ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l."

Transcript

1

2 1 INDICE 1. PREMESSA IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO PORTATE NERE TEORICHE PORTATE EFFETTIVE SCHEMI DEI CONTRIBUTI DELLE PORTATE VERIFICA IDRAULICA DELLE CONDOTTE DI PROGETTO PREMESSA COLLETTORE PRINCIPALE COLLETTORE SECONDARIO VIA SILE, COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO RISULTATI DEL DIMENSIONAMENTO IDRAULICO... 21

3 2 1. PREMESSA L intervento oggetto della presente progettazione esecutiva riguarda il I stralcio della realizzazione del Collettore Fognario Cornuda Salvatronda; interessa, quindi, i territori comunali di Altivole, Castelfranco Veneto e Vedelago ed ha come obiettivo la realizzazione del collettamento dei reflui dei comuni sopra elencati all impianto di depurazione di Salvatronda in Castelfranco Veneto. Il dimensionamento della rete di fognatura, e quindi le considerazioni e i calcoli riportati nei paragrafi successivi, però, sono stati eseguiti tenendo in considerazione anche le portate provenienti dai Comuni di Maser, Montebelluna, Caerano San Marco e Cornuda, che rientrano nel II Stralcio del Progetto Collettore Fognario Cornuda-Salvatronda. Il Piano d Ambito redatto dall AATO Veneto Orientale, che individua la programmazione del ciclo dell acqua e gestione del territorio compreso fra Friuli Venezia Giulia e Fiume Piave, prevede nella sua configurazione una condotta che raccoglie i reflui del Comune di Cornuda, scende in territorio di Caerano San Marco, Altivole e Vedelago, per poi giungere al depuratore di Salvatronda, sito in Castelfranco Veneto. Si riporta di seguito la planimetria proposta nel Piano d Ambito Veneto Orientale.

4 3 Schema fognario afferente all impianto di Salvatronda (P.d.A.) Per dare completamento allo schema di collettamento proposto nel Piano d Ambito, è previsto di incrementare la potenzialità dell impianto di Salvatronda, dagli attuali AE a AE. Attualmente è in atto la fase di progettazione esecutiva di tale intervento e la sua realizzazione dovrebbe procedere di pari passo con quella del collettore fognario Cornuda Salvatronda.

5 4 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO Come anticipato in premessa, i Comuni interessati dall intervento di progetto sono quelli relativi sia al I che al II stralcio del Progetto del Collettore Fognario Cornuda Salvatronda; esso prevede il collettamento all impianto di Salvatronda dei comuni di Cornuda e Vedelago e di parte dei reflui provenienti da Maser, Altivole, Montebelluna, Caerano San Marco e Castelfranco Veneto. Attualmente lo stesso impianto riceve già i reflui provenienti dai Comuni della dorsale nord-ovest a monte di Castelfranco. Oltre alla configurazione di progetto sopra citata, si sono svolte delle verifiche anche in una configurazione di emergenza ; essa consiste nel considerare che le condotte di progetto raccolgano i reflui dell intero comune di Altivole e di Maser, andando a sgravare parzialmente il carico in termini di portate afferenti al collettore esistente. 2.2 PORTATE NERE TEORICHE In accordo con le valutazioni tratte dal piano d Ambito, per il calcolo delle portate all Impianto di depurazione di Salvatronda sono stati utilizzati i fabbisogni idrici dei comuni afferenti secondo lo schema di calcolo tratto dal Piano Regolatore Generale degli Acquedotti. Una volta ottenuti i fabbisogni idrici si è stimata la percentuale del territorio comunale allacciabile alla rete fognaria. Considerando le case sparse non allacciabili si ritiene che la percentuale dell 80% di allacciati per ciascun Comune rappresenti l effettiva copertura di tutto il territorio dello stesso. Ipotizzando un coefficiente di deflusso pari a 0,9 si sono ricavate le portate medie teoriche nere afferenti all impianto di depurazione di valle. Come verifica di tali valori si sono determinati gli A.E. allacciati considerando la formula per il calcolo della portata media nera (1 e) d P Q0 = 86400

6 5 dove: Q 0 è la portata media nera [l/s]; P è il numero di abitanti equivalenti; d è la dotazione idrica media annua [l/(ab d)], che è stata ipotizzata pari a 250 l / giorno x abitante; e è il coefficiente di dispersione che tiene conto dell aliquota di dotazione idrica che non raggiunge la fognatura, che si è supposto pari a 0,1; (1-e) è quindi il coefficiente di deflusso, pari a 0,9. La portata di punta, invece, è stata calcolata moltiplicando la portata media per un coefficiente di punta orario; i coefficienti di punta utilizzati per i singoli comuni sono stati desunti dal Piano d Ambito e vengono riportati nella tabella sottostante: COMUNE Coeff. Di punta 1 CASTELFRANCO 1,35 2 VEDELAGO 1,41 3 ALTIVOLE 1,22 4 MASER 1,25 5 MONTEBELLUNA 1,23 6 CAERANO DI SAN MARCO 1,22 7 CORNUDA 1,19 I risultati ottenuti riguardo il calcolo delle portate e degli Abitanti Equivalenti relativi a ciascun comune interessato dalla posa della fognatura sono riportati nelle seguenti tabelle:

7 6 FABBISOGNO IDROPOTABILE al 2015 DA PIANO AATO VOLUMI ALLA RETE FOGNARIA Uso abitativo residenti e fluttuanti Attività ind.le e commercial e Usi pubblici media di punta Coeff. Di punta % civili afferenti a Salvatronda % industriali afferenti a Salvatronda Uso abitativo residenti e fluttuanti Attività ind.le e commercial e Usi pubblici Totale netto coeff. defl. media nera di punta nera A.E. COMUNE [1000 mc] [1000 mc] [1000 mc] [l/s] [l/s] [1000 mc] [1000 mc] [1000 mc] [1000 mc] [l/s] [l/s] [l/s] 1 CASTELFRANCO 2195,90 739, ,10 151,84 205,70 1,35 15% 50% 329,39 369,60 212,72 911,70 0,90 26,02 35, VEDELAGO 1111,60 661,40 304,50 72,46 102,50 1,41 35% 50% 389,06 330,70 106,58 826,34 0,90 23,58 33, ALTIVOLE 434,40 336,10 252,40 35,68 43,40 1,22 50% 60% 217,20 201,66 126,20 545,06 0,90 15,56 18, MASER 385,20 242,10 175,90 28,02 34,90 1,25 10% 55% 38,52 133,16 17,59 189,27 0,90 5,40 6, MONTEBELLUNA 1946,10 612, ,10 131,25 161,10 1,23 5% 5% 97,31 30,64 60,21 188,15 0,90 5,37 6, CAERANO DI SAN MARCO 535,20 231,30 248,90 35,42 43,10 1,22 10% 45% 53,52 104,09 24,89 182,50 0,90 5,21 6, CORNUDA 377,10 365,10 193,80 32,65 38,80 1,19 35% 45% 131,99 164,30 67,83 364,11 0,90 10,39 12, TOTALI 91,53 119, Stima degli abitanti equivalenti (A.E.) in configurazione di progetto

8 7 FABBISOGNO IDROPOTABILE al 2015 DA PIANO AATO VOLUMI ALLA RETE FOGNARIA Uso abitativo residenti e fluttuanti Attività ind.le e commercial e Usi pubblici media di punta Coeff. Di punta % civili afferenti a Salvatronda % industriali afferenti a Salvatronda Uso abitativo residenti e fluttuanti Attività ind.le e commercial e Usi pubblici Totale netto coeff. defl. media nera di punta nera A.E. COMUNE [1000 mc] [1000 mc] [1000 mc] [l/s] [l/s] [1000 mc] [1000 mc] [1000 mc] [1000 mc] [l/s] [l/s] [l/s] 1 CASTELFRANCO 2195,90 739, ,10 151,84 205,70 1,35 15% 50% 329,39 369,60 212,72 911,70 0,90 26,02 35, VEDELAGO 1111,60 661,40 304,50 72,46 102,50 1,41 35% 50% 389,06 330,70 106,58 826,34 0,90 23,58 33, ALTIVOLE 434,40 336,10 252,40 35,68 43,40 1,22 80% 85% 347,52 285,69 201,92 835,13 0,90 23,83 28, MASER 385,20 242,10 175,90 28,02 34,90 1,25 80% 85% 308,16 205,79 140,72 654,67 0,90 18,68 23, MONTEBELLUNA 1946,10 612, ,10 131,25 161,10 1,23 5% 5% 97,31 30,64 60,21 188,15 0,90 5,37 6, CAERANO DI SAN MARCO 535,20 231,30 248,90 35,42 43,10 1,22 10% 45% 53,52 104,09 24,89 182,50 0,90 5,21 6, CORNUDA 377,10 365,10 193,80 32,65 38,80 1,19 35% 45% 131,99 164,30 67,83 364,11 0,90 10,39 12, TOTALI 113,09 146, Stima degli abitanti equivalenti (A.E.) in configurazione di emergenza

9 8 2.3 PORTATE EFFETTIVE Una volta note le portate teoriche, si è ritenuto opportuno incrementare i valori ottenuti del 10% data l inevitabile presenza di acque parassite, stimando in tal modo le portate effettive in tempo asciutto. I risultati ottenuti, calcolati sia nella configurazione di progetto che nella configurazione di emergenza, sono riportati nelle tabelle sottostanti. VOLUMI ALLA RETE FOGNARIA media nera di punta nera A.E. nera media + 10% parassite di punta nera + 10% parassite COMUNE [l/s] [l/s] [l/s] [l/s] 1 CASTELFRANCO 26,02 35, ,62 38,77 2 VEDELAGO 23,58 33, ,94 36,69 3 ALTIVOLE 15,56 18, ,11 20,81 4 MASER 5,40 6, ,94 7,40 5 MONTEBELLUNA 5,37 6, ,91 7,25 6 CAERANO DI SAN MARCO 5,21 6, ,73 6,97 7 CORNUDA 10,39 12, ,43 13,58 TOTALI 91,53 119, ,68 131,49 Stima delle portate effettive in configurazione di progetto

10 9 VOLUMI ALLA RETE FOGNARIA media nera di punta nera A.E. nera media + 10% parassite di punta nera + 10% parassite COMUNE [l/s] [l/s] [l/s] [l/s] 1 CASTELFRANCO 26,02 35, ,62 38,77 2 VEDELAGO 23,58 33, ,94 36,69 3 ALTIVOLE 23,83 28, ,22 31,89 4 MASER 18,68 23, ,55 25,60 5 MONTEBELLUNA 5,37 6, ,91 7,25 6 CAERANO DI SAN MARCO 5,21 6, ,73 6,97 7 CORNUDA 10,39 12, ,43 13,58 TOTALI 113,08 146, ,4 160,75 Stima delle portate effettive in configurazione di emergenza 2.4 SCHEMI DEI CONTRIBUTI DELLE PORTATE Nel presente paragrafo si è ritenuto opportuno riportare degli schemi di calcolo che illustrino come i vari contributi di portata si immettano nell asse Cornuda Salvatronda. Si sono considerate le seguenti portate: portata media, ossia la portata teorica incrementata del 10% per tener conto della presenza di acque parassite; portata minima, ossia il 20% della portata nera media; portata massima, calcolata adottando un coefficiente di punta orario pari a 2 volte quello utilizzato per calcolare la portata nera di punta, ad eccezione della portata relativa al Comune di Cornuda.

11 10 Per tale Comune, infatti, essendo caratterizzato da fognatura di tipo misto, si applicano le indicazioni del Piano Regionale di Tutela delle Acque; all art. 33 delle Norme Tecniche di Attuazione, si prescrive che per gli sfioratori di piena vi sia un rapporto minimo consentito tra la portata di punta in tempo di pioggia e la portata media di tempo secco nelle ventiquattrore (Qm) pari a 5; si presuppone quindi che vengano inseriti degli sfioratori prima della consegna alla condotta consortile di progetto. Nella tabella sottostante si riportano i risultati ottenuti: media minima massima massima in configurazione di in configurazione di in configurazione di in configurazione di progetto progetto progetto emergenza COMUNE [l/s] [l/s] [l/s] [l/s] 1 CASTELFRANCO 28,62 5,72 77,54 77,54 2 VEDELAGO 25,94 5,19 73,39 73,39 3 ALTIVOLE 17,11 3,42 41,63 63,78 4 MASER 5,94 1,19 14,80 51,20 5 MONTEBELLUNA 5,91 1,18 14,50 14,50 6 CAERANO DI SAN MARCO 5,73 1,15 13,94 13,94 7 CORNUDA 11, ,96 51,96 TOTALI 100, ,76 346,31 Portate medie, minime e massime in configurazione di progetto e massima in configurazione di emergenza Tali portate, inoltre, sono state utilizzate per effettuare la verifica idraulica delle condotte.

12 11 PORTATA MEDIA (l/s) - CONFIGURAZIONE DI PROGETTO 11,43 l/s CORNUDA Ab Q = 11,43 l/s MASER Ab Q = 5,94 l/s 5,94 l/s 5,73 l/s CAERANO SAN MARCO Ab Q = 5,73 l/s 23,10 l/s 23,02 l/s CASELLE DI ALTIVOLE 5,91 l/s BUSTA Ab Q = 17,11 l/s Ab Q = 5,91 l/s 46,12 l/s FANZOLO Ab Q = 8,59 l/s 8,59 l/s 54,71 l/s S. FLORIANO (CASTELFRANCO) Ab Q = 8,59 l/s 8,59 l/s CASTELFRANCO (SALVATRONDA) Ab Q = 20,03 l/s 20,03 l/s 63,30 l/s VEDELAGO Ab Q = 17,35 l/s 17,35 l/s 100,68 l/s IMPIANTO DI SALVATRONDA

13 12 PORTATA MINIMA (l/s) - CONFIGURAZIONE DI PROGETTO CORNUDA Ab Q = 2,29 l/s 2,29 l/s MASER Ab Q = 1,19 l/s 1,19 l/s 1,15 l/s CAERANO SAN MARCO Ab Q = 1,15 l/s 4,63 l/s 4,60 l/s CASELLE DI ALTIVOLE 1,18 l/s BUSTA Ab Q = 3,42 l/s Ab Q = 1,18 l/s 9,23 l/s FANZOLO Ab Q = 1,72 l/s 1,72 l/s 10,95 l/s S. FLORIANO (CASTELFRANCO) Ab Q = 1,72 l/s 1,72 l/s CASTELFRANCO (SALVATRONDA) Ab Q = 4,00 l/s 4,00 l/s 12,67 l/s VEDELAGO Ab Q = 3,47 l/s 3,47 l/s 20,14 l/s IMPIANTO DI SALVATRONDA

14 13 PORTATA MASSIMA (l/s) - CONFIGURAZIONE DI PROGETTO CORNUDA Ab Q =51,96 l/s 51,96 l/s MASER Ab Q = 14,80 l/s 14,80 l/s 13,94 l/s CAERANO SAN MARCO Ab Q = 13,94 l/s 80,70 l/s 56,13 l/s CASELLE DI ALTIVOLE 14,50 l/s BUSTA Ab Q = 41,63 l/s Ab Q = 14,50 l/s 136,83 l/s FANZOLO Ab Q = 24,31 l/s 24,31 l/s 161,14 l/s S. FLORIANO (CASTELFRANCO) Ab Q = 23,28 l/s 23,28 l/s CASTELFRANCO (SALVATRONDA) Ab Q = 54,26 l/s 54,26 l/s 184,42 l/s VEDELAGO Ab Q = 49,08 l/s 49,08 l/s 287,76 l/s IMPIANTO DI SALVATRONDA

15 14 PORTATA MASSIMA (l/s) - CONFIGURAZIONE DI EMERGENZA CORNUDA Ab Q =51,96 l/s 51,96 l/s MASER Ab Q = 51,20 l/s 51,20 l/s 13,94 l/s CAERANO SAN MARCO Ab Q = 13,94 l/s 117,1 l/s 78,28 l/s CASELLE DI ALTIVOLE 14,50 l/s BUSTA Ab Q = 63,78 l/s Ab Q = 14,50 l/s 195,38 l/s FANZOLO Ab Q = 24,31 l/s 24,31 l/s 219,69 l/s S. FLORIANO (CASTELFRANCO) Ab Q = 23,28 l/s 23,28 l/s CASTELFRANCO (SALVATRONDA) Ab Q = 54,26 l/s 54,26 l/s 242,97 l/s VEDELAGO Ab Q = 49,08 l/s 49,08 l/s 346,31 l/s IMPIANTO DI SALVATRONDA

16 15 3. VERIFICA IDRAULICA DELLE CONDOTTE DI PROGETTO 3.1 PREMESSA La verifica idraulica delle condotte di progetto è stata eseguita a moto uniforme applicando la nota formula di Gauckler Strickler, qui di seguito descritta, in riferimento alla portata massima convogliabile dalla stessa: 2 / 3 1/ 2 Q= K s * Rh * i * A dove: Q = portata massima convogliata [m 3 /s]; K S = coefficiente di scabrezza secondo Gauckler Strickler [m 1/3 /s]; R h = raggio idraulico, rapporto tra area bagnata e contorno bagnato [m]; i = pendenza della condotta [m/m]. Le verifiche idrauliche eseguite riguardano il collettore principale, per il quale la portata ai nodi è stata incrementata lungo il tracciato considerando i contributi degli agglomerati urbani che si incontrano per giungere al collegamento con la fognatura esistente in Via Sile, in località Salvatronda. Una ulteriore verifica è stata svolta sul collettore secondario DN 500, posato nel tratto di Via Sile, che parte dal Comune di Vedelago e giunge all incrocio con Via. Inoltre, per poter effettuare le verifiche, sono stati utilizzati i seguenti dati: pendenza longitudinale delle condotte, visibile negli elaborati grafici rappresentanti i profili di posa delle condotte; coefficiente di scabrezza, posto pari a 80 m 1/3 /s, ritenuto sufficientemente cautelativo per condotte in ghisa non nuove. Nelle tabelle alle pagine seguenti sono state riportate, per ciascun tratto, le seguenti grandezze: la lunghezza del tratto; la pendenza del tratto;

17 16 il diametro del collettore di progetto; la portata di progetto; il grado di riempimento realizzato; lo sforzo tangenziale. 3.2 COLLETTORE PRINCIPALE LOTTO I LOTTO II LOTTO III iniziale finale Lunghezza tratto (m) Pendenza (m/m) DN (mm) (l/s) Grado di riempimento (%) Sforzo tangenziale (Pa) ,5 0, ,1 15,43% 2, , ,12 27,25% 1, ,5 0, ,12 21,65% 3, , ,12 22,89% 3, , ,12 21,65% 3, , ,12 22,89% 3, , ,12 21,75% 1, , ,12 21,65% 3, , ,12 22,89% 3, , ,12 21,65% 3, , ,12 22,89% 3, , ,12 21,65% 3, , ,12 22,89% 3, , ,71 24,93% 3, , ,71 26,81% 2, , ,71 23,57% 4, ,5 0, ,71 33,29% 2, , ,71 24,92% 4, , ,71 26,81% 2, , ,71 29,73% 1, ,5 0, ,30 32,07% 2, ,5 0, ,30 16,60% 4, ,5 0, ,30 19,66% 2,79 media in configurazione di progetto

18 17 LOTTO I LOTTO II LOTTO III iniziale finale Lunghezza tratto (m) Pendenza (m/m) DN (mm) (l/s) Grado di riempimento (%) Sforzo tangenziale (Pa) ,5 0, ,63 7,18% 1, , ,23 12,37% 0, ,5 0, ,23 9,95% 1, , ,23 10,49% 1, , ,23 9,95% 1, , ,23 10,49% 1, , ,23 9,99% 0, , ,23 9,95% 1, , ,23 10,49% 1, , ,23 9,95% 1, , ,23 10,49% 1, , ,23 9,95% 1, , ,23 10,49% 1, , ,95 11,38% 1, , ,95 12,19% 1, , ,95 10,79% 2, ,5 0, ,95 15,43% 1, , ,95 11,05% 2, , ,95 12,19% 1, , ,95 13,43% 0, ,5 0, ,67 14,41% 1, ,5 0, ,67 7,70% 2, ,5 0, ,67 9,07% 1,36 minima in configurazione di progetto

19 18 LOTTO I LOTTO II LOTTO III iniziale finale Lunghezza tratto (m) Pendenza (m/m) DN (mm) (l/s) Grado di riempimento (%) Sforzo tangenziale (Pa) ,5 0, ,7 28,69% 4, , ,83 48,85% 2, ,5 0, ,83 37,84% 6, , ,83 40,20% 5, , ,83 37,84% 6, , ,83 40,20% 5, , ,83 38,02% 2, , ,83 37,84% 6, , ,83 40,20% 5, , ,83 37,84% 6, , ,83 40,20% 5, , ,83 37,84% 6, , ,83 40,20% 5, , ,14 44,00% 5, , ,14 47,75% 4, , ,14 41,36% 6, ,5 0, ,14 66,03% 3, , ,14 42,48% 6, , ,14 47,75% 4, , ,14 53,83% 3, ,5 0, ,42 58,56% 3, ,5 0, ,42 28,23% 7, ,5 0, ,42 33,78% 4,42 massima in configurazione di progetto

20 19 LOTTO I LOTTO II LOTTO III iniziale finale Lunghezza tratto (m) Pendenza (m/m) DN (mm) (l/s) Grado di riempimento (%) Sforzo tangenziale (Pa) ,5 0, ,1 34,82% 5, , ,38 60,80% 3, ,5 0, ,38 46,06% 6, , ,38 49,12% 5, , ,38 46,06% 6, , ,38 49,12% 5, , ,38 46,31% 3, , ,38 46,06% 6, , ,38 49,12% 5, , ,38 46,06% 6, , ,38 49,12% 5, , ,38 46,06% 6, , ,38 49,12% 5, , ,69 52,65% 6, , ,69 57,54% 4, , ,69 49,28% 7, ,5 0, ,69 73,34% 3, , ,69 47,90% 7, , ,69 57,54% 4, , ,69 65,85% 3, ,5 0, ,97 70,94% 3, ,5 0, ,97 32,55% 8, ,5 0, ,97 39,13% 4,95 massima in configurazione di emergenza

21 COLLETTORE SECONDARIO VIA SILE, COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO iniziale finale Lunghezza tratto (m) Pendenza (m/m) DN (mm) (l/s) Grado di riempimento (%) Sforzo tangenziale (Pa) , ,35 21,30% 1,25 media in configurazione di progetto iniziale finale Lunghezza tratto (m) Pendenza (m/m) DN (mm) (l/s) Grado di riempimento (%) Sforzo tangenziale (Pa) , ,08 36,23% 1,95 massima in configurazione di progetto

22 21 4. RISULTATI DEL DIMENSIONAMENTO IDRAULICO Analizzando i risultati delle verifiche idrauliche riportate nel capitolo precedente per il collettore principale, si può concludere che: il grado di riempimento delle condotte del collettore principale in progetto varia tra il 15% e 32% nel caso di portata media, tra 7% e 14% nel caso di portata minima, tra 28% e 58% nel caso di portata massima ed infine tra 32% e 70% nel caso di portata massima in configurazione di emergenza; esso risulta, dunque, soddisfacente e con adeguati margini di sicurezza anche qualora dovessero verificarsi eventuali trasformazioni del territorio interessato non ipotizzabili in fase progettuale; in termini di sforzi tangenziali, si può notare che i valori ottenuti nei casi di portata media, massima e massima in configurazione di emergenza variano complessivamente tra 1,85 Pa e 8,58 Pa; in entrambi i casi di portata massima lo sforzo tangenziale risulta sempre superiore ai 2 Pa, rispettando quanto previsto in letteratura. Nel caso della portata media, in alcuni tratti a bassa pendenza (0,002 m/m), il valore dello sforzo tangenziale scende al di sotto dei 2 Pa; data tuttavia l esiguità dei casi si possono comunque considerare accettabili i risultati ottenuti.

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale COMUNE DI DESENZANO D/G PROVINCIA DI BRESCIA COMMITTENTE SOCIETÀ AGRICOLA TREZZA Studio idraulico preliminare per lo smaltimento delle acque reflue del piano integrato- PII Grezze RELAZIONE TECNICA GIUSTIFICATIVA

Dettagli

PROGETTO. Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO

PROGETTO. Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO PROGETTO Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO RELAZIONE IDRAULICA FOGNATURE ACQUE NERE E BIANCHE PROGETTO REDATTO IN DATA ottobre 2013 RESPONSABILE PROCEDIMENTO : ING. MARCELLO MONFRINOLI PROGETTISTA

Dettagli

Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta

Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta ESERCITAZIONE N. 1 (23 MARZO 2005) Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta PROBLEMA 1 Una portata Q di 1260 m 3 /h scorre in un canale circolare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

COMMITTENTE ELABORATO N. RENDER PROGETTISTA COORDINATORE. arch. Antonio Rossi PROGETTISTA ARCHITETTONICO. arch. Antonio Rossi COLLABORATORE

COMMITTENTE ELABORATO N. RENDER PROGETTISTA COORDINATORE. arch. Antonio Rossi PROGETTISTA ARCHITETTONICO. arch. Antonio Rossi COLLABORATORE P I E T R O B O N & R O S S I E N G I N E E R I N G S I N E R G O P R O G E T T I piazza della serenissima, 20-31033 castelfranco veneto (tv) tel. 0423/49.49.55/72.46.83 - fax 0423/72.09.66 www.sinergoprogetti.it

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 PROGETTO ESECUTIVO 1/9 1. PREMESSA La presente relazione descrive gli aspetti idraulici connessi con lo smaltimento

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata CALCOLO IDRAULICO Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata d acqua prevista. Nello specifico il calcolo riguarda la progettazione della sezione della tubazione

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE

COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE Ing. Robe rto M ag na gh i Ing. A lessandro M agnaghi P.i.e. Paolo Epistolio COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto:

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto: PREMESSA Il nuovo collettore fognario ed il depuratore a servizio delle frazioni Roccia, Villaretto e Pranovo rientrano tra le opere previste a compensazione dell impianto idroelettrico proposto sul Rio

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate Alla PROVINCIA di COMO SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO ACQUE via Borgovico, 148 22100 COMO Il/La sottoscritto /a C.F. in qualità di (*) del Comune di / del Consorzio / della Società nato/a a prov.

Dettagli

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2011/2012 ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA (Appunti tratti dalla lezione del 14/05/2012, non rivisti dal docente) 1 Esempio di dimensionamento

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Fano, Località Madonna Ponte, area ex zuccherificio Variante parziale al P.R.G. comunale redatta ai sensi della L.R. 34/92, art. 15, comma 4 Relazione computi metrici estimativi

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

V Giornata di Studio sul Drenaggio Urbano Sostenibile

V Giornata di Studio sul Drenaggio Urbano Sostenibile V Giornata di Studio sul Drenaggio Urbano Sostenibile Riuso e Risparmio delle Acque Reflue e Meteoriche 13 Dicembre 2007 Genova, Magazzini del Cotone Attività di monitoraggio finalizzata alla individuazione

Dettagli

SERVIZIO DI MISURAZIONE E RICERCA DELLE PORTATE DELLE ACQUE PARASSITE CHE INAPPROPRIATAMENTE RECAPITANO NELLE RETI FOGNARIE

SERVIZIO DI MISURAZIONE E RICERCA DELLE PORTATE DELLE ACQUE PARASSITE CHE INAPPROPRIATAMENTE RECAPITANO NELLE RETI FOGNARIE SERVIZIO DI MISURAZIONE E RICERCA DELLE PORTATE DELLE ACQUE PARASSITE CHE INAPPROPRIATAMENTE RECAPITANO NELLE RETI FOGNARIE Con il patrocinio di PROBLEMATICHE DA RISOLVERE Il depuratore Burida è dimensionato

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche Premessa L ambito d intervento del P.P.I.P riguarda un area a destinazione residenziale (d ora in poi denominata bacino) di 3.440 m², così suddivisa: PLANIMETRIA

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n.

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n. MARCA DA BOLLO DA 14,62 SPETT. LE COMUNE DI CALUSCO D ADDA (BG) - Settore Tecnico OGGETTO: Richiesta di Autorizzazione all allacciamento alla fognatura pubblica D.Lgs n. 152 del 03.04.2006 e s.m.i. Regolamenti

Dettagli

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N aggiornamento ottobre 2008 Pagina 1 di 6 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE PROPRIETARIO DELLE RETI FOGNARIE

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 3 3. PROGETTO URBANISTICO... 4 4. STUDIO IDROLOGICO... 6 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6 4.2 Coefficiente di deflusso...7 4.2.1 Tempo

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Portate di tempo asciutto / acque luride o nere

Portate di tempo asciutto / acque luride o nere Portate di tempo asciutto / acque luride o nere Le portate di tempo asciutto sono quelle che provengono: dagli scarichi delle utenze servite dall acquedotto civile (domestiche, pubbliche, commerciali,

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO CERBONI GIUSEPPE - PULETTI CLOTILDE - GAUDENZI ALFREDO PROGETTO PIANO ATTUATIVO

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

AL COMUNE DI CONSELICE

AL COMUNE DI CONSELICE AL COMUNE DI CONSELICE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO VIA MERLO, COMPARTI 39/A-39/B PROPRIETA': Cooperativa Ceramica d'imola S.c. Via Vittorio Veneto, 13 40026 Imola (Bo) R.E.A. BO 5545 - C.F. e Reg. Impr.

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO Provincia di Bologna Proprietà Attuatore COOP. COSTRUZIONISoc.Coop. Via F. Zanardi, 372 40131 Bologna PIANO PARTICOLAREGGIATO PER L ATTUAZIONE DEL COMPARTO C2-13 in conformità all Accordo ex art. 18 L.R.

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE REALIZZAZIONE STRADA DI COLLEGAMENTO TRA VIA PIOVOLA E LO SVINCOLO "EMPOLI EST" DELLA S.G.C. FI-PI-LI PROGETTO DEFINITIVO COMMITTENTE COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE IDROLOGICA

Dettagli

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi:

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi: 1 Premessa Il comparto rientra nell ambito degli accordi con i privati di cui all art. 18 della L.R. n. 20/2000 contrassegnato col n. 16 Lido di Classe Nord Sud, ed è soggetto a PUA generale. E costituito

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI C O R I N A LD O PROGETTO DEFINITIVO N. ELAB. TITOLO

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)-

Dettagli

I N D I C E. Relazione Tecnico-Illustrativa

I N D I C E. Relazione Tecnico-Illustrativa I N D I C E 1. PREMESSA... 1 2. STATO ATTUALE DEI SISTEMI DI COLLETTAMENTO E DEPURAZIONE... 4 2.1 COMPRENSORIO DI BORGHETTO SANTO SPIRITO (SV)... 4 2.2 COMUNE DI CERIALE (SV)... 5 2.3 COMUNE DI PIETRA

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia. Maggio 2012. Enia Reggio Emilia srl

IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia. Maggio 2012. Enia Reggio Emilia srl IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia Maggio 2012 Enia Reggio Emilia srl 3 Ciclo Idrico Integrato: gli assets Abitanti Residenti: 525.776 su 44 Comuni della Provincia di RE Acquedotto

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto RELAZIONE IDRAULICA Descrizione sommaria delle opere Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto realizzato con il lotto 1, e da qui indirizzate al collettore

Dettagli

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE FAC SIMILE Marca da bollo (1). 14,62 Ill.mo Sig. SINDACO del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE Spett.le ARPAL Dipartimento provinciale di Savona Settore Qualità delle Acque superficiali

Dettagli

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane Giornata di Studio GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Milano - Palazzo Lombardia - Auditorium 21 novembre 2012 Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3 4.1 Fognatura nera... 3 4.2 Sistema di raccolta acque meteoriche aree pubbliche...

Dettagli

Piano Strutturale Comunale

Piano Strutturale Comunale Piano Strutturale Comunale Sindaco: Maino Benatti Assessore Economia e Sviluppo Sostenibile: Roberto Ganzerli Segretario - Direttore Generale: Alessio Primavera C - SISTEMA TERRITORIALE Sostenibilità idraulica

Dettagli

La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI.

La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI. La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI. In tabella sono stati inseriti i seguenti dati: 1) AGGLOMERATI Fabbisogno depurativo totale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

CENNI SULLE RETI DI SCARICO

CENNI SULLE RETI DI SCARICO CAPITOLO 1 1.1 Premessa Col termine rete di scarico si intende un sistema di tubazioni per scaricare al di fuori di un edificio acque piovane o sanitarie. Si usa distinguere tra: rete di scarico esterna

Dettagli

Relazione Tecnica Idraulica 2

Relazione Tecnica Idraulica 2 1. Premessa... 3 1.1 3 2. Descrizione degli interventi... 5 3. Dati di Base... 9 3.1 Analisi della Popolazione Residente... 9 3.2 Stima Attuale Della Popolazione Residente in Località Ponte A Poppi...

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

Tariffe e addebiti vari (Allegato n.2) (gli importi di cui al presente elaborato sono da intendersi IVA esclusa)

Tariffe e addebiti vari (Allegato n.2) (gli importi di cui al presente elaborato sono da intendersi IVA esclusa) (Allegato n.2) (gli importi di cui al presente elaborato sono da intendersi IVA esclusa) Allegato al REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Parte seconda Fognatura e Depurazione Allegato 2 CONTRIBUTO

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 PREMESSA... 2 2 COSTI DI REALIZZAZIONE E COSTI DI GESTIONE... 4 3 BENEFICI TRASPORTISTICI... 6 4 VARIAZIONE DELLA SICUREZZA... 8 5 BENEFICI AMBIENTALI -VARIAZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO... 11

Dettagli

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 RELAZIONE TECNICA 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE Nella definizione della nuove reti fognarie, si

Dettagli

RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI

RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI OGGETTO: RIFACIMENTO DELLA RETE IDRICA DI VIA P. UMBERTO E CORSO UMBERTO I Acquedotto La rete idrica, è composta da condotte in pressione, poste a 1 m sotto il piano

Dettagli

FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE

FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE La rete fognaria in oggetto è costituita da 5 picchetti e da 4 tratti. Legge di probabilità pluviometrica La legge di probabilità pluviometrica

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA VERIFICA FUNZIONALITA SFIORATORE... 2

INDICE 1. PREMESSA VERIFICA FUNZIONALITA SFIORATORE... 2 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. VERIFICA FUNZIONALITA SFIORATORE... 2 2.1. Calcolo portata media nera giornaliera... 2 2.2. Calcolo portata limite... 3 2.3. Calcolo coefficiente di diluizione e verifica funzionalità

Dettagli

.Sottoscritt.. nato a... il. residente a... Via n..

.Sottoscritt.. nato a... il. residente a... Via n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO

Dettagli

ALLEGATO TECNICO S 1. Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda)

ALLEGATO TECNICO S 1. Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda) ALLEGATO TECNICO S 1 Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda) Coordinate geografiche Gauss Boaga 2 (in metri) del punt di recapito

Dettagli

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE 1. VERIFICA DELLA RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE NERE Il centro di cure palliative hospice di Spicchio è allocato all interno di un fabbricato già esistente nel complesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Acquedotti: La stima dei fabbisogni

Acquedotti: La stima dei fabbisogni Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Acquedotti: La stima dei fabbisogni Ing. Antonino Cancelliere

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI 85 PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI IL

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR9 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI PROVENIENTI DA IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE, SFIORATORI IN TESTA ALL IMPIANTO, BY-PASS GENERALI E

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale A.A.T.O. BACCHIGLIONE

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale A.A.T.O. BACCHIGLIONE Autorità d Ambito Territoriale Ottimale A.A.T.O. BACCHIGLIONE Determinazione del Direttore N. DI REG.: 4 N. DI PROT.: 24 OGGETTO: A.V.S. S.p.A. PROGETTO DI COSTRUZIONE FOGNATURA NERA IN LOCALITÀ GIACOMONI

Dettagli

- REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine -

- REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine - - REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine - ACQUEDOTTO POIANA SPA TITOLO AGGIORNAMENTO DEL GENERALE DELLE FOGNATURE

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TUTELA AMBIENTALE U.O.C. RISORSE IDRICHE VIA TARAMELLI, 2 27100 PAVIA

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TUTELA AMBIENTALE U.O.C. RISORSE IDRICHE VIA TARAMELLI, 2 27100 PAVIA MODELLO A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TUTELA AMBIENTALE U.O.C. RISORSE IDRICHE VIA TARAMELLI, 2 27100 PAVIA Marca da Bollo MODULO PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORSI IDRICI SUPERFICIALI

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA VERIFICA FUNZIONALITA SFIORATORE... 2

INDICE 1. PREMESSA VERIFICA FUNZIONALITA SFIORATORE... 2 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. VERIFICA FUNZIONALITA SFIORATORE... 2 2.1. Calcolo portata media nera giornaliera... 2 2.2. Calcolo portata limite... 3 2.3. Calcolo coefficiente di diluizione e verifica funzionalità

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

R.2.3 Relazione tecnica idraulica

R.2.3 Relazione tecnica idraulica Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.3 Relazione tecnica idraulica Rovato, novembre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO E FOGNARIO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO E FOGNARIO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO E FOGNARIO DESCRIZIONE SOMMARIA DELL IMPIANTO E DATI DI PROGETTO Il presente progetto riguarda il dimensionamento dell impianto di adduzione idrica e di scarico delle

Dettagli

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Profilo geologico Le tipologie di intervento previste consistono in :! Potenziamento delle

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA REALIZZAZIONE DI UN IMMISSIONE DI ACQUE CHIARE NEL FOSSO DEI GUASTRI IN LOC. SANT'ANGELO DI CELLE COMMITTENTE: NOVATECNO S.r.l. INTEGRAZIONE DOCUMENTALE - Prot. N.

Dettagli

COMUNE DI JESOLO. OPERE ESECUTIVE DI URBANIZZAZIONE Piano Urbanistico Attuativo redatto ai sensi dell art.19 della L.R. 23 Aprile 2004 nr.

COMUNE DI JESOLO. OPERE ESECUTIVE DI URBANIZZAZIONE Piano Urbanistico Attuativo redatto ai sensi dell art.19 della L.R. 23 Aprile 2004 nr. COMUNE DI JESOLO OPERE ESECUTIVE DI URBANIZZAZIONE Piano Urbanistico Attuativo redatto ai sensi dell art.19 della L.R. 23 Aprile 2004 nr.11, Ambito 44 DIMENSIONAMENTO RETE ACQUE NERE Il Tecnico Studio

Dettagli