LabVIEW WIRELESS SENSOR NETWORK (WSN) INTRODUZIONE. NI CompactRIO PUBBLICAZIONE SUBSCRIBER 2010 E 5,00 ALL UTILIZZO DI DI DATI VERSO UN MAGGIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LabVIEW WIRELESS SENSOR NETWORK (WSN) INTRODUZIONE. NI CompactRIO PUBBLICAZIONE SUBSCRIBER 2010 E 5,00 ALL UTILIZZO DI DI DATI VERSO UN MAGGIO"

Transcript

1 ISSN MAGGIO 2010 E 5,00 L A P R I M A R I V I S T A I T A L I A N A P E R L A C O M U N I T À L A B V I E W LabVIEW WIRELESS SENSOR NETWORK (WSN) In caso di mancata consegna restituire all editore che si impegna a pagare la relativa tassa presso il CMP di Roserio - Milano INTRODUZIONE ALL UTILIZZO DI NI CompactRIO PUBBLICAZIONE DI DATI VERSO UN SUBSCRIBER

2 readerservice.it n.24990

3 SCENARIO WORLD S GOING WIRELESS Le reti locali (LAN) utilizzano normalmente supporti fisici che hanno almeno due limitazioni: sono costosi da installare e sono difficili da riconfigurare nel caso di modifiche dell ambiente di installazione. Inoltre, possono captare disturbi elettrici, non offrono caratteristiche di mobilità e sono utilizzabili con difficoltà negli ambienti particolarmente disturbati. La tecnologia wireless supera questi svantaggi con l impiego di transceiver radio, che permettono lo scambio di dati fra parti della rete non collegate fisicamente tra loro. Le LAN wireless (WLAN) tipicamente non sostituiscono le LAN tradizionali. Piuttosto, permettono di espandere le LAN laddove il cablaggio risulta scomodo, troppo costoso o inefficace. Dal punto di vista delle apparecchiature collegate alla rete (controllori, sensori, attuatori, ecc.), la tecnologia wireless è totalmente trasparente: una WLAN funziona esattamente come una rete cablata. Inoltre, i prodotti wireless utilizzati per espandere la rete possono costare meno di un espansione mediante cablaggio e le parti wireless sono facilmente riconfigurabili. Le WLAN si stanno quindi diffondendo rapidamente in molti settori applicativi: impianti di trattamento acque, controllo del traffico, ferrovie, produzione industriale, ecc. D altra parte, le WLAN risolvono spesso problemi di cablaggio impossibile, perché le onde radio possono attraversare il caldo, il freddo, il traffico, le fiamme di un forno, ecc. Fra le tecnologie che si stanno maggiormente affermando, soprattutto per il collegamento di sensori, vi è la ZigBee. Il lavoro congiunto di ZigBee Alliance, un consorzio in espansione di oltre 80 società, e di Ieee ha permesso di definire l intero stack di comunicazione. In rapida ascesa anche la Ultra Wideband (UWB) definita dall alleanza WiMedia: una tecnologia radio ad elevata ampiezza di banda e breve raggio. I benefici della UWB sono notevoli, come la velocità di oltre 1 Gbps prevista nel E questo riducendo di ben 30 volte la potenza richiesta per trasmettere un bit. In pratica, con una batteria da 700 mah sarà possibile trasferire 1 Terabyte, con la semplicità di connessione a cui ci ha abituati l USB. Concludiamo con un cenno a un interessante tecnologia di alimentazione gratuita dei dispositivi wireless. L elettronica ci ha abituati a dispositivi che hanno un basso consumo: telefoni cellulari, terminali palmari, lettori mp3 hanno un autonomia che si misura almeno in giorni, se non in settimane. Anche in campo industriale non mancano le applicazioni che, grazie a semplici batterie, possono garantire mesi di funzionamento. E il caso, per esempio, delle reti di sensori wireless (WSN). Ma sono proprio le batterie a rappresentare un problema. In un impianto di monitoraggio ambientale sperduto in una foresta o sul picco di una montagna non è facile né economico gestire un programma di manutenzione e sostituzione delle batterie stesse. Perché, allora, non sfruttare l energia circostante? Il concetto di energy harvesting, ossia di raccolta dell energia che in qualche modo l ambiente mette a disposizione in forma gratuita, non è del tutto nuovo. Si tratta, in sostanza, di riuscire a sfruttare l energia solare, eolica, delle maree, biochimica, cinetica, ecc. che i nodi WSN hanno intorno a loro. I consumi sono talmente bassi che può essere sufficiente utilizzare l energia creata dal delta termico fra il giorno e la notte, o dal movimento delle maree, o dal vento per sostituire, caricare o supportare le batterie. E completamente gratis. LabVIEW 2009 offre i tool necessari per programmare reti di sensori wireless, contribuendo alla diffusione di questa tecnologia grazie alla facilità d uso dell ambiente di sviluppo grafico. Valerio Alessandroni

4 SOMMARIO WORLD S GOING WIRELESS 01 LabVIEW 2009 offre i tool necessari per programmare reti di sensori wireless INNOVAZIONE ATTRAVERSO 03 LA PROGETTAZIONE GRAFICA DI SISTEMI Anticipazioni su NIWeek 2010 di Mike Santori, Business and Technology Fellow di NI FARE DI PIÙ CON L NI CODE EXCHANGE NI Code Exchange offre uno spazio aperto per accedere a esempi di codice pronti all uso REPLICATE I VOSTRI.M FILE SU HARDWARE REAL-TIME Oggi, si possono utilizzare molti pacchetti software che impiegano linguaggi matematici TROVARE I DATI CON IL LABVIEW DATAFINDER TOOLKIT Il LabVIEW DataFinder Toolkit permette di creare applicazioni per cercare e creare trend dai dati di test IL SYMMETRIC MULTIPROCESSING (SMP) REAL-TIME DI LABVIEW Come sfruttare il supporto SMP per applicazioni real-time a elevate prestazioni su sistemi multicore LABVIEW WIRELESS SENSOR NETWORK (WSN) PIONEER Come comunicare e debuggare un applicazione LabVIEW WSN INTRODUZIONE ALL UTILIZZO DI NI COMPACTRIO La piattaforma CompactRIO offre i vantaggi di un computer industriale dotato di sistema operativo Real-Time SISTEMA APTICO MASTER-SLAVE PER NEUROCHIRURGIA ROBOTIZZATA LabVIEW e CompactRIO per un robot destinato ad applicazioni di neurochirurgia minimo-invasiva INCENDIO DI UNA CARROZZA METROPOLITANA IN GALLERIA E stata effettuata con successo la prova dell esperimento di incendio di una carrozza metropolitana in un tunnel VARIABILI E RACE CONDITION Le variabili sono elementi del diagramma a blocchi per accedere a o memorizzare i dati in un altra posizione PUBBLICAZIONE DI DATI VERSO UN SUBSCRIBER Le variabili condivise sono elementi configurati via software che possono inviare dati fra VI LABVIEW TRAINING DAYS: LA PIATTA- FORMA ONLINE DI FORMAZIONE Le date di LabVIEW Training Days sono previste per il 4, 11, 18 e il 25 Maggio DALLA CARTA AL WEB Link ad articoli di approfondimento e altri documenti disponibili sul web LA VOCE DEGLI UTENTI Ecco alcuni spunti di discussione apparsi di recente sul Forum di ILVG.it L ANNO DI MAGGIOR SUCCESSO PER L EDIZIONE ROMANA DI NIDAYS L edizione 2010 del Forum Tecnologico sulla Progettazione Grafica di Sistemi ha registrato 450 partecipanti NI GRANT PROGRAM: SUPPORTO INTELLIGENTE ALLE IMPRESE I programmi di donazioni alle imprese di National Instruments AUTOMOTIVE FORUM 2010 Torna il Convegno Tecnologico di National Instruments dedicato al mondo automotive NATIONAL INSTRUMENTS NELL'ERA DEI SOCIAL MEDIA Da YouTube la strada percorsa è stata molto lunga 44 APPUNTAMENTI Oltre ad organizzare propri corsi e seminari, National Instruments sarà presente a numerosi eventi 46 LABVIEW E LAVORO Proposte concrete per coloro che sanno utilizzare LabVIEW AAA

