CHIRURGIA DELL'OCCHIO. Intervento di cataratta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHIRURGIA DELL'OCCHIO. Intervento di cataratta"

Transcript

1 18 novembre 2002 lezione di S.M.C. Professor Miglior CHIRURGIA DELL'OCCHIO Intervento di cataratta L'intervento di cataratta è il più diffuso in assoluto nel mondo occidentale; esso permette una riabilitazione visiva oserei dire superba, ponendo l'occhio nella condizione di recuperare tutto quello che ha perso, qualora il deficit sia dovuto effettivamente ed esclusivamente alla cataratta. Con questo intervento si modifica la situazione refrattiva, diottrica: sostanzialmente cambiamo la lente; è chiaro che se, dietro la lente, la retina non è a posto, il risultato funzionale dipenderà molto dallo stato retinico. Primo tempo: la preparazione degli ingressi in camera anteriore L'intervento consiste nel creare innanzitutto un'incisione a livello del limbo sclero-corneale; la pupilla è completamente midriatica perché il cristallino è posizionato dietro all'iride e si deve avere un accesso che sia il più comodo possibile; l'incisione è molto corta, di 3 mm, ed è accompagnata spesso a seconda della tecnica chirurgica da altri due piccoli ingressi ai lati. In questa prima fase dell'intervento è stato preparato l'ingresso attraverso cui si eseguiranno le fasi successive: tale accesso dovrà essere perfezionato perché ancora non si è entrati in camera anteriore; a questo serviranno i due ingressi di servizio. A questo punto si allarga e si approfondisce il taglio intracorneale, scavando un tunnel nello stroma; successivamente si entra in camera anteriore con un bisturi di 3 mm. Secondo tempo: l'apertura della capsula anteriore o capsuloressi

2 Il cristallino, secondo le moderne tecniche chirurgiche, non viene più tolto integralmente, cioè tutto lo stroma con la capsula compresa; si lascia la capsula e si leva esclusivamente la parte cellulare del cristallino: per fare questo bisogna proprio creare un'apertura nella superficie anteriore, una capsuloressi. Prima si inserisce una sostanza visco-elastica trasparente, che permette di mantenere le giuste distanze e gli spazi adatti allo scopo chirurgico; a questo punto, con una pinza si prende la capsula anteriore e si apre con una manovra circolare, per permettere le fasi successive. Poi si può procedere alla emulsificazione e aspirazione del cristallino vero e proprio. Una volta ottenuto questo risultato, abbiamo la necessità di separare bene dalla capsula il corpo, cioè la struttura cellulare, del cristallino non solo anteriormente ma anche posteriormente, quindi su tutta la superficie interna della capsula; si crea un'interfaccia fra le due strutture, requisito fondamentale perché il cristallino possa effettivamente ruotare: ciò si ottiene instillando semplicemente dell'acqua attraverso un'agocannula immediatamente al di sotto della capsula anteriore. L'acqua si disperde in tutti gli spazi, insinuandosi nello spazio virtuale fra capsula e corteccia del cristallino; questo permette la separazione fra le due strutture. Nel momento dell'iniezione risulta visibile la diffusione dell'acqua nello spazio virtuale: tale "onda" di diffusione dimostra che si è creata una separazione fra la corteccia del cristallino e la capsula. Con l'agocannula stessa, il chirurgo è ora in grado di far ruotare il corpo del cristallino. Quando è possibile eseguire questa rotazione, significa che è possibile la successiva aspirazione del cristallino: chiaramente ogni ulteriore manovra non determinerà una trazio-ne sulla capsula. Terzo tempo: la facoemulsificazione-chop La facoemulsificazione si esegue utilizzando una sonda ad ultrasuoni che è in grado contemporaneamente di emettere onde che disgregano il cristallino, emulsificandolo, e di aspirare il tessuto che viene disgregato. Si attua un vero e proprio sminuzzamento del tessuto, poi aspirato dalla stessa sonda. Il segreto dell'intervento è di operare in spazi corretti: il diametro della sonda corrisponde al diametro dell'incisione di ingresso e dalla sonda è

3 garantita una continua irrigazione; la sonda manda acqua e la recupera, permettendo un costante turn-over di liquido attraverso cui si mantiene stabile l'altezza della camera anteriore. Questa è una garanzia di sicurezza che permette al chirurgo di lavorare in camera anteriore senza correre il rischio, nel caso in cui si compiano inavvertitamente movimenti grossolani, di toccare la cornea, ledendo il lembo corneale, fondamentale al mantenimento della trasparenza. L'operatore utilizza, oltre alla sonda, anche un chopper: è un ferro chirurgico con la punta arcuata, tagliente nella sua porzione rivolta posteriormente. Il chopper permette, con l'ausilio della sonda, il taglio del cristallino in parti più piccole che siano più facilmente emulsificabili ed aspirabili. Il nome completo della tecnica è dunque facoemulsificazione-chop (to chop = tagliare in lingua inglese). Nella prima fase il chirurgo scava con la sonda in direzione verticale, crea un'incisione progressivamente più profonda per poter poi separare in modo netto, in due parti, il cristallino. Prima l'incisione è eseguita in un verso, poi il cristallino viene fatto ruotare di 180 ed essa verrà completata nel verso opposto, sempre in direzione verticale. Al termine di questa fase il cristallino sarà separato nettamente in due emicristallini. Successivamente il chirurgo penetra con la sonda nel corpo del cristallino, senza emissione di ultrasuoni, ma solo esercitando una certa aspirazione per tenerlo bloccato, mentre con l'altro ferro, il chopper, si porta in periferia per tagliare il cristallino, aiutandosi con l'appoggio della sonda. In questo modo i due emi-cristallini vengono ridotti a spicchi, poi in porzioni sempre più piccole, fino a raggiungere le dimensioni corrette per l'aspirazione. A questo punto la macchina esercita la sua massima capacità d'aspirazione; i frammenti verranno rapidamente convogliati verso la bocca della sonda, che sta emulsificando. Tutto fuoriesce attraverso la capsulotomia anteriore. La manovra può apparire semplice, ma in realtà si lavora in spazi ridottissimi, di dodici millimetri di diametro. Ciò che rimane è la capsula, svuotata del suo contenuto, cioè del nucleo del cristallino e di gran parte della corteccia; rimangono anche alcuni residui corticali che dovranno essere aspirati, perché la capsula dovrà

4 essere perfettamente pulita; infatti, se la componente cellulare di tali residui corticali dovesse proliferare andrebbe a opacizzare nuovamente e rapidamente la capsula posteriore; inoltre questi residui rimangono a contatto con un ambiente acquoso, poiché la capsula anteriore è aperta e l'acqueo penetra con facilità all'interno del sacco: i residui si imbibirebbero e occuperebbero ancora più spazio; infine il cristallino è immunologicamente segregato: lasciare in sede i residui corticali espone a rischio di infiammazioni intraoculari. Quindi, nei limiti del possibile, tali residui endo-oculari devono essere aspirati. L'aspirazione della porzione di corteccia rimasta in sede può essere eseguita con una sonda singola che entra ancora dall'accesso principale, la quale aspira e irriga contestualmente in modo da rimpiazzare immediatamente con una pari quantità di acqua ciò che sottrae, oppure con due sonde separate, una per aspirare e l'altra per irrigare, una in mano destra e l'altra in mano sinistra, così da eliminare facilmente tutto il materiale; per completare a 360 questa fase dell'intervento, il chirurgo ad un certo punto dovrà scambiare gli strumenti operatori da una mano all'altra. Durante questa fase si rende ben visibile, nel filmato, il bordo tondo della capsuloressi che corrisponde all'apertura della capsula anteriore, su un piano di taglio decisamente anteriore rispetto alla capsula posteriore; il cristallino artificiale verrà infilato nella capsula, quindi il bordo della capsula anteriore, parte ancora presente, sarà ancorato ad esso. Con queste manovre non si rischia di ledere la capsula posteriore? Sì, certamente; la lesione della capsula posteriore costituisce il rischio principale di questo intervento, il quale si deve concludere con l'integrità del sacco capsulare e quindi della sua porzione posteriore. E' ovvio che eseguendo queste manovre può accadere che in fase di facoemulsificazione si penetri troppo in profondità, oppure che durante l'aspirazione si rivolga la bocca dell'aspiratore verso il basso: in questo caso la capsula posteriore verrà risucchiata e andrà immediatamente a impegnare il foro dello strumento. Il chirurgo deve prontamente mollare il pedale di comando dell'aspirazione e il reflusso conseguente all'interruzione della manovra sparerà all'esterno la capsula, evitandone la rottura; esistono, d'altra parte, anche capsule molto sottili, le quali andranno incontro più facilmente a rottura in circostanze di questo tipo. Questo è proprio il punto delicato dell'intervento, che cambia radicalmente in caso di rottura della capsula. Quarto tempo: il posizionamento della lente intraoculare Le lenti intraoculari sono di diverso tipo: oggi si usano lenti a piatto, molto larghe e pieghevoli, perché fatte di un materiale che ne permette

5 l'ingresso attraverso un'incisione molto piccola, in modo da concludere l'intervento senza punti di sutura o con un singolo punto per garantire la massima sicurezza; soprattutto, un taglio così ridotto non lascia nessun residuo cicatriziale che possa indurre astigmatismo post-operatorio. Dapprima viene iniettata nel sacco capsulare una sostanza visco-elastica per riempirlo e distenderlo; si tratta della stessa sostanza utilizzata anche all'inizio dell'intervento: è un materiale gelatinoso, disponibile in diversi pesi molecolari. Per il corretto ingresso della lente, è indispensabile l'adeguata distensione del sacco capsulare, senza la quale i loop della lente che servono per ancorarla, andrebbero a impigliarsi in alcuni punti impedendo il giusto funzionamento visivo. Dopo il riempimento della capsula si procede allargando il taglio: da 3 mm si passa a 4 mm, per facilitare l'ingresso della lente, la quale ha di per sè un diametro di 6 mm, a volte 6.5 mm: la lente piegata in due ha un diametro dimezzato e questo permette di contenere entro i 4 mm il diametro dell'incisione. Il passaggio successivo è l'inserimento della lente, che viene presa e manovrata da una pinza specifica per quest'uso. La lente possiede due loop, che fungono da "molle" della lente, permettendole di mantenere una posizione centrale nell'asse ottico: per ridurre al minimo il traumatismo la prima loop che entra può essere ripiegata ad ansa prima dell'inserimento. Poi la lente viene fatta entrare attraverso il bordo della ressi, viene inserita, successivamente viene ruotata, poi la pinza viene aperta e la lente si distende. La seconda loop è ancora all'esterno del sacco: verrà inserita anch'essa, ad esempio per rotazione. A questo punto la lente intraoculare è totalmente in posizione corretta. La manovra successiva consiste nell'aspirare la sostanza visco-elastica che è stata inserita, la quale può essere riassorbita dall'occhio attraverso il trabecolato, ma che, essendo gelatinosa, determina un ipertono nel primo post-operatorio che può anche essere piuttosto marcato. Il trabecolato non viene ostruito dalla lente? No, perché il trabecolato è sito all'angolo irido-corneale, su 360, mentre la lente è in camera posteriore. Il trabecolato potrebbe essere interessato solo quando, qualora avessimo causato una rottura nella capsula e non avessimo possibilità di posizionare la lente in camera posteriore, fossimo obbligati a mettere la lente in camera anteriore: allora la lente sarebbe anteriore al piano irideo, tra l'iride e la cornea, e le loop della lente andrebbero a toccare il trabecolato, almeno in alcuni punti.

6 A questo punto l'intervento è sostanzialmente finito; come manovra di sicurezza si può dare un punto di sutura sull'incisione. Il chirurgo può scegliere di non suturare, perché in realtà la stessa pressione dell'occhio esercitata all'interno sulla parte posteriore, o termine del tunnel, spinge verso la cornea il pavimento del tunnel stesso che si è venuto a creare, facendo in modo che venga mantenuta la pressione e che l'incisione sia self-ceiling, cioè auto-cicatrizzante. In realtà, se il paziente dovesse innavvertitamente toccarsi l'occhio, si potrebbe creare una curvatura tale da non permettere ai due piani dell'incisione di combaciare: si può concludere dunque in questo modo, ma il paziente dovrà avere l'assoluta accortezza di non toccare l'occhio. Per questo motivo, onestamente, ritengo che terminare l'intervento con un punto di sutura a livello dell'incisione non comporti nessun problema e sia di massima sicurezza per il paziente, oltre che di protezione nei confronti del principale rischio operatorio, cioè l'infezione. Tanto più rapida sarà la cicatrizzazione, migliore sarà la protezione dal rischio infettivo. Di che materiale sono le loop della lente? Sono di materiale plastico: possono essere polimeri chimici con gruppi silicone, mentre altri sono in PNMA, etc.etc. Hanno caratteristiche particolari, cioè sono immunologicamente inerti. Alcune lenti sono più morbide, per permettere l'ingresso con vettori particolari, altre sono più rigide. Intervento di correzione della miopia Gli interventi di scelta per la correzione della miopia sono sostanzialmente due: la tecnica PRK e la LASIK; la differenza è che nella PRK l'intervento viene eseguito direttamente sullo stroma corneale, dopo aver solamente eliminato con una spatolina la parte più superficiale dell'epitelio corneale, che poi ricrescerà nel post-operatorio; nella LASIK, invece, con un tagliente particolare si taglia in senso laterale un lembo della cornea, il quale poi viene ribal-tato per pemettere di eseguire il laser sul fondo dello spazio di stroma scoperto; il lembo verrà poi riposizionato. Le indicazioni per le due tecniche sono assolutamente le stesse. La tecnica PRK Primo tempo: la preparazione del paziente

7 Il paziente si posiziona al di sotto dello strumento; viene eseguita un'anestesia locale, con somministrazione topica di un collirio; la preparazione del paziente è piuttosto "informale", dato che i rischi di sepsi in questo tipo di intervento sono veramente scarsi; viene posizionato uno strumento per tenere divaricati i due margini palpebrali. Secondo tempo: l'eliminazione dell'epitelio Individuata la zona da trattare, con una spatola viene eliminato l'epitelio superficiale corneale per esporre lo stroma sottostante all'azione del laser; il paziente non avverte assolutamente nessun fastidio. La zona viene pulita con attenzione. Terzo tempo: il laser Il paziente guarda alcuni punti di fissazione sulla macchina per tutta la durata d'emissione del laser, che viene indirizzato sullo stroma corneale non più protetto dall'epitelio; l'ampiezza del raggio-laser viene progressivamente aumentata e la superficie d'azione sullo stroma corneale è dapprima ridotta, poi via via concentricamente più ampia: i laser moderni si distinguono da quelli precedenti perché l'area che vanno a "bersagliare" sulla cornea è decisamente più larga, allo scopo di ridurre al minimo i potenziali fenomeni di regressione che si sono visti nei primi pazienti nel post-operatorio. Il laser può essere dotato di un sistema particolare grazie al quale lo strumento è in grado di seguire ogni piccolo movimento dell'occhio del paziente. L'occhio è libero di muoversi: il laser ferma la sua emissione nel caso in cui l'occhio si sposti troppo. In realtà esistono anche sistemi alternativi: il chirurgo può utilizzare una specie di coppettina per tenere più fermo l'occhio, in modo da avere un Miglior controllo della situazione. Il laser esegue una vera e propria ablazione centrifuga dello stroma corneale: modellando la curvatura corneale, si corregge il difetto. Quarto tempo: la medicazione Si procede alla medicazione con farmaci antibiotici e anti-infiammatori ad uso topico; infine, viene posizionata sulla superficie dell'occhio una lente a contatto morbida, che rimarrà in sede per due o tre giorni, senza che il paziente la tolga, giorno e notte: la lente è in grado di ridurre innanzitutto il dolore post-operatorio e permette al paziente di tenere l'occhio aperto fin da subito.

8 L'epitelio che è stato escarificato si riforma nel giro di due, tre giorni; la cornea rimane ovviamente assottigliata, perchè l'effetto del laser è di ablare lo stroma: la cornea, che ha fisiologicamente uno spessore medio di 550 _m, sarà ora di 400, 450 _m; lo spessore finale dipende ovviamente dall'entità della miopia da trattare. La cornea deve mantenere uno spessore minimo: per questo oltre certi gradi di miopia non è assolutamente consigliato trattare con il laser, perché non si ottiene il risultato sperato e si rischia di indebolire eccessivamente la cornea. Una volta che l'epitelio si è riformato l'occhio riprende la sua struttura unica, uniforme; non presenta nessun taglio permanente. E' una terapia che va bene per qualsiasi forma di miopia, anche se si può leggere sulle riviste che solo la miopia di grado lieve è indicata all'intervento con tecnica PRK, ma non è assolutamente vero. La PRK è in grado esattamente come la LASIK di correggere miopie di grado elevato; anzi su un paziente con miopia elevata può essere meglio eseguire una PRK, poi vi spiegherò perché. Quali possono essere gli effeti indesiderati dell'intervento? Il primo rischio, il più importante, è quello di trattare una miopia di grado troppo elevato: se l'assottigliamento della cornea è eccessivo, ad esempio di 200 _m, il paziente avrà problemi gravi. La cornea non avrà più la stessa robustezza, la sua rigidità fisiologica e potranno verificarsi delle ectasie, cioè delle alterazioni della curvatura, le quali potranno anche essere clinicamente non visibili, ma molto significative dal punto di vista funzionale. Un altro rischio è lo sviluppo di edema: nell'arco di mesi la cornea può andare incontro a un processo infiammatorio che è ben trattato con antiinfiammatori cortisonici, ma al quale, d'altra parte, potrà associarsi la perdita di efficacia del trattamento; tale rischio non è comunque prevedibile. Il rischio di infezione è prossimo a zero e comunque si tratta di infezioni della parte esterna dell'occhio, per le quali può bastare una terapia locale adeguata. In realtà, dunque, non ci sono rischi importanti, che invece esistono solo laddove è stata posta una cattiva indicazione, ad esempio per miopie troppo elevate. Come al solito, anche in questo caso la corretta informazione da parte del medico riduce al minimo la possibilità di contenziosi con il paziente.

9 Nell'immediato post-operatorio si possono presentare, infine, dolore di intensità importante e lacrimazione marcata; d'altra parte, il dolore può essere anche del tutto assente, dipende dall'individuale reazione del paziente: addirittura ci sono soggetti che in un occhio hanno dolore e nell'altro no! In ogni caso, il dolore cessa quando si è riformato l'epitelio corneale; l'effetto terapeutico dell'intervento, infine, si stabilizza nell'arco dei primi due o tre mesi. Così come si corregge la miopia, si può correggere anche l'astigmatismo e l'ipermetropia anche se entro certi limiti e non con gli stessi risultati che si ottengono per la miopia. La tecnica LASIK Questa seconda tecnica si avvale anch'essa del laser, ma è differente. Dopo aver bloccato l'occhio del paziente si utilizza il cheratotomo, che esegue un taglio della superficie corneale: lo strumento equivale ad una pialla, tramite la quale viene "affettato", in senso orizzontale, un lembo di cornea dello spessore di 150 _m; il taglio non è totale, il lembo resta attaccato all'estremità opposta a quella di partenza del taglio e viene ribaltato per eseguire le fasi successive dell'intervento, durante le quali si va ad agire sullo spessore corneale residuo di 400 _m, non più di 530 _m come avveniva nella tecnica precedente. Ciò significa che non si possono trattare con la LASIK le miopie di grado molto elevato, nelle quali si rischierebbe di assottigliare eccessivamente lo stroma corneale. Lo strumento possiede un blocco che permette di non tagliare tutto il flap di cornea superficiale che ad un capo deve restare ancorato allo stroma sottostante, per quanto la letteratura sia ricca di casi in cui il lembo è stato tagliato completamente; oggi le tecniche sono d'altra parte molto migliorate; al termine del trattamento il lembo viene ribaltato e riposizionato nel suo sito fisiologico. E' indubbiamente una tecnica molto più invasiva della precedente: si tratta di un intervento chirurgico di una certa importanza; non è un intervento che può fare chiunque, ma è appannaggio di chi ha una certa esperienza di chirurgia oculare e la pratica quotidianamente. Primo tempo: la preparazione del paziente

10 L'anestesia è sempre eseguita secondo una via di somministrazione topica. Nella LASIK c'è un rischio settico maggiore: resterà infatti inevitabilmente uno spazio virtuale fra lo stroma corneale e il lembo riposizionato al termine dell'intervento; ciò crea un certo rischio di infezione, quindi la preparazione del campo chirurgico è più attenta. Viene identificata, innanzitutto, la zona centrale da trattare; poi si blocca l'occhio tramite uno strumento a forma di coppetta che crea un vacuum di una certa entità in grado di bloccare i movimenti dell'occhio, data l'impossiblità ad eseguire il taglio nel caso in cui l'occhio non sia fermo. Secondo tempo: il taglio del flap Il cheratotomo crea il lembo di epitelio corneale, proseguendo in direzione orizzontale fino al blocco; poi, quando il flap è stato tagliato, torna indietro lentamente alla posizione di partenza. Il capo opposto a quello da cui il cheratotomo ha iniziato il taglio è il punto di ancoraggio o cerniera del lembo corneale. Il flap deve essere creato con un taglio preciso, eseguito senza interruzioni: sono riportati casi in cui il cheratotomo si è bloccato a metà: l'unica soluzione corretta è, in situazioni di questo tipo, sospendere l'intervento, perchè il taglio interrotto non potrà essere ripreso e completato da un altro strumento. Ho assistito personalmente ad un caso di questi: il chirurgo ha scelto di proseguire l'intervento senza un flap completo e comunque ribaltando la breve porzione tagliata; il risultato è stato che il laser ha agito sia sullo stroma corneale, sia sul lembo incompleto, con risultati devastanti: per il paziente dopo qualche anno è stato necessario un trapianto di cornea! Terzo tempo: il laser In questa fase fra la PRK e la LASIK non c'è nessuna differenza: l'azione concentrica e centrifuga del laser corregge la curvatura corneale. Quarto tempo: il riposizionamento del flap Il lembo corneale viene ribaltato nella sua posizione di partenza; il flap, d'altra parte, non aderirà mai più allo stroma sottostante: resterà fermo in posizione fisiologica solo perchè l'epitelio del margine libero del taglio ricostituirà la continuità con l'epitelio corneale complemetare rimasto in sede. E' ovvio che se l'occhio dovesse subire un trauma, seppur banale (un dito nell'occhio, una pallina da tennis...), l'urto potrebbe spostare il flap

11 oppure, caso ancora più grave, il lembo si potrebbe perdere: sono casi descritti in letteratura. La LASIK ha il grande vantaggio di non dare dolore nel post-operatorio, poiché l'epitelio è sostanzialmente ancora tutto presente e nel giro di poche ore la linea del taglio sarà cicatrizzata tramite la rigenerazione dell'epitelio corneale; inoltre, il paziente vede rapidamente, recuperando in brevissimo tempo. Il grande svantaggio è che il soggetto resta per tutta la vita con un certo rischio potenziale di lesione corneale, oltre al fatto che lo spessore stromale sottostante al flap è molto più sottile di quanto sia nella PRK, con un rischio di ectasie decisamente maggiore: sostanzialmente le ectasie sono un rischio della LASIK, non della PRK. Considerato che con la PRK il paziente vede al meglio dopo tre, quattro giorni e con la LASIK, invece, già il giorno successivo, si può affermare che in pratica, a fronte di un guadagno di qualche giorno in termini di recupero dell'acuità visiva, il paziente operato secondo la LASIK dovrà pagare, nel follow-up, un rischio non ancora del tutto quantificabile, ma di una certa importanza. La LASIK è ritenuta in ambito specialistico più "elegante", ma per fortuna non è la tecnica scelta nella maggior parte dei casi: a volte viene suggerita al paziente con particolare enfasi, considerato l'enorme riscontro economico che l'accompagna in quanto appannaggio di pochi chirurghi; ma la PRK è assolutamente la più sicura, presentando come unici effetti collaterali l'abbondante lacrimazione e il dolore nel postoperatorio, ma nulla di più. L'intervento di correzione della miopia, dopo il recupero nel primo post-operatorio, prevede nel follow-up una prima fase di ipermetropia, per pochi mesi successivi all'intervento, e poi una normale regressione fino alla stabilizzazione definitiva. La prima regola è, comunque, che è impossibile pretendere una correzione della miopia che sia perfetta: permane dopo l'intervento un +/- 0.25, o +/- 0.50, che comunque in visione binoculare non creano grossi problemi: il paziente si potrà permettere di non usare più nè lenti a contatto, nè occhiali. Bisogna d'altra parte considerare che la presbiopia incombe su tutti fra i 40 e i 50 anni, quando gli occhiali diventano d'obbligo: queste considerazioni incidono sulle indicazioni chirurgiche e rendono indubbiamente controindicato l'intervento per pazienti con miopia di grado molto elevato.

12 Una controindicazione assoluta all'intervento è la presenza di un cheratocono. Qual è la soglia oltre la quale è sconsigliato l'intervento? Fino a 12 diottrie l'operazione può avere una buona efficacia, anche se è ovvio che sopra le 8 diottrie la possibilità di avere una correzione totale si riduce; oggi però, con i nuovi laser, in commercio dall'anno scorso, si vedono indubbiamente ottimi risultati anche per miopie fino a 12, spesso con risultati anche più stabili di quelli ottenuti nella correzione di difetti più lievi. D'altra parte la qualità del risultato dipende anche da altri fattori: ad esempio, la corretta temperatura della stanza, che è molto importante, così come la perfetta efficacia del laser, che deve essere sempe testato prima di ogni singolo intervento; tutti elementi di cui il paziente, purtroppo, non è al corrente. P.S. A lezione sono stati proiettati dei filmati illustranti le varie tecniche chirurgiche: ho riportato tutto, ma proprio tutto, in questa sbobinatura! Ghisi Daniela

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA COMPAGNIA ITALIANA OFTALMOLOGICA Piazzale Lunardi, 13/A 43100 Parma Tel. +39 0521 483123 Fax +39 0521 483472 info@cioitalia.com ALTK Automated Lamellar Therapeutic

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 2 n 4, 1998 Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo JOHN J. STROPKO, DDS IL TRIDENTE EDIZIONI

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Testata. Data Aprile 2015. Sezione La stanza dell esperto

Testata. Data Aprile 2015. Sezione La stanza dell esperto Testata Data Aprile 2015 Sezione La stanza dell esperto EQUA di Camilla Morabito S.R.L. Via del Babuino, 79 00187 Roma T [+39] 06 3236254 F [+39] 06 32110090 www.equa.it - info@equa.it Partita Iva e Codice

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Il sistema brevettato di puntali monouso per siringa aria-acqua

Il sistema brevettato di puntali monouso per siringa aria-acqua Il sistema brevettato di puntali monouso per siringa aria-acqua La vostra arma contro le contaminazioni crociate! Protezione assoluta dei pazienti garantita dal pratico sistema monouso Praticità d utilizzo

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

OFTALMOLOGIA PEDIATRICA

OFTALMOLOGIA PEDIATRICA OFTALMOLOGIA PEDIATRICA A. De Gregorio, E. Pedrotti, M. Pedrotti L occhio è la nostra finestra sul mondo, la vista è, infatti, la più importante via conoscitiva per la mente e di gran lunga il più evoluto

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE COSTRUISCI UN FORNO SOLARE Obiettivi: Realizzare un semplice forno solare al fine di mostrare come il sole può essere una fonte di energia rinnovabile. Illustrare l'effetto serra Descrizione generale:

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Caratteristiche: i bloccaggi sono disponibili in due configurazioni: orizzontali, come raffigurati in bassoa nella foto, con il bloccaggio e la staffa

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

SALUTE PER GLI OCCHI PATOLOGIE PIÙ COMUNI, PROTEZIONE, PREVENZIONE.

SALUTE PER GLI OCCHI PATOLOGIE PIÙ COMUNI, PROTEZIONE, PREVENZIONE. SALUTE PER GLI OCCHI PATOLOGIE PIÙ COMUNI, PROTEZIONE, PREVENZIONE. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 20 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Alimentazione Switching con due schede ATX.

Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentatore Switching finito 1 Introduzione...2 2 Realizzazione supporto...2 3 Realizzazione Elettrica...5 4 Realizzazione meccanica...7 5 Montaggio finale...9

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri

Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri 1 Regole 3 ore per completare 2 mani. Queste sono unghie da competizione quadrate tradizionali. Alle unghie devono essere applicati

Dettagli

I laser ad eccimeri Introduzione Concetti base dei laser ad eccimeri

I laser ad eccimeri Introduzione Concetti base dei laser ad eccimeri I laser ad eccimeri Introduzione Il laser ad eccimeri è stato introdotto in oftalmologia all inizio degli anni 80, sostituendosi via via al bisturi nell arte della chirurgia refrattiva. Grazie a questo

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli