Il RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA"

Transcript

1 Il RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (a cura del Dipartimento Politiche Sociali) 1. Premessa Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (r.l.s.), insieme al responsabile del servizio di prevenzione e protezione e al medico competente, è uno dei soggetti chiamati a svolgere un ruolo di rilievo nel sistema di prevenzione introdotto dal d.lgs. n.626/1994 e successive modifiche. In realtà non si tratta di una figura del tutto nuova avendo un autorevole, quanto poco diffuso precedente, nelle rappresentanze di cui all'art.9, dello Statuto dei lavoratori. E' noto peraltro come nell'esperienza italiana le rappresentanze specifiche per la sicurezza previste nello Statuto siano state per lo più assorbite dagli organismi di rappresentanza sindacale. La nuova normativa, pur confermando lo stretto legame con le rappresentanze sindacali, attribuisce tuttavia al r.l.s. una funzione consultiva/propositiva, finalizzata ad una soluzione partecipata dei problemi, assai diversa dal tradizionale ruolo negoziale. La novità del d.lgs.n.626/94 è quella di aver reso obbligatoria la presenza di un soggetto che rappresenti i lavoratori e al quale vengono riconosciute una serie di attribuzioni in materia di salute e sicurezza, con le stesse tutele previste dalla legge pere le rappresentanze sindacali. La figura del r.l.s. trova la sua fonte di regolamentazione principalmente negli articoli 18 e 19 del decreto e nelle intese collettive che, specie a livello interconfederale e nazionale di categoria, sono via via intervenute per quasi tutti i settori produttivi. E' da dire peraltro che oltre ai luoghi di lavoro il modello partecipativo che caratterizza la nuova normativa sulla sicurezza trova un ulteriore riscontro a livello territoriale nella costituzione di organismi paritetici tra le parti sociali, ai quali sono affidate delicate funzioni (orientamento e promozione di iniziative formative e prima istanza di riferimento in merito a controversie sorte sull'applicazione dei diritti di rappresentanza, informazione e formazione)e la cui attività nei prossimi mesi sarà un interessante indicatore dell'effettiva capacità di gestione sindacale della materia. 2.L'individuazione della rappresentanza per la sicurezza Il decreto 626 opera una sorta di compromesso tra le diverse opzioni emerse nel dibattito che lo ha preceduto, in relazione all'individuazione del soggetto (i lavoratori o il sindacato) al quale demandare la nomina del r.l.s. e alla collocazione di quest'ultimo all'interno o all'esterno delle rappresentanze sindacali aziendali. E' infatti previsto da un lato che il r.l.s. sia "eletto o designato dai lavoratori" e dall'altro, almeno nelle realtà di certe dimensioni o comunque laddove sia definita una presenza del sindacato, sia scelto "nell'ambito delle rappresentanze sindacali"(3). Ma procediamo con ordine: il legislatore distingue due aree applicative; la prima con riguardo alle unità produttive che occupano fino a 15 dipendenti; la seconda relativa alle unità produttive con un numero di dipendenti pari o superiore a 16.

2 Nelle aziende, o unità produttive, fino a 15 dipendenti, il r.l.s. "è eletto direttamente dai lavoratori al loro interno". Egli "può essere individuato per piu' aziende nell'ambito territoriale ovvero del comparto produttivo" ed inoltre "può essere di norma eletto dai lavoratori. (Tale orientamento è previsto dal nuovo Testo unico. In precedenza poteva essere designato dalle rappresentanze sindacali come definito dalla contrattazione di riferimento) Ciò significa che nelle realtà produttive di minori dimensioni è da considerare prevalente la diretta volontà dei lavoratori. La rappresentanza territoriale, così come quella di comparto, è infatti prevista dal legislatore solo come una possibilità. Stessa possibilità è disposta per l elezione del r.l.s. nell'ambito delle rappresentanze sindacali, previsione che parrebbe propriamente riferibile ai fini della scelta della rappresentanza territoriale o di comparto, in corrispondenza con l'assetto legislativo vigente che prevede la presenza di rappresentanze sindacali solo nelle unità produttive con piu' di 15 dipendenti (non a caso nel 2 comma, dell'art.18, il riferimento è alle "rappresentanze sindacali" e non alle "rappresentanze sindacali in azienda"). Ciò non esclude peraltro che laddove una rappresentanza sindacale aziendale sia comunque costituita, il r.l.s. possa essere scelto nell'ambito di questa stante il tendenziale legame tra rappresentanza specifica per la sicurezza e rappresentanza sindacale. Un criterio diverso è invece utilizzato dal legislatore per le aziende, o unità produttive, con più di 15 dipendenti. In tal caso infatti è stabilito un necessario collegamento tra rappresentanze per la sicurezza e rappresentanza sindacale, dovendo il r.l.s. essere "eletto o designato dai lavoratori nell'ambito delle rappresentanze sindacali in azienda" (o in loro assenza, eletto dai lavoratori al loro interno)(art.18, 3 comma). L'espressione ha dato origine a numerose questioni interpretative. Si è segnalata in primo luogo l'ambiguità del termine "designazione" giustapposto al termine "elezione". Il fatto che tale procedura implichi la presenza di un soggetto diverso dalla collettività dei lavoratori, titolare del potere di indicare il r.l.s. e che sia inoltre richiamata solo laddove esistano rappresentanze sindacali, non sembra sufficiente a fugare ogni dubbio. Al di là delle riserve sull'adeguatezza del termine "designazione", la scelta definitiva dovrà comunque essere rispettosa della volontà dei lavoratori. Non si potrebbe dunque procedere alla designazione del r.l.s. ad opera delle rappresentanze sindacali senza l'accettazione di tale nominativo da parte dei lavoratori. Uno dei punti su cui si è maggiormente incentrato il dibattito nei mesi immediatamente successivi all'emanazione del d.lgs. n.626/1994 e che ha trovato una soluzione negli accordi sindacali, è stato quello del carattere aggiuntivo o meno del r.l.s., con permessi e monte ore specifico, rispetto alle r.s.u., venendo così ad interpretarsi l'inciso "nell'ambito delle rappresentanze sindacali in azienda". La legge è comunque sufficientemente chiara nel rinviare tutta la materia alla contrattazione collettiva. Prevede infatti l'art.18, 4 comma, del decreto 626, che "il numero, le modalità di designazione o di elezione del rappresentante per la sicurezza, nonchè il tempo di lavoro retribuito e gli strumenti per l'espletamento delle funzioni, sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva", fermo restando il numero minimo di r.l.s., fissato dal legislatore in base alle dimensioni aziendali.

3 Il rinvio operato alla disciplina contrattuale è peraltro da intendere in senso lato, a qualsiasi livello di contrattazione; nonostante infatti quanto in senso contrario possa desumersi dalla lettura del 5 comma, dell'art.18 (11), laddove il legislatore avesse voluto far riferimento ad uno specifico livello contrattuale, lo avrebbe espressamente detto, come ha in effetti disposto in relazione ad altri ambiti di intervento del r.l.s.). Alla contrattazione collettiva è dunque affidata tra l'altro la definizione delle modalità di designazione o di elezione del r.l.s. Rilevante conseguenza della disposizione in esame è quella secondo la quale un'organizzazione sindacale che non sia parte di un accordo, anche aziendale, in materia, non potrà partecipare alla scelta del r.l.s. a meno che non accetti le regole inerenti le modalità di elezione/designazione da altri stabilite. Ulteriore e connesso aspetto è che l'iniziativa per indire le elezioni può essere assunta solo dai soggetti e secondo le procedure previste dagli accordi collettivi. 3. La rappresentanza territoriale Alcuni accordi collettivi considerano, per le imprese di minori dimensioni, la scelta della rappresentanza territoriale una possibilità accanto alla elezione diretta del r.l.s., rifacendosi al testo legislativo(13), o addirittura la via preferenziale in quanto sistema "piu' adeguato alla realtà delle piccole imprese"(14). Le imprese al di sotto dei 16 dipendenti sono quelle meno sindacalizzate e dove probabilmente è piu' difficile esercitare le funzioni di r.l.s. con la necessaria autonomia dal datore di lavoro. Il che spiega anche le diffidenze di una parte del mondo imprenditoriale verso forme di rappresentanza territoriale. Il modello in esame si giustifica peraltro, nei settori in cui esso dovrà trovare applicazione, caratterizzati da un'estrema frantumazione delle realtà produttive, per la difficoltà di uno stesso soggetto di ricoprire ruoli diversi ai fini della sicurezza. Si pensi ad un'impresa artigiana o ad un esercizio commerciale con un solo dipendente nel quale si deve individuare il r.l.s., l'addetto alla gestione delle emergenze,se non anche il responsabile del servizio di prevenzione. La disciplina collettiva dà peraltro adito ad alcune perplessità. 4. Le attribuzioni del r.l.s., in particolare: l'accesso ai luoghi di lavoro,la consultazione, l'informazione e la formazione I poteri del r.l.s. sono principalmente elencati nell'art.19, 1 comma del decreto. Essi riguardano:il diritto di accesso ai luoghi di lavoro; di consultazione; di informazione e formazione; di formulare proposte e osservazioni; di richiedere l'intervento delle autorità competenti qualora non si ritengano sufficienti le misure adottate dal datore di lavoro. Tali prerogative non fanno altro che esplicitare quanto già contenuto nell'art.9, St.lav. Le intese collettive definiscono ulteriormente le funzioni del r.l.s., da un lato rapportandole ad un maggior rispetto delle esigenze produttive (comunicazione preventiva delle visite ai luoghi di lavoro, salvaguardia del segreto industriale, controfirma dei verbali di avvenuta consultazione), dall'altro specificandone gli aspetti inerenti alla consultazione, all'informazione e alla formazione.

4 Per quanto riguarda l'accesso ai luoghi di lavoro ai fini dell'applicazione delle misure di sicurezza (art.19, 1 comma, lett.a), si può richiamare quanto già elaborato da dottrina e giurisprudenza in riferimento alla prima parte dell'art.9, st.lav. Tale diritto non è cioè subordinato al preventivo assenso del datore di lavoro e, in mancanza di vincoli procedurali stabiliti in sede di contrattazione collettiva, incontra i soli limiti posti dall'ordinamento per impedire forme illegittime di esercizio dello stesso. Il "rispetto delle esigenze produttive", contemplato dalla disciplina collettiva, non può inoltre tradursi in una formula astratta dietro la quale possa trincerarsi il datore di lavoro per ostacolare l'attività del r.l.s. dovendo egli dimostrare l'esistenza di tali esigenze. La regolamentazione collettiva prevede peraltro la segnalazione preventiva delle visite. Più in generale è da dire che l'utilizzo dei permessi da parte del r.l.s. deve comunque essere comunicato alla direzione aziendale con un periodo di preavviso che, laddove non espressamente indicato dalla contrattazione collettiva, è da ritenersi stabilito in 24 ore, in analogia a quanto previsto dall'art.23, ultimo comma, St. lav., per i permessi sindacali retribuiti. La presenza del datore di lavoro, o di chi per esso, alle operazioni di controllo, ammessa dalla dottrina prevalente laddove non si traduca in un impedimento, trova riscontro nella disciplina contrattuale. Non pare peraltro che il datore di lavoro possa opporre l'esigenza del segreto industriale, stante il particolare bene protetto e cioè la salute, bene tutelato dall'art.32, Cost., fermo restando l'obbligo del rispetto di tale segreto per i soggetti esercitanti l'attività di controllo. Per i r.l.s. tale obbligo è, tra l'altro, espressamente sancito dall 'art.9, 3 comma, del decreto. Si è comunque persa una buona occasione per una più compiuta regolamentazione di tale aspetto. Il diritto di accesso ai luoghi di lavoro è garantito sul piano penale indirettamente tramite il riferimento all'art.4, 5 comma, lett.m), del decreto. Oltre ai luoghi di lavoro il r.l.s.,per l'espletamento delle sue funzioni, ha diritto all' accesso ai documenti aziendali sia di carattere generale (documento sulla valutazione dei rischi e registro degli infortuni con il nuovo Teswto Unico devono essere consegnati ai RLS)(art.19, 5 comma), sia relativi a specifici agenti di rischio (art.70,1 comma, per gli agenti cancerogeni; art.76, 4 comma e 78, 6 comma, per gli agenti biologici). La consultazione del r.l.s. è prevista nel decreto in relazione agli aspetti maggiormente significativi per la sicurezza: la valutazione dei rischi; la designazione degli addetti al servizio di prevenzione e alla gestione delle emergenze; l'organizzazione della formazione(art.19, 1 comma, lettere b),c),d) (21). Anche la designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione è soggetta alla previa consultazione del r.l.s. per espressa previsione dell'art.8, 2 e 6 comma(22). La consultazione si esprime nella obbligatoria richiesta di un parere che tuttavia non è vincolante per il datore di lavoro. La decisione finale e la relativa responsabilità, anche sul piano penale, spetta infatti al datore di lavoro. Il r.l.s. non può dunque considerarsi "corresponsabile" per effetto del parere espresso.

5 Aspetto di interesse è la procedura da seguire per la consultazione. La consultazione infatti presuppone una fase precedente e cioè l'informazione e richiede la disponibilità da parte del r.l.s. di un tempo congruo per poter esprimere il parere (23). In assenza di tali elementi l'obbligo di consultazione non può dirsi pienamente adempiuto. La violazione dell'obbligo in esame è penalmente sanzionata a carico del datore di lavoro e dei dirigenti. La mancata elezione o designazione del r.l.s. non solleva comunque il datore di lavoro dall'obbligo di assolvere, nei tempi stabiliti del decreto, agli adempimenti che presuppongono la consultazione del r.l.s. La contrattazione collettiva interconfederale ha talora previsto che in mancanza di r.l.s., in via transitoria, le procedure di consultazione si svolgano con le rappresentanze sindacali presenti in azienda. Il r.l.s. ha inoltre diritto a "ricevere le informazioni e la documentazione aziendale inerente la valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative", nonchè quelle concernenti, tra l'altro, l'organizzazione e gli ambienti di lavoro (art.19, 1 comma, lett.e). La disposizione richiama, non senza qualche elemento di ambiguità, la nuova formulazione dell'art.4, 5 comma, lett.m), che "consente al rappresentante per la sicurezza di accedere alle informazioni ed alla documentazione aziendale di cui all'art.19, comma 1, lettera e)". Se il r.l.s. deve infatti ricevere le informazioni e la documentazione aziendale inerente tra l'altro la valutazione dei rischi, non molto chiara appare la previsione di garantirne l'accesso (Altra cosa è peraltro il diritto di accesso al "documento", e non alla "documentazione", sulla valutazione dei rischi, di cui all'art.4, 2 e 3 comma, stabilito dall'ultimo comma dell'art.19). La violazione dell'art.4, 5 comma, lett.m), nella nuova versione stabilita dal d.lgs. n.242/1996, è penalmente sanzionata a carico del datore di lavoro, dei dirigenti e dei preposti (26). Il r.l.s. ha anche diritto a una "formazione adeguata, comunque non inferiore a quella prevista dall'art.22" (art.19, 1 comma, lett.g). La formazione particolare del r.l.s. deve concernere la normativa in materia di salute e sicurezza e i rischi specifici esistenti nel proprio ambito di rappresentanza ed essere tale da assicurargli adeguate tecniche di controllo e prevenzione dei rischi stessi (art.22,4 comma). A sostegno dunque del ruolo partecipativo del r.l.s., al quale come si è visto, è attribuito un potere di proposta e di consultazione su aspetti significativi ai fini della sicurezza. Le ore dedicate alla formazione sono aggiuntive rispetto a quelle previste per l'espletamento delle funzioni. Le modalità ed i contenuti specifici della formazione del r.l.s. sono demandati alla contrattazione collettiva nazionale di categoria nel rispetto dei contenuti minimi eventualmente definiti tramite decreto ministeriale(art.18, ultimo comma). La materia è regolta dalle intese collettive che fissano in genere a 32 ore, il tempo dedicato alla formazione del r.l.s., precisando anche i contenuti del programma base (conoscenze generali sulla normativa; sui rischi e sulle relative misure di prevenzione; sulle metodologie di valutazione dei rischi; sulle metodologie minime di comunicazione).

6 La formazione dei lavoratori e quella dei loro rappresentanti deve avvenire "durante l'orario di lavoro e non può comportare oneri economici a carico dei lavoratori"(27). Essa inoltre deve svolgersi in collaborazione con gli organismi paritetici territoriali ai quali il decreto, all'art.20, attribuisce tra l'altro, funzioni di orientamento e promozione di iniziative formative per i lavoratori (art.22, 6 comma). L'obbligo di assicurare una formazione nei termini sopra precisati è posto a carico del datore di lavoro e del dirigente (28), anche se non è chiara l'esclusione della sanzione in riferimento al sesto comma dell'art.22, che come detto stabilisce l'importante principio che la formazione dei lavoratori e quella dei loro rappresentanti deve avvenire durante l'orario di lavoro e senza oneri economici per i lavoratori. 4. La responsabilità del r.l.s. Si è visto come il ruolo del r.l.s. sia quello di "rappresentare (e tutelare) i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro"(cfr.art.2, lett.f), del d.lgs. n.626/1994). Le sue funzioni non possono pertanto essere assimilate o confuse, come è talora avvenuto, con quelle del preposto, chiamato a svolgere un ruolo di sorveglianza circa il rispetto delle norme antinfortunistiche da parte dei lavoratori. Il r.l.s. potrà in sostanza avvertire il lavoratore in merito agli obblighi concernenti la sicurezza e alle eventuali sanzioni a cui può andare incontro, ma non sarà certo tenuto a richiedere l'osservanza dei comportamenti dovuti nè tanto meno potrà esssere considerato responsabile riguardo ad essi. E' da rilevare che il decreto opportunamente non pone sanzioni penali a carico del r.l.s.. In primo luogo per non scoraggiare l'assunzione di tale incarico, ma anche sulla base della considerazione che perfino la consultazione, che rappresenta la forma più avanzata di partecipazione prevista dal decreto, implica comunque che la decisione finale, e quindi la relativa responsabilità, spetti al datore di lavoro. Ciò non toglie che il r.l.s. non sia responsabile su un piano più generale, politico e morale, nei confronti dei lavoratori e degli altri soggetti coinvolti, in merito all'esercizio delle funzioni che gli sono attribuite. Da qui la necessità di una sua adeguata preparazione anche sul piano tecnico (si pensi per tutte al parere che il r.l.s. deve dare in merito alla valutazione dei rischi). Resta comunque, al di fuori della responsabilità prevenzionale, l'eventuale corresponsabilità, come qualsiasi altro soggetto, per colpa o per dolo, in caso di infortunio. Laddove cioè si dimostri un nesso di causalità tra le lesioni subite ed il comportamento colposo o doloso del r.l.s.

Il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza

Il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza Il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza Sommario RLS RLS - La situazione antecedente il D.Lgs. 626/94 RLS - Nomina RLS - Ruolo e modalità operative RLS - Organismi paritetici RLS - Aziende fino

Dettagli

Obiettivi del modulo formativo. La gestione della riunione periodica e relative modalità di svolgimento. Programma del modulo formativo (1/3)

Obiettivi del modulo formativo. La gestione della riunione periodica e relative modalità di svolgimento. Programma del modulo formativo (1/3) Obiettivi del modulo formativo Corso di aggiornamento per rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza La gestione della riunione periodica e relative modalità di svolgimento IFOA 9 ottobre 2013 Richiamare

Dettagli

Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro

Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro SCHEMA LEGGE 626/1994 Per ogni migliore e più completa informazione è utile fare riferimento al testo della legge Obblighi del Datore di

Dettagli

QUESITO APPLICABILE * LIVELLO DI ATTUAZIONE

QUESITO APPLICABILE * LIVELLO DI ATTUAZIONE IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) QUESITO APPLICABILE * LIVELLO DI ATTUAZIONE 1 E' chiaro al datore di lavoro che qualunque sia la dimensione dell'organizzazione deve essere eletto

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE NEL CCNL COMPARTO SCUOLA: DISPOSIZIONI CONTRATTUALI DI RIFERIMENTO

LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE NEL CCNL COMPARTO SCUOLA: DISPOSIZIONI CONTRATTUALI DI RIFERIMENTO LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE NEL CCNL COMPARTO SCUOLA: DISPOSIZIONI CONTRATTUALI DI RIFERIMENTO CCNI DEL 31.8.1999 TUTELA DELLA SALUTE NELL AMBIENTE DI LAVORO Art. 57 - Finalità 1. Al fine di assicurare

Dettagli

La figura del RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) IN AZIENDA quali prospettive di collaborazione

La figura del RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) IN AZIENDA quali prospettive di collaborazione La figura del RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) IN AZIENDA quali prospettive di collaborazione Riferimenti normativi Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81: cd TESTO UNICO SULLA SALUTE

Dettagli

4. Essere informati sui rischi e le misure necessarie per ridurli o eliminarli;

4. Essere informati sui rischi e le misure necessarie per ridurli o eliminarli; Lezione 3 Le attribuzioni del Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza Il diritto alla salute Abbiamo già sottolineato che il beneficiario ultimo del testo unico è la figura del lavoratore. La cui

Dettagli

1.2. Le parti opereranno una prima verifica alla scadenza di 6 mesi dalla firma, mentre quelle successive avverranno a richiesta di una delle parti.

1.2. Le parti opereranno una prima verifica alla scadenza di 6 mesi dalla firma, mentre quelle successive avverranno a richiesta di una delle parti. PROTOCOLLO D INTESA TRA AGCI, CCI, LEGACOOP E CGIL, CISL, UIL PER L APPLICAZIONE DEL D.LGS. 19.9.94 N. 626 (CONCERNENTE IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO)

Dettagli

IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Senza entrare troppo nei dettagli che meglio vedremo più avanti, bisogna a questo punto focalizzare l attenzione sugli strumenti che, come operatori e/o

Dettagli

D. LGS 81/2008. Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

D. LGS 81/2008. Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza D. LGS 81/2008 I RAPPORTI CON I RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza 1. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è istituito a livello territoriale o di

Dettagli

D. Lgs. 81 del 9.4.2008

D. Lgs. 81 del 9.4.2008 Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Dipartimento di Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO D. Lgs. 81 del 9.4.2008 (S.O. n. 108 - G.U. n. 101 del 30-4-2008) Il Rappresentante

Dettagli

Giornate RLS 2008-2009. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALLA LUCE DEL D. Lgs n n 81/ 2008 organizzato da:

Giornate RLS 2008-2009. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALLA LUCE DEL D. Lgs n n 81/ 2008 organizzato da: Giornate RLS 2008-2009 2009 IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALLA LUCE DEL D. Lgs n n 81/ 2008 organizzato da: A cura degli SPSAL delle Zone Territoriali 9 Macerata e 7 Ancona 1 CHI È

Dettagli

VERBALE Dl ACCORDO ELEZIONI RLS

VERBALE Dl ACCORDO ELEZIONI RLS VERBALE Dl ACCORDO ELEZIONI RLS Il giorno 18 dicembre 1996 presso la sede della Confederazione Generale dell'agricoltura Italiana (Confagricoltura) in Roma, Corso Vittorio Emanuele 101, tra la Confederazione

Dettagli

Centro studi dei Consulenti del Lavoro della provincia di Messina

Centro studi dei Consulenti del Lavoro della provincia di Messina Centro studi dei Consulenti del Lavoro della provincia di Messina Guida rapida all adempimento in scadenza il prossimo 16 maggio 2009 DLGS 81/2008 LA NOMINA DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

Dettagli

Ruolo primario dei Ccnl per la definizione del tempo di lavoro retribuito del Rls

Ruolo primario dei Ccnl per la definizione del tempo di lavoro retribuito del Rls I permessi retribuiti del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Mario Gallo Docente di Diritto del lavoro nell Università degli Studi di Cassino Le novità della disciplina sui permessi retribuiti

Dettagli

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA CONVOCAZIONE ASSEMBLEA Con la presente si convoca l assemblea generale dei lavoratori per il giorno / / alle ore : presso la sede legale dell azienda sita in Via n a ( ) per discutere e re in merito ai

Dettagli

8 ottobre 2010 Sicurezza Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

8 ottobre 2010 Sicurezza Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Chiarimenti 8 ottobre 2010 Sicurezza Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nel Decreto Legislativo 81/2008, e sue successive modifiche ed

Dettagli

protagonisti rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

protagonisti rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info I soggetti protagonisti Il ruolo del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza RESPONSABILITA nel diritto (DEVOTO OLI) SITUAZIONE NELLA QUALE UN SOGGETTO GIURIDICO

Dettagli

2 aprile 2010 Sicurezza: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

2 aprile 2010 Sicurezza: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Chiarimenti 2 aprile 2010 Sicurezza: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.) nel D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Questo soggetto della prevenzione

Dettagli

Entro il 16.08.2009 (a seguito di proroga) le organizzazioni con Rappresentanti dei Lavoratori

Entro il 16.08.2009 (a seguito di proroga) le organizzazioni con Rappresentanti dei Lavoratori Studio Commerciale Associato Balestieri - Galdenzi Data: 21 luglio 2009 Circolare: 17/2009 Argomento: RESPONSABILE SICUREZZA Destinatari: Clienti in indirizzo Dott. Paolo Balestieri Dottore Commercialista

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 22 giugno 1995 il rappresentante per la sicurezza tra CONFINDUSTRIA e CGIL, CISL e UIL. Parte prima

ACCORDO INTERCONFEDERALE 22 giugno 1995 il rappresentante per la sicurezza tra CONFINDUSTRIA e CGIL, CISL e UIL. Parte prima ACCORDO INTERCONFEDERALE 22 giugno 1995 il rappresentante per la sicurezza tra CONFINDUSTRIA e CGIL, CISL e UIL Parte prima 1. Il rappresentante per la sicurezza L'art. 18 - il cui comma 1 contiene l'enunciazione

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

Sicurezza e salute dei lavoratori

Sicurezza e salute dei lavoratori Sicurezza e salute dei lavoratori Il giorno, 12 marzo 1997, in Roma tra - l Associazione fra le Casse di Risparmio Italiane (ACRI) - l Associazione Sindacale fra le Aziende del Credito (ASSICREDITO) e

Dettagli

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Guida. alla sua Nomina, alle sue Funzioni e alla sua Formazione

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Guida. alla sua Nomina, alle sue Funzioni e alla sua Formazione Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Guida alla sua Nomina, alle sue Funzioni e alla sua Formazione Ma chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza? E il soggetto eletto o designato

Dettagli

Essere competenti per essere utili. Coordinamento dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, la Salute, l Ambiente UIL SGK dell Alto Adige

Essere competenti per essere utili. Coordinamento dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, la Salute, l Ambiente UIL SGK dell Alto Adige Essere competenti per essere utili Coordinamento dei Rappresentanti dei Lavoratori, la Salute, l Ambiente UIL SGK dell Alto Adige E ASSOLUTAMENTE VIETATO FARSI MALE O MORIRE DURANTE IL LAVORO. I TRASGRESSORI

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE di PESCARA

AZIENDA SANITARIA LOCALE di PESCARA AZIENDA SANITARIA LOCALE di PESCARA Regolamento Aziendale disciplinante modalità di designazione ed attribuzioni del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS -, Via Renato Paolini 47, 65124 Pescara

Dettagli

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS)

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) 1 di 6 VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (ai sensi dell'art. 47 del D.Lgs 9/04/2008, n. 81 e ss.mm.ii.). Il sottoscritto sig. in qualità di segretario di seggio

Dettagli

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Indice Un ruolo da costruire Messa a norma Sistema di gestione Modello di prevenzione

Dettagli

Norme per l'applicazione del Dlgs 626/94 e s.m.i. Protocollo Sindacale per l'attuazione del disposto del Decreto Legislativo 626/94 e s.m.i.

Norme per l'applicazione del Dlgs 626/94 e s.m.i. Protocollo Sindacale per l'attuazione del disposto del Decreto Legislativo 626/94 e s.m.i. Allegato 2 Norme per l'applicazione del Dlgs 626/94 e s.m.i. Protocollo Sindacale per l'attuazione del disposto del Decreto Legislativo 626/94 e s.m.i. TITOLO I - AZIENDE SINO A 15 DIPENDENTI - Art. 1

Dettagli

CPNA Comitato Paritetico Nazionale Artigiano

CPNA Comitato Paritetico Nazionale Artigiano Gli Organismi Paritetici CPNA Comitato Paritetico Nazionale II decreto Legislativo 626/94 e le successive modificazioni apportate nel 1996 hanno attribuito al sistema della bilateralità numerose competenze

Dettagli

Presso la sede dell Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento. tra

Presso la sede dell Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento. tra In data 21 ottobre 2003 Presso la sede dell Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento tra L Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento, rappresentata dal

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 1 Caratteri generali del Testo Unico sulla Salute

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50 Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50 Beppe Baffert USR CISL Piemonte . Nelle aziende con più di 15 lavoratori il RLS è eletto,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO COMPITI DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (D. Lgs. 81/08) 1. Fatto salvo quanto

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 27 ottobre 1995

ACCORDO INTERCONFEDERALE 27 ottobre 1995 ACCORDO INTERCONFEDERALE 27 ottobre 1995 tra CONFAPI e CGIL, CISL e UIL Parte prima Ruolo, compiti e funzioni degli organismi bilaterali 1) Ente bilaterale nazionale Entro il 25 novembre 1995 all'interno

Dettagli

LE CORRETTE RELAZIONI TRA RLS E GERARCHIA AZIENDALE COME SOLUZIONE AI PROBLEMI E ALLE CRITICITÀ RILEVATE

LE CORRETTE RELAZIONI TRA RLS E GERARCHIA AZIENDALE COME SOLUZIONE AI PROBLEMI E ALLE CRITICITÀ RILEVATE LE CORRETTE RELAZIONI TRA RLS E GERARCHIA AZIENDALE COME SOLUZIONE AI PROBLEMI E ALLE CRITICITÀ RILEVATE L. Morisi 15 maggio 2015 PREMESSA LE DIVERSE RELAZIONI La normativa nel corso degli ultimi venti

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA ELEZIONE ED ATTRIBUZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DEL COMPARTO DELLA ASL VITERBO

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA ELEZIONE ED ATTRIBUZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DEL COMPARTO DELLA ASL VITERBO REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA ELEZIONE ED ATTRIBUZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DEL COMPARTO DELLA ASL VITERBO REVISIONE DATA 0 15.06.2004

Dettagli

Comunicazione ai lavoratori in merito alla possibilità di eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Informa i Lavoratori che:

Comunicazione ai lavoratori in merito alla possibilità di eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Informa i Lavoratori che: OGGETTO: Comunicazione ai lavoratori in merito alla possibilità di eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Con la presente la sottoscritta impresa con sede in Via...::::: Informa

Dettagli

LA SICUREZZA NEI SETTORI TERZIARIO E TURISMO

LA SICUREZZA NEI SETTORI TERZIARIO E TURISMO LA SICUREZZA NEI SETTORI TERZIARIO E TURISMO LA NORMATIVA PER ELEZIONE RAPPRESENTANTE IL FINANZIAMENTO DELL ORGANISMO PARITETICO ORGANISMO PARITETICO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO In base a quanto previsto

Dettagli

Un analisi degli adempimenti operativi a carico dell azienda in merito alla elezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (Rls)

Un analisi degli adempimenti operativi a carico dell azienda in merito alla elezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (Rls) Il rappresentante per la sicurezza e gli obblighi gestionali dell azienda Mario Gallo Professore a contratto di Diritto del lavoro nell Università degli studi di Cassino Un analisi degli adempimenti operativi

Dettagli

Il sistema delle relazioni in materia di salute e sicurezza

Il sistema delle relazioni in materia di salute e sicurezza Il sistema delle relazioni in materia di salute e sicurezza 1 Sistema delle relazioni 2 La presenza del Rls Considerata l opzione prevista dal D.Lgs.626/94 tra Rls aziendale e Rls territoriale non sarà

Dettagli

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Corso LA SICUREZZA LASER L organizzazione aziendale per la sicurezza Ing. Stefano Bergamasco Responsabile del Servizio di Prevenzione e

Dettagli

CODICE ATECO 2007: SETTORE CODICE n.

CODICE ATECO 2007: SETTORE CODICE n. SCHEDA DI ADESIONE Divisione seminari RLS Va Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza ai sensi del T.U. D.Lgs 81/08 D.Lgs 106/09 Questo corso viene svolto in ottemperanza a quanto previsto dall'art.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA

ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA 1 CONTRATTO INTEGRATIVO PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA Roccastrada Via S. d Acquisto s.n. Protocollo d intesa tra il Dirigente

Dettagli

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO N. 81 / 2008 e D.Lgs. 106/2009 LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO A cura del Geom. Enrico Clarelli - info@geoclarelli.it Programmazione: attività normale e

Dettagli

ACCORDO IN MATERIA DI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA IN AZIENDA (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

ACCORDO IN MATERIA DI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA IN AZIENDA (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI MARCHE NORD Area Comparto, Dirigenza Medica e Dirigenza Sanitaria, Professionale, Tecnica e Amministrativa: sottoscrizione accordo sindacale in materia di Rappresentanti

Dettagli

IAPIR FORMAZIONE IAPIR SEI A NORMA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO? DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA

IAPIR FORMAZIONE IAPIR SEI A NORMA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO? DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA IAPIR FORMAZIONE IAPIR SEI A NORMA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO? CORSI ON-LINE DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA Pagina 2 IAPIR FORMAZIONE Perché Formarsi Negli ultimi anni vari provvedimenti di legge, emanati

Dettagli

La sicurezza sul lavoro nella P.A.

La sicurezza sul lavoro nella P.A. La normativa italiana D.Lgs. 81/2008 Le disposizioni contenute nel D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 costituiscono attuazione dell art. 1 della Legge 3/8/2007, n. 123 per il riassetto e la riforma delle norme

Dettagli

INAIL - Circolare n. 11 del 12 marzo 2009 Direzione Generale Direzione centrale Prevenzione

INAIL - Circolare n. 11 del 12 marzo 2009 Direzione Generale Direzione centrale Prevenzione www.sig italia.org INAIL - Circolare n. 11 del 12 marzo 2009 Direzione Generale Direzione centrale Prevenzione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA: COMUNICAZIONE NOMINATIVI 1 Quadro Normativo

Dettagli

Il rappresentante dei lavoratori e la nuova comunicazione INAIL. Dott. CdL Paolo Stern

Il rappresentante dei lavoratori e la nuova comunicazione INAIL. Dott. CdL Paolo Stern Il rappresentante dei lavoratori e la nuova comunicazione INAIL Dott. CdL Paolo Stern Il percorso normativo Art. 2 Salute = diritto inviolabile della persona Art. 46 Partecipazione attiva dei lavoratori

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO L'anno 2013, il mese di Marzo, il giorno 08 nei locali del Liceo Scientifico Statale G.Galilei di Pescara,

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

La nomina del Medico Competente e le sue conseguenze giuridiche Il rapporto contrattuale Graziano Frigeri Presidente Assoprev

La nomina del Medico Competente e le sue conseguenze giuridiche Il rapporto contrattuale Graziano Frigeri Presidente Assoprev La nomina del Medico Competente e le sue conseguenze giuridiche Il rapporto contrattuale Graziano Frigeri Presidente Assoprev Nomina titolo giuridico mediante il quale avviene l attribuzione ad un soggetto

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI: SOGGETTI, OBBLIGHI E ADEMPIMENTI

SALUTE E SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI: SOGGETTI, OBBLIGHI E ADEMPIMENTI SALUTE E SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI: SOGGETTI, OBBLIGHI E ADEMPIMENTI Ciascun datore di lavoro ha l obbligo di adeguarsi alla normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, sancita dal

Dettagli

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. alla luce del Decreto Legislativo 81 del 9/4/2008

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. alla luce del Decreto Legislativo 81 del 9/4/2008 Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza alla luce del Decreto Legislativo 81 del 9/4/2008 A cura del Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro dell ASL di Bergamo Piazzolla dr

Dettagli

Principali adempimenti obbligatori ai sensi del D.LGS. 81/08

Principali adempimenti obbligatori ai sensi del D.LGS. 81/08 Principali adempimenti obbligatori ai sensi del D.LGS. 81/08 Gli obblighi per la SICUREZZA SUL LAVORO, stabiliti dal D.Lgs 81/2008 s.m.i. e di seguito descritti si rivolgono alle imprese/pubbliche amministrazioni

Dettagli

L organizzazione aziendale per la sicurezza

L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione L organizzazione aziendale per la sicurezza Formazione/Informazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo I Capo III Artt. 36

Dettagli

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI.

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI. LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI. Slide 1 SOGGETTI PRINCIPALI DATORE DI LAVORO MEDICO COMPETENTE RESPONSABILE E ADDETTI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

Spett.le. Oggetto: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.). Procedure di nomina e ruolo. Scheda di aggiornamento

Spett.le. Oggetto: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.). Procedure di nomina e ruolo. Scheda di aggiornamento Spett.le. Oggetto: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.). Procedure di nomina e ruolo. Scheda di aggiornamento Al fine di agevolare l Impresa ed i lavoratori nell assolvimento delle vigenti

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

INFORMAZIONE FORMAZIONE - ASSISTENZA CONSULENZA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

INFORMAZIONE FORMAZIONE - ASSISTENZA CONSULENZA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI INFORMAZIONE FORMAZIONE - ASSISTENZA CONSULENZA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI la Scheda Dicembre 2006 RAPPRESENTANZA DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA 1. Premessa Il Rappresentante dei Lavoratori

Dettagli

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche CIRCOLARE A.F. N. 141 del 20 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche Gentile cliente, desideriamo informarla

Dettagli

b) Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi;

b) Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi; Lezione 6 La riunione periodica (art 35) La riunione periodica è un momento di discussione sui temi della prevenzione e della tutela della salute e dell integrità psicofisica dei lavoratori, prevista per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE, LA NOMINA E IL FUNZIONAMENTO DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Art. 1 - Finalità Il presente regolamento definisce le procedure per l individuazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI ai sensi del D.M. 5 agosto 1998, n. 363 in attuazione del D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626 e successive modificazioni emanato con D.D. n. 407 del

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP Ultimo accordo raggiunto nell incontro tecnico del 29/9/2005 tra i rappresentanti delle Amministrazioni centrali interessate e delle Regioni e Province autonome per l attuazione

Dettagli

Organizzazione della prevenzione aziendale

Organizzazione della prevenzione aziendale Organizzazione della prevenzione aziendale La normativa e le figure coinvolte Sicurezza sul lavoro? Non solo 81/08 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA la Repubblica tutela la salute come fondamentale

Dettagli

CGIL CISL UIL LOMBARDIA

CGIL CISL UIL LOMBARDIA CGIL CISL UIL LOMBARDIA GUIDA APPLICATIVA ALL'ACCORDO DEL 22 GIUGNO 1995 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL-CISL-UIL, RELATIVO AL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA - DECRETO LEGISLATIVO 19 SETTEMBRE

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Riforma del Mercato del Lavoro Legge 92/2012 GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO DI RENZO LA COSTA LUGLIO 2012 Il nuovo lavoro a progetto 1 Il contratto di lavoro

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2013/800 del 05/03/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO IL RETTORE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2013/800 del 05/03/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO IL RETTORE DR/2013/800 del 05/03/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO U.S.R. IL RETTORE VISTO il vigente Statuto dell Ateneo, emanato con D.R. n. 1660 del 15.5.2012; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA il Regolamento di Ateneo

Dettagli

TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO approvazione definitiva schema di decreto correttivo

TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO approvazione definitiva schema di decreto correttivo TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO approvazione definitiva schema di decreto correttivo Il Consiglio dei Ministri, nella seduta di venerdì 31 luglio, ha approvato in via definitiva lo schema di decreto legislativo

Dettagli

LA SICUREZZA NEI SETTORI TERZIARIO E TURISMO

LA SICUREZZA NEI SETTORI TERZIARIO E TURISMO ENTE BILATERALE PROVINCIALE UNITARIO TERZIARIO E TURISMO CONFESERCENTI Associazione senza fine di lucro Cod.Fisc/P.Iva 94069040361 Al servizio delle imprese modenesi che applicano i contratti collettivi

Dettagli

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE 1. Ambito di applicazione p.3

Dettagli

IL Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)

IL Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) 1 IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Il RLS Materiale Didattico Azione Formativa on line di carattere Teorico-Normativo 2 PREMESSE Questa Dispensa Didattica è stata elaborata per l

Dettagli

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA)

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ART. 1 Campo di

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO Artt. 28, 29, 34 e 37 del D.Lgs n. 81/2008 Accordi 21 dicembre 2011 in Conferenza Permanente tra Stato e Regioni e

Dettagli

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI REGOLAMENTO COMMISSIONE NAZIONALE FORMAZIONE SICUREZZA LAVORO VISTO lo Statuto

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO ACCORDO INTERCONFEDERALE

SICUREZZA SUL LAVORO ACCORDO INTERCONFEDERALE SICUREZZA SUL LAVORO ACCORDO INTERCONFEDERALE Tra l Associazione Nazionale dell Industria Sammarinese, la Confederazione Sammarinese del Lavoro e la Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinesi -

Dettagli

Università degli Studi di Palermo Servizio di Prevenzione e Protezione di Ateneo

Università degli Studi di Palermo Servizio di Prevenzione e Protezione di Ateneo NG Università degli Studi di Palermo REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) e la definizione delle loro attribuzioni (approvato nella seduta di contrattazione

Dettagli

Intervento della D.T.L. di Torino (dott.ssa Rossi Cristiana) Tutela delle condizioni di lavoro, premessa:

Intervento della D.T.L. di Torino (dott.ssa Rossi Cristiana) Tutela delle condizioni di lavoro, premessa: Intervento della D.T.L. di Torino (dott.ssa Rossi Cristiana) Tutela delle condizioni di lavoro, premessa: La tutela dell integrità fisica del lavoratore sul luogo di lavoro è sancita direttamente dalla

Dettagli

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

SETTORE ASSICURATIVO. Il giorno 18 aprile 1995. tra. l ANIA. le OO.SS. premesso che

SETTORE ASSICURATIVO. Il giorno 18 aprile 1995. tra. l ANIA. le OO.SS. premesso che SETTORE ASSICURATIVO Il giorno 18 aprile 1995 tra l ANIA e le OO.SS. premesso che Le Parti intendono, con il presente accordo, dare attuazione agli adempimenti loro demandati dal decreto legislativo 19

Dettagli

Corso RSPP Modulo C. Ing. Vincenzo Staltieri

Corso RSPP Modulo C. Ing. Vincenzo Staltieri TEST VERIFICA INTERMEDIO 1. Il Datore di Lavoro è: a. La persona che in azienda paga gli stipendi b. La persona che dispone di pieni poteri decisionali e di spesa c. Il capoufficio, il capofficinao colui

Dettagli

Dipartimento Salute e Sicurezza LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER I LAVORATORI QUALCHE UTILE SUGGERIMENTO PER GLI RLS E RLST

Dipartimento Salute e Sicurezza LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER I LAVORATORI QUALCHE UTILE SUGGERIMENTO PER GLI RLS E RLST Dipartimento Salute e Sicurezza LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER I LAVORATORI QUALCHE UTILE SUGGERIMENTO PER GLI RLS E RLST 1 Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti (art.37 d.lgs.81/08) 1. Il

Dettagli

I Soggetti responsabili.

I Soggetti responsabili. I Soggetti responsabili. Scorrendo l articolato, prima relativo al D.Lgs. n. 626/1994 ed ora al D.Lgs. n. 81/2008, risulta come alla chiara esposizione delle responsabilità di legge (D.Lgs. n. 81/2008

Dettagli

prestazione lavorativa nell'ambito dell'orario di servizio" (sempre secondo la definizione

prestazione lavorativa nell'ambito dell'orario di servizio (sempre secondo la definizione Chiarimenti su Orario di servizio, orario di lavoro e orario di apertura al pubblico casi in cui i CCNL prevedono la concertazione e casi in cui i CCNL prevedono la contrattazione. Illegittimità dello

Dettagli

L'Organismo Paritetico dell'artigianato per la Provincia di (OPTA)

L'Organismo Paritetico dell'artigianato per la Provincia di (OPTA) PROCEDURA PER LA COLLABORAZIONE CON L'ORGANISMO PARITETICO LINEE DI INDIRIZZO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI LORO RAPPRESENTANTI AZIENDALI, DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI. L'Organismo Paritetico dell'artigianato

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

INFORMAZIONE FORMAZIONE - ASSISTENZA CONSULENZA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI LA RIUNIONE PERIODICA. ex art.11 D.Lgs.

INFORMAZIONE FORMAZIONE - ASSISTENZA CONSULENZA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI LA RIUNIONE PERIODICA. ex art.11 D.Lgs. INFORMAZIONE FORMAZIONE - ASSISTENZA CONSULENZA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI La Scheda Gennaio 2007 1. Premessa LA RIUNIONE PERIODICA ex art.11 D.Lgs.626/94 Fra le misure previste dal D.Lgs.626/94

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli