TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART"

Transcript

1 Convention Fedart Fidi TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART Leonardo Nafissi Castiglione della Pescaia (GR), 25 settembre 2015

2 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO Il difficile accesso al credito delle mpmi: il ruolo dei Confidi e di FCG Una nuova politica della garanzia Le proposte di Fedart Fidi per la nuova programmazione attraverso l innovazione: un supporto per lo sviluppo dei territori

3 IL CREDIT CRUNCH CONCENTRATO SULLE mpmi LA CONTRAZIONE DEL CREDITO AUMENTA AL DIMINUIRE DELLE DIMENSIONI D IMPRESA Tutte le imprese PMI Microimprese -6,9% -12,1% -17,7%

4 IL CREDITO AL TOTALE DELLE IMPRESE E AL COMPARTO ARTIGIANO Il credito al comparto artigiano registra un trend sempre penalizzante rispetto al totale delle imprese salvo nel 2010 Nel 2015 il credito riprende a crescere per il totale delle imprese ma non per il comparto artigiano

5 ALLARME PER UN PROGRESSIVO CREDIT CRUNCH Marcata espansione dei debiti delle mpmi Esplosione delle sofferenze Basilea III: penalizzazione del credito alle mpmi e politiche bancarie di riduzione dell'erogazione di credito Vigilanza europea: accesso al credito sempre più "formalmente" complesso Concentrazione del credito sulle imprese migliori DIVARICAZIONE Concentrazione del credit crunch sulle imprese minori Centralità dei Confidi a sostegno delle mpmi durante la crisi Le risorse immesse nel sistema economico dalla BCE non arrivano alle mpmi La stretta creditizia è destinata a una progressione sulle piccole imprese

6 IL FLUSSO DI FINANZIAMENTI GARANTITI DAI CONFIDI / FCG (mld. ) EFFETTO SPIAZZAMENTO DELLA GARANZIA DIRETTA SULLA CONTROGARANZIA Confidi Confidi (valori stimati) FCG FCG (valori stimati) 9,8 mld. +69,5% 2 mld. -8,4%

7 CRITICITÀ NELL ATTUALE MODELLO DI FUNZIONAMENTO DI FCG Esclude le imprese sane ma in temporanea difficoltà e ammette quelle che potrebbero accedere al credito anche autonomamente o quelle in presofferenza: evoluzione verso un sistema di rating Crea disparità di accesso e di coperture tra garanzia diretta e controgaranzia (80% contro 64%) Non consente una ottimale allocazione delle risorse pubbliche a causa di accantonamenti indifferenziati Si pone in concorrenza con il sistema privato della garanzia e con altri strumenti pubblici di agevolazione (Fondo antiusura), con un costo mitigato della garanzia in quanto finanziata dal pubblico

8 INTERROGATIVI SULLA ATTUALE POLITICA PUBBLICA PER LA GARANZIA Il mercato del credito da solo non funziona più e deve essere orientato attraverso azioni di politica economica Definire una politica pubblica in materia di garanzia per favorire l accesso al credito delle mpmi che sia organica e razionale Individuare una efficiente allocazione delle risorse pubbliche destinate alla garanzia che realizzino la leva più elevata Delineare un nuovo e più sinergico schema di integrazione tra le garanzie, attraverso il fondamentale contributo del Fondo Centrale Favorire il protagonismo e l integrazione nell ambito delle politiche regionali Obiettivo: facilitare l accesso al credito delle mpmi attraverso una efficace politica pubblica della garanzia

9 L EVOLUZIONE DELLA FILIERA DELLA GARANZIA RETAIL OGGI Elevata frammentazione degli attori con sovrapposizione di ruoli e forme tecniche PROPOSTA DI EVOLUZIONE Tre livelli funzionali: 3 pilastri della garanzia e distinzione tra operatori e sostenitori

10 I CONFIDI PER IL SOSTEGNO DELLE mpmi GARANZIA: BENE PUBBLICO PER FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO Valorizzare i fattori distintivi dei Confidi Mutualità Sussidiarietà Strumento del mondo Strumento per veicolare alle mpmi della rappresentanza per il sostegno le azioni di politica industriale reciproco tra imprenditori Risorse private + Contribuzione delle imprese dei soggetti pubblici Sinergia pubblico-privata per lo sviluppo economico e sociale dei territori

11 I CONFIDI PARTNER DELLE REGIONI PER IL SOSTEGNO DELLE mpmi LA FUNZIONE DEI CONFIDI Attrattori delle risorse private delle imprese nel circuito della garanzia Attrattori delle risorse provenienti dalla U.E. Organizzatori e ottimizzatori nell uso delle risorse territoriali Gestori degli strumenti di ingegneria finanziaria Confidi efficienti che rappresentano un vantaggio per le Regioni nell utilizzo delle risorse comunitarie

12 EQUITY CREDITO CONSULENZA FINANZIARIA L APPROCCIO: LE ESIGENZE DELLE mpmi E LE POSSIBILI RISPOSTE BISOGNI PMI IL FUTURO DELL OFFERTA Garanzia fidi PRODOTTI Tradizionale Innovativa (Tranched Cover) Piccolo credito Finanza a km 0 Mutuo chirografario di piccolo importo Garanzia alla patrimonializzazione Crowdfunding Consulenza finanziaria Mentorship e coaching finanziario Temporary management

13 A. GARANZIA LA STRATEGIA: I POSSIBILI STRUMENTI DI INTERVENTO Tradizionale Innovativa 1. Patrimonializzazione diretta 2. Contribuzione ai fondi rischi 3. Fondi di riassicurazione 4. Garanzie Tranched Cover 5. Decreto Bassanini parziale/portafogli B. ALTERNATIVE AL CREDITO BANCARIO C. PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE mpmi 6. Credito di piccolo importo 7. Lending Crowdfunding 8. Equity Crowdfunding 9. Garanzie su operazioni di patrimonializzazione

14 A 1. PATRIMONIALIZZAZIONE DIRETTA DESCRIZIONE Efficace modalità di sostegno, che accresce il volume di garanzie dei Confidi, garanzie che auspichiamo a breve saranno di nuovo eligibili ai fini di Basilea 3 Con risorse proprie delle imprese socie: l espressione della mutualità, che incrementa la leva delle risorse pubbliche per il sostegno dell accesso al credito Con la contribuzione dei soggetti pubblici: in ragione della sussidiarietà del sistema e del suo ruolo di strumento operativo delle azioni di politica economica RUOLO POTENZIALE DEI SOGGETTI PUBBLICI Partecipazione diretta al capitale sociale dei Confidi Forme di contribuzione computabili nel Patrimonio di Vigilanza Strumenti ibridi di patrimonializzazione e passività subordinate

15 A 2. CONTRIBUZIONE AI FONDI RISCHI DESCRIZIONE Incremento dei fondi rischi dei Confidi a copertura delle sofferenze subite Patrimonializzazione indiretta in quanto riduce l impiego del patrimonio proprio dei Confidi Può prevedere varie tipologie di vincoli per destinare le risorse alla copertura di rischi specifici (non computabile nel PV) RUOLO POTENZIALE DEI SOGGETTI PUBBLICI Erogazione di contributi destinati a incrementare i fondi rischi dei Confidi Assegnazione ai Confidi di fondi rischi come fondi di terzi in gestione

16 A 3. COSTITUZIONE DI FONDI DI RIASSICURAZIONE DESCRIZIONE Parziale copertura del rischio assunto dal Confidi in caso di default dell impresa Per favorire la concessione di garanzie più evolute a prima richiesta volte a meglio sostenere l accesso al credito e alla finanza delle mpmi Consente di trasformare fondi monetari "cappati" non eligibili in garanzie che generano riduzione degli assorbimenti patrimoniali per le banche IRB Advanced RUOLO POTENZIALE DEI SOGGETTI PUBBLICI Utilizzo di fondi pubblici monetari non eligibili Per operazioni a favore di imprese non ammissibili a FCG Assegnazione ai Confidi di fondi di riassicurazione come fondi di terzi in gestione

17 A 4. GARANZIE TRANCHED COVER DESCRIZIONE Operazione di cartolarizzazione sintetica che, attraverso la suddivisione del portafoglio in Tranche con diversa seniority, trasferisce quote di rischio di un portafoglio di crediti dal soggetto erogatore (banca) a uno o più soggetti garanti (Confidi, Enti locali, Fondo Centrale di Garanzia) Trasferimento del rischio in funzione della dimensione delle Tranche Junior e Mezzanine e dalla parte delle stesse garantita rispetto alle perdite attese sul portafoglio di finanziamenti RUOLO POTENZIALE DEI SOGGETTI PUBBLICI Messa a disposizione dei Confidi di risorse finanziarie utilizzate per la copertura delle prime o seconde perdite di un portafoglio cartolarizzato, favorendo l integrazione tra più soggetti garanti

18 A 4. VINCOLI E VANTAGGI DELLA TRANCHED COVER Condizioni di efficacia dell operazione per tutti i soggetti, in primis per le mpmi: Dimensionamento congruo e coerente della Junior e Mezzanine Tranche che consenta di ammettere al portafoglio le imprese della "fascia grigia" Applicazione di condizioni vantaggiose per le imprese tenuto conto dei rilevanti vantaggi in termini di assorbimento patrimoniale e perdite su crediti delle banche Supporto per l'accesso al credito a un più ampio numero di imprese e di finanziamenti rispetto all'operatività tradizionale Utilizzo in filiera di risorse private (mpmi e Confidi) e pubbliche (locali, nazionali ed europee) in modo efficiente

19 A 5. L OPERATIVITÀ DI FCG IN SOLA CONTROGARANZIA (1 di 2) DECRETO BASSANINI PARZIALE D. Lgs. n. 112/98 art. 18 lett. r) OBIETTIVO Estendere l operatività esclusiva in controgaranzia per favorire l utilizzo a livello regionale delle risorse di FCG a supporto dell accesso al credito delle mpmi, più soggette al credit crunch, ottimizzando l uso delle risorse pubbliche e potenziando la leva APPLICAZIONE PARZIALE Limitata ai soli finanziamenti di minore importo al di sotto un valore massimo a discrezione delle singole Regioni Immediatamente applicabile a seguito della richiesta delle Regioni alla Conferenza Unificata

20 A 5. I VANTAGGI DELL OPERATIVITÀ DI FCG IN CONTROGARANZIA Ampliamento del perimetro delle imprese supportate nell accesso al credito dalla garanzia a ponderazione zero Incremento, a parità di risorse, dell'operatività della filiera grazie alla maggiore liberazione di capitale nelle banche e nei Confidi (ponderazione zero) e al coinvolgimento di risorse private (sussidiarietà) Migliore allocazione delle risorse pubbliche grazie alla minore rischiosità dei finanziamenti assistiti da garanzia del Confidi Benefici in termini di mitigazione del rischio e di attenuazione degli assorbimenti patrimoniali sia per la banca sia per i Confidi Assistenza finanziaria di base del Confidi e migliore pricing per le mpmi Frazionamento del rischio e minore incidenza delle sofferenze

21 5. CONTROGARANZIA E GARANZIA DIRETTA: TUTTA A FAVORE DELLE BANCHE A CONTROGARANZIA Nell interesse delle mpmi A favore delle banche La disintermediazione non avvantaggia il sistema Paese Equivoco concettuale I Confidi non possono essere equiparati alle banche: i primi rilasciano garanzie, le seconde erogano finanziamenti

22 B 6. CREDITO DI PICCOLO IMPORTO DESCRIZIONE Modalità operativa differente e complementare rispetto alla concessione della garanzia per contribuire a superare il credit crunch concentrato sulle mpmi A integrazione dell attività svolta delle banche a favore delle mpmi, che risulta in progressivo decremento in quanto ritenuta non più conveniente Nelle tre forme di credito diretto, credito a plafond e full outsourcing RUOLO POTENZIALE DEI SOGGETTI PUBBLICI Assegnazione di risorse finanziarie (c.d. "provvista agevolata") ai Confidi finalizzate alla concessione di finanziamenti (mutui chirografari) di piccolo importo (fondi rotativi)

23 B 7. LENDING CROWDFUNDING DESCRIZIONE Raccolta di risorse da parte di investitori privati utilizzando piattaforme web, per finanziare progetti imprenditoriali o iniziative di diverso genere Vero e proprio finanziamento da parte di soggetti privati per il quale questi ultimi ricevono un compenso sotto forma di interessi RUOLO POTENZIALE DEI SOGGETTI PUBBLICI Partecipazione con una quota di finanziamento integrativa della provvista raccolta sulla piattaforma Raggiungimento di una più ampia platea di imprese che oggi ha difficoltà ad accedere agli strumenti finanziari disponibili RUOLO POTENZIALE DEI CONFIDI Contatto e valutazione commerciale dei soggetti potenzialmente interessanti, consulenza, tutoraggio, garanzia Partnership con le piattaforme oggi esistenti

24 C 8. EQUITY CROWDFUNDING DESCRIZIONE Raccolta di risorse da parte di investitori privati utilizzando piattaforme web, per partecipare al capitale di imprese finalizzata a finanziare progetti imprenditoriali Investimento diretto nel capitale di rischio dell impresa, con l acquisizione dei relativi diritti patrimoniali e amministrativi e relativa remunerazione RUOLO POTENZIALE DEI SOGGETTI PUBBLICI Partecipazione con una quota di investimento diretto in capitale di rischio Raggiungimento di una più ampia platea di imprese che oggi ha grandi difficoltà ad accedere agli strumenti di capitalizzazione presenti sul mercato Contributo al superamento dei vincoli normativi che limitano l intervento a start up e imprese innovative RUOLO POTENZIALE DEI CONFIDI Prima valutazione dei soggetti potenzialmente interessanti, consulenza, tutoraggio, garanzia

25 C 9. IL GAP DI PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE PMI ITALIANE "Finanza a km 0" IL GAP DI PATRIMONIALIZZAZIONE Strutturale sotto-patrimonializzazione delle mpmi Difficoltà di accesso al mercato del capitale di rischio Conseguente impossibilità per la maggior parte delle PMI di fare il "salto" dimensionale OPPORTUNITÀ PER I CONFIDI Possibilità di partecipare al capitale o garantire interventi fino all 1% dei mezzi propri del Confidi per ogni singola mpmi (Circolare BI n. 288/2015) Soggetti promotori e organizzatori della costruzione di questa proposta a favore dell impresa: organizzazione, attivazione e promozione

26 C 9. IL GAP DI PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE PMI ITALIANE "Finanza a km 0" DESCRIZIONE "Finanzia a km 0": intervento dei Confidi per ridurre il gap di patrimonializzazione delle PMI, che contribuisce a ostacolarne lo sviluppo e anche l accesso al credito bancario Incentrato sulla promozione delle interazioni tra soggetti del circuito familiare, e/o dello stesso territorio e/o della filiera produttiva Finalizzato alla tutela del soggetto privato in caso di manifestazione di perdite sull'investimento equity RUOLO POTENZIALE DEI SOGGETTI PUBBLICI Costruzione di strumenti di garanzia alla patrimonializzazione a valere su fondi europei con la nuova programmazione regionale

27 CONCLUSIONI Fin dall avvio della crisi il sistema dei Confidi sta sostenendo uno sforzo considerevole per agire con efficacia a favore del sistema delle mpmi. Oggi è giunto a una fase di svolta, in quanto stanno venendo meno i presupposti per un suo corretto funzionamento I Confidi si propongono quale partner privilegiato dei soggetti pubblici per lo sviluppo dei territori e delle imprese Il sistema è impegnato in una intensa azione di efficientamento e innovazione dell offerta per rispondere al meglio alle esigenze delle mpmi Non è più rinviabile la definizione di una politica pubblica in materia di garanzia, basata su una vera sinergia pubblico-privata ai diversi livelli tra tutti gli attori (integrazione tra diverse garanzie) con ruoli definiti quale indispensabile supporto per l accesso al credito e alla finanza delle imprese

28 GRAZIE PER L ATTENZIONE Leonardo Nafissi

INCENTIVI NAZIONALI ED EUROPEI PER AMPLIARE L ACCESSO AL CREDITO

INCENTIVI NAZIONALI ED EUROPEI PER AMPLIARE L ACCESSO AL CREDITO Convegno "Credito al Credito 2015" INCENTIVI NAZIONALI ED EUROPEI PER AMPLIARE L ACCESSO AL CREDITO Leonardo Nafissi Roma, 25 novembre 2015 IL DIFFICILE ACCESSO AL CREDITO DELLE mpmi IL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

RICERCA ANNUALE PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013

RICERCA ANNUALE PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013 RICERCA ANNUALE PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013 CONTESTO EUROPEO DI RIFERIMENTO L INCIDENZA DEI CONFIDI ITALIANI NEL CONTESTO EUROPEO Imprese socie Garanzie

Dettagli

CONFIDI E DEL FONDO DI GARANZIA NEL NUOVO CONTESTO NORMATIVO Leonardo Nafissi Roma, 17 giugno 2014

CONFIDI E DEL FONDO DI GARANZIA NEL NUOVO CONTESTO NORMATIVO Leonardo Nafissi Roma, 17 giugno 2014 IL RIPOSIZIONAMENTO DEL SISTEMA DEI CONFIDI E DEL FONDO DI GARANZIA NEL NUOVO CONTESTO NORMATIVO Leonardo Nafissi Roma, 17 giugno 2014 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO Il difficile accesso al credito per

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

L ESEMPIO ITALIANO DELLE GARANZIE PER LE PMI: IL SISTEMA DEI CONFIDI. Leonardo Nafissi Palermo, 20 giugno 2014

L ESEMPIO ITALIANO DELLE GARANZIE PER LE PMI: IL SISTEMA DEI CONFIDI. Leonardo Nafissi Palermo, 20 giugno 2014 L ESEMPIO ITALIANO DELLE GARANZIE PER LE PMI: IL SISTEMA DEI CONFIDI Leonardo Nafissi Palermo, 20 giugno 2014 I Confidi: chi sono ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO I Confidi: soggetti al fianco delle imprese

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONFIDI IN ITALIA

IL SISTEMA DEI CONFIDI IN ITALIA Convegno Dedagroup IL SISTEMA DEI CONFIDI IN ITALIA Giuseppe Villa Assoconfidi - Italia Milano, 18 novembre 2014 L ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO Il sistema dei Confidi in Italia e nel contesto europeo

Dettagli

Tranched Coverd e nuovi strumenti finanziari della U.E. Venerdì 25 settembre 2015

Tranched Coverd e nuovi strumenti finanziari della U.E. Venerdì 25 settembre 2015 Tranched Coverd e nuovi strumenti finanziari della U.E. Venerdì 25 settembre 2015 Agenda Premessa L esperienza della Regione Puglia 2007-2013 in materia di SF La Programmazione 2014-2020 2 Agenda Premessa

Dettagli

IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE?

IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE? IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE? II Forum annuale sulla Finanza d impresa Gli strumenti per affrontare la crisi e sostenere la crescita delle PMI Prato, 23 aprile 2009 Email: a.doti@centrofiditerziario.it

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

Finanza per le pmi, credito, garanzie

Finanza per le pmi, credito, garanzie Finanza per le pmi, credito, garanzie Seminario Confcooperative Sardegna Accesso al Credito e Capitalizzazione Riccardo Barbieri DG Fidicoop Sardegna Cagliari, 26 febbraio 2015 (sez 2) primi segni di ripresa,

Dettagli

Convention Fedart Fidi DALLA CRISI AL RIORDINO DEL SISTEMA CONFIDI. Silvio D Amico

Convention Fedart Fidi DALLA CRISI AL RIORDINO DEL SISTEMA CONFIDI. Silvio D Amico Convention Fedart Fidi DALLA CRISI AL RIORDINO DEL SISTEMA CONFIDI 24-25-26 settembre 2015 Quali prospettive tra innovazione, nuove opportunità e riforme strutturali Silvio D Amico Venerdì, 25 settembre

Dettagli

COFITER «Crescere e competere con il contrato di Rete»

COFITER «Crescere e competere con il contrato di Rete» COFITER «Crescere e competere con il contrato di Rete» Bologna, 28 gennaio 2015 INDICE COFITER «I nostri valori» Opportunità e nuovi prodotti Progetto «Cofiter con i Confidi per l Emilia Romagna» 2 Cofiter

Dettagli

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi «Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi #1] Premessa, scenario #2] Missione: «Confidi 2.0» #3] Sintesi delle nuove attività Milano, Lunedi 5 ottobre 2015 Leonardo Marseglia - Fidicomet Milano 1 Premessa

Dettagli

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA MEMORIA DI GIUNTA Linee guida per il più efficace utilizzo degli strumenti di Ingegneria Finanziaria per favorire l accesso al credito delle P.M.I. del Lazio 1) PREMESSA I Fondi di Ingegneria Finanziaria

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 novembre 2015, n. 2063

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 novembre 2015, n. 2063 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 159 del 15 12 2015 51165 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 novembre 2015, n. 2063 PO FESR 2007/2013 Asse VI. Linea di intervento 6.1 Azione 6.1.13 Fondo

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico LE NOVITA NORMATIVE E LA COLLABORAZIONE DEI CONFIDI CON IL FONDO CENTRALE DI GARANZIA Quale ruolo per i confidi nel nuovo contesto di mercato? Milano, 10 ottobre 2014

Dettagli

La gestione del portafoglio titoli di un Confidi: soluzioni per ottimizzare il rapporto rendimento/rischio

La gestione del portafoglio titoli di un Confidi: soluzioni per ottimizzare il rapporto rendimento/rischio La gestione del portafoglio titoli di un Confidi: soluzioni per ottimizzare il rapporto rendimento/rischio Firenze, 27 febbraio 2014 Prof. Lorenzo Gai Agenda Le operazioni di tranched cover Ottimizzazione

Dettagli

Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche. * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese

Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche. * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese Francesca Brunori Confindustria Area Fisco, Finanza e Welfare

Dettagli

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Interventi In vigore dal Innovazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Finanziamenti per progetti di R&S 26 giugno

Dettagli

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Angelo Camilli COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Linee di indirizzo 17 dicembre 2012 Scenario L offerta di credito nel Lazio si riduce progressivamente Il tasso di crescita dei prestiti alle imprese,

Dettagli

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE Direzione Generale Lotta alla Contraffazione

Dettagli

Il finanziamento delle Pmi: nuove soluzioni per un vecchio problema

Il finanziamento delle Pmi: nuove soluzioni per un vecchio problema Il finanziamento delle Pmi: nuove soluzioni per un vecchio problema Intervento di Mario Comana Ordinario di Economia degli intermediari finanziari, LUISS Guido Carli, Roma Scaletta La difficoltà di accesso

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015

Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015 Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015 La garanzia Lo strumento finanziario della garanzia è finalizzato a produrre effetti di mitigazione

Dettagli

I programmi di garanzia europei. Firenze, 27 febbraio 2014

I programmi di garanzia europei. Firenze, 27 febbraio 2014 I programmi di garanzia europei Firenze, 27 febbraio 2014 Programmi europei 2014-2010 > Programmi della Commissione europea - SME Guarantee Facility (COSME) - HORIZON 2020 (Innovation) - Microfinanza (garanzie/finanziamenti)

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto 2 Veneto Sviluppo: la Finanziaria della Regione del Veneto Istituita con Legge Regionale n. 47 del 1975 LA MISSION: FAVORIRE CRESCITA SISTEMA

Dettagli

Regioni e sistema creditizio. Roma, 2 dicembre 2014

Regioni e sistema creditizio. Roma, 2 dicembre 2014 Regioni e sistema creditizio Roma, 2 dicembre 2014 LE ESPERIENZE REGIONALI Puglia Sviluppo S.p.A. Chi siamo È una società per azioni soggetta all attività di direzione e controllo dell unico socio Regione

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Confidi e politiche pubbliche, il ruolo decisivo dell analisi

Confidi e politiche pubbliche, il ruolo decisivo dell analisi I Confidi in Italia Rapporto 2014 dell Osservatorio permanente sui Confidi del Comitato Torino Finanza Confidi e politiche pubbliche, il ruolo decisivo dell analisi Salvatore Vescina Nucleo di Valutazione

Dettagli

CONFIDI, RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Foggia, 27 Maggio 2011

CONFIDI, RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Foggia, 27 Maggio 2011 CONFIDI, RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Foggia, 27 Maggio 2011 TAVOLA ROTONDA Prof. Pasqualina Porretta, Università degli Studi La Sapienza, Roma IL RUOLO DEI CONFIDI NEL SOSTEGNO

Dettagli

UN NUOVO RUOLO PER I CONFIDI A SOSTEGNO DELLE mpi NEL QUADRO DELLA RIFORMA DEL FONDO CENTRALE DI GARANZIA

UN NUOVO RUOLO PER I CONFIDI A SOSTEGNO DELLE mpi NEL QUADRO DELLA RIFORMA DEL FONDO CENTRALE DI GARANZIA Convention Fedart Fidi UN NUOVO RUOLO PER I CONFIDI A SOSTEGNO DELLE mpi NEL QUADRO DELLA RIFORMA DEL FONDO CENTRALE DI GARANZIA Leonardo Nafissi Ischia, 21 ottobre 2016 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO Le

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

GLI STRUMENTI ISMEA PER L ACCESSO AL CREDITO. www.ismea.it www.ismeaservizi.it

GLI STRUMENTI ISMEA PER L ACCESSO AL CREDITO. www.ismea.it www.ismeaservizi.it GLI STRUMENTI ISMEA PER L ACCESSO AL CREDITO www.ismea.it www.ismeaservizi.it ISMEA L ISMEA è un Ente Pubblico Economico vigilato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Mipaaf)

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore FORUM PERMANENTE SUL CREDITO E LA FINANZA II^ CONFERENZA REGIONALE SUL CREDITO E LA FINANZA PER LO SVILUPPO Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE La struttura giuridica delle convenzioni vigenti ante Basilea 2 Negli ultimi trent anni la struttura giuridica delle convenzioni stipulate tra

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

Finanziati e coccolati

Finanziati e coccolati House And Money Il mercato dei finanziamenti Il lungo periodo recessivo ha impattato sul sistema bancario determinando un restringimento delle politiche di credito e quindi una maggiore difficoltà da parte

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Elisabetta Gualandri Facoltà di Economia Marco Biagi Università degli studi di Modena

Dettagli

Strategie della Regione Lazio in tema di garanzie. Enrico A. Pedretti

Strategie della Regione Lazio in tema di garanzie. Enrico A. Pedretti Strategie della Regione Lazio in tema di garanzie Enrico A. Pedretti Politiche regionali in materia di garanzie La Regione Lazio ha fatto della garanzia uno degli strumenti chiave per il sostegno al tessuto

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

Crisi finanziaria e accesso al credito

Crisi finanziaria e accesso al credito Crisi finanziaria e accesso al credito 13 novembre 2008 Elio Schettino Direttore Area Fiscalità, Finanza e Diritto d Impresa Confindustria Banca d Italia d Indagine congiunturale sulle imprese industriali

Dettagli

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa I Settori d Intervento La carta dei servizi dedicati La carta dei prodotti Gli interventi

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE PMI IN PARTICOLARE Dott. Bernardino Bottalico Corporate Finance Manager www.fabfinance.eu info@fabfinance.eu +39 080 4421007 PREMESSA

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Quasi un

Dettagli

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Linee guida Piano Strategico 2014-16 1 Semplificare il modello di business, ridurre l esposizione al comparto azionario 2 Confermare

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA 0 Economia reale e monetaria REGOLE REGOLE BANCA Concorrenza IMPRESA Comunicazione Competenze Mercati creditizi e finanziari Tecnologia 1 REGOLE.. IAS/IFRS BASILEA 2 2.. ASPETTI Autonomia Interdipendenza

Dettagli

Banche e imprese italiane nel credit crunch

Banche e imprese italiane nel credit crunch Convegno Una finanza per la crescita in collaborazione con CO.MO.I Group 12 giugno 2013, Milano Banche e imprese italiane nel credit crunch Angelo Baglioni Università Cattolica e REF Ricerche www.refricerche.it

Dettagli

Sostegno pubblico agli investimenti e credito: il contributo delle banche allo sviluppo rurale Lamezia Terme, 15 aprile 2014

Sostegno pubblico agli investimenti e credito: il contributo delle banche allo sviluppo rurale Lamezia Terme, 15 aprile 2014 Sostegno pubblico agli investimenti e credito: il contributo delle banche allo sviluppo rurale Lamezia Terme, 15 aprile 2014 Francesca Macioci Ufficio Crediti Associazione Bancaria Italiana Politica di

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO Politiche e strumenti di sostegno alle piccole e medie imprese Intervento del Presidente del CNEL On.

Dettagli

Alcune opportunità di accesso al credito per le Imprese

Alcune opportunità di accesso al credito per le Imprese Alcune opportunità di accesso al credito per le Imprese Focus su mutui per ricapitalizzazione aziendale e capital light Riccardo Benanti Specialista di Finanza d'impresa Commerciale Corporate Region Sicilia

Dettagli

Attivazione Fondo di Garanzia per le misure di investimento 121 123 311

Attivazione Fondo di Garanzia per le misure di investimento 121 123 311 3 - SERVIZIO INTERVENTI A SUPPORTO DELLE IMPRESE Unità Operativa 32 Credito Alle Imprese Attivazione Fondo di Garanzia per le misure di investimento 121 123 311 Palermo, 15/12/2010 Utilizzo del Fondo di

Dettagli

La congiuntura economica e finanziaria e il finanziamento delle piccole imprese

La congiuntura economica e finanziaria e il finanziamento delle piccole imprese La congiuntura economica e finanziaria e il finanziamento delle piccole imprese Valerio Vacca Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria Presentazione rapporto Fedart, 9 dicembre 2015 Vacca Congiuntura

Dettagli

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna Cagliari, maggio 2007 Il processo di revisione dell attuale sistema di incentivazione alle imprese in Sardegna si sviluppa a partire da alcuni obiettivi fondamentali dell azione regionale: 1. Razionalizzare

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

SIMEST. finanziaria di sviluppo pubblico-privata. privata che ha lo scopo di promuovere l internazionalizzazione delle imprese italiane.

SIMEST. finanziaria di sviluppo pubblico-privata. privata che ha lo scopo di promuovere l internazionalizzazione delle imprese italiane. FEDERCHIMICA 2a Conferenza Nazionale N.I.C. Nanotecnologie nell Industria Chimica Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Le attività di Venture Capital di SIMEST Milano 2 dicembre

Dettagli

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE Massimo Generali MPS Capital Services SpA RTI per la Gestione del Fondo di

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

il sistema delle piccole e medie imprese (PMI) costituisce uno degli assi portanti dell economia piemontese;

il sistema delle piccole e medie imprese (PMI) costituisce uno degli assi portanti dell economia piemontese; REGIONE PIEMONTE BU47 22/11/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 31 ottobre 2012, n. 45-4869 DGR n. 10-12155 del 21/9/2009 e DGR n. 24-1837 del 07/04/2011. Concessione di euro 2.000.000,00 al patrimonio

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA AGEVOLAZIONI PER LA RICOLLOCAZIONE DI EX DIRIGENTI E QUADRI, DISOCCUPATI AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE Livello Nazionale AGEVOLAZIONI

Dettagli

Specialmente nell attuale fase di crisi, la presenza del Confidi al fianco dei soggetti economici, a consolidare la fiducia verso questi ultimi, e l

Specialmente nell attuale fase di crisi, la presenza del Confidi al fianco dei soggetti economici, a consolidare la fiducia verso questi ultimi, e l DOCUMENTO CONGIUNTO Unioncamere Assoconfidi sulle politiche per l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese ***** Il sistema della garanzia è soggetto da alcuni anni a un forte processo evolutivo,

Dettagli

Agevolazioni & Incentivi Srl

Agevolazioni & Incentivi Srl Agevolazioni & Incentivi Srl Agevolazioni & Incentivi Agevolazioni & Incentivi svolge attività di consulenza e assistenza a favore delle aziende nell ambito della finanza d impresa. I nostri esperti sono

Dettagli

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Indice o La congiuntura o Il mercato immobiliare o I mercati finanziari

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Seminario informativo METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Via Luca Giordano, 13 50132 Firenze Gli strumenti di accesso

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia Il ruolo degli investitori istituzionali Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Accesso al credito delle PMI. Piano di Attività. Programma Operativo Regionale. Innovazione e transizione produttiva. Misura I.4.1 F.E.S.R.

Accesso al credito delle PMI. Piano di Attività. Programma Operativo Regionale. Innovazione e transizione produttiva. Misura I.4.1 F.E.S.R. Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva F.E.S.R. 2007/2013 Misura I.4.1 Accesso al credito delle PMI Piano di Attività Adottato in

Dettagli

Un supporto efficace al finanziamento della R & S. Carrara, 22 Ottobre 2009

Un supporto efficace al finanziamento della R & S. Carrara, 22 Ottobre 2009 Un supporto efficace al finanziamento della R & S Carrara, 22 Ottobre 2009 DRIVERS PER SUPERARE LA CRISI Sviluppo Tecnologico Finanziamenti Aggregazione Internazionalizzazione SVILUPPO TECNOLOGICO Aggregazione

Dettagli

CONVENTION ANNUALE FEDART FIDI Dalla crisi al riordino del sistema dei Confidi Castiglione della Pescaia (GR), 24-26 settembre 2015

CONVENTION ANNUALE FEDART FIDI Dalla crisi al riordino del sistema dei Confidi Castiglione della Pescaia (GR), 24-26 settembre 2015 Fax 0632650928 Tel. 063269181 www.fedartfidi.it Via Romagnosi, 1B 00196 Roma Email: info@fedartfidi.it CONVENTION ANNUALE FEDART FIDI Dalla crisi al riordino del sistema dei Confidi Castiglione della Pescaia

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3

Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3 Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3 Pietro Ceolin Responsabile Servizio Rischi di Credito Area Risk Management UBI Banca scpa

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

CONFIDI, RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E. Foggia, 27 Maggio 2011. Prof. Pasqualina Porretta, Università degli Studi La Sapienza, Roma

CONFIDI, RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E. Foggia, 27 Maggio 2011. Prof. Pasqualina Porretta, Università degli Studi La Sapienza, Roma CONFIDI, RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Foggia, 27 Maggio 2011 TAVOLA ROTONDA Prof. Pasqualina Porretta, Università degli Studi La Sapienza, Roma IL RUOLO DEI CONFIDI NEL SOSTEGNO

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Valentina Piuma mercoledì, 18 settembre 2013 G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Art. 1 Rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese La norma è

Dettagli

Misure per il credito alle PMI

Misure per il credito alle PMI Misure per il credito alle Fondo Italiano di Rafforzamento patrimoniale delle Investimento (MEF -SGR) attraverso l ingresso nel capitale da parte del Fondo. Obiettivo: sostenere aziende con piani di sviluppo

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

CONFESERFIDI - BREVI CENNI STORICI VISION CONFESERFIDI

CONFESERFIDI - BREVI CENNI STORICI VISION CONFESERFIDI CONFESERFIDI - BREVI CENNI STORICI I confidi sono nati negli anni 50 per attenuare la maggiore forza contrattuale delle banche rispetto alle micro e piccole Imprese, le quali sono costrette a pagare tassi

Dettagli