Allegati Acronimi Principali enti Glossario minimo Bibliografia sulla formazione professionale 1997/98 151

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegati 139 1. Acronimi 141 2. Principali enti 143 3. Glossario minimo 149 4. Bibliografia sulla formazione professionale 1997/98 151"

Transcript

1 La spesa della pubblica amministrazione per la formazione continua dei dipendenti Il finanziamento della formazione in alternanza Sintesi della spesa pubblica per la formazione professionale Il peso dei fondi comunitari La spesa delle aziende La spesa individuale I confronti internazionali 106 Capitolo 5 Aspetti qualitativi Certificazione e qualifiche Due sistemi di certificazione Le certificazioni facenti capo al sistema scolastico e universitario Le certificazioni facenti capo al sistema di formazione professionale Formazione dei formatori I docenti e i formatori del sistema di istruzione e formazione professionale Aspetti normativi e professionali della figura del docente e del formatore Orientamento professionale Il quadro legislativo Le strutture esistenti Nuove prospettive Alcune esperienze innovative 116 Capitolo 6 Tendenze, prospettive e innovazioni Strategia generale Interventi normativi in atto Aspetti innovativi Verso l integrazione tra i sistemi La formazione tecnica professionale superiore L apprendistato Tirocini formativi e di orientamento Lo sviluppo del sistema di certificazione L accreditamento delle strutture formative 136 Allegati Acronimi Principali enti Glossario minimo Bibliografia sulla formazione professionale 1997/98 151

2 Capitolo 5 Aspetti qualitativi 5.1. Certificazione e qualifiche Due sistemi di certificazione Il sistema italiano di certificazione dei percorsi scolastici e formativi presenta due livelli di responsabilità nettamente differenti: quello del sistema scolastico che fa capo al ministero della Pubblica istruzione e quello non scolastico che fa capo al ministero del Lavoro e alle regioni. Anche all interno dei percorsi scolastici vengono forniti titoli con valore professionale. Pertanto verranno presi in esame anche i titoli scolastici Le certificazioni facenti capo al sistema scolastico e universitario Il sistema scolastico Gli istituti tecnici, professionali, gli istituti d arte e le scuole magistrali fanno parte della scuola secondaria superiore, gestita dal ministero della Pubblica istruzione. Come gli altri indirizzi della secondaria superiore anche quelli tecnici e professionali si concludono, al termine di un percorso di cinque anni, con un esame di Stato che conduce al conseguimento della «maturità». Dal corrente anno scolastico (1998/99) entrano in vigore le nuove disposizioni relative allo svolgimento degli esami di maturità introdotte con la legge 425/97. L esame di Stato comprenderà tre prove scritte ed un colloquio. La prima tende ad accertare le competenze linguistiche; la seconda ha per oggetto una delle materie caratterizzanti il corso di studio; la terza, a carattere multidisciplinare, verte sulle materie dell ultimo anno ed è strutturata per accertare anche la conoscenza di una lingua straniera. Il colloquio si svolge su argomenti di interesse multidisciplinare. Tra le novità introdotte dalla nuova normativa segnaliamo il «credito scolastico» attribuito dal consiglio di classe (per i candidati interni) nello scrutinio finale di ciascuno degli ultimi tre anni di scuola o dalla commissione d esame (per i candidati esterni) che tiene conto dei crediti formativi maturati nel corso degli anni scolastici precedenti. Per i candidati esterni l ammissione agli esami è subordinata al superamento di un esame preliminare. Il conseguimento del diploma di maturità apre le porte a tutte le facoltà universitarie. Il diploma permette anche di entrare nella vita attiva oppure di iscriversi ad un corso di secondo livello del sistema della formazione professionale gestita dalle regioni. Gli istituti professionali di Stato e gli istituti d arte preparano anche per un esame di Stato intermedio che dà diritto ad un attestato di qualifica al termine del primo triennio. L attestato di qualifica professionale permette l accesso alle carriere esecutive e di concetto della funzione pubblica, di cominciare a lavorare nelle attività per svolgere le quali è prevista la professionalità acquisita, conformemente alle disposizioni degli accordi collettivi del settore privato che prevedono un periodo di prova massimo di tre mesi. Capitolo 5 Aspetti qualitativi

3 Capitolo Le scuole magistrali, al termine di un percorso triennale, forniscono un diploma di «maestra d asilo». Il riconoscimento dei titoli di studio di cui si è parlato ha una validità a livello nazionale. Per quanto riguarda il diploma di maturità, la direttiva comunitaria 92/51, che regolamenta i titoli di studio intermedi, riconosce la validità di alcuni diplomi anche sul territorio comunitario. Il possesso di alcuni diplomi di maturità tecnica, che si conseguono presso gli istituti tecnici, permette, assieme allo svolgimento di un tirocinio, di poter prendere parte all esame di Stato per l iscrizione a collegi professionali e poter esercitare, in caso di esito positivo, la libera professione. Il diploma universitario I corsi di diploma universitario sono attivati all interno delle facoltà universitarie. Prevedono esami nelle singole discipline ed un esame finale di diploma. Il conseguimento del diploma universitario permette di accedere all esercizio delle relative professioni nel settore privato e, da un anno, anche in quello pubblico. La normativa di riferimento è, allo stato attuale, contenuta esclusivamente nella legge 127 del 15 maggio Le certificazioni facenti capo al sistema di formazione professionale Il sistema di certificazione è in fase di ridefinizione sulla base della legge 196/97 (cfr. più avanti capitolo 6), che prevede la possibilità di sviluppare un sistema di crediti formativi e di riconoscimento delle competenze acquisite nella formazione professionale. In questa prospettiva, sarà concretamente possibile la certificazione delle competenze professionali per il riconoscimento di crediti formativi utili al conseguimento di un titolo di studio o all inserimento in un percorso scolastico, sulla base di specifiche intese tra i ministeri interessati (Lavoro, Pubblica istruzione, Università). Ai partecipanti dei corsi direttamente gestiti dalle regioni, organizzati da altri centri formativi convenzionati o delegati viene rilasciato, al termine del corso, un attestato di frequenza che precisa la natura del corso seguito, i suoi contenuti teorici e pratici, la sua durata, l eventuale nuova attitudine professionale acquisita o il voto ottenuto, la valutazione finale. Le prove finali per ottenere l attestato di qualificazione professionale (qualifica) si svolgono davanti a una commissione d esame composta conformemente alla legge regionale e in ogni caso da esperti designati dalle amministrazioni periferiche del ministero della Pubblica istruzione e del ministero del Lavoro, dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dai datori di lavoro. Le prove d esame sono la conclusione di un percorso formativo caratterizzato da esperienze che devono essere approvate dagli assessorati alla formazione professionale. Alcune regioni si sono dotate di un vero e proprio comitato di certificazione, che ha il compito di assicurarsi che le prove d esame siano conformi agli standard professionali previsti dagli accordi collettivi o richiesti dal mercato del lavoro della regione interessata, in maniera tale da garantire omogeneità tra domanda ed offerta di lavoro. Le regioni rilasciano ai corsisti ritenuti idonei una qualifica sulla base della quale le sezioni circoscrizionali per l impiego rilasciano un attestato che permette di entrare

4 Aspetti qualitativi nella vita attiva in un preciso profilo professionale. Tale attestato costituisce un titolo valido anche per partecipare a concorsi pubblici per specifiche figure professionali. 111 Generalmente viene operata una distinzione tra qualifiche riguardanti la formazione professionale di primo, secondo e terzo livello. La qualifica di primo livello riguarda la formazione professionale cui si accede dopo aver espletato l istruzione obbligatoria; è possibile ottenere la qualifica di secondo livello solo dopo aver compiuto l intero ciclo dell istruzione secondaria superiore; la qualifica di terzo livello è conseguibile dopo un percorso formativo post laurea. L apprendistato Per quanto riguarda gli apprendisti, la legge del 1955 prevedeva che il processo formativo si realizzasse sia attraverso l apprendimento on the job che attraverso alcune ore di insegnamento complementare, regolate dalla contrattazione collettiva; questa attività formativa si concludeva con un esame e con l acquisizione di un attestato di qualifica. Di fatto solo raramente i corsi venivano effettuati e, al termine del periodo di apprendistato, il datore di lavoro annotava sul libretto di lavoro la qualifica acquisita. La nuova normativa, da poco entrata in vigore, si basa sulla legge 196/97 che prevede un impegno formativo pari ad almeno 120 ore medie annue di formazione, svolta sia sul posto di lavoro che all esterno dell azienda. La formazione esterna all azienda, debitamente certificata, ha valore di credito formativo nell ambito del sistema formativo integrato (scuola e formazione professionale) ed è evidenziata nel curriculum del lavoratore. Qualora si interrompa il rapporto di apprendistato prima della scadenza prevista, le conoscenze acquisite potranno essere certificate come crediti formativi. In caso di riassunzione presso altro datore di lavoro in qualità di apprendisti per lo stesso profilo professionale, coloro che abbiano già svolto le attività formative di cui sopra sono esentati dalla frequenza dei moduli formativi già completati. L attestazione delle competenze professionali acquisite sul posto di lavoro viene presentata dal datore di lavoro comunicando il raggiungimento del traguardo formativo alla struttura pubblica territoriale competente per i servizi all impiego. La certificazione delle competenze acquisite mediante la formazione extraziendale sarà regolamentata dalle singole regioni secondo quanto previsto dalla normativa sopra richiamata. Capitolo 5 Aspetti qualitativi

5 Capitolo Grafico 5.1 Certificazioni rilasciate in Italia e classificazione comunitaria: quadro delle corrispondenze Livello di formazione Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 Livello 5 Qualifica di formazione professionale di base o di 1 o livello Qualifica professionale triennale* Diploma di maturità tecnica o professionale Qualifica di formazione professionale post diploma o di 2 o livello Diploma universitario Diploma di laurea Qualifica di formazione professionale post laurea o di 3 o livello * Conseguibile negli istituti professionali, negli istituti d arte e nelle scuole magistrali Formazione dei formatori I docenti ed i formatori del sistema di istruzione e formazione professionale I docenti ed i formatori afferiscono a due diversi sistemi, quello dell istruzione e quello della formazione professionale, che presentano differenti modalità di reclutamento, di progressione di carriera e di inquadramento contrattuale. Gli insegnanti degli istituti tecnici e professionali sono dipendenti dello Stato (ministero della Pubblica istruzione), accedono al ruolo tramite concorso pubblico, se in possesso di laurea specifica per la disciplina di insegnamento. Solo per gli insegnanti «tecnico-pratici» è sufficiente il diploma di maturità. I primi insegnano a livello teorico materie di carattere culturale generale, i secondi operano a livello pratico nelle attività di laboratorio. Il ruolo è permanente e il controllo, dal punto di vista amministrativo e professionale, è esercitato dal preside della singola scuola in cui il docente è titolare. Gli ambiti di responsabilità sopra individuati sono stabiliti dalla normativa nazionale e dai contratti collettivi di lavoro. Gli insegnanti dell istruzione tecnica e professionale sono complessivamente , 2/3 dei quali operanti negli istituti tecnici ed 1/3 negli istituti professionali; gli insegnanti tecnico-pratici rappresentano appena il 13 % del totale.

6 Aspetti qualitativi I formatori della f.p. regionale sono dipendenti o collaboratori degli enti locali (regione, provincia, comune) o di enti privati convenzionati. Non esistono canali formali per l accesso al ruolo, poiché non sono stati ancora stabiliti a livello nazionale i profili professionali dei formatori. L assunzione avviene per chiamata e selezione. In tutte le regioni esiste comunque un «albo regionale dei formatori operanti nella formazione professionale». Rispetto al titolo di studio, i formatori sono in possesso di diploma (circa il 60 %) o di laurea (26 %) ed hanno un età tra i 30 ed i 40 anni. Complessivamente raggiungono le unità (fonte ISFOL) e sono impegnati soprattutto nei corsi di formazione di primo livello. Il contratto collettivo valido per i formatori del sistema pubblico stabilisce un orario di lavoro di 36 ore settimanali, divise tra attività di docenza (18/22 ore) e attività complementari (18/14 ore). Il contratto collettivo di categoria individua un ruolo unico per il formatore, che si articola in 4 funzioni professionali in rapporto alle esigenze di flessibilità del sistema di formazione professionale. Le funzione definite sono: coordinatore di settore, coordinatore di progetto, analista orientatore, operatore per l integrazione dei disabili. 113 Il nuovo contratto di lavoro ( ) introduce nuove funzioni professionali accanto a quelle esistenti, al fine di garantire al meglio la qualità degli interventi formativi. Queste funzioni sono: il responsabile della valutazione dei processi formativi (valutazione della qualità degli interventi in termini di efficienza ed efficacia) e il tecnico della gestione di reti informatizzate (progettazione e gestione di sistemi informativi automatizzati) Aspetti normativi e professionali della figura del docente e del formatore Gli insegnanti delle scuole superiori sono dipendenti statali e gli aspetti normativi della loro professione sono definiti dalle leggi scolastiche e dal contratto collettivo di lavoro. Per l ingresso al ruolo sono banditi periodicamente concorsi nazionali, dove è necessario possedere la laurea richiesta dal canale di insegnamento prescelto (o il diploma, per gli insegnanti tecnico-pratici), ma non sono richieste competenze pedagogiche specifiche. L esame (prova scritta ed orale) verifica infatti la conoscenza dello specifico ambito disciplinare e non il possesso di capacità relazionali-didattiche. In seguito al superamento del concorso è previsto un primo «anno di formazione»; l insegnante è seguito da un tutor e, oltre al normale servizio, deve frequentare un corso di formazione iniziale organizzato dalle sedi provinciali del ministero della Pubblica istruzione. Il superamento dell anno di formazione, sulla base delle attività svolte e della relazione del tutor, permette l ingresso nel ruolo permanente. Solo recentemente la legge 341/90 ha previsto l istituzione di un corso di specializzazione biennale post laurea per gli insegnanti delle scuole secondarie superiori, finalizzato all acquisizione di competenze pedagogico-didattiche, abilitante per l accesso al ruolo. Nel contratto collettivo nazionale di lavoro in vigore dal settembre 1995 sono stati introdotti sostanziali cambiamenti nella progressione economica e professionale: la formazione in servizio effettuata dai singoli docenti è diventata infatti una variabile discriminante per l avanzamento retributivo. Sono previste 7 fasce retributive di durata variabile e durante la permanenza in una fascia è necessario aver effettuato un minimo di 100 ore di attività di formazione per poter accedere alla successiva La legge 845/78 affida alle regioni la responsabilità della formazione dei formatori regionali. Questa figura professionale non ha però un preciso percorso di formazione iniziale e le competenze richieste per l accesso al ruolo non sono definite Capitolo 5 Aspetti qualitativi

7 Capitolo univocamente, in mancanza di una chiara normativa che specifichi a livello nazionale i requisiti professionali necessari. Le azioni delle singole regioni hanno così creato situazioni diversificate sul piano nazionale. Il contratto in vigore richiede soltanto il possesso di un diploma di scuola secondaria superiore Orientamento professionale Il quadro legislativo Il quadro complessivo di attribuzione delle competenze in materia di orientamento si articola in due filoni fondamentali, separati e paralleli: l orientamento scolastico, disciplinato dal DPR 416/74 che ne stabiliva la gestione da parte del ministero della Pubblica istruzione e dei distretti scolastici integrato da successive leggi, ordinanze e circolari ministeriali tra cui ricordiamo la direttiva sull Orientamento delle studentesse e degli studenti (MPI, 1997) la CM 488/97 sull Orientamento scolastico, universitario e professionale (MURST, 1997); l orientamento professionale, i cui testi di legge di riferimento sono il DPR 616/77 e la legge 845/78 con le quali si indicavano il ministero del Lavoro e le regioni quali strutture competenti ad intervenire in materia; tale materia è stata recentemente integrata dalla legge 196/97. Nonostante la collaborazione tra regioni e distretti scolastici per la realizzazione di attività di orientamento a valenza sia scolastica che professionale (legge 845/78) e l istituzione delle sezioni circoscrizionali per l impiego e delle agenzie per l impiego (legge 56/87), le competenze istituzionali sull orientamento restano affidate alle regioni e alla scuola, mentre manca un collegamento sistematico con il mercato del lavoro. L assenza di una legge quadro in materia ha penalizzato le attività territoriali (fortemente disomogenee sul territorio nazionale per diffusione e livelli di efficacia) mentre ha praticamente impedito l attivazione di un sistema nazionale, nonostante il protocollo d intesa del 1989 sottoscritto dal ministero del Lavoro, dalle regioni, dalle associazioni nazionali dei comuni e delle province per la creazione di una rete integrata di servizi per l orientamento, da realizzarsi con il concorso del ministero della Pubblica istruzione. Tale situazione evidenzia una relativa fragilità in termini di collegamento istituzionale tra le attività di collocamento e quelle di orientamento, formazione e consulenza di carriera. La via attualmente perseguita per rinforzare tale collegamento consiste nella realizzazione di convenzioni a livello locale tra le regioni (competenti per la formazione e l orientamento), gli uffici del ministero del Lavoro e le agenzie del lavoro ed eventualmente gli uffici locali del ministero della Pubblica istruzione per l erogazione di servizi all impiego in forma integrata Le strutture esistenti L orientamento scolastico viene effettuato, nel ciclo dell obbligo, dalla scuola stessa all interno delle singole discipline. Si è scelto infatti di seguire la strada della forte integrazione dell orientamento all interno del curricolo. Nella secondaria superiore,

8 Aspetti qualitativi ormai da nove anni, è istituita la figura del coordinatore dei servizi di orientamento scolastico con funzioni di programmazione delle attività di orientamento. 115 Gli organismi territoriali della Pubblica istruzione che hanno competenza in materia di orientamento sono i distretti scolastici, istituzionalmente deputati alla consulenza ed all informazione rivolta agli allievi ed alle famiglie per quanto riguarda le opzioni in materia di indirizzi scolastici da intraprendere. L orientamento universitario viene svolto da appositi centri istituiti presso le università; hanno funzioni di informazione agli studenti per quanto attiene all organizzazione ed al funzionamento dell università e degli sbocchi occupazionali e formativi post laurea; hanno altresì funzione di raccordo con le scuole superiori per iniziative di presentazione delle varie facoltà e corsi di laurea e con le altre istituzioni per la progettazione di iniziative specifiche. I servizi per l orientamento professionale sono di competenza delle regioni. La maggioranza di queste accentra su di sé i compiti di promozione, programmazione, attuazione delle attività di orientamento. Le tipologie di servizi sono due: centri di orientamento e sportelli di informazione, supportate dalle agenzie per l impiego e dagli osservatori sul mercato del lavoro. A livello territoriale tali servizi sono affiancati da altri di natura pubblica o privata: gli informagiovani ed i centri di iniziativa locale per l occupazione (CILO) promossi generalmente dai comuni; gli uffici provinciali del lavoro e massima occupazione (ministero del Lavoro e della Previdenza sociale) e le sezioni circoscrizionali per l impiego (organismi territoriali del ministero del Lavoro, hanno sostituito i precedenti uffici di collocamento); centri per l informazione delle associazioni del privato sociale di area confessionale o sindacale Nuove prospettive Per quanto riguarda l orientamento scolastico e universitario un nuovo impulso è atteso dalla direttiva n. 487 emanata dal ministero della Pubblica istruzione e dalla circolare ministeriale n. 488 diramata dal ministero dell Università e della Ricerca scientifica e tecnologica. In concreto vengono previsti: la formazione iniziale ed in servizio dei docenti delle scuole di ogni ordine e grado sui temi dell orientamento; la raccolta e la diffusione delle informazioni alle famiglie e agli studenti per far conoscere loro i diversi indirizzi della scuola secondaria superiore; attività di preparazione alla scelta del percorso formativo post diploma a carattere universitario e non rivolte a studenti del penultimo anno della scuola secondaria superiore; l anticipo dell iscrizione ai corsi di laurea, di diploma universitario o di formazione post diploma all ultimo anno delle scuole superiori al fine di verificare la scelta effettuata dagli studenti mediante attività di orientamento mirato. Per quanto riguarda il versante dell orientamento professionale si prevede per il futuro un ulteriore potenziamento delle sezioni circoscrizionali per l impiego che le connoterà come principali referenti territoriali a livello locale per quanto riguarda l analisi del mercato del lavoro locale, le azioni di sostegno all incontro della domanda e dell offerta di lavoro e le relative attività di diffusione delle informazioni ai soggetti istituzionali ed economici a livello locale. Organismi territoriali del ministero del Capitolo 5 Aspetti qualitativi

9 Capitolo Lavoro che hanno sostituito i precedenti uffici di collocamento, le sezioni costituiscono una rete di strutture distribuite su tutto il territorio nazionale. Nate dall esigenza di superare la tradizionale impostazione burocratico-amministrativa dei precedenti uffici di collocamento le sezioni circoscrizionali per l impiego provvedono a: diffondere informazioni sul mercato del lavoro locale; raccogliere l offerta di lavoro presente nel bacino territoriale di utenza; promuovere l incontro tra domanda ed offerta attraverso la diffusione di informazioni in materia di politiche attive per il lavoro e di formazione professionale Alcune esperienze innovative Di particolare menzione nel panorama dei servizi per l orientamento operanti in Italia è la rete informagiovani composta da circa 300 strutture operanti in rete a livello comunale e provinciale, distribuite su tutto il territorio nazionale. Articolate in punti informagiovani di autoconsultazione (PIG), centri informagiovani (CIG), servizi, spazi e agenzie informagiovani, tali strutture forniscono informazioni sul sistema produttivo locale, i profili professionali e i relativi percorsi formativi sul mercato del lavoro ed i suoi aspetti peculiari alla realtà territoriale, nonché alle trasformazioni in atto; un altra area di informazione e di orientamento riguarda l utilizzo del tempo libero e la fruizione di servizi a carattere turistico, sportivo o culturale. Distribuiti territorialmente in modo relativamente omogeneo questi servizi tendono ad orientare le scelte dei giovani o quanto meno ad offrire a quanti cercano una via di accesso al mondo del lavoro informazioni e indicazioni sulle vie percorribili e sulle facilitazioni offerte dal legislatore a tali fini. Destinati a soddisfare le richieste dirette della utenza, tali centri organizzano le informazioni ed elaborano analisi e ricerche volte ad una conoscenza sempre più puntuale della realtà produttiva locale. Un carattere innovativo rivestono i centri retravailler o CORA (centro orientamento retravailler associati). Questi hanno come obiettivo quello di supportare, organizzando stages di orientamento e colloqui di consulenza, le donne adulte tra i 25 e i 55 anni che intendono entrare o rientrare nel mercato del lavoro in un periodo in cui, a fronte di una sempre più consistente offerta di lavoro femminile, si trova una selettività maggiore della domanda. Nati a Milano, centri retravailler sono sorti negli ultimi anni a Bologna e Reggio Emilia organizzati dalle amministrazioni provinciali, a Firenze costituito dal comune e dalla provincia, a Verona e a Roma a cura delle associazioni orientamento lavoro del Veneto e del Lazio. Ulteriore elemento di innovazione nel panorama dei servizi per l orientamento operanti in Italia è costituito dalle reti regionali per l orientamento e da Orientanet. Le reti regionali per l orientamento comprendono siti telematici dedicati all orientamento professionale ed al lavoro realizzati dagli assessorati regionali e provinciali della scuola, formazione e politiche per il lavoro e dalle agenzie per l impiego operanti da tempo in alcune regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Toscana, Emilia-Romagna, Lazio) ed in procinto di estendersi nel prossimo futuro fino a coprire l intero territorio nazionale. Nei rispettivi siti, Città di Torino, Regione Lombardia, Provincia di Milano, StradaNove, Ciop Provincia Bologna, Regione Toscana, Sirio, è possibile reperire informazioni su: corsi di formazione programmati (suddivisi per area professionale, livello, destinatari, enti gestori), azioni di politica attiva del lavoro, documentazione e normativa vigente in materia di lavoro ed occupazione, iniziative di scambi culturali, programmi

10 Aspetti qualitativi comunitari per la promozione dell occupazione, caratteristiche socioeconomiche dei territori provinciali e regionali di riferimento. 117 Orientanet è un sito telematico dedicato all orientamento agli studi universitari ed alla formazione superiore. Realizzato in collaborazione con il progetto Campus della conferenza dei rettori delle università italiane il sito intende offrire una guida ai percorsi formativi post diploma di livello universitario e non, nonché una panoramica delle attività aziendali svolte in collegamento con le attività didattiche (stages, tirocini) e delle professioni possibili. Tra gli obiettivi dichiarati di questo nuovo servizio c è quello di rendere operativa la collaborazione tra i diversi soggetti attivi sul territorio nazionale nella realizzazione e distribuzione di strumenti efficaci di informazione e formazione nel campo dell orientamento scolastico e professionale. Capitolo 5 Aspetti qualitativi

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI (Modificato con delibere del CdF e CdS del 22.01.03, del 07.05.2003, del 8.10.2003; del 25.02.2004;

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO, CORSI DI PERFEZIONAMENTO E CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE Art. 1 Definizione 1. L Università promuove, ai sensi della normativa

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze della Formazione Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato professionalizzante

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO 2. TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO Il Tirocinio Formativo Attivo (TFA) è un corso abilitante all insegnamento istituito dalle università. Esso ha durata annuale e attribuisce, tramite un esame finale sostenuto

Dettagli

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali Regolamento per la disciplina delle procedure di progressione verticale del personale tecnico ed amministrativo dell Università degli Studi del Sannio nel nuovo sistema di classificazione ( D.R. n 142

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU) Art. 1 Ambiti d applicazione In attuazione della legislazione vigente (L. 64/2001; L.

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MINISTERO DELL UNIVERSITÀ, DELL ISTRUZIONE E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA MUSICALE Fondazione Istituto Musicale della Valle d Aosta Fondation Institut Musical de la Valle Vallée d Aoste ISTITUTO

Dettagli

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi DISCIPLINA DEI PROFILI FORMATIVI DELL'APPRENDISTATO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE E DEL DIPLOMA PROFESSIONALE AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 2 DEL D.LGS 167/2011

Dettagli

L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA. ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011. Prof. Renata Livraghi Università di Parma

L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA. ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011. Prof. Renata Livraghi Università di Parma L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011 1 Cos è l apprendistato? E un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO IN SCIENZE DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

Dettagli

Istituti serali Aldini-Valeriani e Sirani

Istituti serali Aldini-Valeriani e Sirani Istituti serali Aldini-Valeriani e Sirani Istituti serali Aldini-Valeriani e Sirani Gli istituti serali Aldini-Valeriani e Sirani dall anno scolastico 1996-97 aderiscono alla sperimentazione ministeriale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Puglia Assessorato per il diritto allo studio e la formazione professionale Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Accordo per la realizzazione nell anno scolastico 2011/2012 di percorsi di

Dettagli

Facoltà: ECONOMIA - SEDE DI RIMINI Corso: 8847 - ECONOMIA DEL TURISMO (L) Ordinamento: DM270 Titolo: ECONOMIA DEL TURISMO Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Rimini Corso di Laurea

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Brescia e l Università degli Studi di Brescia

Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Brescia e l Università degli Studi di Brescia Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 13 luglio 2011. Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Brescia e l Università degli Studi di Brescia visto - l articolo

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ SERVIZI ALLA FORMAZIONE Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ FORMATORE Area di attività Analisi dei fabbisogni formativi; Progettazione interventi formativi; Erogazione azioni formative; Valutazione esiti apprendimento;

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO A GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14 Anno scolastico 2013/14 Circolare dell'usr Puglia del 16 aprile 2014 Deliberazione della Giunta Regionale del 4 marzo 2014, n. 379 pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 4 del 25/03/2014

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 Primi indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnici abilitati alla certificazione

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA Art. 1 - Finalità, durata, e modalità di assegnazione 1. La

Dettagli

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia ACCORDO tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Regione Lombardia SPERIMENTAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI IN APPRENDISTATO PER L ESPLETAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1 IL RETTORE Decreto n. 10416 (77) Anno 2014 VISTA la delibera del Senato Accademico del 16 gennaio 2013 che approva l adesione all Accordo di collaborazione tra la Regione Toscana, le Università degli Studi

Dettagli

Apprendistato professionalizzante

Apprendistato professionalizzante Apprendistato professionalizzante Formazione esclusivamente aziendale L esperienza del CCNL Terziario Michele Tamburrelli UILTuCS Lombardia micheletamburrelli@uiltucslombardia.it Percorso logico della

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione

Facoltà di Scienze della formazione Percorsi Formativi Facoltà di Scienze della formazione Laurea magistrale Brescia a.a. 2011-2012 www.unicatt.it 1 2 INDICE Scienze della Formazione 4 Laurea magistrale in Progettazione 6 pedagogica e formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA QUALIFICA DIRIGENZIALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE FORMALE ESTERNA DEGLI APPRENDISTI A FINANZIAMENTO PUBBLICO IN PROVINCIA

Dettagli

BANDO AVVISO DI SELEZIONE. corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore TECNICO SUPERIORE SPECIALISTA DI SISTEMI BASATI SU SOLUZIONI OPEN SOURCE

BANDO AVVISO DI SELEZIONE. corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore TECNICO SUPERIORE SPECIALISTA DI SISTEMI BASATI SU SOLUZIONI OPEN SOURCE \ BANDO AVVISO DI SELEZIONE corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore TECNICO SUPERIORE SPECIALISTA DI SISTEMI BASATI SU SOLUZIONI OPEN SOURCE promosso da Isttituto Europeo Ricerca Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2000. Pagina 1 di 6

UNI EN ISO 9001:2000. Pagina 1 di 6 Tecnico Installatore reti in fibra ottica apparati e sistemi ottici Pagina 1 di 6 Tecnico Installatore reti in fibra ottica, apparati e sistemi ottici La figura in oggetto è: Tecnico installatore reti

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

1. La disciplina di cui al presente regolamento si informa ai seguenti principi generali: - 1 -

1. La disciplina di cui al presente regolamento si informa ai seguenti principi generali: - 1 - Regolamento di disciplina dei profili formativi dell apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale, ai sensi degli articoli 4, comma 1, lettera c) e 53 della legge regionale 16 novembre

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale.

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 48 del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

Piano di Intervento CIPE/IFTS Ricerca L'istruzione e la formazione tecnica superiore per lo sviluppo della ricerca nel Mezzogiorno

Piano di Intervento CIPE/IFTS Ricerca L'istruzione e la formazione tecnica superiore per lo sviluppo della ricerca nel Mezzogiorno Piano di Intervento CIPE/IFTS Ricerca L'istruzione e la formazione tecnica superiore per lo sviluppo della ricerca nel Mezzogiorno Indicazioni per le attività relative alla fase di selezione 1 1. Introduzione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n.95 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui

Dettagli

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI Allegato L-14/5 al Regolamento del Corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici per l'impresa, le organizzazioni pubbliche ed il lavoro (art. 11, comma 4 e 12, comma 4) ( i ) LINGUA INGLESE, ALTRE

Dettagli

4/30/2003 DECRETO NAZIONALE SULL ACCREDITAMENTO ACCREDITAMENTO REGIONALE. Accordo Stato/Regioni 28-02-2000

4/30/2003 DECRETO NAZIONALE SULL ACCREDITAMENTO ACCREDITAMENTO REGIONALE. Accordo Stato/Regioni 28-02-2000 DECRETO NAZIONALE SULL ACCREDITAMENTO ACCREDITAMENTO REGIONALE L'accreditamento è un atto con cui l amministrazione pubblica competente riconosce ad un organismo la possibilità di proporre e realizzare

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE DI II GRADO PER LA REALIZZAZIONE E QUALIFICAZIONE

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Regolamento disciplinante la procedura di attivazione dei tirocini e stage (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 14 marzo 2007) (Approvato dal Consiglio di

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Il bando, inoltre, per quanto possibile, potrà accorpare più posti da ricoprire.

Il bando, inoltre, per quanto possibile, potrà accorpare più posti da ricoprire. REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE PROGRESSIONI VERTICALI NEL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Il piano relativo alla programmazione delle

Dettagli