Osservatorio nazionale delle politiche abitative e Osservatori regionali nel quadro di collaborazione con i Focal points europei dell housing sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio nazionale delle politiche abitative e Osservatori regionali nel quadro di collaborazione con i Focal points europei dell housing sociale"

Transcript

1 Federcasa Lombardia Associazione R egionale ff fra ll le Aziende Lombarde per l Edilizia Residenziale Casa e Opere Pubbliche Osservatorio nazionale delle politiche abitative e Osservatori regionali nel quadro di collaborazione con i Focal points europei dell housing sociale Piano di Fattibilità per la realizzazione di una Rete Internazionale di Focal points e Osservatori dell housing sociale a cura di IRER Lombardia Tomo 8 Osservatorio Regionale sulla Condizione Abitativa Studi e Ricerche

2 Federcasa Lombardia Associazione Regionale fra le Aziende Lombarde per l Edilizia Residenziale Casa e Opere Pubbliche Federcasa Lombardia Associazione R egionale f ra l e Aziende Lombarde per l Edilizia Residenziale Osservatorio nazionale delle politiche abitative e Osservatori regionali nel quadro di collaborazione con i Focal points europei dell housing sociale Piano di Fattibilità per la realizzazione di una Rete Internazionale di Focal points e Osservatori dell housing sociale a cura di IRER Lombardia Osservatorio Regionale sulla Condizione Abitativa Studi e Ricerche Milano, dicembre 2008

3 Responsabile di progetto: Guido Gay responsabile di progetto IReR Gruppo di ricerca: Giacomo Boesso, Giovanna Michelon, Laura Garavello, Silvia Pilotato, Fabio Orsi, Dipartimento di Scienze Economiche M. Fanno Università di Padova.

4 Osservatorio nazionale delle politiche abitative Indice Introduzione... 5 Capitolo I focal points e gli osservatori europei ed italiani Focal point del Belgio Focal point dell Irlanda Focal point dei Paesi Bassi Focal point della Finlandia Focal point della Repubblica Ceca Focal point del Regno Unito Observatoire du Logement Social Ile-de-France Focal point e observatoire del Lussemburgo Observatoire de l habitat Lussemburgo Osservatorio regionale del sistema abitativo Emilia Romagna Osservatorio casa Comune di Venezia Altre realtà investigate (solo tabella) Nomisma Federcasa ANCE ISTAT Banca d Italia CNEL Capitolo Osservatori sulla condizione abitativa e new public management Scopi, finalità e struttura di un osservatorio regionale Capitolo Programmazione e controllo in una logica di network tra i diversi focal points ed osservatori nazionali ed internazionali Il network approach Valenza e specificità del network per gli osservatori sulle politiche abitative Il sistema di controllo nell ambito del network Il sistema di controllo per gli osservatori Capitolo Il sistema informativo Capitolo La gestione del sistema informativo in una logica di network Osservatorio e fabbisogni informativi I livelli informativi Gestione della conoscenza in una logica di rete Obiettivi e contenuti del sistema informativo Qualità dell informazione: strumenti e metodologie Il patrimonio cognitivo

5 Federcasa Lombardia Regione Lombardia Capitolo Conclusion: the european network of national and regional social housing observatories (e.n.s.h.o) BIBLIOGRAFIA PIANO DI FATTIBILITÀ PER LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE INTERNAZIONALE DI FOCAL POINTS E OSSERVATORI DELL HOUSING SOCIALE

6 Osservatorio nazionale delle politiche abitative Introduzione La presente relazione analizza l organizzazione e le attività di un campione d Osservatori sulla Condizione Abitativa Italiani e Focal Points Europei così come risultano dalle informazioni disponibili sui siti web istituzionali. Successivamente discute come gli Osservatori regionali potrebbero rafforzare la propria sfera d azione e legittimità implementando processi proposti dalla recente letteratura sul public management ed infine fornisce alcune considerazioni relativamente all utilità di una struttura reticolare che coinvolga i principali Osservatori europei. Obiettivo della ricerca è l ampliamento delle conoscenze relativamente all organizzazione e alla struttura degli Osservatori, con particolare riferimento alle modalità di lavoro, ai prodotti forniti ed alle basi dati utilizzate. L analisi delle informazioni raccolte è poi collegata: [1] al possibile modello organizzativo di un Osservatorio regionale che si caratterizzi come ufficio di supporto al più generale processo di pianificazione e controllo delle politiche abitative e [2] all ipotesi di favorire ed implementare una struttura reticolare tra i diversi Osservatori europei. Entrambi gli approfondimenti sono affrontati cercando di descrivere le sinergie ed i vantaggi che le amministrazioni locali potrebbero trarre da queste specifiche soluzioni organizzative. Il primo capitolo sintetizza le informazioni disponibili in rete relativamente ad esperienze italiane e straniere. L analisi evidenzia una sostanziale uniformità e presenta gli Osservatori come organizzatori e più raramente produttori di dati e statistiche sulla condizione abitativa. Il secondo capitolo discute le funzioni che un Osservatorio posto a livello intermedio tra policy makers e nucleo operativo - con incarichi di verifica dei fabbisogni abitativi, d analisi della ricaduta delle politiche e d indirizzo dei nuovi interventi - dovrebbe invece assolvere secondo le teorie del new public management. Il terzo capitolo costituisce un approfondimento relativamente agli obiettivi di una rete d Osservatori che vogliano implementare le attività ed i processi precedentemente descritti: evolvendo dalla gestione di dati e statistiche verso il governo di processi maggiormente integrati di pianificazione e controllo delle politiche abitative. Il quarto capitolo introduce il concetto di sistema informativo secondo la letteratura manageriale. Il quinto capitolo descrive in dettaglio il sistema informativo di un Osservatorio secondo una logica di network, mentre il sesto capitolo propone l adozione di un modello reticolare, possibilmente integrato a livello internazionale, che colleghi i diversi Osservatori e li coinvolga in specifici progetti tesi a costruire in maniera incrementale base dati comuni e good practices generalmente condivise. La ricerca presenta, in ultima analisi, un modello di network cooperativo che si legittimi e rafforzi in maniera graduale, si costituisca con logica down-top (implementato dalla base operativa degli Osservatori locali), con investimenti iniziali minimi, immediatamente operativo su studi e ricerche mutuamente individuati ed a complessità crescente, incardinato su sistemi informativi costruiti e integrati nel corso del tempo piuttosto che costituiti prima dello sviluppo di specifici progetti. 5

7

8 Osservatorio nazionale delle politiche abitative Capitolo 1 I focal points e gli osservatori europei ed italiani La ricerca si apre presentando le informazioni disponibili sui siti web istituzionali di Focal Points ed Osservatori, principalmente internazionali ma anche italiani, che da un approfondita indagine condotta a tappeto nel periodo luglio-settembre 2005 si sono rivelati essere i più dettagliati. Successivamente tali informazioni, per quel che riguarda l Italia, sono arricchite riassumendo le informazioni relative al comparto casa disponibili presso le principali banche dati nazionali. In sintesi, l analisi ha interessato: Focal points: Belgio Irlanda Paesi Bassi Finlandia Repubblica Ceca Regno Unito Lituania ** Danimarca ** Svezia ** Slovenia ** Estonia ** Lettonia ** Slovacchia ** Portogallo ** Germania ** Spagna ** Osservatori: Ile-de-France Lussemburgo Emilia Romagna Comune di Venezia Comune di Firenze ** Comune di Pisa ** Portale degli Osservatori Regionali Italiani ** ** Solo tabelle sintetiche, sui siti disponibili solo scarse informazioni. Produzione statistica nazionale: Nomisma Federcasa Ance Istat Banca d Italia Cnel 7

9 Federcasa Lombardia Regione Lombardia I siti web dedicati agli Osservatori sono ancora poco diffusi, tuttavia l analisi comparata delle informazioni disponibili presso le diverse fonti fa emergere alcune interessanti tendenze comuni: 1. I focal points europei si caratterizzano come punti d informazione relativamente alle politiche erogate ed alle principali statistiche relative al comparto casa (più o meno sofisticate secondo i diversi Paesi). 2. La maggior parte dei focal points pubblica dei bollettini e dei documenti specifici al fine di presentare le tematiche di maggiore attualità ed alimentare il dibattito in corso. 3. Gli Osservatori (nazionali ed internazionali) sino ad ora istituiti si caratterizzano rispetto ai focal points per una maggiore attenzione al disagio abitativo, alle sue cause ed alle tendenze future (prima area di specificità degli Osservatori). 4. Sui siti nazionali non sono presenti chiari riferimenti alla ricaduta delle politiche attuate, mentre questo sembra essere la seconda area di specificità presidiata dal ristretto numero d Osservatori che si sono dati una precisa struttura organizzativa ed un sito web articolato e dal solo focal point del Belgio. 5. Infine, terza area di specificità, solo sui siti degli Osservatori e del focal point belga, sono individuati (più o meno analiticamente) i partners istituzionali e privati che dovrebbero essere coinvolti nella discussione ed analisi degli interventi di social housing. 8

10 Osservatorio nazionale delle politiche abitative 1.1. Focal point del Belgio Ministero / Ente di riferimento : il Focal Point del Belgio fa parte della Direction Générale de l Aménagement du territoire, du logement et du patrimoine, connessa con il Ministero della Vallonia. Sito internet : Organizzazione: il sito è organizzato in diverse sezioni che permettono di avere informazioni precise sulle finalità e le caratteristiche delle politiche abitative nonchè sulle diverse iniziative intraprese e sulle organizzazioni o associazioni che ricoprono un ruolo nell ambito dell housing : le politiche abitative: presentazione, finalità, soggetti coinvolti; elenco degli interventi implementati a sostegno del disagio abitativo, suddisivi in aiuti verso gli individui, aiuti sociali ed altre tipologie di aiuti; pubblicazioni ad opera della Direzione Generale, in particolare «Les Echos du Logement»; riferimenti normativi, tra cui il «Code Wallon du Logement». Présentation de la Division du Logement "Un toit pour tous", "Agir", "Ensemble",... Cliquez ici! Vous désirez tout connaître sur le "Prêt jeunes"? Réglementation, explications précises, liste des organismes conventionnés,... (lire suite) Détecteurs d'incendie Législation, F.A.Q.,... (voir) "Echos du Logement" Parution du n (voir) Fiches location Modèle de bail, garantie locative, état des lieux,. (lire suite) Logements de transit et d'insertion Rapport annuel à télécharger (destiné aux opérateurs des dits logements)... Code wallon du Logement Téléchargez le Code wallon du Logement officieux - mars 2004 Visualisez le Code wallon du Logement sur le site "Wallex" 9

11 Federcasa Lombardia Regione Lombardia Modèle d'élaboration et de présentation du programme communal d'actions en matière de logement Ce document est destiné aux communes ainsi qu'aux acteurs, aux opérateurs et aux organismes qui participent à la politique locale du logement (document au format.doc) Memento du Logement Toutes les questions sur le droit au logement en Wallonie ont leur réponse dans Le Mémento du logement en Région wallonne (lire suite) Les différentes aides Prime à la réhabilitation, prime à l'acquisition, l'assurance contre la perte de revenus, logements d'insertion... (voir) Foire aux questions Concernant la prime à la réhabilitation et les aides aux locataires (voir) Visite virtuelle de six types d'habitat en Wallonie Projet de sensibilisation à l'habitat initié par la DGATLP. Réalisation: Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'université de Liège Appui logisitique : Institut d'eco-pédagogie (voir) Housing Statistics in the European Union 2004 Dernière version des statistiques sur le logement dans les Etats de l'union européenne publiées à l'initiative de la Suède et de la République tchèque. Documentazione prodotta. La maggior parte delle informazioni relative all attività della Direzione Generale è ottenibile esclusivamente dalla diverse sezioni del sito, in quanto l unico documento pubblicato periodicamente, il bimestrale «Les Echos du Logement», si occupa dell approfondimento di alcune tematiche particolari (tra gli ultimi argomenti trattati il ruolo delle politiche abitative nell ambito della coesione sociale, il regime fiscale da applicare alle abitazioni non occupate, la relazione tra la disponibilità di un alloggio decente e la salute degli occupanti). Definizione / finalità di housing sociale: secondo la Direzione Generale, in ambito europeo non esiste una definizione generalmente accettata di housing sociale, per quanto si sia soliti utilizzare l espressione in riferimento alla tipologia di proprietario dell alloggio. Il ruolo delle politiche abitative di tipo sociale è tuttavia considerato fondamentale per le ricadute che esse comportano in termini di coesione sociale, miglioramento ambientale, stimoli per l economia. Destinatari primari di tali politiche sono considerati i nuclei caratterizzati da redditi modesti o da condizioni soggettive o sociali particolari, che richiedono abitazioni di tipo sociale o contributi per il pagamento del canone di locazione. Di conseguenza gli obiettivi fondamentali della Direzione Generale riguardano: il rinnovamento del patrimonio abitativo sociale; l adeguamento e la diversificazione dell offerta in base alle esigenze ed alle caratteristiche della domanda di alloggi; la messa a disposizione di un numero adeguato di abitazioni a canone moderato per quelle fasce di popolazione con redditi bassi e condizioni soggettive particolari. 10

12 Osservatorio nazionale delle politiche abitative Tale azione politica deve essere compiuta attraverso la collaborazione di Regione, Province e Comuni nonchè di tutte le associazioni ed organismi pubblici che hanno un ruolo nell ambito delle politiche abitative. Pour réussir Pour trouver les bonnes solutions, la Région wallonne doit pouvoir compter sur la compétence de tous ses partenaires : "Le Code fait confiance aux acteurs du terrain, les stimule, les situe par rapport à un objectif ambitieux qui les concerne tous et qu'ils ne peuvent rencontrer qu'ensemble, celui d'organiser le droit au logement." (Exposé des motifs du Code du logement). La Société Wallonne du Logement Les Sociétés de logement de service public Le Fonds du Logement des Familles Nombreuses de Wallonie La Société wallonne du crédit social Les guichets du crédit social Les provinces et les communes Les Centres Publics d'aide Sociale Les Agences Immobilières Sociales Les organismes à finalité sociale Les Comités Consultatifs des Locataires et Propriétaires Les Régies des Quartiers Ils bénéficient tous de l'appui de la Région wallonne et de son Administration du logement 11

13 Federcasa Lombardia Regione Lombardia Politiche abitative ed interventi implementati: le politiche implementate dalla Direzione Generale per il sostegno abitativo riguardano: aiuti individuali, tra cui rientrano incentivi all acquisto, al miglioramento, alla ristrutturazione della propria abitazione e sussidi di copertura delle spese di locazione; aiuti «sociali», che riguardano la messa a disposizione di alloggi a canone sociale o moderato; altri tipi di aiuto. Produzione Statistica: la Direzione Generale non si occupa di produrre, raccogliere e mettere a disposizione degli utenti informazioni statistiche relative alle caratteristiche della domanda d abitazioni di tipo sociale ed alle peculiarità dell offerta. Mancano di conseguenza anche contenuti relativi alla verifica dei risultati e degli effetti delle differenti politiche abitative implementate, che confermano come l obiettivo primario della Direzione Generale sia quello non tanto di agire da Osservatorio ma di interagire con i destinatari degli interventi di sostegno. Esiste un Osservatorio della Condizione Abitativa? Non esiste a livello regionale un Osservatorio della condizione abitativa, in quanto l Observatoire de l Habitat si occupa dello studio e dell osservazione dell ambiente ed in particolare del mercato edilizio. È stato tuttavia da poco istituito l Observatoire du Logement presso la città di Charleroi, le cui finalità sono: analizzare l evoluzione del settore edilizio distinguendo l andamento del settore privato e di quello pubblico ed inoltre osservare le variazioni dei prezzi di acquisizione e affitto delle abitazioni; studiare le politiche più indicate per il sostegno alle famiglie in affitto che beneficiano di risorse relativamente modeste; tenere una banca dati permanente relativa alle caratteristiche dell offerta di alloggi per localizzazione, dimensioni, prezzi, occupazione e della domanda, in particolare analizzando le peculiarità dei diversi segmenti di popolazione interessata ad abitazioni di tipo sociale; assicurare un adeguata informazione sulle politiche di sostegno implementate tanto in relazione all acquisto che all affitto a tutti i soggetti potenzialmente interessati Focal point dell Irlanda Ministero / Ente di Riferimento: il Focal Point irlandese è rappresentato dal Department of the Environment, Heritage and Local Government. Sito Internet: Organizzazione: accedendo alla sezione Housing, il sito è composto da alcune sezioni tra cui: Housing policy, sezione che presenta il ruolo e le finalità delle politiche abitative irlandesi nonché i principali interventi di sostegno implementati; Housing bodies, in cui vengono elencate tutte le organizzazioni ed istituzioni pubbliche che hanno un ruolo-chiave nello studio delle strategie di intervento e nell offerta di abitazioni; Social housing, sezione dedicata alla definizione delle politiche abitative di tipo sociale e di alcune tipologie specifiche di destinatari, in primo luogo gli homeless ; Housing statistics, in cui vengono raccolte le pubblicazioni periodiche di tipo statistico e gli studi o le normative di riferimento del settore; 12

14 Osservatorio nazionale delle politiche abitative Documentazione prodotta: le diverse pagine del sito internet del Dipartimento permettono di avere un quadro piuttosto chiaro delle linee guida delle politiche abitative irlandesi. Non esiste peraltro un rapporto pubblicato periodicamente da cui emergano nuove tendenze, studi, ricerche o elaborazioni sui dati statistici, ma l aggiornamento continuo delle pagine on-line permette di seguire attentamente l evoluzione delle problematiche connesse al disagio abitativo. Definizione e Finalità di Housing Sociale: l obiettivo primario di ogni politica abitativa irlandese è quello di mettere a disposizione di tutti un abitazione decente; tale fine viene perseguito concedendo incentivi fiscali a quei soggetti che hanno la possibilità di avere accesso ad un alloggio grazie alle loro risorse e mettendo a disposizione alloggi di tipo sociale o un programma di sostegno al reddito a quelle fasce di abitanti le cui condizioni economiche non permettano loro di godere di un abitazione accettabile. Di conseguenza con housing sociale ci si riferisce all insieme degli interventi destinati a quei soggetti che non sono in grado di accedere ad un alloggio sul mercato con i propri mezzi. I principali attori delle politiche sociali sono le Local Authority Housing e le Voluntary and Co-Operative Housing, che mettono in atto i programmi, gli interventi ed i servizi predisposti e finanziati dal Dipartimento governativo. Tra i destinatari di qualsiasi politica sociale rientrano gli homeless irlandesi o stranieri. Politiche Abitative ed Interventi Implementati: gli strumenti di intervento messi in opera dal Dipartimento governativo irlandese sono finalizzati a: incentivare la proprietà della casa per coloro che lo desiderano e dispongono delle risorse adatte; sviluppare e fare da supporto ad un ampio settore sociale destinato a coloro che non sono in grado di accedere ad un abitazione mediante le loro risorse; favorire la conservazione e lo sviluppo dello stock abitativo; controllare i prezzi ed intervenire per regolare eventuali distorsioni nel mercato privato della locazione; in particolare, fra gli strumenti rientranti nelle politiche di housing sociale rientrano: Capital Assistance Scheme; Rental Subsidy Scheme; Tenant Partner Scheme; Shared Ownership Scheme; Income Eligibility Test; Affordable Housing Scheme; Mortgage Allowance Scheme. Verifica dei risultati delle Politiche Sociali: benché non esista un rapporto periodico che presenta ed elabora i risultati delle politiche intraprese (a parte l inserto statistico), l Housing Update, un breve documento pubblicato dal Dipartimento, ha la funzione di commentare i dati relativi allo sviluppo del mercato edilizio ed al numero di beneficiari di ciascun intervento. 13

15 Federcasa Lombardia Regione Lombardia Produzione statistica: il sito del Dipartimento governativo irlandese mette a disposizione una produzione statistica assai completa ed aggiornata relativa al mercato immobiliare, alla domanda di alloggi sociali ed ai risultati delle politiche abitative implementate. Le due principali opere sono l Annual Housing Statistic Bulletin ed i Quarterly Bulletins. Tematiche Trattate: le diverse pubblicazioni, siano esse rapporti trimestrali o relazioni finali annuali, contengono un data-set standardizzato, le cui principali tematiche riguardano: l andamento dell attività edilizia; i prezzi di acquisto delle abitazioni; i mutui per l acquisto delle case; caratteristiche del parco abitativo sociale, cercando in particolare di mettere in luce la numerosità degli alloggi di proprietà di Local Autorities e cooperative nonché i beneficiari delle politiche implementate per il sostegno al pagamento della locazione o all acquisto di un alloggio sociale; mercato privato della locazione. 14

16 Osservatorio nazionale delle politiche abitative Fonti. È il Dipartimento stesso, in collaborazione con le diverse istituzioni che hanno un ruolo nel mercato immobiliare, a produrre e diffondere i dati periodicamente. Periodicità. Ogni tre mesi a partire dal marzo di ogni anno viene pubblicato il Quarterly Housing Statistic Bulletin contenente i dati relativi al periodo in corso. Successivamente a fine anno viene diffuso il riepilogo annuale. Da notare come la produzione statistica del Dipartimento sia assai aggiornata e approfondita ma manchi di commenti e studi sui risultati pubblicati. Esiste un Osservatorio della Condizione Abitativa? Non esiste in Irlanda un Osservatorio della Condizione Abitativa, per quanto il Department of the Environment, Heritage and Local Government assolve in modo assai esauriente ad alcuni compiti che un Osservatorio dovrebbe avere, in particolare la produzione di materiale statistico aggiornato, standardizzato ed approfondito. Esso svolge anche il compito di comunicare efficacemente alla popolazione le politiche abitative messe a disposizione del cittadino e, assumendo decisioni in stretta collaborazione con gli altri Dipartimenti e le istituzioni ed organizzazioni pubbliche, crea una struttura che permette l adozione di interventi condivisi. Mancano semmai studi e ricerche periodiche che elaborino i dati a disposizione per valutare in profondità l evoluzione delle caratteristiche di domanda ed offerta di abitazioni Focal point dei Paesi Bassi Ministero / ente di riferimento: il focal point olandese dell Housing rientra nel Netherlands Ministry of Housing, Spatial Planning and the Environment. Sito Internet: 15

17 Federcasa Lombardia Regione Lombardia Organizzazione: la sezione Housing del sito del ministero si occupa al suo interno con una certa precisione di numerosi argomenti tra cui: la politica dei Paesi Bassi nell Housing: finalità, obiettivi, riferimenti costituzionali; gli inteventi di sostegno all acquisto ed all affitto; le politiche di housing sociale: destinatari ed obiettivi; bandi d assegnazione e moduli di richiesta per la partecipazione ai benefici abitativi previsti (sezione disponibile solo nella versione in lingua originale del sito); i documenti programmatici; l Housing Quality Survey ; trend recenti ed evoluzione del mercato edilizio. Documentazione prodotta: la presente ricerca analizza principalmente la documentazione pubblicata dalla versione internazionale del sito, da cui emerge come le divese sezioni dello stesso siano utilizzate per fornire un quadro sintetico ma assai preciso ed esauriente delle politiche abitative olandesi, delle loro finalità e soprattutto delle iniziative intraprese per il sostegno al disagio connesso con la casa. Inoltre vengono messi a disposizione del lettore documenti programmatici a lungo termine che permettono di inquadrare in modo più approfondito le peculiarità del mercato edilizio e dei bisogni delle diverse fasce di popolazione e le prospettive future del fenomeno abitativo. Definizione e finalità di housing sociale. La Costituzione dei Paesi Bassi definisce obiettivo del Governo la messa a disposizione di un numero sufficiente di alloggi per la popolazione. Tale obiettivo nell ultimo decennio è tuttavia stato raggiunto e gli sforzi governativi si sono concentrati soprattutto sul miglioramento della qualità delle abitazioni. In particolare, le finalità prinicipali delle politiche abitative olandesi sono: rinfonzare il diritto dei cittadini di scegliere liberamente tra disporre di un alloggio in affitto o di proprietà; assicurare la disponibilità di case poco costose per nuclei caratterizzati da un reddito medio-basso o soggetti rientranti in fasce specifiche (anziani, disabili); rinnovare, migliorare o mantenere le città e le abitazioni mediante la differenziazione dell offerta di abitazioni; rendere più libero e flessibile il mercato della costruzione di case nel rispetto delle necessità dei destinatari sociali ; promuovere una stretta collaborazione con le associazioni e gli attori dell housing olandese e con le corrispettive istituzioni europee. Non esiste una definizione di housing sociale, ma appare evidente come dalle politiche dei Paesi Bassi si possa parlare di sociale in riferimento a: i destinatari delle diverse politiche, in particolare nuclei con bassi redditi, disoccupati, anziani e disabili; le abitazioni in affitto messe a disposizione dalle associazioni. Politiche Abitative e Interventi Implementati: gli interventi messi in opera dal Governo olandese per il sostegno al problema abitativo sono assai numerosi e diversificati in base ai differenti destinatari; essi possono essere riassunti in: politiche per l affitto: sono rivolte particolarmente a soggetti con scarse risorse economiche e consistono in aiuti finanziari means-tested (l Individual Rent Subsidy) e in un sistema di regolazione dell incremento dei canoni d affitto valido per le locazioni pubbliche e private; messa a disposizione di un ampio numero di alloggi in affitto di proprietà di associazioni da destinare alla fascia più sociale della domanda di abitazioni; 16

18 Osservatorio nazionale delle politiche abitative politiche per l acquisto: consistono in un vasto spettro di interventi che va dalla possibilità per gli affittuari di case sociali di acquistarle ad un prezzo scontato, a garanzie pubbliche sui mutui contratti per l acquisto di una nuova abitazione (Home Ownership Guarantee Fund), ad aiuti finanziari nel pagamento del mutuo (Grants for Owner-Occupied Housing), ad incentivazioni fiscali; Studio della Condizione Abitativa / Domanda sociale: il documento intitolato What People Want Where People Live costituisce il punto di patenza per le politiche abitative olandesi nel decennio compreso fra il 2001 ed il Esso fornisce un analisi di base delle caratteristiche della condizione abitativa olandese e di conseguenza traccia gli obiettivi da raggiungere nella definizione di nuovi interventi. In particolare vengono analizzate: l evoluzione del mercato edilizio in termini di numero di costruzioni e prezzo all acquisto; le caratteristiche quantitative e qualitative dei nuclei economicamente più a disagio; la numerosità, le richieste ed i possibili interventi nei confronti delle persone anziane (ossia coloro che hanno un età superiore ai 65 anni); la localizzazione della domanda e offerta di alloggi (città, zone limitrofe, aree rurali). Produzione statistica: il Dutch Housing Quality Survey rappresenta uno studio effettuato ogni 5-6 anni dal Governo olandese per il monitoraggio delle caratteristiche qualitative delle abitazioni dei Paesi Bassi. Si tratta di una ricerca periodica, effettuata su un campione consistente di abitazioni, utilizzata poi dal Ministero di competenza per determinare e valutare l evoluzione delle peculiarità degli alloggi ed eventualmente studiare conseguenti nuovi interventi. Tematiche: le variabili inserite nei questionari e successivamente analizzate sono decise non solo dal Ministero competente ma derivano da una consultazione che riguarda ministeri, associazioni ed organizzazioni che hanno un ruolo ed un interesse attivo nell ambito dell housing. Tra le tematiche trattate vi sono: consistenza numerica ed evoluzione delle abitazioni; la qualità delle abitazioni dal punto di vista funzionale (numero e dimensione delle stanze, ascensore o scale); aspetti energetici (riscaldamento, acqua calda); caratteristiche ambientali (sicurezza, qualità delle vie e della zona di localizzazione dell alloggio); caratteristiche soggettive degli abitanti (età, stato civile, lavoro, reddito, educazione). 17

19 Federcasa Lombardia Regione Lombardia Periodicità: la ricerca viene effettuata ogni 5-6 anni. Fonti: la ricerca condotta direttamente dal Ministry of Housing, Spatial Planning and the Environment. Bisogna peratro notare come altri riferimenti statistici pubblicati sul sito sono tratti in particolare da Statistic Netherlands, l ente statistico olandese. Esiste un Osservatorio della Condizione Abitativa? Almeno a livello centrale non esiste un Osservatorio nazionale della condizione abitativa. Il sito del Ministero nella sezione housing fornisce un quadro piuttosto esauriente delle politiche abitative implementate e degli obiettivi perseguiti. La versione internazionale del sito mette a disposizione documenti programmatici riassunti ma ben curati, mentre la consultazione dei dati statistici ottenuti dalla Housing Quality Survey è possibile solo dalla versione olandese del sito Focal point della Finlandia Ministero / ente di riferimento: Ministry of the Environment. Sito internet: Organizzazione: accedendo dal sito del Ministry of the Environment finlandese alla sezione housing si ha la possibilità di reperire numerose informazioni relative alla situazione del mercato edilizio del posto, alle caratteristiche peculiari delle diverse fasce della domanda ed alle principali politiche abitative implementate. In particolare, il sito è suddiviso in sezioni riguardanti alcune tematiche fra cui: le linee guida dell housing finlandese; quadro sintetico delle caratteristiche del sistema abitativo finlandese; principali interventi di sostegno implementati (in particolare, politiche di incentivo alla proprietà, di supporto alla locazione e di sostegno all offerta di nuovi alloggi); documenti di valutazione delle politiche abitative implementate e raccolta statistica di informazioni sul settore; collegamento a The Housing Fund of Finland, agenzia governativa pubblica operante sotto la supervisione del Ministro dell Ambiente per l implementazione delle politiche sociali, in particolare rivolta alla produzione di case sociali da assegnare in affitto ma anche alla concessione di garanzie e prestiti. 18

20 Osservatorio nazionale delle politiche abitative Documentazione prodotta: non esistono rapporti, studi o ricerche periodiche pubblicate dal sito, tuttavia dalle pagine dello stesso è possibile raccogliere informazioni sintetiche e dettagliate relativamente agli obiettivi, all organizzazione ed alle politiche finlandesi, nonché usufruire di un data-set esauriente. Definizione e finalità di housing sociale: secondo la Costituzione finlandese, le pubbliche autorità statali hanno il compito di promuovere il diritto di ciascun cittadino ad avere una casa. In particolare, gli obiettivi recentemente stabiliti hanno riguardato: la necessità di assicurare l esistenza di un mercato sociale e regionale che rimanga stabile e caratterizzato da prezzi equi; la priorità di offrire a tutti gli homeless un abitazione degna; l incremento della qualità del parco abitativo nazionale. Pur non esistendo una definizione di housing sociale, è evidente come le pubbliche autorità statali consistano non solo nel mettere a disposizione alloggi sociali di proprietà pubblica a quei soggetti che ne hanno necessità ma anche nell implementare aiuti economici e finanziari destinati a risolvere le situazioni di difficoltà di alcune fasce della popolazione considerate bisognose, tra cui anziani, homeless, disabili, nuclei mono-reddito o comunque con scarse risorse, giovani che lasciano la casa familiare, nuclei uni-personali. Politiche Abitative e Inteventi Implementati: le politiche abitative finlandesi sono finalizzate sia ad incentivare la proprietà che a sostenere i nuclei che risiedono in locazione, sia essa appartenente al settore pubblico o privata. In particolare si distinguono: interventi a favore della costruzione, restaurazione o acquisizione di abitazioni; essi comprendono incentivi fiscali sui contratti di mutuo, garanzie statali che riducono l obbligo di prestare garanzie individuali, riduzione dei tassi di interesse sui finanziamenti; supporto alla costruzione di alloggi sociali da destinare in affitto a specifiche categorie in stato di necessità. Tali interventi si materializzano sostanzialmente in finanziamenti ed agevolazioni pubbliche verso housing companies, comuni, organizzazioni non profit, aziende edilizie a capitale pubblico; housing allowances, ossia sussidi diretti finalizzati alla riduzione dell incidenza delle spese per la casa delle famiglie economicamente più deboli. In Finlandia esistono tre tipologie diverse di allowance, una relativa al sistema abitativo generale e le altre due rivolte a pensionati e studenti. Studio della Condizione Abitativa / Domanda Sociale: sebbene non vi sia un rapporto periodico che studia l evoluzione della domanda sociale nonché le caratteristiche soggettive delle fasce che necessitano di sostegno al disagio abitativo, il sito del Ministero offre una panoramica piuttosto esauriente sull evoluzione: 19

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

HOUSING EUROPE REVIEW The nuts and bolts of European social housing systems

HOUSING EUROPE REVIEW The nuts and bolts of European social housing systems 2012 HOUSING EUROPE REVIEW The nuts and bolts of European social housing systems 1 2 Housing Europe Review 2012 The nuts and bolts of European social housing systems Published by CECODHAS Housing Europe

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Esiste dal 1919 e opera in oltre 120 paesi

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli