"Gestione delle scadenze delle verifiche periodiche GPL/CNG"

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""Gestione delle scadenze delle verifiche periodiche GPL/CNG""

Transcript

1 "Gestione delle scadenze delle verifiche periodiche GPL/CNG"

2 Nuova Direttiva PED 2014/68/UE Armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato di attrezzature a pressione 15/05/2014 Recepimento D. Lgs. N. 26 del 15/02/ /06/2015 per conformarsi nuovo art. 13 Classificazione delle attrezzature a pressione 19/07/2016 per conformarsi ai diversi nuovi articoli

3 Principi generali Le direttive europee applicate agli impianti GPL/CNG: PED L assemblaggio di componenti per creare un attrezzatura a pressione, sia che sia sotto la responsabilità di un fabbricante o di un utilizzatore, deve essere conforme PED L assemblaggio di parti di attrezzature a pressione a formare un insieme deve essere conforme alla PED quando ricade sotto la responsabilità del fabbricante; se invece tale insieme è realizzato sotto la responsabilità dell utilizzatore, la PED non si applica. (In quest ultimo caso si parla di installazione e bisogna applicare la legge nazionale)

4 Le direttive europee applicate agli impianti GPL/CNG: PED Insieme realizzato sotto la responsabilità di un fabbricante Impianto non realizzato sotto la responsabilità di un fabbricante (installatore) Insieme marcato CE e rispondente ai r.e.s. della Direttiva PED Dichiarazione di conformità alla Direttiva PED Cliente (Utilizzatore) Responsabilità assemblaggio da parte dell utilizzatore (Cliente) Assemblaggio non marcato CE secondo Direttiva PED e realizzato secondo norme nazionali Certificati Accessori ed apparecchiature

5 Le direttive europee applicate agli impianti GPL: PED L impianto di GPL per autotrazione rappresenta per la PED un INSIEME di più attrezzature a pressione: Il serbatoio (IV cat.) Le valvole di sicurezza (IV cat.) Accessori a pressione serbatoio Tubazioni (I-II cat.) Distributore (Non rientra sotto PED) L insieme recepisce la categoria dell attrezzatura più pericolosa (IV cat. nel caso degli impianti GPL)

6 Le direttive europee applicate agli impianti GPL: PED

7 Le direttive europee applicate agli impianti CNG: PED L impianto di CNG per autotrazione rappresenta per la PED un INSIEME di più attrezzature a pressione: Bombole di smorzamento/stoccaggio(iv cat.) Le valvole di sicurezza (IV cat.) Accessori a pressione serbatoio Tubazioni (II cat. o escluse) Distributore e compressore (Non rientrano sotto PED) L insieme recepisce la categoria dell attrezzatura più pericolosa (IV cat. nel caso degli impianti CNG)

8 Le direttive europee applicate agli impianti CNG: PED F D B A: EROGATORE B: SMORZAMENTO C: QUADRO GAS D: COMPRESSORE E: FILTRO F: BLOW DOWN C E A

9 Le verifiche periodiche Normativa vigente D.M. n. 329/04 D. Lgs. n. 81/08 D.M. 11/04/2011 D.D. 09/09/2016

10 D.M. n. 329/04 (attuazione dell Art. 19 D. Lgs. n. 93/00) Regolamento recante norme per la messa in servizio ed utilizzazione delle attrezzature a pressione e degli insiemi di cui all articolo 19 del decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 93 Obblighi dell Utilizzatore

11 D.M. n. 329/04 (attuazione dell Art. 19 D. Lgs. n. 93/00) Art. 4 Verifica obbligatoria di primo impianto ovvero della messa in servizio Le attrezzature o insiemi a pressione installati ed assemblati dall utilizzatore, sono soggetti a verifica di primo impianto (da parte INAIL). Al termine l utilizzatore ottiene un attestazione dei risultati degli accertamenti eseguiti

12 D.M. n. 329/04 (attuazione dell Art. 19 D. Lgs. n. 93/00) Art. 5 Esclusioni dalla verifica obbligatoria di primo impianto Sono esclusi gli insiemi per i quali gli O.N. hanno provveduto ad effettuare le verifiche degli accessori di sicurezza o dei dispositivi di controllo

13 D.M. n. 329/04 (attuazione dell Art. 19 D. Lgs. n. 93/00) Art. 6 Obblighi da osservare per la messa in servizio da inviare alla I.S.P.E.S.L. ed alla U.S.L./A.S.L. Elenco delle singole attrezzature con i relativi dati di impianto (P, T, V e fluido esercizio) Relazione tecnica recante le condizioni di installazione e di esercizio, le misure di sicurezza, protezione e controllo adottate, unitamente ad uno schema di flusso Dichiarazione ai sensi dell art. 2 del D.P.R. 403/98, che l impianto è stato installato in conformità a quanto previsto dal manuale di uso dell impianto Eventuale verbale di verifica di primo impianto, qualora non si possa rientrare nelle esclusioni previste.

14 Insieme realizzato sotto la responsabilità di un fabbricante Impianto non realizzato sotto la responsabilità di un fabbricante (installatore) Insieme marcato CE e rispondente ai r.e.s. della Direttiva PED Dichiarazione di messa In servizio D.M. 329/04 art. 6 Responsabilità assemblaggio da parte dell utilizzatore Dichiarazione di conformità alla Direttiva PED Assemblaggio non marcato CE secondo Direttiva PED e realizzato secondo norme nazionali Eventuale verifica di primo impianto ISPESL D.M. 329/04 art. 5 (mancanza della verifica degli accessori di sicurezza) Verifica di primo impianto ISPESL D.M. 329/04 art. 4

15 I documenti As-Built propedeutici alle verifiche periodiche Dichiarazione di conformità insieme e disegno (fabbricante) Dichiarazione di conformità e disegno serbatoio (fabbricante) Denuncia di messa in esercizio (nei casi previsti dall esclusione della messa in servizio) ovvero verifica di messa in esercizio (nei casi non previsti dall esclusione della messa in servizio) da inviare INAIL/ARPA (utilizzatore) Pagamento oneri INAIL esame fascicolo denuncia di messa in esercizio (utilizzatore) Ottenimento numero di matricola INAIL che verrà riportato in tutte le richieste di verifiche periodiche (utilizzatore)

16 Verifiche periodiche secondo applicazione D. M. 329/04 Componenti l insieme non rientranti nel campo delle esclusioni Art. 2 Obbligo delle verifiche periodiche Art. 8 Riqualificazione periodica Art. 10 Verifiche di integrità in occasione delle verifiche periodiche Art. 12 Verifiche di funzionamento in occasione delle verifiche periodiche Art. 13

17 Verifiche periodiche secondo applicazione D. M. 329/04 Allegato A Frequenze della riqualificazione periodica Delle attrezzature a pressione Attrezzature/Insiemi contenenti fluidi Del Gruppo I (fluidi pericolosi) Frequenza ispezioni: - Ogni 2 anni: verifica di funzionamento - Ogni 10 anni: verifica di integrità

18 Composizione dell impianto GPL Rientrante nel campo di applicazione DM 329/04 Serbatoio di stoccaggio (IV Cat.) Tubazioni di allacciamento Erogatore max DN 50 Erogatore Dir. Macchine (escluso PED)

19 Composizione dell impianto CNG Rientrante nel campo di applicazione DM 329/04 Tubazioni di allacciamento rete Snam DN65-80 (I-II Cat.) Compressore Dir. Macchine Completo di tubazioni in I Cat. (escluso PED) Tubazioni di allacciamento Erogatore DN 12 (escluse PED) Erogatore Dir. Macchine (escluso PED) Pacco bombole di stoccaggio (IV Cat.)

20 Le verifiche periodiche D. Lgs. n. 81/08 Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007 n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

21 Verifiche periodiche secondo applicazione D. Lgs. n. 81/08 Requisiti di sicurezza delle attrezzature messe a disposizione dei lavoratori Art. 70 Obbligo del datore di lavoro a sottoporre le attrezzature di lavoro a verifiche periodiche Art. 71 comma 11 Prima verifica periodica effettuata dall INAIL entro 45 giorni dalla richiesta Art. 71 comma 11 Verifiche periodiche successive effettuate dall ASL o soggetti pubblici o privati abilitati entro 30 giorni dalla richiesta Art. 71 comma 11

22 Verifiche periodiche secondo applicazione D. Lgs. n. 81/08 Allegato VII Verifiche di attrezzature Attrezzature/Insiemi contenenti fluidi del Gruppo I (fluidi pericolosi) Periodicità recipienti: - Verifiche di funzionamento biennali - Verifiche di integrità decennali Periodicità tubazioni: - Verifiche di funzionamento quinquennali - Verifiche di integrità decennali

23 Regime sanzionatorio Omessa verifica periodica (Art. 71 D. Lgs. N. 81/08) Sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a euro (messa fuori uso apparecchiatura) Omessa verifica di primo impianto (qualora richiesta) (Art. 71 D. Lgs. N. 81/08) Arresto da 3 a 6 mesi oppure ammenda da a euro Concessione in uso di attrezzature non rispondenti alle disposizioni legislative e regolamentari (Art. 23 D. Lgs. N. 81/08) Arresto da 3 a 6 mesi oppure ammenda da a euro

24 Le verifiche periodiche D.M. 11/04/2011 (entrata in vigore 23/11/2011 ex DM 27/07/2011) Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all All. VII del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 nonché i criteri per l abilitazione dei soggetti di cui all articolo 71, comma 13, del medesimo decreto legislativo

25 Verifiche periodiche secondo applicazione D. M. 11/04/2011 Il datore di lavoro richiede all INAIL, almeno 45 giorni prima della data di scadenza, la prima verifica periodica indicando il nominativo del soggetto abilitato, pubblico o privato, facente parte degli appositi elenchi, del quale l INAIL si avvale laddove non sia in grado di provvedere direttamente con la propria struttura Art. 2 INAIL non esegue la prima verifica entro quarantacinque giorni Il datore di lavoro comunica all INAIL il nominativo del soggetto abilitato incaricato della verifica INAIL esegue la prima verifica entro quarantacinque giorni Il soggetto abilitato esegue la prima verifica eseguendo le attività previste ai punti e dell Allegato II INAIL esegue la prima verifica espletando le attività previste ai punti e dell Allegato II Il soggetto abilitato rilascia il verbale di prima verifica periodica INAIL rilascia il verbale di prima verifica periodica La prima verifica periodica

26 Verifiche periodiche secondo applicazione D. M. 11/04/2011 Il datore di lavoro richiede all ASL/ARPA ovvero ad un soggetto abilitato privato, almeno 30 giorni prima della data di scadenza, le verifiche periodiche successive alla prima (di funzionamento, interna e di integrità) La ASL/ARPA ovvero il soggetto abilitato esegue la verifica periodica eseguendo le attività previste ai punti e dell Allegato II La ASL/ARPA ovvero il soggetto abilitato rilascia il verbale di verifica periodica successiva alla prima Le verifiche periodiche successive alla prima (funzionamento, interna e di integrità

27 Verifiche periodiche secondo applicazione D.M. 11/04/2011 Attività previste durante la prima verifica periodica Individuazione dell attrezzatura/insieme Verifica di corrispondenza delle matricole dell attrezzatura/insieme Constatazione della rispondenza delle condizioni di installazione, esercizio e sicurezza indicate nella dichiarazione di messa in esercizio Controllo della esistenza e della corretta applicazione delle istruzioni fornite dal fabbricante dell attrezzatura/insieme Esame documentale Controllo della funzionalità di tutti i dispositivi di protezione, ivi inclusi quelli di sicurezza Controllo dei parametri operativi in base ai limiti di esercizio previsti

28 Verifiche periodiche secondo applicazione D.M. 11/04/2011 Attività previste durante le verifiche periodiche successive alla prima Verifica di funzionamento Esame documentale Controllo della funzionalità di tutti i dispositivi di protezione, ivi inclusi quelli di sicurezza Controllo dei parametri operativi in base ai limiti di esercizio previsti Verifica di integrità Esame visivo delle parti interne ed esterne Esame spessimetrico Altre eventuali prove che si rendessero necessarie in caso di situazioni di danno, non completa ispezionabilità dell attrezzatura, etc.

29 Verifiche periodiche secondo applicazione D.M. 11/04/2011 Funzionalità accertata durante le visite periodiche 1. Accessori di sicurezza (valvole di sicurezza, valvole a rottura prestabilita, etc.) 2. Dispositivi di controllo (manometri, termometri, indicatori di livello, etc.) 3. Dispositivi di regolazione (pressostati, termostati, etc.)

30 Verifiche periodiche secondo applicazione D.M. 11/04/2011 D.D. 22/09/2015 Pubblicazione dell elenco nazionale dei soggetti abilitati all esecuzione delle verifiche periodiche di cui all All. III del D.M. 11/04/2011

31 Verifiche periodiche secondo applicazione D.M. 11/04/2011 Elenco composto da 102 soggetti abilitati I soggetti abilitati dell elenco pubblicato sono solo in parte inseriti anche nell elenco dei soggetto abilitati pubblicati da INAIL regionali e ASL presso le singole strutture

32 Verifiche periodiche

33 Progetto Verifiche Periodiche PVP Contenuti 1. Reperimento dei documenti identificativi delle attrezzature a pressione mancanti 2. Reperimento delle omologazioni o denunce di messa in servizio degli impianti 3. Expediting presso fabbricanti, Enti e soggetti abilitati privati finalizzato al reperimento dei documenti mancanti 4. Effettuazione delle richieste di omologazione o denunce degli impianti qualora mancanti 5. Compilazione delle richieste di verifica di funzionamento o di verifica di integrità presso i soggetti titolari di funzione 6. Coordinamento delle attività di campo tramite le DDM ed i soggetti abilitati incaricati dell esecuzione delle verifiche 7. Disponibilità dei verbali e dei documenti delle attrezzature tramite supporti informatici 8. Gestione del database relativo ai documenti delle attrezzature ed alle verifiche periodiche tramite canone annuo

34 Progetto Verifiche Periodiche PVP Strumenti messi a disposizione dal PVP

35 Progetto Verifiche Periodiche PVP Website

36 Progetto Verifiche Periodiche PVP Smartphone

37 Vantaggi Gestione PVP 1. Disponibilità della documentazione, certificazioni e verifiche periodiche delle attrezzature a pressione 2. Possibilità di accesso immediato e download dei documenti relativi alle attrezzature a pressione e dei verbali di verifica in corso di validità 3. Preavviso tramite con ampi tempi di anticipo delle scadenze delle verifiche periodiche 4. Supporto e coordinamento nei rapporti con i soggetti titolari dell esecuzione delle verifiche periodiche e delle ditte incaricate a fornire assistenza a tali verifiche 5. Consultazione facile ed immediata attraverso vari strumenti informatici 6. Evitare sanzioni di tipo amministrativo o penale per omessa omologazione od omessa esecuzione della verifica periodica (la sola taratura al banco delle valvole di sicurezza non rappresenta /sostituisce la verifica di funzionamento 7. Possibilità di stabilire rapidamente il budget di investimento per l esecuzione delle verifiche periodiche

38

DM.11 aprile 2011 Prima verifica periodica attrezzature a pressione Allegato II punto 4.1.2

DM.11 aprile 2011 Prima verifica periodica attrezzature a pressione Allegato II punto 4.1.2 Ricerca Certificazione Verifica Dipartimento Certificazione e Conformità di Prodotti ed Impianti DM.11 aprile 2011 Prima verifica periodica attrezzature a pressione Allegato II punto 4.1.2 Andrea Tonti

Dettagli

Gli obblighi del datore di lavoro per la messa in servizio e l utilizzo delle attrezzature

Gli obblighi del datore di lavoro per la messa in servizio e l utilizzo delle attrezzature Verifica e Ricerca Unità Operativa Territoriale di Padova Gli obblighi del datore di lavoro per la messa in servizio e l utilizzo delle attrezzature Procedure di esercizio Ing. Francesco Panin 9 Ottobre

Dettagli

DECRETO 11 aprile 2011

DECRETO 11 aprile 2011 DECRETO 11 aprile 2011 Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all All. VII del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, nonché i criteri per l abilitazione dei soggetti

Dettagli

Manutenzione e Gestione delle Attrezzature da lavoro Unità Operativa Territoriale - Bergamo

Manutenzione e Gestione delle Attrezzature da lavoro Unità Operativa Territoriale - Bergamo Data 04 aprile 2017 Manutenzione e Gestione delle Attrezzature da lavoro Unità Operativa Territoriale - Bergamo Data: 04 aprile 2017 «TITOLO..» Attrezzature di lavoro: riferimenti normativi e tecnici con

Dettagli

Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro

Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro Dipartimento Certificazione e Conformità dei Prodotti e Impianti Via Alessandria 220 - Roma Le Nuove regole per l esercizio delle attrezzature

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Lo scopo di questa nota, di tipo strettamente informativo, assolve all'esigenza propria dell'ente pubblico, di portare a conoscenza il Datore di Lavoro

Dettagli

PROBLEMATICHE TECNICHE NEL SETTORE DEL GPL. RUOLO DELLE ASL.

PROBLEMATICHE TECNICHE NEL SETTORE DEL GPL. RUOLO DELLE ASL. 02/10/2006 Ing. Spartaco Geppetti 1 NORME DI RIFERIMENTO R.D. 12/05/1927, n. 824 DM del M.L. 21/05/1974 DM del M.I. 31/03/1984 DM del M.I.C.A. 29/02/1988 DM del M.I. 14/05/2004 DM del M.A.P. 23/09/2004

Dettagli

Le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro

Le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro Le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro In generale, le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro sono attività tecniche specialistiche di prevenzione, finalizzate alla tutela della

Dettagli

Impianti elettrico. Evidenza SI NO NA Riferimenti Note

Impianti elettrico. Evidenza SI NO NA Riferimenti Note Impianti elettrico Per tutti i locali dell'unità Operativa in considerazione, è disponibile la classificazione aggiornata, firmata dal Responsabile Sanitario Norma CEI (ambiente ordinario, locale ad uso

Dettagli

TÜV Italia S.r.l. divisione : Industrie Services

TÜV Italia S.r.l. divisione : Industrie Services TÜV Italia Introduzione alla Direttiva PED 97/23/CE TÜV Italia S.r.l. divisione : Industrie Services VICENZA 18 Giugno 2009 Adriano Favero- adriano.favero@tuv.it TÜV Italia Industrie Service TORINO MILANO

Dettagli

ATS Città Metropolitana di Milano SC PSAL Ubaldo Minniti 13 aprile 2016

ATS Città Metropolitana di Milano SC PSAL Ubaldo Minniti 13 aprile 2016 CONFRONTO TRA LE ATTIVITA DI PREVENZIONE SVOLTE DAL SERVIZIO PSAL: Attività verifiche Impianti di Sollevamento ATS Città Metropolitana di Milano SC PSAL Ubaldo Minniti 13 aprile 2016 ATTIVITA ASCENSORI

Dettagli

DPR 462/01. Pasquale Fattore ATEX DAY Bologna, 23 ottobre 2014

DPR 462/01. Pasquale Fattore ATEX DAY Bologna, 23 ottobre 2014 DPR 462/01 Pasquale Fattore ATEX DAY Bologna, 23 ottobre 2014 DPR 462 del 22 Ottobre 2001 Il decreto 462/01 DPR 462 del 22 Ottobre 2001 Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia d

Dettagli

Realizzazione. PED Pressure Equipment Directive Consolidato 2018

Realizzazione.  PED Pressure Equipment Directive Consolidato 2018 Realizzazione Certifico S.r.l. Sede op.: Via A. de Curtis 28-06135 Ponte San Giovanni PERUGIA Sede amm.: Via Benedetto Croce 15-06024 Gubbio PERUGIA Tel. + 39 075 5997363 + 39 075 5997343 Assistenza 800

Dettagli

Il ruolo degli Organismi Notificati nell ambito del Decreto Ministeriale 329.

Il ruolo degli Organismi Notificati nell ambito del Decreto Ministeriale 329. Ing. Carlo Peruzzi Il ruolo degli Organismi Notificati nell ambito del Decreto Ministeriale 329. Sala Convegni Interporto di Rovigo Venerdì 15ottobre2010 in collaborazione con: OBIETTIVI DELL INTERVENTO

Dettagli

NCONTRO TECNICO GRATUITO. Ing. Matteo Pettenuzzo

NCONTRO TECNICO GRATUITO. Ing. Matteo Pettenuzzo NCONTRO TECNICO GRATUITO Ing. Matteo Pettenuzzo Come gestire acquisto, messa in servizio e verifiche periodiche degli apparecchi a pressione Legislazione attuale: soggetti coinvolti D.LGS. 81/08, D.M.

Dettagli

Verifiche periodiche di attrezzature di lavoro ex art 71 co e allegato VII D.lgs 81/08. Decreto 11 aprile 2011

Verifiche periodiche di attrezzature di lavoro ex art 71 co e allegato VII D.lgs 81/08. Decreto 11 aprile 2011 Verifiche periodiche di attrezzature di lavoro ex art 71 co.1.111 e allegato VII D.lgs 81/08 Decreto 11 aprile 2011 Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Impiantistica Antinfortunistica Direttore: Dott.

Dettagli

Revamping: dalle specifiche contrattuali alla messa in servizio e collaudo

Revamping: dalle specifiche contrattuali alla messa in servizio e collaudo ATTREZZATURE IN PRESSIONE: Le novità, dalla Revamping: dalle specifiche contrattuali alla messa in servizio e collaudo - 22 ottobre 2010 Relatore: ing. Marco Giacobbo Con il patrocinio di dalla Progettazione

Dettagli

VERIFICHE SU APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO E VERIFICHE DI IMPIANTI DI MESSA A TERRA

VERIFICHE SU APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO E VERIFICHE DI IMPIANTI DI MESSA A TERRA VERIFICHE OBBLIGATORIE SU APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Il D.M. 11 aprile 011 è intervenuto nel merito delle verifiche periodiche sulle attrezzature e sugli impianti già individuati nell'allegato VII al D.Lgs.

Dettagli

Sicurezza delle attrezzature a pressione e verifiche periodiche

Sicurezza delle attrezzature a pressione e verifiche periodiche Sicurezza delle attrezzature a pressione e verifiche periodiche Dott.ssa Emanuela Tosto WALTER TOSTO SPA Milano, 31 gennaio 2013 Federata Direttiva PED e DM 329/2004 DLgs 93/2000 art.4 - Sicurezza in fase

Dettagli

Il datore di lavoro: obblighi di controllo, verifica e formazione

Il datore di lavoro: obblighi di controllo, verifica e formazione INAIL ASSOLOMBARDA Sorveglianza del mercato, verifica periodica e formazione sugli apparecchi di sollevamento: sinergie per la sicurezza Il datore di lavoro: obblighi di controllo, verifica e formazione

Dettagli

Direttiva PED e nuova filosofia del controllo: dal sistema autorizzativo al sistema certificativo.

Direttiva PED e nuova filosofia del controllo: dal sistema autorizzativo al sistema certificativo. Apparecchi a pressione. Direttiva PED 97/37/CE e D.M 329/04 sull'esercizio. Direttiva PED e nuova filosofia del controllo: dal sistema autorizzativo al sistema certificativo. I nuovi obblighi per la progettazione,

Dettagli

DIRETTIVA PED (Pressure Equipment Directive) Direttiva 97/23/CE in materia di attrezzature a pressione

DIRETTIVA PED (Pressure Equipment Directive) Direttiva 97/23/CE in materia di attrezzature a pressione DIRETTIVA PED (Pressure Equipment Directive) Direttiva 97/23/CE in materia di attrezzature a pressione Direttiva 97/23/CE P.E.D. Cos'è la PED? E' la Direttiva Europea che armonizza la legislazione del

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE SUGLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO

LE VERIFICHE PERIODICHE SUGLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO 1/6 LE VERIFICHE PERIODICHE SUGLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO Nota informativa per la sicurezza degli apparecchi di sollevamento Lo scopo di questa informativa è quello di portare a conoscenza il Datore di

Dettagli

D.M. 11 APRILE 2011 Attrezzature, macchine, impianti: il nuovo decreto sulle verifiche periodiche

D.M. 11 APRILE 2011 Attrezzature, macchine, impianti: il nuovo decreto sulle verifiche periodiche L art. 71 c.11 del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n 81 e s.m.i. di seguito D.Lgs. 81/2008 prevede per le attrezzature di lavoro soggette a verifiche periodiche che la 1 di dette verifiche venga effettuata dall

Dettagli

Allegato A - Modalità per l espletamento delle verifiche quindicennali sugli impianti di distribuzione carburante ad uso pubblico e privato

Allegato A - Modalità per l espletamento delle verifiche quindicennali sugli impianti di distribuzione carburante ad uso pubblico e privato Allegato A - Modalità per l espletamento delle verifiche quindicennali sugli impianti di distribuzione carburante ad uso pubblico e privato 1. Iter procedurale delle verifiche quindicennali sugli impianti

Dettagli

Mercoledì 13 Marzo 2013 Best Western Hotel Piacenza Assemblea Generale Associazione

Mercoledì 13 Marzo 2013 Best Western Hotel Piacenza Assemblea Generale Associazione Mercoledì 13 Marzo 2013 Best Western Hotel Piacenza Assemblea Generale Associazione Novità normative per la prevenzione incendi il D.M. 20/12/12 Impianti di protezione attiva contro l incendio Geom. Luca

Dettagli

Il controllo nelle strutture sanitarie pubbliche e private Apparecchi e Impianti

Il controllo nelle strutture sanitarie pubbliche e private Apparecchi e Impianti Il controllo nelle strutture sanitarie pubbliche e private Apparecchi e Impianti Ing. Vittorio Notari Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica IMPIANTI ELETTRICI Punto 1 Classificazione locali

Dettagli

CARRI RACCOGLI FRUTTA La messa in servizio e la verifica dei carri raccogli frutta

CARRI RACCOGLI FRUTTA La messa in servizio e la verifica dei carri raccogli frutta CARRI RACCOGLI FRUTTA La messa in servizio e la verifica dei carri raccogli frutta Bologna, 16 ottobre 2017 Ing. Paolo Pantalone INAIL - UOT Bologna 1 INQUADRAMENTO LEGISLATIVO Le macchine agricole raccogli

Dettagli

(articolo 19 della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e comma 4bis dell articolo 49 della Legge 30 luglio 2010 n. 122)

(articolo 19 della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e comma 4bis dell articolo 49 della Legge 30 luglio 2010 n. 122) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) laboratori che eseguono la verificazione periodica degli strumenti di misura ai sensi del Decreto Ministeriale 10 dicembre 2001 con esclusione di quelli

Dettagli

TARIFFE PER PRESTAZIONI ED INTERVENTI RICHIESTI DA TERZI NEL PROPRIO INTERESSE IN MATERIA DI IGIENE, SANITA PUBBLICA, PREVENZIONE E SICUREZZA

TARIFFE PER PRESTAZIONI ED INTERVENTI RICHIESTI DA TERZI NEL PROPRIO INTERESSE IN MATERIA DI IGIENE, SANITA PUBBLICA, PREVENZIONE E SICUREZZA TARIFFE PER PRESTAZIONI ED INTERVENTI RICHIESTI DA TERZI NEL PROPRIO INTERESSE IN MATERIA DI IGIENE, SANITA PUBBLICA, PREVENZIONE E SICUREZZA A) TARIFFE PER LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI

Dettagli

D.M. 11 aprile 2011 NUOVE MODALITA DI VERIFICA DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO. San Bonifacio (VR), 21 settembre 2012

D.M. 11 aprile 2011 NUOVE MODALITA DI VERIFICA DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO. San Bonifacio (VR), 21 settembre 2012 D.M. 11 aprile 2011 NUOVE MODALITA DI VERIFICA DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO San Bonifacio (VR), 21 settembre 2012 ARPAV - D.T. - Servizio Controlli Impiantistici - Verona Ing. Sinisi Michele 1 Perché la

Dettagli

Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro

Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro D. Lgs. 81-2008 Titolo III CAPO I -Articolo 69 - Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente Titolo si intende per: a)

Dettagli

Gastechservice. 10 INFO BIOGAS Montichiari (BS) 23 Gennaio 2014. Biometano e nuove opportunità settore autotrazione. Engineering & Consulting

Gastechservice. 10 INFO BIOGAS Montichiari (BS) 23 Gennaio 2014. Biometano e nuove opportunità settore autotrazione. Engineering & Consulting Engineering & Consulting Biometano e nuove opportunità settore autotrazione 10 INFO BIOGAS Montichiari (BS) 23 Gennaio 2014 Wolftank gruppo con presenza a livello internazionale Wolftank Adisa GmbH (Innsbruck,

Dettagli

Decreto verifiche periodiche attrezzature

Decreto verifiche periodiche attrezzature Decreto verifiche periodiche attrezzature verifiche periodiche attrezzature: soggetti pubblici e privati E stato pubblicato sul Supplemento Ordinario della Gazzetta Ufficiale n.98 del 29 aprile 2011 il

Dettagli

Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche

Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche La disciplina delle verifiche periodiche Bologna, 28 ottobre 2010 ing. Mario ALVINO IS Soggetti Titolari id della funzione

Dettagli

Regolamento per la verificazione periodica di strumenti metrici

Regolamento per la verificazione periodica di strumenti metrici CCIAA Bolzano Servizio metrico Regolamento per la verificazione periodica di strumenti metrici (in attuazione dell art. 3 del decreto del Ministro dell industria, del commercio e dell artigianato 28 marzo

Dettagli

11. APPARECCHI A PRESSIONE

11. APPARECCHI A PRESSIONE 01. Gli apparecchi e impianti a pressione 1 sono conformi ai regolamenti speciali emessi da ANCC/ISPESL, laddove applicabili, e alle altre normative vigenti 02. Anche quando non soggetti a normative specifiche

Dettagli

L ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI ED IMPIANTI ALLA LUCE DEL D.LGS. 81/08

L ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI ED IMPIANTI ALLA LUCE DEL D.LGS. 81/08 L ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI ED IMPIANTI ALLA LUCE DEL D.LGS. 81/08 Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: situazione riflessioni proposte 28 novembre 2008 Il D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81

Dettagli

DM 7 agosto Attività Allegato I del DPR 151/2011

DM 7 agosto Attività Allegato I del DPR 151/2011 DM 7 agosto 2012 Allegato I Documentazione tecnica allegata all istanza di valutazione dei progetti Stessa struttura allegato I del DM 4.05.98 Riferita a istanze del DPR 151/2011 e aggiorna quella da allegare

Dettagli

Premessa ed iter del provvedimento

Premessa ed iter del provvedimento DM 11 aprile 2011 Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all'all. VII del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, nonché i criteri per l'abilitazione dei soggetti

Dettagli

Oggetto: Comunicazione obbligatoria di cui all art. 8 del DPR 462/01 relativa alla cessazione di esercizio di impianto; Il sottoscritto:..

Oggetto: Comunicazione obbligatoria di cui all art. 8 del DPR 462/01 relativa alla cessazione di esercizio di impianto; Il sottoscritto:.. Modello 462-CE Oggetto: Comunicazione obbligatoria di cui all art. 8 del DPR 462/01 relativa alla cessazione di esercizio di impianto; Il sottoscritto:.. in qualità di: della Ditta:.. sede Sociale in:

Dettagli

VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO COSE E PERSONE: REGIME DI CONTROLLO E CRITICITÀ

VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO COSE E PERSONE: REGIME DI CONTROLLO E CRITICITÀ VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO COSE E PERSONE: REGIME DI CONTROLLO E CRITICITÀ L'attività di vigilanza sulla corretta gestione delle attrezzature di sollevamento: verifiche, controlli,

Dettagli

La Direttiva PED 2014/68/UE Attrezzature ed insiemi a pressione. Caldogno, 12 luglio Applicazione: dal 1 giugno 2015

La Direttiva PED 2014/68/UE Attrezzature ed insiemi a pressione. Caldogno, 12 luglio Applicazione: dal 1 giugno 2015 Attrezzature ed insiemi a pressione Caldogno, 12 luglio 2016 Nuova direttiva: 2014/68/UE Applicazione: dal 1 giugno 2015 per le parti legate al regolamento CE 1272/2008. (Art. 49 stabilisce applicazione

Dettagli

DN 15 1/ DN 20 3/ DN DN / DN / DN 50 2

DN 15 1/ DN 20 3/ DN DN / DN / DN 50 2 848.09 Valvola di intercettazione combustibile, certificata e tarata a banco INAIL Copyright 06 Caleffi Serie 40 Generalità Le valvole di intercettazione combustibile serie 40 sono costruite da Caleffi

Dettagli

Sicurezza degli impianti e tutela negli ambienti di vita e lavoro

Sicurezza degli impianti e tutela negli ambienti di vita e lavoro Sicurezza degli impianti e tutela negli ambienti di vita e lavoro Il sistema dei controlli delle Attrezzature a Pressione nella vigente legislazione e nella prospettiva del Testo Unico Roma, 12 Dicembre

Dettagli

Certificazioni e Verifiche ascensori D.P.R. 162/99 e s.m.i.organismo accreditato da ACCREDIA PRD n 233 B

Certificazioni e Verifiche ascensori D.P.R. 162/99 e s.m.i.organismo accreditato da ACCREDIA PRD n 233 B La SIDELMED S.p.A. si sviluppa agli inizi degli anni Novanta sulla base della condivisione delle esperienze di molti professionisti ed avvalendosi della collaborazione di tecnici esperti e qualificati

Dettagli

Alle Direzioni Regionali. Alle Direzioni Provinciali di Trento e Bolzano. Alla Sede Regionale di Aosta

Alle Direzioni Regionali. Alle Direzioni Provinciali di Trento e Bolzano. Alla Sede Regionale di Aosta SETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E VERIFICA DIPARTIMENTO CERTIFICAZIONE E CONFORMITA DI PRODOTTI ED IMPIANTI Alle Direzioni Regionali Alle Direzioni Provinciali di Trento e Bolzano Alla Sede Regionale di

Dettagli

Il sottoscritto Codice Fiscale: nato a Prov. il residente in Prov. CAP via n.

Il sottoscritto Codice Fiscale: nato a Prov. il residente in Prov. CAP via n. Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) Laboratori che eseguono la verificazione periodica degli strumenti di misura ai sensi del Decreto Ministeriale 10 dicembre 2001 con esclusione di quelli

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

LE NUOVE PROCEDURE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI DI TERRA, PROTEZIONE DAI FULMINI E IMPIANTI ELETTRICI PERICOLOSI

LE NUOVE PROCEDURE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI DI TERRA, PROTEZIONE DAI FULMINI E IMPIANTI ELETTRICI PERICOLOSI LE NUOVE PROCEDURE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI DI TERRA, PROTEZIONE DAI FULMINI E IMPIANTI ELETTRICI PERICOLOSI PREMESSA In data 8 gennaio 2002 (in Gazzetta Ufficiale n. 6), è stato pubblicato il D.P.R.

Dettagli

DISPOSITIVI MEDICI E LA GESTIONE DEL RISCHIO

DISPOSITIVI MEDICI E LA GESTIONE DEL RISCHIO ANTE riccione 17 aprile 2012 DISPOSITIVI MEDICI E LA GESTIONE DEL RISCHIO RUOLO E INTERAZIONE DEI SOGGETTI OPERANTI NELLA DIRETTIVA E RELATIVE RESPONSABILITA avv. Silvia Stefanelli 1 DIR 93/42/CEE Direttiva

Dettagli

Apparecchi di sollevamento e verifiche periodiche: problematiche, novità, soluzioni

Apparecchi di sollevamento e verifiche periodiche: problematiche, novità, soluzioni SEMINARIO TECNICO Apparecchi di sollevamento e verifiche periodiche: problematiche, novità, soluzioni Perché nasce il nuovo decreto ministeriale? Esigenze applicative D.Lgs 81/2008 Art. 71 comma 11 e 13

Dettagli

Le novità sulle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro

Le novità sulle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro Le novità sulle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro D.Lgs. 81/08 e smi, Art. 71, Comma 11 Paolo Trisoglio Bologna, 16 Ottobre 2013 Versione originaria del 2008 (D. Lgs. 81/08) Le verifiche

Dettagli

Verifiche degli impianti elettrici nei locali medici

Verifiche degli impianti elettrici nei locali medici Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Verifiche degli impianti elettrici nei locali medici Dipartimento Innovazioni Tecnologiche e Sicurezza degli Impianti Prodotti e Insediamenti

Dettagli

Attrezzature a pressione Specifiche tecniche, verifiche e controlli ai sensi del DM 329/2004

Attrezzature a pressione Specifiche tecniche, verifiche e controlli ai sensi del DM 329/2004 Milano, 11 aprile 2013 6 a Conferenza dei Responsabili di Stabilimento e dei Responsabili HSE Attrezzature a pressione Specifiche tecniche, verifiche e controlli ai sensi del DM 329/2004 Milano Roberto

Dettagli

Applicazione Decreto 1 dicembre 04 n. 329 LINEE GUIDA INTERREGIONALI

Applicazione Decreto 1 dicembre 04 n. 329 LINEE GUIDA INTERREGIONALI Applicazione Decreto 1 dicembre 04 n. 329 LINEE GUIDA INTERREGIONALI Ing. DOMENICO BISCEGLIE Responsabile del Servizio Impiantistica e Sicurezza del Lavoro-ASL della Prov. di Lodi Coordinatore del Gruppo

Dettagli

LA TUA RISPOSTA ALLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

LA TUA RISPOSTA ALLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO VERIFICHE PERIODICHE SU ATTREZZATURE DI LAVORO VERIFICHE PERIODICHE IMPIANTI DI MESSA A TERRA V.E.M. Srl LA TUA RISPOSTA ALLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO info@vemverifiche.com www.vem-verifiche.com

Dettagli

Estintori portatili e carrellati costruiti ed eserciti in conformità alle direttive PED e nuova TPED

Estintori portatili e carrellati costruiti ed eserciti in conformità alle direttive PED e nuova TPED Estintori portatili e carrellati costruiti ed eserciti in conformità alle direttive PED e nuova TPED Vincenzo Nastasi *, * Tecnologo INAIL, Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Palermo

Dettagli

-> 1) Controlli sulla sicurezza dei giocattoli

-> 1) Controlli sulla sicurezza dei giocattoli LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI MODENA Ai sensi dell art. 14 comma 2 D.L. 9.2.2012 n. 5, convertito dalla L.4.4.2012 n. 35, è pubblicata la seguente lista dei

Dettagli

Manutenzioni, Ispezioni Impianti, Attrezzature Antincendio

Manutenzioni, Ispezioni Impianti, Attrezzature Antincendio Manutenzioni, Ispezioni Impianti, Attrezzature Antincendio La manutenzione delle attrezzature antincendio è un OBBLIGO a carico del datore di lavoro ed è regolamentata dalla legge italiana, che prevede

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE PER L EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art.29,comma 5 del D.Lgs.81/2008)

AUTOCERTIFICAZIONE PER L EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art.29,comma 5 del D.Lgs.81/2008) AUTOCERTIFICAZIONE PER L EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art.29,comma 5 del D.Lgs.81/2008) Il/La sottoscritto/a nato/a il residente a indirizzo tel. esercente la professione di

Dettagli

Modalità applicative del DM 11 aprile 2011

Modalità applicative del DM 11 aprile 2011 Modalità applicative del DM 11 aprile 2011 BOLOGNA 12 DICEMBRE 2011 Ing Massimo Rizzati Az USL di Ferrara D.lgs 81/08 Titolo III Articolo 69 - Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

Obblighi degli utilizzatori Alla luce del decreto 11 Aprile 2011

Obblighi degli utilizzatori Alla luce del decreto 11 Aprile 2011 Obblighi degli utilizzatori Alla luce del decreto 11 Aprile 2011 Milano, 22 Giugno 2011 SERVIZIO IMPIANTISTICO PER LA SICUREZZA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PREMESSA Nel panorama normativo italiano

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 303/2008

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 303/2008 Titolo Riferimento Revisione e data entrata in vigore Approvato da PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 303/2008 PR.PART. PRS/FGAS-303/2008 Rev. 0

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE EDILIZIA E APPALTI Gestione Immobili I L D I R I G E N T E

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE EDILIZIA E APPALTI Gestione Immobili I L D I R I G E N T E di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi. Affidamento servizio in economia alla ditta SIDEL spa da Bologna I L D I R I G E N T E PREMESSO che: 1. ai sensi del DPR 22.10.2001,

Dettagli

Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione

Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione ATS della Città Metropolitana di Milano SC PSAL SS Sicurezza Elettrica dott. Mauro Baldissin Tecnico della prevenzione 17.05.2016

Dettagli

DOCUMENTI PREVISTI PER LA DOMANDA DI COLLAUDO DISTRIBUTORI CARBURANTI

DOCUMENTI PREVISTI PER LA DOMANDA DI COLLAUDO DISTRIBUTORI CARBURANTI Parte generale: Planimetria generale aggiornata dell impianto, con l indicazione dei serbatoi numerati e delle colonnine di erogazione numerate, come da quadri riassuntivi nella presente domanda (pag.

Dettagli

Il/La sottoscritto/a in qualità di della ditta sede sociale in via n. cap Tel. e.mail. Ubicazione dell impianto. Città Via cap Tel.

Il/La sottoscritto/a in qualità di della ditta sede sociale in via n. cap Tel. e.mail. Ubicazione dell impianto. Città Via cap Tel. Settore Nuovi Impianti Produttivi Sportello Unico Attività Produttive Mod. TDC/0 COMUNE DI BARLETTA Timbro di arrivo SUAP Al Responsabile dello SPORTELLO UNICO per le Attività Produttive Corso Cavour,

Dettagli

DIFFERENZE SOSTANZIALI Introdotte dalla RACCOLTA R edizione 2009 rispetto all edizione 1982

DIFFERENZE SOSTANZIALI Introdotte dalla RACCOLTA R edizione 2009 rispetto all edizione 1982 Per Ind. Tommaso Scalici DIFFERENZE SOSTANZIALI Introdotte dalla RACCOLTA R edizione 2009 rispetto all edizione 1982 Potenzialità globale dei focolari superiore a 35 Kw Temperatura massima di progetto

Dettagli

Prova di funzionamento

Prova di funzionamento GENERATORI E RECIPIENTI CONTENENTI LIQUIDI SURRISCALDATI DIVERSI DALL ACQUA Visto il DECRETO 1 dicembre 2002 n.329 i generatori e recipienti per liquidi surriscaldati diversi dall acqua sono sottoposti

Dettagli

In vigore dal RINA Via Corsica, Genova - Italy Tel Fax:

In vigore dal RINA Via Corsica, Genova - Italy Tel Fax: Regolamento per la verifica periodica di attrezzature a pressione ai sensi del D.Lgs. 81/08 (e modifiche del D.Lgs 106/09), del D.M. 329/04 e del Decreto 11 Aprile 2011 dal titolo: Disciplina delle modalità

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE 21 MAGGIO 2012

LA DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE 21 MAGGIO 2012 LA DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE 21 MAGGIO 2012 LA DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE 1) DOCUMENTAZIONE SULLA REGOLARITA DEI RAPPORTI DI LAVORO 2) DOCUMENTAZIONE DI ATTUAZIONE DEL D. LGS 81/08 3) DOCUMENTAZIONE INERENTE

Dettagli

L applicazione del D.P.R. 462/01 ai locali medici

L applicazione del D.P.R. 462/01 ai locali medici Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro L applicazione del D.P.R. 462/01 ai locali medici Ing. Maria Teresa Settino Dipartimento Innovazioni Tecnologiche e Sicurezza degli

Dettagli

LE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO SECONDO IL D.LGS 81/08 CENTRO CONGRESSI PAPA GIOVANNI XXIII - BG 19 FEBBRAIO 2016

LE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO SECONDO IL D.LGS 81/08 CENTRO CONGRESSI PAPA GIOVANNI XXIII - BG 19 FEBBRAIO 2016 LE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO SECONDO IL D.LGS 81/08 CENTRO CONGRESSI PAPA GIOVANNI XXIII - BG 19 FEBBRAIO 2016 D.L. 81/08 ART. 30 Modelli di organizzazione e di gestione In relazione all adozione di

Dettagli

Direttore Dipartimenti Territoriali di Bologna e Piacenza INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica

Direttore Dipartimenti Territoriali di Bologna e Piacenza INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica A Modena la sicurezza sul lavoro, in pratica Sistemi di Gestione della Sicurezza sul Lavoro: analisi tecnica, giuridica ed economica DI 11 aprile 2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA DIRETTIVA 2014/68/UE (PED)

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA DIRETTIVA 2014/68/UE (PED) Titolo Riferimento Revisione e data entrata in vigore Approvato da PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA DIRETTIVA 2014/68/UE (PED) Allegato III - MODULO F Conformità al tipo basata sulla verifica delle attrezzature

Dettagli

Verbale incontro della Sottocommissione Sicurezza Cantieri del 06/12/11

Verbale incontro della Sottocommissione Sicurezza Cantieri del 06/12/11 Verbale incontro della Sottocommissione Sicurezza Cantieri del 06/12/11 Ordine del giorno 1) Approfondimenti normativi: DM 11/04/11. 2) Pubblicazione su G.U. del DPR 14/09/11 n. 177 (ambienti sospetti

Dettagli

I.D.E.E. S.r.l. La direttiva PED e le sue implicazioni sugli impianti frigoriferi e di condizionamento

I.D.E.E. S.r.l. La direttiva PED e le sue implicazioni sugli impianti frigoriferi e di condizionamento I.D.E.E. S.r.l. Consulenze per la Sicurezza e la Qualità La direttiva PED e le sue implicazioni sugli impianti frigoriferi e di condizionamento A. De Lucia ISPESL Dipartimento di Milano Sommario Dal 30/5/2002

Dettagli

TABELLA DI CONCORDANZA. per il recepimento della direttiva 2014/33/UE

TABELLA DI CONCORDANZA. per il recepimento della direttiva 2014/33/UE TABELLA DI CONCORDANZA per il recepimento della direttiva 2014/33/UE Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento concernente modifiche al decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL DPR 462/2001

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL DPR 462/2001 LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL DPR 462/2001 DENUNCIA DI IMPIANTI DI PROTEZIONE CONTRO LE SCARICHE ATMOSFERICHE, DISPOSITIVI DI MESSA A TERRA ED IMPIANTI IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE Il DPR

Dettagli

BANDO per i servizi integrati a supporto degli INVESTIMENTI MATERIALI E IMMATERIALI connessi allo start-up d impresa

BANDO per i servizi integrati a supporto degli INVESTIMENTI MATERIALI E IMMATERIALI connessi allo start-up d impresa Spett.le Azienda Speciale S.E.I. C.so Risorgimento 302 86170 Isernia aziendasei@is.legalmail.camcom.it NOTA La compilazione dei campi con asterisco è obbligatoria. Se mancanti la domanda verrà considerata

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LE ATTIVITÀ DI ISPEZIONE AI SENSI DEL D.P.R. 462/01

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LE ATTIVITÀ DI ISPEZIONE AI SENSI DEL D.P.R. 462/01 Titolo Riferimento Revisione e data entrata in vigore Approvato da PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LE ATTIVITÀ DI ISPEZIONE AI SENSI DEL D.P.R. 462/01 PR. PART. ISP/TERRE Rev. 0 del 02/01/2017 IMQ S.p.A.

Dettagli

II. SCOPO III. CAMPO DI APPLICAZIONE

II. SCOPO III. CAMPO DI APPLICAZIONE PROCEDURA GENERALE PER L INSTALLAZIONE, L ACCETTAZIONE E IL COLLAUDO DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI ALL INTERNO DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II I. PREMESSA Le apparecchiature

Dettagli

TITOLO III - USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.Lgs. 09 aprile 2008 n. 81

TITOLO III - USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.Lgs. 09 aprile 2008 n. 81 Note all Art. 77 Richiami all Art. 77: - Art. 78, co. 1 - Art. 79, co. 1 Articolo 78 - Obblighi dei lavoratori 1. In ottemperanza a quanto previsto dall articolo 20, comma 2, lettera h), i lavoratori si

Dettagli

Documenti da presentare all A.A.S.S. per i casi previsti dal D.D. n.114/08 e dal D.D. n. 58/2011 : (1)

Documenti da presentare all A.A.S.S. per i casi previsti dal D.D. n.114/08 e dal D.D. n. 58/2011 : (1) CIRCOLARE N. 1/2011 Prot. AASS N. 3408/20 del 28/06/2011 COMMISSIONE PER L ACCERTAMENTO DEI REQUISITI PROFESSIONALI AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DECRETO DELEGATO N.114/2008. La Commissione per l accertamento

Dettagli

Roma - 06 maggio 2014.

Roma - 06 maggio 2014. Roma - 06 maggio 2014. DELIBERAZIONE AEEG n. 40/04. & DELIBERAZIONE AEEG n. 40/14 ( * ) ( * ) Gli aggiornamenti del testo sono evidenziati dalla colorazione verde ed entreranno in vigore, salvo ulteriori

Dettagli

AL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI

AL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI mod. PIN3GPL-2006 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. marca da bollo RICHIESTA DI RILASCIO CERTIFICATO PREVENZIONE INCENDI PER DEPOSITI DI G.P.L. IN SERBATOI FISSI DI CAPACITÀ NON SUPERIORE A 5 M 3, AI SENSI

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

Nuova Direttiva Apparecchi a Pressione 2014/68/UE. Relatore: Ing. Francesco Pertusati

Nuova Direttiva Apparecchi a Pressione 2014/68/UE. Relatore: Ing. Francesco Pertusati Nuova Direttiva Apparecchi a Pressione 2014/68/UE Relatore: Ing. Francesco Pertusati La nuova Direttiva 2014/68/UE del 15 maggio 2014 concernente l armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri

Dettagli

Uso e manutenzione degli estintori

Uso e manutenzione degli estintori Articolo 2novembre 2010 Uso e manutenzione degli estintori Cristina Pacchiardo Responsabile Tecnico FTA Premessa In tutte le attività lavorative soggette all applicazione del D.Lgs. 81/08 devono essere

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 304/2008

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 304/2008 Titolo Riferimento Revisione e data entrata in vigore Approvato da PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 304/2008 PR.PART. PRS/FGAS-304/2008 Rev. 0

Dettagli

Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/ art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008

Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/ art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/2006 - art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 Il Corpo nazionale esercita, con i poteri di polizia amministrativa e giudiziaria, la vigilanza sull'applicazione della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE EDILIZIA E APPALTI Gestione Immobili I L D I R I G E N T E

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE EDILIZIA E APPALTI Gestione Immobili I L D I R I G E N T E REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE EDILIZIA E APPALTI Gestione Immobili Proposta nr. 16 del 03/07/2013 - Determinazione nr. 1661 del 03/07/2013 OGGETTO: DPR 462/2001. Verifica periodica

Dettagli

Riparazione temporanea di attrezzature a pressione

Riparazione temporanea di attrezzature a pressione Riparazione temporanea di attrezzature a pressione Procedura ISPESL Ai sensi della circolare ISPESL prot. A00-07/00008/0 datata 8 marzo 00 Aprile 00 a) Procedura per TUBAZIONI Compiti dell utilizzatore

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008. Modulo A

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008. Modulo A CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008 Accordo Stato Regioni del 26 gennaio 2006 Modulo A Le attrezzature di lavoro in collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L ESERCIZIO DEL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L ESERCIZIO DEL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L ESERCIZIO DEL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI Adempimenti connessi all attuazione della legge 9 gennaio 1991 n. 10, del D.P.R. 26 Agosto 1993 n. 412 come modificato ed integrato

Dettagli

Uso sicuro delle macchine alimentari

Uso sicuro delle macchine alimentari Uso sicuro delle macchine alimentari la manutenzione e l'aggiornamento dei requisiti di sicurezza Convegno INAIL BOLOGNA 19 ottobre 2016 Ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro Le opinioni espresse

Dettagli

La Sicurezza nei lavori in presenza di rischio elettrico

La Sicurezza nei lavori in presenza di rischio elettrico Questa presentazione ha l unico scopo di supportare l illustrazione verbale dell argomento. Essa non è completa né esaustiva ed i concetti espressi hanno valore di esempio e promemoria e non di trattazione

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 29 aprile Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 29 aprile 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 29 aprile Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 29 aprile 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 29 aprile 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTA la Direttiva 97/23/CE del Parlamento

Dettagli