Martedi Salute OCCHIO : BENE PREZIOSO E INSOSTITUIBILE COME AVERNE CURA A TUTTE LE ETA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Martedi Salute OCCHIO : BENE PREZIOSO E INSOSTITUIBILE COME AVERNE CURA A TUTTE LE ETA"

Transcript

1 Martedi Salute OCCHIO : BENE PREZIOSO E INSOSTITUIBILE COME AVERNE CURA A TUTTE LE ETA B.Oldani : Dire'ore S.C.Oculis1ca A.O. Mauriziano Umberto I Torino C.Orlandi : Orto?ca e Assistenza Torino 2 dicembre 2014

2 L occhio, dei cinque organi di senso che il nostro corpo dispone dalla nascita è certamente il bene più prezioso Vediamo grazie ad un sistema molto complesso composto dalla inter relazione tra occhio sistema nervoso centrale sistema nervoso periferico L occhio dalla nascita è il centro primo della conoscenza, grazie alla vista cresciamo, maturiamo, invecchiamo e.. Vediamo

3 Già gli Egiziani avevano capito l'importanza della vista rappresentando il loro Dio maggiore, Horus, come un occhio che vedeva tu'o e tu?.

4 per passare poi a Leonardo Da Vinci che a'raverso i suoi studi anatomici ha permesso di capire la stru'ura dell'occhio e le sue connessioni con il corpo umano

5 ed arrivare, infine, a Galileo che con i suoi studi fisici ge'ò le basi dell'o?ca e della fisiologia della visione.

6 Mol1 anni sono passa1 da quei primi studi e la ricerca scien1fica ha permesso di arricchire le nostre conoscenze sulla eziologia, sulla diagnosi ma, sopra'u'o sulla terapia di molte mala?e oculari tanto da consen1re la ges1one di patologie che fino a qualche decennio fa, erano considerate altamente invalidan1 o incurabili. Ricordiamoci che, a qualsiasi età della nostra vita la prevenzione è e rimane l aiuto più importante nella diagnosi e nella possibile terapia. Abbiamo cura del nostro corpo

7 Il bulbo oculare con i suoi annessi : nervo o?co e vasi artero venosi, muscoli estrinseci e ghiandola lacrimale è posto nella cavità orbitaria, formata da se'e ossa craniche. L occhio ha una forma sferica con una maggiore curvatura anteriore, peso di 7/8 grammi, lungo circa 24 mm per un diametro di circa 23,5 mm.

8 L orbita è una cavità ossea a forma di piramide scavata all interno del massiccio facciale, il cui apice presenta dei fori a'raverso i quali passa il nervo o?co, l arteria e la vena Le ossa orbitarie hanno altri fori a'raversa1 dai vasi ed dai nervi dire? al bulbo ed agli annessi. Nella parete supero esterna è alloggiata la ghiandola lacrimale

9 La funzione dell orbita è di proteggere tu'e le stru'ure del sistema visivo

10 Cornea : prima lente, trasparente, avascolare devia la luce sulla re1na Iride : apparato muscolare, pigmentato con funzioni di diaframma Pupilla : parte dell iride, varia il diametro e la quan1tà di luce Cristallino : seconda lente, perme'e di me'ere a fuoco le immagini Sclera : 1 strato esterno di conne?vo, rappresenta lo scheletro dell occhio Uvea : 2 strato medio, vascolare composto da tre par1 ( coroide, iride, corpi cigliari ) Re1na : 3 strato interno nervoso, trasforma i raggi di luce in impulsi ele'rici Nervo o?co e vie o?che : trasme'ono gli impulsi ele'rici alla corteccia cerebrale occipitale posteriore Apparato lacrimale : cos1tuito dalla ghiandola lacrimale e le vie escretrici Muscoli estrinseci : fasci muscolari che perme'ono il movimento dell occhio

11 La sclera è una membrana fibrosa, di tessuto conne?vo che riveste esternamente il bulbo. E in con1nuità anteriormente con la cornea e posteriormente con la guaina del nervo o?co. La parte interna è adesa alla coroide. La superficie presenta numerosi fori per il passaggio dei vasi sanguigni e dei nervi. Rappresenta l impalcatura dell occhio, protegge le stru'ure interne, assicura il tono oculare e consente l inserzione dei muscoli estrinseci.

12 CORNEA, perfe'amente trasparente, avascolare, è cos1tuita da cinque stra1 con uno spessore medio di 400/450 micron. Epitelio anteriore composto da 5/6 stra1 cellulari La membrana di Bowman composta da fibre collagene Lo stroma La membrana di Descemet Epitelio posteriore, strato cellulare interno La superficie anteriore a conta'o con l aria è bagnata dalle lacrime, la posteriore è bagnata dall umor acqueo La sua funzione è quella di far passare la luce e di indirizzarla alle stru'ure interne. Grazie alla sua curvatura è una lente molto potente. La superficie anteriore, convessa ha un potere di + 48 D mentre la superficie interna concava ha un potere di 5 D. Insieme al cristallino forma il dio'ro oculare.

13

14 L'iride è una tunica muscolare - vascolare - pigmentata. Posteriore alla cornea e anteriore al cristallino, delimita la camera anteriore dell occhio. Ha funzione di diaframma, forata al centro dalla pupilla, il cui diametro varia secondo l intensità della luce. Formata da numerosi stra1 di cellule sovrapposte e da fibre muscolari lisce che regolano il diametro della pupilla. Quando si restringe si chiama miosi, se si dilata midriasi. L iride regola la quan1tà di luce che entra nell occhio. Può assumere colorazioni molto varie secondo la razza, la famigliarità. Nei neona1 appare sempre blu chiara o grigia, verso il VI X di vita mese si pigmenta del colore defini1vo.

15

16 Il cristallino è un organo trasparente a forma biconvessa posto dietro all iride. È una lente naturale che, insieme alla cornea, me'e a fuoco i raggi luminosi sulla re1na. Ha il compito specifico di variare in con1nuazione la distanza focale del sistema o?co, cambiando la propria forma, per ada'arlo alla distanza dell'ogge'o da me'ere a fuoco. Incolore, privo di nervi, di vasi sanguigni e linfa1ci. Quando si opacizza forma la catara'a.

17 Il cristallino è una lente biconvessa di diametro medio di 10 mm e uno spessore assiale di 3-4 mm. Ha un potere dio'rico di circa 20 dio'rie. Posto nella zona anteriore del bulbo oculare, a circa 3,5 mm dal ver1ce della cornea. La faccia anteriore confina con l iride, tramite la pupilla, delimita la camera anteriore e dietro la camera posteriore del bulbo oculare. La sua posizione anatomica viene mantenuta da un complesso sistema di fibre ( apparato zonulare di Zinn ) che si inseriscono all equatore. La faccia posteriore è accolta nella fossa ialoidea, a conta'o con la membrana ialoidea dell umor vitreo.

18 L' uvea è la tonaca vascolare dell'occhio, è uno strato pigmentato posto tra la tonaca fibrosa o sclera e la tonaca nervosa o re1na. È divisa anatomicamente in tre porzioni, elencate in ordine antero posteriore: iride, corpo ciliare, coroide

19 Il corpo cigliare è un segmento circolare che si estende dall'iride alla coroide, dalla quale è separata da un solco de'o ora serrata. Presenta numerosi rilievi, processi cigliari, separa1 uno dall'altro da piccole infossature dalle quali si dipartono dei filamen1 che si uniscono alla corteccia del cristallino, cos1tuendo la zonula ciliare di Zinn

20 La coroide è lo strato mediale dell occhio, situata tra la sclera esterna e la re1na interna. Ha un colore ruggine scuro, dovuto, alla grande quan1tà di pigmento melanico e alla ricchezza di vasi sanguigni che danno nutrimento al tessuto re1nico. Protegge lo strato nervoso re1nico dalla luce esterna. E adesa allo strato interno della re1na.

