PROGETTO DI RIFORMA DELLA GIUSTIZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI RIFORMA DELLA GIUSTIZIA"

Transcript

1 A.I.G.A. PROGETTO DI RIFORMA DELLA GIUSTIZIA Le proposte dei Giovani Avvocati

2 Copyright 2003 by Maggioli S.p.A. Maggioli Editore è un marchio di Maggioli S.p.A. Azienda con sistema qualità certificato ISO 9001: Santarcangelo di Romagna (RN) Via del Carpino, 8 Tel. 0541/ Fax 0541/ Internet: Diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento, totale o parziale con qualsiasi mezzo sono riservati per tutti i paesi. Finito di stampare nel mese di luglio 2003 dalla Litografia Titanlito s.a. Dogana (Repubblica di San Marino)

3 Indice Presentazione... Ordinamento Giudiziario... Ordinamento Professionale... Tutela Giovani Avvocati... Procedura Civile... Commerciale... ADR... Processo Telematico... Diritto di Famiglia... Giustizia Amministrativa... Diritto Penale... Procedura Penale... Patrocinio a spese dello Stato... Pag. 5» 7» 25» 75» 85» 105» 137» 151» 171» 199» 211» 223» 247

4 .

5 Presentazione Il funzionamento del sistema giustizia, nel nostro Paese, si è sempre prestato a forti discussioni che, tuttavia, negli ultimi dieci anni, hanno toccato tali e tante implicazioni, da connotare ormai una vera e propria emergenza nazionale: la questione giustizia. Nessuno ignora la portata e l urgenza del problema, tant è che nessuna parte politica trascura di annoverare, tra i propri programmi, il lodevole intento di affrontare la questione giustizia, addirittura, come qualcuno pure ha suggerito, con un apposita sessione parlamentare. È tanto difficile far seguire i fatti ai buoni propositi? No, sempreché si abbia un piano di riforma della giustizia, si abbia cioè in mente, un modello progettuale, generale ed organico, che miri ad un riassetto globale del sistema. Questi sarebbe, in tal modo, sottratto alle dannose torsioni prodotte dagli interventi sporadici e disarticolati con cui il legislatore è spesso tentato di assecondare le contingenze che presume avvertite dal comune sentire. La classe politica, dunque, non può non avere un piano di riforma della giustizia ma, soprattutto, non può compiutamente idearlo senza interloquire con un Avvocatura attiva e responsabile. L Associazione Italiana dei Giovani Avvocati vuole fare di più e propone il suo progetto di riforma della giustizia. Su queste idee, i Giovani Avvocati intendono misurarsi e confrontarsi con le forze parlamentari e con le rappresentanze istituzionali e politiche della giurisdizione, nella convinzione che le prospettive di soluzione della questione giustizia dipendano dai contenuti che ciascuno saprà responsabilmente mettere a disposizione del Paese. La presente edizione si pone in linea di ideale continuità con gli Appunti per un progetto di riforma della Giustizia con cui, nel giugno 2002, furono gettate le premesse di un disegno che si arricchirà di continuo e costituirà la sintesi, sempre rinnovata, delle riflessioni dei Giovani Avvocati Italiani. Roma 10 luglio MARIO PAPA Presidente Associazione Italiana Giovani Avvocati

6 .

7 Ordinamento giudiziario 1. Premessa Il Ministro della Giustizia il 29 marzo 2002 ha presentato alla Commissione Giustizia al Senato il DDL Delega (n. 1296) per la riforma dell Ordinamento Giudiziario, con l intendimento (esplicitato nella relazione accompagnatoria al DDL) di porre in essere un significativo processo riformatore che superasse «l inadeguatezza del servizio giustizia per soddisfare le esigenze dei cittadini». Una proposta riformatrice, quella del DDL 1296, che ha scontato un lungo e tormentato confronto con la magistratura (culminato con l astensione delle toghe nel giugno 2002), ma che sembrava garantire almeno nelle intenzioni del Governo un inarrestabile percorso riformatore. La promessa di un improcrastinabile riforma, tuttavia, non è stata mantenuta; l azione del Governo di fatto si è arrestata, lasciando che il progetto di legge si arenasse a Palazzo Madama per più di anno. A distanza di un anno il Governo è tornato a mettere mano alla disciplina dell Ordinamento Giudiziario, licenziando un nuovo progetto normativo (c.d. maxiemendamento) che di fatto stravolge l impostazione dell originario DDL n. 1296, realizzando una sorta di riforma della riforma. Un testo, quello approvato dal Consiglio dei Ministri il 7 marzo 2003, elaborato senza il necessario confronto con gli esponenti del mondo giudiziario, che non soddisfa né le esigenze di riforma auspicate dalla magistratura (come dimostrato dalle ampie critiche piovute dal CSM e da tutte le sue componenti), né quelle sollecitate dall Avvocatura, in primis dalla Giovane Avvocatura. Nonostante tutti i progetti declamati e gli impegni assunti dalle forze di coalizione governativa da due anni a questa parte, non ultimi quelli del Ministro Castelli che tanto al XXVI Congresso Nazionale Forense di Firenze nell autunno del 2001, quan-

8 8 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO do nell occasione dell inaugurazione dell Anno Giudiziario di Milano 2003, promise apertamente un ampio coinvolgimento dell Avvocatura nella stesura, predisposizione e realizzazione dei cardini della riforma della giustizia, il mondo forense si è ritrovato (usando un eufemismo) in una totale assenza di dialogo con l attuale Governo, sull annoso problema giustizia. Prova ne è la stesura blindata del nuovo testo del DDL 1296, sì come elaborato dal c.d. direttorio dei quattro saggi che non può ottenere apprezzamento alcuno sia da un punto di vista del modus procedendi, ma soprattutto e principalmente per quanto in esso contenuto. Entriamo, dunque, nello specifico della proposta emendativa del DDL Separazione delle funzioni Il nuovo testo del DDL 1296 prevede, per accedere alle funzioni giudicante e requirente, un unico bando di concorso ma due distinte commissioni d esame (perché diverse sono le prove da superare), presiedute eventualmente da un solo presidente. Per il passaggio da una funzione all altra sarà necessario avere un anzianità di funzione di almeno 5 anni, sostenere un concorso, per titoli ed esame, bandito dal CSM ed occorrerà cambiare distretto. Le commissioni d esame per il passaggio alle funzioni di legittimità saranno scelte dal CSM (novità questa introdotta in extremis; in precedenza, infatti, era prevista la possibilità per il Governo di intervenire con una serie di nomi). Al di là della inutile macchinosità del sistema, che comporterà problemi di natura burocratica (se si voleva la separazione delle funzioni sarebbe bastato prevedere una prova scritta unica per tutti gli aspiranti magistrati ed una successiva prova orale specializzante per la requirente o per la giudicante cui subordinare anche il passaggio orizzontale di funzioni) nessuno può dubitare che giudici e pubblici ministeri continueranno ad essere ed a considerarsi colleghi perché continueranno a condividere lo stesso concorso, lo stesso CSM e lo stesso Consiglio Giudiziario. Il sistema ipotizzato dal modificato DDL 1296, per giungere

9 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO 9 ad una separazione delle funzioni, è riuscito a scontentare tutti. Quelli che, pur contrari ad una separazione, avrebbero tuttavia potuto accettare una separazione delle funzioni, lamentano gli eccessivi ostacoli frapposti al passaggio orizzontale (sarebbe bastato, infatti, l istituzione del divieto di assunzione delle nuove funzioni nel medesimo distretto di provenienza). Quelli che anelavano ad una separazione delle carriere lamentano, ovviamente, la loro insoddisfazione per le aspettative andate deluse. L AIGA ritiene che una corretta interpretazione delle ragioni che impongono una reale distinzione delle funzioni, deve necessariamente condurre a separare in termini precisi e netti la carriera inquirente da quella giudicante, sin dal momento dell acquisizione della funzione relativa ed in modo definitivo. Ciò non deve implicare, tuttavia, che la carriera inquirente possa refluire, in qualche modo, sotto il controllo del potere esecutivo; al contrario, va ribadita la necessità di mantenere intangibile il dettato costituzionale dell indipendenza di tutta la magistratura, ivi compresa quella inquirente e deve essere scongiurato il rischio di una deriva poliziesca del P.M. con un costante monitoraggio periodico della produttività, ovvero con un prudente bilanciamento, da un lato, delle risorse impiegate (anche in termini di pura spesa) e, dall altro, dei risultati conseguiti. L accesso per distinti concorsi ed una successiva formazione permanente separata esalteranno, per ciascuna funzione, le competenze specifiche, oggi più che mai necessarie per affrontare in maniera appropriata lo svolgimento di attività complesse ed articolate. Mentre il passaggio orizzontale della carriera requirente a quella giudicante e viceversa, deve essere consentito a seguito di un concorso semplificato rispetto a quello di accesso ed abilitante allo svolgimento della diversa funzione, ovviamente come peraltro previsto per un distretto diverso da quello da cui il magistrato proviene. Un accesso alle carriere di giudicante o di inquirente, quindi, mediante concorsi separati e distinti, nonché una continua e costante attività di aggiornamento, permetterebbero a ciascun ufficio di svolgere al meglio la specifica funzione, al fine di affrontare con la necessaria competenza l attività spesso complessa e difficile attribuita ad ogni ufficio.

10 10 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO 3. Potere gerarchico nelle Procure Il nuovo DDL 1296 prevede che i P.M. saranno sottoposti ad un più penetrante potere gerarchico del capo dell Ufficio. Analogo vincolo si ripropone nel rapporto tra le Procure della Repubblica e Procure Generali presso la Corte d Appello. Viene sancito il principio per cui il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale è titolare esclusivo dell azione penale e può delegare, sulla base di criteri predeterminati, uno o più magistrati del suo ufficio al compimento di singoli atti o alla trattazione di uno o più procedimenti. Al Dirigente dell Ufficio inquirente viene attribuita, inoltre, la titolarità e la rappresentanza dell ufficio nel suo complesso, nei rapporti con enti istituzionali, con i rappresentanti degli altri uffici giudiziari nonché nei rapporti con gli organi di informazione. Sotto quest ultimo profilo, l AIGA concorda col principio della concentrazione del potere gerarchico, poiché in questo modo si potranno certamente evitare incontrollabili quanto infauste fughe di notizie. Tale concentrazione, tuttavia, non potrà dare altrettanti risultati positivi circa il controllo della produttività (quantitativa e qualitativa) dell attività delle Procure. La meglio definita, dal Ministro Castelli, verticalizzazione delle Procure si limiterebbe a (ri)portare, quindi, la responsabilità in capo ai Procuratori, e conseguentemente a dire del Guardasigilli tutte le misure cautelari, ad esempio, dovranno passare per il capo. L AIGA, sempre ribadendo la piena autonomia ed indipendenza costituzionale dei giudici inquirenti, già espressa nel pacchetto giustizia licenziato nel giugno 2002, aveva proposto, ed oggi ribadisce, di rafforzare i poteri di indirizzo e coordinamento dei Procuratori Aggiunti, ma nel senso di attribuir loro maggiori responsabilità, in forza delle quali sarebbero chiamati a rispondere (pena l inidoneità funzionale) della produttività dei loro sostituti, sia sotto l aspetto quantitativo, sia sotto l aspetto qualitativo. A tale fine l AIGA propone di creare un sistema di verifiche triennali che consenta di valutare, obiettivamente, i livelli qualitativi dell attività delle Procure mediante il raffronto delle misure cautelari, delle condanne richieste e delle impugnazioni pro-

11 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO 11 poste dai singoli sostituti procuratori, con gli esiti definitivi dei relativi processi ed i livelli quantitativi comparando i giudicati dei processi con i costi (in termini di spesa) complessivamente sopportati (per intercettazioni, consulenze tecniche, ecc.). A tal ultimo proposito la proposta di riforma del DDL 1296 non contempla, come aveva auspicato l AIGA, l introduzione di un sistema che possa consentire il monitoraggio delle spese effettuate da ciascun ufficio inquirente: in un ottica di efficienza del servizio Giustizia a garanzia del cittadino come peraltro prospettata dallo stesso Guardasigilli ciò non avrebbe dovuto essere tralasciato. 4. Progressione in carriera Il progetto emendativo del DDL 1296 prevede che la carriera economica dei magistrati resti strettamente ancorata al principio all anzianità professionale. Per la progressione in carriera, invece, il nuovo testo del DDL stabilisce che i magistrati possano concorrere per posti di più elevato grado (2 grado e legittimità) solo mediante concorso, per titoli ed esami scritti ed orali. Vengono inoltre disciplinate le attribuzioni dei dirigenti amministrativi degli uffici giudiziari, distinguendole da quelle dei magistrati capi degli uffici e viene, altresì, stabilito che l attribuzione degli incarichi direttivi e semidirettivi possa avvenire solo a seguito di specifici esami e concorsi. Ne deriva che per diventare capo di un ufficio occorrerà sempre superare un concorso. Il nuovo testo del DDL ha altresì previsto che vengano svolte dal CSM periodiche verifiche di professionalità del magistrato che non abbia mai concorso per l avanzamento in carriera (da realizzarsi al 13, 20 e 28 anno di anzianità): un timido e simbolico sistema di monitoraggio del magistrato che non potrà certamente raggiungere alcun risultato utile. La proposta del Governo di sganciare la progressione delle carriere dall avanzamento economico e di assoggettare l assunzione di superiori funzioni esclusivamente a concorso per titoli ed esami, determina una serie di problemi:

12 12 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO 1 inevitabili problemi di copertura degli organici che potrebbero derivare da un probabile disinteresse a concorrere per ragioni diverse da uno scatto economico. Paradossalmente, infatti, in un sistema così ideato (teoricamente teso alla creazioni di controlli dei magistrati) si potrebbe verificare l eventualità (tutt altro che remota) che nessun magistrato (o pochissimi) si sottoponga ai concorsi onde ottenere uno scatto in carriera, nella certezza che la valutazione simbolica blandamente prevista per tre volte nella vita professionale dello stesso, (non) possa incidere effettivamente sulla personale progressione economica. 2 ulteriori problemi derivanti dall opposto fenomeno di un eccessiva volontà concorsuale dei magistrati. Da ciò, infatti, deriverebbe (necessariamente) un consequenziale allontanamento dall attività giurisdizionale quotidiana e l inevitabile ridimensionamento dei connotati di produttività ed efficienza dell operato del singolo magistrato. Questa semplice analisi delle variabili insite in un tal sistema, dimostra come lo stesso appaia palesemente inidoneo a creare un serio ed effettivo controllo degli standard qualitativi e quantitativi della magistratura ed anzi vada nella direzione diametralmente opposta, sconfessando quell esigenza ontologica di professionalità della magistratura, proprio con l inserimento di quei residuali controlli (tre nella vista del magistrato) che allontanano il principio produttività/responsabilità che da una riforma ci si attendeva. L AIGA, quindi, avversa una tale soluzione, sia per i problemi descritti, sia per gli effetti negativi che un sistema così articolato potrebbe determinare nell ordinaria gestione degli affari giudiziari: sarebbe inimmaginabile un sistema Giustizia nel quale i singoli magistrati interessati alla progressione in carriera, rivolgano con preferenza le proprie energie alla preparazione personale (finalizzata al successo del concorso) piuttosto che all espletamento dei normali carichi di lavoro; ciò, infatti, potrebbe portare a periodi di aspettativa (come peraltro già previsti dal nuovo DDL durante il periodo di partecipazione ai corsi presso la Scuola Superiore delle Professioni Giuridiche) dei magistrati, che non solo incepperebbero l ordinario svolgimento dell attività giudiziaria, ma inciderebbero sull assetto stesso della giurisdizione. La proposta dell AIGA è di istituire un c.d. sistema misto in

13 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO 13 grado di garantire, da un lato, l avanzamento automatico nelle giurisdizioni di merito e, dall altro, l applicazione temporanea alle giurisdizioni di legittimità - a copertura di una parte dei posti vacanti da parte dei magistrati che, pur non avendo la richiesta anzianità di servizio, abbiano dimostrato particolare valore intellettuale da poter accedere se pur temporaneamente alle magistrature superiori. In particolare, per l avanzamento nelle giurisdizioni di merito, dovrà essere previsto contrariamente a quanto disegnato per l avanzamento in carriera ex maximendamento- un filtro valutativo in negativo (più effettivo e penetrante rispetto all attuale sistema) ed un conseguente arresto dell avanzamento laddove il magistrato non abbia raggiunto dei parametri minimi di efficienza qualitativa e quantitativa. Ciò dovrà attuarsi mediante un sistema di verifiche periodiche della professionalità e della produttività della magistratura, da svolgersi ogni 3 anni o comunque in concomitanza con l ispezione ordinaria. 5. Scuola superiore delle professioni giuridiche Il maxiemendamento prevede l istituzione della Scuola Superiore delle Professioni Giuridiche, la cui frequenza dovrebbe essere prodromica per il laureato in giurisprudenza che intenda sostenere il concorso in magistratura ovvero per il magistrato che intenda progredire in carriera. La Scuola dovrà essere gestita e diretta, con autonomia organizzativa di uomini e mezzi, da un Comitato ristretto composto da magistrati di legittimità nominati dal CSM, da un avvocato nominato dal CNF, da un professore nominato dal CUN e da un ulteriore membro di nomina governativa. Viene inoltre previsto che l accesso alla Scuola Superiore delle Professioni Giuridiche sia esteso anche agli avvocati, riservando loro la quota del 25% dei posti disponibili. L istituzione di una Scuola superiore ha sempre rappresentato per l AIGA un ambizioso punto di riferimento nel percorso di formazione ed aggiornamento, permanente e comune, della magistratura e dell avvocatura, ma certamente i propositi di formazione comune derivanti dalla presente riforma sono andati delusi.

14 14 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO La Scuola, sì come pensata, rappresenta un pericoloso ibrido, tanto metodologico quanto organizzativo e sistematico, tra un sistema di tirocinio degli uditori giudiziari e di formazione permanente dei magistrati da una parte ed un sistema di preparazione ai concorsi per l ammissione in magistratura ed idoneità alla progressione in carriera dei magistrati dall altro. Vieppiù che riconoscendo la partecipazione se pur per una quota minimale - agli aspiranti avvocati, detta scuola si sistemerebbe in modo disarticolato nell ambito della complessa struttura organizzativa dell accesso e della formazione degli avvocati, senza chiarire peraltro in che modo possa avvenire la spendibilità del titolo della Scuola Superiore rispetto agli esami forensi. Secondo il nuovo DDL 1296, per gli aspiranti Giudici o P.M., l idoneità conseguita presso la Scuola Superiore sarà uno dei titoli per poter accedere al concorso. Esattamente lo stesso valore attribuito alle Scuole Bassanini, il che se da un lato tranquillizza chi ne temeva l affossamento proprio grazie alla nuova versione della Scuola Superiore, dall altro non risolve il problema del rapporto tra le due strutture. Tuttavia il problema, irrisolto dal testo di riforma, è rappresentato dalla effettiva finalità della Scuola. Sarebbe apprezzabile ad avviso dell AIGA - la sua istituzione laddove essa costituisse un momento di formazione permanente e comune, almeno per alcuni limitati segmenti formativi, della magistratura, dell avvocatura e del notariato, in piena dialettica - sia sotto i profili professionali che deontologici - tra le parti. La condizione necessaria a che ciò possa avvenire è che detta Scuola si ponga in adeguato confronto con i percorsi formativi già esistenti per ciascuna categoria, senza sovrapposizioni con le strutture già funzionanti e che la sua organizzazione didattica sia completamente riservata agli organismi di vertice della magistratura (CSM), dell avvocatura (CNF) e del notariato (CNN), senza che vi sia come peraltro viene previsto nella riforma - alcun intervento del Ministero. Appaiono, quindi, completamente svilite dalla proposta di riforma tanto la ratio, quanto le finalità di formazione comune auspicate dall AIGA. * * *

15 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO 15 Se queste sono le proposte di riforma avanzate con il recente progetto emendativo del DDL 1296, i cui limiti sono stati ampiamente e specificamente esposti, corre l obbligo di evidenziare come la riforma prospettata lasci gravemente impregiudicati i veri nodi che una riforma dell Ordinamento Giudiziario dovrebbe sciogliere per liberare la macchina giudiziaria da vecchi e nuovi privilegi, ponendosi al servizio del cittadino e non affronti in maniera appropriata tutta una serie di rilevanti questioni che costituiscono passaggio obbligato per ottenere un mutamento sostanziale degli assetti politico-strutturali della magistratura. Ecco le ulteriori questioni che un adeguata riforma dell Ordinamento Giudiziario avrebbe dovuto affrontare e che i Giovani Avvocati propongono di risolvere: 6. Consigli Giudiziari Tutti sanno che l operato degli attuali Consigli non solo non apporta alcun contributo al funzionamento della macchina giudiziaria ma, addirittura, costituisce quasi sempre un ostacolo al suo funzionamento. Ancor più che nel CSM, infatti, i Consigli sono diventati luogo di misurazione del potere contrattuale delle varie correnti della magistratura associata, con evidenti ricadute negative sulla amministrazione degli Uffici Giudiziari. Tutto ciò deriva da una serie di ragioni, ma in primis dalla stessa strutturazione degli organi in parola. Necessario ed imprescindibile è intervenire quindi sulla composizione e sulla struttura dei Consigli Giudiziari, le cui attribuzioni vanno ampliate in modo da ricomprendere anche quella deliberante in ordine alla formazione delle tabelle degli Uffici Giudiziari, cosi da snellire il lungo e defatigante iter attualmente vigente, oltre a rimodularne le competenze su base territoriale sullo schema di decentramento proposto dall AIGA per il CSM. All aumento dei poteri dei Consigli, deve corrispondere una totale ristrutturazione della loro composizione, in modo da garantire al loro interno presenze laiche rappresentate da esponenti del mondo accademico e della classe forense, nonché da una rappresentanza della magistratura onoraria. Non ultimo appare certamente inopportuno che il Consiglio Giudiziario sia

16 16 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO presieduto dal Presidente della Corte d Appello, essendo spesso parte in causa per le questioni trattate. 7. Magistratura Onoraria Le ultime stime riferiscono di un organico di magistrati onorari (tra Giudici di Pace, GOT, GOA, VPO, esperti di Sorveglianza e componenti privati) di unità contro le poco più di dei magistrati togati: un esercito di magistrati onorari che fino ad una decina di anni fa assolveva ad una funzione piuttosto contenuta e marginale, ma che oggi ha assunto un ruolo indefettibile nell amministrazione della Giustizia, stante l enorme carico di contenzioso che ad essi viene affidato e la recente estensione della competenza anche nel settore penale. Varie le ragioni che hanno determinato il sempre maggior ausilio dei magistrati onoraria nei ranghi della giurisdizione: l eccessivo carico giudiziale della magistratura togata non in grado da sola di assolvere alle crescenti esigenze di giustizia; la lentezza e complessità nel reclutamento dei magistrati togati; i costi di un magistrato togato (ben più elevati) rispetto ad un magistrato onorario; secondo alcuni, il declassamento di una giustizia minore che non necessita dell intervento del magistrato togato (la preparazione e la capacità del quale si postulano, non sempre a ragione, maggiori di quelle di un magistrato onorario); secondo altri, l interesse di una parte della magistratura ordinaria a non inflazionare le fila della stessa attraverso una eccessiva crescita del numero dei magistrati ordinari. Ragioni storiche, politiche e culturali quelle evidenziate che mettono in luce la profonda diffidenza e le forti perplessità circa la preparazione professionale ed il livello qualitativo dei magistrati onorari: dubbi e perplessità provenienti tanto dai colleghi togati quanto dall Avvocatura, che portano ancora a sentire la magistratura onoraria, una magistratura minore, di serie B, dedicata ad una giurisdizione minore. Tuttavia, in un Paese in cui si soffre il vertiginoso aumento dei diritti e delle tutele che ingolfano la giurisdizione di sempre nuove e più complesse domande, la classe politica anziché orien-

17 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO 17 tarsi a formulare un generale ed organico piano riformatore degli assetti della giurisdizione, ha dato vita ad una svilente serie di interventi sporadici, massicciati e settoriali, che hanno evidenziato la totale mancanza di progettualità politica sul tema del riassetto del sistema giustizia e del riordino disciplinare della Magistratura Onoraria. Un preoccupante stallo delle riforme che il Governo non è riuscito a superare né elaborando il progetto licenziato dalla Commissione Ministeriale guidata dal Prof. Modestino Acone (ferma sul tavolo del Ministro dal luglio 2002), né annoverando nel DDL sulla riforma dell Ordinamento Giudiziario presentato alla Commissione Giustizia del Senato nel marzo 2002 e nel successivo maxiemendamento del marzo 2003, alcun riferimento alla magistratura onoraria. Di fronte all indiscutibile contributo dei magistrati onorari che hanno permesso di scongiurare parzialmente il collasso della giurisdizione, è necessario intervenire subito con un progetto organico di riforma della funzione onoraria, adottando un unico ordinamento che disciplini lo status della magistratura onoraria, affrontando e risolvendo i problemi relativi alle modalità di reperimento, i requisiti per la nomina, il trattamento economico, le incompatibilità, la disciplina e l autogoverno, onde giungere alla consacrazione della funzione onoraria della magistratura semiprofessionale, quale soggetto comprimario dell amministrazione della giustizia. L AIGA condivide molte delle linee di intervento messe a punto nel progetto Acone, ritenendo di dover prendere a base del progetto di riforma quanto già elaborato dalla Commissione Ministeriale, ma considera necessario svolgere ulteriori approfondimenti su alcuni punti essenziali quali: 1. reclutamento dei magistrati onorari: se la proposta di porre una soglia minima di età (50 anni) per i magistrati onorari di prima fascia (Giudici di Pace) può apparire motivata dalla necessità di marcare la temporaneità dell incarico (introducendo una sorta di termine naturale all incarico), dall altro priva la giurisdizione dell apporto derivante dalle più giovani energie, maggiormente inclini ad un impegno fattivo. La temporaneità dell incarico deve, piuttosto, trovare soluzione, in un meccanismo di mobilità interna alla giurisdizione che consenta di

18 18 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO utilizzare l esperienza accumulata dal magistrato onorario per riversarla in altre funzioni. Eliminazione, quindi, di ogni sbarramento anagrafico per il reclutamento dei magistrati onorari che potranno essere nominati anche se di età inferiore ai 50 anni ed identificazione di specifici requisiti che ne garantiscano una effettiva professionalità, tra cui l iscrizione all Albo degli Avvocati ovvero l assunzione di incarichi accademici; 2. temporaneità dell incarico: mantenimento del principio della temporaneità, con tendenziale divieto di riconferma degli incarichi dei magistrati onorari nell ambito della stessa funzione, salvo consentirla per una sola volta e per ugual durata, all esito di rigorosa valutazione di professionalità e produttività; identificazione di un sistema di riutilizzazione delle risorse e dell esperienza raggiunta dal magistrato onorario, individuando canali e criteri di una possibile mobilità interna alla giurisdizione onoraria ovvero mediante l assunzione di incarichi di supporto all attività dei giudici togati (assistente del giudice); 3. professionalità ed incompatibilità: adozione di un rigoroso sistema di selezione e formazione (iniziale e permanente) oltre ad un sistema di verifica periodica della professionalità per garantire ai cittadini un servizio Giustizia efficiente (esigenza ancor più sentita dopo l avvio della competenza penale dei Giudici di Pace); irrigidimento dei meccanismi di incompatibilità personali e territoriali (stabilendo, ad esempio, l estensione dell ambito territoriale di incompatibilità all esercizio della professione forense al Distretto e non al Circondario; estensione dell incompatibilità anche ai rapporti di coniugio oltre che di parentela) meccanismi di incompatibilità, che andrebbero irrigiditi anche per i magistrati ordinari; 4. trattamento economico: rivisitazione del sistema di remunerazione a cottimo, adottando sistemi di retribuzione adeguata alla funzione svolta, che superino gli effetti devianti del cottimismo e le vistose disparità tra gli uffici a seconda delle materie o delle zone in cui sono impiegati, che hanno portato alcuni magistrati onorari a godere di retribuzioni superiori a quelle riconosciute ai magistrati togati ed altri ad esigui compensi; creazione di meccanismi economici omogenei mediante l istituzione di una congrua retribuzione di base, accompagnata dalla previsione di incentivi economici da assegnarsi al magi-

19 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO 19 strato onorario che abbia raggiunto risultati di particolare produttività ed efficienza; 5. disciplina ed indipendenza: ristrutturazione del sistema disciplinare e deontologico della magistratura onoraria anche mediante un rimodellamento dei meccanismi di composizione dei Consigli Giudiziari, prevedendo la loro integrazione con una rappresentanza della magistratura onoraria, al fine di garantirne una fattiva partecipazione negli organi di controllo onde giungere ad un effettivo autogoverno; assoggettamento dei magistrati onorari alla disciplina ed al controllo del CSM da attuarsi anche attraverso l istituzione di una funzione disciplinare delegata al Consiglio Giudiziario territorialmente competente ed in tal senso integrato; allineare, quindi, lo status ordinamentale del magistrato onorario ai principi già riconosciuti alla componente togata. 8. Ufficio del Giudice La proposta dell istituzione dell Ufficio del Giudice, avanzata da alcune forze politiche, limitatamente al settore civile, appare non solo condivisibile ma addirittura estensibile all intera area dei giudicanti. In questo senso la CDL propone l istituzione della figura dell assistente legale dei magistrati: questi, se da un lato costituisce un supporto amministrativo per il magistrato, dall altro, ne consentirà anche un migliore monitoraggio ai fini del controllo della produttività. La legge n.89/2001 (c.d. legge Pinto), nel disciplinare l equa riparazione per mancato rispetto del termine ragionevole, presuppone che l organizzazione giudiziaria disponga di adeguati strumenti operativi che consentano la conclusione dei processi in tempi ragionevoli; e, quindi, richiede che ogni ufficio giudiziario sia dotato oltre che dell apporto di personale amministrativo, anche di moderne strumentazioni informatiche. È quanto mai necessario che il Giudice possa avvalersi di assistenti, che collaborino con lui nelle attività prodromiche e/o consequenziali all esercizio dell attività giurisdizionale. Al riguardo, il contratto integrativo per il personale del Ministero della Giustizia espressamente prevede lavora-

20 20 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO tori cui sia affidato il compito di provvedere, secondo le indicazioni del magistrato, a raccogliere la pertinente documentazione legislativa, giurisprudenziale e dottrinale per lo studio delle questioni sottoposte al suo esame, ovvero di predisporre, a sua richiesta, schemi di provvedimenti giurisdizionali aventi carattere di semplicità e ripetitività ( ). Mentre secondo la proposta contenuta nel disegno di legge 4961/S della passata legislatura, potrebbe essere istituito un apposito ruolo di assistente del giudice, e, alla provvista di ulteriori unità di personale con mansioni di assistente giudiziario, si potrebbe provvedere, senza oneri a carico dello Stato, mediante convenzioni con Università o istituti di ricerca, che prevedano l assegnazione temporanea alle predette mansioni di ricercatori o dottorandi di ricerca in materie giuridiche ed informatiche. In definitiva, si auspica, che ogni magistrato (c.d. magistratomanager), quale soggetto preposto ad un ufficio giudiziario munito di risorse personali e materiali adeguate, sarà sempre più chiamato a svolgere quelle funzioni organizzative, che attualmente spettano al Dirigente dell Ufficio giudiziario in modo da ottenere il miglior risultato possibile in vista del servizio pubblico che deve garantire. Appare, altresì, necessario che lo Stato inserisca, altresì, un sistema di controllo delle spese che i singoli Uffici operano, se non altro per verificare in che termini viene utilizzato il denaro dei contribuenti e quali possibili correttivi debbano essere apportati per evitare sprechi. 9. Temporaneità delle funzioni dirigenziali L AIGA ha già rivelato la necessità di sottoporre a verifica periodica l operato dei dirigenti degli uffici giudiziari. Non è più pensabile che il criterio della designazione a vita attualmente adottato, possa permanere in futuro. Sarà necessario, però, individuare dei criteri nuovi e trasparenti che consentano di identificare il corpo dirigenziale: non ultimo il possesso di concrete attitudini organizzative, di sperimentate qualità manageriali, che sostituiscano l obsoleto parametro della mera anzianità di sevizio. Sarà necessario, altresì, creare delle specifiche regole tese a

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA (Testo approvato in via preliminare dal Consiglio Nazionale Forense il 21 febbraio 2014) SOMMARIO RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO... 2 BASE NORMATIVA: ARTICOLI RILEVANTI

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Il Lavoro a Tempo Parziale nella Pubblica Amministrazione

Il Lavoro a Tempo Parziale nella Pubblica Amministrazione Il Lavoro a Tempo Parziale nella Pubblica Amministrazione L esposizione sotto forma di domande e risposte è un modo semplice e rapido di far conoscere le opportunità dei diversi istituti evidenziando regole

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali

Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali www.ilfogliodelconsiglio.it/wp-content/uploads/pa_f_495_1.doc Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli