ALLEGATI Gianluca Spolverato Paolo Tormen

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATI Gianluca Spolverato Paolo Tormen"

Transcript

1 ALLEGATI Gianluca Spolverato Paolo Tormen CONTRATTO DI PRODUTTIVITÀ E FLESSIBILITÀ le nuove regole sulla detassazione e decontribuzione

2

3 ESEMPIO 1. AZIENDA GDO DETASSAZIONE IN BASE A INDICI DI PRODUTTIVITÀ ACCORDO COLLETTIVO AZIENDALE Il giorno... presso la sede di... in... (..) via...,.. si sono incontrate: -... con sede in... (..) via...,... in persona della sig.ra...; - le organizzazioni sindacali, così come di seguito rappresentate:... Cisl, nella persona del sig....;... Cigl, nella persona del sig....;... Uil, nella persona del sig.... Le Parti, premesso che: - l art. 1, comma 481, l. 228/2012, ha prorogato per il periodo 1 gennaio 31 dicembre 2013 le misure sperimentali per l incremento della produttività del lavoro; - il d.p.c.m. del 22 dicembre 2012 ha definito per l anno 2013 misura e caratteristiche dei compensi che potranno essere assoggettati alla tassazione agevolata, stabilendo che la retribuzione di produttività erogata in attuazione di quanto previsto da accordi o contratti collettivi aziendali o territoriali non può complessivamente superare l importo di euro lordi e dovrà necessariamente riferirsi a indicatori quantitativi di produttività, redditività, efficienza o innovazione; - è interesse comune addivenire a un accordo per individuare gli elementi retributivi correlati al miglioramento della competitività aziendale e riferiti all andamento economico; stipulano e convengono quanto segue. 1. INDICATORI AZIENDALI. Ai fini dell applicazione della tassazione agevolata, vengono individuati tre distinti indicatori rispettivamente per i singoli Punti Vendita, il Magazzino Logistica e per la Sede Centrale. 1.1 Punti Vendita indicatore di produttività. Questo indicatore misura, per singolo punto vendita, il rapporto tra fatturato mese e fatturato preventivato nel budget 2013 definito in base alla localizzazione del Punto Vendita e ai dati storici. 1.2 Magazzini Logistica indicatore di qualità. Questo indicatore misura la puntualità e la completezza delle consegne in base al calendario di consegna. Per ogni settimana in cui il calendario delle consegne è rispettato in termini di puntualità e completezza viene attribuito un punto con massimo pari a Sede Centrale indicatore di redditività. pagina 3

4 Questo indicatore misura il risultato economico raggiunto dall azienda in termini di margine operativo lordo così come risultante dai tabulati di controllo di gestione al 31 dicembre 2013 rispetto a quanto preventivato in sede di redazione del budget annuale 2. MISURAZIONE E TARGET MINIMO DEGLI INDICATORI AZIENDALI. La misurazione di tutti gli indicatori viene effettuata per singolo Punto Vendita ovvero in Sede Centrale e nel Magazzino Logistica con riferimento al mese di oggetto di valutazione. Per ciascun indicatore vengono definiti dei target minimi in base agli obiettivi aziendali secondo la seguente tabella. Punti Vendita Indicatore fatturato mese a consuntivo / fatturato mese a budget Magazzini Logistica Indicatore puntualità e completezza delle consegne effettuate nel mese Target minimo 0,90 Target minimo 3 punti Sede Centrale Indicatore Target minimo m.o.l. effettivo vs m.o.l. a budget 0,90 3. RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA. Al raggiungimento dei livelli minimi degli indicatori aziendali di cui al punto 2) le voci retributive corrisposte ai lavoratori dipendenti che hanno favorito il raggiungimento di tali obiettivi minimi saranno incluse nel concetto di retribuzione di produttività ai sensi dell art. 2 del d.p.c.m. 22 dicembre 2012 e successive modifiche e integrazioni con conseguente diritto alla tassazione agevolata. Rientrano in tale casistica i seguenti emolumenti: - lavoro straordinario e supplementare forfettario; - lavoro straordinario in senso stretto; - compenso per lavoro supplementare per i rapporti di lavoro a tempo parziale; - compensi per clausole elastiche e flessibili; - somme e maggiorazioni eventualmente spettanti erogate in occasione di lavoro notturno; - maggiorazioni corrisposte ai lavoratori per lavoro domenicale o festivo; - indennità di turno corrisposte per lavoro normalmente prestato in base a un orario di lavoro articolato su turni; - premi di produttività; - premi e incentivi individuali o collettivi e ogni altro emolumento rilevante ai fini del miglioramento della competitività, produttività, qualità, reddittività, innovazione, efficienza organizzativa aziendale. 4. CAMPO DI APPLICAZIONE.... applica le agevolazioni fiscali a tutti i propri dipendenti. 5. VALIDITA DELL ACCORDO. Il presente accordo decorre dalla data della stipulazione e si applica a tutte le somme erogate di cui ai titoli sopradescritti e sulla base di quanto previsto nel pagina 4

5 d.p.c.m. 22 dicembre 2012 a partire dal mese di ai sensi della specifica normativa di legge e sue modifiche e integrazioni. Al fine di dare compiuta attuazione a quanto stabilito nel presente accordo,... si impegna a depositarne copia presso la Direzione territoriale del lavoro territorialmente competente entro 30 giorni dalla sottoscrizione. Letto, confermato e sottoscritto. pagina 5

6

7 ESEMPIO 2. ACCORDO SULL EROGAZIONE DEL PREMIO DI RISULTATO VERBALE DI ACCORDO Il giorno... si sono incontrati: - la Società... rappresentata dal sig in qualità di....; - la RSU nelle persone dei sigg.....; - le OO.SS. nelle persone dei sigg..... Premesso che: - le Parti, in coerenza con quanto previsto dal c.c.n.l. in vigore alla data del presente accordo, hanno esaminato l andamento dei risultati aziendali e le prospettive di breve e medio termine; - l Azienda, nonostante lo scenario economico sfavorevole, ha confermato la volontà di prevedere un premio di risultato al fine di favorire il coinvolgimento dei dipendenti nella realizzazione degli obiettivi di produttività aziendali; - l Azienda, peraltro, ritiene imprescindibile il raggiungimento di risultati minimi di redditività al fine di poter procedere con l erogazione del premio di risultato ai dipendenti; - le Parti hanno condiviso l opportunità di individuare parametri di risultato effettivamente rappresentativi delle performance aziendali e coerenti con quanto previsto dalla normativa ai fini delle agevolazioni fiscali e contributivi degli importi erogati ai dipendenti a titolo di premio di risultato; ciò premesso, le Parti hanno concordato quanto segue. 1. DURATA DELL ACCORDO. L accordo ha durata biennale, e quindi viene applicato ai risultati dell anno 2013 (erogazione del premio con le competenze di aprile 2014) e dell anno 2014 (erogazione del premio con le competenze di aprile 2015). L anno 2013 e l anno 2014 sono definiti nel seguito dell accordo con la dizione anno di riferimento. 2. PARAMETRI PER IL CALCOLO DELLA PRODUTTIVITÀ. A. Operai e impiegati diretti. Parametro: valore della produzione / somma delle ore lavorate dagli operai e dagli impiegati diretti. - Il valore della produzione è quello risultante nel Bilancio di fine esercizio in corrispondenza della voce... - La somma delle ore lavorate è quella fornita dall Amministrazione del Personale e che risulta nel tabulato del Controllo di Gestione... al 31 dicembre dell anno di riferimento. B. Operai e impiegati / quadri indiretti. pagina 7

8 Parametro: fatturato / organico medio - Il valore del fatturato è quello risultante nel Bilancio di fine esercizio in corrispondenza della voce... - Il valore dell organico medio è dato dalla media dell organico in forza ogni fine mese tenendo conto del tempo effettivo di impiego di ogni dipendente e quindi contando pro-quota i lavoratori con contratto p.t. 3. VALORE DEL PREMIO DI PRODUTTIVITÀ. Vengono definite delle soglie di obiettivo per ciascuno dei due parametri, con una soglia minima al di sotto della quale il premio non viene erogato; in corrispondenza delle varie soglie sono stabiliti i valori del premio da erogare, fino a una soglia massima cui corrisponde un valore massimo del premio. Parametro A Parametro B Valore produzione / somma ore lavorate Valore del premio Fatturato / organico medio Valore del premio Da A Da A Fino a. 0,00 Fino a. 0, Oltre a Oltre a PERSONALIZZAZIONE DEL PREMIO. Il valore del premio da erogare a ciascun dipendente è definito dal valore del premio corrispondente al risultato del parametro A o B applicabile, moltiplicato per la % di presenza del dipendente stesso e così definita: - % di presenza = n ore ordinarie lavorate nel corso dell anno / n ore ordinarie lavorabili da calendario nel corso dell anno; con: - n ore ordinarie lavorate = ore lavorate ordinarie annue + ore di infortunio, compreso infortunio in itinere + ore di ferie e permessi goduti; - n ore ordinarie lavorabili da calendario = ore lavorabili annue calcolate in base al calendario di apertura aziendale. Inoltre: - eventuali ore di sospensione in cassa integrazione guadagni non sono calcolate né come ore lavorate né come ore lavorabili; - non si considerano come ore lavorate le ore straordinarie. Esempio. n. ore lavorate da Tizio = 1600 n. ore lav. da calendario = 1800 % di presenza Tizio = 89% Valore del Premio di Produttività = 830 pagina 8

9 Calcolo premio Tizio = 830 * 89% = 738 Per i lavoratori part time l indice di presenza viene calcolato rapportando le ore lavorate alle ore lavorabili nel caso di contratto a tempo pieno. Per i lavoratori a tempo determinato, analogamente, l indice di presenza viene calcolato rapportando le ore lavorate alle ore lavorabili durante l intero anno. 5. REGOLA DI ARROTONDAMENTO. Si conviene che l arrotondamento degli indicatori di produttività e della % di presenza venga fatta all unità più vicina, cioè per eccesso o per difetto all unità più vicina. 6. TEMPI DI EROGAZIONE DEL PREMIO. Poiché il bilancio viene approvato di norma entro il 31 marzo dell anno successivo a quello di riferimento, il premio verrà erogato con la busta paga del mese di aprile dell anno successivo a quello di riferimento. 7. CONDIZIONI DI OTTENIMENTO DEL PREMIO. Condizione di ottenimento del premio è l essere in forza al 31 marzo dell anno successivo a quello di riferimento o, nel caso di ritardo nell approvazione del bilancio di esercizio, alla data della sua approvazione. 8. LETTERE DI CONTESTAZIONE/SANZIONI. Nel caso di procedimenti disciplinari che abbiano comportato l irrogazione di una sanzione disciplinare, il premio spettante al dipendente viene ridotto come di seguito specificato: - -3% nel caso di richiamo scritto; - -5% nel caso di multa; - -10% nel caso di sospensione. 9. CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA. L erogazione del premio è condizionata al raggiungimento dell obiettivo minimo di reddito operativo di euro..., così come risultante nel Bilancio di fine esercizio in corrispondenza della voce MODIFICA DEI PARAMETRI. Nel caso di investimenti rilevanti che comportino un miglioramento dell efficienza produttiva o di altri interventi di carattere straordinario che possano incidere in maniera significativa sul valore dei parametri di produttività definiti al punto 2), le Parti si incontreranno per valutare l eventuale modifica degli obiettivi di risultato ai fini della quantificazione del premio da erogare. 11. DICHIARAZIONE DELLE PARTI. Gli importi erogati in attuazione del presente contratto sono inclusi nel concetto di retribuzione di produttività ai sensi dell art. 2 del d.p.c.m. 22 dicembre 2012 e successive modifiche e integrazioni con conseguente diritto alla tassazione agevolata e beneficeranno degli sgravi contributivi previsti dalla normativa in materia di decontribuzione. Letto, confermato e sottoscritto pagina 9

10

11 ESEMPIO 3. NUOVO PIANO INDUSTRIALE CON DIVERSA ARTICOLAZIONE DEI TURNI DI LAVORO ACCORDO COLLETTIVO AZIENDALE Il giorno... presso la sede di... in... (...) via...,... si sono incontrate: -... con sede in... (...) via...,... in persona...; - le Organizzazioni Sindacali, così come di seguito rappresentate:... Cisl, nella persona del sig....;... Cigl, nella persona del sig....;... Uil, nella persona del sig.... Le Parti, premesso che: - la Società, a fronte della crisi che sta colpendo il settore della..., ha espresso la necessità di riorganizzare la struttura produttiva aziendale e provvedere a una diversa qualificazione dei lavoratori al fine di rendere flessibile l impegno del personale dipendente appartenente al profilo professionale del carrellista e del gruista, anche a seguito delle recenti innovazione tecnologiche adottate; - per tale ragione la Società ha esplicitato alle OO.SS. la necessità di procedere alla revisione dei turni di lavoro per fare fronte alla fluttuazione della domanda e a una più efficiente organizzazione della produzione; - l art. 1, comma 481, l. 228/2012, ha prorogato per il periodo 1 gennaio 31 dicembre 2013 le misure sperimentali per l incremento della produttività del lavoro; - il d.p.c.m. del 22 dicembre 2012 ha definito per l anno 2013 misura e caratteristiche dei compensi che potranno essere assoggettati alla tassazione agevolata, stabilendo che la retribuzione di produttività erogata in attuazione di quanto previsto da accordi o contratti collettivi aziendali o territoriali non può complessivamente superare l importo di euro lordi e dovrà necessariamente riferirsi a indicatori quantitativi di produttività, redditività, efficienza o innovazione ovvero a misure atte a rende flessibile l articolazione dell orario di lavoro; - è interesse comune addivenire a un accordo per individuare gli elementi retributivi correlati al miglioramento della competitività aziendale e riferiti all andamento economico; stipulano e convengono quanto segue. 1. TURNI DI LAVORO. Dal mese di... viene introdotta una nuova articolazione dei turni di lavoro che prevede l articolazione dell orario settimanale in 3 diversi turni di lavoro come indicato nella tabella sottostante. Turnazione Fascia oraria Articolazione settimanale pagina 11

12 Turno A mattiniero giorni di lavoro dal martedì al sabato Turno B pomeridiano giorni di lavoro dal lunedì al venerdì Turno C su 6 giorni ; sabato giorni di lavoro dal lunedì al sabato 2. MAGGIORAZIONE DI TURNO. A fronte di tale nuova articolazione orario sono previste delle specifiche maggiorazioni di turno da liquidarsi sulla base della seguente tabella. Turnazione Ore di lavoro di sabato Ore ordinarie in turno fino alle ore Ore ordinarie in turno notturno dopo le ore Maggiorazione 20 % come previsto dal c.c.n.l. 7 % come previsto dal c.c.n.l. 15% come previsto dal c.c.n.l. per le prestazioni in orario notturno 3. FUNGIBILITA DELLE MANSIONI. Al fine di accrescere il patrimonio professionale di ciascun collaboratore e consentire a ogni lavoratore appartenente al profilo professionale del carrellista di acquisire competenze specifiche della mansione del gruista e viceversa, le parti si accordano perché nella giornata del sabato siano presenti entrambi i profili professionali seppur in turni di lavoro diversi. 4. RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA. Le maggiorazioni e le indennità previste al punto 2) si intendono incluse nel concetto di retribuzione di produttività ai sensi dell art. 2 del d.p.c.m. 22 dicembre 2012 e successive modifiche e integrazioni con conseguente diritto alla tassazione agevolata. Le parti concordano che anche le eventuali maggiorazioni festive, straordinarie se diretta conseguenza della nuova articolazione oraria rientreranno nelle definizione sopraccitata e beneficeranno della tassazione agevolata. 5. VALIDITA DELL ACCORDO. Il presente accordo decorre dalla data della stipulazione e al fine di poter beneficiare dell imposta sostitutiva si applica a tutte le somme erogate di cui ai titoli sopradescritti e sulla base di quanto previsto nel d.p.c.m. 22 dicembre 2012 a partire dal mese di ai sensi della specifica normativa di legge e sue modifiche e integrazioni. Al fine di dare compiuta attuazione a quanto stabilito nel presente accordo,... si impegna a depositarne copia presso la direzione territoriale del lavoro territorialmente competente entro 30 giorni dalla sottoscrizione. Letto, confermato e sottoscritto. pagina 12

13 ESEMPIO 4. NUOVO PIANO INDUSTRIALE CON GESTIONE FLESSIBILE DELLE FERIE ACCORDO COLLETTIVO AZIENDALE Il giorno... presso la sede di... in... (...) via...,... si sono incontrate: -... con sede in... (...) via...,... in persona...; - le Organizzazioni Sindacali, così come di seguito rappresentate:... Cisl, nella persona del sig....;... Cigl, nella persona del sig....;... Uil, nella persona del sig.... Le Parti, premesso che: -... ha avviato sul sito di... un piano industriale che, attraverso importanti investimenti tecnologici e sugli impianti, intende raggiungere i seguenti obiettivi: - migliorare la produttività attraverso interventi di innovazione tecnologica; - aumentare la sicurezza attraverso l utilizzo di nuove attrezzature; - implementare un nuovo modello organizzativo, per linee di prodotto e non più per fasi di lavorazione, ridisegnando il layout dell area produttiva; - aumentare la flessibilità del processo produttivo attraverso una diversa organizzazione del lavoro che permetta di rispondere alle oscillazioni del mercato con livelli più bassi del magazzino; - il piano industriale, che prevede nel suo complesso un investimento di oltre... milioni di euro, testimonia la volontà dell Azienda di sviluppare dal punto di vista tecnologico il sito produttivo di..., migliorandone le condizioni di lavoro e quelle di sicurezza. Il piano porterà a una sostanziale modifica degli impianti, delle postazioni di lavoro e, più in generale, dell organizzazione dei processi produttivi attualmente in essere; -... ha chiesto alla OO.SS. un incontro per regolamentare alcune modifiche all orario di lavoro necessarie all introduzione del nuovo processo produttivo; - l art. 1, comma 481, l. 228/2012, ha prorogato per il periodo 1 gennaio 31 dicembre 2013 le misure sperimentali per l incremento della produttività del lavoro; - il d.p.c.m. del 22 dicembre 2012 ha definito per l anno 2013 misura e caratteristiche dei compensi che potranno essere assoggettati alla tassazione agevolata, stabilendo che la retribuzione di produttività erogata in attuazione di quanto previsto da accordi o contratti collettivi aziendali o territoriali non può complessivamente superare l importo di euro lordi e dovrà necessariamente riferirsi a indicatori quantitativi di produttività, redditività, efficienza o innovazione ovvero a misure atte a rende flessibile l articolazione dell orario di lavoro; - è interesse comune addivenire a un accordo per individuare gli elementi retributivi correlati al miglioramento della competitività aziendale e riferiti all andamento economico; pagina 13

14 stipulano e convengono quanto segue. 1. TURNI DI LAVORO. Dal mese di... viene introdotta una nuova articolazione dei turni di lavoro a copertura di un nastro orario di 13 ore e 45 minuti giornalieri, dal lunedì al venerdì, come indicato nella tabella sottostante. Turnazione Fascia oraria Turno A mattiniero Turno B pomeridiano Turno C spezzato L articolazione dell orario di lavoro, disciplinato da apposita comunicazione aziendale, prevede una normale prestazione lavorativa di 38 ore e 45 minuti con assorbimento di 1 ora e 15 minuti di ferie settimanali. Resta inteso che le ore di lavoro ulteriori rispetto a quanto definito al punto precedente e fino al raggiungimento della quarantesima ora saranno conteggiate ai fini retributivi come lavoro straordinario con erogazione della relativa indennità prevista dal c.c.n.l. applicato. 2. MAGGIORAZIONE DI TURNO. A fronte di tale nuova articolazione orario sono previste delle specifiche maggiorazioni di turno da liquidarsi sulla base della seguente tabella. Turnazione Fascia oraria Maggiorazione Turno A mattiniero % Turno B pomeridiano % % come previsto dal c.c.n.l. per le prestazioni in orario notturno. Turno C spezzato % Ai lavoratori in turno spezzato che effettuino almeno 6 ore di lavoro giornaliero verrà erogata un indennità giornaliera pari a 5 giornalieri a titolo di Indennità di turno disagiato. 3. RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA. Le maggiorazioni e le indennità previste al punto 2) si intendono incluse nel concetto di retribuzione di produttività ai sensi dell art. 2 del d.p.c.m. 22 dicembre 2012 e successive modifiche e integrazioni con conseguente diritto alla tassazione agevolata. 4. VALIDITA DELL ACCORDO. Il presente accordo decorre dalla data della stipulazione e al fine di poter beneficiare dell imposta sostitutiva si applica a tutte le somme erogate di cui ai titoli sopradescritti e sulla base di quanto previsto nel d.p.c.m. 22 dicembre 2012 a partire dal mese di ai sensi della specifica normativa di legge e sue modifiche e integrazioni. Al fine di dare compiuta attuazione a quanto stabilito nel presente accordo,... si impegna a depositarne copia presso la direzione pagina 14

15 territoriale del lavoro territorialmente competente entro 30 giorni dalla sottoscrizione. Letto, confermato e sottoscritto. pagina 15

16

17 ESEMPIO 5. NUOVO PIANO INDUSTRIALE CON FUNGIBILITÀ DELLE MANSIONI ACCORDO COLLETTIVO AZIENDALE Il giorno... presso la sede di... in... (...) via...,... si sono incontrate: -... con sede in... (...) via...,... in persona...; - le Organizzazioni Sindacali, così come di seguito rappresentate:... Cisl, nella persona del sig....;... Cigl, nella persona del sig....;... Uil, nella persona del sig.... Le Parti, premesso che: -... ha avviato sul sito di... un piano industriale che, attraverso importanti investimenti tecnologici e sugli impianti, intende raggiungere i seguenti obiettivi: - migliorare la produttività attraverso interventi di innovazione tecnologica; - aumentare la sicurezza attraverso l utilizzo di nuove attrezzature; - implementare un nuovo modello organizzativo, per linee di prodotto e non più per fasi di lavorazione, ridisegnando il layout dell area produttiva; - aumentare la flessibilità del processo produttivo attraverso una diversa organizzazione del lavoro che permetta di rispondere alle oscillazioni del mercato con livelli più bassi del magazzino; - il piano industriale, che prevede nel suo complesso un investimento di oltre... milioni di euro, testimonia la volontà dell Azienda di sviluppare dal punto di vista tecnologico il sito produttivo di..., migliorandone le condizioni di lavoro e quelle di sicurezza. Il piano porterà a una sostanziale modifica degli impianti, delle postazioni di lavoro e, più in generale, dell organizzazione dei processi produttivi attualmente in essere; -... ha chiesto alle OO.SS. un incontro per regolamentare alcune modifiche all orario di lavoro necessarie all introduzione del nuovo processo produttivo; - l art. 1, comma 481, l. 228/2012, ha prorogato per il periodo 1 gennaio 31 dicembre 2013 le misure sperimentali per l incremento della produttività del lavoro; - il d.p.c.m. del 22 dicembre 2012 ha definito per l anno 2013 misura e caratteristiche dei compensi che potranno essere assoggettati alla tassazione agevolata, stabilendo che la retribuzione di produttività erogata in attuazione di quanto previsto da accordi o contratti collettivi aziendali o territoriali non può complessivamente superare l importo di euro lordi e dovrà necessariamente riferirsi a indicatori quantitativi di produttività, redditività, efficienza o innovazione ovvero a misure atte a rende flessibile l articolazione dell orario di lavoro; - è interesse comune addivenire a un accordo per individuare gli elementi retributivi correlati al miglioramento della competitività aziendale e riferiti all andamento economico; stipulano e convengono quanto segue. pagina 17

18 1. TURNI DI LAVORO. Dal mese di... viene introdotta una nuova articolazione dei turni di lavoro a copertura di un nastro orario di 16 ore giornaliere come indicato nella tabella sottostante. Turnazione Fascia oraria Turno A mattiniero Turno B pomeridiano Turno C spezzato L articolazione dell orario di lavoro che sarà disciplinata da apposita comunicazione aziendale prevede una normale prestazione lavorativa di 40 ore settimanali distribuite su 5 giorni di lavoro alternativamente dal lunedì al venerdì e dal martedì al sabato. Resta inteso che le ore di lavoro richieste ulteriori rispetto a quanto definito al punto precedente e fino al raggiungimento della quarantesima ora saranno conteggiate ai fini retributivi come lavoro straordinario con erogazione della relativa indennità prevista dal c.c.n.l. applicato. 2. MAGGIORAZIONE DI TURNO. A fronte di tale nuova articolazione orario sono previste delle specifiche maggiorazioni di turno da liquidarsi sulla base della seguente tabella. Turnazione Fascia oraria Maggiorazione Turno A mattiniero % Turno B pomeridiano % % come previsto dal c.c.n.l. per le prestazioni in orario notturno Turno C spezzato % Ai lavoratori in turno spezzato che effettuino almeno 6 ore di lavoro giornaliero verrà erogata un indennità giornaliera pari a 5 giornalieri a titolo di Indennità di turno disagiato. 3. FUNGIBILITA DELLE MANSIONI. La nuova organizzazione produttiva comporterà una riduzione degli organici per quei profili professionali ritenuti non più coerenti con il nuovo modello produttivo e specificatamente appartenenti alla figura professionale dei capiturno. Per questi ultimi le parti concordano di valutare la possibilità di una modifica, anche parziale, della mansione espletata, previo accordo individuale in deroga all art c.c. e il riconoscimento da parte della Società di una indennità di mansione pari al... della differenza tra la retribuzione attuale e quella minore prevista al livello immediatamente inferiore della classificazione del personale di cui all art.... del c.c.n.l. applicato. 4. RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA. Le maggiorazioni e le indennità previste ai punti 2) e 3) si intendono incluse nel concetto di retribuzione di produttività ai sensi dell art. 2 del d.p.c.m. 22 dicembre pagina 18

19 2012 e successive modifiche e integrazioni con conseguente diritto alla tassazione agevolata. Le parti concordano che anche le eventuali maggiorazioni festive, straordinarie se diretta conseguenza della nuova articolazione oraria rientreranno nelle definizione sopraccitata e beneficeranno della tassazione agevolata. 5. VALIDITA DELL ACCORDO. Il presente accordo decorre dalla data della stipulazione e al fine di poter beneficiare dell imposta sostitutiva si applica a tutte le somme erogate di cui ai titoli sopradescritti e sulla base di quanto previsto nel d.p.c.m. 22 dicembre 2012 a partire dal mese di ai sensi della specifica normativa di legge e sue modifiche e integrazioni. Al fine di dare compiuta attuazione a quanto stabilito nel presente accordo,... si impegna a depositarne copia presso la Direzione territoriale del lavoro territorialmente competente entro 30 giorni dalla sottoscrizione. Letto, confermato e sottoscritto. pagina 19

20

21

A tutte le Strutture UIL LORO SEDI. Carissimi,

A tutte le Strutture UIL LORO SEDI. Carissimi, Roma, 06 novembre 2015 Protocollo:36/ 15/TB/mt/mm Servizio: Contrattazione Privata e Politiche Settoriali Rappresentanza e Rappresentatività A tutte le Strutture UIL LORO SEDI Oggetto: detassazione premi

Dettagli

SOMME EROGATE PER PREMI DI PRODUTTIVITA /RISULTATO. A cura dell U.O. Contrattualistica e fiscalità Gennaio 2012

SOMME EROGATE PER PREMI DI PRODUTTIVITA /RISULTATO. A cura dell U.O. Contrattualistica e fiscalità Gennaio 2012 SOMME EROGATE PER PREMI DI PRODUTTIVITA /RISULTATO A cura dell U.O. Contrattualistica e fiscalità Gennaio 2012 1 MANOVRA CORRETTIVA 2011 (ARTICOLO 26 D.L. N. 98/2011 CONVERTITO IN L. N. 111/2011) Per l

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Oggetto: Detassazione straordinari e altri elementi produttività: un opportunità

Oggetto: Detassazione straordinari e altri elementi produttività: un opportunità Lissone, Novembre 2010 Circolare n 22 /2010 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Detassazione straordinari e altri elementi produttività: un opportunità Gentile Cliente, con la presente abbiamo il piacere

Dettagli

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati CAAF CGIL CGIL UMBRIA tassazione agevolata al 10% Lavoro Notturno Lavoro

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA APPLICABILE ANCHE AL 2010 L articolo 2, co.156 e 157 della Finanziaria 2010 rende operative anche per il 2010 alcune misure finalizzate al sostegno della famiglia,

Dettagli

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO 1. QUADRO RMATIVO...2 1.1 Contenuti del D.L. n. 93/08...2 1.2 Contenuti del D.L. n. 185/08... 2 1.3 Contenuti della L. n. 191/09...3 1.4 Contenuti

Dettagli

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE Circolare n. 5 del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Detassazione dei premi di produttività... 2 2.1 Regime

Dettagli

Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015

Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015 Settore Risorse Umane e strumentali Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015 Accordo provvisorio: AVVIO DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE RIFERITO ALLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI DIPENDENTI E DEGLI INCARICATI

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno, in Milano (anche nella qualità di Capogruppo) la Delegazione Sindacale di Gruppo della OS tra e premesso che il comma 481 dell art. 1 della legge 24 dicembre 2012 n.228 (c.d.

Dettagli

CIRCOLARE n. 15 / 2014 DETASSAZIONE RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA ANNO 2014

CIRCOLARE n. 15 / 2014 DETASSAZIONE RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA ANNO 2014 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. SEMPLIFICAZIONE Norme inutili alla rottamazione Italia Oggi pag. 43 del 26/06/2014

RASSEGNA STAMPA. SEMPLIFICAZIONE Norme inutili alla rottamazione Italia Oggi pag. 43 del 26/06/2014 giovedì 26 giugno 2014 RASSEGNA STAMPA SEMPLIFICAZIONE Norme inutili alla rottamazione Italia Oggi pag. 43 del 26/06/2014 STUDI DI SETTORE Nel regime premiale 116 studi di settore (senza professioni) Il

Dettagli

Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014

Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014 Settore Risorse Umane e Decentramento Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014 ACCORDO PROVVISORIO AVENTE AD OGGETTO L AVVIO DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE RIFERITO ALLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI DIPENDENTI DELL

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 13 giugno 2014 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che ACCORDO PER IL PASSAGGIO DEI QUADRI DIRETTIVI E DEL PERSONALE DELLE AREE PROFESSIONALI DELLA CASSA DEPOSIT I E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I QUADRI DIRETTIVI

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI SLAI Cobas per il Sindacato di Classe Federazione Autisti Operai i C.C.N.L. AUTOTRASPORTI e LOGISTICA per le COOPERATIVE I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI 2004--2007-2006--2010-2011

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance www.adapt.it, 10 marzo 2011 Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance di Dimitri Giardino In uno scenario economico sempre più globalizzato e concorrenziale, in cui

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili Sommario Detassazione 3 Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli 3 straordinari Il decreto anticrisi 4 Voci detassabili 4 Cosa dice la norma 5 Come deve procedere il lavoratore

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. Articolo 1. Norme generali

ORARIO DI LAVORO. Articolo 1. Norme generali ORARIO DI LAVORO Articolo 1 Norme generali 1. L orario di apertura delle strutture dell Università di Parma è il seguente: dal lunedì al venerdì dalle ore 7.00 alle ore 20.00, sabato secondo un orario

Dettagli

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N.

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N. DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DEL PERSONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA (Concertato con la Delegazione sindacale dell

Dettagli

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 Roma, 3 dicembre 2010 Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 (Testo coordinato con l atto di revisione

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEL CCDI 2006-2009 ANNO 2010

INTEGRAZIONE DEL CCDI 2006-2009 ANNO 2010 INTEGRAZIONE DEL CCDI 2006-2009 ANNO 2010 Il 29 dicembre 2010 si sono incontrati i rappresentati della delegazione trattante di parte pubblica dell ente Regione Emilia-Romagna e i rappresentanti sindacali

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

Verbale di Accordo. La Brevini Power Transmission S.p.A. rappresentata dal Dr. A Borgatti e dal Rag. P. Conti

Verbale di Accordo. La Brevini Power Transmission S.p.A. rappresentata dal Dr. A Borgatti e dal Rag. P. Conti Verbale di Accordo Il giorno 07/07/2011 tra La Brevini Power Transmission S.p.A. rappresentata dal Dr. A Borgatti e dal Rag. P. Conti e La RSU della Brevini Power Transmission nelle persone dei Sigg Rosario

Dettagli

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi.

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Circolare n.3/2011 Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Il 6 aprile 2011 la Confcommercio insieme alla Fisascat Cisl e la Uiltucs Uil ha sottoscritto

Dettagli

SEMINARIO DI LAVORO DELLA RETE NAZIONALE DELLE CONSIGLIERE E DEI CONSIGLIERI DI PARITÀ 7 e 8 MAGGIO 2012

SEMINARIO DI LAVORO DELLA RETE NAZIONALE DELLE CONSIGLIERE E DEI CONSIGLIERI DI PARITÀ 7 e 8 MAGGIO 2012 SEMINARIO DI LAVORO DELLA RETE NAZIONALE DELLE CONSIGLIERE E DEI CONSIGLIERI DI PARITÀ 7 e 8 MAGGIO 2012 Approfondimenti: Detassazione relativa alle componenti accessorie della retribuzione corrisposte

Dettagli

COMUNICATO. Nella tarda serata del 18 giugno si è conclusa la trattativa raggiungendo una intesa sull ipotesi di rinnovo.

COMUNICATO. Nella tarda serata del 18 giugno si è conclusa la trattativa raggiungendo una intesa sull ipotesi di rinnovo. COMUNICATO Il giorno 17 giugno è ripresa la trattativa per il rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale del Gruppo Allianz ed è proseguita il giorno successivo con l intento di giungere ad una fase finale.

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

ALLEGATI Gianluca Spolverato Paolo Tormen

ALLEGATI Gianluca Spolverato Paolo Tormen ALLEGATI Gianluca Spolverato Paolo Tormen CONTRATTO DI PRODUTTIVITÀ E FLESSIBILITÀ le nuove regole sulla detassazione e decontribuzione ESEMPIO 1. AZIENDA GDO DETASSAZIONE IN BASE A INDICI DI PRODUTTIVITÀ

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO 1) SISTEMA INFORMATIVO E RELAZIONI INDUSTRIALI

VERBALE DI ACCORDO 1) SISTEMA INFORMATIVO E RELAZIONI INDUSTRIALI VERBALE DI ACCORDO Il giorno 21 Luglio 2009, presso la sede della Ditta Vimec S.r.l. con sede in Luzzara Via Parri 7, tra la Direzione Aziendale rappresentata dall A.D. Dott. Ettore Zoboli assistito dal

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA. Agevolazioni fiscali per la retribuzione di produttività -Disciplina applicabile nel 2013- Approvazione del DPCM attuativo.

CIRCOLARE TEMATICA. Agevolazioni fiscali per la retribuzione di produttività -Disciplina applicabile nel 2013- Approvazione del DPCM attuativo. Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 aprile 2010, in Siena tra Banca CR Firenze S.p.A. (di seguito CRF) Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito BMPS) e le sottoscritte Organizzazioni Sindacali premesso

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 -

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - PREMESSA Al fine di evitare equivoci di sorta, a tutto il personale ATA viene consegnata copia individuale dell

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE

RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE In data 1 agosto 2013 è stato rinnovato il CCNL, scaduto il 31 dicembre 2012. Sul piano economico, l Accordo prevede, per il triennio 2013-2015, un aumento

Dettagli

ALLEGATO 1 IPOST PARTE C

ALLEGATO 1 IPOST PARTE C ALLEGATO 1 PARTE C Dati previdenziali IPOST I dati previdenziali devono essere certificati dalla Società Poste Italiane S.p.A., dalle società ad essa collegate e dall IPOST per il personale iscritto al

Dettagli

L Assessore all Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero e i rappresentanti dei seguenti organismi:

L Assessore all Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero e i rappresentanti dei seguenti organismi: AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ACCORDO QUADRO FRA LA REGIONE PIEMONTE E LE PARTI SOCIALI PIEMONTESI DEFINIZIONE DELLE MODALITA GESTIONALI 2014-2015 A SEGUITO DELL EMANAZIONE DEL DECRETO INTERMINISTERIALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

VERBALE DI INCONTRO DI VERIFICA. Il giorno 29 giugno 2013 in Tresivio. tra

VERBALE DI INCONTRO DI VERIFICA. Il giorno 29 giugno 2013 in Tresivio. tra VERBALE DI INCONTRO DI VERIFICA Il giorno 29 giugno 2013 in Tresivio tra Credito Valtellinese S.c., Banca Capogruppo dell omonimo Gruppo bancario, Credito Siciliano S.p.A., Carifano S.p.A., Bankadati Soc.Cons.P.A.,

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

tra e, in ordine alfabetico

tra e, in ordine alfabetico TESTO del CONTRATTO COLLETTIVO PROVINCIALE DI LAVORO 29 gennaio 2007 per i dipendenti delle imprese edili ed affini della Provincia di Trento integrativo del CCNL 1 ottobre 2004 Addì 29 gennaio 2007 tra

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta REGOLAMENTO INTERNO ARTICOLO 1 Scopo ed oggetto del regolamento Il presente regolamento ha lo scopo - ai sensi dell articolo 6 della legge 3 aprile 2001, n. 142, e dell articolo 39 dello statuto - di disciplinare

Dettagli

Contratto integrativo aziendale Verbale di accordo

Contratto integrativo aziendale Verbale di accordo Contratto integrativo aziendale Verbale di accordo Il giorno 30 ottobre 2007 in Ravenna tra Assicoop Ravenna S.p.A., rappresentata dal Presidente, LORENZO COTTIGNOLI, e dall Amministratore delegato, CARLO

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO TRA. TNT Post Italia s.p.a, rappresentata dai sig.ri Cinzia Spaziani, Saverio Secreti e Stefano Guzzeloni

VERBALE DI ACCORDO TRA. TNT Post Italia s.p.a, rappresentata dai sig.ri Cinzia Spaziani, Saverio Secreti e Stefano Guzzeloni VERBALE DI ACCORDO Roma, 08 febbraio '11 TNT Post Italia s.p.a, rappresentata dai sig.ri Cinzia Spaziani, Saverio Secreti e Stefano Guzzeloni TNT Post Milano s.r.l. rappresentata dai sig.ri Cinzia Spaziani,

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Circolare Informativa n 1/2014 Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Pagina 1 di 12 INDICE 1) Alimentari PMI pag. 3 2) Area Alimentazione e panificazione pag.6 3) Autorimesse e noleggio automezzi pag.8 4) Carta

Dettagli

Il lavoro straordinario

Il lavoro straordinario Il lavoro straordinario Il titolo XVI (artt. 77-78) del Ccnl degli studi professionali regolamenta il lavoro straordinario. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. c del d.lgs. n. 66/2003, il lavoro straordinario

Dettagli

INVESTIMENTI, PIANO INDUSTRIALE, OCCUPAZIONE E FORMAZIONE

INVESTIMENTI, PIANO INDUSTRIALE, OCCUPAZIONE E FORMAZIONE INVESTIMENTI, PIANO INDUSTRIALE, OCCUPAZIONE E FORMAZIONE L azienda conferma per il bienno 2011/2012, la volontà di proseguire la propria politica di sviluppo e investimenti, anche rimodulando il proprio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

PERSONALE DEL COMPARTO

PERSONALE DEL COMPARTO RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA E ILLUSTRATIVA AI SENSI DELL ART. 40 COMMA 3 SEXIES ALLEGATO ALLA PREINTESA DEL CONTRATTO INTEGRATIVO DELL AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO 2006-2009 PER LE FINALITA

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Pag. 1 di 9 Articolo 1 Campo di applicazione e durata 1. Il presente contratto decentrato integrativo redatto ai sensi dell art. 5 del CCNL del 01.04.1999, così

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO. tra. L Artsana S.p.A. RETE NEGOZI TUTTOCHICCO ITALIA rappresentata dai sigg. Martino Troncatti,

IPOTESI DI ACCORDO. tra. L Artsana S.p.A. RETE NEGOZI TUTTOCHICCO ITALIA rappresentata dai sigg. Martino Troncatti, IPOTESI DI ACCORDO tra L Artsana S.p.A. RETE NEGOZI TUTTOCHICCO ITALIA rappresentata dai sigg. Martino Troncatti, Bruno Galbiati, Roberto Diacci, assistiti dalla Confcommercio Nazionale nella persona del

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO. In data 27 Settembre 2010, presso la sede della ditta R.C.F. S.p.A. di Mancasale Reggio Emilia. premesso che:

IPOTESI DI ACCORDO. In data 27 Settembre 2010, presso la sede della ditta R.C.F. S.p.A. di Mancasale Reggio Emilia. premesso che: IPOTESI DI ACCORDO In data 27 Settembre 2010, presso la sede della ditta R.C.F. S.p.A. di Mancasale Reggio Emilia tra la Ditta RCF S.p.A. presente nelle persone dell Ing. Arturo Vicari, del Sig. Fausto

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA DOTE: ATTIVAZIONE D Il lavoratore che si trovi in cassa integrazione o disoccupato con il diritto a un indennità di sostegno del reddito è tenuto ad accettare

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 230 DEL 14.11.2002.

Dettagli

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE RIALLINEAMENTO ALLA NORMATIVA CONTRATTUALE NAZIONALE Ad integrazione e specifica di quanto rappresentato nella nota trasmessa a codesto Dipartimento in data 29 aprile 2014,

Dettagli

Oggetto: VERIFICA DELL ELEMENTO VARIABILE DELLA RETRIBUZIONE (E.V.R.) Termine per la conclusione dell iter 31.12.2012

Oggetto: VERIFICA DELL ELEMENTO VARIABILE DELLA RETRIBUZIONE (E.V.R.) Termine per la conclusione dell iter 31.12.2012 Prot. n. 488/C/2012 Pregg.mi Sigg. Titolari e/o legali rappresentanti delle imprese associate LORO SEDI Ragusa, 06 Novembre 2012 Oggetto: VERIFICA DELL ELEMENTO VARIABILE DELLA RETRIBUZIONE (E.V.R.) Termine

Dettagli

SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L.

SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L. CONTRATTO AZIENDALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DOCENTE, TECNICO, AMMINISTRATIVO, AUSILIARIO SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L. 1 gennaio 2010 31 agosto 2013 1 CONTRATTO AZIENDALE DI LAVORO PER IL PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO. Attività Funzione Responsabile Firma. Amministratore Unico: Antonio MALLAMO. Modifiche. ASTRAL SpA Azienda Strade Lazio

REGOLAMENTO. Attività Funzione Responsabile Firma. Amministratore Unico: Antonio MALLAMO. Modifiche. ASTRAL SpA Azienda Strade Lazio Attività Funzione Responsabile Firma Redazione Verifica Approvazione Area Personale e Organizzazione Direttore Generale: Daniele LUCCI Amministratore Unico: Antonio MALLAMO Daniele Lucci Daniele Lucci

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE

IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E PER LA PRODUTTIVITA

Dettagli

Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016

Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016 Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016 Legge Stabilità 2016: potenziate le agevolazioni sui premi di produttività Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la legge di stabilità per

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE, L ORGANIZZAZIONE E IL BILANCIO SOTTOSCRIZIONE DEFINITIVA ACCORDO UTILIZZO DEL FONDO UNICO DI AMMINISTRAZIONE ANNO 2014 La delegazione di parte pubblica del Ministero

Dettagli

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato.

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato. Settore Artigiano Accordo interconfederale - 15 dicembre 2009 Accordi - 15 dicembre 2009 Retribuzioni contrattuali dal 1º gennaio 2010 e bilateralità â Parti stipulanti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto

Dettagli

Ravenna, 31 Luglio 2006

Ravenna, 31 Luglio 2006 Ravenna, 31 Luglio 2006 IPOTESI DI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO INTEGRATIVO DEL C.C.N.L. 20 MAGGIO 2004 PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE IMPRESE EDILI INDUSTRIALI (ANCE) DELLA

Dettagli

I rappresentanti dell Agenzia delle Dogane e delle Organizzazioni sindacali nazionali del comparto Agenzie fiscali,

I rappresentanti dell Agenzia delle Dogane e delle Organizzazioni sindacali nazionali del comparto Agenzie fiscali, Roma, 23 giugno 2011 Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività dell anno 2010 Revisione della costituzione e integrazione dell ipotesi di accordo del 30 dicembre 2010

Dettagli

La nuova tariffa professionale

La nuova tariffa professionale Massimo Mellacina (Consigliere Delegato Area Tariffe) La nuova tariffa professionale Latina 11 ottobre 2010 1 Ambito di applicazione La nuova tariffa professionale si applica per la definizione dei compensi

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA «CIRCOLARE SULL ARTICOLAZIONE DELLE TIPOLOGIE DELL ORARIO DI LAVORO PRESSO

ISTRUZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA «CIRCOLARE SULL ARTICOLAZIONE DELLE TIPOLOGIE DELL ORARIO DI LAVORO PRESSO Direzione Generale per le Risorse e l Innovazione ALLEGATO N. 2 ISTRUZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA «CIRCOLARE SULL ARTICOLAZIONE DELLE TIPOLOGIE DELL ORARIO DI LAVORO PRESSO LE RAPPRESENTANZE

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banche della Divisione Banca dei Territori con l esclusione di

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923 Lo straordinario Questa materia e' regolata da leggi e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria (contratti Federmeccanica e Confapi).

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO NAZIONALE INTERFEDERALE. tra

IPOTESI DI ACCORDO NAZIONALE INTERFEDERALE. tra IPOTESI DI ACCORDO NAZIONALE INTERFEDERALE Il 22 giugno 2000, in Roma tra la FEDERAZIONE ITALIANA IMPRESE PUBBLICHE GAS, ACQUA E VARIE (FEDERGASACQUA) rappresentata da Paola Giuliani, Luigi Casalini, Marino

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE CAPUT LIBERUM S.R.L. tra

CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE CAPUT LIBERUM S.R.L. tra CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE CAPUT LIBERUM S.R.L. Il giorno 19 luglio 2013, in Capoliveri, tra Caput Liberum S.r.l. con sede in Piazza del Cavatore, 3 57031 Capoliveri, C.F. 01425010491, rappresentata

Dettagli

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013 Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013 Roma, 31 luglio 2013 1. Un nuovo contratto L accordo in oggetto (pur garantendo una continuità economica con il precedente CCNL a mezzo

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

Area risorse umane 1

Area risorse umane 1 Area risorse umane 1 Siena, 7 dicembre 2004 VERBALE DI CONCERTAZIONE Criteri generali per l attribuzione degli incarichi per particolari responsabilità o funzioni alla categoria EP Verbale contenente:

Dettagli

Per tutti i profili la prestazione lavorativa dovrà essere resa fra le 7.30 e le 20.00.

Per tutti i profili la prestazione lavorativa dovrà essere resa fra le 7.30 e le 20.00. A far data da marzo 2011 entrerà in funzione il nuovo sistema di gestione presenze che snellirà tutte le procedure ad esso connesse con particolare riguardo alla rilevazione delle timbrature e dei giustificativi.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Università degli Studi del Molise RELAZIONE ILLUSTRATIVA FONDO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Anno 2013 Relazione illustrativa Indice Modulo I Illustrazione

Dettagli