LA CORTE BENEDETTINA DI LEGNARO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CORTE BENEDETTINA DI LEGNARO"

Transcript

1

2

3 LA CORTE BENEDETTINA DI LEGNARO Vicende, strutture, restauri a cura di Mimmo Vita e Francesco G.B. Trolese Regione del Veneto

4 I documenti estratti dall Archivio di Stato di Padova, sono stati riprodotti su concessione n. 24 del 06/12/ 2001, prot. n. 5176/X.1 Il disegno dei possedimenti della Corte di Legnaro datato 1774, riprodotto nei fogli di risguardo ed in copertina, è stato ricavato dall ARCHIVIO DI STATO DI PADOVA, Corporazioni soppresse, S. Giustina, 581. I documenti di pag. 1 e 160 riproducono disegni del 1795 conservati nell ARCHIVIO DI STATO DI PADOVA, Corporazioni soppresse, S. Giustina, 560, f. 1r, 2r. Pubblicazione realizzata in collaborazione con l Assessorato alla Cultura e l Identità veneta della Regione del Veneto Copyright 2001 by : Regione del Veneto, Venezia, Dorsoduro 3901 Veneto Agricoltura, Legnaro (PD), Via Romea Sono rigorosamente vietati la riproduzione, la traduzione, l adattamento, anche parziale o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, compresi la copia fotostatica, il microfilm, la memorizzazione elettronica ecc., senza la preventiva autorizzazione scritta di Regione del Veneto Veneto Agricoltura. Ogni abuso sarà perseguito a norma di legge. Regione del Veneto

5 Indice GIANCARLO GALAN, Presentazione GIORGIO CAROLLO, Presentazione GUGLIELMO MONTI, Il recupero della Corte di Legnaro SANTE BORTOLAMI, Corti e granze benedettine nel Medioevo: alle origini di una storia di lunga durata FRANCESCO G.B. TROLESE, La presenza dei monaci di Santa Giustina a Legnaro e nella Corte LUIGI DESTRO, MAURO RONCADA, L intervento di restauro da parte della Regione Veneto Genio civile di Padova ENRICO SCHIAVINA, L intervento di restauro alla Corte benedettina di Legnaro

6 La storia degli uomini non sempre ha come unici protagonisti re o eserciti. In particolare la storia medievale dei nostri territori veneti si segnala come una continua opera di addomesticamento della natura: si trattava di terreni difficili, spesso acquitrinosi o dominati dalle selve. L azione dei benedettini, assieme a quella delle signorie locali, era diretta alla regimazione delle acque, la bonifica delle terre e comunque alla conversione del paesaggio, allora spesso dominato dalla boscaglia, in aree ove si doveva insediare l agricoltura, la vera ricchezza del tempo. Il nostro Veneto è una terra bella oggi. Viene visitata da tutti perché è universalmente riconosciuto questo patrimonio, che è culturale, architettonico e ambientale. Ci sarà stato scempio, forse in altri tempi, ma la qualità del nostro territorio è ai vertici mondiali. E dobbiamo ringraziare l Agricoltura perché ha saputo modellare mirabilmente il paesaggio. Le Corti benedettine con il loro patrimonio religioso e culturale incrociano questa opera avviata dai monaci con mirabile sapienza circa mille anni fa. Quella di Legnaro, che abbiamo voluto recuperare affidandola al mondo agricolo, è un segno mirabile di questo sviluppo. La ruralità oggi è tornata al centro degli interessi. Non si tratta di una sorta di infantile nostalgia del mondo contadino. È vero e proprio mercato, che contraddistingue anche qui le capacità professionali dei nostri imprenditori agricoli ed agroalimentari, i quali sanno ben valorizzare i prodotti, avvalendosi della loro superiore qualità e del contesto all interno dei quali vengono proposti. Veneto Agricoltura ha saputo inserirsi in questo processo, e la Corte benedettina di Legnaro è, se vogliamo, il segno di come la Regione intende affiancarsi e collaborare con il mondo agricolo per governare i processi in atto. Una parola d ordine: recuperare la tradizione all interno di una visione innovativa ed innovatrice. GIANCARLO GALAN Presidente della Regione del Veneto 5

