EII: INTEGRAZIONE TRA DATI GEOREFERENZIATI E DI BUSINESS INTELLIGENCE PER LA PIATTAFORMA SPAGOBI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EII: INTEGRAZIONE TRA DATI GEOREFERENZIATI E DI BUSINESS INTELLIGENCE PER LA PIATTAFORMA SPAGOBI"

Transcript

1 Università degli Studi di Padova Facoltà di scienze matematiche, fisiche e naturali Tesi di Laurea Specialistica in Informatica EII: INTEGRAZIONE TRA DATI GEOREFERENZIATI E DI BUSINESS INTELLIGENCE PER LA PIATTAFORMA SPAGOBI Relatori: Ch.ma Prof.ssa Susi Dulli, Prof. Stefano Nativi Correlatore: Dott. Antonio Majori Laureando: Nicodemo Valerio Anno accademico 2006/2007

2 2 Sommario Oggigiorno le aziende che si distinguono per dimensioni e notevole volume d affari dispongono di vari strumenti di tipo informatico che permettono di migliorare l efficienza della gestione operativa e commerciale, in quanto permettono di realizzare applicazioni ad alto livello le cui funzionalità possono essere utilizzate dal personale che si occupa dell ambito analitico e dirigenziale. Due di questi elementi sono individuabili nei sistemi per la gestione delle informazioni geografiche e nel data warehouse, un enorme contenitore di dati, sul quale è possibile effettuare analisi di tipo statistico utile a fini gestionali. Spesso i dati contenuti in quest ultimo potrebbero essere georeferenziati, correlandoli a quelli presenti nei database spaziali, in modo tale da poter realizzare mappe territoriali integrate con dati di tipo statistico. Tale operazione non è spesso possibile a causa di un problema ricorrente in ambito informatico: la mancanza di interoperabilità tra le applicazioni che gestiscono le due differenti tipologie di dati, in quanto gestite da software di produttori diversi. Il lavoro effettuato in questa tesi ha avuto l obiettivo di analizzare tale problematica, in modo da individuare un metamodello di tipo generico che permetta di ovviare a tale inconveniente, valutando gli strumenti adatti a realizzare l integrazione dei dati e dimostrandone la fattibilità attraverso la realizzazione di un prototipo.

3 Indice Sommario Introduzione 4 1 Il problema dell integrazione L origine del problema Enterprise Resource Planning Enterprise Application Integration Enterprise Information Integration Le tecnologie coinvolte Data warehouse Formato di memorizzazione dei dati Costruzione e tipi di architettura Operazioni effettuabili Geographic Information System Evoluzione storica Situazione attuale e prospettive future L azienda promotrice del caso di studio Engineering Ingegneria Informatica SpagoBI L approccio di tipo open source

4 4 INDICE 4 Fase di analisi Analisi dei database spaziali Gli standard dell OGC PostGIS Oracle Spatial MySQL Spatial Extension ArcSDE e MapInfo Altri database spaziali Fase di progettazione Approccio progettuale Soluzione per il recupero dei dati spaziali Web Feature Service Geographic Markup Language Implementazione di un WFS Recupero dei dati di business intelligence extensible Markup Language Integrazione e visualizzazione dei dati Scalable Vector Graphics Realizzazione di un prototipo Il prototipo Strumenti utilizzati PHP Descrizione dell applicazione Conclusioni 91 A Installazione del database PostGIS 95 Bibliografia 102

5 Introduzione Al giorno d oggi si può affermare che la totalità delle aziende commerciali, industriali, della pubblica amministrazione, soprattutto quelle di grosse dimensioni, dispongono al loro interno da più di un decennio di un sistema informatico, utilizzato a fini operativi e gestionali. Nel corso degli anni all interno dei database di tale sistema si è accumulata una significativa mole di dati, che è possibile inglobare all interno di un enorme contenitore, il data warehouse. Questo rappresenta uno strumento che fornisce un valore aggiunto al patrimonio informativo aziendale, in quanto su di esso è possibile realizzare una serie di analisi che permettono di ricavare informazioni utili alla gestione operativa. Negli ultimi anni inoltre, grazie alla digitalizzazione delle mappe su supporto cartaceo e al rilevamento di nuovi dati da parte degli enti specializzati, è aumentata la disponibilità di dati geospaziali e delle applicazioni che ne possono usufruire. Le stesse aziende commerciali e la pubblica amministrazione hanno sfruttato tale opportunità, acquisendo informazioni geografiche che possono essere sfruttate a fini operativi, ad esempio per determinare la rete relativa alle consegne, in modo da minimizzare i costi e i tempi. Spesso però ciascun reparto operativo aziendale ha provveduto all acquisizione di tali dati in base ai propri obiettivi, magari aventi lo stesso contenuto informativo di quelli posseduti dagli altri, ma con codifiche differenti. Inoltre ciascun settore può aver provveduto all acquisto di un database spaziale apposito per la memorizzazione di tali dati il cui produttore è differente rispetto a quello degli altri. 5

6 6 INDICE Ecco quindi lo scenario che si può riscontrare all interno di una azienda: ci si ritrova in possesso di un data warehouse contenente dati di business che viene sfruttato per analisi di tipo strategico e una serie di database spaziali eterogenei che contengono dati spaziali di alto dettaglio. Una situazione di questo tipo può essere sfruttata in modo da produrre ulteriori risorse informative, che possono essere utilizzate dal reparto che si occupa della gestione strategico/dirigenziale dell azienda. È possibile infatti integrare i dati spaziali contenuti nel database georeferenziandoli a quelli di business contenuti nel data warehouse, in modo da produrre applicazioni che permettano di visualizzare mappe geografiche arricchite di dati relativi all ambito commerciale. A questo punto vengono a galla i problemi, in quanto è necessario integrare dati contenuti in database di produttori diversi, all interno di un unica applicazione. Questo caso di studio è stato proposto da un azienda la cui attività principale è proprio quella di realizzare soluzioni che permettono l integrazione tra vari sistemi eterogenei, la Engineering Ingegneria Informatica. Uno degli aspetti caratterizzanti di tale società è la metodologia di sviluppo secondo il modello open source, la quale presenta vari vantaggi rispetto a quella effettuata tramite modalità proprietaria. Il lavoro illustrato in questa tesi ha avuto proprio lo scopo di individuare una soluzione a tale situazione, proponendo un metamodello che sia in grado di ovviare a tale problematica; questo ha come finalità la definizione di un modello generico che può essere utilizzato in maniera da permettere l integrazione di dati spaziali estraibili da database di tipo eterogeneo, in modo da integrarli ai dati di business intelligence contenuti nel data warehouse. A tale scopo sono stati analizzati vari strumenti software di tipo open source che possono essere utilizzati, valutandone il grado di adattabilità e la capacità di interfacciamento con applicazioni esterne; tali strumenti saranno utilizzati in modo da produrre un architettura standard che possa essere utilizzata nella maggior parte dei casi pratici che si possono presentare. Per dimostrare infine la fattibilità della soluzione proposta è stato realizzato un prototipo,

7 INDICE 7 consistente in una applicazione utilizzabile dall utente finale. Il programma permette la visualizzazione di una mappa interattiva prodotta grazie ai dati spaziali contenuti in un database PostGIS, integrata ai dati di business intelligence estratti da un data warehouse su database Postgresql. Nel primo capitolo viene illustrato il problema dell integrazione nell ambito informatico, esponendo la differenza tra Enterprise Application Organization e l Enterprise Information Integration. Nel secondo capitolo vengono illustrate le tecnologie oggetto del caso di studio, il data warehouse e i sistemi informatici per la gestione dei dati geografici. Nel terzo capitolo si fa una breve panoramica dell azienda promotrice e la piattaforma per la business intelligence SpagoBI (che dovrebbe utilizzare il modello proposto), illustrando la metodologia di sviluppo software adottata, quella di tipo open source. Nel quarto capitolo viene descritta la fase di analisi relativa ai database spaziali, durante la quale sono stati individuati attributi comuni, utili alla successiva fase di progettazione. Nel quinto capitolo si descrive l architettura finale e le componenti da cui è formata, evidenziando le scelte che hanno portato alla scelta delle stesse. Nel sesto capitolo viene proposta una realizzazione pratica di una possibile applicazione finale che effettua l integrazione dei dati, descrivendo gli strumenti utilizzati. L ultimo capitolo presenta le conclusioni del lavoro realizzato e i suoi possibili sviluppi futuri.

8 8 INDICE

9 Capitolo 1 IL PROBLEMA DELL INTEGRAZIONE In questo primo capitolo viene descritto il problema dell integrazione tra dati e applicazioni che spesso emerge in ambito informatico. Nel paragrafo 1.1 si illustra il processo storico che ha portato ai problemi legati all interoperabilità, nel paragrafo 1.2 si descrive l ERP, una soluzione adottata per la risoluzione del problema, nei paragrafi successivi 1.3 e 1.4 la differenza tra EAI e EII. 1.1 L origine del problema Il sistema informativo di un azienda è composto da un insieme di risorse e attività che devono essere coordinate insieme allo scopo di gestire il flusso di informazioni necessarie a gestire l azienda. A partire dal 1960 si sono resi disponibili strumenti di tipo informatico orientati allo svolgimento di un considerevole numero di operazioni di calcolo in tempi brevi su masse di dati di grosse dimensioni e supporti dedicati alla memorizzazione delle informazioni; inizialmente solo un limitato numero di imprese ha provveduto al loro acquisto al fine di ottimizzare il sistema informativo, dati gli alti costi dei dispositivi di elaborazione del tempo, i mainframe, dando così vita ai 9

10 10 CAPITOLO 1. IL PROBLEMA DELL INTEGRAZIONE primi sistemi informatici. Con il passare degli anni i costi relativi all hardware e al software sono diminuiti drasticamente, in maniera inversamente proporzionale alle prestazioni, che sono di gran lunga migliorate. Tale situazione ha fatto sì che oggigiorno la totalità delle aziende utilizzi risorse informatiche per la gestione delle proprie informazioni. Spesso, soprattutto nelle aziende con una scarsa cultura informatica, la scelta dell acquisto del software necessario alla gestione del singolo reparto avviene in base alle esigenze immediate dello stesso, senza valutare la possibilità di una eventuale necessità di condivisione dei dati con gli altri. La decisione è anche influenzata dai fornitori software, ciascuno dei quali propone dei software proprietari per la gestione di una singola funzione aziendale e non si preoccupano di illustrare gli eventuali svantaggi o conflitti derivanti dall installazione del proprio prodotto, focalizzandosi unicamente ad ottenere il massimo profitto derivante dalla vendita. Inconvenienti del genere sono causati anche da una mancanza di una fase di pianificazione relativa agli strumenti hardware e alle applicazioni da acquistare in base alle reali esigenze e alle future evoluzioni che si possono presentare, ma si orientano a trovare la soluzione che possa soddisfare in modo tempestivo i bisogni immediati. La mancanza di competenze tecniche gioca un ruolo determinante a favore dei venditori, tra i quali emerge come fattore determinante, al fine di incrementare le vendite, la maggior capacità di esporre i propri prodotti. Se il cliente non è in grado di comprendere i benefici reali che uno strumento può fornire tenderà ad acquistare il prodotto che gli verrà presentato in maniera migliore. Ci si ritrova, come conseguenza, nella situazione in cui ciascun settore aziendale possiede un proprio sistema informativo, formato da applicazioni fornite da produttori differenti che sono in grado di svolgere un determinato numero di funzioni, relative ad un ambito particolare. Gli inconvenienti che sorgono in tale ambiente si hanno nel momento in cui un dato settore necessita dei dati prodotti dal sistema informatico di un reparto differente. L ufficio che si occupa della gestione finanziaria può avere bisogno dei dati anagrafici dei suoi dipendenti al fine di organizzare i pagamenti, i

11 1.2. ENTERPRISE RESOURCE PLANNING 11 quali sono memorizzati nell applicativo del reparto risorse umane. Gestire tale situazione non è semplice, si devono definire i metodi necessari a far comunicare le due applicazioni, gestire la differente codifica dei dati, in quanto ciascuna applicazione adotta il suo formato proprietario. 1.2 Enterprise Resource Planning Negli ultimi anni sono state proposte soluzioni atte a risolvere questo problema dell integrazione, inizialmente all interno delle aziende manifatturiere con l MRP ((Material Requirement Planning), per espandersi poi ai vari settori con l ERP (Enterprise Resource Planning). Questo rappresenta un sistema che mira ad integrare tutti i dati e i processi operazionali presenti all interno dell azienda, utilizzando una serie di strumenti hardware e software; viene realizzato un database centrale allo scopo di memorizzare i dati di ciascun modulo del sistema. L approccio realizzato consiste nel sostituire due o più applicazioni software, che necessitano di essere collegate al fine di fornire una funzionalità unica, in un singolo modulo. I vantaggi legati a una soluzione di questo tipo sono: la fornitura di un unica interfaccia per l accesso alle singole applicazioni; l eliminazione delle interfacce necessarie alla comunicazione tra le applicazioni; una minor necessità di manutenzione in quanto si deve visionare su un unico componente anziché su ciascun elemento da cui è composto; l archiviazione dei dati all interno di un unico database centralizzato. Tendenzialmente i produttori software implementano dei moduli ERP che soddisfano le esigenze di singoli settori: gestione risorse umane, pagamenti, ecc. Se un azienda necessita di più moduli provvede al loro acquisto, anche da fornitori differenti, in quanto possono comunicare tra di loro grazie ad una

12 12 CAPITOLO 1. IL PROBLEMA DELL INTEGRAZIONE interfaccia comune. Si procede poi ad una fase di customizzazione dei prodotti, che permette di configurarli in base alle specifiche funzioni ed esigenze aziendali. 1.3 Enterprise Application Integration I sistemi ERP hanno la finalità di ottimizzare la gestione operazionale, ossia di fornire gli strumenti che permettono di organizzare al meglio le attività con una scadenza a breve termine, come la gestione degli ordini, consegne, pagamenti, ecc. Questo avviene integrando le applicazioni di basso livello. Per migliorare la gestione manageriale è necessario invece lavorare con gli strumenti utilizzati dagli addetti al reparto analitico/finanziario: CRM (Customer Relationship Management), Supply Chain Management, Business Intelligence. Si parla quindi di EAI Enterprise Application Integration per indicare una architettura che permette di condividere dati e processi di business tra ciascuna delle applicazioni connesse all interno dell azienda. Gli scopi che si prefigge l EAI sono: integrazione dei dati: si deve assicurare che le informazioni all interno dei singoli sistemi componenti siano consistenti tra di loro; integrazione dei processi: si deve permettere il collegamento tra i processi di business attraverso l integrazione tra le varie applicazioni; indipendenza dai produttori: estrarre regole generali di business a partire dalle applicazioni, in modo da implementarle nel sistema EAI, permette di rimpiazzare un modulo con quello di un altro produttore senza la necessità di ridefinirle; interfaccia comune: un EAI deve presentare una interfaccia di accesso comune alle varie applicazioni da cui è formata, in modo da non costringere l utente finale ad utilizzare front-end di vario tipo. All interno di un EAI vengono implementati due tipi di sistemi:

13 1.3. ENTERPRISE APPLICATION INTEGRATION 13 mediation: un modulo di integrazione che notifica alle varie applicazioni il verificarsi di un cambiamento interno, in modo che ciascuna adatti il proprio stato alla nuova situazione; federation: l unica interfaccia che permette di interagire dall esterno con le applicazioni del sistema e fornire unicamente le informazioni di cui l utente necessita, senza che questi possa capire in che modo funzioni l elaborazione interna. Attualmente non è definita una infrastruttura standard per l EAI, gli addetti ai lavori stanno ancora studiando quale sia la soluzione migliore e gli standard da adottare. Finora i punti comuni ai quali sembrano aderire tutti sono: presenza di un unico broker centralizzato che gestisca gli aspetti riguardanti la sicurezza, gli accessi e la comunicazione. uso di un modello di dati indipendente basato sull uso di strutture standard; l XML (par ) sembra essere il candidato migliore per il raggiungimento di tale obiettivo. un componente che permetta far comunicare ciascuna applicazione con il broker centrale. un modello di sistema che permetta ai produttori di realizzare applicazioni che possano interfacciarsi in maniera standard. I progetti di EAI sono spesso caratterizzati da alti costi di gestione in quanto è necessario realizzare la personalizzazione e intergrazione delle singole applicazioni, lavoro che richiede l impiego di molto tempo e risorse. Per facilitare il tutto è importante l adozione di standard che descrivono come i sistemi informatici devono connettersi tra di loro, la rappresentazione dei dati, la modalità di correlazione tra i processi. Per implementare un nuovo EAI sarebbe così necessario scegliere gli standard adatti alla realizzazione del sistema più conforme alle esigenze aziendali; il numero di sviluppatori sarebbe inoltre maggiore poiché tutti coloro che conoscono gli standard da

14 14 CAPITOLO 1. IL PROBLEMA DELL INTEGRAZIONE adottare sarebbero in grado di realizzare le connessioni tra le applicazioni e non solo quelli delle case fornitrici dei singoli moduli. 1.4 Enterprise Information Integration Un altro tipo di integrazione all interno di un sistema in cui coesistono applicazioni tra loro indipendenti è l EII (Enterprise Information Integration). Si differenzia dall EAI in quanto opera ad un livello di complessità più basso; la prima è orientata a connettere applicazioni, la seconda invece mira a integrare i dati utilizzati da queste, implementando soluzioni che permettono di uniformare la modalità di accesso ai dati e il formato di rappresentazione delle informazioni. I software EII hanno la funzione di presentare una visione dei dati contenuti in un determinato momento nei sistemi OLTP (On Line Transactional Processing), in un formato che permette l analisi da parte dell utente, come report, fogli elettronici (spreadsheet), testi (word processor). La procedura per ottenere le informazioni finali prevede quattro fasi: 1. determinazione delle informazioni che devono essere recuperate (finanziarie, dati CRM, BI, ecc.). 2. individuazione delle fonti dati da cui estrarre le informazioni; tipicamente sono le sorgenti dei sistemi OLTP, ma anche il data warehouse (par. 2.1) può essere utilizzato come fonte dati. Infatti utilizzando i dati di quest ultimo si possono ottenere dati che presentano una visione storica, in quanto i sistemi OLTP contengono esclusivamente i dati attuali, mentre il data warehouse rappresenta il repository di tutte le informazioni che sono state memorizzate dall azienda. 3. creazione dei riferimenti alle informazioni dei sorgenti dati; 4. procedura di recupero delle informazioni tramite: query SQL, se le fonti dati sono database relazionali;

15 1.4. ENTERPRISE INFORMATION INTEGRATION 15 metodi proprietari, se le fonti dati sono i mainframe legacy; metodi standard per il recupero dei dati a partire da varie fonti dati, come chiamate ODBC, JDBC, OLEDB o metodi forniti per informazioni rappresentate in formato XML. Una volta recuperati i dati si procede a presentarli all utente, popolando l oggetto dedicato alla visualizzazione finale.

16 16 CAPITOLO 1. IL PROBLEMA DELL INTEGRAZIONE

17 Capitolo 2 LE TECNOLOGIE COINVOLTE In questo secondo capitolo vengono illustrate le due principali componenti tecnologie informatiche oggetto di studio. Nel paragrafo 2.1 è illustrato in cosa consiste un data warehouse, i benefici che può portare all azienda, il formato di memorizzazione dei dati (par ), le problematiche relative alla sua costruzione e i diversi tipi di architettura che lo caratterizzano (par ) e le operazioni di analisi che si possono effettuare (par ). Nel paragrafo 2.1 vengono poi descritti i sistemi informatici per la gestione delle informazioni geografiche, la loro evoluzione (par ), i problemi relativi alla mancanza di standard per la memorizzazione dei dati spaziali esistenti. Nel paragrafo viene descritta la situazione odierna e i servizi standard servono a gestire GIS eterogenei. 2.1 Data warehouse Oggigiorno nelle aziende commerciali, industriali, nella pubblica amministrazione si ha la necessità di gestire una significativa mole di dati, i quali permettono di generare informazione, l elemento fondamentale per l amministrazione dell azienda. 17

18 18 CAPITOLO 2. LE TECNOLOGIE COINVOLTE Le informazioni devono essere utilizzate in ciascuno dei livelli gestionali dell azienda, quello che differisce è la tempestività e il dettaglio con cui i dati devono essere forniti: a livello basso sono necessari dati ad alto dettaglio, reperibili in tempo reale. Nel magazzino di un supermercato si deve sapere giorno per giorno il quantitativo di merce presente, se le scorte sono insufficienti a colmare la domanda è necessario provvedere a procedere con il reperimento immediato dei prodotti mancanti. Ecco allora la necessità di avere database perfettamente in linea con la situazione reale, i quali rappresentano una fotografia dello stato attuale. Il sistema che gestisce tali tipi di dati è detto transazionale. Tuttavia i dirigenti dell azienda non hanno la necessità di sapere il quantitativo venduto di giorno in giorno, ma di disporre di un quadro generale della situazione, che disegni l andamento della gestione che si ha avuto nel periodo medio/lungo. Il manager vuole sapere, ad esempio, quali sono stati i prodotti più o meno venduti negli ultimi sei mesi, magari distinguendoli per zone di vendita o categorie di acquirenti, per poi decidere su quale linea organizzare la produzione nei successivi. Se i dirigenti di una casa discografica notano l ascesa della vendita della musica su internet rispetto alla tradizionale vendita del cd, sposteranno i loro investimenti sulla promozione del loro portale web, sull inserzione di banner pubblicitari all interno di siti esterni, mentre risparmieranno sulle risorse dedicate alla produzione del classico supporto fisico e alla sua distribuzione presso i punti vendita. Queste decisioni possono essere prese nel momento in cui si hanno le informazioni riassuntive, che permettono di avere una panoramica ad alto livello della gestione aziendale. Solitamente la produzione di tale visione viene effettuata sintetizzando e riassumendo tutti i dati di alto dettaglio utilizzati per la gestione a basso livello, creando indici e indicatori che possono essere interpretati facilmente. Disporre però dell andamento dell ultimo semestre al fine di stendere un piano previsionale per il futuro non è di certo utile se non lo si può confrontare con i dati riguardanti i mesi e periodi precedenti se non addirittura anni, per

19 2.1. DATA WAREHOUSE 19 questo sarebbe utile disporre anche dei dati aziendali accumulati a partire dalla nascita dell azienda. La soluzione ai problemi illustrati si ha adottando uno strumento assai utile, le cui potenzialità emergono parallelamente alla dimensione e all età dell azienda: il data warehouse. Questo può essere visto come una raccolta di dati di considerevoli dimensioni, la cui struttura dati è finalizzata ad effettuare interrogazioni su enormi quantità di informazioni, producendo risultatiche permettono di fornire un supporto ai processi decisionali. Le caratteristiche fondamentali del data warehouse sono: integrazione: i dati contenuti al suo interno sono il risultato di una serie di operazioni, consistenti nel recupero di dati registrati all interno di sistemi transazionali e legacy 1 dell azienda, spesso contenenti le stesse informazioni; queste sono però spesso codificate in maniera differente, in quanto gli applicativi che le gestiscono sono stati acquistati da produttori diversi e possono ulteriormente essere inconsistenti tra di loro. È necessario per cui, allo scopo di produrre un unico repository che contenga tali dati, effettuare un operazione di integrazione delle informazioni contenute nei vari sistemi, eventualmente alimentate da fonti esterne, che permettono di risolvere le inconsistenze rilevate, etichettando il tutto con metadati descrittivi, in modo da arricchire la base di conoscenza che si intende produrre. orientamento al soggetto: per quanto riguarda la struttura di archiviazione dei dati non ci si prefigge, al contrario dei sistemi transazionali, l obiettivo di minimizzare la ridondanza (tramite la normalizzazione) in modo da ridurre la quantità di memoria fisica utilizzata. Quest ul- 1 Sistemi hardware e software che continuano ad essere utilizzati perché il loro aggiornamento richiederebbe un costo troppo elevato rispetto alle migliori prestazioni che si otterrebbero con gli upgrade, oppure perché il loro rimpiazzo non sarebbe compatibile con altre applicazioni o altri software. In pratica si tratta di sistemi obsoleti, ma che hanno richiesto all origine un notevole investimento e che adesso si rivelano lenti ed incompatibili con i nuovi sistemi. [Cis07]

20 20 CAPITOLO 2. LE TECNOLOGIE COINVOLTE timo punto non viene preso in considerazione come fattore di limitazione nell implementazione di un data warehouse: lo spazio dedicato all immagazzinamento dei dati (e relativi costi) deve essere illimitato, in quanto è necessario implementare un sistema di notevoli dimensioni (le tabelle sono spesso denormalizzate), che però consente di effettuare in modo semplice ed efficiente interrogazioni da parte degli utenti finali; inoltre i dati non sono organizzati in maniera tale da rendere efficiente interrogazioni orientate alle transazioni, ma quelle orientate all analisi dei soggetti. dipendenza dal tempo e non volatilità: come citato in precedenza, per effettuare un analisi di tipo previsionale è di fondamentale importanza disporre, oltre che dei dati attuali, anche di dati storici. Per tale motivo il data warehouse è concepito come un archivio in sola lettura in cui non si effettuano cancellazioni delle informazioni passate, ma si conservano, in quanto hanno utilità come parametro di confronto e valutazione rispetto alla situazione attuale. Gli aggiornamenti e l allineamento dei dati avviene periodicamente, al contrario un sistema transazionale, in cui tale operazione si effettua costantemente, si sovrascrivono le informazioni non più valide, fornendo solo la visione della situazione attuale. Un problema legato al data warehouse riguarda la possibilità di effettuare analisi su dati che non siano stati aggiornati, fornendo una panoramica non coerente con la realtà. Descritte le caratteristiche principali, si intuisce che tale risorsa non è adottabile da una neo-azienda di recente formazione, in quanto manca la componente temporale, la storicità dei dati, ingrediente fondamentale per lo sfruttamento dell utilità di questo strumento. Non solo, i costi per la gestione dello stesso, in particolare il lavoro di integrazione dei dati contenuti in sistemi eterogenei e legacy, non sono certamente trascurabili. Per le aziende giovani è comunque utile la progettazione di un sistema informatico nell ottica di una futura possibilità di utilizzo del data warehouse.

21 2.1. DATA WAREHOUSE Formato di memorizzazione dei dati All interno di un data warehouse i dati sono organizzati e strutturati in tabelle che permettono di avere una visione multidimensionale dei soggetti su cui si vuole focalizzare l analisi, secondo un modello denominato Dimensional Fact Model. Un soggetto viene logicamente rappresentato da un ipercubo n-dimesionale, concepito come un elemento caratterizzato da n dimensioni; tipici esempi di soggetti sono gli acquisti e le vendite. Per dimensione si intende un aspetto che permette di caratterizzare un dato soggetto. Ad esempio, il soggetto vendita può essere definito dalle dimensioni prodotto, cliente, tempo, punto vendita, ecc.; le dimensioni costituiscono gli assi dell ipercubo. A loro volta le dimensioni presentano al loro interno degli attributi, che possono essere tra loro relazionati in base ad una gerarchia, ad esempio la dimensione tempo presenta la gerarchia di attributi anno, trimestre, mese, giorno, ora. Fissato un valore per ciascuna dimensione (es. prodotto= Pc desktop, tempo= Gennaio, mercato= Roma ) si individua univocamente una cella dell ipercubo (Figura 2.1); questa rappresenta un fatto a cui vengono associate una o più misure (es. quantità venduta). In fase di progettazione è determinante la scelta del grado di granularità delle misure che vengono utilizzate nei fatti. La granularità rappresenta il grado di dettaglio dei dati, più è alta più i dati sono meno dettagliati; quindi il grado di granularità minima riguarda i dati a livello operativo, ad esempio il quantitativo venduto in un dato punto vendita in un determinato giorno. Un livello basso di granularità può essere difficile da gestire, in quanto i dati che si vogliono visualizzare a seguito di un interrogazione sono dati di sintesi, che prevedono una granularità maggiore per la cui produzione è necessario sommare i dati al dettaglio (ad es. quantità giornaliere) al fine di ottenere il livello desiderato (ad es. quantità trimestrali). Progettare data mart con misure già aggregate è la soluzione spesso utilizzata al fine di evitare questo inconveniente; il requisito necessario per il raggiungimento di questo obiettivo

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

IT FOR BUSINESS AND FINANCE

IT FOR BUSINESS AND FINANCE IT FOR BUSINESS AND FINANCE Business Intelligence Siena 14 aprile 2011 AGENDA Cos è la Business Intelligence Terminologia Perché la Business Intelligence La Piramide Informativa Macro Architettura Obiettivi

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Sistemi ERP e i sistemi di BI

Sistemi ERP e i sistemi di BI Sistemi ERP e i sistemi di BI 1 Concetti Preliminari Cos è un ERP: In prima approssimazione: la strumento, rappresentato da uno o più applicazioni SW in grado di raccogliere e organizzare le informazioni

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Cos è la Businèss Intèlligèncè

Cos è la Businèss Intèlligèncè Cos è la Businèss Intèlligèncè di Alessandro Rezzani Il sistema informativo aziendale... 2 Definizione di Business Intelligence... 6 Il valore della Business Intelligence... 7 La percezione della Business

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

La Business Intelligence

La Business Intelligence Parte 1 La Business Intelligence Capitolo 1 Cos è la Business Intelligence 1.1 Il sistema informativo aziendale Sempre la pratica dev essere edificata sopra la buona teorica. Leonardo da Vinci Le attività,

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence dal Controllo di Gestione alla strumenti strategici per la gestione delle imprese Giovanni Esposito Bergamo, 29 Ottobre 2012 dal Controllo di Gestione alla 25/10/2012 1 Agenda 14:00 Benvenuto Il Sistema

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Grandi dimensioni e dimensioni variabili

Grandi dimensioni e dimensioni variabili Grandi dimensioni e dimensioni variabili aprile 2012 1 Questo capitolo studia alcuni ulteriori aspetti importanti e caratteristici della gestione delle dimensioni in particolare, delle grandi dimensioni

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Integrazione tra sistemi MES e ERP

Integrazione tra sistemi MES e ERP ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Informatiche Integrazione tra sistemi MES e ERP Relazione

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence Breve panoramica sulla Business Intelligence con software Open Source Roberto Marchetto, 14 Gennaio 2009 L'articolo ed eventuali commenti sono disponibili su www.robertomarchetto.com (Introduzione) Il

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli