Catturato il broker della coca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catturato il broker della coca"

Transcript

1 Stefano Gross a pagina 34 Andersen (Siena) a pagina 34 La festa di Trento di GIANNI CERASUOLO giati : da Boateng a Seedorf da Nesta a Pato per non parlare dei lungodegenti Cassano e Gattuso. E sabato rischia di non esserci ancora Ibra. Venerdì sapremo se gli verrà condonata una giornata (comeè probabile),giusto in tempoper vederloin campo,in casodi grazia, contro la Juve. Ma il tecnico toscano è bravo anche a tirar fuori dal cilindro a seconda della bisogna i vari Emanuelson, un suo pallino nonostantelo scetticismogenerale, emuntari, preso l ultimo giorno del mercato di gennaio. Se sabatosera Allegri riuscirà a montare una gabbia attorno al squadra tra infortunati e parcheg- continua a pagina 3 Fiorentina - Napoli 0-3 Milan 50 Inter - Bologna 0-3 Juventus* 49 Juventus - Catania 3-1 Lazio 42 Lecce - Siena 4-1 Udinese 42 Genoa - Chievo 0-1 Roma 38 Napoli 37 Novara - Atalanta 0-0 Inter 36 Roma - Parma 1-0 Palermo 34 Cesena - Milan 1-3 Cagliari 31 Udinese - Cagliari 0-0 Chievo 30 Palermo - Lazio 5-1 Genoa 30 a pagina 33 Muntari, ex dell Inter, viene festeggiato dai compagni: E stato lui a spianare la vittoria del Milan a Cesena. Più sotto, Pirlo, il grande ex sabato sera a San Siro Parma* 28 Fiorentina** 28 Atalanta*(-6) 28 Catania** 27 Bologna** 25 Siena* 23 Lecce 21 Novara 17 Cesena* 16 *una partita in meno **due partite in meno ANNO 18 - N. 50-1,20 Riforma del lavoro la Camusso frena sull intesa: «Presto per dirlo» Oggi riprendono gli incontri tra Governo e parti sociali Decollo ter e Money Narcotraf fico fascicoli uniti e indagini chiuse TERESA ALOI a pagina 10 Sombrero Sostegni IL SINDACO Alemanno scende in campo a sostegno del presidente della Calabria. E mette sul tavolo tutto il peso della sua credibilità. La colpa - ha argomentato - è della Protezione civile, che gli ha mandato dei tabulati in cui non era precisato il livello di mafiosità delle persone, né la data esatta in cui si erano iscritti alla criminalità organizzata: come faceva dunque Scopelliti a sapere chi non doveva frequentare? Ma questo è solo l'inizio: altri personaggi di grande autorevolezza si apprestano a prendere posizione a favore di Scopelliti. Il prossimo è Schettino. a pagina 5 Direzione: via Rossini 2/A Castrolibero (CS) Telefono Fax (0984) Amministrazione: via Rossini 2, Castrolibero (Cs) Redazione di Reggio: via Cavour, 30 - Tel Fax Poste Italiane spedizione in A.P. - 45% - art. 2 comma 20/B legge 662/96 - DCO/DC-CS/167/2003 Valida dal 07/04/2003 INSERTO SPORT - UN GIORNALE NEL GIORNALE Gregucci non migliora la Reggina Serie D Alla Valle Grecanica il derby salvezza Per l Interpiana è sempre più crisi Promozione Lo scontro diretto al Catona: batte il San Calogero e comincia la fuga La Camusso ieri a Che tempo che fa Eccellenza Sorriso Palmese Crolla la N. Gioiese con il Brancaleone Brindisi Siderno Calcio Sei pagine su Prima Seconda e Terza categoria: i tabellini e tutti i commenti Cristo dei clan la Corte di Conti chiede i danni L acquisto avallato dal ministero dei Beni culturali a pagina 9 Viola, il ricordo di Benvenuti e la bella vittoria su Palestrina Nella città dello Stretto parteciperà alla consegna al Tribunale di un bene confiscato alle cosche Il ministro della Giustizia oggi a Reggio e a Palmi IL MINISTRO della Giustizia sarà oggi a Reggio e a Palmi. Nella città dello Stretto parteciperà alla consegna di un bene confiscato. MICHELE ALBANESE e FRANCESCO TIZIANO a pagina 15 Interviene Italia Nostra Nuovo appello per salvare le Taurensi A. CATANESE a pagina 7 «I soldi della metro alla tratta Lamezia-Cz» La proposta del sindacato Fast-Confsal A. BURDINO a pagina 7 Il suo nome compare in diverse inchieste. Era in affari anche con il sidernese Pannunzi Catturato il broker della coca Giorgio Sale incastrato in Colombia. È il referente della ndrangheta ÈSTATOcatturato abogotàil broker della coca referente della ndrangheta in Colombia. Giorgio Sale, sul quale per anni si è interrogato il procuratore aggiunto della Dda di Reggio, Nicola Gratteri, era in contatto anche con il comandante delleauc Mancuso ed era in affari con il sidernese Pannunzi super broker della droga evasomisteriosamente più di un anno fa da una clinica romana. Il nome del molisano Sale, arrestato per riciclaggio, compare in diverse inchieste insieme al figlio. Il broker ha una catena di attività made in Italy e può vantare amicizie con magistratie politici colombiani. Potrebbe rivelare importanti retroscena sulle organizzazioni criminali. PASQUALE VIOLI a pagina Vittoria a Cesena e risorpasso del Milan sulla Juve Sabato la grande sfida tra le due protagoniste Scoppia la polemica sul gol di Chiellini Beffa Muntari per l Inter Cartellino rosso Pirlo, l ex che può decidere E Allegri riaccende le polveri Sci Gross a n c o ra sul podio nello slalom in Bulgaria SI rassegnino quelliche non tengono né per l una né per l altra: questa è la settimana di Milan-Juve, sabato sera, stadio Meazza. Rosicate pure, interistieromanisti, lazialienapoletanima quella partita sovrasta ogni cosa, è la sfida che vale un pezzetto di scudetto anche se la fine-campionato è ancora lontana. Chi perde, rischia di non riprendersi più e quelle due - Milan e Juve -sono lepadrone assolutedi questo torneo. Sorpassi e controsorpassi. Sabato sera avanti la Juve, ieri sera avanti il Milan. Ad Allegri manca mezza B a s ke t D i t t a t u ra di Siena Presa anche la Coppa Italia Vo l l ey Tr e n t o che rimonta su Macerata La Coppa è sua Finale scudetto Serie A Risultati&Classifica 24ª giornata È morta la sorella di Corrado Alvar o Ultracentenaria lo scrittore le era molto legato VITO TETI a pagina 22 Tre foto e una mimosa Donne di Sanremo e nuove donne calabresi di FRANCO CIMINO MA ce l'aveva o non ce l'aveva? E quella bellezza statuaria, perché si muoveva spaesata sul palco e nulla diceva dietro quel sorriso monotono e inespressivo? Sono le domande che, dalla settimana di Sanremo, sono piovute addosso agli italiani che hanno così potuto accantonare quelle che insistono ormai da mesi sulla magra vita cui saranno condannati, se tutto andrà bene, per almeno un decennio. Domande del tipo: ce la farò ad arrivare a fine mese? Potrò comprare il necessario per i miei figli? E i prestiti contratti con le banche, potrò onorarli? hanno continua a pagina 14

2 6 Primo piano Lotta al crimine Preso il broker della coca Era in contatto con il comandante delle Auc Mancuso e con le cosche di Platì di PASQUALE VIOLI REGGIO CALABRIA - Ar - restato in Colombia Giorgio Sale, l'imprenditore molisano legato ai cartelli internazionali della coca e alle famiglie calabresi. Le autorità colombiane gli hanno messo le manette ai polsi con l'accusa di riciclaggio. Ma chi è Giorgio Sale? E' la domanda che si è fatto per anni il procuratore aggiunto della Dda di Reggio Calabria Nicola Gratteri insieme ad alcuni suoi colleghi della Distrettuale antimafia di Catanzaro, oltre che ai pubblici ministeri di Roma e Campobasso. Il nome di Sale, e quello del figlio Christian, sono comparsi in centinaia di pagine di diverse inchieste, nelle quali emergeva che l'imprenditore molisano aveva contatti con personaggi inseriti nel traffico di droga in Spagna, con i colombiani ma soprattutto con l'asse che portava dritto alla famiglia Trimboli di Platì e al super broker della droga Roberto "Bebè" Pannunzi, evaso misteriosamente più di un anno fa da un clinica romana. E per capire chi è veramente Giorgio Sale bisogna leggere le migliaia di pagine dell'ordinanza scaturita dall'operazione "Galloway-Tiburon" che descrive l'imprenditore molisano come referente in Europa di Salvatore Mancuso, alias "el mono", l'ex comandante, di origini italiane, della guerriglia paramilitare colombiana e uno dei capi indiscussi, fino al 2006, dei cartelli della droga in Colombia. Fu Mancuso stesso, una volta arrestato e estradato negli Stati Uniti, a rivelare la sua collaborazione con la ndrangheta, e il suo coinvolgimento nell operazio - ne "Decollo" che ha portato all arresto di 159 persone. E fu sempre Mancuso a riferire agli investigatori di avere trattato con gli uomini dei clan calabresi per un carico di 8 tonnellate di cocaina arrivate al Porto di Gioia Tauro. In altre parole un vero e proprio "signore della droga" per conto di cui Giorgio Sale reinvestiva i capitaliprovenienti dal traffico di stupefacenti e dagli affari con le cosche. Dalle pagine dell'inchiesta "Galloway-Tiburon" è emerso come Salvatore Mancuso abbia "agito quale promotore, organizzatore, costitutore e finanziatore dell associazione in quanto, come capo supremo dell organizzazione paramilitare Auc, nel territorio colombiano, ha diretto e promosso le attività di produzione e vendita della cocaina, traendone enormi ricavi utilizzati per finanziare l organizzazione terroristica. Sempre dalle carte della Distrettuale antimafia era emerso come invece Giorgio Sale avesse "partecipato all associazio - ne mantenendo i contatti con Mancuso, per conto del quale ha riciclato ingenti somme attraverso le società a lui riconducibili, sia in Italia, sia all estero. Sale, quindi, aveva il compito di reinvestire i sol- LA CURIOSITÀ Il malore al cuore dopo le manette NON lo hanno abbattuto le inchieste della Dda di Reggio Calabria e di Catanzaro, non lo hanno stancato i continui spostamenti tra l'italia e la Colombia, ma dopo alcune ore di interrogatorio con la polizia fiscale colombiana che gli ha messo le manette, Giorgio Sale ha accusato un malore, un forte dolore al petto che ha costretto i giudici a sospendere l'interrogatorio e trasferire l'imprenditore molisano in Ospedale. Niente agevolazioni però per il presunto riciclatore dei soldi del narcotraffico. Dopo sei ore di ricovero in ospedale, è stato dimesso dopo che gli è stato diagnosticato un disturbo cardiaco. A Sale è stata fornita la giusta assistenza e senza troppi complimenti ha dovuto riprendere l'interrogatorio alla fine del quale gli sono stati convalidati gli arresti ed è stato trasferito nel carcere di Bogotà. Per lui non ha funzionato il malore cardiaco per cercare di ritrovare la libertà. REGGIO CALABRIA- «A meuna volta mihanno portato400 milionidentro una cassa, 400 milioni di pesos, dollari. Ce li siamo dovuti mettere addosso in quattro». A parlare intercettato dagli uomini dell' antimafia è Giorgio Sale che racconta ad uno dei figli come gli affari con "el mono" Salvatore Mancuso stiano andando alla grande. Oggi Mancuso, ristretto in carcere, è uno deiprincipali accusatori del governo colombiano e degli uomini che indisturbati gestivano i traffici di droga e definivano le rotte internazionalidellacocaina. Orabisognavedere se, non vedendo la porta d'uscita del carcere, anche Giorgio Sale vogliacollaborare conle forzedell'ordine. Lui che di segreti sui maxi spostamenti dei carichi di stupefacenti tra il Sud America e l'europa ne conosce molti,forse tutti.e'stato coinvoltoin più operazioni e oggi potrebbe dare Il maxi sequestro di cocaina In Colombia è stato incastrato Giorgio Sale È il referente della ndrangheta a Bogotà di di Mancuso, ma aveva contatti diretti, attraverso uomini legati alla criminalità romana, con alcuni esponenti di spicco delle famiglie di 'ndrangheta di Platì che da anni risiedono in Sud America. E secondo alcune indagini degli ultimi anni condotte dalla Distrettuale antimafia in sinergia con le forze dell'ordine e le organizzazioni investigative internazionali sono proprio i figli e i nipoti di alcuni boss della Locride, alcuni dei quali nati e cresciuti in Colombia e in Venezuela, che da insospettabili cittadini Sudamercani hanno fatto e fanno da elastico tra alcuni borker come Giorgio Sale e i suoi figli, e i clan calabresi Ėrano anni che la "Fiscalia" colombiana era alle costole di Sale, che tra Barranquilla, Bogotà e Cartagena ha fondato una catena di enoteche che rappresentano per le città sudamericane dei luoghi di lusso, frequentati da giudici e impresari di mezza Colombia. Per l'agenzia fiscale colombiana la montagna di soldi che Giorgio Sale ha fatto arrivare ed ha investito in Colombia sono in netto contrasto con i suoi redditi dichiarati. I rapporti della "Fiscalia" parlano di riciclaggio e guadagni frutto di traffici illeciti in accordo con la criminalità calabrese e in funzione del narcotraffico internazionale. La sua posizione adesso risulterebbe grave, tanto da indurre il procuratore colombiano e negare gli arresti domiciliari e respingere la richiesta dei legali di libertà su cauzione. Giorgio Sale è stato trasferito al carcere "La Modelo" di Bogotà. L arresto di Giorgio Sale IL PERSONAGGIO Era in affari con il sidernese Pannunzi Ha una catena di attività made in Italy, amicizie con magistrati e politici informazioni utili sui nuovi assetti chesistanno delineandotraicartelli colombiani quelli messicani e i clan della 'ndrangheta. Già perchè mentre in Messico diversi gruppi di narcos provano a prendere il controllo del traffico di droga in Colombia e Venezuela, dove c'è calma apparente, i referenti delle cosche calabresi continuano a chiudere affari milionari. Ma i "Los Zetas" messicani incombono e pretendono una fetta di mercato. Nel 2008 la Dia chiuse le indagini della maxi-operazione Solare, inchiesta parallela a "Reckoning", portata avanti dalla Dea americana, che si concluse ad Atlanta con l arresto di centinaia di narcotrafficanti messicani, italiani e dialtre nazionalità, oltre al sequestro di 47 tonnellate di stupefacenti. Quella volta, mentre mostrava ai mass media la droga, i soldi e persino le armi, la Dea disse che la droga e i soldi confiscati appartenevano al Cartello del Golfo. La svolta che avrebbe consentito ai narcos messicani di imporsi nel mercato mondiale sarebbe la "conquista" criminale del Guatemala. Nel 2008 i "Los Zetas" freddarono Juan José Juancho León, il re della droga in Guatemala, e sostanzialmente ne presero il posto. Senza scrupoli e affidibili per la 'ndrangheta sono diventati interlocutori di primo piano. Nell'inchiesta della Dda di Reggio Calabria "Crimine 3" in cui venne scoperto quello che può assomigliare ad un as - sociazione temporaneadi imprese,le più importanti famiglie di 'ndrangheta dellaionica reggina,insieme a quelle della Piana di Gioia Tauro che grazie all attivismo del loro broker in terra americana, organizzavano l ar - rivo in Italia edin Europa della cocaina, servendosi del nuovo 'cartello' messicano dei 'Los Zetas', una organizzazione criminale strutturata in REGGIO CALABRIA - Soldi sotterrati per pagare i narcos, appuntamenti per lo scambio della cocaina al largo delle coste della provincia di Reggio e gli emissari della 'ndrangheta che contrattano coni broker i prezzi più bassi per l'acquisto della droga. E' in questo contesto che per gli investigatori colombiani e per quellidella DdadiReggio simuovono Giorgio Sale e Salvatore Mancuso. E trabogotà e Medellin idue non hanno problemi di sorta, le imprese di Sale sono a disposizione degli "amici"edegli affaristidellapolvere bianca. Sale ha una catena di attività "Made in Italy", La Vineria, ha amicizie potenti come giudici e politici locali. Un video delle forze dell'ordine colombiane registra un filmato in cui il presidente del Consiglio superiore della magistratura colombiana, José Alfredo Escobar, abbraccia e saluta Sale nei corridoi dell'aeroporto di Bogotà. E poi ci sono le intercettazioni, quelle di Sale con Mancuso e quelle dei faccendieri che tra loro parlano di Sale come uno che grazie all'amiciziacon Mancusopoteva comprare cocaina a soli dollari al chilo, una sorta di prezzo alla fonte, ottenuto nelle fattorie che producono coca nella giungla colombiana. Un business in cui sarebbe stato inserito grazie a quando era dedito al riciclaggio disoldi per conto del super broker Roberto Pannunzi. L'imprenditore oltre a Pannunzi negli ultimi anni avrebbe avutoun altrocontattodirettocon la'ndrangheta, infatti secondo gli investigatori, sarebbe stato in affari con Domenico Trimboli, residente in Colombia e presentatoglidal figlio Cristian che, a sua volta, l'avrebbe conosciuto grazie a un ex componente della banda della Magliana. Insomma un vero e proprio uomo d'affari tanto nel campo della ristorazione quanto in quello della cocaina, Sale trattava semprecon ilmigliore offerente e per lui negli ultimi anni i calabresi erano galline dalle uova d'oro. Insieme a Mancuso avrebbe gestitocarichidi tonnellateetonnellate di droga dai porti Sudamericani verso l'italia, la Spagna e l'olanda, ricettori finali quasi sempre gli uomini della 'ndrangheta. Ora però la "Fiscalia" colombiana ha messo le mani sulsuo impero, troppisoldi da gestire e da giustificare. Mancuso, da anni in cella negli Stati Uniti ha parlatoanche diluiconl'fbi. PerSale si sono aperte le porte del carcere di Bogotà, i calabresi potrebbero avere perso un riferimento importante per l'acquisto della cocaina ṗ.v. Le organizzazioni criminali in affari con i guerriglieri del Golfo. Sale potrebbe rivelare importanti retroscena I nuovi assetti indicano i rapporti con i Los Zetas maniera simile alla 'ndrangheta. Nuovi scenari quindi e nuove alleanze che adesso vedono uno dei protagonisti del narcotraffico come Giorgio Sale fuori gioco. L'imprenditore molisano, più conosciuto in Colombia che in Italia adesso si trova ristretto nelcarcere "La Modelo" dibogotà e non è escluso che possa decidere di collaborare con la giustizia rivelando i segreti degli ultimi anni dello scenario del traffico internazionale di droga dal Sud America a mezza Europa. Perildirettore nazionaledellaprocura, Nestor Novoa ci sarebbero pochi dubbi, l'imprenditore italiano Giorgio Sale e'stato arrestato perchè riciclava il denaro sporco ed era il contatto fra la 'ndrangheta e il gruppo paramilitare ormai smobilitato Unità di Autodifesa della Colombia (Auc) comandato da Salvatore Mancuso. p.v.

3 8 24 ore in Calabria Dopo che l ufficiale ha parlato di una lobby mafiosa il presidente potrebbe acquisire la deposizione Scopelliti chiederà il verbale Per i racconti nel processo Meta Giardina rischia di essere querelato di MICHELE INSERRA REGGIO CALABRIA - Il governatore Giuseppe Scopelliti, attraverso i suoi legali, chiederà l acquisizione della trascrizione del verbale dell udienza di venerdì scorso del processo Meta. In quella circostanza il colonnello dei carabinieri Valerio Giardina aveva parlato di una lobby politica-mafiosa-affaristica di cui avrebbe fatto parte l ex sindaco della città dello Stretto. Ora, però, dopo aver duramente replicato ai racconti in aula dell ex comandante del Ros di Reggio, sia sulla stampa, sia durante l in - contro del Pdl a Vibo Valentia con Gianni Alemanno, sarebbe pronto ad andare oltre. Per il momento manca ancora l ufficialità, ma sembra ormai certo che nelle «Ha reso giudizi con faziosità» IL LOCALE DI ROMA TOLTO AI CLAN Il governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti Crotone. Contro l ipotesi del declassamento De Masi chiede un interpellanza a Li Gotti Consiglio provinciale sull aer oporto di GIACINTO CARVELLI CROTONE - Dopo tante discussioni e una diatriba tra i presidenti del consiglio e della giunta provinciale, rispettivamente Benedetto Proto e Stanislao Zurlo, ed i capigruppo di maggioranza e minoranza dell ente intermedio pitagorico, è stata fissata per domani alle 10 l assise provinciale. Nella seduta, ci sarà un unico punto all ordine del giorno: l ipotesi di declassamento dello scalo crotonese (insieme a quello di Reggio Calabria) ad aeroporto complementare. La diatriba tra i presidenti ed i capigruppo era sortasulla tempisticadelconsiglio: Zurlo9 e Proto volevano fissarlo subto, mentre dai gruppi consiliari era sorta l esigenza di portare il punto in discussione nell apposita commissione e la ricerca di una maggiore condivisione possibilecon irappresentanti istituzionali interessati, ad ogni livello. Superato questo inghippo, L aeroporto Pitagora di Crotone è stato lo stesso proto ad annunciare la seduta. «Durante l assise scrive Proto verrà approvato un documento redatto dalla Commissione consiliare permanente e dalla conferenza dei capigruppo. In questo documento si chiede alla Regione di confermare nel piano aeroportuale regionale, l'aerostazione crotonese come priorità. Nello stesso, si evidenzia come lo scalo di Crotone siaindispensabile ecome risponda al diritto di mobilità dei cittadini di una estesa area prossime ore Scopelliti potrebbe decidere di chiedere l acquisizione della trascrizione di venerdì per poi valutare la possibilità di querelare il colonnello dell Ar - ma Valerio Giardina Ṡecondo quanto ha sottolineato il governatore il quadro descritto in aula non corrisponderebbe a verità e sarebbe gravemente lesivo della sua immagine. Per il politico, infatti, Giardina «non si è limitato ad illustrare le risultanze dell attivi - tà di indagine svolta, ma ha spacciato per tali delle, per come da lui stesso definite, deduzioni investigative del suo ufficio» e non si è pertanto limitato «alla lettura oggettiva dei fatti, ma dando giudizi di natura politica che ne hanno reso evidente la sua faziosità». Una faccenda delicata che potrebbe a questo punto registrare l ennesimo colpo di scena. E pertanto non è escluso che lo scontro a distanza potrebbe finire anche in un aula di tribunale. Le prossime ore si preannunciano calde. E intanto venerdì prossimo è attesa l ennesima udienza del processo Meta e in aula sarà presente ancora il colonnello Giardina. Dopo Maurizio Gasparri, Jole Santelli e Pino Galati al fianco del Governatore si è schierato anche Michele Traversa, parlamentare del Pdl ed ex sindaco di Catanzaro. «Piena solidarietà al presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti per gli attacchi subiti in questi giorni da chi, evidentemente, ha interesse ad ostacolare l importante azione di cambiamento messa in atto dal Governatore - ha scritto in una nota il politico del centrodestra - La storia personale e politica di Scopelliti non lasciano spazio ad ombre, così come sotto gli occhi di tutti come il suo operato amministrativo sia sempre stato improntato ad un assoluta trasparenza, e ad un azione costante, ferma e determinata contro le organizzazioni criminali». In serata a sostegno del Governatore si è schierato anche un socialista di lungo corso di Reggio Calabria, Giovanni Alvaro. «Esprimo subito, a scanso di equivoci, da vecchio socialista garantista, la mia solidarietà al Governatore Scopelliti - ha spiegato - e mi auguro che possa uscire indenne dalle bufere che si stanno addensando sulla sua persona. Per me, ma anche per ogni garantista, Scopelliti è innocente fino a prova contraria, e non può essere crocifisso per dichiarazioni o testimonianze non sostenute da veri e propri riscontri. E nell esprimere la solidarietà non mi faccio certamente condizionare dalle diverse e divergenti concezioni che con lo stesso abbiamo avuto nel corso di questi anni, in nateria di garantismo, codici etici e lotta alla mafia». L Ente ha sottoscritto con 42 Comuni le convenzioni legate al Piano operativo di interventi Stretta della Regione sui depuratori Il governatore incontrerà nei prossimi giorni i sindaci per fare il punto CATANZARO - Il presidente della Giunra regionale, Giuseppe Scopelliti, sollecita maggiore attenzione sul Piano operativo per la depurazione. E, per voce dell ufficio stampa, interviene sul Piano Operativo di interventi per la depurazione e le reti fognarie, avviato nei mesi passati, per preannunciare un incontro che terrà nei prossimi giorni con tutti i sindaci dei Comuni interessati. Quindi, il Governatore ricorda cheapartiredal mesediagostodello scorso anno la Regione Calabria ha sottoscritto con 42 comuni calabresi delle convenzioni legate al Piano operativo di interventi, in totale 47, sulla depurazione e le reti fognarie, con un impegno di spesa Cafè de Paris resta senza credito LOstorico "Café de Paris", confiscato alla 'ndrangheta, si trova in difficoltà. Infatti il locale di via Veneto, meta preferita non solo della Roma bene, ma anche del clan Alvaro di Sinopoli, trova chiuse le porte del credito. «Così scrive l'espresso finquando il"café de Paris"era nellemani deiboss, le banche erano generose e disponibili, adesso che il locale è stato restituito allo Stato, gli amministratori giudiziari hanno difficoltà a pagare i fornitori. Oltre il danno la beffa. La gestione dei beni confiscati sembra complicarsi ancora di più per «inadeguatezza delle risorse». FERROVIE DELLA CALABRIA ESTRATTO DELL AVVISO DI GARA E indetta Gara G12-01 per l affidamento del servizio di verifica, finalizzata alla validazione della Progettazione Definitiva per appalto integrato, comprensiva del piano di sicurezza, della successiva verifica della Progettazione Esecutiva e delle eventuali Perizie di Varianti, relativo alla realizzazione del Nuovo collegamento metropolitano ferroviario tra la nuova stazione di Catanzaro in località Germaneto e l attuale stazione di Catanzaro Sala e adeguamento a linea metropolitana della rete ferroviaria esistente nella valle della Fiumarella tra Catanzaro Lido e Catanzaro Sala. Si terrà con procedura aperta e verrà aggiudicata secondo il criterio dell offerta più bassa. Le offerte dovranno pervenire entro e non oltre le ore 13:00 del giorno 16/03/2012 all indirizzo specificato nel bando di gara inviato per la pubblicazione sulla GURI il 16/02/2012 e consultabile sul sito Per informazioni: tel , fax , IL DIRETTORE GENERALE Dott. Giuseppe Lo Feudo IL RUP Ing. Alessandro Marcelli complessivo pari a circa 38 milioni di euro. E sottolinea: «Abbiamo sollecitato, in due occasioni, le Amministrazioni comunali interessate, per capire come sono stati utilizzati questi finanziamenti e quindi lo stato di avanzamento dei lavori. Nei prossimi giorni - ha aggiunto il presidente Scopelliti - incontreremo i sindaci, per valutare l'entità degli interventi già effettuati o ancora in corso d'opera, rispetto ad un investimento che per noi diventa importate, per avviare, insieme a loro, un percorso concreto che limiti e risolva il problema del mare sporco». La Regione Calabria, per il tramite del Dipartimento regionale Politiche dell'ambiente e dell'assessorato, ha da tempo avviato un'attenta attività di programmazione straordinaria a regia, che si è poi concretizzata con la definizione del Piano Operativo di interventi, finalizzato prioritariamente a migliorare la qualità e, quindi, la balneabilità delle acque marino-costiere del territorio calabrese. «L'avvio di questo monitoraggio da parte nostra, molto tempo prima dell'arrivo della stagione estiva - ha concluso il presidente della giunta regionale, Giuseppe Scopelliti - manifesta il concreto interesse ad evitare spiacevoli episodi che possano compromettere la qualità del mare calabrese, per responsabilità che non dipendono direttamente dalla Regione». territoriale. Inoltre, si sottolineaquali sianolemotivazioni per le quali, nonostante il previsto riordino del sistema aeroportuale nazionale, possa essere mantenuto attivo». Il documento è stato trasmesso dal presidente Proto al Presidente del Consiglio regionale, Franco Talarico «affinchè venga tenuto in considerazione prosegue lanota nel dibattito sull'importante tema delle infrastrutture che si terràdurante l assise regionale prevista per domani 20 Un depuratore calabrese Febbraio». Intanto, sempre sul tema, da registrare anche l inter - vento del capogruppo dell Idv in consiglioregionale, Emilio De Masi, che sollecita un in - terpellanzaal senatoreligotti da presentare al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti «per sapere se al Ministro risultino corrispondenti al vero le notizie riferite al ridimensionamento del sistema aeroportuale, con riferimento all'ipotizzata chiusura dello scalo crotonese». De Masi, poi, chiede ancorase «nonsi ritenga opportuno incrementare i finanziamenti di supporto all'aerostazione di Crotone, con riferimento al grave deficit infrastrutturale viario e ferroviario che interessa le Regione Calabria e, segnatamente, la sua parte orientale, anche con l'utilizzazione del Fondo per lo sviluppo e la coesione, e quali iniziative il Governo intenda assumere al fine di sostenere le attività produttive, compresa quellaturistica, del versante ionico-calabrese».

4 24 ore Calabria 9 BREVI CROTONE Romeno rapinato delle scarpe UN CITTADINO romeno, I.T., di 37 anni, è stato denunciato in stato di libertà dalla polizia a Crotone per rapina e violenza privata. L uomo ha rubato le scarpe (poi ritrovate), un cellulare non funzionante e 23 euro a un suo connazionale. di PASQUALE VIOLI SIDERNO - La Corte dei Conti chiede i danni al Ministero dei beni culturali per avere pagato 3,2 milioni di euro un Crocefisso ligneo attribuito a Michelangelo del valore stimato di circa 700 mila euro. L'acquisto fu avallato dall'allora Ministro Sandro Bondi. Fin qui nulla di strano se non fosse che secondo uno dei massimi studiosi dello scultore, il gesuita Heinrich Pfeiffer, docente alla Gregoriana, quello acquistato nel 2008 per 3,2 milioni di euro dallo Stato italiano sarebbe solo una copia, un falso, quello autentico sarebbe nella mani di un faccendiere italoamericano a New- York. Ma c'è di più sull'opera originale, quella che sarebbe custodita negli Stati Uniti aveva da tempo messo gli occhi la 'ndrangheta, anzi è dalle carte dell'indagine Maestro condotta dalla Dda di Reggio Calabria e coordinata dal pm Roberto Di Palma che era emerso il fatto che il clan Molè della Piana di Gioia Tauro, attraverso il suo emissario Cosimo Di Virgilio, oggi collaboratore di giustizia, era in fermento per entrare in possesso di quell'opera che faceva parte del patrimonio di una fondazione su cui gli uomini della cosca calabrese avevano deciso di investire. Una storia oscura che vede sullo sfondo un'opera, di cui comunque non è certa la riconducibilità al grande artista Michelangelo, e che intreccia affari di mafia, Vaticano e massoneria. Infatti a parlare del Cristo ligneo fu per un lungo periodo Angelo Boccardelli, erede spirituale del conte Giacomo Maria Ugolini, e uomo a capo della fondazione Ugolini di San Marino nella cui villa si celebravano riti massonici e si stringevano business a cavallo tra politica e alta finanza. Secondo la Dda di Reggio Calabria c'era uno stretto legame tra l'attività degli eredi spirituali di Ugolini, tra cui Angelo Boccardelli, e gli uomini del clan Molè. La quasi certezza arrivò nel 2009 dopo che a Monte Porzio Catone l'albergo Vil - la Vecchia, sede romana della Fondazione Ugolini, si era rivelata essere in realtà di proprietà di Cosimo Di Virgilio, coinvolto negli affari della 'ndrangheta di Gioia Tauro. Tutto fu posto sotto sequestro e tra mobili, quadri, tappeti e oggetti di valore della fondazione pare sia saltato fuori, citato anche nelle intercettazioni, il Cristo, che di fatto non venne mai trovato. Ma dell'opera ci sono tracce ben precise, infatti sempre nel 2009 ALLARME DI COLDIRETTI Frutta e verdura, occhio alle speculazioni «ACQUISTARE frutta e verdura di stagione ai mercati degli agricoltori o direttamente in azienda per evitare di finire nella rete delle speculazioni sui prezzi che in questi giorni, a causa di freddo e collegamenti, si stanno verificando»: è l allarme lanciato da Pietro Molinaro, Coldiretti venne presentato anche ad alcuni alti prelati incaricati dal Vaticano di vagliare la scultura. E' qui che entra in scena Giorgio Hugo Balestrieri, un personaggio dalla doppia cittadinanza italiana e statunitense, uomo legato agli ambienti Cia, a capo del Rotary Club di New York, ed ex Loggia P2 di Licio Gelli. Balestrieri, che era anche il tesoriere della fondazione Ugolini dice di avere con sè negli Stati Uniti l'opera originale. E quello acquistato dallo Stato nel 2008? Potrebbe essere un falso. Il giallo resta fitto di mistero. Potrebbero esserci anche due statue gemelle. «La 'ndrangheta voleva prendersi tutto, ma puntava principalmente al Cristo di Michelangelo di - ce Giorgio Hugo Balestrieri da New York - quando Cosimo Di Virgiglio prese il possesso dell hotel Villa Vecchia chiese di avere anche il Cristo e gli fu risposto che la scultura lignea era stata a suo tempo assicurata per 40 milioni di dollari e che per lasciarla a Villa Vecchia si doveva metterla in sicurezza. In effetti lo stesso Di Virgiglio commentava che la scultura valeva il doppio dell al - bergo». Il massone Giorgio Hugo Balestrieri, attualmente unico ricercato dell'operazione Maestro dagli Stati Uniti, tramite Skype, fa sapere di avere l'originale del "Cristo", quasi a conferma che quello acquistato dal Ministero e per cui la Corte dei Conti ha chiesto un risarcimento sia un falso. Intanto spunta anche una nuova pista, quella seguita nel 2006 dal pm di Potenza Woodckock, che ipotizzò l esistenza di un falso crocifisso di Michelangelo che era stato al centro di un passaggio di 380 mila euro tra un cerimoniere di papa Ratzinger, e il Conte Ugolini, che dopo la morte lasciò tutto in mano al suo segretario Angelo Boccardelli. Solo Balestrieri potrebbe fare luce sul mistero delle statue di Michelangelo. Crotone. L appello lanciato dal capogruppo Pd, Ubaldo Schifino «Esperia Tv, verificare la denuncia degli ex vertici del Corecom» di GIACINTO CARVELLI CROTONE - Tiene ancora banco la polemica del paventato conflitto di interesse nel campo delle comunicazioni della vice presidente della giunta regionale, Antonella Stasi. con l ingresso nel circuito della nuova emittente televisiva Esperia di proprietà del marito. Nella querelle interviene il capogruppo del Pd alla Provincia di Crotone, Ubaldo Schifino, che accusa i dirigenti provinciali del Pdl di «reagire all unisono, in maniera sguaiata e sul piano personale, per attaccare i propri avversari politici che cercano difareluce sullavicendapoco chiara del Corecom, denunciata daiconsiglieri regionali e dai parlamentari del Pd con un interrogazione urgente al Presidente del Consiglio Mario Monti e al Ministro dello sviluppo economico Corrado Passera. In particolare - scrive ancora Schifino - i parlamentari, primo firmatario Dario Franceschini Presidente del Gruppo Pd alla Camera dei deputati,chiedono diverificare quantodenunciato dalla presidente del disciolto Comitato Silvia Gulisanosu presunte graviirregolarità eillegittimità compiute dalla giunta Scopelliti nella nomina dei componenti attuali del Corecom». Il capogruppo alla Provincia del Pd, poi, sottolinea anche come «l interroga - zione chiede al Governo anche di verificare se vi è conflitto d interesse della nuova Espe - ria Tv,proprietaria delmarito della vice presidente della giunta regionale, alfine di non provocare danni agli altri operatori Tv operanti in Calabria, che attendono di utilizzare i contributi pubblici previsti dalla transazione dell analogico al digitale terrestre». In un altro passaggio, poi, Schifino, dopo aver rivolto la solidarietà del gruppo del Pd ai parlamentari Oliverio elaratta eal consigliere regionale Francesco Sulla per gli attacchi subiti per la vicenda, pone l accento sul fatto che «l imprenditoria del resto può e deve operare nel libero mer- Super nonno Giovanni ha spento le candeline CON i suoi 111 anni Giovanni Ligato, residente a Ventimiglia, si conferma ancora una volta l uomo più longevo d Italia. Cinque figliesessanta nipoti, nonno Giovanni ha brindato con un calice di spumante e un pezzo di torta al suo grande record. Presente anche l ex sindaco di Ventimiglia, Gaetano Scullino, che ogni anno, da quando Ligato ha compiuto i suoi 100 anni, festeggia con lui il compleanno. A CATANZARO Edilexpo Calabria, fiera sull edilizia DAL28 aprile al 6 maggio si terrà a Catanzaro, presso il centro commerciale Le Fontane, Edilexpo Calabria, la manifestazione fieristica dedicata all'edilizia, nella sua Prima edizione, promossa da Catanzaro Fiere, con ampi spazi espositivi e un elevato numero di espositori. I clan avevano messo le mani sull opera attribuita a Michelangelo, ma c è il sospetto che sia un falso Giallo sul Cristo della ndrangheta La Corte dei Conti chiede i danni al ministero dei Beni culturali che ha pagato 3,2 milioni Una storia con intrecci di mafia Va t i c a n o e massoneria Il Cristo di Michelangelo Giovanni Ligato con i figli e alcuni nipoti cato solo rispettando le leggi statali e regionali. Francamente - scrive ancora Schifino - le parole in libertà pronunciate da alcuni rappresentati istituzionali del Pdl, quali difensori d ufficio di presunti interessi lesi, dimostrano quanto sia necessario affermare, esoprattutto praticare, trasparenza e comportamenti etici e morali coerenti per chi è chiamato a svolgere una funzione pubblica a tutela, non di qualcuno, ma di tutti». Irrisolta la querelle con il Governo Lsu/Lpu alla Regione Resta il nodo della stabilizzazione di FRANCESCO CIAMPA CATANZARO - Marzo 2011, sentenza della Corte costituzionale: bocciata la norma che trasformava a tempo pieno il lavoro degli ex Lsu/Lsu stabilizzati alla Regione. Febbraio 2012: a quasi un anno dal responso della Consulta i tecnici sono ancora allaricerca diuna soluzione definitiva e in punta di diritto. Nel frattempo, oltre quattrocento impiegati vanno avanti con contratti full-time e stipendio pieno, calcolato su trentasei ore di lavoro anziché sulle ventiquattro del part-time. La vicenda è complessa per sua natura. Perché da un lato sono in campo il rigore del diritto e il valore di una sentenza che fa riferimento alla Carta costituzionale (fonte massimadi tutte le nostre leggi) mentre dall'altro sono in scena la logica della politicae ildisagio sociale di una terra affamata di lavoro. La Corte costituzionale, su ricorso del governo, con sentenza depositata il primo aprile scorso dichiara illegittima la norma (introdotta con legge regionale 8 del 26 febbraio 2010) che prevedeva la trasformazione L assessore Mimmo Tallini I lavoratori continuano a percepire stipendio pieno e non part-time dei contratti part-time in rapporti di lavoro di lavoro a tempo pieno. La norma è stata bocciata per due ragioni. Intanto perché riguardava la disciplina degli orari di lavoro andando così a incidere sulla contrattazione collettiva e dunque sulla materia dell'ordinamento civile cheè dicompetenzaesclusiva dello Stato. In secondo luogo la disposizione invadeva il campo della legislazione statale, la sola che può determinare i principii di coordinamento della finanza pubblica, principii ispirati alcontenimento dellaspesa pubblica e che, spiega la Consulta, sono stati violati dalla norma dedicata agli ex Lsu/Lpu. La decisione dei giudici costituzionali mette da subito in allarme i tecnici e i politici. Come prima risposta alla sentenza gli uffici regionali del settore Personale sospendono i pagamenti delle ore di lavoro aggiuntive. Ma presto si cambia linea: «Con mia lettera, in qualità di assessore al Personale, ho dato disposizione che comunque venisse erogata per intero la retribuzione, corrispondente, fra l'altro, al lavoro espletato» sottolinea il consigliere regionale Mimmo Tallini rispondendo lo scorso ottobre all'interrogazione del collega diopposizione NinoDeGaetano, che a sua volta sollecita unasoluzione da definire in giunta. Le trentasei ore e il relativo stipendiorestano ancora in piedi. E intanto un tavolo tecnico è all'operaper trovare una rimedio. «Sulla scorta del convincimento della legittimità della stabilizzazione - proseguetallini - abbiamo promosso un tavolo tecnico in cui si è deciso di difendere l'attuale posizione degli ex Lsu/Lpu». In pratica, si tratta di capire se ci sono i presupposti per una sanatoria. All'esame atti e ai provvedimenti scaturiti dalla norma bocciata dalla Consulta. In ballo circa quattrocento persone, «lavoratori - spiega una sindacalista - impegnati in funzioni amministrative di supporto e che, facendo parte della categoria B, erano già stati stabilizzati senza bisogno di concorso». Ai piani alti della Regione qualcuno si dice ottimista e difende il passaggio alle trentasei ore: l'unica pec- ca - è il ragionamento - sta in una «norma preelettorale» che ha invaso il campo dello Stato;«bastava unatto amministrativo, ispirato al precedente programma di stabilizzazione a tempo pieno, un piano in linea con il patto di stabilità e concordato con i sindacati». Ma tant'è. La matassaè in mano ai tecnici che, pare, decideranno a breve. Agli esperti il compito di risolvere un problema che tiene sulle spine lavoratori e politici e che vede in campo anche il comitato di consulenzagiuridica dellagiuntaregionale. Sotto la lente - avvertono dalla Regione - ci sono atti non di per sé nulli, ma annullabili. Dunque, avanti tutta con le trentasei ore malgrado i dubbi.

5 10 Calabria 24 ore Riuniti due fascicoli. Tra i reati ipotizzati il riciclaggio dei proventi delle attività illecite Narcotraffico, chiuse le indagini La Procura stringe il cerchio sull inchiesta che coinvolge il Credito sammarinese di TERESA ALOI CATANZARO - A gennaio 2011 con l'operazione denominata Decollo ter gli inquirenti ipotizzavano l'esistenza di un traffico internazionale di cocaina tra Venezuela, Spagna,Colombia. Destinazione finale la Calabria. Una prosecuzione di una indagine nata qualche anno prima, nel 2004 che aveva già portato all' arresto e alla condanna di diversi narcotrafficanti. Poi, siamo a luglio scorso, gli arresti eseguiti nell'ambito dell'inchiesta Decollo Money dai carabinieri del Ros coordinati dalla Procura distrettuale antimafiadi Catanzarodovel'ipotesi era che esponenti del clan Mancuso di Limbadi avessero puntato ad acquistare il Credito sammarinese - oggi chiuso - attraverso versamenti di denaro provenienti dal narcotraffico. Oggi le indagini sono state riunite in un unicofascicolo enell'avviso di conclusione indagine firmata dai sostituti procuratori Salvatore Curcio e Paolo Petrolo figurano 42 persone, indagate, a vario titolo, delle ipotesi di reato che vanno dall'associazione finalizzata al narcotraffico al riciclaggio. L'obiettivo finale era dunque quello di acquisire tutte le quote del Credito sammarinese con il riciclaggio dei proventi del narcotraffico con la conseguenzadiretta che,con il passare degli anni, l Istitu - to era finito praticamente nellemani della'ndrangheta vibonese. In particolar modo in quelle di persone ritenute vicine alla potente cosca dei Mancuso di Limbadi. Cifre da capogiro, nelle carte infatti si parla di milioni dieuro e vede coinvolte oltre alla Calabria anche l'emilia Romagna, il Lazio, l' Umbria, il Trentino Alto Adige. Su tutti il presidente e il direttore generale della Banca, rispettivamente Lucio Amati e Valter Vendemini, oltre a un membro del collegio dei sindaci e un funzionario del Credito Sammarinese. Tutti, secondo l'accusa, perfettamente consapevoli sia di avere di fronte esponenti della criminalità organizzata sia della provenienza del denaro. Perché in momenti di crisi - e il Credito Sammarinese non ne era estraneo - i soldi delle cosche potevano rappresentare la salvezza. A finire nella rete degli investigatori a luglio 2011 oltre ad Amati, e Vendemini, Luca Raffaello Bressi, 35 anni, di Catanzaro; Giorgio Galiano, 36 anni di Vibo Valentia; Domenico Lubiana, 55 anni di Nicotera, designato dalla Cgil, nel gennaio 2009, come componente del comitato provinciale Inps; il fratello Salvatore Lubiana, 58 anni, anch'egli del centro costiero del Vibonese; Domenico Macrì, 65 anni, sempre di Nicotera; Barbara Gabba, 46 anni, di Trento ma residente a Roma. I recenti approfondimenti delle indagini sul fronte patrimoniale avevano consentito di ricostruire il complesso circuito del riciclaggio e delreimpiego dei narcoproventi utilizzato dal sodalizio, individuando altresì, in stretta collaborazione con le autorità della Repubblica di SanMarino iconsistentirapporti bancari intrattenuti con l'istituto di credito. Accertamenti che portarono gli inquirenti a recuperare 1,3 milioni, contenuti in unavaligetta chel'esponente dei Mancuso consegnò a Bologna al direttore del Credito Il Credito sammarinese e che rappresentavano la prima tranche dei 15 milioni che la 'ndrangheta, secondo gli investigatori, avrebbevoluto riciclare e reinvestire attraverso l'istituto bancario. Fondamentale per l'indagine è stata la collaborazione delle autoritàdella Repubblica di San Marino che il 7 luglio scorso, pochi giorni prima degli arresti, avevano disposto il commissariamento dell'istituto di credito ed arrestato il direttore. Le verifiche successive condotte dal commissario della legge del tribunale di San Marino Rita Vannucci, avevano, infine consentito di accertare le responsabilità degli altri funzionari della banca e il loro ruolo nelle operazioni di riciclaggio. Le 42 persone indagate Nestor Amouzou (cl.'69) di Ahotissa (Benin-Africa); Maria Pia Barbieri (cl. '84) di Vibo Valentia; Martin Gerardo Carballo (cl. '52) di Irun (Guipuzcoa); Ernesto Edgar Castillo Rico (cl.'53) alias Ramiro di Saisama Cundanimarca (Colombia); Giovanny Castillo Rico (cl. '56) di Mesa (Colombia); Giuseppe Ceravolo (cl. '80); di Vibo Valentia; Rocco Femia (cl. '66) di Gioiosa Jonica; Nicola Lucà (cl. '77) di Marina di Gioiosa Jonica; Orlando Lucà ( cl. '62); di Marina di Gioiosa Jonica; Massimo Martigli (cl. '49) alias Domenico, alias Carlo, nato a Capraia e Limite (Firenze) residente in Brasile; Santiago MartinezCarmona (cl.'64)di Irune (Spagna); Angelo Merlini (cl. '50) di Guatire ( Venezuela); Gloria Adriana Osorio Perez (cl. '65) di Cali (Colombia); Francesco Pugliese (cl. '59) di San Calogero; Antonio Manuel Rivera Soler (c. l. '45) di Barcellona; Mauricio Roa Vallarino (cl. '57) di Madrid; Natale Scali (cl. '60) di Gioiosa Jonica; Santo Scipione (cl. '33) di Bianco; Monica Serafini (cl. '60) di Capraia e Limite ( Firenze); Sebastiano Signati (cl. '66) di Bovalino; Renato Marcel Spadei Martinez ('66) alias Felipe di Barranquilla (Colombia); Sandro LeonSpadei Martinez(cl. '63) alias Daniel di Barranquialla (Colombia); Rafael Ivan Zapata Cuadros (cl. '56) alias Rasgao diebejco Antioquia (Colombia); Alba Mercuri (cl. '72) di San Calogero; Annunziato Mercuri (cl. '71) di San Calogero; Giuseppe Mercuri (cl.'77) dicastel San Pietro (Bologna); Giuseppe Barbieri (cl. 84) di San Calogero; Lucio Amati (cl. '41) di Dogana (San Marino); Luca Raffaello Bressi (cl. '76) di Bologna; Renato Cornacchia ( cl. '36) di Rimini; Pietro Daidone (cl. '59) di Ancona; Barbara Gabba (cl. '65) di Roma; Giorgio Galiano (cl. '75) di Vibo Valentia; Domenico Lubiana (cl. '56) di Nicotera; Salvatore Francesco Lubiana (cl. '53) di Nicotera; Domenico Macrì (cl. '46) di Città di Castello; EdoardoMorri (cl.'66) di Dogana (San Marino); Luigi Passeri ('54) di Pescara; Sandro Sapignoli (cl, '64) di Borgo Maggiore (San Marino); Massimiliano Sensi (cl. '72) di San Lazzaro di Savena (Bologna); Valter Vendemini (cl. '55) di Pistoia e Graziella Zemiti (cl. '47) di Abbiategrasso (Milano): Oggi la visita istituzionale del Guardasigilli Il ministro Paola Severino tra Palmi e Reggio Calabria di FRANCESCO TIZIANO REGGIO CALABRIA - Due modi diversi, ma altrettanto significativi, perriaffermare la presenza dello Stato e rinnegare, con forza e convinzione, la tracotanza delle ndrine. A Palmi sarà inaugurata un aula del Palazzo di Giustizia alla memoria del giudice Antonino Scopelliti, il magistrato ucciso della mafia nel1991 alleporte dicampo Calabro, la sua città d ori - gine a metà strada tra Reggio calabria e Villa San Giovanni; a Reggio Calabria un palazzotto confiscato ad uno dei potentati malavitosi per eccellenza della città, il clan Libri, sarà consegnato dall Am - ministrazione comunale al Tribunale di Reggio calabria che lo trasformare nell uffi - cio Deposito corpi di reato. Duemanifestazioni chesaranno vissute alla presenza del ministro della Giustizia, PaolaSeverino, oggiinvisita istituzionale nel capoluogo Paola Severino Un comitato di dipendenti del settore pubblico protestano contro il progetto di legge Agricoltura, dall Arssa no alla riforma Un recente sciopero Arssa di MATTIA GALLO CATANZARO - Lo scorso venerdì, nel pomeriggio, presso un noto Hotel di Lamezia Terme, circa cento lavoratori del settore pubblico dell'arssa, provenienti da tutta la Calabria hanno riempito la sala e dato vita ad un'assemblea durata diverse ore. L'assemblea è stata indetta per fare il punto della situazione dopo lo sciopero del 12 dicembre scorso dei lavoratori del pubblico impiego dell'arssa con il sit in davanti al Dipartimento agricoltura della Regione Calabria in via Molè a Catanzaro, contro il progetto di legge della giunta regionale denominata misure per l'ammodernamento e lo sviluppo dell'agricoltura. Lecritichesono rivolteversolagestione dell'azienda da parte dell'attuale reggino. La presenza del Guardasigilli è particolarmenteattesa ecarica disignificati: l emergenza giustizia nel Reggino è una pratica quotidiana, come la sfida ai clan della ndrangheta. Di tutti questi aspetti si discuterà oggi, in mattinata a Palmi e nel primo pomeriggio a Reggio Calabria. Il cerimoniale di Palmi, con la commemorazione del giudice Scopelliti, prevede una serie di interventi: il presidente del Tribunale Maria Grazia Arena, il procuratore Giuseppe Creazzo, il procuratore generale Salvatore Di Landro, il presidente della Corte d Appello Bruno Finocchiaro, del presidente nazionale dell Anm, Luca Palamara, il segretario generale del Csm Carlo Visconti e di Rosanna Scopelliti, figlia del giudice scomparso, il presidente degli avvocati Francesco Napoli. Chiusura dei lavori con l'intervento del Guardasigilli. Da Palmi alla città di Reggio Calabria:in vialoreto nel popoloso quartiere Sbarre dove lo Stato ha confiscato l immobile alla cosca Libri. Una cerimonia sobria e spedita per poipassare in Prefettura dove il ministro Severino terrà una serie di incontri con i massimi livelli istituzionali, della magistratura delle forze dell ordine di Reggio Calabria. VIBO Tentano un furto ai danni di un anziano con la badante complice IL metodo ingegnato era semplice ma efficace: l ex badante di un pensionato lasciava la porta aperta consentendo così ai complici di entrare nell abita - zione della vittima e arraffare quanto più possibile. Semplice, efficace ma non infallibile, tant è che i tre sono stati arrestati dai carabinieri. Vittima designata un pensionato di Vibo Marina malato datempo, equindi facile preda. I tre avevano, come detto, Pavlina Atanasova messo a punto un piano che, secondo le loro intenzioni, li avrebbe portati a commettere il colpo senza poter essere scoperti giocando sulla fiducia che la donna si era conquistata con l anziano del luogo: e così, mentre Pavlina Atanasova, bulgara del 71, sua ex-badante, andava a trovare l an - ziano per sincerarsi delle sue condizioni di salute, avrebbe provveduto a lasciare aperta il portone d ingres - so in modo da consentire al proprio marito ed al proprio figlio, Atanasov del 65 e Tihomir Tyankov del 91, una volta che il padrone di casa, con una scusa, fosse stato portato in una stanza al primo piano dell abitazione, di sgusciare nell appartamento e mettere a soqquadro le stanze del piano terra dove la donna sapeva che l ita - liano conservava i soldi. governo regionale, e l'obiettivo è quello di scongiurare l'intenzione dell'ente regionaleadavviareun percorsocheportiverso la privatizzazione dell'agenzia. Privatizzazione, che, comporterebbe «il passaggio da uno status giuridico di lavoratori ed una possibile loro regressione sotto tanti profili». Inoltre, in maniera corale viene specificato come si rischi di screditare e non riconoscere le competenze dell'ente pubblico e le professionalità acquisite in circa venti anni, oltre che comprometterele potenzialitàdisviluppoe laricchezza che da esso derivano. C'è unaltro passaggioimportante chei lavoratori mettono in evidenza: secondo loro l'arssa spende per i servizi all'utenza agricola, che sono icompiti d'istituto dell'agenzia, dal 10 al 15 % delle risorse del Atanas Atanasov Atanas Tihomir Tyankov Un piano astuto e studiato con cura tanto che il gruppetto, tra l altro già noto alle forze dell ordine, aveva pensato anche di fare in modo che la donna andasse a trovare l uomo subito dopo pranzo, quando minore era la presenza di persone per strada. A tradirli è stata, però, proprio la porta di casa lasciata, forse distrattamen - te, aperta dai due uomini dopo essersi introdotti nell apparta - mento. Questo particolare, fata- le per tre, non è sfuggito ai segugi dell Arma della stazione di Vibo Marina che in quel momento stavano perlustrando la zona. Gliuomini agli ordini del maresciallo Riccardo Astorina hanno, infatti, notato l anoma - liae sisonoavvicinati con discrezione all apparta - mento sorprendendo padre e figlio ancora a rovistare tra gli oggetti dell anziano dopo aver messo a soqquadro alcune stanze. Per i tre cittadini bulgari sono subito scattate le manette con l accusa di tentato furto in abitazione e, dopo gliatti di rito,sono stati trasferiti agli arresti domiciliari a Vibo Marina in attesa delle decisioni dell au - torità giudiziaria previste con tutta probabilità per la giornata odierna. gl. p. bilancio dell'ente. I lavoratori chiedono alle forze di governo regionale, che cosa si fa con il restante % delle risorse. Si chiede maggiore chiarezza, dunque, a proposito delle intenzionidel governo regionale e della gestione dell'ente. Il comitato dei lavoratori del pubblico impiego dell'arssa, insiemealle funzioni pubbliche di Cgil e Cisl, hanno già chiesto l'audizione alla seconda commissione consiliare presso la quale è depositato il progetto di legge denominato Misure per l'ammodernamento e lo sviluppo dell'agricoltura. L'intenzione da parte dei lavoratori è quella di andare avanti con la mobilitazione «fino a quando la giunta regionale non ritira questa proposta di legge e non accoglie le nostre istanze».

6 14 La Tribuna Sintonizziamoci con l ar monia del messaggio di don Stamile La vicenda di don Ennio Stamile si presta, per molteplici aspetti, ad una serie di considerazioni, tutte meritevoli di essere trattate e dibattute. Contrariamente a quello che molti si aspetterebbero non mi soffermerò sulle vessazioni cui è stato soggetto ( quelle di solito destano attenzione negli amanti della passerella e nei cultori dell apparenza)ma mi occuperò del messaggio che l uomo di chiesa ha inviato ai calabresi in un editoriale sul Quotidiano dell 11 febbraio scorso. Lo faccio convintamente, sperando di far scoccare la scintilla di un fuoco purificatore che aiuti la nostra gente a liberarsi dal giogo dell omertà culturale che non solo l opprime ma la fa diventare nello stesso tempo, oltre che schiava e complice, linfa Tre foto e una mimosa segue dalla prima lasciato spazio a quelle pruriginose che tengono svegli anche di notte. Belen Rodriguez, che in questa Italia è diventata una star senza ancora mostrare una sola qualità artistica, che non fosse la farfalla tatuata, non svela il mistero passato alla storia come quello delle mutandine. E nessuno della Rai ci sa ancora spiegare il mistero che ha portato una giovane modella ceca, bellissima, a calcare il palcoscenico dell'ariston senza un compito per cui valesse il compenso che ha ricevuto. Nel periodo storico in cui, più che in ogni altro, bisognerebbe ripensare agli stili di vita, alle dinamiche sociali e alla stessa etica pubblica e privata, la Rai, cinghia di trasmissione del pensiero dominante, ci ripropone un modello di donna stereotipato. Una donna simbolo di una cultura non soltanto maschile, ma edonistica ed economistica. Donna oggetto del desiderio, che, in maniera intrigante, essa stessa sollecita sui fragili sensi di uomini educati alla medesima logica del consumo, della mercificazione della carne, della sessualità come valore barattabile. E come strumento del potere maschile. Alcuni giorni fa, un giornale della periferia di quell'europa che ancora non c'è, lancia inveceuna nuovafigura femminile. Questo giornale è Il Quotidiano, che, attraverso il suo instancabile e coraggioso direttore, parla di Maria Concetta e Lea e Giuseppina, tre donne vittime della 'ndrangheta, le prime due morendo e l'altra temendo e fuggendo. Matteo Cosenza, l'uomo dei quarantamila della manifestazione di Reggio Calabria, è anche persona assai sensibile, e questo sicuramente ha contribuito a portare il suo sguardo sulla tragica storia di queste tre donne calabresi. Il modo tenero con cui ne ha parlato e la delicatezza del suo scritto lo dimostrano. Dal palcoscenico di Sanremo s'è levata presuntuosamente la voce di un moderno profeta che, invece di parlare della donna e dell'uso volgare che tutti ne fanno, ci impapina con una serie di ovvietà tanto ovvie da rendere banale la stessa dinamica di pensiero che MARIO MUZZÌ* L iniziativa lanciata dal Quotidiano per l 8 marzo Una festa per tre donne speciali CONTINUANO ad arrivare in redazione adesioni, interventi e riflessioni sulla proposta lanciata dal direttoredel Quotidiano Matteo Cosenza in un suo editoriale: dedicare la giornata dell 8 marzo a Maria Concetta Cacciola, Lea Garofalo e Giuseppina Pesce, tre donne calabresi speciali per il coraggio dimostrato nell andare contro Dal palco la voce del moder no pr ofeta che nulla dice vitale della ndrangheta. Ho avuto la fortuna di conoscere don Ennio in occasione della presentazione di un suo libro che trattava di evangelizzazione in Calabria. Un buon libro che ti fa riflettere ed un ottima impressione dell uomo e del sacerdote che non fa mistero della sua consapevolezza sulla condizione di arretratezza sociale in cui versa il popolo calabrese e sulle cause che l hanno determinata, e tuttavia non demorde dal suo profondo convincimento che un progetto di riscatto della sua terra non è solamente fattibile ma anche realizzabile. In seguito le attenzioni particolari nei suoi confronti che, pur nella chiarezza esplicita del loro significato ( i fatti si sono verificati sempre di pomeriggio), non lo fanno arretrare ed anzi lo stimolano fino a fargli gridare che non si sente un eroe e che la Calabria non ha bisogno di eroi! Come dire che avrebbe bisogno di tanta normalità! Di quella normalità sana che dovrebbe spingere ognuno di noi al compimento del nostro dovere e che fa di un giornale la tribuna per un messaggio forte e ricco di significato come quello che, dalle pagine del Quotidiano, che mi auguro abbiano letto in tanti, don Ennio ci ha trasmesso con l editoriale L impe - gno di tutti a trarre dal male il bene. Come definirlo non saprei. Coraggioso, temerario, velleitario: di certo pregno di quella giusta dose di sensibilità che ti fa provare quelle emozioni, senza le quali non è facile dispiegare alcun impegno in favore degli altri. E solo quel Dio che sa trarre il bene anche dal male che noi compiamo sa di quale e quanto impegno per tutelare gli interessi degli altri abbia bisogno la Calabria per invertire il suo cammino di rassegnazione al degrado e al sottosviluppo. Naturalmente l auspicio è che il messaggio sia pervenuto, per essere recepito dai loro cuori più che dalle loro menti distorte dalla cultura dell apparte - nenza fideistica, soprattutto a coloro che ricoprono le più alte cariche istituzionali regionali (Scopelliti e Talarico in primis) e all intera classe politica calabrese, altrimenti le considerazioni di don Ennio sulla pericolosità sociale di quan- Don Ennio Stamile ti operano con la logica di appartenenza, delle raccomandazioni da richiedere al potente di turno, delle collusioni, del rifiuto della legalità, dell omertà, delle omissioni, del riciclaggio del denaro sporco, dello sfruttamento delle risorse ambientali, dello scarso interesse per il bene comune ecc. Le donne di Sanremo e le nuove donne calabresi le sforna. Come cornetti offerti a giovani affamati all'alba delle sterili notti d'estate che non vogliono mai finire. Celentano, il predicatore, che, non so se c'è o ci fa, si sente davvero il profeta messianico, si comporta come quegli stessi preti che egli condanna. Ci parla di Dio, del Paradiso, e della vita immortale che ci attende. Nulla ci dice, neppure con le sue canzoni scritte da altri, della sofferenza degli uomini e delle donne, dello sfruttamento delle loro esistenze e della vita dei poveri che sempre di più somiglia ad un calvario. A Sanremo dunque volgarità e stupidità si sono date la mano. Dall'altra parte dello stivale, Matteo Cosenza e Il Quotidiano, ancora una volta invece ci danno una lezione. Anzi, più lezioni in una. Di giornalismo, innanzitutto. Lo strumento cioè della democrazia che, in più parti del mondo, viene utilizzato contro la democrazia, quando non dice le cose, nasconde le notizie, e queste piega agli interessi dei poteri che contano. Egli ancora una volta non ci dice cosa dobbiamo fare della nostra vita. Ci porta invece a guardare con i suoi occhi di meridionale napoletano la realtà. A guardare oltre. Oltre il muro. Oltre quel che appare. Oltre la nostra consapevole e, perciò colpevole, ignoranza. Oltre la nostra pigrizia, specialmente quando essa si fa paura. Paura di noi stessi, della nostra capacità di ribellione, del nostro amore per la vita. Vita, che è quella degli altri, non la nostra. E amore per gli altri, non per noi stessi. Per la Calabria, quindi: per difenderla con le unghie e con i denti. Il suo ultimo editoriale, che sembra un parlare piano alle coscienze di tutti, ci porta una notizia. E ce la fa vedere plasticamente sopra l'inchiostro di assumerebbero l aspetto dell en - nesima espressione di testimonianza destinata ad arricchire la letteratura sulle disgrazie della Calabria! In fin dei conti don Stamile non ci chiede e non pretende più di tanto! Vorrebbe semplicemente che ognuno di noi rifuggisse dai comportamenti tipici che richiamano alla cosiddetta zona grigia che tutto ammanta e tutto giustifica col pretesto di pensare al bene comune mentre in realtà è sempre pronta a privilegiare l interesse familistico di determinati gruppi o di specifici settori. Tentare di sintonizzarsi con l armonia del suo richiamo forse non sarebbe sufficiente a dare un contributo perché la Calabria diventasse migliore di come l abbiamo trovata, ma almeno servirà a liberarsi dal senso di colpa di una collusione morale che bene o male perseguita tutti da tempo! * Pd Calabria gli ambienti di ndrangheta, i loro ambienti di provenienza. Un coraggio pagato a caro prezzo, in due casi (Maria Concetta Cacciola e Lea Garofalo) con la vita. Tutti gli interventi e le adesioni pubblicati fino ad oggi sono online sul sito del Quotidiano della Calabria, all indirizzo Giuseppina Pesce Maria Concetta Cacciola Lea Garofalo parole stampate, che anneriscono le dita. La notizia è tre nomi di donna, che qualcuno aveva già letto da qualche parte. La notizia si fa clamorosa quando egli li fa diventare, quei nomi, una sola donna. La donna calabrese, che in un campo per lungo tempo inavvicinabile (la famiglia 'ndranghetista), ha inferto un colpo mortale all'immagine antropologica che sopravvive alla modernità. Quella della donna sottomessa al potere dell'uomo, di cui, nel silenzio e nell'obbedienza, resta moglie, amante, madre di figli a cui trasmettere il carattere genetico della famiglia d'onore, affinché in un domani ravvicinato essi stessi possano riceverne l'eredità criminale e culturale. Con la quale sottomettere altre donne, e formare, nei figli, altri 'ndranghetisti. E' qui, in questa forza antropologica più che nelle imprese criminali devastanti, che si rafforza l'invincibilità della mafia nostrana, divenuta anche per questo l'organizzazione criminale più forte e più temuta del mondo. L'articolo di Cosenza rappresenta in qualche modo, a poche settimane dalla scomparsa, l'omaggio sincero a un'altra donna, che qui in Calabria, è scesa per liberare il suo giovane figlio, Cesare, sequestrato dai nostri galantuomini, che amano i propri figli e odiano quelli degli altri. Ricordate la lunga processione della signora Angela Casella lungo le strade e i vicoli dei piccoli paesi del reggino, e il suo bussare alle porte delle case? Ricordate il suo appello in una lingua italiana stranamente incerta? Si rivolgeva alle donne della 'ndrangheta, mogli, sorelle, madri e figlie degli 'ndranghetisti. Le invitava a ribellarsi ai loro uomini e a lottare contro la violenza. E di più, a farsi educatrici, operatrici di Una lezione di giornalismo che è strumento di democrazia riconversione al bene della volontà criminale. Giuseppina, Maria Concetta e le altre sono le nuove donne che dalla Calabria del male lottano per l'affermazione del bene. Sono, insieme, la nuova donna che darà forza a quell'altra donna di nome Paola, che vive sotto il terrore di essere uccisa per essersi, in chissà quale parte della nostra regione, ribellata al suo destino di schiava dell'odio e della violenza. Rinunciando consapevolmente alla loro vita (Lea andando coraggiosamente incontro ai suoi carnefici, non per ingenuità ma per liberare il cammino della figlia allora adolescente; Maria Concetta, procurandosela da sola, per evitare che la infliggessero ad uno solo dei suoi figli e Giuseppina, che ancora spera di salvare se stessa e le sue creature) hanno compiuto il più grande atto d'amore Ḋa questa nuova donna nascerà (questa èl'altra notizia rivoluzionaria) la Calabria della pace e della libertà. Della bellezza e dell'eguaglianza tra gli uomini, liberatisi dal male. Che non è, giova ripeterlo, soltanto espresso, come taluni vogliono ancora far credere, dalla mafia tout court, ma da ogni forma di potere esercitato in violazione delle regole, contro la vita e la libertà delle persone. E per il misero proprio tornaconto personale o dei gruppi ristretti che lo portano sul mercato, dove si arricchiscono. Giuseppina, Lea e Maria Concetta hanno avuto bisogno di giudici intelligenti e sensibili che le ascoltassero, e qualcuno l'hanno trovato, anche se non è bastato a salvarle. La nuova donna che è in loro, e da loro promana, ha bisogno di altre donne che non facciano più domande, ma una soltanto la pongano a loro stesse: cosa e quando potrò fare qualcosa per la vita, oltre a darla dal mio grembo? Antonella Dodaro con uno scritto intenso di umanità e ragione, ha già dato una prima risposta. Anche scrivendo. Se altre donne facessero egual cosa, domani mattina, già un altro mondo scorgeremmo con gli occhi di lacrime e paura e speranza di Lea, Maria Concetta e Giuseppina. Franco Cimino

7 di FRANCESCA MEDURI SCILLA - Il clima si fa sempre più caldo nella cittadina della Costa Viola, colpita dall ennesimo fatto di fuoco. E la Scilla perbene torna ad esprimere rabbia e indignazione per un esca - lation criminale che proprio non ne vuol sapere di fermarsi. L ultimo episodio si è verificato nella notte tra sabato e domenica. Attorno alle ore 1,30 un incendio ha distrutto il furgone-chiosco ambulante, adibito alle attività di bar e rosticceria, di proprietà di R.C.. Il mezzo, che al momento in cui si è sviluppato il rogo si trovava posteggiato vicino alla stazione ferroviaria, nel periodo estivo era solitamente parcheggiato nella zona del porto. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Villa San Giovanni, che hanno immediatamente provveduto a domare le fiamme, e alcuni uomini del Commissariato di Polizia della stessa città che si affaccia sullo Stretto di Messina, guidati dal vice questore aggiunto Gregorio Marchese. Ancora da accertare le cause che hanno originato il rogo, anche se la pista dolosa sembra certamente quella più attendibile. Insomma l ennesima intimidazione nei confronti di attività economiche locali. Nei giorni scorsi, giusto per citare i fatti più gravi, i soliti ignoti erano entrati in azione sparando colpi di arma da fuoco contro le saracinesche di un bar e di un agenzia pubblicitaria. Ugualmente chiaro è il messaggio lasciato, in sei buste di colore giallo, ad al- Pasquale Caratozzolo 19 Nella notte un incendio distrugge il furgone-chiosco ambulante adibito a bar e rosticceria Scilla nel mirino, ancora fuoco L allarme di Libera: «Questo è un paese di ndrangheta. Si faccia qualcosa» cuni amministratori cittadini. Per il sindaco Pasquale Caratozzolo, gli assessori Domenico Mollica, Giuseppe Bova, Santo Perina e Loredana De Lorenzo e il consigliere Antonio Santacroce (i quali hanno ricevuto visite e messaggi di solidarietà da alcuni amministratori dell area dello Stretto) lo schizzo di una doppietta con l avvertimento a farsi da parte prima che sia troppo tardi, prima chi vi bruciamu peggiu ri macchini. La quiete della comunità scillese continua dunque ad essere minata, il paese pare non avere pace. Dopo qualche breve periodo di calma apparente, la mano criminale riprende Provincia - Grecanica e Tirrenica REDAZIONE: via Cavour, Reggio Calabria - Tel Fax ad agire. Non risparmiando nessuno. Roghi, spari, bombe e missive di minacce senza guardare in faccia nessuno, operatori economici, rappresentanti delle istituzioni, professionisti e semplici cittadini. La parte sana di Scilla tenta quindi di reagire, cosciente del fatto di averci provato più volte e di non essere stata ascoltata. «Scilla è un paese di ndrangheta. Sono due anni che noi di Libera cerchiamo una risposta forte e concreta da parte delle istituzioni e delle forze dell ordi - ne. La Scilla onesta merita una risposta, una reazione incisiva!», uno dei commenti sulla pagina Facebook di Libera Scilla. Zappia: «Caratozzolo continui nella direzione del cambiamento» Amministratori scillesi intimiditi il sindaco di Bagnara solidale di FRANCESCO IERMITO Gli allievi delle scuole Primaria e dell Infanzia aprono il Carnevale melitese I bimbi sfilano in maschera In allegria tra pinguini, miti greci e capitan Uncino di ENZA CAVALLARO MELITO PORTO SALVO - E cominciato alla grandeil carnevale di Melito Porto Salvo 2012 con la sfilata dei bambini delle scuole dell infanzia e primaria. Nel plesso centrale "Megali " sul viale delle Rimembranze, sabato puntualissimi alle 15 sono arrivati anche i bambini delle periferiee dellescuoledell infanzia private e tutti insieme in una straordinaria sfilata per le vie di Melito. Tanta gente per strada ad ammirare la fantasiosa coreografia dei Pin- guini, miti e mitologia dell antica Grecia, Capitan Uncino e altri personaggi a cui è stato dedicato il carnevale. Durante il percorso due sosteper ballisul corsogaribaldi e sulla via Tenente Minicuci. Un pomeriggioche bambini e genitori ricorderanno a lungo. Il corteo si è poi fermato nello spazio antistante il mercato coperto. Qui gli alunni si sono esibiti in balli, bans e quant altro. Una grande festa in maschera organizzata dal circolo didattico Mega- Cesare Zappia La sfilata dei bambini delle scuole dell Infanzia e Primaria lungo le vie di Melito li, diretto da Concetta Sinicropi, con il contributo dell'amministrazione comunaleedelle associazionicheoperano nella cittadina ionica. In questo periododi crisi la sesta edizione del Carnevale a Melito è stata meno sfarzosa degli altri anni, infatti non sonostati costruitiimaestosi carri degli anni precedenti ma si è cercato di programmare una festa dei bambini e per bambini. Il Carnevale si sa che da sempre è la festa dei bambini, macoinvolge anche gli adulti. Anzi, si può ben dire che la festa ha coinvolto tanti adulti facendoli ritornare bambini, allegri e spensierati. I genitori degli alunni del circolo didattico Megali si sono messi all opera per prepararemaschere evestitini con entusiasmo, creatività e voglia di fare, sempre disposti ad impiegare il loro tempo libero per realizzare costumi sempre più belli per far sì che ogni anno la manifestazione diventi più bella, ricca ed originale. Questa manifestazione che colora di tinte briose e di fantasia la cittadina durante la sfilata delle mascherine, è diventata un appuntamento tradizionale che rinnova unafesta,il desideriodistare insieme in allegria e spensieratezza e nello stesso tempo è un occasione di riscoperta culturale e folkloristica. Quello che resta del chiosco furgone incendiato alla stazione di Scilla BAGNARA Il primo cittadino Cesare Zappia ha manifestato vicinanza e solidarietà al sindaco di Scilla, Pasquale Caratozzolo in seguito alle lettere intimidatorie indirizzate all Amministrazio - ne comunale scillese. «Esprimo solidarietà e vicinanza - ha esordito Zappia- alcollega PasqualeCaratozzolo ed al suo esecutivo per il vile atto minatoriosubito inquesti giorni.chi amministra la cosa pubblica è sempre in prima linea pronto a difendere il proprio territorio e soprattutto i cittadini di cui un amministratore si sente responsabile. Questi gesti offendono profondamente chi quotidianamente si impegna a servizio del bene comune ed umanamente feriscono creando sconcerto». «Purtroppo continua Zappia sono in aumento, nella nostra provincia, i rappresentanti istituzionaliche vengono presi di mira per la loro attività amministrativa. Pochigiorni fa,per esempio, un altro grave attentato subito dal sindaco di Taurianova. Invito quindi l'amico Pasquale Caratozzolo a continuare sul solco da lui tracciato, nella direzione del cambiamento». Ed ancora: «La nostra azione quotidiana improntata sul rispetto della legalità si scontra tristemente con una realtà che la infanga ed umilia». Giocolieri mangiafuoco e trampolieri a Bagnara BAGNARA Tutto pronto per il carnevale della Costa Viola. Martedì alle 15, infatti, partirà il gran corteo che sfilerà per le vie principali della cittadina. La carovana carnevalesca, sarà aperta dalle majorette, dai giocolieri, trampolieri, mangiafuoco, artisti di strada, gruppi mascherati e carri allegorici. Si partirà dal rione Marinella per poi proseguire lungo tutto il Viale Turati, lungo il corso Vittorio Emanuele e approdare in Piazza Municipio. Qui si procederà alla premiazionedelle migliori mascherine e del miglior deejay dell anno. La manifestazione è organizzata dal consorzio delle Pro Loco al quale fanno parte anche i sodalizi di Palmi e Scilla, con la collaborazione dell As - sociazione Alba di Ceramida e Radio BagnaraWeb, sottoil patrocinio dell amministra - zione provinciale di Reggio Calabria e dell ente comunale di Bagnara. Insomma, grandi e piccini si preparano a festeggiare il giorno più pazzo dell anno con entusiasmanti mascherine e costumi. f.i. Appello al prefetto «Si riapra lo svincolo di S. Trada» Bruno Ienco BAGNARA Nuova lettera al prefetto da parte del presidente della Pro Loco di Bagnara, Bruno Ienco, in merito alla chiusura dello svincolo autostradale di Scilla. Il rappresentante del sodalizio ha contattato Varratta per evidenziare «i danni economici recati a titolari di attività commerciali, di ristorazione, di alberghi, di pubblici esercizi, di attività alimentare a causa del venir meno di visitatori dei paesi reggini». Per limitare i danni, Ienco chiede a Varratta di «prendere in considerazionela possibilitàdiaprire al traffico veicolare l uscita di SantaTrada, affinché si eviti di percorrere la città di Villa San Giovanni e si accorcino i tempi diarrivo nellacittadina del basso Tirreno». Quello di Ienco è un vero e proprio sollecito a non distogliere l attenzione sul caso svincolo. Nonostante tutto, bisogna segnalare che proprio ieri, intorno alle 120, nel bivio di Scilla della Statale 18, in occasione del termine della santa messa presso la chiesa di Maria SS. Immacolata, il traffico è stato congestionato per ben 15 minuti creando confusione. Insomma, è evidente che necessita una particolare attenzione da parte delle autorità competenti locali. f.i.

8 di FEDERICA LEGATO TAURIANOVA - «Sono 370 giorni che mio figlio manca da casa» inizia così, Fiorella, la madre di Tony, il suo breve intervento, per ringraziare, con commozione, tutti coloro che hanno sostenuto la sua famiglia, sconvolta dalla grave perdita, e che ad un anno di distanza, dalla scomparsa di suo figlio, si sono adoperati per ricordarlo. «Taurianova ancora ricorda Tony» ogni giorno, frequentando il bar Las Vegas, e ciò rende «onorata e orgogliosa» una madre che contrappone al«silenzio dellasua casa», l impegno quotidiano di portare avanti insieme al marito Pino e all altro figlio Giosuè l attività che, con immani sacrifici, Tony aveva messo in piedi. Quel bar che continua ad essere frequentato dai giovani taurianovesi, ancora increduli di aprire la porta e non trovare dietro al bancone Tony, con il suo sorriso e i suoi modi gentili, con la sua voglia di scherzare e la sua serietà sul lavoro. Un lavoro che aveva sognato e che, dopo una permanenza al Nord Italia, era riuscito a concretizzare, proprio nel paese natio, a Taurianova. A soli 27 anni, infatti, Tony, con il sostegno della sua famiglia, pezzo dopo pezzo, aveva messo in piedi il suo bar, l aveva letteralmente costruito con le sue mani, investendo in esso tutte le sue capacità e la voglia di cambiare il suo paese, di dare ai suoi coetanei un punto dove ritrovarsi, in un territorio che offre pochi spazi ai giovani dove socializzare. Sulla centralissima via XXIV Maggio, Tony aveva finalmente posto le basi per vivere il suo presente e costruire il suo futuro, con responsabilità e con coraggio. Perché per investire suun territorio, per molti versi difficile, ci vuo- Piana 21 Ufficio di Corrispondenza: Piazzetta 21 Marzo, Polistena Tel/Fax A un anno dalla scomparsa parla la madre del giovane barman ucciso per un banale diverbio Taurianova non dimentica Tony Genitori e fratello hanno scelto di tenere aperto il locale dove ha perso la vita Madre e fratello di Tony Battaglia A Palmi l avvio della tradizionale kermesse con una gara sportiva dei giovani Sfida di calcio apre il Carnevale Calciatori in maschera e raccolta fondi. Domenica prossima il clou di GIUSEPPE BOVA PALMI Sabato scorso è iniziato ufficialmente il Carnevale Palmese organizzato dalla Pro Loco della città. Il fischio d inizio è stato dato proprio grazie ad un incontro sportivo: il I Trofeo di Carnevale, una partita di calcio in maschera, giocatasi al campo sportivo Lo Presti di Palmi. I ragazzi che hanno giocato fanno parte della Società Palmicampus, affiliata alla Fiorentina, dirette rispettivamente dai tecnici Pino Tripodi, una delle più grandi glorie della Palmese degli anni d oro, e Salvatore Surace, tecnico affermato in campo regionale dilettantistico. A contendersi la vittoria sono state le squadre di Arlecchino e Pulcinella, giocando in maschera. Alla gara hanno assistito circa mille ragazzi delle scuole cittadine contribuendo così fattivamente alla raccolta fondi lanciata dalla Pro Loco per poter organizzare l Ottava di Carnavale 2012 che si svolgerà la prossima domenica, con la grande sfilata di carri allegorici, gruppi mascherati, maschere singole e scuole, come da tradizione. La replica del presidente della Comunità montana «Altro che dimissioni attendo le scuse da Gentile» di SIMONA GERACE CINQUEFRONDI - «Rigetto l idea delle dimissioni dall inca - rico di presidente della Comunità Montana Versante Tirre- nico-settentrionale, ed anzi, chiedo al segretario della funzione pubblica Cgil di rimediare a questa figuraccia con delle scuse formali». Questa la risposta a caldo del presidente della Comunità Montana di Cinquefrondi, Rosario Galluccio, al Galluccio a muso duro: «Il segretario della Cgil è apparso poco informato» segretario Cgil, Giuseppe Gentile, dopo la querelle in merito al mancato pagamento, da circa 8 mesi, degli stipendi dei dipendenti e la successiva richiesta delle dimissioni. L attacco della Cgil, tuttavia, non è stato accolto di buon grado dal presidente Galluccio, il quale ieri mattina, in un comunicato stampa, ha espresso tutto il suo disappunto nei confronti di «un sindacato probabilmente poco informato delle attività dell ente montano cinquefrondese. Gentile infatti ha precisato l attuale presidente della Cm avrebbe potuto benissimo chiedere spiegazioni, sia formali sia informali, ed io avrei tranquillamente risposto. Le stesse informazioni, peraltro, avrebbero potuto fornirgliele anche i suoi iscritti, pochi a dire il vero, che al pari di tutti i dipendenti della stessa Comunità Montana, erano stati informati delle attività svolte. Avrebbe così saputo che in realtà il trasferimento dei fondi per utilizzi diversi da quelli prefissati, non è una cosa del tutto lecita, e sarebbe stato anche informato del fatto che a dicembre scorso abbiamo chiesto in banca un anti - cipazione di cassa per poter retribuire almeno due mensilità di stipendi arretrati, ma non ci è stata concessa. Ciò testimonia che non siamo rimasti con le mani in mano». Queste le parole di Galluccio, il quale ha inteso rispondere in modo del tutto personale, e non a nome della giunta, per raccontare a la sua versione dei fatti e informare che «l attacco di Gentile, è arrivato dopo l invio di una missiva, lo scorso venerdì, firmata da due dipendenti, in cui veniva intimato di provvedere al pagamento degli stipendi entro cinque giorni». Una richiesta per ora inaccettabile, secondo Galluccio, anche perché voci ben accreditate, ma non del tutto ufficiali, - ha spiegato - «sembrerebbero sostenere che la Regione Calabria abbia dimezzato gli otto milioni di euro concessi alle Comunità Montane». Quindi dopo aver ammesso di aver lavorato con impegno al pari di tutti gli altri presidenti Rosario Galluccio delle Comunità Montane calabresi, Galluccio ha respinto la richiesta delle dimissioni, ricordando che: «ad influenzare il giudizio sull operato di un presidente e di una giunta o di qualsiasi altra carica ricevuta direttamente da un consiglio legittimamente eletto dal popolo sovrano, non basta la richiesta di una singola persona. Tale pratica - ha concluso in tono evidentemente provocatorio - veniva adoperata in regimi totalitari, non oggi in piena democrazia». le coraggio. Sono bastati pochi attimi, il gesto inconsulto di un ragazzino, e quel sogno si è trasformatoin un incubo. La sera del 13 febbraio 2011, infatti, il minorenneg.s., che si trovava all interno del bar Las Vegas, estrasse una pistola calibro 6.35 che portava con sé e sparò, in direzione di Tony, colpendolo alla testa, in risposta alla richiesta da partedel baristadisaldare undebito di 21 Euro. Attimi di terrore edi sgomento,la corsain ospedale, prima a Polistena e poi a Reggio Calabria, dove, dopo due giorni di coma, la mattina del 15 febbraio, Tony si spense a causa delle gravi riferite riportate. La luce del suo sorriso, dicui raccontano gli amici e i clienti, è stata spenta da uno sparo insieme alla sua giovane vita, ma non è stata spenta nei cuori di chi lo ha amato. Da quel giorno, molto è cambiato nella quotidianità della famiglia Battaglia, molto è cambiato per i parenti, gli amici ei clienti di Tony,un segno indelebile è stato impresso nel cuore della comunità taurianovese. Ma dopola rabbia dei primi giorni, è subentratalavoglia dinondimenticare, perché il ricordo non può essere reciso al pari della vita, perché ilricordo sopravvive ad un colpo di pistola. Per questo, ben oltre la banalità del male, sono attecchiti i semi dell amicizia, della solidarietà, capaci di sovvertire anche l ultima e parvente sconfitta. La cittadinanza tutta si è stretta attorno alla famiglia Battaglia, la comunità tutta ha dimostrato allora, come oggi, a distanza di un anno, di non averdimenticato Tony.E Tony, oggi, è stato ricordato nel modo in cui lui, con il suo carattere solare e il suo altruismo, avrebbe voluto. La Pro Loco ed il Comitato Carnevale hanno ringraziato i Dirigenti scolasti, i docenti, gli alunni, le società sportive e tutti coloro che hanno partecipato alla buona riuscita della manifestazione. Il match ha visto l affermarsi della squadra Arlecchino, grazie soprattutto alla tripletta del calciatore Domenico Saba, che ha ripagato l assordante e festoso tifo dei ragazzi presenti sugli spalti gremiti del Lo Presti. Il risultato finale è stato di 4-1 a favore della squadra di Arlecchino, fissato, infine, dai goal di Giuseppe Saffioti (per la squadra Pulcinella) e Simone Iannì (per la squadra Arlecchino). A far da cornice all evento sportivo, gli innumerevoli e colorati striscioni preparati dalle scuole per entrambe le squadre, facendo sentire lo spirito di una grande festa di sport e di allegria. Continua dunque il percorso che il Comitato Carnevale e la Pro Loco si erano prefissati all inizio dell organizzazione della festa. La raccolta dei fondi porterà alla realizzazione della giornata dell Ottava di Carnevale che la settimana prossima verrà presentata ufficialmente a Reggio Calabria, presso il Palazzo della Provincia. Mercoledì a Taurianova Contro le intimidazioni scendono in campo i primi cittadini della Città degli Ulivi TAURIANOVA Un incontro per formulare proposte di cambiamentoe pianificare insieme interventi risolutivi volti a fronteggiare il grave fenomenodegli attiintimidatori chesi stanno verificando a più riprese nella Piana. Questo l obiettivo dell associazione dei sindaci, Città degli Ulivi, guidata dal presidente, nonché primo cittadino di Scido, Giuseppe Zampogna, che ha organizzato un assemblea mercoledì, alle ore 17, nella Sala del Consiglio Comunale di Taurianova. Una location non casuale questa, che vuole essere una testimonianza della vicinanza di tutti i sindaci della Piana al primo cittadino di Taurianova, Domenico Romeo, di recente vittima di un grave atto intimidatorio. A Romeo Zampogna ha voluto esprimere a nome dell in - tera associazione Città degli Ulivi, piena solidarietà,definendo«gli attiintimidatoripernatura vili e inammissibili in una società civile in cui il ripristino della legalità deve divenire il cardine e l obiettivo condiviso da perseguire con fermezza». Nell incontro i primi cittadini pianigiani si confronteranno per formulare proposte e cercare di trovare soluzioni condivise con cui fronteggiare i numerosi problemi del territorio, in particolare l illegalità imperante,con espresso riferimento all atto intimidatorio che ha colpito Romeo. Un tavolo di confronto necessario per i sindaci convinti che non si possa pianificare un futuro sereno in una realtà così difficile.

9 15 Il 27 dicembre del 2010 furono uccisi i cinque componenti della famiglia Fontana Strage di Scaliti, parte il processo Ercole, Francesco e Pietro Vangeli e Gianni Mazzitello stamani davanti al gup di GIANLUCA PRESTIA IL fatto aveva destato clamore anche al di fuori dei confini nazionali. Un interno nucleo familiare ucciso da un altro gruppo con il quale i rapporti erano pessimi ormai da anni per questioni di pascolo abusivo e delimitazione di terreni. La strage di Scaliti o della masseria fu ribattezzato quell'episodio di sangue avvenuto la sera del 27 dicembre del 2010 a Scaliti, frazione del comune di Filandari. Cinque persone restarono riverse, prive di vita, sul terreno, con in corpo i colpi di pistola 9x21 e 7,65. Altre quattro furono arrestate dai carabinieri nell'immediatezza del fatto. Il pubblico ministero nel mese di dicembre aveva chiesto ed ottenuto dal gip il giudizio immediato per evidenza della prova. Il processo sarebbe dovuto iniziare il 21 febbraio, vale a dire domani, davanti alla corte di Assise di Catanzaro, ma i legali di Ercole Vangeli, 46 anni, del fratello Francesco Saverio (56), di suo figlio Pietro (25) e, infine, del genero Gianni Mazzitello (32) avevano depositato presso la cancelleria dell'ufficio gip/gup di Vibo la richiesta di giudizio abbreviato. Richiesta che era stata accolta sancendo, di fatto, la celebrazione del procedimento penale a Vibo Valentia. La scelta di questo rito comporta lo sconto di pena pari a un terzo in caso di condanna, ma soprattutto fa sì che gli imputati vengano giudicati «allo statodegli atti», cioèdelle carte dell'inchiesta, dal giudice. E questa mattina, quindi, i quattro indagati accusati di aver ucciso in concorso, in località Olivara, Domenico Fontana di 61 anni e i figli Pasquale (37), Pietro (36), Emilio (32) e Giovanni (19) compariranno davanti al giudice per le udienze preliminari Gabriella Lupoli per la prima udienza. Sono assistiti dagli avvocati Domenico Talotta, Nicola Riso e Valerio Mangone, mentre i familiari delle cinque vittime sono rappresentati dall'avvocato Giuseppe Bagnato. La strage, secondo l'accusa, fu compiuta al culmine di una lite tra la famiglia Vangeli e quella dei Fontana. Quest'ultimi avrebbero, nel tempo, compiuto una serie di soprusi ai danni dei primi, ormai fortemente provati dalla situazione, anche in relazione al pascolo e alla delimitazione dei terreni. Il gip Giancarlo Bianchi, nella sua ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dei quattro indagati, aveva evidenziato che a prescindere dal movente, individuato, appunto, nelle continue vessazioni subìte dal reo confesso Ercole, «l'azione omicidiaria si è appalesata organizzata», quindi, di fatto, premeditata, «animata da intenti di sterminio della famiglia avversaria in un contesto, quale quello che emergedagliatti processuali, diintensa animosità, che appare foriero di ulteriori fatti di sangue». A confermare questo aspetto era stato Ioan Gherman, unico testimone oculare della strage, il quale aveva riferito al pubblico ministero Michele Sirgiovanni, titolare dell'indagine, che il motivo del contendere tra le due famiglie era dovuto alla «pretesa dei Fontana di far pascolare il proprio gregge sui terreni, destinati per lo più ad uliveto, di proprietà dei Vangeli», aggiungendo un episodio in cui era stato minacciato da una persona alla guida di un fuoristrada di colore chiaro in quanto aveva portato il gregge a pascolare proprio sul terreno di proprietà degli indagati che sono attualmente in regime di detenzione carceraria. Vibo REDAZIONE: corso V. Emanuele III, 58 - Vibo Valentia - Tel. 0963/ Fax Il gup Gabriella Lupoli. A lato il luogo dove il 27 dicembre del 2010 avvenne la strage di Scaliti L ASSISE Imparare a dialogare con l Islam Conclusi i tre giorni di convegno organizzati dalla Conferenza episcopale di ANTONELLA FURCI SONO tanti gli stranieri di religione musulmana presenti in Calabria. Una percentuale rilevante si registra anche nel Vibonese. Davanti tali dati è sempre più evidente la necessità di integrarsi. Un'integrazione che non deve limitarsi, dunque, allasola sterileaccettazione di una cultura e di un credo diversi, ma che avvenga attraverso la scoperta di punti d'incontro. Edèproprio questopensieroche il convegno della Commissione regionale per la cooperazione missionaria tra le chiese della Conferenza episcopale calabra ha voluto diffondere. Una vera integrazione di mentalità e soprattutto religione che influisca negli aspetti più quotidiani sia di cristianisia di musulmani. Ecco che, davanti questa volontà e necessità di favorire la crescita civile e sociale del territorio, la Commissione regionale missionaria tra le chiese ha organizzato un convegno dalla duratadi tre giorni presso il 501 Hotel di Vibo. Il convegno di studio dal tema appunto L'I - slam in mezzo a noi, dialogo, approccio pastorale, annuncio, si è concluso ieri mattina con la celebrazione della santa messa officiatadasua monsignorgiuseppefiorini Morosini, vescovodella diocesi di Locri Gerace. Monsignor Fiorini Morosini ha presenziato, inoltre,il convegnoin qualità di presidente della commissione per la cooperazione missionaria. In più, ai tre giorni di studio sono stati invitati a partecipare esponenti della Caritas, dell'organizzazione Migrantes e degli uffici e commissioni diocesane della Calabria. L'apertura del congresso, avvenuta venerdì scorso, è stata presenziata anche dal vescovo della nostra diocesi Mileto-Nicotera-Tropea, Luigi Renzo. A relazionare insieme a monsignor Morosini sono stati anche padre Aldo Giannasi, missionario dei padri Bianchi e docente presso il Cum di Verona, e don Paolo Martino, responsabile degli uffici missionari diocesani. Il convegno di studio, cui ha partecipato nella giornata di sabato come presidente dell'associazione di volontariato Abraham don Bruno Cannatelli, ha voluto porre le basi di una nuova visione del processo d'integrazione. Un'integrazione, innanzitutto, che può essere attuata solo Un momento dei lavori congressuali svoltasi durante la tre giorni dell assise organizzata dalla Conferenza episcopale calabra attraverso la scoperta di punti di unione tra le due religioni. «Da questo presupposto si può avviare la giusta convivenza che forma un'unicacomunità sociale». Infatti, i punti di unione che accomunano cristiani e musulmani si trovano proprio nei due libri sacri, la Bibbia e il Corano. Dalla spiegazione di padre Giannasi, ad accomunarei duecredisono alcunielementi fondamentali, tra questi «la visione del Giudizio universale, quella delbuon samaritanoe quindi dell'amore verso il prossimo». Ma una figura per eccellenza uniscetutteedue lereligioni:lavergine Maria. Miriam, in arabo, è la figura più bella e importante. Fulcro della fede cattolica, è venerata anche dall'islam. In effetti, la scena dell'annunciazione è un momento indicativo presente pure nel Corano. Per tale motivo, - secondo sempre quanto detto durante il convegno - «le basi ci sono tutte per aprire un dialogo e iniziarea rendere concreto l'ideale missionario: trovare un punto d'incontro attraverso l'annuncio di Cristo e viceversa». E attraverso il convegno, le rappresentanze cattoliche hanno voluto fare il primo passo, nonostante in alcuni casi ci siano state già dimostrazioni di vere integrazioni. Ma ciò che ha definito il convegno della commissione missionaria è stato proprio l'impegno ad avviare un'integrazione costruita su solide radici.

10 dalp LUNEDÌ 20 febbraio 2012 PAGINA 5 OLLINO allos calabria ora TRETTO «Lo Stato ha lasciato ammazzare Lea» Intervista a Marisa Garofalo, sorella della testimone di giustizia sciolta nell acido DI FRANCESCO FERRO «Mia sorella era una ragazza solare con mille sogni nel cassetto. Nata in un paesino del Crotonese cercava una vita migliore e si rammaricava di non aver potuto continuare gli studi. Aveva voglia di fare sempre cose nuove, di evadere. Poi, a soli 15 anni, il fidanzamento con quel giovane e il sogno di un amore che alla fine le ha negato la vita». Marisa Garofalo sorella di Lea, la giovane testimone di giustizia attirata in una trappola e sciolta nell acido, ha deciso di combattere nelle aule dei tribunali per ottenere giustizia. È l unico modo che oggi le rimane per fare qualcosa per Lea, per sentirla ancora vicina, starle accanto e tenerla stretta per mano come faceva quando erano bambine e affrontavano unite la paura del buio. Per Lea un sogno di libertà cancellato con una barbarie disumana. «Aveva solo sedici anni quando è nata la figlia Denise e subito ha capito che quello non era il matrimonio che sognava, non era la vita che desiderava. Col passare degli anni questa passione adolescenziale, che per lei avrebbe dovuto rappresentare una vita migliore, si è trasformata in una prigionia, un incubo da cui fuggire. Ha capito che chi aveva accanto non era il principe azzurro con cui vivere una favola d amore ma un uomo violento e senza scrupoli. Si è trovata a fare i conti con una realtà che la soffocava e alla quale si è ribellata con tutta la forza che aveva dentro. Per mia sorella Denise era tutto e, per garantirle un futuro migliore, ha avuto il coraggio di affrontare da sola una vita difficile Nostro padre è stato ammazzato quando eravamo molto piccole. Ma siamo cresciute in maniera sana con il nonno paure e umiliazioni. Una volta mi ha detto: Stiamo facendo la fame e non ho neppure i soldi per mandare la bimba a scuola. Una sera ha chiesto al proprietario di un bar dieci euro in prestito per far mangiare la bambina ma le sono stati negati. Da quel giorno non ha più chiesto nulla, ha preferito sopportare tutte le privazioni con dignità». Anche l infanzia di Lea è stata segnata da privazioni e violenza. «Attenzione, non è vero che facciamo parte di una famiglia di ndranghetisti. Nostro padre è stato ammazzato a 27 anni quando eravamo molto piccole e Lea era nata da pochi mesi. Da allora siamo cresciute in un ambiente sano, allevati con amore dai nonni materni. Nostra madre, rimasta vedova, si è dovuta rimboccare le maniche lavorando come bidella in una scuola per mantenere tre figli. Siamo stato educati dal nonno, una tra le persone più oneste che abbia mai conosciuto. Ci ha insegnato i valori dell onestà e della dignità inculcandoci l importanza del lavoro. Mi ricordo ancora che alla sera ci raccontava di quando, dopo la guerra, ha dovuto fare i conti con la povertà. Avevo i pidocchi addosso - ci rammentava sempre - però non ho mai rubato. Quel poco che ho ottenuto l ho avuto grazie al lavoro. Noi siamo cresciute con questi valori, un modo di intendere la vita che ha dato la forza a Lea di ribellarsi all ingiustizia e alla mentalità mafiosa». Cosa si poteva fare e cosa non si è fatto per salvare Lea? «Lo Stato non ha fatto nulla per evitare che l ammazzassero. Mia sorella dopo essere scampata al tentato sequestro di Campobasso ha sporto una dettagliata denuncia. Ha chiamato i carabinieri che hanno verificato che il tentato rapimento c era stato e che, quindi, non era una visionaria. Ma non è servito a nulla. Dopo l accaduto ha dormito in macchina per tre giorni davanti al Comune di Campobasso nell indifferenza generale. L hanno ignorata, eppure sapevano che era una testimone di giustizia. È A sinistra, Lea Garofalo; sopra, la testimone di giustizia con la figlia Denise in una delle ultime immagini stata abbandonata così come accade a tanti altri testimoni di giustizia lasciati al proprio destino». Lea Garofalo come Maria Concetta Cacciola; due donne che hanno scelto di schierarsi con la legalità usando l arma della denuncia. Entrambe però hanno perso la sfida. Si sono immolate per nulla? Conviene stare dalla parte dello Stato? «Ci hanno ucciso Lea sciogliendola nell acido benché avesse chiesto aiuto a tutti. E anche Concetta ha fatto una fine orribile scegliendo la morte per fuggire la disperazione. Malgrado ciò ritengo che convenga sempre schierarsi per la legalità. Però lo Stato non può girare le spalle a chi sta dalla sua parte perché così perde credibilità e diventa complice dell illegalità». Sua sorella sapeva che diventando testimone di giustizia avrebbe corso tanti rischi? «Era cosciente di essere in pericolo di vita ma ha deciso di non fermarsi mettendosi a disposizione delle istituzioni per aiutare a sconfiggere la ndrangheta. Purtroppo in cambio non ha ricevuto nulla, è stata tradita, l hanno fatta ammazzare. Perché l omicidio di Lea così come la tragica fine di Concetta Cacciola potevano essere evitati. Io non voglio dire che nelle istituzioni sono tutti corrotti ma di gente onesta anche tra i magistrati ce ne dovrebbe essere di più». Delusa da certa magistratura? «Ho avuto a che fare con una magistratura distratta e spero che questa distrazione finisca sia per quanto riguarda l esito del processo sulla morte di Lea sia per la tutela che devono a mia nipote. Anche Denise oggi rientra in un programma di protezione e mi auguro che venga tutelata perché già è stata privata dell amore della madre. Le è stata rubata l infanzia e l adolescenza perché a soli dieci anni è entrata nello stesso programma di protezione della mamma. Ora è completamente sola, lontana dagli affetti dei familiari e spero che questo esilio affettivo possa avere fine garantendole sicurezza e giustizia. Chi le ha ucciso la mamma deve scontare una giusta pena». Il processo per l omicidio di Lea dopo la sostituzione del giudice è ripartito da zero e la sentenza deve arrivare entro luglio per evitare la scarcerazione degli imputati. Ciò ha creato molte polemiche, così come si è discusso quando è caduta l aggravante mafiosa per il delitto che sarebbe, invece, scaturito soltanto da motivi passionali. «È una vergogna. Questo non è vero e la difesa lotterà sino alla fine perché venga riconosciuta l associazione mafiosa. Ma quale delitto passionale è un omicidio di mafia chiarissimo. E poi qualora non venisse riconosciuta l associazione mafiosa che senso avrebbe la costituzione di parte civile da parte del Comune di Milano». Carlo Cosco ex marito di Lea, tra gli imputati del delitto, ha ottenuto il gratuito patrocinio. il coraggio di denunciare L omicidio di mia sorella così come la tragica fine di Concetta Cacciola potevano essere evitati «L ennesimo affronto dello Stato che si lamenta per la carenza di fondi da destinare ai programmi di protezione e che poi fornisce il gratuito patrocinio a gente accusata di delitti gravissimi. Loro hanno avvocati gratis mentre noi con stipendi di poco più di mille euro dobbiamo pagarceli. E questa è una cosa equa?». Se avesse la possibilità di parlare all ex compagno di Lea o agli altri imputati cosa direbbe loro? «A me farebbe schifo anche guardarli in faccia. Quando sono stata in udienza e loro erano lì non ho mai girato la testa perché non voglio vederli. Spero solo che vengano condannati all ergastolo così non potrò mai incrociare i loro sguardi». Che senso ha oggi per lei la parola perdono? «Non esiste perdono per chi ha potuto commettere un fatto così grave e disumano e neppure si sono pentiti per quello che hanno fatto. Io sono per il perdono ma non in questo caso. Loro non lo meritano, devono restare in carcere a vita. Speriamo che sia fatta giustizia almeno ora». Non ha paura di ritorsioni o di vendette? «No, mi sento in dovere di andare avanti. Lea mi diceva non fate nulla per me perché loro vogliono punire solo me, voi restatene fuori. Io non me la sento di stare zitta, voglio lottare per mia sorella, per mia nipote Denise e andrò avanti sino in fondo. La coscienza mi dice di agire così e non avrò pace sino a che non sarà fatta giustizia. Se mi vogliono ammazzare lo facciano pure, non ho paura. Spero solo che la riforma della giustizia cambi qualcosa perché adesso non esiste la certezza della pena. Io non mi faccio illusioni perché so che dopo il primo grado ci sono appello e cassazione e può accadere di tutto. Noi viviamo con questo dolore e la nostra battaglia per rendere giustizia è ancora lunga ma non faremo mai un passo indietro, lo dobbiamo a Lea e a Denise». le frasi Mia sorella dopo essere scampata al tentato sequestro di Campobasso aveva sporto una dettagliata denuncia. Ma non è servito a nulla. L hanno ignorata... Lea aveva 16 anni quando è nata la figlia Denise. Subito ha capito che chi aveva accanto non era il principe azzurro ma un uomo violento e senza scrupoli Denise era tutto e per garantirle un futuro migliore ha avuto il coraggio di affrontare da sola paure e umiliazioni Lotterò per mia nipote, ora lasciata completamente sola Il gratuito patrocinio all ex marito è l ennesimo affronto dello Stato. Loro hanno avvocati gratis. Noi pur con stipendi bassi dobbiamo pagarceli da soli

11 LUNEDÌ 20 febbraio 2012 LOCRI (RC) Ieri il disperato appello al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Con la ferma volontà di consegnare le tessere elettorali «perché non sappiamo cosa farcene, nessuno tutela la salute di nostro figlio». Ci avevano lasciato quest ultimo messaggio Anselmina ed Antonio Miriello, di Stilo, congedandoci dal reparto di Rianimazione dell ospedale civile di Locri dove rimane ancor oggi ricoverato Nicola, il loro I genitori: non siamo mai stati considerati dall Asp 5 di Reggio figlio 37enne affetto da una grave forma di cerebrolesione dall età di sette anni, aggravata da una broncopolmonite ab ingestis, ovvero sia da materiali ingeriti, che potrebbe evolversi da un momento all altro. Una situazione assai difficile, per la quale i sanitari del nosocomio locrese hanno disposto ieri una nuova intubazione del giovane paziente. Che manifesterebbe delle ulteriori difficoltà di carattere respiratorio. Facile immaginare il nuovo, amaro, senso di 8 D A L P O L L I N O A L L O S T R E T T O Stilo, rinuncia al lavoro per assistere il fratello Caso Miriello, la decisione risoluta del più piccolo della famiglia sconforto che si è di nuovo impossessato dei genitori di Nicola, e dei fratelli Salvatore, Teresa e Giuseppe. Che non si staccano da lui nemmeno per un attimo: addirittura, proprio in queste ore Calabria Ora apprende di come proprio il fratello minore, Giuseppe, ed insieme a lui tutto il nucleo familiare, abbia praticamente vissuto un dramma nel dramma, ovvero sia la rinuncia a partire, per andare verso il nord, molto più praticabile dal punto di vista professionale, per rimanere qui. Ed assistere il fratello in gravi difficoltà. Soprattutto quelle difficoltà inerenti le gravissime, quanto vergognose, carenze in fatto di assistenza domiciliare della sanità locridea e, per esteso, calabrese, che ha creato non pochi problemi in fase di possibile regressione della malattia di Nicola. O quantomeno l impedire un suo avanzamento, come poi Rinviato il funerale di Vardaro Mileto, don Dicarlo dal pulpito invita gli assassini a pentirsi purtroppo si è verificato. E così, Giuseppe, con un fresco diploma in scienze infermieristiche, ha anteposto i propri obiettivi, i propri sogni nel cassetto, le proprie, più che legittime, aspirazioni per stare lì a prestare quotidianamente soccorso al fratello. In gravissime difficoltà. E poi dicono che i giovani calabresi non hanno talento. calabria ora Ed in particolare, che non hanno un cuore: beh, il caso di Giuseppe appalesa giustappunto il contrario. «Sì, perché mio figlio avrebbe potuto andare via da qui, da questa terra che non offre nulla dice con voce sommessa mamma Anselmina e farsi una propria vita, tutta sua, dopo essersi impegnato tanto ed avere conseguito questo titolo di studio. Ma ha messo tutto da parte pur di non far mancare niente al fratello visto che, al contrario, dal distretto nord di Caulonia a Siderno, dall ex Asl 9 all attuale Asp 5 di Reggio Calabria non siamo mai stati abbastanza considerati e resi meritevoli, per così dire, di poter curare Nicola a casa nostra». Insomma, si sta consumando un vero e proprio dramma nel dramma a casa Miriello, con Nicola che lotta tra la vita e la morte ed il fratello Giuseppe che ha buttato al vento delle concrete possibilità di iniziare a lavorare pur di non far mancare niente al fratello. Il tutto nel silenzio, assordante, delle istituzioni. Che ancor oggi latitano pesantemente. ANTONIO BALDARI MANGONE Torna a casa sotto shock Forse è stata violentata In alto, il 65enne Nicola Vardaro A destra, il luogo dove è stato trovato il suo cadavere L indagine continua mentre si attende l esito dei rilievi scientifici MILETO (VV) Gli ultimi sviluppi inerenti la morte del 65enne Nicola Vardaro, hanno colto di sorpresa la cittadinanza miletese. Come ribadito ieri, infatti, l anziano trascorreva la vita comune di tutti i pensionati. Ritrovatisi con i figli emigrati in nord Italia, per motivi di lavoro, l ex operatore forestale abitava con la moglie Faustina nella casa di via Ospedale. Le sue giornate erano intermezzate dalle sortite nel terreno di proprietà ubicato alla periferia di Mileto, le chiacchierate con i coetanei nella piazza principale della cittadina normanna, l attesa per riportare la consorte a casa, al termine della messa quotidiana, le brevi passeggiate a bordo della vecchia utilitaria. Una vita come tanti, dunque, che non faceva presagire nulla di quanto avvenuto ed emerso negli ultimi giorni. Se la sua improvvisa scomparsa aveva già di per sé ha destato profonda commozione tra la cittadinanza, questo sentimento si è tramutato in sconcerto e stupore quando si è appreso che la morte del 65enne era stata provocata da due colpi di pistola alla testa sparati da vicino, dal di dietro, e che uno dei nipoti risultava indagato. Un assassinio brutale, che ci si immagina venga compiuto in una resa dei conti di stampo mafioso, e non nei confronti di un appartenente alla gente comune. Stigmatizzato, ieri, anche dal parroco della cattedrale don Mimmo Dicarlo, chiesa abitualmente frequentata da Nicola Vardaro. Il sacerdote, fin dal momento della scomparsa si era reso vicino e disponibile nei confronti dei familiari del pensionato. Prete che, ieri, dopo aver espresso tutto il suo dolore per una vicenda «che ha impresso una ferita lancinante a tutta la comunità», ha implorato l artefice, o gli autori, dell assassinio «a pentirsi di quello che ha fatto. Il Signore - ha affermato don Mimmo - dà sempre una possibilità di riscatto, specialmente a chi dimostra di voler ritornare con sincerità tra le sue braccia, magari ammettendo le proprie colpe». Frasi toccanti, che hanno provocato profonda commozione tra i fedeli presenti. Detto ciò, tra la comunità miletese ci si interroga sui motivi che hanno consigliato gli organi inquirenti a spostare a data da destinarsi il funerale di Nicola Vardaro, inizialmente previsto per sabato scorso. E mentre si discute di questo e altro, nel frattempo gli investigatori stanno tentando di stringere il cerchio, in attesa del risultato dei rilievi scientifici svolti sul campo, e lavorando su ipotesi ben delineate. E al riguardo, la sensazione è che le indagini nelle prossime ore potrebbero subire un improvvisa accelerazione. GIUSEPPE CURRÀ La 21enne ricoverata in osservazione è stata sottoposta ad una serie di esami MANGONE (CS) Potrebbe essere l ennesima vittima di una violenza sessuale, la 21enne di Mangone che da ieri è ricoverata sotto osservazione presso il pronto soccorso dell ospedale civile Annunziata di Cosenza. Sotto shock, quindi non ancora in grado di ricordare e raccontare quello che le è successo nella notte a cavallo tra sabato e domenica, la ragazza è stata soccorsa dai propri familiari non appena rientrata a casa. La sera prima era uscita con un nuovo gruppo di amici con i quali avrebbe trascorso a Rogliano buona parte della nottata. Al suo rientro a casa, di buon mattino, la 21enne era ancora ubriaca, con il volto tumefatto e le calze arrotolate nella borsetta. È stata la mamma la prima ad accorgersi che qualcosa non andava ed ha subito lanciato l allarme sulla presunta violenza sessuale subita dalla figlia. Violenza che ancora non ha trovato certezze e soprattutto riscontri per le forse dell ordine che attendono l esito degli esami compiuti in ospedale sul corpo della ragazza. La presunta vittima è stata infatti sottoposta ad una serie di esami, tra cui quelli tossicologici per appurare se fosse stata drogata. Ma l esito è stato positivo solo per il tasso alcolemico risultato essere molto alto. Sul corpo della ragazza erano ben visibili escoriazioni al volto e qualche livido alle gambe. La visita ginecologica a cui è stata sottoposta ha evidenziato invece delle abrasioni nelle parti intime. Adesso si rimane in attesa degli esami che indichino la presenza di liquido seminale per avere la certezza che sia stato consumato il rapporto sessuale, ma soprattutto si attende che la ragazza sia in grado di raccontare cosa si nasconde dietro una serata trascorsa con gli amici finita poi, dietro i fumi dell alcool, in una probabile violenza sessuale. DEBORAH FURLANO

12 LUNEDÌ 20 febbraio P I A N A calabria ora Un mercato all interno del porto Palmi, il progetto comunale su Taureana parteciperà ad un bando europeo PALMI ATTENZIONATO Il porto di Taureana Il porto di Taureana, i cui lavori di realizzazione sono stati terminati in parte poco prima della scorsa estate, potrebbe diventare la sede del mercato ittico che il comune intende realizzare con un finanziamento stanziato dal Fondo europeo per la pesca. Una delibera firmata nei giorni scorsi dal commissario prefettizio Antonia Bellomo e dal segretario Caterina Romanò, stabilisce infatti che il comune di Palmi potrà partecipare al bando relativo al Fep Investimenti nei settori della trasformazione e commercializzazione; porti, luoghi di scalo e riparo di pesce, con il progetto presentato dall ufficio tecnico comunale. Il progetto prevede la realizzazione non solo di una struttura che ospiterà il mercato ittico, ma anche di stabilimenti adiacenti attrezzati per l acquacoltura e per il trattamento ed il magazzinaggio dei prodotti della pesca, da realizzare proprio all interno dell area portuale di Taureana. All interno del porto c è un area libera di 1300 mq, sui quali è possibile, come stabilito dal piano regolatore del porto, edificare strutture di servizio, ed i responsabili dell ufficio tecnico comunale hanno deciso di dare priorità al mercato ittico, che può rappresentare un servizio vitale per i tanti pescatori della Tonnara di Palmi. L importo complessivo per la realizzazione dell opera è di 753 mila euro. Più volte sia la capitaneria di porto che la guardia costiera di Gioia Tauro, hanno segnalato la necessità di dotare il porto di Taureana di una struttura a norma di legge, nella quale rivendere il pesce, dotata anche di servizi per l acquacoltura. Le motivazioni che hanno spinto il commissario prefettizio ed il segretario generale a firmare la delibera, risiedono nella considerazione che il mercato ittico può costituire un occasione di sviluppo e crescita dell area di Taureana, Tonnara e Pietrenere, con ricadute positive sul territorio. Inoltre un mercato ittico garantirebbe condizioni igieniche di vendita maggiori, nel rispetto della normativa vigente in materia di trattamento e vendita del pesce, che attualmente avviene per strada ed in condizioni igienico sanitarie carenti. Con la realizzazione del mercato ittico, inoltre, si completerebbe il processo di valorizzazione del porticciolo, che già dallo scorso anno ha visto un incremento turistico del 10% grazie alle concessioni, rilasciate dalla capitaneria di porto di Gioia Tauro, per realizzare moli d'attracco turistici, che in vista dell'estate potrebbero ancora aumentare di numero. VIVIANA MINASI MOLOCHIO Viabilità, AM attacca il sindaco Il gruppo di opposizione chiede di ripristinare l accesso a Trepitò MOLOCHIO CAPOGRUPPO Rocco Iorianni Minoranza in agitazione al comune di Molochio, dove quattro consiglieri della lista civica Amo Molochio, Rocco Ioranni, Vincenzo Morabito, Salvatore Ambesi e Ottavio Caruso, da giorni attendono una risposta dal loro sindaco, Beniamino Alessio, circa un'interrogazione scritta presentata per conoscere quali siano le iniziative che il primo cittadino intende avviare per ripristinare la viabilità sul monte Trepitò. Le nevicate della scorsa settimana, infatti, hanno reso necessario un avviso, emesso da Alessio il 13 febbraio, nel quale si avvisavano i cittadini detentori di animali sul monte Trepitò, della necessità di trasferirli in un luogo più facilmente raggiungibile, senza l'utilizzo dei mezzi meccanici de comune. La decisione del sindaco è stata presa dopo diverse richieste dei cittadini che per motivi di lavoro, o per altri motivi, avevano necessità di arrivare giornalmente sul monte Trepitò. «Beniamino Alessio, anziché preoccuparsi dei propri cittadini amministrati, esternava delle farneticanti ed infondate dichiarazioni, suffragate, a suo dire, da un recente provvedimento della presidenze del consiglio dei ministri, - scrivono i quattro consiglieri di minoranza che in prospettiva di una situazione di aggravamento delle condizioni climatiche imponeva la gestione di risorse umane e strumentali disponibili con una modalità di coordinamento unitario e con il massimo coinvolgimento della protezione civile». Il provvedimento disponeva che il capo della protezione civile assicurasse l'adozione di ogni forma assistenziale ai cittadini, vista la situazione climatica d'emergenza che si annunciava. «Esiste una convenzione stipulata tra provincia e comune di Molochio, per cui il comune riceve un contributo annuo di 410 euro a chilometro per la manutenzione della strada Molochio-Trepitò-Piani dell'abbruschiato, - scrivono ancora i consiglieri a cosa servono i soldi che paga chi ha una casa in quelle zone? Non pensa che chi paga questi soldi ha il diritto di raggiungere la propria casa?». vi. mi. ROSARNO Urbanistica, ok al festival per riqualificare la città L assetto urbano, l estetica di una città è un insieme di caratteristiche che formano quasi il biglietto da visita di una comunità. Questo aspetto è stato, purtroppo, da sempre il tallone d Achille della città di Rosarno. La giunta comunale, da qualche settimana ha però dato carta bianca anche se il tutto senza toccare un euro del bilancio per l organizzazione del Festival della rigenerazione urbana della città di Rosarno. Si tratta di una manifestazione tesa a portare proposte per la riqualificazione di alcune aree degradate del territorio urbano, ad esempio Ricettacolo, Piazzale Genova e piazzale superiore del costone di Via Sottotenente Gangemi, coinvolgendo istituzioni e enti pubblici e privati. La proposta presentata dai giovani attivisti Angelo Carchidi e Giovanna Tutino, prevede il coinvolgimento anche del mondo giovanile e della cittadinanza, per cui può rappresentare uno stimolo per i cittadini, per vivere in modo più attivo il territorio, tanto che è prevista la realizzazione di alcuni dei progetti che venissero fuori dal lavoro dei laboratori. Il festival si svolgerà per fasi, in primis con la raccolta di proposte e pareri, da convogliare attraverso l istituzione di un blog o di un sito web. Poi un sondaggio attraverso la cittadinanza. A questo punto scatterà la fase operativa, prima con il workshop e poi con gli interventi veri e proprio. Progetti e riqualificazioni attraverso l utilizzo di materiali riciclabili ed ecocompatibili. Una veduta di Rosarno ROSARNO degrado urbano La Giunta ha approvato il progetto di alcuni attivisti per il recupero di diverse aree Tutto questo sarà fatto attraverso l impegno dei giovani con tutor qualificati, sia italiani che stranieri. Per quel che attiene alla scheda economica, tutto sarà svolto senza spese per il comune, ma con autofinanziamento e con risorse da ricavare attraverso partnership di sponsor. L intera manifestazione, inoltre, avrà come interlocutori privilegiati i dipartimenti di architettura delle università di Reggio e di Ferrara. Una kermesse, quindi, a costo zero, con l obiettivo di migliorare il biglietto da visita della città di Rosarno, attraverso l impegno dei giovani. DOMENICO MAMMOLA Una celebrazione Eucaristica nella chiesa di San Nicola Vescovo di Varapodio, lo scorso sabato ha commemorato i primi tre anni trascorsi dalla morte di don Antonino Di Masi ex parroco di Santo Stefano Protomartire. Ad officiare il rito è stato don Mimmo Caruso parroco della cittadina pianigiana, che ha voluto ricordare la vita del sacerdote citando il messaggio di Benedetto XVI ai cardinali di nuova nomina, durante il Concistoro riunitosi nella stessa giornata del 18 febbraio in S.Pietro. In voi prevalga la logica di Cristo indicando ai prelati uno stile di vita difficile da sostenere e soprattutto da testimoniare. Una vita esemplare dedicata al suo gregge, alla crescita culturale e alla costruzione del tessuto sociale di Varapodio che da uomo colto precursore dei tempi, ha lasciato un ricordo indelebile di sè e del suo operato ha tenuto a precisare Don Caruso nell omelia di commemorazione. Quelle mura VARAPODIO La comunità ricorda don Antonino Di Masi A tre anni dalla morte celebrata una messa in onore dell ex parroco cittadino della chiesa di S. Stefano da lui fatte costruire, seppur col contributo dei fedeli, hanno richiesto l impiego di energie e sacrifici non indifferenti ha continuato il parroco, infervorato - e costituiscono la sintesi del suo progetto di vita pastorale. Da non dimenticare l entusiasmo e la gioia che lo hanno sempre distinto che ai sacerdoti non deve mai mancare, rimarcando ancora le parole del Pontefice al Concistoro. L omelia è stata anche per il celebrante un rievocare l affetto e la stima che legava entrambi. Il ricordo,infine, del defunto monsignor Formica di cui il prossimo primo agosto sarà festeggiato il centenario della nascita. FILOMENA SCARPATI INDIMENTICATO Don Di Masi

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/5 MISSIONE IN CALABRIA 10 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 18.10. PRESIDENTE. Buongiorno. Vi ringraziamo per la vostra presenza e per la collaborazione che

Dettagli

Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Mario Orfeo 02-AGO-2011 da pag. 29 Quotidiano Roma 30-MAG-2011 Diffusione: n.d. Lettori: n.d. Direttore: Mario Orfeo da pag. 37 Quotidiano

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI..

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI.. P.P. n. / R.G.N.R. D.D.A. N. Rog. Est. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI.. DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA Ufficio del P.M. - tel. uff. +39 ALLA COMPETENTE AUTORITA GIUDIZIARIA CANADESE

Dettagli

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL CAPO CENTRO OPERATIVO D.I.A. DI PALERMO COL. GIUSEPPE D AGATA PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO

Dettagli

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Il convegno, svoltosi ad Acireale il 27 febbraio 2015 per iniziativa della Diocesi di Acireale assieme alla Associazione

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

Corso di Alta Formazione Analisi delle mafie e delle strategie di contrasto PRIMO ANNO

Corso di Alta Formazione Analisi delle mafie e delle strategie di contrasto PRIMO ANNO Corso di Alta Formazione Analisi delle mafie e delle strategie di contrasto PROGRAMMA DEL CORSO PRIMO ANNO PRIMO MODULO novembre/dicembre 2013 Storia delle mafie e dell antimafia Le origini di Cosa Nostra

Dettagli

I CAMPI DELLA LEGALITA'

I CAMPI DELLA LEGALITA' COMPRENSORIO PIANA DI GIOIA TAURO 89013 Gioia Tauro (RC) Via Bellini n 48 tel.0966-52396 spi@cgilgioiatauro.it I CAMPI DELLA LEGALITA' Diario Polistena, 1-31 luglio 2013 COMPRENSORIO PIANA DI GIOIA TAURO

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

TRIBUNALE DI MESSINA. Felice Cultrera nato a Catania il 24.9.1938, elettivamente domiciliato a Messina

TRIBUNALE DI MESSINA. Felice Cultrera nato a Catania il 24.9.1938, elettivamente domiciliato a Messina TRIBUNALE DI MESSINA Atto di citazione per Felice Cultrera nato a Catania il 24.9.1938, elettivamente domiciliato a Messina via C.Battisti n. 191 (avv. Giuseppe Maria Orlando), recapito professionale dell

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

LEGALITA e concretezza

LEGALITA e concretezza 20 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese A quella di truffa è arrivata anche quella per corruzione a carico del presidente dell INPGI,

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATI ALLE MAFIE. PIO LA TORRE A.A. 2014-2015

MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATI ALLE MAFIE. PIO LA TORRE A.A. 2014-2015 MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATI ALLE MAFIE. PIO LA TORRE A.A. 2014-2015 Elenco insegnamenti e Curricula Docenti PRIMA PARTE Mafie Imprenditrici e mafie al Nord I UNITÀ FORMATIVA

Dettagli

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni Nel nome del padre sono 23 gli interrogatori di massimo ciancimino, il figlio di don vito. E una valanga i pizzini che riscrivono la storia dei misteri d italia da gladio, alle stragi del 92, sino ai politici

Dettagli

PROMOZIONE PER MERITO STRAORDINARIO CONFERITA AL VICE SOVRINTENDENTE DELLA POLIZIA DI STATO MICHELE D AMELIO.

PROMOZIONE PER MERITO STRAORDINARIO CONFERITA AL VICE SOVRINTENDENTE DELLA POLIZIA DI STATO MICHELE D AMELIO. PROMOZIONE PER MERITO STRAORDINARIO CONFERITA AL VICE SOVRINTENDENTE DELLA POLIZIA DI STATO MICHELE D AMELIO. CONSEGNA IL RICONOSCIMENTO IL QUESTORE DELLA PROVINCIA DI SALERNO DR. ALFREDO ANZALONE. EVIDENZIANDO

Dettagli

RASSEGNA STAMPA REGIONALE

RASSEGNA STAMPA REGIONALE Il volto economico delle mafie. Focus sul nord est 15 aprile 2015, ore 9.00-16.00, Vicenza RASSEGNA STAMPA REGIONALE La Prima Pagina 13 aprile 2015 Vicenza, il volto economico delle mafie Focus sul Nord

Dettagli

Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA. Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni

Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA. Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni Il radicamento Liguria terra di confine: meta dei soggiorni obbligati (anni 70),

Dettagli

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 28 18 febbraio 2015 Oggetto : Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti

Dettagli

Mafie in Veneto Dati statistici

Mafie in Veneto Dati statistici Mafie in Veneto Dati statistici Raccolta di dati a cura di Avviso Pubblico Le mafie Scheda informativa sintetica 1 Diverse sono le ipotesi etimologiche del termine mafia. La più accreditata ritiene che

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali ATTI PARLAMENTARI Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali DOCUMENTI COMMISSIONE I MERCOLEDÌ 22 MARZO 2000 Presidenza del Presidente ROSA JERVOLINO RUSSO Interviene il Ministro

Dettagli

MILENA GABANELLI FUORI CAMPO

MILENA GABANELLI FUORI CAMPO Ammazza che mafia di Paolo Mondani MILENA GABANELLI FUORI CAMPO La storia che adesso vedremo avrebbe potuto, almeno in parte, essere raccontata 10 anni fa. Siamo a Roma dove una vera e propria federazione

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Premessa La definizione e l approvazione in tempi rapidi di un testo unico della legislazione antimafia, capace di superare le attuali disfunzioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA OPERAZIONE ARCOBALENO In data odierna, sono state eseguite ordinanze di custodia cautelare e sequestri

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

Un bambino per crescere deve restare un bambino. Per l Infanzia Patrimonio dell Umanità

Un bambino per crescere deve restare un bambino. Per l Infanzia Patrimonio dell Umanità Un bambino per crescere deve restare un bambino Per l Infanzia Patrimonio dell Umanità Scheda di Presentazione 2009/2010 La Caramella Buona : PER CRESCERE UN BAMBINO DEVE RESTARE UN BAMBINO. Fondata nel

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 6 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. / - Il Resto del Carlino pag. 2, 23 - Prima Pagina pag. / - Modena Qui pag. 15 Sezione: Pianura Data:

Dettagli

Trasferimenti. Dopo l ultima tornata di movimenti, che tra assegnazioni. Lunedì, 3 maggio 2010 ALL INTERNO. Roma, 3 maggio 2010

Trasferimenti. Dopo l ultima tornata di movimenti, che tra assegnazioni. Lunedì, 3 maggio 2010 ALL INTERNO. Roma, 3 maggio 2010 18 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Responsabile: NICOLA TANZI Vice Direttore: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione al Tribunale di Roma n. 98 del 21 febbraio

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Il prefetto di Taranto "blocca" la festa dei 50 anni di un "boss" della provincia. I retroscena

Il prefetto di Taranto blocca la festa dei 50 anni di un boss della provincia. I retroscena Il prefetto di Taranto "blocca" la festa dei 50 anni di un "boss" della provincia. I retroscena E stato il bravo collega ed amico Guido Ruotolo a raccontare oggi sul quotidiano La Stampa di Torino, come

Dettagli

Tribunale di Arezzo, Sentenza contro Biondini Paolo + 7, 18 aprile 1997. 182

Tribunale di Arezzo, Sentenza contro Biondini Paolo + 7, 18 aprile 1997. 182 Collegate con le Case colombiane erano le Casse di Giro degli USA da cui affluivano i dollari della droga venduta in America 180. I magistrati della Corte d appello erano tanto convinti della colpevolezza

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1. Settimanale di scommesse sportive QUOTE

Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1. Settimanale di scommesse sportive QUOTE Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1 Settimanale di scommesse sportive QUOTE 2 LA SCOMMESSA Puntiamo su Napoli, Milan, Cesena e Palermo. OVER in Genoa-Roma Prevalenza del fattore casalingo di Vincenzo

Dettagli

RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009

RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009 www.excursus.org Direttore responsabile: Luigi Grisolia RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009 L irragionevole durata dei processi nel nostro Paese di Luigi Grisolia Un interessante documentario dell Anm

Dettagli

Adriana Musella e Presidente del senato della Repubblica Italiana Pietro Grasso

Adriana Musella e Presidente del senato della Repubblica Italiana Pietro Grasso Tutti presenti alla giornata speciale della Gerbera Gialla 2016. Il Presidente del Senato Pietro Grasso, Prefetto, la Magistratura, le Forze dell'ordine, Scuola, No Profit, Giornalismo, Università. Adriana

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO

RESOCONTO STENOGRAFICO 1/5 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT

SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT Il Segretario Provinciale Ing. Martino Vergata Prot. 12/2012 Trasmessa a mezzo email Alla c.a. Sergio Abramo SINDACO

Dettagli

IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME

IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME Per non dimenticare il luminoso esempio offerto dal Maresciallo Sebastiano D Immè che 15 anni fa, ha immolato se stesso sull altare del dovere. Locate Varesino (CO) 6 luglio

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 Politica locale 23/01/2015 La Repubblica (ed. Bologna) Pagina 7 SILVIA BIGNAMI Riforme, i renziani ai dissidenti Pd:

Dettagli

LA METRONOTTE Di Paolo Mondani

LA METRONOTTE Di Paolo Mondani LA METRONOTTE Di Paolo Mondani Montali è indagato, anzi, sotto processo per? Collusione con la Banda della Magliana, riciclaggio, corruzione e intestazione fittizia di beni. MILENA GABANELLI IN STUDIO

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle PRESIDENTE. Signor sindaco, la ringraziamo per la presenza. Stiamo completando l inchiesta sulla Calabria.

Dettagli

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa?

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa? 1. In Germania c'è l'impressione che in Italia il periodo degli grandi assassini della mafia sia passato: Non si vede più grandi attentati come quellineglianninovanta.comemai?egiustoquestaimpressione?

Dettagli

Come essere genitori grazie alla maternità surrogata e non morire nel tentativo: l esperienza di Subrogalia

Come essere genitori grazie alla maternità surrogata e non morire nel tentativo: l esperienza di Subrogalia FEBBRAIO 2015 Come essere genitori grazie alla maternità surrogata e non morire nel tentativo: l esperienza di Subrogalia Il nostro Presidente DÍDAC SANCHEZ e il Responsabile Legale della compagnia, FRANCO

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A Doc. IV-bis n. 10 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE IN GIUDIZIO A I S E N S I D E L L A R T I C O L O 9 6 D E L L A C O S T I

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle amministrazioni dello Stato.

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle amministrazioni dello Stato. Deliberazione n. 21/2011/G REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza del 6 e del 16 dicembre 2011

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

' UIL PA Penitenziari - Segreteria Nazionale '

' UIL PA Penitenziari - Segreteria Nazionale ' ' UIL PA Penitenziari - Segreteria Nazionale ' Da: Salvato da Windows Internet Explorer 7 Inviato: giovedì 19 febbraio 2009 15.05 Oggetto: Il Giornale di Calabria: il primo giornale online calabrese per

Dettagli

Ragusa - Cerimonia 201 annuale di Fondazione dell Arma di Carabinieri

Ragusa - Cerimonia 201 annuale di Fondazione dell Arma di Carabinieri Ragusa - Cerimonia 201 annuale di Fondazione dell Arma di Carabinieri Eccellenza Reverendissima, Signor Prefetto, Autorità politiche, civili e militari, rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 27 GENNAIO 2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 27 GENNAIO 2009 PROVINCIA DI PISTOIA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE Atto N. 28 Seduta del 27 GENNAIO 2009 OGGETTO: INTERROGAZIONE ORALE DEL CONSIGLIERE CARDELLI SU SPAZI PUBBLICITARI SULLE

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Partecipazione della Vice Presidente del Senato, Valeria Fedeli, al Convegno. "Fare impresa sociale e buona economia"

Partecipazione della Vice Presidente del Senato, Valeria Fedeli, al Convegno. Fare impresa sociale e buona economia Partecipazione della Vice Presidente del Senato, Valeria Fedeli, al Convegno "Fare impresa sociale e buona economia" Milano, venerdì 7 novembre 2014 Presidente Vita, Presidente Carrara, Autorità, Gentili

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

REPERTORIO N. 52067 RACCOLTA N. 9362 COSTITUZIONE DI FONDAZIONE. REPUBBLICA ITALIANA. L'anno duemilacinque il giorno ventotto del mese di febbraio.

REPERTORIO N. 52067 RACCOLTA N. 9362 COSTITUZIONE DI FONDAZIONE. REPUBBLICA ITALIANA. L'anno duemilacinque il giorno ventotto del mese di febbraio. REPERTORIO N. 52067 RACCOLTA N. 9362 COSTITUZIONE DI FONDAZIONE. REPUBBLICA ITALIANA. L'anno duemilacinque il giorno ventotto del mese di febbraio. 28 febbraio 2005. In Palermo nel mio studio sito nella

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori.

Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori. Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori. Il Consiglio Provinciale ed il Consiglio Comunale di Vibo Valentia riunitisi

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Calabria antica-autentica-accogliente Coldiretti Calabria Campagna Amica settimana della Calabria agricola e agroalimentare Expo Milano

Calabria antica-autentica-accogliente Coldiretti Calabria Campagna Amica settimana della Calabria agricola e agroalimentare Expo Milano Calabria antica-autentica-accogliente, è questo il tema del programma di eventi ideato da Coldiretti Calabria, in collaborazione con la fondazione Campagna Amica, per la settimana della Calabria agricola

Dettagli

BIOGRAFIA DI CSI, SUI RAPPORTI ISTITUZIONALI

BIOGRAFIA DI CSI, SUI RAPPORTI ISTITUZIONALI CSI- PERITI E CONSULENTI FORENSI ITALIA, 50142 FIRENZE, VIA PONTASSIEVE 29 Presidente: Saverio Fortunato (Specialista in Criminologia Clinica, Docente Università Ludes di Lugano) Vicepresidente: Marco

Dettagli

Incontri seminariali faccia a faccia su specifici temi ambientali

Incontri seminariali faccia a faccia su specifici temi ambientali Incontri seminariali faccia a faccia su specifici temi ambientali INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE Edizione speciale anche per contributo di studio utile per preparazione a concorsi pubblici, esami e tesine

Dettagli

La strategia per lo sviluppo del Sud ha come requisito essenziale la soddisfazione dei diritti di cittadinanza

La strategia per lo sviluppo del Sud ha come requisito essenziale la soddisfazione dei diritti di cittadinanza 1 La strategia per lo sviluppo del Sud ha come requisito essenziale la soddisfazione dei diritti di cittadinanza Con scuola, sicurezza, qualità dell aria e dell acqua, la giustizia è uno dei servizi essenziali

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 998 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Disposizioni per la tutela dei risparmiatori e istituzione del Fondo di garanzia

Dettagli

VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI

VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 768 VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI 18 settembre

Dettagli

La professione di avvocato

La professione di avvocato La professione di avvocato Prima di illustrare brevemente le poche regole che governano l accesso alla professione, mi soffermerei, altrettanto brevemente, a parlare con parole semplici di questa professione,

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 16 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa della senatrice RICCHIUTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 GIUGNO 2014 Istituzione di una Commissione

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

INFILTRAZIONI MAFIOSE NEL NORD ITALIA E APPALTI. CONOSCERE PER PREVENIRE

INFILTRAZIONI MAFIOSE NEL NORD ITALIA E APPALTI. CONOSCERE PER PREVENIRE INFILTRAZIONI MAFIOSE NEL NORD ITALIA E APPALTI. organizzato dal Gruppo Consiliare del Partito Democratico al Comune di Milano in collaborazione con Avviso Pubblico. Enti locali e Regioni per la formazione

Dettagli

Via Farini, 62-00186 Roma - fax +39 06 48903735 - coisp@coisp.it / www.coisp.it. Rassegna stampa 12/13 giugno 2009

Via Farini, 62-00186 Roma - fax +39 06 48903735 - coisp@coisp.it / www.coisp.it. Rassegna stampa 12/13 giugno 2009 COISP: l arresto a Roma dei presunti BR prova che le ronde non servono, Maccari: investire in intelligence!! Rassegna stampa 12/13 giugno 2009 In un'ottantina di pagine il giudice Maurizio Caivano illustra

Dettagli

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Domanda: Sono un operatore di polizia giudiziaria e noto che molti colleghi con funzioni

Dettagli

Avv. Immacolata Letizia Di Mattina. Nazionalità: Italiana. Data di nascita: 20.12.1974. Luogo di nascita: Taviano (LE) Cellulare: 347.

Avv. Immacolata Letizia Di Mattina. Nazionalità: Italiana. Data di nascita: 20.12.1974. Luogo di nascita: Taviano (LE) Cellulare: 347. CURRICULUM VITAE Avv. Immacolata Letizia Di Mattina DATI PERSONALI: Stato civile: Nubile Nazionalità: Italiana Data di nascita: 20.12.1974 Luogo di nascita: Taviano (LE) Residenza: Taviano (LE), Via Generale

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Calabria Legge della Regione Calabria 7 marzo 2011, n. 4, recante Misure per garantire la legalità

Dettagli

IL RITORNO ALLA LEGALITÀ. ANALISI DI TRE AZIENDE «RICONVERTITE».

IL RITORNO ALLA LEGALITÀ. ANALISI DI TRE AZIENDE «RICONVERTITE». IL RITORNO ALLA LEGALITÀ. ANALISI DI TRE AZIENDE «RICONVERTITE». CALCESTRUZZI ERICINA LIBERA SOCIETÀ COOPERATIVA GRAND HOTEL GIANICOLO SPIAGGIA LIBERA S.P.Q.R. PREMESSA METODOLOGICA. IMPOSTAZIONE DELLA

Dettagli

I disegni dei bambini della Scuola Materna di Serravalle Scrivia (AL)

I disegni dei bambini della Scuola Materna di Serravalle Scrivia (AL) I disegni dei bambini della Scuola Materna di Serravalle Scrivia (AL) NELLA NOSTRA AUTONOMI A LA VOSTRA LIBERTA SEGRETERIA PROVINCIALE C.so Acqui, 40 2 15100 Alessandria Tel. 0131-314266

Dettagli

Mr Google Schmidt a Roma. Immagini e idee

Mr Google Schmidt a Roma. Immagini e idee Mr Google Schmidt a Roma. Immagini e idee 10-10 - 2013 A Roma ieri soffiava aria di cambiamento. A infonderla è arrivato direttamente dal vertice di Google Eric Schmidt che prima ha creato la giusta suspense

Dettagli

La criminalità in Sardegna Reati, autori e incidenza sul territorio

La criminalità in Sardegna Reati, autori e incidenza sul territorio Università degli studi di Sassari Dipartimento di Economia, Istituzioni e Società Centro di Studi Urbani La criminalità in Sardegna Reati, autori e incidenza sul territorio PRIMO RAPPORTO DI RICERCA ANTONIETTA

Dettagli

E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo:

E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo: E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo: 1) Toro-Inter 2) Sampdoria Toro 3) Toro Verona 4) Cagliari Toro

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO NO MAFIE BIELLA BILANCIO SOCIALE

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO NO MAFIE BIELLA BILANCIO SOCIALE ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO NO MAFIE BIELLA BILANCIO SOCIALE IDENTITA' DELL'ASSOCIAZIONE L'Associazione NO MAFIE BIELLA, che per brevità chiameremo NO MAFIE è un associazione di volontariato ONLUS (organizzazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio COPIA COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 30 Del 21-10-14 Oggetto: "IPOTESI NAZIONALE DI ACCORPAMENTO DELL'AUTORI= TA'PORTUALE DI OLBIA

Dettagli

COM E ANDATA A FINIRE: IL BOCCONE DEL PRETE Di Paolo Mondani

COM E ANDATA A FINIRE: IL BOCCONE DEL PRETE Di Paolo Mondani COM E ANDATA A FINIRE: IL BOCCONE DEL PRETE Di Paolo Mondani FUORI CAMPO Se scegli la via del denaro, alla fine sarai un corrotto. Non puoi servire Dio e il denaro. O l uno o l altro e questo non è comunismo.

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA VICENTINA Provincia di Vicenza

COMUNE DI NOVENTA VICENTINA Provincia di Vicenza Deliberazione N. 21 in data 14/06/2014 COPIA COMUNE DI NOVENTA VICENTINA Provincia di Vicenza Verbale di Deliberazione di Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di 1 convocazione-seduta Pubblica Oggetto:COSTITUZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 27.2.2013 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 142/2009, presentata da R.A.J., cittadino italiano, corredata di due firme, sull'intervento

Dettagli

Seduta Plenaria del 17 dicembre 2014 Nomina del Procuratore della Repubblica di Palermo Intervento del Cons. Piergiorgio Morosini

Seduta Plenaria del 17 dicembre 2014 Nomina del Procuratore della Repubblica di Palermo Intervento del Cons. Piergiorgio Morosini Seduta Plenaria del 17 dicembre 2014 Nomina del Procuratore della Repubblica di Palermo Intervento del Cons. Piergiorgio Morosini Oggi siamo chiamati a un supplemento di attenzione verso le regole della

Dettagli