7

8 La Corte benedettina di Legnaro, dopo il restauro durato ben 12 anni, è oggi uno dei complessi architettonici più significativi della bassa padovana. Come ha già sottolineato il Presidente della Regione Giancarlo Galan, i milioni di Euro spesi, sono stati ben spesi. Gli investimenti in cultura, il recupero della storia più profonda della vita del nostro territorio è un dovere che dobbiamo a noi stessi ed alle generazioni future. La Corte benedettina di Legnaro è sempre stata un centro oltreché religioso, il fulcro della vita rurale di un comprensorio vasto e significativo, anche mille anni fa. Per noi di Veneto Agricoltura questo è tanto più vero se, come dimostrano gli importanti testi di Padre Francesco G.B. Trolese, Direttore della Biblioteca dell Abbazia di Santa Giustina di Padova e del Prof. Sante Bortolami dell Università di Padova che qui ringrazio per il loro impegno nel portare a termine questo volume, associamo la Corte di allora a quella di oggi. Il suo rifiorire non solamente dal punto di vista strutturale ma anche quale riferimento per il mondo rurale è l obiettivo che più ci prefiggevamo. Oggi è centro di formazione e divulgazione, ospita convegni e meeting nazionali ed internazionali, accoglie studiosi e giovani che intendono approfondire e comprendere l innovazione in agricoltura, o nei settori agroalimentare, forestale, ecc. È inoltre a disposizione del territorio, ospitando la biblioteca ed alcuni servizi del Comune di Legnaro. Voglio anche ringraziare la Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio del Veneto Orientale che ha seguito con attenzione le fasi del restauro, permettendoci di giungere ai risultati ben riprodotti in questo libro, come la dedizione degli Ingegneri Luigi Destro e Mauro Roncada del Genio Civile di Padova, che hanno diretto i lavori realizzati con sapienza dalla ditta Schiavina. Come un plauso va al Dr. Mimmo Vita che con i suoi collaboratori ha portato a termine questo volume, nonostante alcune difficoltà anche imprevedibili. Il ricordo della scomparsa del Prof. Camillo Semenzato, cui ci eravamo affidati per la cura di questo libro, è ancora forte. A lui va il nostro commosso ricordo, certi che queste pagine incarnano anche quanto egli avrebbe potuto realizzare. GIORGIO CAROLLO Amministratore Unico Veneto Agricoltura 7

9

10

11

12 Guglielmo Monti* Il recupero della corte di Legnaro L intervento nella Corte benedettina di Legnaro ha rappresentato per molti aspetti un episodio anomalo nell attività della Soprintendenza per i beni architettonici e il paesaggio del Veneto Orientale. Normalmente l Ufficio segue dall esterno i lavori altrui esercitando un azione di controllo, oppure affronta direttamente operazioni di restauro assumendone la progettazione e direzione dei lavori. Quest ultima modalità è costante quando il Ministero per i beni e le attività culturali eroga i fondi e tende ad estendersi anche alle opere concorrenti eventualmente assunte da altri Enti. In questo caso invece si è scelto di lasciare alla Regione Veneto, cofinanziatrice minoritaria insieme al Ministero, l onere della direzione dei lavori, affidata all ing. Roncada del Nucleo operativo di Padova. Il progetto poi aveva avuto un iter particolarmente laborioso, provocando, per una serie di disavventure burocratiche che avevano visto susseguirsi studi preliminari, gare e affidamenti per un lungo periodo, ritardi nell espletamento delle gare e conseguenti disagi all Ufficio, costretto a rinviare da un anno all altro i finanziamenti e quindi ad iscriverli in bilancio come fondi non impegnati. Il risultato di questo processo, pur essendo stato accettato anche sotto il profilo della conservazione di un bene tutelato, aveva suscitato qualche perplessità e la sensazione di trovarsi di fronte ad un impegno prevalentemente incentrato su aspetti strutturali e ridistributivi. Questa prima valutazione, unita alla convinzione che il complesso, rimaneggiato anche in epoche recenti e pesantemente riutilizzato a fini commerciali e industriali, conservasse solo un limitato interesse specificamente storico artistico, è stata alla base della decisione di conservare, dopo l approvazione del progetto, un ruolo di supervisione, sancito con apposito accordo di programma. D altronde la funzione a cui il complesso era destinato, come parte integrante della struttura universitaria di Agripolis, rendeva la Regione più interessata a gestire direttamente il cantiere. Anche l entità delle somme, preventivate in nove miliardi, di cui due terzi a carico del Ministero, era assolutamente insolita per le nostre opere, difficilmente al di sopra del miliardo. Naturalmente la posizione scelta dava fiducia alla managerialità regionale, ma non intendeva abdicare da un ruolo di attiva partecipazione, reso anzi più urgente dai 11

13 GUGLIELMO MONTI limiti dell impostazione progettuale e dalle condizioni precarie in cui si trovava proprio la parte più interessante del vasto insieme di costruzioni, costituita dal corpo centrale che domina la grande corte quattrocentesca. Già nell esame delle proposte presentate si era concentrata l attenzione sul problema dei suoi grandi spazi interni e del sottostante portico, specialmente delicato nella porzione sostenuta da colonne in pietra di Nanto. La stretta intesa che si è stabilita tra l arch. Edi Pezzetta, rappresentante della Soprintendenza, l ing. Mauro Roncada, la ditta Schiavina di Casalecchio di Reno, appaltatrice dell Opera, e l ing. Raffaele Poluzzi, consulente statico dell impresa, ha consentito di superare brillantemente le difficoltà iniziali. Come vedremo meglio, il comune intento di rispettare e valorizzare l esistente ha anzi permesso, a dispetto delle impegnative esigenze tecniche da soddisfare, di scoprire nuove valenze di natura estetica e documentaria che un uso troppo disinvolto aveva occultato e talvolta deturpato. Si è cercato innanzitutto di ridurre al minimo l impatto della struttura metallica destinata a sostenere le travi del portico, assegnando ai montanti verticali, poco visibili, anche la funzione di intelaiatura degli infissi delle vetrate, arretrati e semplificati per restituire alla visione d insieme l effetto di profondità originario. Il criterio adottato è stato quello di limitare allo stretto indispensabile la presenza di nuovi elementi, evitando fin dove possibile che si sostituiscano a quelli esistenti e li riducano a rivestimenti decorativi. Lo stesso principio ha orientato l azione di consolidamento di solai e coperture, portando a superare le indicazioni progettuali, che prevedevano pesanti sostituzioni e variazioni di quota. Ci si è limitati a riordinare le quote d imposta, modificate d altronde sulla base di interventi provvisionali spesso improvvidi e comunque episodici, con operazioni puntuali di riabilitazione e una generale ricucitura delle capriate mediante esili tiranti metallici in funzione di controventature. I pilastrini di legno che in maniera anomala ma suggestiva trasformavano le catene lignee in travi sono stati conservati, evitando così rinforzi più radicali. Al salvataggio di un sistema strutturale di collaborazione tra ossatura del tetto e orditura primaria sottostante, irrobustita, come già ricordato, dai telai metallici del portico, si è accompagnato quello, assicurato da un sapiente restauro, delle travature cinquecentesche decorate. L uso di una trama di fibre di carbonio come telai di contenimento delle deformazioni murarie ha reso possibile il mantenimento delle stesse sagome parietali deformate, intervenendo in misura assai ridotta sul corpo delle murature. Pur accettando alcuni sacrifici per l inserimento di impianti che, dovendo normalizzare per uso pubblico grandi ambienti, non possono sempre piegarsi alle esigenze di discrezione che abbiamo cercato di seguire, anche in questo campo abbiamo seguito un orientamento capace di abbinare la mancanza di mascheramenti con la minima invasività. L attenzione usata nella soluzione di problemi edilizi ha trovato un riscontro nella già accennata cura per le puliture e il recupero delle decorazioni sulle membrature lignee, le cui pigmentazioni erano gravemente alterate dalla caligine e deteriorate da attacchi biologici di funghi e insetti. La conservazione delle quote originarie ha permesso di recuperare anche molti pavimenti in cotto interni, con uno studio delle tessiture che è stato riproposto anche nel ripristino dei grandi selciati esterni della corte, molto ammalorati dagli usi impropri. L estensione di queste aie pavimentate in laterizio è veramente eccezionale e c è sembrata così caratterizzante da meritare di essere integralmente ripresentata. Un episodio ove quest entusiasmo della riscoperta, motivato anche dallo stato miserabile in cui si trovava il complesso prima dei lavori, ha trovato la sua ricompensa più eclatante è stata la scoperta della cappella. Utilizzata come officina meccanica, aveva perso quasi completamente la sua grazia settecentesca, ma la pulitura delle pareti ha svelato marmorini dipinti e specchiature raffinate. Per fortuna le poche parti residue del pavimento alla veneziana hanno permesso di ricostruirne l intero disegno, che è stato reintegrato riempendo la buca del meccanico e rimettendo in luce, senza troppe forzature, uno spazio che sembrava perso. 12

