ha pronunciato la presente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ha pronunciato la presente"

Transcript

1 1 di 91 11/06/ N /2013 REG.PROV.COLL. N /2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 5593 del 2012, proposto dalla soc. Societatea De Asigurare Reasigurare City Insurance Sa, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli avvocati Andrea Manzi e Giovanni Caruso, con domicilio eletto presso l avvocato Andrea Manzi in Roma, via F. Confalonieri n. 5; contro - IVASS - Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (già ISVAP), in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avvocatura Generale dello Stato, con la quale è domiciliato in Roma, via dei Portoghesi n. 12; - IVARP - Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni e sul Risparmio Previdenziale, in persona del legale rappresentante pro tempore, non costituito in giudizio; e con l'intervento di ad adiuvandum: Comisia De Supraveghere A Asigurarilor, in persona del legale

2 2 di 91 11/06/ rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli avvocati Mario Tonucci, Alberto Fantini e Luca Spaziani, con i quali è elettivamente domiciliato in Roma, via Principessa Clotilde n. 7, presso lo studio Tonucci & Partners; per l'annullamento - del provvedimento dell ISVAP n in data 2 luglio 2012, con il quale è stato disposto nei confronti della società ricorrente, ai sensi dell art. 193, comma 4, del codice delle assicurazioni private e dell art. 40, comma 5, della direttiva 1992/49/CE, con effetto immediato, il divieto di assunzione di nuovi affari sul territorio della Repubblica italiana; - di ogni altro atto presupposto o consequenziale, anche se non conosciuto, comunque connesso, ivi compresi il comunicato stampa ISVAP del 2 luglio 2012 e tutti gli atti istruttori citati nel suddetto provvedimento; Visti il ricorso e i relativi allegati; Visti gli atti di costituzione in giudizio dell IVASS e della Comisia De Supraveghere A Asigurarilor; Viste le memorie difensive; Visti tutti gli atti della causa; Relatore nell'udienza pubblica del giorno 8 maggio 2013 il dott. Carlo Polidori e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale; Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue. FATTO 1. In punto di fatto la ricorrente (di seguito denominata City Insurance ) - società per azioni di diritto romeno, iscritta dal 1998 al Registro Nazionale delle Imprese ed avente per oggetto principale l esercizio dell attività di assicurazione, diverse da quelle sulla vita, nonché dell attività di riassicurazione - riferisce quanto segue: A) opera nel

3 3 di 91 11/06/ proprio territorio nazionale avvalendosi di un imponente articolazione operativa, che conta oltre quarantacinque agenzie e unità operative e circa 170 dipendenti; B) attualmente dispone di un capitale sociale di di lei (pari ad oltre dieci milioni di euro), come da deliberazioni di aumento di capitale del 21 marzo 2012 e del 27 aprile 2012; C) da alcuni anni opera anche nel territorio della Repubblica italiana, in regime di libera prestazione di servizi, ai sensi degli articoli 34 e 35 della direttiva 1992/49/CE e dell art. 24 del decreto legislativo n. 209/2005 (codice delle assicurazioni private, di seguito denominato c.a.p.), in forza dell autorizzazione n. 706 del 2 ottobre 2007, rilasciata dall Autorità di vigilanza del proprio paese, denominata Comisia De Supraveghere A Asigurarilor o Insurance Supervisory Commission (di seguito denominata ISC) e del conseguente decreto di presa d atto dell ISVAP datato 16 gennaio 2008, nonché dell autorizzazione n. 404 del 16 maggio 2008, anch essa rilasciata dall ISC, e del conseguente decreto di presa d atto dell ISVAP datato 12 agosto 2008; D) in data 22 gennaio 2008 è stata iscritta all Albo delle Imprese di assicurazione e, in particolare, nell Elenco delle Imprese di assicurazione con sede legale in un altro Stato membro, ammesse ad operare in Italia in regime di libertà di prestazione di servizi; E) con decisione dell Assemblea generale degli azionisti in data 19 febbraio 2008 ha nominato un rappresentante fiscale sul territorio della Repubblica italiana, che ha provveduto, a nome della società, alla apertura di una posizione fiscale presso l Agenzia delle entrate; F) da tale data opera nel territorio italiano, in regime di libera prestazione di servizi, avvalendosi di broker rumeni e italiani; G) gode di ottima salute finanziaria, come dimostrano le referenze bancarie allegate al ricorso, ed ha sempre adempiuto ai propri obblighi nei confronti della compente Autorità di vigilanza, ossia nei confronti dell ISC; H) nel corso dell ultimo anno è stata sottoposta dall ISC ad una serie di approfonditi

4 4 di 91 11/06/ controlli ispettivi, all esito dei quali non è stato adottato alcun provvedimento sanzionatorio o restrittivo; I) la sua attività in Italia si è svolta inizialmente nel ramo delle garanzie fideiussorie e delle cauzioni e, a partire dal 2011, anche nel ramo della responsabilità civile degli Enti pubblici territoriali e delle Aziende Sanitarie Locali; L) inaspettatamente, in data 3 luglio 2012 ha appreso dagli organi di stampa la notizia dell adozione dell impugnato provvedimento inibitorio, non preceduta da alcun contraddittorio procedimentale, ma accompagnata dalla pubblicazione di un comunicato stampa (in data 2 luglio 2012) con il quale è stata data notizia del provvedimento stesso, contestualmente invitando gli organi di informazione a dare il massimo risalto alla vicenda nell interesse dei consumatori. 2. Il provvedimento impugnato è supportato da un articolata motivazione, che può essere suddivisa in quattro parti. Nella prima parte l ISVAP indica i presupposti normativi su cui si fonda la decisione assunta - e, in particolare, le direttive comunitarie in materia di attività di assicurazione svolta in un altro Stato membro in regime di stabilimento ed in regime di libera prestazione di servizi; la legge n. 576/1982, recante la riforma della vigilanza sulle assicurazioni e le successive disposizioni modificative e integrative; il decreto legislativo n. 209/2005; il Protocollo generale relativo alla collaborazione tra le Autorità di vigilanza delle assicurazioni degli Stati membri dell Unione Europea, pubblicato dal CEIOPS il 31 marzo 2008 (di seguito denominato Protocollo di Siena) - nonché le lettere in data 2 ottobre 2007 e 22 maggio 2008, con le quali l ISC ha comunicato l intenzione della società ricorrente di operare in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Nella seconda parte della motivazione viene delineata l attività svolta in Italia dalla società ricorrente, vengono esposte le risultanze dell attività ispettiva svolta dall ISVAP presso il rappresentante fiscale e gli ausiliari

5 5 di 91 11/06/ della medesima società e vengono evidenziati i problemi emersi nei rapporti di cooperazione con l ISC. In particolare l ISVAP rappresenta che: A) «City Insurance, in Italia, ha raccolto affari quasi esclusivamente nel campo delle garanzie fideiussorie e, a partire dal secondo semestre 2011, anche in quello delle garanzie di responsabilità civile generale a favore di Enti pubblici territoriali ed Aziende Sanitarie Locali (ASL), rischi, questi, che espongono la compagnia ad impegni economicamente rilevanti se rapportati alla misura del suo capitale, come espressa nei documenti contrattuali rilasciati ai contraenti (15,9 milioni di RON equivalenti a circa 3,5 milioni di euro)»; B) «la raccolta premi sul territorio nazionale, nel biennio , è stata prossima al 90% del volume complessivo degli affari acquisiti da City Insurance, percentuale che si ha motivo di ritenere essere rimasta elevata anche nel corso dell esercizio 2011»; C) «le risultanze degli accertamenti ispettivi svolti in Italia nel 2011 presso il rappresentante fiscale di City Insurance (il cui verbale è stato sottoscritto in data 5 dicembre 2011), nonché presso 12 intermediari di cui la medesima impresa si è avvalsa (i cui verbali sono stati sottoscritti tra il marzo 2011 ed il febbraio 2012), hanno evidenziato: che esiste un articolazione operativa tale da configurare una governance solo formale in Romania ed una governance sostanziale della società, stabilmente insediata in Italia, ed attuata attraverso lo schermo di alcune società di intermediazione; che la governance stabilmente insediata in Italia definisce, in totale autonomia, l intero iter istruttorio finalizzato al rilascio delle polizze fideiussorie, ivi compresa la valutazione dei rischi da assumere; che gli organi direttivi di City Insurance, aventi sede in Romania, sono assolutamente privi della capacità di conoscere e monitorare puntualmente e costantemente la consistenza del portafoglio polizze, l ammontare dei premi emessi e di quelli incassati, la tipologia dei rischi assunti e, più in generale, l esposizione complessiva della

6 6 di 91 11/06/ compagnia sul territorio della Repubblica italiana; che alle predette società di intermediazione sono riconosciute elevatissime percentuali provvigionali; che ingenti somme di denaro provenienti dall acquisizione dei premi risultano versate a favore di imprese e persone italiane contigue e/o riferibili ai membri della predetta governance sostanziale, per non meglio precisate prestazioni di consulenza; che la mancata iscrizione, almeno fino al marzo 2011, nel relativo registro fiscale di cui all art. 4-bis, comma 4, della legge 29 ottobre 1961 n. 1216, introdotto dall art. 353 del decreto legislativo 7 settembre 2005 n. 209, di numerosi contratti stipulati, in virtù dei quali sono stati incassati premi per diversi milioni di euro, ha determinato il mancato e/o tardivo versamento all Erario delle imposte sui premi stessi; che n. 2 sinistri, per un impegno di spesa rispettivamente pari a ,00 euro e ,00 euro, hanno interessato contratti fideiussori, emessi nel marzo 2009 e nel novembre 2010, mentre a tutto il 31 marzo 2011 non risultavano ancora registrati dal rappresentante fiscale nel relativo registro dei contratti assunti, di cui all art. 4 bis della legge 29 ottobre 1961, n. 1216»; D) «le prime richieste di informazioni, formulate da questa Autorità in data 22 aprile 2008, 14 luglio 2008, 12 agosto 2008, 23 ottobre 2008, 14 gennaio 2009 è 13 marzo 2009 in merito all azionariato di City Insurance ed ai presidi di governance, sono state riscontrate dall ISC in modo tardivo, interlocutorio, incompleto, impreciso e contraddittorio»; E) «con lettera del 16 febbraio 2011 l ISVAP, alla luce dei riscontri forniti dall ISC e delle informazioni e segnalazioni nel frattempo pervenute ed ai sensi del Protocollo Generale relativo alla collaborazione tra le Autorità di vigilanza delle assicurazioni degli Stati Membri dell Unione Europea del marzo 2008, ha chiesto all ISC di poter svolgere accertamenti ispettivi congiunti presso la sede di City Insurance, con particolare riferimento all azionariato e governance dell impresa, alle procedure assuntive e liquidative del ramo cauzioni, alla

7 7 di 91 11/06/ politica degli investimenti, ai rapporti con gli intermediari italiani e con i fornitori, nonché alla regolarità dei versamenti all Erario delle imposte sui premi assicurativi incassati»; F) «con lettera datata 1 marzo 2011 l ISC ha declinato la richiesta di ispezione congiunta, ritenendosi l unica Autorità competente allo svolgimento delle verifiche ispettive». Nella terza parte della motivazione sono esposti i presupposti di fatto che hanno determinato l adozione del provvedimento impugnato. In particolare l ISVAP rappresenta che: A) «le risultanze degli accertamenti ispettivi svolti in Italia nel 2011 hanno permesso di riscontrare criticità operative tali da far ritenere non sana e prudente la gestione aziendale di City Insurance, quanto meno in relazione agli affari assicurativi assunti in Italia che, come detto, espongono la compagnia ad impegni economicamente rilevanti»; B) «si è avuta notizia dell esistenza di indagini in corso su City Insurance, da parte delle Procure della Repubblica presso i Tribunali di Venezia e di Cagliari, per presunte condotte illecite perpetrate dalla Compagnia in ordine alla partecipazione a gare indette da aziende pubbliche del settore sanitario»; C) «con lettera inviata all Autorità di vigilanza romena in data 13 febbraio 2012, l ISVAP ha reiterato la richiesta di svolgimento di accertamenti ispettivi congiunti presso la sede dell impresa al fine di acquisire diretti elementi di conoscenza del modus operandi della stessa in ordine ai medesimi aspetti di cui alla già citata nota del 16 febbraio 2011»; D) «con lettera del 12 marzo 2012 l ISC, senza esprimere alcuna riserva, ha dato il proprio assenso allo svolgimento dei citati accertamenti ispettivi congiunti presso la sede dell impresa»; E) «l ISVAP, a seguito del comunicato stampa della Guardia di Finanza del 17 aprile 2012 ( Evitato appalto truccato su assicurazioni ), ampiamente diffuso dai principali organi di stampa nazionali, concernente le iniziative giudiziarie intraprese dalla magistratura italiana nei confronti di City Insurance, relativamente all aggiudicazione di

8 8 di 91 11/06/ appalti per la copertura assicurativa della responsabilità civile di numerose aziende ed Enti pubblici ospedalieri italiani, ha chiesto all ISC, con lettera del 27 aprile 2012, l adozione di provvedimenti urgenti finalizzati alla salvaguardia del patrimonio aziendale ed alla tutela degli assicurati e danneggiati italiani»; F) «a quest ultima richiesta l ISC non ha ancora fornito riscontro»; G) «l ISC a maggio 2012, dopo aver positivamente riscontrato la citata richiesta di accertamenti congiunti del 13 febbraio 2012, all esito degli incontri preliminari all avvio dell attività ispettiva, ha posto un veto in merito alla richiesta di verifica sulla corporate governance e sulla politica degli investimenti di City Insurance, limitando la propria collaborazione ad alcuni elementi marginali ed, in particolare, alla verifica delle procedure assuntive dei contratti conclusi in Italia in regime di libera prestazione di servizi, nonché alla gestione e registrazione nella contabilità dell impresa dei medesimi contratti e dei relativi impegni»; H) «in data 21 maggio 2012, l ISVAP ha chiesto ufficialmente all ISC di formalizzare la propria posizione, specificandone i motivi»; I) «solo in data 12 giugno 2012 è stata formalizzata da parte di ISC l intenzione di svolgere l attività ispettiva congiunta presso la sede legale della City Insurance limitatamente alla verifica delle procedure assuntive dei contratti conclusi in Italia in regime di libera prestazione di servizi, nonché alla gestione e registrazione della documentazione nella contabilità dell impresa dei medesimi contratti e dei relativi impegni»; L) «con la medesima lettera l ISC si è resa disponibile a trasmettere informazioni, acquisite da essa stessa in via cartolare, riguardanti gli azionisti, le persone rilevanti (significant persons) ed i comitati costituiti all interno della società nonché relative alla copertura delle riserve tecniche»; M) «in tale occasione l ISC ha precisato, per la prima volta, di non disporre di poteri inerenti a tematiche non strettamente assicurative (ad es. fiscali, bancarie ecc.) a meno che queste non siano connesse all attività assicurativa stessa

9 9 di 91 11/06/ e siano previste in specifiche norme di legge. Ciò, nonostante che nella citata lettera del 1 marzo 2011, inviata in riscontro alla prima richiesta ISVAP del 16 febbraio 2011 di svolgere accertamenti ispettivi congiunti anche sulla governance e sulla politica degli investimenti di City Insurance, ISC avesse fatto presente di essere l unica Autorità competente allo svolgimento delle verifiche ispettive»; N) «l eventuale acquisizione, da parte dell ISVAP, della documentazione ottenuta da ISC in via cartolare non può ritenersi sostitutiva di quella acquisibile in sede ispettiva, e ciò anche tenuto conto che quanto finora trasmesso da ISC non ha prodotto alcun effetto concreto in quanto tardivo, interlocutorio, incompleto, impreciso e contraddittorio»; O) «la mancata adesione alle motivate richieste di questa Autorità, con riguardo all oggetto delle verifiche ispettive, oltre a comportare un ulteriore dilazione dei tempi di acquisizione di idonei provvedimenti nei confronti di City Insurance, con possibile nocumento per gli assicurati italiani, di fatto rende inadeguato allo scopo lo svolgimento delle suddette verifiche»; P) «rimangono a tutt oggi irrisolti i gravi dubbi sugli assetti di governance e sulla gestione dell attività assicurativa di City Insurance, svolta quasi integralmente sul territorio nazionale, nonché sulla sua effettiva capacità economicofiananziaria e tecnico-professionale»; Q) «questa Autorità ha ricevuto nell ultimo biennio numerose ed allarmate richieste di informazioni su City Insurance da parte soprattutto di Enti pubblici territoriali e, da ultimo, anche da parte di Aziende Sanitarie Locali (ASL), che hanno rappresentato come gli elevati oneri assunti, laddove non onora adempiuti da City Insurance, andrebbero a gravare sul bilancio dell Amministrazione pubblica considerato anche che il capitale sociale dell impresa appare non adeguato con conseguente grave rischio di insolvenza». Nella quarta parte della motivazione viene esposto l iter logico all esito del quale si è reso necessario, in ragione dei suesposti presupposti di fatto,

10 10 di 91 11/06/ disporre in via d urgenza, nei confronti della società ricorrente, con effetto immediato, il divieto di assunzione di nuovi affari sul territorio della Repubblica italiana. In particolare l ISVAP afferma che: A) «City Insurance, avvalendosi dello schermo rappresentato da alcune società d intermediazione assicurativa italiane, ha insediato sul territorio della Repubblica, sotto il diretto ed esclusivo controllo e coordinamento operativo di queste ultime, un vero e proprio ramo d azienda tramite il quale svolgere tutte le attività propedeutiche all acquisizione degli affari assicurativi (dotandosi, in particolare, di strutture, procedure. risorse operative, fornitori di beni e servizi)»; B) «la governance sostanziale, cosi come sopra descritta, è in grado di disporre delle risorse finanziarie di City Insurance per finalità poco coerenti con l attività tipica di un impresa assicurativa tanto che, da pubbliche informazioni contabili, è emerso che City Insurance, non disponendo mai dell integrale liquidità riveniente dalle polizze emesse, ha un elevata esposizione verso i propri intermediari, con conseguente grave rischio di insolvenza»; C) «tale modus operandi è contrario ai principi di sana e prudente gestione ed è sensibilmente difforme da quello rappresentato dall ISC ricalcando, invero, quello di una stabile organizzazione ai sensi dell art. 23 del decreto legislativo n. 209/2005»; D) «la costituzione di una sede legale in Romania è del tutto artificiosa ed ha avuto il solo scopo di ostacolare la vigilanza italiana sull impresa»; E) «la violazione di norme d interesse generale e le criticità ed opacità gestionali enucleate dall ISVAP, all esito degli accertamenti ispettivi, comportano grave pregiudizio all Erario e nuocciono agli interessi degli assicurati italiani e degli altri aventi diritto a prestazioni assicurative sul territorio della Repubblica»; F) «nonostante le ripetute richieste d intervento formulate dall ISVAP, l ISC non risulta aver ancora adottato alcun provvedimento a tutela degli interessi degli assicurati italiani e degli altri aventi diritto a prestazioni assicurative sul territorio

11 11 di 91 11/06/ della Repubblica»; G) «la disponibilità di ISC è limitata allo svolgimento di verifiche ispettive parziali e alla trasmissione di informazioni su City Insurance acquisite in via cartolare»; H) «tale disponibilità non è adeguata a chiarire gli aspetti sollevati dall ISVAP a seguito degli accertamenti ispettivi svolti in Italia»; I) «ISC continua di fatto ad omettere di cooperare ed utilizzare il più efficacemente possibile tutte le informazioni di vigilanza disponibili al fine di raggiungere gli obiettivi della vigilanza assicurativa ed, in particolare, la stabilità finanziaria e un adeguata tutela degli assicurati e degli altri soggetti interessati, cosi come invece previsto dal Protocollo»; L) «i fatti sopra descritti integrano la fattispecie di cui all art. 193, comma 4, del decreto legislativo n. 209/2005 ed agli artt. 40, comma 5, della Direttiva 92149/CEE e 4.5, parte IV, del Protocollo»; M) «per quanto sopra esposto, ricorrono i presupposti per intervenire d urgenza al fine d impedire che vengano compromessi gli interessi degli assicurati italiani e degli altri aventi diritto a prestazioni assicurative sul territorio della Repubblica»; N) «con nota del 2 luglio 2012, inviata ai sensi dei già citati art. 193, comma 4, del decreto legislativo n. 209/2005, e art. 40, comma 5, della Direttiva 92149/CEE si è provveduto ad informare l ISC dell adozione del presente provvedimento». 3. Avverso il provvedimento impugnato la società ricorrente deduce le seguenti censure: I) incompetenza dell ISVAP; carenza dei presupposti per configurare la legittimazione all intervento dell Autorità di vigilanza del paese ospite; carenza di potere in concreto; violazione dell art. 40, comma 5, della direttiva 1992/49/CE e dell art. 193 del codice assicurazioni private. La ricorrente - dopo aver ricordato che nella Comunità Europea vige il principio generale dell home country control, in forza del quale le imprese di assicurazione sono soggette alla vigilanza esclusiva dell autorità dello Stato membro d origine anche per l attività svolta in regime di

12 12 di 91 11/06/ stabilimento o in regime di libera prestazione di servizi nel territorio dello Stato ospite - afferma che nel caso in esame l ISVAP, agendo in veste di Autorità di vigilanza dello Stato ospite, ha erroneamente ritenuto di potersi sostituire all ISC ai sensi dall art. 40, comma 5, della direttiva 1992/49/CE, secondo il quale se, nonostante le misure prese dallo Stato membro di origine - o per l insufficienza di tali misure o in mancanza delle misure stesse nello Stato interessato - l impresa persiste nel violare le norme di legge vigenti nello Stato membro interessato, quest ultimo, dopo averne informato le autorità competenti dello Stato membro di origine, può prendere le misure appropriate per evitare o reprimere nuove irregolarità e, se strettamente necessario, impedire anche l ulteriore stipulazione di contratti d assicurazione da parte dell impresa nel suo territorio. Gli Stati membri provvedono affinché sia possibile effettuare sul proprio territorio le notifiche alle imprese di assicurazione. Infatti tale disposizione, secondo la ricorrente, deve essere coordinata con quelle dei precedenti commi 2, 3 e 4 del medesimo art. 40, dalle quali si evince che l Autorità di vigilanza dello Stato ospite - in deroga al suddetto principio generale - può richiedere direttamente documenti all impresa che operi in regime di libera prestazione di servizi (art. 40, comma 2), nonché invitare l impresa a porre fine a eventuali situazioni di irregolarità riscontrate (art. 40, comma 3), e deve informare le competenti Autorità dello Stato membro d origine qualora l impresa ometta di conformarsi al richiamo ricevuto (art. 40, comma 4). A fronte di tale quadro normativo (recepito nell art. 193 del c.a.p.) risulterebbe, quindi, evidente che l esercizio del potere attribuito dall art. 40, comma 5, all Autorità di vigilanza dello Stato ospite «è subordinato al verificarsi di una serie di condizioni concatenate e tassative le quali sole giustificano l ingerenza o intervento surrogatorio dell Autorità che, per regola generale, difetta di potere di vigilanza». In particolare, tali condizioni, nell ordine, sarebbero: a)

13 13 di 91 11/06/ l accertamento di una irregolarità a carico dell impresa; b) l invito all impresa a porre fine alla situazione irregolare; c) la mancata ottemperanza dell impresa di assicurazione al richiamo ricevuto; d) l interessamento dell autorità competente del paese di origine; e) l insufficienza delle misure adottate dall autorità competente ovvero mancata previsione, nell ordinamento in questione, di misure efficaci; f) la persistente violazione, da parte dell impresa, di norme di legge dello Stato membro ospitante. Pertanto solo in caso di avveramento di tutte queste condizioni sarebbe consentito l intervento surrogatorio dell Autorità di vigilanza dello Stato ospite, subordinato altresì alla preventiva informazione dell Autorità di vigilanza dello Stato di origine in merito alla misura in via di adozione. Invece, nel caso in esame l ISVAP avrebbe agito in assenza delle suddette condizioni, perché: A) l interessamento dell ISC non è stato preceduto da alcun accertamento di irregolarità a carico della ricorrente, né quest ultima è stata mai invitata a fornire documenti o richiamata al rispetto di norme dello Stato ospite; B) l ICS non ha mai abdicato dalla propria funzione di vigilanza, avendo anzi svolto, anche in tempi recenti, nei confronti della ricorrente accertamenti ispettivi particolarmente meticolosi e riferiti anche alle attività esercitate in Italia, sicché mancherebbe anche l ulteriore presupposto legittimante l intervento surrogatorio dell ISVAP, costituito dalla inadeguatezza dell intervento dell Autorità di vigilanza dello Stato di origine. Né potrebbe ritenersi, secondo la ricorrente, che il modus operandi dall ISVAP sia giustificato dall urgenza di provvedere, sia perché l ISVAP non ha rappresentato in motivazione alcuna situazione di urgenza, sia perché il procedimento risulta avviato (seppure all insaputa della ricorrente) sin dal lontano 16 febbraio 2011; II) violazione dell art. 40, comma 5, della direttiva 1992/49/CE e dell art. 193, comma 4, del codice assicurazioni private; violazione

14 14 di 91 11/06/ degli ulteriori obblighi informativi all Autorità di vigilanza del paese di origine. La ricorrente afferma che autonoma rilevanza assume il fatto che l ISVAP, in violazione dall art. 40, comma 5, della direttiva 1992/49/CE, abbia completamente omesso di avvertire preventivamente l ISC dell intenzione di intervenire in via sostitutiva. Infatti la condotta dell ISVAP determinerebbe la violazione di uno specifico obbligo informativo che assume notevole rilievo nella disciplina dei rapporti tra le Autorità di vigilanza, sia perché l intervento dell Autorità di vigilanza dello Stato ospite costituisce un eccezione al principio dell home country control, sia perché l informativa è finalizzata a rendere effettiva la collaborazione tra le due Autorità. Né potrebbe ritenersi, secondo la ricorrente, che l obbligo di cui trattasi sia stato assolto mediante la trasmissione all ISC del provvedimento già adottato. Pertanto erra l ISVAP nell affermare in motivazione che «con nota del 2 luglio 2012, inviata ai sensi dei già citati art. 193, comma 4, del decreto legislativo n. 209/2005, e art. 40, comma 5, della Direttiva 92/49/CEE si è provveduto ad informare l ISC dell adozione del presente provvedimento», perché tale nota reca la stessa data del provvedimento impugnato e, quindi, non si configura come un informazione preventiva; III) violazione dell art. 97 Cost.; violazione dei principi di trasparenza e partecipazione al procedimento, della legge n. 241/1990 e dell art. 193 del codice assicurazioni private, per omessa comunicazione dell avvio del procedimento e per mancata individuazione dell unità organizzativa responsabile del procedimento. La ricorrente lamenta di non essere stata posta in condizione di partecipare al procedimento culminato nell adozione del provvedimento impugnato. In particolare evidenzia che: A) non ha ricevuto la prescritta comunicazione dell avvio del procedimento, né richiami, contestazioni di irregolarità o richieste di chiarimenti; B) la completa omissione delle garanzie procedimentali risulta

15 15 di 91 11/06/ ancor più ingiustificabile se si considerano la complessità delle questioni affrontate dall ISVAP, la gravità della misura adottata, nonché la circostanza che l ISVAP stesso denunci in motivazione «gravi dubbi sugli assetti di governance e sulla gestione dell attività assicurativa» della ricorrente e nel comunicato stampa del 2 luglio 2012 ammetta che il provvedimento è stato assunto «a seguito di un istruttoria protrattasi per più di un anno»; IV) violazione dell art. 9 del codice assicurazioni private e degli articoli 2 e 6 del Regolamento n. 2/2006. In connessione con il precedente motivo di ricorso, la ricorrente evidenzia che in attuazione dell art. 9, comma 3, del codice assicurazioni private (ove si prevede che l ISVAP disciplini, con proprio regolamento, i procedimenti relativi all accertamento delle violazioni ed all irrogazione delle sanzioni nel rispetto dei principi della facoltà di denuncia di parte, della piena conoscenza degli atti istruttori, del contraddittorio, della verbalizzazione nonché della distinzione tra le funzioni istruttorie e quelle decisorie ) e degli articoli 2, comma 2, e 4 della legge n. 241/1990 l ISVAP ha adottato il Regolamento n. 2 del 9 maggio 2006, cha disciplina l individuazione dell unità organizzativa responsabile dell istruttoria e del responsabile del procedimento (art. 2) e prescrive che il responsabile del procedimento dia tempestiva comunicazione dell avvio del procedimento ai soggetti nei confronti dei quali il provvedimento finale è destinato a produrre effetti diretti (art. 6). Pertanto l ISVAP, avendo completamente omesso la comunicazione dell avvio del procedimento e del nominativo del responsabile, avrebbe violato anche tali disposizioni; V) violazione dell art. 14 della legge n. 576/1982, per incompetenza del Presidente dell ISVAP e per violazione delle prerogative riconosciute al Consiglio dell Istituto. La ricorrente - dopo aver posto in rilievo che il provvedimento impugnato è stato adottato e sottoscritto solo dal

16 16 di 91 11/06/ Presidente e non reca alcuna menzione di quali altri uffici e organi abbiano curato l istruttoria o formulato una proposta - lamenta la violazione del riparto delle competenze disciplinato dalla legge n. 576/1982, la quale, all art. 14 (rubricato Attribuzioni del consiglio ), non solo stabilisce che il Consiglio dell Istituto, tra l altro, esprime parere al presidente in materia di autorizzazioni all esercizio dell attività assicurativa e propone l adozione dei provvedimenti sanzionatori concernenti l esercizio dell attività delle imprese (art. 14, comma 1), ma specifica altresì che tali attribuzioni non possono essere delegate al Presidente dell Istituto (art. 14, comma 2); VI) violazione dell art. 97 cost.; violazione dell art. 193, comma 4, del codice assicurazioni private; violazione dell art. 40, comma 9, della direttiva 1992/49/CE; violazione del Protocollo di Siena; eccesso di potere difetto dei presupposti, difetto di motivazione, travisamento dei fatti, contraddittorietà, sviamento di potere e difetto di istruttoria. La società ricorrente articola una serie di motivi volti a censurare la motivazione del provvedimento impugnato ed a dimostrare che i fatti ivi richiamati sono in parte inesatti, in parte irrilevanti e in parte non imputabili alla ricorrente stessa. VI-A) in relazione al valore del capitale sociale della società ricorrente. La presente censura riguarda innanzi tutto la motivazione del provvedimento nella parte in cui si afferma che «City Insurance, in Italia, ha raccolto affari quasi esclusivamente nel campo delle garanzie fideiussorie e, a partire dal secondo semestre 2011, anche in quello delle garanzie di responsabilità civile generale a favore di Enti pubblici territoriali ed Aziende Sanitarie Locali (ASL), rischi, questi, che espongono la compagnia ad impegni economicamente rilevanti se rapportati alla misura del suo capitale, così come espressa nei documenti contrattuali rilasciati ai contraenti (15,9 milioni di RON equivalenti a circa

17 17 di 91 11/06/ ,5 milioni di euro)». In particolare la ricorrente contesta la paventata sproporzione tra l entità dei rischi assunti e l ammontare del suo capitale sociale, indicato dall ISVAP nella misura di circa 3,5 milioni di euro, evidenziando che si tratterebbe di una delle maggiori evidenze del denunciato difetto di istruttoria, evitabile se fosse stato correttamente instaurato il contraddittorio procedimentale. Infatti l ISVAP non si sarebbe avveduto del fatto che nell ultimo anno solare, proprio al fine di tutelare gli interessi degli assicurati, erano stati deliberati (in data 21 marzo 2012 e 27 aprile 2012) due aumenti di capitale, che hanno portato il valore del capitale sociale a lei (pari a ,00 euro). Inoltre la ricorrente censura la motivazione del provvedimento nella parte in cui si afferma che «la governance sostanziale, cosi come sopra descritta, è in grado di disporre delle risorse finanziarie di City Insurance per finalità poco coerenti con l attività tipica di un impresa assicurativa tanto che, da pubbliche informazioni contabili, è emerso che City Insurance, non disponendo mai dell integrale liquidità riveniente dalle polizze emesse, ha un elevata esposizione creditoria verso i propri intermediari, con conseguente grave rischio di insolvenza». In particolare la ricorrente sostiene che non può darsi credito alla «paradossale contestazione della esposizione creditoria verso i propri intermediari riferita evidentemente al fatto che... la Compagnia non avrebbe incassato parte della liquidità derivante dall incasso dei premi», riservandosi di documentare le azioni tempestivamente promosse per il recupero di crediti presso taluni intermediari ed osservando che tale posizione creditoria costituisce nella maggior parte dei casi un effetto fisiologico dell attività svolta in regime di libera prestazione dei servizi in quanto, specie in presenza di volumi di affari elevati, si generano continuamente nuovi incassi dei premi che, in attesa della trasmissione da parte degli intermediari operanti sul territorio dello Stato ospite, costituiscono crediti

18 18 di 91 11/06/ dell impresa; VI-B) in relazione alla elevata raccolta di premi sul territorio italiano. La presente censura riguarda la motivazione del provvedimento nella parte in cui si afferma che «la raccolta premi sul territorio nazionale, nel biennio , è stata prossima al 90% del volume complessivo degli affari acquisiti da City Insurance, percentuale che si ha motivo di ritenere essere rimasta elevata anche nel corso dell esercizio 2011». La ricorrente afferma che: A) non si comprende quale sia il significato di tale contestazione e la sua relazione con l adozione del provvedimento impugnato, perché l ISVAP non menziona alcuna norma (né una siffatta norma risulterebbe comunque esistente) che prescriva un equilibrio o una proporzione tra il valore dei premi sottoscritti nello Stato di origine ed il volume dei premi sottoscritti nello Stato ospite; B) il dato indicato dall ISVAP è comunque fuorviante, sia perché il numero dei contratti stipulati in Romania risulta di gran lunga superiore a quello dei contratti stipulati in Italia (nell anno 2010 essa ha concluso in Italia contratti e in Romania contratti, pari al 96,19% del totale; nell anno 2011 essa ha concluso in Italia contratti e in Romania , pari al 96,92% del totale; nei primi cinque mesi del 2012 essa ha concluso in Italia contratti e in Romania , pari al 98,84 % del totale), sia perché si deve considerare anche il diverso livello di sviluppo dei due Paesi ed il diverso importo dei premi assicurativi relativi ai contratti ivi stipulati, essendo ovviamente tali premi molto più alti nel mercato italiano; VI-C) in relazione alla asserita scissione tra governance formale e sostanziale. La presente censura riguarda la motivazione del provvedimento nelle parti in cui si afferma che: A) esisterebbe «un articolazione operativa tale da configurare una governance solo formale in Romania ed una governance sostanziale della società, stabilmente insediata in Italia, ed attuata attraverso lo schermo di alcune

19 19 di 91 11/06/ società di intermediazione»; B) gli organi direttivi di City Insurance, aventi sede in Romania, sarebbero «assolutamente privi della capacità di conoscere e monitorare puntualmente e costantemente la consistenza del portafoglio polizze, l ammontare dei premi emessi e di quelli incassati, la tipologia dei rischi assunti e, più in generale, l esposizione complessiva della compagnia sul territorio della Repubblica italiana»; C) risulterebbero versate ingenti somme di denaro «a favore di imprese e persone italiane contigue e/o riferibili ai membri della predetta governance sostanziale, per non meglio precisate prestazioni di consulenza». La ricorrente contesta tale ricostruzione evidenziando che: A) la direzione dell azienda è legata ininterrottamente da circa 15 anni al medesimo presidente e direttore generale, il signor Nicolae Musat; B) negli ultimi due anni essa è stata assoggettata a due verifiche ispettive da parte dell ISC, una delle quali inopinata (c.d. controllo a sorpresa), e ad una procedura di monitoraggio remoto; C) essa opera in Italia in regime di libera prestazione di servizi, regime che per definizione implica lo svolgimento dell attività tramite intermediari, sicché è inevitabile che il lavoro di costoro abbia contribuito al successo commerciale dell impresa, ma ciò non significa che gli intermediari stessi siano stati coinvolti nel processo decisionale relativo all assunzione dei rischi; D) le affermazioni dell ISVAP verosimilmente derivano da una distorta interpretazione delle informazioni acquisite presso gli intermediari italiani, informazioni che non risulterebbero comunque menzionate nel provvedimento impugnato e, comunque, avrebbero richiesto ben altri riscontri probatori; E) nessun rilievo può assumere il fatto - peraltro non meglio specificato in motivazione - che siano state pagate ingenti somme di denaro «per non meglio precisate prestazioni di consulenza», sia perché sul territorio italiano solo occasionalmente sono stati corrisposti onorari per consulenze, sia perché quasi tutte le somme pagate sul territorio italiano

20 20 di 91 11/06/ sono costituite da provvigioni, dovute ai broker in forza dei contratti di intermediazione e delle polizze da questi intermediate, o da onorari degli avvocati, dovuti in relazione a procedimenti giurisdizionali o ad attività di rappresentanza della società; F) la tesi dell ISVAP risulta comunque «estremamente fragile», perché è previsto dalla normativa vigente (richiamata nel punto del ricorso, ove viene illustrata, con particolare riferimento al settore assicurativo, la distinzione tra attività svolta in regime di stabilimento ed attività svolta in regime di libera prestazione di servizi) che «una impresa di assicurazione stabilisca una sede in altro Paese membro, ancorché, come detto, non sia il caso della City Insurance che opera in Italia in regime di libera prestazione di servizi»; VI-D) in relazione alle presunte irregolarità fiscali della gestione dell impresa. La presente censura riguarda la motivazione del provvedimento nelle parti in cui si afferma che: A) «la mancata iscrizione, almeno fino al marzo 2011, nel relativo registro fiscale di cui all art. 4-bis, comma 4, della legge 29 ottobre 1961 n. 1216, introdotto dall art. 353 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, di numerosi contratti stipulati, in virtù dei quali sono stati incassati premi per diversi milioni di euro, ha determinato il mancato e/o tardivo versamento all Erario delle imposte sui premi stessi»; B) «n. 2 sinistri, per un impegno di spesa rispettivamente pari a ,00 euro e ,00 euro, che hanno interessato contratti fideiussori, emessi nel marzo 2009 e nel novembre 2010, a tutto il 31 marzo 2011 non risultavano ancora registrati dal rappresentante fiscale nel relativo registro dei contratti assunti, di cui all art. 4-bis della legge 29 ottobre 1961, n. 1216». Secondo la ricorrente queste contestazioni, concernendo irregolarità di natura fiscale, sono non solo prive di relazione con la tipologia di misura adottata dall ISVAP, ma anche estranee alle prerogative che l ordinamento riserva all Istituto. In

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ISVAP N. 24 DEL 19 MAGGIO 2008 CONCERNENTE LA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DEI RECLAMI ALL ISVAP E LA GESTIONE DEI RECLAMI

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli