OSSERVATORIO ASTRONOMICO GALILEO GALILEI SUNO (NO) - Tel tiscalinet.it

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO ASTRONOMICO GALILEO GALILEI 28019 SUNO (NO) - Tel. 032285181-032285210 apansuno @ tiscalinet.it www.apan.it"

Transcript

1 OSSERVATORIO ASTRONOMICO GALILEO GALILEI SUNO (NO) - Tel tiscalinet.it BOLLETTINO N. 319 Mercoledì 17 luglio 2013, dopo le ore 21, in osservatorio, per i tradizionali incontri del terzo mercoledì di ogni mese si proietterà in filmato di astronomia. La Luna avrà appena superato il primo quarto e sarà molto interessante da osservare. Non sarà eccessivamente luminosa per cui sarà possibile osservare anche le costellazioni estive e numerosi oggetti del cielo profondo nella Vergine, l ammasso globulare M13, la nebulosa M57. Saturno sarà visibile tutte sera nella costellazione ella Vergine a destra della Luna Venere sarà bassa all orizzonte ovest nel Leone e tramonterà poco dopo il Sole. Marte, Giove e Mercurio sorgeranno poco prima del Sole nella costellazione dei Gemelli.. MARGHERITA HACK (Firenze, 12 giugno 1922 Trieste, 29 giugno 2013) è stata un'astrofisica, divulgatrice scientifica e attivista italiana. È stata professoressa ordinaria di astronomia all'università di Trieste dal 1964 al 1º novembre 1992, anno nel quale fu collocata "fuori ruolo" per anzianità. È stata la prima donna italiana a dirigere l'osservatorio Astronomico di Trieste dal 1964 al 1987, portandolo a rinomanza internazionale. Membro delle più prestigiose società fisiche e astronomiche, Margherita Hack è stata anche direttore del Dipartimento di Astronomia dell'università di Trieste dal 1985 al 1991 e dal 1994 al È stata un membro dell'accademia Nazionale dei Lincei. Ha lavorato presso numerosi osservatori americani ed europei ed è stata per lungo tempo membro dei gruppi di lavoro dell'esa e della NASA. In Italia, con un'intensa opera di promozione ha ottenuto che la comunità astronomica italiana espandesse la sua attività nell'utilizzo di vari satelliti giungendo ad un livello di rinomanza internazionale Ha pubblicato numerosi lavori originali su riviste internazionali e numerosi libri sia divulgativi sia a livello universitario. Nel 1994 ha ricevuto la Targa Giuseppe Piazzi per la ricerca scientifica. Nel 1995 ha ricevuto il Premio Internazionale Cortina Ulisse per la divulgazione scientifica. Margherita Hack nel 1978 fondò la rivista bimensile L'Astronomia il cui primo numero vide la luce nel novembre del 1979; successivamente, insieme con Corrado Lamberti, diresse la rivista di divulgazione scientifica e di cultura astronomica Le Stelle. In segno di apprezzamento per il suo importante contributo, le è stato anche intitolato l'asteroide 8558 Hack. Forse, anche se Lei non ci credeva, finalmente gli si sono svelati tutti i segreti dell Universo tanto ricercati quando era in vita.

2 CRISTOFORO COLOMBO "Buscar el levante por el poniente": Cristoforo Colombo ( ) Si considera con la scoperta del Nuovo Mondo da parte di Cristoforo Colombo (12 ottobre 1492 giuliani) la fine del Medio Evo, ma in questa data si è solo iniziato a comprendere concretamente le dimensioni della Terra. Avrebbe avuto un carattere più universale far terminare il Medio Evo con la pubblicazione de il "De Revolutionibus Orbium Coelestium" di Nicolò Copernico( ) nel 1543 (il Medio Evo durerebbe 51 anni di più), nel quale la Terra è messa nel posto giusto nel Sistema Solare quale pianeta della Stella Sole. Giacomo Leopardi ( ) la cui autorità culturale è fuori discussione nella sua opera giovanile "Storia dell'astronomia dalla sua origine fino all'anno MDCCCXI dice testualmente, riferendosi a Colombo, "Uomo abile in Astronomia". Per Colombo, Giovanni Muller ( ) detto Regiomontano il più grande astronomo del XV secolo, fu molto importante. Infatti il Regiomontano fece delle Effemeridi Astronomiche riferite al meridiano di Norimberga per gli anni tra il 1475 ed il 1506, che servivano a trovare in mare la longitudine con il metodo delle Distanze Lunari, forse utilizzato dal navigatore genovese verso il Nuovo Mondo anche se non si rese mai conto della grande scoperta. Prima del Grande Viaggio Colombo navigò lungo le coste dell'africa sino alla Guinea sotto un Cielo carichi di Stelle, probabilmente in estate, quando circa sotto lo Scorpione, a quelle latitudini, si vede la costellazione del Centauro e della Croce del Sud. Prima di passare al Grande Viaggio mi sono domandato se il navigatore ventunenne osservò la famosa Cometa del 1472 che fu visibile addirittura in pieno giorno! Paolo dal Pozzo Toscanelli ( ) influì grandemente sulle decisioni di Colombo che venne a sapere di una "carta geografica" allegata ad una lettera del Toscanelli inviata nel 1474 ad un dignitario portoghese. Colombo portò con sé, durante i viaggi, un Quadrante ed un Astrolabio, ed il 15 settembre 1492 annota nel diario l'avvistamento di una "striscia di fuoco", era ovviamente un bolide. Il 17 settembre 1492 il primo riferimento alla Stella Polare, che osserva costantemente per seguire una retta via verso ponente, dopo aver toccato il suolo del Nuovo Mondo esplorando le contigue isole battezza un Rio Luna ed un Rio Sole, tanto per non perdere l'occasione di utilizzare termini astronomici. Un promontorio dell'isola Spagnola (Haiti) viene battezzato Capo Stella. Un altro fatto importante avviene tra il 13 settembre 1492 ed il 17 dello stesso mese Colombo scopre la "Declinazione Magnetica", la non coincidenza dell'asse terrestre geografico con quello magnetico, Colombo non si rese conto della vera natura del fenomeno ma ebbe il merito di essersi accorto che bisognava tener conto dello posizionamento della Polare nella determinazione del Nord, gli aghi della bussola potevano ingannare. Ci sarebbe molto da dire anche per la parte astronomica degli altri tre viaggi verso il Nuovo Mondo, ma per un piccola nota così, può bastare il riferimento al solo primo viaggio che si compie tra il 3 agosto 1492 ed il 15 marzo 1493 entrambi venerdì, come pure fu venerdì il giorno della scoperta del 12 ottobre Uranio

3 MILANO NELLO SPAZIO! Un asteroide dedicato alla nostra città Tra i pianeti Marte e Giove vi è la fascia principale degli asteroidi, si tratta di un anello intorno al Sole che contiene milioni di piccoli corpi rocciosi; uno di essi, quello contrassegnato con il numero di catalogo 4695, è stato chiamato Mediolanum. Questo asteroide ha un diametro di circa 18 km ed un periodo di rotazione intorno al Sole di 4,4 anni; la sua orbita, insieme a quelli dei pianeti da Mercurio a Marte è visualizzata nella parte destra della figura, dove il Sole si trova al centro. fotomontaggio di un asteroide e porzione del duomo di Milano Il giorno 23 giugno 2013 la Commissione per la Attribuzione dei Nomi dei Corpi Minori del Sistema Solare della Comunità Astronomica Internazionale (IAU) ha approvato la proposta di nomina da parte di Sandro Baroni e Sergio Foglia. nella circolare nr del Minor Planet Center è indicata la citazione della nomina: Mediolanum è il nome latino di Milano, città situata nel nord Italia. Nel 1861 G. V. Schiaparelli scoprì l asteroide (69) Hesperia dall Osservatorio Astronomico di Brera Sandro Baroni dal 1953 esegue ogni tipo di osservazione astronomica ad occhio nudo, con binocoli e telescopi, soprattutto di stelle variabili, comete, occultazioni lunari ed asteroidali, E' stato conferenziere del Civico Planetario "Hoepli" di Milano dal 1981 al 2007, dove risiede. E' stato fonte di ispirazione per generazioni di astronomi dilettanti e ha condiviso la sua conoscenza con la pubblicazione di molti articoli vari di cultura astronomica, con una preferenza per la storia della astronomia. Sergio Foglia si occupa di astronomia per hobby, in particolare è interessato alla ricerca scientifica dei corpi minori del Sistema Solare (asteroidi, comete e meteoriti); nato a Milano, si è trasferito a Novara da una dozzina di anni, dove lavora e vive insieme alla moglie Paola ed ai figli Laetitia, Benedetta e Sebastiano. Da venti anni è Responsabile della Sezione di Ricerca degli Asteroidi della Unione Astrofili Italiani e collabora con ricercatori professionisti ed amatoriali del settore a livello internazionale utilizzando per le sue ricerche i telescopi più performanti del settore quali il Faulkes Telescope North alle isole Hawaii (USA), l Astronomical Research Observatory nell Illinois (USA), il Faulkes Telescope South in Australia.

4 MERIDIANE E QUADRANTI SOLARI VENEZIA Orologio astronomico Continuiamo la descrizione dell orologio astronomico di Venezia iniziata nel bollettino n Figura n. 3: Venezia, Torre dell orologio, nicchia con la Vergine ed il Bambino Gesù. Il pannello superiore della torre, ricoperto con un mosaico blu cosparso di stelle dorate, ha un leone alato, simbolo di San Marco, con le tavole della legge (figura n. 4). Figura n. 4: Venezia, Torre dell orologio, leone alato simbolo di San Marco. (continua nel prossimo numero) (a cura di Salvatore Trani)

5 UN ASTEROIDE PER ORESTE LESCA Tra i pianeti Marte e Giove vi è la fascia principale degli asteroidi; si tratta di un anello intorno al Sole che contiene milioni di piccoli corpi rocciosi; uno di essi, quello contrassegnato con il numero di catalogo 5347 e con la sigla provvisoria 1985 DX2, è stato chiamato Orestelesca in onore dell astrofilo Oreste Lesca. L asteroide ha un diametro di circa 20 km ed un periodo di rotazione intorno al Sole di 5,2 anni; la sua orbita, insieme a quelli dei pianeti da Mercurio a Marte è visualizzata nella parte sinistra della figura, dove il Sole si trova al centro. Il giorno 23 giugno 2013 la Commissione per la Attribuzione dei Nomi dei Corpi Minori del Sistema Solare della Comunità Astronomica Internazionale (IAU) ha approvato la proposta di nomina da parte di Sergio Foglia; nella circolare n del Minor Planet Center è indicata la citazione della nomina: l'astrofilo Oreste Lesca (1947) è un fotografo e un amante della natura catturandone i dettagli più elusivi con la sua macchina fotografica, in particolare in ambito astronomico. L oggetto è stato scoperto da Eleanor F. Helin il 24 febbraio 1985 dall osservatorio Palomar sito negli U.S.A., ha un orbita quasi circolare ad una distanza media di circa 3 unità astronomiche dal Sole ed una inclinazione di 11 rispetto al piano orbitale terrestre. Nella parte destra della figura è riportata una porzione della lastra ottenuta il 19 agosto 1982 sempre dal Palomar durante la Deep Sky Survey (DSS), dove si nota l asteroide Orestelesca che ha lasciato la traccia del suo spostamento durante i 60 minuti di posa fotografica.

6 MOSTRA A CRAVEGGIA La misura del tempo attraverso le ricostruzioni di Guido Dresti Questa mostra si propone di descrivere la raccolta di strumenti per la misura del tempo costruiti da Guido Dresti. La sua attenzione a questo tema è iniziata dallo studio e costruzione di orologi solari, che per secoli hanno costituito lo strumento più diffuso per la misura dell ora. Orologi solari antichi sono presenti numerosi su chiese e case parrocchiali della Valle Vigezzo, dove si trova Craveggia, sua residenza. Partendo da questa attività, che ancora coltiva, Dresti è passato ad occuparsi di orologi solari portatili, costituenti una categoria di strumenti sorprendente per varietà e complessità di modelli. La raccolta esposta nella mostra considera circa cinquanta pezzi rappresentativi di quarantadue diversi strumenti, raggruppabili in tre tipologie di orologi solari, dieci modelli di astrolabi e altri strumenti astronomici quali il torquetum, la sfera armillare, una volvella lunare, l equatorium di Campano da Novara, l astrario di Giovanni Dondi. Sono inoltre presenti un modello di svegliarino monastico e lo scappamento ideato da Galileo, a rappresentare idealmente il passaggio della misura del tempo basata sui fenomeni astronomici a quella realizzata con meccanismi antesignani della orologeria meccanica.

7 CONSIGLI PER L OSSERVAZIONE Costellazione dello Scorpione Alfa Antares AR 16h 29m D Stella doppia Separazione 2.9 Mag AP 175 Il nome significa antagonista od opposto a Marte a causa del suo colore rossastro. Antares è una supergigante con un diametro enorme, arriverebbe, posta al centro del nostro sistema, fino al pianeta Marte. Contiene però solo 10 o 15 masse solari e quindi la sua densità risulta molto bassa. La stella è anche una variabile semiregolare tra 0.9 e 1.1 mag in media ogni 5 anni. Dista dalla Terra 520 anni luce. Risulta difficile poter osservare la stella compagna a causa della notevole differenza di luminosità delle componenti. Zeta AR 16h 54m D Stella doppia Separazione 6.5 Mag AP 89 Coppia di stelle molto larga, teoricamente visibile ad occhio nudo. Purtroppo a causa della bassa latitudine è già difficile rintracciare le stelle. Non si tratta di una coppia fisica e Zeta 1 potrebbe essere un membro periferico dell ammasso aperto NGC RR Scorpii AR 16h 57m D Variabile tipo Mira Mag Periodo 279 giorni Variabile interessante

8 NGC 6093 M 80 AR 16h 17m D Ammasso globulare Dimensioni 8.9 mag. 7.7 Ammasso globulare che si trova a 4.5 gradi a nord ovest di Antares. Il diametro indicato, nella visione diretta, risulta notevolmente minore a causa delle dense nubi di materia presenti nella zona. Con un piccolo telescopio sembra di osservare il nucleo di una cometa. Con strumenti di una certa importanza si può osservare la parte centrale concentrata e brillante; le stelle più luminose sono intorno alla 15^. La distanza è stimata in anni luce. Il 21 maggio 1860 nello stesso campo apparve una nova di mag. 7, denominata T Scorpii, che fece impallidire per breve tempo l ammasso. NGC 6121 M 4 AR 16h 23m D Ammasso globulare Dimensioni 26,3 mag. 5.8 Ammasso globulare prossimo ad Antares; si trova a poco più di un grado ad ovest. Può essere osservato anche con un binocolo e appare poco concentrato. E forse l oggetto di questo tipo più vicino al Sistema Solare; si trova infatti a solo anni luce di distanza. Le sue dimensioni sono paragonabili con le dimensioni della Luna piena. Siamo in presenza dell unico ammasso globulare che fu risolto in stelle da Messier, lo definì un ammasso di stelle molto piccolo. NGC 6231 AR 16h 54m D Ammasso aperto Dimensioni 14 mag. 2.6 Ammasso aperto molto luminoso, visibile ad occhio nudo. Purtroppo però si trova ad una latitudine molto bassa. La sua distanza è di anni luce.

9 NGC 6302 AR 17h 14m D Nebulosa planetaria - Dimensioni 50 mag. 9.6 Oggetto abbastanza brillante; purtroppo anche in questo caso si trova molto bassa sull orizzonte. Viene definita Nebulosa insetto e teoricamente potrebbe essere scorta utilizzando un buon binocolo. Può essere un interessante oggetto, come del resto molti altri di questa costellazione, da ricercare durante un viaggio verso località più a sud delle nostre. NGC 6405 M 6 AR 17h 40m D Ammasso aperto - Dimensioni 33 mag. 4.2 Per le sue dimensioni è visibile anche ad occhio nudo o comunque facilmente utilizzando un binocolo. Composta da 80 stelle molto luminose bianco-azzurre comprese tra la 8 e l 11^ magnitudine. Date le notevoli dimensioni, per l osservazione. Conviene utilizzare uno strumento che fornisca ridotti ingrandimenti. Per la sua forma caratteristica è conosciuto come Ammasso farfalla. Dal punto di vista storico è un oggetto molto importante: viene ricordato nell Almagesto di Tolomeo. NGC 6451 AR 17h 51m D Ammasso aperto - Dimensioni 7 mag. 8.2 Si possono individuare circa 80 stelle con le maggiori di mag. 11. NGC 6475 M 7 AR 17h 54m D Ammasso aperto - Dimensioni mag. 3.3 Si tratta di uno dei più grandi e luminosi ammassi aperti visibili in cielo. Purtroppo anche in questo caso si trova a latitudini basse. Visibile ad occhio nudo, ha un diametro quasi tre volte quello della Luna. Le stelle più brillanti sono di mag. 6; va osservato con un buon binocolo o con uno strumento a bassi ingrandimenti. Sul bordo orientale dell ammasso si trova un globulare, NGC 6453 di mag. 9.7, mentre all interno, a NE, è presente una planetaria di mag che risulta però praticamente invisibile all osservazione diretta. E l oggetto del catalogo Messier con la declinazione più meridionale. La falsa cometa In questa costellazione, se non ci fosse la foschia dell orizzonte, sarebbe possibile osservare un raggruppamento di oggetti che danno l impressione di vedere una cometa. IL nucleo è formato dalle stelle Zeta 1 e 2 (descritte nel testo), poi più a settentrione (mezzo grado) si incontra l ammasso aperto NGC 6231 che forma parte della chioma e infine due gradi più a nord si scorgono altri raggruppamenti di stelle e nebulose diffuse, conosciute come Collinder 316 e Trumpler 24 (che formano una coda a ventaglio). Con un cielo veramente limpido e l utilizzo di un buon binocolo si può tentare questa osservazione.

10 LE STELLE FUCINA DELLA VITA Dal libro: Le stelle:fucine della vita Del Prof.Piero Galeotti Per gli antichi l osservazione del cielo era importantissima per misurare il tempo,calcolare gli anni,predire l arrivo delle stagioni,orientarsi nello spazio Inoltre la natura apparentemente eterna ed immutabile del cielo stellato fece sì che gli astri venissero associati alle divinità ed entrarono a far parte della mitologia credendo che stelle e divinità potessero controllare il destino degli uomini. In realtà le stelle sono molto più di tutto questo. Ciò che il Prof.Galeotti spiega,con estrema chiarezza, è quanto siano importanti le stelle per la nostra vita e la vita dell Universo stesso: dalla produzione di energia e calore alla sintesi di elementi chimici vitali attraverso l esposizione delle varie scoperte di fisici e astrofisici da G. Galilei ad oggi. Importante l idea di Hertzsprung e Russell (1913) di costruire un grafico che mettesse in relazione i 2 parametri caratteristici di una stella:in orizzontale la temperatura ed in verticale la luminosità.ne derivò un diagramma chiamato H-R che permette di analizzare età,dimensioni,distanza e evoluzione delle stelle.con questo diagramma ci si è resi conto che la maggior parte delle stelle si addensano nella zona centrale lungo una linea diagonale nota come Sequenza Principale. Le stelle nelle prime fasi evolutive sono nubi cosmiche fredde (270 sotto lo zero centigrado) formate da Idrogeno ed Elio e che per effetto di forze gravitazionali si riscaldano e si addensano in alto nel diagramma perché molto luminose ma fredde. In seguito la nube si contrae e diventa densa ed opaca con luminosità minore ma temperatura maggiore, e questo porta le stelle nella zona di massima stabilità cioè sulla Sequenza Principale dove rimarranno per la maggior parte della loro esistenza.in questa fase si innescano le reazioni termonucleari indotte dall alta temperatura cioè la fusione dei nuclei di Idrogeno con la formazione di Elio con una perdita di massa che si trasforma in energia.la liberazione di energia bilancia le forze gravitazionali,raggiunge la superficie e viene immessa nello spazio interstellare LIBERANDO ENERGIA e CALORE.Si produce anche antimateria che interagisce con la materia producendo energia anch essa.sfuggono i neutrini non catturati dalla materia e giungono alla Terra.Con la rivelazione della loro presenza si dimostra la fusione dell Idrogeno nell interno della stella.conta molto anche la massa di una stella:più la massa della stella è grande più velocemente brucia le riserve.stelle di massa minore completano la fusione dell H più lentamente. Quasi tutti gli elementi chimici che conosciamo sono stati sintetizzati all interno delle stelle tranne i più leggeri come Idrogeno ed Elio la cui origine risale all origine dell Universo dopo il Big Bang cioè la grande esplosione originatasi in condizioni di alta temperatura ed alta densità.in seguito l Universo si è espanso, raffreddato e rarefatto impedendo così il proseguimento della sintesi degli elementi pesanti.tutta la vita delle stelle è una competizione tra interazioni gravitazionali e liberazione di energia.sulla sequenza principale le stelle sono stabili perché le forze sono bilanciate. Quando l Idrogeno si esaurisce prevale la forza gravitazionale che comprime il nucleo finchè l Elio diventa combustibile nucleare.a questo punto però la stella si è spostata dalla Sequenza principale alla zona delle giganti o supergiganti in alto perché è più fredda.la reazione 3-alfa per la fusione dell Elio porta alla formazione di Carbonio permettendo di proseguire la sintesi degli elementi pesanti e a valori di densità ancora maggiore porta alla sintesi dell Ossigeno.Quando l Elio si esaurisce il nucleo si contrae dando al Carbonio ed all Ossigeno l energia per fondersi.le stelle di piccola massa si fermano ed evolvono in nebulose planetarie o nane bianche.le stelle di massa maggiore raggiungono la sintesi del Ferro e lì si fermano perché per proseguire occorrerebbe energia dall esterno con un procedimento di cattura di neutroni come potrebbe succedere con l esplosione di una Supernova da cui si evolve verso una stella di neutroni o pulsar oppure un buco nero.se però questi elementi si trovano sulla Terra vuol dire che la stella che li ha sintetizzati deve essere esplosa. Nell esplosione si produce un flusso di neutroni che completa il procedimento di sintesi degli elementi.gli elementi presenti poi si distribuiscono nello spazio interstellare contaminando le nubi da cui si formeranno stelle di nuova generazione.oltre alla presenza di questi elementi sulla Terra anche l osservazione di pulsar e buchi neri ci confermano che solo il collasso di una stella potrebbe creare cose del genere.e senza questo procedimento prima di SINTESI e dopo di ESPLOSIONE di una stella sulla Terra non ci sarebbero gli elementi chimici che sono alla base della vita e questo vale anche per pianeti e stelle oltre il Sistema Solare. (Sandra Musso)

11 VITTORIO NOBILE Napoli, 27 ottobre Napoli, 7 dicembre 1966 Figlio di Arminio e di Emma von Sommer, Vittorio si laureò in matematica nel 1897 all'università di Napoli; Ma già nel 1897, subentrando al padre, morto prematuramente, era stato nominato secondo assistente all'osservatorio di Capodimonte e promosso primo assistente nel Fu nominato astronomo aggiunto nel Dal 1902 al 1906 fu Assistente alla cattedra di Geometria Analitica, presso l'università di Napoli, e dal 1904 a quella di Geometria Descrittiva. Per perfezionarsi nelle ricerche astronomiche nel 1908 si recò ad Heidelberg. Nel 1910 vinse la cattedra di Matematica all'istituto Tecnico Industriale "A. Volta" di Napoli. Fu nominato Astronomo Aggiunto nel 1912, ma nel 1918 per contrasti scientifici con Luigi Carnera, Direttore della specola, ottenne dal Ministero il comando presso la cattedra di Meccanica razionale dell'università e nel 1920 lasciò definitivamente l'osservatorio. Continuò tuttavia ad occuparsi di Astronomia. Finisce così nel 1920 la dinastia della famiglia di astronomi molisani iniziata con Antonio Nobile nel Nel 1925 ottenne dalla Facoltà di Scienze di Napoli l'incarico del corso di Astronomia e, l'anno successivo, anche quello di Geodesia. Nel 1935 vinse il concorso per la cattedra di Astronomia teorica dedicandosi all'insegnamento dell'astronomia e della Geodesia sino al suo collocamento a riposo nel Profondo conoscitore della meccanica celeste, condusse importanti lavori sull'astrometria fotografica e sul moto proprio solare. Studiò, inoltre, il problema dell'aberrazione totale e quello dei sistemi di riferimento per l'ammasso galattico. Fu socio dell Accademia dei Lincei, che gli conferì nel 1931 il Premio Reale per l Astronomia. Fu Cavaliere della Corona d'italia e membro del Comitato nazionale per l'astronomia e geodesia nel Consiglio nazionale delle ricerche. LE COSTELLAZIONI CHE NON CI SONO PIÙ Le costellazioni hanno subito variazioni e modifiche nel corso dei secoli, alcune sono nate in epoche medioevale e altre sono definitivamente scomparse nei secoli successivi. Emisfero boreale TORO DI PONIATOWSKI: Fu creata nel 1777 da Martin Poczobut, abate polacco direttore dell'osservatorio reale di Vilna, per celebrare il Re di Polonia Stanislao Poniatowski. Consisteva in alcune stelle oggi appartenenti all'ofiuco, in particolare da un gruppetto che pare formare una lettera "V", come le Iadi nella costellazione zodiacale del Toro. Era conosciuta anche come "Toro Reale", mentre alcune delle sue stelle prima ancora avevano fatto parte di un'altra costellazione estinta, il "Fiume Tigri". Fonte UAI

12 FRANCIA A LUCI SPENTE Da luglio (2013)edifici non residenziali al buio dopo l'una di notte Non solo vetrine e insegne pubblicitarie. La Francia prosegue nel suo progetto di razionalizzazione dell'illuminazione pubblica e di contrasto dell'inquinamento luminoso, varando un nuovo provvedimento che vieta agli edifici non residenziali di rimanere accesi esternamente oltre l'una del mattino. Una strada già tracciata dalla precedente amministrazione, che l'anno scorso aveva introdotto una prima serie di restrizioni a carico degli edifici commerciali, e che ora il governo Hollande sembra voler percorrere con decisione ancora maggiore. La disposizione vieta, a partire dal 1 luglio 2013, di tenere accesa dopo l'una di notte l'illuminazione esterna degli edifici non residenziali. Non solo negozi, dunque, ma anche monumenti, municipi, uffici pubblici in generale e stazioni ferroviarie. Esclusi dal provvedimento, oltre alle case e agli alberghi, anche i lampioni e tutta l'illuminazione stradale. Deroghe, inoltre, potranno essere previste di volta in volta dai prefetti per il periodo natalizio e in occasione di altre festività o particolari eventi turistici, nonché per determinate zone turistiche. Per quanto riguarda invece le luci interne di uffici e altri locali commerciali, sarà possibile lasciarle accese al massimo per sessanta minuti oltre l'orario di chiusura. La stessa regola vale anche per le vetrine dei negozi, che dovranno inoltre restare spente fino alle 7 del mattino. Via libera, invece, ai punti luce che servono per «garantire la tutela della proprietà» La disposizione promette di far risparmiare una quantità di energia elettrica sufficiente a coprire il fabbisogno annuo di famiglie, pari a circa 2 Terawattora di elettricità. Dal punto di vista ambientale, con le nuove regole si conta di tagliare l'emissione in atmosfera di anidride carbonica di almeno tonnellate l'anno. E in Italia, cosa si fa? Si illuminano le montagne, le rupi, le strutture (anche se di dubbio pregio storico) la cosa importante è sprecare, inquinare il più possibile. Se volete vedere un recente segno del degrado incombente, andate a Varallo Sesia e vedrete che non c è limite allo spreco sfrenato. Segnalo anche segnalare che forse questa volta potrebbe andarci bene. Per l Expo 2015 il Comune di Macugnaga non riesce ad illuminare il Monte Rosa per mancanza di risorse finanziarie. Fonte. Comunicati Stampa CINQUE PER MILLE Sottoscrivete il cinque per mille a favore dell Osservatorio: ci permette di ammodernare ed ampliare la struttura (stiamo realizzando un planetario ed adeguando l automazione del telescopio e della cupola) e di migliore le prestazioni in particolar modo nel campo della divulgazione e della ricerca. APAN Associazione Provinciale Astrofili Novaresi - Onlus Sottoscrivi il tuo cinque per mille per l Osservatorio Astronomico di Suno a Te non costa nulla ma per Noi è una grande opportunità Casella sostegno del volontariato C.F. osservatorio

13 FLY ME TO THE MOON Il cratere Delmotte Al bordo nord occidentale del Mare Crisium possiamo osservare il cratere "Delmotte", una formazione circolare situata su un versante di Cleomedes di 34Km con versanti abbastanza scoscesi a nord e pareti poco elevate su cui si trova un piccolo cratere allungato a nord-ovest. Il fondo è piatto, riempito di lava e tormentato a Nord. La sua formazione risale al periodo Eratosteniano (da -3.2 miliardi di anni a -1.1 miliardi di anni). Il periodo migliore per osservare questa formazione è 3 giorni dopo la Luna nuova oppure 2 giorni dopo la Luna piena. Alcuni dati: Longitudine: 60.2 Est Latitudine: 27.1 Nord Quadrante: Nord-Est Area: Bordo Nord-Occidentale del Mare Crisium Origine del nome: Dettagli: Gabriel Delmotte Astronomo francese del 20 secolo nato in Francia Nato nel 1876 Morto nel 1950 Autore del nome: Lamech (1956) Nome dato da Langrenus: Nome non assegnato Nome dato da Hevelius: Nome non assegnato Nome dato da Riccioli: Nome non assegnato Nella foto una ripresa amatoriale del cratere "Delmotte". Lo strumento minimo per poter osservare questa formazione è un rifrattore da 60mm..Davide Crespi

14 CURIOSITY Astronomy Picture of The Day (APOD) è un archivio redatto a partire dal 1995 da Robert Nemiroff e Jerry Bonnell. L archivio APOD contiene la più grande raccolta di immagini astronomiche ed ognuna di esse è corredata da una breve descrizione fatta da esperti. Per visionare l archivio basta digitare in internet la sigla APOD e di seguito l indice Immagine pubblicata il 10 luglio 2013 Una delle più grandi concentrazioni di macchie solari viste negli ultimi anni sta attraversando il sole. Questo di campo magnetico potrebbe produrre un brillamento solare che rilascia una nube di particelle energetiche nel sistema solare. Una potente nube di particelle se impattasse la magnetosfera della Terra, potrebbe essere pericoloso per gli astronauti in orbita terrestre e per i satelliti. Viceversa, l'impatto di una nube di minore energia potrebbe creare suggestiva aurora. Nella foto si vede la regione delle macchie solari come si presentava due giorni fa. Hanno collaborato: Silvano Minuto Salvatore Trani Davide Crespi Sandro Baroni Sandra Musso Vittorio Sacco

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta.

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta. Il Sistema Solare Il Sole Il Sole è nato circa cinque miliardi d anni fa e, secondo gli scienziati, vivrà per altri cinque miliardi di anni. Esso ci appare come un enorme palla di fuoco solo per la sua

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

SCIENZE. L Universo e le Stelle. Introduzione. il testo:

SCIENZE. L Universo e le Stelle. Introduzione. il testo: 01 Introduzione Noi viviamo su un pianeta che si chiama Terra. La Terra si trova in uno spazio grandissimo (spazio infinito). In questo spazio infinito ci sono tante cose (tante parti di materia). Come

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 Introduzione è formato dal Sole, da otto pianeti e da altre parti di materia (vedi figura 1). Figura1.. Tutte le parti del Sistema Solare si sono formate quasi 5 miliardi di anni fa. Esse si sono formate

Dettagli

Nascita e morte delle stelle

Nascita e morte delle stelle Nascita e morte delle stelle Se la materia che componeva l universo primordiale fosse stata tutta perfettamente omogenea e diffusa in modo uguale, non esisterebbero né stelle né pianeti. C erano invece

Dettagli

A.V.D.A. Associazione Vigevanese Divulgazione Astronomica Codice Fiscale 94029820183

A.V.D.A. Associazione Vigevanese Divulgazione Astronomica Codice Fiscale 94029820183 Codice Fiscale 94029820183 a Vigevano dal 1996 www.avdavigevano.com CALENDARIO ASTRONOMICO MESE DI GIUGNO 10 Visibilità dei pianeti: MERCURIO: inizialmente il pianeta è ancora visibile al mattino, ma l

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi!

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi! 1 Ciao! Il tuo Osservatorio di Monte Rosa si apre questa mattina e così inizia questa avventura alla scoperta del Cielo, per conoscere e comprendere quel che succede nell Universo, di cui la nostra Terra

Dettagli

LA COMETA MACHHOLZ SI STA AVVICINANDO

LA COMETA MACHHOLZ SI STA AVVICINANDO Comitato Scientifico dell Osservatorio Astronomico della Valle d Aosta a cura di Federico Manzini 27 dicembre 2004 LA COMETA MACHHOLZ SI STA AVVICINANDO Una cometa scoperta il 24 agosto si sta ora muovendo

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Visibilità dei Pianeti:

Visibilità dei Pianeti: A.V.D.A. Associazione Vigevanese Divulgazione Astronomica Internet www.avdavigevano.com Indirizzo E-Mail info@avdavigevano.com CALENDARIO ASTRONOMICO LUGLIO-AGOSTO-SETTEMBRE 07 Visibilità dei Pianeti:

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Obiettivi: Livello linguistico: B1. Strategie di studio: lettura selettiva ATTIVITÁ DI PRE-LETTURA

IL SISTEMA SOLARE. Obiettivi: Livello linguistico: B1. Strategie di studio: lettura selettiva ATTIVITÁ DI PRE-LETTURA IL SISTEMA SOLARE LC.17.03.06 Prerequisiti: conoscenza del sistema metrico decimale e delle figure geometriche conoscenza simboli chimici capacità di lettura di mappe concettuali Obiettivi: fare ipotesi

Dettagli

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante La scienza è lo studio di tutte le cose, viventi e non viventi, che ci sono sulla Terra e nell Universo. La scienza

Dettagli

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi.

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. L osservatorio L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. All interno troviamo la sala conferenze e i vari

Dettagli

LE STELLE. G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.

LE STELLE. G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf. LE STELLE G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) (a) INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste (b) Istituto Comprensivo S. Giovanni Sc. Sec. di primo grado M. Codermatz" - Trieste Questo modulo

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it La Nebulosa

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.it La Nebulosa del Granchio

Dettagli

Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013

Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013 Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013 IL SOLE Tutti prima o poi si chiedono cosa sia il Sole, già da bambini chi non è stato incuriosito dalla nostra stella? Il Sole non è altro che una gigantesca

Dettagli

Il nostro Universo. Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta

Il nostro Universo. Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta Il nostro Universo Che cosa sono i corpi celesti? Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta Come si sono formati il sole ed i pianeti Quanto sono grandi la terra, il sole e l universo? Perchè

Dettagli

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo"

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche disturbo Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo" esterno, si iniziano a formare dei "grumi" più densi che

Dettagli

Il Sistema solare Gainotti, Modelli Incontro con le scienze integrate Zanichelli editore 2014

Il Sistema solare Gainotti, Modelli Incontro con le scienze integrate Zanichelli editore 2014 Il Sistema solare In viaggio nello spazio Insieme con altri pianeti la Terra orbita attorno a una stella, il Sole. Il Sole e i pianeti formano il Sistema solare. Il Sistema solare fa parte di una galassia

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

I punti cardinali EST ORIENTE LEVANTE OVEST OCCIDENTE PONENTE SUD MEZZOGIORNO MERIDIONE NORD MEZZANOTTE SETTENTRIONE

I punti cardinali EST ORIENTE LEVANTE OVEST OCCIDENTE PONENTE SUD MEZZOGIORNO MERIDIONE NORD MEZZANOTTE SETTENTRIONE I punti cardinali Sin dall antichità l uomo ha osservato il movimento apparente del Sole e ha notato che sorge sempre dalla stessa parte, a oriente e tramonta dal lato opposto, a occidente. I termini oriente

Dettagli

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni La fotografia del Cielo Strumentazione e tecniche per catturare emozioni Gli strumenti di ripresa digitali webcam CCD Alcuni concetti base Il cielo notturno e gli oggetti che lo popolano hanno solitamente

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

Beta Horologii, di mag. 4,98, è una gigante bianca con una temperatura superficiale di 8500 K e dista 313 a.l.

Beta Horologii, di mag. 4,98, è una gigante bianca con una temperatura superficiale di 8500 K e dista 313 a.l. 1 Nome latino: Horologium (Horologii) Hor Coordinate: A.R. 3 h; Dec.: -55 Superficie: 249 quadrati Fascia di osservabilità: Lat. -90 /+23 Passaggio al meridiano: 25 dicembre Stella alfa: alfa Horologii

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 IL SISTEMA SOLARE Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 A cura di Gaia Pieraccioni e Arianna Canu PER FARSI UN IDEA 1. Li riconosci? Sono,.. e..

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

INIZIO E FINE DI UNA STELLA. Osservatorio Astronomico di Pedaso

INIZIO E FINE DI UNA STELLA. Osservatorio Astronomico di Pedaso INIZIO E FINE DI UNA STELLA Osservatorio Astronomico di Pedaso Le stelle nascono dentro al grembo celeste che è la NEBULOSA. La nebulosa è un insieme di gas composto per la maggior parte di IDROGENO, ELIO,

Dettagli

Lo Zodiaco ed i suoi dintorni

Lo Zodiaco ed i suoi dintorni Lo Zodiaco ed i suoi dintorni A cura di Antonio Alfano INAF Osservatorio Astronomico di Palermo Associazione Specula Panormitana Cercheremo di capire insieme cosa è lo Zodiaco e quale significato ha assunto

Dettagli

PROGRAMMA STELLE DI NATALE Dal 26 dicembre 2011 all 8 gennaio 2012 straordinari spettacoli e speciali appuntamenti dedicati ai bambini

PROGRAMMA STELLE DI NATALE Dal 26 dicembre 2011 all 8 gennaio 2012 straordinari spettacoli e speciali appuntamenti dedicati ai bambini LO SGUARDO SUL COSMO DEL PLANETARIO DI ROMA Comunicato stampa PROGRAMMA STELLE DI NATALE Dal 26 dicembre 2011 all 8 gennaio 2012 straordinari spettacoli e speciali appuntamenti dedicati ai bambini Roma,

Dettagli

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa).

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa). Ciao a tutti! Il segnale che arriva, sotto forma di luce visibile, è quello che permette di studiare quei puntini luminosi che vediamo in cielo la notte. Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

1.6 Che cosa vede l astronomo

1.6 Che cosa vede l astronomo 1.6 Che cosa vede l astronomo Stelle in rotazione Nel corso della notte, la Sfera celeste sembra ruotare attorno a noi. Soltanto un punto detto Polo nord celeste resta fermo; esso si trova vicino a una

Dettagli

L'ORIENTAMENTO. November 05, 2014. Orientamento_4E. http://tempopieno.altervista.org/index.htm. MaestroGianni 1

L'ORIENTAMENTO. November 05, 2014. Orientamento_4E. http://tempopieno.altervista.org/index.htm. MaestroGianni 1 L'ORIENTAMENTO http://tempopieno.altervista.org/index.htm Anno scolastico 2014-2015 Classe IV E - Scuola primaria "Umberto I" - I Circolo - Santeramo (Ba) ins. Gianni Plantamura MaestroGianni 1 Orientamento_4E

Dettagli

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci Introduzione al sistema GPS Corso GPS riservato ai soci Agenda 1. Generalità sul sistema GPS 2. Principi di orientamento 2 Generalità sul sistema GPS 3 NAVSTAR GPS, a cosa serve Il NAVSTAR GPS (Navigation

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia" 1

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia 1 URANO E NETTUNO I due pianeti glaciali del Sistema Solare Ricerca Astronomia" 1 Introduzione: Urano e Nettuno fanno parte dei pianeti recenti, ovvero quelli scoperti nel 19 secolo. Sono infatti stati i

Dettagli

PLS. CAMERINO 16 febbraio 2011 - Angelo Angeletti

PLS. CAMERINO 16 febbraio 2011 - Angelo Angeletti PLS CAMERINO 16 febbraio 2011 - Angelo Angeletti Le costellazioni sono dei gruppi di stelle che, proiettate in una stessa zona della volta celeste, danno luogo a delle figure alle quali quasi tutti i popoli

Dettagli

IL SOLE. STRUTTURA del SOLE. CONFRONTO TRA sole e terra. macchie solari SOLE ATTIVO E SOLE TRANQUILLO

IL SOLE. STRUTTURA del SOLE. CONFRONTO TRA sole e terra. macchie solari SOLE ATTIVO E SOLE TRANQUILLO IL SOLE Nell universo ci sono tantissime stelle, ma il Sole è quella più vicina a noi, attorno alla quale ruotiamo insieme agli altri pianeti del sistema solare. E nato circa 5 miliardi di anni fa ed è

Dettagli

COM È FATTA UNA MERIDIANA

COM È FATTA UNA MERIDIANA COM È FATTA UNA MERIDIANA L orologio solare a cui noi comunemente diamo il nome di meridiana, in realtà dovrebbe essere chiamato quadrante; infatti è così che si definisce il piano su cui si disegnano

Dettagli

STELLE VARIABILI. Capitolo 14

STELLE VARIABILI. Capitolo 14 Capitolo 14 STELLE VARIABILI Esistono stelle che cambiano periodicamente o irregolarmente o solo occasionalmente la loro luminosità: nell insieme sono chiamate stelle variabili. Già abbiamo citato la loro

Dettagli

LA FORMA DELLA TERRA

LA FORMA DELLA TERRA LA FORMA DELLA TERRA La forma approssimativamente sferica della Terra può essere dimostrata con alcune prove fisiche, valide prima che l Uomo osservasse la Terra dallo Spazio: 1 - Avvicinamento di una

Dettagli

Studio della curva di luce della Supernova 2003cg in NGC 3169

Studio della curva di luce della Supernova 2003cg in NGC 3169 Studio della curva di luce della Supernova 2003cg in NGC 3169 Nicola Contu, Federica Poli, Istituto Magistrale A. Fogazzaro - Vicenza Elena Lobbia, Nadia Negro, Enrico Posenato, Roberto Sartori Liceo Scientifico

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME Tecnico

Dettagli

Salve ragazze e ragazzi!

Salve ragazze e ragazzi! Salve ragazze e ragazzi! Iniziamo con questa pagina il nostro viaggio che ci porterà dalla scoperta della nostra Galassia fino ai confini dell Universo, così come oggi possiamo osservarli e conoscerli

Dettagli

Riuscire a leggere il cielo notturno

Riuscire a leggere il cielo notturno Stella Polare - Il cielo del trimestre Il cielo autunnale: gennaio, febbraio e marzo 2011 di Vittorio Napoli (astronomiavisuale@infinito.it) Stella Polare Riuscire a leggere il cielo notturno vuol dire

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci

Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci Via Stazione snc, 89811 Vibo Valentia Marina Tel. 0963/572073 telefax 0963/577046 Cod. mecc. VVIC82600R cod. fiscale 96013890791 Distretto Scol. n. 14 vvic82600r@istruzione.it

Dettagli

UNO SGUARDO NEL COSMO

UNO SGUARDO NEL COSMO UNO SGUARDO NEL COSMO AST R I S Astronomical Roman Indipendent Society Sole in H alfa Cominciamo il nostro viaggio partendo dal Sole. Sappiamo che è una sfera immensa di gas e che ci vogliono più di 320

Dettagli

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente).

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente). LA LUNA Si è formata agli inizi del sistema solare dallo scontro tra la PROTOTERRA e un corpo celeste delle dimensioni di Marte chiamato THEIA: il nucleo di Theia si fuse col nucleo della Terra ma il resto

Dettagli

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale.

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale. Cenni di geografia astronomica. Tutte le figure e le immagini (tranne le ultime due) sono state prese dal sito Web: http://www.analemma.com/ Giorno solare e giorno siderale. La durata del giorno solare

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Il sistema solare SOLE. Terra

Il sistema solare SOLE. Terra Il sistema solare SOLE Terra Il Sole, la stella a noi più vicina In quanti modi si può vedere il Sole? Luce bianca Luce da atomi di Calcio Luce da atomi di idrogeno Luce ultravioletta Raggi X Onde radio

Dettagli

Percorsi planetario globe

Percorsi planetario globe Percorsi planetario globe Da quest anno c è anche la possibilità di scegliere tra tre filmati FULL DOME: Losing the dark (in italiano), Stars (In italiano), e Back to the Moon for good (In inglese). Quest

Dettagli

Mostra astronomica al Planetario Itinerante

Mostra astronomica al Planetario Itinerante Museo Civico di Storia Naturale Società Piacentina di Scienze Naturali Mostra astronomica al Planetario Itinerante Curatore Dott. Ing. Cifalinò Michele Anno 2013-2014 INDICE INDICE... 2 SCOPO DEL PROGETTO...

Dettagli

Bambini e ragazzi tra scienza e fede

Bambini e ragazzi tra scienza e fede Bambini e ragazzi tra scienza e fede Come educarli a un approccio equilibrato e serio 1) ALLA RICERCA DELLA VERITÀ L uomo è da sempre alla ricerca della verità su ogni cosa : del proprio corpo, di ciò

Dettagli

OSCURI PREDATORI DI LUCE

OSCURI PREDATORI DI LUCE OSCURI PREDATORI DI LUCE LA CADUTA DI EUCLIDE IN UN BUCO NERO PAOLO DULIO DIPARTIMENTO DI MATEMATICA DI COSA PARLIAMO Ricerca e applicazioni I protagonisti di un viaggio fantastico Geometria dello spazio-tempo

Dettagli

INVERNO. Programma di osservazione

INVERNO. Programma di osservazione INVERNO Programma di osservazione 1 Il programma osservativo dell Inverno Tipo Nome Cost A.R. Dec Mag Sep Diam ** Theta1 Ori 05h 36m -05 23 5-6-7-8 13.3 13.1 16.8 ** Delta Ori 05h 32m -00 17 2.0-6.5 53

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad affascinare tutti, soprattutto noi ragazzi. Il cielo è stato pressoché dimenticato per

Dettagli

CV dell Associazione Culturale Speak Science Aggiornato al 16/03/2016

CV dell Associazione Culturale Speak Science Aggiornato al 16/03/2016 CV dell Aggiornato al 16/03/2016 Denominazione: Speak Science Sito web: http://www.speakscience.it Mail: info@speakscience.it Natura giuridica: Associazione Culturale Codice fiscale: 90080420582 Sede legale:

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Osservatorio Astrofisico di Catania

Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Osservatorio Astrofisico di Catania Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Osservatorio Astrofisico di Catania Università degli Studi di Catania Dipartimento di Fisica e Astronomia - Sezione Astrofisica Il Sole Scheda didattica realizzata

Dettagli

Il Cielo in una Scuola, con ROSAD: obiettivo giovani!

Il Cielo in una Scuola, con ROSAD: obiettivo giovani! La passione italiana per l astronomia abita qui! Associazione di promozione sociale Il Cielo in una Scuola, con ROSAD: obiettivo giovani! Presentazione del progetto 15 Maggio 2015 L Associazionismo astrofilo:

Dettagli

Olimpiadi Italiane di Astronomia 2011. Prova Teorica - Categoria Senior

Olimpiadi Italiane di Astronomia 2011. Prova Teorica - Categoria Senior Olimpiadi Italiane di Astronomia 2011 Finale Nazionale Reggio Calabria 17 Aprile 2011 Prova Teorica - Categoria Senior Problema 1. La teoria della relatività generale permette di calcolare l angolo di

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è:

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: Le proiezioni geografiche La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: approssimata ridotta simbolica È approssimata perché non è possibile sviluppare su un piano una superficie sferica senza

Dettagli

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1 IL SOLE Il Sole è nato circa 4,6 miliardi di anni fa e resisterà per altri 5 miliardi di anni circa. E una stella relativamente fredda, piccola rispetto alle altre ed è interamente gassoso. La temperatura

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. laboratorio classe 2^O. a.s. 2002-2003. proff. A. Donello - G. Moro

IL SISTEMA SOLARE. laboratorio classe 2^O. a.s. 2002-2003. proff. A. Donello - G. Moro IL SISTEMA SOLARE laboratorio classe 2^O a.s. 2002-2003 proff. A. Donello - G. Moro PIANETA Corpo oscuro rotante attorno a una stella; in particolare, ciascuno dei corpi maggiori, a eccezione del Sole,

Dettagli

Le figure seguenti sono tratte dal libro di Gabaglio.

Le figure seguenti sono tratte dal libro di Gabaglio. In Italia, Antonio Gabaglio (1840 1909), professore di statistica all Università di Pavia, pubblica nel 1888 la seconda edizione della sua Teoria generale della statistica, un opera importante per affermare

Dettagli

Il cannocchiale di Galileo

Il cannocchiale di Galileo Il cannocchiale di Galileo Test Qui di seguito è stato raccolto il materiale relativo ai Test di verifica dei contenuti presenti nelle sezioni Storia e Simula dell applicazione. I testi sono a cura dell

Dettagli

TERRA: FORMA E MOVIMENTI

TERRA: FORMA E MOVIMENTI ISTITUTO AMSICORA I.P.I.A. OLBIA TERRA: FORMA E MOVIMENTI PROF.SSA PORTAS NERINA FORMA E MOVIMENTI DELLA TERRA La Terra e' il terzo pianeta del Sistema Solare, ha un raggio di 6378 km e dista dal Sole

Dettagli

PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA ALTRE VISITE COORDINATE A RICHIESTA SEMPLICITA' E RISPARMIO

PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA ALTRE VISITE COORDINATE A RICHIESTA SEMPLICITA' E RISPARMIO PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA Il Planetario di Padova offre alle scuole di ogni ordine e grado la possibilità di fare varie attività ed esperienze scientifiche, di

Dettagli

-13 Novembre 2011 ore 21.00: Le zone in ombra sono l Europa, l Asia, quasi tutta l Africa e il Polo Sud.

-13 Novembre 2011 ore 21.00: Le zone in ombra sono l Europa, l Asia, quasi tutta l Africa e il Polo Sud. 1 Sommario RELAZIONE SULLE LEZIONI DI INFORMATICA... 3 Prima lezione: il sito www.fourmilab.it... 3 Vista from Sun e Night Side... 6 L alternarsi del dì e della notte... 7 Diversa durata del dì e della

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Orientarsi con un bastone

Orientarsi con un bastone Orientarsi con un bastone Pianta in terra un bastone, puntandolo verso il sole in maniera che non faccia ombra sul terreno. Dopo almeno una ventina di minuti apparirà l ombra alla base del bastone, questa

Dettagli

A cura della prof. ssa Barone Antonina

A cura della prof. ssa Barone Antonina A cura della prof. ssa Barone Antonina Oggi come 10.000 anni fa, l uomo si pone domande sull universo che lo circonda. Come si è formato? Qual è la sua struttura? Di che cosa è fatto? Le competenze Una

Dettagli

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta ERIICA La Terra e la Luna Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? L eclisse di Sole è dovuta all ombra della Luna che si proietta sulla Terra Durante un eclisse di Sole la Luna può oscurare il Sole anche

Dettagli

ORIENTARSI sulla TERRA

ORIENTARSI sulla TERRA ORIENTARSI sulla TERRA significato del termine orientarsi : il termine orientarsi indica letteralmente la capacità di individuare l oriente e fa quindi riferimento alla possibilità di localizzare i quattro

Dettagli

IL SOLE. Il Sole è una stella cioè un corpo che emette luce ed energia ed è formato da gas, principalmente idrogeno (74%) ed elio (24%)

IL SOLE. Il Sole è una stella cioè un corpo che emette luce ed energia ed è formato da gas, principalmente idrogeno (74%) ed elio (24%) IL SOLE Il Sole è una stella cioè un corpo che emette luce ed energia ed è formato da gas, principalmente idrogeno (74%) ed elio (24%) Struttura del Sole 0 - nel NUCLEO viene prodotta l energia emessa

Dettagli

Punti cardinali Bussola Di giorno Di notte Ricapitolando. A caccia del Nord. L orientamento di giorno e di notte. Daniela Cirrincione

Punti cardinali Bussola Di giorno Di notte Ricapitolando. A caccia del Nord. L orientamento di giorno e di notte. Daniela Cirrincione L orientamento di giorno e di notte Daniela Cirrincione INAF - Osservatorio Astronomico di Palermo G. S. Vaiana 15 maggio 2011 Punti cardinali I punti cardinali sono dei punti di riferimento che indicano

Dettagli

Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare

Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare stelle Corpi celesti di grande massa, che producono al loro interno energia mediante fusione nucleare, e la emettono sotto forma di radiazioni elettromagnetiche.

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h 78 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o B7 L UniVERSO E IL SISteMA SolaRE Tempi In aula: 8 h A casa: 5 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività

Dettagli

RELATIVITA RISTRETTA E APPLICAZIONI NELLA REALTA ATTUALE

RELATIVITA RISTRETTA E APPLICAZIONI NELLA REALTA ATTUALE RELATIVITA RISTRETTA E APPLICAZIONI NELLA REALTA ATTUALE Nato ad Ulma il 14 Marzo del 1789. 1921 premio Nobel per la fisica. Morto il 18 aprile 1955 a Princeton. 1905: annus mirabilis Pubblicazione di

Dettagli

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo Lezione 2 - pag.1 Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo 2.1. Il tempo: un concetto complesso Che cos è il tempo? Sembra una domanda tanto innocua, eppure Sembra innocua perché, in fin dei

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA

CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA Un famoso scienziato (secondo alcuni fu Bertrand Russell) tenne una volta una conferenza pubblica su un argomento di astronomia. Egli parlò di come la Terra orbiti intorno

Dettagli

Il Sole: un protagonista molto brillante

Il Sole: un protagonista molto brillante Il Sole: un protagonista molto brillante Il Sole Il Sole si trova in un braccio spirale della nostra Galassia (Via Lattea), chiamato braccio di Orione, a circa 30000 anni-luce dal centro (1 anno-luce=9,5x10

Dettagli