14 IL RECUPERO DELLA CORTE DI LEGNARO La vicenda della Corte di Legnaro è esemplare proprio perché dimostra come la perseveranza su obiettivi di conservazione possa portare, anche partendo da condizioni avverse e da contesti edilizi tormentati, a risultati che superano le previsioni. Se è vero in generale che l esperienza acquisita in questo campo dalla Soprintendenza si utilizza nel migliore dei modi affidandogli la progettazione e la condizione delle opere di maggior impegno conservativo, bisogna convenire che in operazioni di largo respiro e di molteplici implicazioni come questa la collaborazione tra Enti con diverse vocazioni e strutture può essere preziosa. Quando si riscontra una così convincente unità d intenti gli specialisti della istituzione statale possono anche cedere il passo a professionisti esterni e ad altri funzionari, limitandosi a fornire indicazioni. L essenziale è che l azione di tutela non sia recepita da chi opera come ostacolo da superare, ma come consulenza di cui profittare per una crescita qualitativa. Chi si occupa prevalentemente di opere del passato sa che vale la pena di studiarle e comprenderle perché sono quasi sempre, anche in condizioni apparentemente disperate, in grado di restituire qualcosa della loro grandezza, a condizione di ascoltarle con una certa umiltà. È però una condizione che costringe ad assumersi dei rischi, tra i quali figura quello di rimettere in discussione i propri intenti progettuali, come non tutti gli operatori sono disposti a fare. Servono perciò leggi e regolamenti che, diversamente da quello che sta accadendo, consentano e favoriscano l impiego delle forze più qualificate e la tranquillità di poter operare una continua revisione, di fronte alla realtà del cantiere, di ogni previsione programmatica. Non so se si riuscirà ad invertire un percorso che omologa il restauro alla fabbricazione di un prodotto industriale, ma so che è una condizione necessaria se si vuole che casi come quello della Corte di Legnaro non restino fortunate e rare combinazioni. *Soprintendente per i beni architettonici e per il paesaggio 13

15

16 Sante Bortolami Corti e granze benedettine nel Medioevo: alle origini di una storia di lunga durata È a tutti noto il rapporto complesso e profondo che ha legato nel corso dei secoli il monachesimo alla regione veneta. L arte, la cultura, la spiritualità, ma anche le forme del paesaggio, gli insediamenti, l economia del Veneto odierno sarebbero incomprensibili senza questa discreta ma significativa presenza che ha accompagnato il farsi progressivo di una civiltà dal medioevo ai giorni nostri. Non solo le grandi città (si pensi a episodi quali S. Zeno di Verona o S. Giorgio Maggiore di Venezia o ancora S. Giustina di Padova) o i centri medi, ma tutto il territorio regionale resta segnato in forme stupende dalle tracce di una esperienza che si è svolta appunto tra i chiostri ma in un fecondo e multiforme rapporto con la società e l ambiente circostanti. Da Follina a Praglia a Vedana a Campese è possibile tuttora ammirare autentiche perle che parlano di una sintesi irrepetibile tra cultura e natura costruita nel corso del tempo all insegna dell ora et labora di san Benedetto. Località quali Badia Polesine, S. Michele delle Abbadesse, Isola dell Abbà, Brentà dell Abba Monastier sono lì a rammentarci persino col loro nome quale ruolo attivo abbia giocato un simile passato monastico nelle lagune e nella terraferma veneta 1. Sebbene tutto ciò sia universalmente risaputo, si deve constatare che per la conoscenza e la salvaguardia di tante e preziose tracce di questa gloriosa storia monastica in terra veneta c è ancora molto da fare. Una società che pure si vuole sensibile ai valori della cultura come la nostra non sembra avere ancora compreso pienamente l importanza di un simile compito. Si impegnano risorse ed energie per attività spesso spettacolari ed effimere, dimenticando quello che può durare nel tempo al di là delle mode e tuttora rende il nostro paese degno di ammirazione e di attrattiva. Il lavoro meritorio delle università, delle soprintendenze, delle varie associazioni culturali, delle amministrazioni locali, spesso di singoli studiosi e appassionati, non arriva talora a corrispondere adeguatamente alla domanda di informazione e soprattutto alle esigenze concrete di tutela e di restauro delle svariate testimonianze archivistiche, librarie, artistiche e architettoniche amorevolmente preservate per secoli e lasciateci in eredità dalle comunità benedettine del Veneto medioevale e moderno. 15

17 SANTE BORTOLAMI Spesso accade che solo le opere meglio note e appariscenti, quelle che bene o male entrano negli itinerari di massima del grande flusso turistico, siano fatte oggetto d attenzione e cura. Di moltissime realtà più umbratili, invece, quali potrebbero essere un piccolo priorato o una cappella o una corte agricola, si ignora talora persino l esistenza, nonostante i recenti apprezzabili sforzi di catalogazione fatti a vari livelli e da diversi enti. Eppure è proprio questo diffuso patrimonio di segni a dare per così dire il tono a un intera civiltà, a costituire l imprescindibile sfondo nel quale hanno modo di stagliarsi e brillare gli astri di maggior luce artistica. In questa ricchezza non ancora pienamente apprezzata e difesa come merita si dovrebbero appunto investire ben maggiori risorse materiali ed energie più cospicue di cuore e di mente, proprio perché parte viva di noi e del cammino storico che abbiamo compiuto. Tra gli episodi che documentano la vitalità plurisecolare del monachesimo nella nostra regione uno dei più interessanti e meglio conservati è indubbiamente rappresentato dalla Corte benedettina di Legnaro, in provincia di Padova. Com è noto, si tratta di una struttura di lungo periodo, appartenuta fino agli inizi dell Ottocento alla grande abbazia di S. Giustina, che realizzò qui il centro amministrativo e gestionale di un vasto complesso fondiario costituitosi fin dall epoca medioevale e organizzato in forme più razionali e moderne durante la dominazione veneziana della terraferma. Una sorta di agripolis ante litteram, si direbbe, intorno alla quale si annodano tanti eventi di carattere economico, sociale e in senso lato umano desiderosi ancora di essere indagati a fondo; così come si attende ancora una analisi appropriata di quel complesso architettonico che fu l efficace materializzazione di un simile progetto di sviluppo produttivo e di aggregazione della popolazione contadina. Sappiamo che l antico cenobio di S. Giustina, divenuto nella prima età moderna il capo di una vasta congregazione riformata presente in tutta Italia con ben 45 case religiose affiliate, fu di gran lunga il più precoce e più potente fra i monasteri padovani e uno dei maggiori dell intero Veneto fin dal Medioevo 2. La sua dotazione fondiaria, comprensiva all epoca della soppressione napoleonica di oltre campi, fu frutto di donazioni, acquisti e permute oculate che si possono seguire attraverso i documenti almeno dal X secolo 3. Attraverso il mutare dei quadri politici il libero comune, la signoria carrarese, la dominazione veneziana si compì con gradualità quello che si può considerare tuttora un autentico prodigio: la sapiente realizzazione, cioè, di una serie di interventi in campo agricolo, idraulico e amministrativo che risultò trainante per tutta l economia padovana e diede vita a una serie di grandi aziende-modello. Mediante bonifiche, disboscamenti e migliorie, tra provvedimenti gestionali e innovazione tecniche, si crearono i presupposti per impiantare intorno ad alcuni fuochi territoriali (Correzzola, San Salvaro di Monselice, Maserà, Legnaro, Rovolon, Torreglia) un organico ma elastico sistema di corti provviste ciascuna di stalle, granai, orti, forno, cantina, in qualche caso anche di mulini e fornaci; corti, che a loro volta erano governate da altrettanti gastaldi e fungevano da punto gravitazionale di un variopinto mondo di artesani, di braccianti, di coloni insediati direttamente sulla terra padronale o nell arcipelago delle proprietà date in concessione. Di questa avvincente epopea agricola le corti superstiti sono dunque testimonianza viva, una sorta di epifania. Gioielli ammirevoli proprio per il loro valore esemplare di un percorso storico comune a gran parte delle genti e delle terre venete. La storia delle Corte benedettina di Legnaro ha il suo esordio circa mille anni fa, cioè dai tempi lontani in cui i monaci poterono prendere possesso di quelle che erano ancora lande pressoché spopolate e selvatiche. È da quel remoto periodo in cui gran parte della bassa pianura veneta era un vero «regno della foresta e della palude» 4 e Padova stava lentamente rinascendo dopo secoli di depressione che le fonti ci consentono di seguire il lento cammino che portò alla nascita di un vero e proprio paese, alla formazione dei primi poderi (o mansi), alla crescita di un nume- 16

18 CORTI E GRANZE BENEDETTINE NEL MEDIOEVO: ALLE ORIGINI DI UNA STORIA DI LUNGA DURATA roso e articolato apparato di fittavoli e di clienti, alla compattazione di una ampia e ben coltivata tenuta agricola che con le estreme dipendenze di Isola dell Abbà si spingeva fino al Bacchiglione e si aggirava sui 1300 campi padovani. Tanti passaggi, tante innovazioni, tante vicissitudini intorno a cui far luce. Ma qui importa puntare solo un po l obbiettivo sulla fase pionieristica di impianto di questa e altre corti agricole e vederne rapidamente l impatto sull evoluzione del paesaggio agrario, sulle trasformazioni del sistema insediativo, sulla vita dei contadini. Anzitutto meriterebbe sgombrare il campo da luoghi comuni tenaci e cari specialmente a chi è abituato a somministrare con dovizia pillole di storia senza la pazienza e la saggezza di riconoscerne la meravigliosa complessità. La cara immagine del monaco dissodatore di lande selvagge, intento a strappare brano a brano alle sterpaglie e agli acquitrini la buona terra da seminare, è entrata nel nostro immaginario del Medioevo come un irrinunciabile cliché. E naturalmente ce n è motivo, se uno stimabile storico del monachesimo ha potuto affermare senza esitazione che «l opera dei monaci e dei loro coloni fu essenzialmente un opera di bonifica e di dissodamento che trasformò intere pianure e vallate» 5. Pur tuttavia, ci si dovrebbe guardare da giudizi così perentori. Che possono essere anche di segno opposto, peraltro, se non è mancato chi, altrettanto autorevolmente e con nostra somma confusione, ha sostenuto al contrario che «i grandi artefici [dei dissodamenti] non ne sono stati i monaci, come si è per molto tempo creduto. I cluniacensi, i benedettini di antica osservanza conducevano una vita di tipo signorile, quindi oziosa e non si preoccupavano minimamente di dissodare» 6. Anche quest ultima affermazione, se presa alla lettera ed estesa senza discrezione a tutto il Veneto medioevale, suonerebbe inaccettabile. Anche solo limitandoci alle fondazioni religiose che furono aggregate alla congregazione cluniacense, come potremmo allora spiegarci episodi come quello della fondazione dei villaggi di Conche e Fogolana, verso Chioggia, intorno al 1105 da parte dei monaci di S. Cipriano di Murano, o di S. Benedetto delle Selve, nella pianura antistante i colli Euganei, nel 1300 per iniziativa dell abate di S. Maria di Praglia? 7 O, ancora, come si potrebbe dar conto del valoroso e prolungato sforzo di colonizzazione e di addomesticamento della Valsugana, dell Altipano di Asiago e del pedemonte bassanese compiuto tra il XII e il XV secolo da S. Croce di Campese, altra grande abbazia che, attraverso la casa-madre di S. Benedetto di Polirone, fu ugualmente incardinata nella grande famiglia dei benedettini cluniacensi? 8 Insomma, anche nel Veneto l azione che i centri di vita benedettina svolsero nella modifica progressiva dell habitat e nella valorizzazione della terra si presenta a tinte diverse a seconda degli ambiti e dei periodi storici. Più incisiva e creativa nei secoli immediatamente successivi al Mille, conobbe stasi e abbandoni soprattutto fra Tre e Quattrocento, per riprendere slancio, sia pure in modo non uniforme e con obbiettivi più di ordinata gestione e razionalizzazione dei patrimoni che di conquista di nuovi significativi traguardi, durante l età moderna. Semmai, si può giustamente osservare che i monaci in prima persona non si dedicarono se non in minima misura al lavoro agricolo vero e proprio. A vibrare i colpi di roncola e di accetta su alberi e arbusti, a scavare scoli, ad affondare vanghe e zappe, ad aggiogare i buoi per l aratura, a spandere letame, a segare e rastrellare, a far piantumazioni e potature furono normalmente uomini di servizio che pure frequentemente vestivano l abito religioso e facevano vita comune presso i cenobi in qualità di conversi, furono folle sterminate di bovai, coloni, fittavoli, braccianti o arsenti: in una parola, fu un umanità diversificata che i vari enti monastici seppero attirare, subordinare e coordinare. Ma, indubitabilmente, i meriti di una instancabile, oculata e spesso lungimirante programmazione e realizzazione di tanti progetti di sviluppo della produzione agricola vanno riconosciuti alla mens monastica e alla sua congenita vocazione ideale a redimere la natura accanto alle anime, a farne il teatro di una manifestazione graduale di principi di ordine, di armonia, di corretto e intenso sviluppo. 17

19 SANTE BORTOLAMI Una parola va spesa anche per chiarire quando e per quali vie quei gangli della vita agricola che furono le corti si costituirono o iniziarono la loro secolare vicenda di docili creature nelle mani dei monaci. Le corti, come si sa, sono strutture di lungo periodo la cui diffusione su larga scala in tutto l Occidente europeo si usa attribuire al grande sforzo organizzativo delle campagne realizzato dai sovrani carolingi verso la fine del IX secolo, anche se c è chi ha ritenuto di intravederne l incubazione nel mondo mediterraneo già in quelle ville rustiche dell età tardoantica e dei primi secoli barbarici nelle quali i grandi proprietari avevano avviato un enorme lavoro di concentrazione di uomini e di terreni all insegna di una tendenziale autosufficienza economica 9. Nel caso del Veneto le prime attestazioni di esse non sono in ogni caso così precoci come in altri ambiti della penisola. Solo per il territorio veronese, che è il meglio documentato per questo periodo, si hanno sparse e scarne indicazioni di simili grandi aziende in cui la forza lavoro veniva organizzata a sostegno di una agricoltura che stentava a farsi largo in un oceano di incolti fin dal principio del IX secolo, ma si tratta per lo più di unità fondiarie appartenenti alla grande nobiltà o agli episcopi, largamente favoriti anche dal punto di vista del potere sulla società contadina dalla debolezza dell autorità pubblica 10. Più precisamente le prime notizie di braide, cioè di terre arative a conduzione diretta di alcune corti agricole risalgono qui all anno 813 e si fanno via via più frequenti in progresso di tempo 11. Una delle più note e meglio organizzate era quella di Ostiglia, sulle rive del Po, e apparteneva fin dalla metà del IX secolo al monastero emiliano di S. Silvestro di Nonantola 12. A differenza di quanto si verifica Oltralpe, dove alcune grandi fondazioni monastiche erano in grado di far redigere accurati inventari o polittici delle terre e dei dipendenti già in epoca carolingia e anche diversamente da altre zone padane o del centro-sud della penisola, nel Veneto le corti monastiche compaiono relativamente tardi e per lo più come frutto della munificenza dei potenti del secolo marchesi, conti e altri grandi esponenti dell aristocrazia o dei presuli diocesani. Ciò risulta perfettamente dal caso di Padova. Di una fra le prime corti benedettine documentate in territorio padovano, quella di S. Tommaso di Monselice, sappiamo ad esempio che esisteva almeno dal 906 e solo nell anno 914 fu donata dal conte di Verona Inghelfredo al monastero femminile veneziano di S. Zaccaria, per essere confermata pochi anni dopo dal vescovo di quella città 13. Essa era provvista di una cappella officiata da un prete designato dalle monache che, come risulta da notizie più tarde, svolgeva anche funzioni di amministratore della casa padronale (domus cultile) ubicata a ridosso delle mura della cittadina euganea e del complesso di fondi rustici cui mettevano capo altrettanti poderi familiari (massaricie, casalia), di orti, di vigneti, di uliveti, di prati, di pascoli e di terreni selvatici disseminati nei dintorni e dipendenti da essa. Con lo stesso atto di liberalità le religiose di S. Zaccaria ricevevano un altra corte, pure provvista di una cappella dedicata a S. Maria, in quel di Cona. Una potente abbazia veronese, quella di S. Zeno, era venuta a sua volta in possesso di altre cospicue proprietà nel Padovano già da qualche decennio quando, nel 939, permutava col vescovo della città scaligera la chiesa di S. Tommaso sita appunto in una località vicina a Piove di Sacco chiamata tuttora Corte, più altre due tra i colli Euganei e i Berici, precisamente a Boccon e a Montegalda 14. Anche questa comprendeva una chiesa retta da un monaco, era provvista di un cimitero e aveva un corredo imprecisato di case e masserie contadine e di servitù. Una particolarità, anzi, di questo periodo d oro dell espansione monastica fu che i patrimoni donati, fossero o meno organizzati in grosse proprietà accentrate, si dislocavano con grande facilità anche a distanze notevoli dall ente benedettino che li otteneva, proprio perché le logiche politiche dei facoltosi donatori e quelle delle abbazie o delle congregazioni regolari beneficate non seguivano, come sarà in seguito, particolari criteri di esclusivismo cittadino. Così è normale incontrare già nell anno 983 sia corti sia casali (costituiti di solito da unità aziendali ugualmente accentrate ma più piccole), in mano al monastero vicentino dei SS. Felice e Fortunato in tutta la zona collinare euganea (a Zovon, Boccon, Fontanafredda, 18

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it ITINERARIO 3. Sito UNESCO Venezia e la sua laguna (parte in Comune di Codevigo Provincia di Padova); Dai Colli Euganei alla Laguna sud di Venezia, lungo i Canali Vigenzone e Pontelongo; Da Padova alla

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

6) I LUOGHI DEL SACRO

6) I LUOGHI DEL SACRO 6) I LUOGHI DEL SACRO Gli edifici di culto spesso hanno orientato l organizzazione territoriale in maniera incisiva e hanno avuto ruolo distintivo nell identità locale: nelle varie epoche hanno creato

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014 LAST SIPE Appunti Livorno 21 giugno 2014 SAPERE, FARE, FAR SAPERE Ho sentito questo slogan per la prima volta da Gianni Bassi, grande Governatore del Distretto 2070, appassionato rotariano, con una visione

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli