Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management"

Transcript

1 Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management Numero Parte prima: Commercio elettronico; Famiglia ed internet; Imposizioni diretta ed indiretta; democrazia elettronica. Parte seconda: Atti del Convegno Uso,abuso e riuso degli strumenti informatici. Esperti a confronto tra diritto ed informatica (Università di Camerino, 6-8 maggio 2014) FONDATA E DIRETTA DA DONATO A. LIMONE

2 Direttore responsabile Donato A. Limone Comitato scientifico Stefano Adamo (Preside di Economia, Università del Salento), Piero Bergamini (Autostrade), Francesco Capriglione (Ordinario di Diritto degli intermediari e dei mercati finanziari, LUISS,Roma), Michele Carducci (Ordinario di Diritto Pubblico, Università del Salento), Ernesto Chiacchierini (Ordinario di tecnologia dei cicli produttivi, Università La Sapienza), Claudio Clemente (Banca d Italia), Ezio Ercole (Vice Presidente dell Ordine dei Giornalisti del Piemonte e consigliere della Federazione Nazionale della Stampa Italiana - FNSI), Donato A. Limone (Ordinario di informatica giuridica, Università telematica Unitelma-Sapienza, Roma), Nicola Picardi (Professore emerito della Sapienza; docente di diritto processuale civile, LUISS,Roma), Francesco Riccobono (Ordinario di Teoria generale del diritto, Università Federico II, Napoli), Sergio Sciarelli (Ordinario di Economia Aziendale, Università di Napoli, Federico II), Marco Sepe (Ordinario di diritto dell economia, Università telematica Unitelma- Sapienza, Roma) Comitato di redazione Leonardo Bugiolacchi, Antonino Buscemi, Luca Caputo, Mario Carta, Claudia Ciampi, Ersilia Crobe, Wanda D Avanzo, Sandro Di Minco, Paola Di Salvatore, Pasquale Luigi Di Viggiano, Paolo Galdieri, Edoardo Limone, Emanuele Limone, Giulio Maggiore, Marco Mancarella, Antonio Marrone, Alberto Naticchioni, Gianpasquale Preite, Fabio Saponaro, Angela Viola Direzione e redazione Via Antonio Canal, Roma Gli articoli pubblicati nella rivista sono sottoposti ad una procedura di valutazione anonima. Gli articoli sottoposti alla rivista vanno spediti alla sede della redazione e saranno dati in lettura ai referees dei relativi settori scientifico disciplinari. Anno V, n. 2/2014 ISSN Autorizzazione del Tribunale civile di Roma N. 329/2010 del 5 agosto 2010 Editor ClioEdu Roma - Lecce Tutti i diritti riservati. È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione che venga citata la fonte. La rivista è fruibile dal sito gratuitamente.

3 INDICE Editoriale Donato A. Limone, Direttore della Rivista...Pag. 2 PARTE PRIMA Il commercio elettronico e le tutele del consumatore digitale Tiziana Croce...Pag. 9 L imposizione indiretta nel commercio elettronico: il mini sportello elettronico unico o mini on stop shop (MOSS) nel sistema IVA delle transazioni telematiche Santo Gaetano...32 Enti non residenti, imposizione diretta e normativa antielusiva Fabio Saponaro...43 Affidamento condiviso del minore e diritto alla bigenitorialità attuato mediante la rete telematica, con particolare riferimento ai casi di trasferimento di residenza del genitore Alessandra Gatto...72 Strumenti di e-democracy per la democrazia partecipativa Paolo Pastore...87 Open data: il caso della Provincia di Roma Daniele Tesse...96 PARTE SECONDA Atti del Convegno Uso,abuso e riuso degli strumenti informatici. Esperti a confronto tra diritto ed informatica (Università di Camerino, 6-8 maggio 2014) L Amministrazione digitale: semplificazione, accessibilità, trasparenza totale Donato A. Limone...124

4 Etica, informatica e diritto. Spunti e riflessioni di un giurista e di un informatico Maria Concetta De Vivo e Fausto Marcantoni... Pag. 130 Mobile, social, Big Data e Cloud Computing: un breve excursus divulgativo degli aspetti della sicurezza Yvette Agostini Un giorno di ordinario abuso informatico: come governi, crimine e marketing violano la nostra privacy e sicurezza Paolo Attivissimo Indagini digitali Linee guida per la digital forensics Raul Guido Capriotti L accesso ai servizi in Cloud per la crescita digitale.un esperienza nazionale: la Regione Marche Serenella Carota, Andrea Sergiacomi e Barbara Re Smartphone, tablet e cloud: l insicurezza dei nostri dati personali Mattia Epifani Open source e Computer Forensics. Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti Paolo Aspy Giardini Media Unicam. Introduzione all uso, abuso e riuso degli strumenti informatici Vincenzo Varagona

5 Editoriale Questo numero della Rivista è strutturato in due parti: a. La prima, comprende una serie di contributi su temi diversi: il commercio elettronico (Tiziana Croce); L imposizione indiretta (Santo Gaetano); Enti non residenti, imposizione diretta, normativa antielusiva (Fabio Saponaro); Affidamento condiviso del minore e diritto alla bigenitorialità attuato mediante la rete telematica, con particolare riferimento ai casi di trasferimento di residenza del genitore (Alessandra Gatto); Strumenti di e-democracy per la democrazia partecipativa (Paolo Pastore). b. La seconda, comprende gli atti del Convegno Uso, abuso e riuso degli strumenti informatici. Esperti a confronto tra diritto ed informatica organizzato dall Università di Camerino e coordinato dalla prof.ssa Maria Concetta De Vivo (6,7,8 maggio 2014). Il Direttore della Rivista Donato A. Limone 3

6 Autori di questo numero Yvette Agostini Laureata in ingegneria elettrotecnica presso l Università di Pavia. Si occupa di trading di energia elettrica, di sicurezza informatica e delle informazioni, di incident handling, computer forensics, disaster recovery, risk assessment. Dal 2012 è esperto valutatore dei progetti di ricerca ammessi ai finanziamenti Framework Program 7 dell Unione Europea. Nel 2013 è stata docente di Corporate Security al master di primo livello Security Specialis presso CEFRIEL. è cofondatore e segretario di Cloud Security Alliance Italy. Paolo Attivissimo Scrittore, conferenziere e giornalista informatico, autore di libri divulgativi d informatica e conduttore della trasmissione radiofonica Il Disinformatico della Radiotelevisione Svizzera. Si occupa di divulgazione scientifica ne Le Scienze e cura il blog Disinformatico.info (premio Macchianera 2013 per il miglior blog tecnico-divulgativo in lingua italiana). Vive e lavora a Lugano con moglie, figlie, due gatti e mezzo e troppi computer. Raul Guido Capriotti Assistente Capo della Polizia di Stato. Svolge attività di collaborazione presso l Università degli studi di Camerino su argomenti attinenti alla Computer foreniscs. Serenella Carota Dirigente (Posizione di Funzione Sistemi Informativi e Telematici ) della Regione Marche. Tiziana Croce Laurea in Giurisprudenza e laurea breve in Informatica. Ricercatore universitario in Informatica giuridica presso Scuola di Giurisprudenza dell Università degli studi di Camerino. Titolare degli insegnamenti: Diritto comunitario dell innovazione, Diritto delle comunicazioni elettroniche, Diritto dell informatica, Informatica giuridica e Laboratorio informatico. Insegnamenti tenuti Università di Camerino, Macerata e Roma. Partecipazione a numerosi progetti di ricerca nazionali responsabili Proff.ri Donato Antonio Limone, Francesco Cardarelli, Enrico Pattaro, Vincenzo Zeno Zencovich, Lucia Ruggeri. Membro di commissioni concorso personale tecnico-amministrativo universitario e di concorso per valutazione comparative ricercatori. Pubblicazioni su Diritto d autore sui beni digitali, E-government, Privacy, Web-marketing, Democrazia digitale, Tutela del consumatore. Maria Concetta De Vivo Laureata in giurisprudenza presso l Universita degli studi di Camerino, Master universitario in Persona e Mercato. Ricercatore di Diritto privato. Si interessa di privacy, computer fo- 4

7 rensic, diritto e nuove tecnologie. Attualmente svolge la sua attività presso la Scuola/Facoltà di scienze e tecnologie dell Università degli studi di Camerino. Insegna Diritto delle nuove tecnologie al Corso di laurea di Informatica. Mattia Epifani Laureato in Informatica nel 2002 presso il Dipartimento di Informatica e Scienze dell Informazione dell Università degli Studi di Genova e Master in Controllo di Gestione Aziendale nell Impresa Moderna presso SOGEA. È Socio della REALITY NET (System Solutions, azienda di consulenza informatica con sede a Genova). Esperto in Computer Forensics ed Ethical Hacking. Autore di articoli per le pubblicazioni Ciberspazio e diritto, Hacking, IISFA Memberbook e IISFA Newsletter. Santo Gaetano Avvocato praticante e Notaio praticante. Laureato in Giusriprudenza presso l Università degli studi di Roma Sapienza, discutendo una tesi in Informatica Giuridica dal titolo La digitalizzazione dell attività e del procedimento amministrativo. Ha frequentato il corso specialistico sul processo amministrativo presso la LUISS Guido Carli. Attualmente è Specializzando in Diritto Amministrativo e Scienza dell Amministrazione presso l Università degli studi di Teramo. L attività di interesse riguarda l applicazione delle tecnologie dell informazione e della telecomunicazione al diritto amministrativo sostanziale e processuale. Alessandra Gatto Avvocato, Docente presso il Master di Scienze Criminologiche Forensi presso l Università Sapienza ; Incarico di ricerca conseguito in data 1 ottobre 2014 presso l Università Unitelma Sapienza. Laurea magistrale in Giurisprudenza conseguita il 21 luglio 2011 presso l Università Sapienza con votazione di 110 con lode; vincita di una borsa di studio per la tesi all estero: periodo di due mesi di ricerca presso l Università Complutense di Madrid; Pubblicazioni: Diritto all ascolto e tutela del diritto del minore a mantenere rapporti significativi con gli ascendenti, in corso di pubblicazione; L efficacia costitutiva della trascrizione del provvedimento straniero di adozione, in corso di pubblicazione; Tutela del coniuge estraneo all accordo simulatorio posto in essere dall altro coniuge in regime di comunione legale, in Nel Diritto, maggio 2013, n. 5; Natura della responsabilità derivante dalla violazione dell obbligo di fedeltà tra i coniugi, in Giust. Civ., 2012, 11; La dichiarazione giudiziale della paternità naturale, in Nel Diritto, ottobre 2013, n.9; Collaborazione all Opera Trenta pareri di Diritto Civile, Nel Diritto editore, 2014; Collaborazione all Opera Trenta pareri di Diritto Civile, Nel Diritto editore, 2013; Collaborazione all Opera La filiazione, Giuffrè Editore, Milano, Paolo Giardini Direttore di OPSI, Osservatorio Nazionale Privacy e Sicurezza Informatica, organo di AIP 5

8 (Associazione Informatici Professionisti, per la quale ricopre anche l incarico di Privacy Officer) si occupa da oltre venti anni di Sicurezza Informatica, Privacy, Computer Forensics ed Open Source, svolgendo attività di analisi e consulenza e tenendo corsi e seminari. Svolge attività di Consulente Tecnico di parte (CTP) e di Consulente Tecnico d Ufficio (CTU) presso Procure della Repubblica e Tribunali. Donato A. Limone Ordinario di informatica giuridica e docente di scienza dell amministrazione digitale, Università degli studi di Roma unitelma Sapienza ; Direttore del Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche presso la stessa università. Presidente ANDIG (Associazione Nazionale Docenti di Informatica Giuridica e diritto dell informatica- Fondatore e direttore della Rivista elettronica di diritto, economia, management. Fausto Marcantoni Laureato in Matematica (Indirizzo Applicativo), presso l Università di Camerino. Istruttore CISCO CCNA presso la Regional Academy di Camerino dal Ricercatore Sistemi di elaborazione delle informazioni presso la Scuola/Facoltà di scienze e tecnologie dell Università degli studi di Camerino. Insegna di Sicurezza delle reti, al Corso di laurea di Informatica Paolo Pastore Laureato in Fisica nel 1994 presso l Università degli Studi La Sapienza. Nel 2010 ha conseguito il Dottorato di ricerca in Fisica Tecnica Ambientale. Nel 2011 ha conseguito al laurea triennale in scienze dell Amministrazione. Nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Management Pubblico ed e-governement. Nel 2013 ha conseguito il Master di II livello in Management e Politiche delle Pubbliche Amministrazioni presso la LUISS. Dal 1997 è dipendente pubblico presso la Presidenza del consiglio dei Ministri con la qualifica di funzionario informatico. L attività di interesse riguarda le gestione dei fondi strutturali e la promozione di modelli di governance. Barbara Re Ricercatore presso la Scuola/Facoltà di Scienze e Tecnologia dell Università di Camerino, Project manager e ricercatrice nell area dell ICT quale leva all innovazione, si occupa di processi di business flessibili ponendo particolare attenzione allo scenario delle smart-city. Fabio Saponaro Fabio Saponaro è Professore Aggregato di Diritto tributario e di Amministrazione finanziaria degli enti pubblici presso l Università Unitelma Sapienza di Roma. È stato Professore incaricato di Scienza delle Finanze presso l Università del Salento. È autore di numerose pubblicazioni in materia di fiscalità comunitaria e internazionale: Concordato triennale preventivo e acuerdos previos de valoracìon: modelli giuridici a confronto, Rivista diritto tributario (2003); Lo scambio di informazioni 6

9 tra amministrazioni finanziarie e l armonizzazione fiscale, in Boletim de ciências económicas, Universidade de Coimbra, Coimbra, (2005); L armonizzazione fiscale e il ruolo delle autonomie locali nel sistema pre-federale europeo, in Revista Jurídica tributária, San Paolo (2008); Il titolo esecutivo europeo: prospettive in materia fiscale, Rassegna tributaria (2008); La tassazione degli enti non residenti in Italia, in Direito e democrazia, San Paolo (2011); Obriçáo solidária e tutela do contribuinte no sistema tributario italiano, in Revista Forum de direito tributario, Belo Horizonte (2012). È coautore e membro del comitato di redazione del Commentario al Testo Unico delle Imposte sui Redditi, Padova (2009), a cura del Prof. Giuseppe Tinelli. È membro del comitato scientifico di numerose riviste nazionali e internazionali. Andrea Sergiacomi Funzionario (Posizione Organizzativa Sistemi di front-end multicanali, Progetti Cloud e Servizi alle imprese ) della Regione Marche. Daniele Tesse Laureato con lode in Operatore Statistico Giuridico nella Pubblica Amministrazione presso l Università La Sapienza, consegue il master in Governance, Management, e-government della Pubblica Amministrazione e la laurea magistrale in Management pubblico ed e-government presso Unitelma Sapienza. Attualmente dipendente della Provincia di Roma in servizio presso il Dipartimento Lavoro e formazione professionale dove riveste il ruolo di referente per le attività inerenti la gestione degli adempimenti di competenza previsti dal D.Lgs. 196 del 30/06/2003, controller e referente per le attività inerenti le funzioni di monitoraggio relative all attuazione degli obiettivi previsti nel PEG, referente per le attività inerenti la programmazione degli interventi formativi finanziati con FSE. Collabora, altresì, nel supporto giuridico e gestionale nei confronti del Direttore Dipartimentale e per le attività connesse agli adempimenti previsi dal D.Lgs. n. 33/2013 riguardanti gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Incaricato, quale Componente delle Commissioni Provinciali di valutazione tecnica dei progetti finanziati dal Fondo Sociale Europeo POR 2007/2013; della Commissione Provinciale di valutazione tecnica per la personalizzazione del Sistema Informativo Lavoro (SIL) e del Sistema CO della Provincia di Roma; della Commissione tecnica per la definizione di un processo di valutazione del personale docente per i corsi di formazione della Scuola d Arte Cinematografica Gian Maria Volontè; del gruppo di lavoro interdipartimentale Progetto Regionale PRIR per la realizzazione di tirocini formativi finalizzati all inserimento lavorativo rivolto ai titolari di protezione internazionale. Vincenzo Varagona Giornalista Rai. è intervenuto a diversi momenti di formazione, approfondimento, confronto, in ambienti didattici e accademici, sulla media education. 7

10 PARTE PRIMA 8

11 Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management N pp Il commercio elettronico e le tutele del consumatore digitale Tiziana Croce Sommario: Introduzione 1. Commercio elettronico 2. Asimmetrie e tutela del consumatore 3. Revisione dell acquis relativo al consumatore 4. La direttiva 2011/83/UE e i diritti del consumatore 5. Segue - Gli obblighi di informazione nei contratti di contenuti digitali 6. Segue - Diritto di recesso - 7. Segue - Le sanzioni - 8. Il codice dei diritti on-line dell Unione europea Introduzione. La normativa comunitaria in materia di tutela del consumatore ha compiuto, nella riforma dei trattati istitutivi dell Unione europea, da Maastricht al Trattato Costituzionale Europeo, enormi passi avanti; difatti se le prime disposizioni traevano fondamento dalla necessità di dare incremento al mercato unico eliminando gli ostacoli che si frapponevano allo sviluppo economico della Comunità, le successive disposizioni normative, pur tenendo sempre presente la necessità di realizzare un effettivo mercato interno dei consumatori che raggiunga il giusto equilibrio tra un elevato livello di tutela dei consumatori e la competitività delle imprese, hanno considerato il consumatore come persona e in quanto tale soggetto di diritti e di tutele. 1 Ciò ha determinato il superamento delle dichiarazioni astratte finalizzate a un eventuale tutela, e il riconoscimento, attraverso gli strumenti legislativi, dei diritti fondamentali del cittadino europeo quali principi fondanti del diritto comunitario. 2 Introduction. In the reform of EU s founding treaties, from Maastricht to the European Constitutional Treaty, Community legislation regarding consumer protection has made huge strides; in fact, while the initial provisions were based on the single market growth need by removing obstacles which had hindered the economic development of the Community, subsequent regulations have considered the consumer as a person, and as such, the subject of rights and protections, yet always considering the need to create a real consumer internal market striking the right balance between a high level of consumer protection and the competitiveness of enterprises. This has led to the overcoming of abstract declarations aimed at an eventual protection and to the recognition, through legislative instruments, of the fundamental rights of the European citizen as founding principles of Community law. 1 Il Trattato costituzionale europeo negli artt.1 e 2 pone a fondamento dell Unione Europea i principi di libertà, democrazia nonché rispetto dei diritti dell uomo, delle libertà fondamentali e dello stato di diritto, e la rimozione delle disuguaglianze anche di genere. 2 La Corte di giustizia della Comunità Europea il più delle volte nelle sue pronunce ha inteso il consumatore quale parte contrattuale e non come soggetto di diritti a prescindere dal contesto di riferimento. Articolo pervenuto Il 1 Luglio 2014, approvato il 16 Luglio

12 1. Il commercio elettronico Sebbene già negli anni 80 la possibilità di concludere contratti senza la presenza contemporanea dei contraenti e utilizzando reti elettroniche fosse già una realtà, si fa riferimento all uso nelle contrattazioni dell Electronic Data Interchange, ovvero alla conclusioni di accordi utilizzando reti dedicate, secondo standard di trasmissione scelti dagli stessi utilizzatori, supportati da rapporti regolamentati da accordi quadro stabiliti dalle parti contrattuali; ma è solo negli anni 90, con lo sviluppo e la diffusione globale delle tecnologie informatiche e telematiche, che cresce la possibilità di concludere contratti attraverso una rete aperta (Internet) a cui tutti possono accedere, seppure in assenza di un preciso ed univoco quadro giuridico di riferimento. L evoluzione dell Information and Comunication Technology (ICT) ha sotto tutti gli aspetti della vita un incidenza straordinaria, oggi le ICT non costituiscono un semplice strumento fruibile da un solo individuo ma si presenta come ambiente costitutivo di una realtà diversa in cui le regole di una razionalità conformata solo a criteri di funzionalità e di efficienza sembrano subordinare alle esigenze dell apparato tecnico l intero mondo delle relazioni umane coinvolgendo anche la rete dei rapporti giuridici che sono con essa strettamente intessuti. 3 Una prima definizione di commercio elettronico è contenuta nella Comunicazione della Commissione europea al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni il 18 aprile : Il Commercio elettronico ha come oggetto lo svolgimento degli affari per via elettronica. Esso si basa sulla trasmissione ed elaborazione delle informazioni, inclusi testi, suoni e video immagini, e comprende molte attività diverse quali la compravendita di attività commerciali e di transazioni per via elettronica, la distribuzione on-line di contenuti digitali, il trasferimento elettronico di fondi l effettuazione per via elettronica di operazioni finanziarie e di borsa; gli appalti pubblici per via elettronica ed altre procedure di tipo transattivo delle pubbliche amministrazioni. A questa definizione di commercio elettronico si è preferito utilizzare, sia nell ordinamento comunitario sia in quello nazionale, la nozione di servizio della società dell informazione, che già la legge 317/1986 aveva definito come qualsiasi servizio prestato normalmente dietro retribuzione, a distanza, per via elettronica e a richiesta individuale di un destinatario di servizi. 5 Nel 3 Così A. G. Parisi, Il commercio elettronico, in Manuale di diritto dell informazione e della comunicazione, (a cura di) S. Sica, V. Zeno-Zencovich, Milano 2007, pp. 333 e ss prosegue ne è conseguita da più parti la condivisione dell urgenza di considerare le attività in rete e le consuetudini di netiquette come fonte reale di nuovo diritto finalizzate a considerare obsolete le norme giuridiche vigenti e a sostituire di fatto la tecnologia al diritto, ma non vi è dubbio che il diritto andava effettivamente in gran parte adeguato, per conservare immutata ed efficace la già esistente tutela di diritti e valori irrinunciabili. nell ambito giuridico di riferimento si evidenzia un percorso, ormai irreversibile: nel nuovo contesto del cyberspace il diritto commerciale ritrova l antica vocazione dell universalità e riafferma l esigenza di specialità, differenziandosi nella disciplina dei rapporti interni alla classe degli imprenditori e nel diritto applicabile ai contratti tra professionisti e consumatori. In passato si era affermata la lex mercatoria, la differenza è che oggi la duplice specializzazione non è espressione del favor generalizzato per gli interessi dei mercanti, bensì un favor preminente nei rapporti tra mercanti e non, verso gli interessi dei consumatori, la cui tutela costituisce il core del cosiddetto diritto privato necessario. 4 COM/97/0157 def. Una iniziativa europea in materia di commercio elettronico. 5 Art. 1 L. 21/06/1986 n. 317: Procedura d informazione nel settore delle norme e regolamentazioni tecniche e delle regole relative ai servizi della società dell informazione in attuazione della direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 22/06/1998, modificata dalla direttiva 98/48/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 20/07/1998. La locuzione a distanza comprende un servizio fornito senza la presenza simultanea delle parti; la locuzione per via elettronica indica un servizio indicato all origine e ricevuto a destinazione mediante attrezzature 10

13 1998 interviene il d.lgs n (c.d. decreto Bersani), riguardante la riforma della disciplina relativa al settore del commercio, che a sostegno della importanza del nuovo mercato invita a promuovere, con strumenti e mezzi adeguati, la crescita equilibrata del commercio elettronico e la tutela dei consumatori, nonché a garantire la partecipazione italiana al progresso di cooperazione e negoziazione europea ed internazionale per lo sviluppo del commercio elettronico. 7 Nell ambito internazionale il commercio elettronico fa riferimento al Model Law on Elettronic Commercio dell UNCITRAL 8 adottato nel 1996, che per prima enuncia i principi di non discriminazione 9, neutralità tecnologica 10 ed equivalenza funzionale 11, prevedendo altresì che le comunicazioni elettroniche devono essere considerate equivalenti a quelle cartacee; segue nel 2001 il Model Law on Electronic Signatures e nel 2005 la United Nations Convenction on the Use of Electronic Communications in International Contracts; inoltre la Declaration on Global Elettronic Commerce (Ginevra, 20 maggio 1998) e il Work Program on Elettronic Commerce del WTO; ed anche la raccolta di usi, definizioni e best practice, elaborata dalla Camera di Commercio internazionale, il General Usage in International Digitaly Ensured Commerce-GUIDEC nel Anche l Organizzazione per la crescita e lo sviluppo economico (OCSE) ha elaborato le linee guida per la tutela dei consumatori nel contesto del commercio elettronico. 13 elettroniche di trattamento, compresa la compressione, e di memorizzazione dei dati, e che è interamente trasmesso, inoltrato e ricevuto mediante fili, radio, mezzi ottici o altri mezzi elettromagnetici. La locuzione a richiesta individuale di un destinatario di servizi comprende un servizio fornito mediante trasmissione di dati su richiesta individuale. I servizi della società dell informazione comprendono anche la trasmissione di informazioni mediante una rete di comunicazione, la fornitura di accesso a una rete di comunicazione o lo stoccaggio di informazioni fornite da un destinatario di servizi, i servizi peer to peer, i servizi video on demand o l invio di comunicazioni commerciali per posta elettronica. 6 D. lgs. n. 114 del 31 marzo 1998, Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell articolo 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59, GU n. 95 del 24/4/1998, Supp. ord. n Art.21 D.lgs 31 marzo 1998 n Purpose: The Model Law on Electronic Commerce (MLEC) purports to enable and facilitate commerce conducted using electronic means by providing national legislators with a set of internationally acceptable rules aimed at removing legal obstacles and increasing legal predictability for electronic commerce. In particular, it is intended to overcome obstacles arising from statutory provisions that may not be varied contractually by providing equal treatment to paper-based and electronic information. Such equal treatment is essential for enabling the use of paperless communication, thus fostering efficiency in international trade. 9 Il principio di non discriminazione stabilisce che non può essere negata la validità e l efficacia giuridica di un documento per il solo fatto che è in forma elettronica. 10 Il principio della neutralità tecnologica impedisce l adozione di disposizioni di legge che richiedano o favoriscano l uso di una specifica tecnologia a discapito di altre esistenti e future; le norme tecnologiche neutrali permettono di dare adeguato riconoscimento giuridico a qualsiasi sviluppo tecnologico senza un ulteriore intervento legislativo. 11 Il principio di equivalenza funzionale (functional equivalent aproach) definisce i criteri in base ai quali le comunicazioni elettroniche possono essere considerate equivalenti a quelle su supporto cartaceo, ed è correlato alla neutralità tecnologica 12 Così R. Clarizia, Contratti e commercio elettronico, in Manuale di informatica giuridica e di diritto delle nuove tecnologie, (a cura di) M. Durante e U.Pagallo, Torino 2012, pp. 363 e ss. 13 L introduzione alle linee guida recita: l intrinseca natura internazionale delle reti numeriche e delle tecnologie informatiche, che costituiscono lo spazio commerciale elettronico, esige che sia adottato un approccio globale per la tutela dei consumatori, quale elemento di un quadro giuridico e di autoregolamentazione trasparente e prevedibile per il commercio elettronico. L ambiente delle reti mondiali sfida la capacità di ogni paese o giurisdizione a far fronte in modo adeguato alle questioni legate alla tutela dei consumatori nel contesto del commercio elettronico. Politiche nazionali disomogenee possono ostacolare l espansione del commercio elettronico. Di conseguenza considerando 11

14 Nell ambito europeo il tentativo di armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri da parte della Comunità europea è avvenuto con la Direttiva sul commercio elettronico 2001/31/CE 14, essa è frutto della consapevolezza delle grandi opportunità che gli strumenti dell information society rappresentano per la comunità stessa e della consapevolezza che numerosi ostacoli giuridici si frappongono al suo sviluppo, costituiti da difformità e contrapposizioni tra le normative degli stati aderenti, e dalla difficoltà di individuare nell ambito dei servizi della società dell informazione le norme applicabili ad essi. L obiettivo che ha inteso raggiungere la direttiva è stato, quindi, la creazione di un quadro giuridico sistematico comune per eliminare ogni impedimento alla libera circolazione dei nuovi servizi, che determinano incertezza del diritto e un clima di diffidenza negli operatori e nei consumatori verso l utilizzo delle nuove tecnologie, tale da consentire lo sviluppo del mercato dei servizi dell informazione, in linea con i principi di libera circolazione nel mercato interno. 15 La direttiva citata è stata recepita nel nostro ordinamento dal D. lgs. n.70 del 9 aprile il cui all art. 2, comma 1, lett. a), definisce i servizi della società dell informazione come le attività economiche svolte in linea nonché i servizi definiti dall art.1, comma 1, lettera b), della legge 21 giugno 1986 n. 317 e successive modificazioni, servizi elencati precedentemente. Questa nuova formulazione stabilisce che la normativa deve applicarsi anche alle attività svolte on-line che non prevedono una remunerazione diretta da parte di un soggetto che, sulla base di una richiesta individuale, acceda ad un servizio per via elettronica, purché a queste sia possibile riconoscere una valenza di tipo economico. 17 Tutti i servizi della società dell informazione hanno dei destinatari che non necessariamente coincidono con la nozione di consumatore, a tal riguardo la definizione di destinatario di servizi copre ogni tipo di impiego dei servizi della società dell informazione, sia da parte di soggetti che forniscono informazioni su rete aperte, sia da parte di soggetti che cercano informazioni per motivi privati o professionali, quindi il destinatario del servizio è il soggetto che, a scopi professionali e non, utilizza un servizio della società dell informazione, in particolare per ricercare o rendere accessibili informazioni, mentre consumatore è qualsiasi persona fisica che agisca con finalità non riferibili all attività commerciale, imprenditoriale o professionale eventualmente svolta. L Unione europea, certa che lo sviluppo del commercio elettronico è una grande opportunità per l occupazione e per lo sviluppo delle piccole e medie imprese, predispone un regime di favore determinando che l accesso alla attività di un prestatore di un servizio della società dell informazione e il suo esercizio non sono soggetti, in quanto tali, ad alcuna autorizzazione preventiva o ad altra misura di effetto equivalente. tale aspetto, i problemi legati alla tutela dei consumatori possono essere trattati in modo efficace mediante le consultazioni e la cooperazione a livello internazionale. I governi dei paesi membri dell OCSE hanno riconosciuto che potrebbe essere necessario adottare un approccio internazionale coordinato per scambiare informazioni e per raggiungere un intesa generale su modo in cui si possono affrontare tali problemi. 14 Direttiva 2001/31/CE, Relativa a taluni aspetti della società dell informazione, in particolare il commercio elettronico, nel mercato interno. GUCE L 178 del 17 luglio Considerandi nn. 60 e 3 della Direttiva 2001/31/CE. 16 D.Lgs 9/4/2003 n. 70, Attuazione della direttiva 200/31/CE relativa ad alcuni aspetti giuridici della società dell informazione, in particolare il commercio elettronico, nel mercato interno, G.U. n. 61 del 14/4/ C. Di Cocco, G. Sartor, Temi di diritto dell informatica, Torino 2013, p

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ONLINE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 I servizi ed i prodotti finanziari online ----------------------------------------------------------------

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Circolare N. 70 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 8 ottobre 2010 LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Per commercio elettronico diretto sono da intendersi le operazioni

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Dati personali Nome e cognome: Davide D Amico Data di nascita: 03 Luglio 1974 Nazionalità : italiana Titoli di studio e culturali Master

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica.

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. di Leda Rita Corrado (*) Riferimenti: Direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa

Dettagli

I CONTRATTI-TIPO DELLE CAMERE DI COMMERCIO

I CONTRATTI-TIPO DELLE CAMERE DI COMMERCIO I CONTRATTI-TIPO DELLE CAMERE DI COMMERCIO Roma, Marzo 2011 1 Regolazione del mercato e non più controllo del mercato Evoluzione naturale coerente con la trasformazione del ruolo dello Stato che gradualmente

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

Aspetti legali dell economia digitale e best practice in Germania. Giovanna Boschetti

Aspetti legali dell economia digitale e best practice in Germania. Giovanna Boschetti Aspetti legali dell economia digitale e best practice in Germania Giovanna Boschetti 07/07/2014 Economia digitale: glossario commercio elettronico: attività di commercio tramite internet o reti telematiche

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

AVVOCATO IN VARESE, MILANO, ROMA E RIMINI

AVVOCATO IN VARESE, MILANO, ROMA E RIMINI CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO Diploma di Maturità Scientifica; Diploma di Maturità Magistrale; Diploma di Maturità Professionale; Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l Università di Urbino,

Dettagli

PROFILI PRIVATISTICI DELLA MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE

PROFILI PRIVATISTICI DELLA MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE PROFILI PRIVATISTICI DELLA MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE Osservazioni sugli aspetti di diritto sostanziale e spunti critici GAETANO EDOARDO NAPOLI il Mulino COLLANA DI STUDI GIURIDICI promossa dall Università

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

CURRICULUM VITAE ATTIVITÀ DIDATTICA ED ATTIVITÀ SCIENTIFICA

CURRICULUM VITAE ATTIVITÀ DIDATTICA ED ATTIVITÀ SCIENTIFICA CURRICULUM VITAE ATTIVITÀ DIDATTICA ED ATTIVITÀ SCIENTIFICA DI THOMAS TASSANI FORMAZIONE Il 10/7/1997 si laurea presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'università degli Studi di Bologna con votazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Studi Abilitazione all insegnamento delle discipline giuridiche ed economiche (classe di concorso A019) nelle scuole superiori conseguita a seguito di concorso ordinario presso

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Master universitario di II livello in ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI a.a. 2011-2012 1. Finalità Il Master ha lo scopo di formare dirigenti e funzionari pubblici

Dettagli

Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management

Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management Numero 2-2015 Edizione multimediale Atti del Convegno ANDIG Il commercio elettronico oggi (2014) a cura di Donato A. Limone FONDATA E DIRETTA DA DONATO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

MASTER di II Livello. Diritto dell Unione Europea. 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF49

MASTER di II Livello. Diritto dell Unione Europea. 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF49 MASTER di II Livello Diritto dell Unione Europea 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF49 Pagina 1/5 Titolo Diritto dell Unione Europea Edizione 2ª EDIZIONE Area ACCADEMIA

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Diritto dell Unione Europea e delle migrazioni

Diritto dell Unione Europea e delle migrazioni Master biennale di II livello Diritto dell Unione Europea e delle migrazioni (In sigla PLMA08) (1500 ore - 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015 1 Titolo DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA E DELLLE MIGRAZIONI

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico.

L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico. L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico. I prestatori dei servizi della societa dell informazione / 1 Il prestatore di servizi della società dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

La figura dell informatico forense

La figura dell informatico forense Pag. 1 di 6 La figura dell informatico forense Sommario Sommario... 1 Introduzione... 1 Formazione... 1 Competenze... 2 Esperienza professionale... 2 L attività dell informatico forense... 2 Ambiti lavorativi...

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 IPRASE propone in collaborazione con la Graduate School of Business del Politecnico di Milano, un percorso per i Dirigenti scolastici

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO CBL Distribuzione S.r.l. nel quadro del programma di adempimenti ex art. 12.2, della delibera AEEG del 18 gennaio 2007, n 11/07 e ss. mm. e ii. Adottato dal Gestore Indipendente

Dettagli

MASTER di I Livello. Diritto delle nuove tecnologie ed informatica giuridica - Il processo civile telematico PCT

MASTER di I Livello. Diritto delle nuove tecnologie ed informatica giuridica - Il processo civile telematico PCT MASTER di I Livello Diritto delle nuove tecnologie ed informatica giuridica - Il processo civile telematico PCT 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA351 Pagina 1/8 Titolo Diritto delle

Dettagli

MASTER di II Livello. Diritto di Famiglia, dei Minori e delle Persone. 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF41

MASTER di II Livello. Diritto di Famiglia, dei Minori e delle Persone. 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF41 MASTER di II Livello 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF41 Pagina 1/6 Titolo Edizione 2ª EDIZIONE Area ACCADEMIA FORENSE Categoria MASTER Livello II Livello Anno accademico

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Marketing e Finanza Strategie, marketing e innovazione finanziaria Analisi e Strategie L innovazione nel settore bancario, assicurativo e finanziario dopo la crisi 4 Sergio Spaccavento, AIFIn Mercati e

Dettagli

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II 1. Premesse Lo scenario di riferimento Il profondo mutamento del panorama normativo posto

Dettagli

AVV. MATTEO GIACOMO JORI

AVV. MATTEO GIACOMO JORI CURRICULUM VITAE 1. Dati anagrafici e informazioni personali Matteo Giacomo Jori, nato a Milano il 1 giugno 1976 e ivi residente tel. 02.55011592 fax 02.5513884 email: matteo.jori@unimi.it - mg.jori@jori.org

Dettagli

MA351 - Diritto delle nuove tecnologie ed informatica giuridica - Il processo civile telematico PCT

MA351 - Diritto delle nuove tecnologie ed informatica giuridica - Il processo civile telematico PCT MASTER di I Livello MA351 - Diritto delle nuove tecnologie ed informatica giuridica - Il processo civile telematico PCT I EDIZIONE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA351 www.unipegaso.it Titolo

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN. e-t@x. La gestione telematica dei rapporti tributari

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN. e-t@x. La gestione telematica dei rapporti tributari MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN e-t@x. La gestione telematica dei rapporti tributari Il primo master universitario di diritto tributario totalmente in rete a.a. 2006-2007 1.Finalità Il Master

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione Programma CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Direzione scientifica: Avv. Andrea Sirotti

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 22.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 51/3 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2013 in merito a una proposta di direttiva del

Dettagli

(Finalità e ambito di applicazione)

(Finalità e ambito di applicazione) 6 15.1.2003 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 gennaio 2003, n. 3/R Regolamento per lo svolgimento delle procedure telematiche di acquisto

Dettagli

Premessa... pg.4. Imprese ed E-Commerce: gli aspetti legali del contratto telematico. 1. LE DOT-COM E L E-COMMERCE.8. 1.1. Le Dot-Com..

Premessa... pg.4. Imprese ed E-Commerce: gli aspetti legali del contratto telematico. 1. LE DOT-COM E L E-COMMERCE.8. 1.1. Le Dot-Com.. SOMMARIO Premessa..... pg.4 SEZIONE I: Imprese ed E-Commerce: gli aspetti legali del contratto telematico. 1. LE DOT-COM E L E-COMMERCE.8 1.1. Le Dot-Com..8 1.2. L e-commerce: definizione, classificazione

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Master di II livello Diritto e Processo Tributario

Master di II livello Diritto e Processo Tributario Master di II livello Diritto e Processo Tributario (MAF-16) (1500 ore - 60 CFU) Anno Accademico 2012/2013 1 Titolo DIRITTO E PROCESSO TRIBUTARIO Direttore Prof.ssa Livia Salvini (Professore Ordinario di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La direttiva: obiettivi e strategie. Appalti e concorrenza Semplificazioni e rafforzamento della disciplina Modernizzazione: appalti e nuove

Dettagli

Diritto di Famiglia e tutela dei Minori

Diritto di Famiglia e tutela dei Minori Master biennale di II livello Diritto di Famiglia e tutela dei Minori (In sigla PLMA03) (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015 1 Titolo DIRITTO DI FAMIGLIA E TUTELA DEI MINORI Direttore

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI. Intervento dell avv. Sandra Maraia

LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI. Intervento dell avv. Sandra Maraia LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI Intervento dell avv. Sandra Maraia 1. Brevi cenni sul regolamento n. 6/2014 Il nuovo regolamento per la formazione continua, approvato

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

Policy di Ateneo per l accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Policy di Ateneo per l accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Policy di Ateneo per l accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Definizioni Per Università o Ateneo si intende l Università degli Studi di Trieste. Per

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

Le prospettive di tutela della privacy nello scenario tecnologico del Cloud e dei Big Data

Le prospettive di tutela della privacy nello scenario tecnologico del Cloud e dei Big Data E-privacy 2013 - Winter Edition BIG DATA 2.0 Accesso all informazione e privacy tra open data e Datagate Le prospettive di tutela della privacy nello scenario tecnologico del Cloud e dei Big Data Avv.

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante "Disciplina della subfornitura nelle attività produttive"

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante Disciplina della subfornitura nelle attività produttive Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ON LINE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 I Servizi ed i Prodotti Finanziari On Line ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Saggi ed articoli: - Profili giuridici della firma elettronica nella direttiva comunitaria 1999/93/CE (raffrontata al Modello di legge sulle firme

Saggi ed articoli: - Profili giuridici della firma elettronica nella direttiva comunitaria 1999/93/CE (raffrontata al Modello di legge sulle firme Elisa Morelato è Professore a contratto dell insegnamento ufficiale di Diritto dell informatica, Settore scientifico disciplinare IUS/01 (9 CFU), presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Pietro Boria. Dati anagrafici

CURRICULUM VITAE di Pietro Boria. Dati anagrafici CURRICULUM VITAE di Pietro Boria Dati anagrafici Nato a Roma il 26.07.1966 Codice fiscale BROPTR66L26H501G Partita IVA 04674171006 Studio legale: Via Tirso 26, Roma - 00198 Telefono: 06/3242427 Fax: 06/25496533

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5 Indice Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma... 5 3. Iniziative di comunicazione della trasparenza...

Dettagli

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA INDICE AMBITO LEGALE-REGOLATORIO-CLINICO PAG. 2 AMBITO FORMATIVO-CULTURALE-ORGANIZZATIVO PAG. 3 FINANZIAMENTO E RIMBORSABILITÀ DELLE PRESTAZIONI PAG. 4

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Comune di Lograto. Provincia di Brescia

Comune di Lograto. Provincia di Brescia Comune di Lograto Provincia di Brescia REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) (approvato con la deliberazione del Consiglio

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO

Dettagli

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V.

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. Presidente Giovanni Catellani MOG-231 Pagina 1 di 8 INDICE Introduzione 3 Destinatari 3 Principi e regole di condotta

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Roberta Angelini Roma Nazionalità Italiana Luogo e Data di nascita Bologna, 31

Dettagli

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT AREA TRANSPORT MANAGEMENT Modulo Base RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT Mercoledì 23 maggio 2012 Il corso si pone come obiettivo l approfondimento delle principali tematiche

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231)

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231) PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231) Sommario 1 Definizioni 3 2 Finalità 4 3 Ambito di applicazione 4 4 Responsabilità e diffusione

Dettagli