I diagrammi di attività e stato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I diagrammi di attività e stato"

Transcript

1 I diagrammi di attività e stato Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

2 Cosa sono e a cosa servono I diagrammi di attività (activity diagram) e stato (state machine diagram) sono diagrammi che descrivono un processo. Il diagramma di attività modella un processo. Organizza più entità in un insieme di azioni secondo un determinato flusso. Il diagramma di stato identifica le variazioni di stato al verificarsi di alcune condizioni legate ad una o più entità. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

3 Attività vs. Stato In UML 1.x, i due diagrammi delle attività sono un particolare diagramma di stato. In UML 2 definisce e separa la semantica: diagrammi di attività si basano sulle reti di Petri diagrammi di stato sulla ricerca di Harel. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

4 Il diagramma di attività Modella un attività relativa ad un qualsiasi elemento di modellazione, ad esempio: classi casi d uso interfacce componenti interfacce operazioni di classe Si usano ad esempio per: modellare il flusso di un caso d uso (analisi) modellare il funzionamento di un operazione (progettazione) modellare un algoritmo (progettazione) Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

5 The notations for activity nodes are illustrated below. There are three kinds of nodes: action Attività: ingredienti control node. See these classes for more information. Action node Object node Control nodes Nodi azione: specificano unità atomiche, non interrompibili e istantanee di comportamento. Figure Activity node notation Examples Nodi di inizio e di fine: sono nodi speciali che indicano This figure illustrates the following kinds of activity node: action nodes (e.g., Receive Orde (Invoice), l inizioand econtrol la finenodes del(the flusso. initial node before Receive Order, the decision node after node and Join node around Ship Order, merge node before Close Order, and activity final a Nodi oggetto: sono oggetti particolarmente importanti usati come input e output di azioni. Nodi controllo: descrivono il flusso dell attività. [order rejected] Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

6 Transizioni e token Per capire la semantica dei diagrammi di attività, bisogna immaginare delle entità, dette token, che viaggiano lungo il diagramma. Il flusso dei token definisce il flusso dell attività. I token possono rimanere fermi in un nodo azione/oggetto in attesa che si avveri una condizione su una freccia, oppure una precondizione o postcondizione su un nodo. Il movimento di un token è atomico. Un nodo azione viene eseguito quando sono presenti token su tutti gli archi in entrata, e tutte le precondizioni sono soddisfatte. Al termine di un azione, sono generati control token su tutti gli archi in uscita. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

7 «localpostcondition», respectively. Precondizioni e postcondizioni «localprecondition» constraint name «localpostcondition» constraint Si tratta di condizioni, Figure espresse Local in qualunque pre- and modo, postconditions che devono essere soddisfatte per far iniziare o terminare l azione (permettere a unexamples token di entrare o uscire). Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

8 Nodi iniziali e finali Realizza progetto Supera scritto Il disco nero marca l inizio dell attività (genera token). Quando un token raggiunge un disco nero bordato (nodo finale), l attività ha termine. Possono comparire in qualunque numero all interno di un attività (ogni nodo iniziale fa partire un flusso di esecuzione, il primo nodo finale raggiunto ferma tutti i flussi). Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

9 Nodi decisione [x<0] Action1 [x=0] Action2 [x>0] Action3 I nodi decisione: specificano percorsi alternativi, hanno un solo input e vari output sotto una condizione mutualmente esculsiva. I nodi fusione: hanno vari input e un solo output, sul quale vengono indirizzati tutti i token in ingresso. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

10 Nodi fork/join Action1 Action2 I nodi fork hanno un ingresso e varie uscite: i token in ingresso sono duplicati su tutte le uscite. I nodi join hanno vari ingressi e una sola uscita: quando sono presenti token su tutti gli ingressi, viene prodotto almeno un token in uscita. I nodi fork dividono un esecuzione in più flussi concorrenti, i nodi join sincronizzano e riuniscono i flussi. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

11 Nodi finali di flusso Action1 Action2 Action3 Quando raggiunti da un token, causano la terminazione solo del flusso che li ha toccati. Il raggiungimento di un nodo finale di attività causa comunque la terminazione di tutti i flussi. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

12 Esercizio n.1 Descrivere con un diagramma delle attività il comportamento di uno studente che vuole superare l esame di laboratorio di ingegneria del software. Individuare le attività, gli oggetti, i nodi di decisione, e le biforcazioni. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

13 Nodi oggetto Crea progetto Progetto Sostieni scritto Studia I token in uscita da questi nodi sono object token, e sono diversi dai control token prodotti dai nodi azione: rappresentano veri e propri oggetti. Gli archi in entrata e uscita dai nodi oggetto sono object flow anziché control flow, e ci sono regole che limitano il loro uso. Per esempio, gli archi che entrano ed escono dai nodi decisione e fusione devono essere o tutti object o tutti control. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

14 Stato degli oggetti Crea progetto Progetto [valutato] Progetto [finito] Consegna progetto Spesso risulta conveniente aggiungere lo stato di un oggetto per mostrarne l evoluzione durante l attività. Gli stati devono essere coerenti con la macchina a stati associata all oggetto. Questo è l anello di congiunzione tra diagrammi di attività e stato. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

15 Pin Crea progetto progetto Consegna progetto Si agganciano ai nodi azione per definire un input oppure un output di quell azione. Questa notazione è equivalente a quella di un nodo oggetto tra i due nodi azione. I pin aiutano a mostrare i parametri e valori di ritorno di un azione. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

16 Segnali ed eventi (1) Manda segnale Accetta evento Accetta evento temporale Ci sono alcuni nodi azione specializzati che gestiscono l invio e la ricezione di segnali. L invio di segnali è asincrono e non blocca l attività. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

17 Segnali ed eventi (2) Segui lezioni Studia Sostieni scritto Inizio corso Data scritto Ricevi specifiche Ricevi valutazione Crea progetto Notifica consegna I nodi ricezione sono attivi quando hanno token su tutti gli archi in entrata (se ne hanno) oppure durante l intera vita dell attività (se non ne hanno); generano token alla ricezione. La ricezione di eventi temporali funziona nello stesso modo, i token sono generati in base ad un espressione temporale. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

18 Attività: esempio Issue add explanatory paragraph Figure 12.37shows another example activity for a process to resolve a trouble ticket. Trouble Ticket [problem statement rectified] Record Problem [recorded] Reproduce Problem [cannot reproduce problem] Correct Problem [not recorded] [can reproduce problem] ID Problem and Resolution [duplication of another problem] Verify Resolution [problem not solved] [known problem and solution] [else] Communicate Results Audit and Record Figure Workflow example Un attività è costituita da un flusso di azioni che ne sono i mattoni. Si può rappresentare graficamente con un rettangolo arrotondato, come le azioni stesse (in effetti, un azione può «activity» invocare un altra Fill Order attività). Below is an example of using class notation to show the class features of an activity. Associations and state machines can also be shown. costsofar : USD timetocomplete : Integer Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

19 Attività: parametri e valori di ritorno Production Materials Produce Printed-Circuit Boards Printed- Circuit Boards Assemble Computers Assembled Computers Test Computers Rejected Computers Accepted Computers Figure Example of activity parameters.nodes Parametri e valori di ritorno, se esistono, si rappresentano come nodi oggetto sul bordo dell attività. In the example below, production materials are streaming in to feed the ongoing printed circuit board fabrication. At end of the activity, computers are quality checked. Computers that do not pass the test are exceptions. See Parameter semantics of streaming and exception parameters. {stream} Rejected Computers Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

20 Partizioni (swimlanes) Studente Docente Crea progetto Progetto Progetto [finito] Valuta progetto Supera scritto Progetto Progetto [valutato] Suddividono il flusso dell attività, ma non ne modificano il significato. La suddivisione può essere orizzontale, verticale o multidimensionale. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

21 Partizioni (2) an instance of the Order Processor class, situated in Seattle, but not necessarily the same instance for both behaviors. Even though the Make Payment is contained within the Seattle/Accounting Clerk swim cell, its performer and location are not specified by the containing partition, because it has an overriding partition. Seattle «attribute» performinglocation:location Reno «class» Order Processor Receive Order [order accepted] Fill Order Ship Order Close Order «class» Accounting Clerk Send Invoice Invoice «external» (Customer) Make Payment Accept Payment Figure Activity partition using multidimensional swimlane example Le partizioni UML Superstructure sonospecification, generalmente v2.1 suddivise secondo uno 359 di questi criteri: classificatori le cui istanze eseguono le varie parti istanze che eseguono le varie parti ruoli/parti del sistema che eseguono le varie parti attributi o valori relativi alle varie parti Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

22 Esercizio n.2 Descrivere con un diagramma delle attività il processo di sviluppo del software a cascata e iterativo, nelle sue fasi principali. Individuare le attività, gli oggetti, i nodi di decisione, e le biforcazioni. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

23 Regioni interrompibili (1) Si usano per specificare una reazione che può avvenire in qualunque momento e comporta l interruzione dell attività. Esempi: eccezioni, interrupt, segnali, situazioni di errore dall esterno. La notazione impiegata è quella di un attività con i bordi tratteggiati. Uno o più archi di interrupt (a zigzag) partono da nodi interni e puntano verso nodi esterni. L interrupt è generato quando un arco di interrupt è attraversato da un token: tutti gli altri token e comportamenti nella regione sono terminati. La ricezione di eventi all interno della regione funziona solo se ci sono token al suo interno. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

24 The first figure below illustrates that when an order cancellation request is made only while receiving shipping) orders the Cancel Order behavior is invoked. Regioni interrompibili (2) [order rejected] Order cancel request Cancel Order Receive Order Fill Order [order accepted] Ship Order Close Order Send Invoice Make Payment Accept Payment Invoice Figure InterruptibleActivityRegion example L ordine è cancellato solo se un token si trova all interno della Rationale regione al momento della ricezione del segnale. Interruptible regions are introduced to support more flexible non-local termination of flow. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

25 Macchine a stati Qualunque classificatore può essere associato a una macchina a stati che descrive il funzionamento delle sue istanze; si tratta del contesto della macchina a stati. Uno stato è una condizione o situazione nella vita di un oggetto in cui esso soddisfa una condizione, esegue un attività o aspetta un evento. Un evento è la specifica di un occorrenza che ha una collocazione nel tempo e nello spazio. Una transizione è il passaggio da uno stato a un altro in risposta ad un evento. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

26 Notazione Uno stato si rappresenta con un rettangolo arrotondato, ma al contrario di un azione dei diagrammi di attività è solitamente rappresentato con aggettivi e nomi piuttosto che verbi. Le transizioni da uno stato ad un altro avvengono nel momento in cui si verifica un evento. Lo stato iniziale e quello finale si rappresentano come nei diagrammi di attività. I nodi decisione (decidono lo stato di destinazione in base a una guardia) e i nodi fork/join, che permettono al sistema di trovarsi in vari stati ortogonali (paralleli) allo stesso tempo. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

27 Transizioni Le transizioni in una macchina a stati di comportamento hanno la seguente sintassi: event1, event2,... [guard] / behavior, ma nessuna delle tre parti è obbligatoria. Significa che la transizione avviene come risposta a uno degli eventi (quando la guardia è vera), e al momento della transizione il contesto esegue un comportamento. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

28 Esempio: m.s. di comportamento Examples Dialing Start digit(n) Partial Dial [number.isvalid()] entry/ start dial tone exit/ stop dial tone entry/number.append(n) digit(n) Figure Composite state with two states In una m.s. di comportamento, gli stati possono contenere azioni intraprese all entrata (entry), all interno (do) e HiddenComposite all uscita (exit) dello stato. entry / start dial tone exit / stop dial tone Dialing è uno stato composito che contiene altri stati. Lab. Figure di Ingegneria Composite del Software State () with hidden I diagrammi decomposition di attività indicator e stato icon A.A / 35

29 Esercizio n.3 Descrivere con un diagramma di stato della classe libro di una biblioteca. Individuare gli stati, le transizioni e gli eventi. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

30 Esercizio n.4 Descrivere con un diagramma di stato della classe libretto. Individuare gli stati, le transizioni e gli eventi. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

31 Stati compositi CompositeState HiddenComposite State1 State2 entry / start dial tone exit / stop dial tone Figure Composite State with hid Permettono di suddividere la complessità del modello: dall esterno si vede un macro-stato, al cui interno vi sono altri stati. Si può anche creare uno stato che fa riferimento ad un altro diagramma di macchina a stati (submachine state). Si può usare un icona per rappresentare uno stato composito il cui comportamento interno non è mostrato. Transizioni in uscita dal bordo dello stato composito e legate ad un evento sono ereditate da tutti gli stati all interno. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

32 Transizioni di completamento Si tratta di transizioni che non hanno un evento associato (ma possono avere una guardia). Nel caso di uno stato semplice, una transizione di completamento è eseguita al termine dell attività di quello stato (fine azioni do). Nel caso di uno stato composito o submachine state una transizione di completamento è eseguita quando si giunge in uno stato finale oppure un exit point. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

33 Figure is an example statemachine diagram for the state machine for simple telephone object. In addition to the initial state, the state machine has an entry point called activeentry, and in addition to the final state, it has an exit point Stati compositi ed entry/exit points (1) called aborted. activeentry lift receiver /get dial tone Idle Active Time-out do/ play message dial digit(n) after (15 sec.) [incomplete] after (15 sec.) DialTone dial digit(n) Dialing do/ play dial tone dial digit(n)[invalid] dial digit(n)[valid] Invalid /connect do/ play message Connecting Pinned Busy busy connected caller hangs up /disconnect callee answers Talking callee hangs up do/ play busy tone callee answers /enable speech Ringing do/ play ringing tone abort terminate aborted Notare entry ed exit points (cerchi e cerchi con croce). Possono Figure State machine diagram representing a state machine essere posti sulla cornice del diagramma, se visibile. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

34 Entry/exit points (2) Issue replace sub state machine with submachine state The diagram in Figure shows a fragment from a state machine diagram in which a submachine state (the FailureSubmachine) is referenced. The actual sub state machine is defined in some enclosing or imported name space. HandleFailure: FailureSubmachine error1/ sub1 error3/ subend /fixed1 Figure Submachine State In the above example, the transition triggered by event error1 will terminate on entry point sub1 of the L evento error3 fa partire l esecuzione dallo stato iniziale FailureSubmachine state machine. The error3 transition implies taking of the default transition of the FailureSubmachine. della submachine o stato composito. The transition emanating from the subend exit point of the submachine will execute the fixed1 behavior in addition to what is executed within the HandleFailure state machine. This transition must have been triggered within the L evento error1 fahandlefailure partire state machine. l esecuzione Finally, the transition emanating dall entry from the edge of the submachine point state is sub1. taken as a result of the completion event generated when the FailureSubmachine reaches its final state. Se l esecuzione termina Note that the same notation nell exit would apply to composite point states with subend the exception that there siwould esegue be no reference to a lastate machine in the state name. transizione di completamento che genera il comportamento fixed1. Se l esecuzione termina nello stato finale si segue la transizione di completamento sulla destra. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

35 Conclusioni I diagrammi di attività descrivono un flusso di azioni che realizzano un certo comportamento specifico. L enfasi non è sullo scambio di messaggi ma sui blocchi di comportamento. I diagrammi di macchina a stati si concentrano su un solo classificatore di contesto e modellano il suo stato interno in relazione al suo comportamento o alle operazioni che possono eseguite sulle sue istanze. Come tutti i diagrammi UML, possono essere usati sia a livello di analisi che di progettazione. Lab. di Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A / 35

[Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione

[Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa T 1 ottobre 2008 1 -Fonti [Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione [Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo

Dettagli

LEZIONE 7 - STATE MACHINE DIAGRAM

LEZIONE 7 - STATE MACHINE DIAGRAM Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 LEZIONE 7 - STATE MACHINE DIAGRAM Catia Trubiani Gran Sasso Science Institute (GSSI), L Aquila catia.trubiani@gssi.infn.it Riepilogo della lezione

Dettagli

Modellazione di processi

Modellazione di processi Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 910 ottobre 2014 La modellazione è un mestiere e a volte è un arte. William C. Burkett 1 -Fonti [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology,

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

Activity Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

Activity Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Activity Diagrams Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Agenda Cosa è un Activity Diagram Quando si

Dettagli

DIAGRAMMI DI SEQUENZA

DIAGRAMMI DI SEQUENZA DIAGRAMMI DI SEQUENZA Francesco Poggi fpoggi@cs.unibo.it A.A. 2015-2016 Premessa As always, there is never a correct solution to any modelling problem. It s more that some models are more precise, and

Dettagli

Statechart Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

Statechart Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Statechart Diagrams Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Agenda Cosa è uno Statechart Diagram Quando

Dettagli

Modulo 13. Diagrammi degli stati

Modulo 13. Diagrammi degli stati Modulo 13 Diagrammi degli stati Stato degli oggetti Descrive una macchina a stati specifica i vari stati che un oggetto può assumere durante la sua vita in risposta agli eventi uno stato è una condizione

Dettagli

Esercizi (1-2): da: TCP/IP Sockets in C (Donahoo-Calvert)

Esercizi (1-2): da: TCP/IP Sockets in C (Donahoo-Calvert) Esercizi PARTE 1 Esercizi (1-2): da: TCP/IP Sockets in C (Donahoo-Calvert) When you make a phone call, it s usually the callee that answers with hello. What changes to our example client and server would

Dettagli

Il problema. ! Si chiede di sviluppare un applicazione per la

Il problema. ! Si chiede di sviluppare un applicazione per la Il problema! Si chiede di sviluppare un applicazione per la gestione del sistema bibliotecario universitario. La soluzione deve implementare le operazioni basilari per la gestione della biblioteca ed inoltre

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

I diagrammi di attività e stato

I diagrammi di attività e stato I diagrammi di attività e stato Angelo Di Iorio (dal materiale di Gian Piero Favini) A.A. 2010-2011 Ingegneria del Software () I diagrammi di attività e stato A.A. 2010-2011 1 / 53 Tassonomia dei diagrammi

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 16 BPMN. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Organizzazione aziendale Lezione 16 BPMN. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Organizzazione aziendale Lezione 16 BPMN Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Nozioni di base Un sistema è una collezione di entità (es. persone o macchine) che interagiscono

Dettagli

Unified Modeling Language

Unified Modeling Language Unified Modeling Language Luciano Baresi Luciano Baresi 1 OMT Booch UML Sono simili in molti aspetti: Prescrivono un approccio passo-passo Consentono il passaggio dall analisi al progetto in modo omogeneo

Dettagli

Activity Diagram. UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 75

Activity Diagram. UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 75 Activity Diagram Rappresenta a vari livelli di astrazione il flusso di esecuzione, sia sequenziale che concorrente, in una applicazione object-oriented E una variante degli state diagram, in cui gli stati

Dettagli

Sequence Diagram. Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014

Sequence Diagram. Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 Università degli Studi dell Aquila Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 Catia Trubiani Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'informazione e Matematica (DISIM)- Università degli Studi

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 22 BPMN. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Organizzazione aziendale Lezione 22 BPMN. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Organizzazione aziendale Lezione 22 BPMN Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Prima di cominciare: Erasmus! Scadenza: 5 luglio 2012 Durata: min 3 max 12 mesi Dal 1 giugno 2012

Dettagli

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia Orazio Battaglia Il protocollo Kerberos è stato sviluppato dal MIT (Massachusetts Institute of Tecnology) Iniziato a sviluppare negli anni 80 è stato rilasciato come Open Source nel 1987 ed è diventato

Dettagli

Progettazione del Software A.A.2008/09

Progettazione del Software A.A.2008/09 Laurea in Ing. Informatica ed Ing. dell Informazione Sede di latina Progettazione del Software A.A.2008/09 Domenico Lembo* Dipartimento di Informatica e Sistemistica A. Ruberti SAPIENZA Università di Roma

Dettagli

Ingegneria del Software 9. Macchine a stati. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15

Ingegneria del Software 9. Macchine a stati. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 Ingegneria del Software 9. Macchine a stati Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 so far Modello del dominio Modello statico: diagrammi delle classi Modello dinamico : diagrammi di

Dettagli

Sequence Diagram e Collaboration Diagram

Sequence Diagram e Collaboration Diagram Sequence Diagram e Collaboration Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Sommario Interaction

Dettagli

Unified Modeling Language UML 2.0 -Sequence, Communication and Interaction Overview diagrams -

Unified Modeling Language UML 2.0 -Sequence, Communication and Interaction Overview diagrams - Unified Modeling Language UML 2.0 -Sequence, Communication and Interaction Overview diagrams - Henry Muccini Università degli Studi dell'aquila muccini@di.univaq.it http://www.henrymuccini.com Engineering

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Didactic offer Incoming students 2014/2015 can take exams of courses scheduled in the a.y. 2014/2015 and offered by the Department

Dettagli

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Informatica per la Logistica. Lezioni

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Informatica per la Logistica. Lezioni Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Le grandi e complesse organizzazioni aziendali sono la manifestazione tangibile della tecnologia avanzata, più delle

Dettagli

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti Progettazione del Software L3.1 Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw (Basato su materiale didattico

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO

www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO Una semplice strategia per i traders intraday Simple strategy for intraday traders INTRADAY TRADER TIPI DI TRADERS TYPES OF TRADERS LAVORANO/OPERATE < 1 Day DAY TRADER

Dettagli

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi Indice generale OOA Analisi Orientata agli Oggetti Introduzione Analisi Metodi d' analisi Analisi funzionale Analisi del flusso dei dati Analisi delle informazioni Analisi Orientata agli Oggetti (OOA)

Dettagli

La prima applicazione Java. Creazione di oggetti - 1. La prima applicazione Java: schema di esecuzione. Gianpaolo Cugola - Sistemi Informativi in Rete

La prima applicazione Java. Creazione di oggetti - 1. La prima applicazione Java: schema di esecuzione. Gianpaolo Cugola - Sistemi Informativi in Rete La prima applicazione Java Programma MyFirstApplication Il programma visualizza una finestra vuota sullo schermo. Importo il package delle classi usate nel seguito. Dichiaro la classe MyFirstApplication

Dettagli

CEDMEGA Rev 1.2 CONNECTION TUTORIAL

CEDMEGA Rev 1.2 CONNECTION TUTORIAL CEDMEGA Rev 1.2 CONNECTION TUTORIAL rev. 1.0 19/11/2015 1 www.cedelettronica.com Indice Power supply [Alimentazione]... 3 Programming [Programmazione]... 5 SD card insertion [Inserimento SD card]... 7

Dettagli

Modello Workflow - WIDE

Modello Workflow - WIDE Modello Workflow - WIDE Prof.ssa Gentile a.a. 2011-2012 Modello Wide Workflow on an Intelligent and Distributed database Environment Descrive processi come insiemi di attività tra loro collegate da vincoli

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini UML La prima versione ufficiale risale

Dettagli

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione To: Agenti che partecipano al BSP Italia Date: 28 Ottobre 2015 Explore Our Products Subject: Addebito diretto SEPA B2B Informazione importante sulla procedura Gentili Agenti, Con riferimento alla procedura

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/29

Dettagli

Posta elettronica per gli studenti Email for the students

Posta elettronica per gli studenti Email for the students http://www.uninettunouniverstiy.net Posta elettronica per gli studenti Email for the students Ver. 1.0 Ultimo aggiornamento (last update): 10/09/2008 13.47 Informazioni sul Documento / Information on the

Dettagli

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram Requisiti e casi d uso Unified Modeling Language Use Case Diagram 1 Il primo passo di qualsiasi processo di sviluppo è la definizione dei requisiti Definizione del Business Model Solitamente informale

Dettagli

Esempi di errori/difetti. algoritmi sintassi calcolo e precisione documento stress capacità ricovery sistema hardware e software standard e procedure

Esempi di errori/difetti. algoritmi sintassi calcolo e precisione documento stress capacità ricovery sistema hardware e software standard e procedure COLLAUDO Esempi di errori/difetti algoritmi sintassi calcolo e precisione documento stress capacità ricovery sistema hardware e software standard e procedure Verifica e Validazione Validazione Requisiti

Dettagli

Installazione interfaccia e software di controllo mediante PC Installing the PC communication interface and control software

Installazione interfaccia e software di controllo mediante PC Installing the PC communication interface and control software Windows 7 Installazione interfaccia e software di controllo mediante PC Installing the PC communication interface and control software Contenuto del kit cod. 20046946: - Interfaccia PC-scheda (comprensiva

Dettagli

Sistemi Informativi. Introduzione. Processi fisici. Tipologie di processi. Processi informativi. Processi aziendali

Sistemi Informativi. Introduzione. Processi fisici. Tipologie di processi. Processi informativi. Processi aziendali Introduzione Sistemi Informativi Linguaggi per la modellazione dei processi aziendali Paolo Maggi Per progettare un sistema informativo è necessario identificare tutti i suoi elementi

Dettagli

Descrizione di un algoritmo

Descrizione di un algoritmo Descrizione di un algoritmo Un algoritmo descrive due tipi fondamentali di oper: calcoli ottenibili tramite le oper primitive su tipi di dato (valutazione di espressioni) che consistono nella modifica

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

Gli algoritmi: definizioni e proprietà

Gli algoritmi: definizioni e proprietà Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Gli algoritmi: definizioni e proprietà La presente dispensa e da

Dettagli

MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. workflow 1

MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. workflow 1 MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI workflow 1 I Processi Definizione: Un Processo è un insieme di attività elementari svolte per raggiungere un certo obiettivo Tipologie di processi: Processi Fisici es.

Dettagli

Modellazione e progettazione con UML. Eduard Roccatello 3D GIS Specialist <eduard.roccatello@3dgis.it> www.roccatello.it

Modellazione e progettazione con UML. Eduard Roccatello 3D GIS Specialist <eduard.roccatello@3dgis.it> www.roccatello.it Modellazione e progettazione con UML Eduard Roccatello 3D GIS Specialist www.roccatello.it Object Oriented Analysis and Design Consente di modellare un sistema attraverso l

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM. Progetto di un applicazione Android

Università degli Studi di Napoli Federico II. FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM. Progetto di un applicazione Android Università degli Studi di Napoli Federico II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM Progetto di un applicazione Android Briscola bluetooth Candidati: Giuliano Formato Daniele

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 La gestione dei thread in Java

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione italiana XVII. Introduzione. Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1

Indice. Prefazione alla seconda edizione italiana XVII. Introduzione. Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1 00PrPag 19-07-2006 15:22 Pagina V Prefazione alla seconda edizione italiana Introduzione XV XVII Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1 Capitolo 1 UML 3 1.1 Contenuto del capitolo 3 1.2 Cos è l UML? 3

Dettagli

MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. workflow 1

MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. workflow 1 MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI workflow 1 I Processi Definizione: Un Processo è un insieme di attività elementari svolte per raggiungere un certo obiettivo Tipologie di processi: Processi Fisici es.

Dettagli

La gestione dei processi in Minix

La gestione dei processi in Minix La gestione dei processi in Minix Sistemi Operativi Lez. 28 Scheduling Round robin su 16 code di priorità Quando un processo viene bloccato senza aver esaurito il suo quanto di tempo, una volta risvegliato,

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

Seconda Fase del Progetto

Seconda Fase del Progetto Seconda Fase del Progetto Costruzione modello analitico: modellazione basata sugli scenari, modellazione del flusso dei dati, modellazione delle classi analitiche e del dominio comportamentale Costruzione

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

Sincronizzazione distribuita: Mutua esclusione ed elezione

Sincronizzazione distribuita: Mutua esclusione ed elezione Sistemi Distribuiti Sincronizzazione distribuita: Mutua esclusione ed elezione 1 Mutua Esclusione (algoritmo centralizzato) a) Il Processo 1 chiede al coordinatore il permesso di entrare in una regione

Dettagli

Modellazione dei dati in UML

Modellazione dei dati in UML Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Modellazione dei dati in UML Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Introduzione UML (Unified Modeling Language):

Dettagli

ESERCITAZIONE. Francesco Poggi fpoggi@cs.unibo.it A.A. 2014-2015

ESERCITAZIONE. Francesco Poggi fpoggi@cs.unibo.it A.A. 2014-2015 ESERCITAZIONE Francesco Poggi fpoggi@cs.unibo.it A.A. 2014-2015 Premessa As always, there is never a correct solution to any modelling problem. It s more that some models are more precise, and more informative,

Dettagli

Bibliografia. Studio di caso: Bancomat Automated Teller Machine. uso dei diagrammi: use case, classi, collaborazione, stato

Bibliografia. Studio di caso: Bancomat Automated Teller Machine. uso dei diagrammi: use case, classi, collaborazione, stato ,6 PRG % &RUVR GL,QJHJQHULD GHO 6RIWZDUH 80/ Bibliografia Studio di caso: Bancomat Automated Teller Machine uso dei diagrammi: use case, classi, collaborazione, stato - Hassan Gomaa: Designing concurrent

Dettagli

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web.

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web. Corso di Ontologie e Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie Prof. Alfio Ferrara, Prof. Stefano Montanelli Definizioni di Semantic Web Rilievi critici Un esempio Tecnologie e linguaggi

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

INTEGRAZIONE ANAGRAFE DALL APPLICATIVO

INTEGRAZIONE ANAGRAFE DALL APPLICATIVO INTEGRAZIONE ANAGRAFE DALL APPLICATIVO DI CARTELLA MMG/PLS CICOM PROGETTO ESECUTIVO DEFINITIVO Accordo di Programma Quadro "Sviluppo della Società dell'informcazione nella Regione Abruzzo" Atto Integrativo

Dettagli

Progettazione del Software

Progettazione del Software L4.4 Progettazione del Software Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw Seconda Parte La fase di

Dettagli

Esercitazione [5] Input/Output su Socket

Esercitazione [5] Input/Output su Socket Esercitazione [5] Input/Output su Socket Leonardo Aniello - aniello@dis.uniroma1.it Daniele Cono D'Elia - delia@dis.uniroma1.it Sistemi di Calcolo - Secondo modulo (SC2) Programmazione dei Sistemi di Calcolo

Dettagli

By E.M. note sull'uso di GAMBAS

By E.M. note sull'uso di GAMBAS By E.M. note sull'uso di GAMBAS GAMBAS viene installato sotto Xubuntu nella directory: /usr/share/gambas2 link problema su uso dell'esempio SerialPort http://gambasrad.org/zforum/view_topic?topic_id=1057

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal Portale Materiali Grafiche Tamburini Documentazione utente italiano pag. 2 Grafiche Tamburini Materials Portal English user guide page 6 pag. 1 Introduzione Il Portale Materiali è il Sistema Web di Grafiche

Dettagli

Il Futuro. The Future Tense

Il Futuro. The Future Tense Il Futuro The Future Tense UNIT GOALS Unit Goals By the end of this unit the learner will be able to: 1. Conjugate the Futuro Semplice Simple Future regular verbs of all three major Italian conjugations.

Dettagli

Replacement of hose carrier chain

Replacement of hose carrier chain 3 1. Bring the boom in horizontal position and make the extension completely retract. 2. Remove the rear panel. 3. Remove the front guard on the boom hood. 4. In case of machine with basket pre-arrangement,

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Sistemi e Processi Organizzativi Gian Piero Favini A.A. 2006-2007 Lab Sistemi e Processi Organizzativi () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2006-2007 1 / 34 Tassonomia

Dettagli

SCD. Criteri di sincronizzazione. Criteri di sincronizzazione. Criteri di valutazione 2. Criteri di valutazione 1. Condizioni di sincronizzazione 1

SCD. Criteri di sincronizzazione. Criteri di sincronizzazione. Criteri di valutazione 2. Criteri di valutazione 1. Condizioni di sincronizzazione 1 Criteri di valutazione 2 Anno accademico 2015/16 Sistemi Concorrenti e Distribuiti Tullio Vardanega, tullio.vardanega@math.unipd.it SCD È interessante applicare questo schema di valutazione ai costrutti

Dettagli

Guida alla configurazione Configuration Guide

Guida alla configurazione Configuration Guide Guida alla configurazione Configuration Guide Configurazione telecamere IP con DVR analogici, compatibili IP IP cameras configuration with analog DVR, IP compatible Menu principale: Fare clic con il pulsante

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 2

Laboratorio di Informatica Lezione 2 Laboratorio di Informatica Lezione 2 Cristian Consonni 30 settembre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 2 1 / 42 Outline 1 Commenti e Stampa a schermo 2 Strutture di controllo 3

Dettagli

Prova finale di Ingegneria del software

Prova finale di Ingegneria del software Prova finale di Ingegneria del software Scaglione: Prof. San Pietro Andrea Romanoni: Francesco Visin: andrea.romanoni@polimi.it francesco.visin@polimi.it Italiano 2 Scaglioni di voto Scaglioni di voto

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 23 Adonis. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Organizzazione aziendale Lezione 23 Adonis. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Organizzazione aziendale Lezione 23 Adonis Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Creazione di un nuovo processo Per creare un nuovo modello in qualunque momento basta cliccare

Dettagli

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE MODELLI DI INTERAZIONE TRA PROCESSI Modello ad ambiente globale ( global environment ) Modello a scambio di messaggi ( message passing ) MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE Il sistema è visto come un insieme di

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Activity Diagram

Corso di Ingegneria del Software. Activity Diagram Corso di Ingegneria del Software a.a. 2009/2010 Mario Vacca mario.vacca1@istruzione.it Diagrammi di attività Diagrammi di attività 1. La notazione 2. Uso dei diagrammi di attività 3. TOOL di supporto 4.

Dettagli

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML 9 CASO DI STUDIO CON APPLICAZIONE DI UML...2 9.1 IL CASO DI STUDIO...2 9.1.1 Il sistema attuale...2 9.2 IL PROBLEM STATEMENT...3 9.2.1 Formulazione del Problem statement per il caso proposto...3 9.3 USE

Dettagli

DFD DISPENSA DEL CORSO DI SISTEMI INFORMATIVI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MM.FF.NN LAUREA SPECIALISTICA IN INFORMATICA

DFD DISPENSA DEL CORSO DI SISTEMI INFORMATIVI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MM.FF.NN LAUREA SPECIALISTICA IN INFORMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MM.FF.NN LAUREA SPECIALISTICA IN INFORMATICA DISPENSA DEL CORSO DI SISTEMI INFORMATIVI Prof. Carlo Combi DFD Appunti a cura di E. Peri M. Devincenzi Indice 1

Dettagli

MANUALE UTENTE MODULO ESPANSIONE TASTI MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Descrizione Il modulo fornisce al telefono VOIspeed V-605 flessibilità e adattabilità, mediante l aggiunta di trenta tasti memoria facilmente

Dettagli

Replicazione. Requisisti di consistenza i clienti devono ricevere risposte consistenti e coerenti. Motivazioni

Replicazione. Requisisti di consistenza i clienti devono ricevere risposte consistenti e coerenti. Motivazioni Replicazione Replicazione dei dati: gestione e manutenzione di un insieme di copie dei dati Motivazioni: - disponibilità - tolleranza ai guasti - prestazioni aching diverso da replicazione aching non aumenta

Dettagli

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 Object Oriented Analysis - OOA La fase di OOA definisce, secondo un approccio ad oggetti, COSA un prodotto software deve fare (mentre la fase di OOD definisce, sempre secondo un approccio ad oggetti, COME

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Architetture in UML

Corso di Ingegneria del Software. Architetture in UML Corso di Ingegneria del Software a.a. 2009/2010 Mario Vacca mario.vacca1@istruzione.it Deployment diagram Package diagram Component diagram Esempio Bibliografia Sommario Tipi di viste viste di tipo strutturale

Dettagli

INSTALLARE PALLADIO USB DATA CABLE IN WINDOWS XP/ME/2000/98

INSTALLARE PALLADIO USB DATA CABLE IN WINDOWS XP/ME/2000/98 rev. 1.0-02/2002 Palladio USB Data Cable INSTALLARE PALLADIO USB DATA CABLE IN WINDOWS XP/ME/2000/98 (tutti i KIT, escluso KIT MOTOROLA V6x-T280) La procedura di installazione del Palladio USB Data Cable

Dettagli

Come si può vedere, la regola è stata fatta in modo da spostare tutti i messaggi di Spam nella cartella del cestino.

Come si può vedere, la regola è stata fatta in modo da spostare tutti i messaggi di Spam nella cartella del cestino. www.playnet.it agg. Documento 1/03/2007 REGOLE DEL CLIENT Le regole del client sono un sistema di smistamento dei messaggi (arrivati) fra le varie cartelle di posta presenti sul server. Possono essere

Dettagli

ANALISI FUNZIONALE E DIAGRAMMI DI FLUSSO DEI DATI DFD 1

ANALISI FUNZIONALE E DIAGRAMMI DI FLUSSO DEI DATI DFD 1 ANALISI FUNZIONALE E DIAGRAMMI DI FLUSSO DEI DATI DFD 1 Nelle lezioni precedenti Abbiamo definito il modello Entità- Associazione che serve a descrivere la struttura dei dati Abbiamo usato il modello per

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

www.aylook.com -Fig.1-

www.aylook.com -Fig.1- 1. RAGGIUNGIBILITA DI AYLOOK DA REMOTO La raggiungibilità da remoto di Aylook è gestibile in modo efficace attraverso una normale connessione ADSL. Si presentano, però, almeno due casi: 1.1 Aylook che

Dettagli

You can visualize the free space percentage in Compact Flash memory from the MENU/INFO C.F. UTILITY-FREE SPACE page.

You can visualize the free space percentage in Compact Flash memory from the MENU/INFO C.F. UTILITY-FREE SPACE page. This release introduces some new features: -TUNE PITCH -FREE SPACE -TUNER -DRUMKIT EDITOR From the PARAM MIDI page, it is possible to modify the "TUNE PITCH" parameter, which allows you to tune up the

Dettagli

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Stored Procedures Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Stored Procedure e User Defined

Dettagli

A.A. 2006/2007 Laurea di Ingegneria Informatica. Fondamenti di C++ Horstmann Capitolo 3: Oggetti Revisione Prof. M. Angelaccio

A.A. 2006/2007 Laurea di Ingegneria Informatica. Fondamenti di C++ Horstmann Capitolo 3: Oggetti Revisione Prof. M. Angelaccio A.A. 2006/2007 Laurea di Ingegneria Informatica Fondamenti di C++ Horstmann Capitolo 3: Oggetti Revisione Prof. M. Angelaccio Obbiettivi Acquisire familiarità con la nozione di oggetto Apprendere le proprietà

Dettagli

Esercizi Programming Contest

Esercizi Programming Contest Esercizi Programming Contest Alberto Montresor 22 maggio 2012 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

Progetto ingegneria del software: la torre di Hanoi

Progetto ingegneria del software: la torre di Hanoi Progetto ingegneria del software: la torre di Hanoi Docente: Rosario Culmone Studente: Edmondo Barocci Matr. 078426 1 Indice 1. Analisi 3 1.1 Analisi del testo 3 1.2 Vocabolario dei termini 4 1.3 Use case

Dettagli

Analisi Modello dei dati

Analisi Modello dei dati Modello dei dati Individuare Oggetti e classi rilevanti per il sistema da sviluppare Limitarsi esclusivamente a quelle classi che fanno parte del vocabolario del dominio del problema Relazioni tra le classi

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Architettura Connettore Alfresco Share

Architettura Connettore Alfresco Share Direzione Sistemi Informativi Portale e Orientamento Allegato n. 2 al Capitolato Tecnico Indice Architettura Connettore Alfresco Share 1. Architettura del Connettore... 3 1.1 Componente ESB... 4 1.2 COMPONENTE

Dettagli