PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA"

Transcript

1 AUTORIZZAZIONI / CONCESSIONI PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA - aggiornamento agosto pag. 1

2 PARALLELISMI - aggiornamento agosto pag. 2

3 1. Canali a cielo aperto incassati (non arginati) La distanza D è da riferirsi al ciglio reale del canale quando la dimensione reale supera quella Catastale. La distanza D è da riferirsi al ciglio catastale quando la dimensione catastale supera quella reale. D a) in campagna lungo entrambi i lati Tipologia D minima (m) Cartelli pubblicitari (limite esterno del cartello) 5 Colture erbacee annuali 1 Fabbricati (si considera l'ingombro max comprese fondazioni e copertura) 6-10 Pannelli Solari 10 Fossi paralleli al canale 6-10 Linee aeree - distanza del palo 5 Linee interrate (dal limite esterno della condotta) 5 Muretti in cls o mattoni con o senza ringhiera 5 New jersey removibile 4 Piante ad alto fusto o cespugli (si considera il massimo ingombro chioma) 4 Recinzione metallica non sfilabile (con fondazione continua) Recinzione metallica sfilabile (o con plinto di piccole dimensioni) Sbancamenti o rilevati permanenti 6-10 Siepi 4 Strade nuove (limite esterno banchina compreso fossetta) se privata, il Consorzio ha il diritto di transito NB Per muretti, recinzioni, pali di linea o cartelli con fondazione, le distanze devono essere riferite all'elemento strutturale più vicino alla tombinatura, sia esso di fondazione o elevazione - aggiornamento agosto pag. 3

4 1. Canali a cielo aperto incassati (non arginati) La distanza D è da riferirsi al ciglio catastale quando la dimensione catastale supera quella reale. b) in adiacenza ad una strada e in campagna sul lato opposto con manutenzione che si può effettuare lato strada se non è possibile effettuare la manutenzione ordinaria dal solo lato strada valgono per entrambi i lati le distanze di cui al punto a) D lato campagna lato strada lato campagna lato strada Tipologia D minima (m) D minima (m) Cartelli pubblicitari (limite esterno del cartello) 5 1 Colture erbacee annuali 1 - Fabbricati (si considera l'ingombro max comprese fondazioni e copertura) Pannelli Solari 10 Fossi paralleli al canale Guard rail - 0,5 Linee aeree - distanza del palo 5 0,5 Lampioni non consentiti Linee interrate (dal limite esterno della condotta) 5 al limite opposto della strada, mai sotto i 3 m Muretti in cls o mattoni con o senza ringhiera 5 - New jersey removibile 2 - Piante ad alto fusto o cespugli (si considera il massimo ingombro chioma) 4 2 Recinzione metallica non sfilabile (con fondazione continua) 5 - Recinzione metallica sfilabile (o con plinto di piccole dimensioni) IN CENTRO ABITATO 1 - Recinzione metallica sfilabile (o con plinto di piccole dimensioni) IN CAMPAGNA 5 - Sbancamenti o rilevati permanenti Siepi 4 - Strade nuove (limite esterno banchina compreso fossetta) 4 - se privata, il Consorzio ha il diritto di transito - aggiornamento agosto pag. 4

5 2. Canali a cielo aperto arginati La distanza D è da riferirsi al piede d'argine catastale quando la dimensione catastale supera quella reale. La distanza D è da riferirsi al piede d'argine reale quando la dimensione reale supera quella catastale. Un argine si ritiene transitabile se ha una larghezza in sommità di almeno 4.0 m. a) in campagna lungo entrambi i lati D Tipologia D minima per argini transitabili (m) D minima per argini non transitabili (m) Cartelli pubblicitari (limite esterno del cartello) 5 5 Colture erbacee annuali 1 1 Fabbricati (si considera l'ingombro max comprese fondazioni e copertura) Pannelli Solari Fossi paralleli al canale Linee aeree - distanza del palo 5 5 Linee interrate (dal limite esterno della condotta) 5 5 Muretti in cls o mattoni con o senza ringhiera 5 5 New jersey removibile 4 4 Piante ad alto fusto o cespugli (si considera il massimo ingombro chioma) 4 4 Recinzione metallica non sfilabile (con fondazione continua) 5 5 Recinzione metallica sfilabile (o con plinto di piccole dimensioni) 4 5 Sbancamenti o rilevati permanenti Siepi 4 4 Strade nuove (limite esterno banchina compreso fossetta) 4 5 se privata, il Consorzio ha il diritto di transito NB Per muretti, recinzioni, pali di linea o cartelli con fondazione, le distanze devono essere riferite all'elemento strutturale più vicino alla tombinatura, sia esso di fondazione o elevazione - aggiornamento agosto pag. 5

6 2. Canali a cielo aperto arginati La distanza D è da riferirsi al piede d'argine catastale quando la dimensione catastale supera quella reale. La distanza D è da riferirsi al piede d'argine reale quando la dimensione reale supera quella catastale. Un argine si ritiene transitabile se ha una larghezza in sommità di almeno 4.0 m. b) in adiacenza ad una strada e in campagna sul lato opposto D lato strada Tipologia D minima per argini transitabili (m) lato campagna D minima per argini non transitabili (m) lato strada D minima (m) Cartelli pubblicitari (limite esterno del cartello) Colture erbacee annuali Fabbricati (si considera l'ingombro max comprese fondazioni e copertura) Pannelli Solari Fossi paralleli al canale Guard rail Linee aeree - distanza del palo Lampioni non consentiti Linee interrate (dal limite esterno della condotta) 5 5 al limite opposto della strada, mai sotto i 3 m Muretti in cls o mattoni con o senza ringhiera New jersey removibile Piante ad alto fusto o cespugli (si considera il massimo ingombro chioma) Recinzione metallica non sfilabile (con fondazione continua) Recinzione metallica sfilabile (o con plinto di piccole dimensioni) Sbancamenti o rilevati permanenti Siepi Strade nuove (limite esterno banchina compreso fossetta) (se privata, il Consorzio ha il diritto di transito) aggiornamento agosto pag. 6

7 2. Canali a cielo aperto arginati La distanza D è da riferirsi al piede d'argine catastale quando la dimensione catastale supera quella reale. La distanza D è da riferirsi al piede d'argine reale quando la dimensione reale supera quella catastale. Un argine si ritiene transitabile se ha una larghezza in sommità di almeno 4.0 m. c) con argine divenuto strada D lato strada Tipologia D minima per argini transitabili (m) lato campagna D minima per argini non transitabili (m) lato strada D minima (m) Cartelli pubblicitari (limite esterno del cartello) Colture erbacee annuali Fabbricati (si considera l'ingombro max comprese fondazioni e copertura) Pannelli Solari Fossi paralleli al canale Guard rail Linee aeree - distanza del palo Lampioni non consentiti Linee interrate (dal limite esterno della condotta) 5 5 Divieto di sottoservizi nel corpo arginale Muretti in cls o mattoni con o senza ringhiera New jersey removibile Piante ad alto fusto o cespugli (si considera il massimo ingombro chioma) Recinzione metallica non sfilabile (con fondazione continua) Recinzione metallica sfilabile (o con plinto di piccole dimensioni) Sbancamenti o rilevati permanenti Siepi Strade nuove (limite esterno banchina compreso fossetta) (se privata, il Consorzio ha il diritto di transito) aggiornamento agosto pag. 7

8 3. Canali tombinati La distanza D è da riferirsi al limite esterno del manufatto quando questi eccede l'area catastale. La distanza D è da riferirsi al ciglio catastale quando la dimensione catastale supera quella reale. a) in campagna lungo entrambi i lati D limite catastale Tipologia D minima (m) Cartelli pubblicitari (limite esterno del cartello) 2 Colture erbacee annuali 1 Fabbricati (si considera l'ingombro max comprese fondazioni e copertura) 6-10 Pannelli Solari 10 Fossi paralleli al canale 6-10 Linee aeree - distanza del palo 4 Linee interrate (dal limite esterno della condotta) 4 Muretti in cls o mattoni con o senza ringhiera 4 New jersey removibile 2 Piante ad alto fusto o cespugli (si considera il massimo ingombro chioma) Recinzione metallica non sfilabile (con fondazione continua) Recinzione metallica sfilabile (o con plinto di piccole dimensioni) Sbancamenti o rilevati permanenti 6-10 Siepi 4 Strade nuove (limite esterno banchina compreso fossetta) se privata, il Consorzio ha il diritto di transito NB Per muretti, recinzioni, pali di linea o cartelli con fondazione, le distanze devono essere riferite all'elemento strutturale più vicino alla tombinatura, sia esso di fondazione o elevazione - aggiornamento agosto pag. 8

9 3. Canali tombinati La distanza D è da riferirsi al limite esterno del manufatto quando questi eccede l'area catastale. La distanza D è da riferirsi al ciglio catastale quando la dimensione catastale spupera quella reale. b) in adiacenza ad una strada su uno o due lati D limite catastale lato campagna lato strada lato campagna lato strada Tipologia D minima (m) D minima (m) Cartelli pubblicitari (limite esterno del cartello) 2 1 Colture erbacee annuali 1 - Fabbricati (si considera l'ingombro max comprese fondazioni e copertura) Pannelli Solari 10 Fossi paralleli al canale Guard rail - 1 Linee aeree - distanza del palo 4 1 Linee interrate (dal limite esterno della condotta) 4 al limite opposto della strada, mai sotto i 3 m Muretti in cls o mattoni con o senza ringhiera 2 - New jersey removibile 2 - Piante ad alto fusto o cespugli (si considera il massimo ingombro chioma) 4 2 Recinzione metallica non sfilabile (con fondazione continua) 2 - Recinzione metallica sfilabile (o con plinto di piccole dimensioni) 1 - Sbancamenti o rilevati permanenti Siepi 4 - Strade nuove (limite esterno banchina compreso fossetta) 2 - se privata, il Consorzio ha il diritto di transito NB Per muretti, recinzioni, pali di linea o cartelli con fondazione, le distanze devono essere riferite all'elemento strutturale più vicino alla tombinatura, sia esso di fondazione o elevazione - aggiornamento agosto pag. 9

10 4. Gazebo - Tettoie - Coperture removibili Il posizionamento di gazebo - tettoie - coperture removibili a distanze inferiori a quelle prescritte per i fabbricati, può essere ammesso solo nei seguenti casi: 1- canali tombinati in concessione d'uso 2- canali a cielo aperto prospicienti pubbliche strade Caso 1 (canali tombinati in concessione d'uso) Le strutture potranno essere posizionate alla distanza di m 1,00 dal limite esterno del manufatto di tombinatura, anche qualora questo limite rientri nella delimitazione catastale del canale. Caso 2 (canali a cielo aperto prospicienti pubbliche strade) Le strutture potranno essere posizionate a m 2,00 dal ciglio del canale o dal piede dell'argine per i canali arginati. In entrambi i casi il Concessionario dovrà dichiarare: - che la struttura è facilmente removibile e pertanto priva di fondazioni - la propria disponibilità alla rimozione immediata in caso di esigenza del Consorzio Tali dichiarazione dovrà essere inserita nella relazione tecnica allegata alla domanda di concessione. E' assolutamente vietata l'installazione di strutture, anche removibili, sulle aree di pertinenza consorziale in fregio al canale Madonna del Pino - aggiornamento agosto pag. 10

11 ATTRAVERSAMENTI - aggiornamento agosto pag. 11

12 1. Canali a cielo aperto incassati (non arginati) Si intende sempre la distanza dall'esterno della condotta La distanza D1 è da riferirsi al ciglio del canale con quota più alta La distanza D2 è da riferirsi al fondo del canale aereo D1 subalveo D2 D3 D4 Tipologia linea D1 (m) D2 (m) D3 (m) D4 (m) Elettrica > 15KV Elettrica < =15 KV da concordare da concordare Telefonica 8,0 1,5 3,0 3,0 Gas solo ponti 2,0 3,0 3,0 Acquedotto solo ponti 2,0 3,0 3,0 Fognatura bianca solo ponti 2,0 3,0 3,0 Fognatura nera no 2,0 3,0 3,0 Snam no 2,0 3,0 3,0 Irrigazione solo ponti 2,0 3,0 3,0 - aggiornamento agosto pag. 12

13 2. Canali a cielo aperto arginati Si intende sempre la distanza dall'esterno della condotta La distanza D1 è da riferirsi all'argine con quota più alta La distanza D2 è da riferirsi al fondo del canale aereo D1 subalveo D2 D3 D4 Tipologia linea D1 (m) D2 (m) D3 (m) D4 (m) Elettrica > 15KV Elettrica <= 15 KV da concordare da concordare Telefonica 8,0 1,5 3,0 3,0 Gas solo ponti 2,0 3,0 3,0 Acquedotto solo ponti 2,0 3,0 3,0 Fognatura bianca solo ponti 2,0 3,0 3,0 Fognatura nera no 2,0 3,0 3,0 Snam no 2,0 3,0 3,0 Irrigazione solo ponti 2,0 3,0 3,0 - aggiornamento agosto pag. 13

14 3. Canali tombinati Si intende sempre la distanza dall'esterno della condotta La distanza D1 è da riferirsi al piano di campagna La distanza D2 è da riferirsi alla quota di scorrimento della tombinatura aereo D1 confine catastal confine catastal subalveo D2 D3 D4 Tipologia linea D1 (m) D2 (m) D3 (m) D4 (m) Elettrica > 15KV Elettrica <= 15 KV da concordare da concordare Telefonica * 1,5 2,0 2,0 Gas * 1,5 2,0 2,0 Acquedotto * 1,5 2,0 2,0 Fognatura bianca no 1,5 2,0 2,0 Fognatura nera no 1,5 2,0 2,0 Snam no 2,0 2,0 2,0 Irrigazione no 1,5 2,0 2,0 * è possibile passare tra l'estradosso della tombinatura e il terreno se ci sono adeguati spessori di ricoprimento anche per il transito di mezzi di I categoria - aggiornamento agosto pag. 14

15 PRESCRIZIONI VARIE - aggiornamento agosto pag. 15

16 1. a) PRESCRIZIONI Il richiedente ha l obbligo PER di ATTRAVERSAMENTI calcolare QS, Q30 S, Q200 S e QM come esposto nelle linee guida b) L opera sarà autorizzabile qualora si verifichino entrambe le condizioni: 1. Q M >Q S, la portata ammissibile del manufatto deve essere maggiore di quella ammissibile alla preesistente sezione a cielo aperto. Uno dei requisiti necessari al verificarsi di questa condizione è che l area della sezione del manufatto (mq) sia maggiore o uguale a quella della preesistente sezione a cielo aperto. Questa verifica deve sempre essere esplicitata nei calcoli. Trattasi di condizione assolutamente inderogabile. 2. Q M >Q 200 S, la portata ammissibile al manufatto deve essere maggiore della portata di progetto duecentennale prevista alla sezione S. Il tecnico istruttore potrà accettare di valutare casi in deroga a questa seconda condizione esclusivamente in presenza di gravi, documentati, oggettivi impedimenti fisici e, in tal caso, si dovrà comunque verificare, inderogabilmente, che almeno Q M >Q 30 S. Non sarà mai ammessa la deroga per motivi meramente economici. c) Nuovi attraversamenti di qualunque tipo interessanti tratti arginati non devono avere la quota di sottotrave al di sotto della quota di sommità arginale ed altresì devono prevedere, in maniera commisurata al tipo di attraversamento, opere atte a massimizzare il grado di sicurezza di un significativo tratto del corso d acqua indicato dal Consorzio (art. 7 norme Piano Stralcio di bacino per il rischio idrogeologico). d) Tipologie costruttive da scegliersi, in ordine di preferenza: 1. ponte con impalcato impostato al di sopra della sommità arginale più alta della sezione di studio e rivestimento delle sponde e del fondo nel tratto interessato con massi di dimensioni adeguate; 2. ponte in opera a volta; 3. ponte realizzato con elementi prefabbricati E obbligatorio realizzare tratti di raccordo ad imbuto tra le sezioni a cielo aperto e l attraversamento. In tali tratti si realizzerà un adeguato rivestimento di sponde e fondo con massi di dimensioni adeguate; - aggiornamento agosto pag. 16

17 2. PRESCRIZIONI PER TOMBINATURE Le tombinature sono in generale vietate ai sensi dell art. 41 comma 1 del D.L. 152/1999 e ss.mm.ii., e si possono eseguire solo quando si verifichino situazioni particolari per la tutela della pubblica incolumità e sicurezza, così come previsto nella Direttiva concernente criteri progettuali per l attuazione degli interventi in materia di difesa del suolo nel territorio della regione Emilia-Romagna approvata con deliberazione della Giunta Regionale n.3939 del Lo stesso concetto è stato ribadito dalla delibera consorziale n. 560 del 23/07/2002. Nei casi in cui sia permessa, la tombinatura deve soddisfare gli stessi requisiti idraulici degli attraversamenti (cfr. punto 1) anche se insistente su corso d acqua non adeguato alla portata di tempo di ritorno di 200 anni o già tombinato, in altri tratti, con manufatti di sezione inferiore. 3. PRESCRIZIONI PER IMMISSIONI Le immissioni devono essere realizzate con inclinazione massima di 45 rispetto all asse del canale sul piano orizzontale. A monte e a valle dell immissione, le sponde ed il fondo del canale dovranno essere rivestite con le tecniche di cui al punto 1. Se esistono rischi di rigurgito, è obbligatoria l installazione di valvole di non ritorno, alloggiate in opportuni manufatti prefabbricati o in opera che non costituiscano intralcio al regolare deflusso delle acque (vedi schema) - aggiornamento agosto pag. 17

18 LINEE GUIDA PER CALCOLI E VERIFICHE IDRAULICHE pag aggiornamento agosto

19 1. Premessa Le presenti linee guida: sono funzionali all esecuzione dei calcoli e delle verifiche idrauliche che supportano domande di autorizzazione al Consorzio di bonifica Savio e Rubicone; si riferiscono a condizioni approssimate di moto uniforme e non sono in generale da considerarsi esaustive, fatta salva la possibilità del Consorzio di pretendere a propria discrezione studi più approfonditi del comportamento idraulico in moto permanente o vario; sono conformi ai criteri individuati dalla Direttiva Idraulica dell Autorità dei Bacini dei Fiumi Romagnoli (consultabile sul web nel sito della regione Emilia-Romagna 2. Definizioni Nel seguito s intende per: TR S A tot A S L i tot j C Q 200_tot Q 200_S Q 30_tot Q 30_S Q S_ Q M tempo di ritorno della portata sezione del canale ove s intende realizzare l opera (ponte, passo carraio, immissione, tombinatura ); area del bacino idrografico totale del corso d acqua area del bacino idrografico chiuso a monte di S lunghezza dell asta principale estesa allo spartiacque (Km) pendenza media dell asta principale dall origine alla foce (m/m) pendenza del canale nel tratto interessato dall opera (m/m) coefficiente di deflusso (numerico) portata di progetto per TR = 200 anni alla foce del corso d acqua portata di progetto per TR = 200 anni alla sezione S portata di progetto per TR = 30 anni alla foce del corso d acqua portata di progetto per TR = 30 anni alla sezione S officiosità della sezione S, ovvero portata massima ammissibile con franco di 30 cm dal ciglio più basso, nella situazione geometrica esistente o relativa ad un intervento di risagomatura in progetto; portata massima ammissibile attraverso l eventuale nuovo manufatto Attraversamento: manufatto che permette il passaggio da una sponda all altra del canale di larghezza limitata (es. passo carraio); Tombinatura: serie di manufatti per la copertura di un tratto cospicuo di canale. pag aggiornamento agosto

20 3. Linee guida per i richiedenti 3.1 Come definire il profilo longitudinale Disegnare il profilo longitudinale del canale da valle verso monte per una lunghezza di almeno 50 m. a monte e valle di S. Tracciare l andamento dell argine destro in tratto continuo sottile, dell argine sinistro in tratto tratto-punto sottile, del fondo del canale in tratto continuo grosso. Segnalare la presenza e le dimensioni di manufatti esistenti. Riportare su opportuno cartiglio, le sezioni, le quote riferite ad un caposaldo specificato e le distanze parziali e progressive. 3.2 Come definire le sezioni trasversali Vanno disegnate con vista da monte verso valle, quindi la destra di chi guarda la sezione è la destra idraulica. E importante definire la larghezza del fondo e della bocca superiore, l altezza dal fondo di entrambi gli argini. E assolutamente necessario, nel caso di manufatti, eseguire il rilievo delle seguenti sezioni: S sezione di intervento; S1 10 m a monte del futuro attraversamento S2 1 m a monte del futuro attraversamento S3 1 m a valle del futuro attraversamento S4 10 m a valle del futuro attraversamento pag aggiornamento agosto

21 3.3 Come eseguire la relazione tecnico-idraulica La relazione tecnica dovrà contenere una descrizione dettagliata dell opera e delle sue interazioni con il corso d acqua. La relazione idraulica dovrà contenere lo studio delle portate eseguito con metodo cinematico o della corrivazione come di seguito articolato. a)calcolo della pioggia di progetto. Il richiedente userà come riferimento le seguenti curve di possibilità climatica: pag aggiornamento agosto

22 TR = 30 anni h = 50,00 d 0,30 TR = 200 anni h = 75,00 d 0,29 dove h = altezza di pioggia (mm) d = tempo (ore) Per studi a grande scala, si potrà fare riferimento anche alla direttiva idraulica del Piano stralcio di bacino. b) Raccolta dati morfologici del bacino e del canale. Il Consorzio di bonifica fornirà al richiedente le seguenti grandezze fisiche (il referente è sempre il tecnico di comparto che istruirà la pratica): A tot A S L i tot area del bacino idrografico totale del corso d acqua compresi affluenti (Kmq) area del bacino idrografico chiuso a monte di S (Kmq) lunghezza dell asta principale estesa allo spartiacque (Km) pendenza media dell asta principale dall origine alla foce (m/m) Il richiedente dovrà stimare: j pendenza del canale nel tratto interessato dall opera (m/m) Questa grandezza dovrà ovviamente essere desunta dal profilo longitudinale precedentemente eseguito e quindi sarà riferita ad un tratto di circa 100 ml. c) Calcolo del tempo di corrivazione. Il richiedente valuterà il tempo di corrivazione tc con una delle seguenti formule: per Area del bacino idrografico A tot < 1 kmq tc = 24 0,18 (A tot L) 0,333 per Area del bacino idrografico A tot > 1 kmq tc = 0,108 (A tot L) 1/3 / (i tot ) 1/2 tc in ore, i tot in m/m, L in km, A tot in kmq d) Definizione del coefficiente di deflusso C Il coefficiente di deflusso C, che esprime il rapporto tra la portata e la precipitazione (C è un numero privo di unità di misura e sempre inferiore a 1), sarà valutato dal richiedente. Il Consorzio consiglia l uso della formula semplificata: C= (0,9 A imp + 0,2 A perm ) / A tot ove A imp (mq)= superficie del bacino impermeabile/urbanizzata, A perm (mq)= superficie del bacino permeabile/agricola. Ovviamente: pag aggiornamento agosto

23 A tot = A imp + A perm E fatta salva la possibilità di avvalersi anche dei numerosi criteri esistenti in letteratura. In ogni caso, la stima di C non potrà scendere mai al di sotto dei valori minimi pari a 0,5 per i bacini imbriferi o frazioni di essi a valle della Via Emilia e 0,8 per i bacini imbriferi o frazione di essi a monte della stessa. Non è autorizzato l utilizzo dei valori minimi senza il calcolo esplicito di C. e) Calcolo della portata PASSO 1) il richiedente calcolerà le portate di progetto alla foce: Q 30 tot = 0,278 C 50 tc (0,30-1) A tot Q 200 tot = 0,278 C 75 tc (0,29-1) A tot (mc/sec) (mc/sec) PASSO 2) ) il richiedente calcolerà le portate di progetto alla sezione S: Q 30 S = Q 30 tot (A s / A tot ) Q 200 S = Q 200 tot (A s / A tot ) (mc/sec) (mc/sec) 3.4 Calcolo della Portata ammissibile nella sezione del canale Q S Il richiedente potrà calcolare la portata transitante in moto uniforme nella sezione del canale con la formula di Bazin: Q S A V A K 87 R K R R J L B F A = area sezione utile (mq) R = raggio idraulico = A/C (m) H b d C = contorno bagnato (m) J = pendenza definita al punto b) (m/m) = coefficiente di scabrezza F = franco di sicurezza o di bonifica (m) pag aggiornamento agosto

24 V = velocità dell acqua (m/s) Q S = portata ammissibile (mc/sec) a titolo di esempio, nei casi di sezione simmetrica, si ha: A= (B + b) (H - F) / 2 C= b + 2 d Il franco F va posto pari almeno a 0,30 m La scabrezza va posta almeno pari a 1,30 per canali inerbiti ben mantenuti e almeno pari a 1,70 per canali con vegetazione rigogliosa Calcolo della portata ammissibile in manufatti rettangolari- Q M Si utilizzerà la formula di cui al punto 3.4 in ipotesi di franco F, in cui: A è l area della sezione del manufatto valutata con franco F C è il contorno bagnato della sezione di progetto valutato con franco F va posto pari almeno a 1,30 per manufatti di sviluppo inferiore a 10 ml, altrimenti pari almeno a 0,85, salvo diverse prescrizioni del Consorzio Calcolo della Portata ammissibile in manufatti circolari (tubi) - Q M Si utilizza la formula di cui al punto 3.4 in ipotesi di sezione piena, in cui: A è l area della sezione del tubo C è il contorno bagnato, pari alla circonferenza va posto pari a 1,30 per manufatti di sviluppo inferiore a 10 ml, altrimenti pari a 0,85. Si considera in via approssimata la portata a bocca piena come massima. pag aggiornamento agosto

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE REALIZZAZIONE STRADA DI COLLEGAMENTO TRA VIA PIOVOLA E LO SVINCOLO "EMPOLI EST" DELLA S.G.C. FI-PI-LI PROGETTO DEFINITIVO COMMITTENTE COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE IDROLOGICA

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

CONSORZIO DELLA BONIFICA RENANA B O L O G N A ESTRATTO DAL VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PROVVISORIO DEL 17 NOVEMBRE 2009

CONSORZIO DELLA BONIFICA RENANA B O L O G N A ESTRATTO DAL VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PROVVISORIO DEL 17 NOVEMBRE 2009 DELIBERAZIONE N. 43/2009 OGGETTO 5 ADOZIONE E PRIMA APPLICAZIONE DELLE TIPOLOGIE DI CONCESSIONI AMMINISTRATIVE E DEI RELATIVI CANONI, DEI CRITERI TECNICI E OPERATIVI, NONCHÉ DELLE REGOLE AMMINISTRATIVE.

Dettagli

DOMANDA 1) PER IL RILASCIO DI CONCESSIONE, LICENZA E NULLA OSTA

DOMANDA 1) PER IL RILASCIO DI CONCESSIONE, LICENZA E NULLA OSTA DOMANDA 1) PER IL RILASCIO DI CONCESSIONE, LICENZA E NULLA OSTA Data Spettabile CONSORZIO DI BONIFICA RIVIERA BERICA Via Circonvallazione, 2 36040 SOSSANO (VI) Oggetto: Corsi d acqua pertinenti alla bonifica

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE

COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE CALCOLO DELLA PORTATA DELLE ACQUE METEORICHE Il calcolo per la verifica idraulica di seguito riportato

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 INDICE 1 Premesse... 2 2 Inquadramento territoriale... 3 3 Il progetto delle opere... 5 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 3.2 Sistemazione dell area parcheggio commerciale...6 3.3 Interferenze e sistemazioni

Dettagli

Assessorato Sviluppo della montagna e foreste - Opere pubbliche - Difesa del suolo Direzione Opere Pubbliche

Assessorato Sviluppo della montagna e foreste - Opere pubbliche - Difesa del suolo Direzione Opere Pubbliche TABELLA "CANONI DI CONCESSIONE PER UTILIZZO DI PERTINENZE IDRAULICHE" (ART. 1, COMMA 1, LETTERA C DELLA L.R. 12/2004) INTEGRATA DALL ALLEGATO A DEL D.P.G.R. 6/12/2004, n. 14/R) (n.b. le note integrative

Dettagli

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi:

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi: 1 Premessa Il comparto rientra nell ambito degli accordi con i privati di cui all art. 18 della L.R. n. 20/2000 contrassegnato col n. 16 Lido di Classe Nord Sud, ed è soggetto a PUA generale. E costituito

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno versione gennaio 2006 1 VOLUMI ACCESSORI Sono considerati volumi accessori le strutture di modeste dimensioni, a carattere precario, non adibite a residenza,

Dettagli

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Viale della Repubblica, 4-47014 Meldola (FC) Tel-Fax. 0543/49 03 36 - C. F. MDR PLG 44L06 A 565 O - P. IVA 00627450406 PREMESSA La presente

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI C O R I N A LD O PROGETTO DEFINITIVO N. ELAB. TITOLO

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 PROGETTO ESECUTIVO 1/9 1. PREMESSA La presente relazione descrive gli aspetti idraulici connessi con lo smaltimento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

Manutenzione e Progettazione di Ponti con Pile in Alveo

Manutenzione e Progettazione di Ponti con Pile in Alveo Tecnologie avanzate per la progettazione di infrastrutture in aree ad alto rischio sismico e idrogeologico Manutenzione e Progettazione di Ponti con Pile in Alveo Luigino Dezi Sala A Padiglione 26 23 ottobre

Dettagli

PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8

PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8 Allegato D8 PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8 La Provincia di Pisa intende affidare in concessione

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Profilo geologico Le tipologie di intervento previste consistono in :! Potenziamento delle

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta Provincia di Milano CONCESSIIONII PER OCCUPAZIIONE DEL SUOLO PUBBLIICO CON IIMPIIANTII PUBBLIICIITARII MODALIITÀ PROCEDURALII A PRECIISAZIIONE DEL Regolamento per l applicazione del canone sulla pubblicità

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento... 2 Art. 2 Definizione del reticolo minore... 2 Art. 3 Normativa di riferimento e competenze... 2 Art. 4 Attività amministrativa dei Comuni... 3 Art. 5 Autorizzazione

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

COMUNE DI PAVIA STUDIO PER LA DEFINIZIONE DELLA COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI PAVIA STUDIO PER LA DEFINIZIONE DELLA COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI PAVIA STUDIO PER LA DEFINIZIONE DELLA COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (L.R. 11/03/2005, N.12; D.G.R. 28/05/2008, N.8/7374) DESCRIZIONE DEL RETICO

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

Comune di Casalmorano

Comune di Casalmorano Comune di Casalmorano Provincia di Cremona 26020 CASALMORANO (CR) Via Roma, 13 Tel.0374/374080 Fax.0374/374037 Cod. Fisc. 00314350190 Email: commune.casalmorano@pec.regione.lombardia.it CAPPELLA CIMITERIALE

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UNITÀ DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA NAVIGAZIONE ED IL DEMANIO MARITTIMO S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 )

COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 ) COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 ) REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA A CURA DI: STUDIO

Dettagli

CITTA DI PINEROLO CRONOPROGRAMMA ALLEGATO ALLE VERIFICHE DI PRGC. Scheda n 1 AREE 1 E 2. Scala 1:5000

CITTA DI PINEROLO CRONOPROGRAMMA ALLEGATO ALLE VERIFICHE DI PRGC. Scheda n 1 AREE 1 E 2. Scala 1:5000 Scheda n 1 AREE 1 E 2 Area 1: potrebbe essere utilizzata dopo l avvenuta realizzazione delle opere di difesa spondale a monte del nuovo ponte Chisone; dovrà inoltre essere eseguito un argine sul limite

Dettagli

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO CERBONI GIUSEPPE - PULETTI CLOTILDE - GAUDENZI ALFREDO PROGETTO PIANO ATTUATIVO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. Si chiede di presentare l offerta per la realizzazione,

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA E RISPARMIO IDRICO Relazione tecnica

INVARIANZA IDRAULICA E RISPARMIO IDRICO Relazione tecnica ALLEGATO N. A 12 Oggetto: Proposta di Piano Urbanistico Attuativo SCHEDA A20 A03 PROPOSTA DI ACCORDO ART. 18 L.R. 2072000 FONDAZIONE FORNINO VALMORI ONLUS PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA SOCIO- ASSISTENZIALE

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

DOTT..ING. ANTONIO GARINO VIA BASSIGNANO 15 12100 CUNEO TEL 0171/634594 FAX 0171/634594 e-mail garino.antonio@libero.it COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO

DOTT..ING. ANTONIO GARINO VIA BASSIGNANO 15 12100 CUNEO TEL 0171/634594 FAX 0171/634594 e-mail garino.antonio@libero.it COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO PROPONENTE GAVOTTO Battista Dario Via Rosa Bianca 52 12082 MONDOVI Impianto idroelettrico PRESA SUL RIO CASOTTO LOCALITÀ MOLINI - CENTRALE

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

PIANO DI GESTIONE E MANUTENZIONE

PIANO DI GESTIONE E MANUTENZIONE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COUTENZA EX CANALE DEMANIALE PERTUSATA COMUNE DI BRA E COMUNE DI CHERASCO PROGETTO DI IMPIANTO IDROELETTRICO SUL CANALE PERTUSATA Allegato R-PGM-01_rev00 PIANO DI GESTIONE

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Il progetto prevede la realizzazione di una cassa di laminazione in derivazione in sx idraulica al Fiume Pecora, ubicata in loc. Scopaione - Comune di Scarlino (GR) ed

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO CIRCOLARE ESPLICATIVA N 2 PER L ATTUAZIONE DELLE NORME DI PAI: Fascia di rispetto di cui all art. 21, comma 6 Attraversamenti/tombamenti: articolo 9,

Dettagli

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE ALLEGATO TECNICO INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE Livello urbanistico per il futuro deposito e approvazione del Piano di Lottizzazione

Dettagli

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso...

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso... I N D I C E 1 Premessa... 2 2 Scheda identificativa dell opera... 3 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4 4 Manuale d uso... 4 5 Manuale di manutenzione... 6 6 Programma di manutenzione...

Dettagli

INDICE RELAZIONE DI CALCOLO PREMESSE DESCRIZIONE OPERE E CARATTERISTICHE DIMENSIONALI CALCOLO VASCA DI LAMINAZIONE...

INDICE RELAZIONE DI CALCOLO PREMESSE DESCRIZIONE OPERE E CARATTERISTICHE DIMENSIONALI CALCOLO VASCA DI LAMINAZIONE... INDICE RELAZIONE DI CALCOLO... 3 1. PREMESSE... 3 2. DESCRIZIONE OPERE E CARATTERISTICHE DIMENSIONALI... 3 3. CALCOLO VASCA DI LAMINAZIONE... 4 3.1.1 TRATTO 01... 4 3.1.2 TRATTO 02... 5 3.1.3 TRATTO 03...

Dettagli

Regolamento per la disciplina degli interventi ed attività nei corsi d acqua pubblica, loro pertinenze e negli ambiti di salvaguardia idraulica

Regolamento per la disciplina degli interventi ed attività nei corsi d acqua pubblica, loro pertinenze e negli ambiti di salvaguardia idraulica PROVINCIA DI PISA Dipartimento del Territorio Servizio Difesa del Suolo e Protezione Civile UO Idraulica Regolamento per la disciplina degli interventi ed attività nei corsi d acqua pubblica, loro pertinenze

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Modellazione Idraulica

Modellazione Idraulica SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DESCRIZIONE DELLA RETE IDROGRAFICA... 3 3. VERIFICA DELLA RETE SCOLANTE... 6 3.1. Generalità... 6 3.2. Descrizione della modellazione idraulica... 6 3.3. Definizione dell evento

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

COMUNE DI SANZENO. Approvato con deliberazione consiliare n. 04 di data 19 maggio 2008.

COMUNE DI SANZENO. Approvato con deliberazione consiliare n. 04 di data 19 maggio 2008. COMUNE DI SANZENO REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE DISTANZE DA MANTENERE DALLE STRADE PER GLI IMPIANTI FRUTTICOLI, PER LE STRUTTURE DI SOSTEGNO E INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE INIBITE ALLA POSA DELLE

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

RELAZIONE DI IDRAULICA

RELAZIONE DI IDRAULICA Politecnico di Torino RELAZIONE DI IDRAULICA Relazione esercitazioni. Anno Accademico 2011/2012 Corso di Idraulica Professore: L. Ridolfi Studente: Eleonora Magnotta Matricola: 162010 1 INDICE ESERCITAZIONE

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

COMUNE DI COLICO. Provincia di Lecco RETICOLO IDRICO MINORE

COMUNE DI COLICO. Provincia di Lecco RETICOLO IDRICO MINORE STUDIO DI GEOLOGIA TECNICA ED AMBIENTALE Dott. Cristian Adamoli Via Villatico 11, - 23823 Colico (Lc) / 0341.933011 P.Iva 02471200135 - Cod. Fisc. DML CST 72R19 A745J COMUNE DI COLICO Provincia di Lecco

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO Provincia di Arezzo COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDE DI FATTIBILITA' (Zona industriale Farniole) Gennaio 2014 Sindaco - Ass. all'urbanistica: Franco Parigi Resp. del Procedimento:

Dettagli

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario Tecnico Il fiume Fiora tra la S.S. 1 ed il mare: aspetti idraulici e difesa costiera Roma, 16

Dettagli

Fallimento INDALSAN S.r.l. Sentenza n 06/03

Fallimento INDALSAN S.r.l. Sentenza n 06/03 Fallimento INDALSAN S.r.l. Sentenza n 06/03 1. Descrizione generale I beni, rientranti nella massa fallimentare, sono ubicati sul lotto: indicato come 2S Tav 3 Zonizzazione dal P.I.P di C/da Olivola; contraddistinto

Dettagli

DISMISSIONE DELL IMPIANTO

DISMISSIONE DELL IMPIANTO PREMESSA Nell ambito del progetto dell impianto fotovoltaico da 2,5 MWp da realizzare in località Ottaduna nella tipologia di installazione a campo solare, il seguente studio ha per oggetto il progetto

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

LPS12 DOMANDA UNICA PER RICHIESTA NULLA-OSTA O AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MEZZO PUBBLICITARIO LUNGO LA STRADA PROVINCIALE/REGIONALE

LPS12 DOMANDA UNICA PER RICHIESTA NULLA-OSTA O AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MEZZO PUBBLICITARIO LUNGO LA STRADA PROVINCIALE/REGIONALE LPS12 DOMANDA UNICA PER RICHIESTA NULLA-OSTA O AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MEZZO PUBBLICITARIO LUNGO LA STRADA PROVINCIALE/REGIONALE Marca da bollo PROVINCIA DI PISTOIA Servizio Viabilità ed Infrastrutture

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini.

Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. Descrizione generale del progetto Il presente progetto

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE

COMUNE DI CASALE SUL SILE COMUNE DI CASALE SUL SILE Provincia di Treviso PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DELLA ZTO C2/020 DI VIA BONISIOLO ATTUAZIONE DELLA ZTO C2/020 MEDIANTE P.U.A. Articolo 21 NTO P.I. Articoli 19 e 20 Legge Regionale

Dettagli

R.2.3 Relazione tecnica idraulica

R.2.3 Relazione tecnica idraulica Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.3 Relazione tecnica idraulica Rovato, novembre

Dettagli

P R O V I N C I A D I T A R A N T O

P R O V I N C I A D I T A R A N T O P R O V I N C I A D I T A R A N T O 11 SETTORE Demanio, Concessioni, Patrimonio Immobiliare ed Espropri SERVIZIO INVENTARIO, GESTIONE IMMOBILI DEMANIALI E PATRIMONIALI, AUTORIZZAZIONI E CONCESSIONI. ******

Dettagli

PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano

PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano Committente: Passante di Mestre S.C.p.A./Gruppo Adige Bitumi Impresa Esecutrice Lavori: Gruppo Adige Bitumi Periodo Progettazione Esecutiva:

Dettagli

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2011/2012 ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA (Appunti tratti dalla lezione del 14/05/2012, non rivisti dal docente) 1 Esempio di dimensionamento

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli