CESI. A Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 1/178. Ricerca di Sistema (secondo periodo)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CESI. A4524214 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 1/178. Ricerca di Sistema (secondo periodo)"

Transcript

1 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 1/178 Cliente Ricerca di Sistema (secondo periodo) Oggetto Ampliamento dell'indagine sui costi associati alla qualità del servizio (lato utente) Ordine L1741C Note RETE21/NOVARET/WP 4 - Qualità del Servizio: Nuovi Indicatori e Stima dei Costi/milestone n.4.2/rapporto 1/1 La parziale riproduzione di questo documento è permessa solo con l'autorizzazione scritta del CESI. N. pagine 178 N. pagine fuori testo -- Data 31/12/24 Elaborato BU RETE R. Chiumeo BU ING S. Malgarotti Università de L'Aquila A. Prudenzi Università di Trieste S. Quaia Politecnico di Milano G. Esposito, D. Zaninelli Verificato BU RETE G. Simioli Approvato BU RETE A. Ardito CESI Via R. Rubattino 54 Capitale sociale 8 55 Euro Registro Imprese di Milano Centro Elettrotecnico 2134 Milano - Italia interamente versato Sezione Ordinaria Sperimentale Italiano Telefono Codice fiscale e numero N. R.E.A Giacinto Motta SpA Fax iscrizione CCIAA P.I. IT

2 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 2/178 Indice SOMMARIO INTRODUZIONE SVILUPPO DI INIZIATIVE CULTURALI SVILUPPO DI PQNET E NUOVA STRUTTURA I contenuti di PQnet PARTECIPAZIONE A CONGRESSI E GIORNATE DI STUDIO INDAGINE MEDIANTE QUESTIONARIO SUI LIVELLI E SUI COSTI DELLA QUALITÀ DEL SERVIZIO PRESSO CLIENTI INDUSTRIALI LE CARATTERISTICHE DELLA NUOVA INDAGINE Progetto di implementazione del nuovo questionario Considerazioni generali sul questionario La diffusione del questionario RISULTATI OTTENUTI DALL'INDAGINE MEDIANTE QUESTIONARIO AREA DEL NORD EST Identificazione dell'utente e dei processi Percezione delle interruzioni e di altri disturbi Dotazioni per il miglioramento della qualità Livello di soddisfazione Considerazioni sul black-out del settembre RISULTATI SUDDIVISI PER SETTORI PRODUTTIVI ED ELABORAZIONE ANALITICA DEI COSTI Settore acciaieria siderurgico Settore metalmeccanico Settore materie plastiche Settore del legno Settore chimico Settore alimentare Altri settori TEST DI VALUTAZIONE DELL'AFFIDABILTÀ DEI DATI Identificazione dell'utente e dei processi Percezione delle interruzioni e di altri disturbi Dotazioni per il miglioramento della qualità Livello di soddisfazione Considerazioni sul black-out del settembre Analisi dei dati numerici Considerazioni finali AREA DEL NORD OVEST Identificazione dell'utente e dei processi Percezione delle interruzioni e di altri disturbi Dotazioni per il miglioramento della qualità Livello di soddisfazione Considerazioni sul black-out del settembre CONSIDERAZIONI SULLE CAMPAGNE DI MISURA SVOLTE NELL'AREA NORD EST La verifica dei dati forniti La correlazione tra disturbi registrati ed effetti sul processo produttivo Le descrizione del livello di PQ Individuazione di eventuali cause di origine elettrica per i problemi lamentati dall utente...98 Copyright 24 by CESI. All rights reserved - Activity code 5656R

3 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 3/ Considerazioni generali AREA DEL CENTRO SUD Campione delle aziende contattate RISULTATI DELL INDAGINE Attività e dimensioni Numero dei dipendenti Ciclo di produzione giornaliero e settimanale Alimentazione e usi finali Interruzioni dell alimentazione elettrica Altri disturbi dell alimentazione elettrica Livello di soddisfazione e miglioramento della qualità Black-out ESTENSIONE DEL TOOL DI SIMULAZIONE (PQTUTOR) TECNOLOGIA UTILIZZATA STRUTTURA DEL PROGRAMMA PRESENTAZIONE DELLE PROCEDURE ANALISI DELLA SENSIBILITÀ GLOBALE: SENS1 BATCH E SENS1 EXPERT ANALISI DELLA SENSIBILITÀ LOCALE: SENS2 PROC E SENS2 COMP ANALISI DEL COSTO DEI DISTURBI DI POWER QUALITY: COST COSTO DEI PROBLEMI DI POWER QUALITÀ COSTO DELLE INTERRUZIONI (DATI INTERNAZIONALI) COMPLETAMENTO DELL INDAGINE SUI COSTI DELLE APPARECCHIATURE PER LA MITIGAZIONE DI PROBLEMI DI POWER QUALITY UPS GRUPPI MOTO-GENERATORI (ELETTROGENI) DISPOSITIVI DI COMMUTAZIONE E TRASFERIMENTO DEL CARICO FILTRI ATTIVI SCARICATORI DI SOVRATENSIONE SPD DISPOSITIVI DI RIFASAMENTO AUTOMATICO CONCLUSIONI ALLEGATO A Copyright 24 by CESI. All rights reserved - Activity code 5656R

4 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 4/178 STORIA DELLE REVISIONI Numero Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati revisione 31/12/24 Prima emissione SOMMARIO L'attività relativa alla milestone 4.2 del WP 4 - sottoprogetto NOVARET (progetto RETE 21) affronta, nell'ambito delle tematiche connesse alla Qualità del Servizio, l'analisi dei risultati emersi da un'indagine conoscitiva, svolta a livello nazionale presso utenti industriali, volta all'identificazione dei livelli di qualità della fornitura ed alla raccolta di dati sulla valutazione dei costi associati alla Qualità del Servizio dal punto di vista dell'utente stesso. L'indagine, condotta in collaborazione con il Politecnico di Milano, l'università di Trieste e l'università de L'Aquila, ha previsto la diffusione di un questionario, redatto opportunamente per lo scopo, anche con il coinvolgimento delle associazioni di categoria.

5 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 5/178 1 INTRODUZIONE Nell'ambito della milestone 4.2 "Ampliamento dell'indagine sui costi associati alla qualità del servizio (lato utente)" si è portato a completamento l'attività iniziata nel corso del precedente triennio di Ricerca di Sistema mirata all'identificazione dei livelli di qualità del servizio presso l'utente industriale. L'attività di "indagine conoscitiva" è stata condotta, in collaborazione con Atenei italiani (Politecnico di Milano, Università di Trieste e Università de L'Aquila) mediante la diffusione di un questionario a livello nazionale (diffusione che ha comportato anche il coinvolgimento delle associazioni di categoria locali), questionario tendente a valutare le problematiche connesse sia all'interruzione della fornitura sia alla percezione, da parte dell'utente, dei disturbi legati ad una carente qualità del sevizio, principalmente i buchi di tensione. Il questionario, rivisto rispetto a quello adottato nell'attività del precedente triennio di ricerca, ha mirato anche a raccogliere dati sulla valutazione dei costi associati alla qualità del servizio dal punto di vista dell'utente industriale. Una particolare sezione del questionario è stata inoltre dedicata alla raccolta di informazioni sulla disponibilità al riconoscimento di una maggiorazione tariffaria a fronte di un miglioramento della qualità della fornitura e sulle conseguenze subite a valle del black-out del settembre 23. Il documento riporta i risultati dell'indagine per le aree Nord Est, Nord Ovest e Centro Sud in cui si è proceduto alla diffusione dei questionari, unitamente all'illustrazione dell'attività svolta nel completamento dell'indagine delle possibili soluzioni tecnologiche per i dispositivi di "power quality" installabili presso l'utente sensibile e nell'aggiornamento dello strumento ("PQ Tutor") per l analisi guidata alla valutazione della suscettibilità e del costo dei disturbi di Power Quality per le utenze industriali, fruibile dal sito Vengono inoltre illustrate le iniziative didattiche e divulgative sia nell'ambito del suddetto sito web sia nella preparazione di workshop e seminari.

6 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 6/178 2 SVILUPPO DI INIZIATIVE CULTURALI 2.1 Sviluppo di PQnet e nuova struttura Nell'ambito dello sviluppo di iniziative culturali previsto nella milestone 4.2 è stata condotta un attività di integrazione e modifica sostanziale del sito Web PQnet implementato nel corso del precedente triennio di Ricerca di Sistema. In particolare, si è sviluppato il sito PQ net con l obiettivo di migliorarne la fruibilità, arricchendolo di contenuti ed utilità liberamente disponibili all utente che vi accede I contenuti di PQnet La versione attuale del sito Web presenta le seguenti sezioni: Home PQ come Power Quality PQ questionario PQ tutor PQ biblioteca PQ learning PQ tech Adesione La redazione Link Home In questa sezione, il cui contenuto è riportato in Fig. 1, viene spiegato il contesto in cui è nato PQ net, la sua missione e le principali tematiche di cui si occupa. Fig. 1 Home page

7 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 7/178 PQ questionario La sezione è dedicata all indagine conoscitiva che si sta svolgendo sul Territorio nazionale per conoscere la suscettibilità delle utenze industriali ai problemi di power qualità. La sezione permette all utente di scaricare il file.pdf del questionario su cui si basa tale indagine conoscitiva. La sezione contiene inoltre alcune note introduttive dell indagine ed esplicative dei contenuti e delle finalità del questionario. La pagina contenente il link al questionario è riportata in Fig. 2. Fig. 2 PQ questionario PQ tutor Tale sezione è interamente destinata ad accogliere un complesso software messo a punto per supportare l utente di PQ net nelle sue valutazioni inerenti l impatto economico di una carente power quality sul proprio processo produttivo e nell identificazione della suscettibilità ai disturbi di power quality della sua azienda. PQ biblioteca Tale sezione è dedicata a contenere approfondimenti monografici, disamine tecniche, articoli brevi contribuiti da tecnici e professionisti esperti del settore. I documenti contenuti in questa sezione sono in formato.pdf e possono essere scaricati dall utente di PQ net. La Fig. 3 riporta proprio la pagina Web principale di questa sezione.

8 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 8/178 Fig. 3 La Sezione PQ biblioteca PQ Learning E' lo spazio di PQnet dedicato ai contenuti tutoriali di formazione e approfondimento sulle tematiche di power quality. Presentazioni a congressi, seminari, giornate di studio possono essere scaricate dagli utenti di PQ net per costruirsi la propria biblioteca multimediale di apprendimento. In Fig. 4 è riportata la pagina principale di questa sezione. Allo stato attuale tale sezione contiene registrazioni di interventi tenuti da esperti in due congressi organizzati a L Aquila nell ambito delle attività di diffusione dei risultati del programma di ricerca. Fig. 4 PQ learning

9 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 9/178 PQTech Tale sezione è stata concepita per contenere articoli, abstract, comunicazioni brevi riguardanti prodotti, componenti, soluzioni di sistema per la PQ principalmente contribuiti o derivati dalle Aziende produttrici di tali soluzioni. A regime la sezione dovrebbe essere il luogo di PQ net ove l utente può trovare informazioni utili sulla tecnologia del settore per confrontare o individuare costi orientativi, prestazioni, specifiche tecniche, indicazioni e suggerimenti per un primo indirizzo nelle situazioni in cui, evidenziato un problema di PQ, si vagliano le diverse soluzioni da un punto di vista tecnico ed economico. La Fig. 5 riporta una pagina di tale sezione in cui risultano attivi i link a ulteriori pagine che riportano informazioni tecnico-economiche di UPS e gruppi moto-generatori. Fig. 5 PQ tech Adesione In PQ net è prevista una sezione dedicata alla compilazione di una scheda di adesione alla comunità di PQ net. I campi di tale scheda sono collegati ad un database residente nel programma. La Fig. 6 riporta proprio la scheda con i relativi campi di compilazione. Allo stato attuale l adesione è puramente simbolica e nessuna operazione all interno di PQ net è limitata ad utenti facenti parte formalmente di tale comunità.

10 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 1/178 Fig. 6 Scheda di adesione a PQ net La redazione Il progetto di PQ net prevede a regime la presenza di una redazione permanente di esperti di livello nazionale ed internazionale che contribuiscano con regolare periodicità articoli, note editoriali, documenti tecnici redatti proprio per la comunità di PQ net. Compito della redazione è naturalmente anche quello di provvedere all aggiornamento di tutti i contenuti tecnici presenti in PQ net. Link Poiché la sensibilizzazione dell utenza e la divulgazione dei contenuti tecnici inerenti la power quality sono le principali missioni di PQ net, la sezione dedicata ai link, nel progetto a regime di PQ net, assume una valenza molto importante di collettore di esperienze e tematiche di interesse per la comunità di PQ net. 2.2 Partecipazione a congressi e giornate di studio Nel corso del 24 alcuni principali risultati dell attività di ricerca sono stati oggetto di comunicazione a congressi nazionali ed internazionali. I congressi o giornate di studio sono state in particolare: Giornata di studio dal titolo Qualità e disponibilità dell'energia elettrica per usi industriali nel territorio regionale: Migliorare si può attraverso la collaborazione tra istituzioni, clienti e distributori", L Aquila, 26 Febbraio 24. Dettagli di tale giornata sono ampiamente riportati in paragrafo 1.2. Giornata di studio organizzata dalla sezione AEIT di Bari, dal titolo La qualità del servizio elettrico per gli utenti industriali, Bari, 16 dicembre 24. Alla giornata è stata presentata una memoria dal titolo Indagine territoriale sulla qualità del servizio elettrico: un esperienza in corso. Giornata di studio dal titolo Presentazione dell'indagine sulla qualità della distribuzione dell'energia elettrica, Milano, del 17 dicembre 24 Congresso internazionale IEEE DRPT 4, 1-14 ottobre, 24, Hong Kong. Al congresso è stata presentata una memoria dal titolo Demand Side Activities for Improving Power Quality Awareness of Industrial Customers in a Competitive Electricity Market.

11 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 11/178 Congresso internazionale IEEE PSCE, Power Systems Conference and Exposition, 1-14 ottobre, 24, New York. Al congresso è stato presentata una memoria dal titolo Knowledge-based tool to support the susceptibility analysis and cost estimation of PQ disturbances. I dettagli delle giornate di studio sono riportati in PQ net, nella sezione PQ learning. Infatti, alcuni degli interventi della giornata sono stati digitalizzati e possono essere scaricati dal sito Web mediante il tool interattivo implementato allo scopo.

12 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 12/178 3 INDAGINE MEDIANTE QUESTIONARIO SUI LIVELLI E SUI COSTI DELLA QUALITÀ DEL SERVIZIO PRESSO CLIENTI INDUSTRIALI 3.1 Le caratteristiche della nuova indagine L indagine avviata nel 22, nell'ambito del precedente triennio di Ricerca di Sistema e relativa all'indagine per la valutazione della power quality (nel seguito PQ) presso utenti industriali mediante diffusione di "questionari", è stata estesa nel 24 ad un campione di Aziende industriali a livello nazionale. In particolare l'indagine è stata principalmente orientata, oltre che ad identificare il livello di qualità della fornitura presso l'utente industriale, a raccogliere dati sulla valutazione dei costi associati alla PQ dal punto di vista dell'utente stesso. A tale scopo sono state individuate professionalità ed esperienze mature presso Atenei italiani (Politecnico di Milano, Università di Trieste e Università de L'Aquila) con i quali è stata avviata una collaborazione finalizzata proprio all estensione dell indagine sul territorio nazionale Progetto di implementazione del nuovo questionario L indagine del 24 è stata condotta con il supporto di un nuovo questionario, "progettato" allo scopo. Il questionario è stato articolato in diverse sezioni, ciascuna dedicata all approfondimento di specifiche tematiche di interesse per l indagine in corso. Le differenti sezioni del questionario, riportato nell'allegato A, comprendono: sezione dedicata alla caratterizzazione dell Azienda (tipo di attività, numero di dipendenti, utilizzazione degli impianti); sezione destinata alla caratterizzazione dell utenza elettrica a servizio dell Azienda (livello di tensione della fornitura di energia elettrica, livello di domanda, tipo di tariffa, ecc.) e degli usi finali tipici (tipo delle apparecchiature elettriche presenti e processi produttivi); sezione dedicata ai dati riguardanti le sole interruzioni della fornitura di energia elettrica (ivi comprese le microinterruzioni); sezione dedicata alle informazioni sui disturbi ulteriori presenti sull alimentazione elettrica (natura, frequenza, principali conseguenze, principali rimedi adottati, ecc.); sezione dedicata a sondare il livello di soddisfazione per l attuale qualità dell alimentazione elettrica; sezione dedicata alle informazioni sul black-out verificatosi nel settembre 23 e sulle possibili conseguenze di un black-out in generale Considerazioni generali sul questionario Nel corso dell indagine svolta durante il contatto con le aziende, la compilazione del questionario e la fase di elaborazione dei dati ottenuti sono emerse alcune considerazioni generali sul contenuto del questionario, riassunte nel seguito. 1. Con riferimento alla voce tipo di attività: va incluso esplicitamente il settore metalmeccanico il quale da solo, senza considerare il settore fonderia, vale più del 3% del totale degli intervistati. Invece, poiché l oggetto dell indagine è la qualità

13 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 13/178 dell alimentazione elettrica nelle utenze industriali, è fuori luogo inserire tra le possibili utenze ospedali, assicurazioni, banche, servizi immobiliari, data processing e web server. 2. Tra le voci carichi vanno segnalate molte incomprensioni legate a: network servers e main frame, spesso ignoti al compilatore; clean room: potrebbero comprendere particolari laboratori o semplicemente stanze ad umidità e temperatura controllate in cui si trovano gruppi UPS; saldatrici elettriche: sono comprese sia le grosse saldatrici usate continuativamente nel processo, sia le semplici saldatrici mobili ad elettrodo usate per la manutenzione o la riparazione dell impianto; equipaggiamenti medici: non risulta chiaro se ci si riferisce a sale operatorie o aree di cura di tipo non infermieristico, o semplicemente alle infermerie, peraltro previste per legge in molte utenze; sistemi di riscaldamento e sistemi di refrigerazione: possono riguardare il solo trattamento dell aria per il benessere del personale, quanto il sistema produttivo. Per queste voci passibili di diverse interpretazioni si ha una certezza solo sulle risposte delle aziende contattate di persona, mentre per quelle pervenute dalle associazioni di categoria nulla si può dire; il campione dubbio supera perciò il 5%. 3. Con riferimento alla sezione: Interruzioni dell alimentazione elettrica. La richiesta di una stima percentuale della durata delle interruzioni è utile ai fini di un indagine di questo tipo, ma risulta vanificata dal grado di affidabilità e attendibilità del compilatore qualora non sia supportata da misure o registrazioni. Le informazioni ottenute sono poco oggettive, al pari delle considerazioni sulla gravosità delle interruzioni. Qualora l intervista non sia condotta di persona, i valori qualitativi di dannosità non trovano significato se non in un contesto produttivo che però non appare dalla compilazione cartacea. Tali valori, possiamo aggiungere, sono in parte già evidenziati dalla voce stima economica. La ripetizione di questo genere di domanda nella sezione interruzioni ha generato più di qualche contraddizione (8%): a un danno definito molto grande per ogni tipo di interruzione seguivano poi indicazioni di costi medi o bassi; ciò è accaduto solo quando la compilazione non è stata seguita di persona. 4. Le stime quantitativa e qualitativa della perdita economica annuale (legata sia alle interruzioni, sia agli altri disturbi) non vanno poste in alternativa, perché possono integrarsi utilmente a vicenda. In particolare, la valutazione qualitativa è utile per dare una interpretazione complessiva al valore numerico della perdita per la singola azienda. 5. Tra le dotazioni per il miglioramento della qualità del servizio elettrico ha creato dubbi la somiglianza e la non chiara differenziazione tra le voci condizionatori di rete e filtri di linea e filtri armonici: la prima voce è stata interpretata come un sistema di mitigazione posto in via cautelativa all inizio della propria linea, la seconda come dispositivo associato al singolo apparato a semiconduttore. Inoltre, quasi il 1% degli intervistati confonde la voce scaricatori su apparati sensibili con gli scaricatori installati in bocca ai trasformatori. 6. Sarebbe invece interessante investigare l eventuale monitoraggio della Power Quality o la presenza di analizzatori presso l utente per la registrazione dei disservizi di natura elettrica. Su precise domande poste in tal senso durante i colloqui personali, oltre il 1% degli intervistati ha risposto positivamente oppure ha quantificato in maniera esatta il numero e la data delle interruzioni. Si tratterebbe di informazioni di pregio sull attendibilità dei dati forniti, costituendo di per sé una piccola campagna di misura.

14 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 14/ In merito alla sezione: Livello di soddisfazione e miglioramento della qualità: si fa riferimento esplicito alle sole interruzioni, mentre le domande andrebbero riferite alla qualità tecnica globale. Inoltre, potrebbe risultare interessante aggiungere una voce di opinione sul costo del servizio fornito, perché in molti casi ciò è stato aggiunto in calce al questionario oppure ha spinto a segnalare un basso livello di soddisfazione in relazione alla qualità fornita. 8. Tutto sommato di scarso interesse sembrano le domande sul contratto assicurativo, a cui più del 15% delle utenze non ha dato risposta. 9. Nella sezione dedicata al black-out:. va modificata la domanda finale sui costi causati da un black-out in un giorno di piena attività, perché non è chiaro se si tratta di considerare un black-out di 24 ore, oppure un black-out della durata di quello verificatosi il 28 settembre 23: in quest ultimo caso la durata è stata diversa da zona a zona, e dunque i risultati non sarebbero confrontabili. Prevalentemente è stata data la prima interpretazione, ma l incertezza sulla domanda si riflette pesantemente sul significato da attribuire alle risposte La diffusione del questionario La diffusione del questionario ha interessato aziende individuate nelle aree geografiche del Nord Est, Nord Ovest e Centro Sud d'italia, per un campione complessivo di 512 clienti industriali suddivisi tra diversi settori di attività. Il campione è in gran parte costituito da clienti MT, 85%, con tariffa di tipo multiorario, 64%. La diffusione, che si è avvalsa anche di Internet, attraverso il sito Web nella sezione dedicata al questionario, si è prevalentemente articolata attraverso differenti "vie" che si possono riassumere in: - contatto diretto con l'azienda; - contatto tramite le associazioni di categoria; - contatto telefonico, via o fax Considerazioni sulle modalità di diffusione del questionario e sull affidabilità dei dati L'analisi dei questionari e dei risultati emersi dall'indagine, ha portato ha fare alcune considerazioni sulla modalità adottata di diffusione dei questionari e sull'affidabilità dei dati ricevuti, anche in considerazione dell'eterogeneità del campione di aziende, comprendente differenti aree di attività a loro volta diversificate nei processi produttivi che le caratterizzano. Un esperienza di ormai diversi anni in fatto di questionari sulla PQ porta a concludere con convinzione che i questionari vengono compilati dagli utenti con maggiore attenzione e consapevolezza quando sia presente uno dei partecipanti alla ricerca, o almeno quando ci sia stato un contatto personale (almeno telefonico) non superficiale. La presenza in loco per una compilazione assistita consente di fornire tutti i chiarimenti del caso, di sollecitare la risposta a domande altrimenti trascurate, di guidare l utente nel ragionamento e nelle stime monetarie, ma soprattutto costringe il compilatore ad un maggior impegno e ad una maggior attenzione, contribuisce altresì ad una sua sensibilizzazione nei confronti del problema, permette di valutare le conoscenze e l esperienza del compilatore e conseguentemente la veridicità e

15 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 15/178 affidabilità dei dati forniti, cosa altrimenti impossibile con gli altre forme di diffusione non diretta. La strategia più efficace si è dimostrata inviare in anteprima il questionario (sia direttamente via fax o , sia a valle di un primo contatto telefonico con l'azienda) per chiarire al compilatore l argomento trattato e poi concordare una data per un incontro diretto, garantendo l'ottenimento di dati confrontabili tra loro e non suscettibili di diverse interpretazioni. Un altro pregio della compilazione "assistita", benché onerosa in termini di tempo, è emerso dall esperienza in sito: la maggior considerazione che l utente viene ad avere per la ricerca. In particolare quelle utenze che hanno problemi di PQ sono spesso disponibili a illustrare processi ed impianti e a spiegare nel dettaglio i danni subiti, rendendo anche a chi svolge la ricerca più chiara l effettiva entità dei problemi. Occorre, insomma, far notare l interesse per il singolo dato raccolto presso l'utenza in modo da averlo della migliore qualità possibile, ancor meglio se in un rapporto di confidenza che stimola entrambe le parti e consente di ottenere informazioni che altrimenti non sarebbero fornite. Relativamente alle ulteriori modalità di diffusione del questionario, oltre all'elevata percentuale di diffusione ottenuta con il contatto telefonico, a fronte della difficoltà di individuare le effettive competenze del compilatore (non sempre l interlocutore telefonico) e la scarsa percentuale di risposta ottenuta da una diffusione via o fax, l'indagine si è avvalsa di un significativo supporto da parte delle associazioni industriali a livello provinciale (per le aree Nord Est e Centro Sud) o regionale (per l'area Nord Ovest tramite Assolombarda). In generale alle associazioni è stato richiesto un azione di stimolo nei confronti dei propri associati, al fine di promuovere la compilazione dei questionari e un elenco di utenti industriali che avessero già in passato manifestato problemi o richieste legati alla PQ e che si potessero considerare perciò di particolare interesse per l indagine. In particolare per l'area Nord Est, le associazioni contattate sono state complessivamente 2 comprendendo il Triveneto e buona parte dell'emilia Romagna (Belluno, Bologna, Bolzano, Ferrara, Forlì, Gorizia, Modena, Padova, Piacenza, Pordenone, Ravenna, Rimini, Rovigo, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Venezia, Verona, Vicenza) mentre per il Centro Sud il questionario è stato diffuso con maggiore attenzione alle Regioni Marche, Abruzzo e Puglia, anche grazie alla promozione svolta dall Unione Provinciale degli Industriali dell Aquila dimostratasi molto sensibile ai problemi di PQ. In alcuni casi è stato inoltre possibile stabilire dei contatti diretti con i "ruoli tecnici" delle Aziende interessate, contatti finalizzati ad ottenere "interviste" basate sulle domande del questionario. In conclusione si può ritenere che le informazioni ottenute mediante un contatto diretto risultano essere le più affidabili, anche perché è possibile giudicare il livello di conoscenza e le capacità del compilatore, e risultano pertanto di grande validità; univoca interpretazione dei quesiti; i moduli sono tutti completamente riempiti. Inoltre, solo attraverso il contatto personale diretto è possibile individuare utenze interessate e interessanti presso le quali svolgere un eventuale campagna di misura.

16 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 16/178 4 RISULTATI OTTENUTI DALL'INDAGINE MEDIANTE QUESTIONARIO 4.1 Area del Nord Est Sono stati raccolti in totale 43 questionari compilati, talvolta solo parzialmente, a cui se ne sono aggiunti altri 24 derivanti da simili indagini svolte in alcune zone del Nord Est nel recente passato. Tuttavia non sono stati utilizzati 28 moduli relativi a utenze che non appartengono a settori industriali, ad esempio enti morali, banche, ospedali, etc. Quindi, i risultati di questo capitolo si riferiscono ad un totale di 399 questionari. Di questi, oltre 28 forniscono riferimenti quantitativi a valori di costo Identificazione dell'utente e dei processi Tipo di attività TIPO ATTIVITA' acciaieria/siderurgico metalmeccanico legno materie plastiche cementeria cartotecnica lapideo alimentare chimica tessile telecomunicazioni/elettronica vetro cuoio altro Fig. 7 Tipo di attività La raccolta dei dati ha fornito un campione abbastanza omogeneo di attività industriali che spaziano dalla metalmeccanica pesante alle telecomunicazioni, dalla chimica all alimentare (vedi Fig. 7 etab 1). Predomina il settore metalmeccanico (31%) che include: laminatoi, piccole officine di precisione, costruzioni di grandi motori o navi, apparecchi oleopneumatici,. Segue il settore delle materie plastiche (14%) con: produzione di imballi per alimenti, contenitori, gomma per conto terzi, Ultimi tra i grandi settori sono quelli chimico e del legno (8 e 7% rispettivamente ) e poi quello alimentare (6%) con produzione di cibi o bevande, ma anche recupero e riutilizzo di scarti animali, ad esempio per mangimi. Seguono cementifici, cartotecnica, acciaieria, tessile.

17 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 17/178 settore di attività # risposte % riferita al totale delle risposte siderurgico 17 4% metalmeccanico % legno 29 7% materie plastiche 57 14% cemento 17 4% cartotecnica 12 3% lapideo 9 2% alimentare 25 6% chimico 3 8% tessile 19 5% telecomunicazioni/elettronica 7 2% vetro 1 3% cuoio 21 5% altro 25 6% Tab 1- Numerosità dei tipi di attività Numero di dipendenti # DIPENDENTI < 1 Dip. Tra 1 e 24 Dip. Tra 25 e 49 Dip. Tra 5 e 99 Dip. Tra 1 e 199 Dip. Oltre 2 Non risponde/non sa Fig. 8 Numero di dipendenti Oltre il 14% del campione è costituito da industrie medio-grandi con più di duecento dipendenti, mentre il 6% è costituito da piccole imprese artigianali con meno di 1 dipendenti (vedi Fig. 8 e Tab 2).

18 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 18/178 numero di dipendenti # risposte % riferita al totale delle risposte meno di % tra 1 e % tra 25 e % tra 5 e % tra 1 e % oltre % non risponde (% sul totale) 31 (8%) Tab 2 - numero di dipendenti Utilizzo giornaliero UTILIZZAZIONE GIORNALIERA turno 2 turni Ciclo continuo Non risponde/non sa Fig. 9 - Utilizzo giornaliero degli impianti Come si può vedere dalla Fig. 9 e dalla Tab 3, l utilizzo giornaliero degli impianti è abbastanza equamente diviso nelle tre fasce, ma predomina il singolo turno (4%), seguito dal ciclo continuo (36%). utilizzo # risposte % riferita al totale delle risposte 1 turno 151 4% 2 turni 92 24% ciclo continuo % non risponde (% sul totale) 21 (5%) Tab 3 numerosità dei campioni di cui sopra

19 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 19/ Tensione, Tariffa e connessione TIPO FORNITURA Alta Tensione Media Tensione Bassa Tensione Fig. 1 Tipo di fornitura TIPO TARIFFA Multioraria Normale Non risponde/non sa Fig. 11 Tipo tariffa TIPO CONNESSIONE Linea Aerea Linea in Cavo Non risponde/non sa Fig. 12 Tipo di connessione

20 Rapporto RETE Rete Trasmissione & Distribuzione Approvato Pag. 2/178 La fornitura è in larga parte in media tensione (84%), il rimanente è diviso tra alta e bassa tensione (5 e 11% rispettivamente), (vedi Fig. 1). La maggioranza (56%) ha una tariffa multioraria (Fig. 11). L alimentazione in cavo risulta prevalente (62%, Fig. 12). Essa è tipica di aziende situate in prossimità di centri urbani oppure in zone industriali, mentre quando l azienda è ubicata lontano da abitazioni o in zone a bassa concentrazione industriale prevale nettamente l alimentazione mediante linea aerea. Come noto, è in atto una graduale (lenta) sostituzione delle linee di distribuzione MT aeree con quelle in cavo interrato. Nei centri urbani ciò corrisponde principalmente all esigenza di ridurre l impatto ambientale, ma consente anche di abbassare drasticamente il numero dei buchi di tensione ed ha, quindi, effetti significativi sulla qualità dell alimentazione elettrica. Occorre però notare che abbastanza frequentemente gli utenti, rispondendo a queste domande, commettono errori che possono sembrare madornali. Ad esempio, alcuni dei compilatori intervistati considerano la propria azienda alimentata in AT con fornitura a 2 kv o con contratti da un centinaio di kw. Al contrario altri, avendo il sistema interno di distribuzione a 38V, hanno insistito affermando di essere alimentati in BT, avendo però oltre 17 kw di contratto. Con riferimento alla domanda sul tipo di connessione va ancora notato che a volte il sistema di distribuzione locale a media tensione è misto, con linee che ad esempio possono essere interrate solo nel tratto finale essendo in realtà di tipo aereo per gran parte del percorso. Ciò ovviamente non risulta dalle risposte al questionario, che descrivono le caratteristiche della connessione di ciascuna azienda al sistema di distribuzione locale, senza fare alcun riferimento al sistema elettrico a monte. tensione BT MT AT # risposte % riferita al totale delle risposte 11% 84% 5% tariffa normale multioraria non risponde (% sul totale) # risposte (15%) % riferita al totale delle risposte 44% 56% connessione linea aerea linea in cavo non risponde (% sul totale) # risposte (18%) % riferita al totale delle risposte 38% 62% Tab 4 Caratteristiche della fornitura Per quanto concerne la potenza impegnata, la gran parte del campione è compreso nella fascia 1-5 kw (38%) e 5-2 kw (33%). Le grosse industrie con impegni superiori ai 2 kw sono il 12%, mentre le piccole aziende con impegni inferiori ai 1 kw sono il 17%. Tali informazioni (Fig. 13 e Tab 5) sono comunque soltanto parzialmente indicative delle dimensioni dell azienda: la potenza di contratto dipende moltissimo dal tipo di attività e spesso non è correlata con il numero di dipendenti.

Qualità del servizio di distribuzione di energia elettrica: le iniziative in corso nell ambito della ricerca di sistema

Qualità del servizio di distribuzione di energia elettrica: le iniziative in corso nell ambito della ricerca di sistema Workshop PRESENTAZIONE DELL'INDAGINE SULLA QUALITÀ DELLA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA 17 Dicembre 2004 - Auditorium Assolombarda Milano Photo Qualità del servizio di distribuzione di energia elettrica:

Dettagli

Photo. Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati dalle discontinuità del servizio. Ing. Antonio Ardito - CESI S.p.A.

Photo. Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati dalle discontinuità del servizio. Ing. Antonio Ardito - CESI S.p.A. Workshop PRESENTAZIONE DELL'INDAGINE SULLA QUALITÀ DELLA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA 17 Dicembre 2004 - Auditorium Assolombarda Milano Photo Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

Il ruolo dei gruppi di continuità per la sicurezza dei sistemi Giugno 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm

Dettagli

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto.

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. novembre 2006 Progetto RdS Trasmissione e distribuzione Rapporto TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/22 Committente Ministero

Dettagli

IL SISTEMA SPERIMENTALE DI MONITORAGGIO PER LE RETI DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE

IL SISTEMA SPERIMENTALE DI MONITORAGGIO PER LE RETI DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE IL SISTEMA SPERIMENTALE DI MONITORAGGIO PER LE RETI DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE R. Chiumeo, L. Garbero, I. Mastandrea, O. Ornago, A. Porrino CESI RICERCA SpA, via Rubattino 54 Milano E. De Berardinis,

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 FORNITURA ENERGIA ELETTRICA: CON QUALI TARIFFE RISPARMIO SE UTILIZZO UNA POTENZA CONTRATTUALMENTE IMPEGNATA MAGGIORE? INDICE p. 1 1. Introduzione

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO (ai sensi della Delibera 210/05 dell Autorità per l Energia Elettrica e il

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO 1. INTRODUZIONE... 2 2. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 3 3. DATI GENERALI... 4 4. ILLUMINAZIONE... 5 5. LAVORAZIONI... 6 6. UFFICIO... 7 7. CONDIZIONAMENTO...

Dettagli

Power Logic Energy Box. La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto

Power Logic Energy Box. La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto Power Logic Energy Box La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto TM 1 Misura e comunicazione per ridurre i costi e aumentare l efficienza energetica La sfida energetica

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Motori elettrici più efficienti: un opportunità di risparmio

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Motori elettrici più efficienti: un opportunità di risparmio Questa guida è stata realizzata in collaborazione con AIMB - Associazione Industriali Monza e Brianza e ABB Sace. Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e per indicare altri argomenti da

Dettagli

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A.

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A. QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO (ai sensi della Delibera 210/05 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas) Verona,

Dettagli

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO.

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. E luogo comune sostenere che un elettrodotto in cavo sia preferibile ad uno aereo: non è sempre vero. Parametro determinante a tal fine è la tensione nominale

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature

Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature Che cosa si intende per MySiteCondition? MySiteCondition è un supporto per

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 25/08 ATTIVAZIONE DI UN SISTEMA DI RICERCA DELLE OFFERTE COMMERCIALI DELLE IMPRESE DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS Documento per la consultazione Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 8 agosto

Dettagli

AZIONE 2: scheda 2.1

AZIONE 2: scheda 2.1 AZIONE 2: scheda 2.1 NOME PROGETTO Nella culla + salute rifiuti. Progetto per la promozione dell uso di pannolini lavabili per bambini Provincia di Torino 2008 SOGGETTO ATTUATORE Provincia di Torino SOGGETTI

Dettagli

Problematiche di Power Quality: casistiche

Problematiche di Power Quality: casistiche Problematiche di Power Quality: casistiche Armoniche Variazione di frequenza Sovratensioni lente Sovratensioni impulsive Buco di tensione Interruzione dell alimentazione www.icar.com- sales@icar.com Casi

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 20 DICEMBRE 2012 559/2012/R/EEL REVISIONE DEI FATTORI PERCENTUALI CONVENZIONALI DI PERDITA APPLICATI ALL ENERGIA ELETTRICA PRELEVATA SULLE RETI DI MEDIA E BASSA TENSIONE E DISPOSIZIONI IN

Dettagli

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze.

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Ing. ARMANDO FERRAIOLI Ing. BIAGIO AURIEMMA Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Rifasare un impianto elettrico significa risparmiare

Dettagli

LE NUOVE TARIFFE ELETTRICHE: una spinta verso la climatizzazione a gas?

LE NUOVE TARIFFE ELETTRICHE: una spinta verso la climatizzazione a gas? LE NUOVE TARIFFE ELETTRICHE: una spinta verso la climatizzazione a gas? Le modifiche della tariffazione elettrica che sono in atto in questo periodo da parte dell Autorità per l Energia Elettrica e il

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA

REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA 1) PROCEDURA PER LE RICHIESTE DI ALLACCIAMENTO DI NUOVI PUNTI DI CONSEGNA/RICONSEGNA...2 1.1) PREMESSA...2 1.1.1) La richiesta...2 1.1.2) La

Dettagli

Settori di attività economica

Settori di attività economica ELABORAZIONE DEI DATI QUALITATIVI Chiara Lamuraglia 1. Premessa Al fine di ottenere informazioni di carattere qualitativo che consentissero di interpretare e leggere in modo più approfondito i dati statistici,

Dettagli

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali Roma, marzo/maggio 2015 Finalità dei due principi IAS 37 OIC 31 Assicurare che agli accantonamenti e alle passività e attività potenziali:

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione 1 1. INTRODUZIONE ALLO STRUMENTO DI SUPPORTO ALL AUTOVALUTAZIONE Lo strumento

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone Introduzione La politica integrata dei prodotti (IPP), secondo quanto riportato nel Libro Verde della Commissione

Dettagli

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO L esigenza di abbassare drasticamente i costi produttivi per rimanere competitivi sul mercato globale e la necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli

MODULO RPR-MT. RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv

MODULO RPR-MT. RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv MODULO RPR-MT RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv 30/12/2008 Rev. 01 Pag. 1 di 6 Spettabile Azienda Servizi Municipalizzati Via Stenico, 11 38079 TIONE

Dettagli

I sistemi di monitoraggio di corrente elettrica

I sistemi di monitoraggio di corrente elettrica I sistemi di monitoraggio di corrente elettrica Questi sistemi sono applicabili nell ambito dell Efficienza Energetica e dell Energy Automation, nei settori industriale, terziario, civile e delle fonti

Dettagli

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Fabrizio De Nisi, IC (Integrated Circuit) Consultant Il rapido sviluppo industriale in atto in numerose parti del mondo, sta generando

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

Relazione impianto fotovoltaico

Relazione impianto fotovoltaico Relazione impianto fotovoltaico 1.1 Generalità L impianto, oggetto del presente documento, si propone di conseguire un significativo risparmio energetico per la struttura che lo ospita, costituita dal

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

referente per richiesta dati... ubicazione sito... tipo di attività......... ore di lavoro giornaliero... giorni lavorativi settimanali...

referente per richiesta dati... ubicazione sito... tipo di attività......... ore di lavoro giornaliero... giorni lavorativi settimanali... DATI RICHIEDENTE Ragione Sociale Titolare Sig. Indirizzo CAP Prov. Telefono Fax e-mail (ALLEGARE SEMPRE E COMUNQUE COPIA BOLLETTE ELETTRICHE E TERMICHE COMPLETE IN OGNI PARTE E RIQUADRO) referente per

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

Indagine GPP 2010 STATO D ATTUAZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT NELLE REGIONI, NELLE PROVINCE E NEI COMUNI ITALIANI

Indagine GPP 2010 STATO D ATTUAZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT NELLE REGIONI, NELLE PROVINCE E NEI COMUNI ITALIANI Indagine GPP 2010 STATO D ATTUAZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT NELLE REGIONI, NELLE PROVINCE E NEI COMUNI ITALIANI Ecosistemi ha svolto un indagine in riferimento all attuazione del Green Public Procurement

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE Semplicita' del sistema delle fasce e numerosita' dei gruppi di ore Accanto all obiettivo di offrire agli operatori un segnale di prezzo corretto che ne stimoli il comportamento efficiente, vi e' tra gli

Dettagli

Indice. Obiettivi dello studio. Premesse generali. Il metodo. Analisi delle utenze. Analisi dei sistemi produttivi

Indice. Obiettivi dello studio. Premesse generali. Il metodo. Analisi delle utenze. Analisi dei sistemi produttivi Workshop AEEG Sviluppo della generazione diffusa in Italia Analisi tecnico-economica delle modalità di gestione dell'energia nei contesti urbani ed industriali Milano 30-04-2009 Indice 2 2 Obiettivi dello

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI Veronica Venturini, Daniele Forni, Dario Di Santo (FIRE) Il recepimento della Direttiva Comunitaria 96/92/CE con il decreto legislativo

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG).

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Osservazioni a seguito della relazione di ARPA Lombardia e della disponibilità SEI alla cogenerazione.

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Le Regole Tecniche per. e la nuova edizione della Guida CEI 82-25

Le Regole Tecniche per. e la nuova edizione della Guida CEI 82-25 Le Regole Tecniche per la Connessione alle reti e la nuova edizione della Guida CEI 82-25 Ing. Francesco Iannello Responsabile Tecnico ANIE/Energia Vicenza, 16 Dicembre 2010 Indice Connessione alle reti

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Gli impianti eolici abruzzesi

Gli impianti eolici abruzzesi Capitolo 4 Gli impianti eolici abruzzesi Pagina 4.1 4. Gli impianti eolici abruzzesi. 4.1 Introduzione. Per la stesura di Linee Guida che consentano un corretto inserimento ambientale degli impianti di

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

IMPIANTI DI TERRA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A.

IMPIANTI DI TERRA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. IMPIANTI DI TERRA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli Studi di Cagliari

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione

ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione Processi relazionali definiti dal 626 (istituti relazionali) o Informazione ( e istruzioni) o Formazione ( e addestramento) o Consultazione

Dettagli

Igiene urbana. Indagine sulla soddisfazione degli utenti Confronto tra Torino, Milano, Bologna e Roma. Anno 2011. a cura di Mirko Dancelli

Igiene urbana. Indagine sulla soddisfazione degli utenti Confronto tra Torino, Milano, Bologna e Roma. Anno 2011. a cura di Mirko Dancelli Igiene urbana Indagine sulla soddisfazione degli utenti Confronto tra Torino, Milano, Bologna e Roma Anno 2011 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest - Università degli Studi di Torino SOMMARIO

Dettagli

UPS ed alimentazione

UPS ed alimentazione UPS ed alimentazione INFORMAZIONE Uno dei principali pregi di internet è anche uno dei suoi peggiori difetti: tutti possono pubblicare materiale informativo, dal ricercatore più esperto, al quindicenne

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

POSTAZIONI ATTIVABILI:

POSTAZIONI ATTIVABILI: Il canone di utilizzo TimEDition di Progetto INTEGRA è l Iniziativa Exel che consente di utilizzare, per il periodo acquistato, la Versione FULL di Progetto INTEGRA, con o senza i moduli opzionali di MEDIA

Dettagli

Medium voltage service. Quadri isolati in aria Servizi al ciclo di vita

Medium voltage service. Quadri isolati in aria Servizi al ciclo di vita Medium voltage service Quadri isolati in aria Servizi al ciclo di vita Strategia Il quadro isolato in aria (AIS) è l apparecchiatura di media tensione più comune e con la maggiore base installata. Il suo

Dettagli

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni Indagine condotta per: 12 Novembre 2010 Obiettivi dell indagine L'Italia è un Paese in cui

Dettagli

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business la soluzione PER IL MERCATO CHE CAMBIA Enerpoint, attiva da oltre 12 anni nel settore Fotovoltaico e da sempre in prima linea per promuovere il cambiamento,

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno FIRE La professione dell energy manager: esempi e opportunità Milano, 4 dicembre 2007 Andrea Galliani

Dettagli

Sottoprogetto 2.1 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi mediolunghi

Sottoprogetto 2.1 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi mediolunghi Sintesi finale del progetto Riselvitalia Sottoprogetto 2.1 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi mediolunghi Ricerca: La valutazione degli investimenti in arboricoltura da legno

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011. Ing. Massimo Rho - Dirigente Responsabile Ss Sicurezza Elettrica Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011. Ing. Massimo Rho - Dirigente Responsabile Ss Sicurezza Elettrica Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione 1/11 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autori: Ing. Massimo Rho - Dirigente Responsabile Ss Sicurezza Elettrica Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione LOCALI AD USO MEDICO GRUPPI STATICI DI CONTINUITÀ

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

Garantire l alimentazione critica

Garantire l alimentazione critica GE Critical Power Garantire l alimentazione critica Servizi post-vendita e assistenza imagination at work La divisione Critical Power di GE offre una gamma una gamma completa di prodotti UPS per garantire

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica

Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica Novembre - Dicembre 27 Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica A cura di Francesca Dallago 4.. Caratteristiche dell indagine PERIODO DELLA RILEVAZIONE: Novembre-Dicembre 27 STRUMENTO

Dettagli

Metodologia di rilevazione dei dati e analisi dei rischi

Metodologia di rilevazione dei dati e analisi dei rischi ALLEGATO 2 Metodologia di rilevazione dei dati e analisi dei rischi La fase di analisi e valutazione del rischio si è articolata in due sotto-fasi: a) la rilevazione delle informazioni e dei dati; b) la

Dettagli

Deliberazione 15 giugno 2000

Deliberazione 15 giugno 2000 Deliberazione 15 giugno 2000 Adozione del regolamento di cui all articolo 3 della deliberazione dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 18 febbraio 1999, n. 13/99, e integrazione della medesima

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

Piano di Sviluppo triennale delle nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u.

Piano di Sviluppo triennale delle nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Piano di Sviluppo triennale delle Infrastrutture nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Aosta 30/03/2015 Aosta, 1 1 Il Piano di Sviluppo triennale delle Infrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Le attività

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Studio del caso nella provincia di Forlì Luca Golfera, Marco Pellegrini, Augusto Bianchini, Cesare Saccani DIEM, Facoltà di

Dettagli

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. ) FORMULARIO C - Scuola primaria Hanno partecipato alla rilevazione 5.944 istituzioni scolastiche tra istituti comprensivi e circoli didattici, per la maggior

Dettagli