La scelta del premio nelle assicurazioni scolastiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La scelta del premio nelle assicurazioni scolastiche"

Transcript

1 La scelta del premio nelle assicurazioni scolastiche 1

2 Il rischio di contenzioso tra famiglie e Amministrazione Scolastica Se l infortunio dell alunno ha sempre rappresentato una variabile imprevedibile ma fisiologica del rischio scolastico, l incremento del contenzioso tra famiglie e Amministrazione Scolastica ha conosciuto negli ultimi anni una crescita senza precedenti, determinando un notevole danno d immagine per la scuola unitamente ad un onere economico sempre più rilevante per la P.A. e la collettività, aggravato dal frequente coinvolgimento diretto del personale docente e non docente responsabile della vigilanza. Il contenzioso che nasce tra la famiglia e la compagnia assicuratrice in occasione dell infortunio trova la sua origine nel differenziale che si viene a creare tra la proposta d indennizzo formulata dall assicuratore e la legittima aspettativa della famiglia: l offerta economica della compagnia, contrattualmente definita nell articolato di polizza, si rivela quasi sempre sensibilmente inferiore rispetto agli importi che verrebbero riconosciuti dalla giustizia civile sulla base delle tabelle di liquidazione del danno adottate dai tribunali e l ampiezza di questo differenziale è inversamente proporzionale all importo del premio di polizza. In questa situazione è frequente la decisione dei genitori dell alunno di adire la giustizia ordinaria per richiedere all Amministrazione Scolastica di colmare questo differenziale, invocando la RC dell Amministrazione Scolastica o di persone delle quali la stessa debba rispondere (docenti e ausiliari per mancata vigilanza, DS o Resp. Sicurezza per violazioni D.Lgs. n. 81/2008) e facendo leva sull inversione dell onere della prova. Le statistiche tratte dalla nostra base dati sinistri hanno evidenziato che il 90% delle controversie si concentra su quelle Scuole che hanno optato per soluzioni di copertura deboli corrispondenti ad importi di premio inferiori alla soglia dei euro pro capite, importo che è divenuto nella pratica operativa lo spartiacque tra prodotti assicurativi con un adeguata efficacia transattiva e prodotti privi di questa caratteristica: al di sotto di tale soglia l esiguità del premio non consente alle Compagnie Assicuratrici di equilibrare i costi dei sinistri con il premio incassato, costringendo gli assuntori di direzione ad apportare forti limitazioni contrattuali al risarcimento delle voci più onerose e più ricorrenti (I.P., denti, danno estetico). 1

3 Il rischio di contenzioso tra famiglie e Amministrazione Scolastica È inoltre diffuso un atteggiamento commerciale da parte della rete distributiva delle compagnie di assicurazione che induce le Amministrazioni Scolastiche ad adottare il criterio del risparmio come valore preponderante nella scelta delle coperture assicurative, trattando il rischio in termini di costo e non di garanzia/tutela; la miopia di questo tipo d impostazione si manifesta nel momento del sinistro, laddove risulta del tutto evidente che un differenziale di costo per alunno molto modesto (in termini di spesa annua per una famiglia) avrebbe potuto comportare prestazioni assicurative (indennizzi) marcatamente più adeguate e che il supposto risparmio realizzato (qualche euro all anno per la famiglia) non ha portato alcun tipo di beneficio, divenendo l Amministrazione Scolastica e la compagnia assicuratrice i corresponsabili di questa scelta errata. La Scuola e le famiglie devono porsi il medesimo obiettivo in termini di consapevolezza dei propri rischi e di piena conoscenza delle proprie esigenze, puntare ad una soluzione a medio termine del problema che non può prescindere dalla scelta di un importo di spesa da mettere a gara in linea con le richieste del mercato assicurativo. Per meglio comprendere l evoluzione delle coperture assicurative al variare del premio pagato, vediamo ora la dinamica di adattamento delle garanzie più importanti ai fini del contenimento del contenzioso rispetto al premio pagato dalla Scuola. 2

4 L invalidità permanente Prendiamo in esame un evento grave che colpisca un assicurato, generando una invalidità permanente elevata: è una fattispecie fortunatamente poco frequente a Scuola, ma che deve essere in ogni caso vagliata con attenzione per i drammatici risvolti sociali ed economici che comporta. Il Grafico 1 rappresenta nel caso di una invalidità permanente di un ragazzo di 12 anni da 10 a 100 punti di IP - il raffronto tra i risarcimenti riconosciuti dai tribunali italiani sulla base dalle tabelle di liquidazione del danno del Tribunale di Milano e quelli offerti dalle principali compagnie presenti nel mercato assicurativo scolastico nei casi di premio pro capite per alunno di 5,10 e 15 euro. Grafico 1. Gap risarcitorio tra tabelle dei tribunali e polizza della scuola L importo stabilito dalle tabelle dei tribunali, a prima vista molto elevato, è assolutamente realistico, poiché costruito sull ipotesi di convertire il capitale in una rendita vitalizia, cioè in una pensione. Per un alunno in giovane età euro trasformati in rendita vitalizia corrispondono, ai tassi di interesse ed inflazione ragionevolmente prevedibili per il futuro, ad una pensione mensile (al netto dell inflazione) di euro; importo che, sommato ai trattamenti riconosciuti dallo stato sociale - pari a 800 euro mensili tra assegno di invalidità e indennità di accompagnamento - determina una disponibilità economica mensile di euro. Cifra quest ultima non certo sovradimensionata, poiché riferita a persona totalmente invalida, ma sufficientemente adeguata secondo un ottica di equità, in quanto compensativa dell evidente inadeguatezza delle garanzie prestate dal sistema di welfare state. 3

5 L invalidità permanente Nel Grafico 2 vengono riportati i capitali, convertiti in rendita vitalizia, di due offerte risarcitorie presenti sul mercato assicurativo scolastico (con premio pro capite da 5, 10, 15 euro): come si può notare, solo nella formulazione da 15 euro la rendita vitalizia si configura come sufficientemente adeguata rispetto ai valori indicati dal tribunale; nella formulazione da 5 euro, invece, l inadeguatezza delle somme disponibili è palese. Fino ad oggi le Compagnie di Assicurazione operanti nel settore scolastico non garantivano capitali adeguati a causa della modestia dei premi pro capite per alunno espressi dalle amministrazioni scolastiche nei bandi di gara; solo di recente con il progressivo innalzamento delle soglie di premio per alunno sono comparse sul mercato offerte con garanzie e capitali più congrui rispetto ai parametri appena evidenziati, per quanto ancora non sovrapponibili ai livelli di indennizzo previsti dalle tabelle in uso nei tribunali. Per garantire un adeguato indennizzo nel caso di invalidità permanenti di grado elevato anche la somma di 10 euro per alunno dovrà pertanto essere oggetto di progressivo adeguamento verso livelli più congrui (15 euro). Grafico 2. Rendita vitalizia nelle combinazioni di premio per alunno da euro 5,10 e 15 vs tabelle del tribunale 4

6 La microinvalidità Statisticamente più rilevante a Scuola (circa il 90% dei sinistri che generano IP) è il fenomeno della microinvalidità (primi 10 punti percentuali), spesso associato ad attività a rischio, come l educazione fisica nelle scuole medie e l ora di ricreazione nelle scuole dell obbligo. I danni permanenti in questi ambiti sono quasi sempre riconducibili ad un grado non superiore al 10% di I.P. e, malgrado l esiguità delle somme risarcite, rappresentano una delle maggiori voci di spesa per le compagnie di assicurazione e, contestualmente, una delle maggiori fonti di contenzioso. Dalla Tabella 1 appare con evidenza come una delle migliori compagnie assicurative presenti sul mercato inserisca delle limitazioni tanto più marcate sul risarcimento dei primi punti di invalidità permanente quanto meno elevato risulti il premio che prevede di incassare: per importi di premio al di sotto dei 10 euro pro capite, dato il forte gap esistente tra il risarcimento ottenibile attraverso il ricorso alla giustizia ordinaria e quello offerto dalle compagnie, si può facilmente comprendere come il contenzioso sia divenuto l unica via risarcitoria equa e praticabile per i genitori che, trovandosi di fronte a proposte di risarcimento inadeguate, non hanno altra alternativa che rivolgersi ad un legale; legale che troverà nella responsabilità civile della Scuola e nelle tabelle di valutazione del danno adottate dai tribunali la soluzione migliore per il cliente, potendo contare su molteplici vie probatorie sul riconoscimento della responsabilità diretta o indiretta alla Scuola in merito al danno patito dall alunno. Tabella 1. Danno da invalidità permanente del 5% ad alunno di 11 anni: premi per alunno e indennizzi. Tabelle Tribunale di Milano (con danno morale) da 15 Euro da 10 Euro da 5 Euro Indennizzo Euro ,00 Euro 8.825,00 Euro 6.048,00 Euro 2.530,00 5

7 La microinvalidità Come già evidenziato per la grave invalidità permanente, anche nel caso della microinvalidità l importo di premio per alunno di 10 euro non garantisce sempre l eliminazione del ricorso alle vie legali, anche se si pone quale primo valido passo di avvicinamento alla soglia di equilibrio tecnico che alcune compagnie hanno individuato intorno ai 15 euro e che dovrebbe diventare l obiettivo di premio per alunno condiviso tra famiglie ed Istituzione Scolastica nei prossimi anni. Qualunque deviazione da questo percorso di allineamento delle prestazioni assicurate rispetto ai parametri praticati dai tribunali comporta per la Scuola una inevitabile escalation del contenzioso e per le famiglie una scelta quantomeno incauta rispetto all obiettivo di tutela che si prefiggono (qualche euro all anno per famiglia a fronte di capitali e rendite marcatamente diversi). Grafico 3. Danno da Invalidità Permanente del 5% ad alunno di 11 anni 6

8 Il danno ai denti Altro frequente motivo di contenzioso nelle polizze scolastiche è quello determinato dal perverso meccanismo di rimborso delle spese odontoiatriche. Mentre le coperture infortuni prevedono il rimborso delle spese sostenute e certificate per prestazioni già effettuate, tutt al più estese alla prima protesi definitiva che dovesse rendersi necessaria nei successivi tre anni, i tribunali in sede civile riconoscono al danneggiato, oltre ai danni citati, anche il danno biologico che va ad anticipare le spese per ricostruzioni provvisorie future senza limiti temporali. Sulle ricostruzioni provvisorie future, che dovranno essere eseguite in media ogni 5 anni, si gioca il contenzioso, perché nessuna compagnia è in grado di prevederle e pagarle in toto. Per evitare sistematiche contestazioni, però, alcune compagnie hanno iniziato a considerare almeno tre ricostruzioni provvisorie anticipate al costo previsto dalla tabella dell ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) nelle sole combinazioni di premio a partire da 10 euro. Tabella 2. Danno ai denti ad alunno di 11 anni (frattura incisivo superiore): premi per alunno e indennizzi Tabelle Tribunale di Milano da 15 Euro da 10 Euro da 5 Euro Indennizzo Euro 1.880,00 Euro 1.750,00 Euro 1.100,00 Euro 500,00 Grafico 4. Danno ai denti ad alunno di 11 anni 7

9 Il danno estetico, ultimo arrivato Ultimo arrivato nella lista degli accadimenti che generano contenzioso è il danno estetico: la maggior parte delle compagnie di assicurazione assicura questa tipologia di danno sotto forma di rimborso delle spese sostenute a seguito di intervento di chirurgia plastica; intervento generalmente non eseguibile per la giovane età degli alunni (soprattutto nella scuola dell obbligo ove si verificano la quasi totalità delle richieste) e pertanto non risarcibile con le clausole attualmente in uso nel settore scolastico soprattutto se a soglie di premio contenute. Dal momento che non è possibile riferirsi al concetto di invalidità permanente per l assenza dell elemento qualificante della stessa (ovvero la diminuita capacità lavorativa), questo tipo di danno resta di fatto irrisarcibile e sfocia sistematicamente nel ricorso alla giustizia civile. Per la soluzione di questo problema è necessario ricorrere ad un integrazione contrattuale, che individui una forma indennitaria specifica; se si vuole che la copertura del rischio in forma indennitaria sia realmente efficace, si dovrà procedere secondo i seguenti criteri: sul piano della valutazione medica attraverso l adozione della tabella prevista dal D.L. n. 38 del 23 febbraio 2000; sul piano della valutazione economica attraverso l adozione della tabella valutativa del Tribunale di Milano. Il ricorso a questi oggettivi parametri di riferimento renderebbe più agevole ed efficace la valutazione del danno che, se accettata dalle compagnie, permetterebbe un equo indennizzo ai danneggiati a prescindere dal ricorso al chirurgo plastico. Risulta evidente il fatto che una tale modifica all impianto contrattuale comporterebbe per gli assicuratori un maggior esborso quantificabile in circa euro, giustificabile esclusivamente con un premio di minimo 15 euro. Tabella 3. Danno estetico da residuo cicatriziale del 5% su alunno di 11 anni: premi per alunno e indennizzi Tabelle Tribunale di Milano (con danno morale) da 15 Euro da 10 Euro da 5 Euro Indennizzo Euro ,00 Euro ,00 Euro 7.500,00 Euro 0,00 Grafico 5. Danno estetico da residuo cicatriziale 5% su alunno di 11 anni 8

10 Conclusioni: evoluzione premio/garanzie Come risulta in modo evidente dalle tabelle e dai grafici delle pagine precedenti esiste una correlazione diretta tra aumento del premio assicurativo per alunno ed innalzamento dei massimali ed estensione delle garanzie offerte. La capacità transattiva delle offerte delle compagnie di assicurazioni varia al variare dell importo unitario per alunno inserito nel bando di gara, riducendo in maniera significativa il potenziale contenzioso tra Scuola e Famiglie. La minor distanza tra le somme riconosciute dalla giustizia ordinaria e quelle riconosciute dalle Compagnie rende sempre più aleatorio ed oneroso il ricorso alle vie legali. La determinazione dell importo di premio pro-capite da inserire nel bando di gara per l assicurazione degli alunni diventa pertanto un momento di valutazione importante soprattutto in relazione alle future conseguenze sulle prestazioni assicurative; una differenza poco significativa in termini di spesa annua delle famiglie (5 euro) può comportare un differenziale risarcitorio notevole. Queste scelte devono essere fatte con maggiore attenzione all interno di realtà complesse con situazioni di disagio sociale, nelle quali la congruità del risarcimento può rivelarsi differenziale. La decisione sull importo di premio assicurativo pro-capite da inserire nel bando di gara per la polizza infortuni degli alunni dovrebbe prevedere anche il coinvolgimento della componente genitoriale del Consiglio di Circolo/Istituto, in quanto le famiglie rappresentano gli assicurati/beneficiari della corretta stipula dei contratti: la collegialità della decisione avvantaggerà l Istituzione e l Utenza, eliminando qualunque contestazione circa l obbligo di rimborso delle spese sostenute per l assicurazione individuale per gli infortuni e la RC degli alunni come indicato dalla Circ. MIUR prot.312 del 20/03/

QUADRO COMPARATIVO. Gestione del rischio scolastico

QUADRO COMPARATIVO. Gestione del rischio scolastico QUADRO COMPARATIVO Gestione del rischio scolastico 1 B C D E F H 2 VOCI DI GARANZIA PER VALUTAZ. OFFERTA DIFFORME O GENERICA. Peso relativo Voce Punteggio 3 COMPAGNIA. 4 Agenzia. 5 Nome Prodotto. 2015

Dettagli

QUADRO COMPARATIVO. Gestione del rischio scolastico

QUADRO COMPARATIVO. Gestione del rischio scolastico QUADRO COMPARATIVO Gestione del rischio scolastico B F H 2 VOCI DI GARANZIA PER VALUTAZ. OFFERTA DIFFORME O GENERICA. Peso relativo Vove Punteggio Punteggio 3 COMPAGNIA. 4 Agenzia. 5 Nome Prodotto. 2014

Dettagli

ANALISI TECNICA DI EFFICACIA DELLE COPERTURE ASSICURATIVE. ' ĞƐƟŽŶĞĚĞůƌŝƐĐŚŝŽƐĐŽůĂƐƟĐŽ

ANALISI TECNICA DI EFFICACIA DELLE COPERTURE ASSICURATIVE. ' ĞƐƟŽŶĞĚĞůƌŝƐĐŚŝŽƐĐŽůĂƐƟĐŽ ANALISI TECNICA DI EFFICACIA DELLE COPERTURE ASSICURATIVE ' ĞƐƟŽŶĞĚĞůƌŝƐĐŚŝŽƐĐŽůĂƐƟĐŽ B F H 2 VOCI DI GARANZIA PER VALUTAZ. OFFERTA DIFFORME O GENERICA. Peso relativo Vove Punteggio Punteggio 3 COMPAGNIA.

Dettagli

Documento D Criteri di Valutazione Garanzie e Massimali

Documento D Criteri di Valutazione Garanzie e Massimali 2015 CX Documento D Criteri di Valutazione Garanzie e Massimali Gestione del rischio scolastico 1 C D 3 4 5 tipologia 2015 CX Profilo CX 6 riferimento premio 8 7 Centro Liquidazione danni in regione. Cld

Dettagli

Documento D Criteri di Valutazione Premio, Garanzie e Massimali.

Documento D Criteri di Valutazione Premio, Garanzie e Massimali. 014 C Documento D Criteri di Valutazione Premio, Garanzie e Massimali. Gestione del rischio scolastico 1 DOCUMENTO D. Criteri di Valutazione Premio, Garanzie e Massimali Profilo 3 4 5 Capitolato 014 C

Dettagli

BANDO DI GARA PER CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER INFORTUNI R.C. TERZI TUTELA LEGALE - ASSISTENZA

BANDO DI GARA PER CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER INFORTUNI R.C. TERZI TUTELA LEGALE - ASSISTENZA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MAZZANO Via Matteotti, 5080 MAZZANO fraz. Ciliverghe (prov. BRESCIA) C.F. 8005058076 E-MAIL ddmazzan@provincia.brescia.it Tel. 00/6099 00/606 Prot. N. 88 Del 0/06/0 PREMESSA

Dettagli

BANDO DI GARA PER CONTRATTO DI ASSICURAZIONE GIG Z1805EDECC INFORTUNI R.C. TERZI TUTELA LEGALE - ASSISTENZA

BANDO DI GARA PER CONTRATTO DI ASSICURAZIONE GIG Z1805EDECC INFORTUNI R.C. TERZI TUTELA LEGALE - ASSISTENZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO RINALDINI SUD 3 Q.re Leonessa, n. 5-5 BRESCIA Telefono 030353 - Fax 0303530 ddrinald@provincia.brescia.it bsic87700a@istruzione.it

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N. 6 Quando c è la salute, c è tutto LA SALUTE, IL BENE PIÙ PREZIOSO Da quando nasciamo, e per tutta la vita, la salute è il bene più prezioso che abbiamo. Spesso però non

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese

KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese Gestione del rischio scolastico COSA DEVE FARE LA SCUOLA? GESTIONE DEI SINISTRI SE IL SINISTRO AVVIENE A SCUOLA O DURANTE ATTIVITÀ CHE COMPORTANO LA PRESENZA DI PERSONALE

Dettagli

La Convenzione Nazionale 2012 INA ASSITALIA per Secretary.it

La Convenzione Nazionale 2012 INA ASSITALIA per Secretary.it La Convenzione Nazionale 2012 INA ASSITALIA per Secretary.it L offerta Danni INA ASSITALIA per Secretary.it: È un prodotto di Indennità Malattie che prevede, nella sua formulazione base, un indennità giornaliera

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

BOZZA DI CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE. Tra

BOZZA DI CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE. Tra BOZZA DI CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Tra La (P.A..)...in persona del...pro tempore, Sig... nato a...e residente in...qui di seguito denominato Ente affidante. e l impresa...in

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA OSSERVAZIONI E COMMENTI AL DOCUMENTO SOTTOPOSTO A PUBBLICA CONSULTAZIONE Iscrizione/cancellazione relative

Dettagli

LA TUTELA ASSICURATIVA DEL PROFESSIONISTA Principi generali e linee guida pratiche

LA TUTELA ASSICURATIVA DEL PROFESSIONISTA Principi generali e linee guida pratiche LA TUTELA ASSICURATIVA DEL PROFESSIONISTA Principi generali e linee guida pratiche Clinica Universitaria O.I.R.M. S.Anna Collegio Interprovinciale delle Ostetriche di Torino ed Asti Torino 16 18 ottobre

Dettagli

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Agenda Le previsioni del codice Cosa è stato fatto? Le conseguenze delle scelte L attuazione

Dettagli

Allegato 3 Scheda offerta

Allegato 3 Scheda offerta Compagnia assicuratrice Condizioni Minime dell OFFERTA A PENA DI ESCLUSIONE Al fine dell ammissione, la Società offerente dichiara, il rispetto delle seguenti condizioni minime: Durata delle coperture:

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

MINIGUIDA AL FONDO ESPERO

MINIGUIDA AL FONDO ESPERO MINIGUIDA AL FONDO ESPERO 1 1 - Il tuo futuro chiede, Espero risponde. La previdenza oggi fa scuola. Espero è il Fondo Pensione che risponde alle esigenze previdenziali di tutti i lavoratori della scuola:

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE INA ASSITALIA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA AUTO SALUTE E BENESSERE CASA E FAMIGLIA RISPARMIO E INVESTIMENTO PENSIONE E PREVIDENZA

OFFERTA COMMERCIALE INA ASSITALIA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA AUTO SALUTE E BENESSERE CASA E FAMIGLIA RISPARMIO E INVESTIMENTO PENSIONE E PREVIDENZA OFFERTA COMMERCIALE INA ASSITALIA INA ASSITALIA, Compagnia del Gruppo Generali, è una grande realtà nel mondo assicurativo italiano con oltre 2,5 milioni di Clienti ed una rete costituita da circa 300

Dettagli

3. Polizza R.C.: Il soggetto assicurato deve intendersi, oltre al personale della scuola l Amministrazione Scolastica M.I.U.R.

3. Polizza R.C.: Il soggetto assicurato deve intendersi, oltre al personale della scuola l Amministrazione Scolastica M.I.U.R. Via Boccaccio n. 2/e - 2002 Cerro Maggiore - Milano Tel: 01 519055 01 5176 - Fax: 01 517879 L offerta dovrà prevedere prodotti che soddisfino le condizioni sottoindate,dal punto 1 al punto 11, allo scopo

Dettagli

OGGETTO: richiesta preventivo polizza Responsabilità Civile, Infortuni, Tutela Giudiziaria e Assistenza.

OGGETTO: richiesta preventivo polizza Responsabilità Civile, Infortuni, Tutela Giudiziaria e Assistenza. Prot. N. 65/C9 Spettabile AGENZIA DI ASSICURAZIONE OGGETTO: richiesta preventivo polizza Responsabilità Civile, Infortuni, Tutela Giudiziaria e Assistenza. Con la presente si sottopone alla vostra cortese

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

180 2 0 - DIREZIONE RAGIONERIA - SETTORE CONTABILITA' E FINANZA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-165 del 22/05/2015

180 2 0 - DIREZIONE RAGIONERIA - SETTORE CONTABILITA' E FINANZA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-165 del 22/05/2015 180 2 0 - DIREZIONE RAGIONERIA - SETTORE CONTABILITA' E FINANZA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-165 del 22/05/2015 RINEGOZIAZIONE DI N. 201 MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI, AI SENSI ART. 1, COMMA

Dettagli

LE ALTRE ASSICURAZIONI DANNI

LE ALTRE ASSICURAZIONI DANNI non varia a seconda del sesso, come detta la direttiva UE) e con l ampiezza della copertura. In questo modo, il pagamento del premio (registrato in busta paga per i dipendenti) permette di accedere serenamente

Dettagli

Agenzia Generale di Budrio Agente Generale Zucchelli Aurelio. Via Beroaldi 29 Tel. 051/801532-802521 Fax 051/808193

Agenzia Generale di Budrio Agente Generale Zucchelli Aurelio. Via Beroaldi 29 Tel. 051/801532-802521 Fax 051/808193 Agenzia Generale di Budrio Agente Generale Zucchelli Aurelio Via Beroaldi 29 Tel. 051/801532-802521 Fax 051/808193 CONDIZIONI SPECIFICHE ART.1 OGGETTO DELL ASSICURAZIONE A parziale deroga del primo comma

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Statistiche relative alla gestione dei rami: 1. Infortuni; 2. Malattia; 8. Incendio ed elementi naturali; 13. Responsabilità civile generale

Dettagli

La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità ***

La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità *** La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità *** 1 - Premessa: La società come fattore di rischio L estensione dei tipi di contratti assicurativi ai rischi più disparati, ha trasformato la

Dettagli

Il gap di spesa per l assistenza di lungo termine e il possibile ruolo delle assicurazioni

Il gap di spesa per l assistenza di lungo termine e il possibile ruolo delle assicurazioni Verso un sistema di welfare per la terza età nel Terzo Millennio Il gap di spesa per l assistenza di lungo termine e il possibile ruolo delle assicurazioni Luigi Di Falco Responsabile Vita e Welfare Trieste,

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Programma di Assistenza. per il Personale Dirigente delle Aziende associate a Confindustria

Programma di Assistenza. per il Personale Dirigente delle Aziende associate a Confindustria Programma di Assistenza per il Personale Dirigente delle Aziende associate a Confindustria Previndustria S.p.A. Previndustria S.p.A. nasce nel 1975 con un preciso obiettivo: progettare e realizzare soluzioni

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

Convenzione Guggenheim

Convenzione Guggenheim Convenzione Guggenheim Ordine Architetti Milano e provincia ASSICURAZIONI GENERALI S.P.A. AGENZIA DI CITTÀ 567 Via Carbonera, 19 20137, Milano Tel. 02.70.00.17.11 Fax 02.71.73.23 E-mail : milano567@agenzie.generali.it

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO. Cos è. A chi è rivolta. Cosa offre. Limiti di età. Durata contrattuale. Pagamento del premio. Premio minimo

SCHEDA PRODOTTO. Cos è. A chi è rivolta. Cosa offre. Limiti di età. Durata contrattuale. Pagamento del premio. Premio minimo Cos è È una polizza con libera scelta dei capitali stipulabile per la copertura del rischio infortuni in forma completa, ossia per gli infortuni che l Assicurato subisca nello svolgimento delle attività

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELISARIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELISARIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1853 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BELISARIO Modifiche al codice di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e alla

Dettagli

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap. Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.it Milano, 16 aprile 2012 OGGETTO: Osservazioni Altroconsumo su: Documento

Dettagli

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE \ Determinazione 10/2015 Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

IL FUTURO DELLE PENSIONI:

IL FUTURO DELLE PENSIONI: IL FUTURO DELLE PENSIONI: PIÙ EQUITÀ, PIÙ SOLIDARIETÀ, PIÙ SOSTENIBILITÀ SOCIALE. Analisi e proposte della CGIL Dicembre 2009 A cura del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti - Cgil Nazionale 1 GLI EFFETTI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Servizio di Consulenza ed Assistenza Assicurativa (brokeraggio)

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Servizio di Consulenza ed Assistenza Assicurativa (brokeraggio) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Servizio di Consulenza ed Assistenza Assicurativa (brokeraggio) Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza

Dettagli

Modello B SEZIONE 1 - VALUTAZIONE GENERALE PREMIO, RISCHI ASSICURATI E TOLLERANZA MASSIMO PUNTEGGIO ASSEGNATO 40. Garanzia Prestata (Si No)

Modello B SEZIONE 1 - VALUTAZIONE GENERALE PREMIO, RISCHI ASSICURATI E TOLLERANZA MASSIMO PUNTEGGIO ASSEGNATO 40. Garanzia Prestata (Si No) Modello B CIG N. ZC6158FB2A OFFERTA ECONOMICA SEZIONE 1 - VALUTAZIONE GENERALE PREMIO, RISCHI ASSICURATI E TOLLERANZA RISCHI PER I QUALI È PRESTATA L ASSICURAZIONE 1 Responsabilità Civile Terzi (RCT) 2

Dettagli

BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89%

BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89% BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89% Rapporto tra pensione e ultima retribuzione lorda Le

Dettagli

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE INDICE SISTEMATICO Introduzione........................................... pag. v LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE 1. Rapporto di causalità tra condotta

Dettagli

ALLEGATO F MODULO DI PRESENTAZIONE OFFERTA TECNICA. Gara per l affidamento del Servizio Assicurativo a favore degli alunni e del Personale Scolastico

ALLEGATO F MODULO DI PRESENTAZIONE OFFERTA TECNICA. Gara per l affidamento del Servizio Assicurativo a favore degli alunni e del Personale Scolastico ALLEGATO F MODULO DI PRESENTAZIONE OFFERTA TECNICA Gara per l affidamento del Servizio Assicurativo a favore degli alunni e del Personale Scolastico Spettabile IST. COMPRENSIVO CENTRO 1 BRESCIA Viale Piave,

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Prestito Personale AVVERA MAXI

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Prestito Personale AVVERA MAXI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE Prestito Personale AVVERA MAXI Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri Iscritta all Albo delle Banche (n.5350)

Dettagli

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche:

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: 1) copertura delle spese giudiziali e stragiudiziali, sia civili che penali;

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto SCHEDA SINTETICA La presente Scheda Sintetica costituisce parte integrante della Nota Informativa. Essa è redatta al fine di facilitare

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it BREVE GUIDA ALLE TARIFFE DELL ASSICURAZIONE R.C.AUTO A cura dell ANIA - Il premio di assicurazione - Inversione del ciclo produttivo - Le

Dettagli

Il nuovo welfare dei Dottori Commercialisti. Napoli 01/04/2016

Il nuovo welfare dei Dottori Commercialisti. Napoli 01/04/2016 Il nuovo welfare dei Dottori Commercialisti a sostegno dell EQUILIBRIO PSICO FISICO Napoli 01/04/2016 Giuseppe Puttini Consigliere CNPADC Polizza base > per i momenti difficili della vita La Cassa, ad

Dettagli

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini OIC 19: Debiti Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento con gli altri principi

Dettagli

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******)

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******) Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica OMEGA FONDO P E N S I O N E N E G O Z I A L E P E R I L A V O R A T O R I D E L S E T T O R E ALFA ( O M E G A ) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con

Dettagli

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, in base al D.Lgs 81/08 riceve le informazioni e la documentazione

Dettagli

L OFFERTA DELL AGENZIA GENERALE INA ASSITALIA DI GIULIANOVA

L OFFERTA DELL AGENZIA GENERALE INA ASSITALIA DI GIULIANOVA L OFFERTA DELL AGENZIA GENERALE INA ASSITALIA DI GIULIANOVA PER L ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI TERAMO INA ASSITALIA, Compagnia appartenente al Gruppo Generali, è una grande realtà nel mondo assicurativo

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

OFFERTA ECONOMICA SEZIONE 1 VALUTAZIONE GENERALE PREMIO, RISCHI ASSICURATI E TOLLERANZA PRESTATA (SI NO) SOGGETTI ASSICURATI A TITOLO GRATUITO

OFFERTA ECONOMICA SEZIONE 1 VALUTAZIONE GENERALE PREMIO, RISCHI ASSICURATI E TOLLERANZA PRESTATA (SI NO) SOGGETTI ASSICURATI A TITOLO GRATUITO Modello B OFFERTA ECONOMICA SEZIONE 1 VALUTAZIONE GENERALE PREMIO, RISCHI ASSICURATI E TOLLERANZA RISCHI ASSICURATI 1. Responsabilità Civile verso Terzi RCT 2. Responsabilità C. verso prestatori di lavoro

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

Le polizze assicurative in ambito odontoiatrico. Roberto Musso

Le polizze assicurative in ambito odontoiatrico. Roberto Musso Le polizze assicurative in ambito odontoiatrico Roberto Musso L assicurazione della responsabilità civile: una primaria necessità del professionista. In tale contesto il rischio professionale non può più

Dettagli

GLI ASPETTI PRINCIPALI DELLA CONVENZIONE

GLI ASPETTI PRINCIPALI DELLA CONVENZIONE CONVENZIONE ASSICURATIVA PER LE ODV Attraverso un accordo con l importante broker assicurativo AON il Centro di Servizi Vol. To, in continuità con la precedente esperienza di Idea Solidale, consente alle

Dettagli

1. Identità e contatti del finanziatore. 2. Caratteristiche principali del prodotto di credito

1. Identità e contatti del finanziatore. 2. Caratteristiche principali del prodotto di credito 1. Identità e contatti del finanziatore Finanziatore Igea Banca S.p.A.. Indirizzo Sede legale: Via Paisiello, 38 00198 Roma (CT) Telefono 095 7724145 Email segreteria@igeabanca.it Fax 095 7724145 Sito

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAUSI, MISIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAUSI, MISIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CAUSI, MISIANI Modifica all articolo 11-quaterdecies del decreto-legge 30 settembre 2005,

Dettagli

Quanto costa il mio fondo pensione?

Quanto costa il mio fondo pensione? Quanto costa il mio fondo pensione? Le differenze con il mercato e i nostri punti di forza Uno dei temi principali su cui il mercato della previdenza complementare si confronta è quello relativo ai costi

Dettagli

RISCHIO INQUINAMENTO & SOLUZIONI ASSICURATIVE

RISCHIO INQUINAMENTO & SOLUZIONI ASSICURATIVE RISCHIO INQUINAMENTO & SOLUZIONI ASSICURATIVE Sala delle Colonne BPM Milano 29 aprile 2010 Francesco G. Paparella Presidente AIBA PERCHE IL BROKER Nel 2009 i broker: hanno intermediato il 46,1% dei rami

Dettagli

L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 *

L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 * L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 * La legge di stabilità per il 2015 interviene pesantemente sulla tassazione del TFR, secondo tre modalità differenti: 1. TFR

Dettagli

Allegato Criteri di aggiudicazione

Allegato Criteri di aggiudicazione Criteri di aggiudicazione L'Appalto sarà aggiudicato per ogni singolo Lotto - con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 83 del D. Lgs. 163/2006, in base ai criteri

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR RISOLUZIONE N. 83/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 marzo 2009 A tutte le Direzioni Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR La

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI (MI) CERINI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

Distretto scolastico n. 10

Distretto scolastico n. 10 Prot. n. 2988/B1 Bari, 09/10/2012 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI ASSICURAZIONE DEGLI ALUNNI A.S. 2012/2013. Con la presente, sottoponiamo alla vs. cortese attenzione la possibilità di stipulare

Dettagli

PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI

PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI Allegato 3 Convenzione Nazionale CISL - UGF PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI Condizioni riservate alle Strutture Sindacali (Nazionali, Regionali, Territoriali e di Categoria) e alle Società ed Enti di loro

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE (ALLEGATO ALLA NOTA INFORMATIVA) Il presente documento disciplina, nei confronti dell aderente, l erogazione delle prestazioni pensionistiche in forma di rendita del Fondo

Dettagli

Il tuo domani dipende dalle scelte di oggi. Tutte le risposte che cerchi

Il tuo domani dipende dalle scelte di oggi. Tutte le risposte che cerchi UnipolSai Assicurazioni è la compagnia del Gruppo Unipol, nata dalla fusione di tre importanti e storiche compagnie assicurative italiane: Unipol Assicurazioni, FondiariaSai e Milano Assicurazioni. Leader

Dettagli

NOTA METODOLOGICA PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO DA RICONOSCERE AI COMUNI PER L ATTIVAZIONE DI NUOVI SERVIZI PER L INFANZIA

NOTA METODOLOGICA PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO DA RICONOSCERE AI COMUNI PER L ATTIVAZIONE DI NUOVI SERVIZI PER L INFANZIA ALLEGATO A NOTA METODOLOGICA PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO DA RICONOSCERE AI COMUNI PER L ATTIVAZIONE DI NUOVI SERVIZI PER L INFANZIA Premesso che la Regione Lazio è attualmente caratterizzata da tre

Dettagli

Delibera n. 14/11/CIR. Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA

Delibera n. 14/11/CIR. Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA Delibera n. 14/11/CIR Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA NELLA sua riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 9 febbraio 2011;

Dettagli

Decisione N. 6796 del 30 dicembre 2013

Decisione N. 6796 del 30 dicembre 2013 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) ORLANDI (MI) CONTINO Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato da Associazione

Dettagli

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili La percezione dei rischi e i bisogni assicurativi i principi generali che regolano l assicurazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TRINO VIA VITTIME DI BOLOGNA N 4-13039 TRINO (VC) Tel. e Fax 0161 / 80.12.54 posta certificata:scuoletrino@pec.

ISTITUTO COMPRENSIVO TRINO VIA VITTIME DI BOLOGNA N 4-13039 TRINO (VC) Tel. e Fax 0161 / 80.12.54 posta certificata:scuoletrino@pec. ISTITUTO COMPRENSIVO TRINO VIA VITTIME DI BOLOGNA N 4-13039 TRINO (VC) Tel. e Fax 0161 / 80.12.54 posta certificata:scuoletrino@pec.it webmail: segreteria@scuoletrino.it vcic80000e@istruzione.it www.scuoletrino.it

Dettagli

INTEGRAZIONE PUBBLICATA SUL SITO INTERNET Istituto Superiore di Sanità IN DATA 01/06/2010

INTEGRAZIONE PUBBLICATA SUL SITO INTERNET Istituto Superiore di Sanità IN DATA 01/06/2010 Con riferimento al Capitolato di Polizza R.C. Patrimoniale Lotto. N. 3 Condizioni Generali di Assicurazione - lo stesso è da intendersi integrato nel modo di seguito descritto (le parti contrassegnate

Dettagli

Istruzioni applicative per la tenuta dei registri assicurativi

Istruzioni applicative per la tenuta dei registri assicurativi Istruzioni applicative per la tenuta dei registri assicurativi Allegato 1 A) Istruzioni di carattere generale a) I casi di erronea annotazione per i quali è consentito lo storno ai sensi dell articolo

Dettagli

Essenziale. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva

Essenziale. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva Essenziale Nota Informativa Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva NOTA INFORMATIVA La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP ma il suo contenuto non è soggetto alla preventiva

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Avv. Bruno De Carolis Presidente Avv. Massimiliano Silvetti Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293)

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Capo III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RC AUTO 1

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

POLIZZA ODONTOIATRICA GUIDA ALL UTILIZZO DELLE PRESTAZIONI

POLIZZA ODONTOIATRICA GUIDA ALL UTILIZZO DELLE PRESTAZIONI www.uilca.eu notizi@rio POLIZZA ODONTOIATRICA GUIDA ALL UTILIZZO DELLE PRESTAZIONI Il Decreto del Ministero della Salute del 3/3/08 ha introdotto importanti modifiche nel mondo della sanità privata con

Dettagli

Allegato D Tabella di valutazione offerte e attribuzione punteggi

Allegato D Tabella di valutazione offerte e attribuzione punteggi Allegato D Tabella di valutazione offerte e attribuzione punteggi GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSICURAZIONE IN FAVORE DEGLI ALUNNI E DEGLI OPERATORI SCOLASTICI A.S 2012/15 CIG Z4505DA278 Valutazione

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

riamo News Rendimenti dei compari di Priamo nel primo semestre del 2014 5,57% 2,00% 0,85% BILANCIO PRUDENTE

riamo News Rendimenti dei compari di Priamo nel primo semestre del 2014 5,57% 2,00% 0,85% BILANCIO PRUDENTE Mi è convenuto aderire a Priamo? Guardando ai rendimenti che Priamo ha ottenuto negli ultimi anni, la risposta è sicuramente sì. I risultati dei rendimenti conseguiti nel 2013 dai gestori finanziari selezionati

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4f Altri finanziamenti non cambiari ad imprese

FOGLIO INFORMATIVO. 4f Altri finanziamenti non cambiari ad imprese Pagina 1/12 FOGLIO INFORMATIVO 4f Altri finanziamenti non cambiari ad imprese INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PIOSSASCO I 10045 PIOSSASCO (Torino) Via Volvera, 14 Tel. e Fax 90.64.161 email: toic8ae005@istruzione.it

ISTITUTO COMPRENSIVO PIOSSASCO I 10045 PIOSSASCO (Torino) Via Volvera, 14 Tel. e Fax 90.64.161 email: toic8ae005@istruzione.it ISTITUTO COMPRENSIVO PIOSSASCO I 45 PIOSSASCO (Torino) Via Volvera, 4 Tel. e Fax 9.64.6 email: toic8ae5@istruzione.it Prot. N. 6/B6a Piossasco, 9.8.4 REALE MUTUA ASSICURAZIONI Piazza Cavour, 8/A TORINO

Dettagli

LA CONVENZIONE AVVOCATI

LA CONVENZIONE AVVOCATI LA CONVENZIONE AVVOCATI La convenzione Avvocati nasce nel 2003 e da subito è estesa su tutto il territorio Italiano. Anno dopo anno si è migliorata sia nei contenuti che nei premi. Le aree professionali

Dettagli

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP DETERMINAZIONE Determinazione n. 05 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l. 249/1997, "Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

MORTE Euro 50.000,00

MORTE Euro 50.000,00 LOTTO 4 INFORTUNI MINORI ASILI NIDO DESCRIZIONE DEL RISCHIO MORTE Euro 50.000,00 INVALIDITA PERMANENTE Franchigia fissa del 5% Fino ai 40% liq. sul capitale di euro 100.000,00 dal 41% al 50% liq. sul capitale

Dettagli

Griglia comparativa preventivi di assicurazione 2014/2015

Griglia comparativa preventivi di assicurazione 2014/2015 IV ISTITUTO COMPRENSIVO - SIRACUSA Prot. 5135/C14 Griglia comparativa preventivi di assicurazione 2014/2015 MODALITÀ DI VALUTAZIONE ECONOMICA Massimo punteggio assegnato 55 punti SEZIONE 1- VALUTAZIONE

Dettagli