Enzo Zatta LA STAFFETTA. Delfina Borgato ex deportata a Mauthausen

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Enzo Zatta LA STAFFETTA. Delfina Borgato ex deportata a Mauthausen"

Transcript

1

2 Enzo Zatta LA STAFFETTA Delfina Borgato ex deportata a Mauthausen 2

3 In copertina: Incisione di una deportata polacca nel lager di Ravensbrück, eseguita il 25 dicembre 1944, giorno del suo compleanno e regalata a Maria Zonta, operaia alla Viscosa di Padova: rappresenta delle deportate in marcia nel bosco di Fürstenberg-Havel. o Stampa giugno 1995 a cura del Comune di Saonara (Pd) o Aggiornato a febbraio 2010 Graphic supporter: Roberto Cavazzin 3

4 PRESENTAZIONE E' stata l'esperienza dei lager a costringermi a scrivere: non ho avuto da combattere con la pigrizia, i problemi di stile sembravano ridicoli... mi pareva, questo libro, di averlo già in testa tutto pronto, di doverlo solo lasciare uscire e scendere sulla carta. Una mia amica, che era stata deportata giovanissima al lager femminile di Ravensbück, dice che il campo è stata la sua Università: io credo di poter dire altrettanto, e cioè che vivendo e poi scrivendo e meditando quegli avvenimenti, ho imparato molte cose sugli uomini e sul mondo. ( Primo Levi ) Ho voluto lasciare alle parole di un grande narratore, deportato nei campi di concentramento, l'introduzione al commento di questo piccolo, ma intenso libro, al quale l'amministrazione di Saonara ha con sincero piacere concesso il patrocinio. Le testimonianze della quotidiana follia vissuta in tutta Europa durante l'oppressione nazista, stanno ancora oggi completando un immenso mosaico, cui si unisce questo tassello, che vede protagonisti la nostra gente, la nostra terra. E quando il racconto si fa straziante esperienza di vita, l'animo di chi legge non può restare impassibile, perché i luoghi e i volti sono conosciuti e fanno parte sì della storia universale, ma anche della nostra storia personale. Ringrazio tutti i promotori di questa significativa pubblicazione, degna appendice delle celebrazioni per il cinquantenario della lotta di Liberazione: leggendolo potremo anche noi imparare molte cose sugli uomini e sul mondo. Il Sindaco di Saonara ( Fabio Amato) 4

5 INTRODUZIONE Scrivere una pagina di storia sulla Resistenza attraverso la testimonianza di una donna, allora sedicenne, che attivamente vi prese parte, è quanto si prefigge questa memoria. Tuttavia, ascoltare Delfina Borgato, questo è il nome della protagonista, rievocare la sua sofferta storia personale, scritta con il sangue e le oppressioni ferocemente infertale dalla violenza fascista e nazista, è quanto di più malinconico e struggente si possa immaginare ma, almeno, si spera che tutto ciò faccia riflettere su quanto costò riacquistare la libertà dalla dittatura, nonché la riaffermazione di valori positivi indispensabili in una società civile e democratica. La partecipazione delle donne alla lotta di Liberazione non è stato solo un prezioso e mero contributo sotto il profilo politico, sociale e umano, ma una condizione indispensabile per la vittoria stessa della Resistenza. La Resistenza, ossia l opposizione attiva della popolazione oppressa, si sviluppò nel nostro Paese, durante la Seconda guerra mondiale, su due fronti: contro l invasione germanica, da una parte, e contro la dittatura fascista, dall altra. In quest ambito hanno assunto notevole rilevanza gli episodi e le azioni organizzate da donne, senza riscontro alcuno nel passato. Per lo più giovani, non 5

6 sempre appartenenti a gruppi o comitati clandestini organizzati, spinte soprattutto da ideali di solidarietà, di carità nonché di avversione e giusto sdegno per gli oppressori, dimostravano un sempre più crescente atteggiamento antifascista e antinazista che, il più delle volte, le rese valorose e anonime militanti. Non mancavano, inoltre, manifestazioni di solidarietà spontanea e istintiva da gran parte della popolazione, desiderosa di collaborare con gli alleati affinché la guerra finisse al più presto. Nel Veneto le partigiane attive, appartenenti alle varie brigate, furono più di seicento e il prezzo che gran parte di loro pagò fu durissimo in termini di sofferenze fisiche e psichiche, quali gli interrogatori, le umiliazioni, le sevizie, il carcere, la lontananza da casa e, per molte, la deportazione nei lager, la detenzione in campi di lavoro, la tortura ed anche la morte. Dagli oltre mille campi di concentramento - i più famigerati dei quali furono Auschwitz 1, Treblinka, Dachau, Mauthausen, Ravensbrück, Bergen Belsen - veri lager, il novanta per cento dei primi internati non fece ritorno 2. Alcuni dei superstiti 3, più di altri segnati dalla atroce esperienza, a guerra finita sentirono la necessità di raccontare, di scrivere le proprie memorie per far giustamente 1 Il lager di Auschwitz fu liberato il 27 gennaio 1945 dall esercito russo. Dal 2001 lo Stato italiano ed altri Paesi europei hanno decretato questa data Giorno della memoria. 2 La più grande strage dell umanità mai avvenuta, che impropriamente viene definita Olocausto. 3 Si suggerisce la lettura di Se questo è un uomo, ed. Einaudi, di Primo Levi. 6

7 conoscere la verità. Tuttavia gran parte di loro, ancora prigionieri di quei ricordi, rimasero in silenzio per l intera vita, evitando di parlare persino ai propri familiari dei patimenti e delle crudeltà subite. La Resistenza in Italia prese le mosse all indomani dell arresto di Mussolini (il 24 luglio 1943 su ordine di Vittorio Emanuele III) e della nomina del Maresciallo Pietro Badoglio capo del Governo, il quale, nonostante le trattative segrete in corso con gli anglo-americani per giungere ad un armistizio, commise il gravissimo errore di dichiarare alla radio che la guerra a fianco dei tedeschi sarebbe continuata. Gli Anglo-Americani, non fidandosi della improvvisa quanto equivoca conversione italiana, continuarono a bombardare le città italiane, causando altre migliaia di morti soprattutto tra la popolazione inerme. L' 8 settembre 1943 (l armistizio in realtà fu firmato in Sicilia a Cassibile il 3 settembre), Badoglio commise il secondo grave errore quello cioè, dopo l annuncio dell avvenuto armistizio, di lasciare le truppe italiane senza ordini precisi e senza un adeguato coordinamento strategico-militare, di fuggire assieme al re Vittorio Emanuele, a Brindisi sotto la protezione degli americani. Fu il caos: sfascio dell esercito italiano; prigionieri alleati e soldati italiani allo sbando; deportazioni da parte dei tedeschi di militari italiani nei campi di concentramento in Germania; tremendi 7

8 eccidi 4 militari e civili. A Saonara, un piccolo paese in provincia di Padova, dove oltre cento prigionieri, per lo più inglesi-sudafricani, lavoravano alle dipendenze dei fratelli Sgaravatti, la solidarietà degli abitanti nei confronti di questi giovani militari, finalmente liberi ma in preda allo smarrimento, braccati dalle brigate nere e dai tedeschi, non si fece attendere. Molti di essi si nascosero, per qualche tempo, nelle vicine campagne e la loro sorte sarebbe stata ben presto segnata se la popolazione non li avesse aiutati, nascondendoli nei fienili e nelle stalle, dividendo con loro il poco cibo a disposizione. Saonara era anche il paese dove Delfina Borgato, primogenita di dieci fratelli, abitava con la sua famiglia, in una casa in aperta campagna di proprietà degli Sgaravatti. La sua, come tante altre, era una famiglia patriarcale di umili origini contadine dai sani e onesti principi morali. Era composta dai genitori di Delfina, da una sorella e otto fratelli, dai nonni paterni e dalla zia Maria, sorella del padre di Delfina. enzo zatta 4 Il massacro di Cefalonia comportò oltre vittime. 8

9 Cenni storico-introduttivi. Erano militari inglesi sudafricani e neozelandesi, i prigionieri catturati durante la Campagna d Africa, tra il 1940 e il 1941, dall esercito italo-tedesco, che lavoravano nei campi di proprietà della famiglia Sgaravatti. Custoditi e sorvegliati da soldati italiani nella boaria dell'attuale via 28 aprile, classificato come campo di concentramento C-120, erano trattati bene e nessuno di loro cercò mai di fuggire. Nonostante vivessero isolati dal resto del paese, riuscivano ugualmente ad avere sporadici contatti con gli abitanti di Saonara, duranti i quali scambiavano sigarette, cioccolata ed altro, con piccoli lavori di cucito o derrate alimentari. Gli anziani del paese li ricordano di passaggio negli spostamenti da una coltura all altra o a lavorare nei vivai, tra le piante da curare e da potare, sotto il vigile controllo dei soldati. Con l'armistizio, tutti i prigionieri della tenuta Sgaravatti fuggirono e si sparpagliarono, dapprima per il paese, poi tentarono la fuga via mare verso la Iugoslavia e successivamente cercarono di raggiungere la Svizzera. Molti però rimasero nascosti nei fienili, nel bosco di villa Cittadella-Vigodarzere-Valmarana o sistemati nelle cantine delle case, sostenuti ed aiutati da famiglie saonaresi e del piovese. I tedeschi si misero ben presto alla caccia di questi fuggiaschi, senza tuttavia 9

10 catturarne alcuno, per cui favoriti da spie collaborazioniste fasciste, si vendicarono arrestando coloro che presumevano avessero dato loro accoglienza e assistenza. Il 13 marzo del '44 ci furono i primi arresti. L accusa: favoritismo al nemico angloamericano. Tra questi c'erano Delfina Borgato di sedici anni, il padre Giovanni e la zia Maria di 45 anni. I Lager - fabbriche di morte Durante la Seconda guerra furono gravemente infranti gli accordi internazionali da quasi tutti i paesi coinvolti nel conflitto, in particolare, nei lager tedeschi,fu violato il trattato sui diritti dei prigionieri di guerra e degli internati civili. I KL 5 dislocati in Germania, in Austria, in Polonia..., si contavano a centinaia ed erano tutti luoghi di maltrattamento e di umiliazione. Campi muniti di torrette armate, recintati da filo spinato carico di alta tensione, erano sorvegliati da guardie-aguzzini. La fuga da questi luoghi, salvo qualche rarissima eccezione, era impensabile ed impossibile. Furono milioni coloro che trovarono la morte nei campi di sterminio, in gran parte ebrei. A stenderli per 5 Konzentrationslager: campi di sterminio e annientamento di massa come Auschwitz o Dachau, Bergen Belsen nonché campi di sperimentazione su uomini e donne come Ravensbrück. Da non confondere con i campi di internamento per deportati obbligati a lavorare nelle fabbriche belliche tedesche o i campi di concentramento italiani, attivi fino all 8 settembre 43, per prigionieri alleati. Il totale dei campi di sterminio, di concentramento e di lavoro del Terzo Reich, disseminati in Europa dal 1933 al 1945, fu di oltre

11 terra, la catena umana risulterebbe lunga oltre quindicimila chilometri. Dopo l arresto di Mussolini, il 25 luglio del '43, e soprattutto dopo l'armistizio, l'italia si trovò coinvolta in un dramma spaventoso. Gli italiani si resero colpevoli, secondo i tedeschi, di tradimento. Per l Italia, invece, l armistizio fu la sola via di uscita da una guerra ormai fallita. Per l esercito tedesco, dopo l abbandono del Re e di Badoglio, fu gioco facile sopraffare, catturare e deportare in Germania un terzo del nostro esercito sparso in mezza Europa. Oltre furono i militari italiani 6 che, a fronte della opzione di combattere a fianco dei tedeschi, scelsero di non collaborare e quindi l ignara via dei lager e dei campi di concentramento. Più di 32 mila non fecero ritorno da questi luoghi di sterminio, altri vennero massacrati da ex camerati, altri ancora finirono fucilati all istante dai tedeschi. Ad innescare la miccia della Resistenza furono anche queste deportazioni, oltre alla necessità di liberarsi dell odiato nemico tedesco. I soldati italiani, catturati dai tedeschi dopo l 8 settembre e spediti in carri bestiame piombati in Germania, subirono un trattamento peggiore dei soldati di altre nazioni, in quanto ritenuti dai tedeschi rei di tradimento. Per non contrastare le convenzioni di Ginevra, il Terzo Reich declassò i soldati di tutte le nazionalità deportati da prigionieri di guerra a 6 IMI Internati Militari Italiani. 11

12 internati militari. Questo nuovo stato giuridico fu creato artificiosamente dai tedeschi per eludere le norme della convenzione, le quali garantivano ai prigionieri di guerra un trattamento umano e dignitoso tra cui il diritto di sottrarsi al lavoro 7 coattivo, cioè imposto contro la propria volontà. Il primo rito nazista, che si svolgeva nei lager di prima categoria, era l'immatricolazione dell'individuo, cui seguiva la requisizione di qualunque oggetto e indumento, la presa delle impronte digitali e la foto segnaletica 8. L'essere umano, nudo anche del nome, veniva fatto passare sotto la doccia, ora gelata, ora bollente, quindi poteva rivestirsi con luridi indumenti appartenuti ad altri internati passati a miglior vita. I più fortunati venivano inviati nei campi di lavoro, trattati come schiavi e, al pari di animali da soma, subivano malvagità e barbarie indescrivibili. E successo che molti internati sopravvissuti per mesi alla fame, alle malattie, alle torture, siano finiti ugualmente nelle camere a gas o nelle fosse comuni da loro stessi scavate, affinché di essi non rimanesse traccia. Altri ancora, in particolare gli ebrei 9, entravano nei forni crematori lo stesso giorno di arrivo o entro pochi giorni. Purtroppo, ancora oggi, nonostante tante vite si 7 Furono migliaia i soldati italiani catturati dai tedeschi dopo l 8 settembre costretti a lavorare, in condizioni spesso disumane, nelle fabbriche belliche tedesche. 8 Agli ebrei veniva contrassegnato sul braccio sinistro il numero progressivo di arrivo. 9 La Shoah, cioè lo sterminio ebraico perpetrato dalla Germania nazista. 12

13 siano sacrificate in nome della libertà, dell'uguaglianza e del rispetto alla vita umana e sia trascorso oltre mezzo secolo, la storia si ripete ogni giorno in altre parti del mondo sotto gli occhi di tutti. L'uomo malvagio, egoista, senza scrupoli e assetato di potere, è sopravvissuto e continua imperterrito a creare disastri. Per contrastarlo, non solo bisogna dar voce alla memoria, quale espressione di libertà e di democrazia, ma è necessario compiere un ulteriore passo, impegnandosi personalmente con ogni mezzo affinché tutto ciò non abbia a ripetersi mai più. Ravensbrück è una località della Germania a ottanta chilometri da Berlino, tristemente conosciuta perché è stata sede di un campo di concentramento nazista principalmente per donne. Costruito nel 1939 ospitò circa 130 mila prigioniere, delle quali perirono. Le detenute erano sottoposte a lavoro coatto, in condizioni penose tanto nutritive quanto igieniche e, quando si ammalavano, venivano eliminate. Il campo, però, deve la sua fama sinistra soprattutto agli esperimenti biologici che si attuarono sulle persone tra il 1942 e il Ma chi erano queste donne? Dapprima al campo erano destinate le avversarie del regime, uccise e buttate nelle fosse comuni scavate da detenuti comuni privi di scrupoli, poi in massa le 13

14 francesi, strappate alle file della Resistenza, poi le migliaia di ebree, le russe, le polacche e... le italiane. A Ravensbrück la sveglia suonava alle quattro e trenta del mattino e dopo l'estenuante appello, che durava un paio d ore, le prigioniere si incamminavano al lavoro attraversando un lugubre bosco di conifere, con una coperta sul capo, in fila per cinque, verso la fabbrica che, prima del conflitto, produceva dischi per grammofoni e, in seguito, fu convertita per la produzione di componenti per aeroplani. Qui, dopo una breve sosta a mezzogiorno per mangiare una gavetta di brodaglia e una fetta di pane nero, lavoravano fino alle sei di sera, quindi, ritornavano stanche e affamate al campo. Non vestivano calze e portavano ai piedi pesanti zoccoli o sandali. Passavano mesi tra un cambio di biancheria e l'altro. Dormivano in sudici pagliericci dividendo una coperta in tre e si lavavano di rado; qualche volta attingevano di nascosto, con la gavetta, l acqua dagli abbeveratoi dei cavalli. Chi tentava la fuga veniva frustato con 25 nerbate; ciò significava debilitare ulteriormente il fisico e favorire l'insorgere di malattie che costituivano l'anticamera del forno crematorio. Donne contro donne e, fra le tante, c'era Dorothea Binz: la malvagità in persona! Era entrata nel lager a 19 anni come cuoca ed era diventata aufseherin (ispettrice). Il suo frustino e i suoi stivali rappresentavano il terrore delle prigioniere. Nel 1947 i 14

15 tedeschi di questo campo furono processati per le loro barbarie. Allora Binz aveva 27 anni, finì impiccata nel carcere di Hamelin. Quanti deportati riuscirono a tornare vivi dall'inferno dei campi di sterminio? Ben pochi rispetto ai milioni di uomini, donne e bambini che vi erano entrati. Quando i soldati degli eserciti avversari riuscirono a penetrare, nella ormai lontana primavera del '45, nei lager abbandonati dagli aguzzini in fuga, lo spettacolo che si presentò ai loro occhi fu superiore ad ogni, sia pur pazzesca, previsione. Là giacevano file interminabili di cadaveri. Là si aggiravano pallidi spettri di detenuti ancora in vita, dai grandi occhi pieni di una paura senza fine... Allora, solo allora, si cominciò a conoscere i particolari dell'inaudita macchina da sterminio. A guerra finita, a Norimberga, dal 20 novembre 1945 al 31 agosto 46, vennero processati e condannati all'impiccagione dodici degli oltre mille principali responsabili della follia nazista. Di certo la giustizia umana fu fin troppo magnanima con i responsabili di tante atrocità, tuttavia i tanti crimini di guerra, nazisti e non nazisti, commessi, non potranno mai essere cancellati dalla storia dell'umanità. Ciò che rimane viva è la speranza in un mondo migliore, come scrisse Anna Frank pochi giorni prima di essere deportata ad Auschwitz: Quando guardo il cielo, penso che un giorno il bene dovrà tornare tra gli uomini. 15

16 CAPITOLO UNICO 8 settembre Saonara Dovetti interrompere la scuola terminate le elementari, perché in casa c'era bisogno di aiuto. Successivamente fui mandata da un signora che abitava in paese a imparare il mestiere di sarta. Fu durante questo periodo che oltre cento prigionieri inglesi, che lavoravano nei campi degli Sgaravatti furono lasciati liberi, in attesa, allora si sperava, di un rapido avanzamento del fronte e della fine della guerra. Invece, dopo otto giorni dalla firma dell'armistizio, iniziarono i rastrellamenti dei tedeschi aiutati da fascisti italiani. Cosicché i prigionieri si diedero alla macchia, nascondendosi nella vicina campagna, vivendo alla meno peggio. Erano aiutati dalle famiglie che vi abitavano poiché avevano proprio bisogno di tutto: cibo, medicine, abiti borghesi e, con l'avvicinarsi dell'inverno, di un rifugio dove ripararsi dal freddo, almeno la notte. Zia Maria, spinta da sentimenti di carità e incurante dei rischi che correva, iniziò ad aiutare questi giovani sbandati come poteva: si recava, nonostante zoppicasse vistosamente a causa di una malformazione congenita, dalle famiglie benestanti del paese a chiedere quanto potessero 16

17 offrire per aiutarli. All'insaputa della famiglia io collaboravo con lei inconsapevole dei rischi che correvo, animata anche da spirito di avventura ma soprattutto orgogliosa di rendermi utile a persone più grandi di me. Le cose si complicarono e diventarono più rischiose quando sulla popolazione incombette l'ordinanza militare tedesca, con la quale si minacciavano di ritorsioni e pene severissime coloro che fossero stati scoperti a collaborare col nemico. Contemporaneamente erano iniziate le perquisizioni nelle case sospette e, ad aggravare ulteriormente la situazione, contribuì, nel mese di ottobre, l'istituzione di taglie su quanti avrebbero aiutato gli ex prigionieri e gli alleati. Ciò nonostante la nostra attività continuò per tutto l'autunno del '43 e proseguì anche l'inverno. La notte facevamo dormire i prigionieri nel fienile di casa o nella stalla, mentre di giorno si nascondevano nei campi tra le pannocchie. Ricordo quanto mio padre si adirasse con Maria perché di notte gli ospiti fumavano, col rischio di dar fuoco al fienile adiacente la casa. Anche mia madre non dormiva sonni tranquilli. Temeva per la sorte della famiglia. Quando, per l ennesima volta, chiese a Maria di smettere, la zia le rispose: Un giorno anche i tuoi figli potrebbero essere in giro per il mondo e trovarsi in una situazione simile! Non vorresti che fosse fatto per loro quanto si fa ora per questi poveretti?. 17

18 Una volta, essendo necessario far partire in gran fretta un prigioniero che indossava ancora la divisa da militare, quindi facilmente riconoscibile, Maria chiese a mia madre il vestito da sposo di mio padre. Dopo qualche insistenza la mamma glielo diede e il soldato inglese poté ripartire. Ad ogni modo, il pericolo che ci scoprissero e ci denunciassero ai nazifascisti era reale, si rischiava la fucilazione ma, per niente intimorite, continuavamo ad ospitare i prigionieri. Maria ogni volta diceva: sono gli ultimi. C'erano due ospiti fissi, i cui nomi non ricordo, poi ne arrivarono degli altri, ed altri ancora, alternandosi non appena questi riuscivano a partire. Venivano anche da fuori paese, in fuga da altri campi di lavoro o da centri di raccolta di altre località. Tra loro si passavano parola che in fondo a una stradina, in mezzo ai campi, vicino a villa Valmarana, c era una casa abitata da brave persone a cui chiedere aiuto e delle quali ci si poteva fidare. Sul finire dell anno, un impiegata della Prefettura di Padova, di nome Elsa, ci fece conoscere le sorelle Martini: Teresa e Liliana. Esse appartenevano ad una rete clandestina che aiutava ebrei, ex prigionieri e soldati allo sbando, a fuggire all estero. Della stessa rete faceva parte anche padre Placido Cortese, un frate della basilica di S. Antonio, direttore del Messaggero. Era padre Placido che, tra le altre cose, si incaricava di fornire le fotografie, prese tra gli ex voto nella 18

19 Basilica, da utilizzare nelle carte d identità false da consegnare a ricercati prossimi alla partenza per la Svizzera: gli espatri verso la Iugoslavia erano falliti, dopo che alcune spie si erano infiltrate nella organizzazione, per cui la frontiera era strettamente controllata dai tedeschi. Fu così che iniziai a tenere i contatti con le sorelle Martini, telefonando dall'unico apparecchio pubblico nel bar del paese, dicendo loro: Sono pronti due o tre polli, per quando li preparo?. Poi, saputo il giorno dell appuntamento, partivamo a piedi da Saonara, di notte, durante il coprifuoco, col cuore che ci saltava in gola per la paura d'essere arrestati; mia zia davanti con uno o due fuggiaschi, io dietro, bicicletta alla mano, con altri due, verso la stazione ferroviaria di Padova, dove eravamo attesi da altre militanti che, fingendosi sorelle o fidanzate, li accompagnavano in treno fino a Milano, da dove proseguivano con altri mezzi di fortuna verso il confine Svizzero. Alla stazione ferroviaria di Padova arrivavano ex prigionieri e ricercati da vari comuni della provincia, ed erano in molti a tentare l espatrio che rappresentava l'unica via di scampo, poiché restare significava rischiare di essere arrestati. Nel mese di febbraio del 44, vennero da fuori paese delle brigate nere, che radunarono mio padre e mia madre, assieme ad altri paesani, nel cortile di villa Sgaravatti e iniziarono ad interrogarli sulla presenza di nemici 19

20 nel territorio, ma, soprattutto, li minacciarono di arrestarli e bruciar loro la casa, se avessero trovato un solo prigioniero in casa. Preoccupate dalle difficoltà e dai problemi sempre più presenti, decidemmo di limitare l attività assistendo questi giovani fuori di casa. Nella prima decade di marzo conoscemmo due inglesi ospiti della famiglia Battan di S. Angelo di Piove di Sacco. Una sera, all' imbrunire, mentre tornavo dal lavoro, mi aspettarono lungo la stradina che conduceva alla mia casa, per chiedermi se effettivamente c'era la possibilità di essere aiutati a fuggire all'estero. Riuscimmo, dopo alcuni contatti, ad organizzare anche la loro fuga. Il giorno, dopo la loro partenza, fu accompagnato a casa nostra, dalla signora Battan un certo Franz, ex prigioniero sloveno fuggito dopo l' 8 settembre che, a suo dire, sentendosi a rischio di cattura, era venuto a conoscenza della recente partenza dei due inglesi da noi aiutati a S. Angelo prima e a Saonara poi. A casa c era mia madre che, ingenuamente, gli diede informazioni sufficienti per capire che effettivamente avevamo dato asilo a due inglesi i giorni precedenti. Franz chiese, così, se si potevano aiutare cinque prigionieri inglesi che, nascosti in casa Battan, non potevano rimanervi oltre, poiché correvano il pericolo di essere scoperti. Come d'abitudine, telefonai alle Martini per avvertire che altri cinque polli erano pronti, affinché procurassero 20

21 loro i documenti. Mi chiesero, come al solito, particolari sul loro aspetto, che però non seppi dare perché non li avevo ancora conosciuti, ma le rassicurai che presto sarei stata in grado di rispondere. Il giorno seguente venne a casa mia Liliana Martini con alcune foto, per scegliere quelle più somiglianti ai cinque e a quell'incontro, purtroppo, era presente anche Franz: l'unico ad averli visti. La sera stessa, dopo il lavoro, mi recai in bicicletta a S. Angelo in casa Battan dove, in una stanza al primo piano, c'erano i cinque inglesi. Appena li vidi, rimasi subito colpita dal loro atteggiamento: erano in piedi, quasi sull'attenti, vestiti elegantemente e col cappello in testa. Dubitai immediatamente che fossero veri prigionieri. Mi rivolsi a loro in dialetto per chiedere da dove venissero e quale fossero le loro intenzioni. Nessuno dei cinque capì una sola parola di quello che avevo detto, mentre, invece, i prigionieri, che fino allora avevo conosciuto, qualche parola l avevano sempre capita. Franz parlò per tutti e ribadì la loro necessità di fuggire al più presto. Gli risposi che presto sarebbero potuti partire aggiungendosi a un gruppo di altri tre prigionieri. Lungo la strada di ritorno ero tormentata da molti dubbi. Col passare dei minuti mi stavo sempre più convincendo che quelli non fossero prigionieri inglesi, bensì spie tedesche. 21

22 A casa dissi a mia zia: Se questa volta passa, è un miracolo. Le esposi tutti i miei dubbi e non ultimo, quello sul loro aspetto e sul loro atteggiamento, quasi arrogante, mentre, al contrario, gli inglesi conosciuti fino ad allora, erano mal vestiti e, consci dei rischi che si correvano per aiutarli, erano molto rispettosi nei nostri confronti. 22

23 Maria Borgato a 41 anni 23

24 13 marzo 44 - l arresto Quella stessa sera c'era nell'aria una strana atmosfera: quasi un presentimento funesto. Verso le undici sentimmo bussare alla porta con una decisione tale da farci sobbalzare per lo spavento. Capimmo subito che non si trattava certamente di amici o di prigionieri inglesi; loro venivano con tutti i riguardi e le accortezze possibili. Persino il nostro cane abbaiava come mai aveva fatto prima. Benché preoccupata dissi alla zia: Vado io ad aprire e qualora fosse Franz gli parlerò, poiché l'ho incontrato solo io, gli dirò di lasciare in pace il resto della famiglia. Avevo degli indirizzi di prigionieri già partiti, li diedi a mia madre che li nascose tra le fasce dell'ultimo fratellino nato, che teneva in braccio, e scesi ad aprire. La casa fu presto invasa da fascisti e da SS: correvano su e giù per le scale e si misero a rovistare le stanze, la barchessa, la stalla. Non trovando alcun prigioniero inglese, iniziarono, con atteggiamento minaccioso, a farmi delle domande riguardanti i tre inglesi, ma io negai qualunque circostanza. Mi ordinarono di vestirmi e così pure a mio padre e a mia zia, ma soprattutto di far zittire il cane che, legato alla catena, abbaiava a più non posso. La spedizione era comandata dal giuda Franz, il quale ci ordinò di uscire in cortile al freddo e, dopo averci messo in fila, 24

25 continuò a farmi domande sui prigionieri inglesi, alle quali rispondevo di non sapere nulla. Franz mi accusò di mentire, in quanto mia madre, qualche giorno prima, gli aveva detto che gli inglesi avevano dormito nella stalla. E continuava: Dove sono adesso, dove li avete nascosti?. Fu allora che iniziò a percuotermi alla presenza di tutti gli adulti della famiglia che, pur fremendo dalla rabbia, nulla potevano fare, poiché reagire equivaleva ad una condanna di fucilazione. Ci caricarono sul camion: io davanti, tra una SS e Franz, mio padre e mia zia dietro con gli altri tedeschi. Franz, rifilandomi qualche pugno e tirandomi per i capelli, insisteva nel farmi domande sui prigionieri, alle quali rispondevo sempre allo stesso modo: Non so dove siano, io li ho incontrati per i campi e in casa non sono mai entrati. Ero sicura che se avessi confessato di aver dato ospitalità anche a un solo prigioniero, mi avrebbero costretta ad ammettere che ne avevamo aiutati altri e, quindi, a raccontare l intera storia, coinvolgendo di conseguenza anche altre persone. Perciò decisi di non parlare, ad ogni costo. Passarono per S. Angelo di Piove di Sacco, dove arrestarono la signora Battan e suo figlio, proseguirono per Arzarello e qui prelevarono i fratelli Gelmini, quindi si diressero verso la caserma dei carabinieri di Piove di Sacco. Mio padre, mia zia e tutti gli altri furono rinchiusi in uno stanzone, mentre a me fecero fare il giro delle 25

26 camerate, dalle quali dei giovani fascisti mi coprirono di insulti e, uno di loro vedendomi, mi schernì ad alta voce: Sarebbe questa l'artefice di tanto putiferio?. Arrivata nell'ufficio del capitano delle SS, iniziarono ad interrogarmi e a picchiarmi, con calci, pugni e a pestarmi le dita dei piedi ma io, risoluta, continuavo a ripetere che non sapevo nulla e che non conoscevo nessuno. Dopo alcune ore venni rinchiusa in una cella di isolamento per il resto della notte. La mattina seguente, vennero altri fascisti a vedermi per schernirmi; per tutta risposta girai loro le spalle senza rispondere alle provocazioni. Decisero di tenermi isolata dagli altri reclusi, convinti che, essendo la più giovane, cedessi e raccontassi ciò che era stato fatto fino ad allora. Ripetutamente mi chiesero a quale organizzazione appartenessi, come si tenessero i collegamenti e chi ne facesse parte. Da come mi ponevano le domande, capii che sapevano molte più cose di quante ne sapessi io. Evidentemente avevano bisogno della testimonianza di qualcuno del gruppo e anche il più piccolo particolare poteva tornare loro utile per smascherare altre persone. Verso mezzogiorno il fascista che piantonava il corridoio, preso da compassione, mi offrì la sua parte di rancio, raccomandandomi però di non farmi scoprire. Non feci in tempo ad accettare che entrarono quelli che la sera precedente ci avevano arrestati, per portarci a fare 26

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015 Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015 Come è bella Milano, imbandierata a festa, che si unisce

Dettagli