Stabile organizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stabile organizzazione"

Transcript

1 Stabile organizzazione 1

2 INDICE Stabile organizzazione (SO) Introduzione Nozione Stabile organizzazione materiale Stabile organizzazione personale Case study e determinazione del reddito della So 2

3 INTRODUZIONE ITACO ITACO ITACO Ufficio di Rappresentanza SO subsidiary Presenza tassabile all estero e in Italia L Italia riconosce il credito d imposta Presenza tassabile all estero Dividendi, interessi, royalties, plusvalenze tassabili in Italia 3

4 INTRODUZIONE Il concetto di stabile organizzazione (SO) è connesso all ipotesi in cui una impresa di uno Stato (A) è presente in un altro Stato (B) per lo svolgimento di attività imprenditoriale in quest ultimo Stato (B) Tale presenza comporta che l attività imprenditoriale va tassata nello Stato (B) in cui è svolta e nello Stato (A) dove l impresa ha la sua residenza fiscale Di seguito, a titolo esemplificativo, si raffigurano le forme di presenza (c.d. SO) di impresa italiana all estero, assumendo che lo Stato (A) della residenza sia l Italia e lo Stato (B) della produzione del reddito sia la Polonia. Tra gli stati è in vigore un Trattato contro le doppie imposizioni Tale presenza obbliga l impresa italiana al pagamento delle imposte in Polonia (Stato della fonte del reddito) ed in Italia (Stato di residenza) 4

5 Tassazione in presenza di una SO Italia Reddito 100 IRES (27,5%) 27,5 SpA Imposte complessivamente pagate dalla spa 8,5 (Italia) + 19 (Polonia) = 27,5 Credito d imposta per le imposte estere (19) Imposta dovuta 8,5 Reddito imponibile prodotto dalla SO si riflette nel bilancio della casa madre Polonia Reddito 100 Corporation tax (19 %) 19 Reddito imponibile prodotto dalla SO 100 5

6 Tassazione in presenza di una SO I fatti dell esempio precedente sono presi in considerazione rispetto al caso in cui la SPA non ha pagato imposte in Polonia, sebbene vi abbia operato per la costruzione del complesso immobiliare Si assume che la tale opera abbia generato nell anno 1 un reddito di 100 mai dichiarato in Polonia Nell anno 3 le autorità fiscali polacche accertano il mancato pagamento delle imposte in Polonia e ne richiedono il pagamento alla SPA con sanzioni ed interessi 6

7 Tassazione in presenza di una SO Italia anno 1 Reddito 100 IRES (27,5%) 27,5 SpA Imposte e sanzioni complessivamente pagate dalla spa 27,5 (Italia) + 38 (Polonia) = 65,5 Credito d imposta per le imposte estere (0) Imposta dovuta 27,5 Reddito imponibile prodotto dalla SO si riflette nel bilancio della casa madre Polonia anno 1 Corporation tax 0 Reddito imponibile prodotto dalla SO 100 Polonia anno 3 Reddito accertato 100 Corporation tax 19% 19 Sanzioni 100% C.t. 19 7

8 NOZIONE di SO ITACO ITACO ITACO Polonia Polonia Polonia Attività economica tramite SO materiale Attività economica tramite SO personale Attività economica tramite SO per servizi tramite presenza temporanea 8

9 STABILE ORGANIZZAZIONE MATERIALE 9

10 ART. 5 Modello OCSE Par. 1 Ai fini della presente Convenzione, l espressione stabile organizzazione designa una sede fissa d affari per mezzo della quale l impresa esercita in tutto o in parte la sua attività 10

11 ART. 5 Modello OCSE Par. 2 Lista Positiva L espressione stabile organizzazione comprende in particolare: a) Una sede di direzione; b) Una succursale; c) Un ufficio; d) Una officina; e) Un laboratorio; f) Una miniera, una cava o altro luogo di estrazione di risorse naturali; g) Un cantiere di costruzione o di montaggio la cui durata oltrepassa dodici mesi 11

12 ART. 5 Modello OCSE Par. 3 E stabile organizzazione un cantiere di costruzione o di montaggio (bulding site, or construction or installation project) la cui durata oltrepassa i dodici mesi ü Requisiti: presenza di un cantiere di costruzione o di montaggio durata superiore ai 12 mesi Supervisione e progettazione Sub-appalto? 12

13 STABILE ORGANIZZAZIONE PERSONALE 13

14 Nozione Paragrafo 5 e 6 del Modello OCSE PRESENZA di un AGENTE DIPENDENTE O INDIPENDENTE Prescinde dalla sede fissa di affari 14

15 ART. 5 Modello OCSE Par. 5 Agente dipendente Un impresa dello Stato A ha una stabile organizzazione nello Stato B quando una persona - diversa da un agente che goda di uno status indipendente agisce per conto dell impresa stessa nello Stato B e dispone di poteri che esercita abitualmente che le permettono di concludere contratti a nome dell impresa. 15

16 ART. 5 Modello OCSE Par. 6 Agente indipendente Un impresa dello Stato A ha una stabile organizzazione nello Stato B quando esercita in detto Stato la propria attività per mezzo di un mediatore, di un commissionario generale o di ogni altro intermediario che non ha uno status indipendente (ad esempio agente, commissionario, broker). 16

17 CASE STUDY 17

18 La costruzione di albergo all estero La X SPA società residente in Italia operante nel settore delle costruzioni sta sviluppando il proprio business in Tunisia, dove ha una sede di rappresentanza 1. acquisisce una commessa in Tunisia di durata pluriennale (due anni) pari a 10 mil. La commessa si realizza attraverso opere di costruzione, servizi di ingegneria, forniture di materiali. La X SPA si avvale di personale proprio e di personale locale per tutta la durata della commessa 2. Tale contratto è firmato in Tunisia da un dipendente che gestisce l Ufficio di Rappresentanza e che, munito di procura speciale, ha sottoscritto per conto di X SpA tutti i contratti con i clienti algerini 18

19 Determinazione del reddito della SO Italia Reddito 2 IRES (27,5%) 0,55 Credito d imposta per le imposte estere (0,55) Imposta dovuta 0 SpA Reddito imponibile prodotto dalla SO si riflette nel bilancio della casa madre Imposte complessivamente pagate dalla spa 0 (Italia) + 0,6 (Tunisia) = 0,6 Tunisia Reddito 2 Corporation tax (30%) 0,6 Reddito imponibile prodotto dalla SO 2 mil. 19

20 Conclusioni VANTAGGI Il rischio di doppia imposizione viene eliminato tramite la costituzione della branch. SVANTAGGI La gestione di una branch comporta un aggravio amministrativo: il reddito estero viene infatti ricalcolato ai fini contabili e fiscali italiani. La branch non è un entità legale autonoma dalla casa madre. Ciò implica che la società italiana sia direttamente responsabile delle passività civilistiche e fiscali della branch. I rapporti tra branch e casa madre possono essere soggetti a maggior scrutinio da parte delle autorità fiscali. La branch non è una persona ai fini dell applicazione dei trattati contro le doppie imposizioni.

Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014

Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014 La gestione di branch estere: criticità tributarie e contabili. Difficoltà connesse al recupero delle imposte estere (principi normativi - un caso pratico) Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014 BRANCH

Dettagli

SOCIETA ALL ESTERO LA STABILE ORGANIZZAZIONE E GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI IN ITALIA

SOCIETA ALL ESTERO LA STABILE ORGANIZZAZIONE E GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI IN ITALIA SOCIETA ALL ESTERO LA STABILE ORGANIZZAZIONE E GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI IN ITALIA L internazionalizzazione delle imprese italiane in un paese straniero o di imprese estere in Italia diventa

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA LA STABILE ORGANIZZAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA LA STABILE ORGANIZZAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA LA STABILE ORGANIZZAZIONE a cura del dott. Giovanni Barbato La stabile organizzazione è un noto istituto giuridico attraverso il quale vengono attratti ad imposizione in

Dettagli

Il contratto di agenzia Profili fiscali

Il contratto di agenzia Profili fiscali Il contratto di agenzia Profili fiscali Giorgio Orlandini 11/05/2010 Le provvigioni Le provvigioni in capo all agente si qualificano come redditi d impresa, a prescindere che l attività sia svolta in forma

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Tassazione dei redditi di fonte estera e redditi dei non residenti Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito I II PARTE 1 Tassazione

Dettagli

Diritto tributario italiano Il telelavoro e le possibili implicazioni fiscali

Diritto tributario italiano Il telelavoro e le possibili implicazioni fiscali Diritto tributario italiano Il telelavoro e le possibili implicazioni fiscali 11 Carlo Lorusso Avvocato PwC Tax & Legal Services (TLS), Milano Claudia Limbiati Laurea in Economia Tax Consultant PwC Tax

Dettagli

Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese

Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Le slide non forniscono una completa descrizione delle nuove norme né affrontano tutte le tematiche che possono rilevare ai fini

Dettagli

Pianificazione fiscale internazionale: opportunità e rischi connessi alla gestione di imprese multinazionali.

Pianificazione fiscale internazionale: opportunità e rischi connessi alla gestione di imprese multinazionali. Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Cremona, 25/03/2015 Pianificazione fiscale internazionale: opportunità e rischi connessi alla gestione di imprese multinazionali. Analisi comparta

Dettagli

www.issei.eu MERCE IN DEPOSITO IN GERMANIA CONSIGNMENT STOCK CAMERA DI COMMERCIO TREVISO 06/10/2011

www.issei.eu MERCE IN DEPOSITO IN GERMANIA CONSIGNMENT STOCK CAMERA DI COMMERCIO TREVISO 06/10/2011 MERCE IN DEPOSITO IN GERMANIA CAMERA DI COMMERCIO TREVISO 06/10/2011 1 In questo incontro informativo andremo a trattare: o o o o o o Obiettivi per aprire un magazzino in Germania Trattamento fiscale in

Dettagli

La Stabile Organizzazione tra normativa fiscale nazionale e sovranazionale: LIMITAZIONI ED OPPORTUNITA PER L IMPRESA MULTINAZIONALE

La Stabile Organizzazione tra normativa fiscale nazionale e sovranazionale: LIMITAZIONI ED OPPORTUNITA PER L IMPRESA MULTINAZIONALE La Stabile Organizzazione tra normativa fiscale nazionale e sovranazionale: LIMITAZIONI ED OPPORTUNITA PER L IMPRESA MULTINAZIONALE Commissione di Studio U.N.G.D.C.E.C. Fiscalità Internazionale Delegato

Dettagli

IMPLICAZIONI TRIBUTARIE ITALIANE DEGLI INVESTIMENTI IN FRANCIA

IMPLICAZIONI TRIBUTARIE ITALIANE DEGLI INVESTIMENTI IN FRANCIA IMPLICAZIONI TRIBUTARIE ITALIANE DEGLI INVESTIMENTI IN FRANCIA Milano, 6 Aprile 2011 1 AGENDA L investimento diretto in Francia mediante l apertura di una filiale (branch) Il principio della tassazione

Dettagli

I LINEAMENTI DELLA STABILE ORGANIZZAZIONE

I LINEAMENTI DELLA STABILE ORGANIZZAZIONE I LINEAMENTI DELLA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELL IVA Sommario: 1. Introduzione 2. I presupposti per l esistenza della stabile organizzazione 2.1 La stabile organizzazione

Dettagli

Le proposte di modifica del Commentario OCSE in tema di stabile organizzazione

Le proposte di modifica del Commentario OCSE in tema di stabile organizzazione Le proposte di modifica del Commentario OCSE in tema di stabile organizzazione Avv. Carlo Romano Milano, 5 dicembre 2012 Le proposte OCSE sulla definizione di stabile organizzazione Discussion draft OCSE

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Convenzione tra l'italia ed il Giappone per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito, firmata a Tokyo il 20 marzo 1969. (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Convenzione Italia USA, Roma, 17-04-1984 Convenzione Italia USA. Washington, 25-08-1999. Art. 1 - Soggetti

Convenzione Italia USA, Roma, 17-04-1984 Convenzione Italia USA. Washington, 25-08-1999. Art. 1 - Soggetti Art. 1 - Soggetti ( abrogato ) 1. Fatto salvo quanto in essa diversamente stabilito, la presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti. 2. Nonostante

Dettagli

STABILI ORGANIZZAZIONI OCCULTE

STABILI ORGANIZZAZIONI OCCULTE Giornata di studio «L evoluzione della fiscalità internazionale tra legislazione e casi pratici» STABILI ORGANIZZAZIONI OCCULTE Ten. Col. t.st Gaetano Cutarelli Comandante I Gruppo Tutela Entrate Nucleo

Dettagli

CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015

CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015 CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015 Relatore: Dott. Luciano Sorgato Il corso prevede un ciclo di otto incontri della durata di tre ore e mezza ciascuno dalle ore 09,30 alle ore 13,00 presso

Dettagli

La stabile organizzazione personale deve essere provata in tutti i suoi elementi. Note a commento della sentenza CTP Como n.66 del 20 giugno 2012

La stabile organizzazione personale deve essere provata in tutti i suoi elementi. Note a commento della sentenza CTP Como n.66 del 20 giugno 2012 Fisco e Estero di Emanuele Lo Presti Ventura La stabile organizzazione personale deve essere provata in tutti i suoi elementi. Note a commento della sentenza CTP Como n.66 del 20 giugno 2012 La duplice

Dettagli

Quando una società estera può ritenersi esterovestita in Italia e quando invece può configurarsi stabile organizzazione

Quando una società estera può ritenersi esterovestita in Italia e quando invece può configurarsi stabile organizzazione Stampa Quando una società estera può ritenersi esterovestita in Italia e quando invece può configurarsi stabile organizzazione admin in (clicca QUI per vedere la seconda parte dell'intervento... - riservato

Dettagli

Giovedì 30 GENNAIO 2014 Assolombarda, Sala Falck - Milano. Obiettivo Romania: opportunità di investimento per le aziende italiane

Giovedì 30 GENNAIO 2014 Assolombarda, Sala Falck - Milano. Obiettivo Romania: opportunità di investimento per le aziende italiane Giovedì 30 GENNAIO 2014 Assolombarda, Sala Falck - Milano Obiettivo Romania: opportunità di investimento per le aziende italiane Overview Popolazione 19 Mil 0-14 anni 16,2% 15-64 anni 69,4% oltre 65 14

Dettagli

Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Romania per evitare le doppie imposizioni in materia. di imposte sul reddito e sul patrimonio,

Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Romania per evitare le doppie imposizioni in materia. di imposte sul reddito e sul patrimonio, Traduzione 1 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Romania per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio 0.672.966.31 Conclusa a Bucarest il 25 ottobre

Dettagli

LA STABILE ORGANIZZAZIONE MATERIALE E PERSONALE LA STABILE ORGANIZZAZIONE ED IL COMMERCIO ELETTRONICO

LA STABILE ORGANIZZAZIONE MATERIALE E PERSONALE LA STABILE ORGANIZZAZIONE ED IL COMMERCIO ELETTRONICO Commissione Fiscalità Internazionale LA STABILE ORGANIZZAZIONE MATERIALE E PERSONALE LA STABILE ORGANIZZAZIONE ED IL COMMERCIO ELETTRONICO 04 APRILE 2016 SOMMARIO 1 PREMESSA... 4 2 STABILE ORGANIZZAZIONE

Dettagli

2. Il caso del cantiere

2. Il caso del cantiere La stabile organizzazione e il rappresentante fiscale Sezione prima - Aspetti generali 2. Il caso del cantiere Il paragrafo 3 dell art. 5 del Modello OCSE 2010 stabilisce che un cantiere di costruzione

Dettagli

FOCUS BRASILE Gli Investimenti in Brasile: strumenti giuridici e aspetti fiscali

FOCUS BRASILE Gli Investimenti in Brasile: strumenti giuridici e aspetti fiscali FOCUS BRASILE Gli Investimenti in Brasile: strumenti giuridici e aspetti fiscali Avv. Paolo Manzato Senior Partner Roberta Miotti Advogada in San Paolo Brasile, Lisbona Portogallo e Milano Italia Manzato

Dettagli

Sede del soggetto e imposizione fiscale. Prof. Giuseppe D ANDREA

Sede del soggetto e imposizione fiscale. Prof. Giuseppe D ANDREA Sede del soggetto e imposizione fiscale Prof. Giuseppe D ANDREA Obiettivi: analizzare i criteri di collegamento per la tassazione ai fini IRES ; esaminare i criteri di tassazione per le società ed Enti

Dettagli

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società 7 Siegfried Mayr Dottore Commercialista in Milano Docente alla Scuola Superiore

Dettagli

Convenzione. Traduzione 1

Convenzione. Traduzione 1 Traduzione 1 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica del Ghana per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito, sul patrimonio e sugli utili di capitale Il Consiglio

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

Circolare monotematica LUGLIO 2015

Circolare monotematica LUGLIO 2015 Circolare monotematica LUGLIO 2015 1 OPERARE ALL ESTERO Novità in corso di introduzione per effetto del Decreto legislativo, ancora in esame, in attuazione della Legge delega 11 Marzo 2014, n.23 1. NOVITA

Dettagli

La determinazione del reddito. dei profitti alla stabile organizzazione, di Stefano Chirichigno e Valerio Cirimbilla

La determinazione del reddito. dei profitti alla stabile organizzazione, di Stefano Chirichigno e Valerio Cirimbilla La determinazione del reddito «personale» di Stefano Chirichigno e Valerio Cirimbilla La Corte di cassazione, con la sentenza n. 8488 del 2010, si è pronunciata sul tema della stabile organizzazione «personale».

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

Le imposte nell informativa di bilancio

Le imposte nell informativa di bilancio Le imposte nell informativa di bilancio 1 Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla base della determinazione di

Dettagli

LA STABILE ORGANIZZAZIONE: ANALISI DI UN ISTITUTO IN AMBITO COMUNITARIO E NAZIONALE

LA STABILE ORGANIZZAZIONE: ANALISI DI UN ISTITUTO IN AMBITO COMUNITARIO E NAZIONALE Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma LA STABILE ORGANIZZAZIONE: ANALISI DI UN ISTITUTO IN AMBITO COMUNITARIO E NAZIONALE Alberta Orefice matricola n. 137591 INDICE CAPITOLO

Dettagli

Adempimenti Fiscali delle Limited Companies. Marina d'angerio Dottore Commercialista - Chartered Accountant ICAEW

Adempimenti Fiscali delle Limited Companies. Marina d'angerio Dottore Commercialista - Chartered Accountant ICAEW Adempimenti Fiscali delle Limited Companies Agenda Adempimenti Fiscali Criteri per la determinazione delle dimensioni aziendali Revisione Imposte sulla societa Scadenze e Penalita Dividendi Residenza Fiscale

Dettagli

Provvigioni ad agenti non residenti nelle imposte sui redditi

Provvigioni ad agenti non residenti nelle imposte sui redditi Provvigioni ad agenti non residenti nelle imposte sui redditi di Massimo Sirri e Riccardo Zavatta (*) Nell ambito dei rapporti internazionali, gli operatori residenti non sono soliti prestare alle provvigioni

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Lavorare in Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 6 LAVORARE IN RUSSIA 6.1 Persone giuridiche nella Federazione Russa La normativa Russa offre alle aziende estere

Dettagli

Art. 1 Persone considerate La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti.

Art. 1 Persone considerate La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti. Traduzione 1 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Croazia per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio Il Consiglio federale svizzero e

Dettagli

TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE ARTICOLO 1 SOGGETTI ARTICOLO 2 IMPOSTE CONSIDERATE

TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE ARTICOLO 1 SOGGETTI ARTICOLO 2 IMPOSTE CONSIDERATE CONVENZIONE FRA LA REPUBBLICA PORTOGHESE E LA REPUBBLICA DI SAN MARINO PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE L EVASIONE FISCALE IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO La Repubblica Portoghese e la Repubblica

Dettagli

STABILE ORGANIZZAZIONE PERSONALE

STABILE ORGANIZZAZIONE PERSONALE LA STABILE ORGANIZZAZIONE PERSONALE Genova, 4 Dicembre 2012 Dott. Patrick Novembre Dottore Commercialista, Consigliere dell'ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Sanremo Presidente

Dettagli

Preambolo. Articolo 1 Soggetti considerati

Preambolo. Articolo 1 Soggetti considerati CONVENZIONE tra il Principato del Liechtenstein e la Repubblica di San Marino per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio Preambolo Il Principato del Liechtenstein

Dettagli

FARE BUSINESS NEGLI USA. Casi di studio e analisi dei principali profili legali e fiscali. API TORINO Torino, 14 Maggio 2012

FARE BUSINESS NEGLI USA. Casi di studio e analisi dei principali profili legali e fiscali. API TORINO Torino, 14 Maggio 2012 FARE BUSINESS NEGLI USA Casi di studio e analisi dei principali profili legali e fiscali API TORINO Torino, 14 Maggio 2012 1 1 - Esportazione diretta di beni negli USA Impresa italiana esporta merci negli

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1. 1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.2 La dematerializzazione delle azioni 1.1.2.1 Profili fiscali 1.1.3

Dettagli

Convenzione tra la Confederazione Svizzera e il Canada per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio

Convenzione tra la Confederazione Svizzera e il Canada per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio Traduzione 1 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e il Canada per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio Conclusa il 5 maggio 1997 Approvata dall Assemblea

Dettagli

0.672.923.21. Traduzione 1. (Stato 16 dicembre 2011)

0.672.923.21. Traduzione 1. (Stato 16 dicembre 2011) Traduzione 1 0.672.923.21 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e il Canada per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio Conclusa il 5 maggio 1997 Approvata

Dettagli

Conclusa il 26 ottobre 2007 Approvata dall Assemblea federale il 12 marzo 2009 2 Entrata in vigore mediante scambio di note l 11 settembre 2011

Conclusa il 26 ottobre 2007 Approvata dall Assemblea federale il 12 marzo 2009 2 Entrata in vigore mediante scambio di note l 11 settembre 2011 Traduzione 1 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Colombia per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio Conclusa il 26 ottobre 2007 Approvata

Dettagli

Il ruolo delle società del Regno Unito nella pianificazione fiscale internazionale. Dott. Cristiano Medori ACA CTA ATT Director of Taxation

Il ruolo delle società del Regno Unito nella pianificazione fiscale internazionale. Dott. Cristiano Medori ACA CTA ATT Director of Taxation Il ruolo delle società del Regno Unito nella pianificazione fiscale internazionale Dott. Cristiano Medori ACA CTA ATT Director of Taxation : aspetti finanziari Mezzi propri Investitori italiani Capitale

Dettagli

Capitolo Nono I gruppi di imprese ed il bilancio consolidato

Capitolo Nono I gruppi di imprese ed il bilancio consolidato Capitolo Nono I gruppi di imprese ed il bilancio consolidato 1. IL GRUPPO DI IMPRESE I gruppi aziendali rappresentano una delle forme più intense di concentrazione aziendale realizzate mediante l instaurazione

Dettagli

1. Le imposte che formano oggetto della presente Convenzione sono:

1. Le imposte che formano oggetto della presente Convenzione sono: CONVENZIONE TRA L'ITALIA ED IL GIAPPONE PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO CON PROTOCOLLO E SCAMBIO DI NOTE TOKYO, 20 MARZO 1969 1. Il Governo della Repubblica italiana

Dettagli

Definizioni generali Domicilio fiscale

Definizioni generali Domicilio fiscale RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA FRANCESE PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SULLE SUCCESSIONI E SULLE

Dettagli

Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Romania per evitare le doppie imposizioni in materia. di imposte sul reddito e sul patrimonio,

Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Romania per evitare le doppie imposizioni in materia. di imposte sul reddito e sul patrimonio, Traduzione 1 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Romania per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio 0.672.966.31 Conclusa a Bucarest il 25 ottobre

Dettagli

Rinnovabili e Sviluppo

Rinnovabili e Sviluppo Rinnovabili e Sviluppo Investimenti e fiscalità Stefano Cervo 24 novembre 2011 Agenda Carve out del progetto e strutture di acquisizione Fiscalità delle operations 1 Premessa La variabile fiscale può influenzare

Dettagli

Guida alla classificazione delle Società ai fini FATCA Documentazione ad esclusivo uso interno

Guida alla classificazione delle Società ai fini FATCA Documentazione ad esclusivo uso interno Guida alla classificazione delle Società ai fini FATCA Documentazione ad esclusivo uso interno Il presente documento non sostituisce i regolamenti definitivi del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti,

Dettagli

3. Le imposte attuali cui si applica la presente Convenzione sono: a) in Irlanda (e qui di seguito indicate quali imposta irlandese):

3. Le imposte attuali cui si applica la presente Convenzione sono: a) in Irlanda (e qui di seguito indicate quali imposta irlandese): CONVENZIONE TRA L'ITALIA E L'IRLANDA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO E IL PROTOCOLLO AGGIUNTIVO. DUBLINO, 11 giugno 1971 1. Il Governo

Dettagli

Traduzione 1. Art. 1 Persone La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti.

Traduzione 1. Art. 1 Persone La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti. Traduzione 1 0.672.941.81 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica Popolare Ungherese per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio Conchiusa il

Dettagli

Percorsi di formazione 2015

Percorsi di formazione 2015 Percorsi di formazione 2015 Indice dei Corsi Focus 1 Focus 2 Focus 3 Focus 4 Focus 5 Focus 6 Focus 7 Focus 8 Focus 9 Focus 10 Focus 11 Focus 12 La regolazione del rapporto di lavoro - Elementi fondamentali

Dettagli

DIVIDENDI, INTERESSI E ROYALTIES

DIVIDENDI, INTERESSI E ROYALTIES DIVIDENDI, INTERESSI E ROYALTIES (Walter Andreoni) GALLERIA CIVICA D ARTE MODERNA Torino, 11 Gennaio 2006 Dividendi - In generale Tassazione in entrata (IRES, IRPEF); Tassazione in uscita (ritenuta alla

Dettagli

PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI

PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI Art. 1, commi 37-45L. 23.12.2014 N. 190 Art. 5 co. 1, D.L. 24.01.2015 N. 1 (Investment Compact) pzanatta@uive.it Dott. Paolo Zanatta 18.02.2015

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA D'ITALIA ED IL REGNO DI THAILANDIA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO 1. Il Governo della Repubblica d'italia

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE Il codice civile si prefigge la rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica della società con chiarezza ed in modo veritiero e corretto mentre

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11

INDICE. Premessa... pag. 11 INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI NEL REDDITO DI IMPRESA 1. La cessione delle partecipazioni nel reddito d impresa... pag. 13 1.1 I diversi regimi fiscali applicabili

Dettagli

0.672.912.31. Traduzione 1. (Stato 21 dicembre 2000)

0.672.912.31. Traduzione 1. (Stato 21 dicembre 2000) Traduzione 1 0.672.912.31 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Albania per evitare le doppie imposizioni in materia d imposte sul reddito e sul patrimonio Conclusa il 12 novembre

Dettagli

Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong

Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong di Cristiano Donnet La Convenzione è stata firmata in data 14 gennaio 2013 Il Segretario ai Servizi Finanziari del Tesoro, Professor KC Chan,

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 42 20.11.2013 Cessione d azienda Ripartizione dei valori, profili di competenza e modalità di tassazione Categoria: Bilancio e Contabilità Sottocategoria:

Dettagli

Minibond- il regime fiscale per gli investitori

Minibond- il regime fiscale per gli investitori Minibond- il regime fiscale per gli investitori Le cambiali finanziarie, obbligazioni e titoli similari negoziati in mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione degli Stati membri dell

Dettagli

Schema di decreto legislativo sull internazionalizzazione delle imprese: le novità principali

Schema di decreto legislativo sull internazionalizzazione delle imprese: le novità principali Ufficio Studi Schema di decreto legislativo sull internazionalizzazione delle imprese: le novità principali Schema di decreto legislativo delegato recante misure per la crescita e l internazionalizzazione

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE. Bucarest, 28 febbraio 2003. Roberto Falato Boscolo & Partners

ENERGIA RINNOVABILE. Bucarest, 28 febbraio 2003. Roberto Falato Boscolo & Partners ENERGIA RINNOVABILE 2013 l anno della Green Economy in Romania? Bucarest, 28 febbraio 2003 Focus sugli aspetti fiscali Roberto Falato Boscolo & Partners Il quadro generale imposte dirette REDDITO DI IMPRESA

Dettagli

Tassazione delle Congregazioni Religiose in Italia. Introduzione

Tassazione delle Congregazioni Religiose in Italia. Introduzione Tassazione delle Congregazioni Religiose in Italia Introduzione La tassazione delle congregazioni religiose è stata spesso oggetto di discussione in Italia, talvolta polemica o demagogica. Per decenni,

Dettagli

Capitolo I - Campo di applicazione. La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti.

Capitolo I - Campo di applicazione. La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti. CONVENZIONE TRA ITALIA E CIPRO PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO CON PROTOCOLLO E PROTOCOLLO AGGIUNTIVO NICOSIA IL 24 APRILE 1974 1 Il

Dettagli

Bilancio Consolidato di Gruppo a.a. 2005-2006. La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni

Bilancio Consolidato di Gruppo a.a. 2005-2006. La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni Cessione infragruppo di merci e servizi: riconciliazioni strumentali all eliminazione delle partite infragruppo La società Alfa detiene una partecipazione

Dettagli

La disciplina delle CFC

La disciplina delle CFC La disciplina delle CFC Novedrate, 9 ottobre 2013 dott. Andrea DE VIDO La CFC (Controlled Foreign Companies) e quella tecnica con la quale: un soggetto residente in un Paese ad alta fiscalità fa svolgere

Dettagli

Profili fiscali dell e-commerce. Giovanni Rolle Centro Universitario per il Commercio Europeo ed Estero Dottore Commercialista

Profili fiscali dell e-commerce. Giovanni Rolle Centro Universitario per il Commercio Europeo ed Estero Dottore Commercialista Il commercio elettronico: aspetti legali, finanziari e tecnologici Profili fiscali dell e-commerce Giovanni Rolle Centro Universitario per il Commercio Europeo ed Estero Dottore Commercialista Torino,

Dettagli

ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE

ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE a PREMESSA: Alcoa Inc. ( Alcoa ) e la sua dirigenza si impegnano nella conduzione di operazioni eticamente corrette e conformi alle disposizioni di legge. I nostri

Dettagli

AL ROGITO CON LE IDEE CHIARE. Training : Carla Fontana

AL ROGITO CON LE IDEE CHIARE. Training : Carla Fontana ? AL ROGITO CON LE IDEE CHIARE Training : Carla Fontana LA LEGGE BERSANI : L.248/4 agosto Il decreto legge 223/2006 è stato convertito nella Legge 248 del 4 agosto e per chi compra casa è una vera e propria

Dettagli

MASTER IN COMMERCIO, FISCALITÀ ED ARBITRATO INTERNAZIONALE IBATAX LAW. Schedule a.a. 2013-2014. Dicembre 2013. Gennaio 2014

MASTER IN COMMERCIO, FISCALITÀ ED ARBITRATO INTERNAZIONALE IBATAX LAW. Schedule a.a. 2013-2014. Dicembre 2013. Gennaio 2014 Università Cà Foscari Venezia Agenzia delle Dogane e dei Monopoli MASTER IN COMMERCIO, FISCALITÀ ED ARBITRATO INTERNAZIONALE IBATAX LAW Schedule a.a. 2013-2014 Moduli: TS1 e dell Unione europea: resp.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

Le convenzioni contro la doppia imposizione fiscale

Le convenzioni contro la doppia imposizione fiscale Numero 127 settembre 2012 Da Dezan Shira & Associates Le convenzioni contro la doppia imposizione fiscale IN QUESTO NUMERO Convenzioni contro la doppia imposizione fiscale per gli investimenti in Cina

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 124/E. Roma 07 novembre 2006

RISOLUZIONE N. 124/E. Roma 07 novembre 2006 , Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 124/E Roma 07 novembre 2006 Oggetto: Istanza di interpello Articolo 152 del Testo Unico delle Imposte sul Reddito, approvato con Decreto del

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 CHIOMENTI STUDIO LEGALE NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 1. Premessa. Il nuovo quadro normativo civilistico e la soggettività tributaria dei fondi immobiliari 2. Il regime fiscale proprio dei

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI DEL CONDOMINIO E DELL AMMINISTRATORE: PROBLEMATICHE SULLA GESTIONE DEI DIPENDENTI CONDOMINIALI

ADEMPIMENTI FISCALI DEL CONDOMINIO E DELL AMMINISTRATORE: PROBLEMATICHE SULLA GESTIONE DEI DIPENDENTI CONDOMINIALI CONDOMINIO: RUOLO DELL AMMINISTRATORE ADEMPIMENTI FISCALI DEL CONDOMINIO E DELL AMMINISTRATORE: PROBLEMATICHE SULLA GESTIONE DEI DIPENDENTI CONDOMINIALI A cura di: Massimo STRIGLIA, Dottore commercialista

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO 1. Il diritto tributario e le entrate dello Stato... pag. 1 2. Le fonti del diritto...» 6 3. Le fonti

Dettagli

ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151. Relatori: Andrea Scaini e Stefano Zanon

ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151. Relatori: Andrea Scaini e Stefano Zanon ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151 Argomenti di oggi Le verifiche in azienda da parte dell amministrazione finanziaria Scadenza della registrazione

Dettagli

reddito prodotto; reddito entrata; reddito consumo.

reddito prodotto; reddito entrata; reddito consumo. Le nozioni di reddito Il punto di partenza per la determinazione dell imposta e la definizione della base imponibile, ossia del reddito a cui applicare la normativa tributaria (aliquote, deduzioni, detrazioni,

Dettagli

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE Redditi di capitale Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE 7.4 IL POSSESSO DI PARTECIPAZIONI DI SOCIETÀ 7.5 LA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI

Dettagli

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi 1369 ATTUALITÀ Circolare n. 2/E del 15 febbraio 2012 Disciplina dei fondi immobiliari chiusi di Massimo Gabelli e Roberta De Pirro (*) Con la circ. n. 2/E del 15 febbraio 2012, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI

CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI Periodico plurisettimanale Area: TAX & LAW 12 settembre 2006 CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI In sede di conversione in Legge del DL 223/2006 (c.d. Decreto Bersani) sono state

Dettagli

Il presente Accordo si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti.

Il presente Accordo si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti. ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE POLACCA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO E PER PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI 1.

Dettagli

Articoli di approfondimento e altre pubblicazioni a firma di Gianluca Cristofori

Articoli di approfondimento e altre pubblicazioni a firma di Gianluca Cristofori Articoli di approfondimento e altre pubblicazioni a firma di Gianluca Cristofori Scissione di patrimoni netti contabili negativi: profili civilistici, contabili e fiscali in Rivista delle Operazioni Straordinarie

Dettagli