Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri"

Transcript

1 Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Questo Management Summary contiene una sintesi dei risultati della prima inchiesta sulla gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri, condotta a livello nazionale nell inverno 2007/08 dalla Scuola universitaria professionale di economia di Lucerna e dal Centro di scienze dell organizzazione e del lavoro del Politecnico federale di Zurigo. Tutti gli ospedali che hanno partecipato all inchiesta riceveranno, oltre a questo riassunto, una valutazione dettagliata specifica per il loro ospedale, che permette un confronto con ospedali dello stesso tipo. Obiettivi e metodo di ricerca L obiettivo del progetto era di identificare la situazione attuale e gli sviluppi previsti nel campo nella gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri. Sulla base dei risultati si intende promuovere la gestione sistematica dei rischi clinici e quindi migliorare la sicurezza dei pazienti negli ospedali svizzeri. Per quest inchiesta, il gruppo di ricercatori ha sviluppato uno strumento per il monitoraggio della gestione del rischio clinico (GRC). Questo strumento comprende, tra l altro, un catalogo di attività della GRC, strutturate in funzione di un processo sistematico di gestione del rischio. Per mettere in luce, accanto alla situazione attuale, anche i prossimi sviluppi previsti, lo studio ha indicato per ogni aspetto il livello di implementazione sistematica, se l argomento debba essere ancora discusso o se esistono già dei piani concreti di realizzazione. Inoltre, si sono effettuate delle interviste in 25 ospedali allo scopo di convalidare e approfondire i risultati dell inchiesta. Nella prassi questo strumento ha trovato globalmente un eco positiva e ha provocato una certa sensibilizzazione per le questioni relative alla gestione del rischio clinico. L inchiesta scritta condotta per la prima volta tra i responsabili della gestione del rischio clinico sarà ripetuta a intervalli regolari. Si tratta di una misura importante per rafforzare la coscienza per una gestione del rischio sistematica e anticipatoria e per sostenere gli ospedali nella loro continua evoluzione. Troverete ulteriori informazioni su tutto il progetto di ricerca a pagina 6 di questo riassunto oppure sul nostro sito Internet: Definizione di gestione del rischio clinico Per gestione del rischio clinico (GRC) intendiamo l insieme delle strutture, dei processi, degli strumenti e delle attività che permettono ai collaboratori di un ospedale di riconoscere, minimizzare e superare i rischi medico-terapeutici legati alla cura dei pazienti. Al centro dell attenzione non sono posti in primo luogo i singoli collaboratori o gli errori potenziali, ma il sistema ospedale nel suo insieme. Idealmente il tipico processo di gestione del rischio comprende le fasi seguenti: lo sviluppo di una strategia del rischio, l identificazione, l analisi, la ponderazione, la gestione, la documentazione e il controlling dei rischi e dei relativi provvedimenti. Una comunicazione orientata sugli obiettivi accompagna questo processo. Si coordinano anche i singoli provvedimenti e i progetti specifici per l argomento.

2 L essenziale in breve I risultati dell inchiesta rappresentano la situazione attuale, ma anche gli sviluppi previsti nel campo della GRC e questo per il 43% degli ospedali svizzeri che hanno partecipato all inchiesta. Gli ospedali svizzeri che hanno partecipato al progetto applicano una vasta gamma di misure per migliorare la sicurezza dei pazienti, ma spesso procedono in modo reattivo piuttosto che proattivo: ciò significa che i potenziali rischi dei processi di trattamento vengono raramente identificati e analizzati in modo sistematico, e anticipati. Al momento dell inchiesta (ottobre 2007 gennaio 2008), una gestione sistematica del rischio clinico, che integri degli elementi preventivi e assicuri la coordinazione dei diversi servizi e gruppi professionali, non era ancora diventata una prassi adottata in molti ospedali. Di conseguenza, i responsabili considerano che esistano dei potenziali per l ottimizzazione della GRC, soprattutto per quel che concerne la sistematizzazione, l aggancio strategico e il rafforzamento dell orientamento proattivo delle attività. Soprattutto gli ospedali più grandi devono affrontare spesso il challenge di trovare l equilibrio giusto tra una coordinazione centrale mediante una GRC sistematica e l integrazione di iniziative locali che mirano a incrementare la sicurezza dei pazienti. Tasso di risposta e campionatura Il tasso di risposta dell inchiesta è stato del 43% (138 su 324 ospedali). Si differenzia a seconda della regione linguistica. Nella Svizzera di lingua italiana hanno risposto 12 ospedali sui 18 a cui si era scritto (il 67%), nella Svizzera tedesca sono stati 100 su 219 (46%) e nella Svizzera romanda 26 su 87 (il 30%). Alcuni ospedali hanno risposto al questionario come gruppo o rete di ospedali, per cui alla fine si disponeva di dati concernenti 98 ospedali o gruppi di ospedali diversi che rappresentano in totale 138 ospedali. A quest inchiesta hanno partecipato i rappresentanti di diversi tipi di ospedali (vedere tabella 1) 1): ospedali universitari (5; 100%), ospedali acuti (95; 41%), ospedali psichiatriche (22; 46%) e cliniche di riabilitazione (16; 39%). Nel presente Management Summary, quando si parla di ospedali si intende l insieme di tutti gli ospedali che hanno risposto. Tipo di ospedali Ospedali universitari Ospedali acuti Ospedali psichiatrici Cliniche di riabilitazione Partecipazione 5 (100%) 95 (41%) 22 (46%) 16 (39%) Rifiuto* 0 83 (36%) 16 (33%) 13 (32%) Nessun feedback 0 52 (27%) 10 (21%) 12 (29%) Totale *I rifiuti sono stati in genere spiegati con mancanza di tempo, una densità troppo grande di inchieste, le piccole dimensioni dell ospedale o perché la GRC si trovava soltanto nella fase iniziale di implementazione. Tabella 1: Tasso di risposta in cifre assolute e in percentuale secondo il tipo di ospedale. Integrazione nell organizzazione e risorse della GRC Il responsabile della GRC Più del 60% delle persone che hanno compilato il questionario lavora da più di 5 anni nello stesso ospedale. In genere si tratta di persone attive nel settore della gestione della qualità e del rischio. Al momento dell inchiesta, nella metà degli ospedali esisteva la funzione di coordinazione centrale della GRC (risk manager, responsabile della gestione della qualità o simili). Secondo quanto dichiarato dagli ospedali stessi, un quarto di essi progetta di introdurre nei 12 mesi a venire una funzione centralizzata del genere. Un quarto degli ospedali non lo prevede, e questo per i motivi più diversi (organizzazione completamente decentralizzata, mancanza di risorse, altri progetti strategici, ecc.). Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Hochschule Luzern Wirtschaft, IBR & ZOA, ETH Zürich Pag. 2/6

3 Integrazione nell organizzazione, risorse e possibilità dei responsabili della GRC, per il lancio di progetti Per quel che concerne l integrazione nell organizzazione della funzione GRC, dall inchiesta risulta che nel 73% degli ospedali c è uno stretto legame con la direzione dell ospedale (il 28 % dei responsabili GRC è costituito da membri della direzione, il 30% è composto da quadri e il 15% fa parte della linea della direzione dell ospedale, vedere figura 1). Spesso la GRC viene integrata nell ambito della struttura della gestione della qualità, che esiste già da tempo. Le risorse di personale a disposizione della GRC sono piuttosto limitate. Per la funzione GRC centrale questo valore si aggira in media tra l 80% (media degli ospedali universitari), il 20% (ospedali acuti e ospedali psichiatrici e il 5% di posti (cliniche di riabilitazione). A ciò si aggiungono risorse di personale decentralizzato per la GRC di un volume simile; si tratta in genere di persone competenti per i sistemi di Incident Reporting (segnalazione incidenti critici/eventi avversi) nei singoli servizi clinici e reparti specialistici. Dalle interviste d approfondimento condotte risulta che in molti casi la GRC rappresenta soltanto un attività collaterale e che nessuna percentuale di posti viene messa esplicitamente a disposizione per questa attività. Praticamente in tutti gli ospedali (95%) i responsabili della GRC possono accedere alla direzione dell ospedale oppure è per lo meno previsto nell arco dei prossimi 12 mesi (5%). Anche se soltanto il 20% circa degli ospedali dispone di un budget specifico destinato espressamente al settore della GRC (un altro 10% circa di ospedali prevede di costituirne uno), la maggior parte dei responsabili GRC (88%) ha la possibilità di lanciare dei progetti e di disporre del relativo budget per il tramite della decisione della direzione dell ospedale. Integrato in modo decentralizzato 6% Dipendo dal settore specialistico 15% Altri 6% Membro della direzione dell ospedale 28% Dipende direttamente dalla direzione (linea) 15% Stato maggiore della direzione 30% Figura 1: Integrazione nell organizzazione della persona responsabile della GRC Aggancio strategico della GRC Il 60% circa degli ospedali dispone di una strategia vincolate, formulata per iscritto. Un 35% scarso dispone di obiettivi strategici vincolanti definiti per iscritto, specifici nella GRC e un altro 28% degli ospedali progetta di sviluppare questi obiettivi nei prossimi 12 mesi. Come obiettivi strategici attuali degli ospedali interrogati vengono citati, per esempio, l istituzionalizzazione della GRC e la sua utilizzazione, l implicazione delle persone chiave, lo sviluppo della cultura della sicurezza oppure l introduzione di un Incident Reporting System. Nelle diverse interviste d approfondimento è stato poi notato che per l aggancio strategico della GRC è essenziale un accesso a tutte le categorie professionali attive nell ospedale. Di questo fattore si deve tener conto al momento in cui si nominano le persone per le relative funzioni e si compongono le équipe, altrimenti l implementazione della GRC nella vita di tutti i giorni è difficile. Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Hochschule Luzern Wirtschaft, IBR & ZOA, ETH Zürich Pag. 3/6

4 Grado di sviluppo della GRC negli ospedali svizzeri L immagine globale dello sviluppo della GRC negli ospedali svizzeri è eterogenea e dimostra quanto necessaria sia una sistematizzazione. Per quel che concerne gli argomenti relativi alla GRC trattati nell inchiesta (definizione dei processi per la GRC, analisi e valutazione del rischio ecc.), soltanto tra il 22 e il 40% degli ospedali che hanno partecipato all inchiesta dichiara di disporre di chiare concezioni di gestione del rischio e di implementarle in modo sistematico. All incirca un terzo degli ospedali che hanno partecipato all inchiesta afferma di non essersi ancora occupato dei temi GRC delle domande oppure di occuparsene solo saltuariamente. Questo, però, non significa forzatamente che in quegli ospedali non siano presi dei provvedimenti per incrementare la sicurezza del paziente (per esempio nell ambito della gestione della qualità). Dalla nostra inchiesta risulta che gli ospedali svizzeri applicano una vasta gamma di misure per migliorare la sicurezza dei pazienti, ma che spesso procedono in modo reattivo piuttosto che proattivo. A diversi livelli organizzativi si osservano numerose attività che servono a incrementare la sicurezza dei pazienti e che potrebbero essere integrate e sistematizzate nel contesto di una GRC. Al momento dell inchiesta, in molti ospedali una gestione sistematica del rischio clinico, che identifichi - anticipandoli - i potenziali rischi dei processi di trattamento, che integri degli elementi preventivi e assicuri la coordinazione dei diversi servizi e gruppi professionali, non era ancora una prassi adottata. Di conseguenza, i responsabili considerano che esistano dei potenziali per l ottimizzazione della GRC soprattutto per quel che concerne la sistematizzazione, l aggancio strategico e il rafforzamento dell orientamento proattivo. Soprattutto gli ospedali più grandi devono affrontare spesso il challenge di trovare l equilibrio giusto tra una coordinazione centrale mediante una GRC sistematica e l integrazione di iniziative locali che mirano a incrementare la sicurezza dei pazienti. I processi di gestione del rischio La situazione attuale della GRC a livello di ospedale è stata esaminata sulla base di 15 domande seguendo un processo sistematico di gestione del rischio e altri fattori critici. In questo contesto, per un processo ideale tipico della gestione del rischio sono previste le fasi seguenti: lo sviluppo di una strategia del rischio, l identificazione, l analisi, la ponderazione, la gestione nonché la documentazione e il controlling dei rischi e delle relative misure. Questo processo è accompagnato da una comunicazione orientata sull obiettivo. Come descritto più sopra, risulta che là dove si tratta di processi e misure reattive, un numero nettamente più elevato di ospedali è passato ad un implementazione sistematica o per lo meno a diverse attività non sistematiche. Il 76% degli ospedali afferma (40% sistematicamente, 36% non sistematicamente) di analizzare le cause e le circostanze di un incidente critico/evento avverso oppure errore nel processo di trattamento non soltanto a livello di servizio clinico, ma anche a livello di ospedale. Un numero ancora superiore (39% sistematicamente, 45% non sistematicamente) afferma che sulla base dell analisi delle cause di un incidente critico/avvento avverso o errore nel processo di un trattamento vengono prese delle misure a livello dell ospedale. La metà degli ospedali che hanno partecipato all inchiesta, ha definito in modo non sistematico i compiti, le competenze e le responsabilità nella GRC. Pochissimo diffusi sono i rapporti a livello ospedaliero sulla GRC: il 32% degli ospedali non se ne era ancora occupato al momento dell inchiesta, un altro 10% ne aveva discusso, ma non ha ancora progettato niente in questo ambito e il 18% ne progetta la realizzazione nei prossimi 12 mesi. Nelle questioni riguardanti la GRC a livello ospedaliero (leadership, partecipazione, formazione) la situazione è analoga: alle domande La direzione dell ospedale rende visibile regolarmente mediante attività concrete il proprio impegno nelle questioni relative alla sicurezza dei pazienti si è risposto principalmente realizzato sistematicamente ovvero realizzato non sistematicamente (26% sistematicamente, 46% non sistematicamente) e I collaboratori sono implicati attivamente nella GRC (per esempio identificazione dei rischi clinici) (30% sistematicamente, 43% non sistematicamente). Meno del 36% risponde che degli specialisti esterni sono implicati nell ulteriore sviluppo della GRC dell ospedale (per esempio nell ambito di consultazioni, audit ecc.), in questo ambito il 7% degli ospedali ha deciso volontariamente in modo contrario. Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Hochschule Luzern Wirtschaft, IBR & ZOA, ETH Zürich Pag. 4/6

5 Sistema di segnalazione di incidenti critici o eventi avversi (Incident Reporting System) Poiché i sistemi di segnalazione di incidenti critici o eventi avversi (Incident Reporting System, IRS) nel conteso della GRC rappresentano degli strumenti molto diffusi, il questionario conteneva delle domande molto specifiche sull IRS. Nell insieme risulta che negli ospedali che hanno partecipato all inchiesta ci sia la tendenza ad applicare l IRS a livello di tutto l ospedale: secondo i nostri risultati un po più del 60% degli ospedali che hanno risposto, dispone di un IRS a livello di tutto l ospedale, il 15% l ha implementato in singoli reparti/servizi clinici, mentre all incirca il 10% al momento dell inchiesta si trovava nella fase d introduzione di un IRS. Un buon 7% progetta di introdurre un IRS bei prossimi 12 mesi e 5 ospedali hanno indicato di non disporre di un IRS e di non progettare di introdurne uno. L introduzione dei sistemi di segnalazione è stata principalmente realizzata tra il 2004 e il Prima del 2004 soltanto 10 ospedali partecipanti all inchiesta utilizzavano un IRS, per quanto singoli reparti/servizi clinici avessero introdotto i primi sistemi di segnalazione già nel Dai risultati dettagliati sugli IRS risulta che, rispetto ad altre attività nell ambito della GRC (vedere più sopra) questo strumento IRS viene utilizzato in genere più sistematicamente (a seconda della domanda dal 35 al 70% degli ospedali rispondono realizzato sistematicamente ). Tra il 60 e il 70% degli ospedali che hanno introdotto un IRS, dispone per esempio di una definizione degli incidenti critici/eventi avversi da segnalare, dispongono di un sistema elettronico e garantiscono l anonimato di chi fa la segnalazione, se questi lo desidera. Per l analisi degli incidenti critici/eventi avversi è stato rilevato un modo di procedere piuttosto poco sistematico (più del 60% non sistematico) e nella comunicazione di cause e provvedimenti ai collaboratori (dal 40 al 55% non sistematico). Il 40% controlla sistematicamente se i provvedimenti sono stati realizzati, e un altro buon 40% lo fa non sistematicamente. Il 13% progettano una verifica del genere nei prossimi 12 mesi. Ma queste indicazioni sono significative per quel che concerne il modo di affrontare gli incidenti critici/eventi avversi quotidianamente. Riassumendo si può affermare che molti degli ospedali che hanno partecipato all inchiesta raccolgono per lo meno gli eventi e prendono i relativi provvedimenti. Analisi, verifica e controlling non vengono spesso applicati in modo sistematico. GRC a livello di reparto/servizio clinico Poiché, per quel che concerne le questioni relative alla GRC, i vari reparti/servizi clinici sono attivi in modo diverso all interno dello stesso ospedale, nell ultima parte del questionario abbiamo chiesto qual era la situazione della GRC nei singoli reparti/servizi clinici degli ospedali. È risultato che proprio negli ospedali più grandi è difficile mantenere una visione d insieme sugli sviluppi della GRC nei diversi reparti/servizi clinici e unità organizzative. Analizzando le interviste è risultato chiaramente che, per rispondere a queste domande, le persone che hanno compilato il questionario dovevano a volte fare delle ipotesi senza conoscere dettagliatamente la situazione nei diversi reparti/servizi. Riassumendo è risultato che il settore Comunicazione e informazione a livello di reparti/servizi clinici è realizzato in modo più sistematico, seguito da Apprendimento e sviluppo (conferenze sui casi ecc.) e Documentazione. Meno diffusi sono, invece, un Processo della gestione del rischio sistematico e provvedimenti nel campo Formazione e perfezionamento. Potenziale di ottimizzazione della GRC Esiste un potenziale di ottimizzazione della GRC in diversi campi: chi ha risposto al questionario afferma che c è una maggiore necessità d intervento, nel settore del perfezionamento specifico sugli argomenti della sicurezza dei pazienti (l 80% è d accordo pienamente o quasi) e nel settore della standardizzazione delle procedure e dei processi (il 75% è concorde). Il 50% afferma, inoltre, che sarebbero necessarie ulteriori risorse finanziarie e di personale, per incrementare l efficienza della GRC. È stato indicato molto spesso (66% ovvero 71% di consenso) il ruolo centrale della direzione e dello sviluppo di una cultura della sicurezza aperta e orientata all apprendimento. Nella valutazione del potenziale di ottimizzazione nella GRC si deve tener conto maggiormente che per altri argomenti, del fatto che la valutazione della persona che compila il questionario è soggettiva. Infatti, indipendentemente dall effettivo livello di sviluppo, maggiori esigenze concernenti la GRC spingono a considerare che il potenziale di ottimizzazione sia elevato. Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Hochschule Luzern Wirtschaft, IBR & ZOA, ETH Zürich Pag. 5/6

6 Pertinenza della ricerca Quest inchiesta sulla GRC, condotta per la prima volta negli ospedali svizzeri, fornisce una panoramica sulla situazione attuale e sulle iniziative progettate per quel che concerne la gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri. Non si deve, però, dimenticare che per gli ospedali la partecipazione era facoltativa. La ricerca non è quindi rappresentativa e i risultati si riferiscono per ciò soltanto agli ospedali che hanno risposto. Si deve però anche considerare che come in tutte le inchieste fatte per iscritto i dati ottenuti sono sempre delle valutazioni soggettive. Poiché in questo progetto di ricerca si sono poste soltanto delle domande oggettive (e non su opinioni o motivi), si può considerare che nell insieme i dati corrispondano al vero. E quest impressione è stata confermata al momento del successivo commento delle risposte nel corso delle interviste. Per poter infine fare un nesso tra il grado di sviluppo della GRC e la sicurezza dei pazienti si dovrebbero effettuare ulteriori analisi che tengano conto anche di altri fattori come il case mix specifico per l ospedale, i sinistri effettivi, il tipo degli incidenti critici/eventi avversi, ecc. Ma, tenuto conto della complessità e della scarsità dei dati attualmente disponibili, si tratta di un impresa molto difficile da realizzare. Prospettive Sulla base delle esperienze e del feedback ottenuto, si intende sviluppare il questionario in uno strumento di monitoraggio per la GRC, che possa essere utilizzato regolarmente. Un monitoraggio del genere costituisce un importante misura, per rinforzare la coscienza di una gestione dei rischi clinici sistematica e anticipatoria, come anche per sostenere nel continuo sviluppo gli ospedali. Nella prossima fase del progetto si analizzerà in modo più approfondito l utilità dei sistemi di segnalazione di incidenti critici/eventi avversi (Incident Reporting System), che rappresentano uno strumento molto diffuso della GRC. L obiettivo è di dedurne delle raccomandazioni strutturali per guidare nel miglior modo possibile gli ospedali nell utilizzazione dei sistemi di reporting e incrementare così la sicurezza dei pazienti. Per permettere il transfert dei risultati dalla ricerca alla prassi e per sostenere l interconnessione tra gli ospedali svizzeri, nell estate del 2009 organizzeremo un congresso. Obbiettivo di questa manifestazione sarà quello di incoraggiare lo scambio sui diversi temi della GRC. Ringraziamenti Il progetto è cofinanziato dalla Commissione Tecnologia e Innovazione (CTI ESPP-ES). Oltre alla CTI, sostengono finanziariamente il progetto la rete di ospedali H+ Gli ospedali svizzeri e la FMH Federazione dei medici svizzeri. Il patronato è assicurato, oltre che da H+ e FMH, anche dalla Fondazione per la sicurezza dei pazienti, dall Associazione svizzera infermiere e infermieri (SBK ASI) e dall Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Un comitato di esperti apporta poi il punto di vista della prassi. Oliver Kessler Corresponsabile del progetto Hochschule Luzern - Wirtschaft Istituto di economia aziendale e regionale IBR Tanja Manser Corresponsabile del progetto ETH Zurigo Centro di scienze dell organizzazione e del lavoro (ZOA), cattedra prof. Wehner Matthias Briner Collaboratore del progetto Hochschule Luzern Wirtschaft / ETH Zurigo IBR / ZOA Troverà ulteriori informazioni sul nostro sito Internet: Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Hochschule Luzern Wirtschaft, IBR & ZOA, ETH Zürich Pag. 6/6

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro

Salute e sicurezza sul lavoro Salute e sicurezza sul lavoro Migros promuove una gestione sistematica della salute in azienda e, proprio per questo, ha ricevuto il marchio Friendly Work Space. Questo garantisce l impegno e gli ottimi

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Regolamento per l'aggiornamento continuo (RAC)

Regolamento per l'aggiornamento continuo (RAC) Regolamento per l'aggiornamento continuo (RAC) 25 aprile 2002 (ultima revisione: 6 dicembre 2007) Elfenstrasse 18, Postfach 170, CH-3000 Bern 15 Telefon +41 31 359 11 11, Fax +41 31 359 11 12 awf@fmh.ch,

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche Competenze finali per le professioni sanitarie SUP Versione III 9 maggio 2011 Documenti tradotti dal testo ufficiale in lingua tedesca e francese pubblicato sul sito della Conferenza dei Rettori delle

Dettagli

Art. 12: Reti di riferimento

Art. 12: Reti di riferimento Progetto Mattone Internazionale: Workshop Applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera Perugia, 10 maggio 2013 Approfondimenti su tematiche specifiche legate

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZ OSP. POLICLINICO MODENA

REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZ OSP. POLICLINICO MODENA REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZ OSP. POLICLINICO MODENA SPERIMENTAZIONE DI METODOLOGIE, STRUMENTI DI SUPPORTO, FORMAZIONE PER UNA ATTIVITA' SISTEMATICA DI MEDICAL AUDIT PRESSO IL POLICLINICO

Dettagli

Sicurezza dei pazienti Svizzera

Sicurezza dei pazienti Svizzera Organizzata dalla Fondazione Sicurezza dei pazienti Svizzera Settimana d azione Sicurezza dei pazienti dialogo con i pazienti Informazioni di base Di che cosa si tratta? 3 Chi e che cosa desideriamo raggiungere?

Dettagli

Regolamento per l'aggiornamento continuo

Regolamento per l'aggiornamento continuo SIWF ISFM Regolamento per l'aggiornamento continuo (RAC) 5 aprile 00 (ultima revisione: 6 novembre 04) SIWF Schweizerisches Institut für ärztliche Weiter- und Fortbildung ISFM Institut suisse pour la formation

Dettagli

Reporting and Learnig System R.L.S

Reporting and Learnig System R.L.S Pag. 1 di 5 N. Revisione Data Motivo della revisione Redatto Verificato Approvato Rev 0 12.10.2 012 Integrazione contenuti nel campo di approvazione responsabilità Sez. Clinical Auditing AF. Progr. Valut

Dettagli

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 I N D I C E - G l o s s a r i o F S C p a g. 2 - A U D I T p a g. 2 - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 - I n t e r v e n t i d i m i g l i o r a m e n t o p a g. 3 - L i n e e G u i d a p a g.

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari I forfait per caso negli ospedali svizzeri Informazioni di base per gli operatori sanitari Che cos è SwissDRG? SwissDRG (Swiss Diagnosis Related Groups) è il nuovo sistema tariffario per la remunerazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008

Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008 Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008 Gennaio 2007 Pagina 1 di 7 RESPONSABILE SCIENTIFICO Dottor Antonio Maria Pinna Clinical Risk Manager ASL 3 Nuoro COORDINATORE

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Il sistema di gestione del rischio clinico

Il sistema di gestione del rischio clinico Il sistema di gestione del rischio clinico Prevenzione dei rischi Riprogettazione organizzativa Valutazione e feedback Analisi dei rischi Audit M&M review RCA Identificazione dei rischi Incident reporting

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana Alba, 17-19 Maggio 2006 Ing. Marco Masi Regione Toscana Direzione Generale del Diritto alla Salute Coordinamento

Dettagli

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida AUDIT 5. Rapporto della Campo dell audit (Istituto / Centro di formazione) Estensione temporale Responsabile del Progetto ValeRIA Responsabile del progetto di Istituto Prof.ssa Lia Maida Responsabile dell

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede anno 18.05. Pag. 1 di 7 Sommario.1 PREMESSA... 2.2 INTRODUZIONE... 2.3 OBIETTIVO GENERALE... 3.4 OBIETTIVI SPECIFICI... 3.5 DESTINATARI... 3.6 AZIONI E RESPONSABILITÀ... 4.7 TEMPI... 5.8 VALUTAZIONI...

Dettagli

Bando di ricerca. Insegnamento e apprendimento delle lingue in un ottica di plurilinguismo nella scuola

Bando di ricerca. Insegnamento e apprendimento delle lingue in un ottica di plurilinguismo nella scuola Bando di ricerca Insegnamento e apprendimento delle lingue in un ottica di plurilinguismo nella scuola Periodo: giugno 2012-ottobre 2014 Responsabilità: Prof. Dr. Thomas Studer, Amelia Lambelet Contatto:

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA *

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * * Avv. Natale Callipari Nell ambito della responsabilità medica,

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CONOSCERE IL SISTEMA SANGUE PER CRESCERE NELLA NUOVA REALTA AVISINA TITOLO INTERVENTO «Cenni sulla normativa europea ed italiana in ambito trasfusionale:

Dettagli

705 57,65% 853 62,13% 331 27,06% 336 24,47% 187 15,29% 184 13,40%

705 57,65% 853 62,13% 331 27,06% 336 24,47% 187 15,29% 184 13,40% I dati sui sinistri 2003 2004 2005 Totale aperto 705 57,65% 853 62,13% 1127 78,43% 2685 66,58% liquidato 331 27,06% 336 24,47% 206 14,34% 873 21,65% senza seguito 187 15,29% 184 13,40% 104 7,24% 475 11,78%

Dettagli

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Convegno Annuale AISIS Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Milano, 23 novembre 2012 Nhow Hotel Accenture negli anni ha sviluppato un importante presenza in

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni VII PRESENTAZIONE Le linee-guida e le raccomandazioni scientifiche nella vita vera del Servizio Sanitario Nazionale, ovvero come creare un clima che ne favorisca l adozione sul campo Qualche mese fa sono

Dettagli

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II Strategia della CDPE del 24 ottobre 2013 per il coordinamento a livello nazionale dell insegnamento delle lingue seconde nel settore del secondario

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 Ettore Turra Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento

Dettagli

Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana. Anno 2012

Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana. Anno 2012 Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana Risultati dell indagine di clima interno Anno 2012 Laboratorio MeS Istituto di Management Firenze, 22 Febbraio 2013 Premessa Il presente

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

MODULO 1: Definizione del CONTESTO Interno ed Esterno dell Organizzazione dell Azienda alla luce Data

MODULO 1: Definizione del CONTESTO Interno ed Esterno dell Organizzazione dell Azienda alla luce Data Aicq Tosco Ligure, in collaborazione con AICQ Formazione, AICQ Sicev e Accredia, è lieta di presentare il corso di formazione per l aggiornamento sulla nuova ISO 9001-2015 al quale potranno partecipare

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale In riferimento all obiettivo qualità, nel Documento del Consiglio dell'unione europea del maggio

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

L infermiere al Controllo di Gestione

L infermiere al Controllo di Gestione L infermiere al Controllo di Gestione Una definizione da manuale del Controllo di gestione, lo delinea come l insieme delle attività attraverso le quali i manager guidano il processo di allocazione e di

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev)

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev) Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute (Legge sulla prevenzione, LPrev) del L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 117 capoverso 1 e 118 capoverso

Dettagli

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15 Quality and Health&Safety Management Systems Summary RS è una filiale del gruppo multinazionale Electrocomponents plc. (con sede nel Regno Unito) che opera, principalmente, dal centro di distribuzione

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi

effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi INTRODUZIONE I risultati che riportiamo nelle pagine seguenti

Dettagli

RESPONSABILITÀ D IMPRESA PERFORMANCE PER PAESE ITALIA

RESPONSABILITÀ D IMPRESA PERFORMANCE PER PAESE ITALIA 2008 RESPONSABILITÀ D IMPRESA PERFORMANCE PER PAESE ITALIA Sonae Sierra in Italia Sonae Sierra è una società internazionale specializzata in centri commerciali che si dedica con passione ed entusiasmo

Dettagli

Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia

Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia Perizia attuariale relativa alla Cassa pensioni della Confederazione (CPC) Riassunto Autore:

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015

LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015 LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015 Dr. Tatone Vito Nicola Doc/CSAD/2/Rev0 del 11/05/2015 La revisione della ISO 14001:2015 ad oggi è in fase di chiusura con l imminente rilascio del final draft, per cui

Dettagli

Zurich Invest SA. Investire i vostri valori patrimoniali è un operazione delicata e sensibile. Fidatevi dei professionisti.

Zurich Invest SA. Investire i vostri valori patrimoniali è un operazione delicata e sensibile. Fidatevi dei professionisti. Zurich Invest SA Investire i vostri valori patrimoniali è un operazione delicata e sensibile. Fidatevi dei professionisti. Zurich Invest SA un obbligo nei confronti degli investitori. Zurich Invest SA,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 14-20 aprile 2003. Italiani all estero e accesso ai dati personali

Newsletter. Notiziario settimanale 14-20 aprile 2003. Italiani all estero e accesso ai dati personali Newsletter Notiziario settimanale Versione ottimizzata per la stampa Italiani all estero e accesso ai dati personali Sanità: maggiore privacy per l assistenza a domicilio I Garanti tedeschi chiedono più

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE S.I.M.G. LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE Strumenti e metodi di identificazione ed analisi di eventi avversi. L approccio reattivo e proattivo Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010

Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010 Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010 Il ruolo della Regione e dell ARSS sul tema degli

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Scelte di carriera di operatrici e operatori sociosanitari

Scelte di carriera di operatrici e operatori sociosanitari Scelte di carriera di operatrici e operatori sociosanitari Risultati della prima inchiesta relativa ai progetti di carriera Management Summary Partecipazione al progetto Istituto Universitario Federale

Dettagli

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rating Advisory e reporting finanziario del rischio d impresa Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004)

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) Ordinanza sulla maturità professionale 412.103.1 del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) L Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (Ufficio federale), visto l articolo

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Regione Marche Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Argomento: Qualità e sicurezza del sistema 1 Inquadramento realtà regionale: Qualità

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

RESOCONTO DI FINE EVENTO

RESOCONTO DI FINE EVENTO RESOCONTO DI FINE EVENTO 10 Forum Risk Management in Sanità Arezzo, 24-27 novembre 2015 Resoconto di fine evento 10 Forum Risk Management in Sanità Arezzo, 24-27 Novembre 2015 Resoconto di fine evento

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

Standard minimi della qualità dei programmi SRG SSR

Standard minimi della qualità dei programmi SRG SSR Standard minimi della qualità dei programmi SRG SSR Preambolo La qualità dei programmi è un tema centrale per un servizio pubblico nazionale qual è la SRG SSR. La Concessione del 28.11.2007 pone elevati

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli POLITICA AZIENDALE SCELTE E PROSPETTIVE Il Percorso continua e si sviluppa Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA Necessità di risorse Coinvolgimento singoli 2.2 Il controllo della Qualità

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA GESIRAD MASTER DI I LIVELLO Scienze tecniche applicate alla gestione dei servizi informativi in diagnostica per immagini dott.ssa

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati Maggio 2014 Prime riflessioni sul recepimento degli Orientamenti EIOPA, attuativi della direttiva Solvency II: l IVASS modifica il Regolamento n. 20/2008 Silvia Colombo, Jenny.Avvocati L iter delle modifiche

Dettagli

RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 PREMESSA. Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego

RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 PREMESSA. Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego PREMESSA NOMV Nucleo Operativo Monitoraggio e Valutazione Provincia Oristano Provintzia de Aristanis RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego Pagina 1 PREMESSA Sommario

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA CAPITOO 4 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 55 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 57 Questo capitolo descrive l uso del Q per sviluppare budget e piani di lavoro basati sul

Dettagli