POTENZA 2 5 =2*2*2*2*2 PROPRIETA PRODOTTO DI POTENZE DI UGUALE BASE 3 2 *3 7 =3 2+7 =3 9 ANGOLO ANGOLI CLASSIFICAZIONI. 2 è la BASE 5 è l ESPONENTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POTENZA 2 5 =2*2*2*2*2 PROPRIETA PRODOTTO DI POTENZE DI UGUALE BASE 3 2 *3 7 =3 2+7 =3 9 ANGOLO ANGOLI CLASSIFICAZIONI. 2 è la BASE 5 è l ESPONENTE"

Transcript

1 POTENZ 2 5 =2*2*2*2*2 2 è la SE 5 è l ESPONENTE PROPRIET PRODOTTO DI POTENZE DI UGULE SE 3 2 *3 7 =3 2+7 =3 9 QUOZIENTE DI POTENZE DI UGULE SE 3 12 :3 7 = =3 5 POTENZ DI POTENZ (3 2 ) 7 =3 2*7 =3 14 PRODOTTO DI POTENZE DI UGULE ESPONENTE 3 2 *2 2 =(3*2) 2 =6 2 QUOZIENTE DI POTENZE DI UGULE ESPONENTE 4 2 :2 2 =(4:2) 2 =2 2 NGOLO lato NGOLI ONSEUTIVI: se hanno in comune il vertice e un lato. DIENTI: sono consecutivi e i lati non comuni ai due angoli sono semirette opposte. β V vertice α lato NGOLI ONVI ONVESSI ONVO ONVESSO NGOLI LSSIFIZIONI NGOLI NGOLI UTI: la loro ampiezza è minore (<) di quella dell angolo retto. OTTUSI: la loro ampiezza è maggiore (>) di quella dell angolo retto e minore (<) di quella dell angolo piatto. OMPLEMENTRI: la loro somma è congruente ad un angolo retto. SUPPLEMENTRI: la loro somma è congruente ad un angolo piatto. ESPLEMENTRI: la loro somma è congruente ad un angolo giro.

2 DIVISORI I DIVISORI DI UN NUMERO SONO TUTTI QUEI NUMERI HE DIVIDONO IL NUMERO SENZ DRE RESTO. ESEMPIO: 2 È DIVISORE DI.. PERHÉ.. : 2 =.. RESTO 0 2 NON È DIVISORE DI 5 PERHÉ: 5 :.. =.. RESTO. L INSIEME DEI DIVISORI DI UN NUMERO È UN INSIEME FINITO. ESEMPIO: D 30 = { 1, 2,.., 5,..,, 15, 30} MULTIPLI I MULTIPLI DI UN NUMERO SONO L INSIEME DI NUMERI HE SI OTTIENE MOLTIPLINDO IL NUMERO PER L SUESSIONE DEI NUMERI NTURLI. ESEMPIO: I MULTIPLI DI 3 SONO 3 * 1 = 3 ; 3 * 2 = 6 ; 3 * 3 = 9 E OSÌ VI. L INSIEME DEI MULTIPLI DI UN NUMERO È UN INSIEME INFINITO. ESEMPIO: M 5 = { 5, 10,.., 20,..,, 35, 40,.} NUMERI PRIMI I NUMERI PRIMI SONO QUEI NUMERI HE POSSONO ESSERE DIVISI SOLO PER 1 E PER SE STESSI. ESEMPI DI NUMERI PRIMI: 3, 5, 13, 17 IL NUMERO 1 NON VIENE ONSIDERTO NUMERO PRIMO. TUTTI I NUMERI HE NON SONO PRIMI SI DEFINISONO OMPOSTI, PERHÉ POSSONO ESSERE SRITTI TTRVERSO L FTTORIZZZIONE OME PRODOTTO DI NUMERI PRIMI. ESEMPIO: 6 = 3 * 2 (6 È IL NUMERO., 3 E 2 I FTTORI..)

3 SOMPOSIZIONE IN FTTORI PRIMI SERVE TROVRE I FTTORI PRIMI PER POTER SRIVERE I NUMERI OMPOSTI. PER POTERL FRE VELOEMENTE DEVO RIORDRE I RITERI DI DIVISIILITÀ RITERIO PER 2 TUTTI I NUMERI L UI UNITÀ SI UN IFR PRI SONO DIVISIILI PER 2. ESEMPIO: 4, 8, 10, 30 RITERIO PER 3 SE SOMMNDO TUTTE LE IFRE HE OMPONGONO UN NUMERO L SOMM RISULT UN MULTIPLO DI 3 LLOR IL NUMERO È DIVISIILE PER 3. ESEMPIO: 120 (L SOMM DELLE IFRE È = 3), 3045 (L SOMM DELLE IFRE È = 12) RITERIO PER 4 SE LE ULTIME DUE IFRE DEL NUMERO FORMNO UN NUMERO MULTIPLO DI 4 LLOR IL NUMERO È DIVISIILE PER 4. ESEMPIO: 120 (LE ULTIME DUE IFRE D DESTR SONO 20, 20 E UN MULTIPLO DI 4 PERHE 4*5=20) RITERIO PER 5 TUTTI I NUMERI HE TERMINNO IN 0 O 5 SONO DIVISIILI PER 5. ESEMPIO: 15, 100, 325 RITERIO PER 9 SE SOMMNDO TUTTE LE IFRE HE OMPONGONO UN NUMERO L SOMM RISULT UN MULTIPLO DI 9 LLOR IL NUMERO È DIVISIILE PER 9. ESEMPIO: 720 (L SOMM DELLE IFRE È = 9), 3843 (L SOMM DELLE IFRE È = 18) RITERIO PER 10 TUTTI I NUMERI HE TERMINNO ON UNO O PIÙ ZERI SONO DIVISIILI PER 10. ESEMPIO: 100, 1250, 670 RITERIO PER 11 SE SOTTRENDO L SOMM DELLE IFRE DI POSIZIONE PRI (ONTNDO D SINISTR) LL SOMM DELLE IFRE DI POSIZIONE DISPRI OTTENGO UN MULTIPLO DI 11 O IL NUMERO 0, LLOR IL NUMERO È DIVISIILE PER 11. ESEMPIO: 1320 (IFRE DI POSIZIONE PRI: 3 E 0, IFRE DI POSIZIONE DISPRI : 1 E 2, 3 (1+2) = È DIVISIILE PER 11) RITERIO PER 25 SE LE ULTIME DUE IFRE SONO ENTRME 0 O SE LE ULTIME DUE IFRE SONO UN MULTIPLO DI 25 LLOR IL NUMERO E DIVISIILE PER 25. ESEMPIO: 1750 (LE ULTIME DUE IFRE SONO 50, MULTIPLO DI 25), 2600 (LE ULTIME DUE IFRE SONO ENTRME 0).

4 M..D MSSIMO OMUNE DIVISORE Il M..D. tra due numeri è il divisore più grande tra i divisori comuni dei due numeri. ESEMPIO: D 24 = { 1, 2,., 4, 6, 8,., 24} D 16 = { 1, 2, 4, 8,..} I divisori comuni a 24 e 16 sono in grassetto. Tra questi il più grande, il M..D.,è D 24 D m.c.m. MINIMO OMUNE MULTIPLO Il m.c.m. tra due numeri è il multiplo più piccolo che i due numeri hanno in comune. ESEMPIO: M 3 = { 3, 6, 9, 12, 15, 18, 21, 24, 27, 30, 33, 36, } M 12 = { 12, 24, 36, } Tra quelli elencati i multipli comuni a 3 e 12 sono in grassetto. Tra questi il più piccolo, m.c.m, è REGOLE PER TROVRE IL M..D. E IL m.c.m. TTRVERSO L SOMPOSIZIONE IN FTTORI PRIMI M..D. prendere dalla scomposizione fattori primi SOLO i fattori comuni con esponente minore. m.c.m. prendere dalla scomposizione in fattori primi i fattori comuni e non comuni con esponente maggiore.

5 FRZIONE il suo significato è analogo al segno di DIVISIONE L unità frazionaria sono uguali le due scritture: 4 : 5 e Si legge quattro quinti o quattro fratto cinque. (con n diverso da zero) rappresenta una sola delle n parti uguali in cui è stato diviso l intero. NUMERTORE indica il numero di parti considerate LINE DI FRZIONE DENOMINTORE è il numero di parti uguali in cui è stato diviso l intero (non può essere zero) La frazione è un OPERTORE che divide l intero in tante parti uguali quante ne indica il denominatore e ne prende in considerazione tante quante ne indica il numeratore. Operiamo con la frazione sul rettangolo seguente: 1. Dividiamo il rettangolo in 4 parti uguali 2. onsideriamo 3 parti Si classificano in: PROPRIE: se il numeratore è minore del denominatore. Es. IMPROPRIE: se il numeratore è maggiore del denominatore. Es. PPRENTI: se il numeratore è uguale o è un multiplo del denominatore. Es. o

6 REGOLE DI LOLO TR FRZIONI DDIZIONE SE LE FRZIONI HNNO LO STESSO DENOMINTORE LLOR L FRZIONE SOMM H PER NUMERTORE L SOMM DEI NUMERTORI E PER DENOMINTORE IL DENOMINTORE DELLE FRZIONI DI PRTENZ. SE LE FRZIONI HNNO DENOMINTORE DIVERSO DEVO SEGUIRE IL SEGUENTE SHEM: a) LOLO IL MINIMO OMUNE MULTIPLO TR I DUE DENOMINTORI b) TRSFORMO LE FRZIONI DI PRTENZ IN FRZIONI EQUIVLENTI DI DENOMINTORE UGULE L MINIMO OMUNE MULTIPLO. IL NUMERTORE SI OTTIENE DIVIDENDO IL MINIMO OMUNE MULTIPLO PER IL DENOMINTORE DELL FRZIONE DI PRTENZ E POI MOLTIPLIO IL NUMERO HE TROVO PER IL NUMERTORE DELL FRZIONE DI PRTENZ. SOTTRZIONE PER L SOTTRZIONE VLGONO LE STESSE REGOLE DELL DDIZIONE, OVVIMENTE L POSTO DI SOMMRE LE DUE FRZIONI DI PRTENZ LE DEVO SOTTRRRE!

7 REGOLE DI LOLO TR FRZIONI MOLTIPLIZIONE L FRZIONE RISULTNTE DLL MOLTIPLIZIONE DI DUE FRZIONI H PER NUMERTORE IL PRODOTTO DEI NUMERTORI E PER DENOMINTORE IL PRODOTTO DEI DENOMINTORI. POSSIMO NHE SEMPLIFIRE IL ONTO TTRVERSO L SEMPLIFIZIONE ROE: SEMPLIFIO QUNDO È POSSIILE IL NUMERTORE DELL PRIM FRZIONE PER IL DENOMINTORE DELL SEOND E IL NUMERTORE DELL SEOND ON IL NUMERTORE DELL PRIM. DIVISIONE REGOL: RISRIVO L PRIM FRZIONE E L MOLTIPLIO PER L FRZIONE REIPRO DELL SEOND. POI PROEDO OME PER LE MOLTIPLIZIONI.

8 FRZIONI PRTIOLRI FRZIONE OMPLEMENTRE DUE FRZIONI SONO OMPLEMENTRI SE L LORO SOMM È UGULE LL FRZIONE UNITÀ. PER SRIVERE L FRZIONE OMPLEMENTRE D UN DT DEVO SRIVERE LO STESSO DENOMINTORE E PER NUMERTORE L DIFFERENZ TR IL DENOMINTORE E IL NUMERTORE DELL FRZIONE DT. FRZIONI REIPROHE DUE FRZIONI SONO REIPROHE SE IL LORO PRODOTTO È UGULE LL FRZIONE UNITÀ. PER SRIVERE L FRZIONE REIPRO DI UN DT ST SMIRE NUMERTORE E DENOMINTORE.

9 TRINGOLI.ENTRO Punto di incontro delle 3 altezze (h) Punti notevoli dei triangoli L altezza è un segmento che esce da un vertice e cade.al lato opposto. sono poligoni con.. lati e 3 angoli. β RIENTRO α Punto di incontro delle 3... (m) γ La mediana è un segmento che esce da un vertice e cade a. del lato opposto. Vengono classificati in base ai: Vertici:,,. Lati:,.., ngoli:.., β, γ INENTRO LTI Punto di incontro delle 3 bisettrici (b) NGOLI La bisettrice è un segmento che esce da un vertice dividendo l.. in due parti congruenti... ISOSELI α β γ...ngoli NGOLI Lati e angoli tutti diversi Due lati congruenti (. e.) Un lato diverso detto base ( ) ngoli adiacenti alla base congruenti ( e.). Tre lati congruenti Tre angoli congruenti di misura.. Tutti angoli acuti (maggiori di 0 e minori di..) Un angolo ottuso (maggiore di e minore di 180 )..NGOLI M Un angolo di 90 i lati adiacenti all angolo retto si dicono Il lato opposto all angolo retto si dice..... Nel triangolo. i tre punti notevoli appartengono tutti ad uno stesso segmento. Nel triangolo... i tre punti notevoli coincidono in un unico punto detto

10 TRINGOLI ORTOENTRO Punto di incontro delle 3 altezze (h) Punti notevoli dei triangoli L altezza è un segmento che esce da un vertice e cade perpendicolare al lato opposto. sono poligoni con 3 lati e 3 angoli. β RIENTRO α Punto di incontro delle 3 mediane (m) γ La mediana è un segmento che esce da un vertice e cade a metà del lato opposto. Vengono classificati in base ai: Vertici:,, Lati:,, ngoli: α, β, γ INENTRO LTI Punto di incontro delle 3 bisettrici (b) NGOLI La bisettrice è un segmento che esce da un vertice dividendo l angolo in due parti congruenti. SLENI ISOSELI α β γ EQUILTERI UTNGOLI OTTUSNGOLI Lati e angoli tutti diversi Due lati congruenti ( e ) Un lato diverso detto base ( ) ngoli adiacenti alla base congruenti ( β e γ ). Tre lati congruenti Tre angoli congruenti di misura 60 Tutti angoli acuti (maggiori di 0 e minori di 180 ) Un angolo ottuso (maggiore di 0 e minore di 180 ) RETTNGOLI M Un angolo di 90 i lati adiacenti all angolo retto si dicono TETI Il lato opposto all angolo retto si dice IPOTENUS Nel triangolo ISOSELE i tre punti notevoli appartengono tutti ad uno stesso segmento. Nel triangolo EQUILTERO i tre punti notevoli coincidono in un unico punto detto ENTRO

11 SONO POLIGONI ON 4 LTI E 4 NGOLI D Vertici:,,., α δ Lati:,.., D, β γ ngoli:.., β, γ, δ L SOMM DEGLI NGOLI INTERNI È MPI 360 L SOMM DEGLI NGOLI ESTERNI È MPI 360 IL NUMERO DELLE DIGONLI È SEMPRE UGULE 2 QUDRILTERI RTTERISTIHE OGNI LTO È MINORE DELL SOMM DEGLI LTRI TRE LTI VENGONO LSSIFITI IN SE NGOLI E LTI IN: QUDRILTERI SLENI TRPEZI PRLLELOGRMMI DELTOIDI NESSUN PROPRIETÀ PRTIOLRE SU LTI E NGOLI QUDRILTERI ON UN OPPI DI LTI OPPOSTI PRLLELI QUDRILTERI ON LTI OPPOSTI PRLLELI QUDRILTERI ON DUE OPPIE DI LTI ONSEUTIVI ONGRUENTI TRPEZIO TIPOLOGIE: È UN QUDRILTERO HE H DUE LTI OPPOSTI PRLLELI GLI NGOLI DIENTI D UNO STESSO LTO OLIQUO SONO SUPPLEMENTRI TRPEZIO SLENO LTI OLIQUI NON ONGRUENTI E NESSUNO DI ESSI È PERPENDIOLRE LLE SI K D H e D SONO I LTI OLIQUI È L SE MGGIORE () D È L SE MINORE (b) DH (O K) È L LTEZZ (h, SEGMENTO PERPENDIOLRE LLE SI) H E K SONO LE PROIEZIONI DEI LTI OLIQUI SULL SE MGGIORE TRPEZIO RETTNGOLO UNO DEI LTI OLIQUI È PERPENDIOLRE LLE DUE SI IL LTO PERPENDIOLRE È ONGRUENTE LL LTEZZ L MISUR DELL PROIEZIONE DEL LTO OLIQUO È ONGRUENTE LL DIFFERENZ TR LE DUE SI TRPEZIO ISOSELE LTI OLIQUI ONGRUENTI GLI NGOLI DIENTI LL SE MGGIORE SONO ONGRUENTI TR LORO GLI NGOLI DIENTI LL SE MINORE SONO ONGRUENTI TR LORO NGOLI OPPOSTI SONO SUPPLEMENTRI LE DIGONLI SONO TR LORO ONGRUENTI LE PROIEZIONI DEI DUE LTI OLIQUI SULL SE MGGIORE SONO ONGRUENTI E SONO PRI LL SEMIDIFFERENZ DELLE SI

12 PRLLELOGRMMO È UN QUDRILTERO ON LTI OPPOSTI PRLLELI NGOLI OPPOSTI ONGRUENTI RTTERISTIHE: NGOLI ONSEUTIVI SUPPLEMENTRI K D H e D SONO I LTI OLIQUI È L SE (b) D È L SE MINORE (b) K È L LTEZZ RELTIV Y È L LTEZZ RELTIV DH LE DIGONLI SI DIMEZZNO SMIEVOLMENTE LTI OPPOSTI SONO ONGRUENTI SEOND DELL MPIEZZ DEGLI NGOLI E DELL MISUR DEI LTI POSSIMO DISTINGUERE: QUDRTO RETTNGOLO ROMO PRLLELOGRMMO ON QUTTRO NGOLI RETTI (È UN PRLLELOGRMMO EQUINGOLO) PRLLELOGRMMO ON QUTTRO LTI ONGRUENTI (È UN PRLLELOGRMMO EQUILTERO) RTTERISTI: DIGONLI ONGRUENTI RTTERISTIHE: DIGONLI TR LORO PERPENDIOLRI LE DIGONLI SONO ISETTRII DEI RISPETTIVI NGOLI LE DIGONLI DIVIDONO IL ROMO IN QUTTRO TRINGOLI RETTNGOLI ONGRUENTI PRLLELOGRMMO ON QUTTRO NGOLI RETTI E QUTTRO LTI ONGRUENTI (QUINDI È UN PRLLELOGRMMO EQUILTERO ED EQUINGOLO) RTTERISTIHE: DIGONLI TR LORO PERPENDIOLRI LE DIGONLI SONO ISETTRII DEI RISPETTIVI NGOLI LE DIGONLI SONO TR LORO ONGRUENTI DELTOIDE È UN QUDRILTERO HE H DUE OPPIE DI LTI ONSEUTIVI ONGRUENTI RTTERISTIHE: LE DIGONLI SONO TR LORO PERPENDIOLRI L DIGONLE MGGIORE () È ISETTRIE DEI RISPETTIVI NGOLI L DIGONLE MINORE (D) È DIVIS DLL LTR DIGONLE IN DUE SEGMENTI ONGRUENTI GLI NGOLI OPPOSTI LUNGO L DIGONLE MINORE SONO ONGRUENTI

Geometria. Domande introduttive

Geometria. Domande introduttive PT, 695 noio Geometri si di mtemti per l MPT 3 Tringoli L pdronnz delle rtteristihe e delle proprietà dei tringoli è fondmentle per pire il pitolo dell trigonometri, uno dei pitoli di geometri non trttto

Dettagli

QUADRILATERI. È dunque possibile pensare ad un quadrilatero come alla parte di piano delimitata da quattro rette a due a due incidenti.

QUADRILATERI. È dunque possibile pensare ad un quadrilatero come alla parte di piano delimitata da quattro rette a due a due incidenti. QURILTERI efinizione: un quadrilatero (o quadrangolo) è un poligono di quattro lati. ue lati non consecutivi di un quadrilatero sono detti opposti. ue angoli interni di un quadrilatero non adiacenti ad

Dettagli

Anno 2. Triangoli rettangoli e teorema delle corde

Anno 2. Triangoli rettangoli e teorema delle corde Anno Tringoli rettngoli e teorem delle orde 1 Introduzione In quest lezione impreri d pplire i teoremi di Eulide e di Pitgor e sopriri quli prtiolrità nsondono i tringoli rettngoli on ngoli prtiolri. Infine,

Dettagli

MATEMATICA Classe Prima

MATEMATICA Classe Prima Liceo Clssico di Treiscce Esercizi per le vcnze estive 0 MATEMATICA Clsse Prim Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Per gli llievi promossi

Dettagli

Le caratteristiche generali di un quadrilatero

Le caratteristiche generali di un quadrilatero 1 Le caratteristiche generali di un quadrilatero Nel quadrilatero (poligono di quattro lati) si distinguono:! i vertici,,, ;! gli angoli α, β, γ, δ;! i lati,,, ;! le diagonali e. EFINIZIONE. ue angoli

Dettagli

Teoremi di geometria piana

Teoremi di geometria piana l congruenz teoremi sugli ngoli γ teorem sugli ngoli complementri Se due ngoli sono complementri di uno stesso ngolo α β In generle: Se due ngoli sono complementri di due ngoli congruenti α γ β teorem

Dettagli

+ numeri reali Numeri decimali e periodici Estrazione di radice

+ numeri reali Numeri decimali e periodici Estrazione di radice numeri reli Numeri deimli e periodii Estrzione di rdie Numeri deimli e periodii SEZ. G Clol il vlore delle seguenti espressioni. 0 (, ), Trsformimo i numeri deimli nell orrispondente frzione genertrie

Dettagli

c β Figura F2.1 Angoli e lati in un triangolo rettangolo.

c β Figura F2.1 Angoli e lati in un triangolo rettangolo. F. Trigonometri F. Risoluzione dei tringoli rettngoli Risolvere un tringolo rettngolo signifi trovre tutti i suoi lti e tutti i suoi ngoli. Un ngolo lo si onose già ed è l ngolo retto. Le inognite sono

Dettagli

1) Si ha quindi Un cateto è uguale al prodotto dell ipotenusa per il seno dell angolo opposto.

1) Si ha quindi Un cateto è uguale al prodotto dell ipotenusa per il seno dell angolo opposto. Trigonometri prte esy mtemti Elin pgin TRIANGOLO RETTANGOLO Considerimo i tringoli rettngoli OPQ e OP ' Q A γ C Essi sono simili per ui Q P : QP OP : OP Essendo Q ' P ' QP sin OP OP ottenimo : sen : e

Dettagli

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, }

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, } Lezione 01 Aritmetic Pgin 1 di 1 I numeri nturli I numeri nturli sono: 0,1,,,4,5,6,7,8,,10,11,1, L insieme dei numeri nturli viene indicto col simbolo. } { 0,1,,, 4,5,6,7,8,,10,11,1, } L insieme dei numeri

Dettagli

Le figure che abbiamo ottenuto prendono il nome di spezzate o poligonali. Una spezzata può essere: H S T U

Le figure che abbiamo ottenuto prendono il nome di spezzate o poligonali. Una spezzata può essere: H S T U Prendiamo in considerazione le figure geometriche nel piano, cioè le figure piane, intendendo con questo termine un qualsiasi insieme di punti appartenenti a uno stesso piano. Disegniamo più segmenti consecutivi:

Dettagli

I TRIANGOLI. Esistono vari tipi di triangoli che vengono classificati in base ai lati e agli angoli.

I TRIANGOLI. Esistono vari tipi di triangoli che vengono classificati in base ai lati e agli angoli. I TRIANGOLI Il triangolo è un poligono formato da tre angoli o vertici e da tre lati. Il triangolo è la forma geometrica con il minor numero di lati perché tre è il numero minimo di lati con cui si può

Dettagli

SPEZZATA. Si chiama spezzata una figura costituita da due o più segmenti consecutivi non adiacenti. A, B, C, D, E. Vertici AB, BC, CD, DE,..

SPEZZATA. Si chiama spezzata una figura costituita da due o più segmenti consecutivi non adiacenti. A, B, C, D, E. Vertici AB, BC, CD, DE,.. Poligoni e triangoli SPEZZATA Si chiama spezzata una figura costituita da due o più segmenti consecutivi non adiacenti B A D E A, B,, D, E. Vertici AB, B, D, DE,.. Lati Una spezzata può essere aperta chiusa

Dettagli

a è detta PARTE LETTERALE

a è detta PARTE LETTERALE I MONOMI Si die MONOMIO un espressione letterle in ui le unihe operzioni presenti sino il prodotto e l divisione. Esempio è detto COEFFICIENTE del monomio e è dett PARTE LETTERALE Un monomio si die ridotto

Dettagli

Il punteggio totale della prova è 100/100. La sufficienza si ottiene con il punteggio di 60/100.

Il punteggio totale della prova è 100/100. La sufficienza si ottiene con il punteggio di 60/100. ISI Civitali - Lucca CLASSE, Data Nome: Cognome: Nei test a scelta multipla la risposta esatta è unica Ad ogni test viene attribuito il seguente punteggio: 4 punti risposta corretta 1 punto risposta omessa

Dettagli

Principali Definizioni e Teoremi di Geometria

Principali Definizioni e Teoremi di Geometria Principali Definizioni e Teoremi di Geometria Segmento (definizione) Si dice segmento di estremi A e B l insieme costituito dai punti A e B e da tutti i punti della retta AB compresi tra A e B. Angolo

Dettagli

a b c Triangolo rettangolo In un triangolo rettangolo : un cateto è uguale al prodotto dell ipotenusa per il seno dell angolo opposto al cateto.

a b c Triangolo rettangolo In un triangolo rettangolo : un cateto è uguale al prodotto dell ipotenusa per il seno dell angolo opposto al cateto. Tringolo rettngolo In un tringolo rettngolo : un teto è ugule l prodotto dell ipotenus per il seno dell ngolo opposto l teto. = sen = sen un teto è ugule l prodotto dell ipotenus per il oseno dell ngolo

Dettagli

Circonferenza e cerchio La circonferenza e il cerchio Poligoni inscritti e circoscritti a una circonferenza

Circonferenza e cerchio La circonferenza e il cerchio Poligoni inscritti e circoscritti a una circonferenza ironferenz e erhio L ironferenz e il erhio Poligoni insritti e irosritti un ironferenz L ironferenz e il erhio Stilisi se le seguenti ffermzioni sono vere o flse. SEZ. M e f g h Il rpporto tr l lunghezz

Dettagli

Geometria solida Rette e piani nello spazio + poliedri + solidi di rotazione

Geometria solida Rette e piani nello spazio + poliedri + solidi di rotazione Geometri solid ette e pini nello spzio + poliedri + solidi di rotzione ette e pini nello spzio tilisi se le seguenti ffermzioni sono vere o flse. EZ. d e e tre rette nello spzio sono tr loro prllele, llor

Dettagli

Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita

Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita 86 Unità Didtti N Le equzioni di seondo grdo d un inognit Unità Didtti N Le equzioni di seondo grdo d un inognit ) L definizione di equzione di seondo grdo d un inognit ) L risoluzione delle equzioni di

Dettagli

Il calcolo letterale

Il calcolo letterale Progetto Mtemtic in Rete Il clcolo letterle Finor imo studito gli insiemi numerici (espressioni numeriche). Ν, Ζ, Q, R ed operto con numeri In mtemtic però è molto importnte sper operre con le lettere

Dettagli

Vettori - Definizione

Vettori - Definizione Vettori - Definizione z Verso Origine Modulo Direzione V y Form geometri x Form nliti Un vettore è un ente geometrio definito d: - Direzione: rett sull qule gie il vettore, he ne indi l orientmento nello

Dettagli

Poligoni Un poligono è la parte di piano delimitata da una linea spezzata, semplice e chiusa.

Poligoni Un poligono è la parte di piano delimitata da una linea spezzata, semplice e chiusa. Poligoni Un poligono è la parte di piano delimitata da una linea spezzata, semplice e chiusa. Lato Vertice Angolo interno Angolo esterno I lati del poligono sono segmenti che costituiscono la linea spezzata.

Dettagli

CONGRUENZE TRA FIGURE DEL PIANO

CONGRUENZE TRA FIGURE DEL PIANO CONGRUENZE TRA FIGURE DEL PIANO Appunti di geometria ASSIOMI 15. La congruenza tra figure è una relazione di equivalenza 16. Tutte le rette del piano sono congruenti tra loro; così come tutti i piani,

Dettagli

ARITMETICA. Gli insiemi UNITA 1. Programma svolto di aritmetica e geometria classe 1 ^ D A.S

ARITMETICA. Gli insiemi UNITA 1. Programma svolto di aritmetica e geometria classe 1 ^ D A.S Programma svolto di aritmetica e geometria classe 1 ^ D A.S. 2014-2015 Scuola Secondaria di primo grado S. Quasimodo di Fornacette Istituto Comprensivo di Calcinaia DOCENTE: Monica Macchi UNITA ARITMETICA

Dettagli

Angoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed esterni, corrispondenti, coniugati).

Angoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed esterni, corrispondenti, coniugati). ppunti di geometria.s. 013-014 1 Prof. Luigi ai PPUNTI ngoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed esterni, corrispondenti, coniugati). In un triangolo l angolo

Dettagli

Test sugli angoli. In questa dispensa vengono proposti dei test di verifica sulle nozioni di base di geometria piana relative agli angoli.

Test sugli angoli. In questa dispensa vengono proposti dei test di verifica sulle nozioni di base di geometria piana relative agli angoli. Test sugli angoli In questa dispensa vengono proposti dei test di verifica sulle nozioni di base di geometria piana relative agli angoli. Vengono presentate 20 domande a risposta multipla, risolte e commentate.

Dettagli

CRITERI DI ISOMETRIA (o di CONGRUENZA) dei TRIANGOLI

CRITERI DI ISOMETRIA (o di CONGRUENZA) dei TRIANGOLI RITERI DI ISOMETRI (o di ONGRUENZ) dei TRINGOLI Ricordando il concetto di congruenza possiamo affermare che due triangoli e ''' sono congruenti (isometrici) se sono rispettivamente congruenti gli elementi

Dettagli

I TRIANGOLI AB < AC + BC

I TRIANGOLI AB < AC + BC I TRIANGOLI Il triangolo è un poligono formato da tre angoli e da tre lati: rappresenta la figura più semplice in assoluto, in quanto 3 è il numero minimo di segmenti necessari per delimitare una superficie

Dettagli

Costruzioni geometriche. (Teoria pag , esercizi )

Costruzioni geometriche. (Teoria pag , esercizi ) Costruzioni geometriche. (Teoria pag. 81-96, esercizi 141-153 ) 1) Costruzione con squadra e riga. a) Rette parallele. Ricorda: due rette sono parallele quando.... oppure quando hanno la stessa. Matematicamente

Dettagli

Sezione Esercizi ; ; ; 1 4. f ) 13 + g ) , 100, 125; f ) 216; 8 27 ; ; e ) g ) 0; h )

Sezione Esercizi ; ; ; 1 4. f ) 13 + g ) , 100, 125; f ) 216; 8 27 ; ; e ) g ) 0; h ) Sezione Esercizi Esercizi Esercizi dei singoli prgrfi - Rdici Determin le seguenti rdici qudrte rzionli (qundo è possiile clcolrle) 00 l ) m ) n ) o ) 0,0 0,0 0,000 0, Determin le seguenti rdici qudrte

Dettagli

Alcune mosse che utilizzano le proprietà delle operazioni in N

Alcune mosse che utilizzano le proprietà delle operazioni in N Operzioni in N Proprietà commuttiv dell ddizione + b b +,b N Proprietà ssocitiv dell ddizione ( + b) + c + (b + c) + b + c,b,c N Proprietà invrintiv dell sottrzione b ( + c) (b + c) b ( c) (b c),b,c N,b,c

Dettagli

Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita

Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita Unità Didtti N Le equzioni di seondo grdo d un inognit Unità Didtti N Le equzioni di seondo grdo d un inognit 0) L definizione di equzione di seondo grdo d un inognit 0) L risoluzione delle equzioni di

Dettagli

24/03/2012 APPUNTI DI GEOMETRIA EUCLIDEA LEZIONE 2-3. definizione 26-29/3/2012

24/03/2012 APPUNTI DI GEOMETRIA EUCLIDEA LEZIONE 2-3. definizione 26-29/3/2012 PPUNTI DI GEOMETRI EULIDE LEZIONE 2-3 26-29/3/2012 definizione un triangolo è un insieme di punti del piano costituito da una poligonale chiusa di tre lati e dai suoi punti interni un triangolo è un l

Dettagli

I TRIANGOLI AB < AC + BC

I TRIANGOLI AB < AC + BC I TRIANGOLI Il triangolo è un poligono formato da tre angoli e da tre lati: rappresenta la figura più semplice in assoluto, in quanto 3 è il numero minimo di segmenti necessari per delimitare una superficie

Dettagli

MATEMATICA: Compiti delle vacanze Estate 2015

MATEMATICA: Compiti delle vacanze Estate 2015 MATEMATICA: Compiti delle vacanze Estate 2015 Classe II a PRIMA PARTE Ecco una raccolta degli esercizi sugli argomenti svolti quest anno: risolvili sul tuo quaderno! Per algebra ho inserito anche una piccola

Dettagli

Le caratteristiche dei poligoni. La relazione tra i lati e gli angoli di un poligono. Definizioni

Le caratteristiche dei poligoni. La relazione tra i lati e gli angoli di un poligono. Definizioni Le caratteristiche dei poligoni 1. Si dice poligono la parte del piano delimitata da una spezzata chiusa. 2. Il perimetro di un poligono è la somma delle misure del suoi lati, si indica cm 2p. 3. Un poligono

Dettagli

Dato un triangolo ABC, è il segmento che partendo dal vertice opposto al lato, incontra il lato stesso formando due angoli retti.

Dato un triangolo ABC, è il segmento che partendo dal vertice opposto al lato, incontra il lato stesso formando due angoli retti. Anno 2014 1 Sommario Altezze, mediane, bisettrici dei triangoli... 2 Altezze relativa a un vertice... 2 Mediane relative a un lato... 2 Bisettrici relativi a un lato... 2 Rette perpendicolari... 3 Teorema

Dettagli

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi.

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. Clcolo letterle. ) Operzioni con i monomi. ) L moltipliczione. ) L divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. ) I polinomi. ) Clcol le seguenti somme di polinomi. ) Applic l proprietà

Dettagli

Matematica Introduzione alla geometria

Matematica Introduzione alla geometria Matematica Introduzione alla geometria prof. Vincenzo De Felice 2014 Problema. Si mostri che un triangolo con due bisettrici uguali è isoscele. La matematica è sfuggente. Ziodefe 1 2 Tutto per la gloria

Dettagli

COMPITI VACANZE ESTIVE 2017 MATEMATICA Scuola Media Montessori Cardano al Campo (VA)

COMPITI VACANZE ESTIVE 2017 MATEMATICA Scuola Media Montessori Cardano al Campo (VA) COMPITI VACANZE ESTIVE 2017 MATEMATICA Scuola Media Montessori Cardano al Campo (VA) Nel presente documento sono elencati gli esercizi da svolgere nel corso delle vacanze estive 2017 da parte degli studenti

Dettagli

Confronto fra angoli La dimensione dell angolo è l ampiezza in base all ampiezza gli angoli si dicono:

Confronto fra angoli La dimensione dell angolo è l ampiezza in base all ampiezza gli angoli si dicono: Confronto fra angoli La dimensione dell angolo è l ampiezza in base all ampiezza gli angoli si dicono: congruenti (uguali) maggiore minore la somma di due angoli la ottieni portandoli ad essere consecutivi

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Albert Einstein. Insegnante : Saccaro Arianna. Programma di Matematica 1E. a.s 2014/2015

Liceo Scientifico Statale Albert Einstein. Insegnante : Saccaro Arianna. Programma di Matematica 1E. a.s 2014/2015 Liceo Scientifico Statale Albert Einstein Insegnante : Saccaro Arianna Programma di Matematica 1E a.s 2014/2015 I NUMERALI NATURALI E I NUMERI INTERI: Che cosa sono i numeri naturali Le quattro operazioni

Dettagli

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1 APITOLO 3 LE SIMMETRIE 3. Richimi di teori Definizione. Si dto un punto del pino; si chim simmetri centrle di centro (che si indic con il simbolo s ) l corrispondenz dl pino in sé che d ogni punto P del

Dettagli

operazioni con vettori

operazioni con vettori omposizione e somposizione + = operzioni on vettori = + = + Se un vettore può essere dto dll omposizione di due o più vettori, questi vettori omponenti possono essere selti lungo direzioni ortogonli fr

Dettagli

Aritmetica Definizioni di concetti, regole e proprietà per il 1 anno della scuola media

Aritmetica Definizioni di concetti, regole e proprietà per il 1 anno della scuola media Aritmetic Definizioni di concetti, regole e proprietà per il nno dell scuol medi ) INSIEMI Concetto primitivo Un concetto primitivo è un concetto che non viene definito con precisione, m solo descritto

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe terza. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe terza. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri Superiore Clsse terz Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

03) Somma degli angoli interni di un poligono. 04) Somma degli angoli esterni di un poligono

03) Somma degli angoli interni di un poligono. 04) Somma degli angoli esterni di un poligono Unità idattica N 24 I poligoni 35 U.. N 24 I poligoni 01) efinizione di poligono 02) lcune proprietà dei poligoni 03) Somma degli angoli interni di un poligono 04) Somma degli angoli esterni di un poligono

Dettagli

Le basi della geometria piana Punti, rette, piani Segmenti, angoli, rette parallele e perpendicolari

Le basi della geometria piana Punti, rette, piani Segmenti, angoli, rette parallele e perpendicolari Le si ell geometri pin Punti, rette, pini Segmenti, ngoli, rette prllele e perpeniolri SEZ. D Punti, rette, pini 1 Stilisi se le seguenti ffermzioni sono vere o flse. e f g Per un punto pssno infinite

Dettagli

01. Se il raggio di un cerchio dimezza, la sua area diventa: a) 1/3 b) 1/4 c) 3/2 d) 1/5

01. Se il raggio di un cerchio dimezza, la sua area diventa: a) 1/3 b) 1/4 c) 3/2 d) 1/5 GEOMETRIA 01. Se il raggio di un cerchio dimezza, la sua area diventa: 1/ b) 1/4 c) / d) 1/5 0. Quanto misura il lato di un quadrato la cui area è equivalente a quella di un triangolo che ha la base di

Dettagli

RIEPILOGO FRAZIONI ALGEBRICHE

RIEPILOGO FRAZIONI ALGEBRICHE RIEPILOGO FRAZIONI ALGEBRICHE Per semplificre un frzione: scomponi numertore e denomintore semplific numertore e denomintore tenendo presente che: il quoziente di due fttori uguli è il quoziente di due

Dettagli

Es1 Es2 Es3 Es4 Es5 tot

Es1 Es2 Es3 Es4 Es5 tot Ottore lsse E Verifi sommtiv Cognome Nome rgomenti: onihe, funzione esponenzile e grfii derivti Tempo disposizione: ore Voto Es Es Es Es Es tot.... Considert l ellisse vente ome sse fole l sse, eentriità

Dettagli

La somma degli angoli interni di un triangolo è uguale a un angolo piatto (180 ).

La somma degli angoli interni di un triangolo è uguale a un angolo piatto (180 ). Il triangolo (UbiLearning) - 1 Triangoli Un triangolo è un poligono formato da tre lati. Rappresenta la più semplice figura piana formata dal minimo numero di lati utili a chiudere una superficie piana.

Dettagli

I PARALLELOGRAMMI E I TRAPEZI

I PARALLELOGRAMMI E I TRAPEZI I PARALLELOGRAMMI E I TRAPEZI 1. Il parallelogramma ESERCIZI 1 A Disegna un parallelogramma ABCD, la diagonale BD e i segmenti AK e CH, perpendicolari a BD. Dimostra che il quadrilatero AHCK è un parallelogramma.

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è un scrittur in cui compiono operzioni tr numeri rppresentti, tutti o in prte, d lettere. Per clcolre il vlore numerico di

Dettagli

Primo criterio del parallelogramma

Primo criterio del parallelogramma INTRODUZIONE Questo file contiene i teoremi più importanti sui quadrilateri notevoli, sui luoghi geometrici e sui teoremi del fascio di rette parallele. E stato realizzato dagli alunni della I N in laboratorio

Dettagli

GEOMETRIA CLASSE IV B A.S.

GEOMETRIA CLASSE IV B A.S. GEOMETRIA CLASSE IV B A.S. 2014/15 Insegnante: Stallone Raffaella RETTA, SEMIRETTA E SEGMANTO La retta è illimitata, non ha né inizio né fine. Si indica con una lettera minuscola. La semiretta è ciascuna

Dettagli

11. Geometria piana ( ) ( ) 1. Formule fondamentali. Rettangolo. A = b = h = = b h. b = base h = altezza. Quadrato

11. Geometria piana ( ) ( ) 1. Formule fondamentali. Rettangolo. A = b = h = = b h. b = base h = altezza. Quadrato 11. Geometri pin 1. Formule fonmentli Rettngolo = h = h = h p = + h p = + h h= p = p h + ( ) = h = h h= = se = igonle p = perimetro h = ltezz = re p = semiperimetro Qurto = l l = = l l = l = lto = igonle

Dettagli

I Triangoli e i criteri di congruenza

I Triangoli e i criteri di congruenza I Triangoli e i criteri di congruenza 1 Le caratteristiche di un triangolo Un triangolo è un insieme di punti del piano costituito da una poligonale chiusa di tre lati e dai suoi punti interni I punti

Dettagli

I radicali. Cos è un radicale? ESERCIZIO 2.1. Determina le C.E. dei seguenti radicali e delle seguenti espressioni contenenti radicali.

I radicali. Cos è un radicale? ESERCIZIO 2.1. Determina le C.E. dei seguenti radicali e delle seguenti espressioni contenenti radicali. I rdicli Cos è un rdicle? Il simbolo si chim rdicle e si legge rdice ennesim di. - n si chim indice dell rdice e deve essere un numero nturle mggiore di zero. Qundo l indice si sottintende e il rdicle

Dettagli

Elementi di Geometria. Lezione 02

Elementi di Geometria. Lezione 02 Elementi di Geometri Lezione 02 Angoli complementri e supplementri Due ngoli si dicono complementri qundo l loro somm è un ngolo retto. In Figur 15 i due ngoli e sono complementri perché, sommti come descritto

Dettagli

IL TRIANGOLO. Teorema di Pitagora. Il triangolo è un poligono avente tre lati.

IL TRIANGOLO. Teorema di Pitagora. Il triangolo è un poligono avente tre lati. IL TRIANGOLO Il triangolo è un poligono avente tre lati. FORMULE AREA: Il triangolo è equivalente a metà parallelogramma. A = (b x h) : da cui: b= A : h e h= A : b TRIANGOLO RETTANGOLO (a, b cateti; c

Dettagli

Δlessio abelli. Studente di Matematica Sapienza - Università di Roma. Dipartimento di Matematica Guido Castelnuovo

Δlessio abelli. Studente di Matematica Sapienza - Università di Roma. Dipartimento di Matematica Guido Castelnuovo Δlessio elli Studente di Mtemti Spienz - Università di Rom Diprtimento di Mtemti Guido Cstelnuovo we-site: www.selli87.ltervist.org EQUAZIONI DI II GRADO. DEFINIZIONI Si die equzione di seondo grdo nell

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è.... Per clcolre il vlore numerico di un espressione letterle isogn...... c. Non si possono ssegnre lle lettere che compiono

Dettagli

LAVORO PER IL RECUPERO DEL DEBITO MATEMATICA CLASSI 3 S.M. DA CONSEGNARE IL PRIMO GIORNO DI ATTIVITA DI SPORTELLO

LAVORO PER IL RECUPERO DEL DEBITO MATEMATICA CLASSI 3 S.M. DA CONSEGNARE IL PRIMO GIORNO DI ATTIVITA DI SPORTELLO LAVORO PER IL RECUPERO DEL DEBITO MATEMATICA CLAI.M. DA CONEGNARE IL PRIMO GIORNO DI ATTIVITA DI PORTELLO DEVI RIOLVERE PRIMA DI TUTTO I PROBLEMI E GLI EERCIZI QUI ELENCATI. TERMINATI QUETI, RIOLVI ALCUNI

Dettagli

COGNOME... NOME... Classe... Data...

COGNOME... NOME... Classe... Data... Cpitolo I tringoli Criteri i ongruenz - Tringoli isoseli erifi per l lsse prim Clsse.................................... Dt............................... Congruenz Tringolo isosele Teorem Quesiti 186

Dettagli

istituto superiore g. terragni olgiate comasco

istituto superiore g. terragni olgiate comasco Disciplina 1 MATEMATICA Classe I A Indirizzo Liceo Scientifico Anno scolastico 2015-2016 Docente Cecilia Moschioni TESTI IN ADOZIONE Bergamini, Trifone, Barozzi, Matematica multimediale.blu vol.1, Zanichelli

Dettagli

5. Completa le seguenti frasi. a) Nel numero rappresenta le...

5. Completa le seguenti frasi. a) Nel numero rappresenta le... NOME... OGNOME LSSE ID. ompleta le seguenti frasi. a) Nel numero 9 rappresenta le decine Nel numero 8 rappresenta le Nel numero 86 8 rappresenta le Nel numero 0 rappresenta le b) Nel numero,8 8 rappresenta

Dettagli

ipotenusa cateto adiacente ad α cateto opposto ad α ipotenusa cateto adiacente ad α ipotenusa cateto adiacente ad α

ipotenusa cateto adiacente ad α cateto opposto ad α ipotenusa cateto adiacente ad α ipotenusa cateto adiacente ad α Trigonometri I In quest prim prte dell trigonometri denimo le funzioni trigonometriche seno, coseno e tngente e le loro funzioni inverse. Vedremo nche come utilizzrle nell risoluzione dei tringoli. Comincimo

Dettagli

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler Determinnti e crtteristic di un mtrice (M.S. Bernbei & H. Thler Determinnte Il determinnte può essere definito solmente nel cso di mtrici qudrte Per un mtrice qudrt 11 (del primo ordine) il determinnte

Dettagli

I PRODOTTI NOTEVOLI. Nel calcolo letterale capita spesso di incontrare moltiplicazioni tra particolari polinomi.

I PRODOTTI NOTEVOLI. Nel calcolo letterale capita spesso di incontrare moltiplicazioni tra particolari polinomi. I PRODOTTI NOTEVOLI Nel lolo letterle pit spesso di inontrre moltiplizioni tr prtiolri polinomi. I reltivi sviluppi si ottengono pplindo le regole fin qui viste, m i risultti, opportunmente semplifiti,

Dettagli

Programma di matematica classe I sez. B a.s

Programma di matematica classe I sez. B a.s Programma di matematica classe I sez. B a.s. 2016-2017 Testi in adozione: Bergamini-Barozzi-TrifoneMatematica.bluSeconda edizione vol.1- primo biennio Ed. Zanichelli MODULO A: I numeri naturali e i numeri

Dettagli

Massimo Bergamini, Graziella Barozzi - Matematica multimediale.azzurro con Tutor, Zanichelli

Massimo Bergamini, Graziella Barozzi - Matematica multimediale.azzurro con Tutor, Zanichelli Programma di Matematica Classe 1^ B/LL Anno scolastico 2016/2017 Testo Massimo Bergamini, Graziella Barozzi - Matematica multimediale.azzurro con Tutor, Zanichelli CAPITOLO 1: NUMERI NATURALI ORDINAMENTO

Dettagli

TRIANGOLI. Proprietà: in ogni triangolo la somma di due lati è maggiore del terzo lato. CLASSIFICAZIONE DEI TRIANGOLI

TRIANGOLI. Proprietà: in ogni triangolo la somma di due lati è maggiore del terzo lato. CLASSIFICAZIONE DEI TRIANGOLI TRIANGOLI Si dice triangolo un poligono che ha 3 lati e 3 angoli. Proprietà: in ogni triangolo la somma di due lati è maggiore del terzo lato. a) RISPETTO AI LATI CLASSIFICAZIONE DEI TRIANGOLI SCALENO:

Dettagli

Angoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed

Angoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed ppunti di geometria.s. 14-15 1 Prof. Luigi ai PPUNTI ngoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed esterni, corrispondenti, coniugati). In un triangolo l angolo esterno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE. Modulo A : INSIEMI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE. Modulo A : INSIEMI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE Indirizzo LICEO DELLE SCIENZE UMANE Classe I D disciplina Matematica Modulo A : INSIEMI UNITÁ A1 TEORIA DEGLI INSIEMI UNITÁ A2 GLI INSIEMI NUMERICI COMPETENZE DA

Dettagli

Parallelogrammi 1 Parallelogrammi Nome: classe: data:

Parallelogrammi 1 Parallelogrammi Nome: classe: data: www.matematicamente.it Parallelogrammi 1 Parallelogrammi Nome: classe: data: 1. Quali tra le seguenti sono proprietà del parallelogramma?. ciascuna diagonale lo divide in due triangoli uguali. gli angoli

Dettagli

TRIANGOLI CLASSIFICAZIONE DEI TRIANGOLI RISPETTO AI LATI. Def: Si dice triangolo un poligono che ha 3 lati e 3 angoli.

TRIANGOLI CLASSIFICAZIONE DEI TRIANGOLI RISPETTO AI LATI. Def: Si dice triangolo un poligono che ha 3 lati e 3 angoli. TRIANGOLI Si dice triangolo un poligono che ha 3 lati e 3 angoli. Proprietà: in ogni triangolo la somma di due lati è sempre maggiore del terzo lato. CLASSIFICAZIONE DEI TRIANGOLI RISPETTO AI LATI SCALENO:

Dettagli

In un triangolo altezza mediana bisettrice asse Proprietà di angoli e lati di un triangolo

In un triangolo altezza mediana bisettrice asse Proprietà di angoli e lati di un triangolo In un triangolo si dice altezza relativa a un lato il segmento di perpendicolare al lato condotta dal vertice opposto. Si dice mediana relativa a un lato il segmento che unisce il punto medio del lato

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ ELEMENTI DI CALCOLO ALGEBRICO Test di utovlutzione 0 0 0 0 0 0 60 0 80 90 00 n Il mio punteggio, in entesimi, è n Rispondi ogni quesito segnndo un sol delle lterntive. n Confront le tue risposte

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LA CLASSE 1^A DEL LICEO SCIENTIFICO MALPIGHI ANNO SCOLASTICO INSEGNANTE: MASCI ORNELLA

PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LA CLASSE 1^A DEL LICEO SCIENTIFICO MALPIGHI ANNO SCOLASTICO INSEGNANTE: MASCI ORNELLA PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LA CLASSE 1^A DEL LICEO SCIENTIFICO MALPIGHI ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INSEGNANTE: MASCI ORNELLA ALGEBRA NUMERI NATURALI: - Ripetizione dei numeri naturali e delle quattro operazioni

Dettagli

POLIGONI: PROPRIETÀ E FORMULE PER IL CALCOLO DI PERIMETRO E AREA. Poligono formato da 3 angoli e 3 lati. Nessuna diagonale.

POLIGONI: PROPRIETÀ E FORMULE PER IL CALCOLO DI PERIMETRO E AREA. Poligono formato da 3 angoli e 3 lati. Nessuna diagonale. POLIGONI: PROPRIETÀ E FORMULE PER IL CALCOLO DI PERIMETRO E AREA NOME E FIGURA PROPRIETÀ FORMULE TRIANGOLO Poligono formato da 3 angoli e 3 lati. Nessuna diagonale. P=somma delle misure dei 3lati SCALENO

Dettagli

Rapporti e proporzioni numeriche

Rapporti e proporzioni numeriche Rpporti e proporzioni numeriche Rpporti. Per rpporto tr due numeri e b, di cui il secondo diverso d zero, s intende il quoziente estto dell divisione dei due numeri dti, cioè :b oppure /b. Ad esempio dire

Dettagli

Area dei poligoni. Def: due superfici piane si dicono equivalenti se hanno la stessa AREA.

Area dei poligoni. Def: due superfici piane si dicono equivalenti se hanno la stessa AREA. Area dei poligoni AREA DEI POLIGONI 1 Def: si dice area di una superficie piana la parte delimitata di piano che essa occupa. Def: due superfici piane si dicono equivalenti se hanno la stessa AREA. Proprietà:

Dettagli

Poligoni inscritti e circoscritti ad una circonferenza

Poligoni inscritti e circoscritti ad una circonferenza Poligoni inscritti e circoscritti ad una circonferenza Def: 1. Un poligono si dice inscritto in una circonferenza se tutti i suoi vertici sono punti della La circonferenza si dice circoscritta al poligono.

Dettagli

triangolo equilatero di lato 9 cm. Quanto misura il lato del rombo?

triangolo equilatero di lato 9 cm. Quanto misura il lato del rombo? GB00001 Il perimetro di un rombo è triplo di quello di un ) 24 cm. b) 21 cm. c) 26,5 cm. d) 20,25 cm. d tringolo equiltero di lto 9 cm. Qunto misur il lto del rombo? GB00002 Due segmenti AB e CD sono tli

Dettagli

C5. Triangoli. C5.1 Definizioni. C5.2 Classificazione dei triangoli in base ai lati

C5. Triangoli. C5.1 Definizioni. C5.2 Classificazione dei triangoli in base ai lati 5. Triangoli 5.1 efinizioni Un triangolo è un poligono con tre lati. In figura 5.1 i lati sono i segmenti =c, =b e =a. Gli angoli (interni) sono α = ˆ, β = ˆ e γ = ˆ. Si dice che un angolo è opposto a

Dettagli

Programma di Matematica Classe 1^ C/L Anno scolastico 2014/2015

Programma di Matematica Classe 1^ C/L Anno scolastico 2014/2015 Programma di Matematica Classe 1^ C/L Anno scolastico 2014/2015 Capitolo 1- I numeri naturali e i numeri interi Che cosa sono i numeri naturali La rappresentazione dei numeri naturali Le quattro operazioni

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione Test di autovalutazione Test 0 10 0 30 0 0 0 70 80 90 100 n Il mio punteggio, in centesimi, è n Rispondi a ogni quesito segnando una sola delle alternative. n onfronta le tue risposte con le soluzioni.

Dettagli

1B GEOMETRIA. Gli elementi fondamentali della geometria. Esercizi supplementari di verifica

1B GEOMETRIA. Gli elementi fondamentali della geometria. Esercizi supplementari di verifica Gli elementi fondamentali della geometria Esercizi supplementari di verifica Esercizio 1 a) V F Si dice linea retta una qualsiasi linea che non ha né un inizio né una fine. b) V F Il punto è una figura

Dettagli

Programma di matematica classe I sez. E a.s

Programma di matematica classe I sez. E a.s Programma di matematica classe I sez. E a.s. 2015-2016 Testi in adozione: Leonardo Sasso vol.1- Ed. Petrini La matematica a colori Edizione blu per il primo biennio MODULO A: I numeri naturali e i numeri

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

La circonferenza e i poligoni inscritti e circoscritti

La circonferenza e i poligoni inscritti e circoscritti Liceo Scientifico Isacco Newton - Roma Le lezioni multimediali di GeoGebra Italia efinizioni Luogo Geometrico Insieme di tutti e soli punti del piano che godono di una certa proprietà, detta proprieà caratteristica

Dettagli

Principali Definizioni e Teoremi di Geometria

Principali Definizioni e Teoremi di Geometria Principali Definizioni e Teoremi di Geometria Segmento (definizione) Si dice segmento di estremi A e B l insieme costituito dai punti A e B e da tutti i punti della retta AB compresi tra A e B. Angolo

Dettagli

(Prof.ssa Dessì Annalisa)

(Prof.ssa Dessì Annalisa) LICEO SCIENTIFICO PITAGORA - SELARGIUS CLASSE 1 SEZ. E - ANNO SCOLASTICO 2014 / 2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA Libro di testo: Bergamini Barozzi Matematica multimediale.blu con tutor, vol. 1 Zanichelli L

Dettagli

Liceo Scientifico E. Majorana Guidonia Quaderno di lavoro estivo Matematica

Liceo Scientifico E. Majorana Guidonia Quaderno di lavoro estivo Matematica Liceo Scientifico E. Mjorn Guidoni Numeri Nturli Sintesi dell teori Domnde Risposte Esempi Come si indic l insieme dei numeri nturli {0,,,,, }? L insieme dei numeri nturli si indic con l letter N. Quli

Dettagli

Liceo Scientifico Statale C. Cattaneo PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE I SEZ. M A.S. 2016/2017 Prof. DE MATTIA Miriam

Liceo Scientifico Statale C. Cattaneo PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE I SEZ. M A.S. 2016/2017 Prof. DE MATTIA Miriam ALGEBRA Liceo Scientifico Statale C. Cattaneo PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE I SEZ. M A.S. 2016/2017 Prof. DE MATTIA Miriam Teoria degli insiemi - insiemi e loro rappresentazioni; - sottoinsiemi propri

Dettagli

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco.

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco. Cpitolo II Limiti delle funzioni di un vribile Esercizi svolti Limiti Prof. Chirizzi rco www.elettrone.ltervist.org 1) Verificre che risult: = Dobbimo provre che per ogni ε positivo, rbitrrimente piccolo,

Dettagli

Postulati e definizioni di geometria piana

Postulati e definizioni di geometria piana I cinque postulati di Euclide I postulato Adimandiamo che ce sia concesso, che da qualunque ponto in qualunque ponto si possi condurre una linea retta. Tra due punti qualsiasi è possibile tracciare una

Dettagli

DEFINIZIONE. L unità frazionaria 1n (con n 0) rappresenta una sola delle n parti uguali in cui è stato diviso l intero.

DEFINIZIONE. L unità frazionaria 1n (con n 0) rappresenta una sola delle n parti uguali in cui è stato diviso l intero. L unità frazionaria DEFINIZIONE. L unità frazionaria n con n 0 rappresenta una sola delle n parti uguali in cui è stato diviso l intero. Sono unità frazionarie: ognuna di esse indica che l intero è stato

Dettagli