APPUNTI SUGLI HEDGE FUNDS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI SUGLI HEDGE FUNDS"

Transcript

1 APPUNTI SUGLI HEDGE FUNDS DI GIUSEPPE BERARDINI SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive (segue). Le definizioni di hedge fund (segue). La struttura Le caratteristiche tecniche (segue). Le strategie d investimento La normativa La disciplina del fondo negli USA La disciplina del gestore La disciplina italiana L attivismo. 8. Conclusioni. 1. Com'è noto, gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una forte crisi economica i cui effetti sono ancora oggi percepibili. La grandiosità e la velocità con cui tale dissesto finanziario si è diramato nel mercato ha doverosamente costretto gli analisti a ricercare le cause di tale fenomeno. Una parte di queste ricerche ha avuto ad oggetto lo studio di alcuni investitori istituzionali, considerati ed etichettati come gli artefici di questa situazione, gli hedge funds, investitori in grado di generare cospicui rendimenti. Potrebbe apparire un ossimoro la considerazione per cui un investitore in grado di generare altissimi guadagni venga additato fra i maggiori responsabili della crisi economica, tuttavia, in particolari casi, tale capacità produttiva si è concretizzata in condotte mal concilianti con ottiche di medio o lungo termine. Le brevi riflessioni che seguono hanno lo scopo di delineare un quadro generale delle peculiarità del fondo hedge, rappresentate da particolari tecniche di investimento, un atipico habitat normativo ed, infine, da un comportamento assembleare inusuale. 2. Innanzitutto è opportuno tentare di definire cosa sia un hedge fund. È doveroso parlare di tentativo poiché sono presenti numerose definizioni a tal proposito

2 Ognuna delle seguenti definizioni è rilevante, non solo per i concetti che la stessa esprime ma, anche, per la complementarietà svolta. In prima battuta rileva il pensiero di Esposito 1, il quale non si preoccupa tanto di dare una definizione di hedge fund quanto di delinearne le caratteristiche intrinseche. L autore, infatti, enuncia tre criteri attraverso i quali identificare tale investitore: «Il primo, di natura funzionale, è rappresentato dall elevato ricorso alla leva finanziaria nelle strategie d investimento; il secondo, il criterio ambientale, è rappresentato dall assenza di regolamentazione e di vigilanza, grazie anche alla localizzazione in paradisi fiscali; il terzo, il criterio sociale, è rappresentato dalla scelta di una forma di società tale da evitare di incappare nella normativa sulla sollecitazione del pubblico risparmio e, quindi, consente un notevole grado di opacità». Soros, il manager del più grande gruppo di hedge funds, definisce il fondo hedge «un fondo mutualistico che sfrutta il leverage ed usa varie tecniche di copertura». Uno dei primi libri sull argomento definisce, inoltre, il fondo come un «fondo d investimento molto flessibile destinato a persone dotate di ingenti capitali o alle istituzioni. La soglia minima di ingresso è in genere 1 milione di dollari e il manager usualmente riceve il 20% dei profitti. Inoltre l hedge fund può usare qualsiasi strumento finanziario, quale la leva allo scoperto e il leverage». Un gruppo di studio di New York, il Republic of New York Securities Fund selection and evaluation group, definisce l hedge come «una limited partnership (cittadini USA) o una off shore investment corporation (per fondi con sede off shore) in cui il general partner ha fatto dei cospicui investimenti in prima persona e il cui regolamento permette di prendere posizione lunghe e corte, di utilizzare il leverage, gli strumenti derivati e di investire in molti mercati». La Banca d Italia qualifica i fondi hedge come «organismi finanziari, localizzati generalmente in centri off-shore o negli Stati Uniti, contraddistinti dal numero ristretto dei soci partecipanti e dall elevato investimento minimo richiesto. Non hanno vincoli in materia di obiettivi e strumenti d investimento e possono assumere posizioni finanziandosi anche con forti indebitamenti. Sono soggetti a una normativa prudenziale più limitata rispetto agli altri operatori finanziari». 1 Cfr. ESPOSITO, Hedge funds: la loro attività e le proposte di regolamentazione, in «Banca commerciale italiana», 1999,

3 Le varie definizioni sopra riportate riflettono ancora una volta le peculiarità del fondo hedge e possono essere generalizzate nell affermazione secondo cui il fondo hedge è un investitore istituzionale capace di utilizzare il leverage e lo short selling per ottenere grandi guadagni, in un contesto normativo non sufficientemente dettagliato. 3. La scarsa regolamentazione accennata incide prima di tutto sulla struttura. Il fondo, infatti, cerca di modellare la propria struttura in modo da trarre il massimo beneficio dai vari ordinamenti in cui opera. Tale obiettivo, innanzitutto, è raggiunto con l esternalizzazione dei servizi. Il fondo si caratterizza, infatti, per un organizzazione semplice, funzionale, spesso, basata sull importante ruolo svolto dai consultant, cioè, collaboratori esterni di cui un hedge fund si avvale. L esternalizzazione dei servizi ha, inoltre, il vantaggio di ridurre i costi strutturali rispondendo, in questo modo, ad una logica di efficienza funzionale. Il ruolo maggiormente rilevante è quello svolto dal prime broker, cioè, l intermediario che fornisce una serie di servizi quali quello di prestito azioni e negoziazione titoli. Questi, inoltre, si preoccupa di eseguire una serie di attività quali il finanziamento per le posizioni assunte, la custodia dei titoli e la conferma delle operazioni avvenute. Per quanto concerne il profilo interno, la figura di primo ordine è quella dell hedge fund manager. Per una visione d insieme si riporta la seguente tabella riassuntiva. Advisor Consultants Board of Directors Auditors Hedge Fund Manager Analists Administrations Distributors Custodians Fund Administrator Prime Broker 27 27

4 L hedge fund manager svolge un ruolo rilevante poiché è investito di un ampia autonomia decisionale in tema di gestione del rischio, trading e asset allocation, attività volta alla definizione del portafoglio in modo tale che l investimento risulti ottimale rispetto alla combinazione rischiorendimento. Importante è, quindi, la sua capacità di gestire situazioni particolari, di attirare gli investitori attraverso la sua esperienza e la sua capacità di trasmettere fiducia agli stessi. 4. Come già detto, uno dei principali fattori che influisce sulla performance del fondo è rappresentato dalla possibilità di sfruttamento dello short selling e del leverage. Si tratta di due strategie finanziarie che meritano una riflessione autonoma e specifica. La leva finanziaria, cioè il leverage, è lo strumento attraverso il quale il gestore può investire un quantum maggiore rispetto a quello ottenuto dai limited partners. L indebitamento può essere conseguito, in primo luogo, attraverso i prestiti concessi dal prime broker in funzione delle posizioni possedute presso di lui; in secondo luogo, attraverso il reinvestimento dei profitti derivanti dalla conclusione di operazioni di pronti contro termine 2. Il vantaggio generato con l uso della leva finanziaria è rappresentato dal dato positivo risultante dalla differenza tra il rendimento dell investimento ed il costo dell indebitamento. Lo strumento, però, presenta dei profili di rischio rappresentati tanto dal quantum di indebitamento, quanto dall oggetto dell investimento. È lapalissiano osservare che l investimento in un bene la cui redditività è quasi certa, quale può essere un marchio o un brevetto, sicuramente differisce da un collocamento in titoli di stato di paesi emergenti, la cui aleatorietà è maggiore. 2 Utile alla comprensione a tal proposito è l esempio riportato da PIA, (nt. 3), 37: «con il capitale conferito dai clienti, l hedge fund acquista titoli obbligazionari X per un importo pari a 100 dollari. Successivamente, stipula un pronti contro termine con il quale vende i titoli X con l impegno di riacquistarli ad una scadenza stabilita. A fronte della vendita riceve il valore dei titoli decurtato di un percentuale (nel nostro caso del 2%) che prende il nome di haircut. Con il ricavato, 98 dollari, acquista altri titoli b sui quali stipula un nuovo report. Allo stadio quattro ha acquisito obbligazioni per un valore complessivo di 388 dollari a fronte di un investimento originario pari a 100 dollari»

5 La tecnica dello short selling, invece, si basa su meccanismi di funzionamento diversi. Questa strategia si fonda sulla vendita allo scoperto di titoli presi a prestito dal broker. Il potenziale vantaggio di una tale operazione si basa sulla prospettiva di diminuzione del valore dei titoli prestati nel momento in cui si dovrà procedere alla restituzione degli stessi. Il procedimento è molto complesso poiché una volta ottenute le azioni in prestito, il gestore deve vincolare i ricavi derivanti dalla vendita in un conto presso il broker stesso. A tale operazione deve essere affiancata l apertura di un margin account a carico del fondo, costituito da titoli di proprietà del gestore stesso, come garanzia per un eventuale fluttuazione del prezzo del titolo prestato. Questo margine di garanzia deve essere mantenuto per tutta la durata dell operazione nella misura minima del 30% del valore delle azioni prese a prestito, come richiesto dal New York Stock Exchange. La posizione del gestore si chiude nel momento in cui lo stesso acquista nuovamente i titoli sul mercato per restituirli al broker, il quale a sua volta li rimette sul conto del cliente. Per una migliore comprensione della tecnica dello short selling, è utile richiamare la disciplina italiana del riporto regolata dagli articoli 1548 ss. c.c.. Mi riferisco, in particolare, al contratto di riporto «di borsa». Quel contratto, cioè, in cui il fine ultimo è speculativo, e che si caratterizza per il trasferimento, ad un determinato prezzo, di beni fungibili dal riportato nei confronti del riportatore. Questi si assume, inoltre, l obbligo di restituire, alla scadenza del termine stabilito, la proprietà di altrettanti titoli della stessa specie, dietro rimborso del prezzo. I profili negativi di un operazione del genere sono rappresentati dal rischio di incorrere nel pericolo di un potenziale aumento del valore delle azioni, il che comporterebbe una reintegrazione del margin account, e nel pericolo di una richiesta anticipata di restituzione dei titoli da parte del broker. Sebbene queste due tecniche d investimento risultino particolarmente rischiose, hanno rappresentato lo strumento attraverso il quale Jones, giornalista americano esperto di finanza, nel 49 ha fondato l hedge fund. Nelle chiare parole di un saggio 3 di qualche anno fa, si legge, che «sia la vendita allo scoperto che il leverage sono considerati altamente ri- 3 Cfr. EICHENGREEN - MATHIESON, Hedge funds: what do we really know?, disponibile sul sito 1999,

6 schiosi se applicati singolarmente. Jones è apprezzato per aver dimostrato come questi strumenti possano essere combinati al fine di limitare i rischi di mercato. L ingegno di Jones fu quello di discernere i due diversi fattori di rischio: quello derivante dallo specifico titolo in cui si è investito, quello derivante dalla generale perdita del mercato. Jones mantenne una quota di azioni vendute allo scoperto per coprire la perdita del mercato. Riuscendo a contenere il rischio di mercato, usò l indebitamento per aumentare il ritorno economico dalle singole azioni in cui aveva investito. Impegnò una parte del capitale su azioni che considerava sottovalutate, assumendo una posizione lunga; investì, nel breve periodo, sui titoli da lui ritenuti sopravvalutati. Il fondo fu considerato come una copertura al portafoglio di azioni, a sua volta diviso tra quei titoli che avrebbero guadagnato se il volume del mercato fosse aumentato, e quelli che avrebbero generato surplus nel breve periodo qualora il mercato avesse registrato delle perdite». Jones vendeva allo scoperto titoli con una potenziale diminuzione di valore rispetto a quella del mercato di riferimento e acquistava titoli con tendenza opposta, cioè, con possibilità di crescita superiore a quella del mercato. Al fine di incrementare le aspettative di guadagno utilizzava forme di prestito, garantite dal suo capitale, per assumere le posizioni dai lui scelte. Si creava, così, un sistema d investimento capace di generare surplus indipendentemente dall andamento del mercato grazie alla copertura delle posizioni di mercato lunghe con quelle short e viceversa. Si ricorre, cioè, all assunzione di una posizione secondaria esclusivamente finalizzata a coprire il rischio assunto con il collocamento primario. Affinché si possano ottenere risultati positivi è necessario, però, che precedentemente vi sia stata una ponderata riflessione sui titoli da scegliere. È, cioè, essenziale che lo stock picking - quella fase, cioè, in cui il gestore di un fondo, dopo aver selezionato le classi di attività, sceglie specificatamente le singole azioni da acquisire nel portafoglio- sia stato ottimale. La leva finanziaria e la vendita allo scoperto, in realtà, rappresentano soltanto due delle principali caratteristiche dei fondi hedge che hanno svolto un ruolo primario al raggiungimento, per il primo fondo di tal specie, di un rendimento pari ad oltre il 670% nel decennio Altri elementi concorrono al raggiungimento di tale risultato

7 Un primo fattore, funzionale al rendimento, è la subordinazione della fee del fund manager ai risultati economici del veicolo stesso. La strategia di pay for performance 4 prevede, in questo caso, che il gestore abbia diritto ad una performance fee del 20% sugli utili conseguiti dal fondo; si dispone, inoltre, che qualsiasi perdita subita dal fondo debba essere reintegrata prima che il gestore possa percepire parte della sua remunerazione, meglio conosciuta come high water mark. Un secondo fattore, è la previsione di una partecipazione diretta alla sottoscrizione del fondo in capo al fund manager. In terzo luogo, la previsione di un periodo di lock-up, cioè, di un vincolo temporale dell investimento -che varia dai tre anni ad un anno-, permette all amministratore del fondo di programmare in maniera più efficiente e sicura i vari investimenti. La certezza di godere, per un determinato lasso di tempo, di un certo ammontare di capitali gioca a favore dello short selling e del leverage. 5. Le varie caratteristiche tecniche sopra enunciate sono utilizzate differentemente dai vari amministratori di fondi in funzione delle diverse strategie d investimento la cui trattazione rileva in particolar modo in tema di attivismo. Solo, infatti, determinate strategie creano un contesto favorevole all attività di monitoraggio. Esistono due diversi criteri di analisi delle strategie d investimento. Un primo criterio, di cui si fa portavoce Pia 5, è basato sull esame del comportamento del gestore. Questo tipo di approccio comporta una dicotomia tra strategia non direzionali e quelle, invece, direzionali. L approccio Directional Market timing è caratterizzato da un continuo «gioco» tra investimento e disinvestimento in relazione alle previsione sull andamento del prezzo del titolo; il profitto, in questo caso, si basa sulla corretta previsione del trend del mercato. In questa classe rientrano le strategie dello short seller, global macro ed emerging market. 4 Cfr. KRAAKMAN ET AL., Diritto societario comparato, ed. it. a cura di Enriques, Bologna, 2008, p. 30 : «La pay for performance è una particolare forma di strategia di governance finalizzata al miglioramento e alla risoluzione degli agency problem». 5 PIA, autrice del libro Hedge funds: Fondi di copertura o fondi speculativi?, Giappichelli, Torino

8 L orientamento, invece, Non Directional non si basa su una relazione con l andamento del mercato, bensì sfrutta in termini positivi le disfunzioni temporanee del mercato. Appartengono a questo stile i fondi market neutral, event driven e short long. Un secondo criterio di analisi si basa, invece, sulla relazione che esiste tra le varie strategie di mercato ed il benchmark, cioè, il parametro di riferimento di un determinato mercato per il confronto rendimento/ rischio degli strumenti finanziari. In base a questo approccio possono identificarsi cinque diverse categorie. La prima, c.d. Relative value o Market neutral strateg y è finalizzata ad assestarsi su una posizione neutrale al mercato; la seconda, c.d. Event driven strateg y ha come obiettivo quello di focalizzarsi su operazioni aziendali straordinarie quali fusioni o scissioni etc.; la terza, c.d. Equity hedge fund, tende ad investire in titoli azionari con una posizione lunga sul mercato; la quarta, c.d. Global Asset Allocation, sfrutta le situazioni vantaggiose offerte dai mercati di tutto il mondo; infine, la quinta, c.d. Short selling, ha come obiettivo l investimento nel mercato azionario con particolare attenzione alla selezione dei titoli da vendere allo scoperto. All interno di questa classificazione meritano particolare attenzione la strategia del market neutral e quella della event driven. La prima di queste comprende quelle strategie basate su una volatilità minima e finalizzate ad ottenere profitto indipendentemente dall andamento del mercato. Alla base di tale forma d investimento vi è la necessità di creare una relazione funzionale tra le posizioni corte e quelle lunghe come, ad esempio, la sottoscrizione dello stesso quantitativo di azioni nelle due posizioni. Si sottolinea, cioè, la necessità di una relazione sostanziale tra le due posizioni, c.d. paired trading. Nonostante questa strategia annulli il rischio di mercato - finanziariamente il ß 6, il parametro con cui si esprime l esposizione che uno strumento finanziario ha nei confronti del rischio sistemico, è pari a 6 Cfr. A. MANULI, (nt. 3), 140: «Qualora questo valore sia maggiore di uno il rendimento è maggiore perché si ha una variabilità superiore a quella del mercato. Se, invece, il valore dovesse essere inferiore a uno, la variabilità del rendimento sarebbe uguale»

9 zero -, sopporta dei rischi dovuti alla qualità della singola società in cui si è investito. L assunzione di posizioni lunghe e corte in modo da annullare la generale influenza del mercato richiede in capo al prime broker la capacità di selezione del titolo (stock picking) e di scelta del momento (market timing). La neutralità del mercato è generata dalla liquidità prodotta nel momento in cui si vendono allo scoperto titoli sopravvalutati e si investe in altri sottovalutati. La seconda strategia - Event driven strateg y - si caratterizza, invece, per un esposizione positiva al mercato grazie alla focalizzazione su specifiche operazioni aziendali. A tal proposito è possibile distinguere all interno della categoria tre aree. Nella prima, c.d. Merger arbitrage, vengono sfruttate le operazioni di fusione attraverso un investimento lungo sull azioni dell impresa acquisita e corte sull acquirente tenendo conto del rapporto di cambio, ai fini della determinazione del quantitativo da investire nelle due posizioni. Nella seconda, c.d. Distressed securities, vengono utilizzate le occasioni di guadagno derivanti da operazioni quali la bancarotta, la liquidazione e la ristrutturazione. In questa ipotesi è richiesta ai fund manager un adeguata analisi del valore degli assets della società. La terza, c.d. Regulation D, si basa sull opportunità offerta dalla stessa norma che permette una collocazione privata di azioni preferenziali convertibili in azioni ordinarie, senza seguire i lunghi e costosi percorsi delle offerte pubbliche d acquisto. Affinché ciò avvenga si richiede che la collocazione privata sia rivolta nei confronti di accredited investors e/o verso non accredited investors nel limite massimo di 35 investitori. Una volta acquisiti privatamente questi prodotti finanziari il fund manager ricolloca gli stessi sul mercato generando un surplus dalla differenza dei due prezzi. È ora possibile delineare il rapporto con l attivismo. È sicuramente legittima l esclusione dalle forme di attivismo di quei fondi che basano la loro strategia su investimenti a reddito fisso o non focalizzati su titoli societari, come ad esempio, le strategie Market neutral e Relative value. Rientrano nella categoria, invece, quei fondi che utilizzano le strategie Event driven ed Equity long/short. Questo tipo di tecniche, caratterizzate da forti investimenti in titoli societari, spingono tendenzialmente il fondo ad intraprendere operazioni di creazione del valore. Il tutto, però, risente del tipo di mercato in cui si opera. Ecco perché un attivismo dei fondi hedge vede nel mercato americano ed anglosasso

10 ne l habitat naturale per il compimento di queste operazioni di corporate restructuring. 6. I mercati finanziari sono strutturati al fine di garantire la tutela dell investitore, l integrità dei mercati e, infine, limitare il rischio sistematico, cioè, quel fenomeno, caratteristico dei mercati finanziari, capace di generare un effetto a catena all interno del sistema, dovuto alla nascita di limitate situazioni di crisi. Poiché i prodotti finanziari si caratterizzano come credence goods -cioè, prodotti per i quali l accertamento della qualità e dell affidabilità può avvenire solo dopo l acquisto e necessita, comunque, di interventi normativi pubblici finalizzati a garantire la tendenziale oggettività della valutazione, generando, in questo modo, costi d informazione-, la tutela dell investitore è finalizzata a preservare la fiducia del pubblico in relazione ai prodotti offerti, affinché siano oggetto di contrattazione e scambio tutti gli strumenti messi a disposizione sul mercato dagli intermediari. La tutela del mercato è, invece, finalizzata a scoprire quei fenomeni di market abuse, per favorire il processo di corretta determinazione dei prezzi. La limitazione del rischio sistematico è finalizzata, infine, ad evitare che si possa generare sul mercato un meccanismo di contagio di particolari e limitate situazioni di crisi. In materia di hedge fund la regolamentazione, seppur minima, è intervenuta seguendo due diverse strade. La prima, di tipo diretto, riguarda la disciplina del fondo e quella del gestore. La disciplina del fondo riguarda la modalità di collocamento, sottoscrizione e riscatto delle quote, nonché la struttura del fondo; quella del gestore concerne la definizione delle strategie di investimento, degli obblighi di disclosure e la prevenzione di situazioni in conflitto di interessi. La seconda, di tipo riflesso, concerne la tutela dell investitore. Le argomentazioni che favoriscono una lettura in tal senso trovano giustificazione in due diverse riflessioni. La prima è basata sul divieto, in capo agli hedge fund, di procedere a sollecitazioni pubbliche d investimento. La seconda, si basa sulla assenza di disciplina nel rapporto con l investitore. In realtà, il risultato è ottenuto, indirettamente, attraverso una serie di precetti concernenti la disciplina del fondo e quella del gestore. Ci si riferisce, in particolare, all elevato ammontare della quota di sottoscrizio

11 ne che, tendenzialmente, circoscrive il campo dei destinatari del prodotto agli investitori istituzionali o ai soggetti dotati di ingenti capitali. Come già accennato questi principi sono contenuti nella disciplina riguardante il gestore ed il fondo che è di seguito analizzata secondo lo schema dicotomico tra la normativa americana e quella italiana Il funzionamento del mercato finanziario americano è retto dall operare di tre autorità: la Securities Exchange Commissions (S.E.C.) che disciplina l attività dei gestori di pubblici investimenti, The CFTC regolamenta il mercato degli strumenti derivati, al fine di evitare frodi, The Federal Reserve che interviene nel settore bancario. Questi soggetti si preoccupano di garantire la funzionalità e la sicurezza del mercato attraverso una serie di vincoli e doveri. Tra questi vi è, ad esempio, l obbligo di registrazione del fondo presso la Sec e l obbligo d informazioni relativo ai titoli disponibili per la vendita al pubblico (come previsto dal Securities Act del 1933). Tali vincoli sono facilmente derogabili dagli hedge fund attraverso lo spazio normativo concesso dalla Section 3(c)1 e dalla Section 3(c)7. La prima norma prevede un esenzione agli obblighi previsti dal Securities Act del 1933, nel momento in cui le quote di partecipazione non siano oggetto di offerta pubblica e, contemporaneamente, la sottoscrizione non riguardi più di cento partecipanti. La seconda, invece, introdotta nel 1996 prevede la possibilità di sottoscrizione delle quote partecipative del fondo da un numero illimitato di soggetti purché si tratti di qualifi ed purchasers. Con tale locuzione ci si riferisce alle persone fisiche ed alle family-owned company con investimenti non inferiori a 5 milioni di dollari e non appositamente sorti per acquisire quote di fondi. Alla base di queste due esenzioni vi è la condicio sine qua non che il collocamento delle quote del fondo avvenga attraverso un offerta privata e non pubblica ex Section 4(2) del Securties Act. Un ulteriore «escamotage» normativo è la «rule 506 of Regulation D», la quale consente l esenzione di registrazione delle proprie azioni presso la Sec qualora queste vengano vendute ad accredited investors e/o ad un numero massimo di 35 investitori non accreditati. Ai sensi della rule 501 gli accredited investors sono individui che dispongono di un patrimonio superiore ad un milione di dollari o che abbiano registrato un reddito superiore 35 35

12 a dollari ( se in unione con il coniuge) in ciascuno dei due anni precedenti all acquisto, le banche, le compagnie d assicurazione, i fondi comuni, le organizzazioni no-profit che abbiano un totale attivo superiore a di dollari ed, infine, un qualsiasi veicolo i cui equity owners siano accredited investors Per quanto concerne la disciplina del gestore, i capisaldi sono rappresentati dall Investment Advisers Act of 1940 (IAA) e dal Securities Exchange Act (SEA) del Lo IAA prevede a carico degli investment advisor - sono così definite le persone o le società che forniscono raccomandazioni per l investimento o effettuano l analisi finanziaria come contropartita di commissioni - la possibilità di improvvisi controlli da parte della SEC, per quanto concerne i libri sociali e la documentazione societaria, la potenziale limitazione della performance fee. Gli hedge fund pur rientrando tra i destinatari di tale previsioni normative, possono facilmente eludere il precetto attraverso la «private advisor exemption». Tale esenzione si applica qualora i gestori dimostrino che abbiano avuto meno di 15 clienti nel corso dei dodici mesi precedenti, non abbiano fornito al pubblico consulenza in termini di investimento ed, infine, non agiscano come investment advisor per nessuna investment company registrata. La seconda fonte SEA-, invece, prevede pressanti obblighi di disclosure per i dealers di azioni tanto da spingere i manager di un hedge fund a cercare di essere qualificati come trader anziché come «broker-dealers» secondo la Section 15 di tale atto. Tale qualificazione, si ottiene attraverso lo scambio di azioni, da parte dei managers, per conto proprio invece che come fine della loro attività economica. In realtà il panorama normativo è, in parte, cambiato con le trasformazioni apportate dalla rule 203(b)(3)-2. La stessa, modificando lo IAA., dispone che la società di gestione che amministra un private fund debba registrarsi come investment advisor qualora la massa gestita sia più alta di 25 milioni di dollari e i clienti siano superiori a 15. Si dispone, inoltre, il rispetto di alcuni requisiti. Tra questi rileva l obbligo di compilazione dell Adviser Registration Form. Per poter essere registrati gli hedge fund manager devono compilare e tenere aggiornato il cosiddetto Adv Form, documento inviato alla SEC e composto da due parti. Nella prima, il modulo contiene informazioni circa i soggetti cha 36 36

13 abbiano un ruolo strategico all interno della società, la sede, l azionariato, le funzioni di base della società e i provvedimenti disciplinari passati. La seconda parte, invece, contiene dati circa le commissioni richieste, lo stile d investimento, i potenziali conflitti di interesse, le pratiche di brokeraggio, l affiliazione con altre società e tutte le informazioni relative alle decisioni di investimento. Un secondo requisito è rappresentato dall obbligo di nomina di un Chief Compliance Offi cer. In tema di performance fee si dispone che un investment advisor non possa richiedere una performance fee a clienti che non siano riconosciuti come qualifi ed investor; aggiungendo che gli investitori che risulteranno sottoscrittori di fondi hedge prima del 10 febbraio del 2005 saranno comunque considerati qualificati. In tema di documenti contabili si prescrive che le società di gestione alternative debbano mantenere e archiviare una serie di libri contabili e pubblicare annualmente un «fi nancial statement» redatto secondo precisi principi contabili. Le società devono, inoltre, dotarsi di un «compliance manual» dove verranno indicate le procedure e le responsabilità seguite per conformarsi ai principi normativi. Per ciò che riguarda la valutazione degli attivi, lo IAA prevede il principio generale che il N. A. V., cioè, il valore netto del fondo, debba essere calcolato con i prezzi di mercato dei titoli in portafoglio. Importanti limitazioni sono introdotte sull utilizzo di valutazioni di strumenti finanziari diversi dai prezzi di mercato e forniti da controparti terze. Al fianco della disciplina dettata appositamente per un hedge fund, il sistema americano prescrive una serie di obblighi a cui non ci si può sottrarre, indipendentemente dalla natura del prodotto finanziario. Si tratta delle norme antiriciclaggio e quelle antifrode, le norme sull insider trading ed, infine, la previsione derivante dalla Section 13(d) del Securities Exchange Act. Questa dispone che chiunque detenga una quota di titoli con diritto di voto in una public company superiore al 5% è tenuto ad obblighi informativi nei confronti della Sec. Ulteriori previsioni normative sono previste per i fondi on-shore, nel momento in cui un hedge fund, strutturato come limited partnership, venda le proprie azioni ad un investitore. È prevista la redazione di un «Offering memorandum», cioè, il prospetto dell investimento nei quali si descrivono i titoli 37 37

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Le tipologie dei fondi comuni di investimento (DM 228/1999): APERTI (armonizzati e non); CHIUSI (mobiliari e immobiliari); GARANTITI;

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Paolo Vicentini 7 Marzo 2005 Avvertenze legali Questa presentazione ha carattere puramente informativo e non costituisce sollecitazione all investimento,

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti.

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti. Comunicazione n. DCG/12002448 del 12-1-2012 Inviata alla società... Oggetto: Richiesta di parere in merito all applicabilità dell esenzione da obbligo di offerta pubblica di acquisto di cui agli artt.

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE AREA TEMATICA RETRIBUZIONE L'area tratta delle problematiche legate alla retribuzione: la retribuzione caratteristiche della retribuzione struttura e sistemi di retribuzione voci della retribuzione adempimento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012 Comitato Tecnico Assofondipensione «Disposizioni sulla politica di investimento» 4 giugno 2012 1 Gestione finanziaria nei fondi pensione Normativa e modello operativo ante Deliberazione Covip 16/03/2012;

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

Certificati a Leva Fissa

Certificati a Leva Fissa Certificati a Leva Fissa Commerzbank, leader europeo dei prodotti di borsa, propone da oggi i suoi certificati a Leva Fissa sul mercato italiano! Messaggio pubblicitario La banca al tuo fianco 2 I Certificati

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa L articolo 1, commi da 491 a 500, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotto un imposta sulle transazioni finanziarie che si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

Giuseppe Rovani Direttore Generale

Giuseppe Rovani Direttore Generale In 40 anni di attività nel private banking, abbiamo consolidato una profonda esperienza nei servizi di investimento ad elevato valore aggiunto, orientati al controllo del rischio ed alla personalizzazione.

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

La gestione degli investimenti

La gestione degli investimenti La gestione degli investimenti Un servizio personalizzato, professionale e trasparente. L investimento patrimoniale dovrebbe produrre il massimo rendimento possibile in base all evoluzione dei mercati

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10. Relatori Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO Gennaio 2003 FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO MEDIOBANCA 2003-2005 INDICIZZATO ALL ANDAMENTO DELL INDICE MIB30 (Cod. ISIN IT0003417075) L investimento nel titolo oggetto della presente offerta è caratterizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince?

Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince? Authorized and regulated by the Financial Services Authority Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince? Le esigenze degli investitori istituzionali e le proposte del mercato: un connubio

Dettagli

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v.

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001 Soggetta

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Intervista. Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali?

Intervista. Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali? Intervista Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali? 34 Update I/2014 Marty-Jörn Klein, Redattore capo, intervista

Dettagli

L offerta dei Fondi Comuni si è rinnovata

L offerta dei Fondi Comuni si è rinnovata Gennaio - 2007 Pubblicazione a cura di RAS Asset Management SGR Piazza Velasca 7/9 20122 Milano www.ramsgr.it L offerta dei Fondi Comuni si è rinnovata La notizia è stata pubblicata dai quotidiani Il Sole

Dettagli

RISOLUZIONE N. 52 /E

RISOLUZIONE N. 52 /E RISOLUZIONE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 maggio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Disciplina IVA delle prestazioni, rese alle imprese assicuratrici, di gestione degli attivi a copertura

Dettagli

Gli investimenti alternativi: situazioni e prospettive

Gli investimenti alternativi: situazioni e prospettive S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli investimenti alternativi: situazioni e prospettive Stefano Bestetti, director Hedge Invest Sgr 26 settembre 2013, Milano Investimenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 1 Macerata, 14 novembre IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 2 Macerata, 14 novembre LE INIZIATIVE A LIVELLO EUROPEO: EUVECA, EUSEF Il 17 aprile 2013 sono stati pubblicati: (i) il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Futures. Vontobel Mini Futures. Vontobel Investment Banking. Minimo impiego, ottimali opportunità

Futures. Vontobel Mini Futures. Vontobel Investment Banking. Minimo impiego, ottimali opportunità Vontobel Mini Futures Futures Minimo impiego, ottimali opportunità Vontobel Investment Banking Vontobel Mini Futures Con un impiego minimo ottenere il massimo Bank Vontobel offre da subito una soluzione

Dettagli

Anima Tricolore Sistema Open

Anima Tricolore Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 2 Milano, 26 marzo 2014 I FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI: I FIA ITALIANI

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni

Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni Il mercato azionario è quel luogo in cui avviene la compravendita dei titoli mobiliari, composti sia da titoli azionari che da obbligazioni. Originariamente

Dettagli

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Milano, 12 aprile 2008 1 Uno sguardo sul mondo 2 L evoluzione

Dettagli

Fondi a Formula Cosa sono e come funzionano. Claudio Tosato. Vice Direttore Generale Prima Sgr

Fondi a Formula Cosa sono e come funzionano. Claudio Tosato. Vice Direttore Generale Prima Sgr Fondi a Formula Cosa sono e come funzionano Claudio Tosato Vice Direttore Generale Prima Sgr Argomenti trattati 1. Cos è e come funziona un Fondo a Formula 2. I Fondi a Formula nel panorama dei fondi comuni

Dettagli

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE 1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE Il bilancio consuntivo al 31/12/03 di Previambiente è stato redatto con l ausilio tecnico del Collegio dei Revisori Contabili

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR RISOLUZIONE N. 83/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 marzo 2009 A tutte le Direzioni Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR La

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

IL FONDO OGGI E DOMANI

IL FONDO OGGI E DOMANI IL FONDO OGGI E DOMANI Lo schema di gestione che ha caratterizzato il Fondo fin dalla sua origine nel 1986 prevede un unico impiego delle risorse su una linea assicurativa gestita con contabilità a costi

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

I fondi. Conoscerli di più per investire meglio. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne

I fondi. Conoscerli di più per investire meglio. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne I fondi Conoscerli di più per investire meglio Ottobre 2008 Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne I FONDI: CONOSCERLI DI PIÙ PER INVESTIRE MEGLIO COSA SONO I fondi

Dettagli

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI ai sensi dell articolo 6, comma 2, dello Statuto Assogestioni ARCA SGR S.p.A. Anno 2012 1 ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

Entusiasmo? «Ho voce in capitolo sul mio denaro.» Helvetia Piano di garanzia. Ottimizzare garanzia e rendimento in modo individuale.

Entusiasmo? «Ho voce in capitolo sul mio denaro.» Helvetia Piano di garanzia. Ottimizzare garanzia e rendimento in modo individuale. Entusiasmo? «Ho voce in capitolo sul mio denaro.» Helvetia Piano di garanzia. Ottimizzare garanzia e rendimento in modo individuale. La Sua Assicurazione svizzera. Ecco come funziona le garanzie. Costruire

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

Capitalgest FlexFree

Capitalgest FlexFree Capitalgest FlexFree Incontro con la Stampa Dott. Victor Massiah Direttore Generale Gruppo Banca Lombarda Dott. Sebastiano Di Pasquale Direttore Generale Capitalgest Milano - Sala del Consiglio di Banca

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI Il contesto La complessità degli strumenti finanziari e assicurativi è andata crescendo negli ultimi anni, da una lato con effetti

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

LOTTOMATICA GROUP S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 172.140.797,00 i.v.

LOTTOMATICA GROUP S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 172.140.797,00 i.v. LOTTOMATICA GROUP S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 172.140.797,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

Cari Colleghi, Libertà di scelta della tipologia di investimento. Che cosa è il comparto? La definizione del piano previdenziale

Cari Colleghi, Libertà di scelta della tipologia di investimento. Che cosa è il comparto? La definizione del piano previdenziale Cari Colleghi, dopo un lungo periodo di analisi e discussioni, ci troviamo a confrontarci concretamente al pari di molti altri Fondi Pensione - con la possibilità di decidere direttamente le caratteristiche

Dettagli

indipendenza e professionalità per i vostri investimenti

indipendenza e professionalità per i vostri investimenti indipendenza e professionalità INDIPENDENZA E PROFESSIONALITÀ Z ZENIT SGR è una Società di Gestione del Risparmio esclusivamente dedicata e specializzata nell asset management sia per la clientela privata

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PIANO DI STOCK OPTION BANCA INTESA S.P.A.

REGOLAMENTO DEL PIANO DI STOCK OPTION BANCA INTESA S.P.A. REGOLAMENTO DEL PIANO DI STOCK OPTION BANCA INTESA S.P.A. (Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 17 dicembre 2002 e modificato con delibere del 10 febbraio 2004 e 26 aprile

Dettagli

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative Marzio Zocca Responsabile Clienti Istituzionali Azimut Consulenza Sim Santander 2008 100.0% 100.0%

Dettagli

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI ISTRUZIONI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA RELAZIONE RECANTE LE ALTRE INFORMAZIONI DI CUI ALL ART. 2, COMMA 1, LETT. A), D), E), F),

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

Equity Protection Certificates

Equity Protection Certificates Equity Protection Certificates seguire il sottostante con protezione e leva Sal. Oppenheim emittente leader di certificati di investimento Sal. Oppenheim è uno dei promotori dello sviluppo del mercato

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA RELATIVA ALL AUTORIZZAZIONE, AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2357 E 2357-TER COD. CIV., POSTA ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

Dettagli