ASSOCIAZIONE TREBEA. Le nostre ricerche A cura di Maria Grazia Maistrello Morgagni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSOCIAZIONE TREBEA. Le nostre ricerche A cura di Maria Grazia Maistrello Morgagni"

Transcript

1 Le nostre ricerche A cura di Maria Grazia Maistrello Morgagni A Casalborgone è nota la consuetudine di dire di coloro che lasciano questo mondo l han portalo a Santa Maria, intendendo il cimitero esistente attorno all antica chiesa di Santa Maria Trebea. Le famiglie che hanno radici da secoli in Casalborgone sanno però che, in antico, i luoghi di sepoltura erano ben tre, ovvero i cimiteri esistenti da epoca immemorabile intorno alle chiese delle antiche parrocchie di Santa Maria Trebea e di San Siro e, per gli abitanti del Leu, l interno della chiesa di Santa Maria Maddalena. A seguito delle disposizioni sanitarie emanate in epoca Napoleonica il cimitero di S. Maria Trebea divenne l unico luogo deputato alla sepoltura dei defunti. All interno della chiesa di S. Maria Maddalena continuarono però per qualche decennio le sepolture nei tumuli propri dei parroci e dei conti di Casalborgone. Non sappiamo quando sia nata la consuetudine di seppellire all interno della chiesa di S. Maria Maddalena, che era in origine la cappella dei signori del castello, ma proprio per questa circostanza possiamo supporre che almeno dalla metà del XIII secolo vi trovassero sepoltura i signori del luogo. Questi avevano un loro proprio altare che dal XVI secolo risulta intitolato alla Vergine Annunziata e, dopo l ampliamento della navata destra della chiesa, fu intitolato a San Giuseppe, restando di proprietà della famiglia signorile del luogo, ovvero in quell epoca i conti Broglia. Ciò è attestato anche dallo stemma tuttora esistente sulla sommità del predetto altare e dal banco usato dalla famiglia. Vennero sicuramente sepolte all interno della cappella del castello anche alcune altre famiglie di notabili del luogo, è infatti documentato che, nel corso del 500, vennero demolite le tombe antiche delle famiglie De Barberij, Scapolini e Simonini, nel frattempo estinte. Probabilmente nella seconda metà del XVI secolo, con l autorizzazione concessa dal vescovo di Ivrea al parroco di Santa Maria Trebea di trasferire le funzioni parrocchiali nella cappella del castello (il parroco di San Siro già vi celebrava almeno dalla metà del XV secolo), era invalso l uso di utilizzare appositi tumuli riservati alla comunità residente nel Leu. Inoltre la comunità già dal 500 contribuiva alle spese per i lavori da farsi acquisendo quindi anche il diritto di condividere la chiesa con i feudatari del luogo. Una descrizione dettagliata dei tumuli esistenti nel 1678 all interno della chiesa di S. Maria Maddalena è riportata in un inventario del parroco Don Giuseppe Gallo. Il primo registro relativo agli atti di morte a noi pervenuto risale all anno 1600, sono pertanto documentate da tale epoca le tumulazioni avvenute, che confermano le indicazioni di Don Gallo ed anche la consuetudine di consentire la tumulazione all interno della chiesa di S. Maria Maddalena di taluni abitanti della parrocchia di San Siro.

2 In effetti, negli anni dal 1726 al 1729, risultano scarse le sepolture nel cimitero di San Siro e le tumulazioni dei parrocchiani di S. Siro avvennero soprattutto nella chiesa di S. Maria Maddalena. Dalle precise indicazioni del priore di S. Siro, Don Lorenzo Bruno, che ha specificato anche i tumuli, si può dedurre che ciò fosse in parte determinato dall appartenenza alle varie Compagnie e Confraternite che avevano le loro proprie tombe all interno della chiesa di S. Maria Maddalena. Si prende ad esempio l anno 1728 in cui risultano Busca Giovanni Battista e Francesco Battista Craveri nel tumulo della Compagnia del SS. Rosario; Bartolomeo Nelva nel tumulo della Compagnia di S, Croce, Giovanni Tasso nel tumulo della Compagnia del SS. Sacramento. Nei tumuli delle Compagnie potevano essere sepolti anche i bambini: nell anno 1726 Giuseppe Paolo Francesco Davico di quattro anni e mezzo fu sepolto nel sepolcro della Compagnia del SS. Rosario. Per Pietro Antonio Saroglia, il parroco di San Siro precisò che fu sepolto nel tumulo dinanzi all altare di S. Antonio Abate. La mortalità infantile era notoriamente molto elevata, con particolari recrudescenze come nell estate del In quei giorni un morbo sconosciuto entrò in molte case del Leu, senza distinzione di classe sociale, portandosi via i più piccoli. Furono infatti sepolti nel tumulo degli infanti, all interno della chiesa di S. Maria Maddalena tra il 26 ed il 27 luglio Teresa Ciapino e Giacomo De Toso di quattro anni e Giacinto Visconti di due mesi, figlio di un chirurgo di Torino. Il 1 agosto echeggiarono i pianti disperati nelle case Vittone, Nelva e Andrione ed il giorno successivo Lorenzo Vittone di due anni fu portato a S. Maria Trebea, mentre in S. Maria Maddalena furono calati i due corpicini di piccoli di cinque e quattro anni. Non risparmiò casa Broglia e il 9 agosto fu sepolta nel tumulo di famiglia Luisa Antonia Amedea Maria Broglia, figlia del conte Mario Domenico, di tre anni. Li raggiunsero il 10 agosto Giovanni Maria Bonetto di due anni e Angela Maria Ciapino di tre anni e mezzo. Seguì il 22 agosto Antonio de Vittono di quattro anni. Teresa Gallone di un anno morta il 4 agosto e Giovanni Giuseppe Ellia di cinque anni morto il 25 agosto furono invece sepolti a S. Maria Trebea. Negli anni parve nuovamente che l angelo della morte volesse portarsi via tutti i neonati. Iniziò dapprima nel Leu, dove più volte ogni settimana si sentirono i lugubri rintocchi e vi furono anche giorni si videro calare due o tre corpicini nel tumulo degli infanti. Per evitare il contagio dei familiari, spesso i deceduti in giornata vennero sepolti prima del tramonto del sole. Nell anno 1765 furono tumulati ben 15 neonati e 2 lattanti nella sola chiesa di S. Maria Maddalena; 4 nel cimitero di San Siro e nel cimitero di S. Maria Trebea 7 neonati, 4 lattanti e 5 piccoli fra i tre ed i dieci anni. In totale i decessi furono 46 di cui solo 11 di adulti e ottuagenari. L anno successivo, 1766, il morbo raggiunse gli Airali dove morirono 15 piccoli (9 neonati, 3 lattanti e 3 piccoli tra i cinque e i dieci anni. Nel Leu non cessarono però i rintocchi che accompagnarono i funerali di 13 piccoli, di cui 11 neonati. Negli ultimi mesi dell anno morirono anche 19 adulti, di cui 7 anziani nel solo mese di dicembre. In totale quell anno i decessi furono 47. Nel 1767, salvo la tumulazione di una piccola deceduta appena nata all inizio dell anno, non avvennero più sepolture all interno della chiesa di S. Maria Maddalena. Forse qualcuno cominciò a sospettare una relazione tra i decessi, le sepolture della chiesa e l acqua che utilizzavano per bere e cucinare? La comunità attingeva infatti l acqua dal profondo pozzo situato in adiacenza della chiesa e tuttora visibile

3 di fianco alla scalinata d accesso. I documenti attestano che nell anno 1767 tutte le tumulazioni, eccetto la predetta, per un totale di 30 decessi di cui 10 neonati, 5 lattanti e 3 piccoli al di sotto dei dieci anni, ebbero luogo nel cimitero di S. Maria Trebea, lontano dagli abitati. Si era drasticamente ridotto il numero delle morti infantili. Con il trascorrere degli anni, nonostante il divieto dei vescovi, ripresero le tumulazioni degli abitanti del Leu in S. Maria Maddalena, sino al Negli anni successivi soltanto più i conti ed i parroci ebbero diritto di sepoltura nei rispettivi sepolcri. Non è ovviamente questa la sede adatta per la pubblicazione dettagliata delle notizie riguardanti le singole sepolture, che avverrà eventualmente in altro contesto. Ci si limita pertanto a confermare quanto citato in molteplici documenti, ovvero che erano disposti tumuli ovunque all interno della chiesa di S. Maria Maddalena, non solo per i parroci ed i conti, ma per le compagnie e le confraternite che avevano le loro sepolture dinanzi agli altari, poi tombe di famiglie signorili, il tumulo degli infanti ed infine il tumulo destinato a tutta la comunità. Non risultano descritte nei documenti più antichi le modalità con cui avvenivano le sepolture all interno dei molti tumuli esistenti nella chiesa di S. Maria Maddalena, possiamo però rifarci alle consuetudini generalmente in uso in Piemonte nel corso del 500 e 600. Al termine della cerimonia funebre il cadavere veniva semplicemente fatto scivolare, possiamo immaginare avvolto in un lenzuolo, all interno delle botole esistenti sotto i pavimenti delle chiese. Quando le ossa calcinate colmavano i vani sotterranei, mescolate tra di loro venivano trasferite in qualsiasi punto del terreno che circondava la chiesa ed in qualche caso i tumuli venivano semplicemente riempiti come avvenne per i tumuli delle famiglie estinte ai quali fa cenno Don Gallo nel Dai testamenti che ho avuto occasione di leggere, deduco che sino alla fine del 1600, usando una formula convenzionale pressoché invariata dal XIII secolo salvo l indicazione del luogo scelto per la sepoltura, veniva semplicemente indicato: essendo certa la morte, ma non essendo certi il giorno e l ora, raccomandata l anima sua all Altissimo Creatore a Maria Vergine Santissima e a tutti gli angeli e santi della celestial corte, ordina che quando il suo corpo sarà fatto cadavere quello sia sepolto nella chiesa di esistente in con sue debite esequie e funerali, senza ulteriori precisazioni in merito alla preparazione e modalità di tumulazione. A partire dai primi decenni del 700 si ha notizia dai testamenti di sepolture in cassa, non solo per i parroci, i Conti ed altre famiglie nobili, ma anche per particolari, erano però benestanti e con incarichi di prestigio. Probabilmente gli altri abitanti del Leu continuarono ad essere calati in un semplice lenzuolo nelle botole destinate alla comunità sino all interdizione di seppellire all interno della chiesa. Il cav. Antonio Davico, notaio, nel suo testamento del 24 giugno 1736 e codicillo del 1738, dispose infatti espressamente: e fatto che sarà il suo corpo cadavere ordina sia sepolto, ed interrato, incassiato in qualche posto comodo della chiesa Maggiore di questo luogo di Santa Maria Maddalena ad effetto che comodamente si possa dal signor Parroco sovra la tomba far l annuale commemoranda infra ordinata, cioè al di sotto del portico di detta chiesa corrisposto alla misura del Santo Fonte Battesimale, ossia al di sotto del portone esistente sotto l Altar Maggiore di detta chiesa in modo che non venghi più remosso

4 Nel testamento dell anno 1753, la contessa Isabella Franca Incisa di Camerana chiese che il suo corpo fosse interrato incassato. Il fatto stesso che fosse precisato incassato fa intendere che non era ancora consuetudine per tutti. Secoli dopo, sarà il parroco Don Milone a darci notizia, nella relazione compilata nell anno 1838 in occasione della visita pastorale dell Arcivescovo di Torino Franzoni, delle consuetudini relative alle modalità di seppellimento, precisando: i cadaveri si seppelliscono vestiti e messi nella cassa sepolcrale e conclude: vengono ogni volta interrate le ossa di morti che vengono trovate disperse. Con i decreti seguiti alla visita episcopale, Michele Vittorio De Villa vescovo di Ivrea, già nel settembre del 1751 ordinò che non si procedesse più alle sepolture sotto l altar maggiore ed anche nel tumulo allora usato per la sepoltura degli infanti e stabilì di raccogliere e trasferire in bell ordine in un unico punto tutte le ossa radunando quelle disperse. Vent anni dopo, il 14 settembre 1771, il vescovo di Ivrea, Ottavio Pochettino, confermò le disposizioni del suo predecessore e proibì le sepolture nei quattro sacelli esistenti in prossimità dell ingresso. Raccomandò inoltre che fossero radunate le ossa dei tumuli sotto il coro e.l altar maggiore e che fossero ricoperte di terra essendo questo cimitero extemplo interdictum. I documenti confermano che in quel tempo, all interno della chiesa, ancora avvenivano e continuarono sino all anno , le sepolture di comuni cittadini. Non erano soggetti alle disposizioni del Decreto Vescovile i tumuli dei parroci e dei conti, ove si continuò a seppellire sin oltre la metà dell 800. Il parroco don Demarchi nel maggio 1933, effettuò un sopralluogo con l autorizzazione dell ufficiale sanitario dott. Ortalda alla presenza del podestà geom. Capella Giovanni e del capomastro. Nelle Cronache Parrocchiali scrisse queste note: si scopersero le tombe del recinto, non però quelle dei Conti Patroni essendo essi a Torino, la 1^ a sinistra, cornu evangelij: adibita a sepoltura dei parroci vidi: (solo però tutta una stanzetta quadrata, a mattoni parte tufo scavato) una cassa, che al contatto dell aria si sfasciò e si vide un cadavere, solo ossa capelli intatti, tutto polverizzato solo calze seta e scarpette intatte. A mio parere credo sia il teol. Passera morto il 10 maggio 1798 ultimo sepolto a S. Maria Maddalena: però da persona del luogo sentii a dire che era stato ca. 70 anni or sono sepolto un certo don Chiesa, zio del don Chiesa che regalò i lampadari maggiori, non so però con quale fondamento. Sotto questo apparvero in polvere e schiacciati dal primo altri 3 ed accanto altri due. Nessuna targhetta accanto. 2 Sic transit!! 1 Nell anno 1801 furono calati nei tumuli destinati agli infanti ed alla comunità 5 infanti e 3 adulti. Le ultime sepolture avvennero nei primi mesi del Don Francesco Antonio Chiesa fu effettivamente sepolto nel tumulo dei parroci nell anno 1838, come ricordato in una pregevole riproduzione seicentesca, donata dalla famiglia a memoria del defunto. Trattasi di un quadro, riproducente la Deposizione, dono degli eredi a ricordo dei genitori defunti con altro di identiche dimensioni riproducente l Annunciazione. Le due tele, un tempo poste ai lati dell altar maggiore nella chiesa di S. Maria Maddalena, sono oggi conservate nell attuale chiesa parrocchiale di Casalborgone, S. Carlo Borromeo. Don Emilio Chiesa, padre Modesto dei Minori Osservanti, che visse nella casa un tempo dei Priori di San Siro, donò, come ricorda il parroco Don Demarchi i pregevoli lampadari di

5 Nella 2^ sotto S. Antonio nella navata: muratura nuova sui lati; nell interno in confusione teschi, ossa, ecc. inframmisti a calcina in molta quantità. Io credo che allorché si è cambiato il pavimento, si siano riunite le due tombe, queste, quella del fondo e forse anche quelle che erano sparse per la chiesa, che ora sono coperte e non esiste più traccia. Le assoluzioni però nel giorno dei morti si fanno sui Parroci, sui Conti e in fondo vicino al Battistero. All epoca di don De Marchi non si sapeva quindi più perché il rito di suffragio prevedesse la benedizione nei pressi del Battistero. Lo sappiamo oggi dalle ultime volontà del cav. Antonio Davico che nel suo testamento sopra citato chiedeva di essere sepolto in corrispondenza del Santo Fonte Battesimale, ove fare l annuale commemoranda. Da documenti successivi contenuti nell Archivio Parrocchiale sappiamo che la sepoltura avvenne proprio davanti al Fonte Battesimale ove furono sepolti anche altri componenti della famiglia e la moglie Anna Lucia Davico deceduta di anni 80 il 21/9/1757, se non che all epoca del decesso del cav. Davico il fonte battesimale si trovava in tutt altro luogo, come testimonia l inventario compilato nel 1751 dal parroco Don Baretta che così riferisce: L altare sotto il titolo dell Immacolata Concezione di Maria ove si vede il suo simulacro di legno scolpito e ornato con ancona, collone, ed ornamenti pure scolpiti e dorati massime quatro statue picoli rappresentanti S., Pietro, Massimo, S. Deffe [?] e Valentino Prete senza reddito ed obbligo, nel di cui angolo destro si trova posto un antico battisterio continente una colonna di pietra con suo bacino pure di pietra sopra di cui si trova un credenzino di noce in forma piramidale antichissimo, e di poco valore coperto con stoffa di lana, verde con acanto il sacrario attacato al pilastro magistente [?] della chiesa in quel credenzino vi esiste il cucchiaro d ottone per versar l acqua sopra li Battesandi, con li due vasetti di stagno per l oglio de cattecumini e crisma ed il caseto di majolica per il sale chiuso con chiave di ferro. Dall uno e l altro latere della porta esistono due confesionali di noce antichi e sopra di essa un gran quadro con cornice rappresentante l Immacolata Concezione di Maria con diverse altre figure di Santi e Sante.A cornu epistola dell Altar Maggiore e vicino alla porta di detta chiesa vi è l altare sotto il titolo di S. Antonio Abbate, dipinto in un quadro di tela con effigie di diversi altri santi con ancona, collone, ed altri ornamenti di bosco scolpito senza balaustra. Proprio in occasione della visita pastorale avvenuta in quell anno 1751, il vescovo di Ivrea Michele De Villa così decretò: Rimuovere il battistero esistente all interno dei cancelli dell Altare della Concezione della B.M.V., in quanto il luogo è assai angusto e inappropriato e, poiché nell esistente altare di S. Antonio Abate, ultimo a lato dell epistola, libero da cura ed amministrazione, non si celebra la S. Messa nella ricorrenza del Santo ed è sprovvisto di decenti ornamenti e abbandonato e inutile, ordiniamo di demolirlo per collocarvi il battistero cinto da un cancello ed il fonte battesimale protetto all interno cristallo, fabbricati nel 1850 dalla ditta Bonaudo che aveva sede in via Po a Torino e, morto di anni 80 il 26/6/1910, fu sepolto nel cimitero di S. Maria Trebea. Si può quindi dedurre che le sepolture viste da Don De Marchi, considerato che i suoi due immediati predecessori, Don Barbero e Don Milone erano già stati trasferiti nella tomba dei parroci del cimitero di Casalborgone, si riferissero a Don Francesco Antonio Chiesa, Don Giorgio Battù, e ai parroci Don Passera, Don Baretta nonché ai maestri don Felice Garbiglia, don Blasio Soave, e al rev. Geronimo Masserio, ma ovviamente occorrerebbero ulteriori specifiche ricerche per poterlo affermare con sicurezza, in quanto, come dimostrato dai documenti, nel tumulo ad essi destinato non furono sepolti soltanto i parroci, ma anche i curati, cappellani, maestri di scuola e altri sacerdoti.

6 e munito di uno sportello da chiudere con chiavistello e chiave, da eseguire entro tre mesi a cura della Comunità. La demolizione dell altare dedicato a S. Antonio non era ancora avvenuta nell anno 1771 perché il vescovo Michele Ottavio Pochettino così decretò: Il sacrario, ovvero conca, esterna ai cancelli del battistero, è attualmente aperta, deve essere munita di una porticina con chiavistello e chiave a cura della chiesa. I quattro altari che sorgono ai due lati al di là dell ingresso, limitano lo spazio dei fedeli che non possono accedervi essendo consacrati, perciò è necessario per non sminuire la dignità dei divini misteri e disturbare lo stesso sacerdote, dichiararli soggetti ad interdizione, confermando inoltre la sentenza per quanto concerne l Altare di Sant Antonio Abate, come già ordinato nella visita pastorale del nostro predecessore Vescovo De Villa : Nella navata di sinistra quasi di fronte alla colonna con la nicchia contenente la piccola statua di S. Antonio da Padova è ancora visibile una pietra con inciso un cimiero e parte di scritta suorum omnium in lapidem jacet presumiamo che con l ampliamento della navata sinistra sia stata rimossa e poi ricollocata nella posizione iniziale, dove risultava esservi la sepoltura dei membri della famiglia Sapis. Antonio Sapis Giudice dei Criminali e Thesoriere di S.A.R. chiese espressamente di essere sepolto al centro della chiesa in prossimità della sua casa villa, la casa tuttora esistente in coerenza della chiesa verso sera. Nell anno 1930, poco dopo il suo ingresso parrocchiale, il parroco di S. Maria Trebea Don Bartolomeo De Marchi dispose la costruzione della tomba dei parroci nel cimitero di S. Maria Trebea ed alla traslazione e sepoltura nella nuova tomba dei suoi immediati predecessori: don Milone Michel Angelo e mons Barbero. Provvide a sue spese, usufruendo anche di un contributo lasciato a tale scopo da mons. Barbero e con il concorso dei parrocchiani. L attuale pavimento in pietra nella chiesa di S. Maria Maddalena tuttora cela i tumuli sepolcrali un tempo destinati ai signori del luogo, ai parroci, alla famiglia Sapis. Al di sotto del coro riposano le ossa radunate a seguito delle disposizioni vescovili della fine del 700. Notizie ricavate da Maria Grazia Maistrello Morgagni nell Archivio Parrocchiale di Casalborgone, nell Archivio di Stato di Torino, da pubblicazioni varie sulle famiglie nobili del Piemonte 01/12/2010

Tre finestre rettangolari, decorate con vetri multicolore raffiguranti S. Pietro, S. Paolo e Gesù Cristo, illuminano la cantoria e la navata centrale

Tre finestre rettangolari, decorate con vetri multicolore raffiguranti S. Pietro, S. Paolo e Gesù Cristo, illuminano la cantoria e la navata centrale Descrizione Oggetto Esterno La Chiesa dei S.S. Pietro e Paolo presenta una tipica facciata a capanna (fotografia 1). Il portale principale (fotografia 2), recante il simbolo del Giubileo del 2000 (fotografia

Dettagli

Edicole sacre e Capitelli

Edicole sacre e Capitelli Edicole sacre e Capitelli Le Edicole sacre, i cosiddetti Chiesolini ed i Capitelli che si trovano nelle diverse corti e strade di Felonica, sono piccole architetture, a forma di cappella o tempio, contenenti

Dettagli

La chiesa di San Giovanni Battista in Pereto (L Aquila): la storia. Massimo Basilici Pereto, 29 dicembre 2009

La chiesa di San Giovanni Battista in Pereto (L Aquila): la storia. Massimo Basilici Pereto, 29 dicembre 2009 La chiesa di San Giovanni Battista in Pereto (L Aquila): la storia Massimo Basilici Pereto, 29 dicembre 2009 Prima di iniziare Dedica ad Aldo Perez, un amico scomparso Grazie a lui sono iniziate le pubblicazioni

Dettagli

A cura di Massimo Cogliati

A cura di Massimo Cogliati A cura di Massimo Cogliati S. DOMENICO DI GUZMAN MARIA VERGINE IMMACOLATA Databile fine 600 Databile inizio 700 1567: il Cardinale Carlo Borromeo visita l antica chiesa di S. Zeno, che sorgeva tra le

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE DI BERZO INFERIORE. Classe 5^

SCUOLA ELEMENTARE DI BERZO INFERIORE. Classe 5^ SCUOLA ELEMENTARE DI BERZO INFERIORE Classe 5^ MARZO 1997 La Santella dei Santi La santella in via Orcava prende il nome di Cappella dei Santi. Questa cappella è costruita in pietra e raffigura alcuni

Dettagli

Il Foglio Parrocchiale La Via Crucis per i ragazzi Jesus - Il Film

Il Foglio Parrocchiale La Via Crucis per i ragazzi Jesus - Il Film Il Foglio Parrocchiale La Via Crucis per i ragazzi Jesus - Il Film La Chiesa Matrice Madre di tutte le Chiese Costruzione del 1795, con facciata in granito locale progettata dall architetto serrese Biagio

Dettagli

Le chiese. Chiesa Conventuale di S. Domenico Del 1475, dell originario impianto i resti di mura e di una delle porte di accesso alla Città.

Le chiese. Chiesa Conventuale di S. Domenico Del 1475, dell originario impianto i resti di mura e di una delle porte di accesso alla Città. Le chiese (In alto) Chiesa di S. Francesco di Paola: interno (A sinistra) Il soffitto a cassettoni della chiesa, racchiude un dipinto di S. Francesco del 1719 Chiesa di S. Maria di Costantinopoli Nel XII

Dettagli

ANTICA CHIESA DI SAN ULDERICO Ritrovamenti e ricerche di Gaetano Zanotto. San Ulderico vescovo in paramenti da messa, statua di tufo (1300)

ANTICA CHIESA DI SAN ULDERICO Ritrovamenti e ricerche di Gaetano Zanotto. San Ulderico vescovo in paramenti da messa, statua di tufo (1300) ANTICA CHIESA DI SAN ULDERICO Ritrovamenti e ricerche di Gaetano Zanotto San Ulderico vescovo in paramenti da messa, statua di tufo (1300) Croce del primo Cimitero di Povegliano Veronese Dopo 200 anni

Dettagli

«Va' nella tua casa, dai tuoi, annuncia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la misericordia che ha avuto per te».

«Va' nella tua casa, dai tuoi, annuncia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la misericordia che ha avuto per te». «Va' nella tua casa, dai tuoi, annuncia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la misericordia che ha avuto per te». (Mc. 5,19) Creazione di Adamo (cattedrale di Chartres) Settembre 2015 1 2 3 4 5 6 XXIII

Dettagli

Dal 29 maggio al 4 giugno a Gallignano la statua della Madonna di Fatima, pregando per don Francesco che l'11 giugno diventerà sacerdote

Dal 29 maggio al 4 giugno a Gallignano la statua della Madonna di Fatima, pregando per don Francesco che l'11 giugno diventerà sacerdote Dal 29 maggio al 4 giugno a Gallignano la statua della Madonna di Fatima, pregando per don Francesco che l'11 giugno diventerà sacerdote Sarà una settimana particolarmente ricca di spiritualità quella

Dettagli

13 marzo 2014 la classe 1 a A della Scuola secondaria di primo grado di Castelveccana in visita al parco archeologico di Castelseprio

13 marzo 2014 la classe 1 a A della Scuola secondaria di primo grado di Castelveccana in visita al parco archeologico di Castelseprio 13 marzo 2014 la classe 1 a A della Scuola secondaria di primo grado di Castelveccana in visita al parco archeologico di Castelseprio La zona di Castelseprio era abitata già in età pree protostorica, infatti

Dettagli

COMUNE DI OSSIMO - PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Elenco delle emergenze puntuali del territorio comunale EMERGENZE STORICO ARCHITETTONICHE

COMUNE DI OSSIMO - PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Elenco delle emergenze puntuali del territorio comunale EMERGENZE STORICO ARCHITETTONICHE COMUNE DI OSSIMO - PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2012 Elenco delle emergenze puntuali del territorio comunale EMERGENZE STORICO ARCHITETTONICHE 01 Museo Etnografico "Ossimo Ieri" EDIFICI RELIGIOSI 01

Dettagli

(Vicariato di Milis) abit. 1671 alt. 72 m s.l.m. Km 19 da OR. Via Dante, 8 09070 MILIS (OR) Tel. 0783/51579. Parroco: don Francesco Murana

(Vicariato di Milis) abit. 1671 alt. 72 m s.l.m. Km 19 da OR. Via Dante, 8 09070 MILIS (OR) Tel. 0783/51579. Parroco: don Francesco Murana (Vicariato di Milis) abit. 1671 alt. 72 m s.l.m. Km 19 da OR Via Dante, 8 09070 MILIS (OR) Tel. 0783/51579 Parroco: don Francesco Murana opere 1. Scuola Materna Figlie della Carità Via Dante, 39 Tel. 0783

Dettagli

Archivio storico regionale Elenco categorie del Fondo Filippa di Martiniana. Elenco delle categorie del fondo Filippa di Martiniana

Archivio storico regionale Elenco categorie del Fondo Filippa di Martiniana. Elenco delle categorie del fondo Filippa di Martiniana Elenco delle categorie del fondo Filippa di Martiniana 1 Categoria Mazzo Descrizione 172 I Scritture e contratti di famiglia dal 1513 al 1650 172 II Scritture e contratti di famiglia dal 1650 al 1700 172

Dettagli

La Chiesa parrocchiale

La Chiesa parrocchiale MONTECATINI VAL DI CECINA La Chiesa parrocchiale di San Biagio F.R. 2010 MONTECATINI VAL DI CECINA Castello capoluogo di Comunità con chiesa plebana (San Biagio) nella Giurisdizione, Diocesi e circa 7

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario liturgico Tempo pasquale 2016 CAPPELLA di S. MARIA delle GRAZIE in VIRGINIOLO 50025 MONTESPERTOLI FI ( 0571/669167 Ogni Domenica Orario consueto Ore 16.30: S. Rosario,

Dettagli

Sassari I Riti della Settimana Santa - Programma

Sassari I Riti della Settimana Santa - Programma Sassari I Riti della Settimana Santa - Programma Ogni domenica di Quaresima Ore 17.00 Via Crucis ogni martedì di Quaresima Santa Messa dei da sabato 24 al venerdì 30 marzo ore 9.00 / 18.00 Chiesa S. Antonio

Dettagli

settembre 2016 Lun Mar Mer Gio 6) 7) 8) Natività Beata Vergine Maria

settembre 2016 Lun Mar Mer Gio 6) 7) 8) Natività Beata Vergine Maria settembre 2016 Lun Mar Mer Gio Carrello della spesa tutto l anno. Questa iniziativa sostituisce la tradizionale raccolta di viveri che si svolgeva il giorno dell Epifania 1) 5) ore 20.45 incontro del coordinamento

Dettagli

Mercoledì: INCONTRO GIOVANI alle presso la Casa don Bosco. Venerdì 4 novembre: IL PRIMO VENERDI DEL MESE

Mercoledì: INCONTRO GIOVANI alle presso la Casa don Bosco. Venerdì 4 novembre: IL PRIMO VENERDI DEL MESE Oggi devo fermarmi a casa tua PARROCCHIA DI SAN MARTINO FARRA di FELTRE via Paolina, 2 32032 FELTRE tel. 0439 302502-3284279137 e-mail: virginio.farra@gmail.com 30 ottobre 6 novembre 31 domenica t.o. Sito

Dettagli

Litania di suffragio

Litania di suffragio Litania di suffragio La Litania che può essere usata nella processione dalla chiesa al cimitero nella solennità dei Santi, il 1 novembre. Si inizia in chiesa con il canto dei vespri, si fa la processione

Dettagli

Oggi si riconosce in molte case della piccola frazione del comune di Cerreto lo stile tradizionale di costruzione di quell'epoca.

Oggi si riconosce in molte case della piccola frazione del comune di Cerreto lo stile tradizionale di costruzione di quell'epoca. Rocchetta Rocchetta si trova ad un'altitudine di circa 800 metri, vicino al fiume Tissino che sfocia nel fiume Nera e sulla strada tra Borgo Cerreto e Monteleone di Spoleto leggermente fuori mano. Il nome

Dettagli

CALENDARIO PASTORALE ANNO 2012/2013

CALENDARIO PASTORALE ANNO 2012/2013 CALENDARIO PASTORALE ANNO 2012/2013 Ottobre 2012 1 lunedì 2 martedì Festa dei nonni, Angeli custodi Ore 21 incontro con genitori, 2 cresima 6 sabato Mandato diocesano per i catechisti 7 domenica Presentazione

Dettagli

Lettere Pastorali. N. 12, Lettera pastorale per la quaresima La famiglia cristiana, Cuneo, Tip. Subalpina di P. Oggero, , f pp. 27.

Lettere Pastorali. N. 12, Lettera pastorale per la quaresima La famiglia cristiana, Cuneo, Tip. Subalpina di P. Oggero, , f pp. 27. Lettere Pastorali N.B. I numeri d ordine delle lettere pastorali e circolari di Mons. Valfrè sono quelli di pubblicazione originale. 1885 1. Lettera pastorale al clero ed al popolo della diocesi di Cuneo,

Dettagli

Settembre 27 domenica 6 domenica 13 domenica 20 domenica

Settembre 27 domenica 6 domenica 13 domenica 20 domenica Settembre 4 venerdì 6 domenica XXIII Settimana Ordinario Ore 10.00: Battesimi Solenni Inizio Settimana della festa Patronale Festa in Oratorio 7 lunedì Festa in Oratorio Unitalsi (20,45) 8 martedì Segreteria

Dettagli

INDICE PREGHIERE QUOTIDIANE Preghiere del mattino Invocazioni varie

INDICE PREGHIERE QUOTIDIANE Preghiere del mattino Invocazioni varie INDICE Presentazione pag. 5 Invito» 7 PREGHIERE QUOTIDIANE Preghiere del mattino L'angelo del Signore a Maria» 13 Regina del cielo» 14 Cuore divino di Gesù» 15 Ti adoro, mio Dio (al mattino)» 15 Ti adoro,

Dettagli

Repertorio dei beni Storico-Architettonici e Ambientali 1

Repertorio dei beni Storico-Architettonici e Ambientali 1 Repertorio dei beni Storico-Architettonici e Ambientali 1 REPERTORIO DEI BENI STORICO-ARCHITETTONICI E AMBIENTALI EDIFICI RELIGIOSI... 3 EDIFICI RESIDENZIALI... 7 COMPLESSI RURALI... 8 REPERTORIO DEI BENI

Dettagli

Nucleo TPC di Monza. Operazione Reliquia

Nucleo TPC di Monza. Operazione Reliquia Nucleo TPC di Monza Operazione Reliquia Chiesa di San Rocco Brignano Gera d Adda (BERGAMO) Furto avvenuto in data 27.05.2011 Putto scolpito in legno su base circolare h. cm. 39 ca. Porticina da tabernacolo

Dettagli

Da Lunedì al Venerdì

Da Lunedì al Venerdì ORARIO INVERNALE FERIALE Ore 09.00 - Chiesa dell Incoronazione CALENDARIO ATTIVITÀ PASTORALI ANNO 2016/2017 SS. MESSE Da Lunedì al Venerdì Da Lunedì al Venerdì Ore 18.00 - Chiesa Madre.( la SS. Messa è

Dettagli

AGENDA GIOVANI 31 gennaio 7 febbraio

AGENDA GIOVANI 31 gennaio 7 febbraio PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 31 gennaio al 7 febbraio 2016 DOMENICA 31 Gennaio ore 9,00-11,00 S. MESSA Presentazione Gruppi: MINISTRI della Comunione e Villa Elena LUNEDI' 1 Febbraio

Dettagli

INAUGURAZIONE UFFICIALE DEL NUOVO ORATORIO PARROCCHIALE. INTITOLAZIONE DI UN AULA DI CATECHISMO AD ANTONIETTA RUIU.

INAUGURAZIONE UFFICIALE DEL NUOVO ORATORIO PARROCCHIALE. INTITOLAZIONE DI UN AULA DI CATECHISMO AD ANTONIETTA RUIU. DA GIOVEDI 1 AGOSTO A VENERDI 9 AGOSTO 18.00: Novena di Sant Agapito e Santa Messa. SABATO 10 AGOSTO 18.00: Traslazione del Santo Martire dallo scurolo alla chiesa parrocchiale. Accoglienza della fiaccola

Dettagli

Chiesa Parrocchiale di S. Bartolomeo- Chiesa della SS Trinità o Chiesa Vecchia Chiesa di Santa Croce Chiesa di S. Gregorio

Chiesa Parrocchiale di S. Bartolomeo- Chiesa della SS Trinità o Chiesa Vecchia Chiesa di Santa Croce Chiesa di S. Gregorio Chiesa Parrocchiale di S. Bartolomeo-stile barocco costruita nel 1675 sulla Ripa di Boves Campanile costruito sulla Torre di guardia del Ricetto 1863/64: interno dipinto da Andrea Vinaj e Caro di Lomellina

Dettagli

Festa del Patrocinio di Santa Lucia

Festa del Patrocinio di Santa Lucia Festa del Patrocinio di Santa Lucia Da Sabato 6 Maggio a Domenica 14 Maggio si terrà, per tutta la settimana, la Festa del Patrocinio di Santa Lucia, vergine e martire siracusana. Vi presentiamo il programma

Dettagli

FUORI E DENTRO LA MOSTRA Un itinerario ala scoperta del territorio al tempo dei Vivarini

FUORI E DENTRO LA MOSTRA Un itinerario ala scoperta del territorio al tempo dei Vivarini FUORI E DENTRO LA MOSTRA Un itinerario ala scoperta del territorio al tempo dei Vivarini Ricca di storia e di arte l intera area della Marca trevigiana racchiude importantissimi capolavori della pittura

Dettagli

Santuario di Maria SS. ma del Sabato

Santuario di Maria SS. ma del Sabato Santuario di Maria SS. ma del Sabato Come arrivare al Santuario. Proveniendo da Minervino (incrosio presso l Ospedale) percorrendo la S.P. 64, superato il bivio per la zona 167, superato il ponticello

Dettagli

Le PAROLE di FRANCESCO

Le PAROLE di FRANCESCO PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 31 maggio al 7 giugno 2015 DOMENICA 31 Maggio SS.TRINITA' ore 9,00-11,00 S. MESSA LUNEDI' 1 Giugno NON C'E' LA MESSA ore 21,00 ROSARIO in Via Valfre' 16

Dettagli

N VITA PARROCCHIALE

N VITA PARROCCHIALE N. 40-2013 VITA PARROCCHIALE Settimana dal 30 settembre al 6 ottobre Domenica 29 - XXVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO Dio è condivisione Nel Vangelo di questa domenica, Gesù narra la parabola dell'uomo

Dettagli

Domenica 7 giugno 2015 SANTISSIMO CORPO E SANGUE DI CRISTO

Domenica 7 giugno 2015 SANTISSIMO CORPO E SANGUE DI CRISTO PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 7 al 14 giugno 2015 DOMENICA 7 Giugno CORPUS DOMINI ore 9,00-11,00 S. MESSA ore 18,00 S. Messa Solenne alla STELLA segue processione fino a S. Rocco LUNEDI'

Dettagli

(Vicariato di Ghilarza) abit alt. 290 m s.l.m. Km 40 da OR. Corso Umberto, GHILARZA (OR) Tel

(Vicariato di Ghilarza) abit alt. 290 m s.l.m. Km 40 da OR. Corso Umberto, GHILARZA (OR) Tel (Vicariato di Ghilarza) abit. 4487 alt. 290 m s.l.m. Km 40 da OR Corso Umberto, 17 09074 GHILARZA (OR) Tel. 0785 563148 Parroco: mons. Salvatore Marongiu Sito parrocchiale opere 1. Casa di Riposo "Angelino

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER LA GUARDIA D ONORE ALLE REALI TOMBE DEL PANTHEON. L Ispettore della Toscana: Giovanni Duvina

ISTITUTO NAZIONALE PER LA GUARDIA D ONORE ALLE REALI TOMBE DEL PANTHEON. L Ispettore della Toscana: Giovanni Duvina ORDINI DINASTICI DELLA REALE CASA DI SAVOIA ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO ORDINE AL MERITO DI SAVOIA Il Delegato della Toscana: Pier Luigi Duvina ISTITUTO NAZIONALE PER LA GUARDIA D ONORE ALLE REALI

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Comune di Trieste Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Friuli Venezia Giulia Soprintendenza per i Beni Architettonici ed il Paesaggio

Dettagli

CATTEDRALE DI SANTA MARIA ASSUNTA (DUOMO)

CATTEDRALE DI SANTA MARIA ASSUNTA (DUOMO) Campania illustrata. 1632-1845 CATTEDRALE DI SANTA MARIA ASSUNTA (DUOMO) Di fondazione angioina databile alla fine del XIII secolo, la Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta sorse accorpando e sostituendo

Dettagli

Tesori Sacri Esito del bando

Tesori Sacri Esito del bando Tesori Sacri 2008 Esito del bando In data 15 dicembre 2008 il Comitato di Gestione della Compagnia di San Paolo ha deliberato 52 contributi per la realizzazione di altrettante iniziative presentate alla

Dettagli

MARINA CAFFIERO. Anno di fondazione Titolo Ordine

MARINA CAFFIERO. Anno di fondazione Titolo Ordine TABELLA 1 I monasteri femminili fondati a Roma tra il 1500 e il 1748 Anno di fondazione Titolo Ordine Nuove fondazioni, rifondazioni e trasformazioni del XVI secolo 1 1. 1520 Santa Maria Maddalena al Corso

Dettagli

Parrocchia di San Francesco d Assisi Aggiornamenti a riguardo del Progetto di Restauro Dicembre 2014 Ci Avviciniamo alla fine dei lavori

Parrocchia di San Francesco d Assisi Aggiornamenti a riguardo del Progetto di Restauro Dicembre 2014 Ci Avviciniamo alla fine dei lavori Parrocchia di San Francesco d Assisi Aggiornamenti a riguardo del Progetto di Restauro Dicembre 2014 Ci Avviciniamo alla fine dei lavori Aggiornamenti a riguardo del Progetto di Restauro della Rettoria

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

Domenica 6 novembre - XXXII Domenica del Tempo Ordinario

Domenica 6 novembre - XXXII Domenica del Tempo Ordinario PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 6 al 13 Novembre 2016 DOMENICA 6 Novembre ore 9,00-11,00 S. MESSA LUNEDI' 7 Novembre NON C'E'LA MESSA ore 21,00 Gruppo Rinnovamento nello Spirito MARTEDI'

Dettagli

SETTIMANA MARIANA. Parrocchie del Redentore - Maria SS. ma del Rosario - Santa Croce

SETTIMANA MARIANA. Parrocchie del Redentore - Maria SS. ma del Rosario - Santa Croce PEREGRINATIO del QUADRO della VENERATA EFFIGIE della VERGINE del ROSARIO di POMPEI SETTIMANA MARIANA Parrocchie del Redentore - Maria SS. ma del Rosario - Santa Croce Come ci ha suggerito il Beato Giovanni

Dettagli

Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano-

Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano- Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano- . IL COMANDAMENTO DELL AMORE Ama il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta la forza. Ama il prossimo tuo come te stesso.

Dettagli

Il Cappuccino. Traslazione Beata Alfonsa Clerici. Il giornalino della parrocchia Beata Vergine Assunta Cappuccini. Sommario:

Il Cappuccino. Traslazione Beata Alfonsa Clerici. Il giornalino della parrocchia Beata Vergine Assunta Cappuccini. Sommario: Il giornalino della parrocchia Beata Vergine Assunta Cappuccini Traslazione Beata Alfonsa Clerici 2-10-2011 Anche se non si è svolto nella nostra parrocchia questo evento ci ha coinvolto particolarmente

Dettagli

CALENDARIO LITURGICO Aprile 2009

CALENDARIO LITURGICO Aprile 2009 CALENDARIO LITURGICO Aprile 2009 1 MERCOLEDI' Ore 08,30 S. Messa al cimitero Ore 19,30 Incontro con i catechisti di Cresima e con le responsabili dell intero gruppo 2 GIOVEDI' Ore 9,00-10,00 Adorazione

Dettagli

1 Novembre - TUTTI I SANTI

1 Novembre - TUTTI I SANTI 1 Novembre - TUTTI I SANTI Oggi la Chiesa celebra la solennità di Ognissanti. Tale solennità ci invita a fare memoria non solo dei santi riportati nel calendario ma ricorda che ciascuno di noi è in cammino

Dettagli

PROGRAMMA RELIGIOSO. Dal 7 al 15 luglio terrà le omelie il Rev. Sac. don Angelo Longo, Rettore del Seminario Vescovile di S.

PROGRAMMA RELIGIOSO. Dal 7 al 15 luglio terrà le omelie il Rev. Sac. don Angelo Longo, Rettore del Seminario Vescovile di S. SCALEA - 9 lug. - La festa della patrona della cittadina tirrenica, la Beata Vergine del Carmelo si avvicina. DI seguito tutto ciò che c'è da sapere sul programma religioso, quello folkloristico e sull'evento.

Dettagli

CORTENUOVA. (frazione di Monticello Brianza)

CORTENUOVA. (frazione di Monticello Brianza) CORTENUOVA (frazione di Monticello Brianza) CORTENOVESI MORTI IN GUERRA 1915-1918 MEMORE GLORIA SERBERÀ LA PATRIA PER VOI FATTA PIÙ SICURA E GRANDE Questo è un monumento a parete ai caduti di Cortenuova,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO

REGOLAMENTO DEL CIMITERO REGOLAMENTO DEL CIMITERO I. SORVEGLIANZA Art. 1 Il cimitero è posto sotto la sorveglianza del Municipio. II. ORARI Art. 2 Il cimitero rimane aperto al pubblico ininterrottamente, eventuali limitazioni

Dettagli

LA GROTTA DI SAN PANTALEONE

LA GROTTA DI SAN PANTALEONE LA GROTTA DI SAN PANTALEONE Bagnoli Irpino (AV) (Escursione del 31 agosto 2008) 1 In data 31.08.2008, un gruppo di amici del circolo socio-culturale Palazzo Tenta 39 e precisamente Nigro Domenico (Presidente),

Dettagli

L ARCHIVIO DELLA PARROCCHIA DI SANT ANDREA IN ROSSANO (*)

L ARCHIVIO DELLA PARROCCHIA DI SANT ANDREA IN ROSSANO (*) NINA MARIA LIVERANI L ARCHIVIO DELLA PARROCCHIA DI SANT ANDREA IN ROSSANO (*) «La chiesa di S. Andrea in Rossano è situata nel piano sotto a Forlimpopoli quasi due miglia alla destra dell Ausa circa un

Dettagli

Fabbricato di Faenza, Località Monte Brullo

Fabbricato di Faenza, Località Monte Brullo Fabbricato di Faenza, Località Monte Brullo L'immobile oggetto della presente valutazione è posto in Faenza località Monte Brullo, via Pozzo n. 34 e trattasi di ex fabbricato colonico posto ai piedi della

Dettagli

Domenica 16 novembre Ore chiesa Maria Immacolata Ausiliatrice (piazza Cavallero) FESTA APERICENA condivisa con il

Domenica 16 novembre Ore chiesa Maria Immacolata Ausiliatrice (piazza Cavallero) FESTA APERICENA condivisa con il PARROCCHIA SAN BERNARDO settimana dal 9 al 16 novembre 2014 DOMENICA 9 novembre I ore 9,00 S.MESSA ore 11,00 S.MESSA LUNEDI' 10 Novembre NON C'E' LA MESSA ore 21,00 Gruppo Rinnovamento MARTEDI' 11 Novembre

Dettagli

Dopo cena, il Santo Padre apparirà alla Finestra Papale per salutare i fedeli riuniti in piazza di fronte al Palazzo Vescovile di Cracovia.

Dopo cena, il Santo Padre apparirà alla Finestra Papale per salutare i fedeli riuniti in piazza di fronte al Palazzo Vescovile di Cracovia. Programma ufficiale della visita di Papa Francesco in Polonia in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù 2016 Cracovia Jasna Góra (Częstochowa) Oświęcim: 27 31 luglio 2016 Mercoledì, 27 luglio

Dettagli

ESITO DEL BANDO. Compagnia di San Paolo

ESITO DEL BANDO. Compagnia di San Paolo ESITO DEL BANDO Nella seduta del 18 novembre il Comitato di Gestione della Compagnia ha deliberato il sostegno a 52 iniziative tra quelle pervenute alla Compagnia nell ambito del bando Tesori Sacri 2013.

Dettagli

Pubblicazione a cura dell Associazione Campo di Giano Materiale pubblicato sul sito:

Pubblicazione a cura dell Associazione Campo di Giano Materiale pubblicato sul sito: Pubblicazione a cura dell Associazione Campo di Giano Materiale pubblicato sul sito: www.compignano.it Centenario della Festa del SS. CROCIFISSO - COMPIGNANO 1907 2007 Sul filo della memoria I nostri vecchi

Dettagli

AVVENTO E NATALE

AVVENTO E NATALE AVVENTO E NATALE 2015-2016 DOMENICA 01 NOVEMBRE TUTTI I SANTI - XXXI DOMENICA TEMPO ORDINARIO Ore 07,30: S. Messa Ore 09,00: S. Messa Ore 11,30: S. Messa Solenne COMM. DI TUTTI I FEDELI DEFUNTI LUNEDI

Dettagli

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 19 al 26 giugno 2016

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 19 al 26 giugno 2016 PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 19 al 26 giugno 2016 DOMENICA 19 Giugno ore 9,00-11,00 S.MESSA ore 11,00 Battesimi: ACQUADRO Giacomo NALUZZI Giulia PAONO Bryan SALVEMINI Vittoria Maria

Dettagli

I RITI STORICI DELLA SETTIMANA SANTA PROMOSSI E ORGANIZZATI DALLE ARCICONFRATERNITE DEI QUARTIERI STORICI DI CAGLIARI

I RITI STORICI DELLA SETTIMANA SANTA PROMOSSI E ORGANIZZATI DALLE ARCICONFRATERNITE DEI QUARTIERI STORICI DI CAGLIARI I RITI STORICI DELLA SETTIMANA SANTA PROMOSSI E ORGANIZZATI DALLE ARCICONFRATERNITE DEI QUARTIERI STORICI DI CAGLIARI Programma 2014 7 Aprile - Lunedì di Passione DI VILLANOVA Oratorio del Santo Cristo.

Dettagli

Chi prepara la tavola

Chi prepara la tavola Chi prepara la tavola Si tratta di persone che hanno ricevuto una grazia da San Giuseppe e che con questo rito, che molto spesso li accompagnerà per tutta la vita, danno compimento al voto fatto. I "Santi"

Dettagli

CALENDARIO UNITA' PASTORALE VERDELLINO-ZINGONIA OTTOBRE

CALENDARIO UNITA' PASTORALE VERDELLINO-ZINGONIA OTTOBRE OTTOBRE Scuola Materna: autunno a Somendenna 1 sabato 2 domenica Scuola Materna: ore 10:00 preghiera agli Angeli Custodi in Chiesa Parrocchiale 3 lunedì ore 20:30 Gruppo canto ore 14:00-16:00 raccolta

Dettagli

Diocesi di Acerra AGENDA PASTORALE DIOCESANA

Diocesi di Acerra AGENDA PASTORALE DIOCESANA Diocesi di Acerra AGENDA PASTORALE DIOCESANA 2015/2016 Per aggiornamenti ed integrazioni consultare il sito www.diocesiacerra.it. 2 SETTEMBRE 2015 Martedì 15 Collegio dei Consultori Giovedì 24 Consiglio

Dettagli

Prot.18 /2011 Ai Cappellani, ai Cavalieri, ai Postulanti. Sede

Prot.18 /2011 Ai Cappellani, ai Cavalieri, ai Postulanti. Sede 1 Prot.18 /2011 Ai Cappellani, ai Cavalieri, ai Postulanti. Sede Oggetto: ingresso a Tarquinia di S.E. Mons. Luigi Marrucci Carissimi Confratelli, il 29 gennaio scorso, si è svolta nella Patriarcale Arcibasilica

Dettagli

BENE COMPLESSO BENE COMPONENTE PARTE NOTE. Aula Presbiterio Sagrestia

BENE COMPLESSO BENE COMPONENTE PARTE NOTE. Aula Presbiterio Sagrestia Chiesa Prepositurale S. Michele Chiesa Prepositurale S. Michele Aula Presbiterio 2008 Restauro conservativo della facciata Prog. Arch. Della Chiesa A sezione ottagonale ( staccato dalla Chiesa ) VERIFICARE

Dettagli

Sizzano. Serie 1: Titoli di ordinazione. Titoli di ordinazione: don Giacomo Bianchi. Busta 838. Titoli di ordinazione: don Carlo Luca De Zoppis

Sizzano. Serie 1: Titoli di ordinazione. Titoli di ordinazione: don Giacomo Bianchi. Busta 838. Titoli di ordinazione: don Carlo Luca De Zoppis Sizzano Serie 1: Titoli di ordinazione u.a. 1.01 u.a. 1.02 u.a. 1.03 Titoli di ordinazione: don Giacomo Bianchi 1693 Titoli di ordinazione: don Carlo Luca De Zoppis 1705 Titoli di ordinazione: don Giovanni

Dettagli

PARROCCHIA SAN BERNARDO

PARROCCHIA SAN BERNARDO PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana 30 novembre 7 dicembre 2014 DOMENICA 30 Novembre I domenica di AVVENTO - GIORNATA del PANE LUNEDI' 1 Dicembre NON C'E' LA MESSA ore 8,10 Preghiera di Avvento

Dettagli

Plello (Borgosesia) - Parrocchia di Santa Caterina (Fraz. Plello) Fraz. Plello Borgosesia (Vc) Tel Parroco: don Angelo Porzio

Plello (Borgosesia) - Parrocchia di Santa Caterina (Fraz. Plello) Fraz. Plello Borgosesia (Vc) Tel Parroco: don Angelo Porzio Alagna Parrocchia di San Giovanni Battista Via Centro - 13021 Alagna Valsesia (Vc) Tel. 0163 922962 Parroco: don Carlo Elgo Balmuccia Parrocchia di Santa Margherita 13020 Balmuccia (Vc) Rettore: don Domenico

Dettagli

Q U A R T A E Q U I N T A E L E M E N T A R E

Q U A R T A E Q U I N T A E L E M E N T A R E Parrocchia San Filippo Neri Via Martino V, 28 Tel. 06.66000409 www.parrocchiasanfilipponeri.com Anno Pastorale 2015-2016 Q U A R T A E Q U I N T A E L E M E N T A R E Vi ricordiamo che gli incontri sono

Dettagli

Orario S.Messe Festive: S. ALESSANDRO Sabato - ore Domenica - ore ore ore 18.00

Orario S.Messe Festive: S. ALESSANDRO Sabato - ore Domenica - ore ore ore 18.00 Orario S.Messe Festive: S. ALESSANDRO Sabato - ore 18.00 Domenica - ore 8.30 - ore 10.30 - ore 18.00 S. FILASTRO Sabato - ore 18.30 Domenica - ore 8.00 - ore 10.30 - ore 18.30 Orario S.Messe Feriali: Ore

Dettagli

Settembre 2015 LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM Saluto a don Davide Ingresso nuovo parroco. 20.

Settembre 2015 LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM Saluto a don Davide Ingresso nuovo parroco. 20. Settembre 2015 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Saluto a don Davide 21 22 23 25 26 27 Ingresso nuovo parroco 28 29 30 1 2 Comunione Ammalati e adorazione 5 6 7 8 9 10 12 13 19 20 21 26

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA

OPERA FRANCESCANA DELLA OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario liturgico Giugno - Luglio 2008 SANTUARIO di S. MARIA delle GRAZIE in VIRGINIOLO 50025 MONTESPERTOLI FI - 0571/669167 Orario festivo Consueto Ore 16.15: S. Rosario

Dettagli

Calendario delle attività nell Unità Pastorale La Rotta - Montecastello nel periodo di Avvento e del Santo Natale 2012

Calendario delle attività nell Unità Pastorale La Rotta - Montecastello nel periodo di Avvento e del Santo Natale 2012 Parrocchia di San Matteo Ap. ed Ev. - La Rotta Parrocchia di Santa Lucia V. e M. - Montecastello Calendario delle attività nell Unità Pastorale La Rotta - Montecastello nel periodo di Avvento e del Santo

Dettagli

Calendario Parrocchiale

Calendario Parrocchiale Calendario Parrocchiale Giovedì 01.12.2016 DICEMBRE 2016 17,30 Catechismo I anno (Marianna e Bruna) Venerdì 02. 12. 2016 15,30 Visita al Villaggio di Babbo Natale 20,00 Catechesi per giovani e adulti Sabato

Dettagli

La comunità di ROMA comprende le seguenti località: - ROMA CITTA' - FIUMICINO (RM) - MONTE PORZIO CATONE (RM)

La comunità di ROMA comprende le seguenti località: - ROMA CITTA' - FIUMICINO (RM) - MONTE PORZIO CATONE (RM) La comunità di ROMA comprende le seguenti località: - ROMA CITTA' - FIUMICINO (RM) - MONTE (RM) SETTEMBRE 2014 LUNEDI' MARTEDI' MERCOLEDI' GIOVEDI' VENERDI' SABATO DOMENICA 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

Dettagli

Papasidero, ottobre con la Madonna di Fatima Venerdì 25 Settembre :31

Papasidero, ottobre con la Madonna di Fatima Venerdì 25 Settembre :31 PAPASIDERO 25 set. - Il mese di ottobre con la Madonna di Fatima. In occasione del 350esimo Anniversario della Proclamazione della Madonna di Costantinopoli Patrona di Papasidero, la statua della Madonna

Dettagli

COMUNITA PASTORALE MADONNA DELLA SELVA FAGNANO CALENDARIO PASTORALE SETTEMBRE 2015

COMUNITA PASTORALE MADONNA DELLA SELVA FAGNANO CALENDARIO PASTORALE SETTEMBRE 2015 SETTEMBRE 2015 1 Mar 2 Mer 3 Gio 4 Ven 5 Sab 6 Dom Festa Patronale a Santa Maria Assunta saluto a don Armando 7 Lun 8 Mar 9 Mer 10 Gio 11 Ven 12 Sab Presentazione anno PG a Seveso 13 Dom Battesimi a San

Dettagli

COMUNITA IN CAMMINO ANNO SACERDOTALE e OSTENSIONE della SINDONE

COMUNITA IN CAMMINO ANNO SACERDOTALE e OSTENSIONE della SINDONE COMUNITA IN CAMMINO ANNO SACERDOTALE e OSTENSIONE della SINDONE Circolare interna della Parrocchia ss. Pietro e Paolo Apostoli - Santena - via Cavour, 34 - Tel. 011/945.67.89 - Fax 011/945.42.11- anno

Dettagli

chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare

chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare NOTA STORICA Secondo il vescovo di Rieti Marini (sec. XVIII) già nel medioevo doveva esistere nella zona di Vallemare una cappella dedicata a S. Martino. Questo

Dettagli

UNITÀ PASTORALE DI TRESTINA. preso atto del Decreto Vescovile. Prot. n. 97/11. del 26 agosto 2011, Solennità della Madonna delle Grazie,

UNITÀ PASTORALE DI TRESTINA. preso atto del Decreto Vescovile. Prot. n. 97/11. del 26 agosto 2011, Solennità della Madonna delle Grazie, UNITÀ PASTORALE DI TRESTINA preso atto del Decreto Vescovile Prot. n. 97/11 del 26 agosto 2011, Solennità della Madonna delle Grazie, che costituisce le UNITÀ PASTORALI, 1 / 23 il giorno 10 Settembre 2011,

Dettagli

E ALLA DEDICAZIONE DELLA CHIESA CATTEDRALE

E ALLA DEDICAZIONE DELLA CHIESA CATTEDRALE in famiglia, con Maria e l Eucaristia, in questa cara e bella Verona - 2014 CATTEDRALE DI VERONA NOVENA E FESTA ALLA MADONNA DEL POPOLO 4-8 SETTEMBRE E ALLA DEDICAZIONE DELLA CHIESA CATTEDRALE 10-13 SETTEMBRE

Dettagli

Apiro città del folclore

Apiro città del folclore Apiro città del folclore La città di Apiro sorta nel. Si trova immersa nel verde della provincia di Macerata e conta 2459 abitanti, compresi quelli delle frazioni e della periferia. La chiesa di Sant Urbano

Dettagli

Anche nei letti funebri, così come sui Cippi fallici e le Casette, gli Etruschi dividevano i due sessi:

Anche nei letti funebri, così come sui Cippi fallici e le Casette, gli Etruschi dividevano i due sessi: LE TOMBE DI Mercoledì 11 Marzo, noi della classe VB e VA della scuola A.Frank, insieme alla V A del plesso Silvestri, abbiamo effettuato una visita didattica alla necropoli etrusca di Cerveteri. La prima

Dettagli

Alcuni particolari degli affreschi che si trovano nella Cappella del Castello di Monesiglio. In alto: Santa Apollonia (o forse Sant Agata), con le

Alcuni particolari degli affreschi che si trovano nella Cappella del Castello di Monesiglio. In alto: Santa Apollonia (o forse Sant Agata), con le Alcuni particolari degli affreschi che si trovano nella Cappella del Castello di Monesiglio. In alto: Santa Apollonia (o forse Sant Agata), con le tenaglie. Il pittore è Antonino Ocello da Ceva, che ha

Dettagli

STUDIO TECNICO Geom. Nabaffa Giuseppe Tel Fax

STUDIO TECNICO Geom. Nabaffa Giuseppe Tel Fax STUDIO TECNICO Geom. Nabaffa Giuseppe 0039 348 2636440 Tel. 0365 823117 Fax.0365 823277 www.studionabaffa.it info@studionabaffa.it CRONE DI IDRO - CENTRO STORICO VENDIAMO: Ampia e Prestigiosa Casa Padronale

Dettagli

SERVIZIO LITURGICO PER LE CELEBRAZIONI DI S.Ecc. Mons. GIOVANNI D ALISE VESCOVO DI CASERTA NELLA CHIESA CATTEDRALE

SERVIZIO LITURGICO PER LE CELEBRAZIONI DI S.Ecc. Mons. GIOVANNI D ALISE VESCOVO DI CASERTA NELLA CHIESA CATTEDRALE UFFICIO LITURGICO DIOCESANO SERVIZIO LITURGICO PER LE CELEBRAZIONI DI S.Ecc. Mons. GIOVANNI D ALISE VESCOVO DI CASERTA NELLA CHIESA CATTEDRALE DAL 24 SETTEMBRE 2014 AL 6 GENNAIO 2015 Ufficio Liturgico

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario liturgico Tempo pasquale 2013 CAPPELLA di S. MARIA delle GRAZIE in VIRGINIOLO 50025 MONTESPERTOLI FI 0571/669167 Ogni Domenica Orario consueto Ore 16.30: S. Rosario,

Dettagli

ARCHIVIO DELLA PARROCCHIA DI S. MARIA MAGGIORE, S. ANTONIO ABATE, S. NICOLO VESCOVO IN TRAMONTI DI SOTTO INVENTARIO

ARCHIVIO DELLA PARROCCHIA DI S. MARIA MAGGIORE, S. ANTONIO ABATE, S. NICOLO VESCOVO IN TRAMONTI DI SOTTO INVENTARIO ARCHIVIO DELLA PARROCCHIA DI S. MARIA MAGGIORE, S. ANTONIO ABATE, S. NICOLO VESCOVO IN TRAMONTI DI SOTTO INVENTARIO 1 PARROCCHIA DI SANTA MARIA MAGGIORE, SANT ANTONIO ABATE DI TRAMONTI DI SOTTO INVENTARIO

Dettagli

Chiesa della Martorana

Chiesa della Martorana Chiesa della Martorana La Chiesa della Martorana si affaccia su Piazza Bellini a Palermo e appartiene all Eparchia di Piana degli Albanesi, diocesi cattolica con rito greco bizantino. È tra le più affascinanti

Dettagli

Le arti figurative: pittura e fotografia

Le arti figurative: pittura e fotografia Le arti figurative: pittura e fotografia a cura di:angeli Alice, Barotti Lara, Turato Sara Singolare esempio di casa-fienile, caratterizzato da 13 arcate a tutto sesto ritmate da parete. Lo stato dell

Dettagli

Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte. Diocesi ALBA

Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte. Diocesi ALBA Verifica di Interesse Culturale Elenco pratiche messe in linea Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte. Diocesi ALBA Parrocchia Spirito Santo SOMMARIVA PERNO - Chiesa della

Dettagli

PALAZZO DEL COMUNE o PALAZZO PRETORIO

PALAZZO DEL COMUNE o PALAZZO PRETORIO PALAZZO DEL COMUNE o PALAZZO PRETORIO Il Palazzo del Comune, anche chiamato Palazzo Pretorio, si trova in Piazza Campello (di fronte alla Chiesa Collegiata dei SS. Gervasio e Protasio) e occupa l area

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione N. 18 in data 24.03.2010 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica Oggetto: Immobile sito in Via Rigotti 36. Determinazioni..

Dettagli

Chiesa di San Michele a Cerreto. Localizzazione e Toponomastica

Chiesa di San Michele a Cerreto. Localizzazione e Toponomastica Chiesa di San Michele a Cerreto Numero Scheda: E028 Autore: Arch. Cinzia Bartolozzi Data: 30/01/2006 Localizzazione e Toponomastica Comune: Prato Denominazione: Chiesa di San Michele Area Protetta: Anpil

Dettagli

CENTRO RESTAURI I N N O V A T I O N s.r.l.

CENTRO RESTAURI I N N O V A T I O N s.r.l. CENTRO RESTAURI I N N O V A T I O N s.r.l. Via Tiberio Claudio Felice, 12 84131 SALERNO Tel. e fax : 089 301072 Cell. 329.7720247 E-mail: info@innovationrestauri.com Sito web: www.centrorestauri.it ELENCO

Dettagli

CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI IN CUI LA COMUNITA SI ESPRIME IN TUTTA LA SUA PIENEZZA DI MINISTERIALITA E FA ESERCIZIO DI COMUNIONE

CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI IN CUI LA COMUNITA SI ESPRIME IN TUTTA LA SUA PIENEZZA DI MINISTERIALITA E FA ESERCIZIO DI COMUNIONE CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI IN CUI LA COMUNITA SI ESPRIME IN TUTTA LA SUA PIENEZZA DI MINISTERIALITA E FA ESERCIZIO DI COMUNIONE SETTEMBRE 8 settembre Triduo - Festa della Natività della Beata Vergine

Dettagli