21 La regna è la membrana più interna dell occhio e ne tappezza tu'a la cavità posteriore. Ha uno spessore di ( micron) trasparente e molto delicata. Rappresenta una estroflessione del diencefalo. La sua funzione è di trasformare gli s1moli luminosi in segnali nervosi che vengono invia1 alla corteccia cerebrale occipitale posteriore. diencefalo

22 Viene dis1nta in : foglie'o esterno, adeso alla coroide, epitelio pigmentato composto da cellule molto scure, pigmentate, la cui funzione è di impedire la diffusione della luce. Ha anche funzioni di nutrimento e di rigenerare il pigmento per i fotorece'ori. Foglie'o interno,strato cellulare nervoso, formato da nove stra1 che dall esterno all interno sono : 1. Fotorece'ori : coni e bastoncelli 2. Membrana limitante esterna 3. Strato dei granuli esterno 4. Plessiforme esterno 5. Strato dei granuli interno 6. Plessiforme interno 7. Strato delle cellule mul1polari 8. Strato delle fibre nervose 9. Membrana limitante interna

23 I coni sono responsabili della visione dei colori e sono sensibili alla luce diurna. I bastoncelli sono sensibili alle basse luminosità visione no'urna e al movimento, non ai colori. I coni sono molto numerosi nella zona centrale della re1na, de'a macula mentre i bastoncelli lo sono nella periferia re1nica. Gli assoni delle cellule re1niche entrando in sinapsi tra loro e con i fotorece'ori formando il nervo ohco che conduce lo s1molo visivo lungo le vie o?che alla corteccia cerebrale posteriore.

24 Area centrale della re1na specializzata nella la visione delle forme e dei colori, con una alta densità di coni. Presenta un diametro di circa 4/5mm e si suddivide in due aree più ristre'e nel suo interno : fovea (1,5 mm ) e foveola ( 0,35 mm ). I coni nell occhio umano sono tra i 4 ed i 6 milioni.

25 Le vie ohche sono l insieme di stru'ure che partendo dalla re1na collegano l occhio al cervello : nervo o?co, chiasma, tra'o o?co, corpo genicolato e le radiazioni o?che. Il nervo ohco si forma dalla confluenza dei prolungamen1 delle cellule nervose della re1na, esce dall orbita, si incrocia con il controlaterale a formare il chiasma.

26 I movimen1 dell occhio avvengono grazie a sei muscoli di cui qua'ro re? (superiore- inferiore mediale - laterale ) e due obliqui ( superiore inferiore ). Entrano nell orbita e si inseriscono alla sclera. Esiste anche un altro muscolo che perme'e l elevazione della palpebra.

27

28 L apparato lacrimale è composto dalla ghiandola lacrimale, posta nell angolo supero esterno dell orbita e dalle ghiandole lacrimali accessorie poste nelle palpebre. La gh. Lacrimale produce la componente acquosa, le accessorie quella lipidica e mucosa. Le lacrime defluiscono dai pun1ni lacrimali e a'raverso dei canalini entrano nel naso e vengono deglu?te con la saliva.

29 Il glaucoma è una mala?a causata da un aumento della pressione endoculare. E una delle più frequen1 cause di cecità nel mondo. Cara'eris1ca di questa patologia è di essere asintoma1ca, a volte anche negli stadi avanza1 e ormai irreversibili. Fa'ori di rischio : ereditarietà, famigliarità, aumenta il rischio dopo i 60 anni, miopia, disturbi vascolari / cardiaci, diabete, pressione bassa, sangue denso. Fondamentale la prevenzione. L ipertensione oculare causa dei danni a carico delle stru'ure interne all occhio, nello specifico al nervo o?co, con progressiva distruzione delle fibre nervose. La pressione oculare normale media è di 12 /16 mmhg, non deve superare i 20 mmhg. Importante : misurare la pressione oculare dopo i 40/ 45 anni

30 La diagnosi di glaucoma è certa quando sono presen1 in contemporanea tre fa'ori : pressione oculare alta ( nonostante la terapia ), alterazioni del campo visivo, danni a carico del nervo o?co.

31 La pressione oculare dipende dall equilibrio tra quan1tà di umore acqueo che viene prodo'o dalla pars plicata del corpo cigliare e quella che viene escreta a'raverso il trabecolato a livello dell angolo irido corneale. Quando la pressione rimane alta nel tempo causa un danno irreversibile al nervo o?co con progressiva riduzione del campo visivo.

32 Esistono diversi 1pi di glaucoma : angolo aperto, stre'o, chiuso, congenito e secondario ( uvei1, catara'a avanzata, trombosi venosa re1nica ).

33 La terapia del glaucoma nella fasi iniziali è sempre farmacologica a base di colliri. Se la pressione non si abbassa si possono effe'uare interven1 laser ( iridectomia trabeculoplas1ca ).

34 Il tra'amento chirurgico standard è la trabeculectomia. Si effe'ua facendo a ore XII, uno sportellino che me'e in comunicazione la parte esterna dell occhio con quella interna, creando una sorta di valvola che favorisce il drenaggio dell umore acqueo.

35 Prima causa di ipovisione nei paesi industrializza1, la sua frequenza aumenta con l età. La degenerazione maculare è una patologia mul1fa'oriale che colpisce la macula. Ha un andamento progressivo e può condurre alla perdita della visione centrale, mai della vista in generale.

36 La macula è la zona centrale della re1na di colore rosso roseo priva di vasi sanguigni, deputata alla visione diurna e dei colori, grazie alla alta concentrazione di cellule nervose ( coni ). All interno della macula, il cui diametro è di circa 3 / 4 mm, sono presen1 due altre zone, la fovea e la foveola ( 30 micron ) con un ancor più alto numero di coni.

37 È quasi sempre bilaterale. Con l'invecchiamento si manifestano progressive modificazioni in un insieme di stru'ure tra loro adiacen1 (epitelio pigmentato re1nico, membrana di Bruch, coriocapillare) situate al di so'o della re1na maculare. Al processo degenera1vo maculare concorrono sclerosi dei vasi della coroide, accumulo di lipidi nella membrana di Bruch e alterazioni del metabolismo dell'epitelio pigmentato re1nico. In queste condizioni il fisiologico passaggio di ossigeno e nutrien1 dalla coroide alla re1na diventa difficoltoso. Nello stesso tempo i detri1 derivan1 dai fotorece'ori che normalmente vengono metabolizza1 e elimina1 dall'epitelio pigmentato re1nico si accumulano a formare deposi1 so'o l'epitelio pigmentato stesso. Tali deposi1 vengono chiama1 drusen.

38 Si dis1nguono due forme di degenerazione maculare : atrofica (dry /secca non neovascolare ) e umida de'a anche essuda1va ( neovascolare ). I sintomi sono simili per entrambe : iniziano con una perdita progressiva della visione centrale ( scotoma ) e con visione distorta. Esistono fa'ori di rischio come : ereditarietà, famigliarità, disordini alimentari, diabete, ipertensione, fa'ori vascolari, obesità, ipercolesterolemia, fumo.

39 La degenerazione maculare secca non essuda1va ha un incidenza del 90%. Si manifesta con la presenza di chiazze'e giallastre nella zona centrale della re1na, de'e drusen. Sono cos1tuite da detri1 cellulari e materiale di scarto del metabolismo locale e si localizzano tra l epitelio pigmentato ed i fotorece'ori. Questo processo conduce inesorabilmente alla apoptosi dei fotorece'ori.

40 La degenerazione umida ha un incidenza del 20% nella popolazione ma più spesso è l evoluzione della forma secca. Le lesioni prima descri'e hanno come conseguenza il formarsi di neovasi dalla coriocapillare che si infiltrano nell epitelio pigmentato e tra i fotorece'ori. Ques1 neovasi causano delle microemorragie e un essudazione sierosa con conseguente reazione cicatriziale e totale distruzione delle cellule.

41 Esistono vari tenta1vi di terapia : Tra'amento delle emorragie periferiche con argon laser Terapia fotodinamica Terapia farmacologica ( an1angiogenici ) Terapia chirurgica ( vitrectomia ) Terapia chirurgica ( traslocazione della macula ) Terapia chirurgica ( innesto di cellule dell epitelio pigmentato ) Terapia con cellule staminali - molto lontano e molto futuro Terapia con ausili o?ci microcips

42 La terapia con argon laser viene effe'uata su lesioni re1niche emorragiche periferiche. Tecnica in parte obsoleta in quanto vengono brucia1 tu? gli stra1 re1nici. La terapia fotodinamica viene u1lizzata nella degenerazione di 1po umido con lo scopo di distruggere la membrana neovascolare. Viene somministrato al Paziente una sostanza ( verdeporfirina ) per via endovenosa che si accumula sele?vamente nelle cellule endoteliali dei neovasi. La sua a?vazione avviene mediante una raggio laser, non termico, provocando una trombosi del vaso sanguigno colpito.

43 Terapia farmacologica farmaci an1angiogenici, nelle forme di 1po umido. Ormai da più di cinque anni, la loro azione è di bloccare un fa'ore di crescita dei neovasi so'ore1nici, de'o VEGF ( vascular endothelial growth factor ). Vengono inie'a1 dentro il bulbo oculare nello spazio vitreale posteriore. Approva1 sono qua'ro, Macugen, Lucen1s, Avas1n e Aflibercet.

44 Terapia chirurgica vitrectomia anestesia locale no degenza, no suture. Pulizia del vitreo e delle membrane aderen1 all area maculare, eventuale laser

45 Terapia chirurgica traslocazione maculare - intervento molto importante e difficile, anestesia generale. Si disinserisce tu'o il tessuto re1nico per 360 gradi, lo si ruota e lo si ria'acca alla re1na. Lo scopo è quello di spostare la zona maculare lesa. Molte sono le complicanze. Prima non riuscire a ria'acare la re1na, secondo vedere doppio, emorragie.

46 Terapia chirurgica innesto di cellule di epitelio pigmentato chirurgia non facile, anestesia generale. Si disinserisce la re1na dall epitelio pigmentato, si preleva un piccolo pezzo di epitelio pigmentato sano, alcuni mm e lo si posiziona in sede maculare dove c è l area danneggiata e si ria'acca la re1na. Vengono inserite nel bulbo sostanze tamponan1. Molteplici possono essere le complicanze.

47 Terapia con cellule staminali, al momento non esiste alcuna tecnica approvata di innesto di cellule staminali. Numerosi studi sono in corso ( col1vare l epitelio pigmentato sano e inie'arlo nella re1na maculare danneggiata ). Le cellule devono essere prelevate dall occhio controlaterale del paziente. Terapia con ausili o?ci : microcip, microele'rodi che vengono impianta1 in sede maculare sulla re1na o so'ore1nici.si collega dire'amente o per via wireless con un paio di occhiali provvis1 di una telecamera per la visione esterna.

48

49 La catarala si forma per una progressiva perdita di trasparenza del cristallino. Questo processo avviene per fenomeni di ossidazione delle proteine che cos1tuiscono la lente. L incidenza della catara'a aumenta con l età e con patologie associate ( diabete, mala?e autoimmuni, terapie farmacologiche, esposizione eccessiva a raggi UV, traumi bulbari ).

50 La Catara'a può essere suddivisa in : Senile la forma più comune nella popolazione umana oltre i 65/70 anni. E l intervento chirurgico più frequente. Giovanile - compare in età più precoce, di solito è dismetabolica, (diabete) o reumatologica ( mala?e autoimmuni ), farmacologica (terapie cor1soniche prolungate ), mala?e dell occhio ( uvei1, glaucoma ), trauma1ca, frequente nella sindrome Down. Congenita infangle : presente alla nascita, mono o binoculare, ha un incidenza di 3 su na1. Talora ereditaria o dismetabolica. Oppure si sviluppa nei mesi successivi. Necessita di un a'ento controllo e di una decisione chirurgica in caso di peggioramento visivo per scongiurare l ambliopia.

51

52 Non esiste una terapia farmacologica. L intervento si chiama facoemulsificazione, seguito dalla introduzione di un cristallino ar1ficiale ( IOL ). Anestesia locale e/o topica ( collirio ). Ferita chirurgica di circa 2/3mm, no suture. Durata media dell intervento 15/20 minu1 con dimissioni del paziente.

53 Intervento sicuro nel 98 % dei casi. Possibile complicanza : grave infezione dell occhio che può portare alla perdita dell occhio. E causata da ba'eri patogeni e da scarsa igiene post intervento. L infezione deve essere aggredita il più presto possibile per via sistemica e chirurgica.

54 Altra complicanza è la ro'ura della capsula posteriore del cristallino, causata nel 90 % da sbagliate manovre chirurgiche. Può impedire la riuscita dell intervento e l inserimento della IOL nella sede naturale. Catara'a secondaria : opacizzazione della capsula posteriore del cristallino, viene tra'ata con lo iag LASER in modo defini1vo.

55 Il distacco di regna è una lesione sempre molto importante e grave dell occhio. Fa'ori predisponen1 sono : miopia, traumi, mala?e degenera1ve e regmatogene. Interessa una persona su Avviene per separazione del tessuto cellulare nervoso dall epitelio pigmentato. La re1na ha uno spessore di pochi micron è molto fragile e conduce inesorabilmente a delle ro'ure o fori re1nici.

56

57 I sintomi nel distacco di re1na possono essere : fosfeni, torbidità vitreale, perdita del campo visivo, mai dolore. Nel caso di fori re1nici la diagnosi è spesso occasionale in corso di visita specialis1ca. I fori e/o le degenerazioni re1niche devono essere tra'ate con Argon laser a circoscrivere la lesione.

58 Il tra'amento del distacco di re1na è chirurgico, esistono due 1pologie di intervento : cerchiaggio ab esterno e vitrectomia Cerchiaggio ab esterno Il primo consiste nel porre una striscia di silicone, de'a banda di varie dimensioni, all esterno dell occhio in coincidenza della ro'ura, la banda una volta posizionata viene stre'a in modo da riavvicinare l esterno del bulbo alla re1na staccata. Il liquido, responsabile del distacco, viene drenato facendo un piccolo forellino dall esterno so'o al cerchiaggio. Si può inie'are nel bulbo oculare, una volta drenato il liquido, dell aria o del gas come mezzo tamponante, per favorire l adesione della re1na.

59

60 Il secondo tipo di intervento è la vitrectomia. Viene fatta ab interno, posizionando dei trocher alla sclera attraverso ai quali si introduce una sorgente luminosa e vari altri strumenti ( vitrectomo, pinze, spatole, forbici, fibre ottiche laser ). Lo strumento base è il vitrectomo che permette di pulire, di asportare il vitreo, le emorragie, in modo tale da rendere la retina staccata più mobile e pulita possibile. Attraverso i trocher vengono introdotte delle sostanze tamponanti che permettono il riavvicinamento del foglietto retinico staccato. ( acqua, aria, gas, silicone ). Si può fare anche il laser intravitreale. Le ferite chirurgiche hanno un diametro da 2 a 0,8 mm, non necessitano di sutura.il diametro dei trocher varia da 25 a 20 gauces. L anestesia è locale, la dimissione in giornata.

61

62 I dife? visivi sono qua'ro : miopia, ipermetropia, asggmagsmo, presbiopia. Le due len1 presen1 nell occhio, curvatura corneale e cristallino focalizzano i raggi luminosi dall esterno sulla re1na e al centro, nella macula.

63 In o?ca la DioLria è l unità di misura del potere delle len1. Esprime la capacità di modificare i raggi luminosi, focalizzarli e formare un immagine ni1da. Una lente ha il potere di 1 dio'ria quando ha il fuoco ad 1 metro. Le len1 sono essere posi1ve ( ingrandiscono ), nega1ve ( diminuiscono ). Possono essere sferiche o cilindriche. I Decimi sono l unità di misura della vista, vengono misura1 con una tabella denominata o'o1po che si compone di dieci linee con cara'eri di dimensioni variabili. L o'o1po può essere di le'ere, numeri, disegni, simboli. Non esiste alcuna correlazione tra le due unità di misura

64

65 La miopia è il dife'o visivo più frequente, l occhio non me'e a fuoco le immagini da lontano. La causa è dovuta ad una maggiore lunghezza del bulbo oculare. La miopia viene suddivisa in : lieve ( 0 / 5-6 dio'rie ), media ( fino a 10 dio'rie ), alta ( dio'rie ), grave ( oltre le dio'rie ).

66

67 Metodi di correzione della miopia : Occhiali Len1 a conta'o Ortocheratologia Len1 intraoculari fachiche Lensectomia Cheratotomia radiale Laser ad eccimeri ( PRK LASIK ) + laser a Femtosecondi

68 L ipermetropia è causata da una minore lunghezza del bulbo oculare. E molto frequente in età pediatrica e causa spesso un problema di strabismo, può insorgere in età adulta e an1cipare la presbiopia. Si corregge con len1 di segno posi1vo, convesse, convergen1.

69 Metodi di correzione della ipermetropia : Occhiali Len1 a conta'o Len1 intraoculari fachiche Lensectomia Laser ad eccimeri ( PRK LASIK ) + laser a Femtosecondi

70 L as1gma1smo è un dife'o visivo frequente ed è causato da una irregolarità di curvatura della cornea o del cristallino. Le immagini sono distorte e sdoppiate sia da lontano che da vicino. Può associarsi alla miopia o all ipermetropia. Spesso rimane stabile nel tempo.

71 Metodi di correzione dell as1gma1smo : Occhiali Len1 a conta'o Laser ad eccimeri ( PRK LASIK ) + laser a Femtosecondi

72 La presbiopia è un dife'o visivo causato da una diminuzione fisiologica della visione da vicino. La causa è la perdita di elas1cità del potere di accomodazione del cristallino. Si manifesta intorno ai 45/50 anni e progredisce con l età. Si corregge con len1 posi1ve.

73 Inlays : tecnica innovativa di correzione della presbiopia. Consiste nell inserire in sede intracorneale, nello stroma alla profondità di 250 micron una microlente di 3 mm di diametro e di 15 micron di spessore, con un foro al centro di 1,6 mm. La lente è di materiale inerte, biocompatibile. Intervento in anestesia locale, collirio. La tasca di inserimento viene effettuata con il laser a femtosecondi. Viene impiantata in un solo occhio, quello non dominante. Questa metodica permette di correggere presbiopie tra + 1,50 e + 3,50 diottrie. La visione viene recuperata nell arco di alcuni giorni. E una tecnica reversibile, la lente può essere rimossa senza danneggiare i tessuti corneali. Possibili complicanze sono il decentramento, la fotofobia iniziale e la fase di adattamento visivo.

74 Inlays

75 Grazie dell attenzione

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

SALUTE PER GLI OCCHI PATOLOGIE PIÙ COMUNI, PROTEZIONE, PREVENZIONE.

SALUTE PER GLI OCCHI PATOLOGIE PIÙ COMUNI, PROTEZIONE, PREVENZIONE. SALUTE PER GLI OCCHI PATOLOGIE PIÙ COMUNI, PROTEZIONE, PREVENZIONE. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 20 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

proiezione geometrica modalità di propagazione dei raggi di luce incidenti il sistema ottico

proiezione geometrica modalità di propagazione dei raggi di luce incidenti il sistema ottico Capitolo 4 Sistema ottico 4.1 Introduzione Nel processo di formazione dell immagine, il sistema ottico genera in un piano (il piano immagine) l immagine bidimensionale degli oggetti 3D del mondo la cui

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA COMPAGNIA ITALIANA OFTALMOLOGICA Piazzale Lunardi, 13/A 43100 Parma Tel. +39 0521 483123 Fax +39 0521 483472 info@cioitalia.com ALTK Automated Lamellar Therapeutic

Dettagli

OFTALMOLOGIA PEDIATRICA

OFTALMOLOGIA PEDIATRICA OFTALMOLOGIA PEDIATRICA A. De Gregorio, E. Pedrotti, M. Pedrotti L occhio è la nostra finestra sul mondo, la vista è, infatti, la più importante via conoscitiva per la mente e di gran lunga il più evoluto

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Tecniche. Policlinico. prodotta ad. particolare letteratura

Tecniche. Policlinico. prodotta ad. particolare letteratura 15 CONGRESSO NAZIONALE FNCPTSRM 19 21 aprile 2013 Palazzo dei congressi di Riccione CORSO ECM G a cura della AITNR Tecniche di Studio delle Orbite con principalii reperti osservabili metodica R.M. e Riccardo

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO. Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale - Milano. Occhi e Urgenze

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO. Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale - Milano. Occhi e Urgenze AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale - Milano Occhi e Urgenze Copyright 2010 I.N.C. Innovation-News-Communication s.r.l. ISBN... Editore I.N.C. Innovation-News-Communication

Dettagli

Testata. Data Aprile 2015. Sezione La stanza dell esperto

Testata. Data Aprile 2015. Sezione La stanza dell esperto Testata Data Aprile 2015 Sezione La stanza dell esperto EQUA di Camilla Morabito S.R.L. Via del Babuino, 79 00187 Roma T [+39] 06 3236254 F [+39] 06 32110090 www.equa.it - info@equa.it Partita Iva e Codice

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA

ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA G. Sini, 2010 Art. n A 21 ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA Chiunque abbia occasione di leggere un testo scritto dopo l introduzione del web, va incontro a qualche piccolo rischio. Esaminiamo qualche

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R - - I amosi specchi ustori usati da rchimede per bruciare le navi nemiche erano specchi serici. Sapendo che la distanza delle alture, dove erano posti gli specchi, dal mare era di 00 m, dite uale doveva

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli