CHIRURGIA DELL'OCCHIO. Intervento di cataratta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHIRURGIA DELL'OCCHIO. Intervento di cataratta"

Transcript

1 18 novembre 2002 lezione di S.M.C. Professor Miglior CHIRURGIA DELL'OCCHIO Intervento di cataratta L'intervento di cataratta è il più diffuso in assoluto nel mondo occidentale; esso permette una riabilitazione visiva oserei dire superba, ponendo l'occhio nella condizione di recuperare tutto quello che ha perso, qualora il deficit sia dovuto effettivamente ed esclusivamente alla cataratta. Con questo intervento si modifica la situazione refrattiva, diottrica: sostanzialmente cambiamo la lente; è chiaro che se, dietro la lente, la retina non è a posto, il risultato funzionale dipenderà molto dallo stato retinico. Primo tempo: la preparazione degli ingressi in camera anteriore L'intervento consiste nel creare innanzitutto un'incisione a livello del limbo sclero-corneale; la pupilla è completamente midriatica perché il cristallino è posizionato dietro all'iride e si deve avere un accesso che sia il più comodo possibile; l'incisione è molto corta, di 3 mm, ed è accompagnata spesso a seconda della tecnica chirurgica da altri due piccoli ingressi ai lati. In questa prima fase dell'intervento è stato preparato l'ingresso attraverso cui si eseguiranno le fasi successive: tale accesso dovrà essere perfezionato perché ancora non si è entrati in camera anteriore; a questo serviranno i due ingressi di servizio. A questo punto si allarga e si approfondisce il taglio intracorneale, scavando un tunnel nello stroma; successivamente si entra in camera anteriore con un bisturi di 3 mm. Secondo tempo: l'apertura della capsula anteriore o capsuloressi

2 Il cristallino, secondo le moderne tecniche chirurgiche, non viene più tolto integralmente, cioè tutto lo stroma con la capsula compresa; si lascia la capsula e si leva esclusivamente la parte cellulare del cristallino: per fare questo bisogna proprio creare un'apertura nella superficie anteriore, una capsuloressi. Prima si inserisce una sostanza visco-elastica trasparente, che permette di mantenere le giuste distanze e gli spazi adatti allo scopo chirurgico; a questo punto, con una pinza si prende la capsula anteriore e si apre con una manovra circolare, per permettere le fasi successive. Poi si può procedere alla emulsificazione e aspirazione del cristallino vero e proprio. Una volta ottenuto questo risultato, abbiamo la necessità di separare bene dalla capsula il corpo, cioè la struttura cellulare, del cristallino non solo anteriormente ma anche posteriormente, quindi su tutta la superficie interna della capsula; si crea un'interfaccia fra le due strutture, requisito fondamentale perché il cristallino possa effettivamente ruotare: ciò si ottiene instillando semplicemente dell'acqua attraverso un'agocannula immediatamente al di sotto della capsula anteriore. L'acqua si disperde in tutti gli spazi, insinuandosi nello spazio virtuale fra capsula e corteccia del cristallino; questo permette la separazione fra le due strutture. Nel momento dell'iniezione risulta visibile la diffusione dell'acqua nello spazio virtuale: tale "onda" di diffusione dimostra che si è creata una separazione fra la corteccia del cristallino e la capsula. Con l'agocannula stessa, il chirurgo è ora in grado di far ruotare il corpo del cristallino. Quando è possibile eseguire questa rotazione, significa che è possibile la successiva aspirazione del cristallino: chiaramente ogni ulteriore manovra non determinerà una trazio-ne sulla capsula. Terzo tempo: la facoemulsificazione-chop La facoemulsificazione si esegue utilizzando una sonda ad ultrasuoni che è in grado contemporaneamente di emettere onde che disgregano il cristallino, emulsificandolo, e di aspirare il tessuto che viene disgregato. Si attua un vero e proprio sminuzzamento del tessuto, poi aspirato dalla stessa sonda. Il segreto dell'intervento è di operare in spazi corretti: il diametro della sonda corrisponde al diametro dell'incisione di ingresso e dalla sonda è

3 garantita una continua irrigazione; la sonda manda acqua e la recupera, permettendo un costante turn-over di liquido attraverso cui si mantiene stabile l'altezza della camera anteriore. Questa è una garanzia di sicurezza che permette al chirurgo di lavorare in camera anteriore senza correre il rischio, nel caso in cui si compiano inavvertitamente movimenti grossolani, di toccare la cornea, ledendo il lembo corneale, fondamentale al mantenimento della trasparenza. L'operatore utilizza, oltre alla sonda, anche un chopper: è un ferro chirurgico con la punta arcuata, tagliente nella sua porzione rivolta posteriormente. Il chopper permette, con l'ausilio della sonda, il taglio del cristallino in parti più piccole che siano più facilmente emulsificabili ed aspirabili. Il nome completo della tecnica è dunque facoemulsificazione-chop (to chop = tagliare in lingua inglese). Nella prima fase il chirurgo scava con la sonda in direzione verticale, crea un'incisione progressivamente più profonda per poter poi separare in modo netto, in due parti, il cristallino. Prima l'incisione è eseguita in un verso, poi il cristallino viene fatto ruotare di 180 ed essa verrà completata nel verso opposto, sempre in direzione verticale. Al termine di questa fase il cristallino sarà separato nettamente in due emicristallini. Successivamente il chirurgo penetra con la sonda nel corpo del cristallino, senza emissione di ultrasuoni, ma solo esercitando una certa aspirazione per tenerlo bloccato, mentre con l'altro ferro, il chopper, si porta in periferia per tagliare il cristallino, aiutandosi con l'appoggio della sonda. In questo modo i due emi-cristallini vengono ridotti a spicchi, poi in porzioni sempre più piccole, fino a raggiungere le dimensioni corrette per l'aspirazione. A questo punto la macchina esercita la sua massima capacità d'aspirazione; i frammenti verranno rapidamente convogliati verso la bocca della sonda, che sta emulsificando. Tutto fuoriesce attraverso la capsulotomia anteriore. La manovra può apparire semplice, ma in realtà si lavora in spazi ridottissimi, di dodici millimetri di diametro. Ciò che rimane è la capsula, svuotata del suo contenuto, cioè del nucleo del cristallino e di gran parte della corteccia; rimangono anche alcuni residui corticali che dovranno essere aspirati, perché la capsula dovrà

4 essere perfettamente pulita; infatti, se la componente cellulare di tali residui corticali dovesse proliferare andrebbe a opacizzare nuovamente e rapidamente la capsula posteriore; inoltre questi residui rimangono a contatto con un ambiente acquoso, poiché la capsula anteriore è aperta e l'acqueo penetra con facilità all'interno del sacco: i residui si imbibirebbero e occuperebbero ancora più spazio; infine il cristallino è immunologicamente segregato: lasciare in sede i residui corticali espone a rischio di infiammazioni intraoculari. Quindi, nei limiti del possibile, tali residui endo-oculari devono essere aspirati. L'aspirazione della porzione di corteccia rimasta in sede può essere eseguita con una sonda singola che entra ancora dall'accesso principale, la quale aspira e irriga contestualmente in modo da rimpiazzare immediatamente con una pari quantità di acqua ciò che sottrae, oppure con due sonde separate, una per aspirare e l'altra per irrigare, una in mano destra e l'altra in mano sinistra, così da eliminare facilmente tutto il materiale; per completare a 360 questa fase dell'intervento, il chirurgo ad un certo punto dovrà scambiare gli strumenti operatori da una mano all'altra. Durante questa fase si rende ben visibile, nel filmato, il bordo tondo della capsuloressi che corrisponde all'apertura della capsula anteriore, su un piano di taglio decisamente anteriore rispetto alla capsula posteriore; il cristallino artificiale verrà infilato nella capsula, quindi il bordo della capsula anteriore, parte ancora presente, sarà ancorato ad esso. Con queste manovre non si rischia di ledere la capsula posteriore? Sì, certamente; la lesione della capsula posteriore costituisce il rischio principale di questo intervento, il quale si deve concludere con l'integrità del sacco capsulare e quindi della sua porzione posteriore. E' ovvio che eseguendo queste manovre può accadere che in fase di facoemulsificazione si penetri troppo in profondità, oppure che durante l'aspirazione si rivolga la bocca dell'aspiratore verso il basso: in questo caso la capsula posteriore verrà risucchiata e andrà immediatamente a impegnare il foro dello strumento. Il chirurgo deve prontamente mollare il pedale di comando dell'aspirazione e il reflusso conseguente all'interruzione della manovra sparerà all'esterno la capsula, evitandone la rottura; esistono, d'altra parte, anche capsule molto sottili, le quali andranno incontro più facilmente a rottura in circostanze di questo tipo. Questo è proprio il punto delicato dell'intervento, che cambia radicalmente in caso di rottura della capsula. Quarto tempo: il posizionamento della lente intraoculare Le lenti intraoculari sono di diverso tipo: oggi si usano lenti a piatto, molto larghe e pieghevoli, perché fatte di un materiale che ne permette

5 l'ingresso attraverso un'incisione molto piccola, in modo da concludere l'intervento senza punti di sutura o con un singolo punto per garantire la massima sicurezza; soprattutto, un taglio così ridotto non lascia nessun residuo cicatriziale che possa indurre astigmatismo post-operatorio. Dapprima viene iniettata nel sacco capsulare una sostanza visco-elastica per riempirlo e distenderlo; si tratta della stessa sostanza utilizzata anche all'inizio dell'intervento: è un materiale gelatinoso, disponibile in diversi pesi molecolari. Per il corretto ingresso della lente, è indispensabile l'adeguata distensione del sacco capsulare, senza la quale i loop della lente che servono per ancorarla, andrebbero a impigliarsi in alcuni punti impedendo il giusto funzionamento visivo. Dopo il riempimento della capsula si procede allargando il taglio: da 3 mm si passa a 4 mm, per facilitare l'ingresso della lente, la quale ha di per sè un diametro di 6 mm, a volte 6.5 mm: la lente piegata in due ha un diametro dimezzato e questo permette di contenere entro i 4 mm il diametro dell'incisione. Il passaggio successivo è l'inserimento della lente, che viene presa e manovrata da una pinza specifica per quest'uso. La lente possiede due loop, che fungono da "molle" della lente, permettendole di mantenere una posizione centrale nell'asse ottico: per ridurre al minimo il traumatismo la prima loop che entra può essere ripiegata ad ansa prima dell'inserimento. Poi la lente viene fatta entrare attraverso il bordo della ressi, viene inserita, successivamente viene ruotata, poi la pinza viene aperta e la lente si distende. La seconda loop è ancora all'esterno del sacco: verrà inserita anch'essa, ad esempio per rotazione. A questo punto la lente intraoculare è totalmente in posizione corretta. La manovra successiva consiste nell'aspirare la sostanza visco-elastica che è stata inserita, la quale può essere riassorbita dall'occhio attraverso il trabecolato, ma che, essendo gelatinosa, determina un ipertono nel primo post-operatorio che può anche essere piuttosto marcato. Il trabecolato non viene ostruito dalla lente? No, perché il trabecolato è sito all'angolo irido-corneale, su 360, mentre la lente è in camera posteriore. Il trabecolato potrebbe essere interessato solo quando, qualora avessimo causato una rottura nella capsula e non avessimo possibilità di posizionare la lente in camera posteriore, fossimo obbligati a mettere la lente in camera anteriore: allora la lente sarebbe anteriore al piano irideo, tra l'iride e la cornea, e le loop della lente andrebbero a toccare il trabecolato, almeno in alcuni punti.

6 A questo punto l'intervento è sostanzialmente finito; come manovra di sicurezza si può dare un punto di sutura sull'incisione. Il chirurgo può scegliere di non suturare, perché in realtà la stessa pressione dell'occhio esercitata all'interno sulla parte posteriore, o termine del tunnel, spinge verso la cornea il pavimento del tunnel stesso che si è venuto a creare, facendo in modo che venga mantenuta la pressione e che l'incisione sia self-ceiling, cioè auto-cicatrizzante. In realtà, se il paziente dovesse innavvertitamente toccarsi l'occhio, si potrebbe creare una curvatura tale da non permettere ai due piani dell'incisione di combaciare: si può concludere dunque in questo modo, ma il paziente dovrà avere l'assoluta accortezza di non toccare l'occhio. Per questo motivo, onestamente, ritengo che terminare l'intervento con un punto di sutura a livello dell'incisione non comporti nessun problema e sia di massima sicurezza per il paziente, oltre che di protezione nei confronti del principale rischio operatorio, cioè l'infezione. Tanto più rapida sarà la cicatrizzazione, migliore sarà la protezione dal rischio infettivo. Di che materiale sono le loop della lente? Sono di materiale plastico: possono essere polimeri chimici con gruppi silicone, mentre altri sono in PNMA, etc.etc. Hanno caratteristiche particolari, cioè sono immunologicamente inerti. Alcune lenti sono più morbide, per permettere l'ingresso con vettori particolari, altre sono più rigide. Intervento di correzione della miopia Gli interventi di scelta per la correzione della miopia sono sostanzialmente due: la tecnica PRK e la LASIK; la differenza è che nella PRK l'intervento viene eseguito direttamente sullo stroma corneale, dopo aver solamente eliminato con una spatolina la parte più superficiale dell'epitelio corneale, che poi ricrescerà nel post-operatorio; nella LASIK, invece, con un tagliente particolare si taglia in senso laterale un lembo della cornea, il quale poi viene ribal-tato per pemettere di eseguire il laser sul fondo dello spazio di stroma scoperto; il lembo verrà poi riposizionato. Le indicazioni per le due tecniche sono assolutamente le stesse. La tecnica PRK Primo tempo: la preparazione del paziente

7 Il paziente si posiziona al di sotto dello strumento; viene eseguita un'anestesia locale, con somministrazione topica di un collirio; la preparazione del paziente è piuttosto "informale", dato che i rischi di sepsi in questo tipo di intervento sono veramente scarsi; viene posizionato uno strumento per tenere divaricati i due margini palpebrali. Secondo tempo: l'eliminazione dell'epitelio Individuata la zona da trattare, con una spatola viene eliminato l'epitelio superficiale corneale per esporre lo stroma sottostante all'azione del laser; il paziente non avverte assolutamente nessun fastidio. La zona viene pulita con attenzione. Terzo tempo: il laser Il paziente guarda alcuni punti di fissazione sulla macchina per tutta la durata d'emissione del laser, che viene indirizzato sullo stroma corneale non più protetto dall'epitelio; l'ampiezza del raggio-laser viene progressivamente aumentata e la superficie d'azione sullo stroma corneale è dapprima ridotta, poi via via concentricamente più ampia: i laser moderni si distinguono da quelli precedenti perché l'area che vanno a "bersagliare" sulla cornea è decisamente più larga, allo scopo di ridurre al minimo i potenziali fenomeni di regressione che si sono visti nei primi pazienti nel post-operatorio. Il laser può essere dotato di un sistema particolare grazie al quale lo strumento è in grado di seguire ogni piccolo movimento dell'occhio del paziente. L'occhio è libero di muoversi: il laser ferma la sua emissione nel caso in cui l'occhio si sposti troppo. In realtà esistono anche sistemi alternativi: il chirurgo può utilizzare una specie di coppettina per tenere più fermo l'occhio, in modo da avere un Miglior controllo della situazione. Il laser esegue una vera e propria ablazione centrifuga dello stroma corneale: modellando la curvatura corneale, si corregge il difetto. Quarto tempo: la medicazione Si procede alla medicazione con farmaci antibiotici e anti-infiammatori ad uso topico; infine, viene posizionata sulla superficie dell'occhio una lente a contatto morbida, che rimarrà in sede per due o tre giorni, senza che il paziente la tolga, giorno e notte: la lente è in grado di ridurre innanzitutto il dolore post-operatorio e permette al paziente di tenere l'occhio aperto fin da subito.

8 L'epitelio che è stato escarificato si riforma nel giro di due, tre giorni; la cornea rimane ovviamente assottigliata, perchè l'effetto del laser è di ablare lo stroma: la cornea, che ha fisiologicamente uno spessore medio di 550 _m, sarà ora di 400, 450 _m; lo spessore finale dipende ovviamente dall'entità della miopia da trattare. La cornea deve mantenere uno spessore minimo: per questo oltre certi gradi di miopia non è assolutamente consigliato trattare con il laser, perché non si ottiene il risultato sperato e si rischia di indebolire eccessivamente la cornea. Una volta che l'epitelio si è riformato l'occhio riprende la sua struttura unica, uniforme; non presenta nessun taglio permanente. E' una terapia che va bene per qualsiasi forma di miopia, anche se si può leggere sulle riviste che solo la miopia di grado lieve è indicata all'intervento con tecnica PRK, ma non è assolutamente vero. La PRK è in grado esattamente come la LASIK di correggere miopie di grado elevato; anzi su un paziente con miopia elevata può essere meglio eseguire una PRK, poi vi spiegherò perché. Quali possono essere gli effeti indesiderati dell'intervento? Il primo rischio, il più importante, è quello di trattare una miopia di grado troppo elevato: se l'assottigliamento della cornea è eccessivo, ad esempio di 200 _m, il paziente avrà problemi gravi. La cornea non avrà più la stessa robustezza, la sua rigidità fisiologica e potranno verificarsi delle ectasie, cioè delle alterazioni della curvatura, le quali potranno anche essere clinicamente non visibili, ma molto significative dal punto di vista funzionale. Un altro rischio è lo sviluppo di edema: nell'arco di mesi la cornea può andare incontro a un processo infiammatorio che è ben trattato con antiinfiammatori cortisonici, ma al quale, d'altra parte, potrà associarsi la perdita di efficacia del trattamento; tale rischio non è comunque prevedibile. Il rischio di infezione è prossimo a zero e comunque si tratta di infezioni della parte esterna dell'occhio, per le quali può bastare una terapia locale adeguata. In realtà, dunque, non ci sono rischi importanti, che invece esistono solo laddove è stata posta una cattiva indicazione, ad esempio per miopie troppo elevate. Come al solito, anche in questo caso la corretta informazione da parte del medico riduce al minimo la possibilità di contenziosi con il paziente.

9 Nell'immediato post-operatorio si possono presentare, infine, dolore di intensità importante e lacrimazione marcata; d'altra parte, il dolore può essere anche del tutto assente, dipende dall'individuale reazione del paziente: addirittura ci sono soggetti che in un occhio hanno dolore e nell'altro no! In ogni caso, il dolore cessa quando si è riformato l'epitelio corneale; l'effetto terapeutico dell'intervento, infine, si stabilizza nell'arco dei primi due o tre mesi. Così come si corregge la miopia, si può correggere anche l'astigmatismo e l'ipermetropia anche se entro certi limiti e non con gli stessi risultati che si ottengono per la miopia. La tecnica LASIK Questa seconda tecnica si avvale anch'essa del laser, ma è differente. Dopo aver bloccato l'occhio del paziente si utilizza il cheratotomo, che esegue un taglio della superficie corneale: lo strumento equivale ad una pialla, tramite la quale viene "affettato", in senso orizzontale, un lembo di cornea dello spessore di 150 _m; il taglio non è totale, il lembo resta attaccato all'estremità opposta a quella di partenza del taglio e viene ribaltato per eseguire le fasi successive dell'intervento, durante le quali si va ad agire sullo spessore corneale residuo di 400 _m, non più di 530 _m come avveniva nella tecnica precedente. Ciò significa che non si possono trattare con la LASIK le miopie di grado molto elevato, nelle quali si rischierebbe di assottigliare eccessivamente lo stroma corneale. Lo strumento possiede un blocco che permette di non tagliare tutto il flap di cornea superficiale che ad un capo deve restare ancorato allo stroma sottostante, per quanto la letteratura sia ricca di casi in cui il lembo è stato tagliato completamente; oggi le tecniche sono d'altra parte molto migliorate; al termine del trattamento il lembo viene ribaltato e riposizionato nel suo sito fisiologico. E' indubbiamente una tecnica molto più invasiva della precedente: si tratta di un intervento chirurgico di una certa importanza; non è un intervento che può fare chiunque, ma è appannaggio di chi ha una certa esperienza di chirurgia oculare e la pratica quotidianamente. Primo tempo: la preparazione del paziente

10 L'anestesia è sempre eseguita secondo una via di somministrazione topica. Nella LASIK c'è un rischio settico maggiore: resterà infatti inevitabilmente uno spazio virtuale fra lo stroma corneale e il lembo riposizionato al termine dell'intervento; ciò crea un certo rischio di infezione, quindi la preparazione del campo chirurgico è più attenta. Viene identificata, innanzitutto, la zona centrale da trattare; poi si blocca l'occhio tramite uno strumento a forma di coppetta che crea un vacuum di una certa entità in grado di bloccare i movimenti dell'occhio, data l'impossiblità ad eseguire il taglio nel caso in cui l'occhio non sia fermo. Secondo tempo: il taglio del flap Il cheratotomo crea il lembo di epitelio corneale, proseguendo in direzione orizzontale fino al blocco; poi, quando il flap è stato tagliato, torna indietro lentamente alla posizione di partenza. Il capo opposto a quello da cui il cheratotomo ha iniziato il taglio è il punto di ancoraggio o cerniera del lembo corneale. Il flap deve essere creato con un taglio preciso, eseguito senza interruzioni: sono riportati casi in cui il cheratotomo si è bloccato a metà: l'unica soluzione corretta è, in situazioni di questo tipo, sospendere l'intervento, perchè il taglio interrotto non potrà essere ripreso e completato da un altro strumento. Ho assistito personalmente ad un caso di questi: il chirurgo ha scelto di proseguire l'intervento senza un flap completo e comunque ribaltando la breve porzione tagliata; il risultato è stato che il laser ha agito sia sullo stroma corneale, sia sul lembo incompleto, con risultati devastanti: per il paziente dopo qualche anno è stato necessario un trapianto di cornea! Terzo tempo: il laser In questa fase fra la PRK e la LASIK non c'è nessuna differenza: l'azione concentrica e centrifuga del laser corregge la curvatura corneale. Quarto tempo: il riposizionamento del flap Il lembo corneale viene ribaltato nella sua posizione di partenza; il flap, d'altra parte, non aderirà mai più allo stroma sottostante: resterà fermo in posizione fisiologica solo perchè l'epitelio del margine libero del taglio ricostituirà la continuità con l'epitelio corneale complemetare rimasto in sede. E' ovvio che se l'occhio dovesse subire un trauma, seppur banale (un dito nell'occhio, una pallina da tennis...), l'urto potrebbe spostare il flap

11 oppure, caso ancora più grave, il lembo si potrebbe perdere: sono casi descritti in letteratura. La LASIK ha il grande vantaggio di non dare dolore nel post-operatorio, poiché l'epitelio è sostanzialmente ancora tutto presente e nel giro di poche ore la linea del taglio sarà cicatrizzata tramite la rigenerazione dell'epitelio corneale; inoltre, il paziente vede rapidamente, recuperando in brevissimo tempo. Il grande svantaggio è che il soggetto resta per tutta la vita con un certo rischio potenziale di lesione corneale, oltre al fatto che lo spessore stromale sottostante al flap è molto più sottile di quanto sia nella PRK, con un rischio di ectasie decisamente maggiore: sostanzialmente le ectasie sono un rischio della LASIK, non della PRK. Considerato che con la PRK il paziente vede al meglio dopo tre, quattro giorni e con la LASIK, invece, già il giorno successivo, si può affermare che in pratica, a fronte di un guadagno di qualche giorno in termini di recupero dell'acuità visiva, il paziente operato secondo la LASIK dovrà pagare, nel follow-up, un rischio non ancora del tutto quantificabile, ma di una certa importanza. La LASIK è ritenuta in ambito specialistico più "elegante", ma per fortuna non è la tecnica scelta nella maggior parte dei casi: a volte viene suggerita al paziente con particolare enfasi, considerato l'enorme riscontro economico che l'accompagna in quanto appannaggio di pochi chirurghi; ma la PRK è assolutamente la più sicura, presentando come unici effetti collaterali l'abbondante lacrimazione e il dolore nel postoperatorio, ma nulla di più. L'intervento di correzione della miopia, dopo il recupero nel primo post-operatorio, prevede nel follow-up una prima fase di ipermetropia, per pochi mesi successivi all'intervento, e poi una normale regressione fino alla stabilizzazione definitiva. La prima regola è, comunque, che è impossibile pretendere una correzione della miopia che sia perfetta: permane dopo l'intervento un +/- 0.25, o +/- 0.50, che comunque in visione binoculare non creano grossi problemi: il paziente si potrà permettere di non usare più nè lenti a contatto, nè occhiali. Bisogna d'altra parte considerare che la presbiopia incombe su tutti fra i 40 e i 50 anni, quando gli occhiali diventano d'obbligo: queste considerazioni incidono sulle indicazioni chirurgiche e rendono indubbiamente controindicato l'intervento per pazienti con miopia di grado molto elevato.

12 Una controindicazione assoluta all'intervento è la presenza di un cheratocono. Qual è la soglia oltre la quale è sconsigliato l'intervento? Fino a 12 diottrie l'operazione può avere una buona efficacia, anche se è ovvio che sopra le 8 diottrie la possibilità di avere una correzione totale si riduce; oggi però, con i nuovi laser, in commercio dall'anno scorso, si vedono indubbiamente ottimi risultati anche per miopie fino a 12, spesso con risultati anche più stabili di quelli ottenuti nella correzione di difetti più lievi. D'altra parte la qualità del risultato dipende anche da altri fattori: ad esempio, la corretta temperatura della stanza, che è molto importante, così come la perfetta efficacia del laser, che deve essere sempe testato prima di ogni singolo intervento; tutti elementi di cui il paziente, purtroppo, non è al corrente. P.S. A lezione sono stati proiettati dei filmati illustranti le varie tecniche chirurgiche: ho riportato tutto, ma proprio tutto, in questa sbobinatura! Ghisi Daniela

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica OFTALMOLOGIA Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) a cura di L'occhio: una macchina fotografica L'occhio funziona come una macchina fotografica; possiede lenti, diaframma e pellicola.

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

(da rilasciare in copia al paziente al momento del colloquio)

(da rilasciare in copia al paziente al momento del colloquio) diagnosi o sospetto diagnostico (al momento della proposta dell intervento):.. possibili varianti nell esecuzione: L intervento viene effettuato in sala operatoria con l'ausilio di un microscopio operatorio.

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI Torino, li Informazione in merito al caso clinico del Sig.: Nato a: Residente in: Lei presenta un difetto visivo che viene

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP)

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) Data: Informazioni fornite da: Responsabile del trattamento chirurgico:. I difetti visivi,

Dettagli

ASA X-tra. Advanced Surface Ablation. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

ASA X-tra. Advanced Surface Ablation. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch ASA X-tra Advanced Surface Ablation Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

CHIRURGIA REFRATTIVA

CHIRURGIA REFRATTIVA CHIRURGIA REFRATTIVA Responsabile: Dott. Marco Tavolato Perché un immagine possa essere vista, una complessa catena di eventi deve avvenire nell occhio. La luce entra nell occhio attraversando cornea,

Dettagli

Accesso alle nuove tecnologie: lenti intraoculari refrattive (toriche, multifocali, accomodative)

Accesso alle nuove tecnologie: lenti intraoculari refrattive (toriche, multifocali, accomodative) Federazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature medicali, dispositivi medici borderline, servizi e telemedicina Accesso alle nuove tecnologie: lenti intraoculari refrattive

Dettagli

SPECIALE OCCHI (SECONDA PARTE) Lunedì 13 Agosto 2007 11:46

SPECIALE OCCHI (SECONDA PARTE) Lunedì 13 Agosto 2007 11:46 Per effettuare questo tipo di correzione il laser ad eccimeri può essere utilizzato mediante due tecniche chirurgiche: la cheratectomia refrattiva con laser ad eccimeri (PRK) e la cheratomileusi intrastromale

Dettagli

CONSENSO INFORMATO INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP)

CONSENSO INFORMATO INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) APPROVATO DALLA SOI - SOCIETA OFTALMOLOGICA ITALIANA NELL ANNO 2003 PRIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2013 Data: Informazioni

Dettagli

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch LASIK X-tra Bilaterale Simultanea Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

COS E LA CATARATTA Come si opera

COS E LA CATARATTA Come si opera COS E LA CATARATTA Come si opera AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici 17027 Pietra Ligure SV Via Mameli, 54 12051 Alba CN Via Gastaldi, 5 Tel.: 019.62.57.02

Dettagli

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA?

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? La miopia è un'anomalia rifrattiva, a causa della quale i raggi luminosi che provengono dall infinito non si concentrano sulla retina, ma davanti

Dettagli

Elenco delle prestazioni e tariffe CAMO Spa

Elenco delle prestazioni e tariffe CAMO Spa Elenco delle prestazioni e tariffe CAMO Spa Visite specialistiche VISITA SPECIALISTICA OCULISTICA VISITA DI CONTROLLO POST OPERATORIA 300,00 Visita specialistica completa di indagini strumentali 150,00

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana IL CHERATOCONO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana IL CHERATOCONO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana IL CHERATOCONO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

FEMTO LASIK X-tra. Only Laser Lasik. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

FEMTO LASIK X-tra. Only Laser Lasik. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch FEMTO LASIK X-tra Only Laser Lasik Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

occhio e visione Il cristallino artificiale per la correzione di forti difetti di miopia, ipermetropia ed astigmatismo

occhio e visione Il cristallino artificiale per la correzione di forti difetti di miopia, ipermetropia ed astigmatismo occhio e visione Il cristallino artificiale per la correzione di forti difetti di miopia, ipermetropia ed astigmatismo Circa il 40% della popolazione italiana è miope, ipermetrope o astigmatica. In caso

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER L UVA CROSS-LINKING CORNEALE Approvato dalla Società Oftalmologica Italiana - Ottobre 2007 Primo Aggiornamento Febbraio 2014

SCHEDA INFORMATIVA PER L UVA CROSS-LINKING CORNEALE Approvato dalla Società Oftalmologica Italiana - Ottobre 2007 Primo Aggiornamento Febbraio 2014 Gentile Sig./Sig.ra Lei è affetto in OD/OS/OO da una alterazione della forma della cornea denominata CHERATOCONO. Il trattamento che le viene proposto è... Il responsabile del trattamento chirurgico è...

Dettagli

a cura di Lucio Buratto MIOPIA FORTE Mi opero di CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO

a cura di Lucio Buratto MIOPIA FORTE Mi opero di CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO a cura di Lucio Buratto Mi opero di MIOPIA FORTE CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO Copyright settembre 2013 Camo S.p.A. Piazza Repubblica, 21-20124 Milano http://www.camospa.it - e-mail: visite@camospa.it

Dettagli

occhio e visione Il trapianto di cornea

occhio e visione Il trapianto di cornea occhio e visione Il trapianto di cornea Il trapianto di cornea, detto anche cheratoplastica perforante, è un intervento che consiste nel sostituire a tutto spessore una porzione di cornea con un eguale

Dettagli

Tecnologia laser per la cura dei tuoi occhi

Tecnologia laser per la cura dei tuoi occhi struttura Tecnologia laser per la cura dei tuoi occhi Casa di Cura San Rossore dispone delle più avanzate tecnologie laser per il trattamento mirato dei tuoi occhi. Da noi potrai trovare la soluzione più

Dettagli

Ottica fisiopatologica

Ottica fisiopatologica Ottica fisiopatologica Introduzione La visione è una funzione complessa che dipende da FATTORI AMBIENTALI interazione luce-materia FATTORI ANATOMO-FISIOLOGICI oculari sistema nervoso centrale L occhio

Dettagli

Non è mai possibile promettere al candidato alla chirurgia refrattiva che non farà mai più uso delle lenti correttive.

Non è mai possibile promettere al candidato alla chirurgia refrattiva che non farà mai più uso delle lenti correttive. STUDIO OFTALMOLOGICO Dr Giovanni Bolzoni, Medico Chirurgo Specialista Oculista OPERARE con il Laser ad ECCIMERI, cosa vuol dire? L operazione con il Laser ad Eccimeri serve a rimodellare la cornea per

Dettagli

CONSENSO INFORMATO INTERVENTO DI CATARATTA APPROVATO DALLA SOCIETA OFTALMOLOGICA ITALIANA Novembre 2009. Gentile Sig. Servizio Urgenze:...

CONSENSO INFORMATO INTERVENTO DI CATARATTA APPROVATO DALLA SOCIETA OFTALMOLOGICA ITALIANA Novembre 2009. Gentile Sig. Servizio Urgenze:... CONSENSO INFORMATO INTERVENTO DI CATARATTA APPROVATO DALLA SOCIETA OFTALMOLOGICA ITALIANA Novembre 2009 Gentile Sig. Lei soffre di una patologia chiamata cataratta, responsabile di una diminuzione della

Dettagli

Urun VrrA. OccHrALr SENZA. SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA GUIDA INFORMATIVA

Urun VrrA. OccHrALr SENZA. SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA GUIDA INFORMATIVA Urun VrrA SENZA OccHrALr GUIDA INFORMATIVA SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA I difetti visivi piü comuni ln un occhio normale i raggi di luce vengono messi a fuoco dalla cornea e dal cristallino

Dettagli

L'occhio umano e le malattie

L'occhio umano e le malattie Calonghi Giovanna - L'occhio umano e le malattie 1 / 7 Elaborato per l'esame " Didattica e Laboratorio di Fisica, classe 59" Prof. Miranda Pilo, Dott. Maria Teresa Tuccio Specializzanda: Calonghi Giovanna

Dettagli

Guida alla Pachimetria Corneale

Guida alla Pachimetria Corneale CHEratoconici ONLUS Guida alla Pachimetria Corneale A cura della dott.ssa A.Balestrazzi CHEratoconici ONLUS Pagina 1 di 8 CHEratoconici ONLUS Sommario 1. Premessa 3 2. La pachimetria corneale 3 3. Pachimetria

Dettagli

Informazioni sul GLAUCOMA

Informazioni sul GLAUCOMA Informazioni sul GLAUCOMA CHE COSA E IL GLAUCOMA? Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico. Il nervo ottico è quella struttura che collega l occhio al cervello permettendoci di vedere (Vedi

Dettagli

occhio e visione L occhio ossia la macchina fotografica umana

occhio e visione L occhio ossia la macchina fotografica umana occhio e visione L occhio ossia la macchina fotografica umana La meraviglia della visione umana Ogni secondo i nostri occhi mandano circa un miliardo di dati al cervello; essi possono percepire 10 milioni

Dettagli

Il Centro Ambrosiano Oftalmico

Il Centro Ambrosiano Oftalmico Il Centro Ambrosiano Oftalmico Il Centro Ambrosiano Oftalmico (CAMO Spa) è una innovativa clinica fondata nel 1983 dal Dott. Lucio Buratto. CAMO offre al paziente una struttura altamente specializzata

Dettagli

occhio e visione Il trapianto di cornea

occhio e visione Il trapianto di cornea occhio e visione Il trapianto di cornea Il trapianto di cornea (detto anche cheratoplastica perforante), è un intervento che consiste nel sostituire a tutto spessore una porzione di cornea con un eguale

Dettagli

Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente

Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente ASTIGMATISMO Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente rilassata focalizzerà l immagine di un punto posto ipoteticamente all infinito in due focali rappresentate da due linee

Dettagli

GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere

GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici 17027 Pietra Ligure SV Via Mameli, 54 12051 Alba CN Via Gastaldi, 5

Dettagli

LA CATARATTA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

LA CATARATTA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LA CATARATTA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LA Cataratta La cataratta è l opacizzazione del cristallino. Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari

Dettagli

1 Introduzione 2 3 4. Nota allegata al consenso informato sulla correzione dei difetti visivi mediante laser ad eccimeri. Introduzione.

1 Introduzione 2 3 4. Nota allegata al consenso informato sulla correzione dei difetti visivi mediante laser ad eccimeri. Introduzione. Informazione e consenso all intervento di correzione chirurgica dei difetti refrattivi mediante laser ad eccimeri Sommario 1 Introduzione 2 3 4 Tecniche di trattamento PRK. Tecniche di trattamento LASEK

Dettagli

Stefano Miglior. Il Glaucoma ad angolo stretto/chiuso SMI

Stefano Miglior. Il Glaucoma ad angolo stretto/chiuso SMI Stefano Miglior Il Glaucoma ad angolo stretto/chiuso Che cos e? Forma particolare di glaucoma, relativamente frequente nella popolazione generale, ad andamento sia cronico che acuto si manifesta soprattutto

Dettagli

Definizione di ipovisione

Definizione di ipovisione Definizione di ipovisione L ipovisione è una condizione di ridotta capacità visiva, bilaterale ed irreversibile, tale da condizionare l autonomia dell individuo. L acutezza visiva o acuità visiva o visus

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LA CATARATTA

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LA CATARATTA IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LA CATARATTA CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

LA CATARATTA CATARATTA BIANCA TOTALE

LA CATARATTA CATARATTA BIANCA TOTALE LA CATARATTA La cataratta consiste in una perdita di trasparenza, parziale o totale, del cristallino, cioè di una lente del nostro occhio fondamentale per la focalizzazione dell immagine. CATARATTA BIANCA

Dettagli

U. O. di OCULISTICA Dir. Dr. S. Santoro

U. O. di OCULISTICA Dir. Dr. S. Santoro U. O. di OCULISTICA Dir. Dr. S. Santoro LE COMPLICANZE DELLA CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI Dott. S. Santoro Dott. G. Colonna PRK - LASIK PRK LASIK CHERATECTOMIA FOTOREFRATTIVA LASER IN SITU

Dettagli

Mini Cheratotomia Radiale Asimmetrica (Mini ARK) per la correzione chirurgica del cheratocono in fase iniziale, nell ipermetropia e nelle miopie lievi

Mini Cheratotomia Radiale Asimmetrica (Mini ARK) per la correzione chirurgica del cheratocono in fase iniziale, nell ipermetropia e nelle miopie lievi Mini Cheratotomia Radiale Asimmetrica (Mini ARK) per la correzione chirurgica del cheratocono in fase iniziale, nell ipermetropia e nelle miopie lievi Author: Marco Abbondanza Esperienze, vol. 12, no.

Dettagli

La chirurgia della Cataratta DR FABRIZIO CASPRINI

La chirurgia della Cataratta DR FABRIZIO CASPRINI La chirurgia della Cataratta DR FABRIZIO CASPRINI CAPITOLO 1 La chirurgia della Cataratta La cataratta, secondo la definizione dell Organizzazione Mondiale della Sanità OMS, è un opacizzazione del cristallino,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI CATARATTA

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI CATARATTA SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI CATARATTA Gentile Sig. Lei soffre di una patologia chiamata cataratta, responsabile della diminuzione della vista. Questa scheda contiene le informazioni sulla malattia,

Dettagli

Nome..Cognome del paziente Data di nascita.. Diagnosi di ingresso.

Nome..Cognome del paziente Data di nascita.. Diagnosi di ingresso. CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO CHIRURGICO DI CATARATTA Data.Ora Nome..Cognome del paziente Data di nascita.. Diagnosi di ingresso. Gentile Paziente, La SOI, Società Oftalmologica Italiana, raccomanda

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LA LASERVITREOLISI DEI CORPI MOBILI VITREALI

CONSENSO INFORMATO PER LA LASERVITREOLISI DEI CORPI MOBILI VITREALI SIG... CONSEGNATO IL... FIRMA... Gentile Signora, Signore, Lei soffre di una affezione del vitreo responsabile dei suoi disturbi visivi. Questa scheda contiene le informazioni sul trattamento che Le è

Dettagli

INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA

INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA DIPARTIMENTO - TESTA COLLO U.O. - Clinica Oculistica Direttore: Prof. Stefano Gandolfi INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA (A cura della Dott.ssa Sally Louise Williams, Coordinatore Studi Clinici e del Dott. Nicola

Dettagli

occhio e visione Il glaucoma

occhio e visione Il glaucoma occhio e visione Il glaucoma Scopo di questo depliant è di fornire alcune semplici informazioni per capire cos'è il glaucoma, come viene curato e come può essere trattato con il laser od operato chirurgicamente.

Dettagli

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L ESAME DEL FONDO OCULARE ESAME OCULISTICO DEL BAMBINO 1 L OCCHIO 2

Dettagli

Chirurgia della Cataratta Dott. A. Scialdone

Chirurgia della Cataratta Dott. A. Scialdone Chirurgia della Cataratta Dott. A. Scialdone La Cataratta e La Chirurgia L insorgenza di cataratta è un fenomeno fisiologico, che spesso è conveniente correggere con un intervento. In Italia ogni anno

Dettagli

NOVITA IN MICROCHIRURGIA OCULISTICA

NOVITA IN MICROCHIRURGIA OCULISTICA NOVITA IN MICROCHIRURGIA OCULISTICA Negli ultimi anni tutti i vari settori della chirurgia hanno cercato di affinare le tecniche sempre meno traumatizzanti per il paziente, con un migliore decorso post-operatorio

Dettagli

LASIK: ritrattamenti in casi complicati

LASIK: ritrattamenti in casi complicati Capitolo 3 LASIK: ritrattamenti in casi complicati Giuseppe Perone, Filippo Incarbone La LASIK (1), di elezione per la correzione chirurgica primaria dei difetti refrattivi, può essere utilizzata con successo

Dettagli

LA CATARATTA: CHIRURGIA E LASER QUALI LE TECNICHE MIGLIORI. Torino, 5 marzo 2013. Claudio Panico

LA CATARATTA: CHIRURGIA E LASER QUALI LE TECNICHE MIGLIORI. Torino, 5 marzo 2013. Claudio Panico LA CATARATTA: CHIRURGIA E LASER QUALI LE TECNICHE MIGLIORI Torino, 5 marzo 2013 Claudio Panico Direttore SC Traumatologia e SC Oculistica Generale, ASL TO1 Ospedale Oftalmico di Torino Caterina Bogetto

Dettagli

VISTA CARTA DEI SERVIZI STUDIO. Dott. Patrizio Carratta Ortottista Assistente in Oftalmologia

VISTA CARTA DEI SERVIZI STUDIO. Dott. Patrizio Carratta Ortottista Assistente in Oftalmologia STUDIO VISTA Dott. Patrizio Carratta Ortottista Assistente in Oftalmologia Via Regina Margherita, 7 73040 Neviano (Le) Tel. 320 2246861 www.studio-vista.it CARTA DEI SERVIZI Indice 1. Introduzione 2 2.

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

La miopia L ipermetropia L astigmatismo correzione con il laser ad eccimeri

La miopia L ipermetropia L astigmatismo correzione con il laser ad eccimeri occhio e visione La miopia L ipermetropia L astigmatismo correzione con il laser ad eccimeri Scopo di questo depliant è di fornire alcune semplici informazioni per capire cos è la miopia, l astigmatismo

Dettagli

Tonaca esterna (fibrosa) formata dalla sclera che al limbus diventa trasparente e costituisce la cornea

Tonaca esterna (fibrosa) formata dalla sclera che al limbus diventa trasparente e costituisce la cornea Tonaca esterna (fibrosa) formata dalla sclera che al limbus diventa trasparente e costituisce la cornea Tonaca media (vascolare) detta anche uvea formata dalla coroide, dall iride col forame pupillare

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA E MODULO DI CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA RIFRATTIVA LASIK ASSISTITA DA LASER A FEMTOSECONDI (FEMTOLASIK)

SCHEDA INFORMATIVA E MODULO DI CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA RIFRATTIVA LASIK ASSISTITA DA LASER A FEMTOSECONDI (FEMTOLASIK) SCHEDA INFORMATIVA E MODULO DI CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA RIFRATTIVA LASIK ASSISTITA DA LASER A FEMTOSECONDI (FEMTOLASIK) Gentile Signor. Lei soffre di un vizio di rifrazione responsabile

Dettagli

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI Stefano Miglior Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico Concetti fondamentali E una malattia estremamente particolare caratterizzata da una progressione lenta ma continua verso la perdita della funzione

Dettagli

La sua patologia visiva si chiama. Il trattamento che le viene proposto è. Il responsabile del trattamento chirurgico è

La sua patologia visiva si chiama. Il trattamento che le viene proposto è. Il responsabile del trattamento chirurgico è SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI CHERATOPLASTICA PERFORANTE (O TRAPIANTO DI CORNEA) Gentile Signora, Signore, Lei soffre di una delle seguenti patologie corneali: cheratocono, distrofia corneale superficiale,

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALL IMPIANTO INTRAOCULARE A SCOPO REFRATTIVO DEL SIG consegnato il..firma..

CONSENSO INFORMATO ALL IMPIANTO INTRAOCULARE A SCOPO REFRATTIVO DEL SIG consegnato il..firma.. Ambulatorio di Chirurgia Oculare Santa Lucia Direttore Sanitario Dott. Giuseppe Eugenio Apuzzo Via Mazzini. 60 58100 Grosseto Tel. 0564-414775 Cell. Emergenze 320-0558171 Fax 0564-413023 e-mail: info@studiosarnicola.it

Dettagli

DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Dott. Federico Garzione Specialista in Clinica Oculistica e Chirurgia Plastica Via Carlo Poma n, 2 00195 ROMA Tel 06-3728555 TEL Urgenze 338-6178424 CONSENSO INFORMATO PER LA CORREZIONE DEL CHERATOCONO

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO D I TRAP I ANTO D I ENDOTELIO ( EK) Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana settembre 2010

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO D I TRAP I ANTO D I ENDOTELIO ( EK) Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana settembre 2010 SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO D I TRAP I ANTO D I ENDOTELIO ( EK) Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana settembre 2010 Gentile Signora, Signore, Lei soffre di una delle seguenti patologie dell

Dettagli

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Gentile Signore/ Signora, Lei soffre di una opacizzazione dell involucro (capsula) che avvolge parzialmente il suo cristallino artificiale.esso è responsabile

Dettagli

STUDIO OCULISTICO E OPTOMETRICO

STUDIO OCULISTICO E OPTOMETRICO Competenze specifiche sulla Refrazione soggettiva ed oggettiva, visione binoculare, analisi visiva, analisi visiva in spazio aperto e comunque sulla prescizione di confort visivo in genere. TARIFFARIO

Dettagli

CONSEGNATO IL FIRMA. Ambulatorio di Chirurgia Oculare Santa Lucia Direttore Sanitario Dott. Giuseppe Eugenio Apuzzo. Gentile Sig./Sig.

CONSEGNATO IL FIRMA. Ambulatorio di Chirurgia Oculare Santa Lucia Direttore Sanitario Dott. Giuseppe Eugenio Apuzzo. Gentile Sig./Sig. Ambulatorio di Chirurgia Oculare Santa Lucia Direttore Sanitario Dott. Giuseppe Eugenio Apuzzo Via Mazzini. 60 58100 Grosseto Tel. 0564-414775 Cell. Emergenze 320-0558171 Fax 0564-413023 e-mail: info@studiosarnicola.it

Dettagli

ESSERE OPERATI DI CATARATTA

ESSERE OPERATI DI CATARATTA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI CATARATTA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo ha lo

Dettagli

La semeiotica strumentale

La semeiotica strumentale La semeiotica strumentale Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria - Pisa Pachimetria Misura spessore corneale con ultrasuoni Valori medi centrali: 520 micron FLAP = 160 180 micron ABLAZIONE CON

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER L INTERVENTO DI VITRECTOMIA PER DISTACCO DI RETINA TRAZIONALE

SCHEDA INFORMATIVA PER L INTERVENTO DI VITRECTOMIA PER DISTACCO DI RETINA TRAZIONALE REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA PRESIDIO OSPEDALIERO DI ARONA Via s. Carlo 11-28041 ARONA (NO) S.C. OCULISTICA Direttore: dr. Vito Belloli Tel. 0322/516313 e-mail: oculista.aro@asl13.novara.it

Dettagli

I vizi di refrazione (miopia, ipermetropia e astigmatismo)

I vizi di refrazione (miopia, ipermetropia e astigmatismo) I vizi di refrazione (miopia, ipermetropia e astigmatismo) Cerchiamo innanzitutto pur sommariamente, di capire come si realizza il meccanismo della visione. La luce, dopo aver attraversato cornea, pupilla,

Dettagli

IL LASER AD ECCIMERI La moderna soluzione chirurgica di miopia astigmatismo e di ipermetropia

IL LASER AD ECCIMERI La moderna soluzione chirurgica di miopia astigmatismo e di ipermetropia Pag.1 di 5 STUDIO OCULISTICO CHIRURGICO DOTT. DONATI LUCIANO Dott. Umberto CRAVEDI - Dott. Ettore MIRAGLIA Dott. Nicola BOLLA - Dott. Paola PERLINO Dott. Stefano FERRARESE - Dott. Renata MIGLIARDI Dott.

Dettagli

INFORMATIVA INTERVENTO DI PTK O CHERATECTOMIA FOTOTERAPEUTICA CON LASER AD ECCIMERI

INFORMATIVA INTERVENTO DI PTK O CHERATECTOMIA FOTOTERAPEUTICA CON LASER AD ECCIMERI INFORMATIVA INTERVENTO DI PTK O CHERATECTOMIA FOTOTERAPEUTICA CON LASER AD ECCIMERI Scopo del trattamento La cornea è la sottile membrana trasparente, posta davanti all iride, che costituisce la porzione

Dettagli

Lasik P-Curve Xtra. Correzione della Presbiopia. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

Lasik P-Curve Xtra. Correzione della Presbiopia. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch Lasik P-Curve Xtra Correzione della Presbiopia Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Che cos è la presbiopia È una condizione fisiologica

Dettagli

dott.loretta Bergamo Medico Chirurgo Oculista

dott.loretta Bergamo Medico Chirurgo Oculista dott.loretta Bergamo Medico Chirurgo Oculista SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI Approvato dalla Società Oftalmologica Italiana Anno 2003 Gentile Signora, Signore,

Dettagli

C. M. A. CENTRO MICROCHIRURGIA AMBULATORIALE

C. M. A. CENTRO MICROCHIRURGIA AMBULATORIALE C. M. A. CENTRO MICROCHIRURGIA AMBULATORIALE Centro Privato di Microchirurgia Oculare Certificato UNI EN ISO 9001:2008 Certificato CERSOI la certificazione della Società Oftalmologia Italiana via Donizetti,

Dettagli

occhio e visione La miopia L ipermetropia L astigmatismo: correzione con il laser ad eccimeri

occhio e visione La miopia L ipermetropia L astigmatismo: correzione con il laser ad eccimeri occhio e visione La miopia L ipermetropia L astigmatismo: correzione con il laser ad eccimeri Scopo di questo depliant è di fornire alcune semplici informazioni per capire cos è la miopia, l astigmatismo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CONSENSO INFORMATO INTERVENTO DI CATARATTA

CONSENSO INFORMATO INTERVENTO DI CATARATTA CONSENSO INFORMATO INTERVENTO DI CATARATTA Gentile Sig./Sig.ra, Lei soffre di una patologia chiamata cataratta, verosimilmente responsabile della diminuzione della sua vista e delle alterazioni relative

Dettagli

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di:

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: COME INDOSSARLE... APPLICAZIONE E RIMOZIONE E MANUTENZIONE DELLE LAC Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: Manipolare le lenti a contatto sopra una superficie

Dettagli

INFORMATIVA INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI. Consegnato il Firma...

INFORMATIVA INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI. Consegnato il Firma... Ambulatorio di Chirurgia Oculare Santa Lucia Direttore Sanitario Dott. Giuseppe Eugenio Apuzzo Via Mazzini. 60 58100 Grosseto Tel. 0564-414775 Cell. Emergenze 320-0558171 Fax 0564-413023 e-mail: info@studiosarnicola.it

Dettagli

a cura di Lucio Buratto Miopia Mi opero di CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO

a cura di Lucio Buratto Miopia Mi opero di CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO a cura di Lucio Buratto Mi opero di Miopia Astigmatismo Ipermetropia CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO Copyright settembre 2013 Camo S.p.A. Piazza Repubblica, 21-20124 Milano http://www.camospa.it - e-mail:

Dettagli

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI Prof. Claudio Peruccio Specialista in Clinica delle Malattie dei Piccoli Animali (SCMPA) Diplomato European College of Veterinary

Dettagli

LA CHIRURGIA REFRATTIVA

LA CHIRURGIA REFRATTIVA LA CHIRURGIA REFRATTIVA I difetti refrattivi I vizi o difetti refrattivi sono conosciuti come anomalie della refrazione o ametropie. Per refrazione si intende il modo in cui i raggi luminosi (nell immagine

Dettagli

LA BELLEZZA NELLO SGUARDO L intervento di blefaroplastica

LA BELLEZZA NELLO SGUARDO L intervento di blefaroplastica LA BELLEZZA NELLO SGUARDO L intervento di blefaroplastica In che cosa consiste l intervento? La blefaroplastica è un intervento mirato a correggere gli eccessi cutanei palpebrali e a eliminare le borse

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI CHIRURGIA RIFRATTIVA CORNEALE CON LASER APPROVATO DALLA SOI - SOCIETA OFTALMOLOGICA ITALIANA

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI CHIRURGIA RIFRATTIVA CORNEALE CON LASER APPROVATO DALLA SOI - SOCIETA OFTALMOLOGICA ITALIANA Primo Aggiornamento giugno 2011 Secondo Aggiornamento febbraio 2012 Consegnata al paziente il Dr. Luca CHIADO PIAT Gentile Sig./Sig.ra Lei è affetto da un vizio di rifrazione cioè da un difetto visivo.

Dettagli

La sua patologia visiva si chiama. Il trattamento che le viene proposto è

La sua patologia visiva si chiama. Il trattamento che le viene proposto è Regione Veneto Azienda U.L.S.S. n 9 Presidio Ospedaliero di Treviso UNITA OPERATIVA DI OCULISTICA Direttore: Dr. G. Manzotti INFORMATIVA INTERVENTO DI CHER ATOPLASTIC A LAMELLARE Gentile Signora, Signore,

Dettagli

La cheratoplastica lamellare a scopo ottico, nelle patologie della cornea con risparmio endoteliale: cheratocono e altre patologie da sfiancamento.

La cheratoplastica lamellare a scopo ottico, nelle patologie della cornea con risparmio endoteliale: cheratocono e altre patologie da sfiancamento. La cheratoplastica lamellare a scopo ottico, nelle patologie della cornea con risparmio endoteliale: cheratocono e altre patologie da sfiancamento. Autore: Paolo Bonci Tecniche di chirurgia lamellare manuale

Dettagli

Informativa intervento di cataratta approvata dalla SOI (Società oftalmologica italiana)

Informativa intervento di cataratta approvata dalla SOI (Società oftalmologica italiana) Informativa intervento di cataratta approvata dalla SOI (Società oftalmologica italiana) Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI

SCHEDA INFORMATIVA PER INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI SCHEDA INFORMATIVA PER INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI Gentile Sig./Sig.ra Lei si appresta ad effettuare un intervento chirurgico con laser ad eccimeri. Questa scheda contiene

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA-UNIVERSITARIA PISANA U.O. Oculistica Universitaria Direttore: Prof. Marco Nardi

AZIENDA OSPEDALIERA-UNIVERSITARIA PISANA U.O. Oculistica Universitaria Direttore: Prof. Marco Nardi AZIENDA OSPEDALIERA-UNIVERSITARIA PISANA U.O. Oculistica Universitaria Direttore: Prof. Marco Nardi INFORMATIVA INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI Gentile Paziente, Lei è affetto

Dettagli

IL GLAUCOMA NEL CANE E NEL GATTO

IL GLAUCOMA NEL CANE E NEL GATTO IL GLAUCOMA NEL CANE E NEL GATTO Il glaucoma e un processo patologico ad eziologia multipla che consiste in una aumentata pressione intraoculare con una ridotta sensibilita e funzionalita delle cellule

Dettagli

PROMEMORIA ALLEGATO AL CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ENTROPION

PROMEMORIA ALLEGATO AL CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ENTROPION Società Italiana di Chirurgia Oftalmoplastica Consensi Informati PROMEMORIA ALLEGATO AL CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ENTROPION DEFINIZIONE DI ENTROPION L entropion consiste nell

Dettagli