RICERCA INTERVENTO TERRITORIALE SULLE FAMIGLIE DEL DISTRETTO DI GUIDIZZOLO. Piano Sociale di Zona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICERCA INTERVENTO TERRITORIALE SULLE FAMIGLIE DEL DISTRETTO DI GUIDIZZOLO. Piano Sociale di Zona"

Transcript

1 RICERCA INTERVENTO TERRITORIALE SULLE FAMIGLIE DEL DISTRETTO DI GUIDIZZOLO Piano Sociale di Zona Gennaio 2009 Pag.1 di 99

2 Coordinamento generale e stesura report Davide Continati e Fabrizio Riccomi (Nerosubianco srl) Per il Piano di Zona Alto Mantovano Comune di Castiglione delle Stiviere: Coordinamento e supervisione di Giovanna Martelli e Cristina Tartarotti Contatti e somministrazione nelle aziende: Arianna Visentini e Cristina Taffelli Collaborazione alle interviste: Maria Lotti (Comuni di Cavriana e Medole), Barbara Gorgaini (Comune di Guidizzolo), Elena Barozzi (Comune di Solferino), Alessandra Gabusi (Comune di Castiglione delle Stiviere), Chiara Bonzagni, Attilio Orecchio (Comune di Ponti sul Mincio), Laura Parlato (Comune di Volta Mantovana), Camilla Ghidelli (Comune di Monzambano), Uffici anagrafe di tutti i Comuni. Interviste alle famiglie: Federico Delmenico (a Volta Mantovana), Camilla Ghidelli (a Monzambano), Coop. soc. Orizzonti Onlus (a Guidizzolo), Coop. soc. Fiordaliso Onlus (a Castiglione d. Stiviere), Coop. soc. Olinda Onlus (a Medole, Solferino e Ponti sul Mincio) Coop. Soc. Mosaico Onlus (a Cavriana). INDICE DEL REPORT Premessa: il Patto Sociale Alto Mantovano..pag. 3 CAP. 1 La ricerca: aspetti teorici e metodologici. pag. 8 CAP. 2 I focus group tematici pag. 14 Pag.2 di 99

3 CAP. 3 Le interviste nei Comuni alle famiglie: risultati e analisi..pag. 24 CAP. 4 Le interviste nelle aziende del Distretto: risultati e analisi pag. 48 CAP. 5 Alcune conclusioni....pag. 88 Bibliografia di base, pag. 93 PREMESSA IL PATTO SOCIALE ALTO MANTOVANO 1. Un nuovo patto di garanzia e di sostegno per rilanciare le politiche sociali nel distretto dell alto mantovano Il processo di decentramento dallo Stato, alle Regioni, alle Province ed ai Comuni, avviato sin dagli anni 90, rende ormai possibile non solo l affidamento di un ruolo di programmazione e controllo agli enti locali, ma anche la creazione di forti partnership tra il pubblico ed il privato basate sul principio della sussidiarietà. Si tratta di un nuovo modello di organizzazione che enuclea un sistema di Governance, ovvero la costruzione di un sistema allargato di governo, nel quale accanto alla promozione e alla regolazione pubblica, convive la coprogettazione - un esercizio di responsabilità condivisa - dei soggetti pubblici, privati e sociali, dei soggetti istituzionali e non. Nella logica della costruzione di percorsi di partecipazione e di cittadinanza attiva, sempre di più il governo locale deve essere inteso non come luogo di amministrazione burocratica ma come laboratorio di autogoverno. Pag.3 di 99

4 Partecipazione, collaborazione e leadership sono i processi che assicurano la governabilità di un territorio, intendendo con ciò il complesso coordinato delle azioni di differenti attori sociali necessarie a garantire il governo del sistema. A livello locale lo strumento della governance corrisponde alla messa in atto di luoghi di coordinamento tra diversi attori, disposti a contribuire all azione pubblica su determinati problemi sociali. La complessità e lo spessore delle problematiche che abbiamo di fronte è tale da necessitare uno sforzo che da un lato miri a realizzare azioni di partenariato, di negoziazione/concertazione, di lavoro di rete e di mediazione, e dall altro a realizzate interventi che siano adeguati, efficienti e strategicamente condivisi. Gli esempi più recenti di iniziative cooperative sono evidenti nei Contratti di programma (L.662/1996), nelle diverse esperienze di Pianificazione strategica urbana, nei Patti Territoriali (Delibere CIPE marzo/agosto 2000 e aprile 2001), fino ai recenti Piani di Zona (L.328/2000) in ambito sociale. Tale percorso che ha ricevuto un forte impulso anche a seguito dell approvazione del nuovo Titolo V della Costituzione, rappresenta ormai una concreta possibilità di rilancio per le esperienze di concertazione e di sviluppo locale che possono essere ascritte nel processo di regionalizzazione della programmazione negoziata (Delibera CIPE 25 luglio ). Da ultimo, ma dal nostro punto di vista più importante, la Regione Lombardia nei documenti di programmazione più significativi (ovvero la legge 1 sulla competitività e i documenti di programmazione del nuovo fondo sociale europeo e fondo europeo di sviluppo regionale) ha chiaramente delineato le linee guida degli interventi territoriali: 1) Creazione di partnership pubblico-private sul modello delle agenzie di sviluppo; 2) Integrazione delle fonti di finanziamento (FESR, FSE, fondi regionali e nazionali); 1 Il CIPE con questa delibera ha approvato la regionalizzazione degli strumenti di programmazione negoziata, secondo le indicazioni della legge finanziaria 2003, dando attuazione all accordo in materia raggiunto tra i Ministeri dell economia e delle finanze (MEF) e delle attività produttive (MAP), le Regioni e le Province autonome, l ANCI, l UPI e l UNCEM, approvato dalla Conferenza unificata il 15 aprile Pag.4 di 99

5 3) Individuazione di strategie di sviluppo concordate a livello territoriale tra gli attori pubblici supportate tecnicamente e finanziariamente dalla regione. 2. Perché un nuovo patto sociale territoriale Il nuovo patto sociale, qui proposto in sintesi nelle sue principali caratteristiche, sarà primariamente uno strumento fondamentale di supporto per la stesura del prossimo Piano di Zona (2009/2011) e potrà divenire una nuova opportunità per sperimentare e promuovere servizi e interventi specifici. Nel corso degli ultimi due anni, inoltre, nel territorio a cavallo delle Province di Mantova e Brescia (definito Anfiteatro morenico del Garda ), è stato promosso un percorso che ha portato alla firma di un accordo quadro finalizzato allo sviluppo economico dell area sulla base della individuazione dei fattori di sviluppo vocazionali. Quindici comuni, due province e la Regione Lombardia sono i firmatari di questo accordo quadro: lo sviluppo delle infrastrutture, delle piccole e medie imprese e del mondo agricolo, della promozione turistica e culturale, ne sono i focus principali. In sostanza le prospettive di sviluppo di questa ricca e importante area della Lombardia sono chiare e definite almeno per i prossimi sei anni; un altro obiettivo fondamentale che si pone questo documento sarà dunque quello di prevedere e favorire una sorta di patto di garanzia sociale in grado di supportare questo processo a livello di servizi e progetti mirati ad alcuni target e a specifici ambiti di intervento. L obiettivo del patto sociale, quindi, diventa duplice: supportare il nuovo Piano di Zona del Distretto che vedrà la luce all inizio del 2009 e si svilupperà per tutto il triennio successivo, e, partendo proprio dal piano di zona territoriale, implementare azioni e progetti mediante il ricorso a nuove e fondamentali risorse finanziarie provenienti da diversi soggetti, pubblici o privati: la Regione Lombardia, le fondazioni bancarie, il mondo dell impresa privata. Questa duplice nuova strategia di garanzia sociale e di supporto al piano di sviluppo territoriale diventerebbe operativa con la firma di un nuovo patto di sviluppo sociale. Pag.5 di 99

6 Possiamo così enunciare le linee guida del Patto: motore della concertazione sociale dell area strumento di supporto per la stesura del PDZ 2009/2011 funzione di animazione e di sviluppo territoriale formazione e sviluppo delle competenze implementazione della rete della società civile osservatorio locale funzione di incubatore di idee alfabetizzazione dello sviluppo locale officina delle eccellenze assistenza nella redazione di progetti e programmi azioni sperimentali 3. La strategia e le azioni Sembrano tre le azioni principali che vanno a incrociarsi perfettamente con la strategia impostata a livello di Distretto e di Piano di Zona: Elaborazione di una Ricerca/intervento territoriale sul Distretto che abbia il compito di verificare le esigenze e le difficoltà delle famiglie che hanno almeno un componente che lavora.; si tratta, temporalmente, del primo strumento messo in campo, nel 2008; Formazione di un gruppo pilota che abbia il compito di promuovere l'iniziativa a livello territoriale, di stimolare la presentazione di progetti, di svolgere un'azione di raccordo a livello istituzionale e di accompagnare, da un punto di vista tecnico, l'elaborazione dei documenti di concertazione e programmazione. Il gruppo può essere sperimentato da subito con la ricerca-intervento; Coordinamento di processo, che va individuato e formato sulla base delle competenze di gestione di processi di pianificazione strategica, di gestione di progetti e programmi complessi (project manangement), di gestione delle forme negoziali della concertazione e dei processi di leadership all interno dei diversi Pag.6 di 99

7 tavoli e gruppi di lavoro partendo dallo staff di gestione del piano di zona. E un quadro di azioni che si andrà a delineare, presumibilmente, al termine del percorso preliminare che porterà alla stesura del PDZ 2009/ Target di riferimento e aree di intervento previste nell ambito del Patto Sociale I target individuati come basilari sono essenzialmente tre (famiglie, giovani, disoccupati). I target vanno però intersecati alle possibili aree di intervento; la commistione target/aree è specificata in questi tre punti basilari di discussione e di sviluppo: Intervenire sulle famiglie che hanno almeno un componente lavorativamente attivo con particolare riferimento a due aree: la conciliazione dei tempi (per favorire le famiglie con figli e soprattutto per consentire alle donne di rendere compatibile il ruolo di madre e di lavoratrice); la tematica dell area della prima infanzia (asili nido aziendali, servizi domiciliari, tutoring e babysitting); Ipotizzare nuove politiche giovanili (sport, tempo libero, cultura, protagonismo) con particolare riferimento all area della formazione, della creazione di impresa e della prevenzione; Pensare a politiche finalizzate alla formazione e all inserimento lavorativo con particolare riferimento ad alcune fasce deboli come disoccupati, stranieri e/o immigrati (implementazione servizi di orientamento, agenzie interinali, corsi di formazione professionale, progetti mirati per le situazioni di disagio, supporto scolastico, alfabetizzazione, ecc.) Pag.7 di 99

8 CAPITOLO 1 LA RICERCA: ASPETTI TEORICI E METODOLOGICI In questo breve capitolo verranno enunciati due principali argomenti: il primo sono le motivazioni di base che hanno portato alla ideazione e allo sviluppo della ricerca. Il secondo argomento riguarderà invece gli aspetti per così dire più tecnici e metodologici dell indagine stessa. Si tratta di due argomenti solo apparentemente divisi, ma che in realtà vanno letti in una logica di unitarietà. 1.1 Aspetti teorici e obiettivi La stesura degli aspetti teorici che hanno portato alla ideazione e allo sviluppo della ricerca che viene presentata in questo report va di pari passo con alcune considerazioni già effettuate nel corso del capitolo in premessa. Tuttavia è utile mettere un po di ordine nel complesso di concetti che stanno alla base della ricerca. L ambito distrettuale di Guidizzolo contava al 31/12/2007 oltre abitanti, circa un terzo dei quali residenti a Castiglione delle Stiviere, sede del Piano di Zona territoriale. Il distretto comprende i Comuni di Castiglione delle Stiviere, Cavriana, Goito, Guidizzolo, Medole, Monzambano, Ponti sul Mincio, Solferino, e Volta Mantovana. I Comuni stanno promuovendo un patto di sviluppo del territorio che intende favorire la crescita economica attraverso il riconoscimento e la valorizzazione dell area denominata Anfiteatro delle colline moreniche. Gli stakeholders di tale percorso saranno dunque parecchi: Comuni dell area Provincia di Mantova Famiglie Operatori del privato sociale Sindacati Associazioni di categoria Asl Aziende Pag.8 di 99

9 Non si tratta però di limitare l intervento a variabili e obiettivi di sviluppo economico e finanziario, ma si tratta di inserire nel contesto un patto sociale di garanzia della sostenibilità delle azioni in termini di benessere dei cittadini. Si pensa di porre particolare attenzione alle famiglie, ai giovani, agli immigrati, ai disoccupati. Come detto già in premessa, tale intervento porterà a definire obiettivi prioritari nella compilazione del Piano di Zona del prossimo triennio 2009/2011; tale piano di zona diventerà una sorta di doppio protagonista, programmatore e attuatore al contempo: a) sarà logicamente lo strumento programmatorio principe in ambito locale della offerta sociale distrettuale; b) sarà uno strumento attuatore dell integrazione tra la programmazione locale e sociale con quella socio-sanitaria, in rapporto al sistema dell istruzione e della formazione, delle politiche del lavoro e abitative. Per definire in maniera ancora più precisa e valida gli obiettivi, ecco che viene in supporto una fase preliminare di analisi del territorio che abbia come interlocutori privilegiati le famiglie e i loro membri che lavorano e che sono coinvolti nelle politiche di concertazione dei tempi lavoro / famiglia. Per questo, la ricerca qui descritta ha un suo senso e suoi obiettivi precipui che vengono qui riassunti: Conoscere la gestione dei tempi di vita/lavoro dei propri cittadini attivi, rivolgendo una particolare attenzione alle difficoltà legate alla conciliazione famiglia-lavoro; Capire le esigenze che portino al miglioramento della qualità della vita dei cittadini, con l obiettivo di individuare anche soluzioni nell ambito degli orari dei servizi, degli uffici pubblici e degli esercizi commerciali; Capire le esigenze di cura dei famigliari dei lavoratori coinvolgendoli nell analisi dei fabbisogni e nella adozione delle relative soluzioni; Capire la richiesta di/ai servizi territoriali espressi dai cittadini lavoratori al fine di ipotizzare soluzioni organizzative, innovative e flessibili. Partendo da queste considerazioni di massima e da questi obiettivi ben precisi e definiti, si è sviluppato il percorso e lo snodo della ricerca che il paragrafo successivo si preoccuperà di individuare. I successivi capitoli entreranno invece maggiormente nel merito dei risultati ottenuti dalle interviste nelle famiglie e nelle aziende. Pag.9 di 99

10 1.2 Aspetti metodologici e percorso Il percorso che ha portato alla costruzione della ricerca è passato attraverso alcune fasi preliminari e altre più tecniche e di coinvolgimento. Vengono qui riassunti i momenti determinanti per la riuscita dell iniziativa: Tabella Zero Percorso temporale e operativo della ricerca Quando Cosa Chi Aprile / Maggio / Giugno 2008 Incontri preliminari e di progettazione PIANO DI ZONA ALTO MN NEROSUBIANCO SRL ASL COMUNE DI CASTIGLIONE 22 Maggio 2008 Incontro presentazione ricerca e percorso 7 Luglio 2008 Focus group tematico 1 AREE: CONCILIAZIONE TEMPI FAMIGLIA / LAVORO; PRIMA INFANZIA 11 Luglio 2008 Focus group tematico 2 AREA: POLITICHE GIOVANILI PIANO DI ZONA ALTO MN NEROSUBIANCO SRL ASL COMUNI DEL DISTRETTO SINDACATI PARTI SOCIALI PIANO DI ZONA ALTO MN NEROSUBIANCO SRL COMUNE DI CASTIGLIONE SERVIZI SOCIALI DEL DISTRETTO COOPERATIVE SOCIALI DEL DISTRETTO PIANO DI ZONA ALTO MN NEROSUBIANCO SRL COMUNE DI CASTIGLIONE SERVIZI SOCIALI DEL Pag.10 di 99

11 17 Luglio 2008 Focus group tematico 3 AREE: FASCE DEBOLI E INSERIMENTO LAVORATIVO Settembre 2008 Creazione strumenti operativi (questionari per le aziende e per le famiglie) 17 settembre 2008 Incontro operativo per l inizio della ricerca Ottobre 2008 Novembre 2008 Dicembre 2008 Gennaio 2009 Anno 2009 Sorteggio campione della ricerca e inizio interviste nelle famiglie. Contatti con aziende e inizio somministrazione questionari Somministrazione interviste e questionari aziende e famiglie. Recupero dati. Recupero dati. Stesura report Utilizzo dati della ricerca e report DISTRETTO COOPERATIVE SOCIALI DEL DISTRETTO PIANO DI ZONA ALTO MN NEROSUBIANCO SRL COMUNE DI CASTIGLIONE SERVIZI SOCIALI DEL DISTRETTO COOPERATIVE SOCIALI DEL DISTRETTO NEROSUBIANCO SRL PIANO DI ZONA ALTO MN NEROSUBIANCO SRL SERVIZI SOCIALI DEL DISTRETTO COOPERATIVE SOCIALI DEL DISTRETTO NEROSUBIANCO SRL COMUNI DEL DISTRETTO COOPERATIVE SOCIALI DEL DISTRETTO COOPERATIVE SOCIALI DEL DISTRETTO NEROSUBIANCO SRL NEROSUBIANCO SRL PIANO DI ZONA ALTO MANTOVANO Dal punto di vista tecnico i focus group tematici sono serviti per avere un panorama preliminare della situazione sul Distretto coinvolgendo, in prima Pag.11 di 99

12 battuta, chi ci lavora direttamente, dalle cooperative alle assistenti sociali del Distretto, dall ASL alle associazioni. Si è discusso, si sono confrontati pareri e si sono analizzate criticità su: Consultori e servizi per l area materno/infantile Asili nido territoriali e servizi alla prima infanzia Conciliazione e organizzazione dei tempi lavoro/famiglia Servizi domiciliari Progetti e servizi di prevenzione primaria e nelle scuole Protagonismo e consulte giovanili Progetti e servizi educativi territoriali Giovani e sport, cultura, tempo libero Assistenza domiciliare e offerte di aggregazione Servizi di orientamento, supporto scolastico, alfabetizzazione per stranieri Formazione professionale Politiche territoriali di impatto Progetti sul disagio e sulle fasce deboli I risultati emersi dai focus group tematici, raggruppati in verbali poi inviati ai partecipanti, e qui presentati nel successivo capitolo 2, hanno permesso di tarare in maniera più precisa gli strumenti di indagine poi utilizzati nelle aziende e nelle interviste alle famiglie. Dal punto di vista della creazione degli strumenti di indagine per la ricerca, sono stati creati due diversi dispositivi di esplorazione. Nelle aziende si è deciso di somministrare un questionario da compilare a cura dell intervistato con risposte quasi esclusivamente a crocette. Nelle famiglie si è deciso di utilizzare, per la somministrazione diretta, gli educatori delle cooperative operanti direttamente sul territorio e nei vari comuni per effettuare interviste ad personam con una griglia di intervista e un colloquio a casa dei sorteggiati. L utilizzo di educatori per le interviste aveva una duplice valenza: la prima è quella di far partecipare direttamente, in maniera di un coinvolgimento concertativo, anche le cooperative sociali del territorio all azione di ricerca. La seconda valenza era quella di inviare nelle famiglie educatori spesso conosciuti anche personalmente nei vari comuni in modo da ottenere da parte degli Pag.12 di 99

13 intervistati, sia una forma di fiducia maggiore sulla ricerca sia una maggiore facilità di accesso alla somministrazione del questionario nelle abitazioni. Dal punto di vista dell approccio alle due macroaree di indagine, si è trattato di impattare due diverse concettualità: nelle aziende, come detto, si è preferito approcciare con un questionario con domande più standardizzate e con rare possibilità di accedere a risposte aperte. Viceversa, poiché nelle famiglie era prevista appunto una presenza fisica dell educatore, si è pensato di lasciare più spazio al dialogo diretto e alla chiacchierata lasciando molte domande aperte e ipotizzando forme di proposta diretta provenienti dalle famiglie stesse su argomenti messi sul tavolo dall intervistatore. Nei vari Comuni sono stati individuati referenti diretti sia per il sorteggio del campione sia per la responsabilità della riuscita della ricerca. Nerosubianco srl si è invece occupata del coordinamento delle varie azioni. Per quanto riguarda le aziende, due operatori esperti in conciliazione dei tempi lavoro / famiglia, si sono preoccupati di contattare direttamente le aziende individuate sull intero Distretto. Hanno quindi effettuato colloqui preliminari con i responsabili delle risorse umane delle aziende stesse al fine di condividere sia il percorso metodologico e di obiettivi, sia il percorso operativo di somministrazione e di recupero dei dati richiesti. Si è calcolato come linea di obiettivo la raccolta di almeno 100 interviste nelle famiglie su tutto il Distretto e di circa 900/1000 questionari validi raccolti nelle varie aziende del Distretto. Per quanto riguarda le interviste nelle famiglie, dal punto di vista delle regole per la definizione e l estrazione del campione, si è deciso di privilegiare la componente femminile e di ridurre il campo di intervento a un età compresa tra i 25 e i 55 anni. Gli intervistati dovevano fare parte di una famiglia con almeno un componente che lavora. L intervistato doveva essere proprio colui che ha attività lavorativa, di un qualsivoglia tipo. Infine è stato tenuto in considerazione il peso dato dal numero di abitanti di ciascun comune. A maggiore residenzialità corrispondeva un numero di interviste maggiore da effettuare. Poiché erano previsti rifiuti fisiologici alla accettazione di essere sottoposti alle interviste, il numero è stato tarato su 150 nomi su tutto il Distretto, con l obiettivo, come detto, di raggiungere almeno le 100 interviste. Pag.13 di 99

14 Al termine delle interviste e della somministrazione dei questionari, i dati sono stati tabulati e analizzati da Nerosubianco srl, inseriti in tabelle riassuntive e commentati; tutto questo fa parte del presente report conclusivo. Pag.14 di 99

15 CAPITOLO 2 I FOCUS GROUP TEMATICI Vengono qui pubblicati schede e verbali dei tre focus group svoltisi nel mese di luglio 2008 a Castiglione delle Stiviere. Gli incontri sono da intendersi come preliminari alla ricerca effettuata successivamente nelle aziende e nelle famiglie del Distretto Alto Mantovano. Ordine del giorno Focus Group n. 1 AREE CONCILIAZIONE DEI TEMPI FAMIGLIA / LAVORO PRIMA INFANZIA 7 luglio 2008 Sala Giunta Castiglione delle Stiviere AREA CONCILIAZIONE DEI TEMPI FAMIGLIA/LAVORO E PRIMA INFANZIA Consultori e servizi per l area materno/infantile Asili nido territoriali e servizi alla prima infanzia Conciliazione e organizzazione dei tempi lavoro/famiglia Servizi domiciliari Staff presente: Cristina Tartarotti (PDZ), Fabrizio Riccomi, Davide Continati (Nerosubianco srl) Riccomi introduce l incontro, sottolineando l argomento della giornata che tende a dare e a portare, come tutto il complesso della ricerca, un aggiornamento e rispondenza ai bisogni nuovi del Distretto, tutto questo nell ottica di una crescita e di uno sviluppo complessivo dell area previsto per i prossimi cinque anni. Il Patto Sociale è inserito in questo contesto e le iniziative partite vogliono portare un importante contributo alla costruzione del Piano di Zona In relazione alla conciliazione dei tempi, si tratta di una tematica relativamente nuova a cavallo tra il settore sociale e quello industriale, ma ha un importante sviluppo a livello locale. E importante inserirsi in un Piano tenendo però come Pag.15 di 99

16 stella polare l azione di concertazione con la Regione. Per quanto riguarda i tre focus group organizzati, essi vogliono avere indicazioni da chi vi partecipa, per fare una sorta di osservatorio su come stendere il documento: bisogni, risorse, servizi. Segue presentazione dei partecipanti al focus group. Delmenico (Comune di Volta) esprime ampio spettro di informazioni rispetto a un lavoro di mappatura territoriale dei servizi educativi SADE, con l obiettivo di fare chiarezza e di fare ordine ai bisogni che avanzano. Sono stati effettuate valutazioni anche su forme di apprendimento. In generale, rispetto alla presenza di servizi per la prima infanzia, nidi in particolare, si registra la scarsità di nidi comunali e notevole presenza gestionale di realtà private. Diversa è anche la dislocazione e il funzionamento tra le diverse realtà territoriali. Sull area minori esistono realtà più consolidate e con dimensioni territoriali precise; in generale però esistono diversità verso le liste di attesa, molto diverse da paese a paese, così come le diverse capienze dei servizi di nido. Riccomi sottolinea come sia interessante analizzare gli spostamenti e i poli di attrazione maggiore (Medole, Guidizzolo e Castiglione rappresentano oltre l 80% dell offerta). Si tratta di situazioni in cui si induce il bisogno? Forse si tratta di un bisogno da intercettare, non indurlo. Potrebbe essere il caso di ipotizzare un PDZ che fornisca un catalogo con gli standard di qualità per ovviare alle differenze sul mercato. Quarenghi (Mosaico) sostiene che la gestione dei nidi è particolarmente faticosa in relazione a rispetto degli standard, aspetto pedagogico, fornitori. Sarebbe importante tendere al risparmio delle risorse e a studiare le scelte delle famiglie su alcuni fattori indicatori (ore di frequenza, flessibilità, famigliarità). Programmare non significa negare nuove strutture, anche perché le rette diventano alte se non ci sono gli aiuti dell ISEE. Ghiozzi (Olinda) afferma che nel nido di Cavriana la retta è piena e non c è aiuto comunale. Inoltre sostiene che la Provincia sta facendo la mappatura dei Pag.16 di 99

17 nidi privati; l idea di base è omologare gli standard, ma le iniziative in corso rimangono troppo sfilacciate. Quarenghi (Mosaico) sostiene che il costo della retta è fondamentale per la scelta del nido, ma subentrano anche altri fattori come la comodità e la qualità del servizio offerto. Visentini (consulente conciliazione e legge 53) porta l esperienza di una ricerca svolta per Atelier Aimèe in relazione ai nidi aziendali. L obiettivo era sondare La soddisfazione della situazione e la domanda reale. Il sistema produttivo spinge verso forme di nidi aziendali? Alcune aziende si ritengono illuminate in tal senso, altre molto meno, non sempre esiste la preparazione culturale per mettere in piedi una simile proposta. I problemi principali che emergono sono la normativa di riferimento per l apertura, l investimento economico, il rispetto degli obiettivi aziendali previsti. Forse è davvero giunta l ora di formalizzare una scelta di supporto esterno per queste necessità aziendali, magari in accordo con gli enti locali. Emergono nella discussione altre tematiche aperte: - Cosa muove le famiglie a fare le scelte? - Le novità e la qualità di un servizio innovativo, tipo Agrinido, che futuro può avere? Futuro importante o servizio di elite? - Quanto è diversa l area collinare, quali condizioni diverse si verificano nelle famiglie? Anche perché le esigenze sono diverse visto che in alcune zone, tipo Volta, pochi lavorano nelle fabbriche, ci sono molti autonomi e molti agricoltori, con esigenze di conciliazione molto differenti. - In molti casi si tratta di incidere su aspetti culturali e secolarizzati, ed è molto difficile, anche sperimentando il nuovo. - Emergono notizie di problematiche relative anche alle liste di attesa per la scuola materna statale (addirittura 60 solo a Castiglione, si suppone circa 300 sul Distretto) - Esistono problemi di spazi fisici per mettere insieme nuove sezioni, ma anche problemi con gli stranieri di rispetto delle date di iscrizione. - Si propone una sorta di messa in rete delle informazioni in modo che tutti sappiano, anche se si tratta di un processo molto difficoltoso. Pag.17 di 99

18 - Anche la proposta delle sezioni Primavera è stato ingestibile. - Si discute dell impatto delle modifiche del trend demografico che sta subendo una crescita, ma sta per giungere alla fase di calo. - In relazione al rapporto con le scuole, si ipotizza un diverso modo di approcciarsi, attivando primariamente le funzioni strumentali, in luogo dei Dirigenti Scolastici. - Le scelte future dovranno essere ponderate e soprattutto fatte con il criterio della sostenibilità, favorendo le esigenze di chi lavora e proponendo servizi utili. Pag.18 di 99

19 Focus Group n. 2 AREA POLITICHE GIOVANILI 11 luglio 2008 Sala Giunta Castiglione delle Stiviere Ordine del giorno AREA POLITICHE GIOVANILI Progetti e servizi di prevenzione primaria e nelle scuole Protagonismo e consulte giovanili Progetti e servizi educativi territoriali Giovani e sport, cultura, tempo libero Assistenza domiciliare e offerte di aggregazione Staff presente: Cristina Tartarotti (PDZ), Fabrizio Riccomi, Davide Continati (Nerosubianco srl) Verbale della seduta Introducono l incontro Tartarotti e Riccomi, riprendendo le fila dell incontro precedente e sottolinenando i concetti fondamentali riferiti a ricerca, al patto sociale e al Piano di Zona in via di costruzione nel Gli obiettivi del secondo incontro sono quelli di parlare di giovani e politiche giovanili, rilevare i bisogni e tentare strade di approccio nuove verso i beneficiari intermedi. Delmenico elenca le varie forme di aggregazione presenti sul territorio, da Mondolandia al CAG di Volta, dall educativa di strada al CAG di Medole, al nuovo C entrodentro di Guidizzolo. Sostiene che l offerta in questo settore è buona, e anche omogenea sia nelle azioni che negli spazi aggregativi. Soprattutto la fascia pomeridiana si rivela ben coperta, l esigenza che si sente è piuttosto quella di garantire alle famiglie sempre un contenitore. Pag.19 di 99

20 Secondo Tartarotti, esiste peraltro una certa frammentarietà nelle proposte all interno di ogni comune (sport, danza, ecc.). E importante garantire la copertura del pomeriggio ma anche pensare l offerta di luoghi diversi. Delmenico cerca di individuare i ragazzi che partecipano: in alcuni posti si tratta di contenitori generali classici (vedi CAG Medole); a Volta invece viene costantemente tarato e ripensato; non è solo un doposcuola, ma vengono pensati laboratori, sostegno e iniziative diverse. Le presenze sono buone, circa 20 persone a pomeriggio, mentre altre iniziative vengono pensate per un età più alta (16-25) che organizzano e pensano cose da fare per loro a Volta. Quarenghi sostiene che non esiste una progettazione a lunga scadenza, le offerte sono una sorta di supermercato, ma i ragazzi non sempre sono guidati. A Castiglione esiste Mondolandia che è un centro per bambini stranieri, ci sono laboratori qua e là, ma manca un coordinamento, peraltro molto difficile. L assistente sociale di Castiglione afferma che uno dei problemi che si manifestano è la sovrapposizione degli orari; poi in estate calano biologicamente le presenze. Ci sono offerte varie anche a Castiglione, ma si fa fatica a coinvolgere e si è scollegati dal resto del territorio. Riccomi lancia due provocazioni / domande: dove investire e come programmare senza escludere qualche target. L assessore Ghisolfi di Guidizzolo sostiene che l area critica sono i 13 anni, al passaggio dalle ex medie alle superiori, oltre a capire la differenziazione tra le necessità degli italiani e degli stranieri. La famiglia tende a chiedere il quotidiano e si preoccupa soprattutto di quello. L assistente sociale di Castiglione sostiene la diversificazione delle attività, anche perché non tutte le offerte sono viste allo stesso modo da tutte le famiglie, benestanti o no, italiane o straniere. Tartarotti sottolinea che alcuni stranieri sono automaticamente esclusi perché hanno difficoltà di accesso. Pag.20 di 99

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari La Regione Toscana aveva previsto nel PEZ (Piano Educativo Zonale) 2013/ 2014 al Punto

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 Nella mensilità di maggio, come noto, è stato attivato on line un questionario sull orario di lavoro al fine di raccogliere elementi informativi utili

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Sociale Direttore PEG ANNO 1 UNIONE RENO GALLIERA : UNIONE RENO GALLIERA : DIRETTORE Centro di costo: SETTORE SOCIALE OBIETTIVI PERMANENTI : Gestione delle attività amministrative

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara nido comunale d infanzia Birillo Identità e filosofia di un ambiente Storia Il nido d infanzia comunale Birillo viene inaugurato nel 1971. Nasce come nido costituito da due sezioni

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini Comune di PRIVERNO Capofila Comune di BASSIANO Comune di MAENZA Comune di PROSSEDI Comune di ROCCAGORGA Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI Comune di SEZZE Comune di SONNINO Distretto Monti Lepini REFERENTE

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara nido comunale d infanzia Aquilone Identità e filosofia di un ambiente Storia Il nido d infanzia comunale Aquilone viene inaugurato nel 1974. Nasce come nido costituito da tre sezioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Comune di Ottaviano PRO GENS ONLUS U.I.L.D.M.

Comune di Ottaviano PRO GENS ONLUS U.I.L.D.M. Comune di Ottaviano PRO GENS ONLUS U.I.L.D.M. 13/02/2015 Progetto di integrazione sociale a favore di 15 persone disabili e 30 anziani in situazione di gravità RELAZIONE CONCLUSIVA 1 Ringraziamenti Per

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella 1. PREMESSA Il SIL è un servizio dell'azienda ULSS 21 di Legnago, in Staff al Dipartimento Distretto che agisce

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Fobap Onlus, forte della convinzione che il tempo libero rappresenti qualcosa di determinante nella vita quotidiana di ogni persona, propone per il terzo

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara scuola comunale dell infanzia Arcobaleno Identità e filosofia di un ambiente Storia La scuola dell infanzia Arcobaleno nasce nel 1966 ed accoglie 3 sezioni. La scuola comunale è stata

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA BANDO ORDINARIO PIANO NIDI DELLA REGIONE LOMBARDIA ANNO EDUCATIVO 2014-2015 PROROGA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE

PIANO SOCIALE DI ZONA BANDO ORDINARIO PIANO NIDI DELLA REGIONE LOMBARDIA ANNO EDUCATIVO 2014-2015 PROROGA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE BANDO ORDINARIO PIANO NIDI DELLA REGIONE LOMBARDIA ANNO EDUCATIVO 2014-2015 PROROGA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DEL PIANO DI ZONA DEL DISTRETTO DI GUIDIZZOLO (in esecuzione

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona www.ulss.tv.it Principi costituzionali Art. 2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana Dall evidenza all azione Politiche di governance per una scuola sana Un mandato impegnativo Risulta ormai evidente che per conciliare e soddisfare i bisogni di salute nel contesto scolastico, gli orientamenti

Dettagli

I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi

I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi Se l offerta formativa integrata tra università, scuole ed agenzie di formazione professionale, favorita da Governo e Regioni, potrà rispondere

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica Roma, 17/01/2013 Fondazione PAIDEIA onlus www.fondazionepaideia.it; info@fondazionepaideia.it Verso una nuova forma di affido

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli