Il suono dei numeri Reali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il suono dei numeri Reali"

Transcript

1 Il suono dei numeri Reali Sulle tracce di Pitagora come guida non solo alla scoperta dei numeri irrazionali, ma anche degli stretti legami tra matematica e musica. Lavoro svolto dagli allievi di cinque classi del biennio liceale Linguistico e Scientifico, coadiuvati dal docente di matematica, avvalendosi della consulenza di un insegnante di musica e con l ausilio dei seguenti strumenti informatici: lavagna interattiva, connessione internet e posta elettronica per il lavoro di gruppo; Microsoft Word per la stesura del documento; Microsoft Excel per i calcoli nelle tabelle; GeoGebra4 per i grafici; MuseScore_1.1 per gli spartiti e per l ascolto. 1. Il suono dei numeri Razionali 2. I numeri stonati della scala pitagorica 3. I numeri di Zarlino 4. Il suono dei numeri Irrazionali 1. Il suono dei numeri Razionali Il primo suono al quale, convenzionalmente, attribuiamo il nome di Do si può ottenere, facendo vibrare una corda 16,35 volte al secondo o, come si usa dire in Fisica, con una frequenza di circa 16,35 hertz. Questo Do è difficilmente udibile dall orecchio umano che normalmente percepisce suoni a partire dai 20 hertz. Inoltre solo alcuni particolari organi a canne riescono a riprodurlo anche se in realtà provocano in chi ascolta più una sensazione di risonanza che la percezione di un suono. E per questo motivo che il Do più basso sul pianoforte non è questo, ma quello che si ottiene in corrispondenza di una vibrazione pari a circa 32,7 hertz. Sempre per lo stesso motivo, il Do centrale è generalmente indicato come il quarto sulla tastiera e per questo lo indichiamo con Do4 anche se è il quinto Do nella soglia dell udibile. In realtà non si dovrebbe mai parlare di una nota singola prodotta da una certa frequenza, ma di una banda di suoni, cui la nota appartiene, prodotta da un certo intervallo di frequenze 1, perché le frequenze, misurando la vibrazione della corda, misurano in definitiva l altezza del suono attraverso numeri che non si fa fatica ad identificare con numeri Reali. Invece, le note che produciamo con gli strumenti musicali o che emettiamo con le corde vocali, appartengono a un insieme finito e discreto. Ricapitolando: l insieme di tutte le frequenze possibili, tenuto conto anche di quelle che producono suoni troppo bassi o troppo alti per essere uditi dal nostro orecchio, ha la potenza del continuo ed è teoricamente infinito, cioè contiene lo stesso numero di elementi dell insieme dei numeri Reali, mentre l insieme delle note corrisponde a un sottoinsieme finito dell insieme dei numeri Naturali e contiene un numero di elementi variabile a seconda dello strumento musicale che utilizziamo. In questo momento, emulando i pitagorici, immaginiamo di utilizzare uno strumento costituito da una sola corda: un monocordo. Si tratta di una cassa 1 Per questo motivo non considereremo, almeno per il momento e finché rimarremo sulle scale pitagoriche, né i diesis, né i bemolle. Un Do# sarà omologato come appartenente alla banda del Do, con frequenza più alta rispetto al centro della banda che produce i Do e un Reb come appartenente alla bada del Re, ma con frequenza minore rispetto al centro della banda che produce i Re.

2 armonica a forma di parallelepipedo su cui è fissata una corda di lunghezza L la cui tensione può essere fatta variare girando una chiavetta, vedi Fig. 1: Fig. 1 Il monocordo Inizialmente accordiamo il monocordo in modo tale che la corda produca un Do4. Se si dimezza la corda L del monocordo introducendo un ponticello nel centro del monocordo, le due metà della corda, pizzicate sempre con la stessa forza, vibrano con frequenza doppia rispetto a quella iniziale, producendo ancora un suono simile al Do, ma più acuto, un Do dell ottava superiore: Do5. Si otterrebbe ancora un altro Do se si potesse raddoppiare la lunghezza della corda, ma in tal caso la corda, pizzicata sempre nello stesso modo, vibrerebbe con frequenza dimezzata, emettendo un suono più basso, un Do dell ottava inferiore: Do3. La frequenza con cui la corda vibra è inversamente proporzionale alla lunghezza della corda L. E per questo motivo che i pianoforti a coda sono più lunghi sul lato sinistro, lato su cui si suonano le note con i suoni più bassi. La frequenza con cui la corda vibra è inoltre direttamente proporzionale alla radice quadrata della tensione T e inversamente proporzionale alla radice quadrata del prodotto tra la densità σ del materiale di cui la corda è fatta e la sua sezione S. I Pitagorici scoprirono tutti questi rapporti attraverso la pratica, ma è del 1700 la formula fisica che li riassume tutti: f = 1 2L T σs e che permette di costruire strumenti a corda di lunghezza accettabile, variando lo spessore e il materiale delle corde e non solo la loro lunghezza. Ipotizziamo di usare un monocordo la cui corda sia fatta di un materiale di densità σ e sezione S e sia sottoposta sempre alla stessa tensione T. In definitiva, non dovendo costruire uno strumento reale, ma potendone immaginare uno ideale, faremo variare solo la lunghezza L della corda. Nella seguente tabella, sono riportate le lunghezze della corda che vibrando emette sempre un suono omologabile come un Do, riproducibile sulla tastiera di un pianoforte e avente come unità di misura la lunghezza L che vibrando emette un Do1: Tab. n.1 La successione dei Do Lunghezze della corda Frequenza della vibrazione in hertz Suono prodotto L 16,35 2 = 32,70 Do1 L/2 32,70 2 = 65,40 Do2 L/4 65,40 2 = 130,80 Do3 L/8 130,80 2 = 261,60 Do4 centrale L/16 261,60 2 = 523,20 Do5 L/32 523,20 2 = 1046,40 Do6 L/ ,40 2 = 2092,80 Do7 L/ ,80 2 = 4185,60 Do8

3 In un moderno pentagramma per pianoforte i Do così trovati si rappresentano nel seguente modo: Fig. 2 I Do sul pentagramma del pianoforte. Per passare da un Do all altro bisogna contare 8 note: Do1, Re1, Mi1, Fa1, Sol1, La1, Si1, Do2. Per questo si parla di ottave: Tab. n.2 Gli intervalli di frequenza delle ottave Lunghezze della corda Intervallo di frequenze in hertz Ottave L (32,70; 65,40) prima L/2 (65.40; 130,80) seconda L/4 (130,80; 261,60) terza L/8 (261,60; 523,20) quarta L/16 (523,20; 1046,40) quinta L/32 (1046,40; 2092,80) sesta L/64 (2092,80; 4185,60) settima L/128 (4185,60; ) ottava Le funzioni in gioco in questo fenomeno sono 3: a) la frequenza y con cui vibra la corda in funzione della sua lunghezza x: y = x

4 Fig.3 La curva di proporzionalità inversa tra frequenza del suono e lunghezza della corda b) la frequenza y in funzione dei Do assunti come x: y = x Fig. 4 La curva esponenziale crescente in base 2 lungo la quale si dispongono le frequenze dei Do

5 c) la lunghezza y della corda in funzione dei Do assunti come x: y = 1 x 2 Fig. 5 La curva esponenziale decrescente in base ½ tra lughezza della corda e suoni Do emessi Come si fa a ottenere suoni diversi dal Do? Invece di dividere la corda per potenze di 2, proviamo a dividerla per potenze di 3, nel più puro spirito della scuola pitagorica, che riconosceva particolari poteri escatologici solo ai numeri 1, 2, 3, 4. Dividendo per 3 la lunghezza della corda che vibrando produce il Do1, si ottiene un nuovo suono, detto convenzionalmente Sol, appartenente all ottava immediatamente superiore e che per questo motivo indicheremo con Sol2. La frequenza prodotta dalla corda sarà tripla rispetto a quella del Do1 perché la frequenza è sempre inversamente proporzionale alla lunghezza della corda. Continuando a dividere la corda per le successive potenze del 3 si trovano le frequenze di altre note: Re4, La5 e Mi7. Così come descritto nella seguente tabella: Tab. n.3 La successione delle frequenze per suddivisioni in base 3 della corda Lunghezze della corda Frequenza della vibrazione in hertz Suono prodotto L/3 32,70 3 = 98 Sol2 L/9 32,70 9 = 293 Re4 L/27 32,70 27 = 882 La5 L/ = 2646 Mi7

6 Sul pentagramma per pianoforte: Fig. 6 Le note per suddivisioni della corda per potenze del 3 Se moltiplico la corda che ha prodotto ciascuno di questi suoni per 2, li abbasso di un ottava; se divido per 2 la corda, li alzo di un ottava perché, come abbiamo visto, la frequenza di uno stesso suono è inversamente proporzionale al doppio della lunghezza della corda: Tab. n.4 Il passaggio alle ottave inferiori e superiori Suono di partenza Suono dell ottava inferiore Suono dell ottava superiore Sol2 = 98 hertz Sol1 = 98 : 2 = 49 hertz Sol3 = 98 2 = 196 hertz Re4 = 293 hertz Re3 = 293 : 2 = 146 hertz Re5 = = 586 hertz La5 = 882 hertz La4 = 882 : 2 = 441 hertz La6 = = 1764 hertz Mi7 = 2646 hertz Mi6 = 2646 : 2 = 1323 hertz Mi8 = troppo alto Sul pentagramma per pianoforte: Fig. 7 Le note delle ottave inferiori e superiori Ora siamo in grado di calcolare i Do, Re, Mi, Sol, La di ogni ottava. Mancano ancora all appello i Fa e i Si. Per ottenere un Fa i pitagorici moltiplicavano per 3/4 la lunghezza della corda che produce il corrispondente Do; quindi per ottenere le frequenze dei Fa corrispondenti, basterà moltiplicare la frequenza di ogni Do già noto per 4/3, come indicato nella seguente tabella:

7 Tab. n.5 La successione dei Fa Lunghezze della corda Frequenza della vibrazione in hertz Suono prodotto 3L/4 32,70 4/3 = Fa1 3L/8 65,40 4/3 = 87,2 Fa2 3L/16 130,80 4/3 = 174 Fa3 3L/32 261,60 4/3 = 349 Fa4 3L/64 523,20 4/3 = 697,60 Fa5 3L/ ,40 4/3 = 1395 Fa6 3L/ ,80 4/3 = 2790 Fa7 Sul pentagramma: Fig. 8 La successione dei Fa Restano da calcolare le frequenze dei Si che i pitagorici ottenevano moltiplicando per 128=2 7 la corda di un Do e dividendola per 243=3 5. Quindi, passando alle frequenze, basterà moltiplicare la frequenza del Do corrispondente, per 243/128: Tab. n.6 La successione dei Si Lunghezze della corda Frequenza della vibrazione in hertz Suono prodotto 128L/243 32,70 243/128 = 62 Si1 64L/243 65,40 243/128 = 124 Si2 32L/ ,80 243/128 = 248 Si3 16L/ ,60 243/128 = 496 Si4 8L/ ,20 243/128 = 993 Si5 4L/ ,40 243/128 = 1986 Si6 2L/ ,80 243/128 = 3973 Si7 Sul pentagramma: Fig. 9 La successione dei Si

8 2. I numeri stonati della scala pitagorica Proviamo a moltiplicare per 3/2 la frequenza del Do1 e poi ancora per 3/2 e così via per tutte le potenze di 3/2, come indicato nella Tab n.7, nella quale sono riportati tutti i valori che è possibile trovare con questo sistema, senza superare il Do8 perché altrimenti si uscirebbe dalla tastiera: Tab. n.7 La successione delle note di quinta in quinta Lunghezze crescenti della corda Frequenza della vibrazione in hertz Suono prodotto V nota ascendente V nota discendente L 16,35 2 = 32,70 Do1 Sol1 Fuori tastiera L 2/3 32,70 3/2 = 49 Sol1 Re2 Do1 L (2/3) /2 = 73,5 Re2 La2 Sol1 L (2/3) 3 73,5 3/2 = 110 La2 Mi3 Re2 L (2/3) /2 = 165 Mi3 Si3 La2 L (2/3) /2 = 247 Si3 Fa4 Mi3 L (2/3) /2 = 370 Fa4 Do5 Si3 L (2/3) /2 = 555 Do5 Sol5 Fa4 L (2/3) /2 = 832 Sol5 Re6 Do5 L (2/3) /2 = 1248 Re6 La6 Sol5 L (2/3) /2 = 1872 La6 Mi7 Re6 L (2/3) /2 = 2808 Mi7 Si7 La6 L (2/3) /2 = 4212 Si7 Troppo alto Mi7 Sul pentagramma: Fig. 10 Le note di quinta in quinta Le note che abbiamo così calcolato distano sempre l una dall altra di 5 posti nella successione naturale delle note: Do, Re, Mi Fa, Sol La, Si. Si dice, per questo, che distano tra loro intervalli di quinta e formano quello che in teoria musicale si chiama il circolo delle quinte. Questo circolo dovrebbe permettere di riottenere gli stessi valori di frequenza già ottenuti con altri metodi perché i valori delle note non dovrebbero cambiare a seconda del metodo usato per calcolarle.

9 Ma quando si arriva a calcolare la frequenza del Do5, ci si accorge che rispetto al Do5, calcolato col sistema del passaggio alle ottave, cioè moltiplicando per potenze di 2, c è uno sfasamento infatti: Do5 = Do1 2 5 = 523 hertz A differenza di Do5 = Do1 (2/3) 6 = 555 hertz Essendo: (2/3) Nella scala pitagorica esiste dunque un errore dovuto al fatto che per passare da un ottava all altra bisogna dividere o moltiplicare la corda di partenza usando le potenze di 2 e quindi muovendosi lungo una curva esponenziale, mentre per passare da una nota all altra all interno della stessa ottava si deve moltiplicare o dividere la corda per dei parametri fissi trovati sperimentalmente. Ad esempio, se si vogliono ottenere tutte e sole le note appartenenti all ottava centrale del piano, dal Do4 al Si4, si procede per quinte e per ottave nel seguente modo: 1) si parte dalla frequenza del Do4 = 261,60 hertz 2) si calcola la frequenza della sua quinta (Do4- Re4- Mi4- Fa4- Sol4), moltiplicando la frequenza del Do4 per 3/2 otteniamo 392,40 hertz (= 3/2 di Do4) che è la frequenza di un Sol4; 3) si calcola la quinta di Sol4 (Sol4- La4- Si4- Do5- Re5), moltiplicando la frequenza del Sol4 per 3/2 otteniamo 1177,20 hertz (= 3/2 di Sol4 = 9/4 di Do4) che è la frequenza di un Re5; 4) siccome questo Re5 si trova in una ottava superiore rispetto all ottava che vogliamo, per ottenere il Re4 dobbiamo dividere la sua frequenza a metà: ¾ di Sol4 = 9/8 di Do4; 5) continuiamo così per tutte le altre note ottenendo la seguente tabella: Tab. n.8 Le note della quarta ottava secondo i pitagorici misura corda rispetto alla lunghezza Do4 Frequenza della vibrazione in hertz Suono prodotto V nota ascendente V nota discendente L4 261,60 Do4 Sol4 Fuori ottava L4 8/9 261,60 9/8 = 294,30 Re4 La4 Fuori ottava L4 64/81 261,60 81/64 = 331,08 Mi4 Si4 Fuori ottava L4 3/4 261,60 4/3 = 348,80 Fa4 Fuori ottava Fuori ottava L4 2/3 261,60 3/2 = 392,40 Sol4 Fuori ottava Do4 L4 16/27 261,60 27/16 = 441,45 La4 Fuori ottava Re4 L4 128/ ,60 243/128 = 496,63 Si4 Fuori ottava Mi4 Disponendo le note così ottenute in un sistema di assi cartesiani nel quale sull asse y siano riportate le frequenze, si ottiene un grafico per punti discreti come nella seguente figura:

10 Fig. 11 Il grafico delle frequenze delle note dell ottava centrale Come si vede, le frequenze trovate dai pitagorici, non si distribuiscono lungo una curva algebrica regolare, ma costituiscono una successione crescente di valori discreti. Ricapitolando: le frequenze delle note, se consideriamo solo i Do, crescono poggiandosi su una curva esponenziale in base 2: y = 2 x ma tra un Do e l altro l andamento delle frequenze cambia e assume quello di una successione i cui elementi si calcolano moltiplicando la frequenza del Do di riferimento per i termini della successione: 9 8 ; ; 4 3 ; 3 2 ;27 16 ; e quindi non è possibile ottenere il grafico di un unica curva che rappresenti la frequenza delle note presenti in tutte le ottave. Per giunta è possibile ottenere per ogni nota due diversi valori a seconda del metodo che si usi per calcolarle. Perché una potenza di 2 suona diversamente da una frazione ottenuta dividendo potenze di 3 per potenze di 2. La natura di questi numeri non è evidentemente la stessa! 3. I numeri di Zarlino Il veneziano Zarlino nel 1558 riuscì a far accettare la proposta di Archita, risalente al IV sec. a C., di sostituire le frazioni 81/64, 27/16 e 243/128 rispettivamente con 5/4, 5/3 e 15/8, numeri che i pitagorici non avevano voluto prendere in considerazione perché contenenti il 5, numero secondo loro non adatto a rappresentare l armonia delle sfere celesti.

11 In definitiva Zarlino e Archita non fecero che attribuire al Mi6 una frequenza cinque volte maggiore di quella del Do4, usando una corda lunga un quinto di quella necessaria per ottenere il Do4. Poi dal Mi6, ricavarono il Mi5 dividendo a metà la frequenza di Mi6. In questo modo la frequenza di Mi5 risultava pari ai 5/2 di quella del Do4. Dimezzando la frequenza del Mi5 ottennero il Mi4 o, il che è lo stesso, trovarono il Mi4 calcolando i 5/4 della frequenza del Do4: frequenza di Mi4 = (5/4) frequenza di Do4 Dividendo la frequenza di Mi5 per 3/2 ottennero la frequenza della sua quinta discendente La4 avente frequenza pari ai 5/3 di quella del Do4: frequenza di La4 = (5/3) frequenza di Do4 Infine, moltiplicando per 3/2 la frequenza di Mi4 ottennero la frequenza della quinta ascendente Si4 avente frequenza pari ai 15/8 della frequenza del Do4: frequenza di Si4 = (15/8) frequenza di Do4 L errore dovuto al salto da un ottava all altra secondo le potenze del 2 non fu per questo risolto, ma almeno gli accordatori poterono lavorare con numeri più piccoli e calcolare la lunghezza delle corde più facilmente. Tab. n.9 Le note della quarta ottava secondo Zarlino corda riferita alla misura del Do4 Frequenza in hertz Suono prodotto V nota ascendente V nota discendente L4 261,60 Do4 Sol4 Fuori ottava L4 8/9 261,60 9/8 = 294,30 Re4 La4 Fuori ottava L4 4/5 261,60 5/4 = 327 Mi4 Si4 Fuori ottava L4 3/4 261,60 4/3 = 348,80 Fa4 Fuori ottava Fuori ottava L4 2/3 261,60 3/2 = 392,40 Sol4 Fuori ottava Do4 L4 3/5 261,60 5/3 = 436 La4 Fuori ottava Re4 L4 8/15 261,60 15/8 = 490,50 Si4 Fuori ottava Mi4 Sul pentagramma: Fig. 12 Le note della quarta ottava

12 Come si nota, alcune delle frequenze trovate da Zarlino cambiano rispetto a quelle di Pitagora, ma per quanto detto a proposito delle bande di frequenza, questo non deve preoccupare un musicista che nella scelta della nota si lascia guidare dall orecchio e non certo da calcoli matematici. Inoltre il grafico di Fig. 11 resta esattamente lo stesso anche per la scala di Zarlino, perché i numeri decimali che corrispondono alle frazioni in oggetto e cioè quelle del Mi, del La e del Si sono uguali se approssimate alla prima cifra decimale. Per porre un freno all arbitrarietà della scelta della nota giusta, fatta per lo più a orecchio, nel 1880 si fissò a 440 hertz la frequenza della nota La4 in base alla quale si devono poi accordare tutte le altre note. Questo non significa che da allora in poi tutti gli strumenti e tutte le orchestre suoneranno il La centrale con la stessa frequenza, ma almeno suoneranno le note con una frequenza non troppo dissimile gli uni dagli altri. Nella tabella seguente le due scale a confronto. Tab. n.10 Pitagora e Zarlino a confronto Suono prodotto Frequenze della scala di Pitagora Frequenze della scala di Zarlino Do4 261,60 261,60 Re4 261,60 9/8 = 294,30 261,60 9/8 = 294,30 Mi4 261,60 81/64 = 331,08 261,60 5/4 = 327 Fa4 261,60 4/3 = 348,80 261,60 4/3 = 348,80 Sol4 261,60 3/2 = 392,40 261,60 3/2 = 392,40 La4 261,60 27/16 = 441,45 261,60 5/3 = 436 Si4 261,60 243/128 = 496,63 261,60 15/8 = 490,50 4. Il suono dei numeri irrazionali Bisogna aspettare la fine del 1600 per vedere risolto il problema della scala pitagorica e della scala naturale di Zarlino, quando l organista tedesco Werckmeister propose di dividere ogni ottava in 12 semitoni perfettamente uguali. Prima di lui un tono era diviso in 9 parti dette comma e 4 comma facevano un bemolle della nota successiva mentre 5 comma facevano un diesis della nota precedente, secondo il seguente schema: (frequenza del Re - frequenza del Do)/9 = un comma frequenza del Do + 4 comma = frequenza del Reb, frequenza del Do + 5 comma = frequenza del Do#, frequenza del Do + 9 comma = frequenza del Re Per esempio, consideriamo le frequenze del Do4 e del Re4 nella scala di Zarlino per calcolare la frequenza di un comma: ( ) : 9 = 32 : 9 = 3,55 hertz aggiungendo 4 comma alla frequenza del Do4 otteniamo la frequenza del Reb: ,55 = 275,20 hertz

13 aggiungendo 5 comma alla frequenza del Do4 otteniamo la frequenza del Do#: ,55 = 278,75 hertz aggiungendo 9 comma alla frequenza del Do4 otteniamo la frequenza del Re: ,55 = 292,95 hertz Werckmeister riuscì a far accettare ai suoi contemporanei la divisione del tono esattamente a metà in modo che i bemolle e i diesis coincidessero, come d altronde avviene su tutti gli strumenti a tastiera (non dimentichiamo che lui era un organista). A questo punto si trovava a contare 12 semitoni all interno di ogni ottava e, sapendo ormai per certo che il suono si propaga con frequenza esponenziale, concluse che ciò dovesse avvenire anche all interno di ciascuna ottava e non solo nel passare da un ottava all altra. Ma quale doveva essere la frequenza di un singolo semitono? Visto che i semitoni sarebbero stati tutti uguali, si poteva calcolare la loro frequenza a partire da una qualunque ottava. La distanza tra due ottave è sempre di 2 hertz e dentro a un ottava ci sono 12 semitoni la cui frequenza sale esponenzialmente. Se il primo semitono della prima ottava ha frequenza h, il secondo avrà frequenza h 2, il terzo h 3, il quarto h 4 e così via fino ad arrivare all ultimo che avrà frequenza h 12. L ultimo semitono però deve avere la stessa frequenza del primo suono dell ottava successiva (finalmente!) e quindi nel passare dalla prima ottava alla seconda, deve coincidere con 2: h 12 = 2 Geniale! Ora è possibile conoscere quale sia la frequenza di un singolo semitono, applicando l operazione inversa di elevamento a potenza: h = Questo è un numero irrazionale, uno di quei numeri la cui scoperta sconvolse i pitagorici e tolse loro la pace. Di fronte al primo numero irrazionale incontrato, anche Pitagora deve aver detto: Lo vedo, ma non ci credo. come George Cantor ( ) 1500 anni dopo, a proposito dei numeri transfiniti. Conoscendo la frequenza di un semitono, è possibile trovare con precisione la frequenza di ogni nota, con buona pace degli accordatori: Per esempio: frequenza di una nota = (frequenza del semitono precedente) Do1= Do1# = Re1b = 32, Ed ecco che la rappresentazione grafica della scala temperata ed equabile 2 di Werckmeister appare come un unica curva esponenziale: 2 temperata dal verbo temperare, correggere ed equabile dal verbo equalizzare, livellare, stabilizzare. 12 2

14 12 y=( 2 ) x Fig. 13 La curva esponenziale delle frequenze di tutte le note Nel grafico sull asse x è riportata la successione dei semitoni e sull asse y le loro rispettive frequenze misurate usando come unità di misura la frequenza del Do1. I nomi delle note sono quelli adottati nel mondo anglosassone e ormai universalmente accettati: C = Do, D = Re, E = Mi, F = Fa, G = Sol, A = La, B = Si Nella seguente tabella sono messe a confronto le frequenze delle tre scale relativamente all ottava centrale del pianoforte: Tab. n.11 Pitagora, Zarlino e Werckmeister a confronto Suono Frequenze della scala di Pitagora Frequenze della scala naturale di Zarlino Do4 130,80 2=261, ,63 Re /8= /8= ,66 Fa /3= /3= ,23 Sol /2= /2= ,00 La /16= /3= ,00 Si /128= /8= ,88 Do = = ,25 Frequenze della scala temperata equabile di Werckmeister Ai nostri giorni l avvento della musica digitale e la costruzione di strumenti musicali elettronici ha permesso di realizzare, con buona approssimazione, una corrispondenza

15 biunivoca tra i numeri Reali e l insieme delle frequenze dei suoni naturali o riproducibili artificialmente, a questo punto non solo con buona pace dei musicisti, ma anche dei matematici che già alla fine del 1800 avevano suggerito di usare una unità di misura ancora più piccola per gli intervalli, quella inventata dall inglese Alexander Ellis: 1 cent = pari alla centesima parte di un semitono della scala temperata di Werckmeister. In un sistema metrico della frequenza che usi il cent come unità di misura: un semitono misura 100 cent, un tono misura 200 cent, un ottava misura 1200 cent. Il fatto poi che l orecchio umano non sia in grado di percepire differenze di 2 cent e, dal vivo, nemmeno differenze di 10 cent, permette di ottenere arrotondamenti con approssimazioni all intero più vicino. In questo modo il confronto tra le diverse scale è più immediato e inoltre diventa possibile sincronizzare un sintonizzatore per poter suonare indifferentemente in una delle diverse scale. Tab. n.12 Pitagora, Zarlino e Werckmeister in cent Suono Frequenze di Pitagora in cent Frequenze di Zarlino in cent Frequenze di Werckmeister in cent Do Re4b Do4# Re Mi4b Re4# Mi Fa4b Mi4# Fa Sol4b Fa# Sol La4b Sol4# La Si4b La4# Si Do5b Si4# Nonostante da un punto di vista matematico la scala temperata sia più precisa, non ha mai del tutto soppiantato la scala naturale di Zarlino. Gli strumenti ad arco e le corde vocali sono in grado di riprodurre la differenza tra un diesis e un bemole, possibilità questa preclusa agli strumenti a tasti (compreso la chitarra). Nelle orchestre sinfoniche sono gli archi a farla da padrone e si accordano sull oboe, quindi la scala più adatta per suonare musica classica ancora oggi resta quella naturale di Zarlino. Esattamente come in Matematica la scoperta dei numeri Reali non ha impedito di continuare a usare, secondo le necessità e il contesto, l insieme dei soli numeri Interi o dei soli Razionali

16 Aveva proprio ragione Lorenz Christoph Mizler von Kolof ( ), allievo di Bach, quando affermava: "La musica è il suono della matematica". Ringraziamenti per la consulenza: Luca Cannatà insegnante di musica ( per la collaborazione al lavoro di gruppo: gli allievi delle classi 1^T del Liceo Scientifico e 1^G, 1^H, 2^G, 2^H del Liceo Linguistico dell Istituto C. E. Gadda di Paderno Dugnano (Mi); Bibliografia MIUR - Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento concernenti le attività e gli insegnamenti compresi nei piani degli studi previsti per i percorsi liceali di cui all articolo 10, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 89, in relazione all articolo 2, commi 1 e 3, del medesimo regolamento. Luigi Rossi Teoria Musicale Edizioni Carrara, Bergamo 1977 Carl B. Boyer Storia della Matematica Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1990 Bertrand Russel Storia della filosofia occidentale TEA, Milano 2006 Sitografia Rapporto tra Musica e Matematica in: Strumenti musicali preistorici e la musica degli antichi romani in: La costruzione di un monocordo in: La tabella delle frequenze musicali in: Scale e Sistemi Musicali in:

17 L equivalenza tra hertz e cent in:

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

CAPITOLO 1: "A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI?"

CAPITOLO 1: A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI? CAPITOLO 1: "A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI?" La nostra sala prove era nientemeno che lo scantinato del Liceo Scientifico Galilei, opportunamente equipaggiato grazie al fondo studenti. Avrò avuto sì e

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Liceo scientifico - Liceo linguistico Tecnico: - Indirizzo Giuridico Economico Aziendale - Amministrazione,Finanza e Marketing - Turismo

Liceo scientifico - Liceo linguistico Tecnico: - Indirizzo Giuridico Economico Aziendale - Amministrazione,Finanza e Marketing - Turismo Liceo scientifico - Liceo linguistico Tecnico: - Indirizzo Giuridico Economico Aziendale - Amministrazione,Finanza e Marketing - Turismo Professionale: - Indirizzo enogastronomico ed ospitalità alberghiera

Dettagli

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin La scuola pitagorica - Storia 1 Gianluigi Bellin December 22, 2010 Storia. Di Pitagora sappiamo che nacque a Samo intorno al 570 ac., che viaggiò molto, anche in Egitto ed a Crotone, nel golfo di Taranto,

Dettagli

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Il punto di riferimento della musica tonale è la scala, in quanto essa è la sintesi di tutte le note che appartengono ad una data tonalità. Inoltre,

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire La scala maggiore Ora che abbiamo dato un pò di cenni teorici e impostato sia la mano destra che la sinistra è venuto il momento di capire cosa suonare con il basso ( impresa ardua direi ), cioè quando

Dettagli

Introduzione al sistema modale

Introduzione al sistema modale Introduzione al sistema modale a cura di Massimo Mantovani, Roberto Poltronieri, Lorenzo Pieragnoli La scala maggiore di Do, composta dalle note Do Re Mi Fa Sol La Si Do, è basata sulla struttura Tono

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori Corso di orientamento musicale diviso in lezioni semplici ed essenziali. L obiettivo è di assolvere alla funzione didattica utilizzando i parametri teorico-musicali essenziali in modo propedeutico ma anche

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi Tra i molteplici interessi scientifici di Leonardo non dobbiamo dimenticare la matematica.

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica

Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica Le cose fondamentali che dobbiamo conoscere per poter accedere al corso specifico di tastiere elettroniche e di pianoforte li vado ad elencare

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 7 -

Informatica per la comunicazione - lezione 7 - Informatica per la comunicazione - lezione 7 - Campionamento La codifica dei suoni si basa sulla codifica delle onde che li producono, a sua volta basata su una procedura chiamata campionamento.! Il campionamento

Dettagli

Pitagora e la musica //

Pitagora e la musica // * 032 Pitagora e la musica // Nicola Chiriano Docente al Liceo scientifico L. Siciliani di Catanzaro [Nicola Chiriano] Nicola Chiriano è docente di Matematica e Fisica al Liceo scientifico Siciliani di

Dettagli

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento TERIA CAPITL 9. ESPNENZIALI E LGARITMI. LE FUNZINI Non si ha una funzione se anche a un solo elemento di A non è associato un elemento di B, oppure ne sono associati più di uno. DEFINIZINE Funzione Una

Dettagli

Utmusica: l'esperienza al tuo servizio

Utmusica: l'esperienza al tuo servizio Utmusica: l'esperienza al tuo servizio COME MIGLIORARE L'INTONAZIONE I problemi di intonazione non sono affatto rari. Forse non te ne sei mai accorto, ma anche tra i cantanti professionisti che calcano

Dettagli

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Introduzione Le onde stazionarie presenti su una corda vibrante, quando la stessa è messa in moto da una forza impulsiva, dopo un iniziale transiente, possono

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alberto Pinto Corso di Matematica - NUCT 1 Insiemi 1.1 Generalità Diamo la definizione di insieme secondo Georg Cantor, matematico

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Trattamento dell informazione

Trattamento dell informazione Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Trattamento dell informazione Prof. Giorgio Valle D.ssa Raffaella Folgieri giorgio.valle@unimi.it folgieri@dico.unimi.it Lez1 4.10.07 Trattamento

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Funzioni inverse Simmetrie rispetto alla bisettrice dei quadranti dispari. Consideriamo la trasformazione descritta dalle equazioni : = y

Funzioni inverse Simmetrie rispetto alla bisettrice dei quadranti dispari. Consideriamo la trasformazione descritta dalle equazioni : = y Funzioni inverse Simmetrie rispetto alla bisettrice dei quadranti dispari. Consideriamo la trasformazione descritta dalle equazioni : ' = y y' = Consideriamo il punto P(,5) se eseguiamo tra trasformazione

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

2. Un teorema geniale e divertente anche per la scuola elementare

2. Un teorema geniale e divertente anche per la scuola elementare 051-056 BDM 56 Maurizi imp 21.5.2008 11:49 Pagina 51 II. Didattica 2. Un teorema geniale e divertente anche per la scuola elementare Lorella Maurizi 1 51 Ho proposto ai bambini di una classe quinta della

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche.

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche. GRAFICI Servono per dare immediatamente e completamente le informazioni, che riguardano l andamento di una variabile in funzione dell altra. La Geometria Analitica c insegna che c è una corrispondenza

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

INTERVALLI & SCALE MAGGIORI

INTERVALLI & SCALE MAGGIORI INTERVALLI & SCALE MAGGIORI Nella teoria musicale, la scala maggiore è una delle scale musicali eptafoniche (ovvero composta da sette suoni lungo un intervallo di ottava), il cui modo è individuato dalla

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Osservazioni sulla continuità per le funzioni reali di variabile reale

Osservazioni sulla continuità per le funzioni reali di variabile reale Corso di Matematica, I modulo, Università di Udine, Osservazioni sulla continuità Osservazioni sulla continuità per le funzioni reali di variabile reale Come è noto una funzione è continua in un punto

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

Principi per la memorizzazione digitale della musica

Principi per la memorizzazione digitale della musica Principi per la memorizzazione digitale della musica Agostino Dovier Univ. di Udine, DIMI 1 Preliminari Ogni suono/rumore udibile è generato da una vibrazione. Il corpo vibrante, per essere udito deve

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Musica Coerente con Intonazione a 432 Hz

Musica Coerente con Intonazione a 432 Hz Musica Coerente con Intonazione a 432 Hz Cos'è la musica a 432 Hertz di Marco Amadeux Stefanelli, Ph.D. Da un po' di tempo a questa parte, fortunatamente, si parla molto di musica a 432 Hz (Hertz). Spesso

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

INTRODUZIONE. Nei nostri esperimenti abbiamo verificato la legge di Lenz ma non ne abbiamo sentito gli effetti.

INTRODUZIONE. Nei nostri esperimenti abbiamo verificato la legge di Lenz ma non ne abbiamo sentito gli effetti. INTRODUZIONE Il nostro lavoro muove dallo studio del superamento della visione meccanicistica avvenuta nel contesto dello studio delle interazioni elettriche e magnetiche fra la fine del 7 e l inizio dell

Dettagli

Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità

Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità Angelo Ambrisi Ne plus ultra. Non si va oltre! Gli integrali costituiscono le colonne d Ercole dell insegnamento della

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

B. Vogliamo determinare l equazione della retta

B. Vogliamo determinare l equazione della retta Risoluzione quesiti ordinamento Quesito N.1 Indicata con α la misura dell angolo CAB, si ha che: 1 Area ( ABC ) = AC AB sinα = 3 sinα π 3 sinα = 3 sinα = 1 α = Il triangolo è quindi retto in A. La misura

Dettagli

Impariamo a calcolare gli intervalli

Impariamo a calcolare gli intervalli Impariamo a calcolare gli intervalli A cosa servono gli intervalli? 1. Costruire le scale 2. Costruire gli accordi e i loro arpeggi 3. Capire da quale scala proviene una frase 4. Capire quale accordo puoi

Dettagli

Tavola riepilogativa degli insiemi numerici

Tavola riepilogativa degli insiemi numerici N : insieme dei numeri naturali Z : insieme dei numeri interi Q : insieme dei numeri razionali I : insieme dei numeri irrazionali R : insieme dei numeri reali Tavola riepilogativa degli insiemi numerici

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Funzione logaritmo con. funzione inversa della funzione di

Funzione logaritmo con. funzione inversa della funzione di FUNZIONE LOGARITMO a è la base della funzione logaritmo ed è una costante positiva fissata e diversa da 1 x è l argomento della funzione logaritmo e varia nel dominio Funzione logaritmo con funzione inversa

Dettagli

versione MiSta StRuMenti PeR una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Rosanna P.

versione MiSta StRuMenti PeR una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Rosanna P. Rosanna P. Castello StRuMenti PeR una didattica inclusiva a cura di Roberto Pigliapoco Schede facilitate Spartiti guidati Mappe illustrate Materiali audio Verifiche Scarica gratis il libro digitale con

Dettagli

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da Data una funzione reale f di variabile reale x, definita su un sottoinsieme proprio D f di R (con questo voglio dire che il dominio di f è un sottoinsieme di R che non coincide con tutto R), ci si chiede

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

Il Suono acustico. Capitolo 2 - Le caratteristiche del suono. Introduzione. L intensità del suono

Il Suono acustico. Capitolo 2 - Le caratteristiche del suono. Introduzione. L intensità del suono Il Suono acustico Capitolo 2 - Le caratteristiche del suono Introduzione pag 1 L intensità del suono pag 1 Relazione tra l intensità sonora e la distanza dalla sorgente pag 6 L altezza di un suono pag

Dettagli

Moto circolare uniforme

Moto circolare uniforme Moto circolare uniforme 01 - Moto circolare uniforme. Il moto di un corpo che avviene su una traiettoria circolare (una circonferenza) con velocità (in modulo, intensità) costante si dice moto circolare

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Francesco Biccari 18 marzo 2013 Una trasformazione geometrica del piano è una legge (corrispondenza biunivoca) che consente di associare a un determinato

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONE Passaggi fondamentali Per effettuare uno studio di funzione completo, che non lascia quindi margine a una quasi sicuramente errata inventiva, sono necessari i seguenti 7 passaggi: 1.

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

IL PUZZLE INGRANDITO Prof c èc. un problema

IL PUZZLE INGRANDITO Prof c èc. un problema ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI E. MORANTE DI SASSUOLO (MO) presenta IL PUZZLE INGRANDITO Prof c èc un problema Classi 1^D e 1^E Docenti: Prof. Vestuti Antonio, Prof.ssa

Dettagli

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO GIAMPIERO BARILE IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO Corso di solfeggio per bambini Esercizi ritmici di preparazione Illustrazioni: Giorgia Serafini Sigh!! Non Ä giusto voglio imparare anche io la musica ma

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Al via il nuovo anno scolastico. Ecco tutte le novità Gelmini: Domani giornata storica Domani è una giornata

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 03

ELEMENTI DI ACUSTICA 03 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 01/013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni EEMENTI DI ACUSTICA 03 PROPAGAZIONE DE SUONO 0 DIRETTIVITA DEA SORGENTE FREQUENZA SONORA PROPAGAZIONE

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Fondamenti di Informatica Computabilità e Macchine di Turing Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Letture Consigliate: Roger Penrose, La Mente Nuova dell Imperatore, Sansoni Editrice. Martin Davis, Il

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Quanto alcol sto bevendo? Moltiplica per 8!

Quanto alcol sto bevendo? Moltiplica per 8! www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Quanto alcol sto

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni parametri fisici (cenni)

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni parametri fisici (cenni) Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso di Statistica medica e applicata Dott.ssa Donatella Cocca 1 a Lezione Cos'è la statistica? Come in tutta la ricerca scientifica sperimentale, anche nelle scienze mediche e biologiche è indispensabile

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli