PROGETTO DI UN EDIFICIO IN CALCESTRUZZO ARMATO IN ZONA SISMICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI UN EDIFICIO IN CALCESTRUZZO ARMATO IN ZONA SISMICA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE Corso di Progetto di Strutture PROGETTO DI UN EDIFICIO IN CALCESTRUZZO ARMATO IN ZONA SISMICA Docente: Ing. Ernesto Grande Studenti: Stefania Del Signore Mauro Vallerotonda Anno Accademico 2007/2008

2 I INDICE 1. Descrizione Generale dell Opera Normativa di Riferimento Impostazione della Carpenteria 5 4. Fili Fissi Dimensionamento Solaio Analisi dei carichi unitari del solaio Solaio piano tipo gettato in opera Solaio di copertura gettato in opera (calpestabile) Sbalzo gettato in opera Tompagni Solaio piano tipo in c.a.p Dimensionamento della fascia di solaio Fascia 2a Fascia 2b Dimensionamento degli Sbalzi Caratteri generali Sbalzo in prosecuzione Sbalzo laterale Sbalzo laterale fascia 1a Sbalzo d angolo Sbalzo d angolo Fascia Foro La Scala Caratteri generali..50

3 II 8.2 Calcolo delle scale Scala a soletta rampante Scala con trave a ginocchio e gradini a sbalzo I gradini Trave a ginocchio Pianerottoli Trave di testata Predimensionamento degli Elementi Strutturali Caratteri generali Travi Pilastri Analsi statica lineare Modellazione con il SAP Analisi Statica Equivalente Analisi Dinamica Multimodale Analisi Dinamica Modale con spettro di risposta di progetto Confronti Fondazioni Caratteri generali Scelta del piano di posa Carico limite Trave rovescia Verifica degli Elementi Strutturali Travature Pilastrate. 113

4 III 16. Verifica dell Impalcato Analisi preliminare Verifica di resistenza Verifica di rigidezza

5 Descrizione Generale dell Opera DESCRIZIONE GENERALE DELL OPERA La struttura che si intende realizzare è una struttura intelaiata in cemento armato, destinata a civile abitazione. Caratterizzata in pianta da tre campate in direzione x e quattro in direzione y di lunghezza variabile, si presenta non regolare non simmetrica. Figura 1. Architettonico del piano tipo 1

6 Descrizione Generale dell Opera 1. La struttura si sviluppa su cinque livelli, caratterizzati da interpiano 3,2 m, connessi mediante scala del tipo a soletta rampante. La struttura in esame dovrà soddisfare le prescrizioni contenute nella normativa vigente ed, in particolare, nell Ordinanza P.C.M. 20 marzo 2003, n Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica e nel D.M. 14 settembre 2005 Norme tecniche per le costruzioni. 2

7 Normativa di Riferimento NORMATIVA DI RIFERIMENTO Nel seguito sono riportate le normative tecniche alle quali si è fatto riferimento nella fasi di modellazione, analisi strutturale, dimensionamento e verifica delle parti strutturali dell edificio progettato. DECRETO 9 GENNAIO «Norme tecniche per il calcolo, l esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture metalliche». 1. Sono approvate le allegate norme tecniche per il calcolo, l esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture metalliche di cui alla legge , n. 1086, che si riportano in allegato al presente decreto e di cui formano parte integrante. 2. Sono altresì applicabili le norme tecniche di cui al precedente decreto per la parte concernente le norme di calcolo e le verifiche col metodo delle tensioni ammissibili e le relative regole di progettazione e di esecuzione. 3. E consentita l applicazione delle norme europee sperimentali Eurocodice 2 - Progettazione delle strutture di calcestruzzo, parte 1-1, regole generali e regole per gli edifici - ed Eurocodice 3 - Progettazione delle strutture di acciaio, parte 1-1, regole generali e regole per gli edifici - nelle rispettive versioni in lingua italiana, pubblicate a cura dell UNI (UNI ENV , ratificata in data gennaio 1993 e UNI ENV , ratificata in data giugno 1994), come modificate ed integrate dalle prescrizioni di cui alla parte I, sezione III, ed alla parte II, sezione III, delle norme tecniche di cui al primo comma. DECRETO 16 GENNAIO 1996 Norme tecniche relative ai Criteri generali per la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi Le presenti norme sono relative alle costruzioni ad uso civile ed industriale. I metodi generali di verifica nonché i valori delle azioni qui previsti sono applicabili a tutte le costruzioni da realizzare nel campo dell ingegneria civile per quanto non in contrasto con vigenti norme specifiche. Scopo delle verifiche di sicurezza è garantire che l opera sia in grado di resistere con adeguata sicurezza alle azioni cui potrà essere sottoposta, rispettando le condizioni necessarie per il suo esercizio normale, e che sia assicurata la sua durabilità. 3

8 Normativa di Riferimento 2. Tali verifiche si applicano alla struttura presa nel suo insieme ed a ciascuno dei suoi elementi costitutivi; esse devono essere soddisfatte sia durante l esercizio sia nelle diverse fasi di costruzione, trasporto e messa in opera. I metodi di verifica ammessi dalle presenti norme sono: a) il metodo agli stati limite (metodo dei coefficienti parziali); b) il metodo delle tensioni ammissibili. Oltre ai metodi a) e b) sono consentiti altri metodi di verifica scientificamente comprovati purché venga conseguita una sicurezza non inferiore a quella ottenuta con l applicazione dei sopraddetti metodi OPCM 3274 Norme tecniche per il progetto, la valutazione e l adeguamento sismico degli edifici L'ordinanza n della Presidenza del Consiglio dei Ministri Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e normative tecniche per le costruzioni in zona sismica, emanata il 20/03/2003 è stata pubblicata sul supplemento ordinario 72 alla gazzetta ufficiale n 105 del 8 maggio Nell'Ordinanza vengono anche approvati i Criteri per l'individuazione delle zone sismiche individuazione, formazione ed aggiornamento degli elenchi nelle medesime zone (allegato 1) e le connesse norme tecniche (allegati 2, 3, 4). Fra le novità più importanti della nuova normativa, vi sono l'auspicata estensione della zonizzazione sismica a tutto il territorio nazionale, l'abbandono definitivo del metodo delle tensioni ammissibili in favore del metodo di verifica agli stati limite, una maggiore attenzione verso una corretta modellazione strutturale, l'apertura verso analisi di tipo non lineare. 4

9 Impostazione della Carpenteria IMPOSTAZIONE DELLA CARPENTERIA La fase di predimensionamento degli elementi strutturali passa attraverso una prima analisi delle rigidezze da valutarsi rispetto alle dimensioni in pianta dell opera, nella fattispecie in riferimento alle dimensioni delle campate lungo le direzioni rispettivamente x,y, ed alla presenza di eventuali corpi irrigidenti, quali scala e vano ascensore. La presente struttura in particolare consta di una scala del tipo a soletta rampante, disposta centralmente al piano i-esimo. Inoltre proprio le campate centrali del generico telaio risultano essere di dimensioni notevolmente minori rispetto alle esterne, sicché in prima approssimazione si è ritenuto necessario andare a ridurne la rigidezza con appropriata distribuzione e orientamento dei pilastri A_1 1 B_1 C_1 3 D_ A_2 4 B_2 5 C_2 6 D_ A_3 7 B_3 8 C_3 9 D_ A_4 10 B_4 11 C_4 12 D_ C_5 13 D_ Figura 2. Carpenteria del piano tipo 5

10 Impostazione della Carpenteria 3. Nella impostazione della carpenteria si è cercato, limitatamente ai vincoli architettonici, di rispettare criteri di: Uniformità e simmetria; Resistenza e rigidezza flessionale, almeno in due direzioni ortogonali, tale da garantire una adeguata resistenza della struttura indipendentemente dalla direzione in cui giunge il sisma; Resistenza e rigidezza torsionale, al fine di ridurre gli effetti rotazionali. Nella definizione della orditura dei solai è stato seguito il seguente criterio: caricare travi emergenti di lunghezza minore, al fine di evitare la presenza di un eccessivo carico su travi lunghe, già caratterizzate da peso proprio elevato. I material utilizzati sono stati: Calcestruzzo R ck 25 Acciaio Fe B 44k. 6

11 Fili Fissi FILI FISSI I fili fissi sono le facce di pareti o di pilastri che per tutta l altezza di una struttura non hanno nessun cambiamento planimetrico. I fili fissi inoltre costituiscono i punti di partenza per l esecuzione materiale della struttura. La scelta del tipo di filo, che risponde a specifiche esigenze di progetto, permette di semplificare le operazioni di inserimento dei vari elementi. Il tipo di filo fisso, a cui una sezione fa riferimento, dunque, ha influenza sulla posizione relativa in pianta dei pilastri e delle travi che allo stesso pilastro afferiscono. Il pilastro, infatti, viene posizionato in pianta in modo tale che il suo filo fisso, scelto fra i nove possibili elencati, abbia le coordinate X ed Y stabilite: poi verrà ruotato intorno al suo filo fisso, in funzione dell'angolo di rotazione stabilito per tutti i piani dell'edificio. Travi e pilastri saranno allineati secondo il loro lato esterno nel caso di filo esterno e secondo il loro asse nel caso di filo centrato. Nella figura, sul lato destro, vengono riportati tutti i nove casi delle incidenze dei pilastri e delle travi al variare del tipo di filo fisso. 7

12 Fili Fissi A_1 1 B_1 C_1 3 D_ A_2 4 B_2 5 C_2 6 D_ A_3 7 B_3 8 C_3 9 D_ A_4 10 B_4 11 C_4 12 D_ C_5 13 D_5 Figura 3 Disposizione fili fissi 8

13 Dimensionamento Solaio DIMENSIONAMENTO SOLAIO 5.1 Analisi dei carichi unitari del solaio Nella fase di progettazione il solaio viene schematizzato con un modello di trave continua, che consente di individuare lo stato di sollecitazione dei travetti sotto l azione di carichi permanenti e variabili assegnati. A fini pratici, per l analisi dei carichi, si suole considerare che la trave continua corrisponda ad una fascia di solaio larga 1 m. I carichi applicati si distinguono in: Carichi permanenti, quali: peso del solaio; peso materiali di finitura; peso tramezzi e di eventuali altri elementi gravanti su di esso in maniera permanente (ex. parapetti); Carichi variabili (a seconda della destinazione d uso dell edificio e del solaio stesso), quali: locali interni; copertura; balconi. Secondo le indicazioni dell Eurocodice 2, i carichi permanenti devono essere moltiplicati per un coefficiente di sicurezza = 1,40, mentre per i carichi variabili si assume un coefficiente di sicurezza = 1,50. Sull incidenza dei tramezzi la Circolaren.156 del 04/07/1996 specifica che: Per gli orizzontamenti degli edifici per abitazioni e uffici, il carico costituito da tramezzi di peso minore di 1,5 potrà essere ragguagliato ad un carico uniformemente distribuito sul solaio pari a 1,5 volte il peso complessivo della tramezzatura, sempre che vengano adottate le misure costruttive atte ad assicurare una adeguata distribuzione del carico. 9

14 Dimensionamento Solaio 5. Il solaio in esame garantisce una ripartizione adeguata del carico, quindi è possibile adottare un carico medio pari a kN/mq. L altezza del solaio è data da : dove L rappresenta la lunghezza della luce di dimensione maggiore. Calcolata l altezza del solaio, viene riportata di seguito l analisi dei carichi. Si noti che nel seguente lavoro, alcune fasce sono state dimensionate come solai latero-cementizi del tipo gettato in opera, altre invece in cemento armato precompresso. Figura 4. Individuazione delle fasce 10

15 Dimensionamento Solaio Solaio piano tipo gettato in opera Il solaio latero-cementizio del tipo gettato in opera, realizzato per le fasce 2a/2b, è caratterizzato da altezza = 22 (18 +4 ); di seguito se ne riportano le caratteristiche geometriche. Carichi permanenti Figura 5. Solaio piano tipo gettato in opera Peso proprio per 1 di solaio: : 0,04 1,00 1,00 25 = 1,00 : 2 (0,10 0,18 1,00 25) = 0,90 : 2 (0,40,187) = 1,01 Sovraccarichi fissi : 0,05 1,00 1,00 20 = 1,00 : 0,01 20 = 0,20 : 0, = 0,24 : = 1,00 ( ) = (2,91 + 2,44) = 11

16 Dimensionamento Solaio 5. Carichi Accidentali : = 2,00 ( ) = In definitiva per il solaio tipo: = 5,35 = 2,00 12

17 Dimensionamento Solaio Solaio di copertura gettato in opera (calpestabile) Carichi permanenti Figura 6. Solaio di copertura gettato in opera Peso proprio di 1.00 m 2 di solaio: : 0,04 1,00 1,00 25 = 1,00 : 2 (0,10 0,18 1,00 25) = 0,90 : 2 (0,40,187) = 1,01 Sovraccarichi fissi : : 0,05 1,00 1,00 20 = 1,00 = 0,20 ( = 4 ): : : 2 (0,4 0,18 7) = 0,50 = 0,10 0,015 1,00 1,00 16 = 0,24 ( = 3 ) : = 0,15 ( ) = (2,91 + 2,19) = 13

18 Dimensionamento Solaio 5. Carichi Accidentali : = 2,00 ( ) = In definitiva per il solaio tipo: = 5,10 = 2,00 14

19 Dimensionamento Solaio Sbalzo gettato in opera Gli sbalzi sono realizzati con solaio del tipo latero-cementizio gettato in opera: per motivi tecnologici tale solaio ha un altezza = 18 geometriche. (14 +4 ); di seguito se ne riportano le caratteristiche Figura 7. Sbalzo Carichi permanenti Peso proprio per 1 di solaio: : 0,04 1,00 1,00 25 = 1,00 : 2 (0,10 0,14 1,00 25) = 0,70 : 2 (0,40,147) = 0,78 Sovraccarichi fissi : 0,05 1,00 1,00 20 = 1,00 : 0,01 20 = 0,20 : 0, = 0,24 = (2,44 + 1,44) 15

20 Dimensionamento Solaio 5. Carichi Accidentali : = 4,00 = Riassumendo: = 3,60 = 4,00 16

21 Dimensionamento Solaio Tompagni Figura 8. Individuazione elementi costituenti il tompagno Il tompagno, di spessore complessivo di 30 cm, risulta essere costituito da due fodere di laterizi tra le quali è interposto un pannello isolante in PE ed una camera d aria; Nella figura in basso è riportato la schema geometrico e i componenti del tompagno. Peso proprio : 0,12 1,00 1,00 8 = 0,96 : 0,08 1,00 1,00 8 = 0,64 ( = 3 ): = 0,15 : (0,02 + 0,02) 1,00 1,00 16 = 0,64 = 17

22 Dimensionamento Solaio 5. = 2,40 Si considera un interpiano di 3 metri quindi il peso al metro lineare vale: = ( ) = Tale valore può essere ridotto in presenza di aperture nelle pareti; pertanto si utilizzano coefficienti moltiplicativi che variano tra 0.7 e

23 Dimensionamento Solaio Solaio piano tipo in c.a.p. Il solaio progettato in cemento armato precompresso, ha altezza = 22 (18 +4 ); se ne riportano le caratteristiche geometriche. Figura 9. Solaio piano tipo in c.a.p. Carichi permanenti Peso proprio di 1.00 m 2 di solaio: : 0,04 1,00 1,00 20 = 0,80 : 2 (0,10 0,18 1,00 20) = 0,72 : 2 (0,40,187) = 1,01 Sovraccarichi fissi : : : : 0,05 1,00 1,00 20 = 1,00 = 0,20 0,015 1,00 1,00 16 = 0,24 = 1,00 19

24 Dimensionamento Solaio 5. ( ) = (2,53 + 2,44) Carichi Accidentali : = 2,00 ( ) = In definitiva per il solaio tipo: = 4,98 = 2,00 20

25 Dimensionamento Solaio DIMENSIONAMENTO DELLA FASCIA DI SOLAIO 2 La fascia di solaio prescelta, realizzata in cemento armato gettato in opera, è stata opportunamente suddivisa in due fasce: a e b dovendosi tenere conto dello sbalzo che la interessa parzialmente. Figura 10. Individuazione fascia 2 Se ne riportano di seguito gli schemi di calcolo ed il dimensionamento Fascia 2a Fascia 2a - gettato in opera Figura 11. Fascia 2a 21

26 Dimensionamento Solaio 5. Dati di INPUT Individuazione dei carichi agenti sulla fascia di solaio considerata. Schemi di calcolo delle sollecitazioni 1. Trave Continua SCHEMA DI TRAVE CONTINUA M omento M SBALZO_1 = 0,00 kn m M A = -30,63 kn m M AB = 32,99 kn m M B = -32,14 kn m M BC sup = -5,57 kn m M BC inf = 5,55 kn m M C = -32,14 kn m M CD = 32,99 kn m M D = -30,63 kn m M SBALZO_2 = 0,00 kn m SCHEMA DI TRAVE CONTINUA V sbalzo_1 = 0,00 kn - V A = 0,00 kn V A + = 31,15 kn V B - = -36,60 kn V B + = 21,53 kn V C - = -21,53 kn V C + = 36,60 kn V D - = -31,15 kn V D + = 0,00 kn V sbalzo_2 = 0,00 kn T aglio Individuati i carichi, si definiscono schemi limite per il calcolo delle sollecitazioni sulla fascia considerata. Si tratta di schemi di: trave appoggiata-appoggiata; trave incastrata-incastrata; trave continua. Trave appoggiata-appoggiata Momenti e tagli su di essa agenti sono dovuti d un carico uniformemente distribuito pari a:. Trave incastrata-incastrata Momenti e tagli su di essa agenti sono dovuti d un carico uniformemente distribuito pari a:( ). Trave continua Momenti e tagli su di essa agenti sono dovuti d un carico uniformemente distribuito, ottenuto da inviluppo delle diverse combinazioni di carico. 22

27 Dimensionamento Solaio 5. A B C D I) Massimizzazione dei momenti in campata AB-CD A B C D I) Massimizzazione dei momenti in campata BC A B C D I) Massimizzazione dei momenti in appoggio B A B C D I) Massimizzazione dei momenti in appoggio C Carico Qk, campata L=5,9 m Carico Qk, campata L=2,9 m Carico Gk Figura 12. Combinazioni di carico a scacchiera per il modello di trave continua Attraverso il programma di calcolo Travecon è stato ottenuto il diagramma di inviluppo, ossia delle sollecitazioni massime agenti, di cui se ne riportano di seguito i risultati. In particolare, in riferimento ai valori massimi è stata poi progettata l armatura. 23

28 Dimensionamento Solaio 5. Figura 13. Diagramma di inviluppo dei momenti flettenti sulla fascia 2a Figura 14. Diagramma di inviluppo dei tagli sulla fascia 2a 24

29 Dimensionamento Solaio 5. Il dimensionamento del solaio viene eseguito con determinazione delle sezioni resistenti di calcestruzzo, verifica sugli appoggi e progettazione dell armatura. Verifica delle sezioni resistenti di calcestruzzo Individuato il M max in campata, si ipotizza che l asse neutro tagli la soletta dei singoli travetti, per cui si considera una trave a sezione rettangolare. Nel caso in esame avendo riferito il calcolo alla striscia di un metro sarà = 100 (in genere due travetti). Si procede al calcolo dell altezza utile d mediante la relazione per sezioni rettangolari a semplice armatura, preoccupandosi di verificare che questa sia: B = 100 cm Asse neutro d 10 cm 40 cm Figura 15. Individuazione sezione resistente Verifica della sezione sugli appoggi Tale verifica si rende necessaria in quanto sugli appoggi avendosi momento negativo (fibre tese superiori) non potrà considerarsi =2, per cui la verifica relativa all altezza della sezione sarebbe con molta probabilità non soddisfatta. Si procede dunque in modo diverso, applicando la formula inversa e determinando il momento resistente del calcestruzzo. = Avendo già fissata (e verificata in campata) l altezza utile, ed essendo r funzione della sola resistenza caratteristica del calcestruzzo, l unico parametro su cui si può agire è la larghezza 25

30 Dimensionamento Solaio 5. del generico travetto in prossimità dell appoggio, eliminando una intera fila di pignatte, fascia piena, o eliminandone alternativamente una, fascia semipiena. Fascia piena Fascia semipiena Figura 16. Fascia piena e semipiena In qualunque caso esisterà in corrispondenza dell appoggio una zona piena che è pari alla larghezza della trave (emergente e/o a spessore) più una eventuale zona aggiuntiva dovuta alla disposizione delle pignatte che hanno una lunghezza in genere di 25 cm. Operativamente si ricavano i tre momenti resistenti del calcestruzzo per = 200 (per due travetti); = 600 (per fascia semipiena); = 1000 (per fascia piena). Successivamente si riportano sul diagramma inviluppo le tre linee corrispondenti ai tre momenti determinando dell intersezione di queste con il diagramma dei momenti i tratti ove necessitano le fasce piene e semipiene. 26

31 Dimensionamento Solaio 5. Progetto delle armature Sia realizza solitamente un modello di armatura a ferri dritti e sagomati, che da un certo contributo all assorbimento del taglio (ferri sagomati). Per determinare l armatura di un solaio ed il suo posizionamento si utilizza la relazione: = 0,9 Questa consente di definire l area complessiva di armatura necessaria rispetto al momento calcolato in una specifica sezione. Successivamente si individueranno i ferri corrispondenti, verificando che il loro momento resistente sia superiore di quello flettente. Dimensionamento Verifica dell'altezza della sezione di calcestruzzo M ultimo MAX = N mm B = 1000 mm r = 0,658 mm 2 N -1 d = 119,51 mm Momenti resistneti del calcestruzzo: verifica della sezione sugli appoggi B fascia piena = 1 m B fascia semipiena = 0,60 m B 2 travetti = 0,20 m M fascia piena = 92,39 kn m M fascia semipiena = 55,43 kn m M 2 travetti = 18,48 kn m 27

32 Dimensionamento Solaio 5. Figura 17. Verifica delle sezioni resistenti di cls Progetto delle armature M A f A f Diametro ferro Numero ferri Area effettiva M RF L ancoraggio kn m cm 2 / m cm 2 per travetto F - cm 2 kn m/m cm A -30,63 4,55 2, ,02 54,11 64 AB 32,99 4,90 2, ,02 54,11 64 B -32,14 4,77 2, ,02 54,11 64 Bc sup -5,57 0,83 0, ,02 54,11 64 Bc inf 5,55 0,82 0, ,02 54,11 64 C -32,14 4,77 2, ,02 54,11 64 CD 32,99 4,90 2, ,02 54,11 64 D -30,63 4,55 2, ,02 54,

33 Dimensionamento Solaio 5. Figura 18. Distinta delle armature Verifica a taglio in campata b w_ fascia piena = 1000 mm b w_ fascia semipiena = 600 mm b w _ 2 travetti = 200 mm t Rd = 0,24 N/mm 2 k = 1,40 A f_longitudinale res a trazione = 8,04 cm 2 /m r l = 0,02010 cm 2 per travetto V Rd1_fascia piena = 134,66 kn V Rd1_fascia semipiena = 80,79 kn V Rd1_2 travetti = 26,93 kn Benché il taglio non sia significativo, è sempre presente e talvolta può richiedere l eliminazione di alcune pignatte. Si esegue dunque una verifica con determinazione del V Rd1, come previsto da normativa, da confrontarsi con il taglio di calcolo. La verifica viene sviluppata rispettivamente con B=200; B=600; B=1000 riportando i valori di V RD1 cosi ricavati sui diagrammi di inviluppo. Scegliamo la fascia semipiena 29

34 Dimensionamento Solaio 5. Figura 19. Verifica a taglio 30

35 Dimensionamento Solaio Fascia 2b Fascia 2b - gettato in opera Figura 20. Fascia 2b Schemi di calcolo delle sollecitazioni 1. Trave Continua SCHEMA DI TRAVE CONTINUA M omento M SBALZO_1 = -9,80 kn m M A = -30,63 kn m M AB = 31,56 kn m M B = -30,97 kn m M BC sup = -4,07 kn m M BC inf = 5,55 kn m M C = -32,70 kn m M CD = 32,90 kn m M D = -30,63 kn m M SBALZO_2 = 0,00 kn m Combinazioni di carico I) Massimizzazione dei momenti in campata BC e sull appoggio II) Massimizzazione dei momenti in campata AB-CD SCHEMA DI TRAVE CONTINUA V sbalzo_1 = 0,00 kn - V A = -15,08 kn V A + = 31,15 kn V B - = -35,83 kn V B + = 21,06 kn V C - = -22,88 kn V C + = 36,69 kn V D - = -31,15 kn V D + = 0,00 kn V sbalzo_2 = 0,00 kn T aglio III) Massimizzazione dei momenti in appoggio A IV) Massimizzazione dei momenti in appoggio B V) Massimizzazione dei momenti in appoggio C 31

36 Dimensionamento Solaio 5. Figura 21. Diagramma di inviluppo dei momenti flettenti sulla fascia 2b Figura 22. Diagramma di inviluppo dei tagli sulla fascia 2b 32

37 Dimensionamento Solaio 5. Dimensionamento Verifica dell'altezza della sezione di calcestruzzo M ultimo MAX = N mm B = 1000 mm r = 0,658 mm 2 N -1 d = 119,35 mm Momenti resistneti del calcestruzzo: verifica della sezione sugli appoggi B fascia piena = 1 m B fascia semipiena = 0,60 m B 2 travetti = 0,20 m M fascia piena = 92,39 kn m M fascia semipiena = 55,43 kn m M 2 travetti = 18,48 kn m Pr ogetto delle armature M A f A f Diametro ferro Numero ferri Area effettiva M RF L ancoraggio kn m cm 2 / m cm 2 per travetto F Sbalzo -9,80 1,46 0, ,01 27,06 64 A -30,63 4,55 2, ,02 54,11 64 AB 31,56 4,69 2, ,02 54,11 64 B -30,97 4,60 2, ,02 54,11 64 Bc sup -4,07 0,60 0, ,02 54,11 64 Bc inf 5,55 0,82 0, ,02 54,11 64 C -32,70 4,86 2, ,02 54,11 64 CD 32,90 4,89 2, ,02 54,11 64 D -30,63 4,55 2, ,02 54, cm 2 kn m/m cm Verifica a taglio in campata b w_ fascia piena = 1000 mm b w_ fascia semipiena = 600 mm b w_ 2 travetti = 200 mm t Rd = 0,24 N/mm 2 k = 1,40 A f_longitudinale res a trazione = 8,04 cm 2 /m r l = 0,02010 cm 2 per travetto V Rd1_fascia piena = 134,66 kn V Rd1_fascia semipiena = 80,79 kn V Rd1_2 travetti = 26,93 kn Scegliamo la fascia semipiena 33

38 Dimensionamento Solaio 5. Verifica a taglio sullo sbalzo b w_ fascia piena = 1000 mm b w _ fascia semipiena = 600 mm b w_ 2 travetti = 200 mm t Rd = 0,24 N/mm 2 k = 1,44 A f_longitudinale res a trazione = 4,02 cm 2 /m r l = 0,01256 cm 2 per travetto V Rd1_fascia piena = 94,14 kn V Rd1_fascia semipiena = 56,48 kn V Rd1_2 travetti = 18,83 kn Lo sbalzo La fascia 2b è caratterizzata dalla presenza dello sbalzo. Lo sbalzo viene comunemente dimensionato con uno schema a mensola ed opportunamente armato con una molla. Si osservi però che sarebbe sufficiente un semplice moncone per assorbire gli sforzi di trazione. Scegliamo la fascia semipiena Momenti resistenti del cls sullo sbalzo B fascia piena = 1 m B fascia semipiena = 0,60 m B 2 travetti = 0,20 m M fascia piena = 59,13 kn m M fascia semipiena = 35,48 kn m M 2 travetti = 11,83 kn m 34

39 Dimensionamento degli Sbalzi DIMENSIONAMENTO DEGLI SBALZI 6.1 Caratteri generali Lo sbalzo è l elemento di solaio che prosegue oltre la trave di bordo per formare dei balconi o delle vedute. Questo presenta un ribassamento della soletta dovuto principalmente a due motivi: uno di tipo estetico, essendo la maggiore snellezza più gradevole, e l altro di tipo tecnologico per avere un piccolo gradino tra l interno e l esterno dell abitazione ed evitare infiltrazioni dell acqua piovana. In funzione della posizione e dell orditura del solaio retrostante, possiamo avere tre tipi di sbalzo: Sbalzo in prosecuzione dell orditura del solaio; Sbalzo laterale, ordito ortogonalmente al solaio retrostante; Sbalzo d angolo. Nella struttura in esame si è proceduto alla progettazione delle tre tipologie. Sbalzo laterale Sbalzo d angolo Sbalzo in prosecuzione Figura 23. Individuazione degli sbalzi 35

40 Dimensionamento degli Sbalzi Sbalzo in prosecuzione Lo sbalzo in prosecuzione viene dimensionato come prosecuzione del solaio di progetto. Figura 24. Sbalzo in prosecuzione 6.3 Sbalzo laterale Lo sbalzo laterale, dal punto di vista del calcolo, si differenzia dallo sbalzo in prosecuzione solo per l ipotesi di vincolo da considerare all attacco. Per il calcolo dello sbalzo laterale si può far riferimento a tre schemi statici: Trave di bordo reagente a torsione (rigidezza del solaio retrostante trascurabile); secondo tale schema il momento flettente (ed il taglio) dello sbalzo viene assorbito attraverso un regime torsionale dalla trave di bordo considerata incastrata alle estremità. Trave di bordo non reagente a torsione (appoggio); il momento flettente dello sbalzo viene trasmesso al solaio retrostante attraverso travetti ortogonali alla trave di bordo. Trave di bordo non reagente a torsione e piano rigido; il momento flettente viene trasferito al solaio attraverso due forze di uguale intensità, una di trazione e una di compressione. 36

41 Dimensionamento degli Sbalzi Sbalzo laterale fascia 1a Dimensionamento sbalzo laterale - Fascia 1a ( identicamente per entrambi gli sbalzi) Per il dimensionamento dello sbalzo laterale è stato utilizzato il modello di trave di bordo non reagente a torsione (appoggio). In questo schema, per la congruità nella trasmissione delle sollecitazioni, la trave di bordo dovrà avere, seppur minima, una certa rigidezza torsionale. Secondo tale schema il momento flettente dello sbalzo viene trasmesso al solaio retrostante. Affinché possa avvenire questa trasmissione di momento flettente bisognerà creare una struttura capace di fare ciò al di là della fascia piena, dato che per le ipotesi fatte le pignatte sono non collaboranti e quindi non in grado di trasferire alcuna sollecitazione. Al di là della fascia piena vengono realizzati dei travetti ortogonali alla trave di bordo di larghezza in genere di 25 cm, quanto la lunghezza di una pignatta, disposti ad interasse circa 1,5 2,00 m di lunghezza. Figura 25. Sbalzo laterale 37

42 Dimensionamento degli Sbalzi 6. Dati di INPUT Caratteristiche geometriche dello sbalzo Proprietà dei materiali H solaio_sbalzo = 18 cm Rck 25 g c_(peso) = 25 kn m -3 d utile = 16 cm f cd = 11,53 N mm -2 Larghezza sbalzo = 1,25 m f ctk = 1,62 N mm -2 Larghezza fascia piena = 0,20 m Larghezza* sbalzo = 0,90 m FeB 44k f yd = 374 N mm -2 L sbalzo = 4,80 m Totale carichi FISSI (G k ) = 4,00 kn/m 2 ACCIDENTALI (Q k ) = 4,00 kn/m 2 FISSI (G d ) = 5,60 kn/m 2 ACCIDENTALI (Q d ) = 6,00 kn/m 2 Dimensionamento q d = 11,60 kn/m 2 Lo sbalzo Lo sbalzo viene realizzato con altezza utile minore di quella relativa al solaio, per motivi di natura tecnologica, evitare cioè infiltrazione delle acque piovane. Questa scelta progettuale incide sensibilmente sui carichi fissi (Gk_sbalzo<Gk_solaio), cui vanno sommati i carichi accidentali (Qk_sbalzo>Qk_solaio), opportunamente amplificati con i coefficienti allo slu. M sbalzo_max = 9,06 kn m A f_per metro = 1,68 cm 2 /m A f_per travetto = 0,84 cm 2 Diametro ferro = 10 F Numero di ferri = 2 A effettiva = 1,57 cm 2 M R F = 16,91 kn m Calcolo armatura Il momento massimo agente sullo sbalzo, è ottenuto dalla relazione: = Da cui si perviene al calcolo dell armatura. 2 Dimensionamento travettone M* sbalzo = 4,70 kn m M* totale = 22,55 kn m r = 0,658 mm 2 /N Il travettone viene realizzato con interasse 1,5 2,00 m di lunghezza in modo da abbracciare perlomeno tre travetti del solaio retrostante ed essere in grado di trasmettere momento flettente. B travettone = 38,14 cm B singolo_ travettone = 25 cm N travettoni = 1,53 - Considerando il travetto di ripartizione Larghezza travetto di ripartizione = 15 cm B travettone = 23,14 cm B singolo _ travettone = 25 cm N travettoni = 0,93 - Iltravetto ortogonalesiarma con 4F12 e staffef8/20. Ai primi tre travetti del solaio retrostante verrà aggiunto un ferro filante superiore di sezione pari all'armatura inferiore. Si calcola il momento M*,( = ), dunque il momento totale ( = ), da cui: = 38

43 Dimensionamento degli Sbalzi 6. A valle del dimensionamento, si individua una dimensione finita del travettone e se ne calcola il numero necessario. E da intendersi che la presenza del travetto di ripartizione riduce il numero di travettoni necessari, considerando la sua funzione di ripartizione delle sollecitazioni. 6.4 Sbalzo d angolo Lo sbalzo d angolo presenta una elevata complessità progettuale: il suo dimensionamento passa attraverso l osservazione del fenomeno fisico, che evidenzi come esso tenda a deformarsi in condizioni di simmetria come una mensola secondo la bisettrice dell angolo coinvolgendo nella deformazione gli sbalzi laterali e di continuità oltre al solaio retrostante. Viene sviluppato in particolare un modello di trave appoggiata-appoggiata con sbalzo, in cui uno degli appoggi è individuato da una trave a spessore, che funga da contrappeso allo stesso, caricata mediante carico uniformemente distribuito Q D (prodotto del carico agente sullo sbalzo - Gk + Qk - per l area dello sbalzo). Si esegue il dimensionamento della trave, calcolo armatura e verifiche Sbalzo d angolo Fascia 3 Figura 26. Sbalzo d'angolo 39

44 Dimensionamento degli Sbalzi 6. Figura 27 Modello per lo sbalzo determinato per via grafo-numerica Figura 28 Schema di trave continua su due appoggi con sbalzo 40

45 Dimensionamento degli Sbalzi 6. Dimensionamento sbalzo d'angolo - Fascia 3 Dati di INPUT Caratteristiche geometriche dello sbalzo Proprietà dei materiali H solaio_sbalzo = 18 cm Rck 25 g c_(peso) = 25 kn m -3 d utile = 16 cm g c_coeff sicurezza = 1,6 - Larghezza sbalzo = 1,45 m f cd = 11,53 N mm -2 Larghezza fascia piena = 0,20 m f ctk = 1,62 N mm -2 Larghezza* sbalzo = 1,10 m f ctd = 1,01 N mm -2 L sbalzo = 6,20 m r = 0,658 mm 2 /N FeB 44k f yd = 374 N mm -2 Totale carichi sbalzo Totale carichi solaio FISSI (G k ) = 4,00 kn/m 2 FISSI (G k ) = 5,40 kn/m 2 ACCIDENTALI (Q k ) = 4,00 kn/m 2 ACCIDENTALI (Q k ) = 2,00 kn/m 2 FISSI (G d ) = 5,60 kn/m 2 FISSI (G d ) = 7,56 kn/m 2 ACCIDENTALI (Q d ) = 6,00 kn/m 2 ACCIDENTALI (Q d ) = 3,00 kn/m 2 q d = 11,60 kn/m 2 q d = 10,56 kn/m 2 Dimensionamento A sbalzo = 2,97 m 2 Q d_sbalzo = 34,45 kn dist baricentro = 0,88 m M sbalzo_max = 30,32 kn m A f = 5,63 cm 2 /m Diametro ferro = 12 F Numero di ferri = 7 - A effettiva = 7,91 cm 2 M R F = 85,23 kn m Calcolo armatura Si definisce l area dello sbalzo d angolo, il cui prodotto per il carico uniformemente distribuito qd restituisce la risultante Qd_sbalzo. Determinato il momento agente con la relazione:, si progetta l armatura. Si verifica a compressione la sezione resistente (verificando su h) tramite la formula approssimata: Verifica sezione resistente del calcestruzzo b fra pignatte = 0,90 m r = 0,872 mm 2 /N = Verifica su h d = 0,12 m Se la verifica non risultasse soddisfatta, si deve prevedere una sezione resistente più larga. 41

46 Dimensionamento degli Sbalzi 6. d utile_solaio = 20 cm L trave contarppeso = 1,37 m Q d_sbalzo = 34,45 kn R sol = 10,56 kn/m 2 b = 45 q t = 14,93 kn/m 2 M max = -8,30 kn m B trave contrappeso = 0,09 kn A f = 1,23 cm 2 Diametro ferro = 10 F Numero di ferri = 3 - A effettiva = 2,36 cm 2 Trave di contrappeso Trave di contrappeso La trave di contrappeso si considera semplicemente appoggiata agli estremi e caricata in mezzeria con la reazione Rsol. Si calcola il momento: Verifica a taglio della trave di contrappeso V max = 17,23 kn t Rd = 0,24 N/mm 2 k = 1,40 - A f_longitudinale res a trazione = 2,36 cm 2 /m b w = 150 mm rl = 0, V Rd1 = 2,53 kn s Passo staffe = 5 cm Con il quale si considera sollecitata l trave. In realtà sulla trave di contrappeso grava anche parte del solaio retrostante riducendo il momento provocato dallo sbalzo; a vantaggio di sicurezza non lo si considera. Noto il momento si verifica il calcestruzzo: essendo già fissata l altezza pari a quella del solaio (trave a spessore), si ricava la larghezza b della trave di contrappeso: Ponendo V max=v Rd1 (considerando cioè nullo il contributo di cls) Asw_(2 bracci) = 0,13 cm 2 Asw_(1 bracci) = 0,06 cm 2 Diametro ferro = 8 F Numero di ferri = 1 - A effettiva = 0,50 cm 2 Staffe assunte F8/5 Si calcola l armatura, che consiste in molle in numero dispari disposte simmetricamente rispetto alla diagonale e a raggiera a partire dall estremità della trave di contrappeso dove sono ancorate. E opportuno disporre in corrispondenza dello sbalzo d angolo una rete di ripartizione per sopperire ai problemi di cucitura dei vari elementi di solaio. 42

47 Foro FORO I fori nei solai (e anche nelle travi) si rendono necessari per una serie di motivi. Benché rappresentino un elemento di disturbo per la struttura, essi non hanno sempre una rilevanza tale da necessitare di rinforzi o interventi particolari. I fori che necessitano di interventi strutturali sono quelli di grosse dimensioni che intercettano uno o più travetti di solaio e che servono in genere per il passaggio di ascensori e montacarichi, provocando alle volte delle variazioni dello schema strutturale dell edificio. Non si hanno modifiche dello schema strutturale, come nel progetto in esame, quando il foro viene realizzato disponendo nella zona intorno ad esso quattro travi a spessore di base in modo da formare un telaio orizzontale atto ad assorbire tutte le sollecitazioni che la zona eliminata di solaio assorbiva lungo il suo contorno. L ipotesi che si fa è di considerare che le caratteristiche della sollecitazione corrispondenti allo schema originario di solaio siano ancora valide per la zona di solaio che contiene il foro, e pertanto si adopera per il calcolo il diagramma inviluppo dei momenti e dei tagli già determinati. Dimensionamento foro - fascia 2a - Travi trasversali Figura 29 Individuazione trave trasversale 43

48 Foro 7. Dati di INPUT Caratterisitiche geometriche del foro Caratterisitiche dei materiali H solaio = 22 cm Rck 25 g c_(peso) = 25 kn m -3 copriferro = 2 cm d utile = 20 cm g c_coeff sicurezza = 1,6 - L ortogonale solaio = 1,50 m f cd = 11,53 N mm -2 L parallelo_solaio = 1,50 m f ctk = 1,62 N mm -2 L= 1,90 m f ctd = 1,01 N mm -2 B trave trasversale = 0,50 m r = 0,658 mm 2 /N Semiasse trave a spessore = 0,25 m f ck = 20 N mm -2 Semiasse trave solaio = 0,15 m FeB 44k f yd = 374 N mm -2 Totale carichi Dimensionamento travi FISSI (G k ) = 5,40 kn/m 2 ACCIDENTALI (Q k ) = 2,00 kn/m 2 FISSI (G d ) = 7,56 kn/m 2 ACCIDENTALI (Q d ) = 3,00 kn/m 2 q d = 10,56 kn/m 2 Si considerano due tipologie di trave: travi t e p, (trasversali all orditura e parallele). Si assegnano le dimensioni delle travi di bordo foro (b=50) che verranno successivamente verificate. I carichi che andiamo a considerare sono quelle derivanti dai diagrammi di inviluppo. In particolare il taglio diventa carico verticale q per t e momento torcente T per t. Si considerino schema statico semplificato della zona di solaio interessata dal foro con le sollecitazioni relative al solaio stesso. Figura 30. Il foro Le travi parallele p sostituiscono i travetti interrotti dal foro e trasferiscono, attraverso le travi trasversali t, le sollecitazioni che a questi competevano alla restante parte dei travetti. I momenti flettenti distribuiti m 1 e m 2 inducono nelle travi t torsione, mentre i tagli t 1 e t 2 inducono flessione e taglio alla stregua di carichi distribuiti di intensità t 1 e t 2. Le reazioni agli estremi delle travi t vengono assorbite dalle travi p: le reazioni torcenti di t si trasformano in momenti flettenti concentrati ed i tagli in taglio e flessione. Benché per ipotesi venga trascurato il taglio, viene comunque prevista da normativa una armatura a taglio minima pari a 3 cm 2 /m e passo minimo 0,8 d. 44

49 Dimensionamento Progetto di un edificio in calcestruzzo armato in zona sismica Foro Dimensionamento travi trasversali t 7. Carichi q (carico verticale) = 10,97 kn / m T coppia torcente = 7,66 kn m / m Dati di progetto Il carico verticale q è il valore del taglio calcolato in corrispondenza dell asse della trae t, T è il momento flettente calcolato nella medesima sezione che diviene coppia torcente per le travi t. Sollecitazioni massime M flettente = 4,95 kn m V = 10,42 kn M torcente = 7,28 kn m Progetto/verifiche - Flessione Verifica del calcestruzzo Calcolo armatura d = 0,07 m A f = 0,74 cm 2 Diametro ferro = 8 F Numero di ferri = 2 - A effettiva = 1,00 cm 2 I ferri da calcolo vanno inseriti sia inferiormente che superiormente Si esegue il calcolo delle sollecitazioni massime: = 8 = 2 = 2 Si esegue una verifica della sezione resistente di calcestruzzo e quindi il progetto dell armatura. 45

50 Foro 7. Pr ogetto/verifiche - Torsione CALCOLO DEL MOMENTO TORCENTE MASSIMO Torsione Si calcola il T Rd1 come previsto da normativa: Dati d e = 0,18 m h s = 0,03 m B e = 0,08 m 2 u e = 0,23 m n = 0,42 - Verificando che sia: Verifica delle bielle di cls T Rd1 = 12,03 kn m Calcolo armatura a torsione (calcolo delle staffe a torsione) Diametro ferro = 8 F A sw_pe braccio = 0,50 cm 2 s passo staffe a torsione = 42,76 cm fissata A sw ci calcoliamo con formula inversa s Verifica delle staffe a torsione s passo staffe a torsione = 1 m A sw_complessiva = 1,17 cm 2 n_st/m = 1,17 - s passo staffe a torsione = 42,76 cm Imponendo il passo s=1m, si procede al calcolo dell'armatura complessiva ASW Da normativa: A st = 5,3 cm 2 /m s min_1 = 18,96 cm 3st/m = 3 - s min_2 = 33,17 cm s<0,8 d = 16 cm s min_3 = 16 cm s di progetto = 16 cm staffe F8/15 Calcolo Armatura longitudinale A = 0,27 m Diametro ferro = 8 F Numero di ferri = 3 - A effettiva = 1,51 cm 2 In presenza di torsione si deve disporre una barra longitudinale per spigolo e comunque, l'interasse tra le barre medesime non deve superare i35 cm 46

51 Foro 7. Progetto/verifiche - Taglio Verifica delle bielle di cls V ultimo_bielle = 345,90 kn Verifica sezione non armata t Rd = 0,24 N/mm 2 k = 1,40 - A f_longitudinale res a trazione = 1,51 cm 2 /m b w = 500 mm rl = 0, V Rd1 = 38,01 kn Essendo verificata, si dispone l'armatura minima previstadanormatva. Verifica taglio+torsione T Rd 1 = 12,03 kn m V Rd 2 = 217,92 kn (T sdu /T rdu )+(V sdu /V rdu ) = 0,65 - Essendo verificata nn si arma a torsione e taglio Dimensionamento foro - fascia 2a - Travi parallele Figura 31 Individuazione trave parallela 47

52 Foro 7. Dimensionamento Dati di progetto Geometria Carichi q (carico verticale) = 10,97 kn / m T coppia torcente = 7,66 kn m / m L pignatta = 0,4 m B trave emergente = 0,3 m B trave parallela = 0,5 m L' = 2,35 m q sol = 10,56 kn / m V max = 12,89 kn M t_max = 9,00 kn m Da diagramma Dimensionamento travi parallele p Per il dimensionamento delle travi p si fa riferimento ad uno schema equivalente di trave appoggiata - appoggiata (in cui gli appoggi sono le travi trasversali stesse), caricata mediante un carico uniformemente distribuito q, equivalente al carico indotto teoricamente dal solaio sostituito dal foro. Sollecitazioni massime M flettente = 13,77 kn m V = 22,92 kn 48

53 Foro 7. Progetto/verifiche - Flessione Verifica del calcestruzzo Calcolo armatura d = 0,11 m A f = 2,04 cm 2 Diametro ferro = 10 F Numero di ferri = 3 - A effettiva = 2,36 cm 2 L'armatura va inserita sia superiormente che inferiormente Verifica delle bielle di cls Progetto/verifiche - Taglio V ultimo_bielle = 345,90 kn Verifica sezione non armata t Rd = 0,24 N/mm 2 k = 1,40 - A f_longitudinale res a trazione = 2,36 cm 2 /m b w = 500 mm rl = 0, V Rd1 = 39,51 kn Essendo verificata, si dispone l'armatura minima prevista da normatva. 49

54 La Scala LA SCALA 8.1 Caratteri generali Il corpo scala rappresenta uno degli elementi di più complessa realizzazione sia in fase di progettazione e dimensionamento che esecutiva, per gli innumerevoli parametri di cui è necessario tenere conto. Da un punto di vista tipologico, si possono distinguere: scale a soletta rampante; scale con trave a ginocchio. La scala a soletta rampante può essere realizzata con pignatte di alleggerimento o con soletta piena, da cui il nome solettone; i pianerottoli sono in genere di spessore ridotto rispetto al solaio. Il vantaggio di siffatto schema è la minore incidenza in termini di rigidezza sulla struttura. La scala con trave a ginocchio è realizzata con solo cemento armato: nella quale vengono inseriti, con schema a mensola, i gradini sempre in c.a.. Nel progetto in esame, in cui la scala interessa la fascia 4 di solaio, sono stati sviluppati entrambe le tipologie a puro scopo esercitativo. L elemento che definisce la scala è il gradino, ovvero l alzata e la pedata, dopo vengono tutti gli elementi. In genere si fissa l alzata in funzione del dislivello dei piani da collegare, dello spazio disponibile per il vano scala e della tipologia che si vuole adottare; la pedata viene di conseguenza. Le relazioni classiche che legano le due grandezze sono le seguenti: = = La tendenza è quella di avere alzate basse ( = ) e pedate larghe ( = 30 ), per ragioni ergonomiche è consigliabile rispettare i seguenti limiti: In genere le rampe hanno tutte alzate e pedate uguali ai vari piani. 50

55 La Scala Calcolo delle scale Scala a soletta rampante La scala a soletta rampante presenta, rispetto alla scala con trave a ginocchio, dei vantaggi di tipo statico e tecnologico. Nello specifico: statico in quanto influenza in minor modo lo schema dei telai spaziali a maglie rettangolari di un normale edificio in cemento armato; tecnologico perché risulta molto più semplice per le maestranze una scala a solettone, piuttosto che una con travi a ginocchio. Una caratteristica della scala a soletta rampante, che comporta di notevoli benefici allo schema statico generale, è che i quattro pilastri, occorrenti per il sostegno della scala stessa, possono essere disposti anche all esterno del vano scala, realizzando delle campate più grandi, riducendo cosi la rigidezza della scala a favore di una più uniforme distribuzione delle rigidezze stesse. Figura 32 Vano scala Analisi dei carichi - RAMPA - 51

56 La Scala 8. Dati di INPUT Caratterisitiche geometriche dell a scala Caratterisitiche dei materiali - Fascia 1,20 x 1,00 - Rck 25 g c_(peso) = 25 kn m -3 2a+p = cm g c_coeff sicurezza = 1,6 - alzata = 16 cm f cd = 11,53 N mm -2 pedata = 30 cm f ctk = 1,62 N mm -2 angolo di inclinazione = 28 f ctd = 1,01 N mm -2 larghezza _rampa = 120 cm r = 0,658 mm 2 /N spessore soletta = 4 cm f ck = 20 N mm -2 13= 13 cm 14= 14 cm FeB 44k f yd = 374 N mm -2 altezza_solaio = 22 cm alttezza laterizio = 18 cm Laterizi (40x25) g (peso) = 7 kn m -3 larghezza laterizio = 40 cm Rck 25 allegerito g c_all_(peso) = 20 kn m -3 Dimensione marmo pedata = 35 cm Pavimento g pav_(peso) = 20 kn m -3 Dimensione marmo altezza = 13 cm Intonaco g int_(peso) = 16 kn m -3 spessore marmo = 3 cm Marmo g marmo_(peso) = 27 kn m -3 Lunghezza soletta_ gradino = 34 cm Spessore intonaco = 2 cm Spessore Massetto = 3 cm Analisi dei carichi Analisi dei carichi soletta = 1,20 kn/ml travetti = 1,80 kn/ml laterizi = 1,01 kn/ml G I k = 4,01 kn/ml G Ii k = 3,34 kn/m 2 di rampa G III k = 3,79 kn/m 2 in proiezione Carichi Si considera l asse della soletta rettilineo; si calcola il carico q equivalente: è un solaio ad asse inclinato, di conseguenza, per ottenere il carico a mq di proiezione in pianta, occorre dividere il carico valutato per il solaio inclinato per il coseno dell angolo di inclinazione della rampa. I gradini sono elementi portati e non strutturali, realizzati con cls alleggerito. gradini = 0,56 kn/m 2 marmo = 1,30 kn/ml intonaco = 0,36 kn/ml massetto = 0,92 kn/ml G IV k = 3,14 kn/ml Analisi dei carichi - PIANEROTTOLO - Carichi soletta = 1,20 kn/ml travetti = 1,80 kn/ml laterizi = 1,01 kn/ml G I k = 4,01 kn/ml G Ii k = 3,34 kn/m 2 di rampa marmo = 1,30 kn/ml intonaco = 0,36 kn/ml massetto = 0,92 kn/ml G IV k = 2,58 kn/ml 52

57 La Scala 8. F d =15,69 kn F d =15,69 kn 53

58 La Scala 8. Moltiplicando i momenti ottenuti dagli schemi limiti per la larghezza della rampa, si sono ottenuti momenti e tagli su di essa agenti. Calcolo Armatura Scala Dati di INPUT Calcolo Sollecitazioni M campata_metrolineare = 45,19 kn m M appoggio_metrolineare = 30,12 kn m larghezza _rampa = 120 cm d_solaio = 20 cm M campata_rampa = 54,23 kn m M appoggio_rampa = 36,14 kn m Calcolo delle sollecitazioni Nel calcolo ci si riferisce ad una larghezza di rampa 120 cm che contiene tre travetti ed altezza di solaio 20 cm. Eseguite le analisi dei carichi, si passa alla valutazione delle caratteristiche della sollecitazione: si individuano a tal fine due schemi limite di trave appoggiata e incastrata. Calcolo Armatura Armatura Inferiore A f,inf = 8,06 cm 2 A f,inf = 2,69 cm 2 x travetto Diametro ferro = 14 F Numero di ferri = 2 - A effettiva = 3,08 cm 2 A f,sup = 4,47 cm 2 Armatura Superiore A f,sup = 1,49 cm 2 x travetto Diametro ferro = 12 F Numero di ferri = 2 - A effettiva = 2,26 cm 2 54

59 La Scala Scala con trave a ginocchio e gradini a sbalzo La scala con trave a ginocchio influenza significativamente lo schema dei telai spaziali a maglie rettangolari di un normale edificio in cemento armato, prestandosi bene quando si intende concentrare una maggiore rigidezza in un punto ben definito dell organismo strutturale e quando si vogliano avere gradini e pianerottoli più snelli. Essa è costituita da diversi elementi : 1. gradini; 2. trave a ginocchio; 3. pianerottoli; 4. travi di testata. Pianerottolo di arrivo Pianerottolo di riposo Gradino Trave di piano Trave a ginocchio Trave di testata Figura 33 Scala con trave a ginocchio e gradini a sbalzo 55

60 La Scala 8. Analisi dei carichi - SCALA A GINOCCHIO Dati di INPUT Analisi dei carichi 56

61 La Scala I gradini Estrapolando dalla rampa l elemento gradino isolato e considerando il carico verticale F su di esso agente, si può osservare che la sezione è soggetta a flessione deviata. Moncone p Molla M F Ripartitori a x Staffe S x Figura 34 a) Stato tensionale; b) Armatura gradino Da una analisi di tipo qualitativo, si evince che l asse neutro tende a disporsi parallelamente alla rampa e la sezione reagente per ogni gradino tende a diventare simile ad una sezione a T rovescia di base B d altezza utile d. Per poter definire il modello di calcolo si fa l ulteriore approssimazione circa la componente dei carichi verticali parallela alla rampa: si ipotizza che essa sia assorbita dalla soletta inferiore,per cui rimane da considerare la sola componente normale. s x B x B d B Figura 35 Sezione reagente composta da tre gradini 57

62 La Scala 8. Verifica / Progetto degli elementi strutturali - GRADINI - Si esegue il calcolo a flessione semplice di una trave a mensola di sezione rettangolare, di base B ed altezza utile d, applicando per la verifica del cls ed il progetto delle armature, le seguenti formule: verifica progetto 58

63 La Scala Trave a ginocchio Le rampe e i pianerottoli si vanno a collegare alle travi a ginocchio, collegate a loro volta ai pilastri. Queste rappresentano un elemento di disturbo nel semplice organismo strutturale di telaio a maglie rettangolari, concentrando una maggiore rigidezza in un determinato punto. Per la progettazione della trave a ginocchio si ricorre ad ipotesi semplificative. Come prima ipotesi si considera la trave linearizzata, soggetta alle sollecitazioni di flessione e taglio, provocate dai carichi verticali, e di torsione, provocate dai gradini a sbalzo e dai pianerottoli. Dimensionamento - TRAVE A GINOCCHIO Analisi dei Carichi - TRAVE A GINOCCHIO Larghezza rampa = 120 cm Lunghezza rampa = 270 cm Lunghezza pianerottolo_piano = 120 cm Lunghezza pianerottolo_riposo = 90 cm Larghezza campata = 290 cm Lunghezza campata = 480 cm Larghezza trave = 30 cm mensola gradino = 135 cm Caratterisitiche Geometriche Carichi totali I carichi da considerare sono quelli relativi alle rampe ed ai pianerottoli, più il tamponamento. Pianerottoli Zone Pianerottoli Carichi Totali Zona Gradini G K * = 5,67 kn/ml Q K * = 5,80 kn/ml F' d = 16,63 kn/m Zona gradini G K * = 8,09 kn/ml Tamponature Q K * = 5,40 kn/ml F'' d = 19,43 kn/m Tamponature G K * = 7 kn/ml F''' d = 9,80 kn/m Si individuano le tre risultanti Fd, Fd, Fd, ottenute sommando carichi fissi ed accidentali opportunamente amplificati con i coefficienti previsti da normativa. Inoltre andrebbe considerato ilpesopropriodella trave 59

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

SOLAI SOLAI RIFERIMENTO NORMATIVA D.M. 14.02.1992 CAPITOLO 7 Art.7.0 CLASSIFICAZIONE SOLAI PIENI IN C.A. o C.A.P. PER QUESTO TIPO DI STRUTTURE VALGONO TOTALMENTE LE INDICAZIONI STRUTTURALI E DI CALCOLO

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli

SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO

SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO Tipologie correnti di scale Progetto di gradini portanti Progetto della trave a ginocchio Esecutivi: piante,

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE A/A 2008-2009 SCALE IN CEMENTO

FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE A/A 2008-2009 SCALE IN CEMENTO A/A 2008-2009 PROGETTO DI SCALE IN CEMENTO ARMATO A/A 2008-2009 CONTENUTO LEZIONE Generalità sulle scale e tipologie Scala con trave a ginocchio modellazione e calcolo sollecitazioni Progetto dei gradini

Dettagli

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento Analisi dei carichi permanenti Sovraccarichi variabili Combinazioni di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile Solaio Dott. Ing. Simone Beccarini Email: sbeccarini@hotmail.it INDICE: Il solaio: generalità Tipologie di solai Il solaio latero-cementizio:

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text ARGOMENTI: MATERIALI E PRODOTTI DA COSTRUZIONE TIPOLOGIE STRUTTURALI E DETTAGLI COSTRUTTIVI AZIONI SULLE COSTRUZIONI RISPOSTA SISMICA E CRITERI DI PROGETTAZIONE BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE

Dettagli

Progetto delle armature longitudinali del solaio

Progetto delle armature longitudinali del solaio prof. Renato Giannini Progetto delle armature longitudinali del solaio (arch. Lorena Sguerri) orrezioni del diagramma di momento flettente Prescrizioni di normativa specifiche per il solaio Progetto delle

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI LE FONDAZIONI Generalità sulle fondazioni Fondazioni dirette Plinti isolati Trave rovescia Esecutivi di strutture di fondazione Generalità Le opere di fondazione hanno il compito di trasferire le sollecitazioni

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI Il solaio a travetti tralicciati, noto anche come solaio bausta, è costituito da travetti tralicciati e da elementi di alleggerimento in laterizio. I travetti

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo 6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo Si supponga di volere determinare lo schema di carico per il calcolo all SLV delle sollecitazioni in direzione del telaio riportato nella Pfigura 1, con ordinata

Dettagli

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i.

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i. Ingegnere BIAGIO D AMATO E03b Via I.Lodato, 9 84025 Eboli (SA) tel 339.2183301 fax 0828.330614 biagiodamato@tiscali.it LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA Liceo Scientifico Statale

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri (arch. Lorena Sguerri) Prescrizioni di normativa per le armature dei pilastri La normativa (D.M. 09/01/96, par.5.3.4) fornisce

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

Progetto agli stati limite di un edificio con struttura mista, muratura e c.a.

Progetto agli stati limite di un edificio con struttura mista, muratura e c.a. Progetto agli stati limite di un edificio con struttura mista, muratura e c.a. 1 Caso studio Si vogliono eseguire degli interventi di ristrutturazione di un edificio esistente adibito a civile abitazione

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE Il Responsabile Scientifico Dott. Ing. Fausto Mistretta Il

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1 Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1) CARATTERISTICHE DEL CODICE Titolo programma : CAP3 - Travi precompresse ad armatura pretesa, Metodo agli stati limite. Autore : ing.

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V AGGIORNAMENTO 22/09/2012 DOMINIO DI RESISTENZA Prendiamo in considerazione la trave rettangolare

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì ANALISI DEI CARICHI AGGIORNAMENTO 25/11/2011

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì ANALISI DEI CARICHI AGGIORNAMENTO 25/11/2011 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì ANALISI DEI CARICHI AGGIORNAMENTO 25/11/2011 1 Muratura di mattoni pieni a una testa (15.5 cm) 2.85 Intonaco esterno in malta

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria.

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. Politecnico di Torino Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. III parte Pag. 1 Le componenti dell azione sismica devono essere considerate come agenti simultaneamente,

Dettagli

www.didatticaonline.altervista.org RELAZIONE DI CALCOLO DI UNA SCALA IN C.C.A. CON TRAVI A GINOCCHIO

www.didatticaonline.altervista.org RELAZIONE DI CALCOLO DI UNA SCALA IN C.C.A. CON TRAVI A GINOCCHIO RELAZIONE DI CALCOLO DI UNA SCALA IN C.C.A. CON TRAVI A GINOCCHIO La scala oggetto della presente relazione è stata calcolata tenendo conto delle norme vigenti (D.. 9 Gennaio 1996, D.. 16 Gennaio 1996).

Dettagli

L ingombro ed il numero delle corsie si calcola attraverso lo schema e la tabella riportata a seguito.

L ingombro ed il numero delle corsie si calcola attraverso lo schema e la tabella riportata a seguito. 4.2 IL COLLAUDO STATICO DEI PONTI 4.2.1 Ponti stradali Per i ponti stradali le norme per l effettuazione del collaudo statico sono contenute nel D.M. LL. PP. del 4 maggio 1990 Aggiornamento delle norme

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

Analisi dei carichi NNT 2008

Analisi dei carichi NNT 2008 Analisi dei carichi NNT 2008 2/25 Caso di studio Il caso di studio è rappresentato da un edificio di 2 piani, con altezza di interpiano pari a 3m, destinato a civile abitazione. 4.6m 5.2m 5.4m 1.5m 5.0m

Dettagli

MODULO GRAT PROCEDURA TRASFXY TEST CASES

MODULO GRAT PROCEDURA TRASFXY TEST CASES TC GRAT/TrasfXY 1 MODULO GRAT PROCEDURA TRASFXY TEST CASES 1 TC TRASFXY 1 - Graticcio a 17 aste carico nel perimetro aste ripartizione in direz. Y Trave 1 Trave 2 Trave 3 Traverso 1 Traverso 2 Traverso

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI ARCHITETTONICO NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI STRUTTURALE Pagina 1 di 9 Sommario SOLUZIONE TIPO :... 3 VANTAGGI RISPETTO AL SISTEMA USUALE DI CAPANNONI PREFABBRICATI :... 6 SCELTA TIPOLOGIA

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 3 Indice Parte I Schema generale 4 1 Richiamo... normativa 8 Parte II Tipologie di analisi 10 4 1 Enter the help project title here Schema generale Premessa

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento di travi e pilastri

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento di travi e pilastri prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento di travi e pilastri (arch. Lorena Sguerri) Il Telaio 1.80 4.00 2.40 3.00 3.25 Dato lo schema di un telaio come quello in figura,

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CONSOLIDAMENTO DI SOLAI IN LEGNO (1) Chiodi in numero eccessivo ed allineati: soluzione scorretta. Tavole connesse

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

Le caratteristiche geometriche e fisico-meccaniche delle varie tipologie di solai secondo la nuova normativa (D.M. 14/01/2008)

Le caratteristiche geometriche e fisico-meccaniche delle varie tipologie di solai secondo la nuova normativa (D.M. 14/01/2008) LE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE E FISICO-MECCANICHE DELLE VARIE TIPOLOGIE DI SOLAI SECONDO LA NUOVA NORMATIVA (D.M. 14/01/2008) Vincenzo Bacco Il passaggio da norme tecniche di concezione prescrittiva (di

Dettagli

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A"

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO A VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A" 1 VERIFICA PIASTRA FONDALE...3 VERIFICA RESTANTI OPERE IN C.A...9 VERIFICHE SLE...11 2 VERIFICA PIASTRA FONDALE Verifica a flessione Stati limiti La piastra fondale presenta

Dettagli

Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001

Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001 Le scale Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001 L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI 1) CREARE UN FILE.DXF IN AUTOCAD NEL QUALE VENGONO RIPORTATE LE PIANTE DEI VARI PIANI DELL EDIFICIO DA ANALIZZARE. RISULTA CONVENIENTE

Dettagli

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml.

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml. CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC,00 X,00 ml. SIXTEMA S.r.l. Loc. Mezzano Passone, 11 6846 Corno Giovine (LO) Italy tel-fax +39 0377 69370 r.a. info@sixtema-line.com sixtema-line.com 1) PREMESSE:

Dettagli

CALCOLI ESECUTIVI DELLE STRUTTURE

CALCOLI ESECUTIVI DELLE STRUTTURE OGGETTO LOCALITA' OPERE DI BONIFICA COPERTURA IN CEMENTO AMIANTO CAPANNONE AUTORIMESSA E OFFICINA Località "Palombare", Via Del Commercio 27 Ancona PROGETTISTA Dott. Ing. LUCA MOSCA ELABORATO PROGETTO

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

Istruzioni per l uso dei programmi MomCad, TraveCon, TraveFon

Istruzioni per l uso dei programmi MomCad, TraveCon, TraveFon Istruzioni per l uso dei programmi MomCad, TraveCon, TraveFon I tre programmi sono utility generali preparate appositamente per gli studenti (ma che potrebbero essere utili anche per professionisti). MomCad

Dettagli

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 RELAZIONE SISMICA INDICE 1 Introduzione 3 Quadro normativo di riferimento 4 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 3.1 Valutazione pericolosità sismica 5 3. Valutazione tempo di ritorno Tr 6 3..1 Periodo

Dettagli

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO Le scale L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture portanti

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

- Manuale d uso, contenente le indicazioni per il corretto uso e la conservazione del bene in oggetto;

- Manuale d uso, contenente le indicazioni per il corretto uso e la conservazione del bene in oggetto; piano di manutenzione Committente: COMUNE DI CASALE MONFERRATO (AL) Oggetto: LAVORI DI AMPLIAMENTO DEL PALAZZETTO DELLO SPORT (adeguamento alle norme vigenti in materia di sicurezza ed igiene ai fini dell

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO Si dimensioni un pilastro nelle tre diverse tecnologie: legno, acciaio e cemento armato. Osservando una generica pianta di carpenteria, il pilastro centrale sarà quello maggiormente

Dettagli

CALCOLO DI PARAPETTO ARENA 2,00 X 4,00 ml.

CALCOLO DI PARAPETTO ARENA 2,00 X 4,00 ml. CALCOLO DI PARAPETTO ARENA 2,00 X 4,00 ml. SIXTEMA S.r.l. Loc. Mezzano Passone, 11 26846 Corno Giovine (LO) Italy tel-fax +39 0377 69370 r.a. info@sixtema-line.com sixtema-line.com 1) PREMESSE: La presente

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 1 Interventi di riabilitazione di edifici esistenti in muratura in zona sismica.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI 3 PROF. MODENA ING. PIPINATO COSTRUZIONE EX NOVO DI UN CONDOMINIO

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte seconda

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte seconda parte seconda VOLTA A CROCIERA LE VOLTE abaco LE VOLTE a struttura muraria a botte volta a botte retta volta a botte lunettata a filari longitudinali a filari trasversali geometria, apparecchiature costruttive

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 IL PROGETTO STRUTTURALE...2 3.1 I criteri di progettazione...2 3.2 L organismo strutturale...3 3.3 Le strutture di fondazione...3

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 374/003) POTENZA, 004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Dott. Ing.. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE DI CALCOLO Istituto Scolastico Barbarigo Castello 6432/A Venezia Installazione di piattaforma elevatrice Progetto esecutivo per strutture di fondazione RELAZIONE DI CALCOLO Committente Provincia di Venezia Dipartimento

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN)

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) SALA C SALA A SALA B Ing. FRANCESCO POTENZA Ing. UBERTO DI SABATINO 1 1. PREESSA La presente relazione illustra i risultati

Dettagli

Collegamenti nelle strutture

Collegamenti nelle strutture 1 Collegamenti nelle strutture Le tipologie delle unioni bullonate o saldate sono molteplici e dipendono essenzialmente da: caratteristiche dell unione: nell ambito di quelle bullonate si possono avere

Dettagli