Il rischio vibrazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il rischio vibrazioni"

Transcript

1 Il rischio vibrazioni Il D. Lgs. 187/05 e la sua integrazione nel processo di valutazione dei rischi Dr. Franco Zanin SPISAL - Az. ULSS 6 Vicenza

2 Definizione Le vibrazioni sono oscillazioni meccaniche generate da onde di pressione che si trasmettono attraverso corpi solidi elastici. Se questi movimenti oscillanti intorno ad una posizione di riferimento avvengono con una cadenza superiore a ripetizioni al secondo (Hertz), la vibrazione è acustica, cioè produce un suono udibile, se invece la cadenza è inferiore, la vibrazione si può chiamare meccanica o vibrazione propriamente detta. 2

3 Tipologia di vibrazioni le vibrazioni vengono suddivise in 3 principali bande di frequenza: oscillazioni a bassa frequenza, generate dai mezzi di trasporto (terrestri, aerei, marittimi), sono comprese fra 0,1 e 2 Hz; oscillazioni a media frequenza, generate da macchine ed impianti industriali, sono comprese fra i 2 e i 20 Hz; oscillazioni ad alta frequenza, oltre i 20 Hz, sono generate da un'ampia gamma di strumenti vibranti di sempre maggiore diffusione in ambito industriale, coinvolgenti moltissime attività lavorative. 3

4 I parametri Oltre che dalla frequenza, le vibrazioni sono caratterizzate da altri tre parametri strettamente connessi tra loro: l'ampiezza: spostamento massimo dalla posizione di equilibrio (espressa in cm); la velocità: con cui avviene lo spostamento (espressa in cm/sec); l'accelerazione: variazione di velocità (espressa in m/sec 2 o in multipli di g,accelerazione di gravità; 1g = 9,8 m/sec 2 ). L'accelerazione è il parametro più importante per la valutazione della risposta corporea alle vibrazioni, in quanto l'uomo avverte più la variazione di uno stimolo che il suo perdurare. 4

5 Per valutare gli effetti Per poter valutare gli effetti delle vibrazioni sull'uomo bisogna considerare diversi parametri quali: 1. la regione di ingresso delle vibrazioni e la loro direzione; 2. la frequenza; 3. l accelerazione; 4. l'intensità; 5. la risonanza; 6. la durata di esposizione. 5

6 Punti d ingresso Le parti del corpo attraverso cui più frequentemente le vibrazioni fanno ingresso sono: le mani, quando si manovrano utensili o si opera su macchinari che vibrano; le mani, i piedi e le natiche sono le parti anatomiche di ingresso quando il soggetto è alla guida di un automezzo o si trovi in postura eretta su una superficie in movimento o su una piattaforma vibrante. 6

7 Direzione di propagazione Oltre il punto di ingresso è importante conoscere anche la direzione di propagazione, che può essere: verticale (piedi - testa) antero - posteriore (mano-braccio) Le vibrazioni possono agire sull'intero corpo o soltanto su alcune parti dello stesso. 7

8 Frequenze di risonanza Organi e componenti del corpo hanno frequenze naturali proprie e se eccitati dalle vibrazioni dimostrano amplificazioni e attenuazioni del loro moto rispetto la vibrazione d ingresso, in dipendenza dalla frequenza eccitante 8

9 Il punto di applicazione delle vibrazioni Il rischio da vibrazioni viene analizzato in modo diverso a seconda che si tratti di vibrazioni applicate al: sistema mano braccio (Hand-Arm Vibration HAV) corpo intero (Whole Body Vibration WBV) Gli effetti prodotti sono in funzione del punto d ingresso nel corpo umano. 9

10 Ponderazione in frequenza La sensibilità del corpo umano alle vibrazioni dipende da: Frequenza Direzione La ISO ha stabilito tre curve di ponderazione che possono essere usate per tenere conto di questi due fattori quando si valuta la nocività delle vibrazioni. A quelle frequenze alle quali il corpo umano è più sensibile viene data una ponderazione più alta rispetto a quelle dove il corpo è meno sensibile. Allo stesso modo del rumore quando viene usato il filtro di ponderazione A (livello in dba) 10

11 Le curve ISO di ponderazione Corpo umano laterale Max 1-2 Hz Corpo umano longitudinale Max 4-8 Hz Mano-braccio Max Hz 11

12 Vibrazioni mano-braccio Le vibrazioni che interessano maggiormente il sistema mano braccio hanno frequenze comprese tra 5 e 1500 Hz, la risposta in frequenza è uguale in tutte le direzioni, la sensibilità massima si ha nella gamma tra 12 e 16 Hz. Le vibrazioni di tipo localizzato sono generate da strumenti in uso nell'edilizia, nel comparto lapideo, nell'industria estrattiva, nell'industria metallurgica, metalmeccanica, del legno, nei cantieri navali, nell'industria manifatturiera, in agricoltura, come pure in diverse attività nel comparto dell'artigianato, in cui si impugnino utensili vibranti o materiali sottoposti a vibrazioni o impatti. Si calcola che tra il 1,7 5,8 % dei lavoratori sono esposti regolarmente a vibrazioni del sistema mano-braccio. 12

13 Sorgenti di vibrazioni mano-braccio (HAV) Tipologia di utensile Scalpellatori, Scrostatori, Rivettatori Martelli Perforatori Martelli Demolitori e Picconatori Trapani a percussione Avvitatori ad impulso Martelli Sabbiatori Cesoie e Roditrici per metalli Levigatrici orbitali e roto-orbitali Seghe circolari e seghetti alternativi Smerigliatrici Angolari e Assiali Smerigliatrici Diritte per lavori leggeri Principali lavorazioni Edilizia - lapidei, metalmeccanica Edilizia - lavorazioni lapidei Edilizia - estrazione lapidei Metalmeccanica Metalmeccanica, Autocarrozzerie Fonderie - metalmeccanica Metalmeccanica Metalmeccanica - Lapidei - Legno Metalmeccanica - Lapidei - Legno Metalmeccanica - Lapidei - Legno Metalmeccanica - Lapidei - Legno 13

14 Sorgenti di vibrazioni mano-braccio (HAV) Tipologia di utensile Motoseghe Decespugliatori Tagliaerba Motocoltivatori Chiodatrici Compattatori vibro-cemento Iniettori elettrici e pneumatici Limatrici rotative ad asse flessibile Manubri di motociclette Cubettatrici Ribattitrici Principali lavorazioni Lavorazioni agricolo-forestali Lavorazioni agricolo-forestali Manutenzione aree verdi Lavorazioni agricolo-forestali Palletts, legno Produzione vibrati in cemento Produzione vibrati in cemento Metalmeccanica, Lavorazioni artistiche Trasporti Lavorazioni lapidei (porfido) Calzaturifici 14

DEFINIZIONI La vibrazione meccanica è il movimento oscillatorio di un corpo attorno alla posizione

DEFINIZIONI La vibrazione meccanica è il movimento oscillatorio di un corpo attorno alla posizione ing. Guido Saule 1 DEFINIZIONI La vibrazione meccanica è il movimento oscillatorio di un corpo attorno alla posizione di equilibrio, conseguente all azione di una forza variabile nel tempo. 2 PREMESSA

Dettagli

LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO

LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO ISPESL Istituto Superiore per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO Vibrazioni meccaniche nei luoghi di lavoro: stato della normativa IDENTIFICAZIONE E CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE

LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A cura di Claudio Arcari e Mariacristina Mazzari Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Piacenza

Dettagli

A6.5 VIBRAZIONI. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO A Unità didattica

A6.5 VIBRAZIONI. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO A Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole VIBRAZIONI MODULO A Unità didattica A6.5 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Definizione Le vibrazioni sono oscillazioni

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONE MECCANICHE IN UNA AZIENDA ELETTROMECCANICA

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONE MECCANICHE IN UNA AZIENDA ELETTROMECCANICA LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONE MECCANICHE IN UNA AZIENDA ELETTROMECCANICA Applicazione del Decreto Legislativo n 187 del 19 agosto 2005 a cura dell ing. L. CHESI Resp. Qualità,

Dettagli

Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni

Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni SOMMARIO 1. Scopo della Banca Dati Vibrazioni 2. Decreto Legislativo n. 187 del 19 agosto 2005 2.1 Ambito d applicazione 2.2 Obblighi prescritti dal Decreto

Dettagli

VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI. Iole Pinto

VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI. Iole Pinto VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI Iole Pinto AUSL 7 di Siena Dipartimento di Prevenzione, U.F. Igiene e Tossicologia - Settore Agenti Fisici Strada di Ruffolo 53100 Siena (Italy) e_mail:

Dettagli

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI AGGIORNAMENTO R.S.P.P. e A.S.P.P IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI Giorgio Zecchi e Alessandra Cattini SPSAL Reggio Emilia 2 4 novembre 2011 PRINCIPI GENERALI CHE COSA E UNA VIBRAZIONE?? La VIBRAZIONE

Dettagli

Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni Attrezzature portatili o trasportabili

Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni Attrezzature portatili o trasportabili Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni 16 7 X/Y Avvitatrici pneumatiche Bussola per dadi 28662-7 13 28 17 X Bocciardatrici pneumatiche o martelli pneumatici scalpellatori

Dettagli

Vibrazioni Meccaniche

Vibrazioni Meccaniche AGENTI FISICI AGENTI FISICI Vibrazioni Meccaniche Vibrazioni Meccaniche Anno 2010 Vibrazioni v.02 1 PREMESSA MALATTIE CAUSATE DA VIBRAZIONI MECCANICHE TRASMESSE AL SISTEMA MANO BRACCIO AGRICOLTURA LAVORAZIONI

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO SENZA MISURAZIONI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO SENZA MISURAZIONI VALUTAZIONE DEL RISCHIO SENZA MISURAZIONI BANCA DATI ISPESL E DATI DEL COSTRUTTORE A cura di Claudio Arcari e Mariacristina Mazzari Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Piacenza Piacenza, 9 marzo

Dettagli

La valutazione del rischio da vibrazioni trasmesse al corpo: azioni preventive e casi-studio

La valutazione del rischio da vibrazioni trasmesse al corpo: azioni preventive e casi-studio La valutazione del rischio da vibrazioni trasmesse al corpo: azioni preventive e casi-studio studio Ing. Maurizio Muratore INAIL Friuli V. Giulia - CONTARP (Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione)

Dettagli

Il rischio vibrazioni è legato principalmente a determinate mansioni che un lavoratore svolge nella sua attività.

Il rischio vibrazioni è legato principalmente a determinate mansioni che un lavoratore svolge nella sua attività. Prof. Stefano Lonati Il rischio vibrazioni è legato principalmente a determinate mansioni che un lavoratore svolge nella sua attività. L uso di macchinari vibrogeni può riscontrarsi: nei cantieri edili

Dettagli

I rischi da Vibrazioni

I rischi da Vibrazioni I rischi da Vibrazioni Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it) 1 Vibrazioni rischi Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: Hand-Arm Vibration HAV Vibrazioni trasmesse al corpo intero:

Dettagli

La valutazione del rischio RUMORE E VIBRAZIONI

La valutazione del rischio RUMORE E VIBRAZIONI La valutazione del rischio RUMORE E VIBRAZIONI Il suono è una perturbazione meccanica emessa da una sorgente che si propaga in un mezzo elastico (gas, liquido, solido) sotto forma di vibrazioni e che è

Dettagli

I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione

I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione Nei cantieri edili, si possono individuare alcune tipologie di rischio nel campo dell igiene del lavoro legati all uso di macchine e attrezzature.

Dettagli

RISCHI FISICI RUMORE & VIBRAZIONI

RISCHI FISICI RUMORE & VIBRAZIONI INCONTRO DEL 9 E 10 MAGGIO 2013 RISCHI FISICI RUMORE & VIBRAZIONI PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs.n 81 Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012

Dettagli

propagazione RICEVITORE SORGENTE

propagazione RICEVITORE SORGENTE Giornate degli RLS La valutazione del rischio RUMOREE E VIBRAZIONI: esperienze lavorative ed eventuali proposte di soluzione Il suonoè una perturbazione meccanica emessa da una sorgente che si propaga

Dettagli

Vibrazioni. Aspetti fisici di base. Principali sorgenti. Descrittori del rischio. Esempi di calcolo di esposizione giornaliera

Vibrazioni. Aspetti fisici di base. Principali sorgenti. Descrittori del rischio. Esempi di calcolo di esposizione giornaliera Vibrazioni Aspetti fisici di base Principali sorgenti Descrittori del rischio Esempi di calcolo di esposizione giornaliera Andrea Guerzoni - SPSAL AUSL Ferrara - 10/11/06 VIBRAZIONI VIBRAZIONE: oscillazione

Dettagli

Vibrazioni trasmesse al corpo intero: l evoluzione tecnologica nelle azioni preventive e casi studio

Vibrazioni trasmesse al corpo intero: l evoluzione tecnologica nelle azioni preventive e casi studio Vibrazioni trasmesse al corpo intero: l evoluzione tecnologica nelle azioni preventive e casi studio Ing. Maurizio Muratore INAIL Friuli V. Giulia - CONTARP (Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione)

Dettagli

NORME DI CARATTERE GENERALE Sicurezza macchine - Edizione 2011

NORME DI CARATTERE GENERALE Sicurezza macchine - Edizione 2011 NORME DI CARATTERE GERALE Codice UNI/TR 11232-1:2007 UNI/TR 11232-2:2007 UNI ISO/TR 14121-2:2010 UNI 1005-1:2009 UNI 1005-2:2009 UNI 1005-3:2009 UNI 1005-4:2009 UNI 1032:2009 UNI 1032:2009 UNI 1037:2008

Dettagli

Cap 12 12 -- Misure di vi braz di vi ioni

Cap 12 12 -- Misure di vi braz di vi ioni Cap 12 - Misure di vibrazioni Le vibrazioni sono poi da sempre uno strumento di diagnostica di macchine e sistemi meccanici 1 Le direttive CEE 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE, obbliga tutti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO 1 VIBRAZIONI TRASMESSE AL SISTEMA MANO-BRACCIO E' noto che l esposizione umana a vibrazioni meccaniche può rappresentare

Dettagli

Powertools TRAPANI ELETTRICI MARTELLI PNEUMATICI UTENSILI ELETTRICI

Powertools TRAPANI ELETTRICI MARTELLI PNEUMATICI UTENSILI ELETTRICI TRAPANI ELETTRICI Fig. C5.007 Mandrino mm. 13 Regolazione elettronica della velocità Asta regolazione profondità foro Fig. C5.015 Impugnatura soft grip supplementare orientabile Pulsante per funzionamento

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE DATI PARLIAMO DI:

LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE DATI PARLIAMO DI: LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A cura di Claudio Arcari e Mariacristina Mazzari Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Piacenza

Dettagli

Vibrazioni. Decreto Legislativo 81/2008

Vibrazioni. Decreto Legislativo 81/2008 Vibrazioni Decreto Legislativo 81/2008 D. lgs. n. 81 del 09 aprile 2008 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Attuazione dell articolo 1 della legge n. 123 del 3 agosto 2007, in materia di tutela

Dettagli

Norme tecniche per macchinari 1

Norme tecniche per macchinari 1 Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT) Norme tecniche per macchinari 1 Visto l articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata il 18 giugno

Dettagli

RUMORE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca. Delucis LSP Lucca

RUMORE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca. Delucis LSP Lucca RUMORE Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca Cos è il suono Si consideri un qualunque mezzo fisico.. Si supponga che, per un qualunque processo, una particella del mezzo cominci ad oscillare attorno alla sua posizione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO INDICE 1 PREMESSA pag. 2 PARTE I - VIBRAZIONI TRASMESSE AL SISTEMA MANO- pag. BRACCIO 2.1 IDENTIFICAZIONE E CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO Azienda Sede BLUCAR COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via Diaz 18 Datore di lavoro Rossi Paolo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione De

Dettagli

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE IL SUONO Propagarsi di onde meccaniche in un mezzo. Le onde fanno vibrare la membrana del timpano dando la sensazione sonora. La frequenza del suono è data dal numero

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO INDICE 1 PREMESSA pag. 4 2 PARTE I - VIBRAZIONI TRASMESSE AL pag. 6 SISTEMA MANO-BRACCIO 2.1 IDENTIFICAZIONE E CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Corso Integrato di Medicina del Lavoro 5 anno, 2 semestre [ aa 2006 2007 ] Prof. Plinio Carta

Corso Integrato di Medicina del Lavoro 5 anno, 2 semestre [ aa 2006 2007 ] Prof. Plinio Carta Corso Integrato di Medicina del Lavoro 5 anno, 2 semestre [ aa 2006 2007 ] Prof. Plinio Carta Servizio di Medicina Preventiva dei Lavoratori e di Fisiopatologia Respiratoria Dipartimento di Sanità Pubblica

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE DEL 12/03/1998

DECRETO MINISTERIALE DEL 12/03/1998 DECRETO MINISTERIALE DEL 12/03/1998 ELENCO RIEPILOGATIVO DI NORME ARMONIZZATE ADOTTATE AI SENSI DEL COMMA 2 DELL'ART. 3 DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996, N. 459, CONCERNENTE:

Dettagli

Piano Territoriale di Coordinamento Approvato con Deliberazione di Consiglio Provinciale n. 100 del 27/07/2006

Piano Territoriale di Coordinamento Approvato con Deliberazione di Consiglio Provinciale n. 100 del 27/07/2006 Provincia di Pisa Piano Territoriale di Coordinamento Approvato con Deliberazione di Consiglio Provinciale n. 100 del 27/07/2006 Limiti di compatibilità con il funzionamento dell antenna interferometrica

Dettagli

STIMA DEL RISCHIO: BANCHE DATI, VALORI FORNITI DAI COSTRUTTORI E MISURE SUL CAMPO

STIMA DEL RISCHIO: BANCHE DATI, VALORI FORNITI DAI COSTRUTTORI E MISURE SUL CAMPO STIMA DEL RISCHIO: BANCHE DATI, VALORI FORNITI DAI COSTRUTTORI E MISURE SUL CAMPO PIETRO NATALETTI ISPESL Dipartimento Igiene del Lavoro Alessandria, 16 giugno 2010 Articolo 202 Valutazione dei rischi

Dettagli

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo IL SUONO Caratteristiche Generali Il suono é un onda elastica (ha bisogno di un mezzo per propagarsi),longitudinale (la perturbazione avviene parallelamente alla direzione di propagazione); per la sua

Dettagli

(/(1&2'(//(1250(,168332572$//$',5(77,9$ &(³0$&&+,1(

(/(1&2'(//(1250(,168332572$//$',5(77,9$ &(³0$&&+,1( (/&2'(//250(,168332572$//$',5(77,9$ &(³0$&&+,1( Le 1RUPH WHFQLFKH sono documenti elaborati con il consenso delle parti interessate, la cui osservanza è volontaria. Non hanno valore legale, a meno che non

Dettagli

I Rischi da Vibrazioni Meccaniche

I Rischi da Vibrazioni Meccaniche I Rischi da Vibrazioni Meccaniche Servizio Prevenzione e Protezione Tipologia di utensile Scalpellatori, Scrostatori, Rivettatori Martelli Perforatori Martelli Demolitori e Picconatori Trapani a percussione

Dettagli

La valutazione del rischio Vibrazione ed i suoi aspetti applicativi

La valutazione del rischio Vibrazione ed i suoi aspetti applicativi Modulo A 2-4.3. La valutazione del rischio Vibrazione ed i suoi aspetti applicativi E-mail: luigi.chiarenza@alice.it - Cell. 392.256.11.21 In collaborazione con Organizzato da 23/05/2015 Vibrazioni Le

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

RIEPILOGO NORME DI ACUSTICA APPLICATA

RIEPILOGO NORME DI ACUSTICA APPLICATA UNI ISO UNI ISO 10815:2010 Vibrazioni meccaniche - Misurazione delle vibrazioni prodotte all'interno di gallerie di linee ferroviarie al transito dei treni UNI ISO UNI ISO 10816-2:2010 Vibrazioni meccaniche

Dettagli

Spostamento Ampiezza Ciclo Periodo Frequenza

Spostamento Ampiezza Ciclo Periodo Frequenza Vibrazioni e onde I corpi elastici sono soggetti a vibrazioni e oscillazioni Il diapason vibra e produce onde sonore Le oscillazioni della corrente elettrica possono produrre onde elettromagnetiche Le

Dettagli

Componenti ISPESL. con funzioni di Presidente del Gruppo di Lavoro. con funzioni di vice Presidente del Gruppo di Lavoro

Componenti ISPESL. con funzioni di Presidente del Gruppo di Lavoro. con funzioni di vice Presidente del Gruppo di Lavoro Gruppo di Lavoro nazionale per la predisposizione di procedure operative standardizzate per la valutazione del rischio da rumore e vibrazioni in ambienti di lavoro Componenti ISPESL Dr. Francesco Benvenuti

Dettagli

DPI per rumore e vibrazioni

DPI per rumore e vibrazioni DPI per rumore e vibrazioni Otoprotettori Eliminazione del rischio Guanti antivibranti Riduzione del rischio in relazione al tipo di utensile I normali guanti di lavoro amplificano le vibrazioni 1 Guanti

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Come le aziende interagiscono con i valutatori per la definizione dell esposizione al rumore e alle vibrazioni dei loro dipendenti

Come le aziende interagiscono con i valutatori per la definizione dell esposizione al rumore e alle vibrazioni dei loro dipendenti Come le aziende interagiscono con i valutatori per la definizione dell esposizione al rumore e alle vibrazioni dei loro dipendenti Preti C.(1), Deboli R.(1), Calvo A.(2) (1) IMAMOTER CNR, Strada delle

Dettagli

FENOMENI ONDULATORI acustica. FENOMENI ONDULATORI acustica

FENOMENI ONDULATORI acustica. FENOMENI ONDULATORI acustica classe lauree di INFERMIERISTICA e OSTETRICIA dip. fisica nucleare e teorica università di pavia corso integrato FISICA, STATISTICA e INFORMATICA disciplina: FISICA MEDICA e RADIOPROTEZIONE - onde sonore

Dettagli

Vibrazioni corpo intero

Vibrazioni corpo intero Vibrazioni corpo intero Le vibrazioni che interessano maggiormente l intero corpo hanno frequenze comprese tra 1 e 80 Hz. La sensibilità massima si ha per la direzione longitudinale Z nella gamma di frequenze

Dettagli

Il sistema nervoso e la percezione (parte II) Il mondo dei suoni: l orecchio. Lezioni d'autore

Il sistema nervoso e la percezione (parte II) Il mondo dei suoni: l orecchio. Lezioni d'autore Il sistema nervoso e la percezione (parte II) Il mondo dei suoni: l orecchio Lezioni d'autore Anatomia dell'orecchio (I) Video: La sua rappresentazione e l'anatomia Anatomia dell'orecchio (II) L orecchio

Dettagli

Sensori Fisici. a.tognetti@centropiaggio.unipi.it

Sensori Fisici. a.tognetti@centropiaggio.unipi.it Sensori Fisici a.tognetti@centropiaggio.unipi.it Misure di velocità ed accelerazione Tecniche a differenziazione ed integrazione In linea di principio è possibile determinare la velocità e l'accelerazione

Dettagli

Norme tecniche per macchinari 1

Norme tecniche per macchinari 1 Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT) Norme tecniche per macchinari 1 Visto l articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata il 18 giugno

Dettagli

Legge di massa e scostamenti per pareti reali (rappresentazione grafica qualitativa) Il coefficiente di trasmissione acustica è:

Legge di massa e scostamenti per pareti reali (rappresentazione grafica qualitativa) Il coefficiente di trasmissione acustica è: ACUSTICA Coefficiente di trasmissione e definizione di potere fonoisolante Potere fonoisolante: l attitudine a ridurre la trasmissione del suono. in cui t è il coefficiente di trasmissioneacustica della

Dettagli

Il vetro e l isolamento acustico

Il vetro e l isolamento acustico Proprietà e funzioni del vetro 31 Principi generali Intensità, pressioni e livelli sonori La "potenza" di un rumore può essere data dalla sua intensità I o dalla sua pressione P (misurate rispettivamente

Dettagli

IGIENE DEL LAVORO - ARGOMENTI

IGIENE DEL LAVORO - ARGOMENTI IGIENE DEL LAVORO - ARGOMENTI - Rischio da agenti fisici: rumore, vibrazioni - Rischio da agenti chimici - Rischio da agenti cancerogeni - Rischio da agenti biologici - I videoterminali - Il microclima

Dettagli

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante:

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: ACUSTICA EDILIZIA Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: a) definizione dei limiti di benessere; b) individuazione e caratterizzazione delle fonti di

Dettagli

Valutazione e Prevenzione del Rischio da Vibrazioni

Valutazione e Prevenzione del Rischio da Vibrazioni Valutazione e Prevenzione del Rischio da Vibrazioni Introduzione Sicurezza sui Luoghi di Lavoro E' noto che l esposizione umana a vibrazioni meccaniche può rappresentare un fattore di rischio rilevante

Dettagli

GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA

GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA Il suono si propaga attraverso onde elastiche longitudinali, per la cui descrizione fisica le grandezze di base sono, come per tutti i fenomeni ondulatori, frequenza, ampiezza

Dettagli

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009. ing. A. Comi - Corso di Trasporti e Ambiente

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009. ing. A. Comi - Corso di Trasporti e Ambiente Corso di Trasporti e Ambiente http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009 Inquinamento acustico da traffico 1 Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2 Prof. Ing. Umberto Crisalli Modelli per la simulazione dell inquinamento acustico da traffico Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Introduzione Le onde stazionarie presenti su una corda vibrante, quando la stessa è messa in moto da una forza impulsiva, dopo un iniziale transiente, possono

Dettagli

MOVIMENTO DI GAS (ARIA)

MOVIMENTO DI GAS (ARIA) BONIFICA ACUSTICA: MOVIMENTO DI GAS (ARIA) Affrontiamo questo problema inizialmente esaminando un impianto RCV (raffreddamento, condizionamento, ventilazione) La generazione del rumore Le cause della rumorosità

Dettagli

INFORMATICA MUSICALE. Docente. Renato Caruso

INFORMATICA MUSICALE. Docente. Renato Caruso INFORMATICA MUSICALE Docente Renato Caruso L'orecchio L orecchio è formato da: orecchio esterno, medio e interno. L'orecchio L'orecchio Nella coclea vi sono tre canali (rampa timpanica, vestibolare e cocleare)

Dettagli

La valutazione del rischio. esperienze lavorative ed eventuali proposte di soluzione. Dott.ssa Giuseppina Bomba Rumore e vibrazioni 1

La valutazione del rischio. esperienze lavorative ed eventuali proposte di soluzione. Dott.ssa Giuseppina Bomba Rumore e vibrazioni 1 La valutazione del rischio esperienze lavorative ed eventuali proposte di soluzione Dott.ssa Giuseppina Bomba Rumore e vibrazioni 1 2012 Rumore e vibrazioni 2 Il suono è una perturbazione meccanica emessa

Dettagli

Rischio vibrazioni Come proteggere la salute dei lavoratori

Rischio vibrazioni Come proteggere la salute dei lavoratori Rischio vibrazioni Come proteggere la salute dei lavoratori Nella vostra azienda si utilizzano apparecchi, macchinari o veicoli che generano vibrazioni? Siete responsabili della tutela della salute e vi

Dettagli

Modulo 1: Fondamenti di Acustica Applicata. DATA E ORARIO Argomento Descrizione Ore sede corso

Modulo 1: Fondamenti di Acustica Applicata. DATA E ORARIO Argomento Descrizione Ore sede corso Associazione CONGENIA OSFIN - Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna - Anno 2012/2013 Corso di alta formazione per "TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA" Programma e calendario del corso Modulo 1: Fondamenti

Dettagli

Codice : CTC36LI-ON Codice a barre : 5411074120856 Prezzo : 24,00. Caratteristiche :

Codice : CTC36LI-ON Codice a barre : 5411074120856 Prezzo : 24,00. Caratteristiche : CTC36LI-ON Cacciavite a batteria ricaricabile Potenza : 3,6 V Velocità a vuoto : 180 giri al minuto Batteria al LITIO 1300 ma/h Avvita e svita Fornito con LED per illuminare la zona di lavoro + caricatore

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE: CONFRONTO TRA MISURAZIONI SUL CAMPO E USO DI BANCHE DATI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE: CONFRONTO TRA MISURAZIONI SUL CAMPO E USO DI BANCHE DATI Vol. 4, n. 2, 55-81 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE: CONFRONTO TRA MISURAZIONI SUL CAMPO E USO DI BANCHE DATI Luigi Monica*, Pietro Nataletti**, Giuseppe Vignali*** * Istituto

Dettagli

Onde armoniche o sinusoidali

Onde armoniche o sinusoidali Onde armoniche o sinusoidali v = ν = T 1 A T ν = v y x 2π y = Asen ± ( x vt ) 2π = Asen x ± 2πνt Il suono Il suono è un onda longitudinale di compressione e rarefazione del mezzo in cui l onda si propaga.

Dettagli

ESPOSIZIONE ALLE VIBRAZIONI

ESPOSIZIONE ALLE VIBRAZIONI Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it ESPOSIZIONE ALLE VIBRAZIONI DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 TITOLO VIII CAPO III 1 Le vibrazioni meccaniche possono essere definite come un movimento oscillatorio

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA SICUREZZA SUL LAVORO: COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA Dott. Roberto BEDINI Ai fini del DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 per agenti fisici si intendono: il RUMORE,

Dettagli

Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy 626VIBRAZIONI

Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy 626VIBRAZIONI SOFTWARE Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy 626VIBRAZIONI VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI ALLE VIBRAZIONI AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 187 Gruppo Infotel

Dettagli

LE ONDE CLASSE DELLE LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE. A. A. 2015-2016 Fabrizio Le Boffelli onde. P.

LE ONDE CLASSE DELLE LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE. A. A. 2015-2016 Fabrizio Le Boffelli onde. P. CLASSE DELLE LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE LE ONDE A. A. 2015-2016 Fabrizio Le Boffelli onde pag.1 LE ONDE Fenomeni ondulatori Periodo e frequenza Lunghezza d onda e

Dettagli

DI COSA PARLIAMO. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6. effetti delle vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio

DI COSA PARLIAMO. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6. effetti delle vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio DI COSA PARLIAMO Le lavorazioni in cui si impugnano utensili vibranti, o materiali, sottoposti a vibrazioni o impatti possono indurre un insieme di disturbi neurologici e circolatori digitali e lesioni

Dettagli

Fisica Applicata, Area Infermieristica, M. Ruspa ELETTROMAGNETISMO

Fisica Applicata, Area Infermieristica, M. Ruspa ELETTROMAGNETISMO ELETTROMAGNETISMO Seconda legge di Ohm Seconda legge di Ohm La resistenza elettrica di un conduttore di sezione S e lunghezza l si calcola come: Unità di misura: R = resistenza elettrica in Ω l = lunghezza

Dettagli

Dott. Maria Grazia Roselli U.O. Igiene e Salute nei Luoghi di Lavoro Az. USL 2 - Lucca

Dott. Maria Grazia Roselli U.O. Igiene e Salute nei Luoghi di Lavoro Az. USL 2 - Lucca La sorveglianza epidemiologica e la ricerca attiva delle malattie muscoloscheletriche e dei tumori in Provincia di Lucca: indicazioni per la prevenzione Dott. Maria Grazia Roselli U.O. Igiene e Salute

Dettagli

BONIFICA ACUSTICA DI MACCHINE, ATTREZZATURE E IMPIANTI. Bonifica acustica_moduloa_rev_3_10_03

BONIFICA ACUSTICA DI MACCHINE, ATTREZZATURE E IMPIANTI. Bonifica acustica_moduloa_rev_3_10_03 BONIFICA ACUSTICA DI MACCHINE, ATTREZZATURE E IMPIANTI CRITERI GENERALI Aspetti tecnici Lo schema di generazione, trasmissione e ricezione di un suono, schematizzato in figura costituisce un utile riferimento,

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DEL MOTOVIBRATORE

GUIDA ALLA SCELTA DEL MOTOVIBRATORE GUIDA ALLA SCELTA DEL MOTOVIBRATORE Sistemi e metodi di vibrazione I sistemi, che utilizzano la tecnica della vibrazione, si possono suddividere in: sistemi ad oscillazione libera, di cui ci si occupa

Dettagli

Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO?

Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO? Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO? La sorveglianza epidemiologica e la ricerca attiva delle malattie muscoloscheletriche

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 6: Onde e Radiazione Elettromagnetica

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 6: Onde e Radiazione Elettromagnetica L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Unità 6: Onde e Radiazione Elettromagnetica Onde e radiazione elettromagnetica Natura delle onde Ampiezza,

Dettagli

FONDAMENTI DI ACUSTICA IN EDILIZIA

FONDAMENTI DI ACUSTICA IN EDILIZIA FONDAMENTI DI ACUSTICA IN EDILIZIA Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia Ing. Edoardo Piana Sorgente Mezzo Ricevitore Meccanismo di eccitazione Elemento oscillante

Dettagli

D. Lgs. 187/05 Attuazione della direttiva 2002/44/CE sulle prescrizioni minime di di sicurezza e di di salute relative all esposizione dei dei

D. Lgs. 187/05 Attuazione della direttiva 2002/44/CE sulle prescrizioni minime di di sicurezza e di di salute relative all esposizione dei dei DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI SANITA SANITA PUBBLICA PUBBLICA SERVIZI SERVIZI PREVENZIONE PREVENZIONE E E SICUREZZA SICUREZZA AMBIENTI AMBIENTI DI DI LAVORO LAVORO D. Lgs. 187/05 Attuazione della direttiva

Dettagli

Caratteristiche del suono

Caratteristiche del suono Suono È dovuto all'interazione tra onde e corpo umano (orecchio) Le onde sono longitudinali e provocano spostamento delle molecole e variazione della pressione Si propagano nell'aria, nell'acqua e in molti

Dettagli

Lo sviluppo tecnologico, con il relativo aumento esponenziale del rischio da esposizione, non e stato seguito da adeguate misure preventive.

Lo sviluppo tecnologico, con il relativo aumento esponenziale del rischio da esposizione, non e stato seguito da adeguate misure preventive. AGENTI FISICI IL RUMORE INTRODUZIONE Il rumore negli ambienti di lavoro è ormai diventato uno dei problemi più importanti tra quelli compresi nell igiene del lavoro. La continua meccanizzazione della produzione

Dettagli

CATALOGO Marzo 2015 CATALOGO. Pneumatica e lampade. http://www.attrezzieutensili.it PAG 1/38 Atttrezzi&utensili

CATALOGO Marzo 2015 CATALOGO. Pneumatica e lampade. http://www.attrezzieutensili.it PAG 1/38 Atttrezzi&utensili Marzo 2015 CATALOGO Pneumatica e lampade http://www.attrezzieutensili.it PAG 1/38 Atttrezzi&utensili PNEUMATICA E LAMPADE Avvitatori pneumatici Levigatrici Smerigliatrici Lampade e Torce Lampade portatili

Dettagli

Rischi fisici. valutazione, prevenzione e protezione. D. Lgs. n. 81, 9 aprile 2008, art. 37 e 184 Accordo Stato-Regioni 21/12/2011

Rischi fisici. valutazione, prevenzione e protezione. D. Lgs. n. 81, 9 aprile 2008, art. 37 e 184 Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 Rischi fisici valutazione, prevenzione e protezione D. Lgs. n. 81, 9 aprile 2008, art. 37 e 184 Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 2015 AiFOS Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione, la distribuzione

Dettagli

Inquinamento acustico 1.2. Carello Valerio - Governatori Christian IV B

Inquinamento acustico 1.2. Carello Valerio - Governatori Christian IV B Inquinamento acustico 1.2 Carello Valerio - Governatori Christian IV B 2 Inquinamento acustico 2.2 Cos è L'inquinamento acustico è causato da un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata intensità.

Dettagli

ACUSTICA AMBIENTALE. Considerazioni introduttive

ACUSTICA AMBIENTALE. Considerazioni introduttive ACUSTICA AMBIENTALE 1 ACUSTICA AMBIENTALE Considerazioni introduttive Sorgente sonora può essere rappresentata da un corpo vibrante posto in un messo elastico che produce una successione di compressioni

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUL RUMORE

NOTA INFORMATIVA SUL RUMORE NOTA INFORMATIVA SUL RUMORE VACCARI Via Alboino, 7 27100 Pavia Pagina 1 NOZIONI FONDAMENTALI Si ritiene opportuno riportare alcune nozioni fondamentali di acustica, onde permettere una più agevole interpretazione

Dettagli

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi)

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi) Classificazione dei Sensori (raccolta di lucidi) 1 Le grandezze fisiche da rilevare nei processi industriali possono essere di varia natura; generalmente queste quantità sono difficili da trasmettere e

Dettagli

UTENSILI ELETTRICI E MACCHINE

UTENSILI ELETTRICI E MACCHINE 7 UTENSILI ELETTRICI E MACCHINE NEW NEW pag 1111 pag 1112 pag 1117 pag 1118 pag 1121 pag 1124 pag 1127 pag 1129 pag 1171 NEW pag 1141 pag 1141 pag 1142 pag 1145 pag 1182 pag 1158 pag 1159 pag 1160 pag

Dettagli

NOENE: UN NUOVO ELASTOMERO CHE ASSORBE LE VIBRAZIONI COS È NOENE

NOENE: UN NUOVO ELASTOMERO CHE ASSORBE LE VIBRAZIONI COS È NOENE 2 NOENE: UN NUOVO ELASTOMERO CHE ASSORBE LE VIBRAZIONI Vibrazioni e i loro effetti Quando le macchine da lavoro, che vibrano, causano movimento per le loro parti, alle loro strutture di sostegno ed alla

Dettagli

minidumper e pale caricatrici con massa operativa minore o uguale a 4500 kg eventualmente corredati di accessori per il sollevamento;

minidumper e pale caricatrici con massa operativa minore o uguale a 4500 kg eventualmente corredati di accessori per il sollevamento; FAQ INAIL Settore edilizia 1. Cosa deve contenere la Descrizione complessiva del progetto? Deve contenere la descrizione degli interventi (massimo tre) per cui si richiede il finanziamento in funzione

Dettagli

CORSI RSPP/ASPP Mod. B sett. 3-4-5-6

CORSI RSPP/ASPP Mod. B sett. 3-4-5-6 Programma Generale corso RSPP mod. B Macrosettori: RSPP B (at. 3, edilizia, escavazione - 60 ore) RSPP B (at. 4, manifatturiero - 49 ore) RSPP B (at. 5, chimico - 69 ore) RSPP B (at. 6, trasporti - 26

Dettagli

Inquadramento legislativo e normativo: dal D.Lgs.81/2008 alla UNI/TR 11450:2012 Modena 12 ottobre 2012

Inquadramento legislativo e normativo: dal D.Lgs.81/2008 alla UNI/TR 11450:2012 Modena 12 ottobre 2012 Inquadramento legislativo e normativo: dal D.Lgs.81/2008 alla UNI/TR 11450:2012 Modena 12 ottobre 2012 Titolo VIII del D.Lgs. 81/2008 Capo II Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Rischi di esposizione a vibrazioni

D.Lgs. 81/08. Rischi di esposizione a vibrazioni Rischi di esposizione a vibrazioni Definizioni Normativa D.Lgs. 81/08 titolo VIII capo III a) vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: vibrazioni meccaniche che, se trasmesse al sistema manobraccio

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO VIBRAZIONI

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO VIBRAZIONI LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO VIBRAZIONI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

Allegato 1A (articolo 2 comma 1) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE DECRETO 1.

Allegato 1A (articolo 2 comma 1) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE DECRETO 1. Allegato 1A (articolo 2 comma 1) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE DECRETO 1. Grandi elettrodomestici. 2. Piccoli elettrodomestici.

Dettagli

Elaborato da Areco sas

Elaborato da Areco sas Elaborato da Areco sas INTRODUZIONE Nella vita quotidiana siamo costantemente esposti a rumori e suoni differenti: a casa, al lavoro, mentre viaggiamo o semplicemente durante i nostri svaghi. Il posto

Dettagli