Titolo Bando CSV FVG PROMOZIONE e SVILUPPO DEL VOLONTARIATO Anno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Titolo Bando CSV FVG PROMOZIONE e SVILUPPO DEL VOLONTARIATO Anno 2015"

Transcript

1 Data pubblicazione: 10 aprile 2015 Data scadenza 1 finestra: 30 aprile 2015 Data scadenza 2 finestra: 31 luglio 2015 Data scadenza 3 finestra: 31 ottobre 2015 MODULISTICA - Domanda di contributo (MOD 01) - Scheda progettuale (MOD 02) - Piano dei costi (MOD 03) - Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a cura delle OdV (MOD 04) - Lettera di partenariato (MOD 05) - Lettera di adesione alla rete (MOD 06) - Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a cura dei professionisti (MOD 07) - Comunicazione di avvio attività (MOD 08) - Richiesta variazioni (MOD 09) - Relazione iniziativa (MOD 10) - Consuntivo delle spese (MOD 11) - Consuntivo spese di co-finanziamento (MOD 12) Pag. 1/13

2 Indice Art. 1. PREMESSA pag. 3 Art. 2. IL BANDO pag. 3 Art. 3 REQUISITI DEI PROPONENTI pag. 4 Art. 4 TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE pag. 5 Art. 5. AMMISSIBILITÀ DELLE DOMANDE: MODULISTICA pag. 5 Art. 6. CRITERI DI ESCLUSIONE DEI PROGETTI pag. 6 Art. 7. VALUTAZIONE DELLE DOMANDE pag. 6 Art. 8. LE SPESE AMMISSIBILI e i MASSIMALI pag. 8 Art. 9. SPESE NON AMMISSIBILI pag. 10 Art. 10. EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO pag. 10 Art. 11. GESTIONE DEL PROGETTO pag. 11 Art. 12. REVOCA DEL CONTRIBUTO pag. 11 Art. 13. RENDICONTAZIONE pag. 12 Art. 14. RESPONSABILITÀ DEL CSV FVG NEI PROGETTI APPROVATI pag. 13 Art. 15. OBBLIGO DI PUBBLICIZZAZIONE pag. 13 Pag. 2/13

3 Art. 1. PREMESSA Il presente Bando vuole sostenere iniziative finalizzate alla promozione e alla diffusione della cultura della solidarietà nel territorio regionale, coerentemente agli indirizzi programmatici espressi nel programma 2015 del CSV FVG. Scopo del Bando è quello di offrire risorse strumentali, umane ed economiche a supporto della crescita delle OdV. Di seguito sono indicati i requisiti, i criteri e le modalità di presentazione delle domande. Art. 2. IL BANDO 2.1. Obiettivi Il Bando intende sopportare e favorire il lavoro in rete, promuovere il volontariato in tutte le sue espressioni e supportare azioni ed interventi di promozione quali: incontri, convegni e seminari finalizzati alla sensibilizzazione e/o all approfondimento di argomenti relativi ai diversi settori in cui operano le associazioni eventi o comunque occasioni di aggregazione il cui tema conduttore sia la diffusione della cultura del bene comune, dell aiuto reciproco, della cittadinanza responsabile. Restano escluse tutte quelle iniziative che hanno finalità unicamente enogastronomiche e/o che prevedono la realizzazione di servizi/interventi diretti all utenza delle OdV stesse. 2.2 Scadenze e disponibilità finanziarie Il Bando nel corso del 2015 avrà tre scadenze, precisamente al 30 aprile, 31 luglio, 31 ottobre. Le domande di contributo dovranno avere un valore massimo di: Singola OdV Rete di OdV PROPONENTE Valore max domanda 1.000,00 (lordi) 3.000,00 (lordi) Gli importi indicati da intendersi al netto di risorse proprie e di eventuale co-finanziamento e sono comprensivi di IVA e di eventuali altri oneri fiscali e previdenziali. La disponibilità annua complessiva del Bando è di ,00 (lordi) La disponibilità per ciascuna finestra è di ,00 (lordi) Assegnazione di almeno 1/3 della disponibilità riservata ai progetti singoli e 2/3 a quelli in rete. Pag. 3/13

