[INNOVATORE SOCIALE] [SOTTOTITOLO]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[INNOVATORE SOCIALE] [SOTTOTITOLO]"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI LINGUE E SCIENZE DELL EDUCAZIONE UNIVERSITA DELLA CALABRIA Formulario Master [INNOVATORE SOCIALE] [SOTTOTITOLO] [CHANGE MANAGER] [SUBTITLE] [Inserire titolo e sottotitolo italiano e inglese] DATA: 16 luglio 2014 Pag. 1 a 23

2 SOMMARIO 1. Dati generali Titolo Comitato Proponente Durata/N. Allievi Costo del progetto Direttore del Master Consiglio Scientifico Accordi e collaborazioni Sede didattica Obiettivo Requisiti di accesso Selezione Diagramma temporale lineare del progetto Descrizione del progetto Il Master in breve Stato dell arte Obiettivo Profilo Professionale e Sbocchi Occupazionali del Master Risultati di apprendimento attesi Metodologia Frequenza Attività didattiche Profili dei docenti coinvolti nel progetto Individuazione dei docenti interni, esterni ed esperti Elenco docenti del Master Formazione on the job, tirocini e/o redazione di progetti o di elaborati Altre risorse umane coinvolte nel progetto Pag. 2 a 23

3 2.14. Verifica, accertamento e certificazione delle conoscenze e delle competenze Azioni di monitoraggio, controllo qualità, verifica dei risultati e del raggiungimento degli obiettivi di progetto Attività di pubblicizzazione del corso e di disseminazione dei risultati Pag. 3 a 23

4 1. Dati generali 1.1. Titolo Titolo Innovatore Sociale/Change Manager Livello Primo Modalità Full time X Part time 1.2. Comitato Proponente Titolo Cognome e Nome Ruolo Prof. COSTABILE ANGELA Ordinario Dott. COSTABILE GIANCARLO Ricercatore Prof. GRECO GIOVANNELLA Ordinario Dott. PALERMITI ANNALISA Ricercatore Prof. PERFETTI SIMONA Associato Dott. SERVIDIO ROCCO Ricercatore Dott. SICILIANO WILMA Ricercatore Dott. TENUTA FLAVIANA Ricercatore 1.3. Durata/N. Allievi Durata Data avvio attività Data conclusione attività [n. 12 mesi] novembre/2014 ottobre/2015 N. allievi [n. max 40 n. min 25] N. uditori [max 10] Lezioni frontali (lezioni, esercitazioni, laboratori) FAD [n. ore 210 (n. CFU 30)] [n. ore 110 (n. CFU 10)] [n. ore 320 (n. CFU 40] Formazione on the job (tirocinio/stage) [n. ore 300 (n. CFU 12)] Redazione progetti (project work) [n. ore 75 (n. CFU 3)] Elaborato finale [n. ore 125 (n. CFU 5)] Totale ore master (lezioni frontali + studio individuale + formazione on the job + Fad + elaborato finale) = n. ore 820 (n. CFU 60) Totale ore di formazione previste nel progetto (numero dei partecipanti x ore procapite) = Pag. 4 a 23

5 1.4. Costo del progetto [ ,00] 1.5. Direttore del Master Cognome Nome Ruolo Greco Giovannella Ordinario 1.6. Consiglio Scientifico Titolo Cognome e Nome Ruolo Sede Prof. CORPOSANTO Cleto Ordinario Università Magna Graecia di Catanzaro Prof. COSTABILE Angela Ordinario Università della Calabria Dott. COSTABILE Giancarlo Ricercatore Università della Calabria Prof. DE KERCKHOVE Derrick Ordinario Università di Napoli Federico II Dott. NAPOLI Francesco Presidente CONFAPI Calabria Prof. GRECO Giovannella Ordinario Università della Calabria Prof. GRECO Sergio Ordinario Università della Calabria Prof. MUSMANNO Roberto Ordinario Università della Calabria Dott. PALERMITI Anna Lisa Ricercatore Università della Calabria Prof. PERFETTI Simona Associato Università della Calabria Dott. SERVIDIO Rocco Ricercatore Università della Calabria Dott. SICILIANO Wilma Ricercatore Università della Calabria Prof.ssa STARA Flavia Ordinario Università di Macerata Dott. TENUTA Flaviana Ricercatore Università della Calabria 1.7. Accordi e collaborazioni [Indicare eventuali accordi o collaborazioni con altri atenei o istituzioni nazionali o estere] Per le diverse attività formative previste (didattica frontale, FAD, formazione on the job), il master si avvale di una rete di collaborazioni formalizzate con lettere d intenti e convenzioni (di cui si allega copia). In particolare, per la formazione on the job, il master è supportato dalle seguenti strutture: Liaison Office Università della Calabria, una struttura dell Ateneo che supporta il finanziamento e la valorizzazione della ricerca scientifica, nonché l avvio di partenariati tecnologici. Confapi, la confederazione italiana della piccola e media industria privata, nata nel 1947, che rappresenta oggi gli interessi di oltre imprese manufatturiere, con 2,3 milioni di dipendenti. Pag. 5 a 23

6 Si tratta di una parte sociale riconosciuta a livello nazionale che, in quanto tale, svolge funzione di rappresentanza della piccola e media impresa italiana nei confronti delle istituzioni pubbliche. Per espletare tale funzione, che prevede interventi di consultazione, progettazione e programmazione nell ambito di organismi tecnici e politici, Confapi è presente con propri rappresentanti in istituzioni, enti e organi della Pubblica Amministrazione italiana. A livello regionale, Confapi è organizzata in Federazioni e, a livello provinciale, in sedi territoriali riconosciute come Api. Confapi Calabria, un Associazione datoriale della Confapi, che opera nel territorio regionale calabrese. Valle del Marro Libera Terra, una Cooperativa sociale supportata da Libera, nata nel 2004 per gestire i terreni confiscati sulla Piana di Gioia Tauro e costituire una cooperativa agricola di produzione di prodotti biologici all interno della quale lavorano soggetti svantaggiati. Attualmente, Valle del Marro gestisce anche progetti educativi nelle scuole, campi di volontariato e iniziative orientate alla diffusione della legalità e della lotta alle mafie. Inoltre, offre servizi di Turismo Etico e Responsabile: Ostello della gioventù, Ristorante Etico e Sociale, Bottega biologica. Ciò dimostra la sua capacità di innovarsi, fare rete e valorizzare le specificità del territorio, trasformando il vivere in una terra di mafia in una occasione per costruire, in modo partecipato e inclusivo, nuove prospettive per il presente e per il futuro. Officina creativa, una Cooperativa sociale non a scopo di lucro, fondata nel 2007 da Luciana Delle Donne che ha ideato il marchio Made in carcere, con l obiettivo di diffondere la seconda opportunità per le detenute e la doppia vita per i tessuti. ANITI, una Impresa sociale che gestisce il progetto RisorgiMenti Lab, finanziato dal MIUR. La Piattaforma Risorgimenti.Lab, facilmente configurabile e adattabile in funzione delle specificità progettuali, supporta tutte le fasi del ciclo di vita di un Progetto di Innovazione Sociale: dalla progettazione partecipata, al finanziamento attraverso strumenti di finanza (anche alternativi), alla realizzazione e gestione attraverso strumenti di coworking. Comunità Progetto SUD. La Comunità Progetto Sud è un aggregato di gruppi autogestiti, di famiglie aperte e di servizi, laboratori artistico artigianali, ed altre iniziative di solidarietà, di condivisione, di accoglienza, organizzati in forme associative e cooperative. Essa sorge con l intento di costruire risposte concrete per alcuni handicappati, che hanno espresso l intenzione di fare comunità ed il bisogno di lottare insieme per offrire molteplici e differenti alternative al rimanere rinchiusi in casa o al venire deportati in istituti del nord. Fondazione Attilio ed Elena GIULIANI ONLUS. La fondazione è una organizzazione non lucrativa di utilità sociale. Tra le sue finalità essa promuove e sostiene progetti di ricerca scientifica di interesse sociale e opera nei settori della beneficienza, dell istruzione e della formazione promuovendo studi, ricerche, convegni e seminari al fine di diffondere la cultura e l arte Sede didattica Le attività didattiche si svolgeranno nelle aule del Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione (LiSE) Università della Calabria Obiettivo [Definire sinteticamente gli obiettivi del corso] Obiettivo centrale del Master è promuovere la formazione di una figura professionale altamente qualificata, dotata di solide conoscenze e competenze, capace di operare nel campo dell innovazione sociale con un approccio cross sector Requisiti di accesso [Indicare i titoli di studio e altri titoli valutabili ai fini dell ammissione] Pag. 6 a 23

7 Possono presentare domanda di ammissione al master coloro che, alla data di scadenza della presentazione della stessa, sono in possesso di un titolo di laurea di primo e/o secondo ciclo. Potrà essere ammesso alla selezione il candidato che indicherà, con data certa, il conseguimento del titolo richiesto entro trenta giorni dalla scadenza della domanda di partecipazione. In quest ultima ipotesi, il conseguimento del titolo sarà confermato al momento dell iscrizione, pena l esclusione dalla graduatoria e il conseguente scorrimento della stessa. Potrà essere ammesso alla selezione il candidato in possesso di un titolo di laurea conseguito all estero, riconosciuto idoneo dal Consiglio Scientifico ai fini dell iscrizione al corso medesimo. Il numero dei partecipanti al corso è massimo 40 e minimo 25. La quota di iscrizione è pari a L iscrizione al master è incompatibile con l iscrizione ad altri corsi di studio che prevedano il conseguimento di crediti Selezione [Indicare i criteri, i tempi e le modalità di valutazione dei candidati ai fini della selezione] Nel caso in cui il numero delle domande superi il numero dei posti disponibili, si procederà a formulare una graduatoria di merito sulla base del voto di laurea conseguito. Saranno ammessi al master coloro che, comunque, rientrano nel numero di posti stabiliti. In caso di parità di punteggio precederà in graduatoria il candidato più giovane d età. La Commissione che valuterà le domande di ammissione sarà composta dal Direttore del master e da due docenti nominati dal Consiglio Scientifico Diagramma temporale lineare del progetto (Tabella 1): FASI MESI Attività preliminari e selezione allievi X Formazione in aula (210 ore) X X X X X X X FAD (110 ore) X X X X X X X X Formazione on the job (300 ore) X X X X X X X X Redazione progetti (75 ore) X X X X X X Verifiche finali e certificazione attività X X X X X X X X Pubblicità corso e disseminazione risultati X X X Tabella 1 Diagramma temporale lineare del progetto. 2. Descrizione del progetto 2.1. Il Master in breve [Abstract del Master italiano e inglese] L Unione Europea definisce l innovazione sociale come «un innovazione che è sociale tanto nelle sue finalità che nei suoi mezzi. Più specificatamente, l innovazione sociale è un insieme di nuove idee (prodotti, servizi Pag. 7 a 23

8 e modelli) che rispondono a bisogni sociali in maniera più efficace di altri e al contempo creano nuove interazioni e collaborazioni sociali». Si tratta di un approccio culturale cross sector che può fare la differenza in un Paese come l Italia che stenta ancora a fare sistema, ovvero a costruire nuove interazioni e collaborazioni sociali puntando sulle professionalità connesse e sul loro potenziale occupazionale. Gli antecedenti di tale approccio, nel nostro Paese, si possono individuare in esperienze come quelle di sviluppo locale partecipativo di Dolci e Barbera, negli anni 60, o nel potenziale socialmente innovativo delle prime cooperative sociali di integrazione lavorativa che, alla fine degli anni 70, dopo la chiusura dei manicomi (legge Basaglia), impiegano i pazienti psichiatrici per creare ostelli e circuiti turistici. A livello internazionale, si possono citare a titolo di esempio le esperienze di bilancio comunale partecipativo in Brasile, negli anni 90. In Europa, si può fare menzione delle prime esperienze degli HUB in UK e California. La novità attuale consiste, principalmente, nella gestione digitale delle relazioni partecipative che permettono l abbattimento dei costi di management delle transazioni e, quindi, una partecipazione crowd a costo di intermediazione quasi zero. Tuttavia, se la digitalizzazione costituisce oggi un asset immancabile di qualsiasi progetto di Social Innovation, non si può evitare di menzionare altri fattori che contribuiscono al suo sviluppo. La voglia di disintermediazione e di economia collaborativa sharing e smart sta diventando un fenomeno di massa, favorito dalle piattaforme digitali e dalle App, che tende a svilupparsi anche in alternativa ai tradizionali poteri forti (Banche/Finanza vs Crowdfunding/Social Finance), per tradizione detentori e a coinvolgere i cittadini nell autorganizzazione e nel sostegno reciproco. Vari attori di diversi settori stanno assumendo l innovazione sociale come paradigma di riferimento della propria azione, individuando in essa il miglior modo per produrre cambiamento sociale, in quanto obbliga gli attori a sedersi intorno al tavolo dei bisogni sociali e a stabilire nuove relazioni e collaborazioni per risolvere i problemi attraverso le migliori soluzioni. In questa logica, dunque, non solo il Terzo Settore, i Sindacati e il Pubblico, fino a oggi gli unici candidati alla risoluzione dei problemi sociali, ma tutti gli attori sono co responsabili nella co progettazione di soluzioni innovative. Negli ultimi anni, l innovazione sociale si è posta all attenzione europea grazie, soprattutto, all impegno di Young Foundation, SIX Social Innovation Exchange e Nesta, l agenzia Inglese per la Social Innovation; un impegno che è stato rapidamente recepito da parte della Commissione Europea la cui programmazione (Europa 2020) è tesa a favorire l innovazione non più solo tecnologica ma, anche, sociale con programmi quali EaSI, Social Business Initiative, Smart Cities, Horizon 2020 e, più in generale, a promuovere e sostenere un approccio trasversale. Il progressivo passaggio, nel pubblic procurement, dal bando di gara alla social competition creativa rientra in questo trend che mira ad avvantaggiare chi ha idee piuttosto che clientele. Da tali considerazioni nasce l idea del Master di primo livello in Innovatore Sociale/Change Manager, proposta dall area di ricerca Processi socio psico pedagogici, comunicazione e gestione delle risorse umane del Dipartimento di Lingue e Scienze dell educazione dell Università della Calabria. La proposta si basa preliminarmente sulla consapevolezza che, senza una formazione adeguata, chi voglia fare progetti innovativi rischia di fare soltanto progetti nuovi all interno di vecchi paradigmi, di solito autoreferenziali e solo strumentalmente partecipativi e, secondariamente, sulla scelta di fornire un approccio cross sector a quanti già lavorino o intendano trovare occupazione nei settori della Social Innovation offrendo, a fronte di sicure prospettive occupazionali, un programma formativo molto strutturato che, oltre a solide conoscenze e competenze, offre relazioni sul mercato, profili professionali certificati, bacini dinamici di esperienza, stage sul campo e coaching per lo start up. Contaminando mondi come quello del non profit italiano, forse un po invecchiato ma ricco di radici, esperienze e relazioni, con quello dei giovani startuppers, ricchi di idee ma spesso evanescenti e poco solidi e con i rami verdi delle amministrazioni locali, il programma mira a formare professionisti dell innovazione sociale dotati di un profilo a forte vocazione progettuale, di sicuro interesse e sbocco occupazionale nel terzo settore (ONG incluse), nelle startup a vocazione sociale (dal 2013 previste nella nostra legislazione), nella collaborazione con la PA, nell ambito dello sviluppo locale, della sharing economy, dell europrogettazione e, Pag. 8 a 23

9 trasversalmente, di tutti i settori in cui si ravvisi la necessità di co progettare soluzioni innovative cross sector. English version As part of the European Union strategies up to 2020, the social innovation means developing new ideas, services and models to better address social issues. It invites input from public and private actors, including civil society, to improve social services. Social innovation stresses the importance to implement new crosssectorial methods that could stimulate the development of the Italian economy, Calabria in particular, establishing new interactions and social collaborations, aimed at increasing the occupational level of the young generations. In Italy, the previous example of social innovation was based on Dolci and Barbera approach (1960) that represent an important implementation of the participatory local development idea; in addition, after the dismantling of the mental health hospital (Legge Basaglia) the first social cooperation effort employed psychiatric patients for the creation of hostels and touristic opportunities. At international level, we can mention the experiences of the participatory budget in Brasile (1990). At Europe level, it is important to report two main experiences: HUB in the UK and California. Compared to the first idea of social innovation, the current novelty is mainly present in the management of the digital participatory relationships that include a reduction of the costs referred to the management of transactions, and then a crowd participation at almost zero cost of intermediation. However, if the digitization is now an inevitable asset of any project of Social Innovation, we cannot avoid mentioning other factors that contribute to its development. The desire to disintermediation and collaborative sharing and smart economy is becoming a mass phenomenon, supported by the development of digital platforms and Apps, which also are devoted to creating an alternative way to the traditional economic expansion (Banking/Finance vs. Crowdfunding/Social Finance), by tradition holders, and to involve citizens in the auto organization and mutual support. Several stakeholders from different areas consider social innovation as a paradigm of renewal, identifying it as the best way to produce social change, stimulating the stakeholders to identify the social needs and to establish new relationships and cooperation aimed at resolving social problems through innovative solutions. This view, change the role of traditional social groups such as service area, Trade Union and Public authority, which was considered as the main institution for the solution of social problems. It underline the importance to involve all the social actors in the social progress, which role is primarily to participate in the co design and development of innovative solutions. Recently, thanks to the efforts of the Young Foundation, Social Innovation Exchange, and SIX Nesta social, the English agency for the social innovation, innovation has been attracting the attention of the European institutions. In particular, the European Commission has quickly acknowledged the importance of the new view of the social innovation, which aims to encourage the innovation not only technological, but also by funding social programs such as EASI, Social Business Initiative, Smart Cities, Horizon 2020 more generally, which general idea is to support and promote new cross sectorial approach. The next step, in the Public procurement, is to favour people that have innovative ideas rather that practice of favouritism. Starting from these initial ideas, the research section Socio psycho pedagogical processes, communication and human resource management of the Department of Languages and Science of Education, the University of Calabria, proposed the first level of the master course in Change Manager. The master proposal is centred on the consciousness that persons without a suitable training will be able to create new projects, but they often think it within old paradigms that often reduce the social participation and are designed by applying personal approaches. Instead, the current master program will train students that will be able to work in the sector of social innovation, and they will be trained according the recent cross sectorial approaches. The master program will offer to the students knowledge and skills, providing them market reports, certified professional profiles, dynamic experiences, internships and coaching for the start up. Pag. 9 a 23

10 The master course is devoted to contaminate the Italian non profit world, which is often based on an old view of the social problems, but it involves people that have advanced experiences and relationships, with the opportunities offered to the Youngers start uppers, which are fervent to promote new ideas, but often they have difficulty to apply it. The master course aimed at training specialists acting in the field of social innovation and will be equipped for positions in non governance organizations, social start up, Public agencies, local development, sharing economy, euro design, and in all areas in which there is a need to codesign innovative cross sector solutions Stato dell arte [Descrivere il contesto, indicare le esigenze formative, le analisi territoriali e produttive di riferimento, gli studi di settore] In questi ultimi anni il tema dell innovazione sociale è diventato uno dei principali argomenti di discussione dell Unione Europea. È noto, inoltre, che la capacità di innovare e creare nuovi strumenti, modelli, servizi sono alla base della civilizzazione e del benessere sociale. L innovazione, oltre a essere la manifestazione creativa dello sviluppo umano, rappresenta lo sforzo di dare nuove risposte ai bisogni di miglioramento e cambiamento sociale funzionali al benessere collettivo. Non a caso, Simms (2006) sostiene che la civilizzazione è il risultato dell innovazione umana. Oggi l innovazione sociale sta contaminando in modo molto più profondo il mondo della ricerca e della formazione. A tal proposito, il libro verde sull innovazione, pubblicato dalla Commissione Europea, si pone come obiettivo prioritario quello di identificare i fattori che sono alla base dell innovazione nel contesto europeo e di elaborare delle proposte capaci di guidarne la crescita. Nello specifico, si sottolinea che l innovazione non è solo un meccanismo puramente economico o un processo tecnologico. Essa è, soprattutto, un fenomeno sociale. Grazie ai suoi obiettivi, metodi ed effetti, l innovazione è grounded nel contesto sociale dove è realmente prodotta e applicata. Questa visione dell innovazione sociale, che è alla base della progettazione dell Unione Europea (Horizon 2020), è ampiamente avvalorata da una ricca letteratura scientifica (Cajaiba Santana, 2014). L avvento delle comunità di social networking ha stimolato la creazione di nuovi strumenti di innovazione sociale basate apertamente sull affermazione della dimensione tecnologica. Questa strategia di innovazione, seppure positiva, è spesso distante dai bisogni reali delle comunità sociali che devono saper affrontare i problemi della realtà quotidiana. A livello territoriale, soprattutto in Calabria, grazie alle disponibilità economiche offerte dai PON, sono stati finanziati diversi progetti di innovazione sociale legati prettamente allo sviluppo di piattaforme tecnologiche. In molti casi, i modelli teorici di riferimento sono quelli dell innovazione sociale i cui risultati sono noti a livello internazionale. Diviene pertanto importante incentivare percorsi di alta formazione che sappiano cogliere le sfide delle progettualità sociale. Le figure professionali operando in contesti sociali permetteranno di attivare, all interno della realtà territoriale interessata, non solo nuove opportunità di sviluppo economico ma, anche, di promuovere l applicazione di strategie di ricerca e co progettazione capaci di intercettare i reali bisogni di cambiamento sociale Obiettivo [Definire gli obiettivi specifici del Master con riferimento ai Descrittori di Dublino conoscenza e comprensione, autonomia di giudizio, abilità comunicative e capacità di apprendimento e agli obiettivi qualificanti in coerenza con gli sbocchi professionali e occupazionali espressi e le associate competenze richieste dal mondo del lavoro] L obiettivo del Master è quello di promuovere la formazione di una figura professionale altamente qualificata ( Innovatore sociale/change Manager ), dotata di solide conoscenze socio psico pedagogiche, economicogiuridiche e informatico gestionali, capace di operare con un approccio cross sector, al fine di contribuire al processo di sviluppo di nuove idee (prodotti, servizi e modelli) nel campo dell innovazione sociale e, in particolare, nei settori dell impresa sociale e della progettazione e gestione di soluzioni innovative nell ambito di servizi educativi e socio assistenziali, della PA e dello sviluppo locale. Pag. 10 a 23

11 L innovatore sociale, oltre a essere un profondo conoscitore delle potenzialità e dei limiti del territorio all interno del quale opera, è anche in grado di saper coniugare e orientare le esigenze formative, comunicative e sociali di scuole, università, comunità, aziende, enti pubblici e privati secondo logiche inclusive e sostenibili. Sulla base di questi presupposti, il master punta alla promozione delle seguenti competenze professionali: Le meta competenze, vale a dire la capacità di riflettere e di rielaborare l esperienza professionale, la capacità di agire con intenzionalità progettuale di connettere la teoria con la prassi. La capacità di gestire la relazione (nei termini di guidare, seguire e accompagnare) che, in quanto competenza cardine, presuppone la capacità di stare nelle situazioni con duttilità (circolarità ricercaazione), un buon equilibrio (buona maturità personale, culturale, emotiva), la capacità di com prendere l altro, di ascoltare in modo attivo ed empatico, di osservare, e di tollerare stress, frustrazioni e fallimenti. Le competenze progettuali e documentali, vale a dire la capacità di elaborare progetti coerenti con l intenzionalità progettuale, i bisogni sociali e le dimensioni organizzative, di documentare l esperienza e di costruire rappresentazioni orientate all elaborazione di piani di lavoro individuali, di gruppo e collettivi. In ultima analisi, il master mira a formare professionisti dell innovazione sociale dotati di un profilo a forte vocazione progettuale, di sicuro interesse e sbocco occupazionale nel terzo settore (ONG incluse), nelle start up a vocazione sociale, nella collaborazione con la PA, nell ambito dello sviluppo locale, della sharing economy, dell europrogettazione e, trasversalmente, di tutti i settori in cui si ravvisi la necessità di coprogettare soluzioni innovative cross sector Profilo Professionale e Sbocchi Occupazionali del Master [Definire il profilo professionale e le eventuali professioni, secondo le codifiche ISTAT, a cui il Master prepara] Il master mira a formare un profilo professionale capace di operare attivamente all interno di realtà territoriali, sulla base di solide conoscenze e competenze cross sector che possano consentire di: Individuare e proporre linee di intervento innovativo in ambito sociale non ancora adeguatamente riconosciute e/o soddisfatte dai sistemi governativi locali. Promuovere strategie d inclusione sociale volte all abbattimento di forme di devianza e, sinergicamente, alla progettazione di linee di intervento per contrastare l abbandono e la dispersione scolastica. Incrementare l accesso a risorse economiche atte a garantire, attraverso una partecipazione attiva e responsabile, il pieno soddisfacimento dei bisogni sociali delle collettività. Creare contesti di impresa sociale mediante la realizzazione di idee e modelli, prodotti e servizi innovativi. In ultima analisi, lavorare nel campo dell innovazione sociale significa, per un professionista, essere consapevole di rivestire contemporaneamente il ruolo del lavoratore e quello dell imprenditore sociale come se fossero le due facce della stessa medaglia, con un assunzione piena di responsabilità come professionista che opera in un determinato servizio, in una specifica comunità e come imprenditore pro tempore di una organizzazione che richiede la partecipazione attiva ai processi decisionali: il micro (il Servizio) e il macro (l Impresa) come due dimensioni di un unico sistema complesso che ha più connessioni e interconnessioni. Con esplicito riferimento alla nomenclatura ISTAT/ISCO, il Master abilita alle seguenti professioni: Esperti nello studio, nella gestione e nel controllo dei fenomeni sociali/2 Professional Specialisti nell educazione e nella formazione di soggetti diversamente abili/2 Professional Esperti nella progettazione formativa e curricolare/2 Professional Tecnici del reinserimento e dell integrazione sociale/3 Thechnician and associate professional 2.5. Risultati di apprendimento attesi [Definire in modo specifico e dettagliato i risultati di apprendimento riferiti ai Descrittori di Dublino in coerenza con quanto dichiarato nell obiettivo] Al termine del Master i corsisti saranno in grado di padroneggiare conoscenze teoriche e metodologiche relative alle problematiche sociali nelle loro diverse forme e dimensioni. Nello specifico, le competenze acquisite permetteranno loro di: Saper gestire progetti di formazione specifica diretti a singoli soggetti o al contesto di gruppo. Pag. 11 a 23

12 Essere capaci di applicare le conoscenze e le capacità di comprensione in maniera da dimostrare un approccio professionale al lavoro. Avere la capacità di raccogliere e interpretare i dati ritenuti utili a determinare giudizi autonomi, inclusa la riflessione su temi sociali, scientifici o etici a essi connessi. Progettare, realizzare, gestire e realizzare interventi di innovazione sociale basati sul team building e nel lavoro cooperativo. Saper supportare i bisogni sociali individuando le risposte in contesti di imprenditorialità sociale Metodologia [Descrivere le metodologie didattiche progettate e le fasi di realizzazione del corso per come rappresentate nel Diagramma temporale lineare del progetto] Il progetto formativo, che si avvarrà di diverse metodologie (dal brainstorming alla discussione dei lavori in gruppo e all analisi di casi di studio), prevede attività di didattica frontale, FAD e formazione on the job. La didattica frontale si svolgerà attraverso lezioni, seminari, testimonianze (anche in videoconferenza), e mediante esercitazioni e laboratori. Le attività di FAD si svolgeranno sulla piattaforma e learning PerLe Unical con la quale il corsista potrà interagire da qualsiasi postazione connessa a Internet. La formazione on the job si svolgerà mediante attività di tirocinio stage presso le strutture convenzionate con il Master, e attraverso la redazione project work. Le attività di selezione degli allievi si svolgeranno nel mese di novembre Le attività di didattica frontale prenderanno avvio nel mese di dicembre 2014 per concludersi nel mese di giugno Le lezioni (di 5 ore ciascuna) si svolgeranno, a settimane alterne, venerdì (pomeriggio) e sabato (mattina e pomeriggio). Le attività di FAD prenderanno avvio nel mese di gennaio 2015 per concludersi nel mese di agosto Le attività di formazione on the job prenderanno avvio nel mese di gennaio 2015 per concludersi nel mese di settembre Le attività di project work prenderanno avvio nel mese di marzo 2015 per concludersi nel mese di settembre Le attività di verifica e certificazione prenderanno avvio nel mese di febbraio 2015 per concludersi nel mese di ottobre Le attività di pubblicità del corso e disseminazione dei risultati si svolgeranno nei mesi di novembre 2014, maggio e ottobre Frequenza [Per il conseguimento del titolo è necessaria una frequenza pari almeno all 80% della durata complessiva del corso art.5 Regolamento Master UNICAL. Indicare e motivare l ammissione di eventuali uditori art.2 Regolamento Master UNICAL] La frequenza da parte degli iscritti alle varie attività di pertinenza del Corso è obbligatoria. Per il conseguimento del titolo è comunque richiesta una frequenza pari almeno al 80% della durata complessiva del Corso. Il conseguimento dei crediti corrispondenti alle varie attività formative è subordinato a verifiche periodiche di accertamento delle competenze acquisite in relazione agli ambiti di insegnamento seguiti, con votazione finale in trentesimi, che saranno registrate secondo le modalità indicate dal Regolamento Didattico d Ateneo. Il conseguimento del titolo finale è subordinato al superamento di una prova finale di accertamento delle competenze complessivamente acquisite, tenuto anche conto delle attività di tirocinio, stage e redazione di progetti o elaborati, che consisterà nella discussione di una tesi di master. Il Consiglio Scientifico ha la facoltà di ammettere alla frequenza del corso uditori nella percentuale massima del 20% dei partecipanti. Gli uditori, ammessi comunque nel rispetto della vigente normativa, non sostengono esami e verifiche, non conseguono crediti e, al termine del corso, ricevono un certificato di frequenza o partecipazione. Per gli uditori è prevista una contribuzione ridotta al 50% Comunicazione e Servizi Pag. 12 a 23

13 [Definire le modalità di comunicazione e i servizi di Dipartimento e di Ateneo a cui gli iscritti potranno avere accesso art. 6, punto 2 bis. Regolamento Master UNICAL] Agli iscritti è rilasciato un account di posta elettronica. Tale indirizzo, finalizzato ad una comunicazione più efficace e trasparente tra struttura ed allievo, costituisce altresì un account per l accesso a servizi telematici connessi alla didattica. Altri elementi inerenti la comunicazione o l erogazione di servizi di Dipartimento o di Ateneo potranno essere definiti nel bando di ammissione, previa adeguata negoziazione con gli organi e gli uffici competenti Attività didattiche [Descrivere l articolazione e la struttura delle attività didattiche, indicando nel dettaglio i moduli formativi completi di obiettivi, contenuti, SSD, ore di didattica frontale, FAD, On the Job CFU] La struttura del corso si articola in n. 210 ore (30 CFU) di attività didattiche frontali, n. 110 ore (10 CFU) di FAD, n. 300 ore (12 CFU) di tirocinio stage, n. 75 ore (3 CFU) di project work, n. 125 ore (5 CFU) per l elaborato finale, per un totale complessivo di n. 820 ore (60 CFU). Nello specifico, la struttura delle attività didattiche si articola in n. 5 Moduli d insegnamento (sociologico, psicologico, pedagogico, economico giuridico e tecnologico informatico), a ciascuno dei quali sono attribuite 42 ore (6 CFU) di attività frontali e 22 ore (2 CFU) di FAD. Fatta eccezione per il modulo pedagogico che fa riferimento a un unico SSD (M PED/01), gli altri moduli fanno rispettivamente riferimento a due SSD (sociologico: SPS/07 e SPS/08; psicologico: M PSI/04 e M PSI/05; economico giuridico: SECS P/08 e IUS/04; tecnologico informatico: ING INF/05 e MAT/09). Fatta eccezione per il SSD M PED/01, al quale sono attribuite 42 ore (6 CFU) di attività frontali, a ciascuno degli altri SSD previsti (SPS/07, SPS/08, M PSI/04, M PSI/05, SECS P/08, IUS/04, ING INF/05, MAT/09) sono attribuiti, rispettivamente, 21 ore (3 CFU) di attività frontali. Modulo n. 1 Ore didattica frontale Ore FAD Ore studio individuale CFU [Sociologia generale e Sociologia dei processi culturali e comunicativi] n. 42 n. 22 n. n. 8 Obiettivi: Adeguata conoscenza e capacità di comprensione sociologica dei processi culturali e comunicativi connessi all innovazione sociale. Capacità di analisi sociale del contesto; competenza sui metodi e le tecniche della ricerca sociale; capacità di progettazione, gestione e valutazione. Consapevolezza della rilevanza delle problematiche sociali; consapevolezza della rilevanza personale e sociale di una formazione improntata alla coltivazione e alla pratica dell onestà intellettuale, del senso di responsabilità, dell impegno etico, della sensibilità verso le differenze, e di una cittadinanza attiva. Pag. 13 a 23

14 Capacità relazionale e competenza comunicativa; capacità di comunicazione e relazione on site/on line; capacità di utilizzo degli strumenti della comunicazione digitale; proprietà di linguaggio, argomentazione e impiego della terminologia disciplinare con esplicito riferimento ai temi dell innovazione sociale. Capacità di lettura e comprensione sociologica dei contenuti proposti; capacità di affrontare autonomamente lo studio delle tematiche specifiche dell innovazione sociale, scegliendo le strategie di apprendimento più appropriate alle proprie capacità e al contesto; capacità di reperimento delle informazioni utili allo studio e, in particolare, di utilizzo degli strumenti di aggiornamento bibliografico e telematico. Contenuti: Saperi teorici e applicativi delle scienze sociali. Metodi e tecniche della ricerca sociale. La comunicazione nell approccio sociologico: dalla comunicazione interpersonale al web sociale. L innovazione sociale: paradigmi, pratiche, esperienze. L innovatore sociale: competenze e profili professionali. Campi di applicazione dell innovazione sociale: strutture socioeducative, strutture sociosanitarie, aziende, P.A., enti pubblici e privati. SSD SPS/07 SPS/08 Modulo n. 2 Ore didattica frontale Ore FAD Ore studio individuale CFU [Sistemi di elaborazione dell informazione e ricerca operativa] n. 42 n. 22 n. n. 8 Obiettivi: Obiettivo del modulo è l introduzione delle tecniche per la gestione della conoscenza e delle tecniche per la formulazione di problemi di ottimizzazione. Obiettivi specifici sono quelli di fornire: Adeguata conoscenza alle tecniche per la gestione delle informazioni utilizzando le tecnologie delle basi di dati. Pag. 14 a 23

15 Capacità di progettare schemi per la rappresentazione delle informazioni mediante modelli per la rappresentazione dei dati di tipo entità relazione e relazionale. Capacità di estrarre conoscenza da basi di dati mediante l uso di interfacce finalizzate all utente finale. Capacità di formalizzare e risolvere problemi utilizzando modelli matematici (tipicamente un modello di programmazione matematica o un Grafo di flusso) ed individuare per esso una soluzione ottima o sub ottima. Capacità di esprimere problemi di pianificazione e di schedulazione di attività. Contenuti: Modelli di rappresentazione della conoscenza. Basi di dati e basi di conoscenza. Dati semi strutturati: HTM, XML, RDF. Ontologie e reti semantiche. Motori di ricerca. Introduzione ai problemi di ottimizzazione. Introduzione alle tecniche di pianificazione e schedulazione. SSD ING INF/05 MAT/09 Modulo n. 3 Ore didattica frontale Ore FAD Ore studio individuale CFU [Gestione delle imprese e Diritto commerciale] n. 42 n. 22 n. n. 8 Obiettivi: Adeguata conoscenza delle criticità inerenti la nascita e la gestione di una nuova iniziativa imprenditoriale: dall idea di business al business model, dal business case al business plan. Capacità di comprensione dei fattori critici di successo di una nuova avventura imprenditoriale partendo dal contesto in cui si intende avviare l iniziativa. Consapevolezza della rilevanza di una formalizzazione dell idea di impresa in un documento di business al servizio dell imprenditore in nuce prima ancora che degli investitori esterni, in modo da Pag. 15 a 23

16 comprendere la potenziale fattibilità e profittabilità del business. Acquisizione degli elementi di base sul diritto dell impresa e assimilazione della relativa terminologia tecnica. Elaborazione comparata e sinottica delle principali tecniche di esercizio, in forma individuale o collettiva, dell attività di impresa al fine di poter comprendere e gestire il formante normativo in materia di diritto dell impresa. Contenuti: Impresa e imprenditorialità Dall idea ai fatti: Oggetto e obiettivo del Business Plan La sezione descrittiva La sezione economico finanziaria Finanziare l idea: problematiche, modalità e soggetti Caso aziendale e entrepreneurship simulation Imprenditorialità, Innovazione e spin off Azienda, impresa e società: elementi di base del diritto dell impresa. Le società di persone, società di capitali ed altre forme di esercizio dell attività d impresa SSD SECS P/08 IUS/04 Modulo n. 4 Ore didattica frontale Ore FAD Ore studio individuale CFU [Pedagogia della comunicazione e pedagogia del lavoro] n. 42 n. 22 n. n. 8 Obiettivi: Conoscenza delle pratiche necessarie per fornire consulenze pedagogiche sulle questioni educative più complesse, per gestire e coordinare servizi e organizzazioni in ambito educativo, formativo, di cura e di assistenza, per proporre consulenze rispetto a percorsi individuali e collettivi caratterizzati da forme di disagio socioesistenziale. Costruire percorsi formativi indirizzati ai processi d inclusione sociale, valorizzando in un ottica interculturale i principi d identità e differenza della persona. Capacità di comprendere e comunicare anche in contesti interculturali, nell area del disagio, della rieducazione e del reinserimento sociale. Capacità relazionale e consapevolezza nell utilizzare gli Pag. 16 a 23

17 strumenti della comunicazione nei modi più appropriati ai diversi contesti. Applicare le conoscenze acquisite, ovvero padroneggiare i saperi relativi alle scienze dell educazione nell ideazione, progettazione e valutazione di interventi e progetti educativi. Operare con autonomia di giudizio, saper raccogliere e interpretare i dati relativi al proprio campo di studio, dimostrando di avere acquisito un atteggiamento scientifico e di avere capacità critica e autocritica, relativamente alle realtà sociali, culturali e territoriali. Saper utilizzare abilità comunicative, presentare informazioni, idee, problemi e soluzioni a diversi destinatari, specialisti e non. Ciò significa conoscere e comprendere temi e problemi che rientrano nell enciclopedia dell educazione, in modo da favorire la capacità di sapersi relazionare con gli atri, identificarsi nel proprio ruolo lavorativo e saper lavorare in gruppo. Possedere le abilità necessarie per intraprendere ulteriori studi con un alto grado di autonomia, per integrarsi in una realtà del lavoro in continua e rapida evoluzione e operare in termini di cittadinanza attiva. Contenuti: Concetti pedagogici della formazione, della marginalità e dell integrazione. Il problema pedagogico e filosofico dell altro. Aspetti fondamentali della comunicazione umana. La dimensione pedagogica dell'agire lavorativo nella società della conoscenza con particolare riferimento ai contesti organizzativi e di innovazione. Analisi della problematicità del mondo del lavoro negli aspetti delle politiche, degli apprendimenti nei contesti organizzativi complessi, della gestione dei processi formativi funzionali alla crescita e allo sviluppo professionale nei contesi scolastici e lavorativi. Definizione e contestualizzazione della pedagogia del lavoro nell ambito del sapere pedagogico. Il concetto di lavoro nella storia: riflessioni pedagogiche e prospettive educative. Pag. 17 a 23

18 La valenza educativa e culturale del lavoro. Il lavoro come educatore implicito. Dall addestramento alla formazione professionale nella società della conoscenza: gli approcci modernista, neomodernista e post modernista. Modelli di gestione delle risorse umane. SSD M PED/01 Modulo n. 5 Ore didattica frontale Ore FAD Ore studio individuale CFU [Psicologia dello sviluppo e psicologia sociale] n. 42 n. 22 n. n. 8 Obiettivi: Obiettivo del modulo è fornire alcune informazioni di carattere istituzionale sulla disciplina e sullo sviluppo tipico e atipico offrendo: competenze al fine di individuare situazioni a rischio e riconoscere gli aspetti della disabilità e dei disturbi. strategie per effettuare un'analisi sistemica del contesto e degli attori coinvolti strumenti per la progettazione di interventi psicoeducativi. capacità relazionale e competenza comunicativa; capacità di team building. capacità di utilizzare strategie di coprogettazione condivisa. Contenuti: Principali tappe dello sviluppo tipico e atipico. Fattori di rischio e fattori protettivi. Disabilità: definizione e classificazione ICF. La ricerca azione in ambito psicologico: Interventi e strategie. Il disagio sociale: definizione e strategie di intervento. I principali processi psicosociali all interno e tra i gruppi: come si costituiscono i gruppi, saper individuare le dinamiche e gestire i conflitti, leadership e gestione dei gruppi; saper utilizzare strategie di coprogettazione. SSD: M PSI/04 M PSI/ Profili dei docenti coinvolti nel progetto Pag. 18 a 23

19 [Illustrare i profili dei docenti coinvolti nel progetto e distinguere tra risorse interne e collaborazioni/consulenze esterne art.4 Regolamento Master UNICAL] I docenti del corso sono: Professori e ricercatori di ruolo dell Università della Calabria. Professori e ricercatori di ruolo di altre Università italiane. Esperti di alta e documentata qualificazione nelle materie previste nel piano didattico Individuazione dei docenti interni, esterni ed esperti [Illustrare i criteri e le modalità di selezione dei docenti interni ed esterni e degli esperti art.14 Regolamento Master UNICAL] Almeno il 60% delle ore, tra quelle destinate alle attività didattiche frontali, sono affidate a professori e ricercatori universitari di ruolo, e di questi non meno del 60% è interno all Ateneo. Il rimanente 40% delle ore destinate alla didattica frontale è conferito a professori e ricercatori di altre Università italiane e/o a esperti di alta e documentata qualificazione nelle materie previste nel piano didattico, individuati dal Consiglio Scientifico sulla base delle convenzioni stipulate con enti esterni, ovvero per contratto. Considerata l esigenza di favorire la circolarità tra teoria e prassi, il Master alternerà alle lezioni frontali discussioni su casi, laboratori simulati, role playing e per tale motivo si avvarrà di co docenti Elenco docenti del Master COGNOME E NOME RUOLO SSD INTERNO ESTERNO ESPERTO BELTRAMI Pier Danilo Prof. Associato IUS/04 X CARIOLA Alfio Prof. Ordinario SECS P/08 X CORPOSANTO Cleto Prof. Ordinario SPS/07 X COSTABILE Angela Prof. Ordinario M PSI/04 X COSTABILE Giancarlo Ricercatore Laboratorio X DE KERCKHOVE Derrick Prof. Ordinario SPS/08 X MELOTTI Giannino Ricercatore M PSI/05 X GRECO Giovannella Prof. Ordinario SPS/08 X GRECO Sergio Prof. Ordinario ING INF/05 X LA ROCCA Maurizio Prof. Associato SECS P/08 X Pag. 19 a 23

20 MUSMANNO Roberto Prof. Ordinario MAT/09 X PERFETTI Simona Prof. Associato M PED/01 X SICILIANO Wilma Ricercatore Laboratorio X STARA Flavia Prof. Ordinario M PED/01 X Formazione on the job, tirocini e/o redazione di progetti o di elaborati [Descrivere le attività di tirocinio e le altre attività volte a sviluppare competenze utili al mercato del lavoro indicando collaborazione e convenzioni attraverso i quali si intende raggiungere gli obiettivi della formazione on the job.] Le attività di tirocinio/stage si svolgeranno presso strutture convenzionate altamente qualificate nel campo dell innovazione sociale (cfr. lettere d intenti pervenute). La formazione on the job prevede, inoltre, la redazione di project work. L attività di tirocinio svolta presso le strutture indicate nel punto 1.7 è caratterizzata dalla sperimentazione di modelli progettuali e didattico formativi tesi a definire compiutamente un azione di sistema basata sulla conoscenza e sull innovazione nei processi del mercato del lavoro (pubblico e privato), e in modo particolare della formazione e utilizzo sociale del capitale umano. L obiettivo del tirocinio è l acquisizione di competenze operative sul coordinamento e sull integrazione delle politiche della Social Innovation, soprattutto in materia di gestione e valorizzazione delle risorse umane, e di promozione dell impresa sociale, anche nel settore del riutilizzo dei beni confiscati alle mafie, immobili e aziende. Altro asse formativo è l acquisizione di competenze operative nel settore delle start up a vocazione sociale e nel segmento della coesione economica e territoriale, favorendo la creazione di reti miste (pubblico privato) di programmazione in grado di offrire supporto all integrazione dei bisogni dei micro sistemi regionali con quelli delle macro aree socio territoriali del Paese e dell Europa. In aggiunta alle suddette attività, i partecipanti al master acquisiranno altre competenze, specifiche della Social Innovation, riguardanti le abilità nel saper applicare tecniche e strategie di co progettazione condivisa. L'organizzazione del Placement intende valutare la possibilità per alcuni partecipanti di essere assunti all'interno di aziende partner con contratti di alto apprendistato. Al di là della normale attività lavorativa gli apprendisti saranno impegnati per 210 ore di lezione frontale e 110 ore di FAD secondo il piano formativo previsto dal master. Inoltre, 300 ore saranno dedicate a un tipo di formazione on the job, di cui 75 ore nelle quali svilupperanno dei project work su tematiche di interesse aziendale. A questo proposito sono in fase di elaborazione le Linee guida dei relativi Progetti regionali che regoleranno quanto sopra Altre risorse umane coinvolte nel progetto [Illustrare ed elencare il numero e i profili delle altre risorse umane coinvolte nel progetto e le funzioni loro attribuite: Direzione, coordinamento, segreteria, amministrazione, tutoraggio ed altri eventuali profili] Tra le altre risorse umane coinvolte nel progetto si prevedono le seguenti figure: n. 1 Direttore n. 1 Coordinatore n. 1 Segretario n. 1 Unità di personale tecnico amministrativo n. 1 Unità di personale tecnico scientifico n. 1 Unità di personale categoria B n. 4 Tutor on line n. 2 Co docenti Pag. 20 a 23

Piano didattico. Argomenti trattati e Piano delle lezioni

Piano didattico. Argomenti trattati e Piano delle lezioni Piano didattico Il corso offre l opportunità di acquisire una formazione specialistica in Europrogettazione per l Innovazione Sociale. Il Piano didattico prevede 105 ore di attività formativa in aula,

Dettagli

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN INNOVAZIONE E RICERCA PER GLI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI-EDUCATIVI (IRIS)

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN INNOVAZIONE E RICERCA PER GLI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI-EDUCATIVI (IRIS) ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN INNOVAZIONE E RICERCA PER GLI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI-EDUCATIVI (IRIS) Classi di laurea magistrale: LM-50 Programmazione e gestione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO CLASSE A246 - Lingua e civiltà francese Il tirocinio formativo attivo (TFA)

Dettagli

MASTER SPECIALISTICI FEB. > DIC.

MASTER SPECIALISTICI FEB. > DIC. ciforma MASTER SPECIALISTICI FEB. > DIC. 2008 CiForma Consorzio Italiano per la Formazione Avanzata è un organismo senza fini di lucro, nato per volontà di un gruppo di organismi operanti in diverse regioni

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XII edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN COMUNICAZIONE IN AMBITO SANITARIO IN COLLABORAZIONE CON L ISTITUTO NAZIONALE TUMORI-FONDAZIONE PASCALE IRCCS 2 a Edizione Anno Accademico 2012/2013 REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

UNITA ORGANIZZATIVA COMPLESSA FORMAZIONE POST-LAUREA

UNITA ORGANIZZATIVA COMPLESSA FORMAZIONE POST-LAUREA Università della Calabria - Amministrazione Centrale D.R. n.1866 del 01/10/2014 UNITA ORGANIZZATIVA COMPLESSA FORMAZIONE POST-LAUREA IL RETTORE VISTO il D.R. 23 marzo 2012 n. 562 con il quale è stato emanato

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA)

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Direzione Aziendale si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività

Dettagli

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA 10 GIORNATE DI AULA E 3 MESI IN AZIENDE INNOVATIVE 1

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XI edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente di

Dettagli

XII Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

XII Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2015 2016 XII Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DIRETTORE: Prof.ssa Paula Benevene VICE DIRETTORE: Dott. Emiliano Maria Cappuccitti COORDINAMENTO

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Marketing Management - serale

Marketing Management - serale Marketing Management - serale Master Universitario di primo livello Facoltà di Economia X edizione Anno Accademico 2013/2014 Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

La gestione integrata dei rischi aziendali

La gestione integrata dei rischi aziendali Facoltà di SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE La gestione integrata dei rischi aziendali Strumento competitivo e a supporto della valutazione del merito creditizio Master Universitario di secondo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI FORMATIVI PER LA SCUOLA CONTEMPORANEA

NUOVI ORIZZONTI FORMATIVI PER LA SCUOLA CONTEMPORANEA Master Universitario annuale di I livello in NUOVI ORIZZONTI FORMATIVI PER LA SCUOLA CONTEMPORANEA (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2014/2015 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI IL RETTORE

CENTRO RESIDENZIALE SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI IL RETTORE unical AOO1 Amministrazione Centrale D.R. n.1869 del 27/11/2015 CENTRO RESIDENZIALE IL RETTORE VISTO il decreto del 1 aprile 2014 n. 608 con il quale è stato aggiornato lo statuto di ateneo; VISTO il decreto

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO CLASSE DI ABILITAZIONE Classe A060 - Scienze Naturali,

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28 Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria dell'università

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino

Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino I edizione 2004-2005 Guida al Percorso Formativo Guida aggiornata al 29/09/2004 COREP - Consorzio per la Ricerca e l Educazione Permanente

Dettagli

CONSULENZA FILOSOFICA LIVELLO II - VI EDIZIONE BIENNALE: A.A. 2015-2016 E A.A. 2016-2017

CONSULENZA FILOSOFICA LIVELLO II - VI EDIZIONE BIENNALE: A.A. 2015-2016 E A.A. 2016-2017 CONSULENZA FILOSOFICA LIVELLO II - VI EDIZIONE BIENNALE: A.A. 2015-2016 E A.A. 2016-2017 Presentazione Il Master ha lo scopo di qualificare professionalmente nell ambito della consulenza filosofica i laureati

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. a.a. 2012/2013

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. a.a. 2012/2013 REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO DIDATTICA E PSICOPEDAGOGIA PER ALUNNI CON DISABILITÀ INTELLETTIVE a.a. 2012/2013 Direttore del corso: Giuliana Sandrone Commissione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Presidente: Prof. S. Amato Tel./fax 091-6717402 email segreteria@cfssicilia.it

Presidente: Prof. S. Amato Tel./fax 091-6717402 email segreteria@cfssicilia.it Corso di Management Sanitario anno 2014 MODULO DI RIQUALIFICAZIONE ED AGGIORNAMENTO PER DIRETTORI DI STRUTTURA COMPLESSA O ASPIRANTI CHE ABBIANO ESPLETATO IL CORSO MANAGERIALE DA OLTRE 7 ANNI ai sensi

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE DEGLI STUDENTI DEL CORSO ITS

BANDO DI SELEZIONE DEGLI STUDENTI DEL CORSO ITS Prot. n. 140 Caltagirone, 16/06/2012 BANDO DI SELEZIONE DEGLI STUDENTI DEL CORSO ITS Tecnico Superiore per la comunicazione e la valorizzazione di luoghi e territori, con l utilizzo di nuove tecnologie

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO. Metodologia CLIL. (Teacher Training on Content and Language Integrated Learning) I edizione

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO. Metodologia CLIL. (Teacher Training on Content and Language Integrated Learning) I edizione REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN I edizione a.a. 2012/2013 INDICE Art. - 1 Riferimenti normativi... 2 Art. 2 - Istituzione e attivazione... 3 Art. 3 - Obiettivi formativi... 3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA Art.1 Premessa e ambito di competenza 1. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto e al Regolamento Didattico di Ateneo, disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT E DIRITTO MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA ECONOMICS, COMMUNICATION AND MEDIA

Dettagli

IL RETTORE Massimo Marrelli

IL RETTORE Massimo Marrelli DR/2013/2736 del 31/07/2013 Firmatari: MASSIMO MARRELLI U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo emanato con Decreto Rettorale n. 1660 del 15/5/2012; VISTO il Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004 n.

Dettagli

Allegato C. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Allegato C. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE Allegato C UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN: SCIENZE PEDAGOGICHE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Classe LM - 85 Art.

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77 ALLEGATO N. 3 AL VERBALE N. 2 DEL CONSIGLIO DELLA SCUOLA DI ECONOMIA DEL 18 APRILE 2013 SCUOLA DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

Dettagli

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN DIREZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (71/S Classe delle lauree specialistiche in scienze delle pubbliche amministrazioni) Articolo 1 Denominazione

Dettagli

TITOLO I DATI GENERALI ARTICOLO 1. Funzioni e struttura del Corso di studio

TITOLO I DATI GENERALI ARTICOLO 1. Funzioni e struttura del Corso di studio REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN SCIENZE PER L'INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA CLASSE L-40 - Sociologia AI SENSI DEL D.M. 270/2004 TITOLO I DATI GENERALI ARTICOLO 1 Funzioni e struttura del Corso

Dettagli

DIGITAL & DESIGN STRATEGY INNOVATION LIVELLO I - EDIZIONE I A.A. 2015-2016

DIGITAL & DESIGN STRATEGY INNOVATION LIVELLO I - EDIZIONE I A.A. 2015-2016 DIGITAL & DESIGN STRATEGY INNOVATION LIVELLO I - EDIZIONE I A.A. 2015-2016 Presentazione Il Master in Digital & Design Strategy Innovation nasce da un cambio di prospettiva sulla strategia aziendale che

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ENNA KORE Decreto N. 72/2012

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ENNA KORE Decreto N. 72/2012 UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ENNA KORE Decreto N. 72/2012 Master Universitario di 1 livello in Didattica e psicopedagogia per i Disturbi Specifici di Apprendimento. Il Rettore VISTO lo Statuto di autonomia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN METODOLOGIE DELL INTEGRAZIONE DELL IMMIGRAZIONE: APPROCCI, STRUMENTI, TECNICHE SOCIALI ED EDUCATIVE.

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN METODOLOGIE DELL INTEGRAZIONE DELL IMMIGRAZIONE: APPROCCI, STRUMENTI, TECNICHE SOCIALI ED EDUCATIVE. MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN METODOLOGIE DELL INTEGRAZIONE DELL IMMIGRAZIONE: APPROCCI, STRUMENTI, TECNICHE SOCIALI ED EDUCATIVE Statuto Art. 1 Istituzione È istituito presso il Dipartimento di

Dettagli

Social Design Business Management Progettare e comunicare nuovi modelli di business

Social Design Business Management Progettare e comunicare nuovi modelli di business MASTER Social Design Business Management Progettare e comunicare nuovi modelli di business Comitato scientifico Pierfrancesco della Porta Emiliano Doveri Roberto Orsi Marco Pietrosante Stefano Pratesi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Master di II livello in Dirigenza per le scuole Anno accademico 2009/2010 Direttore del Corso di

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

SOCIAL PLANNING. PROGETTAZIONE, GESTIONE E VALUTAZIONE DELLE POLITICHE SOCIALI. Master Universitario di I livello

SOCIAL PLANNING. PROGETTAZIONE, GESTIONE E VALUTAZIONE DELLE POLITICHE SOCIALI. Master Universitario di I livello SOCIAL PLANNING. PROGETTAZIONE, GESTIONE E VALUTAZIONE DELLE POLITICHE SOCIALI Master Universitario di I livello SOCIAL PLANNING. PROGETTAZIONE, GESTIONE E VALUTAZIONE DELLE POLITICHE SOCIALI MASTER UNIVERSITARIO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DIRETTORE: Prof.ssa Paula Benevene VICE DIRETTORE: Dott. Emiliano Maria Cappuccitti COORDINAMENTO DIDATTICO:

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

MASTERLAB IN DIGITAL ECONOMICS & ENTREPRENEURSHIP

MASTERLAB IN DIGITAL ECONOMICS & ENTREPRENEURSHIP 1 MASTERLAB IN DIGITAL ECONOMICS & ENTREPRENEURSHIP Livello I - A.A. 2014-2015 Edizione II - Edizione VI del Corso MasterLab in Digital Economics & Entrepreneurship Presentazione Il MA.D.E.E. rappresenta

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

ORIENTAMENTO PERMANENTE

ORIENTAMENTO PERMANENTE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014-2015 I Edizione ORIENTAMENTO PERMANENTE Referente per l Orientamento nelle scuole Il Master è organizzato dalla LUMSA in convenzione con il Consorzio

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MASTER : ESPERTO IN PROGETTAZIONE PER LO SVILUPPO LOCALE E LA COOPERAZIONE INTERNAZI NALE

MASTER : ESPERTO IN PROGETTAZIONE PER LO SVILUPPO LOCALE E LA COOPERAZIONE INTERNAZI NALE C O N S O R Z I O P E R I L L A V O R O E L E A T T I V I T A I N N O V A T I V E E F O R M A T I V E MASTER : ESPERTO IN PROGETTAZIONE PER LO SVILUPPO LOCALE E LA COOPERAZIONE INTERNAZI NALE Con il patrocinio

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Esperto in Non Profit per lo sviluppo del territorio

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Esperto in Non Profit per lo sviluppo del territorio REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Esperto in Non Profit per lo sviluppo del territorio Direttori del corso: Silvana Signori e Stefano Tomelleri Commissione del Corso

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

ITALIAN GLOBAL APPROACH TO MANAGEMENT IN INDIA LIVELLO I - EDIZIONE II A.A. 2015-2016

ITALIAN GLOBAL APPROACH TO MANAGEMENT IN INDIA LIVELLO I - EDIZIONE II A.A. 2015-2016 ITALIAN GLOBAL APPROACH TO MANAGEMENT IN INDIA LIVELLO I - EDIZIONE II A.A. 2015-2016 Presentazione Il percorso formativo del Master si articola in quattro moduli - lingua, cultura, economia e seminari

Dettagli

Educatore Ludotecario

Educatore Ludotecario Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Educatore Ludotecario Master universitari Caratteristiche del percorso formativo Area

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Gestione e sviluppo delle risorse umane

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Gestione e sviluppo delle risorse umane REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Gestione e sviluppo delle risorse umane Direttore del corso: Prof. Edoardo Della Torre Commissione del Corso di Master: Prof.ssa Mara

Dettagli

Master Universitario annuale di I livello in

Master Universitario annuale di I livello in Master Universitario annuale di I livello in EDUCATORE MUSICALE PROFESSIONALE: Esperto in didattica musicale per la scuola primaria e secondaria di primo grado II EDIZIONE (1.500 ore 60 Crediti Formativi

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master universitario di I livello in MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE a.a. 2011-2012 1. Finalità Il Master ha lo scopo di formare il manager sanitario con una solida preparazione

Dettagli

NOTA DI PROGETTO PER L'ISTITUZIONE. DI UN MASTER UNIVERSITARIO All.to n.1

NOTA DI PROGETTO PER L'ISTITUZIONE. DI UN MASTER UNIVERSITARIO All.to n.1 NOTA DI PROGETTO PER L'ISTITUZIONE DI UN MASTER UNIVERSITARIO All.to n.1 Titolo: MASTER DI I LIVELLO IN CONSULENTE PEDAGOGICO PER LA PROGETTAZIONE DI NUOVI SPAZI EDUCATIVI Anno Accademico 2015/2016 x Nuova

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO 1. PROMOTORI

REGOLAMENTO 1. PROMOTORI REGOLAMENTO Il concorso di idee A new social wave III: rigenerare, innovare, crescere ( Concorso ) si pone l obiettivo di selezionare e premiare idee progettuali volte a incrementare l efficacia e l impatto

Dettagli

Master universitario di II livello in Master Universitario Nazionale per la Dirigenza degli Istituti Scolastici MUNDIS

Master universitario di II livello in Master Universitario Nazionale per la Dirigenza degli Istituti Scolastici MUNDIS UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Parte integrante del Bando di attivazione dei Master universitari a.a. 2008/2009 Master universitario di II livello in Master Universitario Nazionale

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI SCIENZE STORICHE, FILOSOFICO-SOCIALI, DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN FORMAZIONE INTERMEDIATORI DEL

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) Ai

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in SCIENZE PEDAGOGICHE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in SCIENZE PEDAGOGICHE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in SCIENZE PEDAGOGICHE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI

Dettagli

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa.

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. Motivazione dell idea progettuale. Gli studenti degli Istituti

Dettagli

Account e Sales Management Tecniche di gestione e negoziazione applicate alle vendite

Account e Sales Management Tecniche di gestione e negoziazione applicate alle vendite Facoltà di Lettere e Filosofia Facoltà di Economia Centrimark Centro di ricerca di Marketing ALTA SCUOLA IN MEDIA COMUNICAZIONE E SPETTACOLO Account e Sales Management Tecniche di gestione e negoziazione

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Tecnico Superiore per il Marketing e l Internazionalizzazione delle Imprese

Tecnico Superiore per il Marketing e l Internazionalizzazione delle Imprese Bando di selezione allievi Corso ITS Servizi alle Imprese per il conseguimento del Diploma di: Tecnico Superiore per il Marketing e l Internazionalizzazione delle Imprese DESCRIZIONE DEL CORSO: Gli Istituti

Dettagli

Management Innovativo delle Organizzazioni Sanitarie

Management Innovativo delle Organizzazioni Sanitarie Decreto Rettorale N.540 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI SOCIOLOGIA Bando di selezione per l ammissione al MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO in Management Innovativo delle Organizzazioni

Dettagli

Business Content Management

Business Content Management Facoltà di Lettere e Filosofia Master Universitario di I Livello Business Content Management Web & Social Marketing per le Imprese e i Territori I edizione M a s t e r 2014-2015 Direzione: prof. Angelo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE Premessa Il Regolamento per l istituzione ed il funzionamento dei corsi master universitari, emanato con D.R. n. 868 del 27.6.2005, è modificato

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Curriculum Vitae Davide Talamo. Collaboratore amministrativo di formazione. Studio Anastasi, via Mascagni n. 95, 95100 Catania

Curriculum Vitae Davide Talamo. Collaboratore amministrativo di formazione. Studio Anastasi, via Mascagni n. 95, 95100 Catania INFORMAZIONI PERSONALI Davide Talamo 95124 Catania, Italy 0934 505827 talamo@cefpas.it www.cefpas.it Sesso M Nazionalità Italiana POSIZIONE RICOPERTA Collaboratore amministrativo esperto di formazione

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA, 335 00162 Roma Tel: + 39

Dettagli

Quota di iscrizione per allievo: EURO 4.000 (in 4 rate uguali)

Quota di iscrizione per allievo: EURO 4.000 (in 4 rate uguali) SCHEDA PROPOSTA DI ATTIVAZIONE CORSO DI PERFEZIONAMENTO DI DURATA ANNUALE IN MEDIAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITA': Università della Basilicata - POTENZA Facoltà di Lettere e Filosofia, 2010-2011 n. Allievi:

Dettagli

MASTER di I Livello EURO PROJECT MANAGEMENT. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA452

MASTER di I Livello EURO PROJECT MANAGEMENT. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA452 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA452 Pagina 1/8 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area GIURIDICA ECONOMICA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2015/2016

Dettagli

INTERNATIONAL HR MANAGEMENT

INTERNATIONAL HR MANAGEMENT MASTER IHRM INTERNATIONAL HR MANAGEMENT Gestire Persone e Culture nelle Imprese Internazionali Building Global Talents. Yours. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Facoltà di Scienze

Dettagli

Bando di selezione per il Corso di Specializzazione in Management dei Beni Museali e successiva gestione del Museo di Arte Contemporanea Villa Croce

Bando di selezione per il Corso di Specializzazione in Management dei Beni Museali e successiva gestione del Museo di Arte Contemporanea Villa Croce Bando di selezione per il Corso di Specializzazione in Management dei Beni Museali e successiva gestione del Museo di Arte Contemporanea Villa Croce PUNTO 1 Norme generali Il Comune di Genova e Palazzo

Dettagli

Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area A Obiettivi della formazione

Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area A Obiettivi della formazione Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area A Obiettivi della formazione Federica Greco, Mauro Serra (versione 6.5) Sommario Sommario 1 Descrizione 2 Definizione dell Area

Dettagli

Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche per l interculturalità e la media education Classe di laurea LM-85 Scienze Pedagogiche

Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche per l interculturalità e la media education Classe di laurea LM-85 Scienze Pedagogiche Nome insegnamento: MEDIA EDUCATION Tipo di valutazione: Voto in trentesimi Calendario delle attività didattiche: cfr. il calendario delle lezioni Organizzazione della didattica: Lezioni frontali con discussione

Dettagli

Master universitario di II livello per la Dirigenza degli Istituti Scolastici MUNDIS

Master universitario di II livello per la Dirigenza degli Istituti Scolastici MUNDIS UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Parte integrante del Bando di attivazione dei Master universitari a.a. 2009/2010 Master universitario di II livello per la Dirigenza degli Istituti

Dettagli

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea in Economia e Commercio Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Economia e Commercio Economics

Dettagli

M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello

M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello Il Master MUNDIS è un titolo preferenziale per l accesso ai prossimi concorsi per la dirigenza delle

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Classe di appartenenza: LM - 51 Clinical Psychology REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA Master Universitario annuale di II livello in IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2014/2015 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO (500 ore 20 Crediti Formativi Universitari) Anno

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. "Gestione del cambiamento organizzativo" Change management

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Gestione del cambiamento organizzativo Change management REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO "Gestione del cambiamento organizzativo" Change management Direttore del corso: Chiara Casadio Commissione del Corso di Master: Angelo

Dettagli

L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA

L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA in CONVENZIONE CON L IPSEF SRL Ente accreditato al MIUR per la formazione al personale della scuola istituisce ed attiva il Corso di Perfezionamento

Dettagli

Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM. Facoltà di Comunicazione, relazioni pubbliche e pubblicità

Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM. Facoltà di Comunicazione, relazioni pubbliche e pubblicità Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM Corso di laurea in Relazioni pubbliche e comunicazione d'impresa Classe di appartenenza L-20 Scienze della comunicazione Nome inglese del corso: Public

Dettagli

MASTER HR SPECIALIST

MASTER HR SPECIALIST MASTER HR SPECIALIST REGOLAMENTO DIDATTICO-ORGANIZZATIVO CENTRO DI RICERCA CEFORC FORMAZIONE CONTINUA & COMUNICAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE 1. Per l anno

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli