2iT S.R.L. insurancestag BROKER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2iT S.R.L. insurancestag BROKER"

Transcript

1 2iT S.R.L. insurancestag BROKER BIZ PLAN SINTETICO pag 1 di 23

2 ATTENZIONE: tutti i diritti sul presente documento sono riservati ed ogni copia o ritrasmissione, anche parziale, è severamente vietata. pag 2 di 23

3 INDICE DEI CONTENUTI a. PREMESSA b. L IDEA DI BUSINESS c. L'ANALISI DEL MERCATO IN PILLOLE d. LA 2iT S.R.L. insurancestag BROKER 1. il metodo 2iT S.R.L. 2. lo schema operativo 3. la mission aziendale 4. i valori guida 5. il mercato di riferimento 6. l area geografica di attività 7. i servizi di start up 8. le sedi 9. la struttura societaria di 2iT S.R.L. e la compagine sociale e. IL COMPANY PROFILE f. I SERVIZI g. LE PERSONE 2iT pag 3 di 23

4 ATTENZIONE: tutti i diritti sul presente documento sono riservati ed ogni copia o ritrasmissione, anche parziale, è severamente vietata. pag 4 di 23

5 a. PREMESSA Con la definizione God s view (visuale di Dio) si intende normalmente definire la capacità di valutare un idea sia nella sua proiezione spaziale che in quella temporale. La God s view è quella che il presente documento cerca di evocare nell intento di inquadrare il piano industriale e di definire l insieme di attività che la società 2iT S.R.L. intende porre in atto. La società 2iT S.R.L. è un Broker assicurativo e si pone quale partner operativo per gli Intermediari Wholesale, le Agenzie di medie dimensioni, gli altri Broker e le Imprese Assicuratrici che vogliono aumentare il loro potenziale di penetrazione nel Nord Est, cioè in una delle aree a maggior valore aggiunto del nostro Paese. 2iT S.R.L. raggiunge la clientela direttamente nella sua area produttiva e nella sua abitazione, agli orari e nei giorni che il Cliente comunica, e per mezzo di sistemi basati sul web interagisce in tempo reale con le esigenze raccolte, potendo scegliere, comparare, preventivare e presentare i contenuti delle varie tipologie di copertura del rischio ricercate dal Cliente. La clientela del data base aziendale viene sempre ricontattata in tempi successivi per essere continuamente aggiornata ed informata sulle sue coperture in modo da consolidare il rapporto fiduciario instaurato con il Consulente Account della società. 2iT S.R.L. si è dotata di un Codice Etico che prevede specifici comportamenti propri e dei suoi Account non solo in chiave interna, ma sopratutto, anche nei confronti dei terzi sia Clienti che fornitori. Il nostro Codie Etico sicuramente offre una ulteriore garanzia di trasparenza operativa. Le tecniche di cross sell di portafoglio mirate ad una rivalorizzazione di breve termine (una prassi assicurativa molto praticata), senza un vero miglioramento delle garanzie e dei costi per il Cliente, che in ultima analisi abbassano l'indice di affidabilità dell'intermediario senza qualificarlo, non vengono pertanto utilizzate dalla nostra società. 2iT S.R.L. instaura e consolida i rapporti in una logica di costruzione del valore condivisa e proiettata nel tempo. pag 5 di 23

6 b. L IDEA DI BUSINESS L idea di business è semplice ed essenziale, incentrata non solo su considerazioni di costo beneficio, ma anche: 1. sulla ricerca di un'alta qualità del servizio fornito ai Clienti contraenti le coperture dei rischi collocate dalla società, 2. sulla capacità di intervento effettivo in spazi del mercato assicurativo sia B2B (BUSINESS to BUSINESS) che B2C (BUSINESS to CONSUMER) attualmente presidiati in modo troppo convenzionale dai player presenti. 2iT S.R.L. è uno dei primi Broker nel nostro Paese a fornire prestazioni per la clientela Persona Fisica oltre che societaria, e, in qualità di Broker Retail crede che in questo spazio di mercato siano presenti molte aree di possibile intervento. Si registra infatti una crescente richiesta di consulenza anche ai livelli mass market e si crede che, con le dovute capacità, questa esigenza possa venire intercettata e trasformata in valore aggiunto per il posizionamento della società. La consulenza assicurativa fornita in chiave retail aumenta i margini reddituali del Broker e si presta a fornire la clientela di migliori coperture e di tutele crescenti quando si dovessero verificare i sinistri. L'area di intervento nella quale la società si concentra quindi, è quella distributivo commerciale sia per i servizi di natura assicurativa, che per i servizi avanzati di intermediazione di prodotti strutturati che necessitano di essere interpretati per i loro contenuti sofisticati, e veicolati poi in modo corretto, e non solo commercialmente, sul mercato aziendale e retail. Strumentale a questa operatività è la capacità di creare e gestire una rete di Consulenti assicurativi basata su criteri formativi e relazionali mirati a produrre un basso turn over della rete stessa, e tali da determinare un differenziale positivo rispetto allo standard medio presente sul mercato. La capacità di fare rete in qualità e peculiarità è quindi oggetto di core business e crea valore aggiunto tramite la fornitura di prestazioni B2B ad altri Intermediari assicurativi e alle Compagnie. pag 6 di 23

7 c. L'ANALISI DEL MERCATO IN PILLOLE Il mercato assicurativo italiano è caratterizzato da una serie storica di crescita con derivata a bassa inclinazione, caratterizzata da un flesso a cavallo dei primi anni duemila. L'analisi sistemica dello stato del mercato assicurativo degli ultimi 25 anni evidenzia una serie importante di fattori di cui tener conto che sono sia di natura legislativa e strutturale, sia di natura prettamente commerciale. Da un punto di vista legislativo si sta transitando verso una regolamentazione di principio improntata su quella europea, e quindi intrinsecamente più favorevole al cliente consumatore, e mirata ad abbassare lo squilibrio normativo in essere a favore dei soggetti giuridici conformati come compagnie di assicurazione. Questo sta impattando, ed impatterà sempre più, sulle modalità di commercializzazione e veicolazione delle polizze assicurative nel prossimo futuro. Ci si attende una riduzione dei margini operativi lordi e si ritiene plausibile la costruzione di prodotti flessibili e strutturalmente semplificati che abbassino la lavorazione delle pratiche nel back office e che contengano margini compensativi intrinsechi, in analogia a quanto è accaduto negli ultimi anni per l'offerta dei prodotti bancari. Dal punto di vista commerciale, si imporranno nuove strategie di pricing, di servizio correlato ed accessorio, di commercializzazione del prodotto. Assumeranno importanza crescente le capacità green, cioè di dispensare prodotti a basso contenuto cartaceo, e le capacità on spot, cioè la possibilità di fare pricing e proiezioni immediate al cliente tramite tecnologia wireless e a casa sua. Nel mercato italiano la caratterizzazione dei player è piuttosto concentrata su alcune tipicizzazioni: i player italiani con forte radicamento territoriale e dimensionalmente significativi, con marchi importanti e riconoscibili, caratterizzati da eventi di fusione ed incorporazione societaria; i player originanti da primarie compagnie straniere caratterizzati da una forte dinamicità derivante da portafogli costruiti su tecniche commerciali originariamente multilevel, sviluppate a partire dagli anni novanta e utilizzate fino a pochi anni fa; i player di dimensioni più contenute a forte vocazione di crescita e germinati da compagnie straniere, con prodotti e una distribuzione commerciale ancora in via di sviluppo. Si registra nell'ultimo ventennio, parimenti, la scomparsa di molte piccole compagnie italiane che, sia per eccessiva specializzazione di prodotto, che per distrazioni importanti nel modello di business, sono state via via assorbite da altre società. La caratterizzazione a blocchi dei player è riscontrabile anche in alcune caratteristiche recessive dei portafogli e da comuni debolezze originanti dai modelli di business estremamente classici e conservatori, poco adatti ad aggredire il mercato attuale che richiede servizi più che prodotti. Il risultato finale ad oggi, è una saturazione del potenziale di mercato domestico ancora bassa, che indica chiaramente che nuovi modelli di crescita sarebbero richiesti e potrebbero produrre risultati apprezzabili. La percezione della clientela negativa e distorta che si manifesta in ogni studio e sondaggio relativamente alle compagnie assicurative, risente sia dei fattori di discrasia diciamo agenziali che delle irregolarità passate presenti nella vendita multilevel del recente passato e ancora presenti, seppur in forma camuffata, in molte strutture commerciali. Per molte compagnie, l'efficienza procedurale scarsa degli uffici centrali e territoriali che processano gli eventi di sinistro e che determinano la tempistica media di lavoro sulle pratiche fanno poi il resto, abbassando fortemente la qualità del servizio percepita dal cliente. pag 7 di 23

8 d. LA 2iT S.R.L. insurancestag BROKER 1. IL METODO 2iT S.R.L. La società, valutato questo scenario complessivo, si propone quindi quale partner operativo sul fronte dell'operatività territoriale diretta a supporto di una forma evoluta dell'intermediario tradizionale e del Broker Wholesale, identificando negli spazi di inefficienza esistenti nei soggetti principali della catena della produzione assicurativa, la propria area d'intervento. Si ritiene infatti che questo specifico spot del mercato stia la chiave di volta per intraprendere quelle azioni graduali di risanamento dei portafogli che partendo dalle realtà locali, potrebbe poi assumere una rilevanza di contesto. La struttura di Consulenti assicurativi iscritti come Intermediari alla sezione E del R.U.I. facenti capo alla società 2iT.S.R.L. e già esperti e formati, viene orientata specificamente sui coperture di rischio mirate con l'obiettivo di lavorare sui portafogli in scadenza e può essere anche rivolta allo sviluppo di unità operative locali. Il Consulente Account itinerante è infatti il soggetto relazionale determinante per la percezione di un miglior servizio da parte della clientela, si muove nei tempi, con gli orari e nei luoghi che la clientela desidera, instaura rapporti interpersonali ottimi e basati sulla fiduciarietà, seguendo l'impronta ormai desueta della figura professionale del vecchio agente come era prima dell'introduzione dell'obbligo della RC auto per legge. 2iT S.R.L. ritiene che con questo approccio rispettoso della tradizione assicurativa migliore, evoluta e attualizzata con le richieste del mercato, renda possibile riavvicinare la clientela dormiente e ora identificata solo da dati anagrafici privi di contorno specifico, sia a livello aziendale, soprattutto le PMI, che privato. 2iT S.R.L. riporta il valore del servizio nella fase commerciale per estendere le prestazioni del Broker anche a quei soggetti che storicamente non hanno beneficiato di queste capacità. Si ritiene anche che tale approccio consenta di proporre alla clientela prodotti strutturati complessi o più costosi, essendo più capillare la capacità di intercettare tipologie differenziate di clientela, quale quella dotata dei livelli più alti di maturità finanziario-assicurativa. Questa clientela premium è fortemente presente nel Nord Italia e la capacità di intercettarla è maggiore per le strutture come quella di 2iT S.R.L., che pongono l'obiettivo qualità al di sopra della semplice vendita spot. Parlando di insurance allocation per una clientela retail, il ramo vita/previdenza da sempre non facente parte delle prestazioni fornite dai Broker, è considerata un target primario, in particolare se correlato al pianeta famiglia, e quindi indirizzato alle coperture di rischio dei rami danni alla casa e ai beni, che, per effetto di trascinamento comportano una serie di possibilità commerciali su tutti i rami elementari ed i relativi spazi di revenues. E' quindi evidente che si vanno a focalizzare ed aggregare le intenzioni di salvaguardia sia affettiva che economica dell'imprenditore, del cittadino e del nucleo familiare medio italiano. Si ritiene che il capire queste intenzioni sia la chiave d accesso per la realizzazione di un potenziale commerciale importante. Si mira quindi a mettere a disposizione del cliente finale una serie di strumenti che traducono le sue intenzioni in sicurezze, rendendo ad esempio l'azienda e l abitazione (intesa nella sua accezione più ampia): accessibile e sicura, disponibile e completa, realizzante e non fonte di preoccupazioni o di dubbi per il futuro. pag 8 di 23

9 Si vuole cioè rendere il cliente libero dai problemi di responsabilità verso terzi, verso i dipendenti ed i familiari con coperture su tutta la sfera della sua vita, professionale e privata, in poche parole: si mira a renderlo soggetto di differenziati strumenti assicurativi presentati in una chiave di servizio. La fase operativa commerciale adotta una visione centrata sul Cliente, gestito in modo professionale e nel tempo, in definitiva molto più remunerativo di un Cliente semplicemente fornito, o servito una tantum. La formazione dei consulenti Account è quindi mirata non sui prodotti specifici, ma sulle modalità di costruzione di un rapporto fiduciario da sviluppare e consolidare nel tempo fra Cliente e Consulente assicurativo. Semplificando in modo comparato il metodo client driven con un esempio basato su di un capofamiglia che desidera assicurare l'immobile di residenza del suo nucleo familiare: A. AGENZA ASSICURATIVA TRADIZIONALE CHI SI MUOVE: il Cliente TGT VENDITA: medio basso QUALITA' PERCEPITA: dipendente dall'agente, in media BASSA POSSIBILITÀ POST SELLING: BASSA Il Cliente esprime un livello di soddisfazione medio basso, più dipendente dalla sua conoscenza pregressa con l'agente che con la soddisfazione della sua esigenze. B. 2iT S.R.L. CON I SUOI ACCOUNT CHI SI MUOVE: TARGET VENDITA: QUALITA' del SERVIZIO POSSIBILITÀ POST SELLING RIFERIMENTO PER IL CLIENTE: il Consulente Account molto alto ed incrociato su più prodotti mediamente ALTA MOLTO ALTA il BROKER Il Cliente esprime un livello di soddisfazione buono - ottimo, correlato alla sensazione di aver coperto adeguatamente le sue esigenze. E' presente la consapevolezza che qualcuno conosce le sua specifica situazione e tornerà, se necessario, da lui pronto a fornire assistenza ulteriore. La percezione del costo assicurativo è diluita nel servizio e tende a rendere il Cliente più recettivo delle ulteriori possibilità di copertura per la sua situazione globale. In questo modello di intervento la fase di post vendita non è quindi più accessoria al business, ma ne è parte integrante e funzionale. pag 9 di 23

10 Dal punto di vista dei confini operativi, la società sviluppa competenze e una capacità basate su 2 livelli distinti di business: I. livello B2C si raggiunge direttamente l utente attraverso una capacità commerciale propria ed un marchio immagine coordinata. Questo piano esploita le dinamiche di rete vendita e di marketing associato cosi come concepite in-house. Esso prevede inoltre l acquisizione di tutte le strumentalità e le capacità operativo funzionali idonee a realizzarlo nel quadro programmatico delineato. La società 2iT S.R.L. operando con iscrizione alla seziona B del R.U.I. e tramite collaboratori iscritti alla sezione E, presidia in modo professionale il mercato retail mai prima presidiato da un BROKER e quello aziendale tipico del profilo operativo di questa tipologia di intermediario. II. livello B2B nel quale si producono servizi destinati a migliorare l offerta al Cliente finale effettuata dagli Intermediari assicurativi tradizionali presenti sul mercato con uffici sparsi sul territorio. In questa area si prevede una operatività di enanching del portafoglio e la rivisitazione del portafoglio Clienti attivo al fine di aumentare la redditività pro capite media dello stesso ed aumentare il volume d'affari tramite una ottimizzazione del portafoglio e uno sviluppo capillare dell'area. La capacità/qualità di prodotto fornita dagli Intermediari Broker Wholesale e dagli Assicuratori viene espressa ad un potenziale più alto che remunera meglio gli investimenti pubblicitari e di rete effettuati. La società 2iT S.R.L. è espressamente mirata ad occupare questo spazio di mercato in un'ottica B2B che aumenta il valore dei contratti in portafoglio, prevede un intervento selettivo e a scadenza. I Consulenti Account formati in house e dotati di esperienza pluriennale nel settore, nonché di clientela propria, divengono il mezzo attraverso cui le strategie operative B2B e B2C si integrano. pag 10 di 23

11 2. LO SCHEMA OPERATIVO Il progetto operativo si può delineare come un rombo nel quale la società rappresenta la capacità di unire la domanda con l offerta in modo non tradizionale e mirato sul cliente finale, con la sua capacità di analisi dei rischi e di collocamento degli stessi presso le fabbriche prodotto. Nel rombo sono raffigurate tutte le aree in cui 2iT S.R.L. può intervenire fornendo garanzie per il trasferimento dei rischi e nelle quali sono possibili le sue prestazione di preparazione delle coperture in forma di pacchetti mirati per la Clientela. 2iT S.R.L. CASA LAVORO TEMPO LIBERO TITOLARI AZIENDA DIPENDENTI rami danni rami vita e previdenza CLIENTE AZIENDA - PMI - ATTIVITA' COMMERCIALE - RETAIL La società 2iT S.R.L. si pone come obiettivo la capacità di mediare fra le esigenze e le aspettative del Cliente e pianifica le esigenze future in modo da realizzare il massimo match fra prestazione e qualità del servizio / redditività della posizione. Si mira a connettere le esigenze e ad essere sviluppatori di offerta, in modo non solo di reagire alle richieste, ma di essere generatori di esigenze attraverso la capacità di proporre la rete commerciale quale interlocutore proattivo al Cliente. In questa direzione si sviluppa la collaborazione con società prodotto e altri Intermediari Wholesale in modo da poter gestire anche gli inevitabili cambiamenti che si presentino durante la vita produttiva della Persona e dell'azienda, che sono e debbono rimanere Clienti acquisiti e soddisfatti. pag 11 di 23

12 3. I VALORI GUIDA Miglioramento progressivo e costante delle prestazioni e delle relazioni a seguito di processi di analisi applicativa dei principi di quality control. Principio di aderenza al criterio di responsabilità verso tutte le controparti. Coinvolgimento della struttura dei Consulenti attraverso strumenti partecipativi nella società e vettoramento dei valori guida attraverso gli obiettivi della mission aziendale implementati dal Codice Etico. Ricerca e verifica continua delle esigenze espresse dal mercato al fine di rispondere ad esigenze reali e non solo commerciali. Affidabilità ed efficienza nelle relazioni con le Compagnie assicurative e la clientela. Crescita della rete commerciale con continua formazione e qualifica del personale al fine di fornire una identità condivisa e peculiare. 4. LA MISSION AZIENDALE Essere una organizzazione in grado di adattarsi alle rapide e sofisticate richieste del mercato in fatto di capacità di commercializzare servizi sia attraverso l impiego di prodotti finanziarioassicurativi classici che evoluti. Collocare la crescita della società nell alveo di un modello aziendale strutturato sulla qualità. L efficienza e l efficacia perseguite su tutto il fronte relazionale sia interno che esterno alla società. Essere un incubatore di idee che definisce e stabilisce nuovi standard operativi e di prodotto, individuando e sviluppando tutti gli spazi offerti dai disallineamenti del mercato e non occupati adeguatamente dalle organizzazioni presenti nella società. 5. IL MERCATO DI RIFERIMENTO Sia per il piano B2B che per quello B2C, è quello assicurativo nelle sue asimmetrie operative e reddituali per gli operatori. 6. L AREA GEOGRAFICA DI ATTIVITA E il territorio nazionale, con una start up localizzata per tipologia della rete di consulenti nel Nord Est dell'italia (Veneto Friuli). 7. SERVIZI DI START UP Sono principalmente basati su:. rami elementari e servizi collaterali per l'azienda. polizze strutturate a copertura integrata assemblate da 2iT S.R.L.. ramo vita e previdenza per le Persone e le Aziende pag 12 di 23

13 8. LE SEDI La società ha sede legale e amministrativa in Treviso ed 1 sede logistica in Treviso centro ove conserva anche l'archivio cartaceo, ma utilizza prevalentemente quali sedi operative gli spazi dedicati negli uffici dei propri partner commerciali, sia Agenti che altri Broker. La 2iT S.R.L. è atipica in questo aspetto, non coniuga la usuale tradizione degli alti costi fissi con la rappresentatività formale di fronte al Cliente e ai terzi in genere, ritenendo tale modalità non più adeguata al mercato attuale e fortemente depressiva dei margini operativi da core business. La società investe nei suoi Consulenti Account, considera il muoversi verso il Cliente (in tutti i sensi) come la sua reale vocazione da tradurre in modalità operativa e tecnica. 9. LA STRUTTURA SOCIETARIA DI 2IT S.R.L. e LA COMPAGINE SOCIALE Si presuppone che: a. le quote societarie conferiscono diritti di voto ai sensi di legge. b. la fase di start up prevede un Amministratore Unico per ottimizzare le facoltà e le tempistiche decisionali. Il consiglio di amministrazione e lo steering comittee della società potranno essere adottati a partire dal terzo anno. I soci della società sono 2 persone fisiche: soci quote % 1. socio A 51 % 2. socio B 49 % Il socio B di minoranza, è l'amministratore Unico, in una logica di bilanciamento dei poteri tra organo amministrativo ed Assemblea dei soci. Sintesi delle caratteristiche attuali della società SOCI FONDATORI: 2 TIPO DI SOCIETA : TIPO DI DIRITTO: di Capitale, a Responsabilità Limitata Italiano CAPITALE NOMINALE: COLLEGIO SINDACALE: DELIBERE ASSEMBLEA SOCI: CLAUSOLA DI GRADIMENTO: CLAUSOLA DI PRELAZIONE: NO 75% minimo del capitale SI SI pag 13 di 23

14 e. IL COMPANY PROFILE La 2iT s.r.l. Broker è un operatore in ambito assicurativo che agisce c o m e v e i c o l o strutturato nel fornire prestazioni a tutela dei rischi e a protezione del patrimonio. Opera per le esigenze della Famiglia e della Persona, delle Aziende e dei loro titolari, dirigenti e collaboratori. L attività di core business è quella di Broker assicurativo per il trasferimento dei rischi tramite una struttura di Consulenti selezionati, formati e gestiti direttamente dalla società e regolarmente iscritti al Registro Unico degli Intermediari assicurativi alla sezione E. L attività di Arranger e Consulente assicurativo viene svolta a favore di altri Intermediari ed imprese operanti nel settore, quali le Compagnie assicurative, gli Agenti ed i Brokers, i distributori di prodotto. 2iT S.R.L. insurancestag ƀroker pag 14 di 23

15 La formazione in house per i propri Consulenti Account, può essere efettuata anche per conto terzi. In questo ambito, si forniscono moduli di marketing e tecnici con percorsi mirati alla formazione del personale di front line e delle strutture commerciali delle società operanti in ambito assicurativo. L attività si estende anche nell'arranging per operazioni di network enhancing and optimization, condotte a favore di fornitori di prodotto nei confronti dei loro distributori territoriali e per lo sviluppo commerciale di nuovi prodotti strutturati a contenuto assicurativo, previdenziale o di casse sanitarie. Nei confronti delle Compagnie Assicurative, la 2iT Broker agisce quale interlocutore B2B per le campagne prodotto e per il lancio di iniziative di marketing commerciale sui distributori d'area, risolvendo le situazioni di criticità emergenti nei rapporti agenzia/broker - Compagnia. La società fornisce anche servizi di consulenza strategica nel settore assicurativo, analisi di processo e di prodotto. 2iT S.R.L. insurancestag ƀroker pag 15 di 23

16 f. I SERVIZI La 2iT insurances Tag è iscritta al Registro Unico degli Intermediari Assicurativi e riassicurativi (R.U.I.) al numero B della sezione B BROKER. La società fornisce le seguenti principali prestazioni in ambito B2B: Analisi degli indici di rischio dell'azienda, dei dirigenti e del personale chiave, dei macchinari e delle strutture, dei rischi ambientali e da contaminazione e propagazione Analisi degli indici di rischio dell'intermediario assicurativo Assistenza per le soluzioni assicurative dell azienda Gestione delle relazioni assicurative e interposizione di garanzia Finanza gestionale per l'intermediario assicurativo Consulenza ed Arranging per operazioni assicurative Due diligence e valutazioni societarie dell'intermediario assicurativo Riformulazione mirata di prodotti assicurativi multimarca Selezione, gestione e strutturazione delle reti commerciali Formazione degli Intermediari assicurativi e delle strutture commerciali iscritte alla sezione E del R.U.I. 2iT S.R.L. insurancestag ƀroker pag 16 di 23

17 g. LE PERSONE 2iT La società è composta da managers e consulenti assicurativi, sono le nostre Persone. E... fanno tutta la differenza. pag 17 di 23

18 pag 18 di 23

19 la partenza... Venezia, Giugno 2013 pag 19 di 23

20 I nostri convegni... Castelbrando, Follina - Settembre 2013 pag 20 di 23

21 incontro con gli avvocati dell'a.i.g.a. (Associazione Italiana dei Giovani Avvocati) pag 21 di 23

22 pag 22 di 23

23 ,...e così via... pag 23 di 23

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Opportunità di operare con Fondi Sanitari di terzi. Roberto Anesin, Amministratore Delegato April Italia S.p.A.

Opportunità di operare con Fondi Sanitari di terzi. Roberto Anesin, Amministratore Delegato April Italia S.p.A. Opportunità di operare con Fondi Sanitari di terzi Roberto Anesin, Amministratore Delegato April Italia S.p.A. 36 Esperienza internazionale Il Gruppo APRIL nasce a Lione nel 1988, quotato alla Borsa di

Dettagli

Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia. www.ifoap.it

Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia. www.ifoap.it Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia www.ifoap.it INDICE Il Marketing strategico e il marketing operativo La campagna di comunicazione L Analisi

Dettagli

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Convegno Nazionale dei Gruppi Agenti di Fondiaria e Sai Roma, 12 13 ottobre 2012 Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Fabio Orsi, IAMA Consulting Uno scenario complesso La grande

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

L idea. Sostenibilità. Sostenibilità economica. ambientale. Sostenibilità. sociale

L idea. Sostenibilità. Sostenibilità economica. ambientale. Sostenibilità. sociale COMPANY PROFILE 2013 L idea Green to Green srl è una società di servizi energetici nata nel 2013 dalla volontà di 3 professionisti del settore che hanno voluto trasferire le competenze maturate in una

Dettagli

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni è la Prima Agenzia Assicurativa italiana. La Società agisce su mandato di 17 compagnie leader nazionali ed internazionali e

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

BRIAN BROKERS è lieta di presentarsi al Parco Adda Sud al fine di assisterlo quale consulente assicurativo nello svolgimento dell attività di

BRIAN BROKERS è lieta di presentarsi al Parco Adda Sud al fine di assisterlo quale consulente assicurativo nello svolgimento dell attività di PREMESSA BRIAN BROKERS è lieta di presentarsi al Parco Adda Sud al fine di assisterlo quale consulente assicurativo nello svolgimento dell attività di - analisi e commento del piano assicurativo in uso

Dettagli

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0?

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? A) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI: LA RICERCA E IL TARGET 1. Il campione analizzato La ricerca, svolta

Dettagli

Internazionalizzare l impresa

Internazionalizzare l impresa Internazionalizzare l impresa Identificazione e analisi di comparazione Paese/area/location Questa è la prima risorsa necessaria a strutturare un valido studio di fattibilità sulla localizzazione prescelta

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni Il nuovo Consiglio di amministrazione della Banca Popolare delle Province Calabre, eletto nell assemblea degli azionisti del 14 ottobre p.v., sarà impegnato nell immediato futuro a redigere il nuovo piano

Dettagli

Il contesto di riferimento. Le nuove sfide per la qualità. Le esigenze degli operatori. IAssicur 2008 Large Data Base

Il contesto di riferimento. Le nuove sfide per la qualità. Le esigenze degli operatori. IAssicur 2008 Large Data Base Diagramma Il contesto di riferimento Le nuove sfide per la qualità Le esigenze degli operatori IAssicur 2008 Large Data Base Conclusioni Società indipendente nata nel 1986 Leader nella fornitura di soluzioni

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI Roma, 22 novembre 2011 Direzione Retail Funzione C.A.E. L EVOLUZIONE DEL SETTORE Gli ultimi cinque anni hanno

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

Biella, 31 marzo 2011

Biella, 31 marzo 2011 Relatore Commercialista e revisore contabile Biella, 31 marzo 2011 1 Perché? Le PMI che scelgono di partecipare ad una rete possono dar vita a collaborazioni tecnologiche e commerciali con aziende, per

Dettagli

L evoluzione delle agenzie di assicurazione 2012

L evoluzione delle agenzie di assicurazione 2012 L evoluzione delle agenzie di assicurazione 2012 Indagine sulla agent satisfaction degli agenti Generali Presentazione al Consiglio Direttivo Bologna, 15 novembre 2012 Copyright by IAMA Consulting Srl,

Dettagli

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Il mercato assicurativo: i canali

Il mercato assicurativo: i canali Il mercato assicurativo: i canali distributivi Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Dott.ssa Lara Maini 12 marzo 2012 Obiettivi della distribuzione assicurativa Ricerca della clientela Attività

Dettagli

La consulenza Finanziaria

La consulenza Finanziaria Convegno AIPB/ODCEC La consulenza Finanziaria Dott. Federico Taddei 22/03/2012 - luogo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Agenda Modello di servizio e analisi delle criticità Modelli di servizio

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006 1 UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale Verona, 18 dicembre 2006 2 Agenda Il contesto strategico La joint-venture specializzata nel business auto Il

Dettagli

Company Profile. Il nostro obiettivo è fare della serenità un valore sempre attuale.

Company Profile. Il nostro obiettivo è fare della serenità un valore sempre attuale. Company Profile Il nostro obiettivo è fare della serenità un valore sempre attuale. Assetto societario SOCI FONDATORI SWISS RE UNICREDIT UBIBANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA BANCA ETRURIA VENETO BANCA METHORIOS

Dettagli

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Convegno Nazionale Intermediari Assicurativi Le giornate professionali Milano, 1 febbraio 2013 Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati della ricerca IAMA Fabio Orsi

Dettagli

Fare impresa 3.0 - HDI Assicurazioni. Roma, 18 Maggio 2015

Fare impresa 3.0 - HDI Assicurazioni. Roma, 18 Maggio 2015 Fare impresa 3.0 - HDI Assicurazioni Roma, 18 Maggio 2015 L assicurazione nel Mondo DISTRIBUZIONE DEI PREMI MONDIALI INCASSATI PER PAESE L assicurazione nel Mondo PREMI (DANNI E VITA) PER ABITANTE L assicurazione

Dettagli

PASS_Compagnia. per il mondo Danni LA TECNOLOGIA CHE ABILITA IL BUSINESS. Case study Reale Mutua Assicurazioni

PASS_Compagnia. per il mondo Danni LA TECNOLOGIA CHE ABILITA IL BUSINESS. Case study Reale Mutua Assicurazioni PASS_Compagnia per il mondo Danni LA TECNOLOGIA CHE ABILITA IL BUSINESS Case study Reale Mutua Assicurazioni Indice 1. PASS_COMPAGNIA PER IL MONDO DANNI... 3 1.1 Sommario... 3 1.2 Lo scenario... 4 1.3

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

La Consulenza Finanziaria in Italia attori e metodologia operativa

La Consulenza Finanziaria in Italia attori e metodologia operativa La Consulenza Finanziaria in Italia attori e metodologia operativa Se pensate che la cultura sia costosa, provate l ignoranza (Derek Book, già presidente dell Università di Harvard) La Consulenza Finanziaria

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

CHI SIAMO. Mida. Risk Management Consulting. Mida, con oltre quarant anni di esperienza, è una

CHI SIAMO. Mida. Risk Management Consulting. Mida, con oltre quarant anni di esperienza, è una CHI SIAMO Chi siamo Mida. Risk Management Consulting Mida, con oltre quarant anni di esperienza, è una + DI 40 ANNI DI ESPERIENZA società di brokeraggio assicurativo in grado di offrire al cliente un attività

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! A new Player for your Business

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! A new Player for your Business A new Player for your Business Company Profile Alta Finance è una Società di brokeraggio assicurativo, nata con l ambizione di proporre al proprio Cliente la migliore soluzione assicurativa. Alta Finance

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa I comportamenti in evoluzione dei clienti assicurativi Milano, 11 ottobre 2012 Uno scenario complesso La grande depressione

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Finanza straordinaria & Strategie aziendali

Finanza straordinaria & Strategie aziendali FINSTRATEGY.AVI srl Via Campania, 86-63039 San Benedetto del Tronto (AP) Tel. e Fax 0735 783020 3387417429 E-mail: finstrategy@tin.it Web: www.finstrategy.it Mettiamo in pratica idee di valore FinStrategy.Avi

Dettagli

LE SFIDE PER IL 2015

LE SFIDE PER IL 2015 MERCATO & COMPAGNIE LE SFIDE PER IL 2015 di LAURA SERVIDIO L ATTESA CRESCITA, PER IL PROSSIMO ANNO, SARÀ LENTA. MA PER IL SETTORE ASSICURATIVO NON MANCANO LE OPPORTUNITÀ. TRA QUESTE, L EVOLUZIONE DEL MODELLO

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia Contratto FM Il Bollino Blu di IFMA Italia AGENDA Premessa Obiettivi Contenuti/Requisiti Conclusioni 2. PREMESSA Introduzione IFMA Italia, interlocutore privilegiato per tutte le tematiche relative al

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Gli intermediari e la collaborazioni. Indagine online rivolta a tutti i broker e agenti di assicurazione italiani. Quale atteggiamento

Gli intermediari e la collaborazioni. Indagine online rivolta a tutti i broker e agenti di assicurazione italiani. Quale atteggiamento Michele LANGUINO (Componente Esecutivo Nazionale SNA, Responsabile Area Legale) Collaborazioni tra Intermediari assicurativi Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati

Dettagli

Presentazione del progetto PROCESSO DI DISTRIBUZIONE INTEGRATA

Presentazione del progetto PROCESSO DI DISTRIBUZIONE INTEGRATA PROCESSO DI DISTRIBUZIONE INTEGRATA Il mercato 1. IL PROGETTO DI PARTNERSHIP Il Progetto nasce da una forte visione condivisa sul mercato di riferimento (le Imprese) e dalle modifiche in tema di mediazione

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare

Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare Presentazione alle Organizzazioni Sindacali Milano, 4 maggio 2015 Agenda Inquadramento Progetto (contesto di riferimento

Dettagli

IL CAMBIAMENTO DELL'INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E IL PUNTO DI VISTA DEGLI AGENTI EDIZIONE 2015

IL CAMBIAMENTO DELL'INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E IL PUNTO DI VISTA DEGLI AGENTI EDIZIONE 2015 IL CAMBIAMENTO DELL'INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E IL PUNTO DI VISTA DEGLI AGENTI EDIZIONE 2015 INNOVATION TEAM lancia la seconda edizione del progetto di ricerca "Il cambiamento dell'intermediazione assicurativa

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E GIL UNIPOL CGIL Le finalita della Convenzione Alla luce della proficua esperienza maturata in oltre vent anni di collaborazione, CGIL ed Unipol intendono procedere

Dettagli

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Gruppo Fratelli Pietrini S.p.a - Scarpamondo. Utilizzata con concessione dell autore. Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Partner Nome dell azienda

Dettagli

La gestione del Segmento Lower Affluent

La gestione del Segmento Lower Affluent Roma, 12 Febbraio 2007 La gestione del Segmento Lower Affluent Emanuele Giustini Dir. Retail Banca Popolare Italiana GRUPPO BANCA POPOLARE ITALIANA IL PROFILO - Gruppo - - Alcuni numeri - Clienti banche:

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

I vantaggi di Genial+

I vantaggi di Genial+ I vantaggi di Genial+ 1 Obiettivo Al termine di questa unità sarai in grado di: Conoscere i vantaggi commerciali ed economici che Genial+ offre all Intermediario Durata nominale 16 minuti I personaggi

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA Giorgio Munari, d.g. di Arca Vita e Arca Assicurazioni Una rete di agenzie per Arca di Maria Rosa Alaggio Da sempre attiva nella distribuzione di prodotti vita e danni attraverso il canale bancario, oggi

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

Small Cap Conference 2015

Small Cap Conference 2015 Small Cap Conference 2015 Luciano Lucca Presidente Assiteca Spa ABBIAMO SOLIDE RADICI. SONO LA NOSTRA E LA VOSTRA SICUREZZA. Milano, 19 novembre 2015 Borsa Italiana La realtà Assiteca è il primo gruppo

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012.

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Intervento di Bruno Lescoeur, Amministratore Delegato, Edison Nella prima occasione in cui ho parlato a questa

Dettagli

CREDIPASS S.p.A. Aree di attività e Partners. Credipass: Esperienza e qualità. Middle Office e Intranet. Perché scegliere Credipass?

CREDIPASS S.p.A. Aree di attività e Partners. Credipass: Esperienza e qualità. Middle Office e Intranet. Perché scegliere Credipass? www.credipass.it CREDIPASS S.p.A. Credipass, fondata alla fine del 2009, su iniziativa di un gruppo di manager con esperienza ultraventennale nel settore, rappresenta un approccio innovativo e di qualità

Dettagli

Legenda. Commentatore

Legenda. Commentatore Legenda Documento di consultazione n. 5/2013 Regolamento su Obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione Attuativo dell art. 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n.

Dettagli

Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA

Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA La deliberazione della Giunta regionale n. 39/17 del 10.10.2014 fornisce indirizzi in materia di programmazione, gestione e controllo delle società

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Miglioramento efficienza operativa e Incremento redditività Crescita dimensionale attraverso incremento della produttività Incremento della redditività delle singole

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA L approccio e l offerta del nostro Gruppo Gli accordi con Confindustria Confindustria Piccola Industria L accordo, rinnovato lo scorso 1 marzo, richiama la rilevanza

Dettagli

PROFILO AZIENDALE. Milano Ottobre 2015

PROFILO AZIENDALE. Milano Ottobre 2015 PROFILO AZIENDALE Milano Ottobre 2015 Chi siamo Gruppo Online S.p.A. è la holding di un gruppo di società di servizi finanziari attive nel mercato italiano della distribuzione di prodotti di credito e

Dettagli

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012 Modifiche al regolamento congiunto Banca d Italia Consob (di seguito regolamento ) per il recepimento della direttiva 2010/76 (CRD 3) in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

Modelli di servizio e criticità (l esperienza di Ersel SIM S.p.A.)

Modelli di servizio e criticità (l esperienza di Ersel SIM S.p.A.) LA CONSULENZA FINANZIARIA Modelli di servizio e criticità (l esperienza di Ersel SIM S.p.A.) Dott. Federico Taddei 11 maggio 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Agenda Modello

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576 ASSILEA rileva che la presenza della disgiuntiva o avrebbe esteso il concetto di locali dell intermediario anche ai locali che non costituiscono una dipendenza diretta dell intermediario medesimo. Se così

Dettagli

1. IL PROGETTO VALORI IMPRENDITORIALI

1. IL PROGETTO VALORI IMPRENDITORIALI THE FIRST CORPORATE FINANCE PORTAL 1. IL PROGETTO VALORI IMPRENDITORIALI SINTESI Il progetto Valori Imprenditoriali è stato avviato in un gruppo di studio coordinato da Investment & Banking Group, composto

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Tolleranza al rischio degli investitori, valutazione di adeguatezza e selezione degli investimenti L evoluzione del servizio di consulenza negli

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Il Global Service a supporto degli studi professionali nella gestione delle attività non core. Plurima inizia la sua attività a metà degli anni 90, proponendo per

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

questioni calde da chiarire

questioni calde da chiarire e, ora, occhio alle lucciole questioni calde da chiarire Coassicurazione, polizza poliennale, ruolo del broker sono tre nodi intorno ai quali non c è chiarezza sul mercato a causa di informazioni distorte

Dettagli

PROFILO AZIENDALE Ottobre 2014

PROFILO AZIENDALE Ottobre 2014 PROFILO AZIENDALE Ottobre 2014 Chi siamo Gruppo MutuiOnline S.p.A. è la holding di un gruppo di società di servizi finanziari attive nel mercato italiano della distribuzione di prodotti di credito e assicurativi

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 Bari 21/11/05 Prot. n. 38/A/7899 Alla Commissione Europea STATEAIDGREFFE@CEC.EU.INT

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

CON IL GIUSTO COMPAGNO DI VIAGGIO PUOI ARRIVARE OVUNQUE

CON IL GIUSTO COMPAGNO DI VIAGGIO PUOI ARRIVARE OVUNQUE CROSSROAD CON IL GIUSTO COMPAGNO DI VIAGGIO PUOI ARRIVARE OVUNQUE LE PRINCIPALI CRITICITA DEL SETTORE POLVERIZZAZIONE DEL FATTURATO FRAMMENTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI BASSA INFORMATIZZAZIONE COSTI ELEVATI

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

Ut Occat ora et eaquam esed modisit.

Ut Occat ora et eaquam esed modisit. Ut Occat ora et eaquam esed modisit. Go International! The UniCredit Learning Experience L offerta formativa UniCredit al servizio delle Imprese Catalogo 2014 Company Profile 2013 Benvenuto in Go International!

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Il Marketing internazionale

Il Marketing internazionale Il Marketing internazionale Bergamo, 27 febbraio 2012 Temi che verranno affrontati Definizione del concetto marketing Il piano di marketing Tipologie di marketing Internazionalizzazione d impresa IL Marketing

Dettagli

INFORMATIVA ALLA CLIENTELA

INFORMATIVA ALLA CLIENTELA Pag. 1 di 6 INFORMATIVA ALLA CLIENTELA Regolamento IVASS (ex ISVAP) n. 5/2006 art. 49 - ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SO TENUTI NEI CONFRONTI

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 1 LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 2 Sistema distributivo ante CdA Agenzie in economia: produzione diretta Agente in gestione libera: (art. 2, 1 comma ANA 2003 e L.

Dettagli