4 2.3. Il ruolo del CSV FVG Il CSV FVG al fine di sostenere le OdV che intendono partecipare al presente Bando, fornirà il proprio supporto secondo le seguenti modalità: affiancamento dei propri esperti per la progettazione e lo sviluppo dell iniziativa promozione e diffusione delle iniziative tramite tutti i propri canali informativi e strumenti di comunicazione disponibilità in via prioritaria, per la realizzazione delle iniziative approvate, se adeguate all attività progettuale, di sale, attrezzature, automezzi e servizi di foto copisteria affiancamento alla rendicontazione delle spese. Art. 3. REQUISITI DEI PROPONENTI 3.1. I proponenti Possono presentare domanda di partecipazione al Bando solamente le Organizzazioni di Volontariato (OdV) sia quelle iscritte al Registro Regionale del Volontariato (RRV) del Friuli Venezia Giulia, sia quelle non iscritte ma in possesso dei requisiti previsti dall articolo 3 della Legge n. 266 del 1991, purché abbiano sede legale nella Regione Friuli Venezia Giulia La partecipazione al Bando Le OdV di cui al precedente punto 3.1. possono partecipare al Bando sia singolarmente che in rete con altre OdV. Nel caso in cui la OdV partecipi singolarmente al Bando, deve essere garantito il coinvolgimento di almeno cinque volontari. La rete deve: a) essere costituita solo dalle OdV indicate al precedente punto 3.1. b) essere formata da almeno due OdV che operano preferibilmente in province diverse c) garantire la partecipazione di almeno dieci volontari d) indicare l OdV capofila che si assume il compito di coordinare l intervento e che fungerà da riferimento per tutti gli adempimenti connessi al Bando. La capofila diviene, infatti, interlocutore unico del CSV FVG per tutto ciò che concerne l iniziativa specifica e dovrà indicare il nominativo di un referente. Alla OdV singola o capofila è richiesto: di coinvolgere solamente volontari competenti allo svolgimento delle attività, ricordando che tutto il personale volontario deve essere assicurato secondo la vigente normativa sul volontariato di aggiornare tempestivamente il CSV FVG su variazioni previste rispetto al progetto approvato. Pag. 4/13

5 3.3. I partner Per partner si intendono tutti soggetti diversi dalle OdV: Fondazioni, Enti pubblici, Cooperative sociali, altre organizzazioni del terzo settore, altri soggetti pubblici e privato sociale. Le OdV possono partecipare al Bando anche con dei partner. In questo caso va indicato il profilo del partner ed il suo contributo: se è in termini operativi, nel caso in cui concorra alla realizzazione del progetto, o se in termini finanziari, se il soggetto concorre con la messa a disposizione di risorse suscettibili a valutazione esclusivamente economica In caso di approvazione della proposta progettuale i partner non potranno risultare anche fornitori di prestazioni il cui pagamento rientra nella quota di contributo richiesto al CSV FVG. Art. 4 TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE 4.1. Termini di presentazione Le domande relative al presente Bando, pena la non ammissibilità della domanda stessa, devono essere presentate presso gli sportelli territoriali di Pordenone, Trieste, Udine, Gorizia o tramite posta, , fax, entro le ore dell ultimo giorno lavorativo del mese di scadenza della finestra del bando Modalità di presentazione La domanda di partecipazione al Bando va presentata utilizzando l apposita modulistica (art. 5 del Bando). Ciascuna OdV può presentare una sola domanda (sia come capofila che come componente la rete) nel medesimo anno solare. La presentazione di più progetti in cui sia coinvolta la medesima OdV, comporta l esclusione dalla selezione di tutti i progetti presentati. Art. 5. AMMISSIBILITÀ DELLE DOMANDE: MODULISTICA Per partecipare al Bando è necessario presentare, pena l esclusione, la seguente documentazione: a) Domanda di partecipazione al Bando (MOD 01) b) Scheda progettuale del Bando (MOD 02) c) Piano dei costi (MOD 03) in cui vengono indicate, al lordo dell IVA e/o di altri oneri, in dettaglio e per gruppi omogenei, le spese da sostenere d) Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (MOD 04) e copia dello Statuto nel caso di OdV non iscritta al Registro Regionale del Volontariato; alla dichiarazione deve essere allegata copia del documento di identità del firmatario e) Lettera di partenariato (MOD 05), una per ciascun soggetto (solo in caso di partecipazione di partner) f) Lettera di adesione alla rete (solo per le OdV che compongono una rete) (MOD 06). Tutta la modulistica di cui sopra è disponibile presso qualsiasi sportello territoriale del CSV FVG ed è scaricabile dal sito nella sezione Bandi. Pag. 5/13

6 Art. 6. CRITERI DI ESCLUSIONE DEI PROGETTI Verranno esclusi dalla valutazione e considerati inammissibili i progetti che: 6.1. sono presentati da soggetti che non risultano essere delle OdV o che non possiedono i requisiti indicati nel precedente art prevedono attività che rientrano nelle finalità istituzionali della OdV capofila e/o dei componenti la rete 6.3. sono presentati oltre il termine previsto nel precedente art non contengono tutta la documentazione prevista nel precedente art prevedono la partecipazione di una OdV su più progetti presentati per questo Bando nel medesimo anno solare 6.6. contemplano attività prevalentemente al di fuori del territorio della Regione Friuli Venezia Giulia 6.7. prevedono un lucro. I servizi e le attività in genere, posti in essere dalle OdV nell ambito del progetto approvato dovranno essere gratuiti. A questo riguardo, si ricorda che ai sensi dell art. 2 della Legge 266/91 i soci dell associazione di volontariato non possono essere né dipendenti, né collaboratori, né essere retribuiti in alcun modo. E inoltre vietata, ai fini del presente Bando, la fornitura di beni e/o servizi da parte di fornitori terzi (es. cooperative, aziende, società, ecc.) in cui uno dei dirigenti della OdV proponente/capofila e/o componente la rete sia impegnato come socio, titolare e/o amministratore (lucro indiretto) 6.8. non sono in regola con le normative vigenti in materia di prevenzione degli infortuni, di igiene sicurezza sul posto di lavoro (Testo Unico sulla sicurezza D.Lgs. 81/08 e s.m.i.), della privacy (Ex D.Lgs 196/03 e s.m.i.) e delle altre norme di Legge inerenti l attività previste dal progetto 6.9. non prevedono un prevalente e determinante apporto da parte di volontari delle OdV proponenti: la maggior parte delle attività del progetto, soprattutto quelle centrali e determinanti, devono, infatti, essere svolte da volontari; in fase di valutazione, si terrà anche conto del rapporto tra impegno dei volontari e delle risorse umane esterne coinvolte nell iniziativa (art. 7.2.). Art. 7. VALUTAZIONE DELLE DOMANDE 7.1. Procedura di valutazione L analisi dei progetti si articola in due fasi: prima fase, l istruttoria dei progetti, pervenuti entro i termini previsti, viene effettuata dal CSV FVG che verifica la correttezza formale della documentazione presentata; in mancanza dei requisiti il progetto presentato non viene ammesso alla fase successiva. È ammissibile il progetto che risulta rispondente ai requisiti previsti dal Bando (artt. 5 e 6). In fase di valutazione istruttoria saranno inoltre esaminate e tenute in considerazione solo ed esclusivamente le spese ritenute ammissibili e coerenti con il progetto. seconda fase, i progetti che hanno superato la fase di istruttoria, vengono valutati dal Consiglio Direttivo del CSV FVG che avrà a disposizione un massimo di 100 punti ripartiti tra i criteri di valutazione di seguito indicati (art. 7.2). La graduatoria dei progetti, formulata in via definitiva, sulla base dei criteri di cui all art.7.2 nel rispetto della ripartizione tra progetti singoli e in rete e per provincia di provenienza, con il relativo riparto dei Pag. 6/13

7 fondi, viene deliberata dal Consiglio Direttivo del CSV FVG che ne dà immediata esecuzione. Le decisioni assunte dal Consiglio Direttivo del CSV FVG sono definitive ed inappellabili da parte dei soggetti partecipanti al Bando. Il Consiglio Direttivo del CSV FVG si impegna ad esprimere una valutazione delle domande entro 45 gg dal termine fissato per la consegna e a comunicarlo per iscritto alle associazioni Criteri di valutazione Per ciascuna domanda di progettualità vengono assegnati dei punteggi sulla base dei seguenti criteri: CRITERI QUALITATIVI E DI PRIORITA DI VALUTAZIONE a) CONGRUENZA: grado di congruenza tra l idea progettuale, i bisogni considerati e documentati che motivano il progetto, l adeguatezza del budget rispetto agli obiettivi. E soggetta a valutazione anche la chiarezza espositiva del testo del progetto Punteggio Massimo 40 PUNTI b) CAPACITA DI PROMUOVERE RETE: iniziativa realizzata in rete con altre OdV 25 PUNTI c) QUALITA ED INNOVATIVITA : progetti che presentano aspetti innovativi sia nei contenuti che nella metodologia della realizzazione dell attività d) CO-FINANZIAMENTO: la presenza di una quota di finanziamento da parte della OdV stessa e/o di altri soggetti e) DIFFUSIONE DELLA RETE SUL TERRITORIO: l iniziativa si articola in due o più province e/o all iniziativa partecipano OdV di tre o più ambiti socio - assistenziali dei comuni f) IMPIEGO DEI VOLONTARI numero dei volontari impiegati nel progetto: ruolo, funzioni e rapporto quantitativo tra il personale retribuito coinvolto nel progetto e quello volontario 10 PUNTI 10 PUNTI 5 PUNTI 5 PUNTI g) PARTENARIATO: coinvolgimento di partner pubblici o privati 5 PUNTI In caso di parità di punteggio, avranno priorità i progetti che hanno ottenuto un maggior punteggio nel criterio b) - CAPACITÁ DI PROMUOVERE RETE; in caso di ulteriore parità avranno priorità i progetti che hanno ottenuto un punteggio maggiore nel criterio e) - DIFFUSIONE DELLA RETE SUL TERRITORIO. Pag. 7/13

8 7.3. La graduatoria Il Consiglio Direttivo del CSV FVG effettuata la valutazione procederà a redigere la graduatoria finale di tutti i progetti. I progetti sono finanziabili fino alla concorrenza delle somme disponibili, in base alla graduatoria derivante dai punteggi ottenuti e fino all esaurimento dei fondi disponibili. Eventuali fondi che si rendessero disponibili per rinuncia o revoca del finanziamento di uno o più progetti, saranno assegnati ad altre progettualità, in ragione della posizione ottenuta in graduatoria. I progetti che non rientreranno tra quelli finanziati, potranno essere ripresentanti dai proponenti nella finestra successiva L esito della valutazione La graduatoria dei progetti e i relativi dettagli verranno comunicati ufficialmente dal CSV FVG entro 15 giorni dalla data della delibera relativa al progetto stesso, tramite lettera all OdV proponente o capofila e attraverso la pubblicazione della graduatoria dei progetti accolti sul proprio sito (www.csvfvg.it). La graduatoria, con timbro e data di esposizione, sarà affissa anche nella bacheca delle comunicazioni di ciascuno sportello territoriale del CSV FVG La determinazione del sostegno Le domande possono essere ammesse al finanziamento totale o parziale in quanto il CSV FVG si riserva di finanziare una quota inferiore a quella richiesta nel caso alcuni importi di spesa siano ritenuti non adeguati. Art. 8 LE SPESE AMMISSIBILI e I MASSIMALI Nella misura massima del piano dei costi approvato per ciascun progetto, sono rendicontabili solamente le spese direttamente riferibili all attuazione del progetto e individuabili nelle categorie di spesa di seguito indicate: A. Promozione e diffusione delle attività: costi riferibili a oneri per la pubblicità e per la diffusione dell iniziativa B. Risorse esterne: b.1) Compensi risorse esterne: i costi relativi al compenso di collaboratori e professionisti esterni devono mantenersi congrui ed entro i limiti massimi di seguito indicati (le tariffe sono comprensive di IVA, altre imposte - ad es. IRAP per le prestazioni occasionali): - GRUPPO A: compenso fino ad un massimo di 50 /h (lordi) per prestazioni di collaboratori/professionisti laureati qualificati con esperienza almeno quinquennale - GRUPPO B: compenso fino ad un massimo di 30 /h (lordi) per prestazioni di collaboratori/professionisti laureati con esperienza inferiore a cinque anni Pag. 8/13

9 - GRUPPO C: compenso fino ad un massimo di 20 /h (lordi) per prestazioni di collaboratori/professionisti non laureati. b.2) Rimborso spese viaggio, vitto e alloggio per le risorse esterne previsto solo in assenza di compenso professionale - rimborso KM: 0,35 /KM salvo adeguamenti deliberati dal CSV FVG (per i KM si veda la mappa Michelin: - rimborso spese viaggio: biglietti aerei e ferroviari di classe economica (i biglietti, laddove prevista la possibilità, devono essere nominativi) - vitto: 25,00 /persona per ogni pasto - alloggio: 80,00 /persona per l alloggio giornaliero. C. Rimborso spese per i volontari D. Altre spese: - rimborso KM per i volontari: 0,35 /KM salvo adeguamenti deliberati dal CSV FVG (per i KM si veda la mappa Michelin: - rimborso spese per mezzi di trasporto urbano e ferroviario (preferibilmente i titoli di viaggio devono essere nominativi). d.1) Nolo di attrezzature e beni strumentali necessari all attuazione dell iniziativa, a condizione che gli stessi non possano essere resi disponibili direttamente dal CSV FVG. Il CSV FVG si riserva di valutare la congruità delle attrezzature richieste rispetto ai contenuti dell iniziativa proposta. d.2.) Nolo locali/spazi purché non già disponibili al CSV FVG. Il CSV FVG si riserva di valutare la congruità delle attrezzature richieste rispetto ai contenuti dell iniziativa proposta. d.3.) Altri oneri Si precisa che riguardo la voce altri oneri il CSV FVG si riserva, sulla base del progetto presentato e delle attività descritte, la facoltà di valutarne la congruità rispetto all iniziativa nel suo insieme ed eventualmente di non accogliere quanto richiesto. Restano in ogni caso non ammissibili le spese indicate in art. 9. Le spese di affissione, le spese postali, assicurative e il contributo SIAE saranno oggetto di specifica Convenzione tra CSV FVG e OdV. Pag. 9/13

10 Art. 9. SPESE NON AMMISSIBILI Fatto salvo quanto indicato nel precedente art. 8, restano in ogni caso non ammissibili le seguenti voci di spesa: a) spese non direttamente riferibili al progetto b) spese non documentate o documentate in modo generico (es. rimborsi spesa forfettari) anche se relative al progetto stesso c) spese non indicate nel Piano dei costi d) spese riferite a servizi/attività iniziate e/o effettuate prima della data di presentazione della domanda di contributo e) spese per l acquisto e/o la ristrutturazione di beni immobili f) spese per l acquisto di beni mobili registrati g) spese relative all ordinario funzionamento della OdV proponente/capofila h) oneri relativi a viaggi collettivi, a spese di trasporto, vitto e alloggio non inseriti in un progetto organico i) spese relative a studi e ricerche, non finalizzate all attuazione del progetto j) spese relative a generiche attività promozionali del proponente (es. gadgets, targhe celebrative, adesivi, ecc.) k) spese di pubblicazione, duplicazione e stampa di materiale divulgativo che non sia riferito ad una azione specifica prevista dal progetto l) spese per l istituzione di premi o borse di studio in denaro m) ogni altra spesa non esplicitamente prevista nel precedente art. 8. Art. 10. EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO Le fatture, vengono pagate direttamente dal CSV FVG, pertanto devono essere intestate a: CENTRO INTERPROVINCIALE SERVIZI VOLONTARIATO FVG Viale Martelli, PORDENONE - Cod. Fiscale I pagamenti saranno effettuati tramite bonifico bancario entro 60 gg. f.m. dalla data di ricevimento da parte degli uffici amministrativi del CSV FVG, della documentazione giustificativa di spesa Le fatture, relative alle attività prestate dai fornitori/collaboratori che hanno ultimato la propria prestazione prima che il progetto sia concluso, saranno liquidate nei termini previsti dal sopra citato punto Le fatture devono riportare il n di progetto assegnato dal CSV FVG e il codice IBAN dei fornitori/collaboratori. Pag. 10/13

11 Art. 11. GESTIONE DEL PROGETTO Avvio del progetto approvato La comunicazione della data di avvio dell iniziativa (MOD 08) deve avvenire entro 60 gg dall avvenuta notifica di approvazione da parte del CSV FVG, pena la revoca del contributo. La Comunicazione di avvio attività (MOD 08) va compilato e inoltrato via o fax allo sportello territoriale di 1 livello di competenza. Sono ammesse richieste di proroga per l avvio se adeguatamente motivate Variazioni del progetto Fermo restando l importo complessivo ammesso a finanziamento del progetto, sono consentite in corso d opera complessivamente due variazioni rispetto a quanto indicato nella domanda approvata e a condizione che tali variazioni non comportino modifiche sostanziali della natura e/o delle finalità del progetto stesso. Le richieste di variazione devono essere formalizzate compilando l apposito modulo Richiesta variazioni (MOD 09) che va inoltrato via o fax allo sportello territoriale di 1 livello di competenza. Le variazioni possono riguardare esclusivamente i seguenti casi: a) sostituzione delle risorse esterne coinvolte a parità di competenze e di compenso b) sostituzione di fornitore con un altro a parità di servizio/prestazione e condizioni economiche c) proroga per la conclusione dell attività d) variazione dell importo approvato su una delle voci del Piano dei costi (MOD 03) che è stato ammesso. In ogni caso, e fermo restando l importo massimo ammesso a finanziamento del progetto, per le categoria di spesa è ammessa una variazione entro il limite massimo del 20% dell importo su ciascuna voce del Piano presentato e ammesso. Si precisa che sul Piano dei costi approvato è possibile richiedere solamente una variazione. In ogni caso, tutte le richieste di variazione, nei limiti consentiti dal presente Bando, devono attendere l approvazione amministrativa CSV FVG prima di essere messe in atto Conclusione del progetto L iniziativa deve concludersi, salvo proroga richiesta e concessa, entro 4 mesi dall avvio. Art 12. REVOCA DEL CONTRIBUTO Il progetto potrà essere revocato totalmente o in parte: - qualora il progetto approvato non venga avviato entro i termini specificati nell art qualora il progetto approvato non venga concluso entro 4 mesi dall avvio. - qualora i documenti giustificativi di spesa non siano presentati secondo le modalità e i termini specificati nel presente Bando Pag. 11/13

12 - qualora venga accertato un utilizzo non conforme dei fondi ammessi a finanziamento - qualora venga accertato che l iniziativa ammessa a finanziamento non venga erogata in forma gratuita e senza quote per la partecipazione - qualora nei documenti promozionali dell iniziativa e in tutti i materiali relativi al progetto non compaiano i loghi del CSV FVG. Art.13. RENDICONTAZIONE Le spese rendicontate devono essere conformi alle voci di costo presentate nel Piano dei costi (MOD 03) e non possono, eccedere l importo lordo deliberato e riportato nella comunicazione del CSV FVG di approvazione La rendicontazione del progetto deve essere effettuata, entro 30 gg dalla conclusione del progetto stesso. Le OdV sono tenute a presentare a titolo di rendiconto i seguenti documenti: Gli originali dei documenti di addebito dei fornitori e/o delle risorse esterne coinvolte Nel caso di prestazione occasionale la nota va accompagnata dall Autocertificazione attività di lavoro autonomo occasionale. Si ricorda che tutti i documenti di spesa devono riportare il n di progetto assegnato dal CSV FVG e il codice IBAN dei fornitori/collaboratori. Relazione iniziativa (MOD 10) con la valutazione conclusiva dei risultati raggiunti, da compilare a cura del Rappresentante Legale della OdV proponente o capofila Consuntivo Spese (MOD 11), firmato dal legale rappresentante della OdV proponente o capofila, in cui vanno indicate tutte le spese sostenute per realizzare l attività. Consuntivo spese di co-finanziamento (MOD 12), firmato dal legale rappresentante della OdV proponente o capofila. Il MOD 12 va accompagnato dalla copia documenti attestanti le spese sostenute come co-finanziamento. Tali spese, possono essere superiori ma comunque non inferiori agli importi riportati nel piano dei costi (MOD 03). Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (MOD 07) in cui i professionisti e i collaboratori coinvolti nell iniziativa autocertificano di non essere soci, volontari o dipendenti delle OdV proponenti e degli eventuali partner del progetto. Nota delle spese dei volontari (se previste nel Piano dei costi), riportanti il Codice IBAN e il numero del progetto, per ciascuno dei volontari coinvolti nell iniziativa. La nota spese, che ciascun volontario dovrà sottoscrivere, deve essere accompagnata anche da eventuali documenti giustificativi di spesa. copia del materiale prodotto (depliant, locandine, ecc.). Solo in presenza di Convenzione con il CSV FVG (art. 8), se non già prodotti, va presentata a titolo di rendiconto copia dei documenti attestanti le spese sostenute dall'associazione e copia delle contabili di pagamento. A titolo di ricevuta per la consegna della documentazione sopra elencata, alla OdV viene rilasciata copia del modulo Check list per consuntivo e rendiconto delle spese. Pag. 12/13

13 Art. 14. RESPONSABILITÀ DEL CSV FVG NEI PROGETTI APPROVATI Si precisa che il CSV FVG dovrà comunque essere ritenuto estraneo a qualsiasi rapporto e/o contratto che si dovesse instaurare tra la/le OdV i cui progetti siano stati approvati dal CSV FVG ed eventuali soggetti terzi coinvolti nella realizzazione del progetto stesso. Di conseguenza il CSV FVG non potrà essere ritenuto responsabile di alcun danno, diretto o indiretto, subito da ciascuna delle parti a titolo contrattuale o extracontrattuale, in relazione al progetto finanziato. Art. 15. OBBLIGO DI PUBBLICIZZAZIONE La documentazione promozionale, gli atti e tutti i materiali prodotti nel corso di iniziative approvate devono riportare la dicitura Con la collaborazione del Centro Servizi Volontariato del Friuli Venezia Giulia e far comparire il logo del CSV FVG I loghi sono disponibili presso gli sportelli territoriali, o scaricabili dal sito Nel caso in cui non venisse rispettato l obbligo di pubblicizzazione, il contributo concesso potrà essere revocato Il CSV FVG, inoltre, si riserva di pubblicizzare di propria iniziativa i progetti approvati nel modo in cui lo ritenga più opportuno. Pordenone, aprile 2015 Il Presidente del CSV FVG Sergio Silvestre Pag. 13/13

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014 MODULISTICA - Domanda di contributo (MOD 1) - Scheda progettuale Bando (MOD 2) - Piano dei costi (MOD 3) - Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a cura delle Odv (MOD 4) - Lettera di partenariato

Dettagli

Data pubblicazione bando: 7 luglio 2015 Data scadenza bando: 30 settembre 2015, ore 12.00

Data pubblicazione bando: 7 luglio 2015 Data scadenza bando: 30 settembre 2015, ore 12.00 Data pubblicazione bando: 7 luglio 2015 Data scadenza bando: 30 settembre 2015, ore 12.00 Termine massimo di conclusione del progetto: 31 maggio 2016 Termine massimo di presentazione della rendicontazione

Dettagli

Data pubblicazione: 3 luglio 2015 Data scadenza bando: 6 agosto 2015

Data pubblicazione: 3 luglio 2015 Data scadenza bando: 6 agosto 2015 Data pubblicazione: 3 luglio 2015 Data scadenza bando: 6 agosto 2015 Termine massimo di conclusione del progetto: 10 novembre 2015 Termine massimo di presentazione della rendicontazione finale: 25 novembre

Dettagli

BANDO IDEE PER LO SVILUPPO E PROMOZIONE TERRITORIALE DEL VOLONTARIATO

BANDO IDEE PER LO SVILUPPO E PROMOZIONE TERRITORIALE DEL VOLONTARIATO BANDO IDEE PER LO SVILUPPO E PROMOZIONE TERRITORIALE DEL VOLONTARIATO Supporto per sviluppo Eventi Anno 2016 1 ART.1 OBIETTIVI Il Centro Servizi al Volontariato della provincia di Terni nell ambito delle

Dettagli

Sviluppo e promozione territoriale del Volontariato

Sviluppo e promozione territoriale del Volontariato BANDO Sviluppo e promozione territoriale del Volontariato Supporto per sviluppo Eventi Anno 2014 Premessa L attuale situazione socio-economica, ormai non più emergenziale ma sostanzialmente stabile, richiede

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO 1. PREMESSA Con il presente avviso il CESV Centro Servizi per il Volontariato -, di seguito Centro,

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ

VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ ASSOCIAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI PER IL CENTRO DI SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ VIALE MELLUSI, 68 82100 BENEVENTO TEL.: 0824 310092 FAX.0824.359795 EMAIL:

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza

Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza Contrà Mure San Rocco, 37/A - 36100 Vicenza e-mail info@csv-vicenza.org tel. 0444 235308 - fax 0444 528488 Centro di Servizio per il Volontariato

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

Art.1 Oggetto del bando. Art.2 Progetti start up. Art.3 Progetti di sviluppo

Art.1 Oggetto del bando. Art.2 Progetti start up. Art.3 Progetti di sviluppo Art.1 Oggetto del bando Il Bando 2013 del CSV Napoli Programm Azioni Sociali è volto al sostegno della progettazione sociale delle Organizzazioni di Volontariato, di seguito OdV, della provincia di Napoli.

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Pagina 1 di 6 BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Premessa Il Centro di Servizio al volontariato CESAVO emana il presente bando finalizzato al sostegno

Dettagli

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio Centro Solidarietà e Sussidiarietà

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio per il Volontariato Asti e Alessandria, nel perseguire l obiettivo di sostenere e

Dettagli

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015 PREMESSA Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, data la presenza attiva sul territorio di Associazioni impegnate nell organizzazione e gestione di Rassegne teatrali, intende sollecitare i soggetti interessati

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO CONVENZIONE CSV/ODV ex art. 6 del Bando di Assistenza 2016 Il giorno alle ore in, presso

Dettagli

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

BANDO AGENZIE DI CITTADINANZA 2015

BANDO AGENZIE DI CITTADINANZA 2015 BANDO AGENZIE DI CITTADINANZA 2015 Premessa Il Protocollo d Intesa tra Comune di Napoli e CSV Napoli approvato con Deliberazione di G.M. n.1278 del 01/03/12 ha dato vita alla prima sperimentazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

Istruzioni per la gestione e rendicontazione dei progetti Bandi 2010

Istruzioni per la gestione e rendicontazione dei progetti Bandi 2010 Istruzioni per la gestione e rendicontazione dei progetti Bandi 2010 I riferimenti degli sportelli del CSV per richieste di chiarimento e per la consegna dei documenti sono i seguenti: Luogo Indirizzo

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI SOLIDARIETA LOCALE ANNO 2015

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI SOLIDARIETA LOCALE ANNO 2015 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI SOLIDARIETA LOCALE ANNO 2015 Venezia - Mestre, 23 dicembre 2015 Bando per il finanziamento di progetti di Solidarietà Locale anno 2015 1 A. PREMESSA 1. Il Centro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (d ora in poi denominato CSVSN) nell ambito delle proprie attività intende completare il proprio piano

Dettagli

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DEI SERVIZI

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DEI SERVIZI CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DEI SERVIZI 1. Campo di applicazione Il presente Regolamento ha per oggetto la gestione economica, anche in riferimento ai

Dettagli

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie Prot. n. 20905 del 07/03/2007 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI PROMOSSE DA CITTADINI STRANIERI PER LA REALIZZAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE LE SETTIMANE DEL MIGRANTE ATTO DI G.P.117

Dettagli

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA pro Bando per il sostegno di progetti a favore dei Centri Sociali per anziani della provincia di Milano (D.G.P. atti n. 283290 13.3\2008\405 /2008 del /12/2008) ART. 1. - OGGETTO La Provincia di Milano

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152 BANDO PROMOZIONE Programma operativo 2014 www.csvbasilicata.it p. 1 di 18 INDICE Art. 1 Finalità del Bando... 3 Art. 2 Oggetto delle proposte progettuali... 3 Art. 3 Destinatari e termini di presentazione

Dettagli

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO D VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA 1 Principi

Dettagli

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 WWW.CSVROVIGO.IT Centro di Servizio per il Volontariato di Rovigo CSV 2 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI 1. INTRODUZIONE Il Centro

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE Nell ambito del convegno nazionale La figura del tutor all

Dettagli

GETTIAMO LE RETI ANNO 2012 2013

GETTIAMO LE RETI ANNO 2012 2013 PROPOSTE PER MICROPROGETTAZIONI PARTECIPATE GETTIAMO LE RETI ANNO 2012 2013 Corso Europa, 239 83100 Avellino tel. +39 0825 786108 fax +39 0825 679596 C. F. 90009030645 - info@irpiniasolidale.it www.irpiniasolidale.it

Dettagli

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili Bando per il finanziamento di interventi edilizi da realizzare su strutture a sostegno dei centri di aggregazione giovanile. Art. 24 della legge regionale 22 marzo 2012 n. 5 (Legge per l autonomia dei

Dettagli

deve pervenire in originale, consegnata a mano, entro il termine di 30 giorni

deve pervenire in originale, consegnata a mano, entro il termine di 30 giorni Bando per il finanziamento di interventi edilizi da realizzare su strutture a sostegno dei centri di aggregazione giovanile. Art. 24 della legge regionale 22 marzo 2012 n. 5 (Legge per l autonomia dei

Dettagli

PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE

PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE FINALITÀ Gli ambiti di intervento per i quali possono essere presentate le proposte progettuali sono: 1. la prevenzione e il contrasto al disagio giovanile

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO ART. 1 OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento è volto a sostenere le iniziative di promozione del volontariato organizzate

Dettagli

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali pubblicato il 29 gennaio 2016 budget complessivo: 80.000 euro termine per la presentazione dei progetti: 15 aprile 2016 contenuti:

Dettagli

Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE

Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE APRILE 2016 Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 SOMMARIO COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE 1. Ruolo della Non Profit Network - CSV

Dettagli

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AI SERVIZI TERRITORIALI ED ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Dettagli

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1 SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER GLI ENTI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO ART. 1 - FINALITÀ... 2 ART. 2

Dettagli

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche (Allegato al Decreto n. 762/LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015) Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche Art.

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Premessa Nel rispetto delle direttive del Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato e della normativa vigente,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

BANDO 2014. Obiettivi

BANDO 2014. Obiettivi BANDO 2014 Obiettivi La Fondazione persegue esclusivamente fini di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico del territorio e, tenuto conto delle risorse disponibili, realizza la propria

Dettagli

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA BANDO 2015 METTI IN CIRCOLO L ENERGIA Diamo energia ai migliori progetti non profit per il sociale La Fondazione di Comunità ONLUS è un ente no profit che nasce per una scelta dei 28 Comuni e dell Azienda

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. finanziamento di idee progettuali

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. finanziamento di idee progettuali FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014 finanziamento di idee progettuali nel settore rilevante c) salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa * * * ART.1 PREMESSE La Fondazione

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Bando per la concessione di contributi

Bando per la concessione di contributi Allegato A 2015 Bando per la concessione di contributi L Assessorato alle Politiche scolastiche e giovani intende promuovere la realizzazione di iniziative a favore del protagonismo giovanile attraverso

Dettagli

La gestione finanziaria dei progetti

La gestione finanziaria dei progetti Progettazione sociale ed europea per le Associazioni Culturali La gestione finanziaria dei progetti Torino 18 Marzo 2014 1 Pianificazione economico finanziaria Uno dei momenti della pianificazione è la

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA FORMATIVE DELLE RETI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO ATTIVITA FORMATIVE DELLE RETI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO ATTIVITA FORMATIVE DELLE RETI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO 1 1. Premessa Nell ambito delle proprie attività, il Centro di Servizio per il Volontariato Etneo (CSVE) intende sostenere

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI ED IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI URBANI L.R.52/00 e s.m.i. 1. FINALITA In esecuzione

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI E DI RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER L ANNO 2015 EMANATO IL 26 FEBBRAIO 2015 SETTORI INTERESSATI:

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI E DI RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER L ANNO 2015 EMANATO IL 26 FEBBRAIO 2015 SETTORI INTERESSATI: 1 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI E DI RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER L ANNO 2015 EMANATO IL 26 FEBBRAIO 2015 SETTORI INTERESSATI: - ARTE, ATTIVITA E BENI CULTURALI - VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R.

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R. BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R. 9/90) Annualità 2014 (anno scolastico 2015-2016) 1 Premessa Con deliberazione n. 86/2013

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

BANDO DI IDEE PER LA PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO

BANDO DI IDEE PER LA PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO BANDO DI IDEE PER LA PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO 1 PREMESSA Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (di seguito indicato con CSVSN) prosegue le iniziative a sostegno delle Organizzazioni di Volontariato

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000.

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. Art. 1 Principi generali -------------------------------

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive MANIFESTAZIONE DI INTERESSE per la concessione di contributi a sostegno della partecipazione ad iniziative e programmi promozionali di cui alla legge regionale

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELL'INIZIATIVA

1. DESCRIZIONE DELL'INIZIATIVA IL COMUNE DI CREMONA SERVIZIO POLITICHE GIOVANILI PROMUOVE IL BANDO THINK TOWN seconda edizione per l assegnazione di contributi a gruppi ed associazioni giovanili per la realizzazione di progetti innovativi

Dettagli

Manuale di rendicontazione Bandi Lavoro e occupabilità Valorizzazione della Creatività e dei Talenti AggregAzione 2.0

Manuale di rendicontazione Bandi Lavoro e occupabilità Valorizzazione della Creatività e dei Talenti AggregAzione 2.0 La rendicontazione Manuale di rendicontazione Bandi Lavoro e occupabilità Valorizzazione della Creatività e dei Talenti AggregAzione 2.0 E il processo con cui si rende conto delle spese effettivamente

Dettagli