Il mercato degli Stati Uniti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mercato degli Stati Uniti"

Transcript

1 Il mercato degli Stati Uniti Introduzione Gli Stati Uniti rappresentano il principale partner commerciale dell Italia al di fuori dei paesi dell Ue e il terzo paese di destinazione delle esportazioni italiane, è quindi di primaria importanza per le imprese italiane guardare allo stato di salute dell economia di questo grande paese. Come viene spesso sottolineato, il divario tra i tassi di crescita tra economie emergenti ed avanzate rimane ampio e in favore delle prime e i mercati più dinamici nei prossimi anni saranno rappresentati dalle economie emergenti; non va tuttavia trascurata l importanza di un mercato maturo delle dimensioni degli Stati Uniti. Con la necessaria cautela che si impone in un contesto complesso come quello attuale, i primi indicatori diffusi durante quest inizio di 2012, relativi soprattutto al mercato del lavoro, sembrerebbero mostrare segnali positivi di ripresa dell attività produttiva nell economia nordamericana. In questo approfondimento, dopo aver illustrato brevemente le principali caratteristiche dell economia statunitense, verranno presi in esame i dati più recenti sulla situazione economica e sull interscambio commerciale degli Stati Uniti con il resto del mondo e con particolare riferimento alla posizione dell Italia. La popolazione statunitense incide per il 4,6 per cento su quella mondiale, mentre il Pil di tale paese rappresenta il 19,5 per cento di quello globale. 1. Il Pil pro capite, dopo essersi ridotto per effetto della crisi economica al di sotto del livello del 2004 (41 mila dollari circa nel 2009) è in recupero e nel 2011 il suo valore stimato è pari a circa 42,5 mila dollari (grafico 1) Pil pro capite (valori in dollari a prezzi costanti) * * Valore stimato Fonte: elaborazioni Ice su dati FMI 1 FMI, World Economic Outlook, settembre 2011.

2 La struttura produttiva del paese rispecchia le caratteristiche di un economia avanzata: la produzione manifatturiera incide per appena l 11,7 per cento sul reddito totale, in larga misura determinato dalla produzione di servizi (13,6% la quota di quelli governativi, 20,7% quelli finanziari e assicurativi). Valore aggiunto per settori di attività Altro 33,0% Attività professionali 12,3% Agricoltura, pesca e silvicoltura 1,1% Servizi 80,4% Attività manifatturiere 11,7% Commercio e trasporti 14,4% Altro 6,8% Industria 18,5% Attività finanziarie e assicurative 20,7% Fonte: elaborazioni Ice su dati Bureau of Economics Analisys Come si vedrà più diffusamente nel successivo paragrafo dedicato all interscambio commerciale degli Stati Uniti con il resto del mondo, il paese è al terzo posto tra i paesi esportatori e al primo posto tra gli importatori mondiali. Allo stesso tempo, esso rappresenta il primo esportatore -oltre che importatore- di servizi commerciali, voce in cui detiene un ampio saldo attivo. Gli Stati Uniti sono, inoltre, al primo posto nella graduatoria dei paesi d origine e destinazione di investimenti diretti esteri. Nel 2010, dopo la netta flessione nel 2009, si è registrato un aumento sia degli Ide in entrata che in uscita. Secondo le anticipazioni diffuse dall Unctad nel 2011 gli afflussi di Ide si sarebbero invece ridotti (da 228 a 211 miliardi di dollari 2 ). 2 Unctad, Global Investment Trends Monitor, n. 8, 24 gennaio Non sono stati diffusi dati sugli Ide in uscita nel 2011.

3 Investimenti diretti esteri in entrata (percentuale sul totale mondiale degli stock) 100% 0,0 0,3 0,8 2,4 3,6 80% 24,9 25,0 23,3 23,4 31,1 60% 25,9 29,6 37,4 24,4 18,0 40% 20% 49,2 45,0 38,5 49,8 47,3 0% Economie sviluppate (ecc. Stati Uniti) Stati Uniti Paesi emergenti Economie in transizione Fonte: elaborazioni Ice su dati Unctad Investimenti diretti esteri in uscita (percentuale sul totale mondiale degli stock) 100% 0,0 0,1 0,3 1,2 6,9 9,1 10,8 10,3 2,3 15,3 80% 34,9 37,7 33,8 29,3 23,7 60% 40% 58,1 53,0 55,1 59,2 58,6 20% 0% Economie sviluppate (ecc. Stati Uniti) Stati Uniti Paesi emergenti Economie in transizione Fonte: elaborazioni Ice su dati Unctad

4 Questo dato è strettamente connesso con i dati di commercio, poiché buona parte dei flussi d interscambio vanno attribuiti all attività delle imprese multinazionali. Le statistiche sui flussi commerciali attribuibili alle filiali di multinazionali (Fats, dalla definizione in inglese Foreign Affiliates Trade Statistics) indicano che gli scambi commerciali delle imprese multinazionali statunitensi sono stati pari a circa il 20 per cento delle esportazioni totali e al 14 per cento delle importazioni: in massima parte si tratta di scambi tra filiali e tra filiali e casa madre (scambi intrafirm). I rapporti commerciali delle imprese multinazionali sono rivolti prevalentemente ai paesi partner del Nafta e il principale settore interessato è quello dei mezzi di trasporto e, per quelli con i paesi del continente europeo, anche quello farmaceutico. Il commercio degli Stati Uniti attribuibile alle imprese multinazionali (Fats) (dati in milioni di dollari, riferiti al 2008) Esportazioni Importazioni Totali Fats Manufatti Intra firm Intra firm manufatti Totale commercio Fonte: elaborazioni Ice su dati Oecd L economia statunitense continua a svolgere un ruolo di primo piano nell innovazione tecnologica e nella ricerca scientifica, lo rivela la posizione di primato in indicatori 3 quali la spesa per ricerca e sviluppo (sia in termini assoluti che pro capite), il numero di ricercatori occupati a tempo pieno in rapporto al numero degli abitanti (in termini assoluti il paese è infatti stato superato dalla Cina solo da pochi anni) e il numero di brevetti nel settore dell informatica e telecomunicazioni (ICT ). Spesa per R&D e numero dei ricercatori: Stati Uniti, Cina e Ue (tra parentesi variazione percentuale) Indicatori Stati Uniti UE27 Cina Unità Popolazione (2010) numero in milioni Ricercatori (2007) (-0,12) (2,47) (12,0) numero in migliaia PIL (2009) Miliardi dollari (PPP) GERD*(2009) 402 (-0,5) 299 (1,9) 154 (27,6) Miliardi dollari (PPP) Quota GERD su Pil 2,9 1,9 1,7 in percentuale GERD pro capite* (dollari, PPP) *GERD =Gross expenditure on research and development, spesa complessiva in ricerca e sviluppo Fonte: elaborazioni Ice su dati Oecd Dati congiunturali La stima diffusa sull andamento del prodotto interno lordo degli Stati Uniti nel quarto trimestre del ha mostrato un accelerazione nella crescita congiunturale, salita al 3 per cento rispetto all 1,8 per cento del trimestre precedente, grazie alla dinamica della spesa per consumi del settore privato e alla variazione della scorte. Il dato sulla crescita dell intero 2011 è pari all 1,7 per cento, rispetto al 3 OCSE, Main Science and Technology Indicators, 2011/2. 4 BEA (Bureau of Economic Analysis), US Department of Commerce. Si tratta della seconda stima sul quarto trimestre, rivista al rialzo rispetto a quella precedentemente diffusa.

5 3 per cento registrato nel 2010: il rallentamento è da ascrivere alla flessione mostrata dalle scorte e, soprattutto, al contributo negativo dei consumi di parte pubblica (il peggiore dal 1971), compensati dagli andamenti positivi delle esportazioni nette (negative però nell ultimo trimestre per una ripresa delle importazioni) e degli investimenti. Previsioni macroeconomiche Pil (var. %) -3,5 3,0 1,7 2,0 2,5 Disoccupazione (% della forza lavoro) 9,3 9,6 9,0 8,9 8,6 Inflazione (var. %) 0,5 1,8 2,5 1,9 1,5 Saldo delle partite correnti (miliardi di dollari) -376,6-470,9-455,4-463,0-519,0 Saldo della partite correnti (% del Pil) -2,7-3,2-3,0-2,9-3,2 Esportazioni di beni e servizi (in volume, var. %) -9,4 11,3 6,7 5,1 6,6 Importazioni di beni e servizi (in volume, var.%) -13,6 12,5 4,7 3,8 6,3 Fonte: elaborazioni Ice su dati Oecd I prezzi al consumo nella parte finale del 2011 sono aumentati a un tasso più moderato (0,8% nel quarto trimestre rispetto al 2% del trimestre precedente 5 ), mentre nel primo mese del 2012 l incremento dei prezzi dell energia ha portato a un nuovo rialzo che rischia di essere aggravato dalle tensioni politiche in Siria e in Iran. Secondo le più recenti previsioni il prodotto interno lordo statunitense potrebbe mantenere nel 2012 un tasso di crescita invariato o di poco superiore a quello del 2011 (1,8-2%). Lo scenario previsivo è ancora soggetto a brusche oscillazioni e presenta aspetti contraddittori: alcuni dati conferiscono elementi di ottimismo, altri sono indicatori di un peggioramento delle aspettative di breve termine. Tra i primi vanno citati i dati più recenti sul mercato del lavoro: infatti, il tasso di disoccupazione è rimasto, secondo l ultimo dato relativo al mese di febbraio 2012, all 8,3 per cento. Aumenti netti dei posti di lavoro di oltre unità mensili si sono registrati continuativamente negli ultimi quattro mesi. I ritmi di crescita del numero degli occupati restano, comunque, insufficienti a colmare la pesante caduta che ha fatto seguito alla recessione. Anche i dati sulla bilancia dei pagamenti di parte corrente, disponibili al terzo trimestre del 2011, mostrano che il disavanzo delle partite correnti è diminuito rispetto al trimestre precedente (da 124,7 a 110,3 miliardi di dollari), portandosi al 2,9 per cento rispetto al Pil (dal 3,3%) grazie alla flessione del disavanzo commerciale cui si è aggiunto un modesto incremento del surplus di servizi e redditi. Sono contrastanti anche i segnali che provengono dai recenti dati sul mercato immobiliare, il più pesantemente colpito dalla crisi finanziaria con ripercussioni sulla domanda delle famiglie: da una parte le vendite di case sono in aumento, dall altra i prezzi degli immobili hanno ancora un andamento cedente. Le tensioni in Medio Oriente, legate alla situazione in Iran e in Siria, preoccupano oltre che per il diretto coinvolgimento degli Usa, anche per i riflessi sui corsi del petrolio. 5 BEA, Gross Domestic Purchases Index, febbraio 2012.

6 Andamento del tasso di cambio Dollaro - Euro 1,6 1,5 1,4 1,3 1,2 1,1 feb-06 apr-06 giu-06 ago-06 ott-06 dic-06 feb-07 apr-07 giu-07 ago-07 ott-07 dic-07 feb-08 apr-08 giu-08 ago-08 ott-08 dic-08 feb-09 apr-09 giu-09 ago-09 ott-09 dic-09 feb-10 apr-10 giu-10 ago-10 ott-10 dic-10 feb-11 apr-11 giu-11 ago-11 ott-11 dic-11 feb-12 Fonte: elaborazioni Ice su dati Banca d'italia L attuale indebolimento dell euro anche nei confronti della divisa americana è spiegato dalle perduranti difficoltà finanziarie dell area della moneta unica. Esso può rendere le esportazioni dai paesi europei più competitive, ma d altro canto incide sui prezzi di beni ed input importati. Infatti, il 24 per cento delle esportazioni italiane (dati Istat riferiti al 2010) viene fatturato in dollari 6 e la quota giunge al 61 per cento per le esportazioni verso gli Stati Uniti. È superiore la quota delle importazioni italiane che viene fatturata in dollari: essa è pari nel complesso al 48 per cento ma sale al 71,1 per cento per gli acquisti italiani dagli Stati Uniti. 6 Si veda Annuario Ice Istat 2010 Commercio estero e attività internazionali delle imprese, tavola

7 Andamento del commercio con l estero Interscambio commerciale Usa - Mondo (valori in miliardi di dollari) Esportazioni Importazioni Saldo Fonte: elaborazioni Ice su dati Eurostat e Istituti nazionali di statistica Guardando ai dati del 2011, si può notare come gli scambi commerciali degli Stati Uniti abbiano ripreso un vigore tale da riportarsi ai livelli pre-crisi. Il deficit commerciale, cresciuto fino al 2008, ha mostrato una battuta d arresto l anno seguente, come conseguenza dell impatto della prima fase della crisi finanziaria. Difatti, nell anno immediatamente successivo alla crisi sia le importazioni che le esportazioni avevano fatto registrare un brusco calo, le prime in misura maggiore rispetto alle seconde. Interscambio commerciale degli Stati Uniti: principali paesi e settori (valori in milioni di dollari, quote e variazioni in percentuale) Esportazioni Importazioni Paesi 2011 var% quota tcma Paesi 2011 var% quota tcma Canada ,1 19,0 6,4 Cina ,4 18,1 13,8 Messico ,0 13,3 8,2 Canada ,5 14,3 4,6 Cina ,1 7,0 18,8 Messico ,6 11,9 7,7 Giappone ,3 4,5 2,8 Giappone ,0 5,8 0,7 Regno Unito ,4 3,8 6,0 Germania ,0 4,5 5,2 Germania ,9 3,3 7,0 Corea del Sud ,9 2,6 5,3 MONDO ,9 100,0 8,8 MONDO ,4 100,0 7,4 Settori 2011 var% quota tcma Settori 2011 var% quota tcma Macchinari e Computer e prodotti di ,5 12,1 6,9 apparecchiature elettronica e ottica ,7 14,2 6,8 Computer e prodotti di Autoveicoli, rimorchi e ,4 11,8 4,4 elettronica e ottica semirimorchi ,0 9,8 2,1 Prodotti chimici ,7 10,5 10,7 Macchinari e apparecchiature ,2 8,3 6,5 Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,4 8,0 6,2 Prodotti chimici ,3 5,2 8,3 Coke e prodotti petroliferi raffinati ,7 6,9 32,3 Prodotti della metallurgia ,7 4,6 12,6 Totale ,9 100,0 8,8 Totale ,4 100,0 7,4 Fonte: elaborazioni Ice su dati Eurostat e Istituti nazionali di statistica

8 Dal lato delle importazioni l incremento è avvenuto grazie, in particolare, al contributo degli acquisti di beni da Cina, Messico, Germania e Corea del Sud mentre, dal punto di vista settoriale, i rialzi di maggior rilievo hanno riguardato autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (+42,3% tra il 2009 e il 2010 e ulteriore +12% nel 2011), coke e prodotti petroliferi raffinati (rispettivamente +28,7% e +17,2%) e prodotti della metallurgia (rispettivamente +42,4% e +30,7%). Guardando alle esportazioni si può notare uno sviluppo piuttosto rilevante delle vendite in Messico, Cina, Brasile e Corea del Sud, con una forte crescita dell export nel settore degli autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (+42,3% tra 2009 e 2010 e +18,4 nel 2011), macchinari e apparecchiature (rispettivamente +19,2% e +14,5%) e dei prodotti chimici (+25,5% e +13,7%). Alla luce di queste dinamiche, quello cinese è rimasto, sebbene con una lieve perdita di quote durante i primi dieci mesi del 2011, il più importante mercato di approvvigionamento per gli Stati Uniti, seguito da quello canadese, che tuttavia ha mostrato una perdita di quota costante nell arco degli ultimi dieci anni, e da quello messicano. Anche le esportazioni degli Stati Uniti riguardano, per una buona parte, i tre paesi appena enunciati: il Canada, sebbene con una quota in calo, rimane il primo paese di sbocco degli Stati Uniti (il 19% nel 2011), seguito dal Messico (13,3%) e dalla Cina (7%), la cui quota sul totale delle esportazioni statunitensi è quasi triplicata negli ultimi dieci anni. Quote di mercato sulle esportazioni mondiali di merci Cina Germania Stati Uniti Giappone Paesi Bassi Francia Corea del Sud Canada Italia Nota: Paesi ordinati in base alla quota di export del 2010 Fonte: elaborazioni Ice su dati Eurostat e Istituti nazionali di statistica La crescente forza economica cinese si mostra in maniera ancor più prorompente se si guarda all andamento della quota di mercato sulle esportazioni mondiali di merci nell arco dell ultimo decennio. I risultati della Cina sono stati tali da portarla al primo posto tra i paesi esportatori, superando sia la Germania che gli Stati Uniti, la cui quota ha subito un calo evidente nel periodo in

9 questione. Anche dal lato delle importazioni gli Stati Uniti sono stati sopravanzati dalla Cina, che si è imposta come principale paese importatore sullo scenario mondiale. L interscambio con l Italia Interscambio commerciale Italia - Stati Uniti (valori in milioni di euro) Export Import Saldo * * Dati provvisori Fonte: elaborazioni Ice su dati Istat Gli ottimi rapporti tra Italia e Stati Uniti si evidenziano, dal punto di vista commerciale, con un interscambio intenso: gli Stati Uniti risultano essere, infatti, malgrado la distanza geografica, il terzo mercato più importante per i prodotti italiani, dopo quelli tedesco e francese. L Italia ha con gli Stati Uniti un avanzo commerciale consistente (9,8 miliardi di euro nel 2011) grazie ad un valore delle esportazioni (22,9 miliardi, il 6,1% delle esportazioni totali) quasi doppio rispetto a quello delle importazioni (11,1 miliardi). Malgrado ciò, negli ultimi anni la concorrenza sul mercato statunitense (in particolare da parte della Cina) si è fatta più accesa, provocando una contrazione notevole della quota di mercato italiana nel paese nordamericano, passata dal 2,1 per cento del 2001 all 1,5 per cento del 2011.

10 I principali clienti e fornitori dell'italia (valori in milioni di euro) Clienti Paesi * var% quota Germania ,4 13,1 Francia ,2 11,6 Stati Uniti ,4 6,1 Svizzera ,5 5,5 Spagna ,4 5,3 Regno Unito ,2 4,7 Cina ,2 2,7 Belgio ,2 2,6 Turchia ,9 2,6 Polonia ,0 2,5 MONDO ,4 100,0 Fornitori Paesi * var% quota Germania ,7 15,6 Francia ,7 8,3 Cina ,8 7,3 Paesi Bassi ,4 5,2 Russia ,3 4,5 Spagna ,0 4,4 Belgio ,1 3,6 Stati Uniti ,0 3,3 Svizzera ,4 2,8 Regno Unito ,8 2,7 MONDO ,9 100,0 *Dati provvisori Fonte: elaborazioni Ice su dati Istat Variazione media annua delle importazioni statunitensi di manufatti, tra il 2002 e il 2011 Quote di mercato dell'italia sulle importazioni di manufatti degli Stati Uniti Computer, apparecchi elettronici e ottici Metalli di base e prodotti in metallo Autoveicoli, rimorchi e semiricmorchi Coke e petroliferi raffinati Prodotti chimici Tessili e abbigliamento Prodotti farmaceutici Altri mezzi di trasporto Macchinari e apparecchiature Gomma e materie plastiche -1,0 1,0 3,0 5,0 7,0 Prodotti in legno, carta e stampa -4 2,0 Mobili Quota di mercato delle esportazioni italiane Alimentari, bevande e tabacco Prodotti in pelle La dimensione dei cerchi rappresenta il peso medio del settore sulle importazioni statunitensi nel periodo ; cerchi di colore rosso (verde) individuano settori in cui la quota dell'italia è diminuita (aumentata) tra il 2002 e il Fonte: elaborazioni Ice su dati Eurostat e Istituti nazionali di statistica 6,3

11 Negli ultimi dieci anni la quota delle esportazioni italiane ha mostrato una flessione generalizzata che non ha risparmiato neanche i comparti considerati di punta dal sistema italiano, ovvero quelli del Made in Italy. Dal punto di vista merceologico, le esportazioni italiane sono concentrate in cinque settori principali, che da soli coprono oltre il 60 per cento del totale. Tra questi, con una quota del 19,4 per cento sul totale dell export italiano, spiccano macchinari e apparecchiature, le cui vendite negli Stati Uniti nel 2011 hanno mostrato una crescita tendenziale del 32,7 per cento e un valore di oltre 4,4 miliardi di euro. All interno di tale settore, particolarmente rilevanti sono state le vendite di macchine di impiego generale, di cui l Italia, con una quota del 4,4%, è divenuta, dal 2008, il sesto fornitore degli Stati Uniti, scavalcando il Regno Unito, benché molto distante da Messico (15,4%), Cina (14,9%) e Giappone (14,9%). Esportazioni italiane verso gli Stati Uniti: i principali settori (anno 2011) Altro 18,7% Macchine ed apparecchi 19,4% Prodotti farmaceutici 4,4% Prodotti chimici 5,0% Mezzi di trasporto 17,7% Articoli in gomma e materie plastiche 5,0% Nota: i dati utilizzati sono provvisori Fonte: elaborazioni Ice su dati Istat Metalli di base e prodotti in metallo 7,7% Prodotti alimentari, bevande e tabacco 10,8% Prodotti tessili, abbigliamento e prodotti in pelle 11,3% Notevole è stata anche la performance delle vendite di mezzi di trasporto che, con un incremento tendenziale del 25,3 per cento nel 2011, hanno ragiunto il valore di 4 miliardi di euro, con una quota del 17,7 per cento sul totale delle esportazioni italiane. Assumono particolare rilevanza, in questo comparto, le esportazioni italiane di aeromobili e veicoli spaziali, di cui il nostro paese risulta essere il sesto fornitore, con una quota del 3,5 per cento nel 2011, alle spalle della Germania. Il terzo settore per valore delle esportazioni è quello dei prodotti tessili, abbigliamento e prodotti in pelle che nel 2011 ha mostrato un progresso tendenziale del 15,8 per cento, raggiungendo i 2,6 miliardi di euro. All interno di tale settore spicca la voce relativa ai prodotti di pelletteria che nel corso del 2011 ha fatto segnare una crescita tendenziale del 32,9 per cento. L Italia rappresenta il secondo mercato di approvvigionamento di questi prodotti alle spalle della Cina, che tuttavia mantiene un valore delle esportazioni pari a quasi nove volte quello mostrato dal nostro paese.

12 Le migliori performance italiane negli Stati Uniti (valori in milioni di euro, pesi e variazioni in percentuale) Macchine di impiego generale Paese 2011 var% quota var% quota Messico ,5 15,4 1 Francia ,4 24,3 2 Cina ,2 14,9 2 Canada ,0 20,3 3 Giappone ,3 14,9 3 Regno Unito ,4 11,1 4 Germania ,4 12,0 4 Giappone ,6 10,9 5 Canada ,1 8,5 5 Germania ,8 8,4 6 Italia ,5 4,4 6 Italia ,4 3,5 Pelletteria Vino Paese 2011 var% quota var% quota Paese Cina ,4 70,1 1 Italia ,7 31,1 2 Italia ,9 8,0 2 Francia ,2 26,1 3 Francia ,6 4,2 3 Australia 557-8,6 11,6 4 Vietnam ,6 3,3 4 Argentina ,5 7,1 5 India ,8 2,3 5 Spagna ,2 6,2 Fonte: elaborazioni Ice su dati Eurostat e Istituti nazionali di statistica Aeromobili e veicoli spaziali Paese Nel settore dei prodotti alimentari, bevande e tabacco, con esportazioni in crescita tendenziale dell 10,4 per cento nel 2011, una performance notevole è stata mostrata dai vini, prodotto in relazione al quale l Italia risulta il principale paese d approvvigionamento per il mercato statunitense (seguita dalla Francia), con una quota del 31,1 per cento. Il quinto settore in questa graduatoria è quello dei metalli di base e prodotti in metalli, con 1,7 miliardi di euro di esportazioni nel 2011, che ha registrato una buona performance nel corso dell anno (+17,3%). Importazioni italiane dagli Stati Uniti: i principali settori (anno 2011) Altro 14,8% Prodotti farmaceutici, 23,1% Legno carta e stampa 5,7% Metalli di base e prodotti in metallo 5,9% Prodotti chimici 7,5% Mezzi di trasporto 13,9% Nota: i dati utilizzati sono provvisori Fonte: elaborazioni Ice su dati Istat Coke e prodotti petroliferi raffinati 8,8% Computer, apparecchi elettronici e ottici 9,2% Macchine ed apparecchi 11,0% Come mercato di approvvigionamento dell Italia, d altro canto, gli Stati Uniti si sono posizionati, nel 2011, all ottavo posto con una crescita tendenziale del 17 per cento degli acquisti di prodotti, con un conseguente incremento della quota di tale paese, arrivata al 3,3 per cento delle importazioni italiane totali.

13 Con riferimento all import, il settore dei prodotti farmaceutici risulta di gran lunga il più rilevante, con un valore di 2,5 miliardi di euro, pari al 23,1 per cento del totale delle importazioni italiane nel 2011, grazie anche ad una crescita tendenziale del 25,9 per cento in tale periodo che ha permesso agli Stati Uniti di raggiungere il secondo posto tra i fornitori dell Italia (alle spalle della Svizzera), scavalcando Germania e Belgio. Risultano particolarmente rilevanti anche le importazioni di mezzi di trasporto, con un valore di 1,5 miliardi nel 2011, periodo in cui si è registrato un incremento dell import del 46,2 per cento. Un calo delle importazioni in tale periodo si è osservato invece nel settore della produzione di macchinari e apparecchiature (-4,5%), i cui acquisti in valore sono stati pari a 1,2 miliardi di euro, l 11 per cento del totale dell import italiano dagli Stati Uniti. Ulteriore decremento rilevante si è potuto osservare nelle importazioni di computer, apparecchi elettronici e ottici (14,4%), che nel 2011 hanno solo sfiorato il miliardo di euro in valore, con una quota del 9,2 per cento sulle importazioni italiane totali di provenienza statunitense. Emilia-Romagna Trentino Alto Adige Friuli-Venezia Giulia Valle d'aosta Quota di mercato delle regioni italiane sulle esportazioni verso gli Stati Uniti (media ) Lombardia Veneto Toscana Piemonte Lazio Campania Sicilia Puglia Marche Abruzzo Liguria Sardegna Umbria Basilicata Molise Calabria -27,2-7,3 3,1-2,4 5,5 0,1-3,4 4,3-5,7 3,5-6,2-8,9-1,0 0,5 2,1-0,8-7,5-1,8-4,2-2, Il numero accanto alla barra indica il tasso di crescita media annua delle esportazioni della regione verso gli Stati Uniti tra il 2001 e il Barre rosse (blu) individuano regioni la cui quota di esportazioni verso gli Stati Uniti è diminuita (aumentata) tra il 2001 e il Fonte: elaborazioni Ice su dati Istat Le esportazioni italiane verso gli Stati Uniti sono concentrate anche dal punto di vista territoriale, dal momento che oltre la metà dell export oltreoceano nei primi nove mesi del 2011 è riconducibile a tre sole regioni, ovvero Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Le esportazioni della Lombardia hanno fatto registrare una buona performance tra gennaio e settembre del 2011, mostrando una crescita del 9,3 per cento, dovuta principalmente all incremento delle vendite di macchinari e apparecchiature (+30%), che rappresentano il principale settore di esportazione verso gli Stati Uniti. Un buon risultato nel medesimo arco temporale è stato anche

14 registrato nel settore dei prodotti farmaceutici (+19,9%) e degli articoli di abbigliamento (+12,3%). Altrettanto non si può dire del risultato del Veneto che ha mostrato, nei primi nove mesi del 2011, una variazione negativa del 5,4 per cento, ma in questo caso la flessione è dovuta principalmente al crollo delle esportazioni di altri mezzi di trasporto (-95,9%), insufficientemente controbilanciata dal progresso di macchinari e apparecchiature (+34,6%). Di contro i dati relativi alle esportazioni dell Emilia Romagna verso gli Stati Uniti mostrano nei primi nove mesi del 2011 un incremento del 16,4 per cento, grazie alla performance di settori come macchinari e apparecchiature (+25,3%) e autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (+8,3%), che da soli contribuiscono a generare quasi il 60 per cento delle esportazioni. Infine vanno menzionate tre regioni che, sebbene con una quota di export ridotta, hanno fatto segnare un progresso delle proprie esportazioni negli Stati Uniti negli ultimi dieci anni, ovvero Liguria, Trentino Alto Adige e Abruzzo.

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 2014 II Trimestre 2014 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 2014, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri risultano in aumento per

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI A seguito della crisi politico-militare con l Ucraina, le sanzioni economiche introdotte nel 2014 dall Unione europea nei confronti della Russia e le reazioni

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 201 II Trimestre 201 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 201, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in forte aumento per

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 giugno 2015 I trimestre 2015 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre del 2015, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in aumento sia per le regioni

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia La farmaceutica è un patrimonio manifatturiero che il Paese non può perdere La farmaceutica e il suo indotto 174 fabbriche 62.300 addetti

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria Frenata globale e premesse per la ripresa Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria La convergenza delle previsioni 2008 2009 CSC (giugno) 0,1 0,6 Prometeia (settembre) 0,1 0,6 OCSE (settembre)

Dettagli

Italia - Iran ایران - ایتالیا

Italia - Iran ایران - ایتالیا Italia - Iran ایران - ایتالیا Elaborato dall Ufficio di supporto per la pianificazione strategica, studi e rete estera pianificazione.strategica@ice.it 14 luglio 215 Sanzioni in vigore A partire dal 26

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari I dati dell export piemontese di prodotti alimentari Novara, 29 Ottobre 2015 Corso L export prodotti alimentari di origine animale e vegetale 1 L industria alimentare piemontese in cifre (industria alimentare

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper

Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper 2013 1 Dati rilevanti 1 Questo settore vale il 34% dell intero export italiano; Il Nord genera l 8 del valore

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy

I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy Fondazione Edison - Symbola I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy Intervento di Marco Fortis (vice presidente Fondazione Edison) Assolombarda, 7 ottobre 2009 Bilancia commerciale di alcuni Paesi

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI

2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI Centro Studi 2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria 10 INDICATORE ANTICIPATORE OCSE (Variazioni % su sei mesi annualizzate) 8 6 4 2 0-2 -4-6

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli