Le Sezioni A), B), C), D) e F) sono tra loro indipendenti. La Sezione E) RC Prodotti è subordinata alla Sezione B) RCT/O.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Sezioni A), B), C), D) e F) sono tra loro indipendenti. La Sezione E) RC Prodotti è subordinata alla Sezione B) RCT/O."

Transcript

1 Contenuti È un prodotto Multiramo costituito da 5 Sezioni: Sezione A) Incendio; Sezione B) Responsabilità Civile verso Terzi e Prestatori di Lavoro; Sezione C) Furto; Sezione D) Tutela Giudiziaria; Sezione E) RC Prodotti; Sezione F) Assistenza. Le Sezioni A), B), C), D) e F) sono tra loro indipendenti. La Sezione E) RC Prodotti è subordinata alla Sezione B) RCT/O. A chi si rivolge Il prodotto è destinato alle aziende di piccole e medie dimensioni che svolgano attività industriale o artigianale individuate tra quelle elencate in polizza. Stampati Fascicolo informativo Modello 991 Fascicolo informativo Modello 991 per polizze vincolate Per le Sezioni B) RCT/O ed E) RC Prodotti: Proposta-Questionario Mod Frazionamenti È possibile frazionare i premi in rate applicando i seguenti aumenti: semestrale 3%; quadrimestrale 4%; trimestrale 4,5%. In caso di pagamento tramite RID centralizzato non è prevista l applicazione degli interessi di frazionamento. Forme di pagamento Il pagamento del premio di polizza può essere effettuato: direttamente dal Contraente; mediante sistema R.I.D. (Rimessa interbancaria diretta) Durata La polizza non può avere durata inferiore all anno o superiore a 10 anni. È ammessa la tacita proroga annuale. Coassicurazione Indicizzazione È ammessa la coassicurazione. La polizza è sempre indicizzata per le sole sezioni Incendio e Furto; la condizione può essere eliminata richiamando la clausola di abrogazione I303. Per le sezioni RCT/O, RC Prodotti, Tutela Giudiziaria e Assistenza non è prevista indicizzazione. Modello Ed. 3/2012

2 Sezione A) Incendio Avvertenze Somme assicurabili e limiti assuntivi Nel caso in cui operi esclusivamente la presente Sezione Incendio, è ammesso il pagamento unico anticipato del premio in presenza di clausola di vincolo su polizza non indicizzata. In tal caso può essere superato il limite di durata di 10 anni, con durata massima di 30 anni. È obbligatorio assicurare almeno una tra le partite Fabbricato, Macchinario- Attrezzatura-Arredamento, Merci. Fabbricato e Rischio locativo somma complessiva assicurabile massima: Euro In autonomia dell agenzia valgono i seguenti limiti: categoria tariffaria 1-4: Euro ; categoria tariffaria 5-8: Euro ; categoria tariffaria 9-11: Euro ; categoria tariffaria 12-13: Euro Le categorie tariffarie 14 e 15 sono riservate all Ispettore tecnico. I settori Cartotecnica ( , , , , ) e Cascami ( ) sono riservati alla Direzione Generale. Macchinario-attrezzatura-arredamento e Merci somma complessiva assicurabile massima: Euro In autonomia dell Agenzia valgono i seguenti limiti: categoria tariffaria 1-4: Euro ; categoria tariffaria 5-8: Euro ; categoria tariffaria 9-11: Euro ; categoria tariffaria 12-13: Euro Le categorie tariffarie 14 e 15 sono riservate all Ispettore tecnico. I settori Cartotecnica ( , , , , ) e Cascami ( ) sono riservati alla Direzione Generale. Ricorso terzi: massimale assicurabile in autonomia dell agenzia fino ad Euro ,00. La garanzia può essere acquistata solo se presente in polizza la garanzia Fabbricato e/o Macchinario-Attrezzature-Arredamento e/o Merci. Maggiori costi: massimale assicurabile in autonomia dell agenzia fino ad Euro ,00. La garanzia può essere acquistata solo se presente in polizza la garanzia Fabbricato e/o Macchinario-Attrezzature-Arredamento e/o Merci. Modello Ed. 3/2012

3 Sezione A) Incendio Eventi atmosferici: la garanzia può essere acquistata solo se presente in polizza la garanzia Fabbricato e/o Macchinario-Attrezzature-Arredamento e/o Merci. Eventi sociopolitici: la garanzia può essere acquistata solo se presente in polizza la garanzia Eventi atmosferici. Grandine: la garanzia può essere acquistata solo se presente in polizza la garanzia Eventi atmosferici. Sovraccarico neve: la garanzia può essere acquistata solo se presente in polizza la garanzia Eventi atmosferici. Fenomeno elettrico: la garanzia può essere acquistata solo se presente in polizza la garanzia Fabbricato e/o Macchinario-Attrezzature- Arredamento. Clausole speciali Merci in refrigerazione: la garanzia può essere acquistata solo se presente in polizza la garanzia Merci. I043 Colpa Grave I304 Indennità aggiuntiva a percentuale nella misura fissa del 15% I501 Aumento limite per Modelli e stampi I502 Aumento limite per Infiammabili I503 Aumento Merci Speciali I603 Speciale Rapina e scippo I018 Fabbricato ad uso civile abitazione I019 Effetti domestici I184 Banchi e armadi frigoriferi I183 Celle frigorifere Modello Ed. 3/2012

4 Sezione A) Incendio Tariffa La tariffa varia in funzione della categoria tariffaria incendio relativa all attività assicurata ed è espressa con tassi finiti per mille, comprensivi degli accessori al 10% e dell imposta del 22,25%. Categoria tariffaria Fabbricato Macchinario- Attrezzatura- Arredamento Merci Rischio locativo Ricorso terzi Maggiori costi 1 0,52 0,87 1,16 0,40 0,40 1,50 2 0,58 0,98 1,21 0,46 0,46 1,50 3 0,64 1,04 1,27 0,52 0,52 1,50 4 0,69 1,10 1,33 0,58 0,58 1,50 5 0,98 1,39 1,50 0,75 0,75 1,50 6 1,04 1,44 1,62 0,81 0,81 1,50 7 1,10 1,50 1,67 0,87 0,87 1,50 8 1,16 1,62 1,73 0,92 0,92 1,50 9 1,67 2,14 2,66 1,33 1,33 1, ,79 2,31 2,77 1,44 1,44 1, ,91 2,43 2,95 1,50 1,50 1, ,54 3,18 3,93 2,02 2,02 1, ,89 3,47 4,16 2,31 2,31 1, ,79 5,54 6,29 3,81 3,81 1, ,45 8,49 9,59 5,95 5,95 1,50 Tariffa Merci in refrigerazione La tariffa varia in funzione della classe merci ed è espressa con tassi finiti per mille, comprensivi degli accessori al 10% e dell imposta del 22,25%. Classe merci Merci in celle frigorifere 01 Gelati, Surgelati, Uova 02 Burro, Pesci, Carni, Latte, Formaggi freschi 03 Ortofrutta, Dolci, Insaccati, Formaggi duri 04 Pellicce e tappeti Merci in refrigerazione in banchi o armadi frigoriferi Celle con sistema di Classe merci controllo temperatura SI 8,32 6,93 4,16 2,31 NO 12,47 10,40 6,12 3,47 Clausola Cod. I184 Tasso finito per mille 36,75 da applicarsi alla somma assicurata della partita Merci in refrigerazione Modello Ed. 3/2012

5 Sezione A) Incendio Tariffa Fenomeno elettrico La tariffa varia in funzione della categoria tariffaria fenomeno elettrico relativa all attività da assicurare ed è espressa con tassi finiti per mille, comprensivi degli accessori al 10% e dell imposta del 22,25%. I tassi si applicano alla somma dei capitali assicurati alle partite Fabbricato e Macchinario-Attrezzatura-Arredamento. Categoria tariffaria Tasso Fenomeno elettrico 1 5 0,18 Categoria Aumento/Sconto per franchigia tariffaria 500, , , , ,00 nessuna non non 1-15% -30% variazione ammessa ammessa nessuna non 2 +20% -20% -30% variazione ammessa 3 +50% +30% 4 5 non ammessa non ammessa nessuna variazione +60% +30% non ammessa -20% -30% nessuna variazione +40% +30% Limite di indennizzo Aumento tariffario ,00 nessun aumento ,00 +30% ,00 +60% , % -20% nessuna variazione Tariffa Eventi atmosferici e Grandine La tariffa varia in funzione della classe territoriale Eventi atmosferici relativa all ubicazione del rischio assicurato ed è espressa con tassi finiti per mille, comprensivi degli accessori al 10% e dell imposta del 22,25%. I tassi si applicano alla somma dei capitali assicurati alle partite Fabbricato, Macchinario-Attrezzatura-Arredamento e Merci. La garanzia Grandine, se selezionata, determina un incremento del premio della garanzia Eventi atmosferici. Modello Ed. 3/2012

6 Sezione A) Incendio I II III IV V Classe territoriale eventi atmosferici e grandine Agrigento, Caltanisetta, Catania, Catanzaro, Crotone, Enna, Nuoro, Palermo, Ragusa, Reggio Calabria, Siracusa Brindisi, Bolzano, Cagliari, Carbonia-Iglesias, Cosenza, Foggia, Frosinone, Lecce, Matera, Medio Campidano, Ogliastra, Olbia- Tempio, Oristano, Rieti, Roma, Sassari, Stato Città del Vaticano, Taranto, Trapani, Vibo Valentia, Viterbo Aosta, Arezzo, Ascoli Piceno, Bari, Barletta-Andria-Trani, Belluno, Benevento, Biella, Bologna, Campobasso, Chieti, Como, Cuneo, Fermo, Forlì-Cesena, Imperia, Isernia, L Aquila, Latina, Lucca, Macerata, Messina, Modena, Perugia, Pesaro Urbino, Pescara, Pistoia, Reggio Emilia, Siena, Sondrio, Teramo, Terni, Torino, Trento, Trieste, Verbano Cusio Ossola, Vercelli Ancona, Bergamo, Brescia, Caserta, Ferrara, Firenze, Genova, Grosseto, La Spezia, Lecco, Lodi, Milano, Monza-Brianza, Parma, Potenza, Prato, Ravenna, Repubblica di San Marino, Rimini, Varese, Verona, Vicenza Alessandria, Asti, Avellino, Cremona, Gorizia, Livorno, Mantova, Massa Carrara, Napoli, Novara, Padova, Pavia, Piacenza, Pisa, Pordenone, Rovigo, Salerno, Savona, Treviso, Udine, Venezia Classe territoriale Tasso eventi atmosferici Grandine I 0,18 +15% II 0,21 +20% III 0,23 +25% IV 0,31 +30% V 0,39 +35% Tariffa Sovraccarico di neve La tariffa varia in funzione della classe territoriale sovraccarico di neve relativa all ubicazione del rischio assicurato ed è espressa con tassi finiti per mille, comprensivi degli accessori al 10% e dell imposta del 22,25%. I tassi si applicano alla somma dei capitali assicurati alle partite Fabbricato, Macchinario-Attrezzatura-Arredamento e Merci. Modello Ed. 3/2012

7 Sezione A) Incendio I II III IV V Classe territoriale sovraccarico di neve Agrigento, Brindisi, Brindisi, Cagliari, Caltanisetta, Carbonia- Iglesias, Caserta, Catania, Crotone, Enna, Grosseto, Imperia, Latina, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Medio Campidano, Messina, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Palermo, Pisa, Ragusa, Reggio Calabria, Repubblica di San Marino, Roma, Salerno, Sassari, Siracusa, Stato Città del Vaticano, Trapani Bari, Barletta-Andria-Trani, Catanzaro, Firenze, Foggia, Genova, Gorizia, La Spezia, Lecce, Napoli, Nuoro, Pescara, Pordenone, Ravenna, Rovigo, Savona, Taranto, Terni, Treviso, Trieste, Venezia, Verona, Vibo Valentia Ancona, Benevento, Cosenza, Ferrara, Frosinone, Padova, Perugia, Pistoia, Prato, Rimini, Siena, Udine, Vicenza, Viterbo Alessandria, Arezzo, Ascoli Piceno, Avellino, Belluno, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia, Chieti, Como, Cremona, Forlì- Cesena, Isernia, L Aquila, Lecco, Lodi, Mantova, Matera, Milano, Monza-Brianza, Novara, Parma, Pavia, Piacenza, Potenza, Rieti, Sondrio, Teramo, Torino, Varese, Verbano-Cusio-Ossola Aosta, Asti, Campobasso, Cuneo, Fermo, Macerata, Modena, Pesaro Urbino, Reggio Emilia, Trento, Vercelli Classe territoriale Tasso sovraccarico di neve I 0,05 II 0,06 III 0,07 IV 0,08 V 0,10 Tariffa Eventi sociopolitici La tariffa varia in funzione della categoria tariffaria incendio relativa all attività da assicurare ed è espressa con tassi finiti per mille, comprensivi degli accessori al 10% e dell imposta del 22,25%. I tassi si applicano alla somma dei capitali assicurati alle partite Fabbricato, Macchinario-Attrezzatura-Arredamento e Merci. Categoria tariffaria Tasso eventi sociopolitici 1-4 0, , , ,57 Modello Ed. 3/2012

8 Sezione A) Incendio Sovrappremi per Clausole speciali Codice Titolo Sovrappremi I043 Colpa grave +15% su Fabbricato, Macchinario- Attrezzature-arredamento, Merci, Maggiori costi I304 Indennità Aggiuntiva a Percentuale +15% del tasso (comprensivo di eventuali sovrappremi) delle partite Fabbricato, Macchinario Attrezzature Arredamento e Merci. È incompatibile con l assicurazione della partita Maggiori costi I501 I502 I503 Aumento Limite per Modelli e Stampi Aumento Limite per Infiammabili Aumento Limite per Merci Speciali + 0,50 sulla sola partita Macchinario Attrezzature Arredamento + 0,20 sulle partite Fabbricato, Macchinario Attrezzature Arredamento, Merci, Rischio locativo, Ricorso Terzi +0,50 sulle partite Fabbricato, Macchinario Attrezzature Arredamento, Merci, Rischio locativo, Ricorso Terzi Modello Ed. 3/2012

9 Sezione B) RCT/O Campo di applicazione Garanzie prestate Imprese fino a 15 addetti (compresi i titolari) e fatturato non superiore a Euro ,00. Garanzia R.C.T. (morte, lesioni personali e danneggiamenti a cose): assicurazione operante per la responsabilità civile dell Assicurato per danni provocati a terzi nello svolgimento della attività assicurata. Garanzia R.C.O. (morte e lesioni personali): assicurazione operante per le lesioni subite dai collaboratori dell Assicurato. L assicurazione è prestata per una serie di eventi, tra cui: danni alle condutture e impianti sotterranei; proprietà e conduzione dei fabbricati; danni da interruzioni o sospensioni di attività; danni da mancata osservanza del Decreto Legislativo 81/08. Per le attività di installazione (rientranti nel settore 800 Servizi vari ) l assicurazione opera automaticamente anche per lavori eseguiti presso terzi. Per le altre attività l assicurazione può essere estesa ai lavori effettuati presso terzi richiamando l apposita clausola speciale. L assicurazione può inoltre essere completata inserendo in polizza il pacchetto Copertura Plus, che comprende a blocco una serie di garanzie. Operatività territoriale Clausole speciali Tutti i Paesi Europei, compresi i territori asiatici dei paesi già facenti parte dell'ex-urss. R284 Copertura Plus, che comprende le seguenti garanzie: - Prestatori d opera utilizzati nell ambito dell impresa - R.C. committenza lavori edili ai sensi del d.lgs. 81/08 - R.C. Inquinamento accidentale - Dipendenti non INAIL - RC Postuma R283 RC Postuma estesa R267 Lavori presso terzi R250 Clausola non cumulo dei massimali R.C.T./R.C.O. R251 Estensione garanzia R.C.O. alle malattie professionali R248 Spese di rimpiazzo (subordinata al richiamo della clausola R283) R415 Appalto/Subappalto (infortuni dipendenti di subappaltatori) Modello Ed. 3/2012

10 Sezione B) RCT/O Massimali assicurati in autonomia dell agenzia Tariffa Massimale RCT unico Massimale RCO per sinistro/per addetto Combinazione I / Combinazione II / Combinazione III / Combinazione IV / Combinazione V / La tariffa varia in funzione della categoria tariffaria RCG, della combinazione di massimali scelta e del numero degli addetti (compresi il titolare, i soci, i familiari coadiuvanti, gli apprendisti e i dipendenti iscritti a libro paga e i lavoratori parasubordinati) ed è espressa con premi annui finiti, comprensivi degli accessori al 10% e dell imposta del 22,25%. Massimali in migliaia di Euro Combinazione I RCT 500 unico RCO 500/250 Combinazione I RCT 500 unico RCO 500 unico Combinazione II RCT 750 unico RCO 750/350 Categoria tariffaria Per il primo addetto Per ogni addetto/ titolare oltre il primo Premio minimo 1 196,00 52,00 239, ,00 61,00 274, ,00 75,00 360, ,00 82,00 432, ,00 94,00 435, ,00 126,00 604, ,00 57,00 263, ,00 67,00 301, ,00 83,00 396, ,00 90,00 475, ,00 103,00 479, ,00 138,00 664, ,00 61,00 275, ,00 69,00 315, ,00 87,00 418, ,00 98,00 504, ,00 109,00 507, ,00 143,00 693,00 Modello Ed. 3/2012

11 Sezione B) RCT/O Massimali in migliaia di Euro Combinazione III RCT unico RCO 1.000/500 Combinazione IV RCT unico RCO 1.500/750 Combinazione V RCT unico RCO 2.000/1.000 Combinazione VI RCT unico RCO 2.500/1.250 Combinazione VII RCT unico RCO 3.000/1.500 Categoria tariffaria Per il primo addetto Per ogni addetto/ titolare oltre il primo Premio minimo 1 251,00 68,00 303, ,00 79,00 348, ,00 98,00 461, ,00 105,00 546, ,00 120,00 571, ,00 162,00 777, ,00 83,00 360, ,00 96,00 415, ,00 105,00 546, ,00 112,00 648, ,00 144,00 653, ,00 191,00 871, ,00 97,00 423, ,00 110,00 492, ,00 122,00 640, ,00 131,00 736, ,00 167,00 785, ,00 222, , ,00 110,00 462, ,00 126,00 538, ,00 140,00 700, ,00 149,00 804, ,00 191,00 858, ,00 252, , ,00 122,00 506, ,00 140,00 590, ,00 154,00 767, ,00 165,00 881, ,00 211,00 941, ,00 280, ,00 Tariffa di Responsabilità Civile verso Terzi (RCT) - Imprese Individuali L assicurazione viene prestata per l attività esercitata ed espressa in polizza tramite il codice attività e impone la presenza di un solo titolare e numero addetti pari a 0. La tariffa è espressa con premi annui finiti, comprensivi degli accessori al 10% e dell imposta del 22,25%. Modello Ed. 3/2012

12 Sezione B) RCT/O Massimali in migliaia di Euro RCT 500 unico RCT 750 unico R.C.T unico RC unico RCT unico RCT unico Categoria tariffaria Premio per il titolare 1 157,00 191, ,00 218, ,00 289, ,00 345, ,00 348,00 Premio minimo annuo 6 364,00 484, ,00 219, ,00 252, ,00 334, ,00 403, ,00 405, ,00 554, ,00 243, ,00 278, ,00 368, ,00 438, ,00 456, ,00 623, ,00 289, ,00 331, ,00 438, ,00 519, ,00 522, ,00 696, ,00 338, ,00 394, ,00 512, ,00 588, ,00 628, ,00 828, ,00 370, ,00 431, ,00 560, ,00 643, ,00 687, ,00 904,00 Modello Ed. 3/2012

13 Sezione B) RCT/O Massimali in migliaia di Euro RCT unico Categoria tariffaria Premio per il titolare 1 327,00 405, ,00 472, ,00 613, ,00 705, ,00 753,00 Premio minimo annuo 6 754,00 992,00 Tariffa Postuma estesa Tariffa Clausole Speciali Clausola speciale R283 selezionabile esclusivamente se l attività assicurata è Massimale risarcimento Sovrappremio o RCT ,00 +30% ,00 +40% ,00 +50% Codice Descrizione aumento/sconto R248 Spese di rimpiazzo +20% R250 No cumulo massimali -10% R251 Malattie professionali +15% R267 Lavori presso terzi +10% R283 Postuma estesa vedi tariffa R284 Copertura plus RCG +25% R415 Appalto/subappalto +10% sul premio o RCT Modello Ed. 3/2012

14 Sezione C) Furto Campo di applicazione Forma di assicurazione Somme assicurabili Clausole speciali Tariffa Assicurazione di: - merce macchinario attrezzatura arredamento; - archivi e supporti dati (fino al 10% della somma assicurata), se non oggetto di polizza elettronica; - valori (fino al 20% della somma assicurata, con massimo di Euro 5.000) - guasti cagionati da ladri (fino al limite annuo di Euro 1.500). L assunzione deve essere preventivamente autorizzata dalla Direzione Generale o dagli Ispettori Tecnici in caso di: rischio sinistrato negli ultimi 3 anni (assicurato o no in precedenza); rischio già assicurato con polizze di altre Compagnie. L assicurazione è prestata a Primo Rischio Assoluto, senza applicazione della regola proporzionale. Somme assicurabili: minima Euro 5.000,00; massima Euro ,00. F533 Copertura Plus, che comprende le seguenti garanzie: - Assicurazione integrativa Valori; - Reintegro; - Eventi sociopolitici; - Spese per impianti di prevenzione e mezzi di chiusura (indennità aggiuntiva). Le seguenti clausole speciali, se richiamate, vengono stampate in fase di emissione: F515 Mezzi di chiusura speciali F516 Impianto di allarme generico F517 Impianto di allarme collegato F520 Esclusione Merci Le clausole F516 e F517 sono tra loro incompatibili. La tariffa varia in funzione della classe territoriale furto relativa all ubicazione del rischio assicurato ed alla categoria tariffaria furto relativa all attività da assicurare ed è espressa con tassi finiti per mille, comprensivi dell imposta del 22,25%. Modello Ed. 3/2012

15 Sezione C) Furto I II III IV Classe territoriale Bari, Barletta-Andria-Trani, Brindisi, Caserta, Foggia, Napoli, Roma, Taranto Catania, Milano, Monza-Brianza, Padova, Palermo, Repubblica di San Marino, Salerno, Stato Città del Vaticano, Torino Avellino, Benevento, Bergamo, Bologna, Brescia, Campobasso, Catanzaro, Chieti, Cosenza, Crotone, Ferrara, Firenze, Forlì-Cesena, Frosinone, Genova, Isernia, Latina, Lecce, Livorno, Lodi, Massa Carrara, Matera, Messina, Pescara, Pisa, Pistoia, Prato, Ravenna, Reggio Calabria, Rimini, Siena, Trapani, Treviso, Varese, Venezia, Verona, Vibo Valentia, Vicenza, Viterbo Agrigento, Alessandria, Ancona, Aosta, Arezzo, Ascoli Piceno, Asti, Belluno, Biella, Bolzano, Cagliari, Caltanisetta, Carbonia-Iglesias, Como, Cremona, Cuneo, Enna, Fermo, Gorizia, Grosseto, Imperia, L Aquila, La Spezia, Lecco, Lucca, Macerata, Mantova, Medio Campidano, Modena, Novara, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Parma, Pavia, Perugia, Pesaro Urbino, Piacenza, Pordenone, Potenza, Ragusa, Reggio Emilia, Rieti, Rovigo, Sassari, Savona, Siracusa, Sondrio, Teramo, Terni, Trento, Trieste, Udine, Verbano Cusio Ossola, Vercelli Classe Categoria tariffaria territoriale I 39,56 51,43 67,26 79,12 II 29,67 38,57 50,44 59,34 III 25,71 33,43 43,72 51,43 IV 19,78 25,71 33,63 39,56 Tariffa Clausole speciali Codice Titolo Aumento/sconto F515 Mezzi di chiusura speciali -20% F516 Impianto di allarme generico -5% F517 F520 Impianto di allarme collegato Esclusione Merci -10% si app1icano i tassi della categoria tariffaria 1 per le rispettive classi territoriali F533 Copertura plus Furto +20% Modello Ed. 3/2012

16 Sezione D) Tutela Giudiziaria Campo di applicazione Imprese con fatturato fino Euro ,00 Garanzie prestate Assicurazione per la copertura delle spese sostenute dall Assicurato in sede giudiziale e stragiudiziale. La garanzia riguarda le spese: per l intervento di un legale; per l intervento di un perito; arbitrali; attinenti i primi due tentativi di esecuzione forzata; di giustizia nel processo penale; del legale di controparte, in caso di transazione autorizzata dalla Società, o quelle di soccombenza in caso di condanna dell'assicurato. Operatività territoriale Italia, Stato Città del Vaticano e Repubblica di San Marino e limitatamente alle controversie concernenti la responsabilità di natura extracontrattuale o penale anche paesi dell Unione Europea. Massimali assicurati in Combinazioni massimali sinistro/anno autonomia dell agenzia Euro ,00; Euro ,00. Tariffa La tariffa è espressa con premi e tassi finiti pro-mille comprensivi degli accessori al 10% e dell imposta del 21,25%. I tassi si applicano per fasce di fatturato e non per applicazione diretta. Massimali in Euro per sinistro/annualità , , , ,00 Premio minimo 160,00 209,00 259,00 330,00 Fatturato Fino a ,25 0,33 0,41 0,55 Da a ,20 0,25 0,32 0,44 Da a ,18 0,23 0,28 0,40 Clausole speciali Codice Titolo Aumento T105 Procedimenti Amministrativi D.lgs 81/08 e 196/ % Modello Ed. 3/2012

17 Sezione E) RC Prodotti Campo di applicazione Garanzie prestate Operatività territoriale Massimali assicurati Tariffa Imprese fino a 15 addetti (compresi i titolari) e fatturato non superiore a Euro ,00. Garanzia operante per la responsabilità civile dell Assicurato per danni involontariamente cagionati a terzi da difetto dei prodotti descritti in polizza - per i quali l'assicurato rivesta in Italia la qualifica di produttore - dopo la loro messa in circolazione, per morte, per lesioni personali e per distruzione o deterioramento materiale di cose diverse dal prodotto descritto in polizza difettoso. L'assicurazione vale per i prodotti per i quali l'assicurato rivesta in Italia la qualifica di produttore consegnati nei territori di qualsiasi Paese (esclusi USA, Canada e Messico) e per i danni ovunque verificatisi. Sono previste due combinazioni di massimali per sinistro e anno assicurativo: Euro ,00 e Euro ,00. La tariffa varia in funzione della categoria tariffaria RC Prodotti, del fatturato e del massimale scelto ed è espressa con premi annui finiti, comprensivi degli accessori al 10% e dell imposta del 22,25%. Fatturato fino a Euro ,00 Categoria tariffaria Massimale unico sinistro/anno , , ,00 435, ,00 782, , , , , , , , ,00 Fatturato fino a Euro ,00 Categoria tariffaria Massimale unico sinistro/anno , , ,00 565, , , , , , , , , , ,00 Modello Ed. 3/2012

18 Sezione F) Assistenza Garanzie prestate Limiti in autonomia dell agenzia Prestazioni ai locali assicurati La Sezione Assistenza è composta da due garanzie: prestazioni ai locali assicurati; prestazioni di soccorso stradale e traino ai veicoli commerciali di peso complessivo a pieno carico superiore a 35 quintali (individuale o flotta). Le prestazioni possono essere erogate fino ad un massimo di tre interventi per annualità assicurativa. La copertura Veicoli individuale è concedibile fino a 2 veicoli. La copertura Veicoli flotta è concedibile in autonomia fino a 200 veicoli. Prestazioni Massimali Recupero dati da computer - Invio di un artigiano per interventi ordinari - Interventi d emergenza impianto idrico 3 ore di intervento Interventi d emergenza per danni d acqua Euro 300,00 per sinistro Interventi d emergenza impianto elettrico 3 ore di intervento Fornitura temporanea di energia Euro 300,00 per sinistro Interventi d emergenza serrature e 3 ore di intervento strumenti similari Invio di una guardia giurata 12 ore di intervento Rientro anticipato A carico della Società Trasloco Euro 5.000,00 per sinistro Informazioni immobiliari - Informazioni su fiere nazionali e - internazionali Informazioni sugli autonoleggi in Italia - Prestazioni di soccorso Prestazioni Massimali stradale e traino Soccorso stradale e traino Euro 2.500,00 per sinistro Tariffa Assistenza locali assicurati Il premio annuo finito per polizza è di Euro 30,50 comprensivo di imposte del 10%. Modello Ed. 3/2012

19 Sezione F) Assistenza Assistenza veicoli (individuale e flotta) Il premi imponibili a cui devono essere aggiunte le imposte del 10%. Assistenza veicoli Numero veicoli Per veicolo assicurato individuale Fino a 2 220,00 Fino a ,00 Fino a ,00 Assistenza veicoli flotta Fino a ,00 Fino a ,00 Oltre ,00 Modello Ed. 3/2012

20 Relativamente ai codici di attività previsti dalla lista che segue, operano le seguenti regole: Attività appartenenti ai settori da 100 a 700 (esclusi servizi vari) L assicurazione è prestata in base all esplicita dichiarazione dell Assicurato che il genere di attività esercitata nell industria (o laboratorio) si identifica con quella individuata nell elenco che segue attraverso il codice attività, che compare nell apposita casella esistente in polizza. Per le attività classificate nei settori da 100 a 700, la categoria tariffaria è rappresentata, per ogni codice attività, dal numero riportato nella relativa colonna. Ove nell elenco non siano descritte attività ma prodotti si intende produzione, lavorazione, riparazione di. Sono ammesse e pertanto assicurate in ciascuna polizza anche attività appartenenti a codici diversi da quella dichiarata in polizza purché ascrivibili a categorie tariffarie uguali o inferiori. È, altresì, ammesso ed assicurato (se non esplicitamente escluso), sia il deposito di merci che non sono prodotte dall industria (o laboratorio) assicurata o che comunque non sono destinate ad entrare nel ciclo produttivo, sia l esercizio di attività commerciali di vendita anche al minuto, a condizione che tutto ciò abbia carattere secondario e coerente rispetto alla attività produttiva esercitata nell azienda assicurata. Relativamente alla Sezione INCENDIO, sono ammesse ed assicurate, sempre che non siano esplicitamente escluse, le seguenti operazioni di: confezionamento ed imballaggio verniciatura macinazione di sostanze combustibili asciugamento, essiccazione, affumicatura, arrostimento lavorazione del legno autolavaggio officina meccanica che siano complementari ed accessorie dell attività principale ed utilizzate per le esclusive attività dell impresa (anche se dette operazioni, considerate isolatamente, sono inquadrabili in una categoria tariffaria superiore a quella del codice attività indicato in polizza) e purché la superficie complessivamente coperta da ciascuna di queste attività non superi 1/5 della superficie complessiva dei piani dei fabbricati assicurati o contenente le cose assicurate. Relativamente alla Sezione FURTO, sono ammesse ed assicurate merci appartenenti a categorie tariffarie superiori a quella indicata in polizza, fino a un massimo del 20% della somma assicurata. Relativamente alla Sezione Tutela Giudiziaria, il codice attività ha solo valore ai fini statistici. Attività appartenenti al settore 800 (Servizi Vari) L assicurazione è prestata in base all esplicita dichiarazione dell Assicurato che il genere di attività esercitata si identifica con quella individuata nell elenco che segue attraverso il codice attività, che compare nell apposita casella esistente in polizza. Modello Ed. 3/2012

21 Codice Attività Settore Incendio Fenomeno elettrico Modello Ed. 3/2012 Furto Rc prodotti 100 ABBIGLIAMENTO ED ACCESSORI TESSILI ABBIGLIAMENTO Abiti e confezioni in genere anche con parziale imbottitura (esclusi quindi i piumoni, le giacche a vento e le confezioni imbottite in genere, anche se in solo deposito), senza impiego di tessuti gommati o cerati; maglierie (escluse elastiche), biancheria per abbigliamento. Escluse le pellicce Abiti e confezioni in genere con impiego di tessuti gommati o cerati o imbottiti: anche con impiego di materia plastica espansa od alveolare e/o di gomma spugna Biancheria da casa. Coperte, copriletto. Foderami Capi d abbigliamento in montone Confezioni in tessuto elastico Guanti (esclusi quelli in pelle), cravatte, calze Pellicce anche con tessuti APPARECCHIATURA DI FILATI Apparecchiatura di filati (orditura, ritorcitura, ecc.): inclusa incollatura Apparecchiatura di filati (orditura, ritorcitura, ecc.): esclusa incollatura APPARECCHIATURA DI TESSUTI Apparecchiatura di tessuti (garzatura, cimatura, calandratura, sanforizzazione, decatissaggio, bruciapelo, ecc.). Le fibre rigenerate e/o gli stracci eventualmente presenti sono ammessi senza alcuna limitazione Apparecchiatura di tessuti (garzatura, cimatura, calandratura, sanforizzazione, decatissaggio, ecc. ): senza impiego di infiammabili nel ciclo produttivo né spalmatura od impregnazione FILATURA Canapa, lino, iuta: filatura con qualsiasi operazione. Le fibre rigenerate e/o gli stracci eventualmente presenti sono ammessi senza alcuna limitazione

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Complementari 51828 Agrigento/Caltanissetta Totale Alberghiere 286547 Agrigento/Caltanissetta/Enna Totale Complementari 13157 Totale Alberghiere 339585 Alessandria

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - MONOPOLI DI STATO Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione La classifica finale classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione 1 Verbania 85,61% 36 Aosta 54,42% 71 Grosseto 45,88% 2 Belluno 74,49% 37 Bergamo 54,07% 72 Prato 45,51% 3 Bolzano 70,65% 38 Modena

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA Indaginedell Osservatorioperiodicosullafiscalitàlocale dellauilserviziopoliticheterritoriali IMU:IL17SETTEMBRELA2 RATADELLAPRIMACASA STANGATINAAUTUNNALEDA44EUROMEDICONPUNTEDI154EURO ADOGGI34CITTA CAPOLUOGOHANNOAUMENTATOL

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015)

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015) A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E ) NEL IL COSTO MEDIO DELLA TARI E DI 296 EURO, CON UN AUMENTO DI 10 EURO

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Università degli Studi G. d Annunzio Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Elaborazioni su dati di fonte

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI

Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI 1 Se g 1 è il peso proprio (carico permanente strutturale) e g 2 il carico permanente non strutturale e q il carico variabile, il carico sulla struttura si calcola:

Dettagli

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI REGIONE ABRUZZO Abruzzo SI SI NO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI SI NO SI Teramo SI SI DATI MARZO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI PARZIALI NO

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

Ing. S. Bettinelli Fiminox Spa. www.fiminox.it

Ing. S. Bettinelli Fiminox Spa. www.fiminox.it Ing. S. Bettinelli Fiminox Spa www.fiminox.it Solar by Fiminox Incentivi Definizione e scopo di struttura di supporto Definizione e scopo di sistema di fissaggio Compatibilità dei materiali di supporto

Dettagli

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia CLASSIFICA CAPOLUOGHI ECOSISTEMA URBANO XXI edizione Dei 26 parametri Ecosistema da quest anno ne prende in considerazione 18. Il set di indicatori è composto ora da tre indici sulla qualità dell aria

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

CARICHI NEVE E VENTO

CARICHI NEVE E VENTO Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì CARICHI NEVE E VENTO AGGIORNAMENTO 25/10/2011 CARICO NEVE (NTC2008-3.4) Il carico neve si considera agente in direzione verticale

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F.

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA Ufficio Scolastico Regionale di OGGETTO: Domanda

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 Oggetto: Versamenti volontari del settore agricolo - anno 2007. Sommario: 1) Lavoratori agricoli dipendenti 2) Coltivatori diretti, mezzadri e coloni e imprenditori

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata,

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata, ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti Via A. Gramsci, 2 15121 Alessandria Tel. 0131/316265 e-mail: alessandria.r.dipartimento@inail.it-posta certificata: alessandriaricerca@postacert.inail.it

Dettagli

Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL

Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL IL 16 GIUGNO SI VERSA L ACCONTO DELL IMU E DELLA TASI PER GLI IMMOBILI DIVERSI DALL ABITAZIONE PRINCIPALE: QUASI 25

Dettagli

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento Allegato 1 Data limite entro cui la Provincia, in assenza del Comune capoluogo di provincia, convoca i Comuni dell ambito per la scelta della stazione appaltante e da cui decorre il tempo per un eventuale

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale doce ed educativo Provincia Scuola infanzia Scuola primaria Scuola secondari a di I grado Scuola

Dettagli

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE.

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. TAGLIANDO DEL 30% I COSTI DELLA POLITICA DEI COMUNI SI TROVEREBBERO RISORSE PER 900 MILIONI PER ATTENUARE IL CARICO FISCALE PER LAVORATORI

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera.

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera. +5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno La sempre maggiore presenza di imprese gestite da stranieri rappresenta un ostacolo per gli imprenditori italiani, ma il vero problema rimane

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a .0 c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere, occupazione: nel 2009 più opportunità per laureati e diplomati Laureati in Economia e ragionieri, pur calando di numero, mantengono la prima posizione nella

Dettagli

Appendici al Conto generale del patrimonio

Appendici al Conto generale del patrimonio Appendici al Conto generale del patrimonio Appendice 1 Beni mobili ATTIVITA' (Mobili) - Consistenze e variazioni di beni mobili divisi per > e > Tabella MINISTERI CATEGORIA

Dettagli

INIZIATIVE IN CORSO EXPO MILANO 2015 GIUBILEO ROMA 2015 MAGGIORI CITTÀ ITALIANE

INIZIATIVE IN CORSO EXPO MILANO 2015 GIUBILEO ROMA 2015 MAGGIORI CITTÀ ITALIANE INIZIATIVE IN CORSO EXPO MILANO 2015 GIUBILEO ROMA 2015 MAGGIORI CITTÀ ITALIANE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00394126 Data invio 13/02/2014

Dettagli

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura c o m u n i c a t o s t a m p a Cooperative: 70mila quelle, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20%

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

Polizza Multirischi per la Piccola e Media Impresa

Polizza Multirischi per la Piccola e Media Impresa Polizza Multirischi per la Piccola e Media Impresa Tariffe e Norme assuntive Polizza Multirischi per la Piccola e Media Impresa Norme assuntive 2 Sezione INCENDIO 9 Sezione FURTO E RAPINA 23 Sezione RESPONSABILITÀ

Dettagli

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 28 febbraio 2014 prot. n. 1479 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

Ufficio Città Totali Distretto

Ufficio Città Totali Distretto Ufficio Città Totali Distretto Procura della Repubblica Termini Imerese 296 Palermo Procura della Repubblica Sciacca 254 Palermo Ufficio di Sorveglianza Trapani 108 Palermo P.G. della Rep. presso Corte

Dettagli

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia Decreto Direttoriale 16 novembre 2000 Approvazione del piano di distribuzione territoriale delle sale destinate al gioco del Bingo. (G.U. 29 novembre 2000, n. 279, S.O.) Art. 1-1. È approvato l'allegato

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati.

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati. PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 2013 Tutti i diritti riservati. i valori scendono in campo È un percorso formativo che unisce e valorizza tante e differenziate attività. Un

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011

SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011 SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011 INDICE INDICE... 2 1 LA BANCA DATI CAP DELIVERY POINTS STRADE... 3 1.1 SCHEMA DEI DATI... 4 1.2 DESCRIZIONE DELLE TABELLE... 5 Strade... 5 Versione...

Dettagli

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011 Tabella riportante per ciascun ambito le date aggiornate per l intervento sostitutivo della Regione di cui all'articolo 3 del, in caso di mancato avvio della gara da parte dei Comuni, in seguito a DL n.69/2013

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

PREVENZIONE E SOCCORSO

PREVENZIONE E SOCCORSO ANNUARIO DELLE STATISTICHE UFFICIALI DEL MINISTERO DELL INTERNO - ed. 215 a cura dell Ufficio Centrale di Statistica Cod. ISTAT INT 12 Settore di interesse: AMBIENTE E TERRITORIO Titolare ATTIVITÀ DI SOCCORSO

Dettagli

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare Nello scenario peggiore tutti i prodotti immobiliari fruttano il doppio dei Btp a 10 anni (2%) In Italia l investimento in immobili è sempre più

Dettagli

Per le riparazioni fuori Garanzia:

Per le riparazioni fuori Garanzia: Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Packard Bell Italy S.r.l. tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199...

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Roma 14 maggio 2004. Il Dirigente UGenerale. Agli Uffici Provinciali Loro Sedi. Ai Dirigenti degli Uffici Centrali e Provinciali Loro Sedi

Roma 14 maggio 2004. Il Dirigente UGenerale. Agli Uffici Provinciali Loro Sedi. Ai Dirigenti degli Uffici Centrali e Provinciali Loro Sedi Roma 14 maggio 2004 DIREZIONE GENERALE VIA A. BALLARIN 42 00142 ROMA Il Dirigente UGenerale II Agli Uffici Provinciali Ai Dirigenti degli Uffici Centrali e Provinciali Agli Enti iscritti all INPDAP (tramite

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Elenco dei numeri dei conti correnti "Poste italiane Proventi di Filiale..." da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio

Elenco dei numeri dei conti correnti Poste italiane Proventi di Filiale... da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio AGRIGENTO 306928 POSTE ITALIANE SPA FILIALE AGRIGENTO - PROVENTI DI FILIALE IT75P0760116600000000306928 ALBA 15674286 POSTE ITALIANE SPA FILIALE ALBA PROVENTI FILIALE IT89P0760110200000015674286 ALESSANDRIA

Dettagli

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento 000013255112 IT-48-J-07601-10400-000013255112 INPDAP CONTRIBUTI VARI ALESSANDRIA 000012080636 IT-47-Q-07601-02600-000012080636 INPDAP CONTRIBUTI VARI ANCONA 000011499654 IT-90-Y-07601-03600-000011499654

Dettagli

Indicatori di domanda e offerta in materia civile dei Tribunali italiani (per circondario). Anno 2012 Sedi completamente rispondenti.

Indicatori di domanda e offerta in materia civile dei Tribunali italiani (per circondario). Anno 2012 Sedi completamente rispondenti. Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Indicatori di domanda e offerta in materia civile dei Tribunali italiani (per circondario). Anno 2012 Sedi completamente rispondenti. Circondario

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE La struttura imprenditoriale Report 2 / 2012 1862-2012 150 anni per lo sviluppo Camera di Commercio Forlì-Cesena UFFICIO STATISTICA E STUDI OSSERVATORIO

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

ABRUZZO. Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l'abruzzo, con sede a L Aquila

ABRUZZO. Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l'abruzzo, con sede a L Aquila ABRUZZO Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l'abruzzo, con sede a L Aquila 2 Soprintendenza unica Archeologia, belle arti e paesaggio per la città

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli