Il Veneto tra Risorgimento e unificazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Veneto tra Risorgimento e unificazione"

Transcript

1 Il Veneto tra risorgimento e unificazione consiglio regionale del veneto Il Veneto tra Risorgimento e unificazione Partecipazione volontaria (848866) e rappresentanza parlamentare: deputati e senatori veneti (8669) cierre edizioni

2

3 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Palazzo FerroFini, San Marco 4 Venezia Tel SEGRETERIA REGIONALE PER GLI AFFARI GENERALI, GIURIDICI E LEGISLATIVI Dirigente: Stefano Amadi UNITÀ COMPLESSA STUDI, DOCUMENTAZIONE E BIBLIOTECA Dirigente: Claudio Giulio Rizzato Collaborazione di Paolo Pozzo Copyright Cierre edizioni Consiglio Regionale del Veneto

4 consiglio regionale del veneto Il Veneto tra Risorgimento e unificazione Partecipazione volontaria (848866) e rappresentanza parlamentare: deputati e senatori veneti (8669) a cura di Paolo De Marchi cierre edizioni

5

6 Indice Presentazione pag. 9 Introduzione pag. Parte prima Il movimento di massa del Risorgimento in Italia e nel Veneto Capitolo primo Giovani d Italia pag. 7. I fattori motivazionali della nuova idea di nazione pag. 5. Il carattere volontario della partecipazione pag. 9. I veicoli di diffusione culturale del discorso nazionale pag. 9 Capitolo secondo : insurrezioni e protagonismo dei ceti popolari pag. 45. Milano: insurrezione urbana e popolazione rurale pag. 46. Padova: studenti e popolani pag. 5. Venezia: nazione, repubblica e rivendicazioni sociali pag : la breve stagione delle idee federaliste pag. 6 Capito terzo La nazione volontaria pag. 67. La spinta volontaria pag. 69. Volontari nell esercito: provenienza, professione, età pag. 7. Volontari con Garibaldi: provenienza, professione, età pag Volontariato militare e partecipazione collettiva pag. 79 Capitolo quarto La difficile unificazione veneta: emigrazione politica, moti mazziniani, plebiscito pag. 8. Nuovi fermenti patriottici e il mito di Garibaldi nel Veneto pag. 88. Compravendita o liberazione militare del Veneto? pag. 9. L emigrazione politica veneta pag I moti insurrezionali in Veneto del 864 pag La preparazione in Veneto della guerra del 866 pag.

7 6 il veneto tra risorgimento e unificazione Capitolo quinto L unificazione davanti a grandi sfide pag. 5. I conti dello Stato, la sfida del pareggio di bilancio e i suoi costi sociali pag. 7. La costruzione del nuovo esercito unitario pag. 6. Analfabetismo e istruzione scolastica pubblica pag Una lingua comune pag Questione romana e alienazione dei beni ecclesiastici pag Il fenomeno migratorio pag Il brigantaggio nelle province meridionali pag. 56 Parte seconda Deputati e Senatori del Regno (8669): storia dei collegi elettorali nelle province venete Capitolo primo Le province venete dopo l unificazione pag. 6. Una società statica pag. 66. Il peso sociale della possidenza terriera pag. 7. La terza via radicale e socialista pag Garibaldini veneti in Parlamento pag L egemonia della Destra e dei Ministeriali pag. Capitolo secondo Il primo ventennio elettorale dopo l unificazione pag.. Le elezioni politiche per la I legislatura pag. 9. Le elezioni politiche per la legislatura pag.. Le elezioni politiche per l I legislatura pag. 4. Le elezioni politiche per la II legislatura pag. 5. Le elezioni politiche per la III legislatura pag Le elezioni politiche per la IV legislatura pag. 6 Capitolo terzo Il Veneto alle urne nel primo ventennio elettorale unitario pag.. I senatori nominati durante le legislazioni dal 866 al 88 pag. 4. Il voto nei collegi veneti per la I legislatura pag. 4. Il voto nei collegi veneti per la legislatura pag Il voto nei collegi veneti per l I legislatura pag Il voto nei collegi veneti per la II legislatura pag Il voto nei collegi veneti per la III legislatura pag Il voto nei collegi veneti per la IV legislatura pag. 64 Capitolo quarto La riforma elettorale del 88 e le elezioni politiche pag. 7. La nuova legge elettorale pag. 7

8 indice 7. La riforma elettorale alla prova delle elezioni del 88 pag. 8. Le elezioni politiche per la VI legislatura pag Le elezioni politiche per la VII legislatura pag Il peso elettorale degli elettori per censo e per titoli dopo la riforma del 88 pag. 84 Capitolo quinto Le province venete al voto dopo la riforma del 88 pag. 89. I senatori nominati durante le legislazioni dal 88 al 89 pag.. Il voto nei collegi veneti per la V legislatura pag.. Il voto nei collegi veneti per la VI legislatura pag Il voto nei collegi veneti per la VII legislatura pag. Capitolo sesto Il ritorno dei collegi uninominali nelle elezioni di fine secolo pag. 9. Le elezioni politiche del 89 pag.. Le elezioni politiche per la I legislatura pag. 4. Le elezioni politiche per la legislatura pag Le elezioni di nuovo secolo: 9 pag. 9 Capitolo settimo Le elezioni nelle province venete con il nuovo sistema uninominale pag. 4. I senatori nominati durante le legislature 899 pag. 48. Il voto nei collegi veneti per la VIII legislatura pag. 49. Il voto nei collegi veneti per la I legislatura pag Il voto nei collegi veneti per la legislatura pag Il voto nei collegi veneti per la I legislatura pag. 65 Capitolo ottavo Il ricambio elettorale, la continuità di mandato dal 866 al 9 e la concentrazione degli incarichi pag. 7 Capitolo nono L andamento elettorale nei collegi pag. 8. I collegi bellunesi pag. 8. I collegi padovani pag. 85. I collegi polesani pag I collegi trevigiani pag I collegi veneziani pag I collegi veronesi pag I collegi vicentini pag I collegi friulani delle province venete pag. 48 Conclusioni Il Veneto postunitario: una transizione senza strappi pag. 4

9

10 Presentazione Il Risorgimento, culla fondativa della nostra nazione fu un momento storico di grande partecipazione. Vi parteciparono in tanti, per lo più giovani, uomini e donne, alcuni divenuti famosi per le loro imprese e per le idee espresse, alcuni per l alto profilo di statista; altri, i più, per l entusiasmo, l idealismo, il sangue e il sudore versato. Dal periodo della gestazione della nuova idea di patria e nazione alla grande prova delle insurrezioni del 848 e 849; dalla sconfitta della prima guerra d indipendenza alla grande spinta volontaria nelle vittorie del 859 e 866; dall impresa dei Mille alle presa di Porta Pia, un lungo percorso volto all unificazione della Penisola ha visto protagonista una generazione attiva di donne e uomini provenienti da tutti i ceti sociali e da tutte le regioni d Italia. Di questo grande momento collettivo della nostra storia fa parte anche il Veneto che ha portato originalità di idee e di esperienze basta pensare alla Repubblica di Venezia del 848 e 849 e l adesione volontaria di tanti giovani, esuli, cospiratori in comitati e bande patriottiche, garibaldini, volontari nell esercito italiano nelle imprese e nelle campagne militari che hanno scandito le tappe dell unificazione. Ci piace ricordare, in particolare, l apporto volontario degli studenti, il lavoro cospirativo dell emigrazione politica e di quanti furono attivi nei comitati segreti nelle città venete, nelle bande patriottiche e i loro, a volte infruttuosi, tentativi di insurrezione, i tanti patrioti processati e quanti, aderendo alla proposta di resistenza passiva indicata dagli esuli politici, vi aderirono mossi sinceramente dalla speranza unitaria. Insieme al Risorgimento anche il primo periodo unitario la stagione della creazione e del consolidamento dello Stato e delle istituzioni italiane rappresenta un momento altrettanto importante e fondativo della nostra storia. Un momento fatto di uomini che s impegnarono nelle istituzioni per costruire la nuova architettura statale; che misero a disposizione il proprio ingegno, le proprie competenze e il proprio studio per contribuire a questa grande sfida; che si adoperarono nelle associazioni politiche dando vita alle forme partito che, via via, si andarono costituendo sino alle attuali. Anche questa parte di storia unitaria ha visto il contributo del Veneto, con esperienze originali nelle manifatture come quelle legate alla storia di Alessandro Rossi e Gaetano Marzotto, con studi sull agricoltura volti a indicarne i limiti dei caratteri originari e le

11 il veneto tra risorgimento e unificazione possibili modernizzazioni, come quelli di Emilio Morpurgo per la grande inchiesta nazionale Jacini; con elaborazioni di riforma del dogma del libero mercato a favore di politiche pubbliche ed iniziative finanziarie ed economiche di sua regolazione come il contributo di Fedele Lampertico e dei socialisti della cattedra ; con esperienze in nuove istituzioni culturali, associazioni economiche e istituti di credito ed, infine, con contributi puntuali alla stesura di leggi e al dibattito nazionale sui più importanti temi di carattere sociale, politico, culturale ed economico dell epoca. L occasione delle Celebrazioni per i 5 anni dell Unità d Italia ci ha visto impegnati in molte iniziative, alcune promosse direttamente da questa Istituzione, altre sviluppate con il nostro sostegno e il nostro contributo. Fra queste iniziative ci piace annoverare anche questa pubblicazione, promossa dalla nostra Unità complessa studi, documentazione e biblioteca, frutto di un lavoro di ricerca e di recupero di dati, di rielaborazione d informazioni e studi sull argomento, che intende fornire un approfondimento su due momenti storici fondativi della nostra storia: il Risorgimento e il periodo postunitario ottocentesco. Scopo della pubblicazione è soprattutto di rinfrescare, lasciatemi passare il termine, la memoria di tutti noi sull apporto del Veneto alle tappe del Risorgimento italiano e di ricordare, attraverso la raccolta degli andamenti elettorali nei collegi veneti dal 866 al 9, i deputati che lo rappresentarono nel nuovo Parlamento italiano, il contesto sociale in cui le elezioni avvennero, le questioni politiche e sociali del momento, i ceti sociali di cui costoro erano espressione. È nostra modesta speranza, con questa pubblicazione, di contribuire a stimolare ulteriori approfondimenti. Il Presidente del Consiglio Regionale del Veneto Clodovaldo Ruffato

12 Introduzione L interesse e lo spontaneo coinvolgimento di molti cittadini italiani in occasione delle Celebrazioni per i 5 anni dell Unità d Italia hanno stupito la gran parte degli osservatori. Nonostante l autorevole e appassionato impegno profuso nella promozione di esse direttamente da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, la loro concretizzazione aveva dovuto subire ostacoli, accenti polemici e tutta una lunga serie di titubanze. Nonostante ciò e, forse, anche a causa di ciò e del dibattito polemico che le aveva anticipate e ne aveva accompagnato l apertura, tutto avvitato attorno all opportunità o meno di promuovere questi eventi come patrimonio identitario comune della nostra nazione, la risposta data dai cittadini e dalle cittadine italiane è stata chiarissima. Le manifestazioni del tricolore ai davanzali e alle finestre di moltissime abitazioni in tutte le città d Italia e la partecipazione spontanea a molte delle ricorrenze proposte, sia nazionali che di carattere locale, sono state il termometro più visibile della sentita esigenza, proprio in questo tempo, di riannodare la memoria sull evento fondativo della nostra nazione al nostro presente e la migliore testimonianza della bontà di questa scelta. Inoltre queste inconfutabili manifestazione di consenso alle Celebrazioni hanno, di fatto, marginalizzato la polemica revisionista che tendeva a rivalutare e mitizzare le differenze regionali quale profondo e fondativo patrimonio identitario dei popoli italici, alternativo e altro da quello nazionale: un Risorgimento, insomma, che aveva sconfitto le libertà e aspirazioni regionali e locali con la repressione unitaria e non una grande stagione ideale rivoluzionaria che modificò la percezione di patria e nazione fra le genti di questa Penisola. La rinnovata attenzione verso il Risorgimento è stata anche l occasione, per i più, di rinverdire la propria memoria storica; per i più giovani, di affacciarsi, grazie a nuovi approcci e interpretazioni, ad una parte importante della nostra storia e per la comunità degli storici di rinnovare l interesse per quel periodo, di riprendere ricerche o rivitalizzarne altre, per sviluppare tesi e saggi di approfondimento sul complesso e contraddittorio processo unitario italiano. Complessità e contraddizioni profonde che proprio l esercizio della memoria riattivato dalle Celebrazioni non deve affatto negare, bensì evidenziare e analizzare. Il Risorgimento non è stato un unico lungo racconto che, dalle repubbliche Cisalpina

13 il veneto tra risorgimento e unificazione e Cispadana si è sviluppato sino agli anni 7 dell Ottocento. Nel Risorgimento hanno convissuto e conflitto diversi racconti, spesso molto diversi tra loro. Non si è trattato di un processo semplice e condiviso nei suoi tratti principali dalla gran parte dei suoi protagonisti. Anzi, molti di loro, coloro che più profusero impegno e passione, sacrifici e dolori, furono gli sconfitti del dopo Risorgimento e con loro, le idee e le più innovative elaborazioni repubblicane e federaliste, a favore della vincente opzione monarchica. Basti pensare a come ebbe termine l esistenza di due dei suoi maggiori protagonisti: Giuseppe Garibaldi e Giuseppe Mazzini. La salma di Garibaldi, dopo la sua morte, avvenuta il giugno 88, a seguito di un breve e agitato dibattito parlamentare, fu lasciata in esilio nell isola di Caprera, così come in esilio sull isola rimase più volte egli stesso da vivo. Mazzini morì il marzo 87 sotto le mentite spoglie di Mr. Brown, in latitanza come lo era sempre stato da vivo, soggetto alle attenzioni di spie e polizia regia e la sua sepoltura fu oggetto di grandi discussioni politiche sull opportunità o meno di dare corso alla partecipazione popolare al viaggio funerario della sua salma sino a Genova. Senza dimenticare l oblio in cui per un cinquantennio circa cadde la rappresentazione della sua figura come, per altro, quella di altri Carlo Pisacane ad esempio nelle rappresentazioni del ricordo ufficiale. Nel racconto del Risorgimento, quindi, vi fu quello della monarchia sabauda e quello delle aspirazioni, spesso contrapposte, dei repubblicani, delle loro vicende cospirative e insurrezionali, spesso conclusesi tragicamente, del loro impegno culturale di promozione di una nuova idea di patria e di nazione. Vi fu il racconto del 848, della difesa della Repubblica Romana e della Repubblica di Venezia, delle cinque giornate di Milano, delle idee federaliste di Cattaneo, Ferrari, Tommaseo e tanti altri. Vi fu il racconto della generosa spinta volontaria che vide dagli anni 5 migliaia di giovani di tutti i ceti sociali rompere convenzioni e legami sociali e sentimentali, mettendo in gioco la propria vita per l unificazione e, all interno di questo racconto, quello specifico dell epopea garibaldina, con la spedizione dei Mille e le tante altre imprese, non tutte fortunate e vincenti, come quelle di Aspromonte e Mentana. All interno di questi momenti vi furono molteplici vicende personali: ci piace citare su tutte in questa introduzione quella di Antonia Masanello, giovane donna di Montemerlo (Cervarese Santa Croce) nel padovano che abbandonò i propri affetti e dopo aver falsificato i propri connotati anagrafici in Antonio, di sesso maschile, si aggregò al contingente di Gaetano Sacchi per raggiungere Garibaldi e i Mille in Sicilia. Vi fu, non va dimenticato, anche il racconto della delusione dell unificazione, dei problemi irrisolti, delle speranze tradite, di una classe dirigente dimostratasi spesso inadeguata ai compiti, dell imposizione militare del nuovo ordine statale nel meridione d Italia, della repressione delle rivolte e degli scioperi contadini e operai. Insomma una vicenda, quella del Risorgimento italiano, originale nel contesto europeo dell epoca Basti pensare alle elaborazioni federaliste maturate nel vivo dell insurrezione di Milano, all esperienza della Repubblica Veneziana e alla elaborazione della Carta costituzionale della Repubblica Romana, ripresa come spunto dagli stessi Costituzionalisti repubblicani per la scrittura della attuale nostra Costituzione.

14 introduzione e rivoluzionaria per i cambiamenti culturali e politici che determinò. Nell intreccio di tutti questi racconti in un unica e complessa narrazione c è stata anche la vicenda veneta e il contributo dei veneti a questo momento storico. Basti pensare alle città liberate dalle cittadinanze nel 848, le migliaia di adesioni volontarie alla difesa di Padova e Vicenza e l eroica resistenza veneziana. La comunanza tra ceti sociali diversi studenti e popolani a Padova, arsenalotti, nuovi ceti operai e artigiani e borghesia a Venezia, braccianti e cittadini in alcune parti della campagna veneta e, su tutto, l originale esperienza repubblicana e federalista veneziana. I tanti volontari veneti del 859 e del 866, i giovani che sfuggirono alla sorveglianza delle guardie di frontiera per raggiungere Garibaldi, quelli che si organizzavano in bande nel Veneto e quelli che tentarono i moti insurrezionali del 864 nel bellunese e in Friuli. Un racconto ricco anche quello regionale che si va ad aggiungere agli altri nella grande narrazione del Risorgimento italiano. Abbiamo ritenuto opportuno con la pubblicazione che proponiamo, alla luce delle riflessioni appena fatte, fornire un contributo per ricollocare la storia veneta di quel periodo nel contesto del Risorgimento e del difficile primo percorso unitario. Tutto ciò anche al fine di non cadere in una certa vulgata che afferma essere stato il Veneto avulso dalla storia risorgimentale e, per molti aspetti, contrario all unificazione. La pubblicazione risponde a questa interpretazione riaffermando che anche i veneti furono protagonisti come numero di volontari furono secondi solo ai lombardi di quel movimento di massa che dette vita al Risorgimento, un movimento minoritario se ci si limita a leggere solo i dati numerici sulla totalità della popolazione dell epoca ma maggioritario, se lo contestualizziamo nella società dell Ottocento. Una regione basata su un agricoltura arretrata e a volte arcaica, con una popolazione contadina povera e analfabeta, seppe fornire alle vicende che portarono all unificazione migliaia di patrioti, provenienti da tutti i ceti sociali. La scarsa affluenza al voto nel plebiscito del 866 non solo non spiega questo tipo di adesione e, ad esempio, la vasta popolarità di Garibaldi nel Veneto, ma rischia di dare una lettura errata delle dinamiche politiche e sociali di quella società. È altresì vero che la passione della lotta risorgimentale cozzò, subito dopo, con le ombre del passato, dei ceti dirigenti veneti passati dal governo austriaco a quello italiano, con una società arretrata e una classe dirigente poco incline alle innovazioni e alle modernizzazioni. Il lavoro che proponiamo si sviluppa in due parti relative a due distinti momenti della nostra storia: la prima riguarda la narrazione del Risorgimento, con un occhio particolare al Veneto e alla sua partecipazione al processo di unificazione nazionale; la seconda, avvalendosi della raccolta dei dati elettorali nei collegi veneti dal 866 al 9, riguarda la formazione dei gruppi politici e dei gruppi dirigenti regionali, con un occhio al contesto sociale in cui questo avvenne. Pensiamo con questo lavoro di avere modestamente contribuito alle Celebrazioni per i 5 anni dell Unità d Italia e di poter stimolare ulteriori approfondimenti. Claudio Giulio Rizzato Paolo De Marchi

15

16 parte prima Il movimento di massa del Risorgimento in Italia e nel Veneto

17

18 Capitolo primo Giovani d Italia Nei confronti del Risorgimento e dei suoi tanti protagonisti si è scontato per lungo tempo un deficit di memoria collettiva. Oggi, grazie anche al rinnovato interesse impresso dalle Celebrazioni per i 5 anni dell Unità d Italia, si manifesta un nuovo interesse per quel periodo storico fondativo della nostra nazione. Le ragioni di questa sorta di oblio della memoria collettiva nei confronti del Risorgimento e dei suoi protagonisti, della riduttiva e spesso inesatta percezione di cosa effettivamente fu e rappresentò quel periodo sono imputabili a molti fattori: l inesorabile scorrere del tempo, il contemporaneo spostamento dell interesse storico verso altri periodi, più recenti, della vita del nostro Paese e la progressiva cristallizzazione retorica della narrazione del Risorgimento che ha finito per emarginare o cancellare addirittura la complessità della vicenda, la ricchezza delle passioni, dei sentimenti e delle idee che ne hanno rappresentato il contenuto storico e sociale e che costituirono le fondamenta su cui nacque e oggi poggia la nostra nazione. Sembrano, quindi, rimanere di quel periodo solo tracce antiche, ricondotte quasi esclusivamente alla testimonianza monumentalistica e toponomastica; qualcosa anche nelle illustrazioni, non tanto in quelle dell arte pittorica che ne sono importante raffigurazione, lasciata all attenzione più colta o più attenta, ma soprattutto della manualistica scolastica e, ancor meno nella rappresentazione data del Risorgimento italiano dalla fiction televisiva e cinematografica, spesso vetusta e proposta con sempre maggiore sporadicità nel corso del tempo, salvo il recente meritevole lavoro cinematografico di Mario Martone Noi credevamo. In queste testimonianze ed immagini, i più importanti e rappresentativi personaggi dell epopea risorgimentale ci appaiono rappresentati quasi sempre come personaggi avanti negli anni, cioè persone mature quando non dei vecchi, Mario Martone Noi credevamo, sceneggiatura di Giancarlo De Cataldo e lo stesso Martone, Distribution,. Interessante anche il libro di Giancarlo De Cataldo I traditori, Torino, che può essere letto come compendio utile alla visione del film che qualche perplessità lascia soprattutto per quanto riguarda la comprensione dei contesti storici, delle opinioni e delle azioni dei personaggi lungo un tempo storico molto lungo rappresentato dal film. Per stare sempre alla citazione del pregevole film di Mario Martone Noi credevamo, tentativo interessante di far emergere la complessità del conflitto di idee e ideali nel movimento risorgimentale italiano e

19 8 il veneto tra risorgimento e unificazione per lo più dal piglio serio e spesso verboso. Tutte le vicende che li riguardano sembrano ingessate, lontane e in fondo prive di autentica passionalità. Non si tratta di una questione marginale, estetica, ma di una rappresentazione che falsa anche senza volerlo la realtà di quei momenti e non consente di cogliere la vitalità dell azione e del pensiero di quel rivoluzionario periodo della vita del Paese. Attraverso questo filtro di rappresentazioni e immagini non si riesce a coglie la portata del Risorgimento in quanto profondo processo rivoluzionario nazionale in un contesto di conflitti europei ricco di reazione legittimista e istanze rivoluzionarie nazionali e sociali; non si coglie come quel periodo sia stato ricco di grandi cambiamenti politici, economici e sociali determinati dall impegno di menti fresche, illuminate, generose e giovani. Se si perde la memoria e la percezione che di questo si è trattato, non si riesce neppure a raffigurarci com erano i suoi protagonisti, immersi nel vortice dell elaborazione delle idee, nelle avventure cospirative, nel vivo del fuoco delle insurrezioni urbane, delle spedizioni e delle battaglie militari: dei giovani disposti a lottare per una radicale trasformazione della condizione in cui vivevano. Il Risorgimento fu opera soprattutto di giovani uomini e giovani donne, così come lo fu il grande evento rivoluzionario europeo della Rivoluzione francese, che lo anticipò e che fece da detonatore all intera età delle rivoluzioni nazionali dell Ottocento. I protagonisti dell intera epopea di moti, rivolte, insurrezioni e rivoluzioni dell Ottocento, all interno della quale s inscrive a pieno titolo la nostra vicenda nazionale risorgimentale, furono soprattutto giovani, così come avvenne in tutti i grandi cambiamenti rivoluzionari. Giuseppe Mazzini aveva solo 6 anni quando, a passeggio per Genova con la madre, non ancora spentesi in Piemonte le repressioni seguite al fallimento dei moti del 8 4, di dare voce ai protagonisti che dalla vittoria unitaria usciranno, comunque, sconfitti, anche qui si cade in questo tipo di rappresentazione distorta dei personaggi dell epoca quando, ad esempio, nei giorni della fondazione della Giovane Italia, il ventiseienne Giuseppe Mazzini, nell interpretazione di Toni Servillo, appare ancora una volta come un signore nel pieno della maturità fisica. Si veda a questo proposito Eva Cecchinato Stagioni della Giovane Italia in P. Doglioni (a cura di) Giovani e generazioni nel mondo contemporaneo, Bologna, 9; Franco Della Peruta I giovani del Risorgimento in A. Varni (a cura di) Il mondo giovanile in Italia tra Ottocento e Novecento, Bologna, 998; Sergio Luzzatto Giovani ribelli e rivoluzionari (78994) in G. Levi e J. C. Schmitt (a cura di) Storia dei giovani, vol. II, Roma, ; Roberto Balzani I giovani del 48: profilo di una generazione in Contemporanea n./. 4 I moti del 88 iniziarono in Spagna diffondendosi poi in tutta Europa. La scintilla della rivolta in Spagna si accese a Cadice a seguito del rifiuto del contingente militare di partire per le colonie americane allo scopo di stroncare militarmente i governi indipendentisti che vi stavano nascendo. Sotto la guida di una parte degli ufficiali dell esercito l insurrezione mirò ad imporre al Re una Costituzione che rendesse possibile l avvio, appunto, di una monarchia costituzionale. Dopo un primo periodo in cui questo passaggio venne accettato, su spinta della Santa Alleanza, l esperienza costituzionale venne stroncata con la forza delle armi, abolita la nuova costituzione e immediatamente ripristinata la monarchia assoluta vigente in Spagna prima dei moti. Nel 8 si verificarono moti insurrezionali anche a Napoli, in Sicilia e nel marzo del 8 in Piemonte, anche qui con la richiesta di una nuova carta costituzionale. Questi moti rimasero tutti all interno di una visione che riconosceva come legittimi i governi monarchici ma tentava di riformarli in senso più democratico. Tutti i moti del 88 ebbero esito negativo: nel napoletano furono le truppe austriache a venire in aiuto di Re Ferdinando; in Piemonte la repressione venne svolta dalla stesse truppe sabaude: vi

20 giovani d italia 9 viveva una delle sue prime forti e formative emozione politiche. È lui stesso a parlarne nelle Cronache autobiografiche : Una domenica dell aprile 8, io passeggiavo, giovanetto, con mia madre e un vecchio amico della famiglia, Andrea Gambini, in Genova, nella Strada Nuova. L insurrezione piemontese era in quei giorni stata soffocata dal tradimento, dalla fiacchezza dei Capi e dall Austria. Gli insorti s affollavano, cercando salute al mare, in Genova, poveri di mezzi, erranti in cerca d aiuto per recarsi nella Spagna dove la Rivoluzione era tuttora trionfante. I più erano confinati in Sanpierdarena aspettandovi la possibilità dell imbarco; ma molti s erano introdotti ad uno ad uno nella città, ed io li spiava fra i nostri, indovinandoli ai lineamenti, alle fogge degli abiti, al piglio guerresco e più al dolore muto, cupo che avevano sul volto [...]. Un uomo di sembianze severe ed energiche, bruno, barbuto e con un sguardo scintillante che non ho mai dimenticato, s accostò a un tratto fermandoci; aveva tra le mani un fazzoletto bianco spiegato, e proferì solamente le parole: pei proscritti d Italia. Mia madre e l amico versarono nel fazzoletto alcune monete; ed egli s allontanò per ricominciare con altri. Seppi più tardo il suo nome. Era un Rini, capitano nella Guardia Nazionale che s era, sul cominciar di quel moto, istituita. Partì anch egli cogli uomini pei quali s era fatto collettore a quel modo; e credo morizze combattendo, come tanti altri dei nostri, per la libertà della Spagna. Quel giorno fu il primo in cui s affacciasse confusamente nell anima mia, non dirò un pensiero di Patria e di Libertà, ma un pensiero che si poteva e quindi si doveva lottare per la libertà della Patria. 5 Mazzini era appena ventenne quando, nel pieno della formazione culturale e politica, scriveva un saggio sul pensiero di Dante, cogliendone l ansia per un amore di patria da porre al di sopra di ogni interesse e visione particolaristica, rielaborando e attualizzando tale pensiero al servizio dello sforzo intellettuale per la costruzione di uno spirito unitario nell Italia frammentata in tanti stati regionali: [...] amore, che non nudivasi di pregiudizietti, o di rancori municipali, ma di pensieri luminosi d unione e di pace; che non restringevasi ad un cerchio di mura, ma sebbene a furono condanne a morte e la fuga per molti altri. Fra questi, una parte si trasferì in Spagna a sostenere l insurrezione che, per un triennio ancora, ebbe esiti positivi. Nel LombardoVeneto durante questo periodo vennero represse alcune società segrete, con arresti e conseguenti pesanti condanne contro gli oppositori del governo austriaco (i cospiratori più conosciuti furono Pietro Maroncelli e Silvio Pellico che vennero incarcerati nella fortezzaprigione dello Spillberg). I moti ebbero una coda nel 85 anche in Russia con l insurrezione decembrista (dal nome del mese) che venne anch essa brutalmente repressa. I fuggiaschi e/o gli esuli di cui parla Mazzini nelle sue memorie sono, appunto, i partecipanti ai moti piemontesi, di cui una parte scelse la via dell esilio in Spagna per contribuire, in quel Paese, alla realizzazione del processo rivoluzionario di riforma monarchica, coerenti nei comportamenti con lo spirito dei rivoluzionari dell epoca, fra i quali, le spinte nazionalistiche si sposavano perfettamente con una forte idealità internazionale. 5 Si tratta di un ricordo raccontato da Giuseppe Mazzini nelle Note autobiografiche, Milano, la cui citazione è da me ripresa dal libro di Lucio Villari Bella e perduta. L Italia del Risorgimento, Bari,.

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 11 IL RISORGIMENTO A cura di Maurizio Cesca Il congresso di Vienna... 1 Le idee liberali... 2 Le società

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano

Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano 1 2 3 Il periodo della storia dell'italia in cui l'affermarsi di una coscienza

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

Raccontare la Grande Guerra per immagini

Raccontare la Grande Guerra per immagini Raccontare la Grande Guerra per immagini 19 ottobre 2011 Dr. Marco Mondini ISIG- FBK mondini@fbk.eu I testi e i dati contenuti nella presentazione sono da considerarsi proprietà intellettuale dell autore.

Dettagli

Umberto Montefiori ASSALTO AL MONARCA

Umberto Montefiori ASSALTO AL MONARCA Assalto al Monarca Umberto Montefiori ASSALTO AL MONARCA se non riuscimmo non fu per mancanza di valore più dell ardire poté la sorte PATRIA e ONORE Alessandro Piòla Caselli www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

L Italia tra unità e disunità

L Italia tra unità e disunità L Italia tra unità e disunità Identità e senso di appartenenza Che cosa significa sentirsi italiani? (divario tra identità nazionale e identità italiana) Miti fondativi: romanità, Risorgimento, Resistenza

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

LE CINQUE GIORNATE DI MILANO

LE CINQUE GIORNATE DI MILANO LE CINQUE GIORNATE DI MILANO LE CINQUE GIORNATE DI MILANO Introduzione storica La storia del Risorgimento nazionale ha inizio il 18 marzo del 1848, quando nel capoluogo lombardo scoppiano i moti di rivolta

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

Risorgimento e Unità d'italia

Risorgimento e Unità d'italia Risorgimento e Unità d'italia Il Risorgimento è il periodo in cui i territori italiani ottengono nuovamente l'unità nazionale che l'italia aveva perso con la caduta dell'impero romano. Durante il Risorgimento

Dettagli

IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870. La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011

IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870. La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011 IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870 La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011 1815-1848 dalla restaurazione alla giovine italia LA

Dettagli

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO CARNIA 1944. UN ESTATE DI LIBERTÀ INCONTRO SULL ESPERIENZA DELLA REPUBBLICA LIBERA DELLA CARNIA ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA martedì 29 maggio 2012, ore 11 Aula Magna di Piazzale Kolbe

Dettagli

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Problemi strutturali dell economia italiana nell ottocento o squilibri nel settore agricolo (aziende moderne al nord,

Dettagli

DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'ETÀ DELL'IMPERIALISMO

DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'ETÀ DELL'IMPERIALISMO indice 1. Dalla restaurazione alle rivoluzioni del 1848 2. L affermazione della società borghese 3. L Italia dopo l unità 1815-1848 1850-1870 1860-1870 1.1 Gli stati europei durante la restaurazione 1.2

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia

Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia Dipinti, Sculture, Uniformi, Decorazioni, Armi antiche e Documenti Storici in un Percorso Tematico che Racconta la Storia del Regno d Italia www.collezionesabauda.it

Dettagli

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente GARIBALDI A PALERMO Giuseppe Cesare Abba nella sua Storia dei Mille fornisce un racconto dettagliato degli incredibili giorni che segnarono la fine del dominio borbonico a Palermo. Dopo lo sbarco a Marsala

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra ISTITUTO REGIONALE PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Gaetano Dato Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra 1938-1993 Quaderni 31 Con il contributo di

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

Saggi. Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores

Saggi. Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores Saggi Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores Ogni anno leggiamo con un senso di curiosità e anche d invidia il modo in cui due grandi democrazie, la Francia

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO Il giorno 16 aprile, noi della classe III H abbiamo avuto la possibilità di poter incontrare la professoressa Nadia Olivieri, dell Istituto della storia della Resistenza

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870)

L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870) L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870) Maria Grazia Bianchi Eger, 13 febbraio 2012 1 L immagine di Roma classica «Roma, 1 novembre 1786 [ ] non osavo quasi confessare a me stesso

Dettagli

Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna

Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna Laterza, 2014 Pagine 234 ISBN 978 8858111055 I padroni dei libri. 2014 Laterza Assaggio di lettura: pagine 203-205

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Concorso Piccola Caprera VII^ Edizione Tema:L'Amor di Patria

Concorso Piccola Caprera VII^ Edizione Tema:L'Amor di Patria Associazione Nazionale Volontari Bir el Gobi La Bandiera è il simbolo della Patria.Non importa se nel bianco ci siano stati lo Scudo Sabaudo o l'aquila Repubblicana.Sotto i suoi colori migliaia di Eroi

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO IX LEGISLATURA 30ª Seduta pubblica Giovedì 20 gennaio 2011 Deliberazione legislativa n. 1 OGGETTO: PROGETTO DI LEGGE RELATIVO A CELEBRAZIONI PER IL CENTOCINQUANTESIMO ANNIVERSARIO

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

ATTIVITÀ DEL DOCENTE

ATTIVITÀ DEL DOCENTE DOCENTE SIMONA RITA RIZZOLI MATERIA STORIA DESTINATARI 4CL ANNO SCOLASTICO 2012/2013 competenze CONCORDATE CON CONSIGLIO DI CLASSE Raggiunto (/no) motivazioni non raggiungimento 1 Agire in modo autonomo

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza Università della Terza Età UNITRE UNIVERSITÀ DELLE TRE ETÀ Anno accademico 2011-2012 - Lezione di martedì 8 novembre 2011 Bruno Ciapponi Landi Vicepresidente della Società Storica Valtellinese Tirano e

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli Proprietà letteraria riservata 1998 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07132-1 Prima edizione Rizzoli 1998 Seconda edizione BUR Storia giugno 2014 Seguici su: Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook:

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA L Impero russo alla fine del XIX secolo Un territorio immenso e multietnico retto da una monarchia assoluta che reprimeva ogni forma di opposizione. Profonda arretratezza nelle campagne: Il 90% della terra

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

L età giolittiana. Lezioni d'autore

L età giolittiana. Lezioni d'autore L età giolittiana Lezioni d'autore L Europa del primo Novecento L Europa all inizio del Novecento è all apice del suo sviluppo. Dopo il conflitto franco-tedesco del 1870 non c era più stata guerra al suo

Dettagli

La società francese alla fine del '700

La società francese alla fine del '700 La società francese alla fine del '700 Primo stato: ecclesiastici Secondo stato: nobili 2% della popolazione possiedono vaste proprietà terriere e sono esonerati dalle tasse. Possono riscuotere tributi

Dettagli

Il tema. Il federalismo (im)possibile

Il tema. Il federalismo (im)possibile CONFRONTI 3/2012 63 Il tema Il federalismo (im)possibile Nello scorso giugno, l incontro con Piero Bassetti sul tema Il federalismo (im)possibile ha inaugurato a Éupolis Lombardia un ciclo di seminari

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Fonte: http://www.cavarzereinfiera.it/artisti/beppinodirorai/index.html scaricato 210814 Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Personificazione

Dettagli

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*?

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? LA PARTENZA La valigia Con chi farai la valigia? Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? 4 Completa il cruciverba per scoprire il nome di un famoso stilista italiano.

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI alto clero basso clero nobiltà di spada nobiltà di toga alta borghesia borghesia masse popolari CLERO NOBILTÀ TERZO STATO * esenzione fiscale

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799)

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) COSA FU Fu un periodo di radicale e a tratti violento sconvolgimento sociale, politico e culturale occorso in Francia tra il 1789 e il 1799, i cui effetti principali

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

Nuovo Modello di Sviluppo delle BCC/CRA

Nuovo Modello di Sviluppo delle BCC/CRA Nuovo Modello di Sviluppo delle BCC/CRA Editoriale Futuro da scrivere. E questo il titolo del documento predisposto da Federcasse in preparazione del 14 Congresso Nazionale del Credito Cooperativo tenutosi

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

BATTAGLIONE CACCIATORI DI COMACCHIO

BATTAGLIONE CACCIATORI DI COMACCHIO BATTAGLIONE CACCIATORI DI COMACCHIO Franco Sasso 1 Il 6 gennaio 1860 il Capo di Stato Maggiore delle truppe della Lega dell Italia Centrale, colonnello Carlo Mezzacapo, inviò, dal quartier generale in

Dettagli

Appunti per un album di famiglia

Appunti per un album di famiglia Da Aldo Coccolo 1937, Feletto Famiglia Coccolo Bandulins di Angelo e Ancilla con figli e nipoti Appunti per un album di famiglia Feletto, 1811: in una antica mappa conservata all Archivio di Stato di Udine,

Dettagli

DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. UdA n. 1 Titolo: Il 700 :ILLUMINISMO E RIVOLUZIONE AMERICANA. Competenze attese a livello di UdA

DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. UdA n. 1 Titolo: Il 700 :ILLUMINISMO E RIVOLUZIONE AMERICANA. Competenze attese a livello di UdA MATERIA STORIA CLASSE 4 INDIRIZZO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento AFM,RIM,SIAEUCIP,TU R UdA n. 1 Titolo: Il 700 :ILLUMINISMO E RIVOLUZIONE AMERICANA Competenze attese a livello di UdA 1) Comprendere

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

11 Maggio 1860 Garibaldi e il suo esercito di volontari. 27 Maggio 1860 Garibaldi giunge a Palermo e la conquista il 30.

11 Maggio 1860 Garibaldi e il suo esercito di volontari. 27 Maggio 1860 Garibaldi giunge a Palermo e la conquista il 30. LA SPEDIZIONE DEI MILLE 1859 Crispi e Pilo cercano di organizzare un moto anti- Notte tra il 5 e il 6 Maggio Le Camicie Rosse sequestrano 25 Ottobre - Presa di Teano e Caserta - Garibaldi consegna le regioni

Dettagli