Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria)."

Transcript

1 Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Condizione necessaria, mon sufficiente, per la convergenza La serie geometrica Complementi sui numeri Numeri razionali e allineamenti decimali periodici La serie armoniche generalizzate Criteri per serie a termini positivi Criterio del confronto Criterio del rapporto Criterio della radice Criterio del confronto asintotico Serie a termini di segno alterno Serie assolutamente convergenti Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Cerchiamo di dare un significato a una somma di infiniti numeri, come ad esempio: n + (.) n + (.2) n 2 + (.3)

2 Per dare significato a una somma infinita, detta anche serie (numerica), del tipo = a 0 + a + a (.4) procediamo come segue. Consideriamo la successione delle somme parziali S n, dove, per ogni n in N, S n = a 0 + a + + Se la successione S n converge a un numero (finito) S, si dice che S è la somma della serie + e si scrive S = Se invece la successione S n delle somme parziali diverge a + (o a ) si dice che la serie + diverge a + (o a ). Se infine la successione delle somme parziali S n non converge e non diverge, non daremo alcun significato all espressione.4. In quest ultimo caso, si dice anche che la serie è indeterminata. Esempio. Consideriamo la serie n(n + ) = n(n + ) (.5) La successione S n delle somme parziali è data da Poiché S n = n(n + ) = ( 2 ) + ( 2 3 ) + ( 3 4 ) + + ( n n + ) = n + la serie.5 è convergente e ha per somma : lim S n = n(n + ) = Esempio 2. Si consideri la somma infinita (.6) 4 in cui ogni termine n è ripetuto n volte. Poiché la somma di n addendi uguali a n è uguale a, le somme parziali S m diventano arbitrariamente grandi, pur di prendere m sufficientemente 2

3 grande. Ne segue che la somma infinita.6 diverge a +. Si noti che il termine generale della serie.6 è infinitesimo (cioè tende a zero). Quindi questo esempio mostra che una serie numerica può divergere a + anche nel caso in cui il suo termine generale sia infinitesimo. Detto altrimenti, il fatto che il termine generale di una serie sia infinitesimo, non è sufficiente a garantire la convergenza della serie. In modo analogo si può dimostrare che la serie armonica diverge a +. n = (.7).. Condizione necessaria, mon sufficiente, per la convergenza Teorema.. Se una serie numerica Dimostrazione. Supponiamo che converge, allora = L. Questo significa che lim = 0. la somma parziale S k = a a k. Ora si noti che = S n S n. Quindi: lim S k = L, dove S k è k + lim = lim (S n S n ) = lim S n lim S n = L L = 0 Si noti che l esempio della serie armonica.7 mostra che lim = 0 non implica convergente. (.8).2 La serie geometrica Una serie geometrica di ragione q è una somma infinita del tipo: Teorema.2. La serie geometrica ha il seguente carattere: q n = + q + q 2 + q 3 + q q n +... (.9) q n = + q + q 2 + q 3 + q q n +... (.0) 3

4 . Se q < converge a 2. Se q diverge a +. q. 3. Se q è indeterminata. Dimostrazione. La somma parziale S n è data, se q, da S n = + q + q 2 + q 3 + q q n = qn+ q Per dimostrare l ultima uguaglianza, si constati, facendo i conti, che ( q)( + q + q 2 + q 3 + q q n ) = q n+ Se < q <, la successione q n tende a zero. Quindi lim S n = lim qn+ q = q Dunque, se q <, la serie geometrica converge a q. Se invece q, è ovvio che la successione S n = + q + q 2 + q 3 + q q n tende a + e quindi la serie geometrica.9 diverge a +. Infine, se q, il termine q n+ tende a + in valore assoluto, ma ha alternativamente segno positivo e negativo. Quindi la successione delle somme parziali S n = qn+ q non ha limite. Pertanto, se q la serie geometrica è indeterminata. Esempio. La serie geometrica di ragione q = 2 converge, e si ha ( n 2 ) = ( 2 ) + ( 3 2 ) + = 2 = 2 se q < (.) Per interpretare geometricamente il risultato, si divida l intervallo [0, 2] (la cui lunghezza è 2) nei due intervalli [0, ] e [, 2]; si divida ancora l intervallo di destra [, 2] in due parti uguali, e così di seguito. La lunghezza dell intervallo [0, 2] si può allora scrivere come somma infinita: 2 =

5 Esempio. [Achille e la tartaruga.] Usando un opportuna serie geometrica, discutere il seguente paradosso, formulato dal filosofo greco Zenone (V secolo a.c.). Achille insegue la tartaruga, che inizialmente ha un vantaggio di un metro. La velocità di Achille è di 0 metri al secondo; quella della tartaruga di metro al secondo. Dopo un decimo di secondo, Achille raggiunge la posizione iniziale della tartaruga, mon raggiunge la tartaruga, che nel frattempo si è spostata in avanti di dieci centimetri. Quando Achille avrà percorso anche questi dieci centimetri, non avrà comunque raggiunto la tartaruga, che nel frattempo, se pur di poco (un centimetro) si sarà spostata avanti. E così via. La tartaruga sarà sempre, se pur di poco, davanti a Achille. Dunque Achille non la raggiungerà mai..3 Complementi sui numeri. Il fatto che i numeri reali si possano approssimare, con precisione arbitraria, mediante numeri razionali (densità di Q in R), si vede bene ricorrendo alla scrittura dei numeri reali come allineamenti decimali. Sappiamo che i numeri reali si rappresentano mediante allineamenti decimali del tipo: a, α α 2 α 3 α 4 α 5... (.2) dove a è un intero relativo e α, α 2, α 3,.. sono cifre comprese tra 0 e 9. Un tale allineamento può essere limitato (cioè con un numero finito di cifre diverse da zero; esempio: 0, 5 = 0, ), oppure illimitato (esempio: 0, , periodo 3; oppure: 2 =, ). Gli allineamenti periodici corrispondono ai numeri razionali, quelli non periodici ai numeri irrazionali. Ad esempio: i numeri 0, 3 = 0, (periodo 3) o, 52 =, (periodo 0) sono razionali, mentre l allineamento non periodico 2 =, rappresenta un numero irrazionale. I numeri razionali la cui rappresentazione decimale è periodica con periodo 0, cioè i numeri del tipo a, α α 2...α k = aα α 2...α k 0 k (.3) si dicono numeri decimali. In modo equivalente, i numeri decimali sono i numeri del tipo m 0 k dove m è in Z e k in N. Ad esempio,, 7 = 7 0 e 0, 43 = sono numeri decimali. Se a > 0, il numero reale rappresentato dall allineamento.2 è l estremo superiore dell insieme numerico a a, α a, α α 2 a, α α 2 α 3 eccetera (.4) costituito dalle approssimazioni per difetto. (Cosa succede invece se a < 0?). Ad esempio, il numero 0, (periodo 3) è l estremo superiore dell insieme numerico 0 0, 3 0, 33 0, 333 eccetera 5

6 e 2 =, è l estremo superiore dell insieme numerico, 4, 4, 44 eccetera Ora la.4 rappresenta una successione non decrescente (di numeri decimali). Quindi (per il teorema??) l estremo superiore dell insieme dei suoi termini coincide con il suo limite. Vediamo allora che l allineamento decimale (magari infinito) a, α α 2 α 3 α 4 α 5... (.5) ha il seguente significato: esso è il limite (per k che tende a + ) della successione di numeri decimali a a, α a, α α 2... a, α α 2...α k... Ora il significato dell allineamento decimale finito (con a > 0) è ovviamente a, α α 2...α k (.6) a, α α 2...α k = a + α 0 + α α k 0 k (.7) Quindi, in base alla definizione di somma di una serie, un allineamento decimale può essere visto come una somma di infiniti termini: a, α α 2 α 3 α 4 α 5... = lim a, α α 2...α k = a + α k 0 + α α k +... (.8) 0k Riassumendo: abbiamo visto che ogni numero irrazionale può essere approssimato, con una approssimazione piccola quanto si vuole, dumeri razionali. In termini più precisi, ogni numero irrazionale è limite di una successione di numeri razionali. Esprimiamo quest ultima proprietà dicendo che l insieme Q è denso nell insieme R: Teorema.3. L insieme dei numeri razionali è denso nell insieme dei numeri reali. Le considerazioni svolte sopra mostrano che anche l insieme dei numeri decimali è denso nell insieme dei numeri reali..3. Numeri razionali e allineamenti decimali periodici In questa sezione dimostriamo che i numeri razionali sono esattamente i reali che si rappresentano mediante allineamenti periodici (eventualmente con periodo zero): Teorema.4. Un numero reale è razionale se e solo se è rappresentato da un allineamento decimale periodico. A) Cominciamo a dimostrare che un qualunque allineamento periodico si può sempre scrivere sotto forma di frazione (e quindi è un numero razionale). Per convincerci, vediamo un paio di esempi. Sarà chiaro però che il discorso è del tutto generale, vale a dire si applica a qualunque allineamento periodico (anche eventualmente preceduto da un anti-periodo). 6

7 Esempio. infinita: Si consideri il numero periodico 0, = 0,. Il suo valore è dato dalla somma Raccogliendo il fattore n +... e ricordando la somma di una serie geometrica, si ottiene: 0 ( ) = 0 0 Esempio. Se il periodo è costituito da più di una cifra, si procede in modo del tutto analogo. Ad esempio, si consideri il numero periodico, 34 =, Il suo valore è dato da: = ( = ) = 9 = = B) Dimostriamo ora che ogni numero razionale è periodico (eventualmente con periodo zero). Sia p un numero razionale. Per trovare l allineamento decimale che lo rappresenta, si q ricorre all algoritmo di divisione di p per q. A ogni passo di tale algoritmo, si troverà un resto, compreso tra 0 e q. Se si trova il resto 0, il procedimento finisce (Il numero è decimale). Altrimenti il procedimento va avanti all infinito, e ogni volta si trova un resto compreso tra e q. Ma allora, dopo al più dopo q passi, un certo resto r si presenterà per la seconda volta. Da quel punto in poi, tutti i resti seguenti si ripeteranno nello stesso ordine in cui si sono succeduti dopo la prima comparsa del resto r. Questo dimostra che l espressione decimale del numero razionale p q è periodica..4 La serie armoniche generalizzate Le serie armonica è la serie Le serie armoniche generalizzate sono n (.9) n a (.20) dove a è un numero reale positivo. Un confronto con gli integrali generalizzati del tipo + x a dx (che convergono se a > e divergono se a ) porta alla seguente conclusione: 7

8 Teorema.5. La serie armonica generalizzata converge se a >, mentre diverge se a. (Omettiamo i dettagli della dimostrazione). n a (.2).5 Criteri per serie a termini positivi Sia una serie i cui termini siano tutti numeri positivi. Anzitutto è chiaro che la successione delle somme parziali s k = a + +a k è strettamente crescente, e quindi converge a un numero reale, oppure diverge a +. Pertanto, una serie a termini positivi è convergente, oppure è divergente a + ; non può mai essere indeterminata. Per le serie a termini positivi, valgono i criteri del confronto, del confronto asintotico, del rapporto e della radice, che ora studiamo..5. Criterio del confronto Il seguente criterio è ovvio: Teorema.6. Siano e b n due serie a termini positivi. Supponiamo che si abbia b n (.22) per ogni n (o definitivamente, cioè per tutti gli n sufficientemente grandi). Allora:. Se 2. Se diverge, anche b n converge, anche b n diverge. converge. La dimostrazione è molto semplice. Segue subito dalla definizione di serie convergente e serie divergente (in termini di limite della successione delle somme parziali). Esempio. Consideriamo la serie n=2 ln n n 8

9 Si ha, definitivamente, ln n n > n (la disuguaglianza è vera per ogni n 3). Poiché la serie armonica + la serie data diverge. n dive rge, anche.5.2 Criterio del rapporto Teorema.7 (Criterio del rapporto di D alembert.). Sia positivi. Supponiamo che esista (finito o + ) il limite Allora:. Se α <, la serie converge. 2. Se α > (in particolare, se α = + ), la serie una serie numerica a termini + lim = α (.23) diverge a +. Se α = non si può concludere niente sulla convergenza della serie sia serie convergenti che serie divergenti per le quali α =. Le due serie. Infatti esistono n 2, + n forniscono due esempi a questo riguardo. Infatti, la prima converge, la seconda diverge, e per entrambe si ha lim + =. Dimostrazione. (Criterio del rapporto di D alembert). Se α <, esiste un numero q tale che α < q <. Fissiamo un tale q. Per le proprietà del limite, si ha definitivamente + < q Dal momento che un numero finito di termini non ha alcun effetto sulla convergenza di una serie, possiamo supporre, senza perdere in generalità, che la disuguaglianza + < q valga per ogni n N. Poiché + a2 = +, a a 9

10 vediamo che ossia Ma la serie + a < q q = q n + < a q n a q n = a + converge (perché + qn è una serie geometrica di ragione q < ), e quindi anche la serie converge. a Se invece lim n+ = α >, si ha definitivamente + a >, ovvero + >. Dunque ( ), n N, è una successione di numeri positivi strettamente crescente, e ovviamente non può tendere a zero. Pertanto la condizione 0, che è necessaria per la convergenza, non vale per la serie q n. Pertanto, tale serie non converge. Esempio. Vogliamo vedere per quali x R la serie x n n! = + x + x2 2! + x3 3! + (.24) converge. Naturalmente per x = 0 converge a. Se x 0, applichiamo il criterio del rapporto: x n+ lim (n + )! n! x n = lim x n + = 0 Dunque la serie converge per ogni x R. Si tratta della serie esponenziale, che converge a e x : e x x n = n! = + x + x2 2! + x3 3! + (.25) Esempio. Studiamo il carattere della serie n! n n Applichiamo il criterio del rapporto: lim Dunque, la serie converge. (n + )! nn (n + ) n+ n! = lim ( ) n n = n + e < 0

11 .5.3 Criterio della radice Teorema.8 (Criterio della radice). Sia Supponiamo che esista (finito o + )il limite una serie numerica a termini positivi. lim n an = α (.26) Allora:. Se α <, la serie converge. 2. Se α > (in particolare, se α = + ), la serie Se α =, il criterio della radice non fornisce informazioni utili. Dimostrazione. Supponiamo diverge a +. La dimostrazione è del tutto simile a quella del criterio del rapporto. lim n an = α < Fissiamo un numero q soddisfacente le condizioni α < q <. Si ha definitivamente vale a dire Allora la serie n an < q < q n è minorante della serie geometrica Per il criterio del confronto, anche la serie converge. Se invece lim n = α >, si ha, definitivamente, n an > q n, che converge, in quanto q <. ossia (elevando alla potenz-esima) > Ma allora il termine generale non tende a zero, e quindi la serie convergente. non può essere

12 .5.4 Criterio del confronto asintotico Teorema.9. Siano e b n due serie a termini positivi. Supponiamo che si abbia b n (.27) per n. Allora le due serie hanno lo stesso carattere (vale a dire, entrambe convergono, oppure entrambe divergono a + ). Dimostrazione. Ricordiamo che, per definizione, b n, per n, significa che lim = b n Fissiamo un numero δ > 0 per il quale si abbia δ < b n < + δ per tutti gli n (sufficientemente grandi). Possiamo scrivere tali disuguaglianze come Di qui leggiamo subito che la serie se la serie maggiorante della serie diverge. ( δ) b n < < ( + δ) b n b n converge, anche la serie è minorante della serie ( δ) b n. Quindi, se la serie ( + δ) b n. Quindi, converge. Analogamente, la serie b n diverge, anche la serie è.6 Serie a termini di segno alterno Le serie con termini di segno alterno sono del tipo con > 0. Ad esempio, Vale il seguente criterio. ( ) n (.28) ( ) n n + = (.29) 2

13 Teorema.0 (Criterio di Leibniz). Sia ( ) n = a 0 a + a 2 a 3 + con tutti gli > 0, una serie a termini di segno alterno. Supponiamo che valgano entrambe le seguenti condizioni:. lim = 0 2. La successione è decrescente: per ogni n. + Allora la serie converge. Dimostrazione. Consideriamo la successione delle somme parziali s k. Risulta: s 0 = a 0 s = s 0 a < s 0 (perché a > 0) s 2 = s + a 2 > s (perché a 2 > 0) e s 2 = s 0 a + a 2 < s 0 (perché a + a 2 < 0) s 3 = s 2 a 3 < s 2 (perché a 3 > 0) e s 3 = s + a 2 a 3 < s (perché a 2 + a 3 < 0) s 4 = s 3 + a 4 > s 3 (perché a 4 > 0) e s 4 = s 2 a 3 + a 4 < s 2 (perché a 3 + a 4 < 0) Proseguendo in questo modo, vediamo che valgono le disuguaglianze s < s 3 < s 5 < s 7 < < s 6 < s 4 < s 2 < s 0 (.30) Dunque le due successioni (s, s 3, s 5, s 7,...) e (s 0, s 2, s 4, s 6,...) sono entrambe monotone e limitate. Quindi convergono (per la completezza del campo dei reali): con s S. Ma si ha lim s 2n = s lim s 2n = S (.3) S s = lim (s 2n s 2n ) = lim a 2n = 0 (perché, per ipotesi, la successione è infinitesima). Dunque S = s. Da questa uguaglianza segue che la serie è convergente. Esempio. Per esempio, si consideri la serie armonica generalizzata a segni alterni: con a > 0. Poiché lim ( ) n n a (.32) n a = 0 e la successione è decrescente, la serie converge. na 3

14 .7 Serie assolutamente convergenti Si dice che la serie converge. converge assolutamente se la serie dei valori assoluti Teorema.. Se la serie converge assolutamente, allora converge. Inoltre si ha (.33) Dimostrazione. Per ogni n vale la ovvia disuguaglianza. Mon si può applicare direttamente il criterio del confronto e affermare che, poiché la serie dei moduli converge, anche la serie converge. Infatti, il criterio del confronto si applica solo a termini di segno positivo (mentre i termini potrebbero essere di segno arbitrario). Per superare questa difficoltà, ci riconduciamo al confronto di serie a termini positivi nel modo seguente. Se a è un qualunque numero reale, poniamo Ovviamente si ha a +, a 0 e Poiché le due serie, a termini positivi, a + = max{a, 0} a = min{a, 0} (.34) a = a + a a + n, a n a + n e a n sono entrambi minoranti della serie convergente, e quindi convergono, per il criterio del confronto. Dall uguaglianza segue che, per ogni k, k = = a + n a n k (a + n a n ) = k a + n k a n Facendo tendere k a +, = a + n a n 4

15 In altri termini, la serie, essendo somma di due serie convergenti, è essa stessa convergente. Inoltre, per ogni k, vale l ovvia disuguaglianza k k (.35) Di qui, facendo tendere k all infinito, otteniamo Esempio. La serie ( ) n è assolutamente convergente. Quindi è convergente. n2 Esempio. La serie ( ) n n converge, mon converge assolutamente. 5

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013 SERIE NUMERICHE prof. Antonio Greco 6--203 Indice Motivazioni........... 3 Definizione........... 3 Errore tipico........... 3 Un osservazione utile...... 3 Condizione necessaria...... 4 Serie armonica.........

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Serie numeriche

Corso di Analisi Matematica Serie numeriche Corso di Analisi Matematica Serie numeriche Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 25 1 Definizione e primi esempi 2 Serie a

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI Il criterio più semplice è il seguente. CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE Teorema(condizione necessaria per la convergenza). Sia a 0, a 1, a 2,... una successione di numeri reali. Se la serie a k è convergente,

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Definizione: Si chiama successione numerica una funzione definita su IN a valori in IR, cioè una legge che associa ad ogni intero n un numero reale a n. Per abuso di linguaggio, si

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana Schemi delle Lezioni di Matematica Generale Pierpaolo Montana A volte i fenomeni economici che ci interessano non variano con continuitá oppure non possono essere osservati con continuitá, ma solo a intervalli

Dettagli

8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica.

8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica. 8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica la nuova successione {s n } definita come s 1 = a 1, s 2 = a 1 + a 2, s 3

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 Appunti di Analisi Matematica Docente: Klaus Engel Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. / http://univaq.it/~engel ( = %7E) (Versione del 4 dicembre ) Note scritte in collaborazione

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Alcuni complementi sulle successioni

Alcuni complementi sulle successioni Alcuni complementi sulle successioni 1 (Teorema del confronto) Siano {a n } e {b n } due successioni regolari tali che si abbia a n b n n N. (1) Allora: a n b n. (2) Dim. Sia L = a n ed L = b n. Se L =

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

Capitolo 2. Serie Numeriche

Capitolo 2. Serie Numeriche Capitolo 2 Serie Numeriche Iniziamo ricordando la nozione di successione e le operazioni definibili tra successioni. Questo permetterà di poter definire, con una certa semplicità la nozione di somma infinita

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

Appunti di matematica generale CTF. Alessandro Gambini Federica Ferretti

Appunti di matematica generale CTF. Alessandro Gambini Federica Ferretti Appunti di matematica generale CTF Alessandro Gambini Federica Ferretti 2 dicembre 2015 Indice 1 Concetti di base e insiemi numerici 1 1.1 Insiemi, relazioni e funzioni..................... 1 Simbologia..............................

Dettagli

Studio del grafico di una funzione reale

Studio del grafico di una funzione reale Capitolo 1 Studio del grafico di una funzione reale Questo testo è una guida per lo studio del grafico di una funzione. Non è un testo completo ma solo una bozza che servirà agli studenti per arrivare

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli

Prove d'esame a.a. 20082009

Prove d'esame a.a. 20082009 Prove d'esame aa 008009 Andrea Corli settembre 0 Sono qui raccolti i testi delle prove d'esame assegnati nell'aa 00809, relativi al Corso di Analisi Matematica I (trimestrale, 6 crediti), Laurea in Ingegneria

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Analisi Matematica 3 appunti

Analisi Matematica 3 appunti Corso di Laurea in Statistica Matematica e trattamento Informatico dei Dati Analisi Matematica 3 appunti Francesca Astengo Università di Genova, A.A. 20/202 Indice Capitolo. Serie numeriche. Brevi richiami

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

NUMERI E SUCCESSIONI

NUMERI E SUCCESSIONI NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe)

Dettagli

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile 1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile Considerazioni introduttive Consideriamo la funzione f() = sin il cui dominio naturale è

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno),

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno), 6 - Grafici di funzioni Soluzioni Esercizio. Studiare il grafico della funzione f(x) = x x + 3. ) La funzione è definita per x 3. ) La funzione non è né pari, né dispari, né periodica. 3) La funzione è

Dettagli

Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013

Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013 Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013 1. Determinare dominio, limiti significativi, intervalli di monotonia della funzione f (x) = (2x + 3) 2 e x/2 e tracciarne il grafico. In

Dettagli

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim.

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim. LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. Calcolare i seguenti iti: a + 4 + b + 4 + 4 c 5 e ± g i + + sin 4 m sin o π q sin π + 4 + 7 d + 4 + + 5 4 + f 4 4 + 5 4 + 4 h + + l + + cos n sin cos p π π +

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE Prof Lonzi Marco Dispense per il Corso di ANALISI MATEMATICA SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE AA 2015/16 1 SUCCESSIONI Dicesi Successione a valori reali ogni funzione 0À Ä, avente cioè per dominio l'insieme

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Criterio del rapporto. Sia n a n una successione in [0, + ) ]0, + ) ]0, 1[ Criterio del rapporto. Sia n a n una successione in ]0, + ).

Criterio del rapporto. Sia n a n una successione in [0, + ) ]0, + ) ]0, 1[ Criterio del rapporto. Sia n a n una successione in ]0, + ). Criterio del rapporto. Si una successione in IR [0, + ) ]0, + ) ]0, [ Criterio del rapporto. Si una successione in ]0, + ). Se esiste k [0, ] ]0, [ [0, [ ]0, ] Criterio del rapporto. Si una successione

Dettagli

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16)

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16) Diario del corso di Analisi Matematica (a.a. 205/6) 4 settembre 205 ( ora) Presentazione del corso. 6 settembre 205 (2 ore) Numeri naturali, interi, razionali, reali. 2 non è razionale. Introduzione alle

Dettagli

1 Serie di Taylor di una funzione

1 Serie di Taylor di una funzione Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 7 SERIE E POLINOMI DI TAYLOR Serie di Taylor di una funzione. Definizione di serie di Taylor Sia f(x) una funzione definita

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

PROGRESSIONI ARITMETCHE E GEOMETRICHE

PROGRESSIONI ARITMETCHE E GEOMETRICHE PROGRESSIONI ARITMETCHE E GEOMETRICHE Prof. Domenico RUGGIERO In questa trattazione, esponiamo i pricipali concetti ed applicazioni di particolari successioni meglio note come progressioni (aritmetiche

Dettagli

Limiti di Successione

Limiti di Successione Nicola Rossi Limiti di Successione Argomento di Portfolio IX Ciclo SSIS, Classe A049, Indirizzo F.I.M. A.A. 2008/2009 2 Introduzione Il concetto di limite è senza dubbio uno dei più importanti di tutta

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione Le funzioni elementari La struttura di R La struttura di R è definita dalle operazioni Addizione e moltiplicazione. Proprietà: Commutativa Associativa Distributiva dell addizione rispetto alla moltiplicazione

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

Alessandro Pellegrini

Alessandro Pellegrini Esercitazione sulle Rappresentazioni Numeriche Esistono 1 tipi di persone al mondo: quelli che conoscono il codice binario e quelli che non lo conoscono Alessandro Pellegrini Cosa studiare prima Conversione

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Abbiamo informazioni (numeri, caratteri, immagini, suoni, video... ) che vogliamo rappresentare (e poter elaborare) in un calcolatore. Per motivi tecnologici un calcolatore

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Una funzione reale di una variabile reale f di dominio A è una legge che ad ogni x A associa un numero reale che denotiamo con f(x). Se A = N, la f è detta successione di numeri reali.

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in

Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in Solitamente si fa riferimento ad intorni simmetrici =, + + Definizione: dato

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3.

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3. 7 LEZIONE 7 Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2 2 6x, x3 +2x 2 6x, 3x + x2 2, x3 +2x +3. Le derivate sono rispettivamente,

Dettagli

G3. Asintoti e continuità

G3. Asintoti e continuità G3 Asintoti e continuità Un asintoto è una retta a cui la funzione si avvicina sempre di più senza mai toccarla Non è la definizione formale, ma sicuramente serve per capire il concetto di asintoto Nei

Dettagli

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi 1. Studio del grafico di una funzione: esercizi Esercizio 1.6. Studiare ciascuna delle seguenti funzioni in base allo schema di pagina 194, eseguendo anche il computo della derivata seconda e lo studio

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@poi.it Primi teoremi di caclolo differenziale Ottobre 2010. Indice 1 Funzioni derivabili su un intervallo 1 1.1

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

7 - Esercitazione sulle derivate

7 - Esercitazione sulle derivate 7 - Esercitazione sulle derivate Luigi Starace gennaio 0 Indice Dimostrare il teorema 5.5.3.a................................................b............................................... Dimostrazioni.a

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

Funzioni inverse Simmetrie rispetto alla bisettrice dei quadranti dispari. Consideriamo la trasformazione descritta dalle equazioni : = y

Funzioni inverse Simmetrie rispetto alla bisettrice dei quadranti dispari. Consideriamo la trasformazione descritta dalle equazioni : = y Funzioni inverse Simmetrie rispetto alla bisettrice dei quadranti dispari. Consideriamo la trasformazione descritta dalle equazioni : ' = y y' = Consideriamo il punto P(,5) se eseguiamo tra trasformazione

Dettagli

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Mauro Saita 1 Per commenti o segnalazioni di errori scrivere, per favore, a: maurosaita@tiscalinet.it Dicembre 2014 Indice 1 Qualè il grafico

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA:

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA: Anno Accademico 04/ 05 Corsi di Analisi Matematica I Proff. A. Villani, R. Cirmi e F. Faraci) Prova d Esame del giorno 6 febbraio 05 Prima prova scritta compito A) Non sono consentiti formulari, appunti,

Dettagli

Successioni ricorsive

Successioni ricorsive Capitolo 1 Successioni ricorsive Un modo spesso usato per assegnare una successione è quello ricorsivo che consiste nell assegnare alcuni termini iniziali (il primo, oppure i primi due, oppure i primi...

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Roberto Boggiani Versione 4.0 9 dicembre 2003 1 Esempi che inducono al concetto di ite Per introdurre il concetto di ite consideriamo i seguenti

Dettagli

200. Dal Paradosso di Achille e la tartaruga alle serie numeriche: un intervento didattico Raffaella Gigante raffamat@yahoo.it

200. Dal Paradosso di Achille e la tartaruga alle serie numeriche: un intervento didattico Raffaella Gigante raffamat@yahoo.it 200. Dal Paradosso di Achille e la tartaruga alle serie numeriche: un intervento didattico Raffaella Gigante raffamat@yahoo.it Introduzione Nello sviluppo di tale attività, ho cercato di stimolare la costruzione

Dettagli

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali.

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali. 1 y 4 CAMPO DI ESISTENZA. Poiché data è una irrazionale con indice di radice pari, il cui radicando è un polinomio, essa risulta definita solo per i valori della per i quali il radicando è positivo, ovvero

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli