Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management"

Transcript

1 Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management Numero Parte prima: Commercio elettronico; Famiglia ed internet; Imposizioni diretta ed indiretta; democrazia elettronica. Parte seconda: Atti del Convegno Uso,abuso e riuso degli strumenti informatici. Esperti a confronto tra diritto ed informatica (Università di Camerino, 6-8 maggio 2014) FONDATA E DIRETTA DA DONATO A. LIMONE

2 Direttore responsabile Donato A. Limone Comitato scientifico Stefano Adamo (Preside di Economia, Università del Salento), Piero Bergamini (Autostrade), Francesco Capriglione (Ordinario di Diritto degli intermediari e dei mercati finanziari, LUISS,Roma), Michele Carducci (Ordinario di Diritto Pubblico, Università del Salento), Ernesto Chiacchierini (Ordinario di tecnologia dei cicli produttivi, Università La Sapienza), Claudio Clemente (Banca d Italia), Ezio Ercole (Vice Presidente dell Ordine dei Giornalisti del Piemonte e consigliere della Federazione Nazionale della Stampa Italiana - FNSI), Donato A. Limone (Ordinario di informatica giuridica, Università telematica Unitelma-Sapienza, Roma), Nicola Picardi (Professore emerito della Sapienza; docente di diritto processuale civile, LUISS,Roma), Francesco Riccobono (Ordinario di Teoria generale del diritto, Università Federico II, Napoli), Sergio Sciarelli (Ordinario di Economia Aziendale, Università di Napoli, Federico II), Marco Sepe (Ordinario di diritto dell economia, Università telematica Unitelma- Sapienza, Roma) Comitato di redazione Leonardo Bugiolacchi, Antonino Buscemi, Luca Caputo, Mario Carta, Claudia Ciampi, Ersilia Crobe, Wanda D Avanzo, Sandro Di Minco, Paola Di Salvatore, Pasquale Luigi Di Viggiano, Paolo Galdieri, Edoardo Limone, Emanuele Limone, Giulio Maggiore, Marco Mancarella, Antonio Marrone, Alberto Naticchioni, Gianpasquale Preite, Fabio Saponaro, Angela Viola Direzione e redazione Via Antonio Canal, Roma Gli articoli pubblicati nella rivista sono sottoposti ad una procedura di valutazione anonima. Gli articoli sottoposti alla rivista vanno spediti alla sede della redazione e saranno dati in lettura ai referees dei relativi settori scientifico disciplinari. Anno V, n. 2/2014 ISSN Autorizzazione del Tribunale civile di Roma N. 329/2010 del 5 agosto 2010 Editor ClioEdu Roma - Lecce Tutti i diritti riservati. È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione che venga citata la fonte. La rivista è fruibile dal sito gratuitamente.

3 INDICE Editoriale Donato A. Limone, Direttore della Rivista...Pag. 2 PARTE PRIMA Il commercio elettronico e le tutele del consumatore digitale Tiziana Croce...Pag. 9 L imposizione indiretta nel commercio elettronico: il mini sportello elettronico unico o mini on stop shop (MOSS) nel sistema IVA delle transazioni telematiche Santo Gaetano...32 Enti non residenti, imposizione diretta e normativa antielusiva Fabio Saponaro...43 Affidamento condiviso del minore e diritto alla bigenitorialità attuato mediante la rete telematica, con particolare riferimento ai casi di trasferimento di residenza del genitore Alessandra Gatto...72 Strumenti di e-democracy per la democrazia partecipativa Paolo Pastore...87 Open data: il caso della Provincia di Roma Daniele Tesse...96 PARTE SECONDA Atti del Convegno Uso,abuso e riuso degli strumenti informatici. Esperti a confronto tra diritto ed informatica (Università di Camerino, 6-8 maggio 2014) L Amministrazione digitale: semplificazione, accessibilità, trasparenza totale Donato A. Limone...124

4 Etica, informatica e diritto. Spunti e riflessioni di un giurista e di un informatico Maria Concetta De Vivo e Fausto Marcantoni... Pag. 130 Mobile, social, Big Data e Cloud Computing: un breve excursus divulgativo degli aspetti della sicurezza Yvette Agostini Un giorno di ordinario abuso informatico: come governi, crimine e marketing violano la nostra privacy e sicurezza Paolo Attivissimo Indagini digitali Linee guida per la digital forensics Raul Guido Capriotti L accesso ai servizi in Cloud per la crescita digitale.un esperienza nazionale: la Regione Marche Serenella Carota, Andrea Sergiacomi e Barbara Re Smartphone, tablet e cloud: l insicurezza dei nostri dati personali Mattia Epifani Open source e Computer Forensics. Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti Paolo Aspy Giardini Media Unicam. Introduzione all uso, abuso e riuso degli strumenti informatici Vincenzo Varagona

5 Editoriale Questo numero della Rivista è strutturato in due parti: a. La prima, comprende una serie di contributi su temi diversi: il commercio elettronico (Tiziana Croce); L imposizione indiretta (Santo Gaetano); Enti non residenti, imposizione diretta, normativa antielusiva (Fabio Saponaro); Affidamento condiviso del minore e diritto alla bigenitorialità attuato mediante la rete telematica, con particolare riferimento ai casi di trasferimento di residenza del genitore (Alessandra Gatto); Strumenti di e-democracy per la democrazia partecipativa (Paolo Pastore). b. La seconda, comprende gli atti del Convegno Uso, abuso e riuso degli strumenti informatici. Esperti a confronto tra diritto ed informatica organizzato dall Università di Camerino e coordinato dalla prof.ssa Maria Concetta De Vivo (6,7,8 maggio 2014). Il Direttore della Rivista Donato A. Limone 3

6 Autori di questo numero Yvette Agostini Laureata in ingegneria elettrotecnica presso l Università di Pavia. Si occupa di trading di energia elettrica, di sicurezza informatica e delle informazioni, di incident handling, computer forensics, disaster recovery, risk assessment. Dal 2012 è esperto valutatore dei progetti di ricerca ammessi ai finanziamenti Framework Program 7 dell Unione Europea. Nel 2013 è stata docente di Corporate Security al master di primo livello Security Specialis presso CEFRIEL. è cofondatore e segretario di Cloud Security Alliance Italy. Paolo Attivissimo Scrittore, conferenziere e giornalista informatico, autore di libri divulgativi d informatica e conduttore della trasmissione radiofonica Il Disinformatico della Radiotelevisione Svizzera. Si occupa di divulgazione scientifica ne Le Scienze e cura il blog Disinformatico.info (premio Macchianera 2013 per il miglior blog tecnico-divulgativo in lingua italiana). Vive e lavora a Lugano con moglie, figlie, due gatti e mezzo e troppi computer. Raul Guido Capriotti Assistente Capo della Polizia di Stato. Svolge attività di collaborazione presso l Università degli studi di Camerino su argomenti attinenti alla Computer foreniscs. Serenella Carota Dirigente (Posizione di Funzione Sistemi Informativi e Telematici ) della Regione Marche. Tiziana Croce Laurea in Giurisprudenza e laurea breve in Informatica. Ricercatore universitario in Informatica giuridica presso Scuola di Giurisprudenza dell Università degli studi di Camerino. Titolare degli insegnamenti: Diritto comunitario dell innovazione, Diritto delle comunicazioni elettroniche, Diritto dell informatica, Informatica giuridica e Laboratorio informatico. Insegnamenti tenuti Università di Camerino, Macerata e Roma. Partecipazione a numerosi progetti di ricerca nazionali responsabili Proff.ri Donato Antonio Limone, Francesco Cardarelli, Enrico Pattaro, Vincenzo Zeno Zencovich, Lucia Ruggeri. Membro di commissioni concorso personale tecnico-amministrativo universitario e di concorso per valutazione comparative ricercatori. Pubblicazioni su Diritto d autore sui beni digitali, E-government, Privacy, Web-marketing, Democrazia digitale, Tutela del consumatore. Maria Concetta De Vivo Laureata in giurisprudenza presso l Universita degli studi di Camerino, Master universitario in Persona e Mercato. Ricercatore di Diritto privato. Si interessa di privacy, computer fo- 4

7 rensic, diritto e nuove tecnologie. Attualmente svolge la sua attività presso la Scuola/Facoltà di scienze e tecnologie dell Università degli studi di Camerino. Insegna Diritto delle nuove tecnologie al Corso di laurea di Informatica. Mattia Epifani Laureato in Informatica nel 2002 presso il Dipartimento di Informatica e Scienze dell Informazione dell Università degli Studi di Genova e Master in Controllo di Gestione Aziendale nell Impresa Moderna presso SOGEA. È Socio della REALITY NET (System Solutions, azienda di consulenza informatica con sede a Genova). Esperto in Computer Forensics ed Ethical Hacking. Autore di articoli per le pubblicazioni Ciberspazio e diritto, Hacking, IISFA Memberbook e IISFA Newsletter. Santo Gaetano Avvocato praticante e Notaio praticante. Laureato in Giusriprudenza presso l Università degli studi di Roma Sapienza, discutendo una tesi in Informatica Giuridica dal titolo La digitalizzazione dell attività e del procedimento amministrativo. Ha frequentato il corso specialistico sul processo amministrativo presso la LUISS Guido Carli. Attualmente è Specializzando in Diritto Amministrativo e Scienza dell Amministrazione presso l Università degli studi di Teramo. L attività di interesse riguarda l applicazione delle tecnologie dell informazione e della telecomunicazione al diritto amministrativo sostanziale e processuale. Alessandra Gatto Avvocato, Docente presso il Master di Scienze Criminologiche Forensi presso l Università Sapienza ; Incarico di ricerca conseguito in data 1 ottobre 2014 presso l Università Unitelma Sapienza. Laurea magistrale in Giurisprudenza conseguita il 21 luglio 2011 presso l Università Sapienza con votazione di 110 con lode; vincita di una borsa di studio per la tesi all estero: periodo di due mesi di ricerca presso l Università Complutense di Madrid; Pubblicazioni: Diritto all ascolto e tutela del diritto del minore a mantenere rapporti significativi con gli ascendenti, in corso di pubblicazione; L efficacia costitutiva della trascrizione del provvedimento straniero di adozione, in corso di pubblicazione; Tutela del coniuge estraneo all accordo simulatorio posto in essere dall altro coniuge in regime di comunione legale, in Nel Diritto, maggio 2013, n. 5; Natura della responsabilità derivante dalla violazione dell obbligo di fedeltà tra i coniugi, in Giust. Civ., 2012, 11; La dichiarazione giudiziale della paternità naturale, in Nel Diritto, ottobre 2013, n.9; Collaborazione all Opera Trenta pareri di Diritto Civile, Nel Diritto editore, 2014; Collaborazione all Opera Trenta pareri di Diritto Civile, Nel Diritto editore, 2013; Collaborazione all Opera La filiazione, Giuffrè Editore, Milano, Paolo Giardini Direttore di OPSI, Osservatorio Nazionale Privacy e Sicurezza Informatica, organo di AIP 5

8 (Associazione Informatici Professionisti, per la quale ricopre anche l incarico di Privacy Officer) si occupa da oltre venti anni di Sicurezza Informatica, Privacy, Computer Forensics ed Open Source, svolgendo attività di analisi e consulenza e tenendo corsi e seminari. Svolge attività di Consulente Tecnico di parte (CTP) e di Consulente Tecnico d Ufficio (CTU) presso Procure della Repubblica e Tribunali. Donato A. Limone Ordinario di informatica giuridica e docente di scienza dell amministrazione digitale, Università degli studi di Roma unitelma Sapienza ; Direttore del Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche presso la stessa università. Presidente ANDIG (Associazione Nazionale Docenti di Informatica Giuridica e diritto dell informatica- Fondatore e direttore della Rivista elettronica di diritto, economia, management. Fausto Marcantoni Laureato in Matematica (Indirizzo Applicativo), presso l Università di Camerino. Istruttore CISCO CCNA presso la Regional Academy di Camerino dal Ricercatore Sistemi di elaborazione delle informazioni presso la Scuola/Facoltà di scienze e tecnologie dell Università degli studi di Camerino. Insegna di Sicurezza delle reti, al Corso di laurea di Informatica Paolo Pastore Laureato in Fisica nel 1994 presso l Università degli Studi La Sapienza. Nel 2010 ha conseguito il Dottorato di ricerca in Fisica Tecnica Ambientale. Nel 2011 ha conseguito al laurea triennale in scienze dell Amministrazione. Nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Management Pubblico ed e-governement. Nel 2013 ha conseguito il Master di II livello in Management e Politiche delle Pubbliche Amministrazioni presso la LUISS. Dal 1997 è dipendente pubblico presso la Presidenza del consiglio dei Ministri con la qualifica di funzionario informatico. L attività di interesse riguarda le gestione dei fondi strutturali e la promozione di modelli di governance. Barbara Re Ricercatore presso la Scuola/Facoltà di Scienze e Tecnologia dell Università di Camerino, Project manager e ricercatrice nell area dell ICT quale leva all innovazione, si occupa di processi di business flessibili ponendo particolare attenzione allo scenario delle smart-city. Fabio Saponaro Fabio Saponaro è Professore Aggregato di Diritto tributario e di Amministrazione finanziaria degli enti pubblici presso l Università Unitelma Sapienza di Roma. È stato Professore incaricato di Scienza delle Finanze presso l Università del Salento. È autore di numerose pubblicazioni in materia di fiscalità comunitaria e internazionale: Concordato triennale preventivo e acuerdos previos de valoracìon: modelli giuridici a confronto, Rivista diritto tributario (2003); Lo scambio di informazioni 6

9 tra amministrazioni finanziarie e l armonizzazione fiscale, in Boletim de ciências económicas, Universidade de Coimbra, Coimbra, (2005); L armonizzazione fiscale e il ruolo delle autonomie locali nel sistema pre-federale europeo, in Revista Jurídica tributária, San Paolo (2008); Il titolo esecutivo europeo: prospettive in materia fiscale, Rassegna tributaria (2008); La tassazione degli enti non residenti in Italia, in Direito e democrazia, San Paolo (2011); Obriçáo solidária e tutela do contribuinte no sistema tributario italiano, in Revista Forum de direito tributario, Belo Horizonte (2012). È coautore e membro del comitato di redazione del Commentario al Testo Unico delle Imposte sui Redditi, Padova (2009), a cura del Prof. Giuseppe Tinelli. È membro del comitato scientifico di numerose riviste nazionali e internazionali. Andrea Sergiacomi Funzionario (Posizione Organizzativa Sistemi di front-end multicanali, Progetti Cloud e Servizi alle imprese ) della Regione Marche. Daniele Tesse Laureato con lode in Operatore Statistico Giuridico nella Pubblica Amministrazione presso l Università La Sapienza, consegue il master in Governance, Management, e-government della Pubblica Amministrazione e la laurea magistrale in Management pubblico ed e-government presso Unitelma Sapienza. Attualmente dipendente della Provincia di Roma in servizio presso il Dipartimento Lavoro e formazione professionale dove riveste il ruolo di referente per le attività inerenti la gestione degli adempimenti di competenza previsti dal D.Lgs. 196 del 30/06/2003, controller e referente per le attività inerenti le funzioni di monitoraggio relative all attuazione degli obiettivi previsti nel PEG, referente per le attività inerenti la programmazione degli interventi formativi finanziati con FSE. Collabora, altresì, nel supporto giuridico e gestionale nei confronti del Direttore Dipartimentale e per le attività connesse agli adempimenti previsi dal D.Lgs. n. 33/2013 riguardanti gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Incaricato, quale Componente delle Commissioni Provinciali di valutazione tecnica dei progetti finanziati dal Fondo Sociale Europeo POR 2007/2013; della Commissione Provinciale di valutazione tecnica per la personalizzazione del Sistema Informativo Lavoro (SIL) e del Sistema CO della Provincia di Roma; della Commissione tecnica per la definizione di un processo di valutazione del personale docente per i corsi di formazione della Scuola d Arte Cinematografica Gian Maria Volontè; del gruppo di lavoro interdipartimentale Progetto Regionale PRIR per la realizzazione di tirocini formativi finalizzati all inserimento lavorativo rivolto ai titolari di protezione internazionale. Vincenzo Varagona Giornalista Rai. è intervenuto a diversi momenti di formazione, approfondimento, confronto, in ambienti didattici e accademici, sulla media education. 7

10 PARTE PRIMA 8

11 Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management N pp Il commercio elettronico e le tutele del consumatore digitale Tiziana Croce Sommario: Introduzione 1. Commercio elettronico 2. Asimmetrie e tutela del consumatore 3. Revisione dell acquis relativo al consumatore 4. La direttiva 2011/83/UE e i diritti del consumatore 5. Segue - Gli obblighi di informazione nei contratti di contenuti digitali 6. Segue - Diritto di recesso - 7. Segue - Le sanzioni - 8. Il codice dei diritti on-line dell Unione europea Introduzione. La normativa comunitaria in materia di tutela del consumatore ha compiuto, nella riforma dei trattati istitutivi dell Unione europea, da Maastricht al Trattato Costituzionale Europeo, enormi passi avanti; difatti se le prime disposizioni traevano fondamento dalla necessità di dare incremento al mercato unico eliminando gli ostacoli che si frapponevano allo sviluppo economico della Comunità, le successive disposizioni normative, pur tenendo sempre presente la necessità di realizzare un effettivo mercato interno dei consumatori che raggiunga il giusto equilibrio tra un elevato livello di tutela dei consumatori e la competitività delle imprese, hanno considerato il consumatore come persona e in quanto tale soggetto di diritti e di tutele. 1 Ciò ha determinato il superamento delle dichiarazioni astratte finalizzate a un eventuale tutela, e il riconoscimento, attraverso gli strumenti legislativi, dei diritti fondamentali del cittadino europeo quali principi fondanti del diritto comunitario. 2 Introduction. In the reform of EU s founding treaties, from Maastricht to the European Constitutional Treaty, Community legislation regarding consumer protection has made huge strides; in fact, while the initial provisions were based on the single market growth need by removing obstacles which had hindered the economic development of the Community, subsequent regulations have considered the consumer as a person, and as such, the subject of rights and protections, yet always considering the need to create a real consumer internal market striking the right balance between a high level of consumer protection and the competitiveness of enterprises. This has led to the overcoming of abstract declarations aimed at an eventual protection and to the recognition, through legislative instruments, of the fundamental rights of the European citizen as founding principles of Community law. 1 Il Trattato costituzionale europeo negli artt.1 e 2 pone a fondamento dell Unione Europea i principi di libertà, democrazia nonché rispetto dei diritti dell uomo, delle libertà fondamentali e dello stato di diritto, e la rimozione delle disuguaglianze anche di genere. 2 La Corte di giustizia della Comunità Europea il più delle volte nelle sue pronunce ha inteso il consumatore quale parte contrattuale e non come soggetto di diritti a prescindere dal contesto di riferimento. Articolo pervenuto Il 1 Luglio 2014, approvato il 16 Luglio

12 1. Il commercio elettronico Sebbene già negli anni 80 la possibilità di concludere contratti senza la presenza contemporanea dei contraenti e utilizzando reti elettroniche fosse già una realtà, si fa riferimento all uso nelle contrattazioni dell Electronic Data Interchange, ovvero alla conclusioni di accordi utilizzando reti dedicate, secondo standard di trasmissione scelti dagli stessi utilizzatori, supportati da rapporti regolamentati da accordi quadro stabiliti dalle parti contrattuali; ma è solo negli anni 90, con lo sviluppo e la diffusione globale delle tecnologie informatiche e telematiche, che cresce la possibilità di concludere contratti attraverso una rete aperta (Internet) a cui tutti possono accedere, seppure in assenza di un preciso ed univoco quadro giuridico di riferimento. L evoluzione dell Information and Comunication Technology (ICT) ha sotto tutti gli aspetti della vita un incidenza straordinaria, oggi le ICT non costituiscono un semplice strumento fruibile da un solo individuo ma si presenta come ambiente costitutivo di una realtà diversa in cui le regole di una razionalità conformata solo a criteri di funzionalità e di efficienza sembrano subordinare alle esigenze dell apparato tecnico l intero mondo delle relazioni umane coinvolgendo anche la rete dei rapporti giuridici che sono con essa strettamente intessuti. 3 Una prima definizione di commercio elettronico è contenuta nella Comunicazione della Commissione europea al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni il 18 aprile : Il Commercio elettronico ha come oggetto lo svolgimento degli affari per via elettronica. Esso si basa sulla trasmissione ed elaborazione delle informazioni, inclusi testi, suoni e video immagini, e comprende molte attività diverse quali la compravendita di attività commerciali e di transazioni per via elettronica, la distribuzione on-line di contenuti digitali, il trasferimento elettronico di fondi l effettuazione per via elettronica di operazioni finanziarie e di borsa; gli appalti pubblici per via elettronica ed altre procedure di tipo transattivo delle pubbliche amministrazioni. A questa definizione di commercio elettronico si è preferito utilizzare, sia nell ordinamento comunitario sia in quello nazionale, la nozione di servizio della società dell informazione, che già la legge 317/1986 aveva definito come qualsiasi servizio prestato normalmente dietro retribuzione, a distanza, per via elettronica e a richiesta individuale di un destinatario di servizi. 5 Nel 3 Così A. G. Parisi, Il commercio elettronico, in Manuale di diritto dell informazione e della comunicazione, (a cura di) S. Sica, V. Zeno-Zencovich, Milano 2007, pp. 333 e ss prosegue ne è conseguita da più parti la condivisione dell urgenza di considerare le attività in rete e le consuetudini di netiquette come fonte reale di nuovo diritto finalizzate a considerare obsolete le norme giuridiche vigenti e a sostituire di fatto la tecnologia al diritto, ma non vi è dubbio che il diritto andava effettivamente in gran parte adeguato, per conservare immutata ed efficace la già esistente tutela di diritti e valori irrinunciabili. nell ambito giuridico di riferimento si evidenzia un percorso, ormai irreversibile: nel nuovo contesto del cyberspace il diritto commerciale ritrova l antica vocazione dell universalità e riafferma l esigenza di specialità, differenziandosi nella disciplina dei rapporti interni alla classe degli imprenditori e nel diritto applicabile ai contratti tra professionisti e consumatori. In passato si era affermata la lex mercatoria, la differenza è che oggi la duplice specializzazione non è espressione del favor generalizzato per gli interessi dei mercanti, bensì un favor preminente nei rapporti tra mercanti e non, verso gli interessi dei consumatori, la cui tutela costituisce il core del cosiddetto diritto privato necessario. 4 COM/97/0157 def. Una iniziativa europea in materia di commercio elettronico. 5 Art. 1 L. 21/06/1986 n. 317: Procedura d informazione nel settore delle norme e regolamentazioni tecniche e delle regole relative ai servizi della società dell informazione in attuazione della direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 22/06/1998, modificata dalla direttiva 98/48/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 20/07/1998. La locuzione a distanza comprende un servizio fornito senza la presenza simultanea delle parti; la locuzione per via elettronica indica un servizio indicato all origine e ricevuto a destinazione mediante attrezzature 10

13 1998 interviene il d.lgs n (c.d. decreto Bersani), riguardante la riforma della disciplina relativa al settore del commercio, che a sostegno della importanza del nuovo mercato invita a promuovere, con strumenti e mezzi adeguati, la crescita equilibrata del commercio elettronico e la tutela dei consumatori, nonché a garantire la partecipazione italiana al progresso di cooperazione e negoziazione europea ed internazionale per lo sviluppo del commercio elettronico. 7 Nell ambito internazionale il commercio elettronico fa riferimento al Model Law on Elettronic Commercio dell UNCITRAL 8 adottato nel 1996, che per prima enuncia i principi di non discriminazione 9, neutralità tecnologica 10 ed equivalenza funzionale 11, prevedendo altresì che le comunicazioni elettroniche devono essere considerate equivalenti a quelle cartacee; segue nel 2001 il Model Law on Electronic Signatures e nel 2005 la United Nations Convenction on the Use of Electronic Communications in International Contracts; inoltre la Declaration on Global Elettronic Commerce (Ginevra, 20 maggio 1998) e il Work Program on Elettronic Commerce del WTO; ed anche la raccolta di usi, definizioni e best practice, elaborata dalla Camera di Commercio internazionale, il General Usage in International Digitaly Ensured Commerce-GUIDEC nel Anche l Organizzazione per la crescita e lo sviluppo economico (OCSE) ha elaborato le linee guida per la tutela dei consumatori nel contesto del commercio elettronico. 13 elettroniche di trattamento, compresa la compressione, e di memorizzazione dei dati, e che è interamente trasmesso, inoltrato e ricevuto mediante fili, radio, mezzi ottici o altri mezzi elettromagnetici. La locuzione a richiesta individuale di un destinatario di servizi comprende un servizio fornito mediante trasmissione di dati su richiesta individuale. I servizi della società dell informazione comprendono anche la trasmissione di informazioni mediante una rete di comunicazione, la fornitura di accesso a una rete di comunicazione o lo stoccaggio di informazioni fornite da un destinatario di servizi, i servizi peer to peer, i servizi video on demand o l invio di comunicazioni commerciali per posta elettronica. 6 D. lgs. n. 114 del 31 marzo 1998, Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell articolo 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59, GU n. 95 del 24/4/1998, Supp. ord. n Art.21 D.lgs 31 marzo 1998 n Purpose: The Model Law on Electronic Commerce (MLEC) purports to enable and facilitate commerce conducted using electronic means by providing national legislators with a set of internationally acceptable rules aimed at removing legal obstacles and increasing legal predictability for electronic commerce. In particular, it is intended to overcome obstacles arising from statutory provisions that may not be varied contractually by providing equal treatment to paper-based and electronic information. Such equal treatment is essential for enabling the use of paperless communication, thus fostering efficiency in international trade. 9 Il principio di non discriminazione stabilisce che non può essere negata la validità e l efficacia giuridica di un documento per il solo fatto che è in forma elettronica. 10 Il principio della neutralità tecnologica impedisce l adozione di disposizioni di legge che richiedano o favoriscano l uso di una specifica tecnologia a discapito di altre esistenti e future; le norme tecnologiche neutrali permettono di dare adeguato riconoscimento giuridico a qualsiasi sviluppo tecnologico senza un ulteriore intervento legislativo. 11 Il principio di equivalenza funzionale (functional equivalent aproach) definisce i criteri in base ai quali le comunicazioni elettroniche possono essere considerate equivalenti a quelle su supporto cartaceo, ed è correlato alla neutralità tecnologica 12 Così R. Clarizia, Contratti e commercio elettronico, in Manuale di informatica giuridica e di diritto delle nuove tecnologie, (a cura di) M. Durante e U.Pagallo, Torino 2012, pp. 363 e ss. 13 L introduzione alle linee guida recita: l intrinseca natura internazionale delle reti numeriche e delle tecnologie informatiche, che costituiscono lo spazio commerciale elettronico, esige che sia adottato un approccio globale per la tutela dei consumatori, quale elemento di un quadro giuridico e di autoregolamentazione trasparente e prevedibile per il commercio elettronico. L ambiente delle reti mondiali sfida la capacità di ogni paese o giurisdizione a far fronte in modo adeguato alle questioni legate alla tutela dei consumatori nel contesto del commercio elettronico. Politiche nazionali disomogenee possono ostacolare l espansione del commercio elettronico. Di conseguenza considerando 11

14 Nell ambito europeo il tentativo di armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri da parte della Comunità europea è avvenuto con la Direttiva sul commercio elettronico 2001/31/CE 14, essa è frutto della consapevolezza delle grandi opportunità che gli strumenti dell information society rappresentano per la comunità stessa e della consapevolezza che numerosi ostacoli giuridici si frappongono al suo sviluppo, costituiti da difformità e contrapposizioni tra le normative degli stati aderenti, e dalla difficoltà di individuare nell ambito dei servizi della società dell informazione le norme applicabili ad essi. L obiettivo che ha inteso raggiungere la direttiva è stato, quindi, la creazione di un quadro giuridico sistematico comune per eliminare ogni impedimento alla libera circolazione dei nuovi servizi, che determinano incertezza del diritto e un clima di diffidenza negli operatori e nei consumatori verso l utilizzo delle nuove tecnologie, tale da consentire lo sviluppo del mercato dei servizi dell informazione, in linea con i principi di libera circolazione nel mercato interno. 15 La direttiva citata è stata recepita nel nostro ordinamento dal D. lgs. n.70 del 9 aprile il cui all art. 2, comma 1, lett. a), definisce i servizi della società dell informazione come le attività economiche svolte in linea nonché i servizi definiti dall art.1, comma 1, lettera b), della legge 21 giugno 1986 n. 317 e successive modificazioni, servizi elencati precedentemente. Questa nuova formulazione stabilisce che la normativa deve applicarsi anche alle attività svolte on-line che non prevedono una remunerazione diretta da parte di un soggetto che, sulla base di una richiesta individuale, acceda ad un servizio per via elettronica, purché a queste sia possibile riconoscere una valenza di tipo economico. 17 Tutti i servizi della società dell informazione hanno dei destinatari che non necessariamente coincidono con la nozione di consumatore, a tal riguardo la definizione di destinatario di servizi copre ogni tipo di impiego dei servizi della società dell informazione, sia da parte di soggetti che forniscono informazioni su rete aperte, sia da parte di soggetti che cercano informazioni per motivi privati o professionali, quindi il destinatario del servizio è il soggetto che, a scopi professionali e non, utilizza un servizio della società dell informazione, in particolare per ricercare o rendere accessibili informazioni, mentre consumatore è qualsiasi persona fisica che agisca con finalità non riferibili all attività commerciale, imprenditoriale o professionale eventualmente svolta. L Unione europea, certa che lo sviluppo del commercio elettronico è una grande opportunità per l occupazione e per lo sviluppo delle piccole e medie imprese, predispone un regime di favore determinando che l accesso alla attività di un prestatore di un servizio della società dell informazione e il suo esercizio non sono soggetti, in quanto tali, ad alcuna autorizzazione preventiva o ad altra misura di effetto equivalente. tale aspetto, i problemi legati alla tutela dei consumatori possono essere trattati in modo efficace mediante le consultazioni e la cooperazione a livello internazionale. I governi dei paesi membri dell OCSE hanno riconosciuto che potrebbe essere necessario adottare un approccio internazionale coordinato per scambiare informazioni e per raggiungere un intesa generale su modo in cui si possono affrontare tali problemi. 14 Direttiva 2001/31/CE, Relativa a taluni aspetti della società dell informazione, in particolare il commercio elettronico, nel mercato interno. GUCE L 178 del 17 luglio Considerandi nn. 60 e 3 della Direttiva 2001/31/CE. 16 D.Lgs 9/4/2003 n. 70, Attuazione della direttiva 200/31/CE relativa ad alcuni aspetti giuridici della società dell informazione, in particolare il commercio elettronico, nel mercato interno, G.U. n. 61 del 14/4/ C. Di Cocco, G. Sartor, Temi di diritto dell informatica, Torino 2013, p

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.1.2012 COM(2012) 11 final 2012/0011 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO concernente la tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli