UNIONE INDUSTRIALE PISANA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE INDUSTRIALE PISANA"

Transcript

1 UNIONE INDUSTRIALE PISANA

2 SISTRI 2014 Sintesi normativa in vista dell operatività del sistema Ing. Fabrizio Vitale UNIONE INDUSTRIALE PISANA LA BASE LEGALE Il SISTRI nasce ufficialmente nel 2009 con il D.M. 17/12/2009. La base legale del SISTRI è oggi data dagli artt. 188-bis (Controllo della tracciabilità dei rifiuti) e 188-ter (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI)) del D.Lgs. 152/2006, introdotti dal D.Lgs. 205/2010. Questi articoli sono stati successivamente modificati dal D.L. 101/2013: art. 188-bis aggiunto il comma 4-bis art. 188-ter sostanzialmente riscritto 1

3 LA BASE REGOLAMENTARE Il regolamento-quadro del SISTRI è dato dal D.M. 52/2011, più volte modificato, ma la cui versione attuale non risulta allineata: alle più recenti disposizioni di legge, soprattutto per quanto riguarda il campo di applicazione, ai manuali. Non si tratta di un fatto nuovo, perché in questi anni le modifiche alle procedure informatiche e ai manuali hanno di regola preceduto le disposizioni regolamentari cui dovevano appoggiarsi. ALTRE DISPOSIZIONI In materia di SISTRI sono state emanate diverse altre disposizioni, sia a livello legislativo che regolamentare, connesse soprattutto a proroghe di termini. Il 31 ottobre 2013 è stata diramata la prima circolare interpretativa del Ministero dell ambiente (1/2013). La raccolta completa delle disposizioni è reperibile nella sezione Informazioni/Normativa del sito web del SISTRI, ma a livello di file PDF della Gazzetta Ufficiale e non come testi integrati. 2

4 In sintesi D.Lgs. 152/2006 come modificato dal d.lgs. 205/2010: artt. 188-bis, 188-ter, 189, 190, 193 nella formulazione in vigore dal 1 agosto 2014 art. 11 del D.L. 101/2013 come convertito dalla legge 125/2013 D.Lgs.. 152/2006 come modificato dal d.lgs. 205/2010 art. 260-bis D.M. 52/2011 circolare del Ministero dell Ambiente n. 1/2013 manuale operativo 7 agosto 2013 e guide disponibili sul sito SISTRI quadro sinottico normativo e tecnico e FAQ disponibili sul sito SISTRI atti normativi documenti di riferimento CAMPO DI APPLICAZIONE La più importante novità occorsa negli ultimi mesi è la restrizione del perimetro dell obbligatorietà del SISTRI ad opera del D.L. 101/2013, dal quale sono stati esclusi i gestori e i produttori di rifiuti non pericolosi. Questo comporta a livello industriale l esclusione dall obbligo di circa il 90% dei rifiuti e di circa il 40% dei produttori. Con decreto ministeriale può però essere disposto l allargamento a ulteriori categorie di soggetti che effettuano il trattamento di rifiuti. 3

5 CAMPO DI APPLICAZIONE Sono oggi obbligati ad avvalersi del SISTRI le imprese e enti che: a) sono produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi; b) costituiscono nuovi produttori di rifiuti pericolosi, dove per nuovi produttori si intendono coloro che sottopongono i rifiuti pericolosi ad attività di trattamento ed ottengono nuovi rifiuti (eventualmente, anche non pericolosi) diversi da quelli trattati, per natura o composizione, ovvero che sottopongono i rifiuti non pericolosi ad attività di trattamento ed ottengono nuovi rifiuti pericolosi, e per i quali l iscrizione è dovuta sia nella categoria gestori che in quella produttori; CAMPO DI APPLICAZIONE c) raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale, compresi i vettori esteri che operano all interno o in partenza dal territorio nazionale (la circolare 1/2013 chiarisce che con la locuzione trasporto a titolo professionale si intende il trasporto conto terzi); d) in caso di trasporto intermodale, ricevono in affidamento i rifiuti speciali pericolosi in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell impresa navale o ferroviaria o dell impresa che effettua il successivo trasporto (le modalità di applicazione del SISTRI al trasporto intermodale saranno comunque definite con appositi decreti); e) effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento di rifiuti pericolosi, sia urbani che speciali; f) effettuano commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, sia urbani che speciali. 4

6 CAMPO DI APPLICAZIONE I soggetti non obbligati possono utilizzare il SISTRI a titolo volontario. La circolare n. 1/2013 ha chiarito che l adesione volontaria deve essere comunicata mediante un apposita modulistica, non ancora disponibile, e che l adesione può essere ritirata in qualsiasi momento. I soggetti iscritti al SISTRI oggi esclusi dall obbligo e che non intendono avvalersene devono restituire gli strumenti informatici ricevuti in comodato d uso. In attesa di indicazioni ministeriali Confindustria ha predisposto uno schema di comunicazione. Produttori di rifiuti I produttori di rifiuti obbligati ad aderire a SISTRI: produttore iniziale di rifiuti speciali pericolosi: il soggetto la cui attività produce rifiuti speciali pericolosi; nuovo produttore : chiunque effettui operazioni di pretrattamento, miscelazione o altre operazioni che hanno modificato la natura o la composizione del rifiuto: 1) Impianto di trattamento di rifiuti pericolosi che produce rifiuti pericolosi rifiuti non pericolosi 2) Impianto di trattamento di rifiuti non pericolosi che produce rifiuti pericolosi 5

7 Trasportatori di rifiuti Trasportatori di rifiuti obbligati ad aderire a SISTRI: le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti speciali pericolosi prodotti da terzi (categoria 5); le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti speciali pericolosi da loro prodotti (categoria 5 e comma 8); le imprese che trasportano rifiuti urbani nella regione Campania; i vettori esteri che operano sul territorio nazionale (cabotaggio); i vettori esteri che effettuano trasporti transfrontalieri in partenza dall Italia (circolare ministeriale ). Soggetti dell intermodalità Soggetti dell intermodalità obbligati ad aderire a SISTRI: gli armatori, i noleggiatori o i raccomandatari marittimi da questi incaricati; i terminalisti e le imprese portuali; i responsabili degli uffici merci e gli operatori logistici presso le stazioni ferroviarie, gli interporti, gli impianti di terminalizzazione e gli scali merci. Un d.m. definirà le modalità di applicazione di SISTRI al trasporto intermodale. 6

8 Gestori di impianti di recupero e smaltimento ed altri gestori di rifiuti di terzi I gestori di impianti tenuti all adesione al SISTRI sono: i recuperatori di rifiuti speciali pericolosi; gli smaltitori di rifiuti speciali pericolosi; i trasportatori e i centri di raccolta di rifiuti urbani in Campania; i gestori di impianti di recupero o smaltimento di rifiuti urbani pericolosi (sperimentazione dal 30 giugno 2014). Ed inoltre: i commercianti e gli intermediari di rifiuti pericolosi (speciali ed urbani). AVVIO OPERATIVITÀ La data da cui avviare l utilizzo del SISTRI è stata oggetto di numerose proroghe, giustificate dall esigenza di modificare e integrare il sistema per sopperire alle numerose carenze emerse dal confronto con gli operatori. Fin dall inizio sono stati fissati due diversi termini: la data dalla quale è richiesto di cominciare ad utilizzare il SISTRI in parallelo alla gestione cartacea preesistente, la data dalla quale il SISTRI diventa l unico sistema ammesso. 7

9 AVVIO OPERATIVITÀ - STORIA Nella versione originaria l avvio era fissato al: 13 luglio 2010 per i produttori con più di 50 dipendenti e per i gestori, 12 agosto 2010 per gli altri produttori di rifiuti pericolosi e per i produttori di rifiuti non pericolosi con più di 10 dipendenti, con obbligo di uso esclusivo dopo un mese. La successiva proroga (D.M. 9/7/2010) ha unificato il termine di avvio al 1 ottobre 2010 con gestione parallela fino al 1 novembre 2010, poi portata al 31 dicembre 2010 (D.M. 28/9/2010) e al 31 maggio 2011 (D.M. 22/12/2010). AVVIO OPERATIVITÀ - STORIA Nuova proroga della data di avvio dell uso esclusivo ad opera del D.M.26/5/2011, ma modulandola come segue: 1 settembre 2011 per gestori, trasportatori oltre 3000 t/a e produttori con più di 500 dipendenti; 1 ottobre 2011 per i produttori da 251 a 500 dipendenti; 2 novembre 2011 per i produttori da 51 a 250 dipendenti; 1 dicembre 2011 per i produttori da 11 a 50 dipendenti e i trasportatori fino a 3000 t/a; 2 gennaio 2012 per produttori di rifiuti pericolosi fino a 10 dipendenti. 8

10 AVVIO OPERATIVITÀ - STORIA Il successivo intervento riguarda la data di avvio dell operatività, prorogata prima al 2 febbraio 2012 dal D.L. 138/2011, poi al 2 aprile 2012 dal D.L. 216/2011 e infine al 30 giugno 2012 dalla L. 14/2012. L avvio del SISTRI viene poi sospeso dal D.L. 83/2012 al fine di effettuare determinate verifiche di funzionalità del sistema e comunque non oltre il 30 giugno I nuovi termini sono definiti dal D.M. 96/2013: 1 ottobre 2013 per produttori di rifiuti pericolosi con oltre 10 dipendenti e gestori di rifiuti pericolosi; 3 marzo 2014 per gli altri soggetti obbligati. AVVIO OPERATIVITÀ - OGGI Il D.L. 101/2013, nel restringere il campo di applicazione del SISTRI ai soli rifiuti pericolosi, ha ridefinito il significato dei precedenti termini: 1 ottobre 2013 per i gestori di rifiuti pericolosi, 3 marzo 2014 per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi (compresi i produttori iniziali autorizzati allo stoccaggio dei propri rifiuti o che li trasportano), salvo eventuale proroga di non oltre 6 mesi al fine di rendere operative eventuali semplificazioni. È stata inoltre prevista una fase di sperimentazione per i gestori di rifiuti urbani pericolosi da avviare dal 30 giugno Il 1 ottobre 2013 il SISTRI è effettivamente diventato operativo per i gestori di rifiuti pericolosi. 9

11 IL TRANSITORIO L uso simultaneo dei previgenti strumenti cartacei (registri, formulari) e del SISTRI è obbligatorio fino al 31 luglio 2014 (doppio regime). Fino al 31 luglio 2014 il sistema sanzionatorio applicabile è solo quello previsto per gli strumenti cartacei e non quello per le inadempienze in materia di SISTRI. Dal 1 agosto 2014 il sistema sanzionatorio è quello del SISTRI (artt. 260-bis e 260-ter del D.Lgs. 152/2006). IL TRANSITORIO Fino al 3 marzo 2014 la gestione dei rifiuti tramite SISTRI avviene con le modalità previste per il caso di produttori non obbligati ad iscriversi al SISTRI (D.M. 52/2011, art. 14, comma 1). Il produttore di rifiuti pericolosi deve comunicare al trasportatore i dati che consentono a quest ultimo di compilare la scheda SISTRI AREA MOVIMENTAZIONE. Due copie cartacee della scheda saranno firmate dal produttore del rifiuto e dal trasportatore: una rimarrà presso il produttore, che deve conservarla per 5 anni, l altra accompagnerà il trasporto fino a destinazione, dove il gestore dell impianto la firmerà dopo aver annotato data e ora di consegna e ne stamperà una nuova copia completa da trasmettere al produttore. Se il trasportatore fosse temporaneamente impossibilitato ad utilizzare il SISTRI la scheda sarà compilata in sua vece dal destinatario. 10

12 Cronoprogramma agosto settembre ottobre novembre dicembre gennaio febbraio marzo decreto-legge start operatori di settore start produttori iniziali Cronoprogramma agosto settembre ottobre novembre dicembre gennaio febbraio marzo decreto-legge start operatori di settore start produttori iniziali d.m. ulteriori cat. di obbligati d.m. semplificazioni entro 11

13 Cronoprogramma agosto settembre ottobre novembre dicembre gennaio febbraio marzo decreto-legge conversione in legge no sanzioni fino a 1/8/2014 start operatori di settore start produttori iniziali d.m. ulteriori cat. di obbligati d.m. semplificazioni entro SISTRI decorrenze dell operatività Decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101 (convertito dalla legge 125/2013), articolo 11, comma 2: Per gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale, o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti speciali pericolosi, inclusi i nuovi produttori, il termine iniziale di operatività del SISTRI è fissato al articolo 11, comma 3: 1 ottobre 2013 Per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi, nonché per i comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani del territorio della regione Campania di cui al comma 4 dell articolo 188-ter, del d.lgs. n. 152 del 2006, il termine iniziale di operatività è fissato al 3 marzo

14 SISTRI decorrenze dell operatività 1 ottobre 2013 enti o imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi prodotti da terzi; vettori stranieri che trasportano rifiuti sul territorio nazionale e verso l estero; enti o imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento di rifiuti speciali pericolosi anche per i rifiuti che derivano da questi trattamenti e le imprese che trattano rifiuti non pericolosi solo per i rifiuti pericolosi che da questi derivano; i commercianti e gli intermediari di rifiuti speciali pericolosi. 3 marzo 2014 SISTRI decorrenze dell operatività produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi; produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che hanno attività di stoccaggio dei propri rifiuti (R13 o D15); trasportatori di rifiuti speciali pericolosi da loro prodotti; imprese di trasporto di rifiuti urbani nella regione Campania. 13

15 SISTRI decorrenze dell operatività 30 giugno 2014: sperimentazione per i rifiuti urbani pericolosi enti o imprese che raccolgono o trasportano rifiuti urbani pericolosi; vettori stranieri che trasportano rifiuti urbani pericolosi sul territorio nazionale e verso l estero; enti o imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento di rifiuti urbani pericolosi; i commercianti e gli intermediari di rifiuti urbani pericolosi. Le modalità della sperimentazione devono essere definite con un decreto ministeriale. SISTRI - Periodo transitorio e non sanzionabilità Decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101 (convertito dalla legge n. 125/2013), articolo 11, comma 3-bis: Quindi: Nei dieci mesi successivi alla data del 1 ottobre 2013 continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188, 189, 190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonché le relative sanzioni. Durante detto periodo, le sanzioni relative al SISTRI di cui agli articoli 260-bis e 260-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, non si applicano. fino al 31 luglio 2014 restano (in aggiunta a SISTRI) gli obblighi relativi ai registri ed ai formulari e solo tali obblighi sono sanzionabili. 14

16 IL CONTRIBUTO Il pagamento del contributo SISTRI è stato richiesto per gli anni 2010 e 2011, ed è stato sospeso per il 2012 e il Sono state avviate alcune cause-pilota per recuperare i contributi versati, ma si è ancora in attesa di sentenza. Per il 2014 pare verosimile la richiesta di pagamento per i gestori, mentre per i produttori tutte le opzioni rimangono aperte. 15

17 SISTRI 2014 Accesso al sistema e gestione azienda Ing. Fabrizio Vitale UNIONE INDUSTRIALE PISANA Principali documenti attualmente disponibili sul sito Web Sistri ( Utilità Sezione Documenti 2 1

18 Manuale operativo MANUALE OPERATIVO SISTRI (Versione 3.1 del 7 agosto 2013) 3 Guide rapide GUIDA RAPIDA PRODUTTORI (Versione del 30 aprile 2013) GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI (Versione del 30 aprile 2013) GUIDA RAPIDA RECUPERATORI-SMALTITORI (Versione del 30 aprile 2013) GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI (Versione del 30 aprile 2013) 4 2

19 Casi d uso CASO D'USO: MICRORACCOLTA (Versione del 30 aprile 2013) CASO D'USO: GESTIONE ARRIVI (Versione del 30 aprile 2013) CASO D'USO: TRASPORTO INTERMODALE (Versione del 30 aprile 2013) CASO D'USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO (Versione del 30 aprile 2013) 5 GUIDA GESTIONE AZIENDA (Versione del 8 agosto 2013) Altre guide GUIDA PER L'AGGIORNAMENTO DEL SOFTWARE DEL DISPOSITIVO USB (Versione del 30 aprile 2013) GUIDA PER L'AGGIORNAMENTO DEL SOFTWARE DEL BROWSER SISTRI (Versione del 30 aprile 2013) GUIDA ALL'UTILIZZO DEL DISPOSITIVO USB (Versione del 30 aprile 2013) 6 3

20 Procedure PROCEDURA PER IL RIPRISTINO DEL SOFTWARE DEL DISPOSITIVO USB (Versione 1.0 del 21 febbraio 2014) PROCEDURA PER IL RECUPERO DELLE CREDENZIALI DI ACCESSO AL SISTRI (Versione del 7 giugno 2013) PROCEDURA PER IL RIPRISTINO DEI CERTIFICATI DEL DISPOSITIVO USB (Versione del 30 aprile 2013) 7 FAQ e quadri sinottici Domandi frequenti Movimentazione / Dispositivi elettronici Quadro sinottico Aspetti normativi (pareri della Direzione ) Quadro sinottico Aspetti tecnici (pareri del Concessionario ) 8 4

21 Riavvio SISTRI: istruzioni per la verifica e il riallineamento dei dati (News dell 8/8/2013) In vista del prossimo riavvio del SISTRI gli Enti e le Imprese interessate devono procedere alla verifica dei dati e delle informazioni comunicate seguendo le modalità di seguito descritte. VERIFICA E ALLINEAMENTO DATI ANAGRAFICI L utente, dopo aver effettuato l accesso all area autenticata(digitando PIN, Userid e Password) mediante l utilizzo del dispositivo Usb di una delle Unità Locali dell Azienda, accede alla sezione Gestione Azienda selezionando l apposito collegamento e verifica i dati di iscrizione al SISTRI. Nello specifico: - Ragione Sociale - Dati anagrafici del Rappresentante Legale - Indirizzo della Sede Legale - Indirizzi delle Unità Locali nel caso di disallineamenti, procede alla modifica delle informazioni secondo quanto descritto nella Guida Gestione Azienda disponibile nella sezione Utilità Documenti Manuali e Guide del Portale SISTRI. 9 Riavvio SISTRI: istruzioni per la verifica e il riallineamento dei dati (News dell 8/8/2013) VERIFICA DEL FUNZIONAMENTO DEI DISPOSTIVI USB L utente, provvede ad effettuare l accesso all area autenticata (digitando PIN, Userid e Password) mediante l utilizzo del dispositivo Usb da verificare. Qualora la versione del software del dispositivo non sia aggiornata il Sistema guida l utente nel processo di aggiornamento secondo quanto descritto nella Guida Aggiornamento Software Dispositivo Usb disponibile nella sezione Utilità Documenti Manuali e Guide del Portale SISTRI 10 5

22 Accesso al Sistema inserimento del dispositivo USB in un PC collegato ad Internet 11 autorun oppure avvio manuale in funzione delle impostazioni del proprio PC 12 6

23 13 Aggiornamento del dispositivo USB La richiesta per la procedura di aggiornamento viene avviata, di norma, automaticamente dopo aver effettuato l accesso al Sistema. N.B. la procedure prevede l eliminazione di eventuali file presenti sul dispositivo USB non attinenti al software SISTRI. 14 7

24 Aggiornamento del dispositivo USB Seguire le indicazioni suggerite dal programma di aggiornamento del dispositivo USB. Durante la procedura di aggiornamento, qualora il computer in uso fosse collegato ad Internet tramite un server proxy, un apposita maschera avviserà della necessità di impostare i parametri di rete. Al termine dell operazione verrà confermato dal programma il buon fine dell operazione di aggiornamento

25 Accesso al Sistema Per gestire l applicazione web del SISTRI si utilizza il Browser SISTRI pre-caricato sul dispositivo USB. L accesso al Sistema è pilotato dal dispositivo USB ed è subordinato all inserimento delle credenziali ricevute contestualmente al dispositivo. 17 Le credenziali esterno busta 18 9

26 Le credenziali interno busta PIN PUK Identificativo univoco utente SISTRI Password PIN e Password potrebbero essere stati modificati in precedenza dagli utenti. Numero di serie del dispositivo 19 Il codice PIN 20 10

27 Blocco PIN L accesso al Sistema è interdetto se viene digitato un PIN errato per tre volte consecutive. Per poter sbloccare il dispositivo USB occorrerà ricorrere alla procedura Cambio/Sblocco del PIN illustrata al paragrafo della Guida all utilizzo del dispositivo USB reperibile sul sito web SISTRI

28 Nome Utente e Password 23 Recupero delle credenziali (PUK, PIN, USER ID, PWD) Fare riferimento alla Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI reperibile sul sito web SISTRI. Il Call Center SISTRI è comunque a disposizione per qualsiasi difficoltà si incontri nelle procedure di recupero descritte nella procedura

29 Guida Gestione Azienda 3. Accesso a GESTIONE AZIENDA 4. Modifica Anagrafica 4.1 Menu Principale: Dati Generali - Unità Locale - Conferma le tue modifiche 4.2 Scheda DATI GENERALI 4.3 Scheda UNITÀ LOCALE Inserimento e modifica delle Unità Locali Inserimento e Modifica Categorie e dei Delegati 4.4 Scheda CONFERMA LE TUE MODIFICHE Modificare i dati delle SCHEDE e confermare le modifiche 25 Guida Gestione Azienda 5. Lista delle categorie associate 6. Geolocalizzazione unità locale 7. Lista pratiche utente 8. Visualizza il report dell azienda 9. Rinnovo iscrizione 10. Richieste di conguaglio 11.Gestione pagamenti pratiche 12. Autocertificazione dati anagrafici 13.Gestione pratiche dispositivi USB (duplicazione, sostituzione, divisione ) 14.Gestione pratica aziende (trasferimento, cessazione, fusione ) 26 13

30 Gestione Azienda 27 1 Utente che ha eseguito l accesso 2 Logout 3 Link menù utente 4 Link pagina di accesso a Gestione azienda 5 Riferimento del fascicolo azienda 6 Menù operativo di Gestione Azienda 7 Dati riepilogativi Azienda 28 14

31 Funzione Modifica anagrafica 29 Dati identificativi Ragione sociale Codice Fiscale Numero Unità locali Iscritto al Registro imprese Rappresentante legale Nome Cognome Codice fiscale Persona da contattare Nome Sede legale Cognome -Indirizzo Codice fiscale Scheda Dati generali 30 15

32 Schede Unità locali Vengono mostrate tutte le Unità locali presenti nell archivio SISTRI. Selezionando il nome di un Unità locale vengono mostrate le relative schede di secondo livello

33 Modifica Categorie in dispositivi esistenti Modifica Delegati Aggiungi Categorie e crea nuovo dispositivo USB Aggiungi Unità Operativa e crea nuovo dispositivo USB 33 Dettaglio delle modalità operative delle modifiche relative alle singole Unità Locali Guida Gestione Azienda Inserimento e modifica delle Unità Locali Rif Inserimento e Modifica Categorie e Delegati Rif Eventuali variazioni delle persone fisiche individuate quali delegati per le procedure di cui al presente regolamento devono essere comunicate al SISTRI, che emette un nuovo certificato elettronico. Il dispositivo contenente il nuovo certificato elettronico è aggiornato accedendo alle relative funzionalità presenti nell'area autenticata del portale SISTRI. (DM 52/2011, art 21. 4) 34 17

34 Finalizzazione delle modifiche Il Sistema controlla le modifiche apportate e in caso di esito positivo viene mostrato il messaggio Le modifiche sono valide Visualizza Report PDF e procedi con la Firma 35 Verificare il Report PDF Nel Report PDF è possibile visualizzare il riepilogo delle modifiche richieste e degli eventuali relativi costi. Nel caso le modifiche non risultassero corrette è possibile tornare alle maschere di modifica ed apportare le correzioni necessarie. Se i dati sono corretti la procedura on-line si conclude cliccando su Firma e salva modifiche : 36 18

35 37 Contatti SISTRI Contact Center È l indirizzo di posta elettronica dedicato alla presentazione delle richieste di iscrizione al SISTRI, alla comunicazione di tutte le variazioni, aggiornamenti, modifica, ecc. delle informazioni comunicate in sede di iscrizione e a tutti i temi di carattere amministrativo relativi alle aziende

36 Elementi da indicare nel testo della comunicazione: Numero di pratica SISTRI; Ragione Sociale; Codice Fiscale e/o Partita IVA; Indirizzo della sede legale; Recapiti di contatto: telefono, fax e mail; Quesito o richiesta 39 20

37 SISTRI 2014 Le Procedure Ing. Fabrizio Vitale UNIONE INDUSTRIALE PISANA Cosa devono fare i produttori di rifiuti speciali pericolosi? I produttori iniziali di rifiuti pericolosi devono iscriversi a SISTRI per tutte le unità locali dove si producono rifiuti speciali pericolosi; utilizzare SISTRI a partire dal 3 marzo 2014; continuare a tenere i registri di carico e scarico ed a emettere i formulari fino al 31 luglio

38 Quando una unità locale deve essere iscritta a SISTRI? L iscrizione a SISTRI deve avvenire quando si prevede di produrre rifiuti speciali pericolosi (art. 6 comma 2 del dm 52/2011): fino a quando SISTRI non consegna i dispositivi, i rifiuti pericolosi vanno avviati a smaltimento o a recupero comunicando al trasportatore i dati dei rifiuti e custodendo le copie cartacee delle schede movimentazione; l utilizzo di SISTRI diventa obbligatorio a partire dal settimo giorno dalla consegna dei dispositivi (art. 12, comma 1, dm 52/2011). Qualora un ente o un impresa non tenuta all iscrizione a SISTRI produca in modo accidentale rifiuti pericolosi deve richiedere l adesione a SISTRI per l unità locale dove i rifiuti sono prodotti entro 3 giorni lavorativi dall accertamento della pericolosità dei rifiuti. Come cancellare una unità locale che non produce più rifiuti pericolosi? Modalità di riconsegna per aziende cessate, cedute o per cambiamenti dell organico aziendale In tutti i casi di sospensione, cessazionedell attività, cessione, fusioneecc., per le quali deve essere cancellata l iscrizione a SISTRI per una o più unità locali, l iscritto deve: entro 72 ore dalla data di comunicazione della variazione al registro delle imprese, darne comunicazione per iscritto a SISTRI; restituire il/i dispositivo/i con il modulo di restituzionedisponibile sul sito di SISTRI a mezzo raccomandata A/R al Ministero dell Ambiente, Via C. Colombo, 44, Roma. Modalità di riconsegna per cessazione dell obbligo di iscrizione senza chiusura dell unità locale siamo in attesa di indicazioni dal Ministero dell Ambiente 2

39 Utilizzo di SISTRI Obblighi di conservazione Gli utilizzatori di SISTRI devono conservare a disposizione delle autorità di controllo per almeno 3 anni: copia in formato elettronico di ogni movimento del registro cronologico (funzione documento registrazione ) copia in formato elettronico e cartaceo delle schede di movimentazione (funzione documento registrazione ). Aree di accesso al SISTRI Gli utilizzatori inseriscono i loro dati nel SISTRI in due sezioni o aree: Sezione Area Registro Cronologico, che sostanzialmente corrisponde al registro di carico e scarico; Sezione Area Movimentazione, che sostanzialmente corrisponde al formulario di identificazione per il trasporto. 3

40 Sezione Registro cronologico Il Registro cronologico (salvo casi particolari) dovrà essere compilato dal produttore/detentore entro 10 giorni lavoratividalla produzione del rifiuto e comunque prima della sua movimentazione(sostituirà i movimenti di carico dell'attuale registro di carico e scarico). I dati da inserire saranno: codice CER e denominazione del rifiuto; causale che ha determinato la produzione; quantità (sempre e solo in Kg); stato fisico; caratteristiche di pericolo; posizione del rifiuto (deposito presso unità locale o fuori sito). Verrà richiesto il PIN di uno dei delegati per la firma elettronica della registrazione da scaricare in formato pdf. Il dispositivo USB deve essere custodito presso l unità localeper la quale è stato rilasciato a disposizione degli organi di controllo. Rifiuti in giacenza prodotti prima del 3 marzo 2014 I rifiuti prodotti prima del 3 marzo 2014 e presi in carico nel registro di carico e scarico cartaceo e non ancora avviati a recupero o smaltimento per poter essere inclusi in una scheda movimentazione devono essere presi in carico prima dello loro movimentazione indicando la causale Giacenza per avvio SISTRI Non è necessario che le registrazioni di carico delle giacenze sul registro cronologico siano effettuate alla data del 3 marzo, ma solo prima della movimentazione del rifiuto con SISTRI e per la quantità da movimentare. 4

41 Facciamo degli esempi di compilazione! CER : produzione imballaggi misti contenenti sostanze pericolose, in cassone scarrabile da 30 mc: giacenza al 3 marzo kg (peso stimato) produzione dopo il 3 marzo kg (peso stimato) CER : produzione soluzioni acquose di lavaggio da processi di sgrassatura in cisterna da 20 mc produzione dopo il 3 marzo kg (peso stimato) cisterna 20 mc Sezione Area movimentazione PRODUTTORE (iscritto SISTRI) TRASPORTATORE (iscritto SISTRI) DESTINATARIO (iscritto SISTRI) L area movimentazione, detta scheda SISTRI, sostituisce il formulario di identificazione per il trasporto, è compilata, per le rispettive parti, dal produttore/detentore (almeno 4 ore prima dell inizio del trasporto -2 ore prima per 12 mesi dal 1 agosto 2014), dal delegato dell impresa di trasporto (almeno 2 ore prima dell inizio del trasporto 1 ora prima per 12 mesi dal 1 agosto 2014), dal destinatario. 5

42 Movimentazione del rifiuto procedura di attivazione della black box Dopo aver compilato la sezione di propria competenza, il produttore deve contattare il trasportatore e definire la procedura di utilizzo dei dispositivi (Manuale operativo par e 3.3.2). Se il conducente utilizza la procedura NON CONTESTUALE, il produttore effettua l associazione della scheda al registro cronologico entro 10 giorni lavorativi dalla data di conferimento del rifiuto (art. 13, comma 1, dm 52/2011). Se il conducente utilizza la procedura CONTESTUALE, il produttore deve associare la scheda movimentazione al registro cronologico al momento della consegna del rifiuto, prima che avvenga l inserimento della USB del veicolo nel PC del produttore. Trasporto con SISTRI Procedura non contestuale per le black box Fasi della procedura: prima dell inizio del viaggio, il conducente inserisce l Usb del veicolo in un PC collegato ad internet, dotato di un normale browser; si accede all area conducente e si digita il PIN; il sistema si sincronizza e manda un messaggio di avvenuta sincronizzazione dei dati tra USB e sistema; il conducente inserisce il dispositivo USB nella blackboxe dopo circa 5 minuti il dispositivo può essere rimosso e la black box è funzionante; il conducente dopo aver caricato il rifiuto sul mezzo indica su 2 copiedella scheda cartacea la data e l ora dell inizio del trasporto; 6

43 Trasporto con SISTRI Procedura non contestuale per le black box le due copie della scheda sono firmate dal produttore e dal conducente; una copia della scheda rimane al produttore; una copia della scheda segue il trasporto e viene compilata e firmata dal destinatario nella sezione destinatario. Trasporto con SISTRI Procedura contestuale per le black box Fasi della procedura: il conducente si reca dal produttore il produttore accede a SISTRI e associa la scheda movimentazione al registro cronologico e firma il movimento di scarico il conducente inserisce l Usb del veicolo nel PCdel produttore e accede all area conducente, digita il PIN; il sistema si sincronizza e manda un messaggio di avvenuta sincronizzazione dei dati tra USB e sistema; il produttore stampa una copia della scheda movimentazione firmata elettronicamente e datata; il conducente inserisce il dispositivo USB nella blackboxe dopo circa 5 minuti il dispositivo può essere rimosso e la black box è funzionante. 7

44 Trasporto con SISTRI Conferimento al destinatario Fasi della procedura: all arrivo presso l impianto il destinatario entra nella scheda movimentazione di SISTRI e annota la quantità accettata, stampa la scheda e la firma; la scheda cartacea viene restituita al produttore (fino al 31 luglio 2014); fino al 31 luglio 2014 il destinatario firma per accettazione la quarta copia del FIR, gestito e restituito dal trasportatore secondo le disposizioni vigenti; a conclusione del viaggio il trasportatore inserisce i datidella movimentazione in Sistri (data e ora del carico e data e ora dello scarico) se ha applicato la procedura non contestuale per le black box. Come operano i gestori Sez. Area movimentazione Destinatario Dopo aver verificato tipologia e quantità di rifiuti in entrata, il delegato dell'impianto di destinazione accede alla sezione Area movimentazione relativa al carico ricevuto e compila, a seconda dei casi: quantità accettata; accettata parzialmente; rifiutata. Il destinatario associa la scheda SISTRI al registro dell attività a cui destina il rifiuto: al registro cronologico R13 o D15 se il rifiuto viene preso in stoccaggio; al registro cronologico dell attività di trattamento se viene avviato direttamente al trattamento. 8

45 e SISTRI... Alla fine di queste operazioni SISTRI: genera, per l'azienda di trasporto, la specifica riga del registro cronologico che deve essere firmata entro 10 giorni lavorativi; segnala all (eventuale) intermediario il buon esito della transazione (firma del registro cronologico entro 10 giorni lavorativi) invia una (PEC) con l esito del trasporto (accettato o rifiutato) al produttore, al trasportatore e all intermediario, se questa non arriva entro 30 giorni dal conferimento del rifiuto, il produttore deve dare comunicazione a SISTRI ed alla Provincia (art. 20, comma 1, dm 52/2011). e il produttore deve effettuare lo scarico al ricevimento della verifica la congruenza del peso verificato a destino con quello stimato; se vi è congruenza: associa la scheda movimentazione al registro creando il movimento di scarico se non vi è congruenza: può mantenere la differenza tra peso stimato e peso verificato a destino oppure effettuare una rettifica delle quantità prodotte con un movimento di caricocon causale rettifica giacenza se il peso verificato a destino è maggiore della quantità stimata per quel carico di rifiuti; con un movimento di scaricocon causale rettifica giacenza se il peso verificato a destino è minore della quantità stimata per quel carico di rifiuti 9

46 Cantieri temporanei Cantieri temporanei = di durata inferiore a sei mesi. Nei cantieri complessi dove intervengono diversi soggetti, la durata del cantiere è calcolata per ciascuno di questi soggetti con riferimento al contratto di cui è titolare ( dm 52/2011, art. 14, comma 4). PRODUTTORE (iscritto SISTRI) TRASPORTATORE (iscritto SISTRI) DESTINATARIO (iscritto SISTRI) sito di produzione sito di produzione sito di produzione Cantieri temporanei < 6 mesi Per i cantieri di durata inferiore a sei mesi e non collegabili in internet: il registro cronologico e la scheda SISTRI sono compilati dal delegato della sede legale o dell unità localedell impresa (nel campo posizione del rifiuto indicare l indirizzo del cantiere); il trasportatore (diverso dal produttore): compila la propria sezione della scheda SISTRI, e programma il viaggio con partenza dal cantiere; stampa due copie della scheda (una copia rimane presso il cantiere; l altra, firmata dal responsabile di cantiere, viene riconsegnata al conducente del mezzo di trasporto); entro 2 giorni, inserisce nella scheda data ed ora della presa in carico dei rifiuti; il delegato del produttore, entro 10 giorni lavorativi dalla consegna del rifiuto, associa la scheda al registro creando il movimento di scarico. 10

47 Attività esterne Il caso particolare riguarda: attività di manutenzione; attività sanitarie fuori dalle strutture. I rifiuti possono essere gestiti in alternativa con: trasporto del rifiuto dal sito di manutenzione all unità locale del manutentore e, successivamente, all impianto di gestione, oppure: trasporto da parte del manutentore stesso dal sito di manutenzione all impianto di gestione, oppure: trasporto da parte di un terzo dal sito di manutenzione all impianto di gestione. Attività esterne Dal sito all unità locale del produttore non occorre la blackbox; i rifiuti pericolosi sono accompagnati da copia della scheda SISTRI compilata e sottoscritta dal soggetto che ha effettuato la manutenzione; i rifiuti sono presi in carico (presso l unità locale del manutentore) entro 10 giorni dalla loro produzione (registro cronologico ordinario); la scheda in bianco non va riconciliata con il sistema; il successivo avvio a recupero o smaltimento avviene secondo la procedura ordinaria. 11

48 Attività esterne Dal sito all impianto di gestione occorre la black box anche se il trasporto è effettuato dall impresa di manutenzione; l impresa di manutenzione prende in carico il rifiuto nell area registro cronologico produttore/trasportatore in conto proprio (su comunicazione dell operatore che effettua la manutenzione); il trasporto può avvenire con la scheda cartacea preventivamente scaricata dal sistema ma la scheda poi va riconciliata. Rifiuti da attività di manutenzione di infrastrutture a reti i materiali sono depositati in appositi luoghi di concentramento per essere sottoposti a verifica di riutilizzabilità; i materiali non utilizzabili divengono rifiuti e le tipologie e le quantità sono caricate entro 10 giorni nel registro cronologico dal delegato dell unità locale iscritta a sistri; se l unità locale non coincide con il luogo di concentramento si indicherà l ubicazione del rifiuto nella sezione posizione del rifiuto ; la scheda SISTRI e la sua gestione segue la procedura dei cantieri temporanei ed in caso di utilizzo di scheda in bianco questa va riconciliata. 12

49 Trasporto dei propri rifiuti Qualora i rifiuti prodotti siano stati presi in carico nel registro cronologico dell unità locale dove avviene il deposito temporaneo e si intenda effettuare il trasporto con i propri mezzi (iscrizione ai sensi dell art. 212, comma 8), si deve effettuare il trasporto con formulario e uno scarico manuale dal registro cronologico dell unità locale con indicazione del numero di FIR in annotazione. SISTRI richiede di trasferire il rifiuto dal registro dell unità locale a quello della sede legale: tale procedura non è conforme alle norme relative alla tenuta del deposito temporaneo! Da produttore a gestore senza trasporto PRODUTTORE (iscritto SISTRI) DESTINATARIO (iscritto SISTRI) trattamento/recupero/smaltimento nel sito di produzione; trasferimento tramite rete fissa. 13

50 Da produttore a gestore senza trasporto scarico manuale dal registro cronologico del produttore con l indicazione dei dati del destinatario e delle modalità di consegna del rifiuto in annotazione; carico manuale nel registro cronologico del gestore (o dell impianto di gestione). N.B.: il manuale operativo par prevede l associazione della scheda movimentazione al registro per creare il movimento di scarico! Casi particolari black out informatico temporanea indisponibilità degli strumenti informatici necessari per compilare la scheda area movimentazione (furto, perdita, distruzione o danneggiamento dei dispositivi): la compilazione della scheda è effettuata, per conto del soggetto impossibilitato e su sua dichiarazione, da sottoscriversi su copia stampata della scheda, dal soggetto tenuto alla compilazione della parte precedente o successiva della scheda medesima; interruzione temporanea del sistema: la movimentazione va annotata su scheda SISTRI in bianco scaricata dal sistema; i dati vanno inseriti nel sistema entro 5 giorni lavorativi dalla ripresa del funzionamento; interruzione funzionamento black box: non c è ad oggi una procedura 14

51 Casi particolari Rifiuti provenienti dall estero Il rifiuto che proviene dall estero è accompagnato dai documenti di movimento previsti dal Regolamento 1013/2006 fino a destinazione. Il rifiuto non è tracciato con SISTRI; Il destinatario effettua un movimento di carico nel registro cronologico indicando gli estremi del documento di movimento. Circolare Ministeriale n. 1/2013. Casi particolari Rifiuti destinati all estero Il produttore compila registro cronologico e scheda SISTRI in modo ordinario allegando in pdf il documento di movimento; il trasportatore compila la sua parte della scheda SISTRI come da procedura ordinaria; il conducente, al momento del passaggio del confine italiano, annota data ed ora sulla scheda e il delegato dell impresa di trasporto la inserisce in SISTRI entro 2 giorni lavorativi; il produttore non riceve la mail di accettazione del rifiuto; il produttore effettua uno scarico manuale indicando in annotazione il riferimento del documento di movimento che ha accompagnato il viaggio. 15

52 Casi particolari Rifiuti respinti Quando i rifiuti vengono respinti: il sistema comunica l esito negativo al produttore, trasportatore ed all eventuale intermediario; il produttore annulla manualmente le relative operazioni sia di carico che di scarico (se già effettuate) indicando nelle annotazioni il motivo; il trasportatore annulla manualmente le relative registrazioni nel registro cronologico indicando nelle annotazioni il motivo. Casi particolari Rifiuti respinti Se il rifiuto viene dirottato ad altro impianto il produttore riprende in carico il rifiuto indicando come causale rifiuto fuori sito specificare nelle annotazioni e la posizione del rifiuto (c/o destinatario) e apre una nuova scheda movimentazione; Se il rifiuto viene riconsegnato al produttore il produttore riprende in carico il rifiuto con causale riconsegna rifiuto respinto e apre una nuova scheda indicando la causale riconsegna rifiuto respinto. 16

53 Sistema sanzionatorio Articolo 260-bis del d.lgs. n. 152/2006: entrerà in vigore il 1 agosto 2014 Art. 11, comma 3-bis, del d.l. n. 101/2013 convertito dalla legge n. 125/2013: Nei dieci mesi successivi alla data del 1º ottobre 2013 continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188, 189, 190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonché le relative sanzioni. Durante detto periodo, le sanzioni relative al SISTRI di cui agli articoli 260-bis e 260-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, non si applicano.... Periodo transitorio di prima applicazione Punibilità alla quarta violazione Le sanzioni per: incompletezza o inesattezza delle informazioni inserite in SISTRI, omesso accompagnamento dei rifiuti con copia della scheda SISTRI o del certificato analitico, ove richiesto, inadempienza di altri obblighi relativi a SISTRI, sono irrogate solo alla quarta violazione commessa [fino al 31 marzo 2014, per i soggetti per i quali il SISTRI è obbligatorio dal 1 ottobre 2013,] fino al 30 settembre 2014, per i soggetti per i quali il SISTRI è obbligatorio dal 3 marzo Art. 11, comma 11, del d.l. n. 101/2013: Le sanzioni per le violazioni di cui all art. 260-bis del d.lgs. n. 152/ 2006, limitatamente a..., commesse fino al 31/3/2014 dai soggetti per i quali il SISTRI è obbligatorio dal 1 /10/2013, e fino al 30/9/2014 dai soggetti per i quali il SISTRI è obbligatorio dal 3/3/2014, sono irrogate nel caso di più di tre violazioni nel medesimo rispettivo arco temporale. 17

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

SISTRI. Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014

SISTRI. Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014 SISTRI Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014 Accesso al Sistema e Gestione Azienda A cura dell UI Torino Servizio Ambiente Confindustria, 6 febbraio 2014 Principali documenti

Dettagli

SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014. A cura dell UI Torino Servizio Ambiente. Confindustria, 6 febbraio 2014

SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014. A cura dell UI Torino Servizio Ambiente. Confindustria, 6 febbraio 2014 SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014 A cura dell UI Torino Servizio Ambiente Confindustria, 6 febbraio 2014 LA BASE LEGALE Il SISTRI nasce ufficialmente nel 2009 con il D.M. 17/12/2009. La base legale

Dettagli

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Lube day 28 marzo 2014 Il quadro normativo Norme e documenti

Dettagli

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 Che cos è SISTRI??? Sistri è il Sistema informatico di Controllo per la Tracciabilità dei rifiuti che il Ministero dell Ambiente ha istituito e che cambia

Dettagli

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa 65 Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa Ambiente SISTRI - Decreto Ministeriale unificato D.M. 18 febbraio 2011 Riepilogo e coordinamento di tutte le disposizioni normative emanate in materia dai precedenti

Dettagli

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Pordenone lì 29/07/2014 CIRCOLARE INFORMATIVA N 10/2014 Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Fonte: Manuale Ambiente 2014, Unione Industriali Pordenone

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI GESTIONE RIFIUTI: - - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 152/2006 e smi Parte IV DM, Manuale e Circolari SISTRI - Destinatari: Servizio HSE aziendale - Consulenti - Revisione Documento Informativo:

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

SISTRI. ASSAGO, 25 settembre 2013

SISTRI. ASSAGO, 25 settembre 2013 SISTRI ASSAGO, 25 settembre 2013 SISTRI fonti normative Dlgs 152/2006 TUA articoli 188-189-190-193 (ex 205/2010) 188 bis e 188 ter Dm Ambiente 18 febbraio 2011, n. 52 TU Sistri Dm 20 marzo 2013, n 96 Termini

Dettagli

INTEROPERABILITA' E SIS. Casi particolari

INTEROPERABILITA' E SIS. Casi particolari INTEROPERABILITA' E SIS Casi particolari Rifiuti respinti in seguito ad esito negativo verifica analitica Il sistema comunica l esito negativo al produttore, al trasportatore ed all eventuale intermediario.

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta:

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta: FAQ AGGIORNAMENTO SITO SISTRI novembre 2013 Entro quanto tempo devono essere riportati a Sistema i dati relativi alla presa in carico e alla consegna dei rifiuti? Il trasportatore è tenuto a firmare le

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni:

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010?

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? rifiuti prodotti dopo il 1 ottobre carico/scarico sul Registro cronologico SISTRI Scheda movimentazione SISTRI compilazione registro e formulario cartacei Produttori

Dettagli

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 177 14 Dicembre del Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 52 del DL n. 83/2012 ha sospeso

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013.

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche CIRCOLARE n. 1 per l applicazione dell articolo 11 del decreto legge

Dettagli

SISTRI. Istruzioni per l uso

SISTRI. Istruzioni per l uso SISTRI SISTRI Istruzioni per l uso 24 maggio TRENTO 25 maggio RIVA DEL GARDA Corso preparato e gestito da SEA spa Cos è il SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Nasce nel 2009 su

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI CASO D USO: GESTIONE ARRIVI 18 novembre 2011 www.sistri.it GESTIONE ARRIVI SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 18 novembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di firmare

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti Ancona, 10/12/2014 Dott.ssa Federica Angeloni Dott.ssa Tamara Giacometti Dott.Ing. Alessio Stabile SISTRI: facciamo il punto Il quadro di riferimento

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it FAQ SISTRI AGGIORNATE AL 22 NOVEMBRE 2013 dispositivo USB Azienda di trasporto non funzionante [rif. FAQ-101]

Dettagli

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI INTRODUZIONE ED APPLICAZIONE Elisa Stabellini 1 Il sistema di tracciabilità

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: ü ü ü ü ü ü Nuova funzionalità di ricerca delle

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di

Dettagli

FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi Sala della Pace - Palazzo Valentini Provincia di Roma 26 aprile 2010 1 Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto per poter utilizzare agevolmente ed in maniera

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese.

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. SISTRI Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. Roberto Pulejo Nieves Estrada Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Le tre sezioni

Dettagli

MANUALE OPERATIVO SISTRI

MANUALE OPERATIVO SISTRI A N A L I S I D I R I S C H I O ADEMPIMENTI TECNICI E NORMATIVI I N M A T E R I A D I P R E V E N Z I O N E INQUINAMENTO, SICUREZZA SUL LAVORO R A P P O R T O D I S I C U R E Z Z A w w w. s a f e t y e

Dettagli

ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI. Paolo Guazzotti

ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI. Paolo Guazzotti ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI Paolo Guazzotti 1 FASI DELL ADESIONE 1. Iscrizione (on-line, fax, telefonica, e-mail); 2. Versamento del contributo; 3. Consegna alla CCIAA/Sezione dell

Dettagli

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE www.sistri.it SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DI RIPARTENZA Quadro riferimento normativo Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Norme

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Sommario. Guida Rapida - PRODUTTORI Pagina 2 di 17

Sommario. Guida Rapida - PRODUTTORI Pagina 2 di 17 1 luglio 2011 Sommario 1 CREARE UNA NUOVA REGISTRAZIONE CRONOLOGICA (CARICO RIFIUTI)... 3 2 COMPILARE UNA SCHEDA SISTRI... 6 3 ASSOCIAZIONE DELLA SCHEDA AL REGISTRO (SCARICO RIFIUTI)...11 4 ANNULLARE UNA

Dettagli

PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI

PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI ALLEGATO IA PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI (articolo 3, comma 3) Per essere abilitati ad accedere al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, i soggetti di cui agli articoli 1 e 2 del decreto

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Bologna 29 gennaio 2010 CIRCOLARE 33 - AREA AMBIENTE SISTRI Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei Rifiuti COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Con il Decreto del 17 dicembre 2010 il

Dettagli

Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE

Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE Ing. Domenico Sole Greco Responsabile Servizio Rifiuti e Bonifiche X Settore Territorio

Dettagli

SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DIRIPARTENZA D.M. 20 MARZO 2013 D.L.101/2013 NOTA ESPLICATIVA MATT DEL 30/09/2013

SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DIRIPARTENZA D.M. 20 MARZO 2013 D.L.101/2013 NOTA ESPLICATIVA MATT DEL 30/09/2013 SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DIRIPARTENZA D.M. 20 MARZO 2013 D.L.101/2013 NOTA ESPLICATIVA MATT DEL 30/09/2013 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Dm Ambiente 18 febbraio 2011,n. 52 in vigore dal 11/5/2011

Dettagli

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 18 novembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 1.0 del 31 maggio 2013 Sommario PREMESSA... 4 LA PROCEDURA

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 30 novembre 2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 1.2 Cronologia degli aggiornamenti...5 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

D.M. 25 maggio 2012, n. 141 Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 18 febbraio 2011, n. 52, avente ad oggetto il Regolamento recante istituzione

Dettagli

SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti)

SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) dr.ssa Federica Alimede Treviso Tecnologia c/o Sportello CSR e Ambiente CCIAA Treviso Normativa di riferimento D.Lgs. 205/2010: modifiche al Titolo IV D.Lgs. 152/2006

Dettagli

QUADRO SINOTTICO SISTRI ASPETTI NORMATIVI

QUADRO SINOTTICO SISTRI ASPETTI NORMATIVI QUADRO SINOTTICO SISTRI ASPETTI NORMATIVI Richiesta Associazione 1 Sono obbligati all operatività del Sistri, prevista per il 1 ottobre i nuovi produttori, solo nel caso di I nuovi produttori sono obbligati

Dettagli

Sistri: criticità e prospettive

Sistri: criticità e prospettive Sistri: criticità e prospettive Via, Aia & Rifiuti dal D. Lgs. 128/10 al D. Lgs. 205/10 Roma, 21.03.2011 Avv.to Chiara Scardaci Indice Illustrazione Normativa I tratti salienti del sistema Soggetti Adempimenti

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 1289 del 14 ottobre 2014

DELIBERAZIONE n. 1289 del 14 ottobre 2014 DELIBERAZIONE n. 1289 del 14 ottobre 2014 OGGETTO: Liquidazione al Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del contributo d iscrizione al SISTRI (Sistema di controllo della Tracciabilità

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 26 aprile 2011 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 1.2. Cronologia degli aggiornamenti...7 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

Manuale dell Utente Versione test 1.0

Manuale dell Utente Versione test 1.0 Manuale dell Utente Versione test 1.0 02/08/2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità ed uso del manuale... 5 2. Guida all utilizzo del sistema SISTRI... 5 2.1. Descrizione generale del sistema di

Dettagli

SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti

SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti 27 marzo 2015 CONFINDUSTRIA RAVENNA Servizio QSAE Le problematiche ancora aperte Sistema complesso ancora in attesa di semplificazioni

Dettagli

(D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia. 20 maggio 2014

(D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia. 20 maggio 2014 TRACCIABILITA DEI RIFIUTI con SISTRI (D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia 20 maggio 2014 *ATTENZIONE* Le informazioni riportate sono da ritenersi valide alla data di svolgimento

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

Categorie di soggetti obbligati ad iscriversi

Categorie di soggetti obbligati ad iscriversi Newsletter n. 01/2010 - SPECIALE AMBIENTE - ISTITUZIONE DEL SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA' DEI RIFIUTI In data 14 gennaio 2010 è entrato in vigore il D.M. 17 dicembre 2009 che istituisce

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 30 settembre 2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 1.2 Cronologia degli aggiornamenti...5 2. Guida all utilizzo

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETO 17 dicembre 2009. MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti,

Dettagli

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA 27/04/2015 Guida GESTIONE AZIENDA Pagina 1 di 33 1. Sommario 2. Introduzione... 4 3. Accesso Gestione Azienda... 4 4. Visualizzazione anagrafica azienda... 8

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

SISTRI. Tracciabilità dei Rifiuti. Indicazioni operative

SISTRI. Tracciabilità dei Rifiuti. Indicazioni operative SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Indicazioni operative Ing. Fabrizio Vitale Santa Croce Sull Arno, 24 settembre 2010 1 SISTRI è l informatizzazione degli adempimenti amministrativo/documentali

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale ISB in Europe 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/a 36-38, Rue Joseph II B 1000 Bruxelles Tel. (06) 441881 44188 221

Dettagli

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA 16/11/2011 Guida GESTIONE AZIENDA Pagina 1 di 64 Sommario 1. Introduzione... 4 2. Accesso a GESTIONE AZIENDA... 5 3. Modifica Anagrafica...10 3.1 Menu Principale:

Dettagli

Decreto Ministeriale del 24 aprile 2014

Decreto Ministeriale del 24 aprile 2014 Decreto Ministeriale del 24 aprile 2014 Disciplina delle modalità di applicazione a regime del SISTRI del trasporto intermodale nonché specificazione delle categorie di soggetti obbligati ad aderire, ex

Dettagli

Pordenone, 5 aprile 2011. Codice dell Ambiente. ANCE Direzione Legislazione Mercato Privato. Marcello Cruciani

Pordenone, 5 aprile 2011. Codice dell Ambiente. ANCE Direzione Legislazione Mercato Privato. Marcello Cruciani Pordenone, 5 aprile 2011 Codice dell Ambiente ANCE Direzione Legislazione Mercato Privato Marcello Cruciani 1 Il quadro normativo D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 D.M. 17 dicembre

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 14 aprile 2011 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 1.2. Cronologia degli aggiornamenti...7 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA 27/04/2015 Guida GESTIONE AZIENDA Pagina 1 di 33 1. Sommario 2. Introduzione... 4 3. Accesso Gestione Azienda... 4 4. Visualizzazione anagrafica azienda... 8

Dettagli

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?...

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?... 8 marzo 2011 Sommario PERCHÉ SISTRI?...3 Qual è la procedura di iscrizione?...3 Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?...5 Funzionalità standard...5 Accesso al sito...14

Dettagli

CASO D USO: MICRORACCOLTA. 21 aprile 2015 www.sistri.it

CASO D USO: MICRORACCOLTA. 21 aprile 2015 www.sistri.it CASO D USO: MICRORACCOLTA 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto per poter utilizzare agevolmente ed in maniera efficace

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida all accesso a SIRECO Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 3 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base... 3 2. Registrazione di un Responsabile...

Dettagli

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB Ver. 1.0 del 21/02/2014 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Presentazione... 4 3. Quando procedere

Dettagli

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA 23/06/2014 Guida GESTIONE AZIENDA Pagina 1 di 21 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Accesso Gestione Azienda... 3 3. Visualizzazione anagrafica azienda... 4 3.1

Dettagli

Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa. Manuale del 16/09/2015 Versione 1.50

Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa. Manuale del 16/09/2015 Versione 1.50 Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa Manuale del 16/09/2015 Versione 1.50 Indice 1. Registrazione area riservata del sito www.albonazionalegestoriambientali.it...

Dettagli

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Revisione n.1 Data di approvazione: 26/01/10 Pag. 1 di 9 Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, nel

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA 23 febbraio 2015, Bologna Circ. N. 0023/02/2015 Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Gentile Cliente, abbiamo rilasciato un nuovo modulo software e creato un servizio web per

Dettagli

SISTRI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO E MODALITA DI CANCELLAZIONE

SISTRI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO E MODALITA DI CANCELLAZIONE SISTRI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO E MODALITA DI CANCELLAZIONE Le discussioni sull applicabilità del Sistema zombi così comè stato definito nella nuova campagna stop-sistri portata avanti dalle associazioni

Dettagli

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA...

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA... 30 settembre 2010 Sommario PERCHÉ SISTRI?...3 Qual è la procedura di iscrizione?...3 Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA...5 Funzionalità standard...5 Accesso al sito...11

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

DISPOSITIVO USB Giornata SISTRI Seminario Informativo Inserimento Dispositivo USB Rimozione sicura Dispositivo USB Accesso al sistema Reset credenziali Ripristino Dispositivo USB Aggiornamento automatico

Dettagli

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo Ver. 1.0 del 21/02/2014 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Presentazione...

Dettagli

Software Servizi Web UOGA

Software Servizi Web UOGA Manuale Operativo Utente Software Servizi Web UOGA S.p.A. Informatica e Servizi Interbancari Sammarinesi Strada Caiese, 3 47891 Dogana Tel. 0549 979611 Fax 0549 979699 e-mail: info@isis.sm Identificatore

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale Organizzazione Servizi on-line per le Aziende

Dettagli

GUIDA RAPIDA SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06. Revisione OO del 01/06/2015

GUIDA RAPIDA SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06. Revisione OO del 01/06/2015 SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06 Revisione OO del 01/06/2015 Copyright 2015 by Maggioli S.p.A. Maggioli Editore è un marchio di Maggioli S.p.A. Azienda con sistema qualità certificato ISO

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida alle funzioni del modulo Redattore 1 di 157 Corte Dei Conti Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 5 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base...

Dettagli

Sommario. 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3. 1.1. Il Gestionale Web... 3. 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3

Sommario. 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3. 1.1. Il Gestionale Web... 3. 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3 Sommario 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3 1.1. Il Gestionale Web... 3 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3 1.3 Funzionalità dell interfaccia Web... 4 1.3.1 Creazione guidata dela fattura in formato

Dettagli