5 A TU PER TU Valerio Alessandroni INNOVAZIONE ATTRAVERSO LA PROGETTAZIONE GRAFICA DI SISTEMI All insegna dell ottimismo, si è svolta a Roma la 17a edizione di NIDays ARoma, presso l Ergife Palace Hotel, lo scorso 24 febbraio si è svolto l annuale evento di National Instruments sulla progettazione grafica di sistemi. Protagonista assoluto: LabVIEW. Mike Santori, Business and Technology Fellow di National Instruments, è intervenuto sul tema Do more innovation with Graphical System Design. In margine alla conferenza, abbiamo potuto rivolgergli alcune domande. D:Che cosa si pensa, oltreoceano, della ricerca in Italia? R:Nel decennio , l Italia ha prodotto oltre pubblicazioni scientifiche, ponendosi all ottava posizione nel mondo e alla quarta posizione in Europa, come riferisce la rivista internazionale Cnrs, ottobre Gli ambiti principali hanno riguardato medicina, aerospazio, matematica e fisica. In particolare, i giovani scienziati italiani sono stati secondi nell ottenere fondi dallo European Research Council. D:In che modo la ricerca in ambito tecnico può contribuire al rilancio dell economia? R:L ingegneria è il futuro di domani insieme alla soluzione ai problemi di oggi. In un mondo altamente informatizzato e automatizzato come quello in cui ci troviamo a vivere oggi, dove siamo letteralmente circondati da tecnologie destinate a facilitarci la vita, proteggerci, nutrirci, guarirci, guidarci, intrattenerci, e perché no, anche viziarci, le nostre esigenze, e quindi la domanda di tecnologie sempre più innovative, sono destinate a crescere esponenzialmente giorno per giorno. Tuttavia, nello scenario ancora difficile dell economia attuale, tecnici e ingegneri devono sforzarsi per portare a Afferma Mike Santori: L ingegneria è il futuro di domani insieme alla soluzione ai problemi di oggi termine i loro progetti pur avendo meno risorse e un minor tempo. Occorre quindi poter fare di più con meno, ossia ottenere di più dalle risorse a propria disposizione, aumentandone l efficienza e la produttività per sfruttarne meglio ogni caratteristica. LabVIEW 2009 risponde perfettamente a questa esigenza, grazie a caratteristiche come la possibilità di lavorare con processori Multicore, gestire la tecnologia Fpga, utilizzare sistemi wireless e supportare la matematica real-time. D:Questo fermento di idee lascia pensare che la crisi sia ormai alle spalle R:Certamente: non parliamo più di crisi, ma guardiamo al futuro. Andiamo avanti puntando su innovazione e creatività. Ci sono tantissime sfide tecnologiche che attendono di essere affrontate, da quella energetica alle applicazioni dell'elettronica in nuovi settori dell'attività umana. Siamo convinti di aver fatto la scelta giusta nel non aver rallentato le nostre attività di sviluppo che ci hanno consentito di presentare quest'anno ben 200 nuovi prodotti. Solo chi non smetterà di investire in ricerca e sviluppo di nuove soluzioni potrà avere successo oggi e in futuro. 3

6 A TU PER TU D: Può fornirci allora qualche anticipazione sulle novità che verranno presentate durante NIWeek 2010? R:Normalmente, quando iniziamo a pensare a NIWeek, facciamo il punto sulle tecnologie disponibili e decidiamo di quali vogliamo parlare. Possiamo prevedere, per esempio, che ci focalizzeremo molto sulle comunicazioni e sull elaborazione del segnale. L anno scorso, fra le numerose novità che abbiamo mostrato in anteprima a NIWeek, abbiamo insistito molto sull uso degli Fpga per applicazioni di elaborazione del segnale e comunicazione e l attenzione per questi temi proseguirà certamente. Un altro tema importante che abbiamo iniziato a discutere è stato quello di LabVIEW sul web, che stiamo valutando presso alcuni beta tester qualificati. Anche questo argomento verrà sicuramente ripreso e sviluppato e sentiremo molte novità. Sempre nella scorsa edizione di NIWeek, abbiamo presentato un anteprima del tool System Designer; discuteremo quindi di tool per il system design. E poi avremo i temi delle comunicazioni wireless, della simulazione Vhdl basata su LabVIEW FPGA (che sarà arricchito di molte nuove caratteristiche per rendere lo svilupppo ancora più semplice) e dell acquisizione dati veloce. In particolare, entro l anno introdurremo un prodotto di test e validazione in grado di campionare a più di 10 GS/s, sviluppato con tecnologia Asic custom fornita da Tektronix, di cui daremo qualche anticipazione. Non mancheranno molti altri sneak preview su tecnologie e prodotti di prossima di - sponibilità. D: Ultimamente, National Instruments ha puntato molto sulla robotica e sui sistemi di visione. Quali altri sistemi di produzione verranno presi in considerazione, in ambito industriale? R:Oggi siamo in grado di offrire sistemi di acquisizione, misura e controllo molto veloci e precisi. Saranno soprattutto i nostri clienti a decidere dove applicarli in campo industriale. Un notevole interesse, per esempio, viene ultimamente dal settore elettromedicale, dove si utilizzano macchine molto costose che devono garantire prestazioni elevate. Nello stesso tempo, tendiamo a non avere molte applicazioni nel segmento più pesante dell industria, comprendente ad esempio le macchine utensili o i sistemi di packaging. Ma siamo presenti nei sistemi di movimentazione assi. D: Oggi si parla molto di cloud computing. Qual è il punto di vista di National Instruments? R: Il cloud computing sta diventando un alternativa molto interessante soprattutto per le applicazioni ad elevato contenuto di calcoli, come le applicazioni CAD, dove modellazione e simulazione devono essere eseguite velocemente. Credo però che il cloud computing interessi soprattutto coloro che si occupano della parte server. Finora al nostro interno non ne abbiamo parlato molto, ma stiamo iniziando a valutare il cloud computing nell ottica di offrire prestazioni sempre più elevate ai nostri utenti per determinati tipi di applicazioni. D: In National Instruments vi è da sempre una specie di gara fra le prestazioni dell hardware e quelle del software: un anno il software è un po più avanti delle piattaforme hardware, un anno avviene il contrario. Il 2010 sarà l anno dell hardware o del software? R:Attualmente i livelli raggiunti da hardware e software sono paragonabili. Credo che una quantità crescente di nostri prodotti sarà basata su Fpga, dove l hardware e il software si uniscono in modo molto stretto nell ottica della massima sinergia. Stiamo notando che quest anno sono sempre più numerosi gli utilizzatori di Fpga nel campo dei test. D altra parte, prima di potere affrontare applicazioni come l elaborazione di segnali ad alta velocità o il controllo real-time, LabVIEW dovrà fare ancora qualche progresso. D: National Instruments è sempre molto attenta alle nuove generazioni. In base alla sua esperienza, quali suggerimenti potrebbe dare per rendere gli studenti più interessati alle nuove tecnologie, tenendo presente che, in Italia, mancano iniziative come ad esempio il programma First di Dean Kamen? R:Negli Stati Uniti abbiamo individuato due modi fondamentali per creare interesse verso le nuove tecnologie. Il primo prevede la formazione di volontari National Instruments in grado di operare presso le comunità locali: ad esempio adottando una scuola ed occupandosi di varie iniziative rivolte agli studenti, dal training, alla formazione di club, all organizzazione di gare fra automi costruiti dai ragazzi, ecc. Anche in Germania e in Spagna, National Instruments è molto attiva a questo livello. Il secondo modo, più impegnativo, è quello di finanziare e sviluppare localmente un iniziativa come il programma First. Probabilmente in Italia sarebbe più difficile trovare le grandi risorse necessarie, ma so che il programma First sta cercando di allargare la sua presenza internazionale, e questa potrebbe essere un occasione da cogliere. Agganciarsi a un iniziativa di successo come il programma First potrebbe essere un ottima idea. L importante è cominciare con qualche team, poi altri seguiranno per emulazione. Comunque, anche negli Stati Uniti rimane un problema quello di interessare i giovani alla cultura tecnica. Readerservice.it n

7 WHAT S NEW FARE DI PIÙ CON L NI CODE EXCHANGE NI Code Exchange offre uno spazio aperto a tutti gli utenti che desiderano accedere a esempi di codice pronti all uso, per una vasta gamma di applicazioni A cura di Alessandro Plantamura National Instruments registra una ricca presenza di utenti online molto attivi e pieni di risorse. Nello sforzo di aiutare tutti gli esperti a essere più efficaci, NI ha creato l NI Code Exchange, un portale one-stop dove gli utenti possono vedere, scaricare e condividere esempi di programmi, driver di strumenti e proprietà intellettuale (IP) per software come NI LabVIEW, LabWindows/CVI e Measurement Studio for Visual Studio. Inoltre, gli utenti possono trovare esempi di codice per prodotti che spaziano dai dispositivi di acquisizione dati a VXI/VME. Oltre alla tradizionale ricerca per prodotto, il portale offre agli utenti l opzione di suddividere gli esempi di programmi e i driver di strumenti usando un ampia gamma di criteri di ricerca, come ad esempio per area applicativa o per tipo di industria. Questa caratteristica permette agli utenti di aumentare la loro efficienza nella produzione e risparmiare tempo ed energia nella fase di pianificazione dei progetti. In questo hub online, i clienti possono trovare esempi di codice pronti all uso che li aiutano a terminare e rendere operativi più velocemente i progetti, oltre a condividere i loro VI con altri esperti. Per iniziare, visitate ni.com/code. Readerservice.it n readerservice.it n.24686

8 WHAT S NEW REPLICATE I VOSTRI.M FILE SU HARDWARE REAL-TIME Oggi, i progettisti possono utilizzare molti pacchetti software che impiegano linguaggi matematici A cura di Alessandro Plantamura Progettati per offrire interfacce desktop per la cosiddetta esplosione matematica, tali linguaggi tipicamente semplificano il processo di sviluppo di algoritmi custom e proprietà intellettuale (IP), ma spesso complicano il percorso di replica su hardware embedded. Considerate i linguaggi matematici noti come file.m usati all interno del software MATLAB di The MathWorks, Scilab e altri, che sono linguaggi di programmazione scarsamente tipizzati. Essi trattano tutti i dati come una variazione di una matrice numerica, quindi il concetto di tipi di dati non è realizzato. Pertanto, non occorre una ripartizione esplicita delle variabili fra tipi di dati tradizionali, cosa che può semplificare il processo di sviluppo. Ciò può essere vantaggioso negli ambienti desktop con memoria abbondante; tuttavia, l hardware embedded e i SO real-time non possono funzionare in queste circostanze. L allocazione istantanea di memoria durante un operazione può introdurre in un applicazione dei ritardi che portano a violare le regole di timing delle operazioni deterministiche. Un altro aspetto da tenere in considerazione è che i linguaggi matematici.m file non sono linguaggi compilati ma interpretati. Senza compilazione di codice, si perde un beneficio primario del compilatore (per esempio, identificare gli errori di sintassi prima di eseguire il programma). Non potete sapere se la linea 100 di un.m file ha un errore di sintassi finché non vengono eseguite le prime 99 linee dello script. E, quando lo script rivela un errore alla linea 100, si perde tempo. Inoltre, tenete conto del fatto che il linguaggio non contiene costrutti di timing o una gestione esplicita delle risorse, e diventa chiaro perché il percorso verso l hardware embedded richiede che il codice sviluppato venga riscritto in un linguaggio più adatto, come il C. Lo risviluppo del codice richiede tempo, risorse e tool addizionali. Prendere uno script che avete sviluppato usando la sintassi del linguaggio MATLAB e replicarlo su un target hardware multicore real-time potrebbe richiedere il percorso descritto nella figura 1. Con la sintassi del linguaggio MATLAB, in primo luogo bisogna testare lo script nell ambiente di sviluppo desktop usando il Parallel Computing Toolbox per prepare il codice per un ambiente dual-core. Quindi va usato l Embedded MATLAB per generare codice C. Ciò richiede un passo di verifica addizionale per assicurare che la funzionalità delle due implementazioni sia equivalente. Figura 1. Replicare i vostri.m file sviliuppati usando la sintassi del linguaggio MATLAB su hardware embedded è una procedura a più passi che richiede tool addizionali e processi di verifica non banali A questo punto, il codice deve essere compilato e debuggato in una toolchain embedded separata. Tale percorso può essere costoso e può compromettere il tempo e la precisione delle implementazioni matematiche. USO DI LABVIEW PER REPLICARE I VOSTRI.M FILES SU HARDWARE EMBEDDED Il MathScript RT Module di NI LabVIEW 2009 aggiunge al software LabVIEW la programmazione testuale orientata alla matematica attraverso un compilatore nativo per i vostri.m file custom. Con questo modulo, potete incorporare i vostri.m file custom nell ambiente di sviluppo grafico LabVIEW e replicare questi stessi.m file su tutte le piattaforme hardware real-time di NI, anche se il codice è stato sviluppato all esterno di LabVIEW MathScript. La differenza è come il MathScript RT Module di LabVIEW 2009 tratta gli.m file custom per la replica su hardware embedded. La figura 2 mostra la MathScript Window, a cui è possibile accedere attraverso il menu LabVIEW scegliendo Tools»MathScript Window. L altra interfaccia del LabVIEW MathScript RT Module è il MathScript Node, la regione rettangolare blu evidenziata nella 6

9 WHAT S NEWS Figura 2. La MathScript Window figura 2. Con questo nodo, è possibile eseguire i propri script.m file dai VI stessi oltre a inserire algoritmi testuali in un VI e usare quindi l ambiente di programmazione grafica LabVIEW per strumentare gli script aggiungendo manopole, cursori, pulsanti, grafica e altri controlli e indicatori utente. Figura 3. Il MathScript Node Situato sulla palette Programming»Structures, il MathScript Node vi aiuta a integrare i vostri.m files in un VI LabVIEW per combinare i benefici della programmazione grafica e testuale in una unica soluzione. Il compilatore LabVIEW MathScript, compila il codice.m file nel codice grafico in fase di edit. Questa procedura permette di identificare gli errori di sintassi nei richiami di funzione del codice.m file. Inoltre, la compilazione in fase di edit applica e propaga tipi di dati stretti attraverso il codice G sottostante. Oltre al guadagno in termini di prestazioni, questa propagazione offre una nuova opzione di evidenziazione degli script chiamata Data Type Highlighting, che permette di visualizzare le variabili nel nodo in base ai colori dei loro tipo dati LabVIEW. (Per esempio, il verde rappresenta i dati Boolean e l arancione rappresenta i dati Double). Con il compilatore LabVIEW MathScript, potete interagire con il vostro codice basato su testo e, allo stesso tempo, passare in modo continuo codice G al compilatore LabVIEW. Il codice generato beneficia delle ottimizzazioni offerte dal compilatore LabVIEW. La figura 4 descrive esempi di debugging con il MathScript Node. La fusione dei loop elimina le operazioni di indicizzazione inutili, mentre il folding delle costanti elimina l esecuzione di codice non necessario. E importante capire che il compilatore non cambia il codice sul diagramma; cambia solo la sua rappresentazione compilata. Un beneficio primario del compilatore LabVIEW è la capacità di esprimere in modo naturale il parallelismo. Non occorrono markup speciali o artificiali nel vostro codice per forzare il parallelismo sul compilatore, come invece è richiesto nei linguaggi basati su testo. Oltre alla mappatura intuitiva della rappresentazione del linguaggio, il compilatore LabVIEW offre numerose ottimizzazioni. I cambiamenti apportati al compilatore LabVIEW MathScript nel MathScript RT Module di LabVIEW 2009 migliorano le prestazioni del codice generato e permettono al compilatore LabVIEW di ottimizzare ulteriormente il codice. REPLICARE I VOSTRI.M FILES È ANCORA PIÙ FACILE Il percorso tradizionale per replicare i vostri.m file su hardware embedded è complesso e richiede riscritture di codice e tool multipli. LabVIEW 2009 linearizza questo processo mettendo a disposizione un ambiente integrato per sviluppare, debuggare e replicare i vostri.m file custom. E sufficiente combinare il vostro.m file con il codice grafico LabVIEW usando il MathScript Node e trascinare e depositare la vostra applicazione sul target real-time all interno del progetto LabVIEW. I compilatori MathScript e LabVIEW preparano il codice per la sua esecuzione sull hardware embedded, ottimizzando il codice per rispettare i requisiti real-time. Con LabVIEW 2009 e il MathScript RT Module di LabVIEW 2009, replicare i vostri.m file custom su hardware embedded non è mai stato più semplice. Per ulteriori informazioni sulla semplificazione dello sviluppo e Figura 4. Debugging con il MathScript Node Figura 5. Replicare i vostri.m file con LabVIEW è semplice come una funzione drag-and-drop della replica di matematica real-time con LabVIEW, visitate ni.com/info e inserite nsi9420. Readerservice.it n

10 WHAT S NEW TROVARE I DATI PIÙ VELOCEMENTE CON IL LABVIEW DATAFINDER TOOLKIT Usate il nuovo LabVIEW DataFinder Toolkit per creare applicazioni di gestione dati custom per cercare e creare trend dai vostri dati di test A cura di Alessandro Plantamura Readerservice.it n Non tutte le applicazioni di misura sono create uguali fra loro. Per il monitoraggio real-time di base, tre passi fondamentali che soddisfano la maggior parte delle esigenze includono acquisizione dati, analisi e visualizzazione. Quando dovete memorizzare dati per una registrazione storica o condivisione, sono utili il logging e la generazione di report. E, per misure continue o ripetute periodicamente, la generazione di trend e i confronti fra più file di dati possono rivelare informazioni utili. Nonostante la programmazione grafica con il software NI LabVIEW e il software driver NI-DAQmx semplifichino le applicazioni di misura, è impegnativo correlare i dati da misure discrete. Spesso, potete cercare di farlo usando complessi database o spreadsheet custom, ma questo approccio normalmente contrasta i guadagni di efficienza e richiede più tempo per gestire i tool per la misura originale. Grazie al nuovo LabVIEW DataFinder Toolkit, potete trovare più velocemente i dati significativi usando tecnologie comuni per la ricerca e il trend su più file di test. Il nuovo toolkit comprende l NI DataFinder, un database autoscalante e automantenente, e una API LabVIEW per creare query che restituiscono rapidamente le informazioni di interesse. Nativamente, l NI DataFinder può cercare su file di misura TDMS, TDM e LVM. Tuttavia, può essere facilmente espanso per lavorare con qualsiasi formato file custom. Per usare tipi di file differenti, dovete scaricare o creare un DataPlugin. I DataPlugin permettono all NI DataFinder di interpretare un file di misura e analizzare i dati in modo appropriato. NI LabVIEW DataFinder Toolkit vi permette di creare sistemi di gestione di dati personalizzati durante le simulazioni e i test. Questo toolkit permette di progettare interfacce per la ricerca di un index NI DataFinder per individuare informazioni nei file di test. La tecnologia NI DataFinder indicizza le proprietà e i metadata memorizzati nei file di test e li memorizza in database per essere recuperati rapidamente. È possibile sviluppare le applicazioni accedendo ad un NI DataFinder locale o a un NI DataFinder Server Edition per un approccio di rete centralizzato per numerosi gruppi di dati. Inoltre, è possibile sviluppare le applicazioni su client multipli per creare interfacce standardizzate per la ricerca e l'estrazione dei dati. Figura 1 Usando il toolkit potete creare applicazioni di gestione dati custom per ottenere in modo ottimale il trending e il confronto di dati da più file all interno di LabVIEW. Potete distribuire le applicazioni, in modo che altri utenti siano in grado di trarre vantaggio dalle capacità di gestione dati, o scalare verso il software NI DIAdem per una soluzione di gestione dati pronta all uso che incorpora anche l NI DataFinder. Figura 2 Note sull autore Laureato in ingegneria biomedica al Politecnico di Milano, Alessandro Plantamura lavora in qualità di Technical Marketing Engineer presso National Instruments Italy 8

11

12 TIPS&TECHNIQUES INTRODUZIONE AL SYMMETRIC MULTIPROCESSING (SMP) REAL-TIME DI LABVIEW L articolo descrive come potete sfruttare il supporto SMP nel Real-Time Module di LabVIEW 8.5 e successivi per implementare applicazioni real-time a elevate prestazioni su sistemi multicore Casey Weltzin INTRODUZIONE Il symmetric multiprocessing, o SMP, è una caratteristica del sistema operativo che permette a processori multicore di eseguire una singola istanza del sistema operativo e di connettsi a una memoria principale comune, mentre il codice viene eseguito in parallelo. La maggior parte dei moderni sistemi operativi desktop (Windows, Linux, MacOS, ecc.) supporta il SMP. Tuttavia, il supporto SMP non è ancora comune nei sistemi operativi real-time. Il Real-Time Module di LabVIEW 8.5 e successivi include le NI RT Extensions for SMP, che aggiungono supporto multicore al sistema operativo real-time ETS. Potete installare le NI RT Extensions for SMP per sfruttare la tecnologia dei processori multicore a elevate prestazioni. La figura qui sotto illustra un processo noto come autobilanciamento del carico, che permette al Real-Time Module di distribuire i thread dell applicazione sui core del processore disponibili su un target RT ETS. ASSEGNAZIONE DI TASK A SPECIFICI PROCESSORI CON IL TIMED LOOP Per aumentare ulteriormente le prestazioni e l affidabilità di un sistema real-time, potete facilmente assegnare Timed Loop a specifici core del processore. Potete dedicare un core di un processore per eseguire un loop di controllo critico nel tempo ed isolarlo da task meno importanti eseguiti su core differenti, come illustrato nella figura 2 qui sotto. Fig 2 Dedicare un task critico nel tempo a uno specifico processore Fig 1 Supporto di LabVIEW Real-Time per il SMP Con il Real-Time Module di LabVIEW 8.5 e sucessivi, potete assegnare un Timed Loop ad uno specifico core del processore. Ogni Timed Loop rappresenta un thread unico, e potete usare la parte Processor Assignment dell area di dialogo Configure Timed Loop per designare che il thread venga eseguito solo su uno specifico core del processore, come 10

13 TIPS&TECHNIQUES Fig 3 Assegnare il Timed Loop a un core specifico del processore illustratato nella figura 3 qui sotto. PRONTEZZA GARANTITA AL MULTICORE Le aziende che migrano software real-time su un processore multicore hanno a che fare con livelli variabili di scalabilità e devono esaminare la prontezza di ogni strato dello stack. Questo processo può richiedere una notevole quantità di tempo e risorse. Un grosso vantaggio del Real-Time Module LabVIEW 8.5 e sucessivi è che lo stack software del Real-Time Module LabVIEW 8.5 e sucessivi soddisfa tutti i requisiti di prontezza al multicore. Lo stack software real-time consiste di tool di sviluppo, librerie, driver di dispositivi e un sistema operativo real-time. Molte applicazioni real-time da sistemi di precedente generazione erano costruite su uno stack software previsto per progetti a singolo processore. La tabella 1 elenca alcune considerazioni chiave che aiutano a valutare la prontezza dello stack software real-time che si Tabella 1 Stack software real-time pronto al multicore Stack software real-time Tool di sviluppo Librerie Che cosa significa essere pronto al multicore E fornito supporto su SO RT, il tool permette la correttezza e l ottimizzazione del threading. Sono fornite capacità di debugging e tracciamento per analizzare sistemi multicore real-time. Le librerie sono a prova di thread e possono essere rese rientranti in modo da potere essere in modo che non causino allocazione di memoria e non inducano jitter nel sistema. Driver di dispositivi Sistema operativo real-time I driver sono stati progettati per prestazioni multithread ottimali. Il SO RT supporta il multithreading e il multitasking, e può bilanciare il carico dei task su processori multicore con il SMP. Fig 4 Il Real-Time Execution Trace Toolkit 2.0 che supporta il debugging multicore DEBUGGING DI APPLICAZIONI REAL-TIME MULTICORE Mano a mano che le applicazioni diventano più complesse, è importante capire ad un livello più basso come il codice viene eseguito sul sistema real-time. Aggiungere core del processore al sistema amplifica solo questa complessità. Il Real-Time Execution Trace Toolkit 2.0 fornisce una rappresentazione visiva dell esecuzione sia del VI che dei thread su sistemi a core singolo o multicore, permettendovi di trovare i punti caldi nel vostro codice e di rilevare comportamenti indesiderati come contesa di risorse, allocazione di memoria e inversioni di priorità. Potete anche usare l On-Screen CPU Monitor sui target RT 8.5 per monitorare l utilizzazione della CPU su sistemi real-time multicore. Questa utility visualizza le informazioni direttamente su un display connesso al target real-time, con informazioni come Total Load, utilizzazione di ISR (Interrupt Service Request), utilizzazione della CPU da parte di Timed Structures e utilizzazione della CPU da parte di thread, come illustrato qui sotto. Fig 5 On-Screen CPU Monitor trova in una tipica applicazione di controllo. Un comune collo di bottiglia nei sistemi real-time sono i driver di dispositivi che non sono a prova di thread o le librerie che non è possibile eseguire in modo rientrante. Il codice non rientrante potrebbe comunque funzionare correttamente, ma non può essere eseguito in parallelo su un processore multicore, e può diventare una risorsa condivisa, portando a problemi di prestazioni. LabVIEW supera questi aspetti negativi con driver di I/O a prova di thread e rientranti, come il DAQmx, e con librerie matematiche che supportano la rientranza. Note sull autore Casey Weltzin è un product manager di LabVIEW Real-Time presso National Instrument. Ha bachelor s degree in ingegneria elettrica presso la University of Wisconsin di Madison. Readerservice.it n

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES APPLICAZIONE DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU COMPACTRIO Ryan King Q uesta applicazione presenta una soluzione software per un datalogger embedded stand-alone basato su hardware

Dettagli

LabVIEW offre un ambiente di programmazione grafica

LabVIEW offre un ambiente di programmazione grafica 03 COME OTTIMIZZARE IN LABVIEW APPLICAZIONI DI TEST AUTOMATIZZATI PER PROCESSORI MULTICORE David Hall Vediamo come delle applicazioni scritte in LabVIEW possono essere ottimizzate sfruttando tecniche di

Dettagli

La t ecnologia WSN La piattaforma NI WSN Ambiente di programmazione Real Time (NI LabVIEW):

La t ecnologia WSN La piattaforma NI WSN Ambiente di programmazione Real Time (NI LabVIEW): La programmazione grafica di Reti di Sensori Wireless (Wireless Sensor Networks - WSN) in ambito industriale Massimiliano Banfi - Systems Engineers Manager - National Instruments Italy La t ecnologia WSN

Dettagli

Gianluigi Magnasco easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010

Gianluigi Magnasco easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010 Soft Control facile con RTX e Windows Embedded Standard 7 RTX 2009: funzionalità ed uso pratico Gianluigi Magnasco easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010 Definizione di Sistema Tempo Reale: Definizione

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

EOLO crp: la nuova frontiera dei datalogger imbarcabili

EOLO crp: la nuova frontiera dei datalogger imbarcabili EOLO crp: la nuova frontiera dei datalogger imbarcabili Luca Pasquini e Stefano Vianelli Eurins srl Abstract Il datalogger imbarcabile EOLO crp è concepito per l impiego in numerosi settori applicativi

Dettagli

Sistema di monitoraggio delle correnti in ingresso in impianti fotovoltaici

Sistema di monitoraggio delle correnti in ingresso in impianti fotovoltaici Sistema di monitoraggio delle correnti in ingresso in impianti fotovoltaici "L uso della piattaforma CompactRIO ha consentito l implementazione di un sistema di monitoraggio adatto ad essere utilizzato

Dettagli

PROFIBUS E PROFINET. NI compactrio. ACQUISIZIONE DATI e controllo su reti. con

PROFIBUS E PROFINET. NI compactrio. ACQUISIZIONE DATI e controllo su reti. con ACQUISIZIONE DATI e controllo su reti PROFIBUS E PROFINET con NI compactrio Come realizzare un semplice sistema di I/O distribuito interconnesso tramite rete Profibus, costituito da una architettura Master-Slave

Dettagli

VARIABILI CONDIVISE. L articolo introduce le variabili condivise e contiene una discussione sulle loro caratteristiche e prestazioni in LabVIEW

VARIABILI CONDIVISE. L articolo introduce le variabili condivise e contiene una discussione sulle loro caratteristiche e prestazioni in LabVIEW COME USARE LE VARIABILI CONDIVISE IN LABVIEW Mike Trimborn L articolo introduce le variabili condivise e contiene una discussione sulle loro caratteristiche e prestazioni in LabVIEW LabVIEW permette di

Dettagli

EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio

EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio Dr Stefano Vianelli EURINS srl Categoria Automotive Prodotti utilizzati LabVIEW 6i,

Dettagli

MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA

MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA ESSEBI Srl NUOVE FRONTIERE DEL MONITORAGGIO STRUTTURALE MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA Roma, 4 maggio 2011 Facoltà di Architettura via Gramsci, 53 Roma MONITORAGGIO WIRELESS I principali

Dettagli

Il Contesto. Riassunto

Il Contesto. Riassunto Temento Systems mostra come la tecnologia Jtag Boundary-Scan integrata in un sistema automatico di collaudo possa aumentare la copertura del test di schede complesse altrimenti non collaudabili. Il Contesto

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

Configurare una rete con PC Window s 98

Configurare una rete con PC Window s 98 Configurare una rete con PC Window s 98 In estrema sintesi, creare una rete di computer significa: realizzare un sistema di connessione tra i PC condividere qualcosa con gli altri utenti della rete. Anche

Dettagli

Logic Lab. un progetto italiano. www.axelsw.it. soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Logic Lab. un progetto italiano. www.axelsw.it. soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Logic Lab soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE un progetto italiano www.axelsw.it Logic Lab La garanzia e l economia degli standard più diffusi sul mercato LogicLab è un ambiente di sviluppo

Dettagli

Visualizzatore Posizionatore e Applicazioni

Visualizzatore Posizionatore e Applicazioni PAG. 1 PAG. 2 VISUALIZZATORE POSIZIONATORE e Applicazioni Aprile 2009 Visualizzatore Posizionatore e Applicazioni VISUALIZZATORE di QUOTE - TELEMACO Il VisualizzatoreTelemaco è costituito da una unità

Dettagli

SOLUZIONI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CON I PRODOTTI H/W E S/W DI CJB GENNAIO 2011

SOLUZIONI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CON I PRODOTTI H/W E S/W DI CJB GENNAIO 2011 SOLUZIONI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CON I PRODOTTI H/W E S/W DI CJB GENNAIO 2011 Questo documento illustra in modo sintetico le possibili soluzioni di Automazione & Controllo, utilizzando i prodotti CJB

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

Get connected! Connecting Devices

Get connected! Connecting Devices Get connected! Connecting Devices Tecnologia Anybus di HMS Industrial Networks La gamma di prodotti Anybus di HMS Industrial Networks, che include gateway, interfacce embedded ultra-compatte e sistemi

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

PoTENTI PRESTRAZIONI DUal-core

PoTENTI PRESTRAZIONI DUal-core PoTENTI PRESTRAZIONI DUal-core POTENTI PRESTAZIONI DUAL-CORE PER IL BUSINESS DI TUTTI I GIORNI I più recenti notebook business Toshiba che integrano il processore Intel Core 2 Duo, sono estremamente potenti,

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

LabVIEW. Apertura del programma

LabVIEW. Apertura del programma LabVIEW Il termine LabVIEW significa Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. LabVIEW è un prodotto che si è imposto nel tempo come standard di riferimento per la gestione e la elaborazione

Dettagli

Una piattaforma embedded riconfigurabile per l automazione

Una piattaforma embedded riconfigurabile per l automazione AO COPERTINA Una piattaforma embedded riconfigurabile per l automazione VALERIO ALESSANDRONI National Instruments ha rivoluzionato il mercato del controllo e dell acquisizione dati introducendo CompactRIO,

Dettagli

Progettazione di reti AirPort

Progettazione di reti AirPort apple Progettazione di reti AirPort Indice 1 Per iniziare con AirPort 5 Utilizzo di questo documento 5 Impostazione Assistita AirPort 6 Caratteristiche di AirPort Admin Utility 6 2 Creazione di reti AirPort

Dettagli

Soluzioni Windows Embedded per il settore Retail

Soluzioni Windows Embedded per il settore Retail M ANUFACTURING & RETAIL MICROSOFT ENTERPRISE CLUB Disponibile anche sul sito: www.microsoft.com/italy/eclub/ Soluzioni Windows Embedded per il settore Retail Soluzioni Windows Powered per sistemi POS M

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO!

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! LOGO! Avvio alla programmazione Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! [Digitare il testo] [Digitare il testo] [Digitare il testo] CONTENUTI 1 INTRODUZIONE... 3 2 PRIMI PASSI PER

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

La simulazione motore nel test automatico per centraline auto. 1/7 www.ni.com

La simulazione motore nel test automatico per centraline auto. 1/7 www.ni.com La simulazione motore nel test automatico per centraline auto "Grazie a LabVIEW è stato possibile riutilizzare tutti gli oggetti software e le funzioni precedentemente sviluppate e collaudate" - L. Pantani,

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Intel Server Management Pack per Windows

Intel Server Management Pack per Windows Intel Server Management Pack per Windows Manuale dell'utente Revisione 1.0 Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI INTEL ALLO SCOPO DI

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Andrea Pichetto easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010

Andrea Pichetto easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010 Soft Control facile con RTX e Windows Embedded Standard 7 Architetture Soft Control Andrea Pichetto easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010 Innovazioni nelle architetture x86 Oggi calcolatori PC compatibili

Dettagli

HD+ Descrizione generale. Caratteristiche principali

HD+ Descrizione generale. Caratteristiche principali HD+ Descrizione generale HD+ è un dispositivo di acquisizione ECG wireless, sviluppato come acquisitore per PC e Tablet che utilizzino piattaforme standard (Windows / MAC OS / Android) e per l utilizzo,

Dettagli

ACQUISIZIONE DATI TELECONTROLLO AUTOMAZIONI

ACQUISIZIONE DATI TELECONTROLLO AUTOMAZIONI 1 ACQUISIZIONE DATI 2 TELECONTROLLO 3 BUILDING E INFRASTRUTTURE 4 AUTOMAZIONI ACQUISIZIONE DATI Sistema di acquisizione dati: sistema in grado di raccogliere, elaborare e memorizzare grandezze analogiche

Dettagli

Conceptronic C100BRS4H Guida rapida di installazione. Congratulazioni per avere acquistato un router broadband Conceptronic a 4 porte.

Conceptronic C100BRS4H Guida rapida di installazione. Congratulazioni per avere acquistato un router broadband Conceptronic a 4 porte. Conceptronic C100BRS4H Guida rapida di installazione Congratulazioni per avere acquistato un router broadband Conceptronic a 4 porte. La guida di installazione hardware spiega passo per passo come installare

Dettagli

Istruzioni per l uso. (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems. Installazione. Sommario.

Istruzioni per l uso. (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems. Installazione. Sommario. Istruzioni per l uso (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems N. modello DP-800E / 800P / 806P Installazione Sommario Installazione Installazione del driver di

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi Calcolo numerico e programmazione Sistemi operativi Tullio Facchinetti 25 maggio 2012 13:47 http://robot.unipv.it/toolleeo Sistemi operativi insieme di programmi che rendono

Dettagli

Sistemi embedded un dispositivo incapsulato progettato per una determinata applicazione

Sistemi embedded un dispositivo incapsulato progettato per una determinata applicazione Sistemi embedded esistono molte definizioni nessuna universalmente riconosciuta. In generale con sistema embedded si intende un dispositivo incapsulato all'interno del sistema da controllare progettato

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

AUTROSAFE 4 La nuova generazione di sistemi di rivelazione incendi interattivi

AUTROSAFE 4 La nuova generazione di sistemi di rivelazione incendi interattivi AUTROSAFE 4 La nuova generazione di sistemi di rivelazione incendi interattivi Autronica Fire and Security AS COLLAUDATO, AFFIDABILE ED INNOVATIVO AUTROSAFE 4 - la nuova generazione di sistemi di rivelazione

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

SAVE 2007 - Veronafiere 23-25 ottobre 2007

SAVE 2007 - Veronafiere 23-25 ottobre 2007 AGENDA Introduzione all architettura PAC Programmazione Multithread con OS Real-Time Strumenti di diagnostica e debugging Real-Time System Manager Parallelismo hardware grazie alla tecnologia FPGA Execution

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

OptiFiber OTDR per la certificazione. Certificazione. Diagnostica. Documentazione. I primi OTDR per la certificazione progettati per installatori LAN.

OptiFiber OTDR per la certificazione. Certificazione. Diagnostica. Documentazione. I primi OTDR per la certificazione progettati per installatori LAN. Certificazione. Diagnostica. Documentazione. I primi OTDR per la certificazione progettati per installatori LAN. L impiego delle fibre per reti locali e di campus è in continua espansione e impone nuovi

Dettagli

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER 1.1 AVVIARE IL COMPUTER Avviare il computer è un operazione estremamente semplice, nonostante ciò coloro che scelgono di frequentare un corso

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Toshiba e tecnologia mobile Intel Centrino Duo per il business

Toshiba e tecnologia mobile Intel Centrino Duo per il business Toshiba e tecnologia mobile Intel Centrino Duo per il business Tech-Brief-2006-02-NAPA-EN INTEL CENTRINO DUO PER ILBUSINESS Nell odierno mondo degli affari il notebook è lo strumento mobile essenziale

Dettagli

Un linguaggio comune per la domotica

Un linguaggio comune per la domotica Un linguaggio comune per la domotica La trasmissione e la corretta comprensione dʼinformazioni e comandi è indispensabile per il funzionamento ottimale degli impianti domotici Sono ormai di larga diffusione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 3 Martedì 15-10-2013 1 Struttura ed organizzazione software dei sistemi

Dettagli

MAXPRO VMS SISTEMA DI GESTIONE VIDEO. La soluzione completa per l integrazione dei sistemi di sicurezza

MAXPRO VMS SISTEMA DI GESTIONE VIDEO. La soluzione completa per l integrazione dei sistemi di sicurezza MAXPRO VMS SISTEMA DI GESTIONE VIDEO La soluzione completa per l integrazione dei sistemi di sicurezza - Honeywell convoglia le sue vaste competenze e la sua esperienza nel campo dei sistemi di sicurezza

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

UPS Uninterruptible. Power Supply. APC POWERCHUTE BUSINESS EDITION (lato Windows)

UPS Uninterruptible. Power Supply. APC POWERCHUTE BUSINESS EDITION (lato Windows) Università degli Studi G. D Annunzio (Chieti Pescara) Dipartimento di Scienze UPS Uninterruptible Power Supply APC POWERCHUTE BUSINESS EDITION (lato Windows) INDICE DEFINIZIONE UPS INTRODUZIONE ASPETTI

Dettagli

Sistemi di sorveglianza IP Axis. Possibilità infinite per la videosorveglianza.

Sistemi di sorveglianza IP Axis. Possibilità infinite per la videosorveglianza. Sistemi di sorveglianza IP Axis. Possibilità infinite per la videosorveglianza. Il settore della videosorveglianza è costantemente in crescita, grazie a una maggiore attenzione alla sicurezza da parte

Dettagli

SUPPORTI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE

SUPPORTI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE SUPPORTI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE Alessandro DE CARLI - Luigi PARIS Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza Via Eudossiana

Dettagli

Realizzazione di un core grafico con un FPGA a basso costo

Realizzazione di un core grafico con un FPGA a basso costo Realizzazione di un core grafico con un FPGA a basso costo Un team di progettisti di Virtual Logic ha creato un engine di visualizzazione grafica basato su un FPGA sfruttando tecniche tipiche degli anni

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

LabelShop 8. Manuale dell amministratore. Admin Guide

LabelShop 8. Manuale dell amministratore. Admin Guide LabelShop 8 Manuale dell amministratore Admin Guide Guida per l amministratore DOC-OEMCS8-GA-IT-02/03/06 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Sistemi di Automazione Industriale

Sistemi di Automazione Industriale Introduzione ai PLC Sistemi di Automazione Industriale Ridurre e/o eliminare il ruolo dell operatore umano Ogni sistema di automazione prevede: Sistema Controllato; è un generatore di eventi non prevedibili

Dettagli

InterCom GSM. Manuale di Installazione

InterCom GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione Sommario Descrizione delle funzioni del dispositivo... Pagina 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... Pagina 3 Vantaggi... Pagina 4 Installazione e configurazione... Pagina

Dettagli

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10 Web Server Guida all impostazione Le informazioni contenute in questo documento sono state raccolte e controllate con cura, tuttavia la società non può essere

Dettagli

LA SOLUZIONE DIGITAL SIGNAGE DI EUROSELL

LA SOLUZIONE DIGITAL SIGNAGE DI EUROSELL LA SOLUZIONE DIGITAL SIGNAGE DI EUROSELL Il mercato dell'oohm (Out Of Home Media) è stato approcciato con un evoluto sistema di Digital Signage in grado di soddisfare tutte le esigenze del mercato. Proprio

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

Caratteristiche e vantaggi

Caratteristiche e vantaggi Dominion KX II Caratteristiche Caratteristiche dell hardware Architettura hardware di nuova generazione Elevate prestazioni, hardware video di nuova generazione Due alimentatori con failover Quattro porte

Dettagli

Dispositivo wireless Interfaccia Ethernet in tecnologia ZigBee

Dispositivo wireless Interfaccia Ethernet in tecnologia ZigBee KET-GZE-100 Dispositivo wireless Interfaccia Ethernet in tecnologia ZigBee MANUALE D USO e INSTALLAZIONE rev. 1.2-k Sommario Convenzioni utilizzate... 3 Descrizione generale... 4 Funzioni associate ai

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

La Gestione Integrata dei Documenti

La Gestione Integrata dei Documenti Risparmiare tempo e risorse aumentando la sicurezza Gestione dei documenti riservati. Protezione dati sensibili. Collaborazione e condivisione file in sicurezza. LA SOLUZIONE PERCHE EAGLESAFE? Risparmia

Dettagli

Controllo remoto di SPEEDY

Controllo remoto di SPEEDY UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica per l Automazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica (Prof. Riccardo Cassinis) Controllo

Dettagli

Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata

Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata tipicamente una monoscheda, contenente tutte le CPU richieste

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Preparazione, progettazione, montaggio e installazione di impianti elettrici e/o elettronici per edifici a uso civile e applicazioni industriali

Dettagli

Caratteristiche Tecniche

Caratteristiche Tecniche cubestresslite system cubestresslite system è il sistema completo per la gestione dell esame ECG da Sforzo. Include l hardware e il software necessari per l esecuzione dell esame ed è compatibile con gli

Dettagli

Sistemi di acquisizione dati

Sistemi di acquisizione dati Sistemi di acquisizione dati - 1 Sistemi di acquisizione dati 1 - Configurazioni tipiche Generalità L impiego di tecniche numeriche per la rappresentazione dei segnali consente la successiva elaborazione

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

Elementi di Informatica 6 Aprile 2009

Elementi di Informatica 6 Aprile 2009 Elementi di Informatica 6 Aprile 2009 Corsi di Laurea in Ingegneria Ambientale e Ingegneria Civile Anno A.A. 2007/2008 In un PC, cosa rappresenta il bus? a. Un driver che serve alle applicazioni del sistema

Dettagli

MAESTRO-PV Specifiche tecniche per sistema telecontrollo, gestione e invio allarmi per impianti fotovoltaici

MAESTRO-PV Specifiche tecniche per sistema telecontrollo, gestione e invio allarmi per impianti fotovoltaici SPECIFICHE TECNICHE MAESTRO-PV Specifiche tecniche per sistema telecontrollo, gestione e invio allarmi per impianti fotovoltaici RSPV05I1 rev.01 0909 (Descrizione) Il sistema di telegestione telecontrollo

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni

CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni PRESENTAZIONE DI INSIEME Vedremo ora come si è evoluta nel tempo la struttura di un sistema operativo, per passare dalle vecchie strutture di tipo normalmente modulari,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli