IL CONTROLLO DI GESTIONE: UN MODELLO PER IL GOVERNO RAZIONALE E CONSAPEVOLE DELL IMPRESA. Dott. Nicola Lucido

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CONTROLLO DI GESTIONE: UN MODELLO PER IL GOVERNO RAZIONALE E CONSAPEVOLE DELL IMPRESA. Dott. Nicola Lucido"

Transcript

1 IL CONTROLLO DI GESTIONE: UN MODELLO PER IL GOVERNO RAZIONALE E CONSAPEVOLE DELL IMPRESA Dott. Nicola Lucido Forlì, 05 ottobre2016

2 La nostra agenda: Un modello per il governo razionale dell impresa La cultura del controllo Le dimensioni del controllo di gestione L implementazione di un sistema di co.an. Gli strumenti del controllo di gestione Cenni sulla metodologia del direct costing Cenni sulla metodologia del full costing 2 2

3 IL MODELLO DEL CONTROLLO DI GESTIONE Perché non va bene? Da dove devo iniziare per migliorare? Perché i miei costi continuano a lievitare? Mi conviene esternalizzare? Investo all estero? Cos è che non funziona? Come faccio a capire cosa devo fare? Mi conviene chiudere o continuare? Posso fare nuovi investimenti? Perché i miei clienti non acquistano più i miei prodotti? 3 3

4 IL MODELLO DEL CONTROLLO DI GESTIONE Quale linea di prodotti rende di più? Quali sono le aree di inefficienza? Come si determina l efficienza? Cosa s intende per centro di costo? Quali costi occorre razionalizzare? Quali prodotti sono in perdita? Mi conviene accettare questa commessa? Qual è il miglior prezzo di vendita? Come determinare il mio profitto? Quali costi posso ridurre? Come valutare la mia rete vendita? 4 4

5 IL MODELLO DEL CONTROLLO DI GESTIONE M O Consapevolezza D E L Razionalità Decisione Azione L Risultati O 5 5

6 IL MODELLO DEL CONTROLLO DI GESTIONE GLI OBIETTIVI DATI STANDARD (quantità e valori) di base attesi ideali EFFICIENZA = Costo Standard Costo a consuntivo EFFICACIA = Risultato ottenuto Obiettivo prefissato OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE Efficienza X Efficacia = valore prossimo al 100% 6 6 6

7 LA CULTURA DEL CONTROLLO La cultura della MISURAZIONE LA CULTURA DEL CONTROLLO La cultura della MOTIVAZIONE La cultura della DECISIONE 7 7

8 LA CULTURA DEL CONTROLLO La cultura della MISURAZIONE COSA E COME MONITORARE? 1. Individuare FATTORI CRITICI DI SUCCESSO dell impresa; 2. Individuare il loro peso relativo; 3. Scegliere, per ciascun fattore critico, idonei indicatori economici e non economici; 4. Stabilire indicatori che devono essere fra loro coerenti e complementari per avere un quadro completo; 5. Comunicare e condividere gli indicatori con manager e responsabili di aree; 6. Stabilire la tempistica di misurazione; 7. Interpretare in modo sistemico i vari indicatori. 8 8

9 LA CULTURA DEL CONTROLLO PROSPETTIVA DELLA DECISIONE SITUAZIONE PROBLEMATICA PROCESSO DECISIONALE DECISIONE SOLUZIONE 9 9

10 LA CULTURA DEL CONTROLLO La cultura della MOTIVAZIONE PARTECIPAZIONE DIFFUSA DELEGA SISTEMA PREMIANTE/ SANZIONATORIO 10 10

11 LA CULTURA DEL CONTROLLO Assenza di leadership LA CULTURA DEL CONTROLLO Assenza di partecipazione 11 11

12 LE DIMENSIONI DEL CONTROLLO In un ottica spaziale CONTROLLO STRATEGICO Controllo dei fattori critici di successo CONTROLLO DIREZIONALE Controllo dell attività dei centri di responsabilità CONTROLLO OPERATIVO Controllo delle attività operative 12 12

13 LE DIMENSIONI DEL CONTROLLO In un ottica temporale CONTROLLO ANTECEDENTE In fase di programmazione e di pianificazione di strategie e piani operativi CONTROLLO CONCOMITANTE In fase di attuazione delle strategie e dei piani operativi CONTROLLO SUSSEGUENTE In fase di analisi dei risultati a consuntivo (reporting) 13 13

14 L IMPLEMENTAZIONE DELLA CO.AN

15 L IMPLEMENTAZIONE DELLA CO.AN. Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a progetto Struttura a matrice 15 15

16 L IMPLEMENTAZIONE DELLA CO.AN. Modello organizzativo PROCESSI Più che per funzioni 16 16

17 L IMPLEMENTAZIONE DELLA CO.AN. VERTICE AZIENDALE I livello II livello Fornitore interno Cliente interno III livello SODDISFAZIONE DEL CLIENTE FINALE FUNZIONI AZIENDALI 17 17

18 L IMPLEMENTAZIONE DELLA CO.AN. Funzione amm.zione Funzione produzione Funzione mkt Processo aziendale Attività 1 Attività 2 Attività 3 Attività 4 Genera valore Utilizza risorse RICAVI COSTI Centro di costo Centri di profitto 18 18

19 L IMPLEMENTAZIONE DELLA CO.AN. Attività che non creano valore Attività che creano valore Basso Alto I IV Eliminare Monitorare o esternalizzare II III Mantenere e migliorare (riducendo i costi) Potenziare Basso Alto Attività in cui non si hanno competenze distintive Attività in cui si hanno competenze distintive 19 19

20 L IMPLEMENTAZIONE DELLA CO.AN. RICAVI PIANO DELLE VOCI COSTI PIANO DELLE VOCI Centro di costo Centri di profitto CONTABILITA ANALITICA 20 20

21 L IMPLEMENTAZIONE DELLA CO.AN. RICAVI PIANO DEI CONTI PIANO DELLE VOCI COSTI CONTABILITA GENERALE CONTABILITA ANALITICA 21 21

22 L IMPLEMENTAZIONE DELLA CO.AN. qanalisi dei processi qpiano dei conti qpiano delle voci qpiano dei centri di analisi ANALISI DELLE PERFORMANCE AZIENDALI Strumenti per il controllo di gestione q Analisi di bilancio q Contabilità analitica: Direct costing Full costing 22 22

23 GLI STRUMENTI DEL CONTROLLO I PRINCIPALI STRUMENTI DEL CONTROLLO DI GESTIONE SONO: 1. La contabilità generale e l ANALISI DI BILANCIO La contabilità direzionale 2. Le contabilità speciali, tra cui la CONTABILITÀ ANALITICA 3. I piani di breve periodo e di lungo periodo I BUDGET 4. L analisi degli scostamenti IL REPORTING 23 23

24 L ANALISI DI BILANCIO GESTIONE ANALISI DI BILANCIO CO.GE BILANCIO solvibilità solidità Riclassificazione dello Sp e calcolo di indici ed indicatori Criterio della pertinenza gestionale Criterio finanziario redditività Riclassificazione del CE e calcolo di indici Criterio del valore aggiunto Criterio del costo del venduto Criterio del margine di contribuzione 24 24

25 Saggio di reddito Rn/Cn Redditività del capitale investito (ROI) Ro/Ci Tasso di incidenza della gestione extracorrente (TIGEC) Rn/Ro Rapporto di indebitamento Ci/Cn Redditività delle vendite (ROS) Ro/V Tasso di rotazione del capitale investito (ROCI) V/Ci Struttura del conto economico percentualizzato per la parte extra-caratteristica. Incidenza degli oneri finanziari sul reddito operativo. STRUTURA DEL CONTO ECONOMICO (PERCENTUALIZZATO) PER LA PARTE CARATTERISTICA Indici di composizione della struttura patrimoniale Struttura del capitale Investito Struttura delle fonti di finanziamento Tasso di rotazione di capitale di esercizio V/Ce Analisi dell equilibrio finanziario Tasso di rotazione delle scorte Tasso di rotazione delle vendite Indici di Liquidità Indici di Copertura finanziaria Indici di durata 25 25

26 LA CONTABILITÀ ANALITICA Le contabilità speciali, tra cui la CONTABILITA ANALITICA contabilità industriale, o analitica o dei costi contabilità di magazzino contabilità del personale contabilità delle immobilizzazioni contabilità iva ecc

27 LA CONTABILITÀ ANALITICA Le informazioni che fornisce la Co.An. permettono di: Assumere decisioni di breve periodo (direct costing); Esprimere giudizi sull efficienza e sulla produttività; Stabilire i prezzi dei prodotti; Valutare alcune poste di bilancio; Controllare le spese generali; Controllare i costi di qualità; Assumere decisioni di carattere strategico; Ecc

28 LA CONTABILITÀ ANALITICA Ricavi di vendita Costi diretti (costi variabili e costi fissi specifici) - = Direct Costing Full Costing MARGINE DI CONTRIBUZIONE Costi indiretti (costi fissi comuni) - REDDITIVITA DEL CENTRO DI PROFITTO (Utile o perdita economica) 28 28

29 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing MARGINE DI CONTRIBUZIONE 29 29

30 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing RICAVI - costi variabili MARGINE DI CONTRIBUZIONE LORDO (1 livello) - costi fissi specifici relativi alla commessa MARGINE DI CONTRIBUZIONE SEMILORDO (2 livello) - costi fissi di struttura aziendali REDDITO NETTO 30 30

31 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing Ricavi totali Costi totali = Utile netto 500 Risultato economico complessivo Prodotto A Prodotto B Totale Ricavi netti Costi var M.d.C Costi fissi spec M.d.C Costi fissi indiretti 500 Utile netto

32 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing 1ª Considerazione: è più efficace calcolare il Margine di Contribuzione Complessivo Prodotto A Prodotto B Ricavi netti unitari Costi var. unit M.d.C.1 unit Quantità vendute 10 5 M.d.C. totale X 10 = X 5 =

33 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing 2ª Considerazione: oltre al margine di contribuzione complessivo sarebbe bene calcolare il Margine di Contribuzione in % Prodotto A Ricavi netti Costi var M.d.C M.d.C./ prezzo / = 64% Prodotto B / = 66.66% 33 33

34 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing Progetto A Progetto B Progetto C Tot. Ricavi di vendita costi variabili MAR. LORDO di CON costi fissi diretti MAR. SEMILORDO di CON costi fissi indiretti REDDITO DI ESERCIZIO

35 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing Analisi dei calcoli di convenienza economica Il direct costing Analisi del punto di pareggio (Break Even-Analysis) 35 35

36 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing L analisi dei calcoli di convenienza economica permette di risolvere questioni che concernono Eliminazione o meno di prodotti in perdita Decisioni di Make o Buy Accettazioni di ordini speciali Decisioni di mix produttivo in presenza di un fattore scarso 36 36

37 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing L accettazione di ordini speciali presuppone: nessuna modifica dell assetto produttivo proposta dell ordine speciale a prezzi più bassi rispetto a quelli di listino confronto tra Ricavi Emergenti e Costi Emergenti 37 37

38 1 caso: Ricavi emergenti > Costi emergenti Ipotesi di offerta di un cliente di 20 unità del PRODOTTO A ad un prezzo 100: Ricavi emergenti (100x20 unità) ACCETTO L ORDINE -Costi emergenti (80X20 unità) Risultato parziale 400 PRODOTTO A (reddito di partenza): Ricavi (150x1.000 unità) Costi variabili tot. (80X1.000 unità) Costi fissi UTILE PRODOTTO A (reddito dopo l accettazione): Ricavi (150x unità) (100X 20 unità aggiuntive Costi variabili tot. (80X1.000 unità) (80X 20 unità aggiuntive) Costi fissi UTILE

39 2 caso: Ricavi emergenti < Costi emergenti Ipotesi di offerta di un cliente di 20 unità del PRODOTTO A ad un prezzo 70: Ricavi emergenti (70x20 unità) RIFIUTO L ORDINE -Costi emergenti (80X20 unità) Risultato parziale PRODOTTO A (reddito di partenza): Ricavi (150x1.000 unità) Costi variabili tot. (80X1.000 unità) Costi fissi UTILE PRODOTTO A (reddito dopo l accettazione): Ricavi (150x unità) (70X 20 unità aggiuntive) Costi variabili tot. (80X1.000 unità) (80X 20 unità aggiuntive) Costi fissi UTILE

40 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing L eliminazione o meno di un prodotto in perdita presuppone: nessuna modifica dell assetto produttivo prodotto con redditività negativa confronto tra Ricavi Cessanti e Costi Cessanti 40 40

41 1 caso: Ricavi cessanti > Costi cessanti PRODOTTO A PRODOTTO B Ricavi Costi variabili tot Costi fissi diretti Costi fissi indiretti (quota) UTILE (perdita) UTILE COMPLESSIVO DELL IMPRESA Ricavi cessanti Costi cessanti: costi variabili costi fissi diretti Risultato parziale (MdC > 0) (non eliminazione del prodotto B in perdita) PRODOTTO A Ricavi Costi variabili tot Costi fissi diretti Costi fissi indiretti UTILE COMPLESSIVO DELL IMPRESA (diminuisce)

42 2 caso: Ricavi cessanti < Costi cessanti PRODOTTO A PRODOTTO B Ricavi Costi variabili tot Costi fissi diretti Costi fissi indiretti (quota) UTILE (perdita) UTILE COMPLESSIVO DELL IMPRESA Ricavi cessanti Costi cessanti: costi variabili costi fissi diretti Risultato parziale (MdC > 0) (eliminazione del prodotto B in perdita) PRODOTTO A Ricavi Costi variabili tot Costi fissi diretti Costi fissi indiretti UTILE COMPLESSIVO DELL IMPRESA (aumenta)

43 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing Decisione di mix in presenza di un fattore scarso presuppone: nessuna modifica dell assetto produttivo vincoli produttivi correlati alla presenza di un fattore scarso obiettivi di massimizzazione del margine di contribuzione globale 43 43

44 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing Ipotesi di partenza PRODOTTO A PRODOTTO B Quantità da produrre Fattore scarso: h/macch. (2 h X 1.500) h (3h X 2.500) h Capacità produttiva disponibile h/macchina PRODOTTO A PRODOTTO B Prezzo unitario Costo variabile unit Margine di contribuzione h/macc. per pezzo 2 3 M.d.C/ ore macchina 20 16,66 Quantità prodotta PRODOTTO A PRODOTTO B in presenza del fattore scarso (3.000h tot/2 h) (6.000h tot/3 h)

45 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing Decisione di Make or Buy presuppone: nessuna modifica dell assetto produttivo possibilità di acquisto all esterno di prodotti o componenti con caratteristiche analoghe alle nostre confronto tra Costi Cessanti e Costi Emergenti 45 45

46 1 caso: Costi cessanti > Costi emergenti Ipotesi di fornitura per unità del prodotto A al prezzo unitario di 75 (acquisto all esterno del prodotto) MAKE BUY Costi cessanti (90 X unità) Costi emergenti (75 X unità) caso: Costi emergenti < Costi cessanti Ipotesi di fornitura per unità del prodotto A al prezzo unitario di 100 (produco all interno) MAKE BUY Costi cessanti (90 X unità) Costi emergenti (100 X unità)

47 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing L analisi del punto di pareggio (BREAK-EVEN ANALYSIS) si focalizza sulla quantità di produzione e di vendita in corrispondenza della quale si realizza il pareggio economico RICAVO TOTALE = COSTO TOTALE 47 47

48 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing Graficamente Costi e ricavi p Ricavi totali Costi totali Costi variabili Qx Costi fissi Quantità prodotta o venduta 48 48

49 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il direct costing Quantità di equilibrio Qx = CF + U P - Cuv Moltiplicando entrambi i membri per il PREZZO Fatturato di equilibrio Fx = CF + U P - Cuv P 49 49

50 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing Il full costing considera tutte le risorse impiegate in una determinata area, in una funzione, in una divisione, in una filiale, nell intera azienda Ripartizione dei costi indiretti 50 50

51 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing Ripartizione dei costi indiretti CRITERIO DI RIPARTO PRINCIPIO CAUSALE 51 51

52 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing PRINCIPIO CAUSALE stabilisce l UTILITA fornita dal FATTORE PRODUTTIVO per la realizzazione di un prodotto e/o commessa intesa anche come RISORSE DI UN FATTORE PRODUTTIVO ASSORBITE per la realizzazione di una produzione di un prodotto e/o commessa 52 52

53 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing CRITERIO DI RIPARTO 1. CRITERIO D IMPUTAZIONE OPERATIVO 2. CRITERIO D IMPUTAZIONE FUNZIONALE 3. CRITERIO D IMPUTAZIONE STRUMENTALE 53 53

54 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing CRITERIO D IMPUTAZIONE OPERATIVO la scelta del criterio di riparto viene fatta IN BASE AI VOLUMI DEGLI INPUT, in proporzione ai servizi resi o rendibili alla produzione (ad esempio, h/macchina, h/mod, ecc.) 54 54

55 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing CRITERIO D IMPUTAZIONE FUNZIONALE la scelta del criterio di riparto viene fatta IN BASE AI VOLUMI DEGLI OUTPUT, ottenuti o ottenibili grazie al contributo di specifici fattori produttivi (ad esempio, n prodotti ottenuti, mq. di superficie occupata dai prodotti, ecc.) 55 55

56 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing CRITERIO D IMPUTAZIONE STRUMENTALE la scelta del criterio di riparto viene fatta sull IPOTESI DI OGGETTI INTERMEDI DI COSTO, nei confronti dei quali il costo del fattore produttivo risulta diretto, pur rimanendo indiretto nei confronti della produzione (ad esempio, costo di riscaldamento diretto per il locale, indiretto per la produzione) 56 56

57 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing Ripartizione dei costi indiretti SU BASE UNICA SU BASE MULTIPLA BASE DI IMPUTAZIONE FISICA O TECNICA BASE DI IMPUTAZIONE A VALORI O ECONOMICA 57 57

58 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing Ripartizione su base unica COSTI INDIRETTI Unico criterio di riparto Prodotto 58 58

59 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing Ripartizione su base multipla COSTI INDIRETTI PIU CRITERI DI RIPARTO Funzioni Centri di costo Attività Prodotto 59 59

60 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing COSTI INDIRETTI Centri di costo Criterio di riparto (volumetrici) Prodotto 60 60

61 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing I CENTRI DI COSTO sono unità organizzative della struttura aziendale, deputate alla gestione delle risorse e quindi dei costi 61 61

62 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing ORGANIGRAMMA = PIANO DEI CENTRI DI COSTO Esigenze organizzative Esigenze di controllo 62 62

63 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing Per la definizione del piano dei centri di costo bisognerebbe considerare: 1. Omogeneità delle operazioni svolte; 2. Omogeneità dei fattori produttivi impiegati; 3. La rilevanza, in termini quantitativi, dei costi sostenuti nel centro; 4. L individuazione di un responsabile del centro 63 63

64 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing I centri di costo possono essere Centri produttivi Centri ausiliari Centri funzionali Centri fittizi 64 64

65 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing Fasi per la determinazione del costo di prodotto mediante la creazione di centri di costo: 1. Distinzione dei costi diretti e costi indiretti; 2. Attribuzione di costi diretti ai prodotti; 3. Individuazione dei centri di costo; 4. Imputazione dei costi indiretti ai centri produttivi, ausiliari e funzionali; 5. Ribaltamento dei costi dei centri ausiliari sui centri produttivi; 65 65

66 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing Fasi per la determinazione del costo di prodotto mediante la creazione di centri di costo: 6. Ribaltamento dei costi dei produttivi sui prodotti attraverso un criterio di riparto; 7. Ribaltamento dei centri funzionali sui prodotti, o, eventualmente, sui centri produttivi 8. Ripartizione degli eventuali costi indiretti non imputati ai centri sui prodotti

67 LA CONTABILITÀ ANALITICA: il full costing (1) Costi diretti (1) Costi indiretti di (1) produzione Altri costi indiretti (4) (4) (2) (3) Centri produttivi (5) (3) Centri (3) Centri ausiliari funzionali (7) (6) PRODOTTI (7) (8) 67 67

68 DALLA GESTIONE REDDITUALE ALLA GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE IMPRESA GESTIONE REDDITUALE DINAMICA ECONOMICA FLUSSI ECONOMICI E REDDITUALI si trasformano FLUSSI FINANZIARI 68 68

69 DALLA GESTIONE REDDITUALE ALLA GESTIONE FINANZIARIA FLUSSI FINANZIARI ANALISI DEI FLUSSI FINANZIARI FLUSSI di CASH FLOW VARIAZIONE DELLE POSTE DELLO STATO PATRIMONIALE (FONDO) IMPIEGHI di risorse finanziarie FONTI di risorse finanziarie FAumento attività FRiduzione passività FAumento passività FRiduzione attività 69 69

70 DALLA GESTIONE REDDITUALE ALLA GESTIONE FINANZIARIA IMPIEGHI di risorse finanziarie FONTI di risorse finanziarie FAumento attività FRiduzione passività FAumento passività FRiduzione attività ATTIVITÀ ORDINARIA ATTIVITÀ INVESTIMENTO ATTIVITÀ FINANZIARIA 70 70

71 DALLA GESTIONE REDDITUALE ALLA GESTIONE FINANZIARIA I FLUSSI FINANZIARI possono derivare da ATTIVITÀ ORDINARIE ATTIVITÀ INVESTIMENTI ATTIVITÀ FINANZIAMENTI 71 71

72 DALLA GESTIONE REDDITUALE ALLA GESTIONE FINANZIARIA Variazione di CASH FLOW TOTALE CASH FLOW ORDINARIO CASH FLOW TOTALE CASH FLOW NON ORDINARIO CASH FLOW FINANZIAMENTI CASH FLOW INVESTIMENTI

73 DALLA GESTIONE REDDITUALE ALLA GESTIONE FINANZIARIA La capacità dell impresa di generare flussi finanziari garantisce: il pagamento degli interessi passivi; il rimborso dei finanziamenti; il pagamento dei dividendi, il pagamento delle imposte la copertura degli investimenti in essere; la programmazione di nuovi investimenti; ecc

74 GRAZIE PER L ASCOLTO 74 74

Comunicazione economico-finanziaria

Comunicazione economico-finanziaria Pagina 1 di 6 Comunicazione economico-finanziaria Bilanci aziendali Il bilancio d esercizio - Il sistema informativo di bilancio - La normativa sul bilancio Le componenti del bilancio civilistico: Stato

Dettagli

TOMO 2-2. COSTI E SCELTE AZIENDALI. 2.1 costo suppletivo ( ) Ipotesi a.

TOMO 2-2. COSTI E SCELTE AZIENDALI. 2.1 costo suppletivo ( ) Ipotesi a. TOMO 2-2. COSTI E SCELTE AZIENDALI 2.1 costo suppletivo ( ) Ipotesi a. Produzione 12.000 unità Produzione 14.000 unità Costo complessivo Costo unitario Costo complessivo Costo unitario Costi variabili

Dettagli

Il margine di contribuzione di primo livello rapportato alla quantità venduta è il seguente:

Il margine di contribuzione di primo livello rapportato alla quantità venduta è il seguente: 4. METODI DI CALCOLO DEI COSTI Classe 5^A A RIM - I.I.S. Capriotti - San Benedetto del Tronto (AP) 4.1 margine di contribuzione ( ) X11 X19 Totale Ricavi di vendita 360.000 360.000 720.000 Costi variabili

Dettagli

SCHEDA DISCIPLINARE ALLEGATA AL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO

SCHEDA DISCIPLINARE ALLEGATA AL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO SCHEDA DISCIPLINARE ALLEGATA AL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO Disciplina: Economia Aziendale Insegnante: Antonello Lutzu Libro di testo in adozione: Autore: P. Boni P. Ghigini C. Robecchi B. Trivellato Titolo:

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Introduzione Origini ed evoluzione del controllo direzionale nella letteratura italiana e

Dettagli

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing Materia: ECONOMIA AZIENDALE Classe: V Sezione: C Indirizzo di studi: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Docente: PEZZELLA PIO PROGRAMMA SVOLTO Lineamenti della moderna impresa industriale Che cosa s intende

Dettagli

DIRECT COSTING E FULL COSTING NELLA CONTABILITÀ DEI COSTI AZIENDALI

DIRECT COSTING E FULL COSTING NELLA CONTABILITÀ DEI COSTI AZIENDALI DIRECT COSTING E FULL COSTING NELLA CONTABILITÀ DEI COSTI AZIENDALI SOMMARIO schema di sintesi fasi del metodo full costing metodo direct costing Problema: nelle diverse realtà aziendali il management

Dettagli

LA LETTURA PROFESSIONALE DEL BILANCIO: LA RICALSSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO. Dott. Nicola Lucido

LA LETTURA PROFESSIONALE DEL BILANCIO: LA RICALSSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO. Dott. Nicola Lucido LA LETTURA PROFESSIONALE DEL BILANCIO: LA RICALSSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO Dott. Nicola Lucido LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO La lettura professionale del conto

Dettagli

MAPPA DEL PROCESSO BUDGET PIANIFICAZIONE FATTURE ACQUISTO E VENDITA DATI SUI PROCESSI PRODUTTIVI DATI DELLA COSTI STANDARD PROGRAMMAZIONE

MAPPA DEL PROCESSO BUDGET PIANIFICAZIONE FATTURE ACQUISTO E VENDITA DATI SUI PROCESSI PRODUTTIVI DATI DELLA COSTI STANDARD PROGRAMMAZIONE IL BUDGET MAPPA DEL PROCESSO FATTURE ACQUISTO E VENDITA SISTEMA DI CONTABILITÀ GENERALE DATI SUI PROCESSI PRODUTTIVI SISTEMA DI CONTABILITÀ ANALITICA DECISIONI COSTI STANDARD COSTI CONSUNTIVI DATI DELLA

Dettagli

La contabilità direzionale per la programmazione e il controllo. LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGETING 15 maggio 2015

La contabilità direzionale per la programmazione e il controllo. LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGETING 15 maggio 2015 La contabilità direzionale per la programmazione e il controllo LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGETING 15 maggio 2015 Scopo: Contabilità generale Produrre informazioni per tutti i soggetti esterni tali da rappresentare

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Gli indici di bilancio Sviluppo Commenteremo solo i principali. 4 Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale

Dettagli

CONTROLLO E CONTABILITA

CONTROLLO E CONTABILITA CONTROLLO E CONTABILITA DEI COSTI Agenda Classificazione dei costi Costi variabili e fissi -Modello costo volume profitto Costi diretti e indirietti -La contabilità per centri di costo Analisi degli scostamenti

Dettagli

Meccanismi di simulazione economico-finanziaria. Nicola Castellano - Università di Macerata

Meccanismi di simulazione economico-finanziaria. Nicola Castellano - Università di Macerata Meccanismi di simulazione economico-finanziaria Nicola Castellano - Università di Macerata ncaste@unimc.it 1 la simulazione metodologia decisionale con cui si analizzano le caratteristiche di un sistema

Dettagli

La concessionaria. Il posizionamento e la sostenibilità del business

La concessionaria. Il posizionamento e la sostenibilità del business La concessionaria Il posizionamento e la sostenibilità del business Le capacità della concessionaria ECONOMICA FINANZIARIA MONETARIA REDDITIVITA La capacità economica di una concessionaria E la capacità

Dettagli

CONTABILITA DEI COSTI

CONTABILITA DEI COSTI CONTABILITA DEI COSTI IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione strategica Definizione degli obiettivi e delle linee guida aziendali Controllo direzionale Definizione e perseguimento delle

Dettagli

La valenza informativa e gestionale del bilancio. Analisi di bilancio. L analisi di bilancio. L analisi di bilancio. L analisi di bilancio

La valenza informativa e gestionale del bilancio. Analisi di bilancio. L analisi di bilancio. L analisi di bilancio. L analisi di bilancio La valenza informativa e gestionale del bilancio Analisi di bilancio Silvia Cantele analisi di bilancio Il bilancio è lo strumento principale della comunicazione economico-finanziaria d impresa Le informazioni

Dettagli

Anno scolastico Programma di Economia Aziendale Classe 5^ C SIA Insegnante: Lino Bartolini

Anno scolastico Programma di Economia Aziendale Classe 5^ C SIA Insegnante: Lino Bartolini Anno scolastico 2015-2016 Programma di Economia Aziendale Classe 5^ C SIA Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : L IMPRESA INDUSTRIALE: STRATEGIE - ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE - MARKETING Le caratteristiche

Dettagli

Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte. Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo

Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte. Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo Prof. Nicola Castellano nicola.castellano@unimc.it Riferimenti Bibliografici: Cinquini

Dettagli

L ANALISI DEI MARGINI E DEGLI INDICI DI BILANCIO

L ANALISI DEI MARGINI E DEGLI INDICI DI BILANCIO L ANALISI DEI MARGINI E DEGLI INDICI DI BILANCIO Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Economia aziendale, bilancio, business plan Anno accademico 2016/2017 Prof. Antonio Staffa Prof. Mario Venezia

Dettagli

Analisi dei costi Programmazione e Controllo

Analisi dei costi Programmazione e Controllo Analisi dei costi Programmazione e Controllo 2015-2016 A cura della Dott.ssa Silvia Macchia 1 Costi: un diverso focus Contabilità generale Contabilità direzionale I costi sono utilizzati per dare un valore

Dettagli

LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI

LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1 SOMMARIO Aspetti introduttivi La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Gli indicatori finanziari e patrimoniali La riclassificazione del Conto Economico Gli indicatori

Dettagli

INDICE RAGIONERIA PARTE I I. LE REGOLE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO E LE OPERAZIONI DI. Capitolo 1 Le regole di bilancio in Italia. pag.

INDICE RAGIONERIA PARTE I I. LE REGOLE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO E LE OPERAZIONI DI. Capitolo 1 Le regole di bilancio in Italia. pag. INDICE Presentazione XI PARTE I RAGIONERIA di Valter Cantino e Alain Devalle I. LE REGOLE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO E LE OPERAZIONI DI CHIUSURA DEL BILANCIO 3 Capitolo 1 Le regole di bilancio in Italia

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE G. MATTEOTTI DI PISA

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE G. MATTEOTTI DI PISA ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE G. MATTEOTTI DI PISA Programma Economia Aziendale classe 5 indirizzo Economico corso serale Prof.ssa Palla Viola

Dettagli

Ø composizione degli investimenti e dei finanziamenti Ø correlazione tra investimenti e finanziamenti Ø Andamento di investimenti e finanziamenti

Ø composizione degli investimenti e dei finanziamenti Ø correlazione tra investimenti e finanziamenti Ø Andamento di investimenti e finanziamenti TIPOLOGIE DI INDICATORI Desumibili dallo SP: Ø composizione degli investimenti e dei finanziamenti Ø correlazione tra investimenti e finanziamenti Ø Andamento di investimenti e finanziamenti Desumibili

Dettagli

L analisi di bilancio

L analisi di bilancio L analisi di bilancio - Introduzione - La riclassificazione del Conto Economico - La riclassificazione dello Stato Patrimoniale - L analisi di bilancio per indici Analisi per indici: finalità I dati desumibili

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Economia aziendale, bilancio, business plan Anno accademico 2016/2017 Prof. Antonio Staffa Prof. Mario Venezia

Dettagli

Dott. Antonio Coglitore

Dott. Antonio Coglitore Formazione Tirocinanti anno 2016 Analisi di Bilancio e Controllo di Gestione Dott. Antonio Coglitore Controllo di gestione = Governo? Pianificazione strategica Il processo di controllo Gestione delle responsabilità

Dettagli

Oggetto: gestione razionale del fattore capitale

Oggetto: gestione razionale del fattore capitale FUNZIONE FINANZIARIA Oggetto: gestione razionale del fattore capitale TEORIA DELLA FINANZA: Modelli di comportamento volti a razionalizzare le decisioni gestionali QUALI SONO I VALORI IN GIOCO? La solidita

Dettagli

Capitolo Analisi economiche per il controllo di gestione. Programmazione e Controllo Prof. Federico Verrucchi

Capitolo Analisi economiche per il controllo di gestione. Programmazione e Controllo Prof. Federico Verrucchi Capitolo 2 10-18 Analisi economiche per il controllo di gestione Programmazione e Controllo Prof. Federico Verrucchi Le configurazioni di costo Una volta compreso secondo quali prospettive possono essere

Dettagli

Ripetizione delle rilevazioni in p.d. della contabilità generale svolta anche negli anni precedenti

Ripetizione delle rilevazioni in p.d. della contabilità generale svolta anche negli anni precedenti ISTITUTO SALESIANO SACRO CUORE Via Scarlatti 29 Napoli PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE ANNO 2016/17 PROF.SSA MORVILLO ISABELLA CLASSE V IT CONTABILITA GENERALE Ripetizione delle rilevazioni in p.d. della

Dettagli

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing.

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. 1 La metodologia direct costing imputa ai prodotti i soli costi variabili ed esclude i costi fissi. Poiché i costi fissi non

Dettagli

Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio. Indici di Bilancio

Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio. Indici di Bilancio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Indici di Bilancio Relatore: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100 Modena Tel. 059.4279344 / Fax 059.241901 / e-mail: studiotullio@virgilio.it

Dettagli

Corso di Analisi Finanziaria. Prof. Francesco RANALLI AA.AA. 2017/ Lo stato patrimoniale

Corso di Analisi Finanziaria. Prof. Francesco RANALLI AA.AA. 2017/ Lo stato patrimoniale Corso di Analisi Finanziaria Prof. Francesco RANALLI AA.AA. 2017/2018 3. Lo stato patrimoniale 1 TIPOLOGIE DI INDICATORI Desumibili dallo SP: Ø composizione degli investimenti e dei finanziamenti Ø correlazione

Dettagli

Cosa sono? Relazioni fra grandezze che presentano una connessione. Si distinguono in: Logica Funzionale (flusso generato da uno stock)

Cosa sono? Relazioni fra grandezze che presentano una connessione. Si distinguono in: Logica Funzionale (flusso generato da uno stock) Analisi per indici Cosa sono? Relazioni fra grandezze che presentano una connessione Logica Funzionale (flusso generato da uno stock) Si distinguono in: Margini (differenze) Indicatori o ratios (quozienti)

Dettagli

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE INSIEME DEI COSTI DI UTILIZZAZIONE DEI FATTORI IMPIEGATI IN UN DATO PROCESSO PRODUTTIVO O PER ALLESTIRE UN DATO PRODOTTO Economia Aziendale Milena Serra Corso

Dettagli

Il rendiconto finanziario

Il rendiconto finanziario Il rendiconto finanziario L interpretazione della finanza dell impresa Andrea Gabola Dottore Commercialista Federico Lozzi Dottore Commercialista Massimiliano Martino Dottore Commercialista Torino, 20

Dettagli

Management. Dipartimento di Management

Management. Dipartimento di Management Management Dipartimento di Management Università Sapienza 09/12/2013 Il contenuto della funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

Definizione e contenuti del Business Plan L idea di business L analisi competitiva La strategia ipotizzata Le iniziative da realizzare Le risorse da i

Definizione e contenuti del Business Plan L idea di business L analisi competitiva La strategia ipotizzata Le iniziative da realizzare Le risorse da i IL Business Planning Definizione e contenuti del Business Plan Il modello di Business Budgeting Definizione e contenuti del Business Plan L idea di business L analisi competitiva La strategia ipotizzata

Dettagli

Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2

Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Economia Aziendale. Modelli e misure: il bilancio. Lezione 16. L analisi di bilancio attraverso gli indici economici-finanziari

Economia Aziendale. Modelli e misure: il bilancio. Lezione 16. L analisi di bilancio attraverso gli indici economici-finanziari Economia Aziendale Modelli e misure: il bilancio Lezione 16 Il sistema degli indici di bilancio Prof. Paolo Di Marco L analisi di bilancio attraverso gli indici economici-finanziari Calcolare un indice

Dettagli

Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa. Davide Vierzi

Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa. Davide Vierzi Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa Davide Vierzi L approccio al controllo di gestione Il controllo di gestione spesso non è sistematico Le cause sono molteplici: Può essere oneroso Non

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI ANALISI E GESTIONE DEI COSTI Dott.ssa Francesca Mandanici IL REPORTING: L analisi degli scostamenti 17-20 DICEMBRE 2010 Gli scopi conoscitivi dell analisi degli scostamenti SCOPI TRADIZIONALI SCOPI EMERGENTI

Dettagli

Schema metodologico delle analisi di bilancio

Schema metodologico delle analisi di bilancio GESTIONE Schema metodologico delle analisi di bilancio BILANCIO Lettura e analisi interpretativa riclassificazione determinazione di indici flussi finanziari sistema di coordinamento INFORMAZIONI sintomi

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE

RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE 3 1. Attività liquide 2. Rimanenze 8. Pass.tà correnti 10 7 4. Imm. immat. e finanz. 9. Pass.tà consolidate 12 6 5. Imm. tecniche nette 11. Mezzi propri 1 1)

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO R.O.E. INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SOLIDITA PATRIMONIALE INDICI DI REDDITIVITA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI

ANALISI DI BILANCIO R.O.E. INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SOLIDITA PATRIMONIALE INDICI DI REDDITIVITA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI ANALISI DI BILANCIO ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI SITUAZIONE ECONOMICA ANALISI DINAMICA R.O.E. INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE FINANZIARIA SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE INDEBITAMENTO

Dettagli

1. IL FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) E L ECONOMIA AZIENDALE 3. MODELLI DI FINANZA AZIENDALE E CONTROLLO DI GESTIONE

1. IL FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) E L ECONOMIA AZIENDALE 3. MODELLI DI FINANZA AZIENDALE E CONTROLLO DI GESTIONE SOMMARIO 1. IL FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) E L ECONOMIA AZIENDALE 1.1. Funzioni principali del foglio Excel... 3 2. LA COSTRUZIONE DI MODELLI IN EXCEL 2.1. Il modello per la pianificazione e controllo...

Dettagli

I COSTI E LA CONTABILITA ANALITICA

I COSTI E LA CONTABILITA ANALITICA I COSTI E LA CONTABILITA ANALITICA LA CONTABILITA ANALITICA (Co.An.) o CONTABILITA GESTIONALE FOCALIZZA L ATTENZIONE IN PARTICOLARE SUI COSTI, SUI RICAVI E SUI RISULTATI ECONOMICI. AVENDO PRESENTE CHE

Dettagli

Riclassificazione del conto economico

Riclassificazione del conto economico Riclassificazione del conto economico Schema generale comune Ricavi netti di vendita - costi operativi = reddito gestione caratteristica +/- risultato della gestione finanziaria +/- risultato della gestione

Dettagli

6.5. Sistemi a costi variabili e sistemi a costi pieni: costi di prodotto e costi di periodo

6.5. Sistemi a costi variabili e sistemi a costi pieni: costi di prodotto e costi di periodo 6.5. Sistemi a costi variabili e sistemi a costi pieni: costi di prodotto e costi di periodo Sistema a costi variabili Sistema a costi pieni Costi di prodotto Costi variabili diretti di fabbricazione Costi

Dettagli

ADMINISTRATIVE MANAGEMENT

ADMINISTRATIVE MANAGEMENT ADMINISTRATIVE MANAGEMENT REDIGERE UN BUSINESS PLAN DEGLI INVESTIMENTI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET PIANIFICAZIONE FINANZIARIA, BUDGET E CASH FLOW CONTROLLO DI GESTIONE LA COMUNICAZIONE NEL RECUPERO CREDITI

Dettagli

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali A cura di Laura Coggiola Il Direct Costing MARGINALITA REDDITIVITA RICAVI? PROFITTO COSTI CONTO ECONOMICO GESTIONALE AREA OPERATIVA O CARATTERISTICA

Dettagli

Analisi di bilancio - I

Analisi di bilancio - I Lezione n.16 La mappa del Corso Analisi di bilancio - I raccolta dati e verifica qualità riclassificazione rendiconto finanziario indicatori La redditività operativa e le sue determinanti La redditività

Dettagli

CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI

CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI Prova di verifica CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT Indirizzo AFM; Articolazione SIA; Articolazione

Dettagli

Il Controllo di Gestione fra Tradizione e Evoluzione

Il Controllo di Gestione fra Tradizione e Evoluzione Il Controllo di Gestione fra Tradizione e Evoluzione Lucca, 25 Febbraio 2016 Brunello Menicucci Il Bilancio: lo Stato Patrimoniale Il Bilancio: il Conto Economico La scomposizione del ROE ROI (Return on

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del Bilancio Sociale delle Asp dell Emilia-Romagna Bologna, 22 giugno 2010

Linee guida per la predisposizione del Bilancio Sociale delle Asp dell Emilia-Romagna Bologna, 22 giugno 2010 Linee guida per la predisposizione del Bilancio Sociale delle Asp dell Emilia-Romagna Bologna, 22 giugno 2010 Rendicontazione delle risorse disponibili e utilizzate: - Le risorse economico-finanziarie

Dettagli

Economia della farmacia. Pillole di consapevolezza gestionale: istruzioni per l uso

Economia della farmacia. Pillole di consapevolezza gestionale: istruzioni per l uso Economia della farmacia Pillole di consapevolezza gestionale: istruzioni per l uso Bologna, 16 maggio 2016 Giuseppe Salvato FINANZE AZIENDALI E PERSONALI [due fenomeni davvero letali e spesso sovrapposti]

Dettagli

L equilibrio finanziario. La riclassificazione del bilancio d esercizio

L equilibrio finanziario. La riclassificazione del bilancio d esercizio L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Il bilancio civilistico Il Bilancio è il logico punto di partenza per conoscere e comprendere la dinamica della gestione aziendale.

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale 1 Corso di Finanza aziendale La riclassificazione del bilancio d esercizio Il bilancio pubblico Il Bilancio è il logico punto di partenza per conoscere e comprendere la dinamica della gestione aziendale.

Dettagli

4. Indici di Bilancio

4. Indici di Bilancio 4. Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Monza, marzo 2013 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati in un sistema organico di indicatori che

Dettagli

L'analisi della dinamica finanziaria applicata ad una impresa che produce su commessa

L'analisi della dinamica finanziaria applicata ad una impresa che produce su commessa IL CASO TECNOIMPIANTI L'analisi della dinamica finanziaria applicata ad una impresa che produce su commessa Diego Bassi TECNOIMPIANTI - STATO PATRIMONIALE: SCHEMA TRADIZIONALE "FINANZIARIO" Attività (

Dettagli

ANALISI PER INDICI ANALISI DELLA LIQUIDITA ANALISI DELLA SOLIDITA ANALISI DELLA REDDITIVITA ANALISI DELLO SVILUPPO

ANALISI PER INDICI ANALISI DELLA LIQUIDITA ANALISI DELLA SOLIDITA ANALISI DELLA REDDITIVITA ANALISI DELLO SVILUPPO ANALISI PER INDICI Corso di Analisi di Bilancio 08/09 Danilo Scarponi d.scarponi@univpm.it 99 ANALISI DELLA SOLIDITA ANALISI DELLA LIQUIDITA ANALISI DELLA REDDITIVITA ANALISI DELLO SVILUPPO Corso di Analisi

Dettagli

A A. Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI

A A. Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI A A Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI Torino, 26 febbraio 2009 1 percorso della lezione... Bea: le le simulazioni Costi fissi e variabili La BEA: il il contesto 2 IL CONTROLLO DI GESTIONE E : 3 E

Dettagli

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Direct Costing Mark-Up Pricing & Break Even Analysis

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Direct Costing Mark-Up Pricing & Break Even Analysis Pricing & Costing Cost Based Pricing: Direct Costing Mark-Up Pricing & Break Even Analysis G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Ottobre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Cost-

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 14, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE IL CONTROLLO DIREZIONALE PROF.SSA MIRELLA MIGLIACCIO

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE IL CONTROLLO DIREZIONALE PROF.SSA MIRELLA MIGLIACCIO ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE IL CONTROLLO DIREZIONALE PROF.SSA MIRELLA MIGLIACCIO Struttura della lezione - La funzione di controllo direzionale: definizione -Il controllo operativo - La valutazione

Dettagli

Capitolo 1 La natura e lo scopo della contabilità 1

Capitolo 1 La natura e lo scopo della contabilità 1 Indice Prefazione Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XV XIX XXI Capitolo 1 La natura e lo scopo della contabilità 1 1.1 La necessità di informazioni 1 1.1.1 Le informazioni motorie operative

Dettagli

I PRINCIPI DI ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA D IMPRESA - Il governo della dinamica finanziaria - il fabbisogno finanziario

I PRINCIPI DI ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA D IMPRESA - Il governo della dinamica finanziaria - il fabbisogno finanziario I PRINCIPI DI ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA D IMPRESA - Il governo della dinamica finanziaria - il fabbisogno finanziario 1 VALUTARE LE SCELTE DELL IMPRENDITORE LE SCELTE DELL IMPRENDITORE CHE DOBBIAMO

Dettagli

Equilibrio finanziario

Equilibrio finanziario I BUDGET FINANZIARI Equilibrio finanziario L equilibrio finanziario consiste nella seguente relazione: ENTRATE = USCITE Con riferimento alla variabile temporale distinguiamo due aspetti dell eq. finanziario:

Dettagli

Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi.

Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI ECONOMIA Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi. Capitolo 6 Chiara Demartini cdemartini@eco.unipv.it 1 RELAZIONI TRA COSTI E PREZZI Nel cap. 5

Dettagli

Agenda. Introduzione all analisi di bilancio Riclassificazione di bilancio Analisi per indici

Agenda. Introduzione all analisi di bilancio Riclassificazione di bilancio Analisi per indici ANALISI DI BILANCIO Agenda Introduzione all analisi di bilancio Riclassificazione di bilancio Analisi per indici 1) Cos è È l insieme delle prassi e degli strumenti volti ad acquisire maggiori e migliori

Dettagli

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale I sistemi di controllo direzionale: progettazione, strumenti, organizzazione, ruoli Prof. Cattaneo Cristiana Bergamo, 7 Ottobre

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DI BILANCIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

RICLASSIFICAZIONE DI BILANCIO. Docente: Prof. Massimo Mariani RICLASSIFICAZIONE DI BILANCIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il bilancio L analisi di bilancio La riclassificazione di bilancio Oggetto dell analisi finanziaria Obiettivi dell analisi finanziaria

Dettagli

Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti organizzativi

Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti organizzativi Capitolo 11 Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti organizzativi di Laura Zoni Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti organizzativi (Cap. 11) OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comprendere

Dettagli

DIRECT E FULL COSTING

DIRECT E FULL COSTING DIRECT E FULL COSTING Esercizio 1 Un azienda produce due modelli di prodotti A e B. La contabilità analitica ha elaborato i seguenti dati economici unitari di produzione: A B Materiali diretti 10 14 Manodopera

Dettagli

COME EFFETTUARE L ANALISI DELLA CONCORRENZA

COME EFFETTUARE L ANALISI DELLA CONCORRENZA Aprile Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. COME EFFETTUARE L ANALISI DELLA CONCORRENZA QUAL E L UTILITA DI ANALIZZARE

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a !

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a ! 32 Diagramma di redditività: il grafico R, C Si tratta di un equilibrio tra costi e ricavi (loro pareggio), ma in esso l azienda non raggiunge il cosiddetto equilibrio economico, che si ha quando i ricavi,

Dettagli

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Il prezzo viene determinato

Dettagli

LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI

LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI Ragioneria A.A. 2014/2015 1 SOMMARIO Aspetti introduttivi La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Gli indicatori finanziari e patrimoniali Struttura finanziaria

Dettagli

AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE MARKETING PRODUZIONE E LOGISTICA RICERCA E SVILUPPO FINANZA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO

AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE MARKETING PRODUZIONE E LOGISTICA RICERCA E SVILUPPO FINANZA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE MARKETING PRODUZIONE E LOGISTICA RICERCA E SVILUPPO FINANZA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO AREE FUNZIONALI AREE CARATTERISTICHE (AREE DI ATTIVITA'

Dettagli

pag. Presentazione FINALITÀ, METODOLOGIE E LIMITI DELLE ANALISI DI BILANCIO TRAMITE INDICI (di Giovanni Fiori)

pag. Presentazione FINALITÀ, METODOLOGIE E LIMITI DELLE ANALISI DI BILANCIO TRAMITE INDICI (di Giovanni Fiori) IX Presentazione... pag. V 1. FINALITÀ, METODOLOGIE E LIMITI DELLE ANALISI DI BILANCIO TRAMITE INDICI (di Giovanni Fiori) 1. L attualità del bilancio di esercizio come strumento di informazione e l importanza

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio. Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap.

La riclassificazione del bilancio d esercizio. Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing

Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Cost- Based Pricing

Dettagli

L analisi di bilancio. L analisi del bilancio. Attendibilità dati di bilancio. L analisi di bilancio. Il bilancio come sintesi della gestione

L analisi di bilancio. L analisi del bilancio. Attendibilità dati di bilancio. L analisi di bilancio. Il bilancio come sintesi della gestione Il bilancio come sintesi della gestione L analisi di bilancio Il bilancio, con i suoi valori di sintesi riflette i processi di gestione, e quindi le decisioni del management Il bilancio è in sistema di

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Commento ed analisi degli indicatori di risultato

Commento ed analisi degli indicatori di risultato ANALISI DI BILANCIO Commento ed analisi degli indicatori di risultato Stato patrimoniale e conto economico riclassificati Di seguito si riporta lo schema di stato patrimoniale e di conto economico riclassificati.

Dettagli

Le condizioni di equilibrio

Le condizioni di equilibrio Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Le condizioni di equilibrio L equilibrio economico L equilibrio finanziario-patrimoniale L equilibrio organizzativo Il punto

Dettagli

Corso introduttivo al bilancio. per giuristi

Corso introduttivo al bilancio. per giuristi www.fargroup.eu Introduzione all analisi di bilancio Firenze, 15 maggio 2008 Corso introduttivo al bilancio per giuristi Gli strumenti per l analisi di bilancio Riclassificazione dei prospetti contabili

Dettagli

Progetto di Business Management. Milano

Progetto di Business Management. Milano Milano Alcune premesse Il sistema di controllo di gestione e della rappresentazione ed essa collegata (report di periodo) ha bisogno di trovare «adeguatezza» rispetto alla tipologia di impresa; Tuttavia

Dettagli

Indice. Capitolo. pag. XI. Introduzione

Indice. Capitolo. pag. XI. Introduzione Capitolo Introduzione XI CAPITOLO PRIMO L informativa di bilancio alla luce dell adozione dei principi contabili internazionali e del riordino della disciplina contabile europea. Il quadro evolutivo 1.1.

Dettagli

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita.

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. Newsletter Phedro settembre 2006 Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. La logica tradizionale di calcolo del costo di prodotto. Il calcolo del costo del prodotto è nella prassi operativa uno dei

Dettagli

LE DIVERSE TIPOLOGIE DI COSTO. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni

LE DIVERSE TIPOLOGIE DI COSTO. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni LE DIVERSE TIPOLOGIE DI COSTO Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni 1 ARGOMENTI TRATTATI COSTI FISSI COSTI VARIABILI COSTO TOTALE IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE COSTO MEDIO COSTO MARGINALE

Dettagli

Le direttrici dell analisi. operativa. economicità. netta. liquidità. solvibilità. solidità. Le direttrici dell analisi di economicità.

Le direttrici dell analisi. operativa. economicità. netta. liquidità. solvibilità. solidità. Le direttrici dell analisi di economicità. Elementi di analisi di bilancio: L analisi per indici Lezione per il corso di: Statistica Applicata per la Banca e le Assicurazioni Corso di Laurea Magistrale in Banca, Assicurazioni e Mercati Finanziari

Dettagli

Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1

Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1 Indice Prefazione Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XIX XXI XXIII Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1 La necessità di informazioni 1 Le informazioni operative 3 Le informazioni

Dettagli

MATERIA: DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MATERIA: DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA MATERIA: DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA CLASSE: V - Servizi per l Enogastronomia, Sala e Vendita e l Ospitalità alberghiera Opzione Prodotti dolciari artigianali e industriali

Dettagli

Strategie, programmazione e controllo di gestione

Strategie, programmazione e controllo di gestione Modulo 4 Strategie, programmazione e controllo di gestione 4 I destinatari del Modulo sono gli studenti che, avendo già acquisito le necessarie conoscenze in merito alle caratteristiche fondamentali delle

Dettagli

SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Le configurazioni di costo. Prof.ssa MoniaCastellini. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1

SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Le configurazioni di costo. Prof.ssa MoniaCastellini. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Le configurazioni di costo Prof.ssa MoniaCastellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Obiettivi formativi 1. Delineare il concetto di configurazione

Dettagli

IL PRICING DI PRODOTTO. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna

IL PRICING DI PRODOTTO. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna IL PRICING DI PRODOTTO Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna LA DEFINIZIONE DEI PREZZI DI VENDITA La definizione dei prezzi di vendita costituisce una delle operazioni

Dettagli

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE. Alessandro Russo Università degli studi di Catania - Corso di Economia e Gestione delle Imprese 16 dicembre 2013

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE. Alessandro Russo Università degli studi di Catania - Corso di Economia e Gestione delle Imprese 16 dicembre 2013 I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE Alessandro Russo Università degli studi di Catania - Corso di Economia e Gestione delle Imprese 16 dicembre 2013 Posti dinanzi a obiettivi sempre più impegnativi e decisivi

Dettagli

Premessa Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio

Premessa Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio SOMMARIO Premessa... IX 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4.

Dettagli