La Catena di Custodia secondo gli standard del Forest Stewardship Council, FSC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Catena di Custodia secondo gli standard del Forest Stewardship Council, FSC"

Transcript

1 La Catena di Custodia secondo gli standard del Forest Stewardship Council, FSC Guida sintetica ad uso delle imprese Volume 1: Lo Standard FSC-STD v.2 A cura della Segreteria nazionale del Gruppo FSC-Italia Seconda Edizione - Febbraio 2009 FSC-SECR Forest Stewardship Council A.C. Il marchio della gestione forestale responsabile

2 2

3 Indice Nota editoriale... 4 Abbreviazioni e acronimi usati nel testo Il Forest Stewardship Council, FSC Il Gruppo FSC-Italia La certificazione secondo gli standard FSC La certificazione della buona gestione forestale La certificazione della Catena di Custodia La Catena di Custodia: introduzione, iter e standard di riferimento L iter di certificazione Gli standard di riferimento Impostazione di un sistema di gestione della Catena di Custodia: indicazioni pratiche ed operative sulla base degli standard FSC Lo standard FSC-STD versione Parte I: requisiti generali Gestione della qualità Scopo del sistema di Catena di Custodia: i gruppi di prodotti Acquisto di materiali e materie prime Ricezione e stoccaggio Controllo dei volumi Vendite e spedizioni Parte II: sistemi per il controllo delle dichiarazioni FSC Sistema a trasferimento transfer system Sistema a percentuale percentage system Sistema a crediti credit system Parte III: etichettatura Parte IV: requisiti supplementari Terzisti coinvolti nella Catena di Custodia Componenti minoritarie Bibliografia Allegato 1 Enti di certificazione accreditati FSC operanti in Italia Allegato 2 Check list per l individuazione degli standard FSC per la Catena di Custodia da utilizzare eventualmente in aggiunta a FSC-STD vers. 2 e relativi addenda Allegato 3 Il database internazionale delle aziende e dei prodotti certificati

4 Nota editoriale La presente guida é stata realizzata dalla Segreteria nazionale del Gruppo FSC-Italia a titolo di aggiornamento rispetto la precedente edizione del dicembre Tale aggiornamento si è reso necessario a seguito dell entrata in vigore, a partire dal 1 gennaio 2008, di una nuova versione degli standard FSC per la Catena di Custodia. La guida è intesa come strumento di supporto alle aziende che si avvicinino per la prima volta alla certificazione FSC, ma anche a quelle che si trovino nella necessità di aggiornare il proprio sistema di gestione ai nuovi standard e, più in generale, a tutti coloro che desiderino approfondire la conoscenza di queste tematiche. Ai fini della certificazione della Catena di Custodia l unico riferimento ufficiale è comunque rappresentato dagli standard approvati dal Forest Stewardship Council A.C., disponibili gratuitamente all interno di: Si ringrazia il dr. Lucio Brotto per la collaborazione nella revisione dei testi. 4

5 Abbreviazioni e acronimi usati nel testo ASI CB c.d. cfr. cit. CoC com. pers. DdT es. FM FSC FSC-Italia GDO GFTN GFS GPP ha ISEAL ndr Ns. par. P&C pp. SFM SLIMF STD TM Tot. vers. Accreditation Services International certification body, ente di certificazione così detto confronta citato Chain of Custody, Catena di Custodia comunicazione personale Documento di Trasporto esempio Forest Management, Gestione Forestale Forest Stewardship Council Forest Stewardship Council-Italia Grande Distribuzione Organizzata Global Forest and Trade Network Gestione Forestale Sotenibile Green Public Procurement ettaro International Social and Environmental Accreditation and Labelling alliance nota di redazione nostra paragrafo Principles and Criteria, Principi e Criteri pagine Sustainable Forest Management, Gestione Forestale Sostenibile Small and Low Intensity Managed Forests, Foreste di piccole dimensioni ed a bassa intensità di prelievo standard Trademark Totale versione 5

6 6

7 1. Il Forest Stewardship Council, FSC Il Forest Stewardship Council (FSC) è un organizzazione internazionale non governativa e senza scopo di lucro (non-profit) creata nel 1993 e che include tra i suoi membri gruppi ambientalisti e sociali (Greenpeace, WWF, Legambiente, Friends of the Earth, Amnesty International, etc.), comunità indigene, proprietari forestali, industrie che lavorano e commerciano legno, grandi gruppi della distribuzione (B&Q, Castorama, Home Depot, Ikea, etc.), ricercatori e tecnici, che operano insieme allo scopo di promuovere in tutto il mondo una corretta gestione delle foreste e delle piantagioni forestali. Ci si riferisce, con ciò, a una gestione che si ispiri a tre grandi famiglie di valori, ambientali, sociali ed economici, quindi a una gestione che: tuteli l'ambiente naturale, sia utile per la gente (lavoratori e popolazioni locali) e valida dal punto di vista economico, in linea con i principi dello sviluppo sostenibile affermati nei summit di Rio de Janeiro (1992) e di Johannesburg (2002). Per riuscire nella propria missione, FSC ha definito, con il coinvolgimento di tutte le parti interessate, un sistema di certificazione volontario e di parte terza (indipendente), operativo a livello internazionale e specifico per il settore forestale e i prodotti legnosi. Più in dettaglio, sono stati definiti 10 Principi & 57 Criteri (P&C) di buona gestione forestale, norme per la rintracciabilità dei prodotti forestali e per l'uso di un marchio internazionale registrato, finalizzato ad identificare i prodotti forestali (legnosi e non): tutti i prodotti contrassegnati con il marchio FSC sono certificati come provenienti da foreste che rispettano i Principi e Criteri di buona gestione forestale riconosciuti a livello internazionale. In questo senso la certificazione FSC costituisce anche un valido strumento di mercato per promuovere la buona gestione delle risorse forestali. Le foreste sono controllate e valutate in maniera indipendente da una serie di organismi di certificazione accreditati (quadro 1.1), il cui operato è costantemente monitorato per assicurarne la competenza e la credibilità. Dal punto di vista istituzionale, FSC è un ente di accreditamento con potere decisionale centralizzato in merito all accreditamento degli standard di gestione forestale locali/nazionali e delle procedure per l applicazione delle norme FSC a livello nazionale. L FSC non effettua, pertanto, attività di certificazione, ma delinea i principi, i criteri e le procedure di certificazione della buona gestione forestale e della rintracciabilità (Catena di Custodia) e attraverso un programma di accreditamento volontario per gli enti di certificazione assicura che su scala locale vengano rispettati i suddetti principi e che le valutazioni effettuate dagli enti accreditati siano internazionalmente riconosciute. L autorità decisionale del FSC è costituita dall Assemblea Generale che raccoglie gli oltre 790 membri ed è divisa in tre Camere, con potere di voto equamente distribuito tra interessi ecologici (1/3), sociali (1/3) ed economici (1/3) e suddiviso in modo da bilanciare gli interessi dei Paesi del Sud del mondo rispetto a quelli del Nord. Possono diventare membri dell'fsc tutte le organizzazioni e le persone fisiche interessate alla gestione delle risorse forestali e al settore del legno che condividano le finalità e gli obiettivi dell Organizzazione (FSC, 2008). Quadro 1.1 Accreditamento degli enti di certificazione secondo il FSC L accreditamento degli enti di certificazione secondo gli standard FSC è compito di un apposita organizzazione indipendente, denominata Accreditation Services International, ASI. Il programma di accreditamento degli enti di certificazione (FSC CB Accreditation Programme) prevede attività di controllo e di monitoraggio periodicamente condotte da ASI presso gli enti di certificazione, ivi compreso l affiancamento nel corso di verifiche ispettive condotte presso aziende certificate. In questa maniera viene garantita 7

8 un azione di verifica dell operato degli enti di certificazione, onde appurarne la professionalità ed il rispetto degli standard. Atteggiamenti non conformi alle regole del FSC, ovvero manifesti casi di violazione delle norme di accreditamento possono comportare l adozione di azioni da parte del FSC, nei confronti degli enti di certificazione, fino ad arrivare, nei casi più gravi, alla sospensione od alla revoca dell accreditamento. Una lista completa ed aggiornata degli enti di certificazione accreditati FSC è consultabile presso il seguente link: Un estratto di tale lista, contenente esclusivamente gli enti di certificazione che normalmente operano in Italia è riportata nell Allegato 1 al presente documento ed è comunque consultabile presso il sito web del Gruppo FSC-Italia (www.fsc-italia.it) alla sezione Web Links/ Enti di certificazione accreditati. E utile ricordare che FSC partecipa, come ente di normazione, all International Social and Environmental Accreditation and Labelling (ISEAL) Alliance, un associazione di organizzazioni che si occupano di definizione di standard, certificazione ed accreditamento con particolare attenzione alle tematiche sociali ed ambientali. Fanno parte di ISEAL, tra gli altri, IFOAM, organizzazione che si occupa di agricoltura biologica, e FLO, che si occupa invece di Commercio Equo e Solidale. Fonte: ASI, 2008; ISEAL, Ns. elaborazione. 1.1 Il Gruppo FSC-Italia Il Gruppo FSC-Italia 1, creato nel 2001 ed ufficialmente riconosciuto a livello internazionale nel 2002, è l iniziativa nazionale italiana del Forest Stewardship Council. Ha sede a Legnaro (PD), presso il Dipartimento TeSAF dell Università di Padova. L attività del Gruppo FSC-Italia è finalizzata alla salvaguardia ed al miglioramento dell ambiente e delle risorse forestali in Italia e nel mondo, attraverso la gestione ed utilizzazione delle foreste e dei prodotti forestali secondo lo schema FSC. Per riuscire in tale scopo, il Gruppo si dedica a numerose attività, quali: la definizione di standard di buona gestione forestale in conformità ai principi e criteri del FSC internazionale ed adatti alle diverse realtà forestali del territorio italiano; la fornitura di assistenza tecnica e di informazioni agli interessati alla certificazione FSC; la promozione del marchio FSC e vigilanza ai fini del corretto uso del medesimo; l aiuto allo scambio di conoscenze e di informazioni tra i soggetti coinvolti nella gestione forestale e nel settore della lavorazione del legno; la promozione di studi e di progetti pilota sui temi della gestione forestale sostenibile, della certificazione e del mercato dei prodotti forestali certificati; il confronto con altre certificazioni forestali in merito al processo di mutuo riconoscimento tra gli schemi, etc. Attualmente conta 60 membri (FSC-Italia, 2008), ripartiti nelle stesse tre camere previste da FSC a livello internazionale, con l aggiunta di una Camera degli Osservatori: Camera Ambientale (10 membri), Camera Economica (36), Camera Sociale (10) e Camera degli Osservatori (4). FSC-Italia è una delle circa 60 Iniziative Nazionali che compongono, assieme agli Uffici Regionali (Africa, Cina e Russia), al Centro Internazionale di Bonn e a FSC Development il network internazionale del Forest Stewardship Council 2. 1 Per maggiori informazioni: 2 Per maggiori informazioni sul network FSC e per visualizzare i contatti delle diverse Iniziative Nazionali: 8

9 1.2 La certificazione secondo gli standard FSC Come detto in precedenza, FSC ha sviluppato un sistema di certificazione volontaria e di parte terza specifico per il settore foresta-legno, che comprende due filoni complementari: certificazione della buona gestione forestale (Forest Management, FM); certificazione della rintracciabilità dei prodotti forestali (Catena di Custodia, CoC). Nel prossimo paragrafo si da una descrizione di estrema sintesi della prima tipologia, mentre nel paragrafo successivo e, soprattutto, nei prossimi capitoli ci si concentra esclusivamente sulla Catena di Custodia La certificazione della buona gestione forestale Nel caso della certificazione della buona gestione forestale l oggetto della valutazione é la gestione delle foreste e delle piantagioni forestali, a partire dalle prime fasi di pianificazione forestale, passando attraverso gli aspetti selvicolturali (interventi per favorire la rinnovazione, diradamenti, cure colturali varie, difesa fitosanitaria, ecc.), fino ad approdare alla martellata, all abbattimento ed all esbosco. Le regole di base per la certificazione sono rappresentate dai 10 P&C di buona gestione forestale FSC, che coprono sia gli aspetti ecologici, sia quelli sociali ed economici della sostenibilità (tabella 1.1). I 10 P&C hanno valore internazionale, ma devono essere calati su scala locale, con riferimento alla specifica realtà forestale. FSC tenta di stimolare l applicazione della certificazione forestale su scala locale cercando di decentralizzare il proprio lavoro e di incoraggiare la partecipazione locale. Per perseguire questi obiettivi FSC prevede la costituzione di gruppi di lavoro nazionali (FSC National Working Groups), agenzie regionali o nazionali (FSC National or Regional Offices), comitati consultivi (FSC Advisory Boards) e/o la nomina di responsabili nazionali (FSC Contact Persons). E compito di questi gruppi periferici (nazionali) definire, con la partecipazione ed il coinvolgimento di tutti gli stakeholders, standard locali, ispirati ai 10 P&C internazionali. Pur essendo stati pensati prevalentemente per le foreste gestite con finalità produttive (prodotti legnosi), comprese le piantagioni, i P&C del FSC possono riguardare anche foreste orientate alla produzione di prodotti forestali non-legnosi, nonché di altri beni e servizi. Il decimo Principio è dedicato in maniera specifica alle piantagioni forestali, alla luce della crescente importanza in termini soprattutto quantitativi che esse rivestono nelle dinamiche del settore forestale e nella composizione dell offerta mondiale di legno. La certificazione della buona gestione forestale può avere per oggetto una singola proprietà forestale, oppure un gruppo di proprietà. In questi casi si parla, rispettivamente, di: certificazione individuale: certificazione di una singola proprietà forestale (una foresta, una piantagione, etc.) facente capo ad uno stesso proprietario; certificazione di gruppo: certificazione di un gruppo di proprietà forestali appartenenti al medesimo Paese, che, sotto la guida e la gestione di un unico soggetto gestore, ottengono un unico certificato collettivo, con conseguente attuazione di economie di scala e, quindi, riduzione dei tempi e dei costi del processo di certificazione. 9

10 Particolare attenzione, inoltre, è dedicata alle Foreste Piccole ed a Bassa Intensità di Prelievo (Small and Low Intensity Managed Forests, SLIMFs). Si tratta di proprietà di ridotte dimensioni e presso le quali i prelievi di legno sono, per la loro stessa natura, estremamente contenuti. In questo caso sono previste procedure di certificazione semplificate, per venire incontro alle esigenze e peculiarità dei piccoli proprietari, con conseguenti benefici anche in termini di tempi e costi della certificazione. Tabella 1.1 Principi e Criteri di buona gestione forestale secondo il FSC Principio Descrizione sintetica 1. Rispetto delle norme La gestione forestale deve rispettare tutte le leggi effettivamente applicabili in vigore nel Paese interessato, i trattati e accordi internazionali sottoscritti dal Paese e i principi e criteri definiti dal FSC. 2. Proprietà e diritti d uso La proprietà e i diritti d uso della terra e delle risorse forestali devono essere chiaramente definiti, documentati e stabiliti su basi legali. 3. Diritti delle popolazioni Devono essere riconosciuti e tutelati i diritti legali e consuetudinari della indigene popolazione indigena relativi al possesso e alla gestione della terra e 4. Relazioni con la comunità locale e diritti dei lavoratori 5. Benefici derivanti dalle foreste delle risorse forestali. Gli interventi di gestione forestale devono mantenere e migliorare il benessere economico e sociale di lungo periodo dei lavoratori forestali e delle comunità locali. Gli interventi di gestione forestale devono incoraggiare l uso dei diversi prodotti e servizi della foresta per assicurare l efficienza economica e il più ampio spettro di benefici ambientali e sociali. 6. Impatti ambientali La gestione forestale deve conservare la diversità biologica e i conseguenti benefici collegati alla tutela della risorse idriche, dei suoli, degli ecosistemi fragili, del paesaggio; così facendo devono essere mantenute le funzioni ecologiche e l integrità della foresta 7. Piano di gestione Deve essere predisposto, realizzato e aggiornato un piano di gestione forestale, appropriato alla scala e all intensità degli interventi. Nel piano devono essere chiaramente definiti gli obiettivi di lungo periodo della gestione e le modalità per raggiungerli. 8. Monitoraggio e valutazione 9. Mantenimento delle foreste di grande valore ambientale 10. Piantagioni Deve essere effettuato un monitoraggio, appropriato alla scala e all intensità degli interventi, per valutare le condizioni della foresta, le produzioni forestali, la sequenza delle decisioni, le attività di gestione e i relativi impatti sociali e ambientali. L attività di gestione delle foreste caratterizzate da grandi valori ambientali deve consentire di mantenere o migliorare gli elementi che contribuiscono a definire tali valori. Le decisioni riguardanti le foreste di grande valore ambientale devono essere sempre considerate nel contesto di un approccio precauzionale. Le piantagioni devono essere programmate e gestite in accordo con i precedenti Principi e Criteri e con il seguente principio: le piantagioni possono e devono risultare complementari alle foreste naturali e agli ecosistemi circostanti, devono procurare benefici sociali ed economici alla comunità e contribuire al soddisfacimento della domanda mondiale di prodotti forestali. NOTA: Ogni principio è corredato da una serie di criteri di gestione forestale sostenibile, non riportati integralmente in tabella per ragioni di sinteticità. Fonte: FSC-Italia,

11 1.2.2 La certificazione della Catena di Custodia Nel caso della certificazione della Catena di Custodia, invece, l ente di certificazione accreditato valuta la rintracciabilità del prodotto legnoso nel corso delle diverse fasi di trasformazione e commercializzazione, dall arrivo dei tronchi in segheria, fino alla produzione di semi-lavorati (componenti per mobili, per infissi, etc.) o addirittura del prodotto finito (porte, mobili, pavimenti, etc.). Il termine Catena di Custodia è la traduzione letterale dell espressione anglosassone Chain of Custody, che secondo la definizione data da FSC identifica percorso seguito da materie prime, prodotti semilavorati, prodotti finiti e co-prodotti dalla foresta, fino al consumatore, o (nel caso di materiali di raccolta o di riciclo o di prodotti che li contengano) dal sito di raccolta, fino al consumatore, includendo ciascuna fase di lavorazione, trasformazione, manifattura, stoccaggio e trasporto nella quale il passaggio alla fase successiva della catena di fornitura comporti un cambiamento nella proprietà (indipendentemente dal possesso) dei materiali o dei prodotti 3 (FSC, 2007). Esiste, pertanto, una relazione di funzionalità e complementarietà rispetto alla certificazione della gestione forestale: mentre quest ultima ha il compito di garantire che le foreste siano gestite secondo Principi e Criteri di buona gestione forestale previsti ed approvati da FSC con il consenso delle parti, la certificazione della Chain of Custody assicura che il legno (o altri prodotti a base di legno, come la cellulosa, o persino prodotti forestali non legnosi) presente in un determinato prodotto provenga effettivamente da una foresta certificata come gestita in modo responsabile. L esito ultimo di un simile processo è una procedura di labelling, vale a dire di etichettatura dei prodotti interessati, mediante l applicazione del logo FSC secondo modalità espressamente previste e disciplinate, al fine non solo di favorire la distinzione del materiale certificato da quello non certificato, ma anche di comunicare al pubblico, in maniera evidente e sicura, la provenienza del legno ed il valore aggiunto del prodotto. Solamente se vi è continuità nella catena di certificazioni è possibile vendere un prodotto come certificato FSC e, eventualmente, etichettarlo come tale (figura 1.1). E sufficiente che solo uno degli anelli della catena non sia coperto da certificazione perché tutto il flusso si interrompa. Oltre alla tracciabilità del legno certificato, gli standard FSC per la Catena di Custodia prevedono regole particolari per l uso del logo (sul prodotto e al di fuori del prodotto), per il coinvolgimento di terzisti, per l uso di legno vergine non certificato eventualmente usato in prodotti con il marchio FSC (c.d. legno controllato), per l uso del legno e della carta riciclati, e altre ancora che saranno analizzate in dettagli e con esempi nel corso dei prossimi capitoli. In aggiunta alla certificazione individuale della Catena di Custodia, è prevista anche la possibilità di certificazioni di gruppo e multisito, che sono tuttavia trattate in guide a parte. Esiste inoltre uno standard dedicato al settore dell edilizia e delle costruzioni, denominato Certificazione di progetto : anche ad esso sarà dedicata attenzione con una guida separata. 3 Traduzione a cura della Segreteria nazionale del Gruppo FSC-Italia. 11

12 Figura 1.1 La catena di custodia Foresta certificata Segheria certificata (COC) Cartiera certificata Broker/commerciante certificato Grossista certificato Mobilificio certificato Stampatore certificato (COC) Mobili e arredi Legno certificato in edilizia Libri, riviste, brochure, quaderni, cataloghi, calendari certificati Carta per uso domestico certificata Consumatori finali Fonte: Ns. elaborazione. 12

13 2. La Catena di Custodia: introduzione, iter e standard di riferimento Poiché la presente guida vuole costituire uno strumento di supporto per chi intenda conseguire la certificazione FSC della Catena di Custodia, si ritiene utile iniziare da due domande precise, alle quali si offre risposta: perché certificarsi FSC? Chi è tenuto a certificarsi FSC? Alla prima domanda si è, di fatto, già risposto nel capitolo precedente. Essere in possesso di una valida certificazione FSC è condizione necessaria per poter vendere un prodotto come certificato FSC. Il semplice fatto di acquistare materie prime e prodotti certificati da fornitori in possesso di una certificazione FSC non è infatti sufficiente. Per quanto riguarda la seconda domanda, ricordando che la certificazione FSC è comunque una certificazione volontaria, si può affermare che deve certificarsi chi acquistando materie prime (ad esempio tavolame o cellulosa) o semilavorati (ad esempio antine, cornici, bobine di carta, ecc.) certificati FSC desideri rivenderli ancora come certificati. Ciò a prescindere che tali materiali siano trasformati o meno, purché ne sia acquisita la proprietà. E possibile quindi affermare che è tenuto a certificarsi chi: acquisisca la proprietà di un determinato materiale/prodotto certificato; e intenda rivenderlo con o senza trasformazione ancora come certificato FSC. Per usare la terminologia degli standard FSC, la certificazione della Catena di Custodia è richiesta per organizzazioni che intendano 4 : produrre e vendere materiali o prodotti certificati FSC; o produrre e promuovere prodotti certificati FSC; o commercializzare materiali o prodotti con dichiarazioni FSC laddove per produrre si intende qualsiasi azione volta a manipolare, trasformare o mescolare input oppure di operare qualsiasi modifica all imballaggio dei prodotti/materiali acquistati o della relativa etichettatura, così da creare un nuovo prodotto 5, per vendere si intende emettere fatture di vendita contenenti dichiarazioni FSC tali da mettere il cliente in condizioni di considerare i materiali e i prodotti come certificati e di promuoverli come tali 6, per promuovere si intende presentare e proporre tale prodotto ai clienti attraverso pubblicità o forme di comunicazione adottate nel business-to-business 7 e per commercializzare acquistare e vendere un prodotto senza apportare alcuna modifica o variazione alle caratteristiche dello stesso 8. Se ne deduce che la certificazione è dovuta, stante quanto sopra affermato, non solo a prescindere dal fatto che i materiali/prodotti siano trasformati, ma anche a prescindere dal mero possesso fisico degli stessi, purché se ne acquisisca la proprietà. Quindi, ad esempio, anche un grossista che si limiti ad acquistare un prodotto e a rivenderlo tal quale è tenuto se desidera mantenere la certificazione FSC del prodotto stesso a certificarsi. Analogamente, un broker/commerciante di legname o di cellulosa che acquisisca la 4 Cfr. FSC-STD vers. 2, pag. 6. Traduzione a cura della Segreteria nazionale del Gruppo FSC-Italia. 5 Ibidem. 6 Ibidem. 7 Ibidem. 8 Ibidem. 13

14 proprietà del materiale pur senza averne mai il possesso fisico ed essendo addirittura sprovvisto di magazzini o altre strutture di stoccaggio è tenuto a certificarsi. Di contro, non sono tenuti alla certificazione coloro non acquisiscano la proprietà dei materiali/prodotti, anche laddove essi ne entrino eventualmente in possesso ai fini della trasformazione, come ad esempio nel caso dei terzisti, per i quali devono tuttavia essere rispettate le condizioni descritte nel paragrafo Analogamente non sono tenute alla certificazione organizzazioni che semplicemente provvedano a svolgere attività di intermediazione tra venditore e acquirente, creando contatti tra le due parti o provvedendo al trasporto di materiali/prodotti, sempre senza acquisirne la proprietà. Infine, non sono tenute alla certificazione le organizzazioni quali negozi, punti vendita della grande distribuzione organizzata (GDO), supermercati, ecc. che, rappresentando sempre e comunque l ultimo anello della Catena di Custodia, vendono al consumatore/utente finale il prodotto finito, senza manipolarlo o trasformarlo in alcun modo e senza modificarne, manometterne o manipolarne l eventuale imballaggio e l etichettatura. 2.1 L iter di certificazione Una volta chiarito perché certificarsi e chi sia tenuto a farlo, resta da capire come ottenere la certificazione. Ricordando che la certificazione della Catena di Custodia secondo gli standard FSC è una certificazione volontaria e di parte terza, se ne può anzitutto ricordare l iter generale, richiamando il ruolo dei diversi attori coinvolti (figure 2.1 e 2.2). In termini generali si chiama organizzazione l entità (azienda o altro soggetto) che voglia conseguire la certificazione. Per fare ciò, essa deve attenersi a quanto previsto da uno o più standard di riferimento: nel caso specifico gli standard per la Catena di Custodia definiti da FSC (ente normatore). Una volta che l organizzazione si sia attivata per mettere in atto quanto richiesto dagli standard, può procedere a inoltrare la domanda di certificazione a uno degli enti di certificazione accreditati secondo gli standard FSC. Come visto in precedenza nel box 1.1, tali enti sono soggetti a verifiche e controlli periodici compiuti da ASI (ente di accreditamento), per conto di FSC, al fine di garantirne la professionalità e le capacità operative. Nello scegliere l ente, dunque, l azienda dovrà verificare che esso sia accreditato FSC. A seguito della richiesta di certificazione sottoposta dall organizzazione, l ente di certificazione prescelto provvede alla nomina di un gruppo di verifica al quale viene assegnato l incarico di svolgere la verifica ispettiva (audit). La numerosità del gruppo e la durata della verifica dipendono dalla complessità dell organizzazione da valutare: un elevato numero di siti produttivi ed una organizzazione molto articolata possono richiedere l intervento di più valutatori o più giorni in campo per concludere l osservazione di tutti i reparti e di tutti i soggetti coinvolti. La verifica vera e propria può, eventualmente, essere preceduta da una verifica preliminare, volta a rilevare se l organizzazione sia pronta a sottoporsi all audit o se sia opportuna una preparazione più approfondita. In fase preparatoria l organizzazione può, se lo ritiene opportuno, avvalersi del supporto di consulenti esterni, cui viene affidato il compito di accompagnarla sino alla verifica ispettiva 9. 9 I consulenti e i tecnici che possono essere contattati a tale scopo sono numerosi. All interno del sito web del Gruppo FSC-Italia è disponibile la sezione Un aiuto per certificarsi? che raggruppa per regione tutte le persone che abbiano partecipato a corsi di formazione organizzati dallo stesso Gruppo FSC-Italia. L elenco, disponibile al link: non è evidentemente esaustivo, ma costituisce una possibile base di riferimento per le organizzazioni che siano alla ricerca di un supporto in fase di preparazione alla certificazione. 14

15 Al termine dell attività di ispezione, il gruppo di verifica redige un rapporto nel quale sono contenute tutte le non conformità/osservazioni emerse nel corso della verifica stessa e registrate su un apposita lista di riscontro (checklist). Il rapporto é condiviso con l organizzazione, che può fare commenti e osservazioni, e successivamente inviato all ente di certificazione, che a sua volta lo sottopone all esame di un apposito Comitato di certificazione o altro ente equivalente. Sulla base delle evidenze raccolte dal gruppo di verifica e delle conclusioni contenute nel rapporto, il Comitato delibera in merito al rilascio del certificato 10. In caso di non conformità rilevanti (c.d. non conformità primarie), che possono far ritenere il sistema di controllo gravemente insufficiente o inefficiente, il Comitato può richiedere all azienda azioni correttive preliminari (e vincolanti ai fini del rilascio del certificato) per la risoluzione delle non conformità o, nei casi più gravi, la ripetizione della verifica stessa. Se invece il sistema di controllo implementato appare ragionevolmente efficace e correttamente applicato, pur in presenza di non conformità minori (c.d. non conformità secondarie), il certificato é comunque emesso, stabilendo tuttavia tempi precisi per la risoluzione delle non conformità stesse. Il certificato ha normalmente validità quinquennale e in questo arco di tempo sono eseguite, da parte dell ente di certificazione, verifiche annuali di sorveglianza programmate, per confermare la capacità dell organizzazione di mantenere il sistema efficiente nel tempo. Una volta trascorsi i cinque anni, è possibile un rinnovo della certificazione, mediante una verifica di rinnovo. Figura 2.1 La certificazione FSC: gli attori coinvolti Ente normatore Ente di accreditamento Standard = norma tecnica Ente di certificazione Organizzazione = chi si vuole certificare Sistema di certificazione Sistema di certificazione e accreditamento = cert. di parte terza Fonte: Ns. elaborazione. 10 E importante sottolineare come le non conformità debbano necessariamente essere ricondotte ad un preciso requisito della norma e non possono risultare da una libera interpretazione dell ispettore. Ogni mancanza o imprecisione del sistema di controllo dell azienda, per essere meritevole di un rilievo nel rapporto, deve essere collegabile ad una precisa indicazione dello standard di riferimento. Laddove la norma non specifichi un requisito, non esiste la possibilità di giustificare una non conformità. Il valutatore ha però la facoltà di segnalare tutti gli aspetti che ritiene necessitino di una più attenta gestione, eventualmente formalizzando osservazioni che si pongono più come spunti di miglioramento che non come carenze del sistema. In questo modo la collaborazione con l ente di certificazione diventa un concreto strumento per un miglioramento continuo, conservando sempre il ruolo di ente esterno ed indipendente. 15

16 Figura 2.2 Iter di certificazione della Catena di Custodia 1. Decisione di certificarsi secondo gli standard FSC Ente di certificazione Organizzazione ed ente di c. Organizzazione 2. Presa visione degli standard, preparazione del sistema e scelta dell ente di certificazione accreditato 3. Domanda di certificazione inoltrata all ente di certificazione accreditato 4. Verifica documentazione ed eventuale visita preliminare 5. Verifica ispettiva (audit) presso l organizzazione 6. Rapporto di verifica ispettiva stilato dall ente di certificazione (segnalazione di eventuali non conformità) ESITO NEGATIVO 7. Decisione di certificazione (Comitato di certificazione o organo equivalente dell ente di certificazione) ESITO POSITIVO 8. Emissione certificato (= l organizzazione può vendere prodotti certificati FSC) 9. Verifiche di sorveglianza/mantenimento per tutta la durata del certificato Fonte: Ns. elaborazione. 2.2 Gli standard di riferimento Il principale documento di riferimento per la Catena di Custodia FSC è FSC-STD versione 2. Dal 1 gennaio 2008 tutte le nuove certificazioni della Catena di Custodia secondo gli standard FSC devono risultare conformi a quanto richiesto da tale documento. Dal 1 gennaio 2009 anche le certificazioni già in essere al 1 gennaio 2008 dovranno adeguarsi a quanto previsto dallo standard citato. Accanto ad esso trovano spazio altri standard, che lo integrano e lo completano. Una lista dei documenti normativi rilevanti ai fini della certificazione della Catena di Custodia, completa di sintetica descrizione, è riportata in tabella 2.1. Come si può vedere non tutti questi documenti devono necessariamente essere applicati da tutte le organizzazioni che intendano certificarsi: è bene pertanto verificare a priori quali standard siano rilevanti e applicabili, in considerazione delle caratteristiche dei processi oggetto di valutazione, onde evitare lavoro ridondante o, peggio, onde evitare di tralasciare requisiti importanti. Al tempo stesso è opportuno ricordare che il sistema FSC è comunque basato sul principio del miglioramento continuo, ragion per cui gli standard sono soggetti a un periodico processo di discussione e miglioramento, che porta normalmente ogni 3 anni alla pubblicazione di nuove versioni della documentazione e, quindi, alle esigenze di aggiornamento da parte delle aziende (quadro 2.1). Partecipare attivamente al processo di revisione rappresenta, del resto, un ottima opportunità di contribuire attivamente e in maniera critica all evoluzione del sistema FSC. 16

17 Tabella 2.1 Standard FSC di riferimento ai fini della certificazione della Catena di Custodia Codice Vers. Titolo originale Descrizione Chi li deve utilizzare? FSC-STD FSC standard for Chain of Custody certification FSC-STD a 1-0 FSC Product Classification (Addendum to FSC-STD ) FSC-STD b 1-0 FSC Species terminology (Addendum to FSC- STD ) FSC-ADV anno 2007 Transitory requirements for Chain of Custody control and labelling Standard principale di riferimento per la Catena di Custodia FSC. Classificazione merceologica dei gruppi di prodotti secondo la Central Product Classification (CPC) e la Standard International Trade Classification (SITC) delle Nazioni Unite. Nomi botanici e commerciali (in più lingue) delle principali specie legnose utilizzate nel mondo. Requisiti transitori per la Catena di Custodia. FSC-PRO Minor components derogation applications Deroghe per le componenti minoritarie di uno o più prodotti. FSC-STD FSC Standard for Company Evaluation of FSC Controlled Wood FSC-STD FSC Chain of Custody standard for project certification FSC-STD FSC Standard for Use of Reclaimed Material in FSC Product Groups and FSC-certified Projects Standard di riferimento per l identificazione e la valutazione del legno controllato a livello aziendale (risk assessment). Standard di riferimento per la certificazione di progetto (totale e parziale) in edilizia. Standard di riferimento per l identificazione e la valutazione del legno (o della fibra di legno) riciclato post-consumo. FSC-STD FSC On-product Labelling Requirements Requisiti per l etichettatura di prodotti certificati con il logo FSC. FSC-TMK FSC Requirements for the Promotional Use of the FSC Trademarks by FSC Certificate Holders and Non-certified Commercial Organizations Requisiti per l uso del logo FSC al di fuori del prodotto, per scopi promozionali (anche per organizzazioni commerciali non certificate) Tutte le organizzazioni che vogliano certificarsi per la Catena di Custodia Tutte le organizzazioni che vogliano certificarsi per la Catena di Custodia Tutte le organizzazioni che vogliano certificarsi per la Catena di Custodia. Possono essere esclusi i gruppi di prodotti a base di fibre/particelle di legno (es. carta). Facoltativamente (e sino la 31 dicembre 2009) le organizzazioni che producono prodotti a base di particelle/fibre di legno. Organizzazioni che intendono avvalersi delle deroghe previste per le c.d. componenti minoritarie. Organizzazioni che utilizzino anche legno vergine non certificato per produrre gruppi di prodotti che intendano vendere come certificati. Progettisti, aziende del settore edile/costruzioni che vogliano certificare un determinato progetto (es. una casa). Organizzazioni che utilizzino anche legno riciclato post-consumo per produrre gruppi di prodotti che intendano vendere come certificati. Tutte le organizzazioni certificate per la Catena di Custodia che vogliano usare il logo FSC sui prodotti. Tutte le organizzazioni che vogliano usare il logo FSC al di fuori dei prodotti per motivi promozionali. Fonte: Ns. elaborazione. 17

18 In altre parole, qualsiasi organizzazione che voglia ottenere una certificazione FSC per la Catena di Custodia deve sempre fare riferimento agli standard: FSC-STD versione 2; FSC-STD a versione 1; FSC-STD b versione 1. Non sono a rigore obbligatori, ma sono pressoché sempre utilizzati, gli standard relativi all uso del logo, tanto sul prodotto (FSC-STD , versione 2), quanto al di fuori del prodotto (FSC-TMK , versione 1). Ciò in relazione al fatto che il logo FSC è il principale veicolo di comunicazione dell ottenuta certificazione. Per tutti gli altri standard é necessario procedere a una valutazione caso per caso, in relazione alle caratteristiche dell azienda, dei gruppi di prodotti e in relazione a come si intenda operare. L Allegato 2 riporta una semplice check-list che permette di verificare quali standard devono essere presi in considerazione in aggiunta ai 3 che devono necessariamente essere presi in considerazione. Quadro Il processo di revisione degli standard FSC per la Catena di Custodia: un excursus storico Il primo documento storico per la disciplina della Catena di Custodia è la Politica per le dichiarazioni basate sulle percentuali (Policy on percentage based claims), entrata in vigore nel maggio del 2000 e abrogata alla fine del Nel Settembre 2004 il Board of Directors del FSC ha approvato il documento FSC-STD : FSC chain of custody standard for companies supplying and manufacturing FSC-certified products (Version 1-0), destinato a disciplinare la Catena di Custodia, introducendo importanti novità, quali il concetto di gruppo di prodotti, la distinzione tra FSC Puro, FSC Misto e FSC Riciclato, il sistema a crediti ecc. Un anno più tardi, nell ottobre 2005, il Centro Internazionale del FSC ha ricevuto l incarico di curare la raccolta di commenti e di provvedere alla revisione di questo stesso standard, prendendo in considerazione quanto emerso dall esperienza della sua implementazione e applicazione sul campo e risolvendo le incongruenze emerse. Sulla scorta di ciò è stato creato un apposito Gruppo di Lavoro Tecnico FSC sulla Catena di Custodia (FSC Technical Working Group on Chain of Custody) che in 24 mesi di lavoro, 3 tornate di consultazione pubblica (per 180 giorni complessivi) ha sviluppato l attuale versione 2-0 del documento FSC- STD Tale documento, approvato nel novembre del 2007, Esso tiene conto delle diverse raccomandazioni emerse dagli incontri del Gruppo di Lavoro Tecnico tenutisi tra l Ottobre 2005 e il Febbraio 2007, così come dei numerosi contributi forniti dalle parti interessate (stakeholder) con riferimento alle diverse bozze rese pubbliche e in merito al documento di discussione FSC-DIS : Review and Revision of the FSC Chain of Custody standard. A beneficio di coloro che abbiano dimestichezza con la versione 1 dello standard FSC-STD si segnala che le principali novità introdotte dalla versione 2 consistono in: estensione dello scopo e dei destinatari dello standard (si applica a tutte le attività/organizzazioni comprese tra la foresta e il prodotto finito); introduzione del transfer system ; mantenimento del sistema a soglia (ora denominato percentage system ); applicabilità del percentage system e del sistema a crediti anche ai prodotti in legno/carta riciclati; revisione delle percentuali minime di contenuto FSC nei prodotti FSC Misto (unica soglia del 70% - 50% nel caso delle fibre) ed eliminazione del contenuto minimo 10% - di materiale FSC nel sistema a crediti); eccezioni per componenti minoritarie (< 5% peso o volume); eliminazione dell eccezione per i co-prodotti rispetto alle regole per il legno controllato; indicazioni precise su chi deve certificarsi e chi può non certificarsi. Abrogata la FSC Policy on Brokers (FSC-POL ); verifica del materiale riciclato mediante l apposito standard FSC-STD ; nuova classificazione dei prodotti secondo la United Nations Statistics Division (UNSD) Central Product Classification (CPC) e la Standard International Trade Classification (SITC) attraverso il documento FSC- STD a; uniformazione dei nomi scientifici/commerciali delle specie legnose attraverso il documento FSC-STD b. 18

19 3. Impostazione di un sistema di gestione della Catena di Custodia: indicazioni pratiche ed operative sulla base degli standard FSC All interno del capitolo 3 si presentano in dettaglio i contenuti dei principali standard di riferimento per la certificazione della Catena di Custodia, a partire da FSC-STD versione 2. Lo scopo non è quello di proporre una traduzione alla lettera del contenuto degli standard stessi, ma piuttosto di fornire chiarimenti e interpretazioni aderenti al contenuto del testo originale, accompagnandoli da esempi applicativi che possano tornare utili a quanti siano impegnati nella creazione/gestione di un sistema di catena di Custodia secondo gli standard FSC. Si consiglia pertanto di affiancare la lettura del presente documento con verifiche puntuali dei contenuti degli standard di volta in volta richiamati. 3.1 Lo standard FSC-STD versione 2 Come detto in precedenza, il documento FSC-STD versione 2 rappresenta un riferimento fondamentale e imprescindibile per l ottenimento della certificazione della Catena di Custodia. I requisiti indicati in tale standard costituiscono ( ) i requisiti minimi che devono essere rispettati da un sistema di Catena di Custodia per dimostrare che i materiali e i prodotti acquistati, etichettati e venduti come certificati FSC siano realmente tali e che ogni dichiarazione a essi associata sia corretta e rispondente al vero. E responsabilità dell ente di certificazione ottenere laddove ritenuto necessario ulteriori elementi di evidenza che consentano di sostanziare le proprie decisioni in merito al rilascio della certificazione 11. Il documento e gli stessi requisiti per la certificazione risulta articolato in quattro parti: Parte I: include i requisiti generali per il controllo della Catena di Custodia, che si applicano a tutte le operazioni e a tutte le organizzazioni; Parte II: presenta i tre sistemi di controllo che consentono alle organizzazioni di realizzare dichiarazioni FSC sui propri prodotti. Le organizzazioni sono tenute a scegliere, per ciascun gruppo di prodotti definito, uno tra questi tre sistemi; Parte III: contiene i requisiti e le soglie percentuali minime di contenuto di materiale certificato previste per l uso delle etichette FSC sui prodotti; Parte IV: fornisce requisiti supplementari relativi ai sistemi di controllo della Catena di Custodia da attuare in specifiche situazioni. Nel presentare i contenuti dello standard se ne asseconderà l articolazione in quattro parti Parte I: requisiti generali Nella prima parte sono descritti i requisiti generali di implementazione, controllo e gestione della Catena di Custodia, comuni a tutte le organizzazioni che intendano certificarsi. Tali requisiti coprono di fatto tutti i diversi passaggi del processo produttivo: dall ordine/acquisto delle materie prime e/o dei prodotti necessari alla produzione, alla ricezione degli stessi, alla trasformazione articolata in processi più o meno complessi, sino alla vendita e alla spedizione. Come visto in precedenza, il criterio fondamentale per determinare la necessità di una certificazione della Carena di Custodia è quello della proprietà legale dei materiali/prodotti: è possibile quindi affermare che ciascun anello della 11 Cfr. FSC-STD vers. 2, pag. 5. Traduzione a cura della Segreteria nazionale del Gruppo FSC-Italia. 19

20 Catena di Custodia inizia con l acquisizione della proprietà (acquisto) e termina con la cessazione della stessa (vendita) Gestione della qualità In termini generali sono quattro gli elementi disciplinati in questa sezione: responsabilità; procedure; formazione; registrazioni. Con responsabilità si intende che ciascuna organizzazione è tenuta a individuare e nominare espressamente una persona avente la piena responsabilità e l autorità per garantire la conformità dell organizzazione stessa rispetto a tutti i requisiti previsti dagli standard FSC. In altre parole l organizzazione deve nominare al proprio interno un Responsabile della Catena di Custodia, che provveda alla gestione della documentazione relativa al sistema, assicuri il corretto funzionamento dello stesso, si interfacci con l ente di certificazione, ecc. Non di meno, tutto il personale avente responsabilità di rilievo deve dimostrare piena consapevolezza delle procedure dell organizzazione e competenza nell implementare il sistema di gestione della Catena di Custodia. Per rendere più efficace il proprio operato l organizzazione deve stabilire, implementare e mantenere, in proporzione alla propria scala e complessità, procedure e/o istruzioni di lavoro che coprano tutti i requisiti applicabili previsti dagli standard FSC. Deve essere definito il personale responsabile per l implementazione di ciascuna procedura, unitamente alle qualifiche e/o alle misure di formazione/addestramento necessarie all implementazione. E bene precisare che FSC non stabilisce quali procedure debbano essere definite e secondo quali modalità. Non esiste, cioè, un modello standard di riferimento, in quanto la certificazione FSC può riguardare organizzazioni molto diverse per dimensioni e per tipologia di processi e di prodotti. A puro titolo indicativo e senza pretesa di esaustività si riporta in figura 3.1 quella che potrebbe essere l articolazione di un sistema documentale di gestione della Catena di Custodia, ribadendo che nei limiti dello standard ogni organizzazione ha la facoltà di organizzarsi come meglio crede. Si è ipotizzato di articolare su quattro livelli distinti la documentazione: Manuale di Catena di Custodia: è un documento di carattere generale, che descrive l organizzazione e i processi produttivi (ad esempio con un lay-out), specifica lo scopo della certificazione identificando i gruppi di prodotti, dettaglia le responsabilità per mezzo di organigrammi/mansionari che stabiliscono chi fa che cosa, definisce le modalità di gestione e registrazione dei documenti, ecc; Procedure: sono documenti di carattere operativo, richiamati dal manuale, e descriventi le modalità secondo le quali devono essere compiute le diverse attività/operazioni previste. E consigliabile prevedere una procedura per ciascuna delle principali attività caratteristiche dell organizzazione e dei suoi processi (ad esempio: acquisti; ricezione della merce e stoccaggio; trasformazione; vendite e spedizione; uso del logo FSC; formazione del personale; risk assessment per il legno controllato, ecc.). Naturalmente è bene evitare di appesantire il sistema con documentazione non strettamente necessaria. Così, ad esempio, laddove non sia previsto l uso di legno controllato non ha senso definire una procedura per il risk assessment; 20

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14 FSC Italia TOUR # 6 Matera, 25 giugno 2014 Contenuti della presentazione Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) EUTR e certificazione forestale EUTR e certificazione FSC Alcune premesse Il Regolamento

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Ecologia e ambiente? Vai sul sicuro.

Ecologia e ambiente? Vai sul sicuro. Ecologia e ambiente? Vai sul sicuro. Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di Torino. Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione a terzi. Direzione scientifica della collana Guide

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli