I NUOVI RUOLI DELL INNOVAZIONE: IL BUSINESS INNOVATION MANAGER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I NUOVI RUOLI DELL INNOVAZIONE: IL BUSINESS INNOVATION MANAGER"

Transcript

1 I NUOVI RUOLI DELL INNOVAZIONE: IL BUSINESS INNOVATION MANAGER E. Baglieri HANNO PARTECIPATO AL FORUM Enzo Baglieri SDA Bocconi, Head Unit Produzione e Tecnologia Enzo Biagini Amministratore Delegato Apple Italia Giovanni Bigazzi Vicepresidente Federmanager Marcello Miradoli Responsabile Business Development RCS Mediagroup Martina Pareschi Responsabile Human Capital Management, Service Line, IBM GBS Italy Nicola Redi Chief Technology Officer, TT Venture, Fondamenta SGR E. Biagini A CURA DI Enzo Baglieri Silvia Zamboni G. Bigazzi OBIETTIVO DI QUESTO FORUM È DELINEARE IL PROFILO DI NUOVE PROFESSIONALITÀ E RUOLI NELLA GESTIONE DELL INNOVAZIONE IN AZIENDA NELLA SUA ACCEZIONE PIÙ M. Miradoli M. Pareschi N. Redi AMPIA, LEGATA NON SOLO ALLO SVILUPPO DI UN NUOVO PRO- DOTTO O DI UN NUOVO SERVIZIO, MA ANCHE ALL INNOVAZIO- NE DI BUSINESS, DI PROCESSO O ORGANIZZATIVA, FAVORENDO LA CRESCITA AZIENDALE ATTRAVERSO NUOVI MERCATI E L E- SPANSIONE DI QUELLI ESISTENTI, L INTRODUZIONE DI NUOVI O MIGLIORATI PRODOTTI E SERVIZI E L IMPLEMENTAZIONE DI NUOVI MODI DI LAVORARE. 9

2 In un contesto complesso e altamente competitivo l innovazione è il risultato di differenti competenze tra loro interconnesse, di strategia, tecnologiche, tecniche, scientifiche, di marketing, di gestione delle risorse umane, finanziarie e di gestione delle relazioni con soggetti esterni su scala sempre più internazionale e globale. Dal punto di vista organizzativo, quindi, è necessario strutturare un processo che non sia frammentato, ma che con continuità e sistematicità consenta di allineare le attività e i comportamenti delle unità funzionali o di staff coinvolte verso l obiettivo trasversale comune, che è l output dell innovazione stessa. Come è accaduto per altri processi in passato, anche l innovazione è ormai diventata un processo strategico per la competizione e questo porta alla creazione del Chief Innovation Office (CIO), una figura complessa, con molte sfaccettature, in grado di governare e orientare lo sviluppo innovativo dell azienda da tutti i punti di vista. In quest ottica il CIO, o Business Innovation Manager, dovrebbe svolgere quindi una reale attività di spinta all innovazione di business, che va al di là della gestione dei processi, in una direzione più strategica di propulsione all innovazione, crescita e vantaggio competitivo. L obiettivo dell evento è discutere di nuove professionalità per la gestione dell innovazione e, potenzialmente, la Anche l innovazione è ormai diventata un processo strategico per la competizione, e questo porta alla creazione del Chief Innovation Office (CIO) nascita e l affermazione di un ipotetico Business Innovation Manager, un manager all interno dell azienda che abbia il compito di portare trasversalmente e diffondere una cultura dell innovazione e gestirne poi i processi. Il contributo offerto dai panelist vuole pertanto approfondire l evoluzione in atto nella gestione dei processi innovativi e comprendere le caratteristiche che questo ruolo individuale o collettivo sotto forma di board dovrebbe ricoprire in azienda. BAGLIERI Ha davvero senso parlare di un ruolo di manager dell innovazione? Qual è la vostra opinione rispetto a questo profilo? BIGAZZI Forse arriviamo un po in ritardo nella definizione di questo ruolo nel nostro paese. Le aziende di matrice anglosassone hanno già da qualche anno introdotto in maniera strutturata la figura del Chief Innovation Officer, o Business Innovation Manager. Secondo la mia esperienza, è preferibile che questo ruolo provenga dall esterno dell azienda, poiché deve avere la capacità di far emergere l innovazione dall interno, dai manager e dai quadri aziendali. Dovrebbe essere un agente del cambiamento, con spiccate capacità comunicative, di brainstorming e di maieutica, un forte metodologo piuttosto che un profilo dalle competenze chiaramente predefinite o predeterminabili. Deve saper apportare e mantenere una visione dall esterno all interno, come generatore di discontinuità nella conoscenza sedimentata in azienda. In aziende che detengono una supremazia tecnologica nei loro prodotti questo ruolo può essere ricoperto dall uomo del marketing, in altre aziende può coincidere con il direttore della R&S, con il Chief Information Officer, talvolta anche con il Total Quality Manager. Per il Business Innovation Manager la creatività è solo un presupposto: deve poi saper trasformare questa creatività in innovazione attraverso strumenti strutturati, anche grazie alla propria esperienza. Un altro elemento di assoluto rilievo è l analisi del rischio, attraverso l utilizzo di strumenti di natura strategica e di analisi progettuale. BAGLIERI Qual è oggi l esperienza di grandi multinazionali come IBM intorno ai ruoli per stimolare l innovazione? Quali sono i processi fondamentali e che profilo hanno le persone che svolgono ruoli affini a quelli di cui stiamo discutendo? PARESCHI L esperienza in IBM è emblematica. IBM è nata come azienda hardware e ora più del 60% del nostro fatturato deriva dai servizi. È un mondo di business diversi in centocinquanta paesi, con quattrocentomila 10

3 I nuovi ruoli dell innovazione REDI Io provengo da un mondo industriale, abbastanza tradizionale, Pirelli Pneumatici prima e successivamente Ideal Standard International, ai tempi American Standard. Sono stato nel gruppo Pirelli fino al 2002, dove servivo nel Project Management Office della ricerca di base. Pirelli era un punto di riferimento per quello che riguardava la ricerca in Italia, grazie a Pirelli Labs e alla sua piattaforma di ricerca di base. Già nel 2000 aveva una piattaforma strutturata di Knowledge Management interno esteso alle risorse che provenivano dall esterno. Nel Gruppo Ideal Standard ero il responsabile per progetti di sviluppo prodotto della regione EMEA. In questo conpersone; il modo in cui negli ultimi ottant anni ha saputo rinnovarsi all interno dei singoli business è la traduzione stessa di quello che, a livello di mission strategica, chiamiamo innovazione. In IBM abbiamo iniziative specifiche mirate alla gestione dei nostri talenti, finalizzate a sviluppare in loro una propensione maggiore all innovazione, per la generazione di nuovi business ma anche per cambiamenti organizzativi importanti. A livello globale l iniziativa forse più conosciuta è la nostra Innovation Jam, una community in cui per tre giorni i nostri dipendenti, clienti, fornitori, le università in sintesi, il nostro network si confrontano on line nella proposta di idee innovative, che vengono poi selezionate per essere successivamente realizzate. Al di là della capacità del singolo di sviluppare delle idee, tuttavia, ritengo debba esistere un attitudine organizzativa estesa che sia quasi una seconda anima delle persone che operano in azienda, poiché anche le grandi aziende non possono permettersi che siano tutti dedicati all innovazione. L innovation manager dovrebbe aiutare a generare le condizioni perché questo avvenga non solo all interno, ma anche nell interazione con l esterno. È l interazione con i nostri clienti che stimola le migliori idee. Naturalmente, è necessario poi creare le condizioni organizzative per cui questa innovazione possa essere realmente assorbita, e l organizzazione possa cambiare in linea con questa. BAGLIERI Cosa vuol dire sviluppare un attitudine organizzativa all innovazione? E come si fa? Per il Business Innovation Manager la creatività è solo un presupposto: deve poi saperla trasformare in innovazione attraverso strumenti strutturati BIAGINI Al di là del singolo profilo del Business Innovation Manager, parlando di innovazione occorre innanzitutto fare riferimento a una cultura dell innovazione che deve permeare l azienda stessa, cioè a un organizzazione che abbia una visione e tensione innovativa, un piano per l esecuzione della medesima, risorse organizzative e profili delle figure professionali che siano coerenti con tale programma; tenderei a distinguere tra cultura dell innovazione che ha per obiettivo la modifica del posizionamento di un azienda segnatamente la tensione ad anticipare i tempi (nuovi prodotti, servizi, processi) e ricerca continua di nuova efficienza operativa, che in realtà deve essere presente sia in aziende innovative sia in aziende più tradizionali e follower. Per esempio, la tecnologia digitale ha rivoluzionato e ridefinito i confini di diversi mercati, principalmente le telecomunicazioni, l informatica e i contenuti o media. Questo fenomeno deve tradursi in una nuova definizione di ruoli, in investimenti sulle persone in termini di formazione, in nuove modalità di misurazione delle prestazioni e di definizione delle ricompense. Nelle aziende in cui è già forte la cultura dell innovazione non ha senso premiare l innovazione in sé, ma piuttosto premiare i risultati. In altre aziende, invece, per promuovere tale cultura occorre definire e identificare un attivatore, un evangelista, un advisor, un fattore abilitante che sia in grado di supportare altri processi affinché si possa creare cultura e produrre innovazione. BAGLIERI Mi rivolgo a Redi: cosa pensa un venture capitalist di questa attitudine all innovazione? Quanto la ritrova nelle aziende in cui ha operato e con cui si trova adesso a operare? 11

4 testo ho potuto apprezzare l importanza della capacità di ascolto dei clienti, nonostante, di fatto, l azienda ne sia piuttosto distante per via della struttura della catena distributiva del settore della ceramica: è stato interessante ritornare a lavorare con il cliente, analizzarne i bisogni, e da lì ricostruire non certo la supply chain, ma il prodotto. Concordo con l ingegner Bigazzi sul fatto che non ci possa essere innovazione senza metodo. Anche l approccio del design di Ideal Standard si basava sugli strumenti presi in prestito dal Design for Six Sigma (DFSS) in modo da dare concretezza alle idee generate. Nella mia esperienza attuale, Fondamenta stessa è un innovazione organizzativa, poiché una SGR ha scommesso sulle competenze industriali legate alla ricerca, impiegando persone che provengono dal mondo industriale e non solo dal private equity. Dal mio punto di vista, nel nostro paese manca il concetto di ecosistema dell innovazione, concetto che prendo in prestito dal MIT di Boston. Il MIT lavora prevalentemente sulla ricerca applicata in un ecosistema dell innovazione, dove l insieme delle strutture, dei centri di ricerca e delle opportunità di networking fa sì che si possano generare costantemente nuove idee che trovino applicazione, supportate da un forte metodo. In Italia i nostri imprenditori non hanno metodo. Le proposte che riceviamo sono completamente destrutturate, a eccezione di pochi fortunati casi. Ci sono idee interessanti, ma non bastano le idee per fare innovazione. Ecosistema e metodo, quindi, potrebbe essere la combinazione interessante per generare idee che si traducano in innovazione reale. BAGLIERI Come è possibile conciliare la continua tensione all innovazione con l efficienza? Si può ovviare attingendo a questi ruoli dall esterno? MIRADOLI Io sono un forte sostenitore dell innovazione continua a tutti i livelli dell azienda, perché credo che ci troviamo sempre più in un ecosistema di mercato soggetto a forti pressioni evolutive, di trasformazione, o involutive, come la crisi attuale. Provengo dal mondo IBM, poi in Sky e ora in RCS, quindi, come l ingegner Biagini ricordava, il mondo della tecnologia e dei media mi è noto. Diventa strutturale il fatto che si debba reagire, si debba anticipare, si debba continuare a cambiare, e questo deve necessariamente essere fatto a tutti i livelli. È chiaro, poi, che esistono alcuni momenti storici per l azienda in cui è necessario fare un Ci troviamo sempre più in un ecosistema di mercato soggetto a forti pressioni evolutive, di trasformazione, o involutive, come la crisi attuale cambio di paradigma, trasformarsi velocemente in modo radicale e diventare qualcos altro. Credo che proprio in questi momenti sia necessaria la presenza di un ruolo esterno, che catalizzi questo cambiamento con le metodologie adeguate, ponendo grande attenzione a coinvolgere tutta l organizzazione verso il nuovo cambiamento. Il primo Business Innovation Manager in questi forti cambiamenti è l amministratore delegato. BAGLIERI Abbiamo parlato di definizione di innovazione, di necessità di distinguerla dal miglioramento continuo, che pare essere parte delle attività quotidiane che si svolgono nel miglioramento di prodotti, processi e servizi. Quando parliamo di vera innovazione facciamo riferimento a una sfida maggiore: la generazione di un nuovo business o una discontinuità forte su prodotti e servizi e, quindi, la necessità di ruoli dedicati. Se dovessimo prendere in considerazione anche imprese di dimensioni minori rispetto a quelle qui rappresentate, dove potremmo collocare questa tipologia di profili e, soprattutto, pensate possano essere ricoperti da un singolo o, piuttosto, da gruppi di lavoro? PARESCHI Dal mio punto di vista siamo ben lontani dal fatto che l innovazione continua sia già nella nostra operatività, poiché non mancano mai spunti su come far meglio. Proprio perché il tema dell innovazione è molto sfaccettato tenderei a sposare l idea di un board, dove dovrebbero essere presenti anche lo sviluppo organizzativo e la gestione del cambiamento, in modo da poter gestire in modo efficace i processi di trasformazione che ne dovessero derivare. 12

5 I nuovi ruoli dell innovazione BIAGINI Personalmente, credo che dipenda molto dal tipo di azienda e dalla sua fase evolutiva in essere, dal tipo di settore, nonché dall importanza del progetto considerato. Se l azienda vuole dare un impronta di innovazione molto forte, deve innanzitutto infondere una cultura dell innovazione, e questo richiede l endorsement, l imprimatur dell alta direzione e, quindi, dell amministratore delegato e del top management. Per ciò che concerne l attenzione verso il cliente e l ascolto delle sue esigenze, certamente è importante mantenere un legame forte con il mercato, ma se si vuole innovare in modo veramente radicale cioè portare sul mercato qualcosa che ad oggi non esiste e che possa rappresentare un vero breakthrough, una vera discontinuità positiva sul mercato ritengo sia difficile che ciò possa essere suggerito dai clienti, in quanto è difficile per loro intravedere che cosa può esserci dietro l angolo. Quindi, diventano fondamentali la visione e la cultura dell azienda, che, con le sue competenze, riesce a farsi interprete di una nuova metodologia d uso, di una nuova funzione d uso del prodotto, del servizio o del processo che difficilmente i clienti possono immaginare. Credo che la vera discontinuità presupponga una visione di più alto livello, una cultura ancora più forte all interno dell azienda e una forte focalizzazione delle risorse a disposizione che pensino in quella direzione. È difficile da codificare, ma va costruita nel tempo e consolidata attraverso una forte visione e una forte missione dell azienda. Infine, credo che la complessità limiti l innovazione: la semplicità dell idea, dei processi dell azienda, dei modelli organizzativi, applicata ai progetti, e quindi agli obiet- È importante mantenere un legame forte con il mercato, ma se si vuole innovare in modo veramente radicale è difficile che ciò possa essere suggerito dai clienti tivi, è una leva molto forte per conseguire l innovazione; questo faciliterebbe, almeno in teoria, le piccole e medie imprese rispetto alle grandi, tipicamente più strutturate, ma in genere anche più burocratizzate. In questi casi, i problemi di disponibilità di risorse potrebbero essere indirizzati da progetti comuni all ecosistema di cui si è parlato. Questo richiederebbe un approccio mentale più aperto, rivolto alla condivisione e al superamento di taluni particolarismi locali che impediscono opportune forme di aggregazione tra aziende locali o di messa in comune di risorse per raggiungere determinati obiettivi, realizzando di fatto una sorta di evoluzione del distretto per come è conosciuto oggi. A questo proposito, al contrario, non solo riscontro ancora una scarsa attenzione e consapevolezza verso la cultura dell innovazione, ma addirittura investimenti molto limitati in tecnologia e adozione della stessa, con inevitabili conseguenze sul piano del miglioramento dell efficienza operativa. La tecnologia fine a se stessa non serve, ma la cultura dell innovazione senza tecnologia è impossibile da portare avanti. Oggi non si può prescindere dal suo impiego, e anche le grandi imprese, oltre a essere consumatrici di tecnologia, decidono di stipulare accordi con i propri concorrenti per acquisire know-how, e quindi soluzioni ad hoc, che non potrebbero essere sviluppate internamente causa gli ingenti investimenti richiesti: quindi, la validità e la consapevolezza che tale modello è perseguibile sono già provate (coopetition). MIRADOLI Mi permetto di aggiungere un elemento importante. Credo che la governance dell innovazione vada di pari passo con la complessità organizzativa dell organizzazione stessa. In un azienda multi-business e multi-unit una trasformazione importante ha bisogno del commitment continuo del top management, e il Business Innovation Manager sarà il braccio armato di questa volontà esplicitata. In un azienda più piccola, più padronale, la sintesi di governance di top management, di business development, di direttore commerciale è l imprenditore stesso. In questo caso, è il cosiddetto imprenditore illuminato che è in grado di innovare, di inventarsi, di trasformare un business, di avere quell idea che trasforma un settore. Concordo sul fatto che organizzazioni più semplici catalizzino l innovazione in modo decisamente migliore, però è anche vero che organizzazioni complesse e burocratiche per cambiare pelle devono partire da quello che sono. Un organizzazione buro- 13

6 cratizzata necessita di un sistema di governance dell innovazione più complicato, perché se si vogliono trasformare le persone, la cultura, il modo di approcciare delle organizzazioni, necessariamente si deve partire con gli strumenti che già sono utilizzati abitualmente, altrimenti si crea uno strappo, non una trasformazione. BAGLIERI Alla luce di quanto si è detto sulla mancanza di metodo da parte degli imprenditori nel formulare proposte di progetto, è possibile pensare a figure di affiancamento, a professionisti esterni in grado di trasformare la loro creatività, la loro intuizione, attraverso il metodo, in una proposta più strutturata che possa poi essere presentata, eventualmente, per il finanziamento? Le piccole e medie imprese non potrebbero percepire questo ruolo come rischioso rispetto alla propria capacità di generare innovazione e stimolarla all interno dell azienda? REDI L imprenditore, come figura molto accentratrice che non accetta che altri, specie se esterni, possano dare consigli, non è la persona che ci interessa, perché non è aperta a imparare, a trasformarsi, a crescere. La nostra sfida è proprio quella di riuscire a far emergere chi oggi ha la potenzialità di essere un imprenditore e che vuole mettersi in gioco. In realtà, le imprese veramente interessanti non sono quelle che partono con un idea e con un prodotto nuovo, ma quelle che partono con una piattaforma, qualcosa che ha già una possibilità di gemmarsi in altre tecnologie e prodotti su diversi mercati e applicazioni. Le persone giuste per noi sono quindi gli imprenditori aperti a un supporto di metodo per sviluppare altri prodotti, per gestire l azienda, per farla crescere. BAGLIERI C è rischio di conflittualità tra questi ruoli in un impresa? non ci si trasforma tout court da permanent manager in temporary manager, ma ci sono fondi regionali ed europei per fare formazione continua all essere temporary manager, per adeguarsi a questo nuovo contesto e adottare un linguaggio diverso. Forse, l imprenditore affiancato da un temporary manager può risolvere il conflitto di cui si parlava. BAGLIERI Nella creazione di questa attitudine all innovazione, l università e le scuole di management hanno la loro parte di responsabilità nel cercare di creare una mente aperta all apprendimento continuo. Quali sono, secondo voi, i temi più importanti per i giovani che stanno frequentando gli studi di natura manageriale-economica o di natura tecnico-scientifica che possono aiutare a sviluppare questa attitudine all innovazione? Dopo dieci anni di apprendimento sul campo, quali sono i temi cruciali nell ambito della formazione manageriale che possano svolgere appieno questo ruolo di motore dell innovazione? MIRADOLI Secondo me sono gli stessi ingredienti che servono a una società moderna. Gli elementi di base riguardano la curiosità, la comprensione della diversità e la capacità di reagire. Questo vale nel mondo del business e in tanti altri settori della società. Forse il sistema scuola oggi in Italia, al di là dell educazione superiore universitaria, è rimasto un po indietro. Bisogna lavorare molto sulla multiculturalità, sull abitudine alla temporaneità e al fatto che le cose cambiano, mettere gli studenti di fronte a questa condizione e farli reagire, farli riflettere. Nella mia esperienza le persone più aperte all innovazione dal punto di vista manageriale hanno tutte un background scolastico, culturale, di vita, fortemente diversificato. BIGAZZI Sicuramente sì. Nelle PMI, cioè la maggior parte delle imprese nel nostro paese, manca la gestione manageriale, e la loro competitività spesso si basa sul costo: strategia ormai letale nel lungo periodo. La crisi, però, aiuterà a capire la necessità dell affiancamento di quella nuova figura, che in Italia ancora fatica ad affermarsi, che è il temporary manager. Credo che, se vogliamo fare innovazione nelle PMI, compatibilmente con la loro capacità di investimento e con le esigenze di equilibrio interno di gestione delle risorse umane, occorra rivalutare in Italia il concetto di manager temporaneo, come avviene in altri paesi. Naturalmente 14 Bisogna lavorare molto sulla multiculturalità, sull abitudine alla temporaneità e al fatto che le cose cambiano

7 I nuovi ruoli dell innovazione BIAGINI Condivido ciò che ha detto Miradoli e aggiungerei l importanza di una certa ampiezza di preparazione di base e della sua solidità, che comporta il fatto che il nuovo manager non abbia timore di confrontarsi, di mettere in discussione le proprie idee, di affrontare il nuovo: forte senso critico e fiducia sono caratteristiche chiave nei processi decisionali manageriali di successo e veloci. BAGLIERI Percepite delle differenze tra il nostro sistema universitario e quelli di altri paesi? REDI Esistono grandi diversità. Io sto facendo un dottorato part-time in Innovation Management a Birmingham, cosa molto difficile da fare in Italia, continuando ad avere un lavoro full-time. Il sistema con cui si viene selezionati è un po inusuale rispetto al contesto italiano: ho una proposta di ricerca, cerco un docente che abbia voglia di seguire la mia ricerca per quattro o sei anni, dopodiché si passa attraverso un criterio selettivo. Non ci sono concorsi, non ci sono borse. Quest approccio si estende anche ai criteri selettivi del corpo docente, che si trova in un job market simile al contesto privato. Ogni università è responsabile del proprio budget, che è legato per una parte consistente alla sua produzione scientifica, non nella scarsissima percentuale che abbiamo in Italia. Vengono svolte delle review per assegnare punteggi ai singoli dipartimenti e, successivamente, i dipartimenti ottengono finanziamenti in base all output scientifico. Alla produttività scientifica e alla capacità di portare i dottorandi al completamento dell iter formativo è inoltre correlata buona parte dello stipendio dei docenti. Queste sono le differenze sostanziali. Le persone che si laureano non sono poi così diverse, in termini di metodi di ricerca, dai ragazzi che vedo uscire dalle università italiane di oggi: in entrambi i casi vi è molta immaturità. Ai miei tempi, quando si faceva una tesi, si conosceva qual era l applicazione di un metodo scientifico per arrivare ai risultati. Questa cosa la insegnano ora in Inghilterra ai dottorandi. Per fare innovazione è necessario formare persone che siano abituate a pensare, in un background diversificato, con la capacità di affrontare contesti multiculturali, multidisciplinari. La direzione presa dalle università italiane di creare dei superspecialisti, ma senza una forte formazione di base più ampia che consenta di strutturare un ragionamento in contesti sconosciuti, ritengo sia molto rischiosa. Creare superspecialisti senza una formazione di base più ampia, che consenta di strutturare un ragionamento in contesti sconosciuti, è molto rischioso BAGLIERI In IBM come selezionate i giovani perché siano stimolati a fare innovazione? PARESCHI Oggi abbiamo programmi a livello internazionale per scegliere top talent in erba, che vengono inseriti in programmi internazionali, per diciotto mesi di formazione con un mix di attività lavorative e attività formative in paesi diversi. La scarsa padronanza dell inglese degli studenti italiani a volte limita molto la loro esposizione ai diversi stimoli. IBM, da questo punto di vista, è una specie di scuola d urto, in un contesto in cui il melting pot è promosso come una modalità per allenarsi a essere sempre in difficoltà all interno di modelli che cambiano continuamente. Questo è il nostro modo per valorizzare la diversity e compensare ciò che non deriva direttamente dall università italiana. A mio parere, però, i nostri studenti hanno un potenziale maggiore rispetto ai colleghi stranieri in termini di capacità di sviluppare idee, anche grazie alle difficoltà che siamo abituati ad affrontare, talvolta anche inutili ma che ci allenano a trovare sempre soluzioni che altri non sanno nemmeno pensare. Il vero gap sta nella strutturazione delle idee, nella loro buona presentazione, nel sapersi far rispettare in questi contesti e arrivare con metodo in fondo ai progetti, perché ci perdiamo nella disciplina dell esecuzione. BAGLIERI Quali sono i concetti principali che una scuola di management dovrebbe trasferire a chi ha maturato una competenza strettamente disciplinare perché poi faccia un salto di qualità verso la trasversalità e il cambiamento? 15

8 Gli studenti italiani hanno un potenziale maggiore rispetto ai colleghi stranieri, in termini di capacità di sviluppare idee, anche grazie alle difficoltà da affrontare BIGAZZI Riparto dalle tre caratteristiche per innovare citate da Miradoli, che mi sono piaciute molto: creatività, diversità, capacità di reagire. Il problema non nasce all università, ma ben prima, dalla scuola elementare o, forse, dall asilo. Questi valori curiosità, diversità, capacità di reagire nelle nostre famiglie si sono trasformati nel tempo in omologazione, narcisismo, protezione. È qui che nasce il problema. Per quanto riguarda, invece, l università, credo che l Italia si fondi su una cultura di prodotti e non su una cultura di processi e, di conseguenza, l atteggiamento tipico del manager italiano è fondato più sulla reattività e sul management by crisis che sulla proattività. Non abbiamo l educazione di stile anglosassone, che è quella che porta alla leadership, attraverso l esperienza cumulata nel gestire processi, applicabile indifferentemente in settori di mercato diversi. Secondo me, l università deve cominciare a privilegiare non il nozionismo, ma l approccio ai processi. Solo allora si crea leadership. Concludo con una triste verità: in molte multinazionali di cultura anglosassone che hanno acquisito imprese nel nostro paese, tutta la prima schiera dei manager, ovvero la leadership aziendale, non è più italiana, ma lo è rimasta tutta la schiera della competenza, quella dedicata allo sviluppo del prodotto. PARESCHI Rispetto alla propensione italiana a rimanere all interno di determinati settori o specializzazioni, ritengo che questo sia una conseguenza della scarsa mobilità del mercato del lavoro e, quindi, della mancanza di abitudine a cambiare spesso posizione, oltre che un indicatore di una minore affermazione del ruolo del manager in quanto tale, non sempre percepito come professionalità a sé e non necessariamente vincolata a competenze ed esperienze all interno di determinati settori. BAGLIERI Redi, cosa dobbiamo insegnare a un manager di anni perché diventi attivatore dell innovazione? REDI Rispetto all educazione universitaria, sono ingegnere aeronautico, e sono ben felice di avere imparato come si fa un calcolo aeroelastico o un analisi strutturale. I processi li ho poi imparati lavorando. Sono d accordo sul fatto che la gestione per processi sia fondamentale dal punto di vista aziendale. Mi sono sempre occupato di sviluppo prodotto, ma pensare in maniera trasversale significa pensare a cosa succede al resto dell azienda introducendo una certa innovazione, e per far questo devo avere una visione di mercato, dell impatto finanziario. Uno strumento fondamentale che fornisce molta trasversalità di competenze è l MBA, per esempio. Aggiungo, però, che ci vorrebbe una curiosità personale, anche su temi apparentemente lontani come, per esempio, la storia. BAGLIERI Un MBA può aiutare ad affinare questa attitudine all innovazione? 16 BIAGINI Nel mio caso il master è stato estremamente utile, soprattutto perché, non avendolo frequentato immediatamente dopo la conclusione degli studi, ho avuto la possibilità di operare sul campo e quindi di strutturare meglio con metodo, con modelli, quello che ho prima maturato a livello esperienziale diretto. Per i colleghi stranieri il master non è un add-on limitato ai casi di eccellenza o comunque per un numero limitato di professionisti, ma è parte integrante del curriculum di studi. Quindi, questa competenza entra subito a far parte della cassetta degli attrezzi, del tool-kit del futuro manager con una certa trasversalità di conoscenza in ambito aziendale. Non entro, in questa sede, nel merito della vicinanza del sistema scolastico o educativo al mondo del lavoro, ma focalizzo l attenzione su un punto: ritengo che la formazione dipenda molto anche dalla domanda del mercato. In Italia, la maggior parte delle aziende è ancora costituita da aziende di prodotto, dell industria nel senso classico della definizione. La parte servizi e ricerca e sviluppo è sicuramente diventata più importante nelle nazioni più avanzate negli ultimi anni, e questo è un fatto strategico che è parzialmente vero in Italia, ove, peraltro, anche l impianto produttivo non è stato rivisitae&m

9 I nuovi ruoli dell innovazione to a fondo, come invece è accaduto, per esempio, in Inghilterra a livello di sistema paese. Di conseguenza, registriamo anche una domanda di profili in parte disallineata rispetto al resto del mondo più avanzato. Inoltre, si dovrebbe parlare maggiormente di attrattività del sistema Italia, che non è più tale da incentivare investimenti di grandi aziende che abbiano una visibilità a livello mondiale. Questo è un fattore limitante per l interscambio cognitivo tra nazioni avanzate e la ricchezza di esperienze di qualità, nonché per la disponibilità di risorse finanziarie e umane. Per quanto riguarda, infine, i profili che reclutiamo, per prima cosa verifichiamo la loro coerenza rispetto alla capacità potenziale di soddisfare le nostre esigenze specifiche interne e operative. Soddisfatto questo requisito di base, cerchiamo di intuire se il candidato avrà poi passione per ciò che dovrà fare e per le sfide che si troverà ad affrontare, ed è questo che fa la differenza a parità di competenze e orientamento di base. MIRADOLI Nel mio settore servono tante idee nuove. Il settore dei media italiano è un settore che forse più di altri, nel passato, ha sofferto di molta autoreferenzialità e molta chiusura rispetto all internazionale, all estero e quindi alle contaminazioni. Parliamo italiano: quello che scriviamo o diciamo è difficile da esportare. Esiste, inoltre, una certa commistione tra i media e la politica, che in qualche modo regolamenta e blocca dinamiche di competizione allargata e libera, che invece si può riscontrare in altri settori. Tutto questo ha parzialmente ingessato le dinamiche evolutive negli ultimi trenta-quarant anni. Quindi, è necessario un ricambio in termini di nuove competenze, nuove idee, che provengano anche dai settori più diversi. Credo che uno stimolo alla formazione universitaria possa essere far lavorare i giovani su idee di imprenditorialità da mettere in qualche modo in pratica, anche se mi rendo conto che può essere una proposta di difficile applicazione. BAGLIERI I sistemi di compensation e di misurazione delle performance stimolano i nostri manager all assunzione del rischio, alla presa di decisione, alla ricerca dell innovazione? PARESCHI In IBM non si fa carriera se non si condivide la conoscenza, per cui siamo stimolati alla proattività, alla capacità di portare idee e, soprattutto, a non essere redarguiti nel caso in cui l idea non sia sempre quella corretta, data la natura americana dell azienda, orientata a uscire dal guscio e affrontare ambienti dinamici. Credo che questo, a livello di enunciato, sia un principio ormai affermato in tutte le aziende ma non sempre facile da realizzare effettivamente. È poi vero che anche i migliori sistemi di incentivazione spesso si focalizzano sul risultato e meno sul processo. BAGLIERI Il mondo della finanza, dei capitali è sensibile a stimolare e finanziare l innovazione? REDI Premetto che sono abbastanza giovane nell ambito della finanza per poter dare una risposta che sia esaustiva. Riporto, però, un dato per capire quanto il mondo finanziario italiano sia disposto a scommettere sull innovazione: il peso percentuale del venture capital sul PIL, rilevato annualmente dall Unione Europea nell ambito del Europe Innovation Scoreboard. Questo dato ci vede intorno allo 0,12% rispetto a una media europea di 0,42%, e in termini percentuali è l indice che ha perso di più nel tempo. Secondo me, è giusto che il finanziamento all innovazione derivi da fondi di venture capital o da parte di business angel che cominciano a fare i primi passi in Italia, ma non attraverso il sistema bancario, perché si potrebbe arrivare a una situazione di conflitto di interessi, dove di fatto l interesse a partecipare con l equity è più legato a un successivo interesse a trasformare questo equity in debito. Ci sono, comunque, anche fondi stranieri molto grandi che intervengono in Italia, soprattutto fondi che operano nell ambito del biotech piuttosto che, in alcuni casi, nell ambito dell ICT. In questi anni è stato fatto un grande lavoro di sensibilizzazione da parte del precedente ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, Ronald P. Spogli, cercando di creare una mentalità dell imprenditorialità scientifica in Italia. Tuttavia, non siamo ancora molto ricettivi di fronte agli inviti sostanziali e molto interessanti che sono stati proposti. π 17

azioni di rigenerazione sociale

azioni di rigenerazione sociale azioni di rigenerazione sociale I contenuti di questo libro possono essere condivisi rispettando la licenza Chi siamo Indice 3 Chi siamo 5 Cos è concretamente Change Community Model? 6 Quali sono gli ingredienti

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI MARIANNA CARBONARI Presidente e Amministratore Delegato di Value for Talent. Ha maturato più di dieci anni di esperienza nella gestione di progetti di Executive Search articolati e complessi. Ha condotto

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA Marco Betti @marcobetti_ Alberto Gherardini @albgherardini IL RAPPORTO 2013 Obiettivo: Raccogliere e sistematizzare

Dettagli

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Cosa? I tirocini internazionali in azienda o stage, così come sono generalmente conosciuti, stanno acquisendo una

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013 Elenco e Programmi dei candidati ISIA Firenze, aprile 2010 ELENCO DEI CANDIDATI PER LA CONSULTA DEGLI STUDENTI TRIENNIO 2010-2013

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

Da ricerca dell occupazione in ricerca di opportunità professionale

Da ricerca dell occupazione in ricerca di opportunità professionale Da ricerca dell occupazione in ricerca di opportunità professionale Le referenze ed i contatti Spesso un Azienda, prima di procedere all assunzione di una persona destinata ad una posizione, può voler

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Innovazione e Design educativo per la buona scuola

Innovazione e Design educativo per la buona scuola Innovazione e Design educativo per la buona scuola Convegno nazionale ANP e Fondazione Telecom Italia 6 maggio 2015, Biblioteca Nazionale Centrale, Roma L innovazione come scelta strategica. Il monitoraggio

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI MILANO

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI MILANO Tavolo 5: Organizzare i nostri studi Referenti: Francesca Simonetti, Alessandro Trivelli, Consiglieri Ordine degli Architetti PPC di Milano Segretario referente: Anna Missaglia Partecipano al tavolo: Lorenzo

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Dino Petrone Elica Group i dati del Gruppo Elica Dati Gruppo Elica > Fatturato Gruppo Elica 2004 Aggregato 413 milioni di Euro 2300 dipendenti i dati

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale Academy Lindt Academy Percorso di Formazione Manageriale EDIZIONE 2010-2011 Academy Da dove siamo partiti Dal desiderio di definire un percorso che miri a soddisfare i fabbisogni formativi di giovani con

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

La gestione dello Studio Odontoiatrico

La gestione dello Studio Odontoiatrico A cura di Daniele Rimini Pd For Consulenza Direzionale in collaborazione con il laboratorio Tridentestense è lieta di presentarvi la ricetta manageriale La gestione dello Studio Odontoiatrico Presidente

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

REPUTATION FORUM ITALIA

REPUTATION FORUM ITALIA Reputation Institute Barilla REPUTATION FORUM ITALIA Parma, 11 settembre 2012 La Reputazione è il #1 Driver di Valore Per quale motivo la Reputazione è il primo driver di valore per un azienda? Quali sono

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA STRATEGIA 1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione Balanced Scorecard 1 giorno Significato

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill

Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill ThinkGet S.r.l. nasce con una mission molto chiara: Sostenere gli individui e le organizzazioni nella realizzazione del successo desiderato. Costituita

Dettagli

Federmanager Confindustria Bilancio di Competenze gratuito riservato fase on line fase in presenza Ambire

Federmanager Confindustria Bilancio di Competenze gratuito riservato fase on line fase in presenza Ambire Il Bilancio delle Competenze: Essere artefici del proprio sviluppo professionale Il Bilancio di Competenze per i Dirigenti Industriali Il rinnovo del CCNL Dirigenti Industria, sottoscritto il 25/11/2009

Dettagli

Dispense a cura di Dott. Lisa Conforto

Dispense a cura di Dott. Lisa Conforto Dispense a cura di Dott. Lisa Conforto Dall indagine sulle competenze nelle imprese italiane è emerso che le cinque COMPETENZE più importanti richieste sono: AFFIDABILITA (78,3%) LE ABILITA MANUALI (70,3%)

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Politica del personale del Gruppo CSS.

Politica del personale del Gruppo CSS. Politica del personale del Gruppo CSS. Noi disponiamo dei collaboratori e delle collabo - ratrici per affrontare le sfide del futuro. A Valori di politica del personale e prese di posizione della CSS 1

Dettagli

Semplificati la vita. manuale d uso

Semplificati la vita. manuale d uso Semplificati la vita manuale d uso Introduzione. Nel mondo del lavoro rendere le cose semplici è uno degli obiettivi più complicati da perseguire. La complessità dei problemi è una costante che scoraggia

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA

MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA CIMBA CIMBA, in Italia dal 1991, è un consorzio di 36 Università americanecon sede a Paderno del Grappa (TV) che organizza programmi

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012 INNOVARE E FARE RETE GLI STRUMENTI DI CONOSCENZA E I PROGRAMMI DI RICERCA DEL DISTRETTO MATERIALI E TECNOLOGIE PER LE COSTRUZIONI LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici

Dettagli

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design come elemento di user centered design Fondazione la Fornace di Asolo 21 aprile 2009 Asolo, 21 aprile 2009 1 Treviso Tecnologia: Innovazione come missione Treviso Tecnologia èl Azienda Speciale per l innovazione

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento.

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Mario Solerio Partner D.O.C. marketing Di cosa parleremo Cosa intendiamo con cambiamento e le relative dinamiche Come comportarsi nei percorsi di cambiamento

Dettagli

SVILUPPA LA TUA STRATEGIA con BUSINESS MODEL CANVAS

SVILUPPA LA TUA STRATEGIA con BUSINESS MODEL CANVAS SVILUPPA LA TUA STRATEGIA con BUSINESS MODEL CANVAS V.le N. Bixio, 2-37126 Verona www.formazione-network.it Tel e Fax 045 8309932 con BUSINESS MODEL CANVAS WORKSHOP CHE TI INSEGNA AD UTILIZZARE I BUSINESS

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LE PMI IL MODELLO FORMATIVO DINAMICO PER IL RESPONSABILE DI FINANZA E CONTROLLO

LA FORMAZIONE PER LE PMI IL MODELLO FORMATIVO DINAMICO PER IL RESPONSABILE DI FINANZA E CONTROLLO LA FORMAZIONE PER LE PMI IL MODELLO FORMATIVO DINAMICO PER IL RESPONSABILE DI FINANZA E CONTROLLO DOTT. ALFONSO RICCARDI Financial Advisor - Vertis SpA riccardi@vertis. @vertis.itit Università del Sannio,,

Dettagli

MEDIA INNOVATION & CHANGE

MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA E DIGITAL COMMUNICATION Programma di sviluppo continuo dell innovazione MEDIA INNOVATION & CHANGE COMUNICAZIONE E CONFUSIONE COMUNICARE OGGI SIGNIFICA POTER SFRUTTARE OPPORTUNITÀ

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli