due anelli appositamente previsti, e in particolare non agganciare i dispositivi di sollevamento alla protezione del motoriduttore; le prese a spina devono avere un grado di protezione IP 67. La linea di alimentazione elettrica deve essere provvista di protezione contro le sovracorrenti con un interruttore magnetotermico e di dispersione di corrente verso massa con un interruttore tipo differenziale. Il dimensionamento dei conduttori di cavo di alimentazione elettrica deve tenere in conto delle correnti di funzionamento e della lunghezza della linea per evitare eccessive cadute di tensione. Il cavo di alimentazione deve essere posizionato in modo da non essere danneggiato da urti o abrasioni, non stare nell acqua, né costituire intralcio e pericolo per i movimenti delle persone. Esso va posato fuori dalle vie di transito e in modo da evitare sforzi meccanici. Usare cavi flessibili tipo H07RN-F resistenti all acqua ed all abrasione; le funzioni dei comandi devono essere richiamate sul quadretto di macchina (Allegato V del D.lgs. 81/08), che deve essere dotato del pulsante di arresto di emergenza a ritenuta meccanica (colore rosso). tubo porta materiale con giunto a camme lancia spruzzatrice anelli previsti per il sollevamento ed il carico quadretto macchina con interruttore di emergenza (fungo rosso)

5 Attenzioni che devono essere adottate prima dell uso: controllare la stabilità della macchina ed il bloccaggio delle ruote; accertarsi della presenza e dell'efficienza delle protezioni da contatto accidentale con gli organi in moto. Verificare la corretta installazione e la perfetta funzionalità dei dispositivi di sicurezza (quali la protezione della ventola di raffreddamento dei motori elettrici e la griglia della tramoggia che impedisce il contatto con la ruota a celle). E vietato introdurre in tramoggia qualunque cosa che non sia il materiale secco premiscelato. assicurarsi dell'efficienza degli interruttori di comando e dell'integrità dei componenti elettrici a vista; accertarsi dell'efficienza del dispositivo contro il riavviamento accidentale; accertarsi dell'integrità delle tubazioni e dei cavi di alimentazione; verificare che il tubo dell acqua sia collegato alla rete idrica e tale rete dovrà garantire una portata minima secondo quanto indicato nel libretto; verificare che il tubo dell aria sia collegato al quadro della macchina e alla lancia spruzzatrice; assicurarsi dell affidabilità delle connessioni tra tubi di alimentazione e pompa, controllare che i raccordi siano integri e le relative guarnizioni presenti. Controllare che le leve dei giunti a camme siano correttamente serrate; accertarsi della pulizia dell'ugello e delle tubazioni; provvedere a delimitare adeguatamente la zona di lavoro, segnalando l'area interessata da un livello di rumorosità elevata. Attenzioni che devono essere adottate durante l uso: usare i dispositivi di protezione individuale; accertarsi che le tubazioni e i cavi di alimentazione non intralcino i passaggi e siano posizionati in modo da evitare che possano subire danneggiamenti; assicurarsi che i tubi non siano piegati in maniera tale da provocare strozzature; assicurarsi di essere in posizione stabile prima di iniziare le lavorazioni; per rimuovere eventuali intasamenti occorre bloccare la tubazione interessata, dirigendo il getto verso una zona interdetta al personale; ricordarsi di interrompere l'afflusso dell'aria nelle pause di lavoro; informare tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro. è assolutamente vietato rimuovere le protezioni quando la macchina è in moto o ferma ma collegata all alimentazione elettrica; evitare interruzioni superiori a 30 minuti. Un arresto prolungato può provocare un intasamento nelle tubazioni di mandata del materiale. Se risulta necessario scollegare la lancia o aprire i raccordi delle tubazioni, accertarsi preventivamente che non vi sia alcuna pressione residua all interno delle stesse (in questo caso il manometro materiale deve indicare zero bar e le tubazioni, con esclusione della parte del tubo dov è presente l intasamento, devono essere morbide). Per scaricare la pressione agire sull apposito interruttore posto nel quadro di comando, invertendo il senso di rotazione della pompa. Per aprire il giunto a camme della lancia spruzzatrice, dopo aver scaricato la pressione, è opportuno apporre attorno al giunto un sacco vuoto di premiscelato o altra protezione utile ad evitare eventuali schizzi di materiale sull operatore. Qualora sussista il minimo dubbio che vi sia la presenza di pressione residua non aprire assolutamente i raccordi; controllare sempre il livello della pressione nel manometro; evitare di spostare la macchina con la tramoggia piena;

6 Attenzioni che devono essere adottate dopo l uso della macchina dagli addetti: verificare di aver staccato l'interruttore generale di alimentazione del quadro; assicurarsi di aver spento la macchina, chiuso i rubinetti e staccato la spina dell alimentazione; ricordarsi di pulire accuratamente gli utensili e le tubazioni; effettuare tutte le operazioni di revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto e sempre dopo esserti accertato che il motore sia spento e non riavviabile da terzi accidentalmente; le operazioni di manutenzione devono essere eseguite da personale esperto; è vietato eseguire operazioni di lubrificazione, pulizia, manutenzione o riparazione sugli organi in movimento; tenere in perfetta efficienza l intonacatrice e tutti i suoi elementi, ricontrollando che tutti i dispositivi di protezione non siano stati manomessi o modificati durante l uso; i ricambi da utilizzare devono essere esclusivamente ricambi originali secondo quanto indicato nel libretto e non possono essere modificati. Se per eseguire le riparazioni vengono rimosse le coperture di protezione, al termine dei lavori devono essere rimontate correttamente. Riferimenti normativi dell intonacatrice. Il D. Lgs. 81/2008 prevede all art. 71 che il datore di lavoro mette a disposizione dei lavoratori attrezzature conformi ai requisiti di cui all art. 70, idonee ai fini della salute e sicurezza e adeguate al lavoro da svolgere o adattate a tali scopi che devono essere utilizzate conformemente alle disposizioni legislative di recepimento delle Direttive comunitarie. ALLEGATO V del D. Lgs. 81/ Requisiti di sicurezza delle attrezzature di lavoro costruite in assenza di disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto, o messe a disposizione dei lavoratori antecedentemente alla data della loro emanazione. ALLEGATO VI del D. Lgs. 81/ Disposizioni concernenti l uso delle attrezzature di lavoro. Intonacatrice D.Lgs. 27 gennaio 2010, n Attuazione della direttiva 2006/42/CE relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori.

Scheda informativa sull uso del mescolatore continuo.

Scheda informativa sull uso del mescolatore continuo. Scheda informativa sull uso del mescolatore continuo. Il mescolatore continuo orizzontale è una macchina impiegata per impastare prodotti preconfezionati di tipo premiscelato, dichiarati miscelabili secondo

Dettagli

Scheda informativa sull uso della segatrice ad acqua.

Scheda informativa sull uso della segatrice ad acqua. Scheda informativa sull uso della segatrice ad acqua. La segatrice o clipper è una macchina molto usata da paramanisti e piastrellisti, il suo uso è certamente più agevole e più sicuro del flessibile portatile.

Dettagli

Scheda informativa sull uso della molazza.

Scheda informativa sull uso della molazza. Scheda informativa sull uso della molazza. La molazza elettrica con caricamento manuale è una macchina per l'edilizia avente la funzione di impastare e miscelare tra di loro i componenti della malta. Questa

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DELL OFFICINA MECCANICA

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DELL OFFICINA MECCANICA LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DELL OFFICINA MECCANICA Il Presente documento ha lo scopo di riassumere alcune linee guida relative all utilizzo delle apparecchiature presenti nell Officina

Dettagli

ISTRUZIONI ALL'USO PER L'ESPERTO

ISTRUZIONI ALL'USO PER L'ESPERTO Attrezzatura specifica Contenuti Titolo scheda N.ro scheda PIEGAFERRI GUIDA ALL USO IN SICUREZZA ISTRUZIONI ALL'USO PER L'ESPERTO PG GU n.1.1 Istruzioni di carattere generale Descrizione Indossare indumenti

Dettagli

Formazione del personale

Formazione del personale Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DEFINIZIONI Attrezzatura di lavoro: qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature

Dettagli

Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro

Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro D. Lgs. 81-2008 Titolo III CAPO I -Articolo 69 - Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente Titolo si intende per: a)

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008. Modulo A

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008. Modulo A CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008 Accordo Stato Regioni del 26 gennaio 2006 Modulo A Le attrezzature di lavoro in collaborazione

Dettagli

Fonte:

Fonte: Fonte: www.ciemmeci.org Rischio meccanico Definizione Il rischio principale connesso rischio meccanico legato principalmente: alla presenza di elementi di diversa natura in movimento relativo fra loro

Dettagli

valutata interferenziale protezione intervento non autorizzato all interno di detta area o nelle immediate casa via rosello

valutata interferenziale protezione intervento non autorizzato all interno di detta area o nelle immediate casa via rosello Rischio da interferenze Soggetti Attività oggetto di Ubicazione Tipologia Soggetti Presenza di rischio Valutazione Misure di Tempistica coinvolti analisi di rischio esposti interferenziale del rischio

Dettagli

Il datore di lavoro: obblighi di controllo, verifica e formazione

Il datore di lavoro: obblighi di controllo, verifica e formazione INAIL ASSOLOMBARDA Sorveglianza del mercato, verifica periodica e formazione sugli apparecchi di sollevamento: sinergie per la sicurezza Il datore di lavoro: obblighi di controllo, verifica e formazione

Dettagli

MANUALE HUMICFC RAFFRESCATORE UMIDIFICATORE

MANUALE HUMICFC RAFFRESCATORE UMIDIFICATORE MANUALE HUMICFC RAFFRESCATORE UMIDIFICATORE I T A L I A N O E obbligatorio leggere attentamente questo manuale prima di installare od eseguire operazioni sulla macchina. Le presenti istruzioni vanno lette

Dettagli

Utilizzare la macchina operatrice soltanto con la trasmissione cardanica originale e idonea per lunghezza, dimensioni, dispositivi e protezioni. Duran

Utilizzare la macchina operatrice soltanto con la trasmissione cardanica originale e idonea per lunghezza, dimensioni, dispositivi e protezioni. Duran Tutte le parti in rotazione devono essere protette. Le protezioni del trattore e della macchina operatrice costituiscono un sistema integrato con la protezione dell albero cardanico. Il corretto impiego

Dettagli

PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA

PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA Dopo aver tolto l imballaggio assicurarsi dell integrità dell apparecchio. In caso di dubbio non utilizzare l apparecchio e rivolgersi al centro

Dettagli

Parte 1. Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione

Parte 1. Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione Parte 1 Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione 1 XXXXXXXXXX Nella nostra azienda sono presenti le seguenti attrezzature: XXXXXXX XXXXXXXXXX XXXXXXXXXXX

Dettagli

Service Information 13800_127_SI_

Service Information 13800_127_SI_ Pulizia sistema diesel con micrologic PREMIUM 127 pulitore iniettori diesel TUNAP 13800 Kit regolatore di pressione TUNAP 13850 Kit accessori diesel TUNAP 13859 Pompa elettrica Introduzione Il sistema

Dettagli

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le MANUALE USO E MANUTENZIONE Portalampada con cavo Art. 0429 ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

Gli equipaggiamenti elettrici delle macchine in uso nei cantieri

Gli equipaggiamenti elettrici delle macchine in uso nei cantieri Gli equipaggiamenti elettrici delle macchine in uso nei cantieri Autore Dr. Ing. Luciano Di Donato Data: 14/11/2008 La legislazione applicabile DLgs 81/2008 TESTO UNICO PER LA SICUREZZA TITOLO III Uso

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE Aspiratore per trucioli TURBODUST

MANUALE USO E MANUTENZIONE Aspiratore per trucioli TURBODUST MANUALE USO E MANUTENZIONE Aspiratore per trucioli TURBODUST TURBODUST SOMMARIO CAPITOLO 1 - INFORMAZIONI GENERALI 1.1 - NOME DELLA MACCHINA 1.2 - INTRODUZIONE 1.3 - RICHIESTA RICAMBI 1.3.1 RICAMBI PRINCIPALI

Dettagli

Pulizia Sistema GPL con micrologic PREMIUM 136 Pulitore rail e iniettori GPL TUNAP Kit regolatore di pressione TUNAP Kit accessori GPL

Pulizia Sistema GPL con micrologic PREMIUM 136 Pulitore rail e iniettori GPL TUNAP Kit regolatore di pressione TUNAP Kit accessori GPL Pulizia Sistema GPL con micrologic PREMIUM 136 Pulitore rail e iniettori GPL TUNAP 138 00 Kit regolatore di pressione TUNAP 138 60 Kit accessori GPL Introduzione Il sistema TUNAP consente di utilizzare

Dettagli

IL CODICE CIVILE 11/06/2012 L APPLICAZIONE DEL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NEI CANTIERI EDILI: BUONE PRATICHE E CRITICITA

IL CODICE CIVILE 11/06/2012 L APPLICAZIONE DEL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NEI CANTIERI EDILI: BUONE PRATICHE E CRITICITA LA SICUREZZA SUL LAVORO DOPO LA SENTENZA THYSSEN PERUGIA 8 GIUGNO 2012 L APPLICAZIONE DEL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NEI CANTIERI EDILI: BUONE PRATICHE E CRITICITA IL TITOLO III: ATTREZZATURE DI LAVORO E D.P.I.

Dettagli

Piccole macchine da cantiere

Piccole macchine da cantiere Piccole macchine da cantiere Macchine per preparazione e posa in opera di conglomerati cementizi e malte Ing. Gualberto Aglietti / Ing. Leandro Bandini Quello delle piccole macchine edili è un comparto

Dettagli

Pulizia degli iniettori Benzina

Pulizia degli iniettori Benzina Pulizia degli iniettori Benzina con TUNAP microflex 937 - Pulitore diretto iniettori Benzina. TUNAP Injecto Clean System 16 13310 1 Introduzione Il sistema TUNAP consente di utilizzare tecnologie avanzate,

Dettagli

MISURE GENERALI DI SICUREZZA NELL UTILIZZO DELLE SCALE. Relazione Coordinamento Regionale Cpt Lombardia

MISURE GENERALI DI SICUREZZA NELL UTILIZZO DELLE SCALE. Relazione Coordinamento Regionale Cpt Lombardia MISURE GENERALI DI SICUREZZA NELL UTILIZZO DELLE SCALE Relazione Coordinamento Regionale Cpt Lombardia Prima dell uso Il personale addetto all uso della scala deve essere stato: valutato idoneo alla mansione

Dettagli

CESOIA. Legenda: nome del fabbricante e suo indirizzo; designazione della serie o del tipo; eventuale numero di fabbricazione;

CESOIA. Legenda: nome del fabbricante e suo indirizzo; designazione della serie o del tipo; eventuale numero di fabbricazione; CESOIA La cesoia è una macchina utilizzata per la tranciatura di barre e tondini d acciaio per la realizzazione di staffe e ferri sagomati per calcestruzzo armato. È una macchina indubbiamente pericolosa

Dettagli

STORACELL ST 120-1E..

STORACELL ST 120-1E.. Istruzioni di installazione Accessorio N 616/3 6 720 6 277 I (00.02) OSW per gli accumuli a riscaldamento indiretto della serie STORACELL ST 120-1E.. e ST 160-1E.. 1 5 2 8 18 17 16 15 20 19 24 14 13 6

Dettagli

MARCA MODELLO MATRICOLA n. Riferimento normativo. art.78, D.P.R 547/55. art.41, D.P.R 547/55. Circ. Min. Lav. n.103/80. Circ. Min. Lav. n.

MARCA MODELLO MATRICOLA n. Riferimento normativo. art.78, D.P.R 547/55. art.41, D.P.R 547/55. Circ. Min. Lav. n.103/80. Circ. Min. Lav. n. Attrezzatura specifica Contenuti Titolo scheda N.ro scheda BETONIERA GUIDA ADEMPIMENTI NORMATIVI VERIFICA AL RISPETTO NORMATIVO DI MACCHINA NON MARCATA "CE" BT VRn i.1.1 MARCA MODELLO MATRICOLA n Voce

Dettagli

Mano amputata da un miscelatore per betoncini. Pubblicazione 13042.i

Mano amputata da un miscelatore per betoncini. Pubblicazione 13042.i Mano amputata da un miscelatore per betoncini Pubblicazione 13042.i Mano amputata da un miscelatore per betoncini Intervento fatale su una macchina pericolosa: Michel P. (25)* perde una mano pulendo un

Dettagli

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le MANUALE USO E MANUTENZIONE c.i v r e f m o Aerografo con serbatoio a chiusura autoclave Art. A162DS ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI

Dettagli

PRODUZIONE MACCHINE INTONACATRICI

PRODUZIONE MACCHINE INTONACATRICI PRODUZIONE MACCHINE INTONACATRICI FAST 3 - FAST 2 INTONACATRICE FAST3/FAST2 FAST3 cod. 310.101.000 FAST2 cod. 210.101.000 400V 50HZ 230V 50HZ MOTORE DI TESTA 5,5 KW - 400 giri/min 2,2 KW - 330 giri/min

Dettagli

ESTRUSIONE E SOFFIAGGIO

ESTRUSIONE E SOFFIAGGIO Scheda 4 Produzione: Macchina: OGGETTI ESTRUSIONE E SOFFIAGGIO Scopo della lavorazione L estrusione e soffiaggio è una tecnica per la produzione di oggetti cavi in plastica (flaconi, bottiglie, ecc.) che

Dettagli

2.4.9 Cesoia a Ghigliottina D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 13985:2005

2.4.9 Cesoia a Ghigliottina D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 13985:2005 2.4.9 Cesoia a Ghigliottina D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 13985:2005 PERICOLO PROTEZIONE Macchina composta da una lama fissa ed una mobile per il taglio a freddo di lamiere metalliche

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Allegato n. 1 verbale n. 3

Allegato n. 1 verbale n. 3 Concorso elettricisti PROVA NUMERO UNO 1) T1 D Quali caratteristiche devono avere i materiali, le apparecchiature, i macchinari o le installazioni secondo la Legge 186 del 1968? T9 D La Dichiarazione di

Dettagli

Pulizia degli iniettori gasolio con il pulitore con Injecto Clean System micrologic PREMIUM 127

Pulizia degli iniettori gasolio con il pulitore con Injecto Clean System micrologic PREMIUM 127 Pulizia degli iniettori gasolio con il pulitore con Injecto Clean System 16 13310 micrologic PREMIUM 127 Introduzione Il sistema TUNAP Injecto Clean consente di utilizzare tecnologie avanzate, allo scopo

Dettagli

MARCA MODELLO MATRICOLA n

MARCA MODELLO MATRICOLA n Attrezzatura specifica Contenuti Titolo scheda N.ro scheda BETONIERA GUIDA MANUTENZIONE ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE BT GM m. 1.1 MARCA MODELLO MATRICOLA n Voce principale Descrizione Riferimento normativo

Dettagli

Tutte le linee elettriche, realizzate con cavi unipolari, verranno posate all interno di apposite tubazioni in PVC incassate nella muratura.

Tutte le linee elettriche, realizzate con cavi unipolari, verranno posate all interno di apposite tubazioni in PVC incassate nella muratura. PREMESSA La presente relazione tecnica è relativa alla realizzazione degli impianti elettrici a servizio di una sala polifunzionale denominata ex lavatoio e di un locale destinato ad attività socio-ricreative,

Dettagli

Appuntatrice mod

Appuntatrice mod Appuntatrice mod. 400480 N matricola: 400480-001 Anno di Costruzione: 2009 Manuale Uso e Manutenzione Copyright Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, modificata, trascritta o tradotta

Dettagli

LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO

LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei

Dettagli

PFT RITMO 230V. La tecnica innovativa di PFT La pompa impastatrice compatta PFT RITMO con azionamento a 230 V PFT POMPE IMPASTATRICI 10/2010

PFT RITMO 230V. La tecnica innovativa di PFT La pompa impastatrice compatta PFT RITMO con azionamento a 230 V PFT POMPE IMPASTATRICI 10/2010 PFT THE FLOW OF PRODUCTIVITY MADE IN GERMANY 230V PFT POMPE IMPASTATRICI 10/2010 PFT RITMO La tecnica innovativa di PFT La pompa impastatrice compatta PFT RITMO con azionamento a 230 V PFT RITMO Con PFT

Dettagli

MOTORIDUTTORE CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO ROBUSTO E SILENZIOSO

MOTORIDUTTORE CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO ROBUSTO E SILENZIOSO Mescolamento A B D C E F SISTEMA DI A MESCOLAMENTO PLANETARIO A REGIME FORZATO Il sistema di mescolamento planetario consente una notevole riduzione del tempo di impasto del materiale. Ad esempio: per

Dettagli

11. APPARECCHI A PRESSIONE

11. APPARECCHI A PRESSIONE 01. Gli apparecchi e impianti a pressione 1 sono conformi ai regolamenti speciali emessi da ANCC/ISPESL, laddove applicabili, e alle altre normative vigenti 02. Anche quando non soggetti a normative specifiche

Dettagli

WUEWUE. Manuale Istruzioni LEGGERE ATTENTAMENTE E CONSERVARE PER FUTURE CONSULTAZIONI. passeggino leggero

WUEWUE. Manuale Istruzioni LEGGERE ATTENTAMENTE E CONSERVARE PER FUTURE CONSULTAZIONI. passeggino leggero WUEWUE passeggino leggero Manuale Istruzioni LEGGERE ATTENTAMENTE E CONSERVARE PER FUTURE CONSULTAZIONI MANUALE ISTRUZIONI WUEWUE AVVISO IMPORTANTE IMPORTANTE: PRIMA DELL USO LEGGERE ATTENTAMENTE QUESTO

Dettagli

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le MANUALE USO E MANUTENZIONE c.i v r e f m o Aerografo con serbatoio a chiusura rapida Art. A162C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI

Dettagli

G-Scooter. Sea Scooter

G-Scooter. Sea Scooter G-Scooter Sea Scooter RIFERIMENTO 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 DESCRIZIONE Elemento di chiusura Cono di copertura Cono interno Tappo di sfiato Comando di avviamento Maniglia Protezione

Dettagli

Sostituzione dello scambiatore di calore con sistema idraulico

Sostituzione dello scambiatore di calore con sistema idraulico Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Sostituzione dello scambiatore di calore con sistema idraulico per Vitodens 200-W, tipo B2HA, da 125 a 150 kw Avvertenze sulla sicurezza

Dettagli

Pulizia degli iniettori Diesel

Pulizia degli iniettori Diesel Pulizia degli iniettori Diesel con TUNAP microflex 938 - Pulitore diretto iniettori Diesel TUNAP Injecto Clean System 16 13310 1 Introduzione Il sistema TUNAP consente di utilizzare tecnologie avanzate,

Dettagli

Kit di completamento per circuito di riscaldamento con miscelatore

Kit di completamento per circuito di riscaldamento con miscelatore Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Kit di completamento per circuito di riscaldamento con miscelatore per Vitodens 100-E, tipo AB1B Avvertenze sulla sicurezza Si prega di attenersi

Dettagli

INCASTELLATURA tipo P1 Manuale di montaggio

INCASTELLATURA tipo P1 Manuale di montaggio INCASTELLATURA tipo P1 Manuale di montaggio pag. 1 di 18 1. PRESCRIZIONI GENERALI 1.1 Termini e simboli utilizzati NOTA Contiene informazioni da tenere in particolare considerazione durante l installazione.

Dettagli

Stazione di lavaggio. Manuale d'uso

Stazione di lavaggio. Manuale d'uso Stazione di lavaggio Manuale d'uso NORME DI SICUREZZA - Questa apparecchiatura è destinata esclusivamente ad operatori professionalmente preparati che devono conoscere i fondamenti della refrigerazione,

Dettagli

le attrezzature Ponte Buggianese 03/03/2012 dott. Luigi Fontanella Tecnico della Prevenzione U.F.C. P.I.S.L.L.

le attrezzature Ponte Buggianese 03/03/2012 dott. Luigi Fontanella Tecnico della Prevenzione U.F.C. P.I.S.L.L. le attrezzature Ponte Buggianese 03/03/2012 PRINCIPALI ATTREZZATURE AFFETTATRICE TRICARNE IMPASTATRICE INSACCATRICE SEGAOSSA STERILIZZATRICE DI COLTELLI SCUOIATRICE AFFETTATRICE PRINCIPALI REQUISITI E

Dettagli

Rhino VE Scheda operatore dello scaricatore CE - Italian -

Rhino VE Scheda operatore dello scaricatore CE - Italian - Rhino VE Scheda operatore dello scaricatore CE - Italian - Posizione dei componenti Vedi figura 1 e fare riferimento alla tabella 1. ILLUSTRATO IN POSIZIONE APERTA 1 3 8 4 7 6 5 Figura 1 Elemento Reperimento

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO SPILLATORI A SECCO A N T A

ISTRUZIONI PER L USO SPILLATORI A SECCO A N T A ISTRUZIONI PER L USO SPILLATORI A SECCO A N T A 1 ANTA DATI TECNICI Alimentazione: 230V/50Hz Modello Numero vie di spillatura Potenza installata [W] Capacità di spillatura [lt/ora] Peso [kg] Dimensioni

Dettagli

Pagina 1 di 11 CHECK LIST DELLE APPARECCHIATURE ATEX. Verifica Visiva (V) Verifica Ravvicinata (R) Verifica Dettagliata (D) COSTRUZIONI ELETTRICHE

Pagina 1 di 11 CHECK LIST DELLE APPARECCHIATURE ATEX. Verifica Visiva (V) Verifica Ravvicinata (R) Verifica Dettagliata (D) COSTRUZIONI ELETTRICHE Pagina 1 di 11 Verifica Visiva (V) Verifica Ravvicinata (R) Verifica Dettagliata (D) APPARECCHIATURE ELETTRICHE EX_d L apparecchiatura elettrica è idonea alle prescrizioni della zona - EPL del luogo Il

Dettagli

Scheda tecnica DOCCIA ELETTRONICO DA INCASSO

Scheda tecnica DOCCIA ELETTRONICO DA INCASSO CARATTERISTICHE TECNICHE: Scheda tecnica DOCCIA ELETTRONICO DA INCASSO -PRESSIONE DI COLLAUDO 5 BAR LIMITI DI IMPIEGO SECONDO LA NORMA EUROPEA EN 11080 PRESSIONE DINAMICA MIN =0.5 BAR PRESSIONE STATICA

Dettagli

ATTREZZATURE PER CANTIERI

ATTREZZATURE PER CANTIERI ATTREZZATURE PER CANTIERI 304 CANTIERISTICA ROTOTEC CANTIERISTICA ROTOTEC 305 SISTEMA SCARICA DETRITI 1 1. TELAIO: supporto in ferro zincato che sostiene il carico della tramoggia e dei convogliatori.

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Prima parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI L articolo 7 del Decreto Ministeriale 22/01/2008,

Dettagli

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le MANUALE USO E MANUTENZIONE Aerografo LVMP Art. A901A ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa

Dettagli

Smontaggio del radiatore. Informazioni generali. Attrezzi. Applicabile ai veicoli con cabine G ed R e larghezza anteriore pari a mm.

Smontaggio del radiatore. Informazioni generali. Attrezzi. Applicabile ai veicoli con cabine G ed R e larghezza anteriore pari a mm. Informazioni generali Informazioni generali Applicabile ai veicoli con cabine G ed R e larghezza anteriore pari a 1.140 mm. PERICOLO Indossare guanti protettivi, occhiali protettivi e abbigliamento protettivo

Dettagli

2006/95/ CEE 2004/108/CEE

2006/95/ CEE 2004/108/CEE CDI 10P7 006/95/ CEE 00/108/CEE 11 1 6 In accordo con lo standard EN 50, l'elettrodistributore dovrebbe essere impostato sul livello massimo mentre la lavastoviglie funziona. 1 6 1 3 1 5 7 1 3 6 3 1

Dettagli

2- Attestazione di avvenuta spedizione della dichiarazione di conformità alla AUSL ed all'inail; SI NO (art. 2 DPR );

2- Attestazione di avvenuta spedizione della dichiarazione di conformità alla AUSL ed all'inail; SI NO (art. 2 DPR ); Dipartimento Sanità Pubblica Servizio Impiantistico Antinfortunistico ALLEGATO C al verbale di sopralluogo N del Documentazione esaminata 1- Dichiarazione di conformità dell'impianto elettrico e dell'impianto

Dettagli

Indicazioni normative per macchine marcate CE. SPACCALEGNA a cuneo. SI NO Note:

Indicazioni normative per macchine marcate CE. SPACCALEGNA a cuneo. SI NO Note: Direzione Sanità Pubblica Settore Prevenzione sanitaria negli ambienti di vita e di lavoro CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE istituto per la meccanizzazione agricola Indicazioni normative per macchine

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'USO DEI DISPOSITIVI DI MOVIMENTAZIONE DELLA SERIE 45, 55, 59, 64 M

ISTRUZIONI PER L'USO DEI DISPOSITIVI DI MOVIMENTAZIONE DELLA SERIE 45, 55, 59, 64 M Dati tecnici I dispositivi di movimentazione di tipo M sono destinati alla gestione automatica delle tapparelle e delle porte carrabili avvolgibili. Sono provvisti di una testata per l apertura di emergenza,

Dettagli

Verifica e manutenzione degli impianti a prova di esplosione

Verifica e manutenzione degli impianti a prova di esplosione Gli impianti elettrici istallati in ambienti a rischio di esplosione risultano una quota parte di tutta l impiantistica elettrica ma, proprio per le loro peculiarità costruttive, necessitano di precisi

Dettagli

Telecamera a Colori ¼ CCD mod. CC-9603S cod Con controllo Ottiche DC Manuale di utilizzo

Telecamera a Colori ¼ CCD mod. CC-9603S cod Con controllo Ottiche DC Manuale di utilizzo Telecamera a Colori ¼ CCD mod. CC-9603S cod. 559590004 Con controllo Ottiche DC Manuale di utilizzo Leggere attentamente il Manuale di Utilizzo, prima dell installazione ATTENZIONE PERICOLO DI SCOSSE NON

Dettagli

822 NOVAMIX REGOLAZIONE DELLA PORTATA DI GAS IN FUNZIONE DELLA PORTATA D ARIA RAPPORTO GAS/ARIA 1:1

822 NOVAMIX REGOLAZIONE DELLA PORTATA DI GAS IN FUNZIONE DELLA PORTATA D ARIA RAPPORTO GAS/ARIA 1:1 SIT Group 822 NOVAMIX CONTROLLO MULTIFUNZIONALE PER GAS REGOLAZIONE DELLA PORTATA DI GAS IN FUNZIONE DELLA PORTATA D ARIA RAPPORTO GAS/ARIA 1:1 DOPPIA ELETTROVALVOLA AUTOMATICA DI INTERCETTAZIONE REGOLATORE

Dettagli

Romagna Sede di. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Rimini ATTREZZATURA DRAG LINE

Romagna Sede di. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Rimini ATTREZZATURA DRAG LINE ATTREZZATURA DRAG LINE SEGNALETICA DI RIFERIMENTO RISCHI PRINCIPALI Ribaltamento della macchina e conseguente possibile schiacciamento dell operatore e delle persone presenti nelle vicinanze della macchina;

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS MEDICALI COMPRESSI ALL INTERNO DEI REPARTI

REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS MEDICALI COMPRESSI ALL INTERNO DEI REPARTI REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS MEDICALI COMPRESSI ALL INTERNO DEI REPARTI REVISIONE DATA RSPP 0 12.5.1998

Dettagli

Le norme CEI riguardanti i lavori elettrici. Attività lavorativa. Lavori elettrici. Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Lunedì 21 Gennaio :00

Le norme CEI riguardanti i lavori elettrici. Attività lavorativa. Lavori elettrici. Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Lunedì 21 Gennaio :00 Nonostante continue leggi, norme e decreti inerenti la sicurezza sul lavoro, ancora oggi la percentuale di incidenti sui luoghi di lavoro risulta essere elevata, un elemento che contribuisce ad aumentare

Dettagli

Manuale d uso Valvola autoazionata a membrana con funzione di troppo pieno EU110/10

Manuale d uso Valvola autoazionata a membrana con funzione di troppo pieno EU110/10 Manuale d uso Valvola autoazionata a membrana con funzione di troppo pieno EU110/10 tipo ACV DN400 500.999.100 01/04 1 Indice Pag. 2 Pag. 3 Pag. 4 Pag. 4 Pag. 5 Funzionamento Montaggio Installazione Disegno

Dettagli

2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine

2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5.2 DISPOSITIVI DI COMANDO A DUE MANI UNI EN 574/98 Descrizione Il comando a due mani è un dispositivo di sicurezza che garantisce, se correttamente

Dettagli

Torretta mobile a scomparsa PILOMAT ENERGY B

Torretta mobile a scomparsa PILOMAT ENERGY B Torretta mobile a scomparsa PILOMAT ENERGY B4040-55 MANUALE TECNICO Manuale tecnico PILOMAT ENERGY B4040 55 Pagina 1 di 10 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEL FABBRICANTE (Art.10-Direttiva della Comunità Europea

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni di montaggio VITOFLAME 300. per il personale specializzato

VIESMANN. Istruzioni di montaggio VITOFLAME 300. per il personale specializzato Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Vitoflame 300 Tipo VHG Bruciatore a gasolio a fiamma blu con preriscaldatore gasolio per Vitoladens 300-T, Vitola 200, tipo VX2A e Vitorondens

Dettagli

Teil 2: Istruzioni per il montaggio. Classe

Teil 2: Istruzioni per il montaggio. Classe Indice Pagina: Teil 2: Istruzioni per il montaggio. Classe 550-2-2. Parti componenti della fornitura.................................. 2. Montaggio dell unità di cucitura..................................

Dettagli

14. GUIDA ALL'INSTALLAZIONE E AL COLLEGAMENTO DEI CAVI

14. GUIDA ALL'INSTALLAZIONE E AL COLLEGAMENTO DEI CAVI 14. GUIDA ALL'INSTALLAZIONE E AL COLLEGAMENTO DEI CAVI INDICE 1. Prima di iniziare... 92 2. Contenuto della confezione... 92 3. Avvertenze generali... 92 4. Avvertenze per l'... 93 5. Avvertenze per il

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio Per il tecnico qualificato Istruzioni di montaggio 0020171469 IT Editore/produttore Vaillant GmbH Berghauser Str. 40 D-42859 Remscheid Telefon 021 91 18 0 Telefax 021 91 18 28 10

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA; PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE; IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni Meccaniche

Dettagli

BIKE TRAINER MOTION PRO

BIKE TRAINER MOTION PRO BIKE TRAINER MOTION PRO PART LIST 1 bike trainer 1 gruppo magnetico 1 supporto ruota anteriore 1 sgancio rapido 1 manuale in inglese Attrezzi per il montaggio ASSEMBLAGGIO Il bike trainer viene fornito

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MANUTENZIONE

INTRODUZIONE ALLA MANUTENZIONE INTRODUZIONE ALLA MANUTENZIONE Il manutentore deve avere tutte le caratteristiche richieste agli operatori ed ulteriori conoscenze specifiche della macchina e dei suoi apparati. Deve avere una notevole

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTEFERENTI (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTEFERENTI (D.U.V.R.I.) Allegato 2 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTEFERENTI (D.U.V.R.I.) GARA: SERVIZI DI PULIZIA E DI LAVANDERIA DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CODICE C.I.G. 40202639F8 1. OGGETTO DELLA

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO SPILLATORI A SECCO A N T A

ISTRUZIONI PER L USO SPILLATORI A SECCO A N T A ISTRUZIONI PER L USO SPILLATORI A SECCO A N T A 1 ANTA DATI TECNICI Modello Potenza installata [W] N. rubinetti Compr essore Capacità di raffreddamento [l/ora] Peso [kg] Dimensioni largh./prof./ alt. [mm]

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione Riduttore di pressione per saldatura

Istruzioni d uso e manutenzione Riduttore di pressione per saldatura Istruzioni d uso e manutenzione Riduttore di pressione per saldatura AVVISO IMPORTANTE Leggere attentamente queste istruzioni prima di usare il riduttore di pressione, e conservarle per poterle consultare

Dettagli

DAL D.P.R. 547/55. AL NUOVO DLgs 81/08

DAL D.P.R. 547/55. AL NUOVO DLgs 81/08 DAL D.P.R. 547/55 AL NUOVO DLgs 81/08 DLgs del 9 / 4 / 08 n. 81 TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ART. 80. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 1) Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali,

Dettagli

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le MANUALE USO E MANUTENZIONE c.i v r e f m o Coltello a caldo taglia polistirolo Art. 0441 ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima

Dettagli

Attività:... Via... cap Città.. Tel. /Fax... PROPRIETARIO DELL EDIFICIO Ragione sociale. Via.., n civico.. Cap, Località.

Attività:... Via... cap Città.. Tel. /Fax... PROPRIETARIO DELL EDIFICIO Ragione sociale. Via.., n civico.. Cap, Località. Titolo: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTI GENERATI MODELLI MODELLO DI REGISTRO DI PREVENZIONE INCENDI Rif. Doc.: MOD.REG.INC Rev.: 0.0 Data: Luglio 2008 Modello n 06 Decreto Legislativo 9 Aprile

Dettagli

L impianto in esame sarà alimentato mediante n. 1 fornitura di energia elettrica in bassa tensione 230 V.

L impianto in esame sarà alimentato mediante n. 1 fornitura di energia elettrica in bassa tensione 230 V. PREMESSA La presente relazione tecnica è relativa alla realizzazione dell impianto di pubblica illuminazione a servizio del PARCO DI MADONNA DEL COLLE di Stroncone (TR). DESCRIZIONE DELL IMPIANTO L impianto

Dettagli

N0RME TECNICHE 23/05/2013 SPSAL AUSL Ferrara TdP Dott. Loreano Veronesi

N0RME TECNICHE 23/05/2013 SPSAL AUSL Ferrara TdP Dott. Loreano Veronesi N0RME TECNICHE 23/05/2013 SPSAL AUSL Ferrara TdP Dott. Loreano Veronesi Punti salienti delle Norme CEI 64-8/7 Cantieri di costruzione e di demolizione e Norme CEI 64-17 Guida all'esecuzione degli impianti

Dettagli

I.S.P.E.S.L. PROGETTO SI.PRE. REGIONI

I.S.P.E.S.L. PROGETTO SI.PRE. REGIONI I.S.P.E.S.L. PROGETTO SI.PRE. REGIONI 1. COMPARTO: AUTOTRASPORTI 2. FASE DI LAVORAZIONE: 4.3 OPERAZIONI DI AGGANCIO E SGANCIO DEI SEMIRIMORCHI E RIMORCHI 3. CODICE ISTAT: 60.24.0 TRASPORTO DI MERCI SU

Dettagli

Lavorazione: AGUGLIATURA

Lavorazione: AGUGLIATURA Scheda 15 Tipo / Fase: TESSUTI NON TESSUTI / RIFINIZIONE Lavorazione: AGUGLIATURA Scopo della lavorazione L agugliatura è il processo con cui, mediante movimento verticale degli aghi, si conferisce compattezza

Dettagli

La sorveglianza del mercato sulle non conformità della marcatura CE dei carri raccogli frutta Criticità

La sorveglianza del mercato sulle non conformità della marcatura CE dei carri raccogli frutta Criticità La sorveglianza del mercato sulle non conformità della marcatura CE dei carri raccogli frutta Criticità Totale 12 segnalazioni di macchine agricole raccoglifrutta TC 144 - Motivo Segnalazione Motivo N

Dettagli

1 electrosuisse. Lavori Lavori di manutenzione

1 electrosuisse. Lavori Lavori di manutenzione 1 electrosuisse Lavori di Pericoli non elettrici Basi SEV 1122: Misure di protezione nelle installazioni a bassa tensione contro i pericoli non elettrici in impianti di produzione e tecnici di esercizio.

Dettagli

Manuale. Prefazione. 1 Introduzione

Manuale. Prefazione. 1 Introduzione Prefazione Manuale Il presente manuale mira a fornire agli utenti un quadro generale del funzionamento, del montaggio e della manutenzione degli apparecchi forniti da Geha bv. Prima di iniziare con l installazione

Dettagli

Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE

Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE Capitolo 1 - La direttiva 99/92/CE (DLgs 81/08, Titolo XI) 11 1.1 Introduzione 11 1.2 Ambito di applicazione 11 1.3 Obblighi generali di

Dettagli

PROFESSIONAL. Stiro Casa Professional

PROFESSIONAL. Stiro Casa Professional 7 8 11 9 1 2 12 3 4 6 5 10 PROFESSIONAL 1) Tappo brevettato di sicurezza 2) Interruttore caldaia 3) Cavo d alimentazione 4) Tappetino poggiaferro 5) Manopola regolazione temperatura ferro 6) Impugnatura

Dettagli

12 Operazione: PULITURA CON ARIA COMPRESSA

12 Operazione: PULITURA CON ARIA COMPRESSA Scheda 12 Operazione: PULITURA CON ARIA COMPRESSA Macchinario: ASSORTIMENTO DI CARDATURA cardatura Scopo dell operazione La pulitura con aria compressa viene eseguita anche più volte al giorno, in funzione

Dettagli

SONDA LIVELLO MINIMO

SONDA LIVELLO MINIMO SONDA LIVELLO MINIMO NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE ED USO 2 INDICE Indice 2 Avvertenze generali 3 Dati tecnici

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI

MANUALE D ISTRUZIONI MANUALE D ISTRUZIONI SA9829 STUFA AL CARBONIO CLIMA Principali caratteristiche tecniche: Stufa al carbonio Tensione: AC 220, 50 Hz Potenza: 1200 W (Max) Regolazioni: 2 livelli Angolazione di oscillazione

Dettagli

VALVOLA DI SICUREZZA tipo DBDS 9.1 I 01-12

VALVOLA DI SICUREZZA tipo DBDS 9.1 I 01-12 VALVOLA DI SICUREZZA tipo DBDS 9.1 I 01-12 9.1.1 DATI TECNICI PRESSIONE MASSIMA DI ESERCIZIO (PS): tipo 6, 20: 400 bar tipo 10: 630 bar tipo 30: 315 bar PRESSIONE DI TIRATURA (P): (su richiesta) tipo 6,

Dettagli

AMEGLIA COMUNE DI ALLEGATO A. SPECIFICA TECNICA FORNITURA (la fornitura dovrà essere consegnata suddivisa come richiesto)

AMEGLIA COMUNE DI ALLEGATO A. SPECIFICA TECNICA FORNITURA (la fornitura dovrà essere consegnata suddivisa come richiesto) COMUNE DI PROVINCIA DELLA SPEZIA Via Cafaggio 15 Tel. 0187 60921 fax 0187 609044 Area Tecnica Ufficio LL.PP. Tel. 0187 609261 e.mail llpp@comune.ameglia.sp.it Sito internet : www.comune.ameglia.sp.it Partita

Dettagli

RISCHI USO SEGHETTI ELETTRICI

RISCHI USO SEGHETTI ELETTRICI RISCHI USO SEGHETTI ELETTRICI EN 388 2 GRADO MASCHERA ANTIPOLVERE EN 166 1. Assicurarsi che la lama abbia smesso di muoversi prima di avvicinarsi o di appoggiare lo strumento. 2. Non lasciare lo strumento

Dettagli